GENNAIO 2023

(30 gen) CITTADINI RUSSI LASCIANO L’ARTSAKH – Nell’ambito degli accordi raggiunti con la parte azera, ieri è stata effettuata l’evacuazione dei cittadini russi arrivati in Nagorno Karabakh per le vacanze di Capodanno secondo quanto ha riferito il canale Peacekeeper Telegram. Si tratta di 44 persone, tra cui sette figli, che avevano raggiunto il comando delle forze di pace russe di stanza a Ivanian per unirsi ai familiari in servizio.

(30 gen) PRIGIONIERI ARMENI – Rappresentanti dell’ufficio del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) hanno visitato i detenuti armeni in Azerbaigian a gennaio. Lo ha riferito Zara Amatuni, responsabile del programma di comunicazione e prevenzione dell’ufficio del CICR in Armenia, senza precisare le date delle visite. “Durante l’incontro, i detenuti hanno avuto una conversazione telefonica con i loro familiari, sono state anche trasferite lettere e video registrati”, ha aggiunto Amatuni.

(30 gen) TRANSITI VERSO ARMENIA – Con la mediazione della Croce Rossa Internazionale, 19 cittadini dell’Armenia hanno potuto oggi fare ritorno a casa. Altri passaggi, da e per l’Artsakh, sempre con la mediazione della CRI, erano avvenuti il 27 e il 20 gennaio.

(29 gen) RIATTIVATO IL GAS – Alle 10 di questa mattina (ora locale) è stata riattivata la fornitura di gas. Gli azeri hanno riaperto la valvola posizionato lungo il gasdotto nel territorio dell’Artsakh da loro occupato. Da domani, se non vi saranno ulteriori interruzioni nella fornitura, riaproino nidi, asili e scuole (superiori escluse).

(28 gen) PRIGIONIERI DI GUERRA – Sono sicuramente 33 i prigionieri di guerra armeni ancora illegalmente detenuti in Azerbaigian dalla fine del conflitto. A loro si aggiungerebbero altri 80 di cui non si hanno più notizie: potrebbero essere stati uccisi e i corpi non restituiti oppure potrebbero essere stati imprigionati ma fuori dai canali “ufficiali” di detenzione. Dunque, più di un centinaio di soldati armeni sarebbero ancora nelle mani azere a oltre due anni dalla fine del conflitto.

(28 gen) SITUAZIONE SANITARIA – Nove bambini si trovano nelle unità di terapia intensiva e neonatale dell’ospedale pediatrico in Artsakh, secondo il bollettino di sabato del governo dell’Artsakh sulle statistiche del 48° giorno del blocco da parte dell’Azerbaigian. Tredici pazienti adulti sono nel reparto di terapia intensiva e sei dei quali sono in condizioni critiche. Un totale di 174 bambini sono nati sotto il blocco. Un totale di 515 persone è stato privato dell’opportunità di ricevere le cure mediche necessarie a causa della sospensione degli interventi chirurgici programmati in tutte le strutture mediche dell’Artsakh. E 49 pazienti sono stati finora trasferiti dall’Artsakh in Armenia, con la mediazione e l’accompagnamento del Comitato Internazionale della Croce Rossa, per ricevere adeguate cure mediche.

(26 gen) RIATTIVATO IL GAS – Dopo cinque giorni di interruzione, gli azeri hanno riattivato la fornitura di gas all’Artsakh. Ieri sera è ripreso il flusso a ritmo ridotto, oggi la popolazione di Stepanakert beneficerà del gas a pieno regime.

(24 gen) FORNITURA GAS – A seguito dell’interruzione del flusso di gas dall’Armenia per il nuovo blocco operato dagli azeri dal 21 gennaio, il governo ha deciso che le scorte disponibili saranno utilizzate solo dalle strutture sanitarie e fabbriche di panificazione. Inoltre, a far data da oggi i carburanti saranno riservati ai soli veicoli di servizio.

(23 gen) MISSIONE EUROPEA IN ARMENIA – I ministri degli Affari Esteri dei Paesi membri Ue hanno stabilito oggi di istituire una missione civile dell’Unione Europea in Armenia, della durata di due anni, nell’ambito della politica di sicurezza e di difesa comune, con l’obiettivo di “contribuire alla stabilità nelle zone di confine, rafforzare la fiducia sul terreno e garantire un ambiente favorevole agli sforzi di normalizzazione” dei due Paesi caucasici.

(23 gen) ALTRI QUATTRO PAZIENTI TRASFERITI – Con la mediazione e l’accompagnamento del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR), altri quattro pazienti sono stati trasferiti dall’Artsakh all’Armenia. Durante i 43 giorni dell’attuale blocco azero dell’Artsakh, un totale di 46 pazienti medici sono stati trasferiti dall’Artsakh all’Armenia con la mediazione e l’accompagnamento del CICR.

(22 gen) NUOVA INTERRUZIONE DEL GAS – Da ieri sera l’Azerbaigian ha nuovamente bloccato l’afflusso di gas che arriva in Artsakh dall’Armenia attraverso una condotta che attraversa anche territori occupati dagli azeri.

(21 gen) LA NATO SU CORRIDOIO LACHIN – Il rappresentante speciale del Segretario generale della NATO per il Caucaso meridionale e l’Asia centrale, Javier Colomina, ha sottolineato l’importanza della libera circolazione attraverso il corridoio di Lachin, l’unica strada che collega il Nagorno Karabakh con l’Armenia, durante gli incontri a Yerevan e Baku. Ha altresì rilevato la necessità di risolvere le questioni umanitarie e riprendere i colloqui sulla normalizzazione delle relazioni.

(21 gen) SITUAZIONE SANITARIA – Otto bambini sono in terapia intensiva e quattro i neonati, si legge in un rapporto diffuso nel Bollettino ufficiale dell’Artsakh. Nel reparto di terapia intensiva sono ricoverati 12 pazienti adulti, di cui 4 in gravissime condizioni. Sotto il blocco sono già nati 154 bambini. A causa dell’annullamento delle operazioni programmate nelle istituzioni mediche sotto la giurisdizione del Ministero della Salute dell’Artsakh, 470 persone non possono ancora essere operate. Finora 36 pazienti sono stati trasportati dall’Artsakh in Armenia con la mediazione e il supporto del Comitato Internazionale della Croce Rossa per le cure appropriate.

(20 gen) PARZIALE RIATTIVAZIONE DEL GAS – Gli azeri hanno riaperto la valvola della condotta del gas ma a causa della debole pressione, la fornitura verrà ripristinata in Artsakh con alcune restrizioni. “Con lo scopo di garantire il funzionamento ininterrotto delle infrastrutture essenziali e soddisfare le esigenze minime della popolazione, il volume limitato di gas fornito sarà accessibile alle case residenziali nella città di Stepanakert, alle stazioni di servizio regionali, nonché ad alcune strutture di importanza strategica. Invitiamo la popolazione ad essere attenta e a mantenere le regole di sicurezza nell’uso del gas“, ha affermato la sede operativa di “Artsakhgas”.

(19 gen) CONDANNA DEL PARLAMENTO EUROPEO – Il parlamento europeo ha votato una risoluzione che condanna l’Azerbaigian per il blocco del corridoio di Lachin. In particolare, il documento votato deplora le tragiche conseguenze umanitarie del blocco del corridoio di Lachin ed  esorta l’Azerbaigian a rispettare e attuare la dichiarazione trilaterale del 9 novembre 2020 e a riaprire immediatamente il corridoio di Lachin per consentire la libertà di movimento e garantire l’accesso a beni e servizi essenziali, garantendo così la sicurezza nella regione e salvaguardando il sostentamento dei residenti. Inoltre, sottolinea la necessità di un accordo di pace globale, che deve garantire i diritti e la sicurezza della popolazione armena del Nagorno Karabakh e invita l’Azerbaigian a tutelare i diritti degli armeni che vivono nel Nagorno Karabakh e ad astenersi dalla sua odiosa retorica che invoca la discriminazione contro gli armeni e incoraggia gli armeni a lasciare il Nagorno-Karabakh.
La risoluzione, tra l’altro, chiede di negoziare una missione di forze internazionali di mantenimento della pace dell’OSCE, secondo un mandato delle Nazioni Unite,  esorta l’Azerbaigian a non indebolire in futuro il funzionamento dei trasporti, dell’energia e dei collegamenti di comunicazione tra l’Armenia e il Nagorno Karabakh; chiede che alle organizzazioni internazionali sia concesso un accesso senza ostacoli al Nagorno Karabakh per valutare la situazione e fornire la necessaria assistenza umanitaria- e, al tempo stesso, sollecita una missione d’inchiesta dell’ONU o dell’OSCE nel corridoio di Lachin per valutare la situazione umanitaria sul campo.

