Senza cibo, medicine, gas ed elettricità. Che altro?

Il difensore dei diritti umani dell’Artsakh (Nagorno Karabakh) ha pubblicato un rapporto provvisorio “Sulle violazioni dei diritti umani del popolo dell’Artsakh a seguito della deliberata interruzione delle infrastrutture critiche nel mezzo del blocco dell’Artsakh da parte dell’Azerbaigian dal 12 dicembre 2022“.

Il rapporto ha presentato fatti relativi alle violazioni diffuse e su larga scala dei diritti del popolo dell’Artsakh a causa di interruzioni deliberate delle infrastrutture vitali dell’Artsakh da parte dell’Azerbaigian: gasdotto, linee elettriche, telecomunicazioni e cavi Internet, che nelle condizioni del blocco in corso mettono la popolazione civile sull’orlo di una catastrofe umanitaria.

In condizioni climatiche fredde, quando la temperatura media nel territorio dell’Artsakh oscilla tra -2 e +2 gradi Celsius, raggiungendo talvolta -5 gradi di freddo, case, luoghi di residenza temporanea di sfollati, tutti i tipi di istituzioni educative e sanitarie e le imprese private, le istituzioni statali usano il gas come principale mezzo di riscaldamento. Interruzioni deliberate nella fornitura di gas privano la popolazione della possibilità di riscaldamento a gas e acqua calda.

A seguito del danneggiamento delle linee ad alta tensione provenienti dall’Armenia verso l’Artsakh e del blocco dei loro lavori di ripristino da parte dell’Azerbaigian, dal 9 gennaio l’importazione di elettricità è stata sospesa.
I residenti ricevono elettricità prodotta localmente. A causa dei volumi insufficienti, la popolazione riceve elettricità con un programma di blackout continuativo di 6 ore, il che rende quasi impossibile sostituire il riscaldamento a gas con il riscaldamento elettrico.

Anche le interruzioni dell’approvvigionamento di gas e l’uso limitato di energia elettrica incidono direttamente sulla normale organizzazione del cibo nelle famiglie.

Per risparmiare elettricità, le istituzioni statali sono passate a un regime di lavoro breve dal 19 gennaio, il che ha un impatto negativo sul processo di fornitura dei servizi necessari al pubblico e sull’organizzazione della vita pubblica.

La situazione attuale ha fortemente influito sulla normale organizzazione del processo educativo in Artsakh, tutte le istituzioni educative della Repubblica sono chiuse a causa della mancanza di riscaldamento, che ha portato alla violazione del diritto all’istruzione di oltre 20.000 bambini.

La grave situazione umanitaria ha inciso anche sul normale funzionamento del sistema sanitario.
Il 70% delle strutture sanitarie e degli ospedali, riscaldati a gas, deve affrontare seri problemi di riscaldamento. Al momento, 156 pazienti, di cui 45 bambini, stanno ricevendo cure mediche ospedaliere.

Centinaia di imprese subiscono anche ingenti perdite a causa delle interruzioni della fornitura di gas.

Nelle condizioni di interruzione dell’approvvigionamento di gas e di limitata possibilità di elettricità, per fornire il riscaldamento delle case e altre condizioni di vita, c’è un aumento del volume di legno utilizzato dalla popolazione, il che significa che il già limitato fondo forestale subirà gravi perdite.

Nelle comunità si sono verificati problemi legati al buon funzionamento del trasporto pubblico e all’organizzazione della raccolta dei rifiuti, dovuti al fatto che le macchine e le attrezzature utilizzate per il trasporto pubblico e la raccolta dei rifiuti funzionano con l’utilizzo di gas, benzina e gasolio, e c’è anche una carenza di vettori energetici nelle condizioni del blocco.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *