Tag Archivio per: Aliyev

Sono iniziate le udienze davanti alla Corte internazionale di giustizia dell’Aja relative ai procedimenti Armenia c. Azerbaigian e Azerbaigian c. Armenia aventi per oggetto accuse reciproche di discriminazione razziale e odio etnico. Dopo la causa intentata da Yerevan anche Baku ha provato a rispondere con la medesima accusa ma la sua posizione è molto debole.

Infatti, in risposta alle numerose prove dell’Armenia, l’Azerbaigian ha compiuto tentativi disperati di creare un falso senso di uguaglianza tra le parti e ha intentato una causa contro l’Armenia. E’ questa la posizione ufficiale del governo armeno espressa attraverso la prolusione di Yeghishe Kirakosyan, rappresentante dell’Armenia per gli affari legali internazionali, nell’odierna udienza verbale sulla causa Armenia contro Azerbaigian presso la Corte internazionale di giustizia delle Nazioni Unite (ICJ).

La difficoltà per l’Azerbaigian – a differenza del molto materiale prodotto dall’Armenia – è che non dispone di video di atrocità razziali a sostegno delle sue affermazioni, né della possibilità di citare dichiarazioni rilasciate da funzionari governativi armeni.
L’Azerbaigian ha fatto rivivere le rivendicazioni storiche di tre decenni, che sono chiaramente al di fuori dell’ambito temporale della giurisdizione della Corte Internazionale di Giustizia: ad esempio ieri l’Azerbaigian ha fatto una falsa affermazione, presentando come razzista l’ideologia nazionale armena dell’inizio del XX secolo; questo non ha nulla in comune con la realtà dell’arena politica odierna in Armenia.
L’Azerbaigian ha anche fatto affermazioni improbabili sui danni ambientali, che non hanno nulla a che fare con la discriminazione razziale. L’Azerbaigian sta già cercando per la terza volta di convincere la Corte Internazionale di Giustizia che le sue affermazioni riguardanti le mine terrestri rientrano nell’ambito della Convenzione internazionale sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale.

Secondo Kirakosyan, la stragrande maggioranza delle rivendicazioni dell’Azerbaigian sono assolutamente al di fuori della giurisdizione della Corte Internazionale di Giustizia.
Tuttavia, l’Azerbaigian sta cercando di incolpare l’altra parte con la stessa strategia e di presentare le stesse affermazioni in modo speculare. Indubbiamente, l’Azerbaigian conosce i problemi giurisdizionali della sua causa contro l’Armenia, e ora sta cercando disperatamente di convincere la Corte Internazionale di Giustizia che anche la causa armena dovrà affrontare ostacoli giurisdizionali. L’Azerbaigian spera semplicemente che un gruppo di obiezioni annulli le obiezioni dell’altro. Questa è una strategia cinica che viene utilizzata perché non ci sono altre opzioni.

Riferendosi all’affermazione dell’Azerbaigian secondo cui in quel momento stavano facendo progressi nei negoziati, Kirakosyan ha detto che in quel momento si stava aprendo un parco di “trofei militari” e deridendo gli armeni con meme razzisti. In questo contesto, anche un anno di trattative sarebbe stato troppo lungo. L’Armenia ha negoziato con l’Azerbaigian in buona fede e si è impegnata in discussioni che sono state più che inutili. L’Armenia ha soddisfatto la lettera e lo spirito del requisito dell’articolo 22, e la prima obiezione dell’Azerbaigian a questo riguardo è soggetta ad un rifiuto assoluto.

L’Azerbaigian sta cercando di convincere la corte che alcune delle rivendicazioni e richieste dell’Armenia, che sono legate alla violenza, alle detenzioni e alle sparizioni forzate degli armeni, non hanno nulla in comune con la suddetta convenzione, e l’Azerbaigian basa la propria difesa su almeno due argomenti fittizi: in primo luogo, dice alla corte che l’Armenia semplicemente non ha prove sufficienti di razzismo, l’Azerbaigian sostiene che l’Armenia deve dimostrare che ogni caso di violenza, detenzione e sparizione era sufficientemente razzista, e per fare ciò non è sufficiente che l’Armenia abbia bisogno mostrare un ambiente in cui si incita all’odio, o le atrocità più estreme o le parole razziste degli autori di abusi non sono sufficienti. Secondo l’Azerbaigian, l’Armenia deve dimostrare che esiste qualcos’altro, che è qualcosa di più.

Un’altra argomentazione fittizia dell’Azerbaigian è che la causa dell’Armenia non rientra nel quadro della suddetta convenzione internazionale sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale. Dal punto di vista dell’Azerbaigian, l’Armenia sta cercando inutilmente di risolvere il conflitto armato tra due Paesi in guerra attraverso la corte. La richiesta dell’Armenia non si limita alla guerra dei 44 giorni del 2020. Usando la metafora dell’Azerbaigian, la guerra è stata solo la punta dell’iceberg, ed è stato l’iceberg di decenni di politiche e pratiche razziste da parte dell’Azerbaigian. L’esistenza di un conflitto armato non esclude l’operatività della suddetta convenzione. La storia ha dimostrato che le manifestazioni più estreme di discriminazione razziale, comprese la persecuzione, la pulizia etnica e il genocidio, si verificano più spesso nel contesto di un conflitto armato, ha affermato Yeghishe Kirakosyan.

La posizione azera ha suscitato la vibrante protesta dell’Istituto Lemikin per la prevenzione dei genocidi. In una dichiarazione, l’Istituto Lemkin ha osservato: “Mentre l’Azerbaigian conduceva l’epurazione finale a Stepanakert, continuando a cancellare le tracce dell’eredità e dell’identità armena nell’Artsakh, afferma davanti alla Corte internazionale di giustizia che si era offerto di facilitare il ritorno di tutti i rifugiati e gli sfollati interni a causa del conflitto che desiderano ritornare alle loro case.”

Nei mesi scorsi, ripetutamente Aliyev aveva minacciato l’Armenia di una nuova guerra se non avesse soddisfatto tutte le sue richieste fra le quali c’era anche l’abbandono di ogni contenzioso internazionale. Evidentemente il regime azero teme una condanna.

Il Comitato per la difesa dei diritti fondamentali del popolo dell’Artsakh (Nagorno Karabakh) ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“L’8 marzo 2024, il presidente Ilham Aliyev dell’Azerbaigian ha firmato un decreto che nomina un giudice e un presidente del tribunale cittadino di Stepanakert, la capitale della Repubblica occupata dell’Artsakh. Riteniamo che queste nomine nascondano intenzioni sinistre e di vasta portata volte ad avviare il processo illegale di confisca delle proprietà e di perseguimento giudiziario di individui.

Qualsiasi nomina politica all’interno di qualsiasi città o regione del Nagorno Karabakh occupato, in particolare in assenza di una popolazione espulsa con la forza dalle proprie case sotto la minaccia di pulizia etnica e genocidio, è illegale e condannabile.

Inoltre, denunciamo altre nomine politiche prese dall’Azerbaigian nel Nagorno Karabakh, che illustrano ulteriormente un sistematico disprezzo per la volontà democratica e i diritti del popolo indigeno del Nagorno-Karabakh. Queste azioni dell’Azerbaigian non solo contravvengono ai principi di autodeterminazione e di governo democratico, ma illustrano anche chiaramente l’assenza di sforzi genuini per riflettere la volontà del popolo del Nagorno Karabakh nei processi politici e amministrativi della regione.

Siamo inoltre profondamente delusi dal ritiro della Missione del Comitato Internazionale della Croce Rossa dal Nagorno Karabakh. Senza il CICR, l’unica presenza internazionale sul posto, l’Azerbaigian avrà le mani completamente libere di fare ciò che desidera, cosa a cui mirava da molto tempo.

Sebbene l’attuale situazione nel Nagorno Karabakh non favorisca un ritorno sicuro, il diritto internazionale protegge il diritto delle persone sfollate con la forza al loro territorio di origine. Questo diritto è riconosciuto come norma consuetudinaria del diritto internazionale, del diritto dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario ed è protetto dalla Dichiarazione universale dei diritti umani, dalla Convenzione internazionale sui diritti civili e politici e da numerose altre convenzioni e dichiarazioni internazionali.

Il 17 novembre dello scorso anno, la Corte internazionale di giustizia ha stabilito che l’Azerbaigian deve “garantire” che gli armeni del Nagorno Karabakh possano tornare in “modo sicuro, senza ostacoli e rapido“. Quest’anno, il 12 marzo, il Parlamento europeo ha adottato una risoluzione che invita l’Azerbaigian a “impegnarsi sinceramente in un dialogo globale e trasparente con gli armeni del Karabakh per garantire il rispetto dei loro diritti e garantire la loro sicurezza, compreso il diritto di tornare e vivere nelle loro case in dignità e sicurezza sotto la presenza internazionale.”

Chiediamo all’Azerbaigian, invece di impegnarsi nella formalizzazione illegale dei territori acquisiti attraverso la guerra e la violenza, di adempiere ai propri obblighi internazionali consentendo il ritorno sicuro e senza ostacoli del popolo del Nagorno Karabakh alle proprie case e alla patria storica”.

(15) PRIGIONIERI ARMENI – Nel mese di aprile, i rappresentanti del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) hanno nuovamente visitato tutti i detenuti armeni notificati dalle autorità azere, secondo quanto ha detto all’agenzia APA Ilaha Huseynova, capo del dipartimento delle pubbliche relazioni dell’ufficio della Croce Rossa a Baku. “I detenuti sono stati incontrati in privato e hanno avuto la possibilità di scambiarsi notizie sulla famiglia”, ha aggiunto la suddetta agenzia di stampa azera. Gli ex presidenti del Nagorno Karabakh Arkadi Ghukasyan, Bako Sahakyan e Arayik Harutyunyan, l’ex ministro degli Esteri David Babayan, il presidente dell’Assemblea nazionale Davit Ishkhanyan, l’ex ministro della Difesa Levon Mnatsakanyan, il generale Davit Manukyan e l’ex ministro di Stato Ruben Vardanyan sono prigionieri in Azerbaigian.

(13) MANIFESTAZIONE A VOSKEPAR – Una manifestazione si è tenuta oggi nel villaggio al centro delle discussioni per una possibile cessione di alcuni territori armeni all’Azerbaigian. Il capo del villaggio e i cittadini presenti hanno ribadito la loro contrarietà a cessioni unilaterali.

(12) INCIDENTE, MORTI SOLDATI – Quattro soldati armeni sono morti e una ventina feriti a causa dell’uscita di strada, per cause imprecisate, di un veicolo Ural da trasporto truppe. L’incidente è avvenuto nella regione di Syunik.

(11) ARMENIA E GEORGIA – I governi di Armenia e Georgia hanno deciso di avviare i lavori di delimitazione dei confini. Lo ha annunciato giovedì ai giornalisti il ​​vice ministro degli Esteri armeno Vahan Kostanyan. Ha osservato che questo processo, che va avanti da più di 30 anni, dovrebbe concludersi, ed entrambe le parti hanno espresso la disponibilità per la sua ripresa. Kostanyan ha informato che l’Armenia e la Georgia hanno rivitalizzato la composizione delle loro commissioni per la delimitazione delle frontiere.
Dal canto suo, Lasha Darsalia, primo viceministro degli Affari esteri della Georgia, durante la conferenza dal titolo “Partenariato strategico Armenia-Georgia”, ha affermato che il suo Paese sostiene la sovranità e l’integrità territoriale dell’Armenia. Darsalia ha aggiunto che la Georgia è favorevole alla stabilità nel Caucaso meridionale e sostiene la cooperazione reciprocamente vantaggiosa di tutti i Paesi della regione.

(10) INCIDENTE AL CONFINE CON SPARATORIA – Un pastore, cittadino della Repubblica d’Armenia, si è trovato nel territorio dell’Azerbaigian mentre cercava un gregge smarrito. A causa della situazione, le guardie di frontiera di entrambe le parti hanno aperto il fuoco. A seguito dell’incidente, un soldato azero è stato ferito. La parte azera ha restituito il gregge perduto. Anche il pastore si trova nel territorio della Repubblica d’Armenia.

(10) ANNIVERSARIO MASSACRO MARAGHA – Oggi ricorre il 32° anniversario del massacro degli armeni nel villaggio di Maragha in Artsakh.

(10) PASHINYAN IN PARLAMENTO – Il premier armeno oggi in Asemblea nazionale ha affermato che “la vera Armenia è il paese riconosciuto a livello internazionale con un’area di 29.743 chilometri quadrati. Inoltre, il territorio dell’Armenia riconosciuto a livello internazionale non è una novità per la comunità internazionale; la comunità internazionale lo ha riconosciuto e accettato da tempo. Non importa quanto possa sembrare divertente, siamo noi [armeni] che non abbiamo riconosciuto, registrato e realizzato questo fatto per molto tempo“, ha detto Pashinyan aggiungendo che la delimitazione tra l’Armenia reale e quella storica è estremamente dolorosa. Il Primo ministro armeno ha rinnovato le critiche alla CSTO (“Non voleva presentarsi come alleato ma come peacekeeper“) e ha informato che è sua intenzione proporre l’estensione del mandato della missione EUMA di altri due anni.
Inoltre ha dichiarato che l’incontro ad alto livello Armenia-USA-UE tenutosi a Bruxelles il 5 aprile non aveva alcun sottotesto né alcun ordine del giorno in materia di sicurezza: “L’UE e gli Stati Uniti hanno espresso la disponibilità ad espandere la cooperazione con l’Armenia in settori quali riforme politiche, sviluppo economico, mobilità, governance efficace, applicazione efficace della legge, commercio, comunicazione, agricoltura, energia, compresa l’energia nucleare, tecnologie, sicurezza aerea“.
Quanto ai vicini dell’area Pashinyan ha detto che i rapporti con la Turchia sono in una fase di stallo e che non è intenzione dell’Armenia creare una contrapposizione con l’Iran.
Circa i rapporti con la Russia ha dichiarato: “Ma voglio sottolineare anche che non vogliamo discutere con la Russia, non solo perché non abbiamo l’opportunità e la forza per farlo, ma perché apprezziamo l’enorme positivo che c’era e c’è nelle nostre relazioni. Ma è anche importante capire cosa sta accadendo nelle nostre relazioni in senso profondo e concettuale e perché a mio avviso, sta accadendo la stessa cosa: è in atto una transizione dalle relazioni storiche Armenia-Russia alle relazioni reali Armenia-Russia“.

(9) SPARI AZERI CONTRO LE CASE – Il tetto e la finestra di una casa nel villaggio di Tegh, nella provincia di Syunik, sono stati danneggiati ieri sera intorno alle 22:50, a seguito di sparatorie irregolari e non mirate da parte della parte azera secondo quanto riferisce il Ministero degli Affari Interni dell’Armenia. Nessun altro danno è stato causato ai residenti del villaggio di Tegh da queste sparatorie.

(9) AIUTI EUROPEI PER GLI SFOLLATI – Giovedì il Consiglio d’Europa presenterà un pacchetto globale di risposta all’afflusso di rifugiati in Armenia per un valore totale di 2,8 milioni di euro. Il pacchetto è il risultato di una visita del Rappresentante speciale del Segretario generale per la migrazione e i rifugiati (SRSG) dall’11 al 13 ottobre 2023, durante la quale sono state presentate aree specifiche di sostegno in linea con il Piano d’azione del Consiglio d’Europa per l’Armenia ( 2023-2026) e il Piano d’Azione sulla Protezione delle Persone Vulnerabili nel contesto della migrazione e dell’asilo (2021-25) sono stati individuati congiuntamente con le autorità nazionali.

(9) ASSEMBLEA NAZIONALE SU CONFINI – Presso l’Assemblea Nazionale dell’Armenia è iniziata una sessione urgente sulla questione della delimitazione dei confini tra Armenia e Azerbaigian. Alla sessione, che si svolge a porte chiuse su richiesta dei partiti della coalizione di governo, parteciperanno anche il vice primo ministro Mher Grigoryan e il ministro degli Esteri Ararat Mirzoyan.

(9) NOMINE IN ARTSAKH – L’8 marzo 2024, il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev ha firmato un decreto che nomina un giudice e un presidente del tribunale cittadino di Stepanakert, la capitale della Repubblica occupata dell’Artsakh. Riteniamo che queste nomine nascondano intenzioni sinistre e di vasta portata volte ad avviare il processo illegale di confisca delle proprietà e di perseguimento giudiziario di individui. Lo ha sottolineato in una dichiarazione rilasciata martedì il Comitato per la difesa dei diritti fondamentali del popolo dell’Artsakh (Nagorno Karabakh). 

