Novembre 2020

(30 nov 20) YEREVAN-STEPANAKERT – Il servizio di trasporto pubblico gratuito dalla capitale dell’Armenia a quella dell’Artsakh riprenderà domani dopo una breve sospensione dovuta alle condizioni meteo.

(30 nov 20) RIUNIONE SU SCOMPARSI – Il presidente della repubblica ha tenuto oggi una riunione, Presente anche il gen. Muradov comandante delle forze di pace russe, con i familiari di alcuni soldati scomparsi. Nel corso dell’incontro sono stati ribaditi gli sforzi delle istituzioni armene e internazionali sul tema dei soldati armeni fatti prigionieri o rimasti caduti sul campo di battaglia in territorio ora sotto controllo azero. Purtroppo l’Azerbaigian non dimostra collaborazione al riguardo

(30 nov 20) LETTERA DI SARIKISSIAN A PUTIN – Il presidente dell’Armenia Armen Sarkissian ha indirizzato una lettera al presidente russo Vladimir Putin sulla questione del rimpatrio dei prigionieri di guerra armeni dall’Azerbaigian. La lettera del presidente Sarkissian afferma in particolare che la società armena e la diaspora sono profondamente preoccupate per la situazione relativa a questi soldati e civili armeni nella prigionia azerbaigiana e che la rispettiva mediazione del presidente russo fornirà grande assistenza alla questione del ritorno di questi militari armeni e civili catturati dall’Azerbaigian, così come i corpi delle vittime armene. Corre voce, non confermata, che a Baku stiano preparando una parata “della vittoria” nel corso della quale sfilerebbero i prigionieri armeni.

(30 nov 20) QUASI RISTABILITO IL GEN. HARUTYUNYAN – Il generale Jalal Harutyunyan, già ministro della Difesa e comandante dell’Esercito, rimasto gravemente ferito nel corso della guerra, si è quasi completamente ristabilito e sarà dimesso dall’ospedale nell’arco di due o tre giorni

(30 nov 20) OSPEDALE MILITARE RUSSO – Il contingente di pace russo ha completato l’allestimento a Stepanakert un ospedale militare da campo con disponibilità per quaranta posti. Le autorità russe hanno assicurato che sarà garantita assistenza anche alla popolazione civile.

(29 nov 20) SMINAMENTO – Un gruppo di ingegneri del Servizio di emergenza statale dell’Artsakh effettuerà lavori per neutralizzare le mine inesplose e altri tipi di armi a Stepanakert e nel territorio adiacente al villaggio di Mkhitarashen della regione di Askeran. Lo ha comunicato il Servizio di emergenza statale di Artsakh che al tempo stesso ha avvisato la popolazione di non farsi prendere dal panico se saranno udite esplosioni

(29 nov 20) PASHINYAN SU STALLO NEGOZIATI – Il premier armeno Nikol Pashinyan ha affermato che a partire dal 2018 la questione del Karabakh era in un vicolo cieco, l’unica via d’uscita era la resa dei territori. Secondo lui, nel 2011 a Kazan, l’Armenia era pronta a cedere 7 regioni in cambio di un referendum sullo status provvisorio del Karabakh, ma l’Azerbaigian non era d’accordo e aveva avanzato nuove richieste.

(29 nov 20) MEDICI RUSSI – Più di 60 medici russi dalla Russia sono arrivati a Stepanakert. La prima divisione comprendeva chirurghi militari, anestesisti-rianimatori, terapisti ed epidemiologi.

(29 nov 20) CAMPO FORZE RUSSE – La sistemazione del campo per il dispiegamento a lungo termine del raggruppamento russo e un luogo per l’addestramento tecnico di attrezzature pesanti in Nagorno-Karabakh è stata completata. Il campo prevede anche stazioni di rifornimento, lavaggio, manutenzione e riparazione della flotta dei veicoli impiegati nella missione. Il ministero per le situazioni di emergenza ha osservato che ogni giorno i conducenti sono sottoposti a briefing sulla sicurezza stradale, oltre a una visita medica. Nel campo di soccorso è stato dispiegato un centro medico, dove sono presenti i medicinali necessari e specialisti qualificati per prestare il primo soccorso, nonché l’accoglienza ambulatoriale del personale e, se necessario, della popolazione civile.

(28 nov 20) MUOIONO CIVILI AZERI – Quattro o cinque civili azeri sono morti a seguito dell’esplosione di una mina nei pressi di Fizuli, territorio ora sotto controllo dell’Azerbaigian dopo la guerra. Il veicolo su cui viaggiavano, ignorando i segnali di pericolo, avrebbe attraversato un campo minato.

(28 nov 20) RICOSTRUZIONE – Il Servizio di Stato per le situazioni di emergenza dell’Artsakh comunica che appartamenti e infrastrutture pubbliche e vitali distrutte a seguito della recente guerra sono in fase di restauro. Prima dell’inizio della rispettiva costruzione, i rappresentanti del Servizio, il Ministero russo per le situazioni di emergenza e il Ministero dello sviluppo urbano dell’Artsakh hanno condotto una valutazione dei danni.

(28 nov 20) SAREBBERO 25000 SENZA CASA IN ARTSAKH – Secondo il quotidiano armeno Hraparak le famiglie che hanno perso le loro case a causa della guerra, i cui insediamenti sono passati sotto il controllo del nemico, stanno tornando in Artsakh, a Stepanakert , Askeran e in altri insediamenti dove lo stato affitta appartamenti per loro. Il governo sta inventariando gli appartamenti sfitti e lo Stato trasferisce lì i senza tetto provvedendo al pagamento dell’affitto. Alcuni sfollati rientrati in Artsakh sono stati provvisoriamente ospitati in strutture di fortuna quali centri culturali o asili nido. Sarebbero circa 25000 coloro rimasti senza casa.

(28 nov 20) DISPERSI – L’Ombudsman dell’Artsakh, Artak Beglaryan, nel corso di una conferenza ha illustrato la situazione dei dispersi denunciando come l’Azerbaigian stia deliberatamente rallentando le operazioni di recupero dei cadaveri e consegna prigionieri di guerra. I corpi di oltre 400 militari armeni sono già stati recuperati o scambiati da vari luoghi, tra cui Shushi, Martuni, Karmir Shuka, Mataghis, villaggio Vank di Hadrut. Beglaryan ha anche aggiunto che i parenti dei dispersi dovrebbero fare attenzione nel pubblicare notizie su di loro per non pregiudicare il lavoro di ricerca e soccorso delle autorità.

(28 nov 20) SMENTITA CATTURA SOLDATI ARMENI – La notizia diffusa da alcuni canali Telegram dell’Azerbaigian csecondo la quale nella giornata di ieri stati fatti prigionieri più di dieci militari armeni è disinformazione; un incidente del genere non è avvenuto ieri. Così riferisce oggi l’Infocenter unificato armeno.

(28 nov 20) MINISTRO DI STATO DELLA FRANCIA A YEREVAN – Il governo francese ha studiato l’armistizio del Nagorno Karabakh firmato tra Armenia, Russia e Azerbaigian e ritiene che alcuni punti degli accordi necessitino di ulteriori discussioni secondo il ministro di Stato francese Jean-Baptiste Lemoyne in una conferenza stampa a Yerevan dove è giunto ieri. “Abbiamo studiato l’accordo [di armistizio] e naturalmente ci sono punti che non vengono considerati, che dovrebbero essere affrontati. Questo è già il lato politico. Ciò dovrebbe probabilmente essere fatto nell’ambito della Co-Presidenza del Gruppo di Minsk dell’OSCE. Ieri ho incontrato il ministro degli Esteri armeno Ara Ayvazyan, e oggi ho incontrato il primo ministro armeno Nikol Pashinyan e ho discusso di tutte queste questioni” ha detto Lemoyne.

(28 nov 20) SARKISSIAN A MOSCA – Il presidente dell’Armenia è a Mosca per una visita, definita “privata”, nel corso della quale incontrerà i rappresentanti della folta comunità armena. Nei giorni scorsi si era recato nella capitale russa il presidente dell’Artsakh, Harutyunyan, ma il suo viaggio non era stato comunicato ufficialmente. Pare che anche il premier Pashinyan si stia preparando al medesimo viaggio.

(28 nov 20) DEMARCAZIONE CONFINI – Il ministero degli Affari esteri dell’Armenia afferma che le forze armate di Armenia e Azerbaigian hanno specificato i luoghi effettivi di dispiegamento di avamposti di combattimento al fine di tracciare la linea di contatto. Il ministero degli Esteri ha affermato che la demarcazione del confine di stato è un processo lungo e complesso che viene portato avanti da commissioni interdipartimentali e task force congiunte che si formano tra gli stati, attraverso negoziati intergovernativi, con i cui risultati un documento internazionale viene firmato.

(27 nov 20) CONSEGNA CORPI – L’autorità dell’Artsakh informa che Baku ha consegnato i corpi di cinque soldati armeni caduti ad Hadrut o nei dintorni ma non è chiaro da quale zona esattamente provengano e se vi sono altri soldati morti da recuperare

(27 nov 20) BERDZOR – L’evacuazione dei residenti nei villaggi di Berdzor, Aghavno e Sus della regione di Kashatagh nell’Artsakh è stata interrotta e questi insediamenti rimarranno sotto il controllo armeno, ha detto il capo dell’amministrazione regionale di Kashatagh Mushegh Alaverdyan. Le località si trovano nel corridoio di Lachin. “Senza approfondire, posso dire che gli accordi sono stati modificati, abbiamo ricevuto garanzie di sicurezza. Sotto la mia diretta responsabilità abbiamo interrotto l’evacuazione in questi insediamenti e rimarremo al nostro posto”, ha detto.

(27 nov 20) PRIGIONIERI DI GUERRA – Secondo i media russi, da ieri il Comitato internazionale della Croce Rossa dispone di dati su 150 prigionieri armeni vivi e si sta lavorando per riaverli. Da ieri, sulle piattaforme azere circolano informazioni che nei prossimi giorni si terrà una parata per la vittoria a Baku nel corso della quale verranno mostrati i prigionieri di guerra armeni e equipaggiamento militare armeno. Non vi sono conferme al riguardo. Intanto l’Ombudsman dell’Artsakh denuncia che l’Azerbaigian sta ritardando i tempi di riconsegna dei corpi dei caduti.

(27 nov 20) POSIZIONE DELLA FRANCIA – Parigi non riconosce l’autoproclamata Repubblica dell’Artsakh; lo rileva in una dichiarazione rilasciata dal ministero francese per l’Europa e gli affari esteri. “Il 25 novembre, il Senato [francese] ha approvato una risoluzione che invita le autorità francesi a riconoscere l’autoproclamata Repubblica del Nagorno-Karabakh. Durante il dibattito prima del voto, Jean-Baptiste Lemoyne, Segretario di Stato presso il Ministro per l’Europa e Affari esteri, ha ricordato la posizione del governo francese sulla questione “, ovvero che la Francia non riconosce l’autoproclamata Repubblica del Nagorno Karabakh.

(27 nov 20) SERVIZI GENERALI A STEPANAKERT – La fornitura di elettricità e gas naturale nella capitale dell’Artsakh è stata ripristinata del 95-97% anche con l’aiuto delle forze di pace russe che stanno altresì provvedendo a operazioni di sminamento e messa in sicurezza di terreni ed edifici (compresi due plessi scolastici dove le lezioni riprenderanno a breve)

(26 nov 20) MINIERA D’ORO A SOTK – Questa mattina circa 250 soldati azeri sono entrati nella miniera d’oro di Sotk che sorge proprio a cavallo del confine tra Armenia e regione di Karvachar (ora sotto controllo azero). A difesa del sito vi erano solo sette soldati armeni che hanno contattato l’amministrazione. Trattative in corso. Il governo armeno ha smentito la “invasione” degli azeri nella regione di Vardenis, mentre il capo della comunità locale di Geghamasar, Avetyan, ha riferito che ”sono passati attraverso i cancelli stabiliti e ora si trovano nel territorio della miniera. Gli azeri ci chiedono di liberare il territorio. Ma i negoziati sono in corso ora “. La miniera è di proprietà della GeoPromining Gold di proprietà russa e nei siti specializzati è indicata nel territorio di Vardenis (Armenia). Nello scorso mese di agosto si era registrata una manifestazione di protesta ambientalista da parte degli abitanti della comunità di Sotk (in Armenia) per via dello scarico di residuati di lavorazione nelle acque dei torrenti che poi sfociano nel lago Sevan

(26 nov 20) TRASPORTI A STEPANAKERT – Le autorità comunicano che il servizio di trasporto pubblico è stato ristabilito a Stepanakert

(26 nov 20) SCOMPARSI DUE ARMENO LIBANESI – Due libanesi-armeni, un uomo e una donna, sono scomparsi nell’Artsakh dopo la dichiarazione dell’armistizio secondo l’Alto Commissario per gli affari della diaspora Zareh Sinanyan. “Abbiamo due libanesi-armeni che sono scomparsi. Un uomo e una donna sono scomparsi ad Artsakh dopo il cessate il fuoco. Sono andati lì per prendere le loro cose e ora sono scomparse. Stiamo cercando di scoprire dove si trovano, ma non siamo in grado di trovarli“, ha detto Sinanyan, aggiungendo che persone sconosciute che parlano turco o azero stanno rispondendo ai telefoni cellulari di queste persone scomparse. Uno dei libanese-armeni era rimpatriato dopo l’esplosione del 4 agosto a Beirut e si era stabilito ad Artsakh. La donna rimpatriata è stata temporaneamente ospitata in un hotel a Shushi fino a quando non ha ottenuto una casa. Poi, quando è iniziata la guerra, si è trasferita a Goris in Armenia. Quando la guerra finì, il 10 novembre, accompagnata da un uomo libanese-armeno, sarebbe tornata a Shushi per recuperare i suoi averi. Da allora sono scomparsi. Alle chiamate ai loro numeri di cellulare rispondono persone turche o azere che inizialmente hanno affermato che la donna libanese-armena è tenuta in ostaggio, ma poi ha detto che è stata uccisa. Non ci sono informazioni sull’uomo scomparso. L’Alto Commissario per gli affari della diaspora ha contattato il Servizio di sicurezza nazionale, la Croce Rossa e il Difensore dei diritti umani sulla questione.

(26 nov 20) MATERIALE DA COSTRUZIONE – 300 tonnellate di materiale edile da costruzione sono in arrivo dalla Russia destinate a Stepanakert e Shushi per i primi interventi di riparazione degli edifici dopo i bombardamenti.

(26 nov 20) RITORNO RIFUGIATI – Secondo il ministero della Difesa russo mediamente ogni giorno circa 2000 rifugiati fanno rientro in Artsakh.

(25 nov 20) DICHIARAZIONE MINISTERO ESTERI ARTSAKH – Il Ministero degli Esteri dell’Artsakh ha rilasciato una dichiarazione, salutando la risoluzione adottata dalla Camera alta del parlamento francese, il Senato, sulla necessità di riconoscere la Repubblica dell’Artsakh: ”Esprimiamo profonda gratitudine ai Senatori e a tutti gli individui e le organizzazioni grazie ai cui sforzi l’adozione di questa storica decisione è diventata realtà. È interessante notare che, tra gli altri punti importanti, la risoluzione adottata dal Senato condanna l’aggressione militare azero-turca contro l’Artsakh il 27 settembre, con la partecipazione di mercenari terroristi, e invita le autorità francesi a prendere tutte le misure possibili per garantire il ripristino dei confini definiti dal cessate il fuoco del 1994, che, di fatto, sono stati fissati dall’accordo trilaterale di cessate il fuoco a tempo indeterminato firmato dalla Repubblica di Artsakh, Armenia e Azerbaigian. Sottolineiamo la coraggiosa posizione del Senato francese di invitare il governo a “riconoscere la Repubblica del Nagorno-Karabakh e rendere tale riconoscimento oggetto di negoziati di pace duraturi”. Ci auguriamo che questa decisione del Senato ispiri l’adozione di risoluzioni della stessa natura e potenza, prima di tutto nell’Assemblea nazionale francese, così come in altri paesi del mondo. Annunciamo ancora una volta che, data l’aggressione armata contro l’Artsakh, l’occupazione militare di una parte significativa dei suoi territori, nonché il pubblico diniego dell’Azerbaigian a discutere lo status dell’Artsakh, qualsiasi fattore che ostacoli il riconoscimento dell’indipendenza della Repubblica dell’Artsakh da parte di qualsiasi Stato viene meno atteso che in passato tale decisione era condizionata dalle preoccupazioni di non creare ostacoli alla soluzione pacifica del conflitto Azerbaigian-Karabakh. Siamo convinti che il processo di riconoscimento internazionale della Repubblica dell’Artsakh sia in linea con gli interessi a medio e lungo termine dei paesi copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE, compresa la Federazione Russa. Il riconoscimento internazionale dell’indipendenza della Repubblica dell’Artsakh si basa sui principi di giustizia, uguaglianza dei popoli e fornirà un contributo significativo per garantire maggiore sicurezza, stabilità e prevedibilità nel Caucaso meridionale.

(25 nov 20) SENATO FRANCESE – Il Senato francese con 305 voti a favore e uno contrario ha approvato una mozione che riconosce la repubblica di Artsakh e condanna l’aggressione azera alla stessa. Questo il sunto come riportato sul sito del senato transalpino: “Questa proposta di risoluzione condanna l’aggressione militare dell’Azerbaigian, condotta con il sostegno delle autorità turche e dei mercenari stranieri, e chiede l’immediato ritiro delle forze armate azere e dei loro sostenitori dai territori presi a seguito delle operazioni di guerra condotto dal 27 settembre 2020 nella regione del Nagorno-Karabakh. Invita il Governo a: – fornire massicci aiuti umanitari alle popolazioni civili del Nagorno-Karabakh, chiedendo l’apertura di corridoi umanitari e utilizzando tutti i canali disponibili; – difendere, nell’ambito del Gruppo di Minsk, l’immediata attuazione della protezione delle popolazioni mediante il dispiegamento di una forza di intervento internazionale sotto la sua egida; – chiedere lo svolgimento di un’indagine internazionale sui crimini di guerra commessi nel Nagorno Karabakh, in particolare contro la popolazione civile e attraverso l’uso di armi proibite dal diritto internazionale; – fare tutto il possibile per le discussioni in vista di una soluzione negoziata e duratura del conflitto, garantendo il ripristino dei confini definiti nel 1994, la sicurezza delle popolazioni armene e il diritto al ritorno degli sfollati, nonché la conservazione del patrimonio culturale e religioso armeno per poter riprendere senza indugio nell’ambito del gruppo di Minsk, di cui la Francia è copresidente; – trarre tutte le conseguenze diplomatiche del ruolo svolto dalle autorità turche, e valutare con i suoi partner europei le risposte più ferme e adeguate; – riconoscere la Repubblica del Nagorno-Karabakh e fare di questo riconoscimento uno strumento di negoziati al fine di stabilire una pace duratura.

(25 NOV 20) AZERI TENTANO DI PASSARE IN TERRITORIO ARMENO – Mediaport Telegram Channel riporta quanto segue: “La regista britannica indipendente Emily Gesse, che si trova attualmente in Artsakh, riferisce che gli azeri hanno cercato di passare attraverso i territori sotto il controllo del partito armeno con false divise di militari russi. Uno di loro è stato catturato.”

(25 nov 20) RIENTRO RIFUGIATI – Il processo di ritorno dei profughi in Artsakh continua intensamente. Il ministro dell’amministrazione e dello sviluppo territoriale dell’Artsakh, Jirayr Mirzoyan, che oltre 50mila sono già insediati. “I residenti dell’Artsakh, le cui case sono ora sotto il controllo azero, si sono stabiliti a Stepanakert e in altre regioni“, ha detto il ministro, aggiungendo che i problemi sociali causati dalla guerra vengono gradualmente risolti.

(25 nov 20) PUTIN ED ERDOGAN – Le questioni relative alla creazione di un centro di controllo del cessate il fuoco russo-turco per il Nagorno Karabakh sono state tra gli argomenti discussi oggi al telefono dai presidenti russo e turco Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan

(25 nov 20) STATI UNITI SU TREGUA IN ARTSAKH – Gli accordi sulla completa cessazione delle ostilità nel Nagorno Karabakh, raggiunti dalla dichiarazione firmata dai leader di Russia, Armenia e Azerbaigian, sono attualmente mantenuti e la parte americana accoglie con favore tale sviluppo di eventi. Così dichiara Jonathan Rath Hoffman, Assistente del Il segretario alla Difesa per gli affari pubblici.

(25 nov 20) VILLAGGI SOTTO CONTROLLO ARMENO – I villaggi Charektar e Aknaberd della regione Shahumyan dell’Artsakh rimarranno sotto il controllo delle truppe armene. Questo è ciò che il capo del villaggio di Charektar Kamo Chakanyan ha dichiarato dopo essere appena tornato dal villaggio. I residenti dei villaggi hanno scoperto questa decisione all’ultimo minuto.

(25 nov 20) CEDUTA REGIONE DI KARVACHAR – In ottemperanza all’accordo del 9 novembre, la regione di Karvachar (Kelbajar) è passata oggi sotto controllo azero. L’unico accesso alla stessa è attraverso l’impervio passo Omar, inagibile per buona parte dell’anno in quanto in quota. Il portavoce del Ministero della Difesa della Federazione Russa, il Maggiore Generale Igor Konasenkov, ha detto oggi ai giornalisti che le forze di pace russe stanno supervisionando il trasferimento di Karvachar in Azerbaigian, iniziato alle 00:00.

(24 nov 20) MAYILIAN RICEVE CROCE ROSSA – Il Ministro degli Affari Esteri della Repubblica dell’Artsakh Masis Mayilian ha ricevuto una delegazione del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) guidata dal Sig. Pascal Hundt, Rappresentante Maggiore del CICR. Nell’incontro sono state discusse le questioni relative al ritiro dei corpi dei militari armeni uccisi, il destino dei dispersi e la liberazione di prigionieri di guerra e ostaggi.

(24 nov 20) COLLOQUI TELEFONICI TRILATERALI – Il presidente russo Putin ha avuto nella giornata di ieri e oggi un colloquio telefonico con il premier armeno Pashinyan e il presidente azero Aliyev per illustrare il risultato della visita della delegazione russa a Yerevan e Baku il giorno 21

(24 nov 20) LOCALITA’ SOTTO CONTROLLO AZERO – Sono 121 le comunità dell’Artsakh passate sotto controllo azero. 52 della regione di Kashatagh, 16 della regione di Shahumian, 8 della regione di Askeran, 29 della regione di Hadrut, 2 della regione di Shushi, 6 della regione di Martuni, 8 della regione di Martakert

(24 nov 20) CROCE ROSSA INTERNAZIONALE – I rappresentanti del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) hanno visitato soldati e civili armeni che si trovano attualmente nella prigionia azera. L’Infocentro unificato armeno ha affermato che attualmente le operazioni di ricerca dei dispersi in azione e il recupero dei cadaveri sono in corso grazie alla mediazione delle truppe russe di mantenimento della pace e dei rappresentanti del CICR. Le operazioni di ricerca si svolgono su base giornaliera, coprendo tutte le direzioni del confine dell’Artsakh (Nagorno Karabakh).

(24 nov 20) VILLAGGIO DI CHAREKTAR – Solo nella giornata di domani si saprà se il villaggio (che si trova proprio sulla linea di demarcazione tra la regione di Martakert e quella di Karvachar) finirà sotto controllo azero o meno. Il sindaco della comunità riferisce che le 48 famiglie che vivano lì hanno lasciato il paese, alcune portando via tutto ciò che apparteneva, altre lasciando in loco i propri beni.

(24 nov 20) TURKMENI IN KARABAKH – La Turchia sta aprendo due uffici ad Afrin (Siria) per registrare quei coloni turkmeni che desiderano essere insediati ad Artsakh. Secondo diverse fonti corrispondenti da Afrin, le autorità turche di occupazione hanno recentemente aperto due uffici nel centro della città per ricevere le famiglie di coloni turkmeni che desiderano registrare i loro nomi in preparazione del loro trasferimento nella regione del Karabakh con l’obiettivo del insediamento finale nelle aree recentemente conquistate dall’esercito azero.

(23 nov 20) ESPLOSIONE MINA – L’agenzia russa Ria Novosti informa che a causa dell’esplosione di una mina un ufficiale russo è rimasto ferito ed è stato ricoverato in ospedale ma non in pericolo di vita. Anche alcuni dipendenti del Servizio statale per le situazioni di emergenza dell’Artsakh sono rimasti feriti. Inoltre un militare azerbaigiano è morto.

(23 nov 20) CORTE EUROPEA DEI DIRTTI DELL’UOMO – La Corte europea dei diritti dell’uomo ha stabilito di applicare una procedura urgente per il caso relativo alla protezione dei diritti umani di 14 militari armeni che sono detenuti come prigionieri di guerra dall’Azerbaigian. Le famiglie dei militari armeni prigionieri hanno fatto appello alla CEDU chiedendo misure urgenti per la protezione del diritto alla vita e il diritto ad essere liberi da trattamenti disumani. La CEDU ha chiesto al governo azero di fornire una documentazione dettagliata su quando le truppe sono state catturate, dove sono detenute, le condizioni di detenzione e le questioni mediche. La CEDU ha registrato che il governo azero non ha fornito informazioni affidabili e comprovate entro il termine stabilito. Secondo organizzazioni non governative sarebbero almeno un centinaio i militari armeni detenuti dagli azeri

(23 nov 20) MILITARI SCOMPARSI – Il governo dell’Armenia ha creato una commissione interdipartimentale focalizzata sui militari scomparsi nel corso dei combattimento. Oggi il governo ha avuto un incontro con alcuni dei familiari

(23 nov 20) LA SITUAZIONE A MARTUNI – Il sindaco di Martuni riferisce che sono rientrati circa 1.000 residenti. Prima della guerra i residenti erano 6.200 e questo numero era sceso a 400 durante la guerra, per lo più quelli che sono rimasti per difendere la città. Il 70-80% della città è ora distrutto.

(23 nov 20) HARUTYUNYAN AD ASKERAN – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha presieduto una consultazione di lavoro estesa con i leader della comunità e funzionari responsabili della regione di Askeran. Il Presidente ha accennato alle conseguenze della recente guerra scatenata dall’Azerbaigian, affermando che è necessario ripristinare la vita normale il prima possibile. Ha aggiunto che a tal fine il ministero dello sviluppo urbano prenderà misure operative per riparare gli appartamenti danneggiati dai bombardamenti azeri.

(23 nov 20) SMINAMENTO – L’esercito russo ha inviato genieri per essere coinvolti nelle operazioni di sminamento nel territorio dell’Artsakh. Specialisti, attrezzature, armi e cani guida sono stati portati nella zona per la missione di mantenimento della pace. Sono stati trasportati anche i sistemi di sminamento multiruolo Uran-6.

(22 nov 20) OPERATO L’ARCIVESCOVO MARTIROSYAN – Mons. Hovnan Derderian, primate della diocesi occidentale degli Stati Uniti della Chiesa armena, riferisce che il primate della diocesi di Artsakh, l’arcivescovo Pargev Martirosyan, colpito nei giorni scorsi da un attacco di cuore, è stato operato con successo in uno degli ospedali di Los Angeles.

(22 nov 20) RITORNO RIFUGIATI – Altri 1400 rifugiati in Armenia hanno fatto rientro in Artsakh nella giornata di oggi. 34 bus sono stati scortati dalle forze russe fino a Stepanakert

(22 nov 20) HARUTYUNYAN A YEREVAN – Il presidente della repubblica è a Yerevan dove ha già incontrato il premier Pashinyan per discutere dei progetti di ricostruzione post bellica

(22 nov 20) CORRIDOIO DI LACHIN – La situazione lungo la strada che collega Armenia e Artsakh (attraverso il corridoio di Lachin) è tranquilla. La circolazione di veicoli civili è iniziata a metà della scorsa settimana. Così riferisce un rappresentante della missione di mantenimento della pace.

(22 nov 20) SOLDATI TURCHI – Il ministero della Difesa della Turchia informa che i soldati turchi saranno impegnati nel centro di monitoraggio del cessate il fuoco della Federazione Russa nel Nagorno Karabakh nel corso di un anno. Il ministro della Difesa turco Hulusi Akar ha informato che i soldati turchi si recheranno in Azerbaigian e che la preparazione delle truppe di terra è terminata. L’11 novembre, il presidente Erdogan ha dichiarato che Ankara e Mosca hanno firmato un memorandum sulla creazione di un centro di controllo per il cessate il fuoco in Nagorno-Karabakh e che la Turchia parteciperà “alla missione congiunta di mantenimento della pace”. Prima di questo, il portavoce del presidente della Russia Dmitry Peskov aveva dichiarato che Mosca e Ankara lavoreranno presso il centro di monitoraggio nel territorio dell’Azerbaigian e che “non si è parlato di forze congiunte di mantenimento della pace”. I soldati turchi non saranno ovviamente schierati dentro il territorio armeno ma presumibilmente neppure sul confine lato azero.

(21 nov 20) IL PRESIDENTE VISITA MARTUNI – Il presidente della repubblica si è recato oggi a Martuni per rendersi conto di persona delle distruzioni arrecate dalla guerra e predisporre i primi interventi di restauro e ricostruzione.

(21 nov 20) TRUPPE AZERE LASCIANO SHUSHI – Secondo l’importante quotidiano russo “Izvestiya” le truppe azere hanno lasciato Shushi scortate da forze russe. Non è chiaro se questo significhi un ritiro totale degli azeri dalla città (che potrebbe essere presa in custodia dai russi) oppure un semplice movimento di truppe

(21 nov 20) OMBUDSMAN ARTSAKH SI RIVOLGE ALL’UNICEF – In occasione della Giornata internazionale dell’infanzia, il difensore civico per i diritti umani dell’Artsakh Artak Beglaryan ha inviato venerdì una lettera al direttore esecutivo Henrietta Fore dell’UNICEF. Nella missiva tra l’altro scrive che “i bambini di Artsakh (Nagorno-Karabakh) sono privati ​​dei loro diritti, compreso il diritto intrinseco dei bambini alla vita, il diritto alla salute, il diritto di stare con la famiglia e la comunità, diritto allo sviluppo della personalità e ad essere nutrito e protetto, diritto all’istruzione e altri diritti fondamentali. Sono privati ​​dei loro diritti a causa dell’aggressione lanciata dall’Azerbaigian contro la Repubblica dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh) durata dal 27 settembre al 9 novembre. Durante l’aggressione, l’Azerbaigian ha deliberatamente e indiscriminatamente attaccato gli oggetti civili, gli edifici residenziali e le infrastrutture in circa 170 comunità dell’Artsakh (circa il 70%). Sono stati registrati almeno 50 civili uccisi e 163 feriti, tra cui un bambino ucciso e 9 bambini feriti. I bambini dell’Artsakh sono stati sfollati insieme alle loro famiglie, sfuggendo alla minaccia per la loro vita e salute, e si sono rifugiati in luoghi più sicuri nell’Artsakh e nella Repubblica d’Armenia. Anche le scuole, gli asili e gli ospedali sono stati deliberatamente e indiscriminatamente presi di mira. Secondo i dati preliminari, 71 scuole e 14 asili sono stati danneggiati a seguito dell’aggressione azera in Artsakh, escluse le scuole e gli asili che si trovano nelle comunità attualmente sotto il controllo azero. 23978 scolari e 4036 bambini in età prescolare sono privati ​​del diritto all’istruzione.

(21 nov 20) COMPLETATO 4° RAPPORTO SU ATROCITA’ AZERE – I difensori civici dell’Armenia e dell’Artsakh Arman Tatoyan e Artak Beglaryan hanno terminato il quarto rapporto chiuso sulle atrocità commesse dalle forze armate azere contro armeni e cadaveri di etnia armena catturati nel periodo dal 4 al 18 novembre. Questo rapporto fornisce prove concrete di tutte le atrocità e i crimini di guerra commessi dalle forze armate azere. Tutti questi sono stati commessi solo perché le persone erano di etnia armena. Questi sono il risultato della politica di incitamento all’odio sostenuta dallo stato azero in Azerbaijan. Il rapporto contiene prove e analisi che confermano la politica azera di pulizia etnica e genocidio attraverso metodi terroristici nell’Artsakh. Il rapporto sarà presentato alle autorità internazionali e per la gravità del contenuto è stato deciso di non renderlo pubblico.

(21 nov 20) DISTRUZIONI IN ARTSAKH – Ci sono 284 strutture completamente distrutte in 43 insediamenti del Nagorno-Karabakh. È quanto ha affermato oggi il ministro delle Situazioni di emergenza della Russia Yevgeny Zinichev durante una consultazione tenuta dal presidente Vladimir Putin.

(21 nov 20) SARKISSIAN RICEVE LAVROV – Il presidente dell’Armenia Armen Sarkissian ha ricevuto oggi il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. Accogliendo il ministro russo e la sua delegazione in Armenia, il presidente Sarkissian ha affermato in particolare: “Siete arrivati ​​in Armenia in un momento difficile. È un periodo molto difficile, può essere definito come un periodo di crisi. Ci sono grossi problemi nel settore economico, è una situazione postbellica difficile, i nostri problemi sono anche psicologici, purtroppo c’è anche il coronavirus e tante altre questioni. In generale, la situazione è difficile anche nel campo della politica estera”. Il presidente Sarkissian ha ringraziato innanzitutto Lavrov per quello che sta facendo per l’Armenia, la regione in questi anni. Ha chiesto di trasmettere la gratitudine sua e del popolo armeno al presidente russo per il sostegno fornito in questi giorni difficili. “Non importa dove vivono gli armeni, sanno tutti che se gli sforzi tuoi e di Vladimir Putin non fossero esistiti, oggi avremmo continuato a perdere giovani vite“, ha detto il presidente Sarkissian. “Nei primi giorni della guerra sapevamo che tutti gli sforzi della leadership della Russia, personalmente il presidente, erano diretti a farla cessare. Ancora una volta eravamo convinti che la vera amicizia si vede nei momenti difficili ”.

(21 nov 20) LAVROV: ASPETTATIVE DALL’UNESCO – Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov si aspetta che l’UNESCO sarà più attivo nel preservare i monumenti culturali nel Nagorno Karabakh e nei dintorni di quanto lo sia stato ad Aleppo e Palmyra in Siria. “Ieri ho avuto un colloquio approfondito con il Direttore generale dell’UNESCO, proponendo di occuparsi più attivamente della conservazione del patrimonio culturale e religioso di civiltà nel Nagorno Karabakh e dintorni, che sarebbe un investimento importante per la riconciliazione delle nazioni e l’instaurazione della pace in quella regione. Ci aspettiamo che l’UNESCO mostri più attività lì che in Siria, in primo luogo nel preservare i siti culturali di Aleppo e Palmyra”, ha detto Lavrov ai giornalisti a Yerevan.

(21 nov 20) LAVROV IN ARMENIA – Colloqui ad alto livello del ministro degli esteri russo giunto a Yerevan questa mattina con una folta delegazione. Lavorv ha incontrato il presidente della repubblica, il Primo ministro e il collega agli Esteri. Riguardo alla questione dell’Artsakh, Lavorv ha dichiarato che ritiene inaccettabili i tentativi sia in Armenia che all’estero di mettere in discussione la dichiarazione trilaterale firmata sul conflitto del Nagorno Karabakh, aggiungendo che ciò è stato affermato anche durante gli incontri che si sono tenuti oggi in Armenia. Lavrov ha informato i giornalisti sulla visita della delegazione russa a Yerevan e sull’incontro con la leadership armena, affermando che si sono svolte discussioni approfondite, in particolare hanno parlato delle questioni relative alla completa attuazione della dichiarazione firmata dai leader di Armenia, Russia e Azerbaigian, assicurando l’operazione della missione russa di mantenimento della pace e la conduzione di azioni umanitarie per assistere la popolazione civile. “Tutti hanno accettato che questa dichiarazione fosse l’unico mezzo per risolvere la situazione che era stata molto dura diverse settimane fa. È stato affermato che tutti i tentativi sia all’interno del paese che all’estero di mettere in discussione tale affermazione sono inaccettabili. E abbiamo affermato la nostra determinazione a fare di tutto affinché la dichiarazione continui ad essere in vigore. La leadership dell’Armenia – il Presidente, il Primo Ministro, con il quale ci siamo incontrati, ha affermato che questa dichiarazione ha contribuito a risolvere gravi problemi, a salvare vite umane, e si sono impegnati per l’ulteriore attuazione dell’accordo. “

(21 nov 20) CONDOGLIANZE PER RITA SARGSYAN – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha espresso le condoglianze per la morte di Rita Sargsyan, la moglie del terzo presidente dell’Armenia Serzh Sargsyan. “Rita Sargsyan godeva di un grande amore e rispetto ad Artsakh. Importanti progetti strategici sono stati realizzati in diversi ambiti della nostra Repubblica grazie al suo patrocinio e al suo attivo supporto. Centinaia di bambini sono nati grazie al programma del fondo di sostegno per la salute riproduttiva di Aragil. Stava implementando vari programmi culturali con grande energia, portando il suo inestimabile contributo allo sviluppo della cultura in Artsakh ” ha scritto il presidente su Facebook

(20 nov 20) ATTESA DELEGAZIONE RUSSA IN ARMENIA – Una delegazione governativa russa di alto livello visiterà l’Armenia nella giornata di domani. Secondo notizie non confermate, la delegazione sarà composta dal ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, dal ministro della Difesa Sergey Shoygu, dal vice primo ministro Aleksey Overchuk, dal ministro dell’economia Alexander Novak e dal ministro della sanità Mikhail Murashko.

(20 nov 20) DIMESSO MINISTRO DIFESA – Il ministro della Difesa dell’Armenia, Davit Tononyan, si è dimesso. Al suo posto il Primo ministro Pashinyan ha nominato il suo consigliere Vagharshak Harutyunyan. Si è dimesso anche il ministro del Lavoro Zaruhi Batoyan e al suo posto il premier ha nominato il suo consigliere Mesrop Arakelyan. Anche il ministero della Protezione civile ha un nuovo titolare nella persona del generale Andranik Piloyan. Licenziato da Pashinyan l’ambasciatore Karen Mirzoyan, a suo tempo ministro degli Esteri in Artsakh.

(20 nov 20) AZERI ENTRANO NELLA REGIONE DI AGHDAM – Le forze armate azerbaigiane, come previsto dall’accordo trilaterale del 9 novembre, sono entrate nella regione di Aghdam (Akna) del Nagorno Karabakh. Lo conferma l’agenzia russa TASS, citando il servizio stampa del Ministero della Difesa.

(20 nov 20) LETTERA ALL’UNESCO – Il 19 novembre, il ministro degli Esteri della Repubblica dell’Artsakh Masis Mayilian ha inviato una lettera al direttore generale dell’UNESCO Audrey Azoulay sui fatti di profanazione e atti di vandalismo commessi dalla parte azera contro i monumenti storici, religiosi e culturali armeni. La lettera sottolinea che la negazione sistematica dell’esistenza del patrimonio storico e culturale armeno e la sua distruzione sono da tempo la norma in Azerbaigian e fanno parte della politica statale di inculcare l’odio e la xenofobia nei confronti degli armeni. In connessione con la minaccia di distruzione dei monumenti culturali del patrimonio armeno situati nella Repubblica dell’Artsakh e sotto il controllo dell’Azerbaigian, il ministro Mayilian ha sottolineato la necessità di adottare misure efficaci per conto dell’UNESCO per garantire la protezione del patrimonio storico, culturale e religioso armeno. monumenti e per garantire che l’Azerbaigian adempia ai suoi obblighi di preservare il patrimonio culturale di altri popoli. Due giorni fa Azoulay ha ricevuto i rappresentanti di Armenia e Azerbaigian.

(20 nov 20) RIENTRO RIFUGIATI – Altri 1235 rifugiati sono rientrati in Artasakh dall’Armenia nella sola giornata di ieri. Complessivamente il numero di rientri supera le 4000 unità.

(19 nov 20) CENTRI DI AIUTO UMANITARIO – Per fornire aiuto umanitario in Nagorno Karabakh e risolvere problemi specifici, sono stati istituiti cinque centri aggiuntivi russi come parte del Centro interdipartimentale di risposta umanitaria: il Centro di sminamento, il Centro per la riconciliazione delle parti in guerra, il Centro di supporto ai trasporti, il Centro di supporto medico e il Centro commerciale per la casa.

(19 nov 20) SCAMBIO DI CORPI – Dal 13 novembre le parti armena e azera hanno scambiato i corpi di 385 soldati caduti nel conflitto. A ieri le autorità sanitarie dell’Armenia avevano esaminato 2425 corpi, 1609 dei quali identificati.

(19 nov 20) ACCESSI STRADALI IN ARTSAKH – Le strade interstatali dall’Armenia all’Artsakh sono percorribili. Un anota del Servizio di emergenza di Stepanakert riferisce che “il traffico verso l’Artsakh è consentito sia tramite l’interstatale Vardenis-Sotk-Karvachar che tramite la sezione Goris-Berdzor-Shushi. La sicurezza del traffico da Shushi a Stepanakert è assicurata dalle truppe russe di mantenimento della pace. Solo la popolazione civile può viaggiare su questa strada”.

(19 nov 20) AIUTI DALL’EUROPA – La Commissione europea ha annunciato un ulteriore sostegno umanitario di 3 milioni di euro per garantire assistenza fondamentale ai civili più colpiti dal conflitto nel Nagorno Karabakh e dintorni. Questo finanziamento si aggiunge ai 900.000 euro stanziati dall’inizio di ottobre, quando sono iniziate le ostilità.

(19 nov 20) RIUNIONE CO-PRESIDENTI G. MINSK – Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, i co-presidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE (Igor Popov della Federazione Russa, Stephane Visconti della Francia e Andrew Schofer degli Stati Uniti d’America), il Rappresentante personale del Presidente in esercizio dell’OSCE Andrzej Kasprzyk hanno discusso oggi della situazione nel Nagorno Karabakh.

(18 nov 20) NUOVO MINISTRO ESTERI – Ara Ayvazyan, vice ministro in carica dal 14 ottobre scorso, è stato nominato titolare del dicastero dopo le dimissioni di Mnatsakanyan in polemica con le scelte del premier Pashinyan. Ayvazyan lavora nel ministero dal 1994. In giornata anche il capo del servizio di sorveglianza militare presso il ministero della Difesa armeno, Movses Hakobyan (già ministro della Difesa del’Artsakh) ha presentato una lettera di dimissioni.

(18 nov 20) RICONOSCIMENTI – Si moltiplicano in tutto il mondo le mozioni di riconoscimento dell’Artsakh. Oggi è la volta del Consiglio comunale di Parigi. Il Senato francese voterà nei prossimi giorni una mozione firmata dai rappresentanti delle cinque maggiori forze politiche del Paese.

(18 nov 20) EVACUATI SEI VILLAGGI – Gli abitanti di sei villaggi nella regione di Martakert, alcuni dei quali erano tornati alle loro case dopo il cessate il fuoco, hanno ricevuto oggi un ordine di evacuazione. Si tratta dei villaggi di Hovtashen, Nor Maragha e Nor Aygestan che si trovano a ridosso dell’attuale confine con la regione di Askeran ma che erano fuori dall’area dell’oblast del Nagorno Karabakh; e dei villaggi di Karmiravan, Nor Seysulan e Nor Haykajur che si trovano a nord di Martakert sul bordo nord-orientale probabilmente prossimi alla linea di contatto. Per ora gli abitanti di questi piccoli insediamenti dovranno essere collocati nel capoluogo.

(18 nov 20) RIENTRI A STEPANAKERT – Nella giornata di ieri altri 502 residenti hanno fatto rientro a Stepanakert. Dal 14 novembre sono circa 1700 gli abitanti ritornati alle loro case nella capitale.

(17 nov 20) PUTIN SU SHUSHI – Il presidente della Russia, Putin, ha dichiarato che la questione della cessione di Shushi non era all’ordine del giorno prima del recente conflitto. Ha inoltre dichiarato che la dislocazione del centro di controllo sarà dislocato nel territorio dell’Azerbaigian e saranno utilizzati droni di osservazione per il controllo del territorio e il rispetto del cessate-il-fuoco. Ma il presidente russo ha anche sottolineato come la mancanza del riconoscimento dell’Artsakh anche da parte dell’Armenia nonchè della Russia stessa ha inciso sulla situazione. Putin ha altresì dichiarato che è difficile accusare la Turchia di violare il diritto internazionale in relazione al conflitto del Nagorno-Karabakh.

(17 nov 20) AGGIORNAMENTI – Diplomatici statunitensi e francesi saranno domani a Mosca per discutere gli sviluppi dell’accordo sul Nagorno Karabakh. Il ministro degli Esteri francese, Le Drian, ha dichiarato che vanno rimosse ambiguità sul cessatte-il-fuoco, sui rifugiati, sulla presenza turca nella regione e sullo status dell’Artsakh * Nuove dimissioni nel governo dell’Armenia: oggi si sono dimessi il ministro della Protezione civile (Tsolakyan ) , il vice ministro degli Esteri (Kocharyan) e il consigliere del presidente del l’Assemblea nazionale (Ghoulyan, già presidente del parlamento dell’Arsakh) * Il parlamento olandese ha approvato cinque risoluzioni che condannano l’aggressione turco azera all’Artsakh * Nessuna violazione del cessate il fuoco è stata registrata in giornata

(17 nov 20) RIUNIONE DI GOVERNO – Il presidente Harutyunyan ha convocato una riunione di governo per mettere a punto le prime disposizioni di ricostruzione. Servizi pubblici gratuiti per un anno (acqua, luce, gas, ma anche comunicazioni) entro un certo tetto massimo. Aiuti alle famiglie bisogne e ricostruzione delle case con intervento dello Stato

(17 nov 20) SOLDATI TURCHI IN AZERBAIGIAN – Il parlamento ha approvato l’invio di militari in Azerbaigian per il controllo del cessate-il-fuoco. Nn è chiaro se la missione sia riferita solo al centro di verifica sulla tregua (che dovrebbe essere dislocato nella città di Barda) oppure la Turchia vuole inviare i propri soldati sulla linea di contato dalla parte azera. Ipotesi questa che il presidente russo Putin ha definito inappropriata e che peraltro non è prevista nell’accordo negoziale del 9 novembre.

(17 nov 20) ALIYEV: NESSUNO STATUTO SPECIALE – Il presidente dell’Azerbaigian dichiara che «c’è un solo Azerbaigian, multinazionale e multi-confessionale. Ci sono cittadini dell’Azerbaigian, provenienti da vari popoli e religioni che vivono in pace e in buoni rapporti. Il popolo armeno vivrà nelle stesse condizioni», di fatto negando qualsiasi statuto speciale o autodeterminazione per il restante territorio dell’Artsakh ancora in mano armena

(17 nov 20) CATTURATI DIECI ARMENI – Risulta confermata la notizia che dieci armeni sono stati catturati dagli azeri il giorno 11 (a tregua già in corso) lungo la strada che porta da Goris a Shushi.

(16 nov 20) SARKISSIAN SI RIVOLGE ALLA NAZIONE – Il presidente della repubblica di Armenia, Armen Sarkissian, si è rivolto alla nazione armena chiamando all’unità nazionale e invitando il premier Pashinyan alle dimissioni per favorire un provvisorio governo di unità nazionale che porti il Paese a nuove elezioni.

(16 nov 20) MALORE PER ARCIVESCOVO – L’Arcivescovo Pargev Martirosyan, capo della diocesi Artsakh della Chiesa Apostolica Sacra Armena, ha avuto oggi un attacco di cuore. In seguito ha pubblicato quanto segue sulla sua pagina Facebook: “Cari compatrioti, mi sento bene adesso. Esprimo gratitudine a tutti voi per le vostre telefonate e gentili auguri. Resto con la nazione, l’esercito e la patria in preghiera“.

(16 nov 20) MNATSAKANYAN SI DIMETTE – Il ministro degli Affari esteri dell’Armenia, Zohrab Mnatsakanyan, ha presentato lettera di dimissioni al premier Pashinyan. Si aggrava la crisi politica in Armenia dopo la resa in Artsakh. In giornata Artak Davtyan è stato sollevato dall’incarico di presidente della Commissione industria militare e l’incarico ad interim è stato assunto da Pashinyan. Anche l’ex ministro degli Affari esteri dell’Artsakh e attuale ambasciatore per gli incarichi speciali presso il ministero degli Affari esteri dell’Armenia Karen Mirzoyan si è dimesso. In precedenza, come detto, il ministro degli Affari esteri dell’Armenia Zohrab Mnatsakanyan si era dimesso. Ma prima della notizia delle sue dimissioni, il Ministero degli Affari Esteri dell’Armenia aveva riferito che in nessuna fase la questione della consegna di Shushi all’Azerbaigian era stata considerata, in sostanza, accusando Nikol Pashinyan di mentire. Pashinyan ha immediatamente risposto dichiarando che avrebbe licenziato Zohrab Mnatsakanyan che però nel frattempo si è dimesso con una comunicazione scritta di suo pugno.

(16 nov 20) ACCESSO IN ARTSAKH – Il ministero delle Situazioni di emergenza dell’Armenia informa che il traffico verso l’Artsakh è consentito solo tramite la strada Vardenis-Sotk-Karvachar. AGGIORNAMENTO: l’accesso via Goris sarà consentito da domani 17 novembre a partire dalle ore 10 (locali) completati i lavori di messa in sicurezza della strada

(16 nov 20) RUSSI IN ARTSAKH – “I residenti del Nagorno Karabakh hanno un atteggiamento positivo nei confronti delle forze di pace russe e ripongono grandi speranze nel loro aiuto“, ha detto Aleksey Polyukhovich, vice comandante del contingente di mantenimento della pace russo in Karabakh secondo quanto riferisce l’agenzia RIA Novosti. “La gente del posto ha accolto molto positivamente le nostre truppe di mantenimento della pace. Sperano che con il nostro arrivo, la vita pacifica torni“, ha detto. Secondo lui, la vita normale viene gradualmente ripristinata nella capitale dell’Artsakh Stepanakert.

(15 nov 20) RITIRO POSTICIPATO – Il termine per il ritiro delle forze armene dalla regione del Karvachar di Artsakh è stato prorogato. Secondo alcuni rapporti, la nuova data per il ritiro è fissata al 25 novembre, anziché al 15 novembre.

(15 nov 20) AUMENTA IL NUMERO DELLE VITTIME – Il ministero della Difesa dell’Artsakh ha riferito oggi che altri 51 dei suoi militari sono stati uccisi in azione durante la guerra. Il bilancio totale delle vittime nell’esercito di difesa dell’Artsakh ha raggiunto il 1434. Ieri la portavoce del ministero della Sanità armeno Alina Nikoghosyan aveva dichiarato che il servizio forense aveva esaminato i corpi di 2137 militari uccisi, tra cui anche quelli non identificati.

(15 nov 20) MERCENARI JIHADISTI – Secondo l’Osservatorio dei diritti umani siriano, fonte attendibile, sono 293 i mercenari jihadisti morti nei combattimenti mentre alcune centinaia, numero imprecisato, sono quelli feriti.

(15 nov 20) DADIVANK – Il celebre monastero potrebbe rimanere fuori dal controllo azero secondo recenti mappe che evidenziano il dislocamento dei militari russi di interposizione. AGGIORNAMENTO: Confermati soldati russi giunti al monastero di Dadivank.

(15 nov 20) KARVACHAR – Entro la fine della giornata odierna il territorio della regione di Karvachar (Kelbajar) deve essere riconsegnato agli azeri in virtù dell’accordo trilaterale sottoscritto il nove novembre. Gli abitanti stanno abbandonando la zona; alcuni portano via tutto quello che possono, altri hanno dato fuoco alla propria casa per non lasciarla agli azeri. Si tratta del primo passaggio di territori: il 20 novembre è previsto quello di Aghdam (di fatto disabitato o quasi), il primo dicembre quello di Lachin.

(14 nov 20) RITORNO A CASA – Un primo gruppo di cittadini residenti a Stepanakert e Martuni sta facendo ritorno a casa. I primi undici autobus (della municipalità della capitale armena) sono partiti da Yerevan dove gli sfollati erano ricoverati in strutture alberghiere

(14 nov 20) ACCORDO RISPETTATO – L’accordo di cessate il fuoco nel Nagorno Karabakh è pienamente rispettato per il comandante delle forze di pace nel Nagorno Karabakh Rustam Muradov il quale ha dichiarato che “l’importante è che le operazioni militari vengano fermate, oggi non si sentono sparatorie, la situazione si stabilizza gradualmente“.

(14 nov 20) INCERTEZZA SUL NUMERO DEI CADUTI – In risposta a un post su Facebook Mikayel Minasyan (ex ambasciatore presso la S. Sede) secondo cui la parte armena avrebbe avuto 4.750 vittime durante l’ultima guerra dell’Artsakh, Alina Nikoghosyan, portavoce del Ministero della Salute dell’Armenia segnala che “ad oggi, il nostro servizio medico legale ha esaminato i cadaveri di 2.317 militari caduti, tra i quali ci sono anche quelli non riconosciuti. Il processo di scambio dei cadaveri dei militari caduti lasciati all’avversario è appena iniziato, e le parti in conflitto non possono conoscere il numero finale in questo momento, finché queste azioni sono in corso “.

(13 nov 20) LA STRADA PER VARDENIS RIMANE APERTA? – Il presidente della repubblica Harutyunyan annuncia che la strada Martakert-Karvachar-Vardenis continuerà a essere sotto il controllo delle forze armene per molto tempo a venire. Il presidente al termine di una riunione di lavoro ha informato che devono essere prese misure urgenti per tornare a normali condizioni di vita e assicura che i cittadini che hanno perso le loro cause a causa della guerra si stabiliranno principalmente nella capitale Stepanakert, così come in altri insediamenti della Repubblica ma saranno temporaneamente ospitati in hotel e appartamenti affittati dallo Stato.

(13 nov 20) CADUTI IN GUERRA – Il Ministero della Difesa dell’Artsakh ha rilasciato i nomi di altre 44 soldati uccisi in azione durante la guerra, portando il bilancio delle vittime a 1383.

(13 nov 20) HARUTYUNYAN INCONTRA FORZE POLITICHE – Oggi il presidente della repubblica ha incontrato le forze politiche dell’Assemblea nazionale della Repubblica di Artsakh con le quali ha discusso l’attuale situazione politico-militare sul campo e le disposizioni della dichiarazione trilaterale. Harutyunyan ha dichiarato su Facebook di aver fatto anche lui appello al Premier dell’Armenia per la cessazione delle ostilità in quanto la situazione militare stava peggiorando e era evidente il rischio della caduta anche di Stepanakert.

(13 nov 20) INCONTRO HARUTYUNYAN CON MURADOV – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha ricevuto il comandante del contingente russo di mantenimento della pace, il tenente generale Rustam Muradov con il quale ha avuto uno scambio di opinioni su questioni concrete relative all’attuazione della missione responsabile da parte del contingente di peace keeping.

(13 nov 20) ESODO DA KARVACHAR – La popolazione armena rimasta nella regione sta lasciando il territorio che fra tre giorni entrerà sotto controllo azero. Alcuni abitanti portano via i beni che possono, altri bruciano la propria casa per non lasciarla al nemico. Si smontano e si portano via i monumenti armeni. Incerta la sorte del monastero di Dadivank che, forse, potrebbe rimanere sotto controllo armeno a giudicare da alcune mappe che evidenziano il dislocamento dei soldati russi sulla linea di contatto.

(13 nov 20) SOLDATI RUSSI – Un primo contingente di soldati russi impegnati nella missione di peace keeping è giunto a Stepanakert. L’Azerbaigian ha chiesto che vengano dislocati rapidamente anche lungo la strada per Shushi, segno che le vie di accesso alla città sono sotto territorio armeno e l’unica possibilità di accedervi è percorrere strade non carrabili di montagna. Questa richiesta alimenta inoltre i dubbi sul fatto che l’esercito azero abbia effettivamente conquistato la città e non piuttosto che la stessa sia stata ceduta per l’accordo trilaterale.

(12 nov 20) DICHIARAZIONE MINISTRO ESTERI ARMENIA – Il ministro degli Esteri armeno Zohrab Mnatsakanyan ha avuto colloqui telefonici con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian e il vice segretario di Stato americano Stephen Biegun. Gli interlocutori hanno avuto uno scambio di opinioni sulla situazione in seguito alla dichiarazione del 10 novembre del Primo Ministro dell’Armenia, dei Presidenti di Russia e Azerbaigian. Il ministro Mnatsakanyan ha sottolineato che la dichiarazione citata riguarda l’istituzione del cessate il fuoco e lo spiegamento delle forze di pace in Artsakh e non può essere valutata come una soluzione globale al conflitto del Nagorno Karabakh. Il ministro armeno e gli alti rappresentanti dei Paesi copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE hanno anche fatto riferimento al ruolo centrale della Turchia nella preparazione, nell’incitamento e nella realizzazione della guerra dell’Azerbaigian contro Artsakh, che si è manifestato sia con il coinvolgimento diretto nelle operazioni militari sia con l’invio di terroristi stranieri nella zona del conflitto. Mnatsakanyan ha chiaramente sottolineato che qualsiasi ruolo della Turchia nella missione di pace deve essere escluso, nonostante i tentativi di quel Paese. Il ministro degli Esteri armeno ha espresso profonda preoccupazione per il destino del patrimonio culturale armeno nei territori che sono apparsi sotto il controllo dell’Azerbaigian. Mnatsakanyan ha sottolineato che la comunità internazionale è ben consapevole del trattamento barbaro dell’Azerbaigian nei confronti del patrimonio culturale armeno, a seguito del quale numerosi pezzi del patrimonio armeno sono stati distrutti a Nakhichevan, in Azerbaigian e ad Artsakh durante la prima guerra di Artsakh. Gli Interlocutori hanno sottolineato l’importanza della continuazione del formato dei copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE come l’unico formato autorizzato a livello internazionale. Mnatsakanyan ha sottolineato che qualsiasi questione relativa al processo di pace nel Nagorno Karabakh dovrebbe essere discussa esclusivamente a margine della copresidenza del Gruppo di Minsk dell’OSCE. Mnatsakanyan ha sottolineato lo status di Artsakh e la piena garanzia della sicurezza del popolo di Artsakh come priorità.

(12 nov 20) RESIDENTI DI HADRUT – Un gruppo di residenti della città di Hadrut ha manifestato oggi a Yerevan chiedendo che la città, per la sua storia passata e recente, rimanga in territorio armeno e non venga annessa all’Azerbaigian.

(12 nov 20) CONFERENZA STAMPA DI LAVROV – Durante la conferenza stampa di oggi, il ministro degli Affari esteri della Federazione russa Sergey Lavrov ha affermato che il governo armeno comprende di essere pienamente responsabile e di aver firmato in base al documento, sulla base degli interessi del suo popolo. “Sì, vediamo le manifestazioni che si svolgono a Yerevan e come l’opposizione stia cercando di speculare durante questa situazione. Indubbiamente, ci sono persone sincere che sono offese dal modo in cui tutto è finito in questa fase, ma non dovrebbero esserci illusioni che le 7 regioni intorno al Nagorno-Karabakh sarebbero rimaste com’erano. Credo che le autorità responsabili abbiano dovuto spiegare alla popolazione che sarebbe stato necessario regolare la situazione in una certa fase sulla base dei principi che, come ho già detto, sono sul tavolo da anni. A mio parere, questo era un percorso ideale per risolvere il conflitto senza spargimenti di sangue e senza causare danni alla sicurezza degli armeni del Nagorno Karabakh e di altre minoranze etniche che vivono in Nagorno Karabakh. Ovviamente, lo sblocco di tutti i trasporti e le comunicazioni economiche deve svolgere un ruolo enorme e positivo nell’economia dell’Armenia. Secondo l’accordo già entrato in vigore, questi legami vengono ripristinati. Sono certo che se rispettiamo tutti gli accordi, tutti si troveranno in una posizione favorevole “.

(12 nov 20) INCONTRO PASHIYAN E SARKISSIAN – Il Primo ministro dell’Armenia, Pashinyan, ha incontrato oggi il presidente della repubblica Sarkissian per discutere la situazione politica. Sarkissian ieri aveva dichiarato di aver letto dell’accordo trilaterale sulle agenzie di stampa e di non essere stato consultato per tempo neppure a titolo informativo

(11 nov 20) NOTA FARNESINA – “L’Italia accoglie con sollievo il cessate il fuoco in Nagorno Karabakh raggiunto attraverso la firma di una dichiarazione tripartita tra Azerbaigian, Armenia e Federazione Russa e ne auspica il pieno rispetto. Prendiamo inoltre atto delle altre intese raggiunte dalle parti con l’auspicio che possano creare le premesse per una stabilizzazione e pacificazione sostenibili in tutta l’area. A riguardo l’Italia sottolinea l’importanza del rispetto dell’identità di ogni comunità e del pluralismo culturale e religioso dell’area, quale premessa necessaria per una riconciliazione intra-regionale. L’Italia, anche in quanto membro del Gruppo di Minsk, garantirà ogni sostegno ai co-Chair in vista del consolidamento del cessate il fuoco, premessa indispensabile per una soluzione duratura del conflitto. L’Italia darà il suo contributo, anche nell’ambito dell’UE, alla stabilizzazione e alla crescita della regione che rappresenta, tra l’altro, un importante snodo di connettività e di approvvigionamento energetico per l’Europa e per il nostro Paese. “In una successiva nota si legge che: “In risposta all’emergenza umanitaria provocata dall’escalation di ostilità nella regione del Nagorno-Karabakh, la Cooperazione Italiana, su impulso della Vice Ministra agli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale Emanuela Del Re, ha disposto un contributo finanziario di 500.000 euro a favore del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR). Grazie al contributo italiano, il CICR potrà rafforzare le proprie attività di fornitura di servizi umanitari essenziali, quali cibo ed alloggi, agli oltre 75.000 sfollati colpiti dal conflitto, in ambo le parti della linea di contatto ed in collaborazione sia con la Croce Rossa Armena, che con la Mezzaluna Rossa azerbaigiana.”

(11 nov 20) MANIFESTAZIONE DI PROTESTA A YEREVAN – Imponente manifestazione in piazza della libertà a Yerevan chiede le dimissioni di Pashinyan. Ci sono stati arresti per violazione della legge marziale che impedisce le manifestazioni e gli scioperi. La manifestazione è stata organizzata da 17 partiti politici fra i quali il Partito Repubblicano dell’Armenia, il Partito Armenia Prospera e l’ARF.

(11 nov 20) DISPIEGAMENTO CASCHI BLU RUSSI – Secondo quanto riferisce la Tass, le forze di pace russe inviate per osservare l’armistizio in Nagorno Karabakh si stanno spostando alle loro posizioni. Le colonne militari dovranno percorrere più di 250 chilometri e dispiegare un contingente di mantenimento della pace con il dispiegamento di posti di osservazione russi lungo la linea di contatto in Nagorno-Karabakh e lungo il corridoio di Lachin.Già 400 caschi blu russi, appartenenti alla 15ma brigata risultano atterrati in Armenia. Nella giornata odierna il ministro della Difesa Tonoyan ha tenuto una riunione di lavoro con il generale Muradov comandante delle forze russe di interposizione.

(10 nov 20) CONVERSAZIONE PUTIN ERDOGAN – Su iniziativa della parte turca il presidente russo Vladimir Putin ha tenuto una conversazione telefonica con il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan, durante la quale le parti hanno fatto riferimento all’adozione della dichiarazione sulla fine della guerra in Nagorno Karabakh da parte del primo ministro armeno Nikol Pashinyan e del presidente della Azerbaigian Ilahm Aliyev.

(10 nov 20) CENTRO CONTROLLO RUSSO TURCO – La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, afferma che il ruolo di Ankara nelle operazioni di mantenimento della pace in Nagorno-Karabakh sarà limitato nell’ambito del nuovo centro di controllo del cessate il fuoco russo-turco e non sarà direttamente collegato alle operazioni di mantenimento della pace. Zakharova ha aggiunto che il centro sarebbe stato installato nel territorio dell’Azerbaigian che non è adiacente al Nagorno-Karabakh.

(10 nov 20) SE NECESSARIO IL GOVERNO SI DIMETTERA’ -Il vice primo ministro dell’Armenia Tigran Avinyan ha dichiarato alla tv pubblica che le autorità fermeranno con fermezza qualsiasi tentativo di colpo di stato, ma ha sottolineato che, se necessario, le autorità lasceranno e si formerà un nuovo governo.

(10 nov 20) LE MOTIVAZIONI DELL’ACCORDO – Il vice primo ministro dell’Armenia Tigran Avinyan ha riferito che il primo ministro Pashinyan ha firmato la dichiarazione sulla fine della guerra nel Nagorno Karabakh sulla base delle discussioni con il capo di stato maggiore delle forze armate, ministro della difesa, capi di altri organi in carica, considerando i rischi e minacce di sviluppi futuri. ”La dichiarazione concordata tra il Primo ministro armeno e i presidenti di Russia e Azerbaigian è stata firmata per una semplice ragione e non mi riferirò ai nostri problemi militari e diplomatici degli ultimi 30 anni per descrivere quella ragione. Inizierò dal punto in cui è iniziata la guerra. Il 27 settembre, quando il nemico ha iniziato a bombardare l’intera linea del fronte, la legge marziale è stata dichiarata in Armenia e il Primo Ministro ha chiaramente registrato in parlamento che gli viene offerta un’opzione sulla base dei documenti dei precedenti negoziati: il ritorno di 7 regioni senza precondizioni. Penso che quella proposta sia stata smentita dalle tre fazioni parlamentari. Abbiamo scelto la via della guerra. il modo per combattere con dignità. E voglio registrare che durante i 40 e più giorni in cui l’esercito armeno ha combattuto eroicamente contro forze sproporzionate e incomparabili. Non c’era un luogo in prima linea con una situazione relativamente calma, non c’era un territorio di 100 metri quadrati che non fosse stato bombardato”, ha detto Avinyan. Secondo lui, la situazione ha portato gradualmente a un punto in cui Stepanakert era già a rischio, il che avrebbe portato ad altri problemi in altre parti del fronte. Questa è stata una decisione dolorosa e forzata per il Primo Ministro. “Dobbiamo capire che non era solo l’Azerbaigian a resistere all’esercito armeno. È stato il personale di comando turco, sono stati i terroristi e gli innumerevoli veicoli armati che sono caduti sull’Artsakh”, ha aggiunto Avinyan.

(10 nov 20) MINISTRO DIFESA SU SHUSHI – Le operazioni svolte intorno a Shushi erano dinamiche, ma i cambiamenti avvenivano rapidamente. Questo è quanto ha affermato il ministro della Difesa dell’Armenia Davit Tonoyan in un’intervista alla televisione pubblica armena. “Ci sono stati bombardamenti intensivi per 24 ore. La città di Shushi fu assediata e circondata, ma l’eroica battaglia continuò. Dopo un po ‘eravamo in vantaggio. Le nostre forze erano a Shushi l’ultimo giorno, ma la presenza di quelle forze non significava che fossero influenti in Shushi in termini di ripristino del controllo“, ha detto.

(10 nov 20) PROTESTE – Diciassette forze politiche hanno convocato per domani alle 13 una manifestazione di protesta in piazza della libertà a Yerevan. Nel frattempo il presidente dell’Armenia, Armen Sarkissian, comunica pubblicamente di non essere stato informato dal governo della firma dell’accordo trilaterale con Russia e Azerbaigian.

(10 nov 20) HARUTYUNIYAN – Il presidente della repubblica ha invitato le forze politiche armene, parlamentari ed extraparlamentari, a recarsi domani a Stepanakert per discutere la situazione e stilare una nuova agenza di lavoro.

(10 nov 20) 1302 I SOLDATI MORTI – Il numero dei soldati armeni caduti in battaglia è di 1302. Lo comunica il ministero della difesa. Ieri altri 81 nomi si sono aggiunti alla lista

(10 nov 20) KAREKIN II SI RIVOLGE ALLA NAZIONE – Sua Santità Karekin II, Patriarca supremo e Catholicos di tutti gli armeni, si è rivolto alla nazione. Nel suo discorso il Catholicos di tutti gli armeni ha affermato che “il nostro comportamento non deve mai mettere in pericolo la vita dei soldati che continuano coraggiosamente il loro servizio in prima linea“. “C’è una preghiera nei nostri cuori per la nostra saggezza e unità nazionale. Con la comprensione delle lezioni della nostra storia secolare e la necessità di proteggere l’unità nazionale, chiediamo di mantenere la calma e di non cedere a inutili dimostrazioni di emozioni che ci perseguitano, ad astenerci dalla violenza e dai disordini. L’attuale crisi dovrebbe trovare soluzione grazie agli sforzi congiunti delle forze politico-militari dell’Armenia e dell’Artsakh”, ha affermato, aggiungendo che dovrebbero esserci solidarietà e stabilità per poter trovare insieme soluzioni. “Chiediamo ai dirigenti di Armenia e Artsakh di presentare immediatamente spiegazioni ben fondate e sufficienti alla nostra gente sulle decisioni prese e sul loro impatto sul futuro del nostro Paese. Ci inchiniamo davanti allo spirito vittorioso dei difensori della nostra Patria”, ha detto Sua Santità Karekin II nel suo discorso.

(10 nov 20) PASHINYAN MOTIVA L’ACCORDO – L’esercito armeno e la leadership politica dell’Artsakh hanno definito un chiaro mandato di fermare immediatamente la guerra, ha detto il primo ministro Nikol Pashinyan, spiegando le ragioni alla base della firma dell’armistizio con l’Azerbaigian con la mediazione russa. “In precedenza ho detto di aver preso questa decisione dopo che i militari hanno insistito continuamente sulla necessità di fare questo passo“, ha detto, aggiungendo che c’erano alcuni problemi che non era più possibile risolvere. “Ad esempio, abbiamo affrontato casi in cui un reggimento doveva essere trasportato per scopi di combattimento, ma i residenti di un determinato insediamento avevano bloccato i cancelli della base militare e non hanno permesso ai veicoli di uscire. Abbiamo avuto dozzine di casi come questo. Di conseguenza, c’era un problema nel portare l’attrezzatura in prima linea. In molti casi è stato effettuato un intervento rigoroso, mentre in alcuni casi semplicemente non c’era la possibilità perché gli agenti di polizia erano in servizio in prima linea. Ciò ha causato gravi, gravi conseguenze“, ha detto Pashinyan. Il Primo Ministro ha anche sottolineato i problemi nel sistema di mobilitazione militare, sottolineando che i cittadini arruolati in servizio attivo per integrare l’esercito regolare non sempre hanno la necessaria prontezza al combattimento. “Questo non significa in alcun modo che tutti i [richiamati] fossero nelle stesse condizioni. Abbiamo avuto persone che hanno combattuto eroicamente. In ogni caso, abbiamo anche dovuto affrontare alcuni problemi di abbandono che non siamo riusciti a risolvere. Quando l’intera risorsa coinvolta non era efficace abbiamo avuto problemi, molto spesso chi ha combattuto bene non aveva nessuno che le sostituisse“, ha detto, aggiungendo che c’erano militari che prestavano servizio in combattimento per un mese ininterrottamente senza turni di sostituzione .“Tutto questo ha creato seri problemi al punto che il nostro esercito, la leadership politica dell’Artsakh, ha stabilito chiaramente che era necessario fermare immediatamente la guerra, altrimenti le conseguenze sarebbero state molto peggiori. Questa è stata una decisione estremamente difficile e difficile. Ci ha fatto arrabbiare anche, ma eravamo in una situazione in cui non c’erano alternative” ha detto. Parlando del motivo per cui una tregua non è stata firmata alle stesse condizioni il 27 settembre – il giorno in cui è iniziata la guerra – il primo ministro ha detto che le condizioni erano le stesse allora. “Poteva essere adottata a condizione di cedere i 7 territori a voi e a noi noti. Non potevamo fare quel passo perché credevamo che l’esercito dell’Artsakh, il popolo armeno, sarebbe stato in grado di consentirci di imporre il cessate il fuoco piuttosto che per noi essere interessati a un cessate il fuoco, che, purtroppo, non è avvenuto. Non potevamo pensare che la resa dei territori fosse il modo giusto per ottenere un cessate il fuoco. Verrà posta una domanda, in quel caso perché abbiamo comunque deciso di fare quel passo, per un semplice motivo: dopo aver ascoltato i briefing dei militari ci è diventato chiaro che le conseguenze di una continuazione sarebbero state molto più gravi. Per quanto difficile possa essere, in questo momento tutto questo doveva semplicemente finire” ha detto.

(10 nov 20) MESSAGGIO DEL PRESIDENTE HARUTYUNYAN – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan si è rivolto oggi alla nazione, presentando ciò che è servito come base per prendere la decisione di fermare la guerra. Ha ricordato che la mattina dell’8 novembre ha pubblicato una foto dalla piazza Stepanakert e ha dichiarato che è stato uno dei momenti più difficili della sua vita. “Perché l’ho annunciato senza aprire le parentesi? Perché il 7 novembre abbiamo perso completamente il controllo sulla città di Shushi. Oggi voglio annunciare che forse ho avuto la notte più difficile della mia vita, nel caso in cui ho vissuto molti giorni difficili perdendo molti amici nel 1992-1994, la cui ultima parola è stata nelle mie mani. Ma sono riuscito a trovare una forza, concentrarmi e prendere decisioni. Ma la decisione, che è stata presa ieri, non so quale valutazione darà la storia, ma abbiamo dovuto“, ha detto il presidente dell’Artsakh. Ha spiegato perché: “Durante le operazioni militari che sono durate 43 giorni abbiamo perso la regione di Fisuli, Jabrayil, Ghubatlu, Zangelan, principalmente la regione di Hadrut, una parte dalla regione di Martuni, la regione di Askeran e soprattutto Shushi. Le battaglie si stavano svolgendo alla periferia di Stepanakert, a 2-3 km di distanza. Se le operazioni militari fossero continuate a questo ritmo, avremmo perso l’intero Artsakh entro pochi giorni, avremmo molte più perdite”, ha detto il presidente. Ha detto che per diversi giorni sembrava che la parte armena fosse riuscita a difendersi dai droni, ma negli ultimi due giorni l’avversario ha applicato nuove tecnologie, nuovi droni e ha causato molti più danni alle truppe armene. “Sicuramente, non abbiamo combattuto solo contro l’Azerbaigian. Non solo il personale o l’equipaggiamento degli ufficiali turchi, ma anche i militari turchi, nonché i terroristi e i mercenari hanno partecipato alle operazioni militari”, ha detto. “Ma tutto è avanti. Artsakh, Armenia, il popolo armeno hanno vissuto molti giorni difficili nel corso della storia, ma sono riusciti ad andare avanti nel modo giusto prendendo decisioni intelligenti in futuro e registrando il successo. E chi ha detto che è tutto finito? Tutto è appena iniziato. Avremo l’opportunità di prendere una decisione più calma, ma per questo abbiamo bisogno innanzitutto di solidarietà in Armenia, nell’Artsakh e all’interno del popolo armeno. Abbiamo un sogno, una patria sognata, quindi dobbiamo mantenere la solidarietà e astenerci da fenomeni che non sono tipici del popolo armeno. Abbiamo l’opportunità di prendere decisioni civili, di tenere discussioni. Tutto sta ancora iniziando, non voglio aprire le parentesi, tutto, non siamo stati sconfitti, tutto è avanti, dovremmo pensare, ripensare e valutare, e ancora prendere decisioni“, ha detto il presidente di Artsakh.

(10 nov 20) ORE DRAMMATICHE IN ARMENIA – L’annuncio di un accordo che ha condizioni terribili per la repubblica di Artsakh ha determinato immediate proteste di piazza in Armenia. Decine di manifestanti hanno occupato il parlamento e la sede del Primo ministro (che secondo alcune voci, poi smentite, si trovava all’estero). Ferito nei tafferugli il presidente dell’Assemblea nazionale Ararat Mirzoyan portato in ospedale. Forze politiche (di opposizione) incontrano generali dell’Esercito. Vengono chieste le dimissioni di Pashinyan. Sull’accordo c’è il cappello della Russia che già sta schierando i soldati come forza di peace keeping. Difficilmente, a questo punto, l’Armenia potrà tirarsi indietro.

(9 nov 20) PASHINYAN ANNUNCIA LA FINE DELLA GUERRA – Il premier armeno annuncia di aver firmato una dichiarazione congiunta con Russia e Azerbaigian per la fine della guerra alle ore 1 locali (le 22 in Italia). Questo il messaggio del premier armeno: “Cari compatrioti, sorelle e fratelli, ho preso una decisione difficile, estremamente difficile per me personalmente e per tutti noi. Ho firmato una dichiarazione con i Presidenti di Russia e Azerbaigian sulla fine della guerra a partire dall’01: 00. Il testo della dichiarazione che è già stato pubblicato è estremamente doloroso per me personalmente e per il nostro popolo. Ho fatto quella discussione sulla base di un’analisi approfondita della situazione militare e delle valutazioni degli individui che meglio comprendevano quella situazione, anche sulla base della convinzione che nella situazione esistente questo fosse il miglior risultato POSSIBILE. Mi rivolgerò alla nazione nei prossimi giorni riguardo a tutto questo. Questa non è una vittoria, ma non c’è sconfitta fino a quando non ti consideri sconfitto. Non ci considereremo mai sconfitti e questo deve diventare il punto di partenza della nostra unità nazionale, era di rinascita. Dobbiamo analizzare gli anni della nostra indipendenza, pianificare il nostro futuro per non ripetere i nostri errori del passato. Mi inginocchio davanti a tutti i nostri martiri. Mi inginocchio davanti a tutti i nostri soldati, ufficiali, generali e volontari che hanno difeso e difeso la loro Patria sacrificando le loro vite. Hanno salvato gli armeni dell’Artsakh con il loro altruismo. Abbiamo lottato fino all’ultimo e vinceremo. Artsakh è in piedi. Lunga vita all’Armenia, lunga vita all’Artsakh ”.

(9 nov 20) CONFERENZA STAMPA SERALE – La consueta conferenza stampa serale non è stata tenuta dal portavoce del Comando difesa dell’Armenia, Hovhannisyan, indisposto, ma da quello dell’Artsakh Suren Sanumyan. Negli ultimi due-tre giorni gli azeri hanno concentrato tutte le loro forze su Shushi che gli armeni hanno difeso e stanno difendendo. Nella giornata odierna il nemico ha nuovamente tentato un attacco su Shushi ma è stato scoperto ed è stato sottoposto a fuoco di sbarramento. Le unità armene hanno migliorato le loro posizioni e catturato anche due soldati nemici. Le ostilità nel settore continuano e si potrà dare un risultato finale dei combattimenti solo alla fine degli stessi. Sanumyan ha ribadito che le operazioni richiedono spesso segretezza militare e pertanto è necessario seguire soltanto le informazioni ufficiali. Alcuni gruppi di sabotatori sono riusciti a infiltrarsi nella città e a scattare qualche foto con la bandiera salvo poi essere costretti alla fuga o eliminati.

(9 nov 20) AGGIORNAMENTI – Il premier armeno Pashinyan sui social ha informato che la battaglia di Shushi è ancora in corso. Risulta neutralizzato un attacco nemico nei pressi di Karin Tak (sotto Shushi) con molte perdite azere. Il nemico ha tentato affondi in direzione Martakert, Martuni e Taghavard ma senza successo. Nelle ore centrali della giornata risultano abbattuti altre tre droni azeri.

(9 nov 20) MESSAGGIO DEL PRESIDENTE – Il presidente della repubblica si è rivolto alla nazione con un messaggio nel quale rassicura sul controllo della situazione da parte delle forze di difesa. “Cari compatrioti, i combattimenti continuano in tutta repubblica. L’Esercito di Difesa e i volontari sono saldamente sul suolo patrio e combattono contro il nemico fino alla fine. La nostra lotta unita può cambiare la situazione, possiamo cacciare via il nemico dal nostro Artsakh perchè il risultato della guerra è determinato dalla forte volontà del popolo. Gli armeni possono ancora dimostrare questa volontà e questa determinazione. Ognuno di noi deve essere forte nelle sue posizioni e sarà garantito un risultato positivo. Io ci credo.”

(9 nov 20) QUARANTAQUATTRESIMO GIORNO DI GUERRA – Nella notte intense battaglie difensive nelle direzioni Sud-est, Sud e Sud-ovest della linea del fronte. Tra Shushi e Karin Tak ci sono stati violenti combattimenti contro gruppi azeri, a seguito dei quali questi ultimi, con enormi perdite, si sono ritirati. In mattinata Stepanakert nuovamente colpita da cluster bomb che hanno bersagliato il centro

(8 nov 20) SERVIZIO SICUREZZA NAZ. ARMENIA – Armen Abazyan, già vicedirettore, è stato nominato Direttore del Servizio di sicurezza nazionale dell’Armenia. Prende il posto di Mikayel Hambardzumyan che era stato nominato un mese fa.

