Articoli

La brutale politica azera contro gli armeni: la denuncia dell’ombudsman dell’Artsakh

Il difensore dei diritti umani dell’Artsakh Gegham Stepanyan denuncia, all’indomani delle dichiarazioni post vertice del 26 novembre di Sochi, la politica di persecuzione dell’Azerbaigian.

“Il 26 novembre, il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev, nel quadro di un incontro trilaterale con il primo ministro armeno Nikol Pashinyan e il presidente della Russia Vladimir Putin, ha valutato come incidenti sporadici il proseguimento, dopo la dichiarazione trilaterale sul cessate il fuoco del 9 novembre 2020, di uccisioni mirate da parte delle forze armate azere di civili e militari della Repubblica di Artsakh. Questa dichiarazione del Presidente dell’Azerbaigian non è altro che un tentativo di mascherare come incidenti casuali le manifestazioni in corso della politica qualificate da violazioni diffuse e sistematiche dei diritti fondamentali degli armeni portata avanti dall’Azerbaigian negli ultimi decenni.

Gli attacchi contro armeni commessi da militari azeri dopo la firma della dichiarazione trilaterale –  compreso l’omicidio, il 9 ottobre 2021, di un conducente di un trattore mentre svolgeva lavori agricoli vicino alla città di Martakert, l’esecuzione, l’8 novembre 2021, di civili che svolgevano i lavori di riparazione nei pressi della città di Shushi e numerosi casi di bombardamento dei militari della Repubblica di Artsakh  – erano di natura deliberata e sono stati effettuati a sostegno della politica statale dell’Azerbaigian di persecuzione degli armeni.

La politica di persecuzione dell’Azerbaigian acquisisce un grado estremo di brutalità, specialmente quando i cittadini di Artsakh o dell’Armenia si trovano nelle mani delle forze armate azere.
Tutti i civili rimasti nei territori di Artsakh occupati dall’Azerbaigian durante la sua aggressione nel settembre-novembre 2020 sono stati brutalmente uccisi da membri delle forze armate dell’Azerbaigian. Nei casi in cui è stato possibile condurre un esame medico legale delle vittime, è stato rivelato che queste persone sono state torturate prima della morte. In alcuni casi, le uccisioni di civili sono state filmate e diffuse sui social network azeri per infliggere la massima sofferenza psicologica ai parenti delle vittime e per intimidire la popolazione di Artsakh e gli armeni in generale. Anche i soldati armeni che sono passati sotto il controllo dell’Azerbaigian sono stati sottoposti a gravi torture, molti di loro sono stati uccisi. I pochi sopravvissuti sono stati condannati illegalmente in Azerbaigian e continuano a essere tenuti in ostaggio dalle autorità di questo paese.

Gli armeni che vivevano in Azerbaigian durante il periodo sovietico furono le prime vittime di tale politica criminale.
Le deportazioni degli armeni dall’Azerbaigian organizzate dalle autorità locali nel 1988-1990, e accompagnate da uccisioni di massa, torture e pogrom, hanno posto le basi per la politica di persecuzione degli armeni dell’Azerbaigian, che continua ancora oggi.
Nel 1991, le autorità azere hanno iniziato a deportare gli armeni dall’Artsakh come parte di un’operazione (“Anello”) di polizia militare su larga scala che è diventata un preludio alla successiva aggressione su vasta scala dell’Azerbaigian contro la Repubblica di Artsakh. L’aggressione contro la Repubblica di Artsakh, che durò diversi anni fino al 1994, fu un tentativo dell’Azerbaigian di espellere definitivamente e completamente gli armeni dalle loro terre.

Durante la guerra degli anni ’90, i soldati azeri hanno torturato e ucciso coloro che cadevano nelle loro mani allo stesso modo dell’aggressione nel 2020. Il massacro nel villaggio armeno di Maragha nella regione di Martakert di Artsakh nel 1992 è diventato uno degli episodi più tragici di questa politica. Cinquanta residenti del villaggio sono stati brutalmente uccisi, altri 50 sono stati presi in ostaggio, tra cui donne e bambini. Il destino di molti di loro è ancora sconosciuto.

I soldati azeri si sono distinti con particolare crudeltà anche durante l’aggressione contro Artsakh nell’aprile 2016.
Sia i civili che il personale militare caduti nelle mani dei soldati azeri sono stati torturati e giustiziati, come nel caso di una coppia di anziani nel villaggio di Talish di Martakert regione dell’Artsakh.

La dichiarazione del presidente dell’Azerbaigian sulla natura sporadica degli incidenti ad Artsakh mira a coprire la propria politica di persecuzione degli armeni.
Sono state le autorità dell’Azerbaigian, compreso il presidente di questo Paese, che hanno incoraggiato apertamente e deliberatamente qualsiasi atto criminale diretto contro gli armeni, compresi gli omicidi. Uno dei vividi esempi è l’elevazione di Ramil Safarov, che uccise un armeno che dormiva, al rango non ufficiale di eroe nazionale dell’Azerbaigian, nonché l’onorificenza, personalmente da parte del Presidente dell’Azerbaigian, a un militare azero che tagliò la testa di un soldato armeno e stava camminando con essa attraverso i villaggi dell’Azerbaigian durante l’aggressione nel 2016. L’impunità in Azerbaigian, anche per le uccisioni premeditate di armeni, così come la ricompensa di tali criminali, sono le prove più evidenti della politica di odio anti-armeno perseguita dall’Azerbaigian a livello statale.

La persecuzione degli armeni in forma di massacri, deportazioni, tortura e altri atti inumani ha un carattere diffuso e sistematico e viene eseguita deliberatamente dai membri delle forze armate dell’Azerbaigian e da altri agenti di questo paese, in conformità o per promuovere la politica esistente dell’Azerbaigian”.

[traduzione grassetto redazionale]

Cosa ci lascia il vertice di Sochi

Il vertice trilaterale di Sochi del 26 novembre – convocato anche per rispondere alla mossa dell’Unione europea che, improvvisamente destatasi dal suo torpore aveva annunciato un incontro tra Pashinyan e Aliyev per il prossimo 15 dicembre – si è concluso con una dichiarazione che, nel consueto linguaggio diplomatico, dice tutto e niente al tempo stesso. Cerchiamo di analizzare per sommi capi quali siano i punti focali del documento.

A prescindere dalle frasi di circostanza – ovvero l’impegno a dar seguito ai precedenti accordi, l’apprezzamento per la missione di pace russa (indicazione rivolta principalmente alla parte azera che dei caschi MIR farebbe volentieri a meno) e l’attività di Mosca per fornire assistenza alla parti – sono due i punti fondamentali della dichiarazione.

  1. Istituzione di una commissione bilaterale con la partecipazione consultiva della Federazione Russa basata sull’applicazione dei lati, sulla delimitazione e successivamente la demarcazione, del confine di stato tra la Repubblica di Armenia e la Repubblica di Azerbaigian.
    Sostanzialmente, le parti – per dirla con le parole di Putin dopo il vertice – hanno “concordato di creare meccanismi per la demarcazione e delimitazione del confine tra i due paesi entro la fine di quest’anno”.
    In poco più di un mese, armeni e azeri devono concordare un metodo di lavoro che possa essere utilizzato per disegnare fisicamente e in modo definitivo la frontiera fra i due Stati.
    Possiamo avventurarci nell’ipotizzare che saranno utilizzate le geolocalizzazioni di epoca sovietica (dati presumibilmente custoditi a Mosca) con qualche aggiustamento che, in termini di compromesso, possa portare a un accordo finale (ad esempio al questione delle exclavi, talune postazioni in altura, (forse) la strada nel sud dell’Armenia).
    Nulla però sappiamo sui tempi di applicazione di questo criterio di mappatura che certo non sarà semplice.

  2.  Sblocco di tutte le comunicazioni economiche e di trasporto della regione. Anzi, sempre per usare le parole del presidente russo, “lo sblocco dei corridoi di trasporto”.
    Il gruppo di lavoro congiunto che da qualche mese lavora sul tema dovrebbe dunque aver avuto il via libera su passanti ferroviari e stradali tanto cari alla parte azera che vuol collegare il Nakhchivan al resto dell’Azerbaigian e dar consistenza alle mire di un “corridoio turco” attraverso il sud dell’Armenia.
    La previsione del ripristino dei collegamenti era stata già inserita nei famosi “Princìpi di Madrid” ma in questo nuovo postguerra è materia particolarmente accesa perché gli azeri premono, anzi impongono, il passaggio e gli armeni rischiano di vedere la loro sovranità fortemente limitata.
    C’è anche da dire che un conto è realizzare queste vie di transito (sul cui controllo andrebbe aperto un capitolo a parte) a pace conclusa ovvero con un Artsakh libero e indipendente, un conto è farlo in un clima ancora di odio e di assoluta incertezza sul destino di Stepanakert con le continue provocazioni azere all’ordine del giorno.

Nelle dichiarazioni post vertice si parla anche delle questioni umanitarie (presumibilmente la questione dei prigionieri di guerra armeni) di cui non vi è però traccia nel comunicato finale segno che le modalità di risoluzione delle criticità sono legate presumibilmente allo scambio mappe campi minati per prigionieri di guerra.

Salta all’occhio la mancanza di qualsiasi riferimento al territorio dell’Artsakh e al diritto della popolazione locale. A nostro modesto avviso, l’assenza di neppure un cenno a Stepanakert pone la parte armena in una posizione di debolezza; ma forse in questo momento le priorità sono altre (in primo luogo garantire la sicurezza delle frontiere) e forse solo in un secondo tempo la road map russa porterà al centro dei colloqui il destino della regione.

LA DICHIARAZIONE FINALE DEL VERTICE DI SOCHI
Il Primo Ministro della Repubblica di Armenia Nikol Pashinyan, il Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin e il Presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev hanno adottato una dichiarazione congiunta basata sulla riunione trilaterale, come riportato dal governo dell’Armenia. La dichiarazione recita in particolare quanto segue:

Noi, il Primo Ministro della Repubblica di Armenia N.V.Pashinyan, il Presidente della Repubblica dell’Azerbaigian I.H. Aliyev, Presidente della Federazione Russa V.V. Putin, si è riunito il 26 novembre a Sochi e ha discusso il processo di attuazione della dichiarazione del 9 novembre 2020 sul completo cessate il fuoco e la cessazione di tutti i tipi di operazioni militari nella zona di conflitto del Nagorno-Karabakh e nel processo di attuazione della dichiarazione dell’11 gennaio 2021 sullo sblocco di tutte le infrastrutture economiche e di trasporto della regione.
Abbiamo riaffermato l’impegno per l’ulteriore e coerente attuazione e l’osservanza incondizionata di tutte le disposizioni della dichiarazione del 9 novembre 2020 e della dichiarazione dell’11 gennaio 2021 a beneficio della stabilità, della sicurezza e dello sviluppo economico del Caucaso meridionale. Abbiamo convenuto di intensificare gli sforzi congiunti volti alla soluzione immediata delle restanti questioni derivanti dalle dichiarazioni del 9 novembre 2020 e dell’11 gennaio 2021.
Abbiamo menzionato il contributo significativo della missione di pace russa nella stabilizzazione della situazione e nel garantire la sicurezza nella regione.
Abbiamo convenuto di adottare misure per aumentare il livello di stabilità e sicurezza al confine azero-armeno, per spingere il processo di istituzione di una commissione bilaterale con la partecipazione consultiva della Federazione Russa basata sull’applicazione dei lati, sulla delimitazione e successivamente la demarcazione, del confine di stato tra la Repubblica di Armenia e la Repubblica di Azerbaigian.
Abbiamo molto apprezzato l’attività del gruppo di lavoro trilaterale sullo sblocco di tutte le comunicazioni economiche e di trasporto della regione, istituito in conformità con la dichiarazione dell’11 gennaio 2021 sotto la presidenza congiunta dei Vice Primi Ministri della Repubblica di Azerbaigian, Repubblica di Armenia e la Federazione Russa. Abbiamo sottolineato la necessità di avviare quanto prima programmi specifici, volti a individuare il potenziale economico della regione.
La Federazione Russa continuerà a fornire l’assistenza necessaria per normalizzare le relazioni tra la Repubblica dell’Azerbaigian e la Repubblica di Armenia, creare un’atmosfera di fiducia tra i popoli azero e armeno e stabilire relazioni di buon vicinato nella regione”.

[traduzione e grassetto redazionale]

Un regalo alla diplomazia armena

La foto di una mappa del mondo turco mostrata dai leader della coalizione di governo turca Recep Tayyip Erdogan e Devlet Bahceli è semplicemente un regalo per la diplomazia armena per plasmare la solidarietà all’estero al fine di interrompere il progetto del “corridoio Zangezur” turco-azero. Lo ha scritto qualche giorno fa l’arabologo Armen Petrosyan sulla sua pagina Facebook confidando che quella posa faccia finalmente aprire gli occhi a qualcuno.

Chissà se in qualche ministero degli Affari Esteri, non solo in Europa, qualche funzionario avrà osservato quella mappa e avrà cominciato a pensare che forse la coppia di dittatori Erdogan-Aliyev si sta allargando un po’ troppo.

Questa mappa, che è considerata il culmine dell’oggettivazione dell’ideologia panturca, delinea con chiarezza tutti i Paesi e le direzioni rispetto ai quali Ankara ha condotto per anni una politica mirata e, in futuro, guiderà maggiormente questa politica attivamente al fine di attuare il programma “Grande Turan” o “Asse turco” nelle condizioni attuali.

La mappa presenta i territori della penisola balcanica, di Russia, Iran, Cina, Mongolia, parti di Siria, Iraq e include i paesi di lingua turca (Azerbaigian, Kazakistan, Kyrgyzstan, Uzbekistan).

E, cosa più importante, la chiave di questo piano è proprio nella provincia di Syunik in Armenia, il presunto “corridoio di Zangezur”, che è chiamato a garantire un collegamento senza ostacoli tra tutte le sezioni del piano. Proprio lì dove gli azeri stanno attaccando militarmente gli armeni come accaduto lo scorso 16 novembre.

Ecco, gli azeri – mandati avanti dai turchi a fare il lavoro sporco – stanno cercando di prendere, con le buone o più probabilmente con le cattive, quella striscia di terra che è di vitale importanza per la realizzazione del loro mondo turco.

Noi vivamente ci auguriamo che nessuno – dentro l’Armenia o all’estero – possa mai compiere il folle atto di cedere a questi tiranni ciò a cui ambiscono. Non si tratta solo di porre una seria ipoteca sulla fine dell’Armenia e dell’Artsakh, ma anche di minare la sicurezza della nostra Europa.

In fondo, le grandi guerre sono sempre cominciate così: per un pezzo di terra, un corridoio. Da Danzica e Zangzour il passo è molto più breve di quanto si pensi…

Non più solo Nagorno Karabakh

Quanto accaduto lo scorso 16 novembre non può essere inquadrato alla stregua delle perenne conflittualità armeno-azera sulla regione del Nagorno Karabakh (Artsakh). La questione, almeno secondo il pensiero del dittatore Aliyev, è chiusa con la firma della tregua il 9 novembre 2020 e se le forze armate dell’Azerbaigian non sono entrate ancora a Stepanakert è solo perché il mandato dei peace keeper russi lo impedisce. Almeno fino al novembre 2025…

D’altronde, dello status di quel territorio non si parla più, la Russia gioca le proprie carte nello scacchiere sud caucasico mentre l’Unione europea si disinteressa del destino della popolazione armena e guarda solo ai propri interessi economici.

L’attacco azero al territorio della repubblica di Armenia (iniziato peraltro dallo scorso maggio con lo sconfinamento di centinaia di soldati) rientra piuttosto nel quadro di un’operazione politica militare volta a indebolire ancora di più Yerevan.

Significativa è la zona degli scontri, sulle alture di Sisian, sulle quali gli azeri voglio avere pieno possesso per almeno tre motivi:

  1. Controllo della località dove peraltro insiste una pista aeroportuale utilizzata dalle forze di pace russe e dagli armeni per approvvigionare l’Artsakh
  2. Controllo dell’asse stradale nord-sud che collega la capitale armena a Goris e giù fino a Meghri
  3. Pressione sull’Armenia nel tratto più stretto del suo territorio, proprio all’ingresso della regione di Syunik che nei proclami di Aliyev dovrebbe essere inglobata nell’Azerbaigian o comunque tagliata in due da un corridoio che di fatto costituirebbe un colpo mortale per l’economia armena e i suoi legami commerciali con l’Iran.

Già alcuni mesi fa, un alto funzionario del governo azero si era lasciato scappare (o forse no) che l’Azerbaigian avrebbe dovuto creare una zona cuscinetto di una decina di chilometri all’interno della repubblica di Armenia per proteggersi e dava per scontata una nuova guerra di posizionamento.

Conquistare posizioni in altura significa non solo controllare il territorio armeno dall’alto ma anche impedire che il nemico faccia la stessa cosa e possa dunque affacciarsi a vedere cosa accade oltre la cresta di monte.

Aliyev e la sua leadership, oltre a sfoderare il solito motivetto dell’attacco preventivo (che , da quanto si è letto sulla stampa internazionale in questa settimana non è stato preso molto sul serio e pure la lobby filo azera in Italia si è ben guardata dal riproporlo…) punta sulla questione dei confini tra i due Stati e sulla necessità di definirli una volta per tutte vista l’attuale incertezza della linea di demarcazione.

Solo che il suo sistema è decisamente sbrigativo: si posiziona con la forza dove gli fa comodo e poi stabilisce che quella è la frontiera da rispettare. Invero, solo a Mosca con i dati di epoca sovietica sulla geolocalizzazione della frontiera si può avere una qualche certezza di dove sia effettivamente posizionabile la stessa e sarebbe dunque opportuno che le parti si accordassero una volta per tutte con la benedizione russa sull’accordo.

L’intesa però non è facile e sostanzialmente per tre motivi: il primo, lo abbiamo visto, riguarda la volontà azera di guadagnare posizioni di vantaggio militare e politico, il secondo concerne la insistenza di Baku all’apertura del corridoio di Meghri per cui non viene firmato alcun accordo di confine finché non arriva il via libera da Yerevan; il terzo questione da risolvere afferisce le exclavi azere ed armene che in epoca sovietica punteggiavano il territorio dell’una e dell’altra parte ma che dopo trenta anni hanno perso il loro valore simbolico e certo non possono essere rispristinate (come soprattutto l’Azerbaigian richiede per motivi strategici).

C’è anche da dire che la mancata firma di un accordo è in buona parte legata al diverso approccio che le parti hanno sulla questione: gli azeri provocano esclation bellica come minaccia per costringere la controparte a sottoscrivere un trattato, gli armeni subordinano invece l’adesione a una intesa alla fine delle ostilità.

Quanto alla leadership armena, dobbiamo dire che non traspare la massima chiarezza (o trasparenza) nella gestione postbellica. In un anno sono stati cambiati quattro ministri della Difesa e un paio di ministri degli Esteri interrompendo di fatto una continuità di mandato.
Alcune dichiarazioni recenti del premier Pashinyan riguardo al fatto “che oggi l’Armenia occupa territori azeri” (si riferiva presumibilmente alle citate exclavi azere) paiono rilasciate a sproposito specie in questo periodo così turbolento e finiscono con il dare stura alle ambizioni di Aliyev (dimenticando fra l’altro che vi sono territori armeni sotto occupazione del nemico).
A dirla tutta, anche il rapporto con Mosca – che allo stato, piaccia o non piaccia e con tutti i distinguo del caso, è l’unico argine allo strapotere turco-azero – è oscillante e umorale.

Quel che all’opinione pubblica deve essere chiaro è che l’attacco azero al territorio dell’Armenia non è più solo una questione che ruota sulla controversia del Nagorno Karabakh ma una chiara strategia politica di strangolamento della repubblica di Armenia.
Che, non dimentichiamolo, fa parte del Consiglio d’Europa ed è membro a pieno diritto delle Nazioni Unite. Sarebbe il caso che le cancellerie, soprattutto europee, non lo dimenticassero mai.

Un anno dopo

Chi ci segue avrà forse notato che, a parte il ricordo della data del 27 settembre e una nostalgica foto di Shushi di qualche giorno fa, non abbiamo voluto soffermarci sulla guerra che si è chiusa alla mezzanotte del 9 novembre 2020 (le 23 in Italia) con un “doloroso accordo di tregua”.

Avremmo potuto riempire le nostre pagine o i social con episodi dello scorso conflitto ma la ferita per la disfatta militare e politica è sempre aperta e ancora troppa pena c’è nel nostro cuore per i lutti che l’attacco azero all’Artsakh ha arrecato. Tante, troppe vite sacrificate nel tentativo – solo parzialmente riuscito – di difendere la patria dalle brame del dittatore Aliyev.

Su quanto accaduto dopo la fine delle ostilità, nell’ultimo anno, ci siamo già soffermati: tuttavia è doveroso soffermarsi su un rapporto che l’AIISA (The Armenian Institute of International and Security Affairs) ha recentemente rilasciato e che ben descrive l’obiettivo di Turchia e Azerbaigian nei confronti non solo dell’Artsakh (Nagorno Karabakh) ma anche della stessa Repubblica di Armenia.

Basta solo estrapolare qualche frase di Aliyev («il nemico non osi alzare la testa nella regione. Il pugno di ferro dell’Azerbaigian gli spezzerà di nuovo la spina dorsale…», «Ho affermato che … non abbiamo bisogno di un accordo di pace sprezzante … Tutto ciò di cui avevamo bisogno era una vittoria completa e assoluta e abbiamo ottenuto questa vittoria assoluta, abbiamo schiacciato il nostro nemico, abbiamo distrutto il loro esercito e ottenuto ciò che volevamo», «l’Armenia deve rendersi conto che l’Azerbaigian diventerà ancora più forte e la nostra forza militare crescerà ulteriormente», «A maggio, subito dopo lo scioglimento della neve, ci siamo spostati verso questi confini e abbiamo occupato le nostre posizioni. Ci siamo trasferiti a Zangezour e lì ci fortificheremo. Questa è la nostra terra. Le opinioni espresse dalla parte armena sono completamente infondate. Siamo nei nostri territori. Anche Garagol (il Lago Nero) è nostro, anche gli altri posti sono nostri. Staremo ovunque sarà necessario. Nessuno lo dimentichi») per rendersi conto della carica di odio profondo che pervade la politica dell’Azerbaigian, per capire che l’Armenia stessa sarà in pericolo di vita se la comunità internazionale non metterà una parola fine alle ambizioni di Aliyev e del suo compare Erdogan.

Non cadiamo tuttavia nell’errore di pensare che “qualcun altro” verrà a salvare gli armeni: la storia dal secolo scorso in poi ci insegna come troppo spesso le attese sono state vane, che i buoni propositi sono naufragati di fronte a interessi politici e/o commerciali.

No, gli armeni devono essere capaci di organizzarsi da soli, di pianificare i prossimi anni con l’obiettivo di difendere le loro istituzioni e del riconoscimento internazionale di Stepanakert. Se i turco-azeri vorranno sfoderare un altro attacco, gli armeni dovranno essere pronti a rispondere invece che compatirsi reciprocamente per le disgrazie.

Tutta la società armena deve maturare e imparare a “pensare in grande”.

Questo è quello che ci sentiamo di scrivere un anno dopo quella firma “dolorosa”.

VIVA L’ARMENIA, VIVA L’ARTSAKH, ONORE AI CADUTI!


COMUNICATO MINISTERO ESTERI DI STEPANAKERT (9 NOVEMBRE 2021)

Un anno fa, il 9 novembre 2020, è stata firmata, grazie agli attivi sforzi di mediazione della Federazione Russa, la dichiarazione trilaterale del Presidente della Russia, del Primo Ministro dell’Armenia e del Presidente dell’Azerbaigian. Ha posto fine all’aggressione armata di 44 giorni scatenata contro l’Artsakh dall’Azerbaigian, dalla Turchia, da terroristi internazionali con la diretta partecipazione militare di mercenari dal Medio Oriente, ed è stata la base per l’ingresso delle forze di pace russe nell’Artsakh per mantenere la pace nella zona del conflitto Azerbaigian -Karabakh. La dichiarazione tripartita è importante in termini di condizioni per la ricostruzione postbellica della Repubblica dell’Artsakh.
 

A seguito di 44 giorni di aggressione distruttiva, l’Azerbaigian ha occupato la maggior parte dei territori della Repubblica di Artsakh, compresa la città di Shushi, il centro storico e culturale. Durante le ostilità, l’esercito azero ha commesso molti crimini di guerra, tra cui l’attacco deliberato a proprietà civili, la tortura di prigionieri di guerra, la cattura di prigionieri civili, esecuzioni extragiudiziali, pulizia etnica, distruzione deliberata di monumenti storici e culturali, uso di armi non selettive in violazione della legge internazionale.

Anche dopo la firma della dichiarazione trilaterale il 9 novembre 2020, l’Azerbaigian non ha interrotto le sue azioni illegali, in particolare, ha continuato operazioni aggressive e offensive, prigionia di militari e civili, omicidi premeditati, distruzione di chiese e del patrimonio culturale armeno in generale.
 
A questo proposito, va sottolineato che la situazione creata dall’uso illegale della forza militare da parte dell’Azerbaigian, dalla grave violazione dei propri obblighi internazionali, dalle sistematiche violazioni di massa del diritto internazionale umanitario, dalle norme sui diritti umani non può essere una base per la risoluzione del conflitto azerbaigiano-karabako.
 
È noto che le norme del diritto internazionale vietano il riconoscimento di qualsiasi conquista territoriale derivante dalla minaccia o dall’uso della forza. Inoltre, l’uso della forza non può invalidare uno dei principi fondamentali del diritto internazionale, l’uguaglianza dei popoli e l’autodeterminazione, sanciti dalla Carta delle Nazioni Unite e da altri strumenti internazionali fondamentali.
 
La posizione del governo di Stepanakert e la volontà del popolo dell’Artsakh sono immutate. L’Artsakh non farà mai parte dell’Azerbaigian. La pietra angolare di una soluzione globale del conflitto azero-karabako, l’instaurazione di una pace duratura e duratura nella regione, è il riconoscimento del diritto inalienabile all’autodeterminazione esercitato dal popolo di Artsakh, la de-occupazione dei territori sui quali gli Armeni dell’Artsakh si autodeterminarono.

[traduzione redazionale non ufficiale]

Un arrogante dittatore guerrafondaio

Il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev ha tenuto un altro discorso militarista approfittando del primo anniversario della fine della guerra provocata dall’aggressione militare del suo Paese contro l’Artsakh e l’Armenia.

Per enfatizzare ancora di più le sue parole, il discorso è stato pronunciato nella città armena di Shushi, attualmente occupata dall’Azerbaigian, dove il presidente dell’Azerbaigian era arrivato in uniforme militare e accompagnato da sua moglie, Mehriban Aliyeva.

L’essenza del discorso, che è stato ascoltato con attenzione da diverse dozzine di militari azerbaigiani, era di lodare personalmente lui e l’esercito azero nonchè additare ancora una volta gli Armeni come “il nemico”.

Lungi dall’aver assunto una posizione più conciliante a un anno dalla fine del conflitto il dittatore azero ha invece rincarato la dose di insulti e minacce al popolo armeno e ancora una volta ha confermato che è stato l’Azerbaigian a scatenare la suddetta aggressione militare contro il Nagorno Karabakh il 27 settembre 2020.

Quando sono stato eletto per la prima volta alla carica di presidente nel 2003 – ha tuonato Aliyev –  ho detto nel mio messaggio indirizzato al popolo azero che avremmo restituito le nostre terre storiche a tutti i costi, pacificamente o militarmente. E così è stato. Gli anni dei colloqui di pace non ha prodotto alcun risultato. Al contrario, il nemico [cioè gli armeni] è diventato ancora più impudente. Se nei primi anni dell’occupazione [armena] io e il popolo azero nutrivamo ancora certe speranze in relazione al processo negoziale, quelli le speranze sono completamente scomparse negli ultimi tempi”.

Dunque, la leadership azerbaigiana continua la sua politica di armenofobia e semina odio verso gli armeni. E ancor più grave è il fatto che queste parole di odio e di retorica militaristica sono state pronunciate proprio a Shushi, una città che si trovava all’interno della Regione Autonoma del Nagorno Karabakh (NKAO) che aveva guadagnato il diritto all’autodeterminazione nel 1991 e che non ha mai fatto parte della repubblica di Azerbaigian nata dopo il distacco dall’Unione sovietica.

Quanto ancora abbiamo dovuto sopportare? Qualcuno avrebbe dovuto dar loro una lezione o no? In faccia, decine di migliaia di giovani azeri, soldati, ufficiali si sono fatti avanti e hanno indicato il nemico al suo posto. Lo hanno messo in una posizione che non si riprenderà mai. D’ora in poi, vivrà per sempre con lo stigma di un popolo e di uno stato sconfitti” ha rimarcato il presidente azero che riferendosi alla Casa della cultura di Shushi (dove si sarebbe dovuto trasferire il parlamento dell’Artsakh e che fu pesantemente bombardata in guerra con decine di poliziotti armeni morti) ha parlato della tana del diavolo”.

Va ricordato inoltre che, secondo una dichiarazione dell’ufficio del difensore civico dell’Armenia, le parole del presidente dell’Azerbaigian e di altri alti funzionari sono correntemente utilizzate da soldati dall’esercito azero come sottofondo di video nei quali vengono mostrate uccisioni e delle torture degli armeni catturati.

Dichiarazione russa in occasione dell’anniversario della firma del 9 novembre

Il ministero degli Affari esteri della Russia ha rilasciato un comunicato in occasione dell’anniversario della dichiarazione trilaterale firmata dai leader di Russia, Armenia e Azerbaigian il 9 novembre 2020.

Sulla scorta di quanto riportato nel già menzionato comunicato possono focalizzarsi i seguenti punti:

  1. La Russia non rivendica un monopolio nelle comunicazioni con l’Armenia e l’Azerbaigian, anche se vanta legami di lunga e stretta amicizia e una partnership su larga scala i due Paesi e i rispettivi popoli.
  2. A un anno dalla firma dell’accordo trilaterale la realtà dei fatti dimostra la falsità di talune congetture apparse sui social media riguardo al fatto che gli sforzi di mantenimento della pace della Russia sarebbero mirati a ‘spazzare via il Nagorno-Karabakh’, ‘consegnarlo’ all’Azerbaigian e a trasformare l’Armenia in un “protettorato” russo.
  3. Il ministero ha sottolineato che gli accordi e i meccanismi trilaterali avviati da Mosca non sono stati imposti alle parti, ma si sono basati su un equilibrio verificato di interessi e includevano un atteggiamento molto rispettoso nei confronti della sovranità e degli interessi di Baku e Yerevan.
  4. Alcune iniziative russe non hanno potuto essere concordate ma, di contro, l’accordo che è già stato confermato è stato conquistato a fatica e viene concretamente attuato.
  5. Mosca è pronta a sostenere l’inizio dei negoziati sulla determinazione del confine armeno-azero per la futura delimitazione e demarcazione.
  6. Mosca è determinata a continuare a collaborare attivamente con i Copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE. “I co-presidenti intendono visitare la regione e continuare i contatti nel formato 3+2” si legge nel comunicato.
  7. A seguito degli otto incontri del gruppo di lavoro dei vice Primo ministro di Armenia, Russia e Azerbaigian, è stato presentato un rapporto che descrive percorsi ferroviari e automobilistici specifici per il ripristino delle comunicazioni tra Armenia e Azerbaigian, con accesso alle comunicazioni di trasporto dei Paesi vicini al fine di aumentare l’attrattiva di transito della regione e attirare ulteriori investimenti. È stato sottolineato che in questa occasione stanno emergendo ulteriori prospettive per la Russia e l’Armenia per la realizzazione del corridoio internazionale Nord-Sud.
  8. Non è meno importante, soprattutto alla luce della situazione creatasi sul cosiddetto Corridoio Zangezur, esagerata dai media, che tutti i partecipanti al gruppo di lavoro trilaterale abbiano concordato che le nuove vie di trasporto funzioneranno sulla base del rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale dei paesi che attraversano”.

Voci sempre più insistenti riferiscono che la Federazione russa starebbe preparando un incontro trilaterale ad alto vertice con Armenia e Azerbaigian.

Il conflitto non è risolto

L’uso della forza non può cancellare il conflitto del Nagorno Karabakh (Artsakh) dall’agenda internazionale. Lo ha ribadito recentemente anche il portavoce del ministero degli Esteri armeno Vahan Hunanyan, commentando la dichiarazione dell’assistente presidenziale azero Hikmet Hajiyev.

Hajiyev aveva osservato che “il conflitto del Karabakh è finito ed è una cosa del passato, e per l’Azerbaigian. Il Karabakh non è più una questione di politica estera, ma un argomento di agenda interna“.

Ma, contrariamente a quanto possano pensare gli azeri, il conflitto del Karabakh non è risolto. Non solo l’uso della forza non può definirlo, ma non può neppure rimuovere il conflitto del Karabakh dall’agenda internazionale.

L’Armenia ha ripetutamente affermato la sua posizione di principio sulla questione del Karabakh, che la sua posizione coincide con la posizione della comunità internazionale.

Solo attraverso il mandato dei Copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE, i colloqui di pace possono giungere a una soluzione globale e duratura del conflitto del Nagorno Karabakh, sulla base di principi ed elementi noti alle parti, compreso il diritto inalienabile dei popoli all’autodeterminazione.

Purtroppo, la narrazione politica che proviene dall’Azerbaigian in questi mesi tende a considerare la questione come risolta. Se esiste ancora un territorio nel quale vivono oltre centomila armeni sotto la protezione delle forze di pace russe, questa è una situazione transitoria. Tale territorio, che insiste all’interno della vecchia regione autonoma del Nagorno Karabakh di epoca sovietica è considerato dal regime di Baku come parte integrante dell’Azerbaigian a tutti gli effetti. Non a caso qualche mese fa una riforma dell’amministrazione territoriale azera ha creato due nuove regioni, quella del Karabakh e quella dello Zangezour orientale.

A ben vedere, dopo la vittoria in guerra, l’Azerbaigian ha alzato il tiro facendosi sempre più arrogante e minaccioso. Prima del conflitto la materia del contendere riguardava specificatamente i distretti extra oblast sovietica; ora nulla è più lasciato agli armeni nelle intenzioni di Aliyev.

E’ chiaro che una soluzione del genere sarebbe inaccettabile e comporterebbe una nuova pulizia etnica essendo impensabile che armeni vivano nel territorio di uno Stato che da decenni professa un odio politico nei loro confronti. Ecco, proprio qui sta il punto: la continua armenofobia azera, la mancanza di un messaggio di distensione, la ripetuta provocazione anche ai confini con la repubblica di Armenia dimostrano che per la dittatura azera l’unica soluzione è quella di cacciare per sempre gli armeni dall’Artsakh.

In alternativa, c’è sempre la possibilità di una nuova guerra non appena i russi se ne saranno andati. E’ questo che vuole Aliyev? E’ questo che l’Unione europea e la Russia sono disposte ad accettare?

Novembre 2021

(30 nov 21) RAPPORTO OMBUDSMAN ALL’ONU – Il rapporto del difensore dei diritti umani dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh) “Sui casi di uccisione di civili nell’Artsakh da parte delle forze armate dell’Azerbaigian” è stato diffuso come documento ufficiale alle Nazioni Unite.

(30 nov 21) ALTRO DECESSO PER COVID – Il ministero della Salute informa che un altro cittadino dell’Artsakh è deceduto causa Covid 19.

(30 nov 21) SFOLLATI DI GUERRA – Armen Ghazaryan, capo del Servizio migrazioni dell’Armenia, ha partecipato, in formato online, alla 112a sessione del Consiglio dell’Organizzazione internazionale delle Nazioni Unite per le migrazioni (OIM), che si è svolta a Ginevra, in Svizzera, ed è stata dedicata alla 70° anniversario dell’OIM. Nel corso del suo intervento ha sottolineato che a seguito della guerra scatenata dall’Azerbaigian contro il Nagorno Karabakh (Artsakh) lo scorso autunno, più di 91.000 persone sono state sfollate, di cui l’88% erano donne e bambini.

(29 nov 21) AGGIORNAMENTO COVID – Al momento, 115 persone stanno ricevendo cure ospedaliere in Artsakh per COVID-19 e i medici affermano che 19 pazienti sono in condizioni critiche mentre altri 57, compresi i giovani, in condizioni gravi. Finora quest’anno ad Artsakh sono stati condotti un totale di 22377 test per il coronavirus e i risultati di 3773 sono risultati positivi.

(28 nov 21) ERDOGAN ED ALIYEV PER IL “CORRIDOIO” – Il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan ha sottolineato l'”importanza” del cosiddetto “corridoio Zangezur” nel suo discorso al 15° vertice dell’Organizzazione per la cooperazione economica ad Ashgabat. “I nostri sforzi per ripristinare la moderna Via della Seta e migliorare le infrastrutture di trasporto nella nostra regione non si stanno indebolendo. Con la partecipazione attiva della Turchia, l’iniziativa East-West Interim Corridor attraverso il Mar Caspio e la ferrovia Baku-Tbilisi-Kars sono una manifestazione più concreta dei nostri sforzi in questa direzione. Ciò che è anche chiara è l’importanza del corridoio di Zangezur, che aiuterà a stabilire una comunicazione stradale diretta tra la Turchia e la regione“.
Nel medesima riunione, il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev ha confidato che crede che “il corridoio di trasporto di Zangezur stia diventando una realtà” e ha dichiarato che “questa nuova infrastruttura di trasporto diventerà una parte importante del corridoio est-ovest e nord-sud“.

(28 nov 21) SOLDATI AZERI FERITI DA MINA – Due militari azeri sono esplosi su una mina nella regione occupata di Varanda, nel Nagorno Karabakh, riporta la stampa locale, citando il servizio stampa del ministero degli Interni dell’Azerbaigian. I soldati sono stati trasferiti in ospedale con lesioni fisiche di vario grado. I medici dicono che sono in gravi condizioni.

(27 nov 21) CONTROLLI MEDICI PER IL RILASCIATO – Il cittadino dell’Artsakh, Mihran Musaelyan, che ha smarrito la strada e si è ritrovato il 23 novembre nel territorio controllato dagli azeri, rstituito ieri, è sotto la supervisione dei medici. Il capo della comunità di Ashan della regione di Martuni, Armen Balasanyan, in un’intervista ha detto di aver comunicato con i parenti di Musaelyan e ha dichiarato: “Ora sta bene, è in ospedale. Si è perso la mattina presto. Non ci sono forze di pace su questo territorio e Musaelyan non ha notato la linea di contatto“.

(27 nov 21) PRIGIONIERI ARMENI – La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU) ha applicato misure provvisorie nei confronti di 4 prigionieri di guerra armeni detenuti dall’Azerbaigiansecondo quanto riferiscono i loro legali. Gli avvocati Artak Zeynalyan e Siranush Sahakyan avevano chiesto alla CEDU di indicare misure provvisorie – dando priorità all’inviolabilità fisica e alla protezione della vita dei prigionieri – nella loro domanda inviata al tribunale in relazione a coloro che sono stati catturati o dispersi durante le azioni militari a seguito l’attacco azero del 16 novembre.

(27 nov 21) FONDO HAYASTAN – Il presidente della Repubblica dell’Artsakh Arayik Harutyunyan, che si trova a Yerevan per una visita di lavoro, sta prendendo parte alla 30a sessione del Consiglio di fondazione dell’Hayastan All-Armenian Fund.

(26 nov 21) ALTRO RITROVAMENTO – Le squadre di ricerca hanno recuperato i resti di un altro caduto nei pressi di Varanda. Il totale dei ritrovamenti a oggi è di 1702.

(26 nov 21) HARUTYNUNYAN INCONTRA MINISTRO DIFESA ARMENIA – Il nuovo ministro della Difesa dell’Armenia Suren Papikyan ha avuto oggi un incontro con il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan. Congratulandosi con Papikyan per essere stato nominato Ministro della Difesa dell’Armenia, Harutyunyan gli ha augurato successo in questo periodo difficile per l’Armenia. Diverse questioni relative alla situazione sulla linea di contatto Artsakh-Azerbaigian, al corso di attuazione della missione del contingente di pace russo e agli sforzi di recupero postbellici ad Artsakh.

(26 nov 21) RAMI D’OLIVO DA PUTIN – Durante la dichiarazione riassuntiva dell’incontro trilaterale a Sochi, il presidente russo Vladimir Putin ha presentato rami d’ulivo al primo ministro armeno Nikol Pashinyan e al presidente azero Ilham Aliyev. “Lasciatemelo fare, guardate il nostro dono sia agli amici armeni che agli amici azeri: ramo d’ulivo, che simboleggia la pace e la prosperità. Spero che gli accordi odierni vengano rispettati e creino le condizioni per i prossimi passi nella normalizzazione delle relazioni nel Caucaso meridionale”, ha affermato Putin.

(26 nov 21) DICHIARAZIONI ALIYEV – Le decisioni adottate durante la riunione trilaterale di Sochi contribuiranno a creare una situazione più sicura e più prevedibile nel Caucaso meridionale. Questo è quanto ha dichiarato il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev dopo l’incontro dei leader di Russia, Armenia e Azerbaigian a Sochi. Secondo lui, durante l’incontro trilaterale con Putin e Pashinyan si è tenuta “una conversazione approfondita e sincera“. Ha assicurato che “l‘Azerbaigian è determinato a voltare pagina del confronto a lungo termine con l’Armenia e avviare una fase di normale cooperazione“.

(26 nov 21) DICHIARAZIONI PASHINYAN – È stato un incontro molto positivo, abbiamo infatti discusso di tutti i temi all’ordine del giorno. Vorrei affermare che abbiamo chiarito le nostre posizioni su molte questioni. Si è scoperto che non ci sono fraintendimenti riguardo a diverse questioni. E’ quanto ha dichiarato il primo ministro armeno Nikol Pashinyan durante l’incontro dei leader di Russia, Armenia e Azerbaigian tenutosi a Sochi. Pashinyan ha espresso gratitudine a Putin per aver creato un’atmosfera di lavoro positiva. “Per quanto riguarda i percorsi di tutte le vie di trasporto e di comunicazione economica della regione, abbiamo registrato il fatto che abbiamo un quadro comune del lavoro da fare. Il tema della delimitazione e della demarcazione non è un argomento nuovo e ne abbiamo discusso. Abbiamo adottato una dichiarazione trilaterale in cui abbiamo sancito il fatto che prima di ciò, dobbiamo creare condizioni pertinenti, ovvero creare determinati meccanismi di sicurezza e stabilità al confine tra Armenia e Azerbaigian”, ha affermato Pashinyan, aggiungendo che anche le questioni umanitarie sono state discusse. “Nel complesso, credo che l’incontro di oggi sia stato molto positivo e, ancora una volta, desidero esprimere gratitudine all’alleato strategico dell’Armenia, la Federazione Russa, per questa iniziativa. Credo che se siamo riusciti a creare determinate dinamiche sulla base di questo incontro, possiamo aspettarci risultati concreti. Affermo la volontà dell’Armenia e del suo governo di aprire l’era della pace e dello sviluppo pacifico per il nostro Paese e la nostra regione. Questo è il nostro obiettivo. Dal punto di vista dell’attuazione di questa agenda, l’incontro di oggi è stato favorevole“, ha concluso Pashinyan.

(26 nov 21) DICHIARAZIONE PUTIN – Il nostro lavoro è stato molto costruttivo ed è servito come analisi approfondita della situazione attuale. E’ quanto ha dichiarato il Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin dopo il suo incontro con il Primo Ministro armeno Nikol Pashinyan e il Presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev. “Abbiamo raggiunto un accordo su una serie di questioni chiave. In primo luogo, abbiamo concordato di creare meccanismi per la demarcazione e delimitazione del confine tra i due paesi entro la fine di quest’anno, e spero vivamente che ciò avvenga il più rapidamente possibile, non ci sono ostacoli per questo. Il secondo accordo riguarda le questioni umanitarie, che sono molto importanti e delicate, e abbiamo compiuto notevoli progressi. Il terzo accordo riguarda l’economia, lo sviluppo delle relazioni economiche e lo sblocco dei corridoi di trasporto. Ciò riguarda la comunicazione ferroviaria e automobilistica. Credo che dobbiamo esprimere la nostra gratitudine ai nostri primi ministri che stanno lavorando su questo tema. La prossima settimana si incontreranno a Mosca, e questo è un altro accordo che abbiamo raggiunto, cioè per riassumere alcuni risultati e annunciare le decisioni che abbiamo concordato oggi“, ha detto Putin, esprimendo gratitudine ai leader di Armenia e Azerbaigian per la loro partecipazione.

(26 nov 21) LA DICHIARAZIONE FINALE DEL VERTICE DI SOCHI – Il Primo Ministro della Repubblica di Armenia Nikol Pashinyan, il Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin e il Presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev hanno adottato una dichiarazione congiunta basata sulla riunione trilaterale, come riportato dal governo dell’Armenia. La dichiarazione recita in particolare quanto segue:
Noi, il Primo Ministro della Repubblica di Armenia N.V.Pashinyan, il Presidente della Repubblica dell’Azerbaigian I.H. Aliyev, Presidente della Federazione Russa V.V. Putin, si è riunito il 26 novembre a Sochi e ha discusso il processo di attuazione della dichiarazione del 9 novembre 2020 sul completo cessate il fuoco e la cessazione di tutti i tipi di operazioni militari nella zona di conflitto del Nagorno-Karabakh e nel processo di attuazione della dichiarazione dell’11 gennaio 2021 sullo sblocco di tutte le infrastrutture economiche e di trasporto della regione.
Abbiamo riaffermato l’impegno per l’ulteriore e coerente attuazione e l’osservanza incondizionata di tutte le disposizioni della dichiarazione del 9 novembre 2020 e della dichiarazione dell’11 gennaio 2021 a beneficio della stabilità, della sicurezza e dello sviluppo economico del Caucaso meridionale. Abbiamo convenuto di intensificare gli sforzi congiunti volti alla soluzione immediata delle restanti questioni derivanti dalle dichiarazioni del 9 novembre 2020 e dell’11 gennaio 2021.
Abbiamo menzionato il contributo significativo della missione di pace russa nella stabilizzazione della situazione e nel garantire la sicurezza nella regione.
Abbiamo convenuto di adottare misure per aumentare il livello di stabilità e sicurezza al confine azero-armeno, per spingere il processo di istituzione di una commissione bilaterale con la partecipazione consultiva della Federazione Russa basata sull’applicazione dei lati, sulla delimitazione e successivamente la demarcazione, del confine di stato tra la Repubblica di Armenia e la Repubblica di Azerbaigian.
Abbiamo molto apprezzato l’attività del gruppo di lavoro trilaterale sullo sblocco di tutte le comunicazioni economiche e di trasporto della regione, istituito in conformità con la dichiarazione dell’11 gennaio 2021 sotto la presidenza congiunta dei Vice Primi Ministri della Repubblica di Azerbaigian, Repubblica di Armenia e la Federazione Russa. Abbiamo sottolineato la necessità di avviare quanto prima programmi specifici, volti a individuare il potenziale economico della regione.
La Federazione Russa continuerà a fornire l’assistenza necessaria per normalizzare le relazioni tra la Repubblica dell’Azerbaigian e la Repubblica di Armenia, creare un’atmosfera di fiducia tra i popoli azero e armeno e stabilire relazioni di buon vicinato nella regione”.

(26 nov 21) VERTICE A SOCHI – E’ durato quasi tre ore il vertice trilaterale tra Putin, Aliyev e Pashinyan. Dopo i colloqui c’è stato anche un cintro tra il presidente russo e il Primo ministro armeno. Al termine è stato rilasciato un comunicato.

(26 nov 21) AZERI CONSEGNANO DUE PRIGIONIERI – La Commissione statale dell’Azerbaigian per i prigionieri di guerra, gli ostaggi e i cittadini scomparsi informa del trasferimento di due cittadini in Armenia il 26 novembre, uno dei quali è stato fatto prigioniero durante gli scontri al confine del 16 novembre. Secondo i media azeri, uno di loro è Aramyan Arin Zhiraevich, catturato ferito durante le ostilità avvenute al confine il 16 novembre. Il secondo è Mihran Musaelyan, classe 2000. Si tratta di un residente del villaggio Ashan della Repubblica del Nagorno-Karabakh, che si è smarrito il 23 novembre.

(25 nov 21) FONDI DA ARMENIA – L’Armenia ha stanziato quasi 1,44 miliardi di dram (circa 2,7 milioni di euro) al Karabakh come donazione. La decisione è stata presa durante la riunione odierna del governo armeno. I soldi andranno a pagare i servizi di dicembre per l’elettricità, la fornitura di gas e le comunicazioni utilizzate dalla popolazione.

(24 nov 21) RITROVATO CADUTO – I resti di un altro soldato armeno caduto in guerra sono stati ritrovati nei dintorni del villaggio ora occupato di Mataghis. Dopo alcune settimane di interruzione, le squadre di ricerca hanno ripreso le perlustrazioni e sono stati ritrovatio altri resti. Il totale a oggi è di 1701.

(24 nov 21) FORMAT NEGOZIALE – Le autorità georgiane non stanno valutando la possibilità di aderire al format negoziale “3+3” (Azerbaigian, Armenia, Georgia – Russia, Turchia, Iran) per lo sblocco delle comunicazioni economiche e di trasporto nel Caucaso meridionale secondo quanto emerge da una dichiarazione che il governo georgiano ha rilasciato dopo i colloqui tra il rappresentante speciale del primo ministro della Georgia per la normalizzazione delle relazioni con la Federazione russa Zurab Abashidze e il senatore russo Grigory Karasin.

(24 nov 21) INVASIONE AZERA – Nel corso di un diretta live su FB il Primo ministro dell’Armenia ha confermato che dal 12 maggio circa 40-45 kmq di territorio della repubblica di Armenia sono sotto controllo dei militari dell’Azerbaigian. “L’aggressione deve essere fermata, dobbiamo presentare questo problema a tutte le istanze internazionali e perseguire e chiedere che la comunità internazionale eserciti pressioni sull’Azerbaigian in modo che l’aggressione venga fermata“, ha affermato Pashinyan.

(23 nov 21) CONFERMATO VERTICE – Putin, Aliyev e Pashinyan si incontreranno a Sochi (Federazione russa) venerdì 26 novembre. Sembra che non sia in calendario la firma di alcun accordo sulla delimitazione dei confini tra gli Stati. Oggi il Primo Ministro dell’Armenia Nikol Pashinyan ha ricevuto il Vice Primo Ministro della Federazione Russa Alexey Overchuk e il Vice Ministro degli Affari Esteri Andrey Rudenko che in giornata erano stati anche a colloquio con il presidente Aliyev. All’incontro ha partecipato anche il vice primo ministro armeno Mher Grigoryan. Come riportato dal servizio stampa del governo armeno, durante l’incontro sono state discusse questioni relative all’agenda della cooperazione bilaterale tra Armenia e Russia, nonché le attività della task force trilaterale composta dai vice primi ministri di Armenia, Russia e Azerbaigian. E’ presumibile che vi sia stato uno scambio di informazioni pre vertice.

(23 nov 21) PARLAMENTO OLANDESE – Il 23 novembre il parlamento dei Paesi Bassi ha adottato due mozioni sulle provocazioni dell’Azerbaigian contro l’Armenia e i prigionieri di guerra armeni. Una delle mozioni il parlamento olandese invita il governo a collaborare con l’Unione europea per condurre un’indagine indipendente sui fatti del conflitto tra Armenia e Azerbaigian e riferire i risultati a il parlamento il prima possibile. La seconda mozione cita i gravi problemi dei diritti umani, della libertà di parola, della libertà dei media in Azerbaigian, che si stanno ulteriormente approfondendo. La mozione fa anche riferimento ai prigionieri di guerra armeni che sono ancora detenuti illegalmente in Azerbaigian.

(23 nov 21) RAPPORTO OMBUDSMAN SUI PROCESSI FARSA – L’Ufficio dell’Ombudsman per i diritti umani in Artsakh ha pubblicato un rapporto sul perseguimento doloso da parte dell’Azerbaigian di militari e civili armeni catturati- durante e dopo la guerra dello scorso anno.
Il rapporto fornisce informazioni su procedimenti giudiziari inventati e illegali contro i prigionieri di guerra armeni e i prigionieri civili, il che costituisce una grave violazione delle Convenzioni di Ginevra relative alla protezione delle persone civili in tempo di guerra e al trattamento dei prigionieri di guerra. A seguito dei 45 processi organizzati illegali, infondati e falsificati, 3 persone (di cui una civile) sono state condannate a 20 anni, 2 persone (civili) a 15 anni, 23 persone a 6 anni, 2 persone a 4 anni, 13 persone a 6 anni di reclusione. I materiali di casi criminali falsi di 2 prigionieri di guerra armeni sono nella corte dei crimini gravi di Ganja. 5 dei prigionieri di guerra armeni sottoposti a processi illegali sono stati rimpatriati il 19 ottobre 2021.

(23 nov 21) CITTADINO ARTSAKH IN MANO AZERA – Un ragazzo di ventuno anni del villaggio di Ashan (regione di Martuni) è finito accidentalmente in territorio controllo dagli azeri ed è ora sotto custodia delle forze dell’Azerbaigian. L’incidente è stato immediatamente segnalato alle forze di pace russe, che hanno chiarito la questione e hanno assicurato che il cittadino è al sicuro. Sono in corso le trattative per il ritorno del residente dalla parte armena.

(22 nov 21) ACCADEMIA DELLE SCIENZE – Il ministro degli Affari esteri della Repubblica di Artsakh David Babayan ha ricevuto la delegazione dell’Accademia nazionale delle scienze della Repubblica di Armenia guidata dal presidente, l’accademico Ashot Saghyan. Durante l’incontro sono state discusse questioni relative alla risoluzione del conflitto azero-Karabakh, politica estera, processi regionali e di costruzione dello stato.

(22 nov 21) TROVATO ALTRO CADUTO – Le operazioni di ricerca dei resti dei militari uccisi durante la terza guerra in Artsakh o ritenuti dispersi sono riprese dopo essere state terminate il 14 ottobre. Il Servizio statale per le situazioni di emergenza di Artsakh informa che oggi una squadra di soccorso ha condotto operazioni di ricerca nella regione di Varanda (Fizuli) e ha trovato i resti di un militare, la cui identità sarà confermata dopo un esame di medicina legale.

(22 nov 21) PRIGIONIERI DI GUERRA – La Repubblica di Armenia si è rivolta alla Corte europea dei diritti dell’uomo per garantire il rispetto dei diritti umani fondamentali dei prigionieri di guerra armeni catturati il 16 novembre 2021 durante l’offensiva lanciata dall’Azerbaigian sul territorio sovrano della Repubblica di Armenia. L’Ufficio del Rappresentante della Repubblica di Armenia dinanzi alla Corte EDU ha presentato richiesta alla Corte europea di indicare misure provvisorie ai sensi dell’articolo 39 del Regolamento della Corte contro l’Azerbaigian, miranti a garantire il rispetto dei diritti dei prigionieri alla vita e il divieto di tortura prevista dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

(22 nov 21) POSSIBILE VERTICE ALIYEV-PASHINYAN – Corre voce che a Sochi (Russia) si potrebbero incontrare il presidente azero e il Primo ministro armeno il prossimo venerdì 26 novembre. Il ministero degli Esteri dell’Armenia commenta che saranno fornite informazioni con ragionevole preavviso.

(21 nov 21) CONVERSAZIONE PUTIN-PASHINYAN – Secondo quanto riporta il sito ufficiale del Cremlino, il presidente della Russia Vladimir Putin ha avuto una conversazione telefonica con il primo ministro della Repubblica di Armenia Nikol Pashinyan.“La discussione sulla situazione nella regione e sulle misure adottate per stabilizzarla è proseguita nel contesto dell’attuazione degli accordi trilaterali sul Nagorno-Karabakh del 9 novembre 2020 e dell’11 gennaio 2021.
Nikol Pashinyan ha espresso gratitudine per gli sforzi di mediazione attivi della Russia
“, afferma la pubblicazione del Cremlino.

(20 nov 21) INAUGURATO MONUMENTO – A Stepanakert è stato inaugurato questa mattina un monumento dedicato alla memoria dei dipendenti del Servizio di Sicrezza nazionale della repubblica di Artsakh morti nella guerra dello scorso anno

(20 nov 21) PRIGIONIERI DI GUERRA – In un’intervista al fracese “Le figaro” il ministro degli Esteri dell’Armenia ha parlato anche della questione dei prigionieri di guerra. “Ci sono molte prove sul trattamento inumano e degradante e sulla tortura dei prigionieri di guerra armeni. Questi casi sono stati documentati da varie organizzazioni non governative internazionali, tra cui Human Rights Watch. Abbiamo anche video e foto documentati che dimostrano che queste persone sono state catturate, ma l’Azerbaigian non conferma la loro esistenza. Potrebbero essere stati giustiziati in via extragiudiziale, detenuti in prigioni sotterranee o trafficati con organi umani. L’Azerbaigian ha confermato l’esistenza di 40 prigionieri di guerra armeni e ha negato l’esistenza di 100 di loro” ha tra l’altro dichiarato.

(19 nov 21) INCONTRO PASHINYAN-ALIYEV – Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan e il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev hanno concordato di tenere un incontro a Bruxelles il 15 dicembre nell’ambito del vertice del partenariato orientale dell’UE, secondo quanto riportato da una nota della Unione europea.

(19 nov 21) IL PRESIDENTE AD ASKERAN – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha incontrato una delegazione di giovani nella città di Askeran. Il capo dello stato ha ascoltato le loro preoccupazioni e ha discusso delle questioni urgenti per la regione di Askeran. Inoltre, hanno riflettuto sulle sfide che Artsakh deve affrontare e sul lavoro volto a soddisfare queste sfide.

(19 nov 21) DUE AZERI FERITI DA MINA – Un dipendente dell’Agenzia nazionale dell’Azerbaigian per l’azione contro le mine (Vagif Babayev nato nel 1972) ) e un ufficiale del Servizio di frontiera di Stato (Renat Aghababayev nato nel 1999) sono rimasti gravemente feriti verso le 15 nell’esplosione di una mina anticarro calpestata nella zona di conflitto del Nagorno Karabakh.

(19 nov 21) PRIMA NASCITA IN VITRO – Il primo bambino è nato in Artsakh nell’ambito del programma di fecondazione in vitro. Il Ministero della Sanità della Repubblica di Artsakh lo ha reso noto, aggiungendo che il governo continua ad attuare numerosi programmi nel quadro delle riforme in materia, la cui piena attuazione contribuirà al ripristino della vita normale e alla crescita demografica in Artsakh . Secondo quanto comunicato, negli ultimi otto mesi sono state inviate alla fecondazione in vitro 52 coppie, di cui 39 già fecondate e 17 rimaste incinte.

(19 nov 21) LAVROV SU VERTICE TRILATERALE – Si terrà un incontro trilaterale Russia-Armenia-Azerbaigian sul Nagorno Karabakh, ma ciò richiede il consenso di tutte le parti, ha detto ai giornalisti il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

(19 nov 21) ARTSAKH E ABKASIA – Il ministro degli Esteri di Artsakh, David Babayan, ha inviato un messaggio di congratulazioni al neo-ministro degli esteri dell’Abkhazia, Inal Ardzinba,, secondo quanto riferito il dipartimento per le informazioni e le pubbliche relazioni del ministero degli Esteri di Artsakh.

(19 nov 21) ALTRI TRE DECESSI PER COVID – Al momento, 109 persone stanno ricevendo cure ospedaliere ad Artsakh per COVID-19 e i medici affermano che 24 pazienti sono in condizioni critiche mentre altri 49, compresi i giovani, in condizioni gravi.

(18 nov 21) RAFFORZATO PATTUGLIAMENTO RUSSO – Le forze di pace russe stanno pattugliando lungo la linea di delimitazione del confine nel Nagorno Karabakh (Artsakh), secondo quanto riferisce il servizio stampa del ministero della difesa russo. I militari del contingente di mantenimento della pace russo, come parte di un gruppo di pattuglia mobile, hanno marciato attraverso le strade sterrate e di uso comune del Nagorno Karabakh intensificando i controlli in questi giorni di alta tensione fra le parti.

(18 nov 21) AZERI CONSEGNANO CORPI DI CADUTI – Nella tarda serata di ieri a Shushi, la parte azera, attraverso la mediazione del contingente di pace russo, ha trasferito al Servizio statale per le situazioni di emergenza di Artsakh i corpi di 3 militari armeni uccisi dopo l’attacco delle forze armate azere al confine orientale dell’Armenia il 16 novembre. Secondo i dati preliminari, i corpi sono stati evacuati dal villaggio di Ishkhanasar della provincia di Syunik.

(17 nov 21) CONSEGNATO CORPO DI UN CADUTO – Il vice comandante delle truppe dell’Okrug militare meridionale della Russia, il tenente generale Rustam Muradov (gia primo comandante delle forze di pace in Artsakh) è arrivato questa sera a Yerevan da Baku con un aereo che ha trasportato il corpo di un soldato armeno deceduto nell’attacco di ieri, il cui corpo è stato consegnato dagli azeri. Muradov terrà negoziati con le parti per sviluppare un meccanismo per prevenire gli incidenti armati.

.(17 nov 21) SITUAZIONE STABILE AL CONFINE – Il ministero della Difesa dell’Armenia ha riferito che oggi alle 10 la situazione al confine orientale dell’Armenia era relativamente stabile e l’accordo di cessate il fuoco veniva sostanzialmente mantenuto. Il ministero della Difesa ha riportato una sola vittima, ovvero il militare a contratto Meruzhan Harutyunyan (classe 1991). Ci sono 13 militari catturati, la comunicazione con 24 militari è persa e il loro destino rimane sconosciuto. L’azerbaigian lamenta la perdita di sette uomini, il ferimento di una decina e la cattura di un soldato ma alcune fonti non ufficiali parlano di un bilancio molto più alto di perdite.

(17 nov 21) PER GLI AZERI, AZIONE PREVENTIVA – In una conferenza stampa le autorità militari azere hanno rilasciato le solite dichiarazioni di accusa alla parte armena: “Per prevenire un attacco da parte delle forze armate armene, le nostre unità nel sud ovest hanno immediatamente preso delle misure. Inizialmente è stato limitato il movimento degli armeni danneggiando anche i loro mezzi. Un dispositivo anticarro e un mortaio sono stati distrutti

(17 nov 21) DUE DECESSI PER COVID – Il ministero della Salute comunica altri due decessi. Al momento, 132 persone stanno ricevendo cure ospedaliere in Artsakh per COVID-19 e i medici affermano che 20 pazienti sono in condizioni critiche mentre altri 54, compresi i giovani, in condizioni gravi.

(17 nov 21) CONTINUA PROCESSO FARSA – Continuano in Azerbaigian la farsa giudiziaria contro i prigionieri armeni. Secondo i media azeri, l’inchiesta sul procedimento penale contro due cittadini armeni, Ishkhan Sargsyan e Vladimir Rafayelyan, accusati di terrorismo, è conclusa. I materiali del procedimento penale sono stati inviati al tribunale per i crimini gravi di Ganja. Questi due cittadini armeni sono accusati ai sensi dell’articolo 214.3 del codice penale dell’Azerbaigian; vale a dire, “terrorismo commesso con l’uso di armi da fuoco e oggetti che vengono utilizzati come armi”. Scontata la condanna tra i 15 e i 20 anni…

(16 nov 21) ANNUNCIATO CESSATE-IL-FUOCO – Il ministero della Difesa russo ha annunciato di aver raggiunto un accordo di cessate il fuoco tra Armenia e Azerbaigian.

(16 nov 21) PERDITE AZERE – Secondo alcuni rapporti azeri, al momento ci sono 14 morti, 37 feriti e 5 dispersi dalla parte azera.

(16 nov 21) BILANCIO PROVVISORIO – Secondo quanto afferma il presidente del Comitato permanente per le relazioni estere dell’Assemblea nazionale dell’Armenia Eduard Aghajanyan durante un’intervista, a seguito dell’attacco dell’Azerbaigian alle postazioni militari armene schierate nella direzione orientale del confine armeno-azero, la parte armena ha avuto 15 vittime e altri 7 militari sono stati catturati. Le forze nemiche avrebbero molte vittime. Secondo Aghajanyan, durante le operazioni di difesa, le forze armate dell’Armenia hanno abbattuto quattro mezzi corazzati personali (BTR) e un Ural dell’avversario.

(16 nov 21) 12 SOLDATI ARMENI CATTURATI – Alle 17 (ora locale, le 14 in Italia) la situazione nella direzione orientale del confine armeno, dove le unità delle forze armate dell’Azerbaigian hanno lanciato un attacco, rimane estremamente tesa come riferisce il ministero della Difesa dell’Armenia. L’intensità delle battaglie non si è indebolita. L’avversario continua ad utilizzare artiglieria, mezzi corazzati e armi da fuoco di vario calibro.
A seguito delle operazioni di risposta della parte armena, l’avversario ha subito gravi perdite di personale, quasi una dozzina di unità di veicoli corazzati sono state distrutte o sono fuori servizio. Anche la parte armena ha vittime. I dati sono in fase di verifica. Dodici militari delle forze armate armene (7 militari contrattuali e 5 coscritti) vengono catturati.
Il ministero della Difesa riferisce che continuerà a fornire regolarmente rapporti sulla situazione.

(16 nov 21) SITUAZIONE ANCORA TESA – Il ministero della Difesa ha rilasciato il seguente comunicato: “Dalle 16:00, la situazione nella zona di confine orientale della Repubblica di Armenia continua ad essere estremamente tesa. A seguito delle battaglie lanciate dalle forze armate azere dopo l’attacco alle posizioni armene, la parte armena ha vittime, i cui dettagli sono in fase di verifica, poiché è noto la perdita di due posizioni di combattimento.
Le unità delle forze armate armene, con azioni adeguate, hanno causato al nemico grandi perdite di equipaggiamento militare e manodopera. Le battaglie continuano, la loro intensità non si è indebolita
.”

(16 nov 21) L’ARMENIA INVOCA IL TRATTATO ARMENO RUSSO – Yerevan sta ufficialmente invocando il trattato Armenia-Russia del 1997 chiedendo a Mosca di aiutare a risolvere la situazione al confine armeno-azero, ha detto il segretario del Consiglio di sicurezza Armen Grigoryan alla televisione pubblica. “Riteniamo importante sottolineare che, poiché c’è stato un attacco al territorio sovrano dell’Armenia, ci rivolgiamo alla Russia con un appello a difendere l’integrità territoriale dell’Armenia nel quadro del trattato esistente tra Armenia e Russia del 1997 e nel quadro di la logica dell’attuazione degli obblighi reciproci come parte del trattato“, ha affermato. Ha detto che ci sarà anche una procedura scritta per invocare il trattato. “Vogliamo informare il pubblico e i nostri partner che stiamo avviando questo processo. Ci aspettiamo che la Russia fornisca sostegno e avremo l’opportunità di ripristinare l’integrità territoriale dell’Armenia”, ha affermato. Grigoryan ha aggiunto che è stato ripetutamente affermato che la Russia considera i confini dello stato armeno una “linea rossa”.
Ha notato che l’esercito azero sta violando questa linea rossa dal 12 maggio. “A questo proposito ci stiamo rivolgendo al nostro alleato in modo che saremo in grado di ripristinare l’integrità territoriale della Repubblica di Armenia nel quadro degli obblighi alleati“, ha detto Grigoryan.
Alla domanda se si prevede che il sostegno sia o meno sotto forma di partecipazione a negoziati o assistenza militare, Grigoryan ha affermato: “Se sarà possibile risolvere questa situazione con i negoziati, allora risolvete con i negoziati, in caso contrario, per fornire sufficienti forze armate”. assistenza all’Armenia in modo che l’Armenia sia in grado di risolvere la situazione“, ha affermato.

(16 nov 21) BATTAGLIA SU CONFINE ARMENIA – Verso le 13 (ora locale), le unità delle forze armate azere hanno lanciato un’altra provocazione in direzione del confine orientale dell’Armenia, sparando sulle posizioni armene.
L’esercito armeno ha adottato contromisure per contrastare l’avanzata dell’avversario. Alle 14,30 la situazione rimane tesa secondo quanto riferisce il ministero della Difesa di Yerevan. “Sono in corso battaglie localizzate durante le quali l’avversario utilizza artiglieria, equipaggiamento corazzato e armi da fuoco di vario calibro. La parte armena sta portando avanti azioni adeguate. La situazione è sotto il controllo delle forze armate armene“. Un nuovo comunicato rilasciato poco fa riferisce: “Alle 15:00, la situazione al confine orientale della Repubblica di Armenia non è cambiata in modo significativo. Ci sono battaglie locali con l’uso di artiglieria, mezzi corazzati e armi da fuoco di diverso calibro. Il nemico ha grandi perdite di veicoli corazzati e manodopera. Le informazioni sulle vittime e sui feriti sono in fase di chiarimento da parte armena. In questo momento è chiaramente noto circa 4 feriti.” Secondo un quotidiano armeno, vicino al premier Pashinyan, il bilancio sarebbe di dieci morti, sei prigionieri e la perdita di due posizioni militari ma non c’è conferma di quanto riferito.

(16 nov 21) ALTRI 5 DECESSI PER COVID – Anche se la percentuale di casi positivi sui test effettuati sta lentamente scendendo, in Artsakh permangono gravi le conseguenze dell’ondata di Covid abbattutasi nelle ultime settimane. ieri altre cinque persone sono decedute. Ci sono altri 20 pazienti in condizioni critiche e 60 in condizioni gravi.

(16 nov 21) AMARAS E DADIVANK – Secondo quanto riferiscono le autorità russe, circa 4000 pellegrini armeni hanno visitato – scortati dalle forze di pace – i monasteri di Dadivank e Amaras. Il primo si trova in territorio occupato dagli azeri, il secondo è prossimo alla linea di contatto e sotto tiro del nemico.

(15 nov 21) PASTORE AZERO MUORE PER MINA – Un cittadino azero di 41 anni è morto nell’esplosione di una mina ad Akna (Aghdam). La stampa locale riporta che Aghayev Zaur Isaoglu ha calpestato una mina antiuomo mentre pascolava il bestiame ed è morto sul colpo.

(15 nov 21) OCCUPAZIONE AZERA – Baku ha proclamato le sezioni occupate del territorio armeno come “territorio sovrano dell’Azerbaigian“. Come risulta dalla dichiarazione rilasciata dal portavoce del Ministero degli affari esteri dell’Azerbaigian Leyla Abdullayeva in risposta alla dichiarazione rilasciata dal primo ministro Nikol Pashinyan durante la sessione del Consiglio di sicurezza dell’Armenia, “i militari azeri stanno svolgendo le loro funzioni ufficiali nel sovrano territorio dell’Azerbaigian”. Nella sua dichiarazione, tutti i tentativi della parte armena di resistere alle oscene invasioni delle forze armate azere sono etichettati come “provocazione“.

(15 nov 21) NUOVO MINISTRO DIFESA ARMENIA – Con decreto del presidente Armen Sarkissian, Suren Papikyan (già vice Primo ministro) è stato nominato ministro della Difesa dell’Armenia in sostituzione di Arshak Karapetyan.

(15 nov 21) COMUNICATO SU AZIONE AZERA – Il 14 novembre, intorno alle 13, unità delle forze armate azere, con il supporto di veicoli blindati, hanno invaso il territorio sovrano della Repubblica di Armenia (RA) in una delle sezioni orientali del confine armeno-azero. Lo ha notato il Consiglio di sicurezza dell’Armenia in una dichiarazione rilasciata lunedì. Il comunicato prosegue così: “Come risultato delle azioni delle forze armate dell’Azerbaigian, quattro posizioni di combattimento delle forze armate armene erano finite in un blocco. A seguito dei negoziati, l’equipaggiamento militare e le truppe azere che hanno invaso il territorio sovrano della Repubblica di Armenia sono usciti dal territorio dell’Armenia, le unità delle forze armate della Repubbliuca di Armenia sono state estratte dalle suddette quattro posizioni di combattimento, tuttavia, i militari azeri che hanno invaso il territorio sovrano della Repubblica di Armenia nel maggio di quest’anno continuano a essere schierati nella sezione menzionata.”

(14 nov 21) PRESIDENTE VISITA COMUNITA’ DI ASKERAN – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha visitato i villaggi di Sznek e Mkhitarashen della regione di Askeran. Il Capo dello Stato ha seguito il lavoro svolto nell’ambito di programmi finanziati dallo stato e di beneficenza, ha discusso con i residenti locali le questioni sociali, economiche e di sicurezza delle comunità e ha risposto alle loro domande.

(14 nov 21) TENSIONE A CONFINE ARMENIA – Verso le 13:00 ora locale, unità delle forze armate azere hanno tentato di assicurarsi una posizione avanzata nella direzione orientale del confine tra Armenia e Azerbaigian, all’altezza di Sisian nel Syunik (Armenia meridionale). Ne è seguito un violento scambio di colpi per respingere il tentativo di incursione azera. Al momento non si ha notizia di feriti dalla parte armena. Alle 16 (locali) la situazione rimane tesa e sono in corso trattative con mediazione russa.

(14 nov 21) ALTRI DUE DECESSI PER COVID – Il ministero della Salute informa che si sono verificati altri due decessi per Covid. Al momento, 145 persone stanno ricevendo cure ospedaliere in Artsakh per COVID-19 e i medici affermano che 20 pazienti sono in condizioni critiche mentre altri 75, compresi i giovani, in condizioni gravi.

(13 nov 21) SOSPESE RICERCHE RESTI – Le squadre di emergenza dell’Artsakh dallo scorso 18 ottobre hanno sospeso le ricerche di resti di soldati armeni nei territori ora occupati dalle forze dell’Azerbaigian. Complessivamente, dalla fine della guerra, sono stati ritrovati 1697 corpi.

(13 nov 21) INCIDENTE A CHECK POINT – Questa mattina a un check point lungo la strada Stepanakert-Berdzor (Lachin) un uomo ha lanciato una granata. La strada è stata chiusa al transito per alcune ore anche perchè la parte azera ha cominciato a sparare su alcuni veicoli in transito. L’autore del gesto (di 46 anni), Norayr Yeremyan, risulta essere il fratello del ventiduenne che l’8 novembre era stato ucciso da soldati dell’Azerbaigian mentre sulla stessa strada era intento a riparare una condotta idrica. In quella occasione altre tre persone erano rimaste ferite. L’uomo è stato preso in custodia dalle forze russe e poi consegnato alla parte armena. Gli azeri lamentano tre feriti (il sergente Hafiz Nasibov e due commilitoni).

(11 nov 21) COMUNICATO GRUPPO DI MINSK OSCE – I copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE (Andrew Schofer degli Stati Uniti d’America, Igor Khovaev della Federazione Russa e Brice Roquefeuil della Francia) hanno rilasciato una dichiarazione sulla riunione dei ministri degli Esteri armeno e azero Ararat Mirzoyan e Jeyhun Bayramov. La dichiarazione recita quanto segue:
Il 10 novembre i copresidenti si sono incontrati separatamente a Parigi con il ministro degli Esteri azero Jeyhun Bayramov e il ministro degli Esteri armeno Ararat Mirzoyan. I copresidenti hanno ospitato entrambi i ministri degli Esteri in una riunione congiunta, aperta dal ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian .
Alle riunioni ha partecipato anche il Rappresentante personale del Presidente in esercizio dell’OSCE (PRCiO) Andrzej Kasprzyk. I copresidenti e i ministri degli Esteri hanno proseguito le discussioni avviate a New York su una serie di possibili misure di deescalation e sui prossimi passi del processo, compresi i futuri incontri in questo formato e la visita proposta dei copresidenti nella regione.
I copresidenti e i ministri hanno inoltre discusso dello stato di attuazione degli impegni assunti nella dichiarazione trilaterale del 9 novembre. I copresidenti hanno ribadito l’importanza di compiere progressi sulle questioni umanitarie, compresi, tra l’altro, i detenuti, lo sminamento, le persone scomparse, il reinsediamento volontario degli sfollati e la protezione dei siti storici e culturali, e hanno invitato le parti a fornire un accesso illimitato ai organizzazioni umanitarie internazionali. I copresidenti hanno inoltre sottolineato l’importanza di evitare la retorica infiammatoria e le azioni provocatorie.

I copresidenti si sono incontrati con i rappresentanti del Ministero degli affari esteri francese e dell’Eliseo il 10 e 11 novembre per discutere i loro sforzi in corso per aiutare le parti a trovare soluzioni globali a tutte le restanti questioni relative o derivanti dal conflitto del Nagorno Karabakh in conformità con il loro mandato».

(11 nov 21) COMUNICATO UNIONE EUROPEA – Questa settimana segna il primo anniversario della cessazione delle ostilità in ed intorno al Nagorno Karabakh a seguito dell’accordo di cessate il fuoco firmato da Armenia e Azerbaigian. Lo rileva in un comunicato il portavoce per la politica estera dell’Unione Europea – e in occasione del primo anniversario della fine dei 44 giorni di guerra scatenata dall’Azerbaigian contro l’Artsakh (NagornoKarabakh). Il comunicato prosegue così: “L’Unione Europea si rammarica della perdita di vite inflitte durante queste ostilità ed estende le sue condoglianze alle famiglie di coloro che sono stati uccisi o feriti. Sebbene le ostilità siano cessate, molte questioni in sospeso devono ancora essere affrontate per passare a una soluzione negoziata, globale e sostenibile. Chiediamo in particolare il rigoroso rispetto del cessate il fuoco, l’immediato rilascio di tutti i prigionieri rimasti, la piena cooperazione sullo sminamento e l’allentamento delle tensioni nelle aree di confine. L’UE resta impegnata a promuovere un Caucaso meridionale pacifico e prospero ed è attivamente impegnata a contribuire al consolidamento della pace e alla ricostruzione postbellica. Ha svolto un ruolo importante nel rilascio dei prigionieri e nella consegna delle mappe dei campi minati. L’UE ha inoltre sostenuto le persone colpite dal conflitto con oltre 17 milioni di euro in assistenza umanitaria, anche per lo sminamento e la pronta ripresa. L’UE è inoltre pronta a sostenere la riduzione dell’escalation e la delimitazione delle frontiere fornendo assistenza tecnica, se necessario alle parti, e incoraggia la connettività e la riapertura della cooperazione economica nel Caucaso meridionale. Guardando al futuro, è necessaria una soluzione globale per porre fine a più di tre decenni di conflitti e sofferenze. Per raggiungere questo obiettivo, l’UE continuerà ad essere in contatto attivo con i pertinenti partner internazionali, in particolare i copresidenti del gruppo di Minsk dell’OSCE, e li sostiene pienamente nell’adempimento del loro mandato, lavorando con l’Armenia e l’Azerbaigian su una soluzione globale a tutte le questioni in sospeso problemi.”

(10 nov 21) INCONTRO MINISTRI ESTERI – Oggi il ministro francese per l’Europa e gli affari esteri Jean-Yves Le Drian ha avuto incontri separati con i ministri degli esteri armeno e azero Ararat Mirzoyan e Jeyhun Bayramov, in visita a Parigi per partecipare alla 41a sessione della Conferenza generale dell’UNESCO. Secondo il ministero degli Esteri francese, al termine dei colloqui bilaterali, Le Drian ha aperto la riunione congiunta dei ministri armeno e azero sotto gli auspici dei Co-presidenti del Gruppo OSCE di Minsk – e che è chiamato a proseguire le discussioni iniziate nel New York il 23 settembre.

(10 nov 21) RIUNIONE SULLA SICUREZZA – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha convocato oggi una consultazione sulle questioni di sicurezza con i capi delle fazioni parlamentari, presenti il segretario del Consiglio di sicurezza e i capi delle strutture di potere.

(10 nov 21) STATUA AL PACIFICATORE RUSSO – Una statua di un pacificatore è stata svelata nei locali di un campo militare russo nelle vicinanze di Stepanakert in onore del primo anniversario dell’ingresso del contingente di pace russo nel Nagorno-Karabakh. Tra i partecipanti alla solenne cerimonia di inaugurazione della statua c’erano il vice comandante dell’Okrug militare meridionale, il tenente generale Rustam Muradov e il comandante del contingente di mantenimento della pace russo in Nagorno-Karabakh Genady Anashkin. Il monumento fuso ritrae un pacificatore con munizioni e un Kalashnikov sulla spalla, che abbraccia una ragazza fragile che gli porge un bouquet di fiori. Il prototipo del monumento è un vero membro della missione di pace. Durante la cerimonia è stata anche collocata una capsula del tempo che trasmette un messaggio alle generazioni.

(10 nov 21) INAUGURATA CHIESA ORTODOSSA RUSSA – La prima chiesa ortodossa è stata aperta nel Nagorno-Karabakh, nell’area della città militare russa situata nelle vicinanze di Stepanakert. Tra i partecipanti alla cerimonia di apertura c’erano il vice comandante dell’Okrug militare meridionale, il tenente generale Rustam Muradov e il comandante del contingente di mantenimento della pace russo in Nagorno-Karabakh Genady Anashkin.

(10 nov 21) UN ANNO DI VIOLAZIONI AZERE – Nell’anno successivo alla dichiarazione trilaterale del 9 novembre 2020, la parte azera ha deliberatamente e intenzionalmente continuato le sue azioni criminali contro il popolo di Artsakh, di cui abbiamo ripetutamente affermato e informato le organizzazioni internazionali e le organizzazioni per i diritti umani nell’ultimo anno. Lo fa notare in una dichiarazione del difensore civico per i diritti umani di Artsakh, Gegham Stepanyan che sottolinea il carattere pianificato e coordinato delle azioni turco-azere. Le statistiche presentate dall’Ufficio del Procuratore della Repubblica dell’Artsakh mostrano che nell’ultimo anno sono stati commessi 56 crimini dalle forze armate azerbaigiane situate vicino agli insediamenti civili della Repubblica dell’Artsakh, in relazione ai quali sono stati avviati 43 procedimenti penali. A seguito di atti criminali azeri, 2 civili e 9 militari sono stati uccisi, 24 civili e 44 militari sono stati vittime di tentativo di uccisione, 9 civili e 28 militari hanno ricevuto ferite da arma da fuoco di vario grado, 6 persone sono state aggredite fisicamente, 2 sono state minacciato di morte. A seguito di violazioni criminali dell’Azerbaigian sui diritti di proprietà, sono stati causati danni alla proprietà di 17.710.000 dram (circa 32000 euro) a cittadini dell’Artsakh. A seguito della distruzione deliberata di proprietà o dell’intento criminale di danneggiare la proprietà, 5 case residenziali, 3 macchinari agricoli, 7 veicoli, 2 macchine edili sono stati colpiti o presi di mira, 3 frutteti e seminativi sono stati dati alle fiamme, un un gran numero di bovini è stato preso di mira con armi da fuoco a lungo raggio. Nell’ultimo anno sono stati regolarmente sparati colpi dalle basi azere dislocate vicino agli insediamenti armeni, i cui proiettili sono caduti sui tetti delle case o in luoghi pubblici, violando così l’immunità psicologica della popolazione civile. Un rapporto sui dettagli di tutti i casi registrati e le loro conseguenze sarà preparato dal personale dell’Artsakh Human Rights Ombudsman per la presentazione agli organismi internazionali.

(10 nov 21) NUOVE MIRE AZERE SU SHUSHI – L’Azerbaigian sta tentando di includere la città armena di Shushi, ora nel territorio occupato dell’Artsakh, nella rete delle città creative dell’UNESCO.

(10 nov 21) PRIGIONIERI DEGLI AZERI – Decine di residenti dell’Artsakh sono finiti in prigionia azera durante la guerra di 44 giorni nel 2020. Il difensore civico per i diritti umani di Artsakh Gegham Stepanyan ha dichiarato questo oggi durante una conferenza stampa a Stepanakert con i media russi, aggiungendo che l’Azerbaigian ha confermato la informazioni su 40 residenti di Artsakh in cattività azera, e tre dei quali sono civili. Secondo Stepanyan, le autorità di Artsakh non sanno nulla del destino di 20 residenti, che sono principalmente anziani e persone con disturbi mentali.

(9 nov 21) COMUNICATO DI MOSCA – Un comunicato è stato diffuso dal Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa in occasione dell’anniversario degli accordi trilaterali tra i vertici della Federazione Russa, dell’Armenia e dell’Azerbaigian. Tra l’altro vi si legge che “a partire dal 2 dicembre 2020, con la partecipazione delle forze di pace russe, sono stati restituiti un totale di 122 prigionieri di guerra e persone detenute. Di questi 122, 105 sono stati restituiti in Armenia, 17 in Azerbaigian e 3 pacchi di mappe di campi minati sono stati trasferiti alla parte azera“. Inoltre il comunicato recita che “da dicembre 2020 a giugno 2021, il Ministero russo per le situazioni di emergenza ha consegnato nella regione 1.581 tonnellate di merci umanitarie e 800 tonnellate di materiali da costruzione“. Il lungo documento riporta anche che la Russia continua “a compiere sforzi per una rapida soluzione alle restanti sfide umanitarie, compreso il rilascio di tutti i detenuti, il chiarimento del destino di tutte le persone scomparse, il trasferimento dei corpi dei defunti e la fornitura di mappe minerarie completamente precise. È importante anche garantire la sicurezza degli oggetti del patrimonio culturale, religioso e storico” e punta a “raggiungere coerentemente gli obiettivi per lo sblocco di tutte le comunicazioni economiche e di trasporto nel Caucaso meridionale che sono formulati nella dichiarazione adottata dai leader di Russia, Azerbaigian e Armenia l’11 gennaio 2021“.

(9 nov 21) AZERI ACCUSANO GLI ARMENI – Dopo molte ore di silenzio il ministero degli Esteri dell’Azerbaigian ha rilasciato una nota su quanto accaduto ieri (quattro civili armeni colpiti, un morto e tre feriti) accusando gli armeni stessi. Baku sostiene che il contingente di pace russo non era stato avvertito, come solitamente accade, della presenza degli operai al lavoro sulla condotta idrica (che serve proprio un posto di guardia della forza di pace russa) e quindi la presenza degli uomini in quella zona (peraltro “neutrale” non era giustificata. Alla luce di quanto dichiarato dagli azeri, si deve presumere che l’uccisione a sangue freddo di un uomo e il ferimento di altri tre era pienamente giustificato…

(9 nov 21) IL PRESIDENTE RENDE OMAGGIO AGLI EROI – Il presidente Arayik Harutyunyan ha visitato il memoriale della città di Stepanakert in occasione del primo anniversario degli giornata dedicata agli eroi martiri nella terza guerra di Artsakh e ha reso loro omaggio dell’Artsakh. Inoltre, il capo dello Stato ha visitato il pantheon militare e ha deposto fiori sulle tombe delle vittime di tutte le guerre dell’Artsakh.

(9 nov 21) IL PARLAMENTO IN SEDUTA SPECIALE – Oggi, alle ore 11, è stata convocata una seduta speciale dell’Assemblea nazionale della Repubblica dell’Artsakh ai sensi della Costituzione dell’Artsakh e del regolamento interno dell’Assemblea nazionale, nonché su iniziativa dei suoi parlamentari. All’ordine del giorno di questa seduta è stata discussa la dichiarazione del parlamento sul diritto inalienabile del popolo di Artsakh a vivere liberamente e in modo indipendente.

(9 nov 21) ANNIVERSARIO FIRMA ACCORDO TRILATERALE – Ricorre oggi il primo annivaresario della firma dell’accordo trilaterale del 9 novembre 2020 che ha posto fine alla guerra di aggressione contro l’Artsakh. Il ministero degli Affari esteri di Stepanakert ha rilasciato al riguardo un comunicato. “Un anno fa, il 9 novembre 2020, grazie agli attivi sforzi di mediazione della Federazione Russa, è stata firmata una dichiarazione trilaterale dal Presidente della Federazione Russa, dal Primo Ministro dell’Armenia e dal Presidente dell’Azerbaigian“. Il comunicato prosegue così: “La firma della dichiarazione trilaterale ha permesso di porre fine alla guerra di aggressione di 44 giorni scatenata dall’Azerbaigian contro Artsakh con il diretto coinvolgimento militare della Turchia, nonché di terroristi internazionali e mercenari del Medio Oriente, e ha gettato le basi per l’ingresso delle forze di pace russe nel territorio di Artsakh per mantenere la pace nella zona del conflitto tra Azerbaigian e Karabagh. La dichiarazione trilaterale svolge anche un ruolo importante nel garantire la riabilitazione postbellica della Repubblica di Artsakh“. Qui il testo completo del comunicato

(9 nov 21) DETTAGLI SU AGGRESSIONE AZERA – Emergono dettagli sulla gravissima violazione azera di ieri. Verso le 15:00 di lunedì, un militare ancora non identificato delle forze armate azere è entrato, da un’area attualmente sotto il controllo dell’esercito azero, nel luogo chiamato “sotto Shushi” lungo la strada Shushi-Berdzor in Artsakh e ha aperto il fuoco personale che stava provvedendo a riparare una condotta idrica. A seguito di ciò, Martik Yeremyan, un residente di Stepanakert nato nel 1998, è morto sul posto dopo aver ricevuto una ferita da arma da fuoco alla testa, mentre Gevorg Melkumyan, Gagik Ghazaryan e Armen Sargsyan hanno riportato ferite da arma da fuoco.

(8 nov 21) HARUTYUNYAN SI VACCINA – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan si è vaccinato contro il COVID-19 nella giornata odierna secondo quanto riferisce il Ministero della Salute dell’Artsakh. Il capo dello Stato ha sottolineato l’importanza della vaccinazione come mezzo efficace per combattere il coronavirus.

(8 nov 21) SPARI AZERI, MORTI E FERITI CIVILI ARMENI – Il Servizio di Sicurezza Nazionale dell’Artsakh ha ricevuto segnalazioni secondo le quali intorno alle 15:00 (ora locale) gli azeri hanno sparato colpi di pistola contro i civili che lavoravano alle condutture dell’acqua in un incrocio vicino alla città di Shushi. Il Servizio di sicurezza nazionale riferisce che quattro civili sono stati trasferiti all’ospedale di Stepanakert, aggiungendo che un civile è morto e gli altri tre civili stanno ricevendo assistenza medica.

(8 nov 21) ALIYEV DA SHUSHI TUONA CONTRO GLI ARMENI – Il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev ha tenuto un altro discorso militarista approfittando del primo anniversario della fine della guerra provocata dall’aggressione militare del suo Paese contro l’Artsakh e l’Armenia. Per enfatizzare ancora di più le sue parole, il discorso è stato pronunciato nella città armena di Shushi, attualmente occupata dall’Azerbaigian, dove il presidente dell’Azerbaigian era arrivato in uniforme militare e accompagnato da sua moglie, Mehriban Aliyeva. L’essenza del discorso, che è stato ascoltato con attenzione da diverse dozzine di militari azerbaigiani, era di lodare personalmente lui e l’esercito azero nonchè additare ancora una volta gli Armeni come “il nemico”. Lungi dall’aver assunto una posizione più conciliante a un anno dalla fine del conflitto il dittatore azero ha invece rincarato la dose di insulti al popolo armeno e ancora una volta ha confermato che è stato l’Azerbaigian a scatenare la suddetta aggressione militare contro il Nagorno Karabakh il 27 settembre 2020.

(8 nov 21) AGGIORNAMENTO COVID – Altre quattro persone a cui era stato diagnosticato il COVID-19 sono morte in Artsakh secondo quanto riferito dal Ministero della Salute dell’Artsakh. Ieri sono stati condotti un totale di 314 test di coronavirus con 106 nuovi casi di questa malattia. Al momento, 146 persone stanno ricevendo cure ospedaliere ad Artsakh per COVID-19 e i medici affermano che 19 pazienti sono in condizioni critiche mentre altri 85, compresi i giovani, in condizioni gravi. Finora quest’anno ad Artsakh sono stati condotti un totale di 18.603 test di coronavirus e i risultati di 2.728 di loro sono risultati positivi.

(6 nov 21) DOCUMENTATA ALTRA DISTRUZIONE PATRIMONIO ARMENO – L’organizzazione “Monument watch” ha documentato con immagini satellitari la distruzione di altro patrimonio armeno nei territori occupati. Questa volta a farne le spese sono stati il monumento ai caduti, la scuola e la casa della cultura del piccolo villaggio di Madatashen nella regione di Askeran.

(6 nov 21) CIVILE AZERO SALTA SU MINA – Un civile azero, intento a lavori nei campi, è morto a seguito dell’eplosione di una mina in località Mekhakavan nel territorio occupato della regione di Hadrut.

(5 nov 21) SEMINARIO SU MARKETING IN ARTSAKH – Il 5 novembre, presso il club “Hub Artsakh” del Paul Eluard Francophone Center di Stepanakert, si è tenuto un seminario intitolato “Your Brand from Artsakh to the International Market”. Il seminario è stato condotto da David Gabrielyan, fondatore e direttore di Nakhshun Tea e BIB Digital Marketing Agency. “Hub Artsakh” opera da oltre un mese nella Vahe Fatal Hall del Paul Eluard Francophone Center di Stepanakert. Il fondatore è Vahe Keushgueryan e il direttore esecutivo è Shushan Keshishyan.

(5 nov 21) CONFERMA AZERA SU CORPI RITROVATI – Ad oggi, l’Azerbaigian ha consegnato alla parte armena circa 1.700 corpi di militari uccisi. Così ha dichiarato il ministro degli Esteri azero Jeyhun Bayramov durante una conferenza in un’università secondo quanto riferisce Haqqin.az.

(4 nov 21) AZERBAIGIAN CONDANNATO – La Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) ha rilasciato le sentenze dei casi relativi al residente del villaggio armeno di Karmiraghbyur Mamikon Khojoyan e al residente del villaggio di Chinari Karen Petrosyan che sono stati catturati e torturati dall’Azerbaigian nel 2014. La Corte ha concluso che Baku ha violato gli articoli 2 (diritto alla vita), 3 (divieto di tortura) e 5 (diritto alla libertà e alla sicurezza) della Convenzione europea dei diritti dell’uomo e ha obbligato l’Azerbaigian a pagare 40.000 euro per ogni caso. Mamikon Khojoyan, 77 anni, è stato catturato dall’Azerbaigian nel gennaio 2014. Il 4 marzo è stato consegnato all’Armenia ed è morto a casa dieci settimane dopo. La causa della morte è stata, secondo il rapporto forense post mortem, un’intossicazione generale dell’organismo. Karen Petrosyan è stato catturato dalle truppe azere il 7 agosto 2014. L’8 agosto 2014 le autorità azere hanno annunciato che il sig. Petrosyan era morto inaspettatamente, secondo le informazioni preliminari, a causa di “insufficienza cardio-polmonare acuta e miocardica”.

(4 nov 21) GRUPPO DI MINSK – Brice Roquefeuil è stato nominato nuovo copresidente francese del gruppo OSCE di Minsk, secondo il sito web del governo francese. Roquefeuil sostituirà Stephane Visconti, in carica dall’ottobre 2016.

(4 nov 21) AGGIORNAMENTO COVID – Si segnalano purtroppo altri due decessi per Covid nella giornata di ieri. Un totale di 207 test di coronavirus sono stati condotti ieri in Artsakh e da cui sono stati confermati 88 nuovi casi di questa malattia. Al momento, 144 persone stanno ricevendo cure ospedaliere per COVID-19 e i medici affermano che 20 pazienti sono in condizioni critiche mentre altri 74, compresi i giovani, in condizioni gravi.

(4 nov 21) FORMATO NEGOZIALE – Baku continua a discutere con i partner la creazione del meccanismo di cooperazione regionale “3+3” con tre repubbliche del Caucaso meridionale (Armenia, Azerbaigian e Georgia), nonché con Russia, Iran e Turchia attraverso i canali diplomatici. Questo è ciò che l’assistente del presidente dell’Azerbaigian, capo della divisione di politica estera dello staff del presidente Hikmet Hajiyev ha detto oggi all’agenzia TASS. Nel frattempo, il presidente dell’Azerbaigian Aliyev ha lamentato l’assenza di una risposta da parte dell’Armenia sulla questione della delimitazione dei confini. Ilham Aliyev ha espresso la sua insoddisfazione al riguardo durante il suo discorso all’apertura del Forum globale di Baku, intitolato “Il mondo dopo il COVID-19″.”L’Azerbaigian ha proposto all’Armenia di iniziare a lavorare su un accordo di pace. Noi [cioè, l’Azerbaigian] non vogliamo parlare di guerra, ma di pace. Abbiamo proposto di iniziare il lavoro di delimitazione e demarcazione dei confini [con l’Armenia]. Ma, sfortunatamente, non è stata ricevuta alcuna risposta [dall’Armenia]“, ha detto Aliyev.

(4 nov 21) CASA IN FIAMME, UN MORTO – Il 3 novembre alle 21:16 la divisione regionale per le situazioni di emergenza nella regione di Martuni ha ricevuto una segnalazione secondo cui un incendio era divampato nella comunità Kaghartsi. Secondo i dati preliminari, una casa stava bruciando e all’interno c’era una donna anziana. Due squadre dei vigili del fuoco sono state immediatamente inviate sul luogo dell’incidente e sono state assistite da cinque residenti della comunità. L’incendio è stato spento alle 12:30 e ha lasciato completamente bruciata la casa a due piani del residente, e il corpo è stato trovato all’interno della casa.

(3 nov 21) VISITA IN USA – Il ministro di Stato, Artak Beglaryan, è in visita negli Stati Uniti dovesono programmati incontri con le istituzioni armene. Un ricevimento è stato tenuto all’ambasciata della Repubblica di Armenia a Washington.

(3 nov 21) AMNISTIA IN AZERBAIGIAN – Per volontà del presidente azero Aliyev, numerosi detenuti comuni delle prigioni dell’Azerbaigian saranno liberati per festeggiare il primo anniversario della vittoria in guerra.

(3 nov 21) INCONTRO PASHINYAN CON HAROUTYUNYAN – Il Primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha incontrato il presidente della Repubblica di Artsakh Arayik Harutyunyan con il quale ha analizzato la situazione attuale. “Attribuiamo importanza alla piena ripresa del processo negoziale nell’ambito della Co-presidenza del Gruppo di Minsk dell’OSCE, dove, come i Co-presidenti hanno ripetutamente sottolineato, la soluzione definitiva e globale del conflitto del Nagorno Karabakh e il chiarimento dello status del Nagorno Karabakh , si svolgono sulla base dei famosi principi, compreso il diritto delle nazioni all’autodeterminazione” ha dichiarato il premier dell’Armenia. Dal canto suo, il presidente dell’Artsakh ha affermato che “entro la fine dell’anno metteremo in funzione almeno 300 appartamenti solo nella capitale Stepanakert. Si parla degli appartamenti di nuova costruzione. Certo, una parte riguarda la costruzione prebellica, ma oltre a questo, siamo riusciti a iniziare a costruire migliaia di appartamenti e completeremo la costruzione di almeno 2500-3000 appartamenti entro la fine del 2022“. Ringraziando il governo dell’Armenia per l’assistenza fornita all’Artsakh ha aggiunto che “sono sicuro che risolveremo completamente i problemi abitativi, infrastrutturali e sociali in 2-3 anni“.

(3 nov 21) COVID IN ARTSAKH – Ieri sono stati condotti in Artsakh 242 test Covid-19 dai quali sono risultati 102 nuovi casi di coronavirus. Al momento, 180 persone stanno ricevendo cure ospedaliere in Artsakh per COVID-19 e i medici affermano che 17 pazienti sono in condizioni critiche mentre altri 85, compresi i giovani, in condizioni gravi. Ieri sono stati registrati quattro altri decessi. Provvedimenti di quarantena (lockdown) entreoranno in vigore dalle 22 di domani sino al primo dicembre nella capitale Stepanakert e nelle altre comunità urbane dell’Artsakh.

(3 nov 21) TRANSITI DA E PER ARTSAKH – Nel mese di ottobre le forze di pace russe hanno assicurato circa mille transiti di veicoli nel corridoio di Lachin a beneficio di circa 6800 persone secondo quanto comunica il ministero della Difesa di Mosca.

(2 nov 21) VIOLAZIONI AZERE – Oggi nel pomeriggio alcune unità dell’esercito azero hanno aperto il fuoco irregolare con fucili in direzione della comunità Karmir Shuka della regione di Martuni dell’Artsakh dove peraltro in mattinata la partte azera aveva consegnato a quella armena i resti di altri undici caduti. Non si registrano feriti. Colpi di arma da fuoco sono stati anche uditi provenienti dalla parte azera nella sezione del villaggio di Sargsashen, regione di Martuni.

(2 nov 21) AZERI CONSEGANO 11 CORPI – La parte azera, accompagnata dalle forze di pace russe, martedì ha consegnato alla parte armena – nei pressi del villaggio di Karmir Shuka della regione di Martuni inArtsakh – i resti di altri 11 armeni che sono stati uccisi durante la terza guerra di Artsakh e sono stati considerati dispersi. Le loro identità saranno determinate dopo gli esami medico-legali. Al momento non è dato sapere quando e come siano morti i militari armeni.

(1 nov 21) AIUTI AGLI SFOLLATI – Specialisti del centro di risposta umanitaria del contingente di mantenimento della pace russo nel Nagorno Karabakh (Artsakh) hanno fornito assistenza umanitaria mirata agli sfollati interni (IDP) e alle famiglie numerose nella capitale Stepanakert secondo quanto riferisce il servizio stampa del ministero della Difesa russo. Ai residenti vengono forniti anche beni di prima necessità: scarpe e vestiti, detersivo, scaldavivande, elettrodomestici da cucina, cibo, biancheria da letto, articoli per l’igiene personale e giocattoli. Da novembre 2020, più di 6.700 sfollati interni nel Nagorno Karabakh hanno ricevuto assistenza umanitaria e medica dalle forze di pace russe.

(1 nov 21) NUOVE MISURE ANTI COVID – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha convocato oggi un’ampia consultazione di lavoro sull’attuale situazione epidemiologica nella repubblica. Il ministro della Salute Mikayel Hayriyan ha consegnato un rapporto in cui affermava che i casi di COVID-19 sono aumentati di quasi dieci volte a ottobre e che il Ministero della salute ha attualmente forniture mediche sufficienti per organizzare la lotta contro la pandemia. Tuttavia, secondo Hayriyan, è necessario prendere in considerazione le pratiche principali per raggiungere il successo. Il capo dello Stato ha ritenuto molto preoccupante la crescita dinamica dei casi di infezione e ha sottolineato la risolutezza delle autorità a inasprire ulteriormente le restrizioni esistenti. Al riguardo, Harutyunyan ha dato diverse istruzioni che entreranno in vigore a partire dal 2 novembre. Nella giornata odierna si sono registrati altri tre decessi per Covid.

Rassegna stampa (1-30 nov)

La nuova strategia di Erdogan per “conquistare” gli armeni (Tempi, 1 nov)

Dichiarazione russa in occasione dell’anniversario della firma trilaterale del cessate il fuoco del 9 novembre 2020 in Artsakh (Korazym, 7 nov)

L’Azerbaigian festeggia la vittoria in guerra uccidendo i civili armeni (Tempi, 9 nov)

Le due facce dell’atteggiamento turco (Difesa online, 9 nov)

Artsakh – “Non faremo mai parte dell’Azerbaijan” (Assadakah, 9 nov)

Nagorno Karabakh, ad un anno dalla guerra (Osservatorio Balcani Caucaso, 10 nov)

Un anno dopo la guerra in Karabakh (Osservatorio Balcani Caucaso, 11 nov)

La narrazione agit-prop della diplomazia azera, alla luce delle parole di odio contro gli Armeni dell’arrogante dittatore guerrafondaio, ad un anno dalla fine della sua guerra contro l’Artsakh (Korazym, 16 nov)

In atto un’operazione turco-azera per annientare l’Armenia e l’Artsakh. Oggi nuova aggressione sul territorio armeno. Assordante silenzio dell’Unione Europea disinteressata (Korazym, 16 nov)

Azerbaigian-Armenia: fonti Telegram, forze Baku penetrate nelle alture autostrada Erevan-Goris (Nova, 16 nov)

Nagorno Karabakh. Il punto di vista dell’ambasciatore armeno in Vaticano (Il faro di Roma, 16 nov)

Armenia e Azerbaigian. Scontri e morti al confine: Erevan chiede intervento Russia (L’antidiplomatico, 16 nov)

L’Armenia invoca il Trattato Armeno-Russo per far cessare le aggressioni azere al confine (Assadakah, 16 nov)

Nagorno-Karabakh, la tregua dopo la pericolosa scintilla (Vatican news, 17 nov)

Dopo aver occupato 2/3 dell’Artsakh, esercitazioni di invasione azera in Armenia. L’alleato del turco Erdogan, l’azero Aliyev sogna nuove conquiste. Solo la Russia difende l’Armenia cristiana (Korazym, 17 nov)

Armenia: 15 militari uccisi negli scontri con le forze azere nel conflitto per il Nagorno Karabakh. Collegamento con Mariano Giustino da Ankara (Radio radicale, 17 nov, collegamento audio)

Nagorno Karabakh: nuovi scontri fanno temere una’ltra guerra (Eastjournal, 17 nov)

L’Azerbaigian invade l’Armenia. «Come può l’Occidente restare a guardare?» (Tempi, 18 nov)

Duri scontri tra Azerbaigian e Armenia, ma i conti non tornano (il manifesto, 18 nov)

L’Armenia vuole la pace ma l’Azerbaijan vuole l’Armenia (Assadakah, 18 nov)

Cosa si nasconde dietro il conflitto tra Armenia e Azerbaijan (In terris, 18 nov)

Armenia-Azerbaijan: si torna a sparare (Osservatorio Balcani Caucaso, 19 nov)

Venti di guerra nel Caucaso. Non più solo l’Artsakh (Nagorno-Karabakh) ma l’Armenia nel mirino azero-turco. Verso il disastro (Korazym, 19 nov)

Guerra tra Armenia e Azerbaigian: ecco cosa sta succedendo (Il primato nazionale, 19 nov)

Tensioni Armenia-Azerbaigian, incontro tra Aliyev e Pashinyan fissato a Bruxelles il 15 dicembre (Sputnik, 19 nov)

L’Ambasciatore Armeno replica alle dichiarazioni dell’Ambasciatore dell’Azerbaigian in Vaticano (Vivere Roma, 19 nov)

Cosa succede ai confini? Mosca e la questione della Transcaucasia (Sputnik, 22 nov)

Armenia e Azerbaijan, il valzer dei (mancati) incontri (Osservatorio Balcani Caucaso, 25 nov)

Perchè gli USA dovrebbero ripensare l’alleanza con la Turchia (L’Indro, 25 nov)

A Sochi colloqui su iniziativa del Presidente russo tra Russia, Armenia e Azerbajgian (Korazym, 26 nov)

Accordo a Sochi ieri tra Russia, Armenia e Azerbajgian di procedere con la definizione del confine azero-armeno e di sbloccare i collegamenti economici e viari nel Caucaso meridionale (Korazym, 27 nov)

Cosa ha prodotto il vertice di Sochi tra Russia, Azerbajgian e Armenia? Al vaglio della Corte Europea il coinvolgimento di mercenari siriani nella guerra dell’Azerbajgian contro l’Artsakh (Korazym, 29 nov)

Il dialogo tra Armenia e Azerbaigian riparte da Sochi (East journal, 29 nov)

Il Difensore civico dell’Artsakh denuncia le violazioni di natura sistematica dei diritti fondamentali degli Armeni da parte dell’Azerbajgian. A Berlino protestano le associazioni tedesco-armene (Korazym, 30 nov)