(8) VARDANYAN PER NOBEL PACE – Ruben Vardanyan (ex ministro di Stato dell’Artsakh, illegalmente detenuto dall’Azerbaigian da ottobre scorso) è stato nominato per il Premio Nobel per la Pace 2024 per le sue attività caritative e umanitarie. La sua candidatura è stata avanzata da numerose personalità autorevoli, tra cui anche il premio Nobel per la pace.

(8) CROCE ROSSA VIA DA STEPANAKERT – L’ufficio di Stepanakert del Comitato Internazionale della Croce Rossa è stato chiuso. Il personale si trasferisce a Barda (in Azerbaigian). Lo ha annunciato Zara Amatuni della sede di Yerevan.

(8) NUOVE VIOLAZIONI AZERE – Colpi di arma da fuoco, anche di medio calibro, sono stati indirizzati dalle postazioni azere verso il territorio dell’Azerbaigian. Tre differneti violazioni sono state registrate nelle regioni di Syunik e Gegharkunik

(6) MISSIONE EUMA – La Missione dell’Unione Europea in Armenia (EUMA) ha effettuato oggi un pattugliamento nei territori di Sotk, Verin Shorzha, Aravus e Movses. Lo si legge nella dichiarazione di intenti. “La situazione dovrebbe essere stabile e calma”, ha affermato l’EUA in una nota. Il Ministero degli Interni della Repubblica d’Armenia ha emesso un messaggio riguardante le sparatorie di stanotte da parte degli azeri in direzione dei villaggi di confine della regione di Tavush e ha riferito che di conseguenza le infrastrutture civili (case e una lapide) sono state danneggiate nel villaggio di Movses e nel villaggio di Inner Karmiraghbyur (un’auto civile). 

(6) VIOLAZIONI AZERE – Nella notte tra il 5 e il 6 aprile, le unità delle forze armate azere hanno iniziato a sparare contro le posizioni di combattimento armene, utilizzando armi leggere di vari calibri. L’intensità degli spari variava in diverse direzioni del confine. Lo riferisce il ministero della Difesa armeno. Nello specifico, gli spari sono avvenuti verso le posizioni di combattimento vicino a Sotk (provincia di Gegharkunik) tra le 22:25 e le 22:50, vicino a Verin Shorzha (provincia di Gegharkunik) alle 23:15, vicino a Kut (provincia di Gegharkunik) alle 00:15, vicino ad Aravus (Syunik Provincia) tra le 23:15 e le 23:20, vicino a Chinari (provincia di Tavush) tra le 23:05 e le 23:20, vicino a Movses (provincia di Tavush) tra le 00:15 e l’01:20. Le unità delle Forze Armate della Repubblica d’Armenia hanno osservato significativi movimenti di veicoli delle Forze Armate azere verso Ishkhanasar tra le 21:00 e le 23:00. Le suddette azioni da parte azera erano evidentemente provocatorie e miravano a suscitare reazioni simili da parte delle unità delle Forze Armate della Repubblica d’Armenia per corroborare la disinformazione azera negli ultimi tempi. Valutando la situazione, le unità delle Forze Armate della Repubblica di Armenia si sono astenute da azioni che potrebbero contribuire ad un’ulteriore escalation, portando alla calma della situazione lungo il confine. Il Ministero della Difesa riferisce inoltre che ieri l’apparato di propaganda azero ha diffuso disinformazione, travisando la rotazione di routine delle unità delle forze armate armene come concentrazione in prima linea.

(6) DIOCESI DELL’ARTSAKH – Il 5 aprile, S.S. Karekin II ha ricevuto i membri del consiglio diocesano della diocesi di Artsakh presso la Santa Madre Sede di Etchmiadzin, accompagnati dal leader diocesano Sua Eccellenza p. Vescovo di Vrtanes Abrahamyan. Durante l’incontro sono state discusse le questioni relative alla tutela dei diritti delle persone dell’Artsakh, al loro status sociale e alla condizione morale e psicologica. Si è fatto riferimento anche ai programmi di sostegno attuati dalla Chiesa. Il Patriarca d’Armenia ha esortato il leader diocesano e i membri del consiglio diocesano a continuare a utilizzare tutti i mezzi possibili in collaborazione con le strutture competenti della Madre Sede e delle diocesi della diaspora per sollevare davanti alle strutture internazionali e interecclesiali la questione della garanzia dei diritti del popolo dell’Artsakh e preservare il patrimonio spirituale e culturale dell’Artsakh.

(5) VIOLAZIONI AZERE – Intorno alle 17:05 (ora locale), a Chinari (regione di Tavush ) e alle 17:30 a Verin Shorzha (regione di Gegharkunik ), unità delle forze armate azere hanno aperto il fuoco con armi leggere verso le posizioni armene. Ne ha dato notizia il ministero della Difesa di Yerevan che ha altresì smentito quanto riferito da Baku circa violazioni armene.

(5) VERTICE DI BRUXELLES – Il Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, l’Alto Rappresentante/Vicepresidente dell’UE, Josep Borrell, il Segretario di Stato degli Stati Uniti d’America, Antony Blinken, l’amministratore dell’USAID Samantha Power, e il Primo Ministro della Repubblica d’Armenia, Nikol Pashinyan, si sono riuniti oggi, 5 aprile 2024 a Bruxelles per riaffermare il sostegno alla sovranità, alla democrazia, all’integrità territoriale e alla resilienza socioeconomica dell’Armenia. QUI IL COMUNICATO STAMPA

(5) FIRMATO ACCORDO EUROJUST – Oggi si è svolta la cerimonia della firma dell’accordo Eurojust tra l’Armenia e l’Unione europea. È stato firmato dal ministro degli Affari esteri armeno Ararat Mirzoyan, dal ministro della Giustizia e del Mare del Nord del Belgio Paul Van Tigchelt e dal commissario UE alla Giustizia Didier Reynders. Eurojust è l’Agenzia dell’Unione europea per la cooperazione giudiziaria penale e aiuta le amministrazioni nazionali a collaborare per combattere il terrorismo e gravi forme di criminalità organizzata che interessano più di un paese dell’UE.

(4) RASMUSSEN SU ARMENIA – L’ex segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen in un articolo scritto per Le Monde ha invitato Bruxelles ad abbandonare la politica di mantenimento della neutralità nei confronti della linea occidentale tra l’Armenia, che preferisce la linea dell’Occidente, e l’Azerbaigian, che si afferma nel campo delle autocrazie aggressive sotto l’influenza russa. “Nonostante la dipendenza storica, economica, energetica e militare dalla Russia e la presenza fisica di migliaia di truppe russe sul suo territorio, il governo armeno ha compiuto sforzi coraggiosi per rafforzare la democrazia armena e costruire relazioni più strette con l’Occidente democratico. Questo riorientamento richiede tempo, ma richiede anche che l’Unione Europea adotti una strategia più ambiziosa nei confronti della democrazia armena. È necessario cominciare mettendo fine all’idea che l’Unione europea debba essere un attore neutrale tra Armenia e Azerbaigian. L’Europa dovrebbe assumere il ruolo di mediatore nei negoziati per un accordo di pace stabile, ma il suo approccio dovrebbe riflettere la realtà che l’Armenia ha scelto la comunità delle democrazie europee, mentre l’Azerbaigian siede nel campo delle autocrazie aggressive“, ha affermato l’ex segretario generale.

(3) ARRESTATO UNO DEGLI ARMENI SFOLLATI – Si apprende che Sargis Galstyan, uno dei due armeni che lo sacorso 29 marzo sono stati portati dalla Croce Rossa dall’Artsakh in Armenia, è accusato di spionaggio ed è stato arrestato secondo quanto riferisce Gor Abrahamyan, addetto stampa del comitato investigativo dell’Armenia.

(3) DUE ARMENI SFOLLATI DALL’ARTSAKH – Erano tra i pochissimi armeni rimasti dopo l’occupazione azera dell’Artsakh. Ma alla fine anche loro hanno deciso di lasciare la patria. Lo scorso 29 marzo, Sargis Galstyan e Margarita Shahnazaryan (che avevano scelto di rimanere nell’Artsakh durante la pulizia etnica della regione da parte dell’Azerbaigian nel settembre 2023) sono stati trasportati dal Comitato Internazionale della Croce Rossa in Armenia. Nei mesi scorsi, il giornalista Tatul Hakobyan aveva diffuso la notizia che Aliyev si stava preparando a nominare Sargis sindaco di “Khankendi” (Stepanakert). Il cugino di Sargis, il parlamentare dell’Artsakh Davit Galstyan, all’epoca smentì la voce. Il trasferimento di Sargis e Margarita è stato confermato da Zara Amatuni, responsabile dei programmi di comunicazione presso la delegazione del CICR in Armenia. Il Servizio di Sicurezza Nazionale dell’Armenia ha preso in consegna i due ultimi sfollati che presumibilmente verranno ascoltati per acquisire informazioni sulla situazione e comprendere le ragioni della loro permanenza nella capitale dell’Artsakh (Nagorno Karabakh). In tutto l’Artsakh sono rimaste pochissime decine di persone, si pensa tra le 20 e le 50.

(3) DICHIARAZIONE RUSSA SU ARTSAKH – La rappresentante ufficiale del Ministero degli Affari Esteri russo, Maria Zakharova, durante la trasmissione televisiva Zvezda ha affermato che l’Armenia ha preso decisioni riguardo al Nagorno Karabakh sotto l’influenza della NATO, e le dichiarazioni secondo cui la Russia e la CSTO non hanno aiutato l’Armenia durante l’escalation della situazione nella regione sono bugie. Secondo lei, i paesi occidentali hanno portato avanti il ​​tema dell’abbandono ufficiale del Nagorno-Karabakh da parte dell’Armenia. I diritti degli abitanti del Nagorno-Karabakh non erano in alcun modo inclusi o garantiti nei documenti firmati per volere dei membri della NATO. Zakharova ha aggiunto che la nuova escalation della tensione tra Armenia e Azerbaigian dipende solo dalla misura in cui l’Armenia consentirà all’UE, agli Stati Uniti e al Regno Unito di influenzare in modo distruttivo la situazione nella regione e nel paese.

(3) MONITORAGGIO EUMA – La missione europea in Armenia (EUMA) ha compiuto un monitoraggio, su richiesta del sindaco del villaggio di Khachik, riguardo la sicurezza dei lavori nei campi dei contadini locali. Siamo nella regione dell’Armenia di Vayots Dzor al confine con il Nakhijevan.

(2) VIOLAZIONI AZERE -Violazioni azere sono state registrate lungo la linea di contatto nelle regioni di Gegharkunik (in località Kut alle 22 di ieri sera) e Syunik (Tegh, dopo mezzanotte). Non si registrano feriti. In precedenza il ministero della Difesa dell’Azerbaigian aveva a sua volta denunciato violazioni armene prontamente respinte da Yerevan.

(2) SFOLLATI – I deputati dell’Assemblea nazionale armena e i membri del governo hanno incontrato, il 29 marzo ad Ashtarak, i connazionali sfollati con la forza dal Nagorno Karabakh nella regione di Aragatsotn. Durante l’incontro il governatore della regione Sergey Movsisyan, i deputati dell’Assemblea nazionale ed i rappresentanti del governo hanno tenuto discorsi e presentato i dettagli del programma volto a fornire loro gli alloggi.

AZERBAIJAN vs ARMENIA/ “Siamo senza alleati, in caso di guerra il nostro Paese finirebbe in un giorno” (Il sussidiario, 2 apr)

I nuovi rapporti di forza tra Istanbul e Erevan (World magazine, 2 apr)

Armeni Scacciati dall’Artsakh. Nel Lutto e nel Dolore, una Pasqua di Resurrezione. La Storia di Gaiané. (Stilum curiae, 2 apr)

Cristo si è fermato a Gyumri: gli abusi agli armeni e le questioni etniche ignorate (Inchiostro, 2 apr)

Armenia-Azerbaigian: a rischio i luoghi di culto (In terris, 3 apr)

Armenia-Azerbaijan: confini che scottano (Osservatorio Balcani Caucaso, 3 apr)

La pulizia etnica del Nagorno Karabakh nella linea di faglia del Caucaso (Radio black out, 3 apr, audio)

L’Armenia è grande, ce n’è per tutti: Pashinyan è sull’orlo del disastro (Top war, 4 apr)

Gerusalemme: nuovo attacco di coloni ebraici (e polizia) al quartiere armeno (Asia news, 4 apr)

Il segretario di Stato USA Blinken invita l’Azerbaigian ad allentare le tensioni con l’Armenia (Euractive, 4 apr)

Pessima figura diplomatica del Viceministro Cirielli in difesa dell’autocrate azero Aliyev. Intervista al Presidente dell’Artsakh (Korazym, 5 apr)

L’Ue sta preparando un Piano di resilienza e crescita per l’Armenia da 270 milioni di euro (Eunews, 5 apr)

L’Armenia si avvicina sempre più velocemente all’Occidente (Agenzia Nova, 5 apr)

La scelta dell’Armenia. Una scossa europeista nel Caucaso che irrita russi e azeri, turchi e iraniani (Huff post, 6 apr, per abb)

Iran, Armenia e Azerbiagian: un difficile equilibrio di potere nel Caucaso (Scenari economici, 7 apr)

Continua la tensione tra Armenia ed Azerbaigian (Renovatio 21, 7 apr)

Addio Russia, avanti Azerbaijan: da chi compra il gas adesso l’Europa (Wired, 8 apr)

La svolta occidentale dell’Armenia (Osservatorio Balcani Caucaso, 9 apr)

L’Armenia si allontana dalla Russia e prepara una richiesta di adesione all’Unione Europea (Il Riformista, 9 apr)

Non escludo il ritorno. La Russia s’è defilata in Armenia, ma resta attore chiave nel Caucaso (Huff post, 10 apr, per abb.)

Armenia e Russia, rapporti sempre più tesi (Osservatorio Balcani Caucaso, 10 apr)

USA e UE cercano di attarre l’Armenia dalla propria parte (Scenari economici, 10 apr)

Solo un miracolo potrà salvare l’Armenia e gli Armeni. Venga il Papa a Yerevan! Fa tardivamente in tempo (Korazym, 12 apr)

Gli incerti confini tra Armenia e Azerbaigian (Asia news, 12 apr)

L’Armenia e il gioco (sporco) dell’Occidente (Sponda sud, 15 apr)

Armenia e Azerbaigian si sfidano alla Corte internazionale di giustizia (Internazionale, 15 apr)

Il presidente dell’Artsakh Samvel Shahramanyan ha rilasciato un’intervista al quotidiano francese ‘Le Figaro’, dove ha fatto riferimento al documento di “scioglimento” dell’Artsakh, al ritorno dei cittadini dell’Artsakh in patria e ad altre questioni.

In particolare, ha notato che nell’Artsakh ci sono ancora 10-11 persone malate o disabili, che non possono muoversi liberamente e non vogliono lasciare le tombe dei loro parenti.
Dopo l’attacco di settembre, il numero dei rimasti è stato leggermente più alto (varie fonti parlavano di 50), ma la maggior parte di loro se n’è andata tramite la Croce Rossa.

Parlando dell’eventuale contatto con i prigionieri, il presidente dell’Artsakh ha osservato che oltre agli 8 leader dell’Artsakh, ci sono anche 7 militari catturati a settembre.
Secondo lui, al momento non esiste una data chiara per il cosiddetto processo giudiziario.
Ha anche fatto riferimento al tema della cosiddetta “intervista” dell’ex presidente Harutyunyan osservando che è stata fatta sotto coercizione.
Allo stesso tempo, il presidente dell’Artsakh ha chiesto alla Francia di esercitare pressioni sull’Azerbaigian, chiedendo il rilascio di tutti i prigionieri.
Chiedo il loro rilascio immediato e incondizionato, così come il rilascio di tutti i detenuti armeni, arrestati arbitrariamente, ingiustamente imprigionati con accuse infondate. E chiedo alla Francia di fare pressione su Aliyev“, ha detto Shahramanyan.

Il presidente ha risposto alla domanda se esiste un collegamento tra l’elezione del quinto presidente dell’Artsakh e il successivo attacco.
Shahramanyan ha negato, ricordando che gli azeri avevano già accumulando truppe sulla linea di contatto.
Era chiaro che dopo un assedio di nove mesi per indebolirci, avrebbero attaccato“.

Riferendosi al tema dello “scioglimentodello Stato e al successivo decreto sulla cancellazione di quel “documento”, Shahramanyan ha dichiarato: “Il 19 settembre, fin dall’inizio dell’aggressione, abbiamo capito che saremmo stati soli a difenderci e che anche i russi presenti sul posto non sarebbero intervenuti. A causa dello squilibrio delle forze non abbiamo avuto la possibilità di opporre resistenza, per questo motivo abbiamo stabilito rapidamente un contatto con gli azeri, in modo che la popolazione civile fosse quanto più libera possibile dalle operazioni di combattimento. Dopo dodici ore di trattative abbiamo posto fine alle ostilità. Il giorno successivo, i cittadini dell’Artsakh hanno chiesto di evacuare in Armenia, temendo omicidi di massa da parte degli invasori. Quindi abbiamo avviato un secondo ciclo di trattative per rendere la loro evacuazione il più agevole possibile. Baku ci ha inviato un documento in cui l’Assemblea nazionale doveva dichiarare che “il popolo dell’Artsakh rinuncia ai propri diritti, alla propria sovranità, ai propri simboli”. Ma perché quel documento fosse valido, il parlamento doveva votare. Ho fatto una controproposta che il presidente, cioè io, annunciassi lo scioglimento dell’Artsakh il 1° gennaio. Era una garanzia di un’evacuazione relativamente sicura. Sapevo benissimo che quel documento era illegale e incostituzionale, perché doveva essere ratificato dalle strutture giuridiche della Repubblica dell’Artsakh, ma era l’unico modo per salvare i miei connazionali.”

Alla domanda di ‘Le Figaro’ se esista uno Stato e un governo in esilio, Shahramanyan ha dato una risposta positiva, dicendo: “Sì, nell’edificio in cui vi ospito a Yerevan si trovano l’ufficio del presidente dell’Artsakh e gli uffici delle strutture giudiziarie e legislative. I parlamentari possono riunirsi qui per votare. In ottobre ho firmato un decreto che prevede che tutti i ministri del governo rimangano al loro posto su base volontaria“.

Ha parlato anche del possibile ritorno dei cittadini dell’Artsakh. A questo proposito, ha detto Shahramanyan. “Nella situazione attuale, non è realistico pensare di tornare nel nostro territorio occupato dagli azeri. È necessario tenere conto delle realtà dei popoli dell’Azerbaigian e dell’Artsakh che si considerano nemici. A Baku, ai giovani azeri viene insegnato a scuola che gli armeni sono nemici. Ci vorranno anni perché la mentalità del popolo azerbaigiano cambi e la convivenza pacifica tra i vicini diventi possibile. E qui penso tanto agli armeni dell’Armenia quanto agli armeni dell’Artsakh. Come possono le autorità di Yerevan considerare sicuro il loro Paese, quando alcune parti del suo territorio sono già occupate dagli azeri, e i leader di Baku dichiarano pubblicamente i loro diritti sugli altri?“.

Il 28 febbraio il parlamento europeo ha approvato due risoluzioni riguardanti la politica estera e la sicurezza. Alcuni passaggi (che riportiamo qui di seguito nella traduzione non ufficiale) riguardano il Nagorno Karabakh, l’Armenia e l’Azerbaigian.
Quest’ultimo viene pesantemente condannato dai parlamentari europei.

ATTUAZIONE DELLA POLITICA ESTERA E DI SICUREZZA COMUNE – RELAZIONE ANNUALE 2023
Risoluzione del Parlamento europeo del 28 febbraio 2024 sull’attuazione della politica estera e di sicurezza comune – relazione annuale 2023 (2023/2117(INI))
P9_TA(2024)0104

(77) Si rammarica del fatto che l’Azerbaigian abbia scelto una soluzione militare invece che diplomatica sul Nagorno-Karabakh, pur riconoscendo che il Nagorno-Karabakh è internazionalmente riconosciuto come territorio dell’Azerbaigian; condanna con la massima fermezza ciò che è un attacco pianificato e ingiustificato dell’Azerbaigian contro gli armeni del Nagorno-Karabakh e le persone rimaste nella regione; invita le autorità azere a far consentire il ritorno sicuro della popolazione armena nel Nagorno-Karabakh e offrire solide garanzie circa la tutela dei propri diritti; esige la tutela del patrimonio culturale, storico e religioso armeno nel Nagorno-Karabakh in linea con Standard UNESCO e impegni internazionali dell’Azerbaigian; deplora il fatto che l’offensiva di Baku ha rappresentato una grave violazione del diritto internazionale e dei diritti umani e una chiara violazione della dichiarazione trilaterale di cessate il fuoco del 9 novembre 2020 e degli impegni assunti dall’Azerbaigian nei negoziati mediati dall’UE; crede che il dialogo autentico tra Azerbaigian e Armenia sia l’unica via sostenibile avanza e invita l’UE e i suoi Stati membri a sostenere tali sforzi; supporta i colloqui di pace in corso tra Armenia e Azerbaigian, che sono stati seriamente ostacolati dalla recente operazione militare contro il Nagorno-Karabakh, che ha portato alla esodo della popolazione armena; sottolinea la necessità di una pace regionale dignitosa e duratura che mantenga la sovranità, l’indipendenza e l’integrità territoriale di entrambi i Paesi e che è un prerequisito per la stabilità del vicinato; è preoccupato dai tentativi di alcuni leader e poteri regionali di sfruttare la situazione attuale in un modo che potrebbe costituire una minaccia le fragili prospettive di pace; avverte che qualsiasi sforzo volto a raggiungere gli obiettivi ricorre all’uso della forza e la violazione dell’integrità territoriale dei Paesi vicini dovrebbe essere affrontata con una risposta decisiva da parte dell’UE e della comunità internazionale;

(78) Invita la missione civile dell’UE in Armenia (EUMA) a monitorare da vicino l’evoluzione situazione della sicurezza sul terreno, fornire relazioni trasparenti al Parlamento e contribuire attivamente agli sforzi di risoluzione dei conflitti; chiede all’UE e ai suoi Stati membri rafforzare il mandato dell’EUMA, aumentarne le dimensioni, estenderne la durata e anche il luogo con osservatori lungo il confine con la Turchia; invita l’Azerbaigian a consentire la presenza dell’EUMA dalla sua parte del confine e nel Nagorno-Karabakh;

(79) Invita il VP/AR e il SEAE a sostenere ulteriormente l’Armenia attraverso il programma Fondo di pace europeo, in particolare al fine di rafforzare le sue capacità di difesa contro le minacce ibridi al fine di ampliare il proprio spazio di sicurezza oltre il Trattato di sicurezza collettiva Organizzazione; accoglie con favore l’istituzione di un “Dialogo politico e di sicurezza UE-Armenia” e il suo secondo incontro il 15 novembre 2023;

(80) Sottolinea che i molteplici avvertimenti del Parlamento sulla situazione non hanno portato ad alcun cambiamento nella politica dell’UE nei confronti dell’Azerbaigian; insiste affinché qualsiasi approfondimento dell’UE le relazioni con l’Azerbaigian debba restare subordinate al fatto che il Paese possa apportare dei sostanziali progressi nel rispetto dei diritti umani, dello Stato di diritto, della democrazia e dei diritti fondamentali libertà, compresa la tutela delle minoranze etniche; esprime, al riguardo, la sua grave preoccupazione per il recente peggioramento della repressione nei confronti dei giornalisti indipendenti e difensori dei diritti umani in Azerbaigian; invita inoltre l’UE a imporre immediatamente sanzioni contro l’Azerbaigian e di sospendere il memorandum d’intesa su a Partenariato strategico nel campo dell’energia; inoltre, mette in dubbio l’idoneità dell’Azerbaigian a ospitare la COP29 nel 2024 mentre il Paese prevede di aumentare la propria produzione di combustibili fossili la produzione di un terzo nel prossimo decennio;

(81) Ribadisce il proprio sostegno al governo democraticamente eletto dell’Armenia e il suo pieno sostegno al rispetto della sovranità, della democrazia e dell’integrità territoriale del Paese; loda la dichiarazione del Primo ministro Nikol Pashinyan secondo cui l’Armenia non sarà trascinata in una nuova guerra con l’Azerbaigian e le sue recenti richieste per la ripresa dei colloqui di pace al massimo livello al livello dell’Azerbaigian; condanna l’ingerenza russa in Armenia, che mira a disordini diffusi; invita l’UE a rafforzare il proprio impegno nel Caucaso meridionale; accoglie con favore la ratifica da parte dell’Armenia dello Statuto di Roma sulla Corte penale internazionale.

ATTUAZIONE DELLA POLITICA ESTERA E DI SICUREZZA COMUNE – RELAZIONE ANNUALE 2023
Risoluzione del Parlamento europeo del 28 febbraio 2024 «Attuazione dell’azione comune
politica di sicurezza e di difesa – relazione annuale 2023» (2023/2119(INI))

P9_TA(2024)0105

(62) Condanna le politiche di aggressione, compreso l’attacco militare pianificato Azerbaigian contro il Nagorno-Karabakh; ricorda che questo attacco segue mesi di fame organizzata e isolamento degli armeni che vivevano nel Nagorno-Karabakh attraverso il blocco del corridoio Lachin; sottolinea che le cosiddette forze di pace russe sul posto non hanno intrapreso alcuna azione per prevenire o porre fine al blocco o per fermarlo l’assalto militare azero al Nagorno-Karabakh; condanna il sostegno militare forniti da Paesi extra-UE all’Azerbaigian; è seriamente preoccupato per le conseguenze sulla popolazione civile che equivalgono di fatto ad una pulizia etnica; ribadisce la propria opinione secondo cui l’attacco portato avanti dall’Azerbaigian non può restare senza conseguenze e invita l’UE ad adottare sanzioni contro le autorità azere responsabili di molteplici violazioni del cessate il fuoco e di sospendere il Memorandum di Comprensione sull’energia; chiede all’UE di sospendere i negoziati su una nuova accordo di partenariato con l’Azerbaigian alla luce dei recenti eventi e della situazione del paese drammatica situazione dei diritti umani;

(63) Accoglie favorevolmente l’istituzione della missione civile dell’Unione europea in Armenia (EUMA), che mira a contribuire ad aumentare la sicurezza nella regione diminuendone il numero degli incidenti nelle zone di conflitto e di confine dell’Armenia, per ridurre il livello di rischio per la popolazione che vive in tali aree e contribuire così alla normalizzazione relazioni tra Armenia e Azerbaigian sul terreno, allo stesso tempo aumentare la visibilità dell’UE nella regione; accoglie con favore l’accordo del Consiglio rafforzare la capacità di osservazione della missione aumentando la sua presenza sul terra; invita il Consiglio a prorogare il periodo di attuazione per altri cinque anni e la sua portata geografica potrebbe includere potenzialmente il confine tra Armenia e Turchia;

(64) Invita il EEAS [European External Action Service, NdT] a essere pronto a fornire la necessaria assistenza tecnica all’Armenia attraverso lo strumento EPF [Strumento Europeo per la Pace, NdT], affinché l’Armenia riconsideri la sua attuale alleanza militare, poiché ciò rafforzerebbe la resilienza dell’Armenia nel contesto di garantire la sicurezza, l’indipendenza e la sovranità e portare ad una più completa e una maggiore cooperazione in materia di difesa tra le parti; accoglie con favore la decisione dell’Armenia di aderire lo Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale; chiede all’EEAS di fornire, in modalità riservata, i rapporti dell’EUMA sulla situazione sul campo alla Commissione per gli Affari Esteri (AFET) del Parlamento e alla Sottocommissione per la Sicurezza e Difesa (SEDE);

(65) invita il Consiglio ad essere pronto a imporre sanzioni mirate e individuali contro autori di aggressioni, inclusi ma non limitati a politici e militari entourage del presidente Aliyev e sospendere le importazioni di petrolio e gas dall’Azerbaigian in caso di qualsiasi aggressione militare contro l’integrità territoriale armena da parte dell’Azerbaigian.

[traduzione, grassetto e corsivo a cura della redazione] I testi in lingua inglese sono consultabili ai seguenti link:

P9_TA(2024)0104

P9_TA(2024)0105

Una lettera a Papa Francesco, e una proposta di “incroci di pace” dall’Armenia (Aci stampa, 1 mar)

Armenia: futura adesione all’Unione europea? (Periodico daily, 2 mar)

La posizione scomoda della Russia nel conflitto tra Armenia e Azerbaigian. (Faro di Roma, 3 mar)

Perché sia l’America sia la Russia coccolano il dittatore Aliyev? (Tempi, 4 mar, per abb)

Stato di diritto ad uso e consumo: l’UE intensifica la cooperazione con l’Azerbaigian (Sardegnagol, 4 mar)

ARMENIA. Yerevan abbandona Mosca per Parigi, Atene e Ankara (AGC, 5 mar)

Cos’è il Nagorno-Karabakh e perché c’è un conflitto in corso tra Armenia e Azerbaigian (Geopop, 6 mar)

Armenia. Segretario sicurezza chiede a Mosca di rimuovere le guardie di frontiera dall’aeroporto di Yerevan (Agenpress, 7 mar)

Artsakh, Nagorno: Pulizia Etnica degli Armeni. Lo Scandaloso Silenzio Internazionale. Mkhitaryan. (Stilum curiae, 7 mar)

Pignedoli, ‘fare chiarezza su missione deputati Fdi e Iv a Baku’ (Ansa, 8 mar)

L’ARMENIA TRA DUE MONDI: BILANCIAMENTO GEOPOLITICO E NUOVE ALLEANZE (Notizie geopolitiche, 10 mar)

L’Azerbaigian ha chiesto all’Armenia di restituire “immediatamente” quattro insediamenti (Top war, 10 mar)

In Azerbaigian attacchi senza sosta ai media liberi: raid della polizia a Toplum Tv (Corriere della sera, 10 mar)

«In Nagorno Karabakh non c’è nessun esodo. È in atto una pulizia etnica» (L’Espresso, 11 mar)

Il sogno armeno per gli indiani (Osservatorio Balcani Caucaso, 13 mar)

Reti e corridoi nel Caucaso meridionale (Osservatorio Balcani Caucaso, 13 mar)

Il futuro difficile dell’Azerbaijan (Il mulino, 13 mar)

Il regime azero si fa bello ospitando tre parlamentari italiani (L’Espresso, 14 mar)

Ue, ok a risoluzione per valutare adesione dell’Armenia/ “Se continua con riforme per consolidare democrazia” (Il sussidiario, 14 mar)

L’Azerbaigian chiede la restituzione di quattro villaggi all’Armenia. La Turchia si offre come mediatore (Scenari economici, 14 mar)

Passaggio in Armenia. Racconti di rifugiati dall’Artsakh (Nagorno Karabakh) (Mentinfuga, 17 mar)

L’Armenia valuta l’ingresso nell’Ue. Ma la dipendenza dalla Russia lo rende per ora impossibile (La Repubblica, 18 mar)

Cosa segnala la nuova crisi tra Russia e Armenia (Limes, 18 mar, per abb.)

Armenia-Azerbaigian, Pashinyan: “Una nuova guerra potrebbe scoppiare nel fine settimana” (Agenzia Nova, 19 mar)

Risiko Caucaso: la pace e la guerra fra Armeni e Azeri dipendono da Mosca (Domani, 19 mar, per abb.)

L’Armenia spolpata. Restituisce quattro villaggi all’Azerbaigian, per evitare la guerra (Huffington post, 20 mar, per abb)

Dimenticare l’Artsakh, dimenticare la storia (RSI, 20 mar, audio 27 min.)

Armenia, un passo verso l’UE (Osservatorio Balcani Caucaso, 21 mar)

L’Armenia è come l’Ucraina. Ma a nessuno interessa (Tempi, 21 mar, per abb.)

L’Armenia guarda a ovest e valuta lo strappo con Mosca (Nicola Porro, 22 mar)

Armenia. Campagna di disinformazione contro il riavvicinamento franco-armeno (Notizie geopolitiche, 22 mar)

L’Armenia pronta a cedere i villaggi contesi per avere la pace, e non una guerra che non potrebbe sostenere (Scenari economici, 22 mar)

Tra esodi e reinsediamenti: le sfide post-conflitto nel Nagorno Karabakh (Reset, 22 mar)

Il Nagorno Karabakh, la regione contesa del Caucaso (Zeta Luiss, 25 mar)

L’Azerbaigian deve porre fine alle intimidazioni e alle molestie nei confronti di giornalisti e attivisti della società civile (CoE, 25 mar)

Come il Vaticano ha contribuito a legittimare l’autocrazia degli Aliyev (Irpimedia, 27 mar)

L’autocrazia azera minaccia nuovamente l’Armenia nel disinteresse generale (Nuova società, 27 mar)

L’Armenia rompe con la Russia e strizza l’occhio all’Ue: nuova crisi in vista? (Qui finanza, 31 mar)

(28) EURONEST – L’Assemblea parlamentare Euronest (forum interparlamentare al quale partecipano i membri del Parlamento europeo e dei parlamenti nazionali di Ucraina, Moldavia, Armenia, Azerbaigian e Georgia) ha invitato l’UE ad aumentare gli aiuti umanitari e finanziari per soddisfare i bisogni dei minori tra la popolazione sfollata con la forza dal Nagorno Karabakh.

