Tag Archivio per: autodeterminazione dei popoli

Uscito l’ultimo report di “Freedom house” 2024. Vi riportiamo il passaggio della relazione riferito al Nagorno Karabakh (Artsakh).

Gli attacchi ai territori contesi rafforzano l’aggressione autoritaria globale

Le persone che vivono in territori contesi diventano spesso vittime dell’ostilità degli autocrati nei confronti del pluralismo e della loro agenda espansionistica. A settembre, l’assedio del Nagorno-Karabakh da parte del regime azerbaigiano ha provocato lo scioglimento delle istituzioni governative locali e lo sfollamento forzato di oltre 120.000 armeni, in quello che molti osservatori stranieri hanno descritto come un caso di pulizia etnica. Di conseguenza, il territorio precedentemente parzialmente libero ha registrato il calo di punteggio più grande del mondo nel 2023, perdendo un totale di 40 punti.

L’assalto militare di Baku è arrivato dopo un blocco di nove mesi del Corridoio Lachin – l’unica via terrestre rimasta che collega il territorio al mondo esterno – che ha lasciato i residenti del Nagorno-Karabakh in difficoltà per accedere a beni di prima necessità come cibo, forniture mediche e carburante. Per circa tre decenni, la popolazione di etnia armena è stata al centro di un conflitto irrisolvibile tra la Repubblica di Armenia e l’Azerbaigian. Mentre il governo russo aveva negoziato un nuovo cessate il fuoco dopo che un’offensiva del 2020 aveva fruttato importanti vantaggi a Baku, l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca nel 2022 ha limitato la capacità russa di mantenimento della pace e le forze azere hanno lentamente rafforzato la presa su ciò che restava dell’enclave. Alla fine, non c’è stato molto ostacolo all’ambizione del regime azerbaigiano di risolvere una disputa decennale attraverso un’applicazione unilaterale della forza.

L’attacco ha coinciso con l’intensificarsi della repressione autoritaria in Azerbaigian. Dagli anni ’90, il governo ha attuato politiche discriminatorie nei confronti degli armeni etnici, e ai cittadini armeni e ai loro discendenti è vietato o soggetto a restrizioni l’ingresso nel paese. La discriminazione religiosa e la repressione dei media indipendenti e della società civile si sono intensificate negli ultimi anni. La presa del Nagorno-Karabakh ha aumentato la popolarità interna del presidente Ilham Aliyev, che governa l’Azerbaigian da quando ha ereditato la carica da suo padre nel 2003, e ha sollevato il timore che una leadership azera incoraggiata potesse lanciare un’invasione su vasta scala della Repubblica di Armenia. i cui confini sono già stati violati.

Baku potrebbe cercare ispirazione a nord. Nel decennio trascorso da quando il Cremlino ha sequestrato illegalmente la Crimea all’Ucraina, il livello di libertà di cui godono i quasi due milioni di persone che vivono nella penisola è crollato. Nel 2023, le forze di occupazione russe hanno continuato a arruolare i cittadini di Crimea nell’esercito russo e a nazionalizzare la proprietà privata. La situazione è particolarmente terribile per gli ucraini e i tatari di Crimea, la cui lingua, religione e cultura sono state soppresse mentre Mosca tenta di russificare la regione.

(29) VERTICE DI BERLINO – Il ministero degli Esteri dell’Armenia ha rilasciato il seguente comunicato stampa: “Il 28 e 29 febbraio 2024 si sono svolti i negoziati tra Ararat Mirzoyan, Ministro degli Affari Esteri della Repubblica di Armenia e Jeyhun Bayramov, Ministro degli Affari Esteri della Repubblica dell’Azerbaigian, a Villa Borsig a Berlino, in Germania. I Ministri e le loro delegazioni hanno discusso le prospettive sulle disposizioni del progetto di Accordo bilaterale sull’instaurazione della pace e delle relazioni interstatali tra Armenia e Azerbaigian. È stato espresso un accordo reciproco per continuare i negoziati sulle questioni aperte. Nel corso della visita i Ministri hanno incontrato, sia separatamente che nel formato trilaterale, Annalena Baerbock, Ministro degli Esteri tedesco. Il ministro Mirzoyan ha espresso il suo apprezzamento alla Germania per aver ospitato i negoziati tra Armenia e Azerbaigian.”

(29) PARLAMENTO EUROPEO -Il Parlamento europeo ha adottato due risoluzioni sulla politica estera e sulla politica di sicurezza e difesa dell’UE, chiedendo sanzioni immediate contro l’Azerbaigian. In particolare i due documenti chiedono alle istituzioni di 1) Imporre immediatamente sanzioni all’Azerbaigian e sospendere il Memorandum d’Intesa sul Partenariato Energetico Strategico 2) Prepararsi a imporre sanzioni mirate e individuali contro la leadership politica e militare dell’Azerbaigian, a sospendere le importazioni di petrolio e gas in caso di aggressione militare da parte dell’Azerbaigian contro l’Armenia 3) Rafforzare il mandato della missione dell’UE in Armenia, aumentarne le dimensioni, estenderne la durata e schierare osservatori al confine con la Turchia. 4) Fermare i negoziati su un nuovo accordo di partenariato con l’Azerbaigian.”

(29) NOTA DELL’ASSEMBLEA NAZIONALE – L’Assemblea nazionale dell’Artsakh ha rilasciato una dichiarazione in relazione ai programmi di sostegno per i connazionali sfollati con la forza dall’Artsakh sviluppati dal governo della Repubblica di Armenia. “Il 27 febbraio di quest’anno, il vice primo ministro della RA [Repubblica Armena, NdT] Tigran Khachatryan ha fatto riferimento ai programmi di sostegno offerti dal governo della RA per i nostri compatrioti sfollati con la forza dall’Artsakh sotto la minaccia del genocidio, in onda sulla televisione pubblica armena.A nostro avviso, i programmi forniti dal governo RA al pubblico dell’Artsakh attraverso il Vice Primo Ministro non sono adeguati alla situazione prevalente.Riteniamo necessario sottolineare che nessun programma attuato finora è stato discusso con alcuna struttura che abbia un mandato legittimo da parte del popolo della Repubblica dell’Artsakh, compresa l’Assemblea Nazionale eletta con voto diretto del popolo. E le proposte da noi presentate in vari modi sono state ignorate. Particolarmente inaccettabile è il piano ancora in discussione in relazione all’acquisto di appartamenti per gli sfollati dall’Artsakh, che, a seguito dell’ampia discussione politica e sociale sulla questione, ovviamente non soddisferà le aspettative minime e le aspettative dei nostri cittadini forzatamente connazionali sfollati.La presa di tali decisioni porterà alla delusione e all’insoddisfazione dei nostri compatrioti, per cui l’emigrazione e l’ondata di proteste saranno stimolate e l’aspettativa di un ritorno collettivo sarà per noi sconvolta.Vi esortiamo ad astenervi da passi sconsiderati e inadeguati. Allo stesso tempo, riaffermiamo la nostra volontà di condurre discussioni costruttive su questioni problematiche di reciproco interesse, al fine di arrivare a decisioni dignitose e di buon senso“, si legge nella nota.

(28) GIAPPONE E ONU PER SFOLLATI – Il vice primo ministro Tigran Khachatryan era presente all’iniziativa “Sostegno al rafforzamento dell’inclusione sociale degli sfollati forzati del Nagorno Karabakh e delle comunità ospitanti attraverso la riabilitazione e l’integrazione delle infrastrutture di base” lanciata dall’ufficio armeno del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) in collaborazione con il governo armeno, finanziato dal governo giapponese, alla cerimonia di firma dell’accordo di progetto per sostenere gli sfollati forzati del Nagorno Karabakh e le loro comunità ospitanti.

(28) INCONTRO MINISTRI ESTERI – Secondo l’accordo raggiunto durante l’incontro tripartito tenutosi a Monaco il 17 febbraio, oggi e domani si incontreranno a Berlino le delegazioni guidate dai ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian Ararat Mirzoyan e Jeihun Bayramov. Il premier armeno Nikol Pashinyan aveva annunciato l’incontro Mirzoyan-Bayramov dopo l’incontro tripartito del Primo Ministro armeno e del Presidente dell’Azerbaigian a Monaco con la mediazione del Cancelliere tedesco; in seguito anche il presidente azero Ilham Aliyev aveva fatto una dichiarazione simile, sottolineando che, oltre all’incontro dei ministri degli Esteri dei due Paesi, si terrà prossimamente una riunione della Commissione per la delimitazione dei confini.

(28) SCONFINA SOLDATO AZERO – Intorno alle 05:15, nella zona di confine della comunità di Tegh di Syunik marz, un soldato delle forze armate azere ha attraversato la linea di contatto armeno-azerbaigiana, armato con un fucile d’assalto di tipo AKM. E’ stato neutralizzato dai militari armeni del Ministero della Difesa. In relazione all’incidente, il comitato investigativo della Repubblica Armena ha avviato un procedimento penale ai sensi degli articoli pertinenti del codice penale. Secondo informazioni provenienti dalla zona sembrava che anche un altro soldato avesse attraversato il confine e sono partite attività di ricerca ma senza esito. Sembra che nella notte vi sia stata “turbolenza” in una postazione azera lungo il confine, di qui la “fuga” verso l’Armenia.

(28) PAPA FRANCESCO – Ricevendo in udienza, prima dell’udienza generale, i membri del Sinodo dei vescovi della Chiesa patriarcale di Cilicia degli Armeni, il Papa – nel discorso letto da mons. Filippo Ciampanelli della Segreteria di Stato, ha evocato “con la preghiera” l’Armenia, “in particolare tutti coloro che fuggono dal Nagorno-Karabakh, le numerose famiglie sfollate che cercano rifugio”. “Tante guerre, tante sofferenze”, scrive Francesco nel discorso preparato per l’occasione.

(28) AIUTO AGLI SFOLLATI – Il governo dell’Armenia sosterrà gli sfollati in diversi modi fornendo loro alloggi, offrendo loro l’opportunità di costruire o acquistare una casa. Lo ha annunciato il vice primo ministro della RA Tigran Khachatryan in onda sulla televisione pubblica, presentando il programma sviluppato dal governo sottolineando come le famiglie sfollate con 3 o più figli (circa 4100 nuclei) saranno le prime a beneficiare dell’assistenza abitativa.

(28) AZNAVOUR – Tra i tanti atti di vandalismo compiuti dagli azeri nell’Artsakh da loro occupato dobbiamo registrare anche l’abbattimento del monumento dedicato a Charles Aznavour a Stepanakert. Il busto era stato eretto nel maggio 2022 nei pressi del centro di francofonia della capitale.

(27) ANNIVERSARIO DI SUMGAIT – Nel 36° anniversario del pogrom di Sumgait, l’ambasciata americana in Armenia ha diffuso un messaggio in cui afferma di piangere insieme al popolo armeno per le persone uccise. “Oggi, insieme al popolo armeno, piangiamo tutte le persone uccise a Sumgait nel 1988 ed esprimiamo il nostro sostegno alle famiglie delle vittime, a tutti i feriti e agli sfollati. Continueremo a lavorare per la pace nella regione, affinché simili tragedie non si ripetano“, si legge nel messaggio dell’ambasciata.

(26) IL PROBLEMA DEGLI SFOLLATI – Il ministro degli Esteri armeno Ararat Mirzoyan ha incontrato a Ginevra la presidente del Comitato internazionale della Croce Rossa, Miryana Spolyarich Eger. Sono state discusse le questioni relative alla gestione dei bisogni e dei diritti delle persone sfollate a seguito dell’attacco militare e della pulizia etnica effettuate dall’Azerbaigian nel Nagorno Karabakh nel settembre dello scorso anno e l’ambito della cooperazione con il CICR su questioni umanitarie.Il ministro Mirzoyan ha sottolineato in particolare l’importanza del ritorno delle persone detenute in Azerbaigian, nonché la divulgazione della sorte delle persone scomparse e scomparse con la forza, riaffermando la disponibilità della parte armena a collaborare sulla questione.Durante l’incontro sono stati discussi anche l’attuale situazione della sicurezza nel Caucaso meridionale e gli sforzi compiuti dall’Armenia per stabilire la pace e la stabilità nella regione.

(26) BILANCIO ATTACCO SETTEMBRE – A seguito delle operazioni militari del 19-20 settembre, 181 militari sonop stati dichiarati morti e 11 militari risultano dispersi. Il Fondo di assicurazione dei militari ha informato che il risarcimento è già stato fornito a 12 beneficiari. Domani altri 52 beneficiari riceveranno pagamenti una tantum di 5 o 10 milioni di AMD, dopodiché riceveranno i pagamenti mensili dovuti.Il fondo assicura che, dopo aver ricevuto le richieste del Ministero della Difesa, fornirà un risarcimento a tutti i beneficiari aventi diritto all’assicurazione nel più breve tempo possibile.

(26) CSTO – Il Cremlino intende chiarire pienamente la posizione di Yerevan riguardo alla partecipazione all’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva, poiché lo statuto dell’organizzazione non prevede lo status di “adesione congelata”. Lo ha detto il portavoce del presidente russo, Dmitry Peskov, rispondendo alla domanda sulla dichiarazione del primo ministro russo Nikol Pashinyan sul congelamento dell’adesione alla CSTO. Alla domanda dei giornalisti se ci sarà chiarezza sulla futura partecipazione dell’Armenia alla CSTO dopo l’annuncio di Pashinyan sul congelamento dell’adesione a questa organizzazione, Peskov ha risposto: “No, non ancora. Qui abbiamo contatti abbastanza frequenti con i nostri partner armeni e ovviamente lo renderemo chiaro“. Ricordiamo che nell’intervista rilasciata dal primo ministro RA Nikol Pashinyan al canale televisivo France 24, la partecipazione dell’Armenia all’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO) è attualmente “congelata”. “A nostro avviso, l’accordo di sicurezza collettiva con l’Armenia non è stato attuato, soprattutto nel 2021-2022. Ciò non poteva sfuggire alla nostra attenzione. Abbiamo “congelato” la nostra partecipazione a questo contratto. Vediamo cosa succede dopo“, ha detto Pashinyan.

(26) VERTICE ARMENO-AZERO – Il Ministro degli Affari Esteri dell’Azerbaigian Jeihun Bayramov ha confermato che avrà luogo l’incontro delle delegazioni dell’Azerbaigian e dell’Armenia. L’incontro delle delegazioni dei ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian si svolgerà il 28 e 29 febbraio a Berlino, secondo l’accordo raggiunto nella riunione tripartita tenutasi a Monaco.

(25) CORRIDOIO DI ZANGEZUR – Il presidente della Grande Assemblea nazionale turca, Numan Kurtulmus, al ritorno dall’Azerbaigian, dove ha partecipato alla 14esima sessione plenaria dell’Assemblea parlamentare asiatica ha dichiarato: “Se il progetto Zangezur sarà completato con successo, sarà un corridoio molto importante che collegherà non solo l’Azerbaigian, ma anche l’Armenia, l’Iran, la Turchia e la Georgia attraverso il Caucaso fino all’Asia centrale“.

(25) CSTO – Minsk non ha ricevuto alcuna richiesta di ritiro dell’Armenia dalla CSTO. Lo ha annunciato il presidente della Bielorussia, Alexander Lukashenko che consigliato all’Armenia di non abbandonare affrettatamente le strutture di integrazione. “La cosa più importante è che non abbiamo ricevuto alcuna notifica ufficiale che l’Armenia lascerà la CSTO“, ha detto in una conversazione con i giornalisti. Secondo lui gli Stati membri della CSTO reagiranno con molta calma alla relativa notifica.”Se non vogliono far parte della CSTO, questa non crollerà, non sarà distrutta“, ha detto Lukashenko.Lukashenko ha aggiunto che il Primo Ministro armeno non è autorizzato ad accettare la decisione sul ritiro dell’Armenia dalla CSTO.”Il sistema amministrativo dell’Armenia non è lo stesso di quello della Bielorussia. Pashinyan non sa decidere se ritirarsi o meno. Il Parlamento prende la decisione lì“.
Oggi, nell’unica giornata di votazione, saranno eletti 110 deputati della Camera dei Rappresentanti dell’ottava convocazione dell’Assemblea nazionale e 12.514 deputati dei Consigli locali dei deputati della ventinovesima convocazione della Bielorussia.

(25) ACCUSE AZERE – L’Azerbaigian ancora una volta ha accusato l’Armenia di una violazione del cessate il fuoco che sarebbe avvenuta intorno alle 21,40 di ieri sera al confine con il Nakhchivan. Si tratta della seconda accusa nell’arco di poche ore, anche questa smentita dalle autorità armene.