(19 gen) FERITO SOLDATO ARMENO – Un soldato della repubblica di Armenia è rimasto gravemente ferito per un colpo sparato da postazioni azere all’altezza di Yeraskh lungo il confine con il Nakhichevan

(19 gen) CONDOGLIANZE DAL PRESIDENTE – Il Presidente della Repubblica dell’Artsakh, Arayik Harutyunyan, ha espresso le sue più sentite condoglianze per la morte dei militari morti nell’incendio scoppiato nelle baracche di una compagnia di genieri delle Forze armate armene il 19 gennaio nel territorio del villaggio di Azat nella provincia di Gegharkunik. ”A nome del popolo dell’Artsakh, delle autorità e del sottoscritto, esprimo le mie condoglianze e il mio sostegno ai parenti e agli amici dei militari morti nell’incendio scoppiato nella caserma di una compagnia di ingegneri e zappatori dell’Armenian Armed Forze il 19 gennaio, nell’area del villaggio di Azat nella provincia di Gegharkunik. Auguro una pronta guarigione a tutti i feriti. In questo momento difficile, insieme ai nostri fratelli, condividiamo il dolore della perdita”, ha scritto Harutyunyan.

(19 gen) ALTRI DUE TRASFERIMENTI – Altri due pazienti sono stati trasferiti con la mediazione della Croce Rossa Internazionale in Armenia portando il numero complessivo a 36.

(18 gen) ALTRI TRASFERIMENTI – Il Comitato internazionale della Croce Rossa (ICRC) ha facilitato il trasferimento di 6 pazienti dall’Artsakh all’Armenia per cure urgenti. Al momento dieci bambini sono ricoverati in terapia intensiva e neonatale presso l’ospedale Arevik, e altri nove pazienti – di cui quattro in condizioni critiche – sono ricoverati presso il Republican Medical Center di Artsakh. Durante il blocco in corso, il CICR ha facilitato il trasferimento di un totale di 34 pazienti dall’Artsakh all’Armenia per le cure. Ieri, un malato che era stata trasferito in Armenia ha fatto rientro in Artsakh.

(17 gen) NUOVA INTERRUZIONE DEL GAS  – Gli azeri hanno nuovamente bloccato l’afflusso di gas dall’Armenia all’Artsakh chiudendo una valvola del gasdotto in un tratto sotto il loro controllo. Dalla tarda mattinata di oggi la popolazione non può più riscaldarsi, cucinare o lavarsi con acqua calda. Il ministro di Stato Vardanyan ha convocato una riunione per discutere della situazione determinata dal nuovo blocco del gas che si aggiunge a quello elettrico.

(17 gen) BABAYAN CONSIGLIERE – Davit Babayan, già ministro degli Esteri, è stato nominato consigliere del Presidente della repubblica e inviato speciale.

(16 gen) SITUAZIONE IMPRESE – Un totale di 726 imprese — il 17,7% del totale — in Artsakh ha sospeso l’attività a causa dell’impossibilità di lavorare sotto il blocco. A causa della difficile situazione economica, almeno 3.400 persone hanno inizialmente perso il lavoro e le fonti di reddito. Più di 14.000 tonnellate di beni vitali sarebbero arrivate in Artsakh se non fosse stato per il blocco; solo una piccola parte è stata consegnata dal CICR e dal contingente russo di mantenimento della pace.

(16 gen) SITUAZIONE SANITARIA – Quattordici bambini sono attualmente nelle unità di terapia intensiva e neonatale dell’ospedale pediatrico dell’Artsakh. Nove pazienti adulti sono nel reparto di terapia intensiva e cinque di loro sono in condizioni critiche. Un totale di 132 bambini è nato nelle condizioni del blocco azero dell’Artsakh in corso. A causa della sospensione degli interventi chirurgici pianificati in tutte le strutture mediche sotto il Ministero della Sanità dell’Artsakh, circa 400 residenti dell’Artsakh non possono sottoporsi a intervento chirurgico. Fino ad oggi, 28 pazienti sono stati trasferiti dall’Artsakh in Armenia, con la mediazione e l’accompagnamento del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR), per ricevere cure mediche.

(16 gen) CONSIGLIO DI SICUREZZA  – Ararat Melkumyan è stato nominato direttore del servizio di sicurezza dell’Artsakh di cui in precedenza ricopriva la carica di Segretario. Sostituisce Ashot Hakobjanyan che è andato in pensione. E Samvel Sahramanyan è stato nominato Segretario del Consiglio di sicurezza dell’Artsakh (in precedenza era vice Segretario del Consiglio di sicurezza).

(15 gen) ALTRI QUATTRO TRASFERIMENTI – Altri quattro pazienti, fra i quali una donna incinta, sono stati trasferiti dal centro medico repubblicano dell’Artsakh in vari centri specializzati dell’Armenia con la mediazione e accompagnamento del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR). Fino ad oggi, un totale di 28 pazienti sono stati trasferiti dall’Artsakh all’Armenia.

(14 gen) ALTRA CINQUE TRASFERIMENTI – Con la mediazione della Croce Rossa Internazionale altri cinque pazienti sono stati trasferiti in Armenia con un convoglio che ha oltrepassato il blocco azero.

(13 gen) PERSI 1000 POSTI DI LAVORO – A causa del blocco da parte dell’Azerbaigian del Corridoio Lachin, l’unica strada che collega l’Artsakh all’Armenia e al resto del mondo, nell’Artsakh sono stati soppressi più di 1000 posti di lavoro; le attività commerciali sono state temporaneamente chiuse. Lo ha dichiarato Mesrop Arakelyan, consigliere del ministro di Stato della Repubblica dell’Artsakh, durante una conferenza stampa. “Si prevede di fornire un certo sostegno ai settori dell’economia colpiti in modo significativo, nonché attività per riformare la struttura economica“, ha affermato.

(12 gen) INTERRUZIONE RETE INTERNET – L’operatore Karabakh Telekom informa che il cavo di connessione alla rete internet proveniente dall’Armenia è stato danneggiato dagli azeri e la connessione fissa e mobile ne risente. Vengono segnalati anche problemi nelle comunicazioni telefoniche da Artsakh verso operatori dell’Armenia.

(12 gen) ALTRA TRE TRASFERIMENTI – Con la mediazione della Croce Rossa Internazionale altri tre pazienti sono stati trasferiti in Armenia con un convoglio che ha oltrepassato il blocco azero. Undici bambini rimangono nelle unità di terapia intensiva e neonatale dell’Arevik Medical Center di Artsakh. Al Republican Medical Center, otto pazienti rimangono nell’unità di terapia intensiva e tre di loro sono in condizioni critiche. I medici stanno facendo del loro meglio per stabilizzare le loro condizioni.

(11 gen) NUOVI MINISTRI – Con rispettivi decreti del presidente della repubblica Srbuhi Arzumanyan è stato destituito dalla carica di Primo Vice Capo dell’Ufficio del Presidente della Repubblica dell’Artsakh ed è stato nominato Ministro della Giustizia della Repubblica dell’Artsakh. Aram Sargsyan è stato nominato ministro dello sviluppo urbano della Repubblica dell’Artsakh. David Babayan è stato licenziato dalla carica di ministro ad interim degli affari esteri della Repubblica dell’Artsakh e il suo posto è stato preso da Sergey Ghazaryan già rappresentante permanente della Repubblica dell’Artsakh nella Repubblica di Armenia. Armen Mangasaryan è stato nominato ministro dello sviluppo sociale e della migrazione della Repubblica dell’Artsakh. Le responsabilità del presidente del Comitato per gli affari abitativi della Repubblica dell’Artsakh (già affidate a Mangasaryan) sono state temporaneamente assegnate al vicepresidente del comitato Inna Ishkhanyan.

(11 gen) SITUAZIONE CRITICA NELLE FARMACIE – A causa della chiusura della strada interstatale Stepanakert-Goris da parte degli azeri, il bisogno di alcuni tipi di medicinali e alimenti per l’infanzia è più sentito nelle farmacie dell’Artsakh. Al momento c’è una grande richiesta di latte artificiale, pannolini per bambini e antibiotici che scarseggiano. I bambini fino a 6-7 anni hanno bisogno di antibiotici liquidi per prevenire l’emergere di processi infettivi e non ci sono affatto antibiotici liquidi. Non ci sono inoltre farmaci antipiretici per bambini della stessa fascia di età. Nella rete non ci sono né farmaci né siringhe da insulina per diabetici. E se questa situazione si protrarrà per un’altra settimana, le farmacie saranno completamente vuote.

 (10 gen) RIFORNIMENTO CIBO – A causa del blocco in atto in Azerbaigian, i negozi di alimentari che operano nella capitale dell’Artsakh, Stepanakert, e nelle regioni ricevono zucchero, olio vegetale, grano saraceno, riso e pasta provenienti dalla riserva statale. Secondo il ministro dell’Agricoltura Hrant Safaryan, questa fornitura è implementata per tutti secondo lo stesso principio e allo stesso prezzo. Le forniture avvengono per lotti di esercizi con il criterio dell’alternanza. A causa della situazione creata, è stato fissato un margine fino al 15% per tutti i prodotti ricevuti dalla riserva statale. Le imprese che hanno venduto a un prezzo più alto saranno private della fornitura di beni. Le autorità invitano la popolazione a non fare acquisti inutili e informano che per l’acquisto di determinati generi saranno distribuite tessere alla popolazione.

(10 gen) ALTRI TRE MALATI TRASFERITI – Altri tre pazienti sono stati trasferiti, sempre con convoglio della CRI, in Armenia nel trentesimo giorno di blocco della strada di Lachin.

(10 gen) SEGRETARIO NAZIONI UNITE – Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres rinnova l’appello a ridurre le tensioni e garantire libertà e sicurezza di movimento lungo il corridoio Lachin. “Il Segretario generale ha sottolineato le sue preoccupazioni per la situazione attuale nella sua dichiarazione del 14 dicembre 2022. Tali preoccupazioni sono state ribadite dal Segretariato durante la sessione del Consiglio di sicurezza di emergenza richiesta dall’Armenia il 20 dicembre 2022. Il Segretario generale ribadisce i suoi appelli a ridurre le tensioni e garantire libertà e sicurezza di movimento lungo il corridoio, in linea con gli accordi precedentemente raggiunti ed esprime il suo sostegno agli sforzi di mediazione in corso. Le squadre nazionali delle Nazioni Unite in Armenia e Azerbaigian continuano a mantenere canali aperti con le autorità e i partner internazionali sul campo e sono pronte a rispondere se richiesto e se le condizioni lo consentono”, ha detto alla stampa armena il portavoce del segretario generale Stéphane Dujarric quando gli è stato chiesto di commentare sul blocco azero in corso del corridoio Lachin.

(9 gen) EMERGENZA NEVE – A causa del blocco azero non è possibile effettuare lavori di spazzamento neve sulla statale Stepanakert-Goris dopo la abbondante nevicata delle ultime ore e pertanto il tratto dalla capitale a Lisagor è di difficile percorrenza. Interventi di spazzaneve sono stati eseguite sulle principali strade del Paese e la mobilità pubblica dovrebbe essere ripristinata da domani.

(9 gen) INTERRUZIONE ELETTRICA – Intorno alle 14:35, si è verificato un guasto (sabotaggio azero’) al 33° km dell’unica linea ad alta tensione 110 kV Goris-Stepanakert che alimenta l’Artsakh dall’Armenia. ”Secondo i dati registrati dall’apparecchiatura, l’incidente è avvenuto nel tratto Aghavno-Berdzor. A causa della posizione distruttiva della parte azera, è attualmente impossibile effettuare un sopralluogo e organizzare lavori di ripristino di emergenza nella suddetta sezione, quindi è stata presa la decisione di fornire elettricità alla repubblica attraverso centrali elettriche locali con le opportune restrizioni. In base alla situazione, a partire dal 10 gennaio nella repubblica è in corso di attuazione il blackout progressivo, di cui è possibile essere regolarmente informati sul sito Web “Artsakhenergo” CJSC (artsakhenergo.am) e sulla pagina Facebook (https://www.facebook.com/ profile.php?id= 100088251438925), nonché da annunci pubblici di TV e radio. Per evitare possibili ulteriori interruzioni, si prega di utilizzare l’elettricità il più parsimoniosamente possibile”, si legge nella dichiarazione dell’azienda elettrica.

(9 gen) SOLDATI INVECE DI ATTIVISTI – Con il brusco calo della temperatura (finita a meno 10) la quasi totalità degli “attivisti” che stanno bloccando il corridoio di Lachin se ne è tornata a casa a Baku. Al loro posto ci rimasti i soldati dell’Azerbaigian in palese violazione dell’accordo del novembre 2020.

(7 gen) CONSIGLIO DI SICUREZZA – Vitaly Balasanyan è stato destituito dalla carica di Segretario del Consiglio di Sicurezza Nazionale e al suo posto è stato nominato Ararat Melkumyan, già Primo vicedirettore del Servizio stesso.

(7 gen) TRASFERIMENTO MALATI  – Tre pazienti, fra i quali un bambino di due mesi, sono stati trasferiti con un convoglio della Croce Rossa Internazionale in strutture specializzate dell’Armenia. Secondo quanto diramato dal ministero della Salute, tredici bambini sono nelle unità di terapia intensiva e neonatale dell’ospedale di Arevik e altrettanti adulti sono nell’unità di terapia intensiva del Republican Medical Center (sei di loro sono in condizioni critiche). I medici stanno facendo del loro meglio per stabilizzare le loro condizioni. Tutte le operazioni chirurgiche programmate continuano a essere sospese.

(6 gen) SPARI CONTRO TRATTORE NEI CAMPI – Nel primo pomeriggio da una postazione azera sono stati sparati colpi contro un agricoltore che stava lavorando nei campi nei pressi del villaggio di Hatsi nella regione di Martuni. L’uomo non è stato ferito ma è stato colpito il trattore.

(6 gen) RICONOSCIMENTO ARTSAKH – L’ombudsman dell’Artsakh, Gegham Stepanyan, ha invitato tutti i Paesi che hanno riconosciuto il genocidio armeno a riconoscere formalmente la repubblica di Artsakh.

(6 gen) NATALE ARMENO – Il presidente della Repubblica dell’Artsakh Arayik Harutyunyan insieme al secondo e terzo presidente Arkadi Ghukasyan e Bako Sahakyan, funzionari delle strutture legislative ed esecutive della repubblica, hanno partecipato alla Divina Liturgia servita dal Primate della Diocesi dell’Artsakh della Chiesa Apostolica Armena Sua Grazia il Vescovo Vrtanes Abrahamyan dedicato alla Santa Natività e Teofania di Gesù Cristo tenutosi nella Cattedrale della Santa Madre di Dio a Stepanakert.

(5 gen) AIUTO INTERNAZIONALE – Fin dal primo giorno del blocco illegale del corridoio di Lachin da parte dell’Azerbaigian, il Ministero degli Affari Esteri dell’Armenia e le istituzioni statali competenti sono costantemente in contatto con varie organizzazioni internazionali per affrontare le questioni derivanti dalla crisi umanitaria nel Nagorno Karabakh (Artsakh). Lo ha annunciato il segretario stampa del ministero, Vahan Hunanyan, in risposta all’osservazione che negli ultimi giorni diversi rappresentanti della società civile stanno sollecitando il governo armeno a rivolgersi al Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite per fornire assistenza agli armeni dell’Artsakh.

(5 gen) APPELLO A COPRESIDENTI MINSK – I membri del parlamento dell’Artsakh (Nagorno Karabakh), guidati dal presidente del parlamento Arthur Tovmasyan, hanno fatto appello ai leader dei paesi copresidenti del gruppo di Minsk dell’OSCE: il presidente russo Vladimir Putin, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente francese Emmanuel Macron affinché prendano concretezza azioni in direzione dell’apertura del Corridoio Lachin o del lancio dell’aeroporto di Stepanakert.

(5 gen) NESSUNA TRATTATIVA – Il ministro di Stato dell’Artsakh, Vardanyan, in una conferenza stampa ha affermato che a oggi non sono in corso trattative per la riapertura della strada. “L’Azerbaigian ha avanzato richieste, abbiamo risposto e annunciato che siamo pronti a ricevere i migliori esperti mondiali nel campo della protezione ambientale, non vediamo un problema in questo; ma non c’è risposta. Ora ci troviamo in una situazione in cui i negoziati non sono condotti”, ha detto. Alla domanda se l’Azerbaigian ha altre richieste oltre al monitoraggio nelle miniere di Artsakh, Vardanyan ha risposto: “Vogliono sorvegliare la strada [Lachin], il che è inaccettabile per noi. Il documento del 9 novembre [, 2020] scrive molto chiaramente che noi deve avere una strada aperta sulla quale possiamo viaggiare liberamente senza chiedere a nessuno il diritto [di farlo].”

(4 gen) ALTRI DUE MALATI TRASFERITI – Due pazienti che erano sottoposti a trattamenti medici specialistici presso l’ospedale di Stepanakert sono stati trasferiti in Armenia con un convoglio della Croce Rossa Internazionale che ha superato il blocco azero.

(3 gen) INTERRUZIONI CORRENTE – In serata in molte regioni dell’Artsakh vi sono state interruzioni di corrente elettrica e conseguenti blackout.

(3 gen) RIUNIONE OPERATIVA – La centrale operativa per la crisi, sotto la presidenza del Ministro di Stato Vardanyan si è riunita per fare il punto sulla situazione dei beni di prima necessità che orami scarseggiano nei negozi. È stato deciso che in modo proporzionale si attingerà a riserve statali che verranno distribuite nei negozi per la vendita. Vardanyan ha sottolineato l’importanza di un contatto diretto con la popolazione e ha invitato tutti i parlamentari a tenere riunioni nei loro distretti elettorali per spigare la situazione.

(1 gen) MESSAGGIO DI FINE ANNO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA – “Cari connazionali, diamo il benvenuto all’anno 2023 in circostanze straordinarie. Oltre alle numerose aggressioni e provocazioni compiute dall’Azerbaigian nei confronti della popolazione civile dell’Artsakh durante tutto l’anno uscente, il 12 dicembre, l’Azerbaigian ha bloccato il corridoio Lachin, l’unica strada che collega l’Artsakh all’Armenia, creando nuove sfide per noi. Sulla strada per superare le varie difficoltà e prove, il nostro popolo è diventato più forte e resistente, riaffermando ancora una volta la sua incrollabile volontà e determinazione di vivere e creare liberamente e indipendentemente sul suolo nativo. Nel corso dei secoli e soprattutto negli ultimi decenni la nostra gente ha ripetutamente affrontato tali difficoltà, ma è riuscita a superare le sfide attraverso una lotta risoluta e consolidata. Pertanto, sono fiducioso che andremo incontro con onore anche a questa crisi.
Cari amici, In questo giorno di festa, voglio ringraziarvi per sostenervi a vicenda e aver accettato con dignità le sfide del momento. Molte delle nostre famiglie si sono separate in questo Capodanno. Voglio scusarmi soprattutto con quei bambini lontani dai genitori, per l’ancora inefficienza dei nostri sforzi per far aprire la strada della vita dell’Artsakh.
Ricordiamo e rendiamo omaggio alla memoria dei devoti della Patria. Il modo migliore per onorare la loro memoria è mantenere l’Artsakh armeno, vivere e lottare in Artsakh. Mi raccomando, vivendo in questo accogliente angolo della Patria e superando eroicamente le difficoltà emergenti, ognuno di noi sta compiendo una missione importante a modo suo per amore dell’esistenza del popolo armeno e del suo futuro.
Voglio esprimere la mia sentita gratitudine alle nostre sorelle e fratelli in Madre Armenia e nella Diaspora, a tutti coloro che sono con noi, al nostro fianco, offrendo sostegno e assistenza all’Artsakh in questi giorni difficili.Pace, prosperità, determinazione, fede e speranza a tutti noi! Felice anno nuovo e buon Natale!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *