Agosto 2022

(18 ago 22) CORRIDOIO DI LACHIN – Un consigliere dell’ambasciata russa a Yerevan, Maksim Seleznyev, ha dichiarato che le forze di pace non si muoveranno dal corridoio di Lachin fin tanto che non sarà operativa la nuova strada alternativa. La sezione armena della strada, nonostante le pressioni armene, dovrebbe essere completata nel prossimo mese di maggio.

(17 ago 22) ANNEGAMENTO – Un sedicenne di Gishi (Martuni) è annegato oggi per cause sconosciute in un bacino d’acqua presso la sua comunità.

(16 ago 22) LUTTO NAZIONALE – Anche la repubblica di Artsakh ha decretato per il 17 e 18 due giorni di lutto nazionale per le vittime dell’esplosione avvenuta al mercato di Sumarlu nella capitale dell’Armenia, Yerevan.

(13 ago 22) SFOLLATI – A seguito della guerra del 2020, in Artsakh 42.000 persone sono state sfollate dalle proprie abitazioni. Di queste 16.000 continuano a vivere nello Stato sia pure in altro luogo mentre 26.000 si sono stabilite in Armenia.

(13 ago 22) IL PRESIDENTE A CHARTAR – Il presidente della repubblica Harutyunyan ha visitato oggi l’insediamento di Chartar nella regione di Martuni. Incontrando la comunità locale il Capo dello Stato ha dichiarato che “le azioni provocatorie che regolarmente vengono provocate mirano a de-armenizzare l’Artsakh, svalutando sia la già fragile pace stabilita dalla dichiarazione trilaterale, sia la missione del contingente di peacekeeping russo che ha assunto la funzione di mantenere quella pace.” Ha inoltre aggiunto che “è necessario essere pazienti e non deviare dal percorso di indipendenza dell’Artsakh e che le autorità di quest’ultimo continueranno a compiere tutti gli sforzi possibili per risolvere i problemi di sicurezza esistenti, garantendo il condizioni di vita necessarie per una vita prospera e per garantire un futuro stabile.”

(13 ago 22) RIMOZIONE MONUMENTI – Il viceministro dell’istruzione, della scienza, della cultura e dello sport di Artsakh, Lernik Hovhannisyan, ha informato che la rimozione dei monumenti culturali armeni dagli insediamenti di Berdzor, Aghavno e ​​Sus, che saranno consegnati al controllo dell’Azerbaigian il 25 agosto, sarà completata nella prossima settimana. Secondo il viceministro, i monumenti armeni e le pietre crociate nelle suddette comunità sono stati spostati nella capitale dell’Artsakh Stepanakert, c’è già un accordo con la Diocesi di Artsakh della Chiesa Apostolica Armena che alcuni di essi saranno collocati nel parco in costruzione presso la chiesa di S. Hovhannes (S. Giovanni) a Stepanakert, e le altre, nell’area adiacente alla chiesa di S. Hakob (san Giacomo). Anche biblioteche e reperti museali saranno rimossi.

(13 ago 22) BABAYAN RISPONDE AD ALIYEV – Il ministro degli Esteri dell’Artsakh, Davot Babayan, ha risposto sui social alle dichiarazioni del presidente azero. Ironicamente ha dichiarato che “prima di tutto, voglio ringraziare Aliyev per la sua sincerità. In effetti, né l’Azerbaigian né la sua leadership hanno mai ingannato o ingannato i loro piani per l’Artsakh“. Ha poi aggiunto che mai il Karabakh potrà mai far parte dell’Azerbaigian: “per lo stesso Artsakh, qualsiasi status all’interno dell’Azerbaigian è inaccettabile. Come potrebbero gli ebrei avere un qualche tipo di status amministrativo-territoriale all’interno della Germania nazista?

(12 ago 22) DICHIARAZIONI DI ALIYEV – Il presidente dell’Azerbaigian in un’intervista ha dichiarato che all’interno dell’Azerbaigian gli armeni che vivono a Karabagh non avrebbero né status, né indipendenza, né alcun privilegio speciale.

(12 ago 22) SINDACO DI STEPANAKERT – Parlando con la stampa oggi il sindaco di Stepanakert, David Sargsyan, ha dichiarato che da qualche tempo non ci sono più problemi con gas, acqua ed elettricità. Ha detto che non può fornire il numero esatto di cittadini che si sono stabiliti a Stepanakert dopo la guerra di 44 giorni, ma che ce ne sono molti. Secondo Sarkisian, la strada alternativa al corridoio di Lachin, che è in costruzione, non crea disagi ai residenti di Artsakh. “Sono pronti per i disagi. Le persone dell’Artsakh sono pronte a superare 4-5 km. Il governo sta lavorando sulla strada e l’umore della gente del Karabakh è molto buono. Sono saldamente sulla loro terra dopo la guerra. Il i costruttori stanno lavorando, in breve tempo ci sarà una strada normale“, ha aggiunto.

(12 ago 22) BERDOZOR, AGHAVNO E SUS – I residenti delle comunità Berdzor, Aghavno e ​​Sus di Artsakh, che sono costretti a lasciare le loro case, possono presentare ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) contro il proprio governo o chiedere un risarcimento. Lo ha detto Alvina Gylumyan, ex giudice della Corte costituzionale dell’Armenia, durante una discussione tenutasi oggi.

(12 ago 22) GRAVE INCIDENTE STRADALE – Questa mattina, intorno alle 8,45, un veicolo delle forze di pace russe e un fuoristrada condotto da un residente dfi Sarushen si sono violentemente scontrati a un incrocio. Quattro donne (due sorelle) che erano sul veicolo privato sono decedute sul colpo mentre il conducente è rimasto ferito. Dai primi rileivi sembra che il fuoristrada viaggiasse a elevata velocità.

(12 ago 22) STRADA ALTERNATIVA – Le persone dovranno percorrere la sezione di 4,5 km dell’autostrada alternativa del corridoio di Lachin (Berdzor) sul lato armeno su una strada sterrata fino alla primavera, fino a quando la parte armena non avrà terminato la sua costruzione. Mher Hambardzumyan, capo del dipartimento per la politica delle costruzioni stradali del Ministero dello sviluppo urbano di Artsakh, ha dichiarato alla TV pubblica di Artsakh che sebbene la suddetta sezione sia ora una strada sterrata, sarà percorribile per qualsiasi tipo di veicolo. L’Agenzia statale delle strade automobilistiche dell’Azerbaigian ha annunciato giovedì che la costruzione della nuova autostrada che collega l’Armenia alla capitale dell’Artsakh Stepanakert è stata completata sul lato azerbaigiano. E’ stato costruito anche un ponte lungo 149,5 m e largo 13,5 m. La lunghezza totale di questa autostrada è di 32 chilometri, di cui 10 chilometri nel territorio dell’Armenia. L’Azerbaigian aveva iniziato la costruzione della sua sezione nel luglio 2021 e ne aveva annunciato il completamento un anno dopo. L’autostrada alternativa di nuova costruzione sarà larga più di 11 metri e lunga 21 metri. Sul versante armeno, le macchine movimento terra hanno iniziato a funzionare da pochi giorni. Nei giorni scorsi, il Segretario del Consiglio di sicurezza dell’Artsakh, Vitaly Balasanyan, aveva viaggiato sulla nuova rotta e aveva conosciuto la costruzione della nuova autostrada.

(11 ago 22) SCOMPARSI IN GUERRA – A seguito dei 44 giorni di guerra, 303 persone provenienti dall’Armenia sono risultate disperse. Lo ha dichiarato il servizio stampa della Delegazione armena del Comitato Internazionale della Croce Rossa.

(10 ago 22) SMOBILITAZIONE – Il presidente della repubblica ha firmato il decreto di smobilitazione dei cittadini che lo scorso 3 agosto, in coincidenza con l’attacco azero, erano stati chiamati a una mobilitazione parziale.

(10 ago 22) DRONI AZERI – Nella notte, tre droni azeri da ricognizione hanno sorvolato gli insediamenti di Karmir Shuka e Taghavard.

(10 ago 22) SITUAZIONE AD AGHAVNO – Secondo fonti sul posto, i residenti non hanno abbandonato il villaggio e sarebbero intenzionati a rimanere a presidiare le loro case. Smentita anche la partenza dell’unità delle forze di pace russe che sarebbe ancora presente sul posto.

(9 ago 22) CORRIDOIO DEL SYUNIK – L’Azerbaigian ha un’alternativa per comunicare con Nakhchivan attraverso l’Iran attraverso il fiume Araks, aggirando l’Armenia, ha detto ai media turchi il ministro degli Esteri dell’Azerbaigian Ceyhun Bayramov. Ha osservato che l’Azerbaigian ha iniziato la costruzione del primo ponte sul fiume Araks in conformità con un accordo con l’Iran. In tal modo, l’Azerbaigian ha un’alternativa per connettersi con Nakhchivan attraverso l’Iran attraverso il fiume Araks, aggirando l’Armenia. “Questo sarà implementato, che l’Armenia lo voglia o meno. Questa è un’opportunità per l’Armenia di non essere esclusa dai progetti di sviluppo regionale. Prenderà la propria decisione. Se Yerevan non prenderà la decisione giusta, farà di più danno a se stessa“, ha aggiunto Bayramov.

(9 ago 22) CESSIONE DI BERDZOR – Secondo un quotidiano armeno (Aravot), il Segretario del Consiglio di sicurezza dell’Artsakh, Vitaly Balasanyan, avrebbe ieri visitato la cittadina accompagnato da funzionari azeri ai quali avrebbe mostrato le case che verranno consegnate a loro. Non sono arrivate nè conferme nè smentite alla notizia. Secondo il giornale, alcuni cittadini avrebbero protestato con il generale.

(9 ago 22) PRIGIONIERI DI GUERRA – L’ambasciatore Karapetyan ha affermato in un’intervista alla tv ucraina che l’Azerbaigian conferma di tenere in cattività 38 militari armeni, mentre l’Armenia ritiene che altri 26 militari debbano essere nel numero dei prigionieri. Ha sottolineato che c’è un accordo al più alto livello che lo scambio di prigionieri deve avvenire “tutti per tutti”. La parte armena ha consegnato tutti i prigionieri, anche i criminali condannati che stavano scontando pene detentive per reati non correlati, compreso l’omicidio. La parte armena ha documenti e prove video, oltre alle testimonianze di ex prigionieri di guerra che sono già tornati in Armenia, che dimostrano che l’Azerbaigian tiene prigionieri altri 26 militari oltre ai 38. Karapetyan ha aggiunto che l’Azerbaigian ha rilasciato alcuni dei militari armeni in cambio delle mappe dei campi minati. “In segno di buona volontà, la dirigenza armena ha consegnato le mappe dei campi minati che erano in nostro possesso dagli anni ’90, dagli anni della prima guerra del Nagorno Karabakh“, ha affermato l’ambasciatore. L’ambasciatore Karapetyan ha affermato che le mappe dei campi minati trasferite hanno ridotto significativamente gli incidenti mortali legati alle mine. “Nonostante il fatto che l’Azerbaigian si sia lamentato pubblicamente e in modo numeroso dell’accuratezza di queste mappe, dopo che gliele abbiamo fornite il numero di esplosioni è diminuito in modo significativo e si sono verificati solo uno o due incidenti mortali. Le nostre mappe sono molto accurate, ma bisogna tenere conto del tempo trascorso”.

(8 ago 22) FERITI DUE SOLDATI – I militari a contratto dell’esercito di difesa dell’Artsakh Gurgen Danielyan e Artur Arushanyan sono rimasti seriamente feriti per “non aver aderito alle regole di sicurezza e aver violato i regolamenti sull’uso delle armi” secondo quanto ha riferito l’Esercito di difesa dell’Artsakh.

(8 ago 22) PROTESTA SFOLLATI – Un gruppo di sfollati di Hadrut e Shushi ha inscenato una manifestazione di protesta nei pressi dell’amasciata USA a Yerevan e hanno preparato una lettera per l’ambasciatore Tracy. I manifestanti hanno altresì chiesto ai Paesi copresidenti del Gruppo OSCE di Minsk di adempiere agli obblighi che hanno assunto per risolvere il conflitto del Karabakh.

(8 ago 22) AGHAVNO – 56 residenti del villaggio Artsakh di Aghavno hanno fatto appello ai Copresidenti del Gruppo OSCE di Minsk – Francia e Stati Uniti – chiededendo il loro l’intervento attivo e immediato e la loro mediazione per portare il villaggio di Aghavno nella zona del nuovo corridoio (che si trova a soli 1200 metri dal nuovo corridoio) e per evitare una catastrofe umanitaria. Chiedono inoltre che le autorità dell’Armenia e dell’Artsakh prendano immediatamente tutte le misure per includere il villaggio di Aghavno nel nuovo corridoio di Kornidzor.

(8 ago 22) BERDZOR – L’Azerbaigian ha sviluppato un progetto per trasformare la chiesa di Surb Hambardzum a Berdzor (edificata negli anni Novanta) in una moschea secondo quanto riferisce Hovik Avanesov, capo del Centro per gli studi caucasici dell’Università di Stepanakert. Ha detto che anche l’organizzazione azerbaigiana “Public Association for Monument Protection” ha pubblicato una foto del progetto che prevede che le cupole e il campanile vengano smantellati e sostituiti con due minareti. Il progetto sarebbe stato approvato per ordine del presidente azerbaigiano Aliyev. “Aliyev ha dato un tale ordine quando era in un’altra visita illegale nella regione occupata di Hadrut. Il loro obiettivo principale è eliminare il patrimonio culturale armeno in tutti gli insediamenti armeni occupati. Chiese e le istituzioni di valore culturale costruite nel periodo dell’indipendenza, che non possono essere albanizzate, vengono trasformate in moschee o altre strutture per ordine di Aliyev“, ha affermato il capo del Centro.

(7 ago) VIOLAZIONI AZERE – Il ministero della Difesa dell’Artsakh comunica che nelle notte vi sono state sporadiche violazioni azere in alcune aree. La situazione rimane sostanzialmente stabile. Giunge notizia dall’Armenia che nei pressi di Sotk un soldato di yerevan è stato leggermente ferito da un cecchino azero.

(5 ago 22) BERDZOR E AGHAVNO – Il ministro del Territorio e delle Infrastrutture di Artsakh Hayk Khanumyan ha concesso ai residenti di Aghavno e Berdzor fino al 25 agosto per lasciare le loro case secondo quanto ha riferito oggi il capo del villaggio di Aghavno Andranik Chavushyan. I residenti non voglio andarsene e chiedono armi per resistere. Cittadini di Berdzor hanno bloccato la statale Goris-Stepanakert chiedendo che la città rimanga nella repubblica dell’Artsakh.

(5 ago 22) ARMENIA E AZERBAIGIAN – Nel novembre 2021, il premier armeno Nikol Pashinyan ha incaricato il Ministero della Difesa di utilizzare attivamente la comunicazione diretta con l’Azerbaigian. Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha parlato anche dell’instaurazione di un collegamento diretto tra i ministri della Difesa di Armenia e Azerbaigian quando ha ricevuto Ilham Aliyev e Nikol Pashinyan alla fine dello scorso anno. L’attuale capo del dipartimento della difesa, Suren Papikyan, ha assunto la carica di ministro il 15 novembre 2021. L’addetto stampa del ministero della Difesa armeno Aram Torosyan, in risposta a una richiesta della stampa, ha dichiarato: “Il collegamento diretto stabilito tra i ministri della Difesa di Armenia e Azerbaigian non funziona da diversi mesi”.

(5 ago 22) SITUAZIONE SUL CAMPO – La situazione sulla linea di contatto tra l’Artsakh e l’Azerbaigian è rimasta relativamente stabile nella notte del 5 agosto e alle 9 del mattino. Secondo il servizio stampa dell’Esercito di difesa dell’Artsakh in generale, le tensioni persistono. In alcune aree, le unità azere hanno violato il regime di cessate il fuoco utilizzando armi leggere. Non ci sono perdite da parte armena. Diversi feriti nei giorni scorsi sono stati dimessi dall’ospedale. La condizione di tre resta critica, la condizione di un altro è estremamente critica, con qualche dinamica positiva. Continuano i lavori per stabilizzare la situazione attraverso la mediazione del contingente di peacekeeping russo.

(4 ago 22) UNIONE EUROPEA – Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel è in stretto contatto con i leader armeni e azeri per l’ultima escalation nella zona di conflitto del Karabakh. Michel ha già parlato con il primo ministro armeno Nikol Pashinian e presto parlerà con il presidente azero Ilham Aliyev,

(4 ago 22) SITUAZIONE SUL CAMPO – Alle 19 (ora locale) la situazione operativa e tattica sulla linea di contatto è relativamente stabile. Secondo il quartier generale delle informazioni di Artsakh, durante la giornata non sono state registrate violazioni significative. Le forze di pace russe dispiegate nell’Artsakh stanno adottando continue misure per ridurre l’escalation della situazione attraverso la mediazione del comando delle forze di pace russe.

(4 agosto 22) FORZE DI PACE RUSSE – Il comandante del contingente di mantenimento della pace russo, il generale Andrey Volkov, ha incontrato i rappresentanti delle forze pubbliche e di opposizione di Artsakh. “Durante l’incontro il maggiore generale Andrey Volkov ha chiarito la posizione del contingente di mantenimento della pace in merito agli eventi in corso, informato del lavoro svolto e ha anche assicurato che la Federazione Russa avrebbe adottato tutte le misure per prevenire un ulteriore aggravamento della situazione” si legge in una nota rilasciata dal Comando.

(4 ago 22) CONSIGLIO SICUREZZA RUSSO – Il presidente della Russia Vladimir Putin ha discusso della situazione in Nagorno Karabakh con i membri del Consiglio di sicurezza secondo quanto ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. Peskov ha altresì dichiarato che l’escalation del conflitto in NK è stata discussa. “È stata sottolineata l’elevata necessità di attuare tutte le disposizioni dell’accordo trilaterale“, ha aggiunto.

(4 ago 22) ASSEMBLEA NAZIONALE – Le cinque forze politiche rappresentate nell’Assemblea nazionale dell’Artsakh hanno rilasciato una dichiarazione congiunta. QUI IL TESTO

(4 ago 22) CONDIZIONE FERITI – Le condizioni di 4 dei 19 militari feriti ieri in Artsakh sono valutate come critiche mentre le condizioni di uno sono valutate come estremamente critiche secondo quanto ha riferito l’esercito di difesa di Artsakh. Le condizioni del resto dei feriti sono soddisfacenti.

(4 ago 22) BABAYAN SU SITUAZIONE – Ci sono tendenze verso la stabilizzazione, ha detto il ministro degli Esteri dell’Artsakh David Babayan parlando della situazione nella zona delle operazioni militari aggressive dell’Azerbaigian sulla linea di contatto con l’Artsakh. “In generale, la situazione è più stabile rispetto agli ultimi giorni. Speriamo che la situazione si stabilizzi finalmente“, ha osservato il ministro degli Esteri. Le unità azere, violando gravemente il regime di cessate il fuoco, hanno sparato contro le postazioni di combattimento dell’esercito di difesa e il luogo di dispiegamento permanente di una delle unità militari. Oltre alle armi leggere di vario calibro, il nemico ha usato anche mortai, lanciagranate e droni d’attacco, a seguito dei quali i militari a contratto Gurgen Gabrielyan e Artur Khachatryan sono stati feriti a morte. Secondo gli ultimi dati, 19 militari hanno riportato ferite di varia gravità. L’obiettivo della prossima aggressione dell’Azerbaigian secondo Babayan è quello di prendere posizioni vantaggiose nell’area del corridoio di Berdzor (Lachin).

(3 ago 22) COMUNICATO OSCE – La Presidenza polacca dell’OSCE ha espresso preoccupazione per l’escalation della situazione nell’Artsakh. “Siamo estremamente preoccupati per gli incidenti armati e le vittime segnalati nel Caucaso meridionale. Esortiamo l’Armenia e l’Azerbaigian ad adottare tutte le misure necessarie per ridurre l’escalation e riprendere il dialogo. Rimaniamo impegnati a sostenere tutti gli sforzi volti a consolidare la pace nella regione“, ha twittato la Presidenza omettendo di citare il Nagorno Karabakh e ponendo le parti su un piano di pari responsabilità nonostante sia evidente la matrice azera dell’attacco. Nella giornata odierna il Ministro degli Esteri dell’Armenia Ararat Mirzoyan ha ricevuto il rappresentante personale del Presidente in esercizio dell’OSCE Andrzej Kasprzyk. Mirzoyan ha presentato ad Kasprzyk la situazione della sicurezza che si è verificata nella regione negli ultimi giorni e ha condannato l’interpretazione arbitraria delle dichiarazioni trilaterali e i tentativi di destabilizzare la situazione da parte dell’Azerbaigian.

(3 ago 22) MOBILITAZIONE PARZIALE – Il Presidente della Repubblica dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha firmato un decreto, annunciando una mobilitazione militare parziale da oggi 3 agosto 2022 secondo quanto riferisce l’ufficio del Presidente della Repubblica dell’Artsakh.

(3 ago 22) AZERI PARLANO DI “PROVOCAZIONI” – Il Ministero della Difesa dell’Azerbaigian ha rilasciato una dichiarazione in relazione all’operazione antiterrorismo “Castigo” dell’Azerbaigian in risposta alle provocazioni dei “gruppi armati illegali armeni” (cioè l’Esercito di difesa dell’Artsakh) nel territorio dell’Azerbaigian, dove sono temporaneamente di stanza le forze di pace russe. Secondo Baku le forze armene “avrebbero provocato” rendendo inevitabile l’azione azera. Gli azeri avrebbero una vittima. Media dell’Azerbaigian riferiscono che le loro truppe avrebbero conquistato posizioni sull’altura di Gyrkhgyz è s sulle alture dominanti di Sarybab così come su una serie di altre lungo la cresta della catena del Karabakh. Un video diffuso dal ministero della Difesa azero mostra il bombardamento con droni di una base dell’esercito armeno dove vengono colpiti obici, autocarri e munizioni. La “provocazione” starebbe nel fatto che . a detta di Baku – nessun soldato armeno dovrebbe essere presente in Artsakh.

(3 ago 22) COMUNICATO MINISTERO ESTERI – Il Ministero degli Affari Esteri dell’Artsakh condanna fermamente il nuovo ciclo di azioni aggressive dell’Azerbaigian contro l’Artsakh e lo qualifica come un’altra manifestazione dell’odio armeno, un grossolano tentativo di violare la pace e la stabilità nella regione, nonché di screditare la missione di mantenimento della pace. Il Ministero degli Affari Esteri dell’Artsakh invita la comunità internazionale a fornire una valutazione mirata delle azioni dell’Azerbaigian e ad adottare misure appropriate per frenare la politica distruttiva della Baku ufficiale. Gli armeni dell’Artsakh sono irremovibili e determinati a vivere liberamente e in modo indipendente sulla loro terra e a superare tutte le difficoltà con dignità, ha osservato il MFA.

(3 ago 22) SI AGGRAVA IL BILANCIO – Due militari armeni colpiti a morte (Gurgen Gabrielyan e Artur Khachatryan) e 14 feriti (alcuni gravi) è il bilancio della battaglia di oggi scoppiata allorchè le forze armate dell’Azerbaigian hanno tentato di guadagnare posizioni e penetrare nel territorio della repubblica di Artsakh.