(24) RICCHEZZA AZERA – Il tribunale di Londra ha sequestrato 22 proprietà del valore di 39 milioni di sterline di un deputato azerbaigiano e di sua moglie. Secondo i documenti rilasciati dal “Centro investigativo sulla corruzione e la criminalità organizzata” (OCCRP), Feyziyev e sua moglie sono sospettati di aver acquisito proprietà con i proventi di attività illegali. Tra le proprietà sequestrate ci sono diversi appartamenti e altri immobili a Londra. Secondo gli esperti, il valore totale degli immobili registrati a nome di Fayziyev e dei suoi familiari ammonta a oltre 63 milioni di dollari. Si dice che nel giugno 2023 un tribunale di Londra abbia congelato l’immobile su richiesta della National Crime Agency (NCA) del Regno Unito. Il processo in questo caso è già terminato. Secondo la decisione della corte, decine di milioni di dollari sono stati congelati sui conti di Fayziyev e dei suoi familiari nelle banche londinesi. L’agenzia ha affermato di avere prove convincenti che la proprietà di Feyziyev è stata acquisita illegalmente.

(24) VIOLAZIONE AZERA – Le unità delle forze armate azere hanno aperto il fuoco in direzione delle posizioni armene situate nel settore di Verin Shorzha (Gegharkunik) secondo quanto riferisce un comunicato del ministero della Difesa di yerevan. Inoltre, la stessa nota precisa che il messaggio del Ministero della Difesa dell’Azerbaigian secondo cui il 24 febbraio, intorno alle 12:45, unità delle Forze Armate della Repubblica di Armenia avrebbero aperto il fuoco in direzione delle posizioni azere situate nella parte orientale della zona di confine, non corrisponde alla realtà.

(24) RUSSIA-ARMENIA – La Russia non vuole distruggere le relazioni con l’Armenia, ma potrebbe iniziare a considerare l’Armenia come un trampolino di lancio anti-russo per l’Occidente. Lo ha dichiarato Dmitry Suslov, vicedirettore del Centro per gli studi europei e internazionali della Facoltà di economia mondiale e politica internazionale della Scuola superiore di economia. “La Russia non vuole rovinare le relazioni con l’Armenia, rendendosi conto che è più facile distruggere che costruire. Mosca ora invia segnali che l’attuale politica dell’Armenia non contribuisce alla sicurezza e alla prosperità“, ha osservato l’esperto. Secondo lui, Mosca spera che si arrivi ad alcune conclusioni e cerca di ridurre i rischi. L’esperto è anche convinto che la Federazione Russa eviterà pressioni economiche sull’Armenia, perché sotto la pressione delle sanzioni l’Armenia è stata e continua ad essere un importante partner commerciale ed economico.”Dal momento in cui la Federazione Russa inizierà a percepire l’Armenia come una piattaforma antirussa dell’Occidente, le conseguenze per la repubblica saranno tristi. Tuttavia, il risultato della continuazione dell’attuale politica dell’Armenia sarà l’uso massiccio della forza contro di essa da parte di altri Paesi. Ad esempio, la Turchia, che ha già combattuto una guerra con l’Armenia nel Nagorno Karabakh“, ha detto Suslov. Egli ritiene che con il peggioramento della situazione della sicurezza in Armenia, la società armena dovrà trarre delle conclusioni e modificare la propria politica estera come risultato di processi interni.

(24) UCRAINA-ARMENIA – Anche se non è pervenuta ancora alcuna comunicazione ufficiale, voci sempre più forti parlano di una visita in Armenia del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj il prossimo 4 marzo.

(23) SOSTEGNO AGLI SFOLLATI – Nella seduta di governo dell’Armenia di oggi, 23 febbraio, è stato deciso di stanziare 873 milioni di dram dal fondo di riserva del bilancio 2024 per il programma di sostegno all’organizzazione di un corso di formazione a breve termine e di un’esperienza lavorativa per le persone sfollate con la forza dal Nagorno Karabakh. Si prevede di fornire sostegno a 1.000 beneficiari nell’ambito dell’evento. Il programma è attuato in 3 direzioni: formazione e occupazione, acquisizione di esperienza lavorativa e occupazione, formazione, acquisizione di esperienza lavorativa e occupazione. Gli interventi prevedono anche borse di studio e rimborsi per i datori di lavoro che assumono.

(23) CSTO – La segreteria della CSTO ha informato la stampa di non aver ricevuto alcuna richiesta circa la cessazione dell’adesione di Yerevan e considera che le parole di Pashinyan riguardo al congelamento della partecipazione dell’Armenia alla CSTO, molto probabilmente indicano la volontà di non partecipare agli eventi organizzati dall’organizzazione.

(23) DIFESA ARMENIA – Nel corso di una conferenza stampa congiunta con il collega francese, il ministro della Difesa dell’Armenia ha dichiarato che la Repubblica d’Armenia si è posta l’obiettivo di rinnovare e modernizzare le capacità delle proprie forze armate e l’acquisto di munizioni da parte dell’Armenia non è finalizzato all’aggressione contro alcun Paese. Dal canto suo, il Ministro delle Forze Armate francesi, Sebastien Lecorne, ha affermato che nessuno può criticare l’Armenia per lo sviluppo delle capacità dell’esercito e ha sottolineato che l’armamento fornito dalla Francia all’Armenia ha un significato difensivo, sottolineando che è importante garantire la protezione sia della popolazione armena che delle frontiere.

(23) PRIGIONIERI DI GUERRA – L’Azerbaigian continua a tenere in ostaggio 23 persone, 16 delle quali sono state catturate a seguito delle operazioni militari del 19 settembre, si legge nel rapporto sul processo di attuazione e sui risultati del piano governativo della Repubblica di Armenia (2021-2026) per il 2023. Esistono dati concreti sulla sparizione forzata di almeno 32 persone dopo la guerra del 2020, di cui l’Azerbaigian non riporta il destino. Resta aperto il destino di 215 cittadini dell’Armenia e armeni dell’Artsakh scomparsi nella guerra dei 44 giorni del 2020 e successivamente di 777 scomparsi negli anni ’90.

(22) PASHINYAN TEME ATTACCO AZERO – In un’intervista esclusiva con il canale televisivo France 24, il Primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha affermato che l’Azerbaigian si sta preparando per una nuova guerra. Alcuni giorni dopo un incontro in Germania con il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev, che ha definito “costruttivo”, Nikol Pashinyan ritiene che le promesse di una soluzione pacifica alla crisi tra i due Paesi siano state smentite sul campo dalle azioni dell’Azerbaigian. “Baku considera l’Armenia di oggi come “l’Azerbaigian occidentale”, si rammarica il premier armeno. Secondo lui, Ilham Aliyev non vuole un trattato di pace basato sul riconoscimento reciproco dell’integrità territoriale, ma piuttosto la conquista di nuovi territori in Armenia. Per quanto riguarda l’aiuto militare francese al suo Paese, Pashinyan respinge le accuse di Baku secondo cui Parigi starebbe gettando benzina sul fuoco, e sottolinea che l’Azerbaigian, da parte sua, sta spendendo “miliardi di euro” per le proprie armi. Egli conferma che la Russia “ha apertamente invitato la popolazione armena a rovesciare il governo” diversi mesi fa. Nikol Pashinyan aggiunge che questa “propaganda” di Mosca contro di lui continua senza sosta. Il Primo ministro armeno esprime particolare preoccupazione per il rapimento del disertore russo Dmitry Setrakov da parte dei soldati russi in Armenia. “Non possiamo tollerare azioni illegali” sul nostro territorio, ha detto, e ha avvertito che ci sarebbero “conseguenze” se le richieste di Yerevan non avessero risposta. Spiega inoltre che la partecipazione dell’Armenia alla CSTO dominata da Mosca è “congelata”, mentre dichiara che il mantenimento di una base militare russa in Armenia non è all’ordine del giorno. (France24)

(22) ALTRI VANDALISMI AZERI – L’Azerbaigian continua a perseguire una politica intollerante nei confronti del patrimonio culturale armeno a livello statale negli insediamenti occupati. “Registriamo quotidianamente molti fatti riguardanti il ​​genocidio culturale compiuto dall’Azerbaigian a livello statale nell’Artsakh occupato. Mkhitar Karapetyan, collega dell’ufficio del difensore civico per la “cultura armena”, ha avvertito ancora una volta che nel video pubblicato dagli invasori azeri di Stepanakert, la capitale dell’Artsakh, si possono vedere tracce di vandalismo. Dall’analisi di un video girato il 13 febbraio si evince che le sculture poste sul viale Andranik sono state eliminate dagli occupanti.

(22) ARMI DALLA FRANCIA – La Francia consegna oggi un lotto di armi di difesa all’Armenia il 22 febbraio. L’armamento comprende tre radar Thalès Ground Master (GM 200), che consentiranno di individuare gli aerei nemici a una distanza di 250 chilometri, nonché dispositivi per la visione notturna e binocoli. Si segnala inoltre che l’accordo firmato tra le parti sulla cooperazione nel campo della difesa prevede che quest’anno l’esercito francese organizzerà 3 corsi di addestramento al combattimento in montagna per gli armeni. Armenia e Francia hanno firmato accordi di cooperazione in materia di difesa il 23 ottobre 2023, durante la visita del ministro della Difesa della RA Suren Papikyan in Francia. Il ministro della difesa francese Sebastien Lecorne ha annunciato in un’intervista alla radio RTL che presto visiterà l’Armenia.

(22) NEGOZIATI DI PACE – Il portavoce del Dipartimento di Stato americano, Matthew Miller, in un briefing ha dichiarato che Il Segretario di Stato crede ancora che la pace sia a portata di mano, e ne ha discusso con i leader di entrambi i paesi, esortandoli a lavorare insieme per superare le poche questioni rimaste”. Ha inoltre osservato che Washington continuerà ad incoraggiare l’Azerbaigian e l’Armenia a firmare un trattato di pace, e continuerà ad offrire il suo sostegno per raggiungere un accordo.
Intanto dal ministero degli Esteri di Baku fanno sapere che gli ultimi commenti dell’Azerbaigian sul progetto di accordo di pace sono stati trasmessi all’Armenia.

(22) VANDALISMI AZERI – Le chiese di San Sargis e San Grigor nel villaggio di Tzar della regione di Karvachar sono un’altra vittima del vandalismo culturale azerbaigiano. Dalle foto diffuse dall’organizzazione “Monumental watch” si vede come siano state tolte le croci e divelte alcune lastre. Intorno alla chiesa di san Sargis sono spariti anche i resti di alcuni katchkar che si trovavano addossati al muro di pietra dell’edificio.

(21) PASHINYAN A PARIGI – Il premier armeno è a Parigi per una visita di lavoro di due giorni. In giornata ha incontrato il presidente Macron. Questi in conferenza stampa ha dichiarato: “I recenti incidenti nel Syunik dimostrano che il pericolo di un’escalation rimane reale. La Francia si rammarica che un azerbaigiano sia rimasto ferito in seguito alla sparatoria del 12 febbraio, cosa che è stata accettata in piena trasparenza anche dalla leadership armena. Ma la Francia esprime rammarico per la sproporzionata ritorsione da parte dell’Azerbaigian, a seguito della quale la parte armena ha subito quattro morti e feriti“, aggiungendo che la Francia continuerà a sostenere gli sforzi volti a una pace giusta e sostenibile.
In serata, il Primo Ministro armeno e il Presidente francese, insieme ad Anna Hakobyan e Brigitte Macron, hanno partecipato alla cerimonia di sepoltura delle spoglie dell’eroe armeno della Resistenza, Misak Manushyan, e sua moglie, Meline Manushyan, nel Pantheon delle più grandi figure di Francia. Oggi Nikol Pashinyan ha incontrato anche il presidente del Senato francese, Gerard Larchet. Nell’ambito della visita sono previsti incontri con il primo ministro francese Gabriel Atal e il sindaco di Parigi Anne Hidalgo.

(21) MISSIONE EUROPEA – La missione di monitoraggio dell’Unione europea lungo il confine tra Armenia e Azerbaigian (dalla sola parte armena) compie un anno. Nel corso di questo periodo la missione ha effettuato più di 1720 pattugliamenti. Oggi, nel corso di una cerimonia sono state conferite onorificenze a una trentatina di osservatori. L’ambasciatore Vasilis Maragos, capo della missione dell’Unione europea in Armenia, riferendosi alle accuse mosse da parte ha azera ha dichiarato: “La nostra missione ha un mandato molto chiaramente definito. Si trova sul lato armeno del confine internazionale con l’Azerbaigian, occupandosi esclusivamente di quanto delineato nel suo mandato: assicurare la propria presenza, effettuare pattugliamenti, proprio con l’obiettivo di contribuire a garantire la pace nella regione. Questo è quello che abbiamo sempre fatto. Qualsiasi altra accusa o calunnia sull’impegno in qualsiasi altra attività è completamente infondata“. In precedenza, l’ambasciatore dell’UE in Azerbaigian è stato convocato presso il Ministero degli Affari Esteri dell’Azerbaigian. Il Ministero degli Affari Esteri dell’Azerbaigian, infatti, si è lamentato delle attività della missione dell’UE, accusandola di trasformarsi in un agente della “diplomazia telescopica”, che presumibilmente organizza visite delle delegazioni europee nelle regioni di confine.
Peraltro, proprio oggi, Armen Grigoryan, segretario del Consiglio dei ministri della Repubblica di Armenia, ha confermato in una conversazione con i giornalisti che i militari russi hanno impedito l’ingresso degli osservatori dell’UE a Nerkin Hand (Syunik) dove c’è stata la grave violazione azera del cessate il fuoco la scorsa settimana.

(21) ARRESTATO E RILASCIATO UN CRIMINALE AZERO – L’allenatore di fitness azero Kamil Zeynalli è stato arrestato all’aeroporto “Domodedovo” di Mosca ieri sera. Secondo i media azeri, ha detto che secondo la polizia è stato arrestato su richiesta dell’Armenia e potrebbe essere consegnato all’Armenia. L’uomo è accusato dalle autorità armene di omicidio (sgozzamento di un anziano civile in Artsakh durante la guerra del 2020) e incitamento all’odio razziale. Nell giornata di oggi, l’uomo (che si era rivolto alle autorità del suo Paese) è stato rilasciato.

(21) CSTO – Il segretario generale della CSTO, Imanghali Tasmaghambetov, in un articolo pubblicato sulla rivista “International Affairs” ha affermato che “L’organizzazione era pronta ad inviare una missione di mantenimento della pace per monitorare la situazione al confine armeno-azerbaigiano, ma nell’ultima parte di questo lavoro Yerevan ha chiesto di rimuovere il documento in questione dall’ordine del giorno, a causa della conclusione del trattato di pace con Baku.
Allo stesso tempo, il lavoro dell’Armenia nell’organizzazione continua, i contatti multilaterali di Yerevan nell’ambito della CSTO sono funzionanti. L’Armenia era e rimane un alleato.
I Paesi CSTO, a loro volta, rimangono concentrati sullo sviluppo delle relazioni di alleanza con la Repubblica d’Armenia”.

(20) SFOLLATI FUORI ARMENIA – Più del 15% dei residenti dell’Artsakh ha lasciato il territorio della Repubblica d’Armenia. Lo ha detto l’economista professor Tatul Manaseryan durante la conferenza stampa tenutasi al Centro multimediale internazionale Sputnik Armenia. “Secondo alcuni dati, il 15% dei residenti dell’Artsakh ha già lasciato l’Armenia dopo essersi ben integrato nell’economia della RA“, ha detto il professore. Ha notato che c’è anche un deflusso di reinsediamenti russi dall’Armenia. Alcuni di coloro che si sono trasferiti in Armenia dal 2022 hanno lasciato anche l’Armenia. Manaseryan ha anche evidenziato che c’è un nuovo flusso di migranti verso l’Armenia dall’altra parte. Secondo lui i rappresentanti delle piccole e medie imprese si stanno spostando dalla Russia all’Armenia, ma finora il loro numero non è grande. Invece, c’è un gran numero di lavoratori migranti che arrivano in Armenia dall’India. Secondo Tatul Manaseryan, al momento sono circa 14.000.

(20) LE BANCHE CANCELLANO I PRESTITI – Le banche armene hanno quasi completamente cancellato dai loro bilanci i prestiti dei cittadini dell’Artsakh, sotto la supervisione del Ministero delle Finanze, per un valore di circa 315 miliardi di dram. Gli istituti di credito ne hanno cancellato il 30% sul proprio conto e il restante 70% ha promesso di risarcire il Ministero delle Finanze fornendo loro titoli di Stato con un tasso di interesse di mercato (circa il 10%) e una durata di 10 anni.

(20) VITTIME DI GUERRA – I parenti delle vittime della guerra dei 44 giorni protestano davanti al palazzo del governo a Yerevan. I membri dell’organizzazione non governativa “Unione dei parenti dei soldati uccisi e dispersi nella terza guerra dell’Artsakh” chiedono di spostare le tombe dei parenti morti in Armenia e di risolvere la questione dei loro appartamenti. A questo riguardo va evidenziato come i parenti delle vittime di guerra avevano ricevuto come “risarcimento” un certificato per l’acquisto di un appartamento nel 2020. Era stata data loro la possibilità di acquistare un appartamento nell’Artsakh o in Armenia. Molte persone avevano acquistato un appartamento ad Artsakh e ora sono rimaste senza casa. Alcuni di loro non sono ancora riusciti ad acquistare un appartamento in Armenia, perché i prezzi degli appartamenti sono aumentati notevolmente.

(20) PRESIDENTE ARTSAKH A YERABLUR – Il presidente dell’Artsakh Samvel Shahramanyan ha visitato questa mattina il Pantheon militare Yerablur a Yerevan in occasione del 36° aniversario della nascita del Movimento Artsakh. Il presidente era accompagnato anche da alcuni parlamentari e dal presidente dell’Assemblea nazionale dell’Artsakh.

(20) MOVIMENTO ARTSAKH – Oggi è il 36° anniversario del movimento Artsakh. Nel 1988 Il 20 febbraio, la sessione straordinaria del XX Consiglio di convocazione dei deputati popolari del Nagorno-Karabakh ha adottato la decisione di fare appello ai Consigli supremi della SSR dell’Azerbaigian e della SSR armena con la richiesta di “comprendere profondamente le aspirazioni della popolazione armena di Nagorno Karabakh e risolvere la questione del trasferimento del Nagorno Karabakh dalla RSS dell’Azerbaigian alla RSS armena, mediando allo stesso tempo con il Soviet Supremo dell’URSS davanti al consiglio per dare una soluzione positiva alla questione del trasferimento del Nagorno Karabakh dalla RSS dell’Azerbaigian alla RSS armena”.

(17) PROBLEMA SFOLLATI – Il Primo Ministro Nikol Pashinyan ha avuto un incontro con l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati Filippo Grandi a margine della Conferenza sulla Sicurezza di Monaco. Il premier armeno ha fatto riferimento ai programmi attuati dal governo e pianificati per il prossimo futuro, compresa la parte a lungo termine, nella direzione di risolvere i problemi umanitari dei rifugiati sfollati con la forza dal Nagorno Karabakh. Nikol Pashinyan ha presentato i principali problemi e bisogni dei rifugiati sfollati con la forza. In questo contesto si è proceduto ad uno scambio di idee sull’assistenza necessaria da parte della comunità internazionale, sulle misure e sulle possibilità di attuazione dei programmi pertinenti.

(17) ARTSAKH OCCUPATO – Il capo di stato maggiore dell’esercito azerbaigiano, Kerim Veliyev, ha visitato alcune unità militari situate nei territori occupati dell’Artsakh secondo quanto hanno riferito i mass media azeri.

(17) INCONTRO TRILATERALE A MONACO – Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan, il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev si sono incontrati nell’ambito della Conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera. Nell’incontro è stato raggiunto un accordo per proseguire i lavori sul trattato di pace. Sono stati discussi il processo di regolamentazione delle relazioni Armenia-Azerbaigian e le misure volte a garantire la pace e la stabilità nella regione.

(16) POSIZIONE IRAN – Mehdi Sobhani, ambasciatore straordinario e plenipotenziario della Repubblica islamica dell’Iran in Armenia, rispondendo alla domanda se è cambiata la posizione dell’Iran riguardo al “corridoio Zangezur” ha così dichiarato: “La posizione finale della Repubblica islamica dell’Iran è che non possiamo accettare in alcun modo un cambiamento territoriale. Eventuali cambiamenti territoriali dovrebbero avvenire sulla base del reciproco riconoscimento dell’integrità territoriale dei due Paesi, e questa sarà la nostra posizione finale. La posizione finale della Repubblica islamica dell’Iran è che l’integrità territoriale dei Paesi della regione deve essere rispettata“.

(16) ASSISTENZA SFOLLATI – L’Istituto Nazionale di Sanità informa che per gli sfollati forzati del Nagorno-Karabakh, la Clinica Odontoiatrica Familiare dell’Istituto Nazionale di Sanità fornisce (gratuitamente) servizi dentistici nell’ambito dell’ordine statale.

(15) DEMARCAZIONE CONFINI – Ani Badalyan, portavoce del ministero degli Esteri armeno, ha rilasciato una dichiarazione riguardo alla questione della demarcazione dei confini tra Armenia e Azerbaigian. “Il Ministero degli Affari Esteri dell’Azerbaigian ha commentato il discorso del Primo Ministro della RA Nikol Pashinyan alla sessione governativa del 15 febbraio, in relazione al quale riteniamo necessario ricordare che nel 2022 Il 6 ottobre a Praga, l’Azerbaigian e l’Armenia hanno concordato per iscritto questo accordo nel 1991 Sulla base della Dichiarazione di Alma-Ata, riconoscono l’integrità territoriale e la sovranità reciproca e che la Dichiarazione di Alma-Ata costituirà la base politica per il processo di demarcazione. Offriamo all’Azerbaigian di accelerare il processo di demarcazione sulla base di questo accordo e riaffermiamo la disponibilità della Repubblica di Armenia“, ha detto.
Il Primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha fatto riferimento alle azioni aggressive dell’Azerbaigian durante l’odierna sessione governativa. Il Primo Ministro  ha sottolineato  il fatto che le aree vitali di 31 villaggi non enclavi della Repubblica di Armenia sono sotto l’occupazione azera. Pashinyan ha dichiarato che l’Azerbaigian evita in ogni modo possibile le opzioni proposte riguardo alla demarcazione del confine tra Armenia e Azerbaigian. Secondo il Primo Ministro, la ragione di ciò potrebbe essere l’intenzione dell’Azerbaigian di avviare operazioni militari in alcune parti del confine, con la prospettiva di trasformarle in una guerra su vasta scala contro l’Armenia. Successivamente, il Ministero degli Affari Esteri dell’Azerbaigian ha rilasciato una dichiarazione, sostanzialmente non accettando l’accusa e presentando altre richieste.

(14) CADUTI IN GUERRA – L’agenzia azera Apa riferisce le risultanze dei lavori della Commissione statale sulle questioni relative ai prigionieri di guerra, agli ostaggi e ai cittadini scomparsi dell’Azerbaigian. Per quel che ci riguarda, va sottolineato il dato relativo ai caduti armeni nel corso della guerra dei 44 giorni del 2020. Con la partecipazione delle truppe russe di mantenimento della pace e del Comitato internazionale della Croce Rossa (ICRC), sono stati riconsegnati alla parte armena i resti di 1713 caduti. A seguito dello scontro militare al confine armeno-azerbaigiano del 12-14 settembre 2022, i corpi recuperati sono stati 157 mentre 173 risultano i caduti armeni recuperati dagli azeri dopo l’attacco del 19-20 settembre scorso.

(14) DRONE ARMENO – Secondo il ministero della Difesa dell’Azerbaigian un picclo drone quadricottero armeno ha tentato questo pomeriggio di effettuare un volo di ricognizione in direzione dell’insediamento Istibulagh nella regione di Kelbajar (Karvachar) ma “a seguito della vigilanza delle unità azere, il drone è dovuto ritornare e la provocazione è stata impedita”.

(14) RESIDENZA SFOLLATI – Le persone sfollate dal Nagorno-Karabakh possono essere registrate all’indirizzo della loro effettiva residenza, anche se il proprietario non ha dato il consenso secondo quanto riferisce una nota chiarificatrice del ministero dell’Interno della repubblica di Armenia.

(13) ATTACCO AZERO, 4 MORTI – Il ministero degli Esteri dell’Armenia ha rilasciato il seguente comunicato in merito all’azione azera di questa mattina: “La mattina del 13 febbraio, la parte armena ha registrato 4 morti e 1 ferito a seguito di un’altra provocazione e uso della forza da parte delle forze armate azere nell’area dell’insediamento di Nerkin Hand della provincia di Kapan, regione di Syunik della Repubblica d’Armenia. Nonostante il messaggio del 12 febbraio delle autorità competenti della Repubblica di Armenia secondo cui sono in corso indagini sul filmato pubblicato dai media azeri lo stesso giorno e sull’informazione secondo cui le guardie della Repubblica di Armenia hanno ferito un soldato azerbaigiano nella zona di Kapan, la parte azera ha effettuato azioni aggressive la mattina del 13 febbraio. Ciò dimostra che l’Azerbaigian sta cercando scuse per effettuare escalation alle frontiere. Queste azioni di uso della forza sono state precedute da dichiarazioni bellicose della leadership militare e politica dell’Azerbaigian, nonché dai preparativi informativi e propagandistici degli ultimi giorni. La leadership azera cerca continuamente di vanificare gli sforzi degli attori interessati alla stabilità e alla sicurezza del Caucaso meridionale per riprendere i negoziati volti alla normalizzazione delle relazioni tra Armenia e Azerbaigian. Condanniamo fermamente queste azioni azerbaigiane di ricorso a provocazioni militari, invitiamo ad astenersi da passi che destabilizzano la situazione e a tornare ai negoziati. Ancora una volta riaffermiamo le proposte precedentemente espresse da parte armena di attuare misure affidabili volte ad aumentare la sicurezza delle frontiere.”

(12) DENUNCIA AZERA – Le forze armate dell’Azerbaigian denunciano una presunta violazione armena nell’area del villaggio di Nerkin Hand (terriorio armeno occupato da Baku) con presunto ferimento di un soldato azero. Il ministero della Difesa di Baku ha diffuso un video che peraltro smentisce la stessa ricostruzione azera. Ad ogni buon conto, il ministero della Difesa di yerevan ha comunicato che aprirà un’indagine per verificare se vi sono state violazioni da parte del personale in servizio.

(12) VANDALISMI A STEPANAKERT – Dalle poche immagini che giungono da Stepanakert è tuttavia possibile documentare alcuni atti di vandalismo compiuti dalle forze di occupazione azera nella ex capitale dell’Artsakh. Solo negli ultimi giorni, sono state segnalate le distruzioni/rimozioni di: croce della chiesa di San Hakob nel distretto Hekimyan e il khatchkar nel cortile, busto dell’ammiraglio Ivan Isakov (una delle più prestigiose figure della Marina sovietica) nella omonima via e la statua di Alexander Myasnikan (rivoluzionario bolscevico di Martuni).

(10) RUSSIA SU RITORNO IN ARTSAKH – La Russia è pronta a sostenere, se lo desidera, il ritorno sicuro degli armeni del Karabakh nella regione. Lo ha dichiarato il viceministro degli Esteri russo Mikhail Galuzin in un’intervista alla TASS. “Sfortunatamente, la maggior parte degli armeni del Karabakh hanno lasciato la regione. È stata una loro scelta dura ma volontaria. In questo senso, è importante creare le condizioni per il ritorno di coloro che lo desiderano, con un’adeguata tutela dei loro diritti e della loro sicurezza. Siamo pronti a fornire ogni tipo di sostegno a questo processo, comprese le truppe russe di mantenimento della pace, la cui presenza è di grande importanza”, ha affermato il diplomatico. Secondo Galuzin, grazie agli sforzi russi, nel settembre dello scorso anno è stato possibile “evitare perdite significative tra la popolazione civile”. Sempre Galuzin ha dichiarato nella medesima intervista che Mosca discuterà le condizioni per la presenza delle forze di pace russe nel Nagorno Karabakh solo con Baku in relazione al cambiamento radicale della situazione nella regione. Ha aggiunto inoltre che la Russia sta lavorando per espandere la sua presenza consolare in Azerbaigian e Armenia.

(9) PENSIONI – A circa 22.000 persone sfollate con la forza dal Nagorno Karabakh sono state pagate le pensioni dal governo dell’Armenia. Il dato è emerso nel corso di un incontro che il premier armeno Pashinyan ha avuto oggi nella sede del ministero competente.

(9) AIUTI AGLI SFOLLATI – Il governo dell’Armenia tramite il ministero dell’Economia ha reso noto che sono previsti contributi per i datori di lavoro che impiegano persone sfollate con la forza dal Nagorno Karabakh nel campo dell’industria manifatturiera. Tale sostegno è rivolto a coloro che stanno appena entrando nel campo dell’industria manifatturiera e non hanno abbastanza esperienza e conoscenza per quel lavoro. “Come risultato degli studi, siamo giunti all’idea che il datore di lavoro dedica molto tempo, risorse e sforzi per garantire che il nuovo dipendente abbia una produttività sufficiente. Per questo motivo abbiamo previsto una misura secondo la quale se una persona che non ha mai lavorato in questo settore arriva qui, dopo aver lavorato per un anno consecutivo, il datore di lavoro riceverà un indennizzo” ha dichiarato il viceministro dell’Economia, Rafael G. Orgyan. Il termine di un anno è stato scelto dal punto di vista che occorrono almeno 6 mesi affinché il dipendente acquisisca conoscenze e competenze sufficienti e lo stesso tempo è necessario affinché diventi parte del team complessivo , avendo la produttività che consentirà al datore di lavoro di trarne vantaggio.Gevorgyan ha affermato che questo programma funziona per tutti i cittadini della Repubblica di Armenia.

(9) PRIGIONIERI ARMENI – Il Comitato internazionale della Croce Rossa informa che nel corso del 2023 sono stati scambiati 660 messaggi audio, lettere della Croce Rossa e telefonate tra gli armeni detenuti in Azerbaigian e i loro parenti. “I nostri delegati visitano regolarmente le persone detenute a Baku, aiutando a stabilire e mantenere i contatti con i loro parenti” si legge in una nota.

(9) AMBASCIATA USA A BAKU – L’ambasciata americana a Baku ha espresso preoccupazione per le violazioni avvenute durante l’elezione straordinaria del presidente dell’Azerbaigian. “Gli Stati Uniti condividono le osservazioni e le preoccupazioni della missione di osservazione dell’OSCE/ODIHR riguardo ai limiti e alla mancanza di reale concorrenza nelle elezioni presidenziali del 7 febbraio. L’Azerbaigian ha espresso il suo impegno nei confronti delle libertà fondamentali e dei processi democratici attraverso la sua Costituzione e gli obblighi internazionali. Chiediamo all’Azerbaigian di adempiere a questi obblighi e alle raccomandazioni precedenti e future dell’ODIHR“, si legge nella dichiarazione.

(7) ELEZIONI IN ARTSAKH OCCUPATO – Oggi si svolgono le elezioni presidenziali in Azerbaigian, anticipate rispetto alla scadenza naturale prevista per il prossimo anno. Scontata la riconferma del dittatore Aliyev che si è recato a votare con tutta la famiglia a Stepanakert. In tutto l’Artsakh occupato sono stati installati 26 seggi a beneficio dei soldati azeri di stanza nel territorio. Il dittatore Aliyev, come facilmente prevedibile, è stato riconfermato per il suo quinto mandato con il 92% dei voti. L’Osce ha rilasciato un comunicato nel quale evidenzia le forti criticità emerse durante la campagna elettorale e le votazioni.

(6) UNGHERIA – Il presidente armeno Vahagn Khachaturyan, a margine del suo viaggio in Ungheria nel corso del quale sono stati firmati diversi protocolli d’intesa, ha annunciato che milla bambini sfollati dall’Artsakh potranno trascorrere le loro vacanze in Ungheria. Dal canto suo, il presidente ungherese Katalin Novak, a sua volta, ha osservato che 40 milioni di fiorini ungheresi sono stati forniti alle famiglie armene che  hanno dovuto trasferirsi dal Nagorno Karabakh.

(5) DEMOGRAFIA IN ESILIO – La settimana scorsa, a Yerevan sono nati 29 bambini da famiglie di sfollati forzati dell’Artsakh. Il numero di bambini nati a Yerevan la scorsa settimana è stato di 1902: 962 maschi e 840 femmine, la crescita della popolazione è dell’1%. 29 bambini, 14 maschi e 15 femmine, sono nati tra gli sfollati forzati dell’Artsakh a Yerevan.

(5) ESPLOSIONE DI SETTEMBRE – La maggior parte dei cittadini che hanno riportato ustioni a causa dell’esplosione del deposito di carburante nel Nagorno Karabakh e sono stati curati all’estero sono tornati in Armenia. “Circa due dozzine di pazienti si sono recati all’estero per cure: Francia, Belgio, Spagna, Bulgaria, Stati Uniti e altri Paesi. Un paziente ferito nell’esplosione è attualmente in cura a Yerevan. Il resto delle vittime è sotto controllo ambulatoriale“, ha dichiarato il ministro della Sanità, Anahit Avanesyan. Secondo gli ultimi dati del comitato investigativo, a seguito dell’esplosione nel suddetto magazzino sono morte 218 persone. A seguito dell’esplosione e del successivo incendio, almeno 120 persone hanno riportato lesioni personali di vario grado, per lo più sotto forma di ustioni. 

(5) PRIGIONIERI ARMENI – Il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha visitato gli ex leader dell’Artsakh e altri prigionieri detenuti a Baku. Le visite ai prigionieri armeni (che hanno avuto la possibilità di contattare telefonicamente le famiglie) detenuti a Baku hanno avuto luogo tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio.

(5) AIUTI AGLI SFOLLATI – L’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale fornisce un ulteriore sostegno di 1 milione di dollari agli sfollati forzati del Nagorno Karabakh. grazie a questa assistenza, 19.300 sfollati dal Nagorno-Karabakh riceveranno assistenza umanitaria primaria attraverso il programma “Social Protection, Inclusion and Empowerment” finanziato dall’USAID e attuato da “Democracy International”. Il programma “Protezione sociale, inclusione ed emancipazione” fornisce gli aiuti umanitari necessari agli sfollati del Nagorno Karabakh: articoli per l’igiene, vestiti caldi, generi alimentari e non alimentari e altri beni necessari.La fornitura di supporto è iniziata a dicembre 2023 e durerà 6 mesi.

(1) COSTITUZIONE ARMENIA – Il presidente azero Aliyev ha invitato l’Armenia a modificare la propria costituzione eliminando ogni riferimento a possibili rivendicazioni territoriali nei confronti dell’Azerbaigian. “La Dichiarazione di Indipendenza dell’Armenia contiene richieste dirette per l’annessione della regione del Karabakh dell’Azerbaigian all’Armenia e la violazione dell’integrità territoriale dell’Azerbaigian, e i riferimenti a quel documento si riflettono anche nella Costituzione dell’Armenia.- Inoltre, in altri documenti legali dell’Armenia ci sono rivendicazioni territoriali contro l’Azerbaigian, in molte convenzioni e altri documenti a cui l’Armenia ha aderito ci sono molte riserve che non riconoscono la sovranità dell’Azerbaigian sul Karabakh. La pace può essere raggiunta se mettiamo fine a queste rivendicazioni e apportiamo modifiche alla Costituzione armena e ad altri documenti legali”, riferisce il servizio stampa di Aliyev. Nei giorni scorsi anche il premier Pashinyan aveva sollevato il tema di possibili modifiche alla Carta costituzionale e aveva dichiarato che l’Armenia deve adottare una costituzione che rifletta il “nuovo ambiente geopolitico” nella regione. La critica azera riguarda soprattutto la dichiarazione di indipendenza del 1990 nel cui preambolo si legge: “Sulla base della decisione congiunta del 1° dicembre 1989 del Consiglio supremo della SSR armena e del Consiglio nazionale dell’Artsakh sulla “riunificazione della SSR armena e della regione montuosa del Karabakh””.

(1) CORTE PENALE INTERNAZIONALE – L’Armenia è ufficialmente entrata a far parte della Corte Penale Internazionale dell’Aia. “Lo Statuto di Roma della CPI è entrato in vigore in Armenia il 1° febbraio. L’adesione alla CPI offre all’Armenia l’opportunità di prevenire crimini di guerra e crimini contro l’umanità sul proprio territorio“, ha affermato Yeghishe Kirakosyan, rappresentante dell’Armenia per gli affari giuridici internazionali. L’Assemblea nazionale armena aveva ratificato lo Statuto di Roma il 3 ottobre 2023 e la Corte penale internazionale aveva annunciato nel novembre 2023 che lo Statuto di Roma per l’Armenia sarebbe entrato in vigore il 1° febbraio 2024.

Armenia aderisce alla Corte dell’Aia. Preoccupazione di Mosca (Osservatorio legalità e diritti, 1 feb)

Nagorno Karabakh, come la Russia ha riacquistato gradatamente la sua iniziativa strategica nella regione (L’Antidiplomatico, 2 feb)

Presidenziali anticipate in Azerbaigian 7 febbraio. Aliyev verso quinto mandato e “una nuova era” (Aska, 3 feb)

Il destino del patrimonio culturale e religioso armeno nel Nagorno Karabakh-Artsakh (Alleanza cattolica, 4 feb)

Vietato l’ingresso in Azerbaigian all’osservatore elettorale svizzero (Bluewin, 4 feb)

Armenia-Azerbaijan, negoziati al rallentatore (Osservatorio Balcani Caucaso, 5 feb)

Dopo la guerra del Karabakh, il presidente dell’Azerbaigian Aliyev pronto per assicurarsi un quinto mandato (Euractiv, 5 feb)

Nagorno Karabakh: l’ascia del dittatore affilata da Turchia e Israele (Notizie geopolitiche, 6 feb)

Azerbaigian: aumenta la repressione in vista delle elezioni (Amnesty international, 6 feb)

Azerbaigian, la dinstia Aliyev va a caccia di record (manifesto, 7 feb)

CAUCASO. Zangezur contro Aras: i due corridoi azero turco armeni (AGC, 7 feb)

Il paradosso delle elezioni in Azerbaijan (Liberi, 7 feb)

Nelle elezioni presidenziali farsa in Azerbajgian, l’autocrate Ilham Aliyev vota a Stepanakert, la capitale fantasma dell’Artsakh occupato (Korazym, 7 feb)

Aliyev è peggio di Putin (altro che “partner affidabile dell’Ue”) (Tempi, 8 feb)

Azerbaigian: il regime autocratico che parla con tutti (RSI, 8 feb)

Azerbaijan – Con spoglio senza controlli rieletto Aliyev con il 92% dei voti (Assadakah, 9 feb)

Nagorno-Karabakh, quale futuro dopo il conflitto? (Unimondo, 9 feb)

Azerbaijan, le elezioni più imbarazzanti di sempre (Osservatorio Balcani Caucaso, 9 feb)

L’Azerbajgian acquista nuovi droni d’attacco dalla Turchia e dichiara che l’Armenia è una “minaccia alla pace nella regione” (Korazym, 10 feb)

Azerbaigian, elezioni “farsa” (La Redazione, 11 feb)

Nagorno Karabakh: i rappresentanti del popolo dell’Artsakh si uniscono con oltre 150 organizzazioni nella prima dichiarazione ufficiale dopo la guerra e la politica della Russia nell’area (Informazione, 11 feb)

L’Azerbaijan sta ripopolando il Nagorno Karabakh (Il Post, 11 feb)

In Azerbaijan il dittatore Aliyev continua ad arrestare i giornalisti indipendenti (IRPI Media, 12 feb)

Partita a scacchi tra Yerevan e Mosca. L’Armenia sceglie (quasi) l’Occidente (Formiche, 12 feb)

Commissione europea: colpi armeni deplorevoli, ma la reazione da Baku è sproporzionata (Ansa, 13 feb)

Armenia. Uccisi quattro soldati in un attacco dell’Azerbaigian (Avvenire, 13 feb)

Armenia dimenticata, il peso del gas azero sull’Europa (Città nuova, 13 feb)

L’UE aumenta gli aiuti umanitari agli armeni sfollati del Karabakh (Sardegna gol, 13 feb)

Una nuova agenda di partenariato Armenia-Ue nel giorno del grave incidente con l’Azerbaigian (Eunews, 13 feb)

Quattro armeni uccisi negli scontri al confine con l’Azerbaigian (Renovatio 21, 14 feb)

Nagorno, al via il ritorno degli azeri: occupare le case dei cristiani (Avvenire, 15 feb)

Nuova costituzione per l’Armenia? L’opposizione dice no (Osservatorio Balcani Caucaso, 15 feb)

L’identità dell’Armenia ieri e oggi (Asia News, 15 feb)

Baku Acquista Droni d’Attacco e Accusa l’Armenia di Minacciare la Pace… (Stilum curiae, 15 feb)

L’Armenia accusa l’Azerbaigian: «Vuole una guerra totale» (Lettera 43, 15 feb)

L’Italia può essere un modello di diplomazia nello scontro fra Armenia e Azerbaigian (Domani, 16 feb, per abb)

Ex presidente dell’Armenia: “Domani i nostri soldati non vorranno nemmeno resistere” (Recensione militare, 16 feb)

Nuovi scontri fra Armenia e Azerbaigian, nonostante tutti cerchino, a parole, la pace (Scenari economici, 18 feb)

Il regime israeliano invia armi all’Azerbaigian: rischio nuovo attacco contro i civili armeni (Report Sardegna 24, 19 feb)

Di nuovo tensioni tra Baku e Erevan: si teme la ripresa del conflitto (Worldmagazine, 19 feb)

La Russia conta sempre meno nel Caucaso meridionale (Tempi, 20 feb, per abb.)

Di nuovo tensioni tra Azerbaigian e Armenia: si teme la ripresa del conflitto (Renovatio21, 20 feb)

Nagorno-Karabakh: la battaglia decisiva (Agoravox, 21 feb)

L’Armenia si chiama fuori dalla “Nato russa”. E critica Mosca (Formiche, 23 feb)

La durissima vita dei centomila profughi cristiani dell’Artsakh in Armenia (Informazione cattolica, 23 feb)

Parigi pianta la bandiera al fianco di Mosca concludendo accordi sugli armamenti con l’Armenia (Top war, 24 feb)

Aerei da combattimento pakistani JF-17C Block III per l’Azerbaigian? (Analisi difesa, 25 feb)

L’Azerbaigian compra caccia in Pakistan, l’Armenia missili antiaerei in India (Scenari economici, 25 feb)

Francia. Servizi segreti monitorano le attività dell’Azerbaijan nel Paese (Notizie geopolitiche, 26 feb)

Armeni e palestinesi, due popoli in lotta contro imperialismo e colonialismo (PCL, 27 feb)

Qualche precisazione sull’Armenia. L’intervento dell’amb. Hambardzumyan (Formiche, 28 feb)

La Germania ospiterà a Berlino i colloqui di pace tra Armenia e Azerbaigian (Euractiv, 28 feb)

La Germania media per la pace tra Azerbaigian e Armenia (Euronews, 28 feb)

Anche il grande Charles Aznavour vittima del vandalismo azero! (Politicamente corretto, 28 feb)

La missione UE in Armenia celebra il primo anniversario (Osservatorio Balcani Caucaso, 29 feb)

Le autorità armene stanno valutando la possibilità di chiedere l’adesione all’Unione europea (Recensione militare, 29 feb)

Il vandalismo azero non impedirà che la Croce di Cristo risplenderà sull’Artsakh per sempre (Korazym, 29 feb)

Sollecitati anche da alcune domande di nostri lettori e dalle inesattezze lette sui media, facciamo sinteticamente il punto della situazione relativa all’esistenza della repubblica dell’Artsakh (Nagorno Karabakh).

* A settembre 2023, nel caos susseguente all’attacco azero e alla fuga della popolazione, il presidente della repubblica Samvel Shahramanyan diede notizia di un decreto (26 settembre) in base al quale dal successivo primo gennaio sarebbe cessata la repubblica e le sue istituzioni avrebbero smesso di operare.

* Di tale decreto non vi è traccia. Non è stato diffuso o pubblicizzato.

* Il 19 ottobre veniva decretato che “il presidente, il ministro di Stato, i membri del governo, il parlamento, il segretario del consiglio di sicurezza, le forze dell’ordine, il sindaco della capitale Stepanakert e i capi delle regioni amministrative dell’Artsakh continuano a ricoprire incarichi su base pubblica cioè senza compenso“.

* Inoltre, il suddetto decreto del presidente Shahramanyan aggiungeva che erano validi i documenti rilasciati per conto della Repubblica dell’Artsakh dopo il 1° ottobre.

* Il 22 dicembre, nel corso di un incontro in Armenia con funzionari dello Stato, il presidente Shahramanyan ha pubblicamente dichiarato che “non esiste alcun documento nel dominio giuridico dell’Artsakh che preveda lo scioglimento delle sue istituzioni statali“.

* Contemporaneamente il suo consigliere Vladimir Grigoryan ha affermato che “il decreto presidenziale sullo scioglimento dell’Artsakh (Nagorno Karabakh) non esiste più” e che “la Repubblica Artsakh, il governo e tutte le altre agenzie [statali] continueranno le loro attività dopo il 2024“. Di fatto, il decreto del 19 ottobre avrebbe reso nullo e sostituito quello del 26 settembre.

* A prescindere da quanto sopra, il decreto (contestato) del 26 settembre è stato oggetto di critiche costituzionali in quanto non può spettare al solo presidente della repubblica l’autorità di sciogliere le istituzioni statali ma tale decisione, eventualmente, può essere presa dalla sola Assemblea nazionale che è espressione della volontà popolare.

In conclusione possiamo dire che la repubblica dell’Artsakh continua la propria esistenza e le sue strutture istituzionali operano in esilio.

Chiuso il capitolo Nagorno Karabakh (Vaccari news, 1 gen)

Te Deum laudamus perché solo Tu non hai abbandonato il nostro Artsakh (Tempi, 2 dic, per abb)

La Repubblica di Artsakh continua ad esistere e le sue strutture statali ad operare in esilio (Korazym, 3 gen)

Artsakh, la testimonianza (Vaccari news, 5 gen)

Karekin II: «Crediamo nell’alba della nostra nuova vita, perché l’oscurità non può essere una barriera all’alba» (Korazym, 6 gen)

«Da un giorno all’altro è scomparso tutto». L’emergenza umanitaria dei rifugiati dal Nagorno-Karabakh (Domani, 7 gen, per abb)

Nel crudele elenco delle guerre dimenticate gli armeni del Nagorno (Remocontro, 8 gen)

Gli interessi fossili guideranno anche la COP29 in Azerbajan (Rinnovabili, 8 gen)

Le bordate del Guardian e del Nyt all’Azerbaigian (che esporta gas in Europa e Italia) sulla Cop29 (Energia oltre, 8 gen)

Mukhtar Babayev: i lati oscuri del presidente della prossima conferenza sul clima (Linkiesta, 9 gen)

Chi è Mukhtar Babayev, il petroliere nominato presidente della prossima Cop in Azerbaijan (Repubblica, 9 gen)

Guerre di serie B (Ultima voce, 10 gen)

L’Azerbajgian continua ad ostacolare la pace con l’Armenia. Con uno scopo (Korazym, 11 gen)

Terra sacra dell’Artsakh. Dimora eterna del Cristianesimo (Korazym, 11 gen)

Artsakh, Chiese e Monasteri Armeni senza Natale. Prima Volta in 1700 Anni. (Stilum curiae, 11 gen)

Il Presidente dell’Azerbaigian ha annunciato l’imminente inizio dell’insediamento di cinque città del Karabakh da parte degli azeri (Topwar, 12 gen)

Erevan conta sull’Unione europea nel negoziato con Baku (Asia news, 12 gen)

Consiglio d’Europa: Mijatovic, diritti umani siano al centro dei colloqui di pace tra autorità armene e azere (Agenzia SIR, 12 gen)

Nagorno Karabakh. Il dolore di un popolo senza terra e sotto assedio di cui “nessuno più parla” (Agenzia SIR, 15 gen)

Nessuna missione Ue per le elezioni in Azerbaigian (Ansa, 15 gen)

Artsakh – Sparito dalle cartine geografiche ma Baku non si ferma (Assadakah, 16 gen)

Nagorno Karabakh, a rischio ogni testimonianza armeno-cristiana (Terrasanta, 19 gen)

Corridoio di Zangezur: la pace fra Armenia e Azerbaigian si allontana (Scenari economici, 20 gen)

Nagorno-Karabakh: Poghosyan (Ambasciata Armenia presso Santa Sede), “il nostro Paese determinato a costruire la pace nel Caucaso meridionale” (Agenzia SIR, 20 gen)

Nagorno Karabakh, c’è ancora molto da fare (Osservatorio Balcani Caucaso, 22 gen)

Le pietre perdute del Nakhichevan e il rischio del Nagorno Karabakh (Politicamente corretto, 22 gen)

Nagorno Karabakh: alle porte dell’Europa gli Armeni espulsi dalle loro terre (Rai news, 22 gen)

Nagorno-Karabakh, quale futuro dopo il conflitto? (Atlante guerre, 23 gen)

Nagorno Karabakh: una missione UE in Armenia (Arte tv, 23 gen, documentario 30′)

L’Armenia: una tragedia umana e culturale alle porte dell’Europa (Aria mediterranea, 24 gen)

Dura condanna dell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa per l’Azerbajgian (Korazym, 25 gen)

Il Consiglio d’Europa sospende l’Azerbaijan (Osservatorio Balcani Caucaso, 26 gen)

Una risoluzione del Senato francese tutta da imitare: propone sanzioni contro l’Azerbaijan (Sponda sud, 26 gen)

Il primo ministro armeno Pashinyan ha invitato l’Azerbaigian a firmare un patto di non aggressione (Recensione militare, 28 gen)

Patto di non aggressione tra Armenia e Azerbaigian, la proposta del premier armeno (Euractive, 29 gen)

La nuova costituzione armena e le tensioni con l’Azerbaigian (Asianews, 29 gen)

Armenia ha il diritto di difendersi dalle aggressioni dell’Azerbajgian. Non è stata girata l’ultima pagina dell’Artsakh armeno (Korazym, 29 gen)

Opportunità strategica | La nuova proposta per un patto di non aggressione tra Armenia e Azerbaijan (e l’occasione dell’Ue) (Linkiesta, 31 gen)

L’Armenia è diventata ufficialmente membro della Corte penale internazionale (Il Post, 31 gen)

L’Azerbaijan tra petrolio e democrazia sospeso dal Consiglio d’Europa (Remo contro, 31 gen)

«ARMENIA – ARTSAKH. Ritorno al Paradiso» (Youtube, video conferenza)

(29) ELEZIONI IN AZERBAIGIAN – Il presidente della Commissione elettorale centrale dell’Azerbaigian, Mazahir Panahov, ha annunciato che gli elettori armeni potranno partecipare alle elezioni presidenziali straordinarie che si terranno nel Paese il 7 febbraio. “Gli elettori armeni, come gli altri cittadini dell’Azerbaigian, possono partecipare al voto nelle elezioni presidenziali straordinarie“, ha dichiarato, senza naturalmente specificare quanti elettori “armeni” ci saranno dopo l’occupazione dell’Artsakh.Ricordiamo che dopo l’occupazione dell’Artsakh, la macchina della propaganda di Baku ha mostrato alcuni armeni rimasti lì, che presumibilmente hanno scritto una domanda e hanno ricevuto la cittadinanza azera.

(29) RUBEN VARDANYAN – La corte d’appello di Baku ha respinto il ricorso di Ruben Vardanyan contro la decisione del tribunale di primo grado di Baku di prolungare la detenzione preventiva di 4 mesi. Il Servizio di Sicurezza dello Stato dell’Azerbaigian continua le indagini sul procedimento penale contro l’ex ministro di Stato dell’Artsakh, uomo d’affari e filantropo Ruben Vardanyan, che è stato rapito e detenuto illegalmente dallo scorso anno.

(27) PROPOSTE DI PACE – Il ministro degli Esteri azero, Bayramov, conferma che l’Azerbaigian ha ricevuto dall’Armenia un nuovo pacchetto di proposte di pace. “La parte azera presenterà la sua posizione sui termini dell’accordo nelle prossime settimane”, ha dichiarato il ministro.

(27) QUESTIONE MINE – Il ministero degli Esteri di Yerevan ha diramato una nota in risposta alle dichiarazioni azere: “Guidata da considerazioni umanitarie, chiedendo informazioni agli ex funzionari del Nagorno-Karabakh, l’Armenia ha preparato nuove mappe per trasferirle in Azerbaigian.Sfortunatamente, questa iniziativa è stata immediatamente accettata dalla parte azera in modo molto negativo e sarcastico, il che vanifica gli sforzi dell’Armenia per rafforzare la fiducia. Baku continua a manipolare l’argomento e rende questo passo positivo di Yerevan un’occasione per un’escalation e una retorica negativa”, si legge nella dichiarazione del dipartimento. Due giorni fa, l’Armenia ha inviato alla controparte altre otto mappe riguardanti campi minati nella regione del Nagorno Karabakh ricevendo tuttavia in cambio una risposta poco amichevole da parte di Baku.

(27) PERSONE SCOMPARSE – La commissione interdipartimentale armena che si occupa delle questioni relative ai prigionieri, agli ostaggi e alle persone scomparse (non si sa dove si trovino) ha rilasciato una dichiarazione: “In risposta alla tesi regolarmente messa in circolazione da vari organi statali della Repubblica dell’Azerbaigian, secondo cui la Repubblica dell’Armenia si rifiuta di fornire informazioni sui cittadini scomparsi dell’Azerbaigian, riteniamo necessario sottolineare che la Repubblica dell’Armenia nel 2020 da novembre ha trasferito alla Repubblica dell’Azerbaigian materiali topografici sulla possibile ubicazione dei corpi di 51 azeri morti nella guerra dei 44 giorni, nonché dei corpi di circa 50 persone morte negli anni ’90, ricevuti da i rappresentanti del Nagorno Karabakh. Inoltre, le ossa di 140 azeri morti negli anni ’90, ricevute dai rappresentanti del Nagorno Karabakh, furono trasferite nella Repubblica dell’Azerbaigian. Riteniamo necessario ricordare che 993 cittadini della Repubblica d’Armenia e armeni del NK sono considerati dispersi dall’inizio degli anni ’90, nella guerra dei 44 giorni del 2020 e, successivamente, la Repubblica d’Armenia è seriamente interessata a chiarire la loro sorte .La Repubblica d’Armenia ha dichiarato più volte, anche ai massimi livelli, di essere disposta a collaborare con la Repubblica dell’Azerbaigian per conoscere la sorte delle persone scomparse“, si legge nella dichiarazione.

(25) CONSIGLIO D’EUROPA – L’Azerbaigian sta valutando la procedura per lasciare il Consiglio d’Europa. Baku intende rispondere adeguatamente alla decisione dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa (PACE) di non approvare i poteri della delegazione azera. “L’Azerbaigian non intende sopportare questo atteggiamento ingiusto e pregiudiziale, e attualmente Baku ufficiale sta valutando la procedura di ritiro non solo dall’PACE, ma anche dal Consiglio d’Europa in generale”, hanno riferito i media azeri secondo i quali l’Azerbaigian può anche rifiutarsi di riconoscere la giurisdizione della Corte europea dei diritti dell’uomo.

(25) TRATTATIVE DI PACE – Il ministero degli Esteri dell’Armenia informa cheYerevan non ha ancora ricevuto la risposta di Baku alle proposte inviate il 4 gennaio. Lo ha riferito il portavoce del Ministero degli Esteri, Ani Badalyan. Senza negoziati faccia a faccia, Yerevan e Baku continuano a scambiarsi il documento. Il 25 dicembre Yerevan ha ricevuto le proposte dell’Azerbaigian, meno di dieci giorni dopo le osservazioni della parte armena sono state trasferite a Baku.Dopo aver ricevuto le ultime proposte dall’Azerbaigian, la sede ufficiale di Yerevan ha annunciato che c’è una certa battuta d’arresto in questo.

(25) DETENZIONE VARDANYAN – Le autorità dell’Azerbaigian hanno prolungato il periodo di detenzione di Ruben Vardanyan, ex ministro di Stato del Nagorno-Karabakh. La sua reclusione è stata prolungata di quattro mesi. Ruben Vardanyan, cofondatore dell’Aurora Humanitarian Initiative ed ex ministro di Stato del Nagorno-Karabakh, è stato arrestato dalle autorità azere il 27 settembre 2023 mentre era in viaggio verso l’Armenia insieme a decine di migliaia di altre persone in mezzo alla massa esodo degli armeni dal Nagorno-Karabakh. Da allora è stato incarcerato in Azerbaigian con l’accusa inventata di finanziamento del terrorismo e sconfinamento.

(25) FORZA DI PACE RUSSA – Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, nella conferenza stampa dedicata a riassumere i risultati delle riunioni del Consiglio di sicurezza dell’Onu, ha dichiarato che la questione del dispiegamento delle forze di pace russe in Karabakh non riguarda la parte armena. “Personalmente, il presidente Vladimir Putin ha svolto un ruolo decisivo nella questione della fine della guerra nel novembre 2020 e nell’approvazione dei documenti tripartiti armeno-russo-azerbaigiano al massimo livello. Questi documenti definiscono i parametri chiave dell’accordo, comprese le questioni relative alla demarcazione dei confini, alle vie commerciali e di trasporto e alla firma di un accordo di pace“, ha affermato. Parlando delle forze di pace russe nel Nagorno Karabakh, Lavrov ha sottolineato che la questione non riguarda la parte armena, ma rientra nell’ambito delle relazioni bilaterali Mosca-Baku.”In Karabakh, infatti, sono ancora rimasti alcuni dei nostri peacekeeper dopo che tutti hanno riconosciuto il Karabakh come territorio azerbaigiano. I presidenti di Russia e Azerbaigian hanno discusso questo argomento e concordano sul fatto che in questa fase la presenza delle forze di pace russe gioca un ruolo positivo nel rafforzare la fiducia e la stabilità nella regione, nonché nel facilitare il ritorno dei residenti del Karabakh“, ha affermato.

(24) AZERI FUORI DA P.A.C.E. – L’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa (PACE) ha votato (76 voti favorevoli, 10 contrari e 4 astensioni) la non ratifica delle credenziali della delegazione parlamentare dell’Azerbaigian. A motivazione di tale decisione sta il mancato rispetto di “importanti impegni” e la mancanza di cooperazione (anche con riferimento alla impossibilità dei parlamentari di visitare il corridoio di Lachin e il Nagorno Karabakh. Per il regime di Aliyev un duro colpo politico. Peraltro atteso, visto che nei giorni scorsi erano arrivate da Baku dIchiarazioni ostili verso le istituzioni europee. Per la cronaca i dieci voti contrari sono nove turchi e un albanese. Tutti gli italiani presenti hanno votato a favore.

(24) INSEGNANTI E STUDENTI – Secondo gli ultimi dati, 17mila studenti sfollati con la forza dal Nagorno Karabakh sono iscritti negli istituti scolastici pubblici. 250 insegnanti dell’Artsakh sono già stati mandati a lavorare e lavorano negli istituti scolastici regionali. Ciò contribuirà anche a coprire i posti vacanti di insegnanti nelle scuole regionali dell’Armenia.

(23) P.A.C.E. – l Comitato di Controllo dell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa ha proposto di non approvare i poteri della delegazione azera nella sessione plenaria. La decisione è stata adottata a maggioranza dopo accese discussioni. La commissione di controllo ha ritenuto che i poteri della delegazione azera non debbano essere confermati prima di un anno. Nella sessione del 24 gennaio si saprà come la PACE limiterà i poteri dei deputati azeri. La sessione plenaria può limitare completamente o parzialmente i poteri della delegazione azera ma la limitazione dei poteri non significherà la fine della partecipazione dell’Azerbaigian ad altre strutture del Consiglio d’Europa.

(22) MONITO DELLA UE ALL’AZERBAIGIAN – “Le recenti richieste territoriali del presidente Aliyev sono molto preoccupanti. Qualsiasi violazione dell’integrità territoriale dell’Armenia sarà inaccettabile e avrà gravi conseguenze per le nostre relazioni con l’Azerbaigian“. Così si è espresso in conferenza stampa l’alto commissario per gli affari esteri dell’Unione europea al termine del Consiglio dei ministri degli esteri di ieri a Bruxelles.

(22) ASSEMBLEA PARLAMENTARE CONSIGLIO D’EUROPA – All’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa il deputato tedesco Frank Schwabe ha chiesto la fine dei poteri della delegazione azera. Schwabe ha fatto riferimento alla presenza di prigionieri politici nel Paese, alla deportazione forzata di persone dal Nagorno Karabakh, al fatto che i relatori dell’assemblea non hanno potuto visitare l’Azerbaigian almeno tre volte nel 2023, nonché come la mancanza di un invito a osservare le elezioni presidenziali che si terranno lì il 7 febbraio. Il suo appello è stato sostenuto da almeno 30 membri dell’APCE in rappresentanza di cinque delegazioni nazionali. La convocazione è stata immediatamente deferita al Comitato di Sorveglianza dell’Assemblea per un rapporto e alla Commissione Regolamento per la conclusione. La cosa verrà esaminata dall’Assemblea il 24 gennaio. Secondo la Carta, l’Assemblea deve votare su una delle tre opzioni: ratificare il mandato, non ratificare, oppure ratificare, privando i membri della delegazione di alcuni diritti di partecipazione o rappresentanza. Fino alla decisione, i membri della delegazione azera possono temporaneamente partecipare all’Assemblea con gli stessi diritti degli altri membri, ma non hanno diritto di voto in nessun processo relativo alla verifica dei loro poteri.

(20) NUOVO MINISTRO DI STATO – Secondo quanto riporta il blog 301.am, l’ex ministro dello sviluppo urbano dell’Artsakh, Aram A. Sargsyan, è stato nominato nuovo ministro di Stato della Repubblica dell’Artsakh. Sostituisce Artur Harutyunyan, cugino dell’ex presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan che ha ricoperto la carica di Ministro di Stato dal 18 settembre 2023. Aram Sargsyan è nato a Stepanakert il 5 agosto 1983. Ha studiato presso la Facoltà di Energia dell’Università Statale di Ingegneria dell’Armenia nella specialità “Economia e gestione aziendale” (nel settore energetico), ottenendo una laurea in ingegneria e successivamente ha conseguito un Master presso la Facoltà di Economia dell’Università Statale di Artsakh. E’ stato eletto deputato nel 2018. Sposato, ha tre figli.

(18) LAVROV SU ARTSAKH – Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha dichiarato che dopo la firma degli accordi tripartiti e l’inizio della loro attuazione, l’Unione europea e gli Stati Uniti hanno cominciato ad intervenire attivamente nel processo negoziale armeno-azero. “Putin, non Macron, ha svolto un ruolo importante nel raggiungimento di un accordo tripartito tra Armenia, Azerbaigian e Federazione Russa. Dopo l’entrata in vigore di questi accordi, sono stati creati i meccanismi per sbloccare le rotte e la delimitazione dei confini, poi gli europei e gli americani hanno cominciato a partecipare attivamente a questo processo”, ha detto Lavrov. Secondo il ministro russo, nel novembre 2020 e nei documenti successivi, il territorio del Karabakh era descritto come la zona del contingente russo di mantenimento della pace, e tra i leader dei tre Paesi c’era un accordo che erano in corso negoziati sul tema dello status. “Immaginate la nostra sorpresa quando, nell’autunno del 2022, Macron ha tenuto una conferenza della comunità politica europea a Praga… e durante l’incontro hanno approvato un documento in cui si afferma che l’Azerbaigian e l’Armenia riconoscono reciprocamente l’integrità territoriale in conformità con la Dichiarazione di Almaty. Ciò significava il riconoscimento del Nagorno Karabakh come regione autonoma all’interno della SSR dell’Azerbaigian. Non sapevamo che tale dichiarazione fosse stata preparata e quando è stata fatta abbiamo concluso di aver informato Baku che la questione dello status del Karabakh era chiusa, chiusa dallo stesso Primo Ministro armeno“, ha detto il ministro degli Esteri. Inoltre, ha dichiarato che il meccanismo di cooperazione tra Azerbaigian, Armenia e Georgia ed i loro tre vicini più prossimi – Russia, Iran e Turchia – (formato “3+3”) è promettente perché non dipende dalla situazione politica mondiale.
Lavrov ha altresì affermato: “È un dato di fatto che i partner occidentali vogliono che il trattato di pace (tra Armenia e Azerbaigian) venga firmato solo sul loro territorio. È anche un dato di fatto che l’Azerbaigian è pronto a firmarlo sul territorio della Russia, dove, di fatto, sono iniziati gli sforzi per porre fine al conflitto e costruire un intero sistema di cooperazione per risolvere tutti i problemi. Non so fino a che punto Erevan sia pronta per questo, anche se importanti impulsi sono stati inviati alla capitale dell’Armenia già da molto tempo“.

(18) LAVROV SU ZANGEZUR – Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha dichiarato che “il corridoio Zangezur non è mai stato discusso come parte degli accordi presi dal presidente Putin, dal presidente Aliyev e dal primo ministro Pashinyan il 9 novembre 2020“. Parlando dello sblocco dei collegamenti regionali, Lavrov ha detto che i tre Paesi hanno deciso durante le riunioni della task force trilaterale che manterranno la sovranità e la giurisdizione sulle rotte che saranno sbloccate attraverso il loro territorio. Ciò è stato concordato e discusso con Putin durante la sua visita a Yerevan per il vertice della CSTO, ha detto Lavrov. Lavrov ha detto che l’accordo non è stato realizzato per ragioni sconosciute e ha precisato che l’Armenia non vuole schierare guardie di frontiera russe nella regione di Syunik nel contesto della strada dall’Azerbaigian a Nakhichevan attraverso il suo territorio. “Ho tutte le ragioni per dire che l’Occidente non vuole che gli accordi raggiunti tra Yerevan e Baku con la mediazione di Mosca vengano attuati” ha aggiunto il ministro russo.

(17) ACCUSE AZERE ALLA UE – Il capo del servizio stampa del ministero degli Esteri dell’Azerbaigian, Aykhan Hajizade, ha ritenuto infondate le dichiarazioni del capo della rappresentanza dell’Unione europea in Azerbaigian, l’ambasciatore Peter Mikhalko, riguardo al sistema giudiziario dell’Azerbaigian. “Si tratta di un’affermazione infondata e irresponsabile. Sarebbe meglio se l’ambasciatore si concentrasse sulla mancanza di giustizia e sul trattamento brutale nei sistemi giudiziari di alcuni paesi dell’UE“, ha scritto Hajizadeh sul suo microblog X.Ha inoltre considerato inaccettabile “l’interferenza con il sistema giudiziario dell’Azerbaigian basato sulle migliori pratiche internazionali“.

(17) SENATO FRANCESE – Oggi il Senato francese discuterà il progetto di risoluzione sull’integrità territoriale dell’Armenia, che condanna l’aggressione militare dell’Azerbaigian nel Nagorno-Karabakh e impedirà qualsiasi futura aggressione contro la Repubblica armena e il tentativo di violare la sua integrità territoriale. La risoluzione chiede sanzioni contro l’Azerbaigian, compreso un embargo sulle importazioni di gas e petrolio dall’Azerbaigian. La risoluzione chiede inoltre garanzie sul diritto della popolazione armena al ritorno nel Nagorno Karabakh e la liberazione di tutti i prigionieri comporese le autorità democraticamente elette.. Nella risoluzione, il Senato invita il governo francese a fare tutto il possibile affinché l’Azerbaigian si unisca urgentemente e pacificamente al processo di negoziazione portato avanti attraverso i canali diplomatici per raggiungere una pace stabile nel Caucaso meridionale.

(17) ESPLOSIONE DI SETTEMBRE – Il quartier generale dell’informazione dell’Artsakh ha chiesto ai parenti delle persone morte a seguito dell’esplosione del deposito di carburante del 25 settembre 2023 di contattarli.

(16) VANDALISMO AZERO – Il 15 gennaio 2023, sul canale YouTube dell’Azerbaigian Milli TV è stato pubblicato un video, girato nel villaggio occupato di Artsakh Haterk, che riprende il memoriale costruito in memoria delle vittime della guerra dell’Artsakh, e nell’area circostante. Lo avverte l’organizzazione Monument Watch, che monitora i monumenti dell’Artsakh. “Nel video si può vedere che durante la prima guerra dell’Artsakh, il complesso commemorativo e il cimitero circostante furono vandalizzati. In particolare, la maggior parte delle lapidi commemorative con i ritratti dei difensori del villaggio di Haterk, così come alcune lapidi, sono ribaltate. Il video è stato girato da azeri che stavano svolgendo alcuni lavori vicino al memoriale. Nel video si vede anche che su delle lapidi commemorative sono posizionati strumenti di lavoro e una bombola di gas”.

(15) CORRIDOIO ZANGEZUR – Nell’accordo di pace non c’è alcuna clausola sul “corridoio Zangezur” e non può esserci. Lo ha annunciato il portavoce dell’Assemblea Nazionale dell’Armenia, Alen Simonyan, durante un briefing con i giornalisti. “Abbiamo detto che sì, comprendiamo che l’Azerbaigian vuole un modo per spostarsi da una parte all’altra del suo Paese, abbiamo detto che siamo pronti ad aprire loro tutte le strade, abbiamo detto che forse è possibile che qualche processo facilitato per potersi muovere, ma nulla riguardo ad uno specifico percorso extraterritoriale. Ne parlano i tre principi fondamentali che sono già stati concordati con il presidente dell’Azerbaigian alla presenza di Charles Michel, di cui è stato annunciato il 15 luglio 2023. Pertanto, non parliamone più.”

(15) APPELLO RESPINTO –  La Corte d’appello di Baku ha respinto oggi la richiesta di appello contro la decisione della corte contro Vagif Khachatryan, rapito dalle forze azere nel corridoio Lachin lo scorso agosto e poi condannato il 7 novembre in primo grado a 15 anni di reclusione sulla base di false accuse relative a fatti degli anni Novanta.

(13) LA QUESTIONE DEI VILLAGGI OCCUPATI – Si parla molto dell’adeguamento dei territori, del confine tra Armenia e Azerbaigian. L’Azerbaigian solleva la questione di 4 villaggi e l’Armenia solleva la questione di 32 villaggi le cui aree vitali sono occupate, inclusa la regione di Gegharkunik. Ne ha parlato il Primo ministro Nikol Pashinyan durante una riunione a Gavar del suo partito “Accordo civile”. Egli ha osservato che poiché l’Armenia aderisce alla Dichiarazione di Almaty, riconoscendo reciprocamente l’integrità territoriale dell’altra, non dovrebbero esserci territori occupati tra Armenia e Azerbaigian. “Pertanto, quando risulta che l’Armenia tiene sotto controllo alcuni territori che de jure appartengono all’Azerbaigian, l’Armenia dovrebbe lasciare quei territori, e quei territori che de jure appartengono all’Armenia, l’Azerbaigian li mantiene sotto controllo. L’Azerbaigian dovrebbe andarsene. Si tratta di un accordo politico che è stato registrato, ma è praticamente impossibile da attuare senza una mappa concordata di comune accordo, perché come decideranno se questo è il territorio dell’Armenia o dell’Azerbaigian? C’è un modo per farlo. Basandosi sulla Dichiarazione di Almaty, mettete sul tavolo le mappe che esprimono le disposizioni della Dichiarazione di Almaty e andate a vedere la realtà sul posto e abbinate le realtà alle mappe. L’approccio opposto significa, infatti, creare una situazione che porterà costantemente ad escalation, che non può diventare un pilastro della pace e noi, come abbiamo annunciato e continuiamo ad annunciare, siamo pronti ad andare in questa direzione“, ha affermato Pashinyan. Ricordiamo che Aliyev qualche giorno fa ha affermato che la questione del “ritorno” di 8 villaggi è sempre all’ordine del giorno. 

(13) CORTE DELL’AJA – Oggi, la delegazione guidata dal rappresentante della Repubblica di Armenia per le questioni pratiche internazionali ha partecipato alla riunione sulle questioni procedurali tenutasi presso la Corte permanente di arbitrato dell’Aia, nel quadro dell’arbitrato avviato dall’Azerbaigian il 27 febbraio 2023 in conformità con la Trattato sulla Carta dell’Energia (ECT). La Repubblica d’Armenia attende la finalizzazione delle norme procedurali del suddetto procedimento arbitrale e si prepara a presentare le sue argomentazioni e prove sull’infondatezza delle pretese legali dell’Azerbaigian nella fase appropriata del procedimento arbitrale.

(13) PASHINYAN SU DICHIARAZIONI ALIYEV – Il premier armeno, Nikol Pashunyan, nel corso di una riunione del suo partito ‘Contratto civile’, ha dichiarato che considera  le recenti dichiarazioni di Aliyev un duro colpo al processo di pace. “La prima ragione è che abbiamo stipulato più volte un accordo pubblico e registrato secondo cui la pace tra Armenia e Azerbaigian, così come la delimitazione e la demarcazione dei confini, dovrebbero essere basate sulla Dichiarazione di Almaty del dicembre 1991. Ciò significa una cosa semplice, che Armenia e Azerbaigian riconoscono reciprocamente l’integrità territoriale con la consapevolezza che il territorio dell’Armenia è esattamente quanto lo era il territorio della Repubblica Socialista Sovietica Armena, e il territorio dell’Azerbaigian è esattamente quanto il territorio della Repubblica Socialista Sovietica dell’Azerbaigian era. : La Dichiarazione di Almaty dice proprio questo, che l’Unione Sovietica crolla, che gli stati ottengono l’indipendenza con i loro territori, e che i confini amministrativi tra gli stati sovietici diventano confini statali”, ha detto.  Pashinyan aggiunge che ciò significa che il processo di demarcazione dei confini non riguarda la creazione di un confine, ma la riproduzione dei confini che esistevano nella Dichiarazione di Almaty del 1991.

(12) POSIZIONE RUSSA SU PULIZIA ETNICA – Durante il briefing, la rappresentante ufficiale del Ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha suggerito che il governo di Yerevan fornisca prove sulla pulizia etnica da parte dell’Azerbaigian nell’Artsakh. “Vorremmo presentare tutti i fatti, se esiste almeno un documento di qualsiasi organizzazione internazionale considerata autorevole da Yerevan, ad esempio le Nazioni Unite o un’altra organizzazione. Se esiste qualche documento o dichiarazione che dimostri che tale pulizia etnica ha avuto luogo, vi preghiamo di fornirci i link a questo documento“, ha detto durante il briefing. Zakharova ha ricordato che la parte russa, sulla base delle dichiarazioni di Baku, ha più volte sottolineato il ritorno della popolazione armena del Nagorno Karabakh. Secondo Zakharova, Mosca è pronta a sostenere in modo globale il processo di ritorno degli armeni, affermando chiaramente la necessità di garantire i loro diritti e la sicurezza. In precedenza l’Armenia aveva parlato di “pulizia etnica” nell’Artsakh pur in presenza della forza di pace russa.

(12) CONSIGLIO D’EUROPA – La Commissaria per i diritti umani del Consiglio d’Europa, Dunja Mijatović, ha pubblicato le sue Osservazioni relative alla sua visita in Armenia e Azerbaigian, compreso il Nagorno Karabakh, dal 16 al 23 ottobre 2023. “È stata la prima volta dopo decenni che una missione per i diritti umani di questo tipo ha potuto visitare la regione del Karabakh“, ha detto l’ufficio di Mijatović in un comunicato stampa. “La visita è stata motivata dallo sfollamento di massa di oltre 101.000 armeni del Karabakh fuggiti in Armenia nel giro di pochi giorni alla fine di settembre. Ciò è seguito all’azione militare dell’Azerbaigian del 19 e 20 settembre, al conseguente pieno controllo della regione e alla prolungata interruzione nella circolazione delle persone e nell’accesso a beni, servizi e forniture energetiche essenziali sperimentata dagli armeni del Karabakh a seguito di un blocco di nove mesi. della strada lungo il corridoio Lachin verso l’Azerbaigian. In Armenia, il Commissario ha parlato con gli armeni del Karabakh che se ne erano andati e si trovavano in rifugi forniti dalle autorità“, ha affermato l’ufficio del Commissario. Mijatović ha visitato anche Stepanakert, dove ha “osservato strade vuote, locali abbandonati e quasi nessun segno della presenza di civili“. Sulla base di ciò che ha potuto sentire e vedere, il Commissario ha concluso che alla fine di settembre 2023 gli armeni del Karabakh si sono trovati abbandonati senza alcuna garanzia affidabile di sicurezza o protezione da parte di alcuna parte e che, per loro, lasciare la propria casa era l’unica via di salvezza. Il Commissario ha sottolineato che gli armeni del Karabakh fuggiti in Armenia, e in particolare quelli appartenenti a gruppi vulnerabili, dovrebbe essere garantito l’accesso a tutto il sostegno necessario nell’immediato, nel medio e nel lungo termine. Ha inoltre sottolineato che agli armeni del Karabakh recentemente sfollati in Armenia “dovrebbe essere data la possibilità di ritornare in sicurezza e dignità – anche se al momento sembra ipotetico per la maggior parte – anche trovando soluzioni flessibili, in particolare per quanto riguarda la loro cittadinanza e status giuridico. In attesa di un possibile ritorno, si dovrebbero trovare tempestivamente modalità, anche stabilendo garanzie di sicurezza, affinché gli armeni del Karabakh possano accedere temporaneamente alle loro case o luoghi di residenza abituale e visitare i cimiteri dove sono sepolti i propri cari. Spetta alle autorità azere garantire che le proprietà lasciate dagli armeni del Karabakh siano protette da saccheggi, furti o impossessamenti. Anche i pochi armeni che sono rimasti nella regione del Karabakh dovrebbero beneficiare di tutta la tutela dei diritti umani, compresa la garanzia della loro libertà di movimento.”

(10) LAVORO PER GLI SFOLLATI – Nella prossima sessione del governo armeno verrà presentato un programma di occupazione per gli sfollati forzati del Nagorno Karabakh secondo quanto ha annunciato il ministro del Lavoro e degli affari sociali armeno, Narek Mkrtchyan, durante un incontro con i giornalisti. Ha affermato che circa 6.000 persone sfollate con la forza dal Nagorno Karabakh hanno trovato lavoro, anche con il sostegno dello Stato. Mkrtchyan ha esortato le persone a rivolgersi agli uffici del Servizio Sociale Unito per avere consigli sull’inserimento lavorativo. “Stiamo ora rivalutando l’elenco dei destinatari dell’assistenza sociale. Questa questione sarà chiarita dopo gennaio“, ha detto il ministro che ha anche aggiunto che sono circa 1.000 i cittadini sfollati con la forza dal Nagorno Karabakh non hanno ancora beneficiato del sostegno una tantum di 100.000 dram fornito dallo Stato. Complessivamente, nel 2023, sono stati stanziati dall’Armenia per gli sfollati circa 29 miliardi di dram pari a 70 milioni di dollari.

(9) CSTO – Il segretario del Consiglio di sicurezza, Armen Grigoryan, in un’intervista televisiva, ha dichiarato che la CSTO non ha mai riconosciuto i confini dell’Armenia, e questo è un problema molto serio per l’Armenia. “Non abbiamo alcuna aspettativa dalla CSTO, perché nel settembre 2022 o prima, quando si sono verificati attacchi su larga scala contro la Repubblica di Armenia, l’Armenia si è rivolta alla CSTO aspettandosi aiuto per proteggere il nostro territorio sovrano. Non abbiamo ricevuto alcuna risposta adeguata dalla CSTO e col tempo ci siamo resi conto che non possiamo avere alcuna aspettativa al riguardo“, ha affermato Grigoryan. Secondo lui, quando la CSTO farà una dichiarazione, valuterà e difenderà l’integrità territoriale, la sovranità e i confini dell’Armenia, allora la parte armena capirà cosa fare. All’osservazione che la CSTO dichiara che i suoi osservatori sono pronti a venire in Armenia e offre anche sostegno tecnico-militare all’Armenia, il segretario del CS ha risposto che non è stata offerta all’Armenia assistenza tecnico-militare da parte della CSTO e che gli osservatori della CSTO è stato chiesto o quale confine verranno a proteggere, non è stata data una risposta chiara. “La CSTO non ha mai riconosciuto i confini dell’Armenia, la CSTO non riconosce la sua giurisdizione. Questa è una circostanza molto importante. La CSTO non riconosce la propria area di responsabilità nella nostra regione, e questo è un problema molto serio per l’Armenia”

(9) USA-ARMENIA – Ruben Rubinyan, vicepresidente dell’Assemblea nazionale armena, ha ricevuto Luis Bono, consigliere senior per i negoziati sul Caucaso del Dipartimento di Stato americano. Le parti hanno discusso questioni relative alla sicurezza e alla stabilità regionale, hanno discusso del processo di normalizzazione delle relazioni Armenia-Turchia e si sono confrontate sul processo di pace tra Armenia e Azerbaigian. Intanto, l’addetta stampa dell’ambasciata americana in Azerbaigian, Vanessa Zenji, in risposta a una richiesta dell’agenzia azera APA, ha dichiarato che gli USA sono pronti a sostenere qualsiasi processo che porti pace e stabilità ai popoli del Caucaso meridionale.

(8) PAPA FRANCESCO – Papa Francesco, Nel suo discorso annuale sullo “Stato del mondo” rivolto ai membri del Corpo Diplomatico accreditato presso la Santa Sede, ha sottolineato l’urgenza del ritorno legale e sicuro degli armeni dell’Artsakh alle loro case, la necessità di rispettare i luoghi di culto, preoccupazione per la tensione nel Caucaso meridionale e i disaccordi tra Azerbaigian e Armenia e ha invitato le due parti a firmare un trattato di pace.

(7) PROPOSTA ARMENA – Il ministero degli Esteri dell’Armenia in una nota alla stampa sottolinea come resta in vigore la proposta di un ritiro speculare delle truppe dal confine armeno-azerbaigiano. “Durante i negoziati tra Armenia e Azerbaigian, la parte armena ha sempre sostenuto un ritiro speculare delle truppe dal confine interstatale Armenia-Azerbaigian, e questo è ancora in vigore“, si legge nel messaggio.

(7) FORZA DI PACE – Il Ministero della Difesa della Federazione Russa riferisce che nell’Artsakh popolato da armeni non sono state registrate violazioni del regime di cessate il fuoco. Il contingente russo per il mantenimento della pace continua a svolgere compiti in 18 posti di osservazione della “Regione economica del Karabakh della Repubblica dell’Azerbaigian”, riferisce il Ministero della Difesa della Federazione Russa. “Non sono state registrate violazioni del cessate il fuoco nella zona di responsabilità delle truppe russe di mantenimento della pace. “La cooperazione continua con Baku viene mantenuta per garantire la sicurezza e i diritti umanitari della popolazione civile“, si legge nel messaggio. Non è chiaro a quale popolazione civile del Nagorno-Karabakh si riferisca il messaggio del Ministero della Difesa della Federazione Russa.

(6) NATALE ARMENO – Il 6 gennaio la Chiesa Apostolica Armena celebra la prima delle cinque feste dell’anno, la festa della Natività e dell’Epifania di Cristo. Questa festa commemora la nascita e il battesimo di Gesù. Se Cristo non fosse nato nella carne, non sarebbe stato battezzato, quindi non ci sarebbe la festa dell’Epifania. La festa del Battesimo celebrata nello stesso giorno simboleggia il battesimo di Cristo nel fiume Giordano, che è la morte del peccato e la rinascita dell’anima.  
Il Catholicos di Tutti gli Armeni Karekin II ha inviato un messaggio in occasione della Festa del Santo Natale e dell’Epifania del Signore: “Siamo zelanti nel rafforzare il nostro Stato nativo e uniamoci per fermare le ambizioni espansionistiche e le invasioni dell’Azerbaigian con tutte le nostre forze. Per noi, l’Artsakh non sarà mai dimenticato e prenderemo ogni misura per proteggere i diritti degli armeni dell’Artsakh.

(5) BILANCIO ATTACCO AZERO – A seguito dell’attacco del 19 e 20 settembre è stata registrata la tragica perdita di 223 vite umane, tra cui 25 civili e 5 minori. 244 sono stati i feriti, circa 80 i civili, di cui 10 minori. Ad oggi figurano 20 dispersi, di cui 5 civili. Durante la fuga dei civili in Armenia sono morte oltre 70 persone. In seguito all’esplosione nel deposito di carburante vicino a Stepanakert, ci sono 218 vittime, 21 sono considerate disperse e ci sono 3 corpi non identificati.

(5) LISTA NERA – L’Azerbaigian è comparso nella “lista nera” degli Usa per questioni legate alla libertà religiosa. Il segretario di Stato Anthony Blinken ha mantenuto tutti i 12 paesi che erano sulla lista nera dello scorso anno, tra cui Cina, Iran, Pakistan e Arabia Saudita. L’unico cambiamento è che Blinken ha aggiunto l’Azerbaigian alla lista di controllo, il che significa che entrerà nella lista nera, che comporta potenziali sanzioni senza miglioramenti.

(5) GUERRA DEI 44 GIORNI – In relazione alla guerra dei 44 giorni, il comitato investigativo ha presentato alla corte un procedimento penale contro 422 persone, 99 delle quali sono ufficiali. La stragrande maggioranza dei casi è sotto processo. Argishti Kyaramyan, presidente del comitato investigativo della Repubblica di Armenia, ha sottolineato che il lavoro del comitato ha evidenziato profili di responsabilità a carico di 99 militari armeni per la conduzione delle operazioni durante la guerra del 2020. “Il processo dimostrerà se queste persone sono colpevoli oppure no. Ma almeno dal punto di vista dell’organo istruttorio, penso che abbiamo risposte a molte domande. Ci sono circostanze che hanno contribuito alla sconfitta, ci sono persone le cui azioni o inazioni hanno contribuito alla sconfitta“, ha detto Kyaramyan. Secondo il Kyamaran è stato fatto un lavoro enorme. “Ci sono state circostanze in cui abbiamo condotto le indagini non a livello di reggimento, ma a livello di battaglione, addirittura fino alla squadra. Sono state svolte decine di migliaia di azioni investigative, il volume totale dei casi raggiunge diverse migliaia di volumi“.

(5) PRIGIONIERI ARMENI – Secondo Argishti Kyaramyan, presidente del comitato investigativo della Repubblica di Armenia sulla guerra del 2020, attualmente ci sono 23 prigionieri confermati dall’Azerbaigian, 17 dei quali sono ostaggi a seguito dell’aggressione del 2023. “Dopo la guerra durata 44 giorni, disponiamo di dati concreti sulla sparizione forzata di 32 persone, che sono stati presentati ai tribunali statali superiori“, ha dichiarato Kyaramyan.  Lui ha osservato che ci sono anche le decisioni di applicare una misura provvisoria della CEDU a 22 persone, ma l’Azerbaigian nega il fatto della sparizione forzata di queste persone.  Kyaramyan ha dichiarato che l’Azerbaigian ha confermato di tenere prigionieri 23 armeni ma ha prove della scomparsa forzata di altre 32 persone dopo la guerra del 2020.

(4) MORTI SOLDATI AZERI – A causa di un incidente stradale, due soldati azeri sono morti e nove sono rimasti feriti. Il mezzo sul quale viaggiavano si è ribaltato a causa dell’asperità del terreno nella regione occupata di Karvachar.

Più di 150 partiti, organizzazioni pubbliche, organi di stampa e leader degli organi di autogoverno locale della Repubblica dell’Artsakh (Repubblica del Nagorno Karabakh) hanno firmato un appello alla comunità internazionale in occasione del Giorno del Referendum sull’Indipendenza, il Giorno della Costituzione della Repubblica dell’Artsakh e il 75° anniversario dell’adozione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

“Un popolo libero non può rinunciare ai suoi diritti sovrani e sottomettersi al dominio di uno Stato straniero, soprattutto governato per molti anni da un regime autoritario, corrotto e razzista, inebriato dalla sua impunità.

La nostra decisione collettiva di lasciare la nostra Patria – la Repubblica dell’Artsakh (Repubblica del Nagorno Karabakh), le nostre case, le nostre chiese armene, lasciando dietro di noi le reliquie di San Giovanni Battista (Surb Hovhannes Mkrtich) e le tombe dei nostri antenati, che noi proteggono da secoli, è la prova davanti al mondo intero che la libertà è il valore più alto per il popolo dell’Artsakh. Abbiamo preso questa decisione forzata nel mezzo di azioni genocide in corso e di gravi minacce esistenziali incombenti.

Abbiamo preso questa decisione perché coloro che si definiscono paladini e difensori della libertà e dei diritti umani hanno deciso di negarci il nostro  diritto a vivere con dignità nella nostra patria e il nostro diritto all’autodeterminazione, puntando così a realizzare una pace immaginaria tra Armenia e Azerbaigian e per il bene dei propri interessi geopolitici.

Ce ne siamo andati perché era l’unico modo per garantire la nostra sicurezza, preservare la nostra dignità umana e nazionale e il nostro patrimonio genetico, smascherare la grande menzogna su cui si basava l’idea politica di una risoluzione unilaterale e forzata del conflitto, costringendo noi e i nostri bambini ad accettare la cittadinanza e a giurare fedeltà al regime che ci odia.

Per più di tre decenni abbiamo difeso con tutte le nostre forze il diritto dei nostri figli alla pace e al libero sviluppo. Ci siamo opposti agli accordi politici che ci sono stati offerti a scapito del nostro diritto sovrano di vivere nella nostra Patria, conquistato a costo di vite umane e di enormi sacrifici di molte generazioni durante i lunghi secoli di lotta per preservare la nostra dignità e identità nazionale. E questa lotta non è finita. Siamo fiduciosi che riconquisteremo la nostra Patria con il potere della verità e della giustizia.

Per coloro che pensano che il mondo possa essere governato dalla menzogna e dalla forza bruta, ripetiamo quanto segue:

La Repubblica del Nagorno Karabakh (NKR) è stata proclamata il 2 settembre 1991 dalle legittime autorità della Regione Autonoma del Nagorno Karabakh (NKAO) e della Regione Shahumyan della Repubblica Sociale Sovietica dell’Azerbaigian, quando le autorità di quest’ultima annunciarono la loro decisione di secedere. dall’URSS. La Dichiarazione politica sulla proclamazione dell’NKR si basava sulle norme giuridiche della legge sovietica allora in vigore e sulla volontà del popolo dell’Artsakh, espressa in un referendum nazionale.

Il nostro diritto all’autodeterminazione fu riconosciuto anche dalle autorità della Russia sovietica e dell’Azerbaigian nel 1920, e divenne la base per la creazione della Regione Autonoma del Nagorno-Karabakh nel 1923, fu sancito nella costituzione dell’URSS, la costituzione dell’Azerbaigian Repubblica Socialista Sovietica e la sua legge “Sulla NKAO”, ed è stata preservata nella Legge “Sulla procedura di secessione della Repubblica Sovietica dall’URSS” del 3 aprile 1990, e si basa anche sulla Carta delle Nazioni Unite e sul Patto Internazionale sulla Diritti civili e politici del 1966.

Il referendum del 10 dicembre 1991 ha confermato che la maggioranza assoluta degli elettori ha sostenuto la decisione di dichiarare l’indipendenza della nostra Repubblica. Il parlamento legittimo, eletto secondo standard democratici e in condizioni di assedio genocida e aggressione armata, ha adottato il 6 gennaio 1992 la Dichiarazione di Indipendenza della Repubblica del Nagorno Karabakh, Artsakh. Migliaia di nostri connazionali hanno pagato con la vita questa scelta.

Nel 1992, tutti gli Stati membri della CSCE/OSCE hanno riconosciuto il diritto dei rappresentanti eletti del Nagorno-Karabakh a partecipare alla conferenza internazionale dell’OSCE incaricata di risolvere il conflitto del Nagorno-Karabakh. Con un referendum nel 2006, il nostro popolo ha approvato la Costituzione della Repubblica, che definisce la procedura per l’elezione dei legittimi rappresentanti del Nagorno-Karabakh e i loro poteri; nel 2017, sempre con un referendum, il popolo ha approvato una nuova Costituzione. Questa Costituzione era e rimane l’unico documento fondamentale attraverso il quale i cittadini della nostra Repubblica sono guidati e obbediti di loro spontanea volontà.

Di conseguenza, noi, cittadini della Repubblica dell’Artsakh, nel tentativo di difendere i nostri diritti legali e il diritto di preservare la soggettività della nostra Repubblica, affermiamo che l’autodeterminato Nagorno-Karabakh non ha preso alcuna parte nella formazione del costituzione e autorità dell’autoproclamata Repubblica dell’Azerbaigian e, al contrario, ne ha dichiarato l’indipendenza. Tuttavia, il neonato Azerbaigian non ha nascosto le sue pretese infondate sul Nagorno-Karabakh.

Fu in tali condizioni che la comunità internazionale registrò l’esistenza di disaccordi sullo status del Nagorno-Karabakh, riconoscendo la natura contesa di questo territorio. Armenia e Azerbaigian sono diventati paesi partecipanti alla CSCE/OSCE a condizione che riconoscano l’esistenza di disaccordi sulla questione del Nagorno-Karabakh e concordino che il futuro status del Nagorno-Karabakh venga determinato in una conferenza di pace sotto gli auspici di la CSCE/OSCE. Entrambi gli stati hanno assunto l’obbligo internazionale di risolvere la questione esclusivamente con mezzi pacifici.

Tuttavia, una volta divenuto uno Stato partecipante alla CSCE/OSCE, l’Azerbaigian ha immediatamente violato il suo obbligo internazionale di risolvere pacificamente le controversie. Baku ha usato illegalmente la forza contro l’NKR come territorio conteso per impedire lo svolgimento di una conferenza internazionale per determinare lo status del Nagorno Karabakh. In quelle condizioni, la popolazione del Nagorno-Karabakh ha esercitato il proprio diritto all’autodifesa. L’aggressione armata dell’Azerbaigian nel 1992-1994 portò alla sua sconfitta con significative perdite territoriali. È importante sottolineare che la linea di contatto tra NKR e Azerbaigian è stata riconosciuta a livello internazionale.

Tuttavia, durante i tre decenni del conflitto, nessuno statista, politico o autorità legale internazionale ha risposto a una semplice domanda: perché l’Azerbaigian e altri Stati che hanno riconosciuto legalmente l’obbligo di seguire lo stato di diritto come principio fondamentale della loro statualità, possono prescindere dall’obbligo di rispettare il diritto all’autodeterminazione del Nagorno Karabakh e dal principio di non uso della forza, entrambi derivanti da tale principio fondamentale?

Questa circostanza ha permesso all’Azerbaigian di mantenere nel suo arsenale politico la strategia di annessione del Nagorno Karabakh attraverso l’espulsione forzata dei suoi popoli indigeni. La politica aggressiva dell’Azerbaigian non ha ancora ricevuto la dovuta condanna internazionale. Gli attori internazionali, contrariamente ai loro obblighi internazionali di assumersi la responsabilità di proteggere la popolazione dal genocidio (Responsabilità di proteggere), purtroppo, non hanno prestato la dovuta attenzione agli avvertimenti contenuti nella Dichiarazione del Parlamento dell’Artsakh del 27 luglio 2023 sui più gravi le gravi minacce esistenziali che affliggono la popolazione dell’Artsakh, non hanno impedito le azioni criminali dell’Azerbaigian, che ha commesso un’altra aggressione militare contro l’NKR nel settembre 2023 ed ha completamente espulso la popolazione armena indigena dell’Artsakh dalla loro patria storica.

Va ricordato che dopo la conclusione della tregua il 9 novembre 2020, il presidente dell’Azerbaigian ha dichiarato che il problema del Nagorno Karabakh non esiste più e che tutti devono fare i conti con le conseguenze della seconda guerra del Karabakh. Nel tentativo di cambiare l’essenza del conflitto, l’Azerbaigian ha introdotto nel suo vocabolario diplomatico una falsa narrativa dell’“occupazione armena delle terre azerbaigiane”, attraverso la quale tenta di mettere a tacere le legittime preoccupazioni sulla sua aggressiva politica genocida.

Non intendiamo compromettere i nostri principi, le nostre convinzioni e i nostri diritti in relazione alla nostra Patria, né di fronte alla forza, né sotto la minaccia di distruzione, né in esilio, né in qualsiasi altra circostanza politica.

L’intero mondo civilizzato si trova oggi di fronte a una scelta: o ripristinare l’ordine internazionale nel Nagorno Karabakh, basato sul rispetto del diritto all’autodeterminazione e degli altri diritti e libertà dei popoli e dei diritti umani, oppure accettare che il blocco, l’aggressione armata, Il genocidio e l’occupazione sono modi legittimi per risolvere i conflitti.

Oggi i leader di molti stati parlano della necessità del ritorno degli armeni nel Nagorno-Karabakh. Tuttavia, crediamo che per il ritorno pacifico, sicuro e dignitoso e la vita del nostro popolo nella loro patria siano necessarie le seguenti indiscutibili condizioni:

Innanzitutto escludiamo il ritorno dei cittadini della Repubblica dell’Artsakh nella giurisdizione dell’Azerbaigian. Le forze armate, la polizia e l’amministrazione azera devono essere completamente ritirate dal territorio della Repubblica dell’Artsakh, compresa la regione di Shahumyan, dove anche l’Azerbaigian ha la piena responsabilità della pulizia etnica del 1992.

In secondo luogo, le forze multinazionali internazionali di mantenimento della pace delle Nazioni Unite dovrebbero essere dispiegate lungo tutto il confine della Repubblica dell’Artsakh e dovrebbe essere creata una zona smilitarizzata.

In terzo luogo, il Corridoio Lachine, riconosciuto a livello internazionale, dovrebbe essere completamente trasferito sotto il controllo e la gestione delle Nazioni Unite.

In quarto luogo, il territorio della Repubblica dell’Artsakh dovrebbe essere consegnato al controllo delle Nazioni Unite per garantire le condizioni per il ritorno di tutti i rifugiati, la formazione di istituzioni democratiche e legali e il ripristino dell’economia. Tutti i rifugiati devono avere pari status, pari diritti ed essere soggetti alle regole comuni del periodo transitorio fino a quando non si terrà un referendum per confermare lo status politico finale del Nagorno-Karabakh, il cui risultato sarà legalmente riconosciuto da tutti gli Stati.

In quinto luogo, dovrebbe essere completamente esclusa la possibilità di procedimenti penali da parte dell’Azerbaigian nei confronti di cittadini della Repubblica dell’Artsakh per qualsiasi accusa durante l’intero periodo del conflitto. Tutti gli armeni arrestati e già condannati in Azerbaigian devono essere rilasciati immediatamente. Siamo pronti a riconoscere la competenza di un tribunale internazionale per indagare su ogni crimine di guerra di cui sono accusati i nostri cittadini, a condizione che allo stesso modo questo tribunale affronti anche tutti i crimini di guerra commessi dai cittadini dell’Azerbaigian e dai suoi mercenari.

Siamo pronti a fare del nostro meglio per contribuire al raggiungimento di una soluzione pacifica al conflitto, che sarà basata sul pieno rispetto del diritto all’autodeterminazione e degli altri diritti umani e libertà dei popoli riconosciuti a livello internazionale.”

I destinatari dell’appello sono: il Segretario generale dell’ONU, il Consiglio di sicurezza dell’ONU, il Presidente in esercizio dell’OSCE, i copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE, il Consiglio d’Europa (Segretario generale, Presidente dell’Assemblea parlamentare , Presidente del Comitato dei Ministri), il Presidente del Consiglio europeo, il Presidente del Parlamento europeo, il Segretario generale della CSI, il Segretario generale della CSTO e il Segretario generale della NATO.

Tutti i prigionieri politici, i prigionieri di guerra e gli ostaggi detenuti illegalmente in Azerbaigian devono essere rilasciati immediatamente in conformità con il diritto internazionale come sottolineato dal rapporto del “Centro per la verità e la giustizia”.

 Il rapporto ricorda che l’Azerbaigian ha effettuato la pulizia etnica degli armeni dalla loro terra ancestrale attaccando il Nagorno Karabakh il 19 settembre. Nel giro di 10 giorni, più di 100mila armeni sono stati sfollati con la forza dal Nagorno Karabakh e hanno trovato rifugio in Armenia.

Durante le guerre del 2020 e del 2023 contro il Nagorno Karabakh, le autorità azere hanno catturato circa 200 civili e militari armeni.”Decine di persone rimangono illegalmente nelle carceri azerbaigiane, alcune sono in attesa di processo e altre sono state illegalmente condannate alla reclusione a lungo termine“, afferma il rapporto.

Il rapporto ricorda che secondo il procuratore generale dell’Azerbaigian, 300 ex leader del Nagorno Karabakh sono “sotto inchiesta” per presunti crimini di guerra commessi durante le guerre. Otto di questi leader sono stati arrestati, umiliati davanti alle telecamere e portati nelle carceri di Baku.

Riferendosi agli ostaggi, hanno ricordato che dal 2020 un numero imprecisato di civili armeni è stato catturato dall’Azerbaigian nel Nagorno Karabakh e nei suoi dintorni, nonché ai confini dell’Armenia.
Per quanto riguarda i prigionieri di guerra, secondo il rapporto, 36 prigionieri di guerra armeni si trovano ancora nelle carceri dell’Azerbaigian. Tuttavia, secondo la dichiarazione tripartita del 9 novembre 2020, tutti i prigionieri dovevano essere rilasciati. Il rapporto sottolinea che ora che entrambe le guerre sono finite, tutti i prigionieri di guerra devono essere rilasciati immediatamente in conformità con le Convenzioni di Ginevra. 

La maggior parte dei prigionieri di guerra sono stati catturati un mese dopo il cessate il fuoco ufficiale del 2020 nel territorio di Khtsaberd.
I prigionieri politici, i prigionieri di guerra e gli ostaggi, alcuni dei quali sono stati illegalmente condannati a lunghe pene detentive in Azerbaigian, dovrebbero essere rilasciati immediatamente in conformità con il diritto internazionale e almeno come misura di rafforzamento della fiducia affinché i negoziati in corso tra Armenia e Azerbaigian possano dare frutti. La comunità internazionale, in particolare gli Stati Uniti, la Russia e i mediatori dell’UE, così come altri, sono obbligati a sollecitare l’Azerbaigian a rilasciarli incondizionatamente e immediatamente“, afferma il documento nel quale tutti i prigionieri sono rappresentati per nome, comprese le persone che hanno ricoperto posizioni di leadership nel Nagorno Karabakh ovvero Arayik Harutyunyan, Bako Sahakyan, Davit Babayan, Arkadi Ghukasyan, Ruben Vardanyan, Davit Ishkhanyan, Davit Manukyan, Levon Mnatsakanyan, nonché i civili e militari catturati dagli azeri.

A questo link la lista dei prigionieri armeni accertati

Perché l’Armenia sta cercando una pace preventiva con l’Azerbaijan (L’inkiesta, 1 nov)

Mentre il mondo è distratto un’altra volta con lo sguardo altrove, di nuovo l’Azerbajgian non ha buone intenzioni (Korazym, 1 nov)

Chi se ne frega degli Armeni. Il buffetto europeo per la fine del Nagorno Karabakh e le armi israeliane (Nuova società, 1 nov)

Armeni, figli di un Dio minore? (L’incontro, 1 nov)

Altre guerre e tensioni nel mondo (Apiceuropa, 2 nov)

Il Nagorno invaso e già dimenticato, Quando il gas pesa più degli armeni (Avvenire, 2 nov)

Anche George Clooney scende in campo per chiedere la liberazione del leader armeno Ruben Vardanyan: “Temiamo per la sua salute” (Il fatto quotidiano, 2 nov)

Usa. Qualsiasi violazione sovranità e integrità territoriale dell’Armenia porterebbe a gravi conseguenze (Agenpress, 2 nov)

Gli Azeri come gli Armeni sono vittime del “pugno di ferro” del regime autocratico e corrotto dell’Assurdistan (Korazym, 2 nov)

L’Armenia vorrebbe avvicinarsi all’Occidente, ma è sempre più dipendente dalla Russia (Scenari economici, 2 nov)

Tbilisi Silk Road Forum: si incontrano Armenia e Azerbaijan (Osservatorio Balcani Caucaso, 3 nov)

Gli accordi del governo italiano con l’autocrazia azera sono una vergogna (Korazym, 3 nov)

La Chiesa Apostolica Armena ha deciso che la Diocesi di Artsakh continuerà a mantenere il suo status e ad agire (Korazym, 5 nov)

La guerra per la conquista azera dell’Artsakh. Il popolo armeno in ricerca della pace (Korazym, 5 nov)

“Crocevia della Pace”: l’ultimo esorcismo del Premier armeno (Sponda sud, 6 nov)

“Non parlare del male, non vedere il male, non sentire il male”… in modo selettivo (Korazym, 6 nov)

La Tragedia Armena. Lettera di un Monaco Scacciato dall’Artsakh. (Stilum curiae, 6 nov)

ARMENIA: SALVARE UN’ISOLA DI DEMOCRAZIA IN UN OCEANO DI AUTOCRAZIE NON È SOLO UNA QUESTIONE MORALE (Gariwo, 6 nov)

Non c’è libertà senza giustizia. Non c’è giustizia senza libertà (Korazym, 6 nov)

Verrà un giorno… (Korazym, 6 nov)

Il cittadino dell’Artsakh Khachatryan condannato a 15 anni al termine di un processo assurdo a Baku (Korazym, 7 nov)

L’Armenia comincia la cooperazione militare con gli USA. Lo storico alleato russo è sempre più lontano (Renovatio 21, 8 nov)

Oggi in Artsakh occupato l’autocrazia azera celebra con una parata militare il giorno della dissonanza cognitiva (Korazym, 8 nov)

Nagorno-Karabakh, bandiera azera e parata militare nella capitale (Bluewin, 8 nov)

Rappresentante presidente azero, “pace possibile solo con impegno serio Armenia” (Adnkronos, 8 nov)

Nagorno Karabakh, sopravvivere alla guerra (Osservatorio balcani e caucaso, 9 nov)

Sblocco dei collegamenti regionali con “Crocevie di Pace” e delimitazione dei confini fondamenta per la pace nel Caucaso meridionale (Korazym, 9 nov)

Aliyev glorifica la pulizia etnica degli armeni in Artsakh (Tempi, 12 nov)

Nagorno, ambasciatrice armena a Roma: “Parole Aliyev allontanano pace” (Adnkronos, 13 nov)

Aliyev con il “pugno di ferro” vuole dimostrare che non ha l’intenzione di lanciare nuovi attacchi militari e guerre contro l’Armenia? (Korazym, 13 nov)

Armenia, l’avamposto cristiano in pericolo (Evangelici.net, 14 nov)

L’Azerbajgian acquista un sistema missilistico da Israel e si arrabbia perché l’Armenia acquista veicoli militari dalla Francia (Korazym, 14 nov)

Romania: le comunità religiose tendono la mano ai rifugiati del Nagorno-Karabakh. Caritas Romania: colletta nazionale il 10 dicembre (Agenzia S.I.R., 15 nov)

Pasinyan esalta la crescita economica di Erevan e insiste sulla pace con Baku (AsiaNews, 15 nov)

Aliyev annuncia l’invio della quinta revisione del trattato di pace all’Armenia. Perché non accetta il progetto “Crocevie di Pace”? E falla finita! (Korazym, 15 nov)

Nagorno Karabakh: storia e fine dell’autoproclamata Repubblica dell’Artsakh (Osservatorio Diritti, 15 nov)

Mosca accusa l’Occidente per il rifiuto dell’Armenia di prendere parte al vertice sulla difesa a guida russa (Euractiv, 16 nov)

Forti dubbi che in Armenia c’è ancora fiducia nella Russia per la propria sicurezza (Korazym, 16 nov)

I cristiani armeni sfollati sono almeno 120.000: il mondo se ne è completamente dimenticato (Renovatio21, 17 nov)

Il Senato USA approva all’unanimità una legge sulla difesa dell’Armenia che vieta l’assistenza militare all’Azerbajgian (Korazym, 17 nov)

L’Azerbajgian continua a giocare col fuoco. Chi scherza col fuoco rischia di bruciarsi (Korazym, 18 nov)

ICJ. L’AZERBAIGIAN DEVE CONSENTIRE AGLI ARMENI FUGGITI DAL NAGORNO-KARABAKH DI TORNARE ALLE LORO CASE (Notizie geopolitiche, 19 nov)

Il Primo Ministro armeno Pashinyan: non si firma un trattato tra Armenia e Azerbajgian a causa della sfiducia reciproca (Korazym, 19 nov)

“L’altra guerra”, il Nagorno Karabakh (Il mondo, 20 nov)

Una sofferta riconciliazione nel Caucaso? Gli ultimi sviluppi tra Armenia e Azerbaigian (Il caffè geopolitico, 20 nov)

I “grandi” della terra, quando discutono su guerra e pace, dovrebbero ascoltare i bambini (Korazym, 20 nov)

Azerbaigian vs Francia: “Rischia di scatenare guerra nel Caucaso”/ Pesa fornitura di armi all’Armenia (Il sussidiario, 21 nov)

L’Azerbaigian ha accusato la Francia di preparare il terreno per una nuova guerra nel Caucaso meridionale (L’Antidiplomatico, 21 nov)

Aliyev considera difendere gli Armeni un’attacco all’Azerbajgian e un duro colpo alla pace nella regione. Gli sono saltati i nervi (Korazym, 21 nov)

In Azerbaijan due giornalisti sono stati arrestati dopo la pubblicazione di inchieste sulla corruzione di alcuni funzionari di governo (Il post, 21 nov)

L’Azerbaigian rifiuta i colloqui di pace con l’Armenia organizzati dagli USA (Scenari economici, 22 nov)

Con le armi all’Armenia si fomenta la guerra. J’accuse di Baku a Parigi (Formiche, 22 nov)

La nuova alleanza tra Erevan e Kiev (Asia news, 22 nov)

Nagorno Karabakh, un’altra memoria cancellata (Gariwo, 23 nov)

Nagorno Karabakh, l’esodo (Osservatorio Balcani Caucaso, 24 nov)

Nagorno Karabakh, la grande fuga (RSI, 24 nov, video)

Nagorno-Karabakh: l’ultimo Stato spazzato via dalla cartina d’Europa (TPI, 25 nov)

Reportage TPI – Azerbaigian: la dittatura invisibile (TPI, 25 nov)

L’asse Roma-Baku: all’Italia interessano solo gli affari con l’Azerbaigian (TPI, 25 nov)

Il ritorno degli Armeni nell’Artsakh/Nagorno-Karabakh attualmente non è realistico (Korazym, 25 nov)

Perché la vera pacificazione tra Azerbaigian e Armenia è ancora lontana (Lettera 43, 26 nov)

Le notizie dall’Assurdistan (Korazym, 26 nov)

Dopo il Nagorno-Karabakh è la volta dell’Armenia? (Oasis, 28 nov)

Gli sfollati con la forza dell’Artsakh temono che l’Azerbajgian non darà loro pace nemmeno in Armenia (Korazym, 28 nov)

Gli sforzi del popolo armeno per promuovere una cultura di pace nel rispetto dei diritti umani (In terris, 29 nov)

Le commissioni di delimitazione del confine tra Azerbajgian e Armenia hanno tenuto una riunione (Korazym, 30 nov)

Armeni. La persecuzione in Nagorno Karabakh (Doppiozero, 30 nov)

Il Ministero degli Esteri armeno ha annunciato l’espansione della cooperazione con la NATO (Avia pro, 30 nov)

L’Istituto Lemkin per la prevenzione del genocidio ha rilasciato una dichiarazione riguardante la missione delle Nazioni Unite nell’Artsakh svoltasi alcune settimane fa. La dichiarazione recita:

“L’Istituto Lemkin per la prevenzione del genocidio è deluso dai risultati della visita della missione delle Nazioni Unite nell’Artsakh (Nagorno Karabakh), avvenuta il 1° ottobre, dopo che l’intera popolazione armena dell’Artsakh era già fuggita a causa dello sfollamento forzato in seguito alla recente invasione dell’Azerbaigian. 
È difficile capire quale fosse lo scopo di tale missione e perché durante i nove mesi di blocco dell’invasione dell’Azerbaigian non ci siano mai state maggiori pressioni da parte dell’Azerbaigian per consentire la missione nell’Artsakh. 
L’Istituto Lemkin invita l’ONU a preparare una vera e propria missione nella Repubblica dell’Artsakh, che includerà membri di un team internazionale proveniente da paesi neutrali al conflitto, per condurre un’analisi approfondita della situazione attuale sul terreno. 

Per garantire i diritti degli armeni nell’Artsakh, l’ONU deve agire con professionalità, imparzialità e dedizione ai valori presentati nella Carta delle Nazioni Unite. Se l’ONU non prenderà sul serio il genocidio, sarebbe meglio non inviare alcuna missione nelle regioni sopravvissute al genocidio.
Secondo l’ONU, “la missione mirava a valutare la situazione sul terreno e identificare i bisogni umanitari sia di coloro che restano sia di coloro che si preparano a trasferirsi”. Nonostante l’obiettivo complesso di questa visita di missione, la valutazione e l’annuncio dei risultati sono stati completati in un giorno. 

Va notato che questa è stata la prima visita delle Nazioni Unite nella regione negli ultimi 30 anni.Prima di questa visita, le preoccupazioni riguardanti la costante insicurezza politica degli armeni nell’Artsakh e le minacce alla popolazione armena della regione erano state sollevate più volte negli organi delle Nazioni Unite. Si sono svolte due sessioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sul tema delle continue minacce agli armeni dell’Artsakh. In entrambi gli incontri, la maggioranza degli Stati membri del Consiglio di Sicurezza ha condannato le azioni dell’Azerbaigian, affermando che rappresentano una minaccia alla sicurezza e al benessere degli armeni nella regione e scoraggiano qualsiasi sforzo di pacificazione nella regione. 
Oltre a queste condanne, la Corte Internazionale di Giustizia in due distinte occasioni (22 febbraio e 6 luglio 2023) ha ordinato all’Azerbaigian di riaprire il Corridoio Lachin, la strada umanitaria che collega la Repubblica dell’Artsakh all’Armenia. Tutte le dichiarazioni e gli ordini della Corte penale internazionale sono stati ignorati dall’Azerbaigian.

L’Istituto Lemkin ha emesso diversi avvisi di bandiera rossa per l’Azerbaigian dopo il blocco del corridoio Lachin nel dicembre 2022, nonché un avviso di genocidio e avvisi SOS che indicano un rischio estremamente elevato di genocidio per gli armeni nell’Artsakh. 
Considerando la chiara conoscenza dei rappresentanti delle Nazioni Unite sulle minacce alla popolazione armena nell’Artsakh (dimostrata dalla convocazione di due sessioni del Consiglio di Sicurezza sull’argomento), è molto sorprendente per noi che la missione abbia visitato questa regione solo in ottobre 2023 dopo l’invasione azera e l’espulsione di oltre 100.000 armeni dall’ex Repubblica. 

Il fatto che il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev abbia donato un milione di dollari al ‘Programma per gli insediamenti umani’ delle Nazioni Unite il 30 settembre, appena un giorno prima dello spiegamento della missione nel Nagorno Karabakh, non fa altro che aumentare la nostra preoccupazione sull’integrità e sulla trasparenza della missione.

Esaminando la dichiarazione di intenti e l’azione, abbiamo riscontrato molti punti controversi. Innanzitutto, la missione ha raggiunto la regione solo dopo la fine dello spargimento di sangue e della migrazione degli armeni, ed è durata solo un giorno. La portavoce del segretario generale Antonio Guterres, Stephanie Dujarric, ha detto in un briefing che “hanno visto abbastanza“. Tuttavia, in un contesto di blocco totale seguito dall’invasione militare e dalla pulizia etnica, 24 ore da sole non sono certamente sufficienti per valutare adeguatamente la situazione sul terreno. 

In secondo luogo, le informazioni sul numero di armeni rimasti nell’Artsakh (da 50 a 1.000) contraddicono le cifre fornite dall’ex difensore civico dell’Artsakh Artak Beglaryan, il quale ha affermato che al momento nell’Artsakh non sono rimaste più di 40 persone. 

E in terzo luogo, per quanto riguarda il testo stesso della dichiarazione, l’ONU ha visitato alcune parti non specificate della città di Stepanakert, dove “non è stato arrecato alcun danno alle infrastrutture pubbliche civili, inclusi ospedali, scuole e strutture abitative, culturali e religiose“. 
Tuttavia, esistono prove fotografiche confermate della distruzione delle infrastrutture civili nella città di Stepanakert bombardata durante l’offensiva militare dell’Azerbaigian. Oltre a questo accesso limitato a Stepanakert, il team ha visitato la città di Aghdam, che era sotto il controllo azero e non popolata da armeni e quindi non importante per l’agenda, e il corridoio Lachin, che è stato esplorato dopo che l’intera popolazione è dovuta fuggire. 

È interessante notare che la missione delle Nazioni Unite non è riuscita a includere alcun rappresentante della missione armena nelle Nazioni Unite, e non ha visitato la regione di Syunik per parlare con i rifugiati armeni costretti a lasciare l’Artsakh. La dichiarazione di chiusura è troppo vaga e poco informativa.

Per quanto sopra, l’Istituto Lemkin ritiene che l’attività della missione non abbia avuto successo, poiché non è stato in grado di presentare o valutare con precisione la realtà della situazione nella Repubblica dell’Artsakh. Crediamo fermamente che intraprendere una “missione per il bene della missione” e fare una “dichiarazione per il bene della dichiarazione” non siano risposte adeguate a situazioni gravi e pericolose come quella avvenuta nel Caucaso meridionale. 

Mettiamo in dubbio la saggezza e l’integrità di questa missione. Principi operativi e valutazioni vaghi della missione delle Nazioni Unite, privi di obiettivi specifici, metodologia o raccomandazioni, rappresentano un serio rischio di minare la fiducia che la comunità internazionale collettivamente ripone nel lavoro delle Nazioni Unite.

L’Istituto Lemkin invita l’ONU a preparare una vera e propria missione nella Repubblica dell’Artsakh, che includa membri di un team internazionale proveniente da paesi neutrali al conflitto, per condurre un’analisi approfondita della situazione attuale sul terreno. Questa realtà, che è il risultato di un conflitto trentennale, non può essere valutata in un giorno. Per garantire i diritti degli armeni nell’Artsakh, l’ONU deve agire con professionalità, imparzialità e dedizione ai valori presentati nella Carta delle Nazioni Unite”.