(28) CSTO – Il segretario generale dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva, Imanghali Tasmaghambetov, ha dichiarato che recentemente l’Armenia non ha partecipato ai lavori del segretariato, tuttavia l’organizzazione non ha ricevuto alcuna notifica ufficiale dall’Armenia riguardo alla sospensione dell’adesione all’organizzazione.

(28) SFOLLATI – Secondo gli ultimi dati, il numero delle persone sfollate con la forza dal Nagorno Karabakh e impiegate in Armenia supera le 11mila800 unità. Lo ha detto il primo ministro Nikol Pashinyan durante l’odierna riunione governativa. Secondo il capo del governo, quasi tutti i bambini in età scolare sfollati con la forza dal Nagorno Karabakh sono stati inseriti nelle scuole armene.

(28) STATI UNITI REPLICANO AD AZERBAIGIAN – Gli Stati Uniti d’America non sono d’accordo con le affermazioni della parte azera secondo cui l’incontro ad alto livello Armenia-UE-USA, che si terrà a Bruxelles il 5 aprile, potrebbe destabilizzare e aggravare la situazione nel Caucaso meridionale. Lo ha dichiarato Matthew Miller, portavoce del Dipartimento di Stato americano, durante un briefing con i giornalisti, in risposta alla domanda di un giornalista, che secondo la parte azera, il prossimo incontro Armenia-UE-USA non è inclusivo e potrebbe spingere l’Armenia a destabilizzare la situazione nella regione, mentre USA e UE, dopo questo incontro, condivideranno la responsabilità di un’ulteriore possibile escalation.”Ovviamente non sarei d’accordo con questi commenti. Al centro di questo incontro c’è un confronto economico che aiuterà l’Armenia a diversificare i suoi partenariati commerciali e ad affrontare le esigenze umanitarie. Non riesco a capire come questo possa portare ad un’escalation o preoccupare un paese nel mondo“, ha detto il portavoce.

(28) INTERVISTA DEL PRESIDENTE DELL’ARTSAKH – Il presidente dell’Artsakh Samvel Shahramanyan ha rilasciato un’intervista al quotidiano francese Le Figaro, dove ha fatto riferimento al documento di “scioglimento” dell’Artsakh, al ritorno dei cittadini dell’Artsakh in patria e ad altre questioni. QUI UN RIASSUNTO DELL’INTERVISTA

(27) RUSSIA E ZANGEZUR – In una conferenza stampa Maria Zakharova, rappresentante ufficiale del Ministero degli Affari Esteri russo, ha dichiarato che la Russia non usa il termine “corridoio Zangezur”. “Si tratta del percorso che collega le regioni occidentali dell’Azerbaigian con Nakhichevan attraverso il territorio della provincia di Syunik in Armenia. Esiste un meccanismo ben consolidato per lo sviluppo di compromessi. Si tratta di un gruppo di lavoro tripartito composto da vice primi ministri di Russia, Azerbaigian e Armenia. Nell’ultimo incontro tenutosi il 2 giugno 2023, le parti erano vicine all’adozione di una decisione globale e reciprocamente vantaggiosa per sbloccare i trasporti e le rotte economiche nella regione. E noi [ovvero la Russia] invitiamo i nostri partner [armeni e azeri] a farlo mostrare volontà politica e riprendere l’interazione tra i formati tripartiti stabiliti, compreso il gruppo di lavoro tripartito“, ha affermato il rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo.

(26) DIRITTI UMANI IN AZERBAIGIAN – L’intensificarsi della repressione contro giornalisti e rappresentanti della società civile in Azerbaigian desta profonda preoccupazione. Lo ha affermato la commissaria per i diritti umani del Consiglio d’Europa, Dunja Mijatović, riferendosi agli arresti, detenzioni e procedimenti giudiziari volti a limitare la libertà di parola nel Paese.

(26) ARMENIA E RUSSIA – Il portavoce della presidenza russa, Dmitrij Peskov, ha dichiarato che l’Armenia è ancor più che un paese fraterno per la Russia nonostante i due Paesi stiano attraversando attualmente “un periodo piuttosto difficile per le relazioni“. Dmitry Peskov ha anche osservato che “l‘attività economica degli armeni cittadini della Federazione Russa costituisce ancora una percentuale molto elevata del bilancio totale dell’Armenia“, diversi miliardi di dollari all’anno. “Speriamo che ci sia la volontà politica di continuare lo sviluppo delle nostre relazioni a Yerevan e che riusciremo a superare con successo questo periodo difficile“, ha detto Peskov.

(25) KLAAR SU MINACCE AZERE – Toivo Klaar, rappresentante dell’Unione europea per la crisi del Caucaso meridionale e della Georgia, ritiene inaccettabili le minacce contro l’Armenia espresse dai media azerbaigiani. “Per quanto riguarda la demarcazione dei confini, sono necessari negoziati reali e tutte le controversie territoriali dovrebbero essere risolte pacificamente e nel quadro di un processo concordato”, ha scritto su X.

(22) SFOLLATI – Sully Davtyan, vice capo del Servizio Migrazione e Cittadinanza del Ministero degli Affari Interni dell’Armenia, ha annunciato che gli sfollati forzati dal Nagorno-Karabakh continueranno a beneficiare dei programmi di assistenza sociale del governo dopo aver ricevuto la cittadinanza della Repubblica Armena.

(22) UNIONE INTERPARLAMENTARE – A Ginevra, in Svizzera, si è svolto un incontro tra il presidente dell’Assemblea nazionale dell’Armenia, Alen Simonyan, e la presidente del Milli Majlis (parlamento) dell’Azerbaigian, Sahiba Gafarova. La delegazione armena, guidata da Simonyan, partecipa alla 148a Assemblea dell’Unione interparlamentare, in programma a Ginevra, dal 22 al 25 marzo.

(21) PASHINYAN A BRUXELLES – l primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha incontrato il presidente francese Emmanuel Macron a margine del primo vertice sull’energia nucleare a Bruxelles, la capitale del Belgio. In precedenza il primo ministro armeno ha incontrato anche il primo ministro belga Alexander De Croo, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, il primo ministro svedese Ulf Kristersson, il primo ministro finlandese Petteri Orpo e il vice premier cinese Zhang Guoqing.

(21) DICHIARAZIONE ATAL – Il primo ministro francese Gabriel Atal ha chiesto all’Azerbaigian di ritirare le sue truppe dai territori occupati dell’Armenia. Lo ha affermato nel suo discorso alla cena annuale del Consiglio di coordinamento delle organizzazioni armene francesi, rilevando che lo stesso presidente dell’Azerbaigian ha ammesso che le forze azere stanno avanzando in diversi punti del territorio armeno.”Il nostro compito oggi è aiutare l’Armenia a proteggere la sua indipendenza, democrazia, sovranità e integrità territoriale“, ha affermato Atal. Il primo ministro francese ha anche aggiunto che la Russia vuole punire l’Armenia per il suo perseguimento della pace, il rispetto della sua sovranità, principi che Mosca non rispetta in Ucraina. Atal ha menzionato l’adesione dell’Armenia al Tribunale penale internazionale, sottolineando che l’Armenia ha scelto la democrazia e la strada per diventare uno stato legale. Il primo ministro francese ha sottolineato che Mosca non ha condannato l’uso della forza da parte dell’Azerbaigian nel Nagorno Karabakh, dove vivevano gli armeni fino alla fine dell’anno scorso, aggiungendo che le cosiddette forze di pace russe hanno permesso che lì si verificasse una crisi umanitaria.

(21) PREANNUNCIATO VERTICE A BRUXELLES – Il 5 aprile si svolgerà a Bruxelles un incontro tra il primo ministro armeno Nikol Pashinyan, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il segretario di Stato americano Antony Blinken, durante il quale verranno discusse le modalità della cooperazione trilaterale per contribuire allo sviluppo dell’Armenia. Lo ha affermato Armen Grigoryan, segretario del Consiglio di sicurezza armeno, in un’intervista.

(20) MISSIONE UE IN ARMENIA – Il parlamento armeno ha ratificato un accordo che garantisce l’immunità agli osservatori dell’UE in Armenia nonché l’espansione di questa missione nel Paese. Il portavoce del Cremlino, Peskov, ha detto che le azioni della parte armena nel contesto dello spiegamento e dell’attività di questa missione di monitoraggio dell’UE sono state “una decisione unilaterale di Yerevan” e ritiene dubbia l’efficacia della missione di monitoraggio dell’Unione europea sul confine armeno-azerbaigiano stante anche la indisponibilità di Baku a collaborare a tale progetto. Ancora più pesante il commento della portavoce russa degli Esteri, Zakharova, secondo la quale la missione di monitoraggio dell’UE in Armenia sta spiando Russia, Iran, Azerbaigian.

(19) PRIGIONIERI DI GUERRA ARMENI – Al Parlamento europeo si è tenuta una conferenza dedicata ai prigionieri di guerra armeni in Azerbaigian. Alla conferenza, che si è tenuta per discutere la situazione tre anni dopo l’adozione della risoluzione del Parlamento europeo sui prigionieri di guerra armeni in Azerbaigian, hanno partecipato anche i deputati armeni e l’ambasciatore dell’Armenia in Belgio, Tigran Balayan.

(19) DICHIARAZIONI PASHINYAN – In una confernza stampa congiunta con il Segretario della NATO, il premier armeno ha dichiarato che l’Armenia è interessata a continuare e sviluppare il dialogo politico esistente e ad espandere il partenariato con l’Alleanza, così come con i singoli Stati membri. E si augura che il nuovo formato di cooperazione Armenia-NATO, il programma di partenariato personalizzato, sia approvato presto. Alla luce degli sviluppi avvenuti nella nostra regione, è estremamente importante che l’Armenia rafforzi la propria resistenza e sviluppi le relative capacità di difesa. Pashinyan inoltre ha affermato che attribuisce grande importanza alla partecipazione dell’Armenia alle operazioni di mantenimento della pace e la consideriamo un importante contributo alla garanzia della pace e della sicurezza internazionale. L’unità armena di mantenimento della pace continua a contribuire alla missione NATO in Kosovo e nel luglio 2023, quando la situazione in Kosovo era alquanto instabile, l’Armenia ha aumentato il personale della sua unità di mantenimento della pace con altri 17 soldati.

(19) DICHIARAZIONI STOLTENBERG – In una conferenza stampa congiunta con il primo ministro armeno Nikol Pashinyan a Yerevan, il Segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha dichiarato che la  stabilità del Caucaso meridionale è molto importante per la regione euro-atlantica e che la NATO sostiene la sovranità e l’integrità territoriale dell’Armenia e le sue aspirazioni pacifiche. Secondo Stoltenberg, Armenia e Azerbaigian hanno attualmente la possibilità di raggiungere la pace. A questo proposito ha chiesto la conclusione di un accordo che apra la strada alla soluzione e all’instaurazione di una pace a lungo termine tra i due popoli. Un terzo del suo intervento è stato dedicato alla guerra in Ucraina: Il Segretario ha apprezzato la vicinanza dell’Armenia all’Ucraina e ha ammonito che in caso di vittoria russa ci sarebbe il pericolo reale che “l’aggressione” non si fermerà qui e ispirerà altre entità autoritarie.

(19) NATO – Il primo ministro dell’Armenia, Nikol Pashinyan, ha ricevuto il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg giunto a Yerevan per la sua terza tappa del viaggio nel Caucaso meridionale. Durante la conversazione privata, gli interlocutori hanno discusso questioni relative alla cooperazione Armenia-NATO. Si è discusso dei processi regionali e delle discussioni relative al trattato di pace tra Armenia e Azerbaigian.

(19) UNIONE EUROPEA – Durante la sessione del Consiglio dei Ministri degli Affari Esteri dei 27 Stati membri dell’Unione europea si è discusso, tra l’altro, del sostegno dell’Unione europea all’Armenia e della questione della regolamentazione delle relazioni armeno-azerbaigiane. Al termine della sessione, Peter Stano, portavoce principale per gli affari esteri dell’UE,  ha dichiarato che i ministri degli Esteri hanno riaffermato il loro sostegno all’Armenia, ricordando tutti gli elementi annunciati dai risultati  della sessione tenutosi  a novembre, nonché il sostegno alla nuova agenda delle relazioni RA-UE, nonchè l’ulteriore regolamentazione delle relazioni armeno-azerbaigiane.

(19) ELEZIONI IN RUSSIA – Il Primo Ministro della Repubblica d’Armenia Nikol Pashinyan ha inviato un messaggio di congratulazioni a Vladimir Putin in occasione della sua rielezione a Presidente della Federazione Russa.

(18) VISITA A VOSKEPAR – Oggi Nikol Pashinyan ha visitato i villaggi di confine della provincia di Tavush, che recentemente hanno catturato l’attenzione del pubblico in Armenia a causa delle rivendicazioni territoriali dell’Azerbaigian e delle discussioni di Pashinyan su un potenziale “scambio di enclavi”. Secondo fonti locali, l’accoglienza di Pashinyan da parte degli abitanti del villaggio è stata tutt’altro che accogliente e molti non si sono alzati nemmeno dai loro posti quando il premier è entrato nella sala. Gli abitanti del villaggio hanno espresso preoccupazione per il rischio di pulizia etnica nelle loro comunità, tracciando parallelismi con gli eventi di Artsakh. Tuttavia, Pashinyan ha evitato di affrontare direttamente queste preoccupazioni. Dopo continue domande su questo tema, gli abitanti del villaggio hanno espresso la loro determinazione ad organizzarsi e prepararsi a difendere i loro villaggi.
Gli abitanti hanno esortato Pashinyan a garantire che la sponda meridionale del fiume Aghstev rimanga sotto il controllo armeno, ma Pashinyan ha ammesso di non avere familiarità con la geografia dell’area quando ha risposto a questa richiesta. Gli abitanti dei villaggi di Voskepar e Baghanis sono pronti a bloccare le strade. L’ex capo di stato maggiore del 2° corpo d’armata e vice comandante del corpo, il colonnello Mihran Maksudyan, è pronto a organizzare e adottare misure di autodifesa.
Durante la conferenza stampa del 12 marzo, il primo ministro armeno aveva osservato che la delimitazione del confine con l’Azerbaigian potrebbe iniziare dalla provincia armena di Tavush. “Non ho escluso prima e non escludo che il processo di delimitazione possa iniziare dalla provincia di Tavush. E quando prendiamo decisioni su questo processo, dobbiamo procedere da un’analisi globale delle realtà e della situazione e con la logica della gestione le attuali sfide alla sicurezza in Armenia e i requisiti per garantire la stabilità della situazione”.

(18) DATI SFOLLATI – Il governo armeno ha presentato nuovi dati sui cittadini sfollati con la forza dal Nagorno Karabakh in Armenia. Risulta che 7.825 cittadini registrati nel Nagorno Karabakh e poi sfollati hanno lasciato l’Armenia e non sono, al momento, tornati. Complessivamente, dal settembre 2023 al 4 marzo 2024, 13.619 cittadini registrati nel Karabakh hanno lasciato l’Armenia ma solo 5.794 sono tornati. In Armenia sono registrati 101.848 sfollati dal Nagorno Karabakh, tra cui 30.000 bambini. Di questi sfollati, 72.626 vivono nelle regioni, il resto vive nella capitale Yerevan. Secondo i dati del governo, 8.277 famiglie dell’Artsakh possiedono appartamenti in Armenia.

(16) PROTEZIONE PATRIMONIO ARMENO – Un gruppo di membri del Parlamento europeo ha invitato i leader dell’UE a garantire che l’UE adotti misure attive per proteggere il patrimonio culturale e religioso armeno nel Nagorno-Karabakh. Una lunga lettera è stata indirizzata al presidente del Consiglio europeo Charles Michel, alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e alla presidente del Parlamento europeo. Parlamento Europeo Robert Mezzola. Nel testo si legge tra l’altro:
Noi sottoscritti membri del Parlamento europeo siamo preoccupati che il millenario patrimonio culturale e religioso armeno nel Nagorno Karabakh sia minacciato immediatamente di distruzione, profanazione e usurpazione, in grave violazione del diritto internazionale e delle norme giuridicamente vincolanti decisione della Corte internazionale di giustizia dell’ONU. Questi oggetti costituiscono una parte importante del nostro patrimonio europeo ed è nostro dovere garantirne la conservazione. Dopo la guerra del 2020, gli oggetti simbolici del patrimonio culturale e religioso armeno, tra cui chiese, monumenti, khachkar, cimiteri, statue, sono stati distrutti nei territori passati sotto il controllo dell’Azerbaigian, e le iscrizioni armene sono state cancellate dalle mura della città armena, dalle chiese e dalle lapidi“.
I deputati hanno invitato i leader dell’UE a sostenere l’installazione di telecamere sui siti del patrimonio armeno.

(16) RICHIESTE TURCHE – I funzionari turchi hanno rinnovato la loro richiesta all’Armenia di aprire un corridoio extraterritoriale che colleghi l’Azerbaigian alla sua exclave di Nakhijevan. Parlando dopo un incontro trilaterale con i suoi omologhi georgiano e azerbaigiano a Baku venerdì, il ministro degli Esteri turco Hakan Fidan ha affermato che Ankara si aspetta “un sostegno generale per l’apertura del percorso Zangezur”. Secondo lui questo è essenziale per “ripristinare la pace nel Caucaso meridionale”. Il ministro turco dei trasporti e delle infrastrutture, Abdulkadir Uraloglu, ha dichiarato in un’intervista resa pubblica all’inizio della giornata che il corridoio andrebbe a beneficio non solo della Turchia e dell’Azerbaigian, ma anche dell’intero “mondo turco”.

(16) RUSSIA E ARMENIA – In un’intervista a RIA Novosti la rappresentante ufficiale del Ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova Mosca mette in guardia Yerevan sulle conseguenze della politica anti-russa dell’Occidente. “La parte russa vuole che l’Armenia preservi la sua sovranità e sviluppi la politica tenendo conto degli interessi nazionali“, ha aggiunto Zakharova secondo la quale la storia è la risposta ai dubbi della parte armena sulla sincerità delle intenzioni della Russia.”I nostri ragazzi hanno difeso l’Armenia. La leadership russa e Vladimir Putin hanno compiuto personalmente molti sforzi per fermare lo spargimento di sangue nella regione“, aggiungendo che la Russia ha anche fornito assistenza finanziaria ed economica senza chiedere nulla in cambio.
Mosca sta discutendo con l’Armenia “il coinvolgimento di Yerevan da parte dei paesi occidentali nel suo percorso anti-russo per mettere in guardia sui rischi, alcuni argomenti sono stati accettati dalla parte armena“, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo. “Purtroppo assistiamo a questa tendenza da molto tempo e ne stiamo parlando. Stiamo parlando, anche in modo molto confidenziale, con i nostri colleghi e partner armeni, con un solo scopo: mettere in guardia”.

(15) ARMENIA E UNIONE EUROPEA – Peter Stano, rappresentante del servizio di politica estera dell’Unione Europea, ha dichiarato che l’Armenia, come ogni Paese europeo, ha il diritto di chiedere l’adesione all’Unione Europea. “I Paesi hanno il diritto di lottare per un futuro migliore per i loro cittadini. Sono liberi di decidere come garantire tale futuro. Per quanto riguarda l’adesione all’UE, ogni Paese europeo, il suo popolo e il suo governo, devono decidere se vogliono fare domanda per l’adesione all’UE” ha detto Stano in risposta alla domanda se le porte dell’Unione europea sono aperte per l’Armenia. Ha ricordato che quando questo o quel Paese presenta una richiesta di adesione all’Unione europea, questa viene esaminata dagli Stati membri dell’organizzazione, dopodiché questi ultimi prendono la decisione corrispondente sulla base dei “trattati dell’UE e delle norme stabilite”.  

(15) VANDALISMI AZERI – Gli azeri hanno distrutto il memoriale dedicato ai militari armeni morti nella guerra d’indipendenza dell’Artsakh, situato nel villaggio di Tzar in Artsakh. Lo avverte il “Centro di ricerca scientifica sul patrimonio storico e culturale” del Ministero della KGMS. “Le foto pubblicate su Internet mostrano che il famoso khachkar del 13° secolo nel villaggio zarista di Artsakh non è più al suo posto. Le nostre osservazioni e ricerche riguardanti le condizioni fisiche del khachkar sono rimaste infruttuose. Tenendo conto della politica dell’Azerbaigian nei confronti del patrimonio storico e culturale armeno, si può presumere che questo esempio unico di lavoro khachkar armeno sia stato distrutto” si legge in una nota.

(14) CASE PER GLI SFOLLATI – Sette famiglie sfollate con la forza dal Nagorno Karabakh riceveranno 16 milioni di dram ciascuna (poco meno di 40.000 euro) per costruire appartamenti nei villaggi di confine. Lo ha annunciato il primo ministro Nikol Pashinyan durante la sessione governativa del 14 marzo.”Sono molto felice che 7 famiglie abbiano già un appezzamento di terreno nelle comunità di confine, inizieranno presto la costruzione“, ha detto Pashinyan.

(14) REAZIONE AZERA AL PARLAMENTO EUROPEO – Il Ministero degli Affari Esteri dell’Azerbaigian ha risposto alla risoluzione “Sui legami più stretti tra l’Unione europea e l’Armenia e la necessità di un accordo di pace tra Azerbaigian e Armenia” adottata ieri dal Parlamento europeo. Il portavoce del ministero degli Esteri Aykhan Hajizade lo ha descritto come “infondato e parziale, un altro vivido esempio di doppi standard nei confronti dell’Azerbaigian“. Egli ha sottolineato che la risoluzione ha dato un impulso all’Armenia, riferisce 1lurer.Hajizadeh ha invitato il Parlamento europeo ad affrontare “questioni più serie“, vale a dire “la discriminazione razziale, l’islamofobia, la xenofobia, l’estremismo e il trattamento inumano dei migranti“.

(14) UNIONE EUROPEA – Il primo ministro Nikol Pashinyan ha accolto con favore la risoluzione adottata dal Parlamento europeo sulla necessità di legami più stretti tra l’Unione europea e l’Armenia e di un trattato di pace tra Azerbaigian e Armenia. Durante la sessione governativa, il Primo Ministro ha ricordato che questa risoluzione, che ha ricevuto il sostegno di tutte le fazioni del Parlamento europeo, è stata adottata con 504 voti favorevoli, 4 contrari e 32 astensioni.Lui ha osservato che la risoluzione, basata sulla Dichiarazione di Alma-Ata del 1991, esprime un sostegno incrollabile alla sovranità, all’integrità territoriale e all’indipendenza della Repubblica d’Armenia, e sostiene anche gli sforzi di pace tra Armenia e Azerbaigian. “Accogliendo favorevolmente questa risoluzione del Parlamento europeo, credo che dovrebbe diventare oggetto di discussione pubblica in Armenia. Questa è un’altra occasione per discutere la visione del futuro della Repubblica d’Armenia e spero che le forze politiche della Repubblica d’Armenia, le organizzazioni non governative, i diversi strati della società, i cittadini esprimano il loro atteggiamento nei confronti di questo messaggio del Parlamento europeo Parlamento, perché tali messaggi necessitano di una risposta molto più ampia di quella del governo o della maggioranza parlamentare“, ha sottolineato Pashinyan.

(14) UNIVERSITA’ IN ARTSAKH – L’Università statale di Artsakh è diventata un altro obiettivo del genocidio culturale dell’Azerbaigian. Il difensore civico della cultura Hayik Hovik Avanesov mette in guardia su questo.”Il regime statale dell’Azerbaigian continua a distruggere la traccia armena nell’Artsakh occupato. Con questa politica, l’Azerbaigian è diventato un tipico simbolo di vandalismo, superando tutte le tribù barbare esistite nel corso della storia dell’umanità.Recentemente, l’Università statale dell’Artsakh è diventata un altro obiettivo del genocidio culturale dell’Azerbaigian. Nel messaggio diffuso dai media azeri si afferma chiaramente che l’aspetto dell’edificio universitario cambierà. È ovvio che l’Azerbaigian, fedele alla sua grafia, eliminerà la traccia armena con il pretesto di lavori di costruzione. Particolarmente a rischio è il complesso commemorativo dell’Università, che perpetua la memoria degli studenti morti per la Patria. L’Università statale dell’Artsakh è stata fondata nel 1969 nella città di Stepanakert, al centro della regione autonoma del Nagorno Karabakh. Durante la guerra scatenata dall’Azerbaigian contro l’Artsakh nel 1992. (…) Riteniamo necessario ricordare che anche l’Università statale dell’Artsakh è stata presa di mira dai gruppi terroristici azeri negli anni ’90. Il 22 agosto, le truppe di occupazione azerbaigiane sganciarono una bomba aerea da 500 kg sull’università, il successivo attacco avvenne nel 1993. Tutto ciò dimostra ancora una volta che il patrimonio culturale dell’Artsakh è minacciato di distruzione e usurpazione. Secondo l’articolo 4 della Convenzione dell’Aia del 1954 per la protezione dei beni culturali nei conflitti armati, è vietato qualsiasi atto di vandalismo, furto, rapina, appropriazione indebita, ostilità o ritorsione contro il patrimonio culturale. Il primo Protocollo dell’Aia del 1954 proibisce la distruzione dei valori culturali e spirituali nei territori occupati“, ha scritto Avanesov.

(13) PARLAMENTO EUROPEO – Nella sessione del Parlamento europeo è stata votata una risoluzione che suggerisce legami più stretti tra l’Armenia e l’Unione europea e sottolinea la necessità di un accordo di pace tra Armenia e Azerbaigian. La risoluzione presentata al Parlamento europeo propone di considerare la possibilità di candidatura dell’Armenia all’adesione all’UE. Qui è consultabile il testo in lingua italiana

(13) CSTO E RUSSIA – Dmitry Peskov, segretario stampa del presidente russo, ha osservato che Mosca è a conoscenza della dichiarazione del primo ministro russo Nikol Pashinyan secondo cui l’Armenia potrebbe lasciare l’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva. “Certo, abbiamo sentito queste dichiarazioni. Naturalmente c’è molto lavoro da fare. Abbiamo bisogno di contatti con i nostri partner armeni sia nel quadro della CSTO che a livello bilaterale. Chiariremo e parleremo in linea con le dichiarazioni del signor Primo Ministro [il primo ministro armeno Nikol Pashinyan]” ha detto Peskov. Ieri, in una conferenza stampa, il premier armeno aveva dichiarato che “se la CSTO risponderà alla domanda su cosa intende come territorio sovrano dell’Armenia e tale risposta corrisponderà alle idee della parte armena, significherà che le questioni tra l’Armenia e la CSTO sono state affrontate, risolte e riassunte con le conseguenze che ne deriveranno, altrimenti l’Armenia uscirà dalla CSTO Non posso dire quando“.

(13) USA-ARMENIA – Il ministro degli Affari esteri della Repubblica armena, Ararat Mirzoyan, ha ricevuto Luis Bono, consigliere senior per i negoziati caucasici del Dipartimento di Stato americano. Gli interlocutori hanno discusso questioni relative alla situazione della sicurezza nel Caucaso meridionale e si è fatto riferimento al processo di normalizzazione delle relazioni tra Armenia e Azerbaigian, comprese le discussioni sul trattato di pace. Il ministro Mirzoyan ha presentato all’interlocutore gli ultimi sviluppi, sottolineando le posizioni dell’Armenia, su questioni chiave.
In seguito, Bono ha incontrato il Segretario del Consiglio di sicurezza della Repubblica di Armenia, Armen Grigoryan.

(12) CSTO – Il Segretario generale dell’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva Imanghali Tasmaghambetov durante un’intervista all’agenzia TASS ha affermato che l’Armenia rimane un alleato della CSTO. “Non nascondo che alcuni eventi e stati d’animo riguardanti le élite armene siano preoccupanti, ma ci aspettiamo la sobrietà politica della leadership politica armena e una valutazione equilibrata delle prospettive di attuazione dei diversi scenari in relazione all’organizzazione. Vorrei sottolineare che l’Armenia rimane nostro alleato, tutti gli obblighi esistenti rimangono in vigore“, ha detto il Segretario.
Va sottolineato come in precedenza, in un’intervista rilasciata a France 24 TV, il Primo ministro armeno Pashinyan ha dichiarato che l’Armenia ha praticamente congelato la sua partecipazione ai lavori dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva, perché l’organizzazione non ha adempiuto ai suoi obblighi di sicurezza nei confronti dell’Armenia, in particolare durante l’aggressione di Azerbaigian nel 2021 e nel 2022.

(12) GUARDIE RUSSE – Dmitry Peskov, portavoce del presidente russo, riferisce che l’Armenia ha informato la Russia della fine del lavoro delle guardie di frontiera russe all’aeroporto “Zvartnots”. “In effetti è arrivata una lettera dipartimentale a questo proposito e ora si stanno prendendo contatti tra i dipartimenti. Non posso dire di più adesso”, ha detto Peskov.

(12) CONFERENZA PASHINYAN – In una preannunciata conferenza stampa il premiere armeno ha tra l’altro dichiarato che considera lo sfollamento forzato degli armeni del Nagorno Karabakh e la conseguente necessità di provvedere ai fabbisogni di oltre centomila persone come la più grande sfida del 2023. Anche per il 2024 proseguirà il programma sociale di sostegno economico alle famiglie mentre sono in corso gli studi per la costruzione di alloggi destinati agli sfollati. Secondo Pashinyan, la logica del governo in questa materia è che se il programma abitativo fosse fatto solo per gli sfollati forzati dal Nagorno-Karabakh, si potrebbe creare tensione all’interno del pubblico.”Si può creare tensione all’interno dell’opinione pubblica, perché ci sono molte persone che hanno lo stesso problema, essendo cittadini della Repubblica d’Armenia. E vogliamo creare un programma che sarà disponibile anche per i cittadini di RA“, ha affermato.
Quanto alle denunce reciproche davanti ai triobunali internaizonali, Pashinyan ha dichiarato che la questione è stata affrontata nel corso dei negoziati: “Durante i negoziati, tale questione è stata discussa e viene discussa. La nostra posizione è la seguente. è una questione che potrà essere discussa alla fine, quando i termini del trattato di pace saranno sostanzialmente concordati e sarà evidente che entrambe le parti saranno pronte a firmarlo. Ed è logico, poiché entrambe le parti firmano un contratto, perché continuano le guerre legali l’una contro l’altra?“. Pashinyan non esclude che Armenia e Azerbaigian rinunceranno alle denunce interstatali nella fase della firma del trattato di pace.
Inoltre, il primo ministro armeno Nikol Pashinyan assicura che il governo sta lavorando quotidianamente per garantire il ritorno dei prigionieri armeni e di altre persone detenute in Azerbaigian: “Si lavora quotidianamente per il ritorno dei prigionieri, degli ostaggi e di altre persone detenute in Azerbaigian. Capisco che la descrizione di quel lavoro quotidiano sia addirittura priva di significato finché non si ottiene un risultato“, ha detto Pashinyan, sottolineando che non è necessario discutere di quel lavoro finché non si arriva al risultato finale.

(11) INTERVISTE AI PRIGIONIERI – I media statali azeri stanno preparando un film documentario, in cui presenteranno interviste con l’ex leadership militare e politica dell’Artsakh. Gli azeri hanno intervistato il generale Levon Mnatsakanyan, ex comandante dell’Esercito di difesa dell’Artsakh, e Araik Harutyunyan, l’ex presidente dell’Artsakh, detenuti illegalmente nella prigione di Baku assieme ad altre autorità dell’Artsakh. Durante il fine settimana, i media azeri hanno pubblicato il filmato di un’intervista con Arayik Harutyunyan, eoggi il filmato di un’intervista con Levon Mnatsakanyan è stato pubblicato sui social network. Non si sa in quali condizioni gli azeri abbiano costretto a parlare gli ex leader dell’Artsakh. Il film sarà proiettato il 28 marzo alle ore 21. Siranush Sahakyan, presidente del Centro per il diritto internazionale e comparato, esclude la libera espressione nelle interviste rilasciate dagli ex dirigenti politico-militari dell’Artsakh detenuti illegalmente a Baku, che subiscono minacce reali e immediate per la loro vita e, comprensibilmente, sono costretti a partecipare alle interviste esrpimendo opinioni non condivise.

(9) USA E TURCHIA – Il segretario di Stato americano Anthony Blinken e il ministro degli Esteri turco Hakan Fidan sono impegnati a lavorare per l’avanzamento di un accordo di pace tra Armenia e Azerbaigian, secondo la dichiarazione rilasciata dopo l’incontro del meccanismo strategico USA-Turchia a Washington.

(9) EDMON MARUKYAN – Edmon Marukyan, ex ambasciatore dell’Armenia con incarichi speciali, esponendo le ragioni delle sue dimissioni, ha dichiarato che si è dimesso perchè contrario a modifiche alla Costituzione. “Dobbiamo mantenere, proteggere, rafforzare questa repubblica [armena, NdR]. Se ritengo che la revisione dei fondamenti dello Stato, le loro discussioni, causino un problema, non posso farlo, e questo è stato l’ultimo disaccordo che ho avuto con i nostri stimati colleghi. Quando l’Azerbaigian ha presentato i 5 principi del trattato di pace con l’Armenia, non c’era alcuna richiesta di cambiare la Costituzione, rivedere la legislazione interna, non so cosa fare con la Dichiarazione di Indipendenza. Ammettere che dobbiamo adottare una nuova Costituzione, che secondo l’Azerbaigian ostacola la conclusione del trattato di pace, significa che stiamo seppellendo completamente il processo di conclusione del trattato di pace“, ha detto Marukyan. Marukyan osserva che le richieste dell’Azerbaigian sono infinite e che l’Armenia, riducendo le sue richieste, non riduce le richieste dell’Azerbaigian, e il proseguimento di questa visione non porterà altri risultati che non abbia già portato.

(9) CONFERENZA SU PRIGIONIERI – Il 19 marzo al Parlamento europeo si terrà la conferenza “Prigionieri di guerra armeni in Azerbaigian”. 

(9) TRANSITI IN ARMENIA – Il Ministro degli Affari Esteri della RA, Ararat Mirzoyan, in un’intervista al canale televisivo “TRT World”, affrontando la questione della posizione dell’Armenia riguardo alle strade internazionali, ha dichiarato che nessuno può entrare e uscire dalla Repubblica Armena senza un’adeguata registrazione. “L’idea alla base è che le merci e le persone provenienti dall’Azerbaigian possono attraversare, attraversare il confine della RA ed entrare nel territorio di Nakhichevan, e lo stesso dovrebbe valere per i cittadini della RA. Ci sono quattro condizioni importanti che consentiranno il corretto svolgimento del processo. Le infrastrutture che sono sotto blocco da diversi decenni dovrebbero essere sbloccate sotto la sovranità dei paesi attraverso i quali transitano, dovrebbero funzionare sotto la giurisdizione nazionale delle parti, nonché secondo i principi di uguaglianza e reciprocità” ha detto Mirzoyan.
Nella medesima intervista il ministro ha ribadito che in Armenia si discute attivamente di nuove opportunità, inclusa l’idea di aderire all’Unione Europea.

(8) ACCORDO TURCO-AZERO – Il Ministero della Difesa dell’Azerbaigian e la compagnia turca “Baykar” (che costruisce i droni TB2 e Akinci) hanno firmato un accordo di cooperazione su ricerca, sviluppo e produzione congiunti.

(7) GUARDIE FRONTIERA – L’Armenia ha informato la Russia che non ha più bisogno del sostegno e della partecipazione della parte russa per il servizio di guardia di frontiera svolto presso l’aeroporto internazionale “Zvartnots”. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri Ararat Mirzoyan nel corso della conferenza stampa, riferendosi alla questione del ritiro delle guardie di frontiera russe dall’aeroporto internazionale “Zvartnots”.”Vorrei sottolineare che fin dall’inizio la partecipazione delle guardie di frontiera russe in diversi punti, compreso all’aeroporto di Zvartnots, era intesa come sostegno al nuovo Stato armeno indipendente e doveva svolgere questa funzione fino a quando l’Armenia non avrà bisogno esso e quando l’Armenia avrà le proprie opportunità istituzionali, tale funzione sarà pienamente implementata dall’Armenia attraverso i suoi rispettivi organi.E ora pensiamo che la Repubblica d’Armenia sia istituzionalmente in grado di svolgere da sola il servizio di guardia di frontiera all’aeroporto “Zvartnots”, e di questo abbiamo informato la parte russa“, ha osservato Mirzoyan. Il ministro degli Esteri ritiene che per la parte russa basterà la comunicazione inviata alla Federazione Russa e in questo modo la questione verrà risolta.

(7) COMMISSIONE CONFINI – Al confine tra la Repubblica di Armenia e la Repubblica dell’Azerbaigian si è tenuta la settima riunione della Commissione per la delimitazione dei confini di Stato e la sicurezza dei confini tra la Repubblica di Armenia e la Repubblica dell’Azerbaigian sotto la presidenza del Vice Primo Ministro della Repubblica dell’Armenia Mher Grigoryan e del Vice Primo Ministro della Repubblica dell’Azerbaigian Shahin Mustafayev. Le parti hanno scambiato opinioni sulle questioni di delimitazione e hanno iniziato a concordare il progetto di regolamento sulle attività congiunte della Commissione e il progetto di istruzioni pertinenti sulla procedura per l’esecuzione dei lavori di delimitazione. Le parti hanno concordato di completare quanto prima l’approvazione della proposta di Regolamento sulle attività congiunte delle Commissioni. Hanno inoltre concordato di fissare di comune accordo la data e il luogo della prossima riunione delle commissioni.

(7) SOLIDARIETA’ DA CIPRO – Cipro finanzierà la costruzione di 10 serre per sostenere i rifugiati del Nagorno Karabakh. Lo ha detto il ministro degli Esteri di Cipro, Constantinos Kombos, durante una conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri della Repubblica Armena, Ararat Mirzoyan. Si tratta di un progetto congiunto con la Fondazione “My Step” e l’Università agraria dell’Armenia. Nella medesima conferenza, è stato annunciato che Cipro nel 2024 aprirà una missione diplomatica a Yerevan.

(7) VANDALISMO AZERO – L’Azerbaigian distrugge non solo i cimiteri dell’Artsakh, ma anche ogni traccia di quei cimiteri come informa il “Servizio statale per la protezione dell’ambiente storico” della Repubblica dell’Artsakh facendo riferimento alle immagini che arrivano da Ivanian (Khojallu).

(7) STEPANAKERT – Il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev ha nominato Elchin Yusubov rappresentante speciale a Stepanakert, Martakert e Ivanian. Da maggio 2020 ricopre la carica di vice capo del servizio statale per gli affari immobiliari del Ministero dell’Economia dell’Azerbaigian. Con un altro decreto, Emin Huseinov è stato nominato rappresentante speciale del presidente nelle regioni di Martuni, Aghdam e Fizuli.

(6) DETENUTI POLITICI – Ai leader dell’Artsakh detenuti in Azerbaigian è stata data l’opportunità di comunicare con le loro famiglie. Alla fine di febbraio i dipendenti del Comitato internazionale della Croce Rossa hanno fatto visita ai detenuti politici dell’Artsakh illegalmente imprigionati a Baku. Lo ha affermato Zara Amatuni, responsabile dei programmi di comunicazione della delegazione del CICR in Armenia. Ha osservato che la visita si è svolta secondo le procedure standard della Croce Rossa, agli arrestati è stata data l’opportunità di comunicare con le loro famiglie. Ricordiamo che dal 5 gennaio 2024 Baku conferma ufficialmente la cattura di 23 armeni, 17 dei quali sono comparsi nel Nagorno Karabakh dopo l’aggressione di settembre dell’Azerbaigian.

(6) PROBLEMA ALLOGGI PER GLI SFOLLATI – 32 organizzazioni dell’Artsakh, che formano l'”Iniziativa per garantire i bisogni del popolo dell’Artsakh”, hanno inviato una lettera aperta al governo della Repubblica di Armenia in merito al discusso programma finalizzato a soddisfare le esigenze abitative dei residenti dell’Artsakh. Il testo dell’appello è consultabile (in lingua italiana) QUI

(5) SITUAZIONE STABILE AL CONFINE – La situazione operativa al confine armeno-azerbaigiano è relativamente stabile. Lo ha detto il Capo di stato maggiore delle forze armate dell’Armenia, Edward Asryan, in una conversazione con i giornalisti nel pantheon militare “Erablur”, riferendosi all’osservazione che l’Azerbaigian ha accumulato truppe in direzione della regione di Syunik. “Al momento non ci sono accumuli, le forze armate dell’Armenia seguono con tutti i mezzi i movimenti delle forze armate dell’Azerbaigian, non ci sono accumuli di questo tipo. “Si stima che la situazione operativa sia relativamente stabile“, ha detto Asryan.
Il Capo di stato maggiore ha altresì affermato, riguardo alle voci su una possibile uscita dell’Armenia dalla CSTO, che “non abbiamo ancora lasciato la CSTO e ciò a cui porterà l’uscita dalla CSTO è un segreto”. Ha anche aggiunto che “sulla carta l’esercito dispone di strutture comuni con la CSTO”.

(4) RILASCIATO SOLDATO AZERO – Le autorità armene hanno deciso di riconsegnare “come gesto di buona volontà” all’Azerbaigian il soldato Ruslan Eldanis-Oghlu Penakhov che nei giorni scorsi era entrato nel territorio dell’Armenia all’altezza del villaggio di Tegh. Nel corso dell’istruttoria penale è emerso che il soldato azero non ha superato il confine con volontà di aggredire o portare un pericolo ma solo perché stava fuggendo dalla sua postazione a causa di un alterco avuto con i suoi commilitoni. Questo gesto di buona volontà potrebbe essere un esempio da seguire in tutte quelle situazioni analoghe che coinvolgono le parti. Ancora una volta l’Armenia compie un atto encomiabile anche se gli azeri continuano a detenere decine di prigionieri armeni nelle loro carceri.

(4) ASSEMBLEA NAZIONALE – Sgomento hanno suscitato le immagini diffuse da social azeri che mostrano la sede dell’Assemblea nazionale a Stepanakert abbattuta. Stessa sorte ha subito il piccolo edificio che si trovava accanto e che era la sede dell’Unione dei Veterani. Le immagini degli edifici ridotti in macerie sono state diffuse anche dalle tv azerbaigiane. L’edificio demolito dell’Assemblea nazionale del Nagorno-Karabakh in Azerbaigian è stato dichiarato “illegale” e, secondo i media azeri, è stata presa la decisione di demolire tutti gli edifici costruiti durante gli anni dell’indipendenza (“occupazione” nella versione azera). “Il piano generale della città di Khankendi (gli azerbaigiani la chiamano Stepanakert armena) è stato approvato negli anni sovietici sotto la guida del grande leader Heydar Aliyev”, Baku spiega le sue azioni, negando completamente i veri obiettivi di cancellare tutte le tracce armene nella regione. Dopo la dichiarazione del popolo del Nagorno Karabakh, gli edifici costruiti in Azerbaigian sono stati definiti “non conformi al piano urbanistico”. L’inaugurazione dell’edificio “Parlamento dell’Artsakh” ha avuto luogo il 2 settembre 2007, nel 16° anniversario della dichiarazione di indipendenza. “Alla cerimonia aveva partecipato anche Tigran Torosyan, allora presidente del parlamento armeno.

(4) NUOVI NATI – Il mese scorso, 35 bambini sono nati a Yerevan nelle famiglie degli sfollati forzati dell’Artsakh. Lo ha riferito Davit Karapetyan, capo ad interim del dipartimento sanitario dell’Armenia, durante la riunione procedurale del comune di Yerevan. “Tra gli sfollati forzati dall’Artsakh, 24 nati a febbraio sono maschi e 11 femmine“, ha osservato Karapetyan che ha inoltre sottolineato che 14 operatori sanitari sfollati con la forza dall’Artsakh erano impiegati nelle strutture mediche di Yerevan a febbraio.

(4) CATTEDRALE STEPANAKERT – La cattedrale della Santa Madre di Dio di Stepanakert è stata presa di mira dai vandali azeri. La cerimonia di consacrazione della Cattedrale Madre di San Giovanni fu celebrata dal Catholicos di tutti gli Armeni, SE Karegin II, il 7 aprile 2019. In una foto diffusa dai social azeri si vede un uomo che siede accanto all’altare sbeffeggiando la sacralità del rito e della chiesa. In precedenza, dal campanile era stata rimossa la croce.

(3) CAMPI MINATI – Il Ministero degli Affari Esteri dell’Azerbaigian ha rilasciato una dichiarazione in cui accusa l’Armenia di rifiutarsi di fornire mappe accurate dei campi minati. Ieri un pastore che pascolava il bestiame nei pressi della ex linea di contatto ad Aghdam (dove le mine erano state piuazzate da una parte e dall’altra) è rimasto gravemente ferito. Da novembre 2020, secondo fonti azere, sarebbero morti 346 azeri a causa delle mine. “L’Armenia si rifiuta di fornire mappe accurate con vari pretesti”, afferma il Ministero degli Affari Esteri dell’Azerbaigian. Ricordiamo che il 26 gennaio 2024 l’Armenia ha trasferito 8 moduli di campi minati all’Azerbaigian. Primadella guerra del 2020 era proprio il governo azero a ostacolare gli interventi di pulizia dei campi minati della prima guerra del Karabakh.

(1) SALTA VISITA DI ZELENSKYJ IN ARMENIA – Nei giorni scorsi erano circolate voci su una possibile visita del presidente ucraino in Armenia. Un viaggio, è intuibile, di forte impatto politico e non solo nel Caucaso. Oggi, invece, giungono segnali di un annullamento della visita motivato dal fatto che l’Ucraina si aspettava un invito anche dall’Azerbaigian, invito che non sarebbe arrivato a causa di pressioni da parte russa. Secondo “Infotek24”, Zelenskyj sarebbe dovuto andare in Azerbaigian e riportare in Armenia alcuni prigionieri armeni detenuti a Baku ma Aliyev si sarebbe opposto.

(1) NUOVO AMBASCIATORE ARMENO – Il presidente della RA Vahagn Khachaturyan ha firmato un decreto secondo il quale Boris Sahakyan è stato nominato Ambasciatore della Repubblica di Armenia presso la Santa Sede. Pochi giorni fa Boris Sahakyan  è stato destituito  dalla carica di Segretario generale del Ministero degli Esteri.

(1) AIUTI E CITTADINANZA – La cittadinanza RA sarà una delle condizioni per usufruire del programma di sostegno residenziale per gli sfollati forzati dal Nagorno-Karabakh. Con il programma statale per garantire l’accesso all’alloggio alle persone sfollate con la forza dal Nagorno Karabakh, verrà fornito sostegno attraverso la costruzione di una casa residenziale, l’acquisto di una casa residenziale o di un appartamento, così come quelle persone che non avranno queste opportunità per ragioni oggettive, poi verrà data loro l’opportunità di vivere in alloggi sociali. Lo ha detto il vice ministro del Lavoro e degli affari sociali della Repubblica di Armenia Davit Khachatryan nella conferenza stampa tenutasi il 1 marzo presso il “Centro umanitario”.  “Le persone che hanno la cittadinanza armena possono utilizzare il sostegno per la fornitura di alloggi. Pertanto, per guadagnare tempo, i nostri connazionali dovrebbero iniziare a richiedere la cittadinanza, dopodiché, quando inizierà l’assistenza abitativa, avranno il diritto di viverci per 10 anni dopo l’acquisto dell’appartamento, e poi diventeranno proprietari a pieno titolo. di quella proprietà”, ha spiegato Khachatryan, aggiungendo che entro 10 anni, ad eccezione dei minorenni, le persone in età lavorativa devono restituire l’importo di sostegno, dopodiché, secondo le condizioni del programma, acquisiranno pienamente il diritto a questo Questa condizione non si applica ai minori e saranno previsti alcuni vantaggi per i pensionati e altri gruppi vulnerabili.”

Il primo ministro dell’Armenia, Nikol Pashinyan, ha rilasciato un’intervista al giornalista britannico Roland Oliphant del ‘The Telegraph’ pubblicata domenica 11 febbraio.
La riportiamo integralmente, nella traduzione italiana, perchè vi sono significativi passaggi per comprendere la situazione dei negoziati armeno-azeri (anche sul delicato tema dei confini), il ruolo dell’Unione Europea e quello della Russia.

*********

The Telegraph: Roland Oliphant –  Primo Ministro Pashinyan, grazie per aver trovato il tempo per parlare con noi. Voglio chiedervi una cosa ovvia, che riguarda il processo di pace con l’Azerbaigian. Sono ormai cinque mesi che le forze azere hanno preso il pieno controllo del Nagorno Karabakh. Successivamente si è parlato di pace, il presidente Aliyev ha parlato di pace e della sua disponibilità a porre ufficialmente fine al conflitto trentennale, ma da allora non è successo nulla. Dove siamo ora e perché viene ritardato?

Primo Ministro Nikol Pashinyan  – Innanzitutto va notato che i principi di pace tra Armenia e Azerbaigian sono stati concordati in tre formati internazionali. Il primo ha avuto luogo nel 2022. Il 6 ottobre, durante l’incontro quadrilatero tenutosi a Praga, al quale hanno partecipato il presidente francese Emmanuel Macron, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev e io, noi, dopo lunghe discussioni, abbiamo adottato una dichiarazione congiunta in cui si sancisce il seguente principio: Armenia e Azerbaigian riconoscono reciprocamente l’integrità territoriale sulla base della Dichiarazione di Alma-Ata del 1991.
Cosa significa questo? La Dichiarazione di Alma-Ata riguarda quanto segue ed è stata firmata da 12 repubbliche che facevano parte dell’Unione Sovietica. Firmando quella dichiarazione, hanno registrato diverse cose. In primo luogo, l’Unione Sovietica cessa di esistere e queste repubbliche, diventando Stati sovrani, riconoscono reciprocamente l’integrità territoriale, l’inviolabilità dei confini e la sovranità. E così, con la dichiarazione di Alma-Ata, i confini amministrativi esistenti tra le repubbliche dell’Unione Sovietica diventano confini statali. Dico questo perché nella dichiarazione di Alma Ata è scritto che queste repubbliche accettano i confini esistenti, cioè qualunque confine esistesse in quel momento, riconoscono l’inviolabilità di quei confini.
E, naturalmente, qui c’è una sfumatura molto importante che voglio sottolineare: la Dichiarazione di Alma-Ata e i pacchetti relativi alla Dichiarazione sono stati ratificati dal parlamento armeno nel 1992, il parlamento azerbaigiano l’ha ratificata successivamente. Molti eventi si sono verificati dopo la firma e la ratifica, ma in questo contesto è molto importante registrare che a Praga il 6 ottobre, alla presenza del presidente della Francia e del presidente del Consiglio europeo, Armenia e Azerbaigian, infatti, dopo tutti questi eventi, hanno riaffermato il riconoscimento reciproco dell’integrità territoriale sulla base della Dichiarazione di Alma-Ata.
E il secondo punto importante è che la dichiarazione di Alma-Ata dovrebbe diventare la base per la demarcazione e la delimitazione dei confini tra i due paesi. Anche questo è un principio molto importante, che in questo contesto significa che nel processo di demarcazione tra Armenia e Azerbaigian, non si deve creare alcun confine, ma i confini confermati e riaffermati dalla dichiarazione di Alma-Ata dovrebbero essere espressi sul terreno, sulle mappe.
Questo è il primo accordo fondamentale. Successivamente, il 30 ottobre, è stata firmata la dichiarazione trilaterale del presidente della Russia, del presidente dell’Azerbaigian e del sottoscritto, in cui Armenia e Azerbaigian hanno riconosciuto in una dichiarazione scritta di riconoscere l’integrità territoriale e la sovranità reciproca e dichiarano di rifiutarsi di usare la forza e la minaccia della forza e tutte le questioni saranno risolte attraverso la negoziazione. Questo accordo è diventato anche la base per la formazione e la formulazione del terzo principio fondamentale, il che significa che l’apertura e lo sblocco delle comunicazioni regionali, nonché l’apertura reciproca delle strade, avverranno nel quadro del rispetto della sovranità e della giurisdizione dei Paesi, e questo principio, insieme ai due principi precedenti, è stato registrato sulla base dei risultati degli incontri trilaterali tenutisi a Bruxelles il 14 maggio e il 15 luglio. Inoltre, tutto ciò di cui sto parlando sono documenti pubblici.
Cosa c’entra tutto questo con la Sua domanda? E il collegamento è che, in sostanza, l’architettura e i principi del trattato di pace tra Armenia e Azerbaigian sono stati concordati, e alla fine dello scorso anno ci sembrava che fossimo molto vicini a raggiungere finalmente un accordo sul testo del trattato finale trattato, ma fin dall’inizio l’Azerbaigian si è rifiutato per tre volte di partecipare ai negoziati in diversi formati, dopo i quali erano previste le elezioni presidenziali in Azerbaigian. E in effetti siamo ancora su questo punto e suppongo che dopo le elezioni presidenziali saremo in grado di realizzare l’attuazione di questi punti, se ci sarà la volontà politica. Posso constatare che il governo armeno, come prima, ha la volontà politica di perseguire proprio la pace nella nostra regione e di firmare un trattato di pace con l’Azerbaigian basato sugli accordi sopra menzionati.

The Telegraph: Roland Oliphant –  Questo è abbastanza positivo, ma…

Primo Ministro Nikol Pashinyan  – Mi scuso, ma il fatto che abbiamo perso così tanto tempo non è un segnale molto positivo, perché vedete, il 1° giugno si è tenuto a Chișinău un incontro a cinque con la partecipazione del presidente della Francia, il Cancelliere tedesco, il Presidente del Consiglio europeo, il Presidente dell’Azerbaigian e me, e dove è stato formulato un accordo ed è stato pubblicato per iscritto che il prossimo incontro con lo stesso formato si sarebbe svolto a Granada nell’autunno 2023. Ma l’Azerbaigian, di fatto, ha rifiutato di partecipare a quell’incontro, dove in quel contesto era stato formulato che il prossimo incontro si sarebbe svolto alla fine di ottobre, a Bruxelles, in formato trilaterale. L’Azerbaigian ha rifiutato nuovamente di partecipare a tale incontro. E se a questo aggiungiamo gli eventi accaduti nel Nagorno Karabakh, i primi attacchi militari furono effettuati contro il Nagorno Karabakh e, di fatto, il Nagorno Karabakh fu completamente spopolato a causa della pulizia etnica. E semplicemente, ho risposto alla Sua domanda specifica, concentrandomi sul contenuto della tua domanda, ma perché ho interrotto la Sua domanda nel punto in cui parlava di positività? Perché se confrontiamo questi eventi, ad esempio in Armenia, ci sono analisti che ritengono che tutto ciò significhi che l’Azerbaigian si sta ritirando passo dopo passo e abbandonando gli accordi raggiunti sulle piattaforme internazionali e tra di noi.

The Telegraph: Roland Oliphant –  Vorrei tornare alla mia domanda. Credo che il 10 gennaio il presidente Aliyev abbia rilasciato un’intervista televisiva in cui ha detto alcune cose interessanti. Lui ha detto che il progetto nazionale per la riconquista dei territori dell’Azerbaigian è stato portato a termine e spera che in linea di principio non ci siano più ostacoli alla pace. Ha anche detto che se vedrà qualche segno di riarmo dell’Armenia, lancerà un’azione militare contro l’Armenia, ha riaffermato la sua richiesta per un corridoio attraverso il territorio armeno fino a Nakhichevan, ha escluso la ritirata delle sue truppe dal territorio interno L’Armenia, da altezze strategiche, afferma che ha bisogno di queste aree per poter tenere d’occhio le intenzioni armene. Poi ha rifiutato la Sua proposta di tracciare un confine sulla base delle ultime mappe militari sovietiche, sottolineando che preferirebbe parlare di mappe dei primi periodi della sovietizzazione, perché in quel periodo l’Azerbaigian ha perso molto territorio. Le persone, compresi i rappresentanti del vostro governo, dicono che con questo l’Azerbaigian sta gettando le basi per avanzare richieste territoriali all’Armenia. In altre parole, non solo il Nagorno Karabakh, ma anche che lui intende andare oltre e preparare, se non un’invasione su larga scala, almeno rivendicare il proprio territorio. È questo ciò che pensi stia succedendo?

Primo Ministro Nikol Pashinyan  – Naturalmente queste opinioni hanno il diritto di esistere e queste valutazioni non possono essere considerate infondate. Ho valutato pubblicamente le dichiarazioni del Presidente dell’Azerbaigian in un’intervista rilasciata ai media televisivi azeri all’inizio di gennaio 2024 come un duro colpo al processo di pace, ma poco fa ho descritto che questo colpo non è stato un processo autonomo ed è iniziato, in primo luogo, con la pulizia etnica nel Nagorno Karabakh e, in secondo luogo, con il rifiuto di partecipare alla riunione di Granada, proseguito con il rifiuto di partecipare alla riunione di Bruxelles e il conseguente rifiuto di presenziare alle riunioni.
Voglio anche notare che recentemente ho risposto a quelle dichiarazioni del Presidente dell’Azerbaigian e devo affermare ancora una volta che avere un esercito è un diritto sovrano di ogni Stato, e la Repubblica di Armenia, proprio come ogni Stato sovrano, ha il diritto diritto ad avere un esercito forte e pronto al combattimento, fermo restando che la Repubblica di Armenia sta creando un esercito per rafforzare la propria integrità territoriale e sovranità, indipendenza e statualità. Fondamentalmente, con le nostre posizioni politiche abbiamo dimostrato che riconosciamo l’integrità territoriale di tutti i Paesi della nostra regione e ci aspettiamo lo stesso da tutti i paesi della nostra regione, soprattutto perché esiste un documento firmato e adottato al riguardo. Vedete, quando parlavo dell’affermazione del quadrilatero di Praga, è proprio di questo che tratta l’affermazione del quadrilatero di Praga. Per quanto riguarda parlare dei territori al momento dell’adesione all’Unione Sovietica, penso che le discussioni sul periodo dell’adesione all’Unione Sovietica non siano affatto rilevanti in questo contesto. Perché? Perché ho già detto che l’accordo tra Armenia e Azerbaigian è stato registrato per iscritto in formato tripartito e quadrilatero, in cui si afferma che i due paesi riconoscono reciprocamente l’integrità territoriale sulla base della Dichiarazione di Alma-Ata.

The Telegraph: Roland Oliphant –  Capisco perché non è d’accordo con queste affermazioni, ma temi…

Primo Ministro Nikol Pashinyan –  Mi dispiace, non si tratta di non essere d’accordo con le dichiarazioni, mi riferisco ai documenti. Se la dichiarazione dell’Azerbaigian è che non riconosce alcun documento che ha firmato e adottato, deve annunciarlo pubblicamente. In altre parole, come ho detto, so che ci sono quelle analisi, quelle interviste e così via, e cosa significano, e posso dare anche una valutazione politica, e dico anche che ci sono analisi secondo che l’Azerbaigian sta facendo un passo indietro rispetto agli accordi raggiunti. Ma finché l’Azerbaigian non annuncia, in particolare, di ritirare la propria firma dalle dichiarazioni di Sochi e Praga, allora è chiaro che Armenia e Azerbaigian riconoscono reciprocamente l’integrità territoriale sulla base della dichiarazione di Alma-Ata del 1991 e di qualsiasi dichiarazione che contraddica questa logica non è legittima.

The Telegraph: Roland Oliphant  – Teme una terza guerra tra Armenia e Azerbaigian?

Primo Ministro Nikol Pashinyan –  Paura non è la parola giusta da usare, perché la Repubblica di Armenia è uno stato democratico e in via di sviluppo e, come ho già detto, la Repubblica di Armenia sta attuando riforme su larga scala per migliorare la resilienza del Paese, e comunque, negli ultimi anni, penso che la comunità internazionale e la nostra comunità abbiano visto e visto che la resilienza del nostro Paese è migliorata in modo significativo. Continuiamo il percorso di riforme per migliorare ulteriormente la resilienza dell’Armenia. Per quanto riguarda la destabilizzazione regionale e i passi verso di essa, ovviamente, chiunque abbia buon senso sarebbe preoccupato.

The Telegraph: Roland Oliphant  – Chiunque abbia buon senso avrebbe tali timori riguardo a una possibile guerra futura. È questo che vuol dire?

Primo Ministro Nikol Pashinyan –  Guardi, ci sono interviste, dichiarazioni di ogni genere, ma è molto importante notare la natura interstatale delle nostre relazioni. Anche se non abbiamo relazioni diplomatiche, devo fare riferimento ai documenti che abbiamo firmato, per fare affidamento su tali documenti. Ho già detto che abbiamo firmato un documento con l’Azerbaigian sul non uso della forza e sulla minaccia dell’uso della forza. Se lo guardiamo con questa logica e se l’Azerbaigian non rispettasse i documenti da esso firmati, allora l’Azerbaigian potrebbe attaccare qualsiasi Paese, perché solo l’Armenia? Guardatevi intorno: se non rispettassero i loro impegni internazionali, allora potrebbero attaccare qualsiasi Paese vicino, se così fosse.

The Telegraph: Roland Oliphant –  Mi scusi, ma la domanda fondamentale qui è che, beh, diciamo che avete preso quegli impegni internazionali, ma avete fiducia che il presidente Aliyev manterrà quegli impegni? Questa è la domanda fondamentale.

Primo Ministro Nikol Pashinyan  – Confido in Dio e credo che ogni Stato che si rispetti debba rispettare i propri impegni.

The Telegraph: Roland Oliphant  – Recentemente, credo proprio questa settimana, ha parlato del fatto che l’Armenia non può più fare affidamento sulla Russia come principale partner militare e di difesa. Penso che sia abbastanza chiaro il motivo. La Russia non ha adempiuto ai propri obblighi ai sensi della CSTO. Cosa significa in pratica? L’Armenia sta cercando una futura adesione alla NATO?

Primo Ministro Nikol Pashinyan –  Non abbiamo detto che neghiamo e rifiutiamo la cooperazione con la Russia in generale e nel settore della sicurezza in particolare. Ciò che abbiamo detto è che diversificheremo le nostre relazioni nel settore della sicurezza. Cosa significa questo? Ciò significa che romperemo le nostre relazioni di sicurezza con la Russia? No, non significa questo, ma significa che nel campo della sicurezza ci stiamo preparando, siamo pronti, stiamo discutendo e lavorando per stabilire relazioni, ad esempio, con l’Unione Europea, che è già una realtà grande, con la Francia, che nel complesso è già una realtà, con gli Stati Uniti, che nel complesso è già una realtà, con la Repubblica islamica dell’Iran, che nel complesso è già una realtà, con l’India, che è già nel complesso una realtà, e con molti altri Paesi. Le nostre relazioni di sicurezza con gli Stati Uniti, o la Francia, o l’India, o l’Unione Europea non sono naturalmente dirette contro la Russia. Questa è semplicemente la conseguenza del fatto che le relazioni di sicurezza che avevamo in passato non rispondono alle nostre esigenze di sicurezza. Per quanto riguarda la NATO, questo non è un punto della nostra agenda. In altre parole, non abbiamo discusso e non stiamo discutendo dell’adesione alla NATO. Abbiamo rapporti di partenariato con la NATO e non vi è nulla di nuovo. Avevamo un piano d’azione di partenariato individuale, ora quel programma viene riformattato in un certo formato di partenariato che non implica l’adesione. Vi dirò anche che oggi siamo almeno de jure membri della CSTO, e non sono sicuro che ci siano discussioni su questo argomento in generale, o meglio in Armenia, su quanto bene la strategia basata sull’alleanza corrisponda agli interessi dell’Armenia, in generale, a lungo termine.

The Telegraph: Roland Oliphant  – Lei dice che non volterà le spalle alla Russia. Ma questo non è realistico nel mondo di oggi. I Paesi che hai elencato, gli stretti legami con la Francia, gli Stati Uniti, l’UE, si trovano in un massiccio confronto geopolitico con la Russia. Deve davvero fare una scelta, non è vero?

Primo Ministro Nikol Pashinyan –  La guerra in Ucraina era appena iniziata, credo di aver rilasciato un’intervista alla CNN ceca e di aver detto che non siamo alleati della Russia per quanto riguarda l’Ucraina, e questa è la realtà. Ma voglio anche dire che la nostra cooperazione in materia di sicurezza con gli Stati Uniti o la Francia o con gli altri nostri partner per la sicurezza non è diretta contro l’altro nostro partner per la sicurezza. Un’altra cosa è che i nostri partner potrebbero avere dubbi su come la cooperazione con altri potrebbe influenzare i loro sistemi di sicurezza. Stiamo cercando di gestire questo problema nel modo più trasparente possibile.

The Telegraph: Roland Oliphant  – Come parte del vostro riallineamento, abbracciando altre strutture di sicurezza, siete entrati a far parte della Corte penale internazionale, credo che sia successo il 1 dicembre o il 31 gennaio, quando l’Armenia ha aderito formalmente allo Statuto di Roma. La Corte penale internazionale ha emesso un mandato di arresto nei confronti di Vladimir Putin per presunti crimini di guerra commessi in Ucraina. Se Vladimir Putin arrivasse a Yerevan, lo arrestereste?

Primo Ministro Nikol Pashinyan –  Innanzitutto voglio dire che la Repubblica di Armenia ha avviato il processo di adesione allo Statuto di Roma nel dicembre 2022 e tale decisione è stata condizionata dalla valutazione dei cambiamenti nel nostro contesto di sicurezza. Abbiamo ratificato lo Statuto di Roma, tra l’altro, analizzando le conseguenze della guerra del settembre 2022 e constatando che ci sono alcune crepe nel nostro sistema di sicurezza. In questo senso abbiamo anche ratificato lo Statuto di Roma come ulteriore fattore per aumentare il livello di sicurezza dell’Armenia. Capisco che sia stato un periodo difficile e abbiamo preso questa decisione perché era un periodo difficile. Tale decisione serve ad aumentare il livello di sicurezza dell’Armenia.
Per quanto riguarda le sfumature giuridiche, non posso svolgere un’analisi giuridica in questo momento perché è compito degli avvocati. Penso che, come ho detto, l’Armenia, in quanto stato responsabile, dovrebbe rispettare tutti i suoi impegni internazionali, compresi gli impegni che ha nei rapporti con la Federazione Russa, gli impegni che ha nei rapporti con la comunità internazionale. Del resto ci sono diverse opinioni e analisi giuridiche sull’argomento, e in particolare non sono pochi gli avvocati che sostengono che gli attuali capi di Stato godono di un’immunità, un’immunità insormontabile, a causa del loro status. Voglio dire, è una questione legale, non una questione politica di cui devo discutere e a cui devo rispondere.

The Telegraph: Roland Oliphant –  Una parte del mondo dice che Vladimir Putin dovrebbe essere arrestato per crimini di guerra. Hai l’obbligo di farlo. Se verrà in Armenia, la polizia armena arresterà il presidente russo e lo manderà all’Aia?

Primo Ministro Nikol Pashinyan –  Lasciate che vi sveli un segreto. Dal 2018 in Armenia sono state avviate molte riforme democratiche su larga scala e non sono io a prendere decisioni su chi dovrebbe essere arrestato e chi non dovrebbe essere arrestato. In Armenia esiste un ordinamento giuridico consolidato, esistono istituzioni giuridiche e in tutti i casi sono le istituzioni giuridiche armene a prendere tali decisioni. Per questo abbiamo la Procura, abbiamo i tribunali, abbiamo il comitato investigativo e così via. È molto importante che, essendo membro del Partenariato Orientale, la Repubblica di Armenia si distingua soprattutto per le riforme istituzionali volte ad avere un sistema giudiziario indipendente. Nella Repubblica di Armenia esiste lo stato di diritto, il Primo Ministro ha i suoi poteri nella Repubblica di Armenia. In nessun caso tali poteri includono la soluzione della questione se questa persona debba essere arrestata o meno. Tutto ciò avviene attraverso procedure legali.

The Telegraph: Roland Oliphant –  Capisco, voglio dire, potrebbe mettervi in una situazione un po’ imbarazzante. È possibile chiamare semplicemente Vladimir Putin e dirgli di non venire, perché non si può promettere che non verrà arrestato? Questa è una situazione piuttosto imbarazzante, non è vero?

Primo Ministro Nikol Pashinyan:  Non credo che Vladimir Vladimirovich abbia bisogno del mio consiglio.

The Telegraph: Roland Oliphant  – Lei dice che la vostra nuova cooperazione con l’Occidente non è diretta in alcun modo contro la Russia, che la Russia non deve preoccuparsi di questo, che state semplicemente diversificando il vostro contesto di sicurezza. Ora cito un commento di una fonte anonima, presumibilmente un alto funzionario russo, fornito all’agenzia TASS in ottobre. “Consideriamo il discorso del primo ministro armeno Nikol Pashinyan del 17 ottobre al Parlamento europeo assolutamente irresponsabile e provocatorio, soprattutto per quanto riguarda la Russia e le relazioni russo-armene. Vediamo come l’Armenia sta cercando di trasformarsi nell’Ucraina numero 3. Pashinyan sta seguendo le orme di Volodymyr Zelenskyj facendo passi da gigante.” Se fossi in Lei, sarei piuttosto preoccupato per tale retorica proveniente dalla Russia, visto ciò che la Russia sta facendo in Ucraina.

Primo Ministro Nikol Pashinyan –  In generale, mi piace commentare le citazioni dopo averle lette io stesso, con tutto il rispetto, da una terza fonte, almeno questo è quello che mi ha mostrato la mia esperienza politica. Ma, in generale, continuando a rispondere alla domanda precedente, dirò quanto segue: noi, come ho detto chiaramente nel mio discorso al Parlamento europeo, collaboriamo con l’Unione europea, le nostre relazioni con l’Unione europea si stanno approfondendo.
A proposito, voglio attirare la vostra attenzione su un fatto molto importante: negli ultimi mesi nella nostra regione si è verificato un evento molto significativo, e questo evento significativo avviene indipendentemente dagli atteggiamenti e dalle valutazioni politiche, perché gli atteggiamenti e le valutazioni politiche possono variare, ma il nostro vicino immediato e amico, la Georgia, è diventato un candidato all’adesione all’Unione europea. Fondamentalmente penso che sia molto importante ed essenziale che l’Armenia si posizioni attorno a quell’evento. Naturalmente ho avuto l’opportunità di congratularmi con la mia controparte georgiana e con il popolo georgiano in occasione di quell’importante evento. Penso che sia un evento che inevitabilmente avrà un impatto sul quadro generale e sull’atmosfera della nostra regione. La Repubblica d’Armenia e il nostro governo dovrebbero prendere posizione riguardo a tale evento. Posso dirvi una cosa, e forse è evidente da quello che ho detto: se in quell’occasione mi sono congratulato con la Georgia, il governo georgiano e il popolo, è ovvio che lo considero un evento positivo. Altrimenti che senso avrebbe congratularsi?

The Telegraph: Roland Oliphant –  Voglio dire, vuole guidare il Suo paese nella direzione dell’UE? Renderlo un obiettivo?

Primo Ministro Nikol Pashinyan  – Dovremmo chiarire cosa intendiamo con direzione, perché ancor prima che io diventassi Primo ministro, l’Armenia e l’Unione europea avevano già firmato l’accordo di partenariato globale e rafforzato. Ora l’accordo è in fase di attuazione. È ovvio che le relazioni tra Armenia e Unione Europea si stanno approfondendo ed è ovvio che le relazioni tra Armenia e Unione Europea si stiano approfondendo, anche alle condizioni e grazie all’attuazione dell ‘”Accordo di partenariato globale e rafforzato”. Ma, d’altro canto, è ovvio che le relazioni tra l’Armenia e l’Unione europea si stanno avvicinando perché, secondo la comunità internazionale, abbiamo successi visibili nell’attuazione delle riforme democratiche.
Sapete, questa sottigliezza è molto importante per comprendere la nostra situazione, la situazione e molti eventi che si stanno svolgendo in Armenia. Guardi, non ci allontaniamo da nessuno. Stiamo implementando i messaggi ricevuti dalla nostra gente. E quel messaggio riguarda principalmente le riforme democratiche. E la democrazia, le riforme democratiche, lo sviluppo di una società democratica non sono programmi causati da determinate circostanze. Ho affermato più volte che questa è una strategia per noi, e nel mio discorso al Parlamento europeo ho affermato che continueremo ad attuare queste strategie, continueremo a portare avanti queste riforme. E ho detto che la Repubblica d’Armenia è pronta ad avvicinarsi all’Unione Europea quanto l’Unione Europea lo riterrà possibile.

The Telegraph: Roland Oliphant –  Mi perdoni per aver spinto questa domanda. Il motivo per cui chiedo della dura reazione della Russia dopo l’adesione dell’Armenia alla Corte penale internazionale è perché…

Primo Ministro Nikol Pashinyan  – Scusi, di chi è la reazione che sta parlando?

The Telegraph: Roland Oliphant –  Sto parlando di una citazione che ho letto per voi da un anonimo funzionario russo.

Primo Ministro Nikol Pashinyan  – Scusi, la fonte che ha citato, il funzionario russo, è un funzionario anonimo? Ho capito bene?

The Telegraph: Roland Oliphant  – Sì, questo è il commento fornito alla TASS.

Primo Ministro Nikol Pashinyan  – Ma mi dispiace, non potete nemmeno inviare il link, perché non credo sia appropriato che il Primo Ministro della Repubblica d’Armenia commenti ciò che ha detto la fonte anonima. Riesce a immaginare quante fonti anonime ci sono adesso? Se partiamo da fonti anonime…

The Telegraph: Roland Oliphant  – OK, capisco. Ma voglio dire, è un’agenzia di stampa statale russa, invia determinati messaggi e quei messaggi non vengono inviati senza motivo.

Primo Ministro Nikol Pashinyan  – Sapete, se la fonte è anonima, significa che non è poi così sicuro di quello che dice.

The Telegraph: Roland Oliphant  – Forse. Ma il motivo per cui faccio queste domande taglienti è a causa della vostra geografia…

Primo Ministro Nikol Pashinyan  : Mi piacciono le domande taglienti.

The Telegraph: Roland Oliphant –  Allora dov’è l’Armenia? Che vi piaccia o no, dovete affrontare la guerra in Ucraina, questo grande confronto tra Russia e Occidente, c’è anche il confine con l’Iran, stiamo assistendo ad una guerra tra Israele e Gaza, che rischia di trasformarsi in un più ampio confronto israelo-iraniano. Tutte queste cose si sovrappongono qui, nel Caucaso meridionale. Quanto potrebbero andare male le cose qui? Teme che queste crisi internazionali interconnesse possano incontrarsi in questa regione?

Primo Ministro Nikol Pashinyan  – Scusi, da quale Paese viene?

The Telegraph:  Roland Oliphant –  Vengo dal Regno Unito.

Primo Ministro Nikol Pashinyan –  Guardi, purtroppo ci sono preoccupazioni molto profonde sia nel Regno Unito che in tutti i Paesi europei. Partecipo ai vertici della Comunità politica europea e discutiamo sulla situazione internazionale sia in formato aperto che dietro le porte. Non conosco un solo Stato al mondo oggi, almeno gli Stati con i cui leader interagisco, che non abbia profonde preoccupazioni in materia di sicurezza.
Perchè dico questo? Innanzitutto, due cose. Non voglio che questa conversazione dia l’impressione che le sfide alla sicurezza in Armenia siano considerevolmente più critiche che in molti altri Paesi del mondo. Ma d’altra parte, non voglio creare l’impressione che il governo armeno non si renda conto di quanto siano cruciali le sfide alla sicurezza dell’Armenia. Capisce il mio punto?
Vedete, comunico con i leader di molti Paesi europei e non solo europei. Tutti i Paesi si trovano ad affrontare queste sfide alla sicurezza perché viviamo in un mondo in cui nessuno può dire cosa accadrà domani mattina o stasera. Questa è l’intera logica del mondo moderno. E se consideriamo anche la globalizzazione, il mondo è diventato molto più piccolo. vedere cosa sta succedendo intorno a noi, cosa sta succedendo in Ucraina, cosa sta succedendo in Israele, cosa sta succedendo nei nostri bacini marittimi vicini. Nessuno può essere rilassato. Se qualcuno pensasse di essere più rilassati nel mondo globale o di dover essere più rilassato del governo o dei cittadini della Repubblica di Armenia, si sbaglierebbe notevolmente.
In secondo luogo, le sfide che Lei ha menzionato, e lo dico con la massima serietà, perché ora e da due anni la comunità internazionale sta discutendo se ci sarà o meno una guerra nucleare. E poiché mi trovo nella posizione di interagire con diverse potenziali parti di quella guerra nucleare, so quanto sia serio l’argomento. In questo senso, almeno, l’Armenia è significativamente più sicura perché non credo che qualcuno lancerà un attacco nucleare contro l’Armenia. Nel frattempo, molti Paesi non sono sicuri di sentirsi così sicuri.
Il motivo per cui ti reagisco in questo modo è che voglio che Lei mi capisca correttamente. è molto importante comprendere che in molti altri Paesi non si è più al sicuro che nella Repubblica di Armenia. E da un’altra prospettiva, tra l’altro, la Repubblica di Armenia è al 7° posto nel mondo in termini di livello di sicurezza interna nell’ultima classifica di Numbeo. Voglio dire, ora ti trovi nel settimo paese più sicuro al mondo, il che penso non sia male.

The Telegraph: Roland Oliphant –  Qual è il Suo messaggio ai miei lettori, ai ministri del governo che leggono il mio giornale? Perché il mondo, come ha detto Lei, sta discutendo seriamente sulle possibilità di una guerra nucleare in una realtà in cui non possiamo prevedere cosa accadrà domani.

Primo Ministro Nikol Pashinyan  – Il messaggio che vorrei inviare ai vostri lettori è il seguente: so quanto sia difficile, so quali difficoltà devono essere superate e farò del mio meglio affinché la pace venga stabilita nella nostra regione, farò svolgere la parte di lavoro che ci riguarda e spero che altri Paesi della nostra regione facciano lo stesso. Per alcuni dei nostri partner c’è fiducia che lo faranno, per altri non c’è così tanta fiducia, ma questo è uno degli obiettivi e dei significati chiave delle nostre relazioni estere, e abbiamo chiamato questa politica “regionalizzazione” in modo da poter possiamo raggiungere la pace nella nostra regione.

The Telegraph: Roland Oliphant –  Grazie per l’intervista, signor Primo Ministro.

Primo Ministro Nikol Pashinyan  : Grazie. Tutto il meglio per Lei.

L’intervista in originale si trova QUI
(foto articolo da web)

Oggi è giornata elettorale in Azerbaigian: si vota per la carica di presidente della repubblica e l’unica incertezza è solo quella di sapere se i risultati (ovviamente “aggiustati”) proclameranno l’uscente Aliyev vincitore con più o con meno del 90%.

L’autocrate leader ha imposto elezioni anticipate, si sarebbero dovute tenere il prossimo anno, per sfruttare l’onda lunga della vittoria in guerra e della conquista del Karabakh (Artsakh) e provare a dimostrare che l’Azerbaigian è una nazione democratica, circostanza questa alla quale non crede più nessuno.

Corre praticamente da solo, visto che gli altri sei candidati (sui 16 che inizialmente si erano proposti) non hanno alcuna speranza non solo di vincere ma neppure di guadagnare un consenso a doppia cifra. Se ciò accadrà sarà solo per far vedere che Aliyev si è imposto sulla “concorrenza”.

Un disoccupato, quattro deputati di un parlamento dove non esiste opposizione, un politico: tutti ben attenti nella campagna elettorale (noiosa e durata solo tre settimane) a non disturbare il padre-padrone del Paese, addirittura lodato per i suoi successi in guerra contro gli armeni. E non si capisce perché un elettore non dovrebbe votare per il presidente uscente se perfino i suoi avversari lo incensano.

Nonostante il successo scontato, Aliyev non si è fatto mancare nulla: terrorizzato da possibili colpi di coda di una società che non si accontenta più delle battaglie ma vuole un sistema sociale diverso e (forse) la democrazia, il dittatore azero ha messo a tacere le pochissime voci ancora libere. Da novembre, da quando cioè sono state annunciate le elezioni anticipate, sono undici i giornalisti arrestati. E questo la dice lunga sul dibattito pubblico in un Paese che risulta tra i peggiori al mondo per tutela dei diritti civili e politici.

Un altro dei possibili motivi per i quali Aliyev ha deciso di anticipare il suo plebiscito alle urne potrebbe essere quello di dimostrare che in Karabakh quasi nessuno della popolazione armena è andato a votare: logica conseguenza della pulizia etnica generata dall’ultima aggressione dello scorso settembre ma che potrebbe essere a pretesto per spingerlo a negare qualsiasi ipotesi a un ritorno agli sfollati con il pretesto del mancato esercizio del diritto elettorale.

Aliyev vincerà (magari questa volta avranno il buon gusto a Baku di non annunciare la vittoria il giorno prima come accaduto un paio di elezioni fa…) e governerà come è abituato a fare: in carica dal 2003, succeduto al padre (che aveva rovesciato con un colpo di Stato il predecessore Elcibay e si era riciclato dal Partico Comunista) e con la moglie come vicepresidente. Si è modellato la costituzione a suo piacimento, prima rimuovendo il limite dei due mandati e poi portando la durata degli stessi da cinque a sette anni.

Si è dunque assicurato il diritto di essere presidente a vita in un Paese dove il controllo della polizia e dei servizi segreti è ferreo e nessuna voce contraria è tollerata. Quando si sarà stufato cederà lo scettro alla moglie, Mehriban Aliyeva che ha tre anni meno di lui, oppure a uno dei figli (Leyla 38 anni, Arzu 35 e Heydar 27).

Insomma, il popolo azero per molto tempo ancora dovrà sottostare alla famiglia Aliyev. A meno che, come accaduto a tanti altri regimi anche in passato, qualche ingranaggio si rompa…