(3 ago 22) ATTACCO AZERO, FERITI – Le unità azere il 3 agosto, a partire dalle 09:00 (ora locale), hanno violato gravemente il regime di cessate il fuoco, utilizzando lanciagranate e veicoli aerei senza pilota in direzione delle posizioni dell’esercito di difesa del Karabakh. Il servizio stampa dell’esercito di difesa del Karabakh ha informato che sette militari armeni sono rimasti feriti, sei dei quali non sono in pericolo. Le condizioni di un ferito sono invece giudicate gravi.

(2 ago 22) NUOVA STRADA – L’Azerbaigian ha avanzato una richiesta tramite il contingente russo di mantenimento della pace per organizzare il traffico attraverso la nuova rotta del corridoio di Lachin che collega l’Artsakh con l’Armenia.

(2 ago 22) CONSIGLIO DI SICUREZZA – Il presidente della repubblica ha convocato il Consiglio di sicurezza nazionale aperto da una relazione del ministro della Difesa, Kamo Vardanyan, che ha illustrato la situazione lungo la linea di contatto dopo le recenti provocazioni azere. Il Consiglio ha quindi discusso la questione del collegamento del Nagorno Karabakh con l’Armenia. La parte azerbaigiana, attraverso il contingente di mantenimento della pace di stanza in Artsakh, ha presentato una richiesta alla parte armena di cominciare a organizzare il movimento sul nuovo passante stradale alternativo a quello esistente

(2 ago 22) CEDU – Il 27 luglio 2022, l’Armenia ha presentato alla Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) una nuova denuncia contro l’Azerbaigian. La denuncia menzionata riguarda la violazione dei diritti della popolazione civile a seguito dell’aggressione azerbaigiana nei pressi dei villaggi di Khramort e Parukh di Artsakh nel 2022, le diverse minacce espresse dall’Azerbaigian contro la popolazione dei villaggi di confine dell’Artsakh, nonché dei casi di uso della forza da parte delle forze armate azere contro la popolazione civile dell’Artsakh nel periodo 2021-2022, a seguito dei quali è stato violato il diritto alla vita dei cittadini.

(2 ago 22) SITUAZIONE STABILE – La situazione sulla linea di contatto non è cambiata in modo significativo nella notte tra l’1 e il 2 agosto e le 9 secondo quanto riferisce l’Esercito di difesa dell’Artsakh. “Adesso la situazione è stabile. Come già riportato, la dirigenza della repubblica, insieme al Comando dell’Esercito di difesa e al Comando delle truppe russe di mantenimento della pace, stanno adottando misure per disinnescare la tensione e prevenire un’ulteriore escalation“, si legge in un comunicato dell’esercito. Le condizioni del militare armeno ferito sono soddisfacenti e non è in pericolo di vita.

(1 ago 22) UN SOLDATO ARMENO FERITO – Un militare dell’esercito di difesa dell’Artsakh, Albert Bakhshiyan, è stato ferito a causa delle provocazioni delle unità militari azere sulla linea di contatto tra il Nagorno Karabakh e l’Azerbaigian. Le condizioni del militare ferito sono giudicate soddisfacenti.

(1 ago 22) TENTATIVI DI PENETRAZIONE AZERA – L’esercito di difesa dell’Artsakh riferisce di provocazioni dall’Azerbaigian e tentativi di attraversare il confine. “Il 1° agosto, a partire dalle 09:00, in un certo numero di sezioni della direzione nord e nord-ovest del confine della Repubblica dell’Artsakh le unità azerbaigiane hanno fatto ricorso a provocazioni, tentando di attraversare la linea di contatto, che sono state soppresse dalle forze delle unità dell’Esercito di Difesa. Non sono state segnalate vittime da parte armena. La situazione resta tesa. Informazioni dettagliate sull’incidente sono state fornite al comando del contingente di mantenimento della pace russo“, si legge nella dichiarazione dell’Esercito di difesa dell’Artsakh.
La situazione è tesa anche nelle aree adiacenti a Syunik e Gegharkunik in Armenia.