(8 nov 20) QUARANTATREESINMO GIORNO DI GUERRA – Nella notte si è svolto il combattimento più feroce nelle vicinanze di Shushi e nel settore sud-orientale. Un gran numero di nemici, insieme a 4 carri armati, 20 altri veicoli corazzati, altri 11 veicoli 2 droni sono stati distrutti. Sempre durante la notte Stepanakert è statasistematico bersaglio di bombardamenti nemici. Ci sono stati otto attacchi missilistici a lungo raggio nei quartieri residenziali nelle infrastrutture della comunità. Secondo i dati preliminari, non ci sono morti denunciati. In mattinata abbattuti altri due droni

(7 nov 20) COMBATTIMENTI IN CORSO – Secondo il portavoce della difesa armena, Hovhannisyan sono in corso forti scontri nel nord e in direzione di Martuni. A sud di Shushi le unità di difesa dell’Artsakh hanno portato a termine con successo diverse operazioni

(7 nov 20) ANCORA RAZZI SU STEPANAKERT – La capitale dell’Artsakh dal pomeriggio è nuovamente colpita con lanciarazzi multipli Smerch e Grad

(7 nov 20) QUARANTADUESIMO GIORNO DI GUERRA – Le ostilità notturne sono continuate in tutte le direzioni del fronte. Intense battaglie si sono svolte nell’area di Shushi-Karin Tak. L’Esercito di Difesa dell’Artsakh ha respinto con successo più tentativi degli azeri, colpendo un gran numero di nemici. In mattinata situazione tattico-operativa in tutte le direzioni del fronte rimasta invariata. Le forze armate azere hanno continuato a bombardare insediamenti pacifici dell’Artsakh con razzi e colpi di artiglieria. La Difesa armena ha distrutto 2 veicoli militari e 4 droni a Sud e Sud-Est

(6 nov 20) QUARANTUNESIMO GIORNO DI GUERRA – Il nemico ha subito gravi perdite nell’area di Berdzor. Sono stati contrastati attacchi da parte di gruppi d’assalto nemici in tutte le direzioni operative, anche in direzione di Shushi. Le operazioni ostili continuano. Ma i gruppi incursori non riescono a raggiungerla. Da sud è quasi impossibile nella gola (ci riuscirono solo gli armeni con il comandante Pekor nel 1992!) da ovest la difesa armena fa buona guardia. Per tutta la notte purtroppo ancora bombe su Stepanakert e ShushiNella capitale colpita una casa, tre vittime civili

(5 nov 20) RESPINTI INCURSORI NEMICI -Le ostilità sono continuate tutto il giorno con tentativi delle forze azere di lanciare attacchi su più direzioni neutralizzati dalle forze di difesa. Nello specifico, piccoli gruppi di infiltrati sono stati osservati nelle vicinanze dei villaggi di Karin Tak (a sud di Shushi) e Lisagor (a sud ovest della città): sono stati eliminati dal fuoco di cecchini e da colpi di mortaio. Un certo numero di veicoli armati è stato osservato vicino Shushi ma distrutto da tiro di precisione.

(5 nov 20) HARUTYUNYAN A SHUSHI – Il presidente era oggi (o ieri, la notizia per ragioni di sicurezza è stata diffusa solo in mattinata) a Shushi dove ha partecipato a una riunione operativa

(5 nov 20) RESPINTI ASSALTI – Le forze azere hanno tentato un assalto (“futile” lo definisce il ministero della difesa armeno) in direzione sud ma sono state respinte abbandonando sul campo un IFV (veicolo di artiglieria), un camion e parecchi soldati morti. Altro tentativo nel settore est con bilancio presso che analogo.

(5 nov 20) QUARANTESIMO GIORNO DI GUERRA – Durante la notte tensione stabile in tutte le direzioni della linea del fronte. Le forze armate azere sono state particolarmente attive a est, sud-est e sud. Le unità dell’esercito di difesa dell’Artsakh hanno soppresso attacchi, causando perdite di uomini e armamenti. Le forze armate azere hanno tentato due attacchi al nord che sono stati respinti dalle Forze di difesa dell’Artsakh. Insediamenti pacifici hanno continuato a rimanere sotto il fuoco di razzi azeri. La Difesa controlla la situazione tattico-operativa lungo tutta la linea del fronte.

(4 nov 20) AGGIORNAMENTO GIORNATA – Durante l’intera giornata le forze armate azerbaigiane, rafforzate da gruppi terroristici, hanno lanciato tentativi di attacco in diverse direzioni, comprese le direzioni nord e nord-est. I tentativi di attacco sono stati effettuati con gruppi tattici plotone-battaglione, gruppi sovversivi separati con combattimenti che si sono svolti anche in direzione sud, lungo il fiume Vorotan. Un distaccamento nemico ha cercato di attaccare con diversi veicoli blindati, ha perso due o tre unità di veicoli blindati ed è stato respinto. L’Azerbaigian ha utilizzato anche l’aviazione e l’artiglieria su piccola scala.

(4 nov 20) 3 DRONI ABBATTUTI IN ARMENIA – Un drone azero è stato abbattuto nei cieli dell’Armenia, villaggio di Shatjrek nella regione di Gegharkunik intorno alle 20 locali (17 in Italia). Poco più tardi altri due sono stati abbattuti nella zona tra Mets Masrik (vicino Vardenis) e il passo Sotk (confine con l’Artsakh)

(4 nov 20) PESANTI BOMBARDAMENTI SU STEPANAKERT – Nel pomeriggio e in serata molti colpi di mortaio sulla città con sirena di allarme aereo spesso in funzione. Al momento si segnala un ferito

(4 nov 20) AGGIORNAMENTO – Un gruppo corazzato nemico in avanzamento con 5 carri armati e due veicoli da trasporto truppe è stato distrutto nell’area sud orientale di Berdzor. Battaglie in corso. Secondo fonte da confermare la strada Berdzor-Shushi è aperta al solo transito militare in quanto le forze di difesa stanno portando avanti operazioni per la ricerca di gruppi di infiltrati. Nel villaggio di Togh (regione di Hadrut), famoso per il festival de vino, un civile è stato decapitato dagli azeri.

(4 nov 20) TRENTANOVESIMO GIORNO DI GUERRA – Per tutta la notte la situazione è rimasta tesa in tutte le direzioni del fronte. Il nemico ha continuato a bombardare con sistemi di artiglieria e missili le posizioni di combattimento dell’Esercito di Difesa e gli insediamenti. Vittime tra la popolazione civile. Dopo mezzanotte, un gruppo sovversivo nemico ha tentato di prendere il sopravvento in direzione di Shushi, ma è stato respinto indietro e ha subito pesanti perdite. Sono in corso operazioni di accerchiamento ed eliminazione del gruppo nemico. Situazione sotto controllo

(3 nov 20) LOMBARDIA RICONOSCE L’ARTSAKH – La Regione Lombardia ha votato una mozione di riconoscimento della repubblica di Artsakh. Si tratta del primo riconoscimento di secondo livello in Italia.

(3 nov 20) ANCORA PESANTI BOMBARDAMENTI – Stepanakert e Shushi ancora colpite duramente in serata da razzi che hanno centrato abitazioni civili senza alcun obiettivo militare nei paraggi. Alcuni civili feriti. Colpito nella capitale l’ospedale pediatrico. tre missili su Shushi

(3 nov 20) INTENSI COMBATTIMENTI – Continuano intensi combattimenti nelle direzioni sud e sud-est dell’Artsakh. Il nemico subisce pesanti perdite di uomini. Distrutti due carri armati e un veicolo trasporto truppe intorno alle 14 (ora locale). Missili azeri sono caduti ancora una volta in territorio iraniano. Nel settore nord, direzione Karvachar, il nemico ha tentato una sortita nel primo pomeriggio (ora locale) con una trentina di uomini aiutandosi con fumogeni ma è stato respinto con ingenti perdite di uomini.

(3 nov 20) MINISTERO DIFESA RUSSO PREOCCUPATO – Il ministero si dice preoccupato per l’internazionalizzazione del conflitto e per il coinvolgimento di combattenti dal Medio Oriente e riferisce di aver ripetutamente invitato gli attori “esterni” (la Turchia, NdR) a utilizzare le proprie capacità per impedire il trasferimento di mercenari nella zona del conflitto.

(3 nov 20) AUTOCOLONNA AZERA ANNIENTATA – Nei pressi del villaggio di Taghavand (regione di Martuni) le forze di difesa dell’Artsakh hanno anninetato una colonna motorizzata azera. Questi veicoli, molti di fabbricazione israeliana (Plasan sanavate), appartenevano al 4 ° Corpo della Riserva dell’Esercito dell’Azerbaigian, 3 ° Battaglione della 651a Brigata di Fucilieri Motorizzati situata a Ghusar.

(3 nov 20) TRENTOTTESIMO GIORNO DI GUERRA – Nella notte unità dell’esercito di difesa dell’Artsakh hanno combattuto battaglie difensive nelle direzioni Est, Sud-Est e Sud. Le unità hanno eliminato veicoli, soldati e 1 carro armato. Per motivi tattici, le Forze di Difesa si sono ritirate da alcune sezioni in direzione Est. In mattinata, le unità dell’Esercito di Difesa hanno neutralizzato equipaggiamenti azeri e militari che stavano tentando di avanzare in direzione Sud costringendoli a ritirarsi nelle posizioni di partenza con perdite. Le unità hanno anche soppresso un’azione offensiva al Nord.

(2 nov 20) AGGIORNAMENTI – Il comando difesa armeno comunica che nella tarda serata del 1 novembre si sono svolte feroci battaglie nella parte nordoccidentale della linea del fronte Artsakh-Azerbaigian. La parte azera ha avviato un attacco che è stato respinto a seguito di aspri combattimenti. Il nemico è fuggito con pesanti perdite, è stato bloccato in una delle gole ed eliminato con un accurato fuoco di mortaio. Le forze azerbaigiane hanno avviato un altro attacco nella stessa direzione, respinto dall’esercito di difesa. Le suddivisioni dell’Esercito della Difesa inseguirono ed eliminarono il nemico in fuga.

(2 nov 20) HARUTYUNYAN IN VIDEO E FOTO – Il video di un discorso ai veterani volontari e una foto con un giornalista smentiscono voci apparse sui media azeri relativi alla morte del presidente dell’Artsakh il cui convoglio sarebbe stato colpito da un drone azero

(2 nov 20) TRENTASETTESIMO GIORNO DI GUERRA – Durante la notte ostilità di varia intensità lungo la linea del fronte. Colonne nemiche in fase di schieramento in determinati settori sono state rilevate e distrutte dalle unità dell’Artsakh. Il nemico ha anche bombardato gli insediamenti civili con missili e artiglieria. Nella direzione SE il nemico ha tentato di portare gli armamenti più vicino al fronte di battaglia. Le contromisure prese dalle unità di difesa dell’Artsakh hanno portato alla distruzione di un carro armato nemico, mentre altri veicoli nemici sono stati costretti ad arretrare. Attualmente la situazione è sotto il controllo della unità difensive.

(1 nov 20) TRENTASEIESIMO GIORNO DI GUERRA – Combattimenti notturni, senza sosta, sono continuati nelle direzioni Sud-ovest, sud-est e nord. Gli azeri hanno continuato a prendere di mira insediamenti pacifici, lanciando attacchi alle città di Martuni, Shushi e al villaggio di Karin Tak. Si segnalano purtroppo molti danni a causa degli intensi colpi di Smerch e Grad. Le forze di Difesa dell’Artsakh hanno soppresso un attacco alla sezione Avetaranots-Sghnakh. Al mattino le forze armate azere hanno ripreso le operazioni offensive continuando a bombardare gli insediamenti pacifici. L’esercito di difesa dell’Artsakh mantiene il pieno controllo lungo l’intera linea del fronte, sferrando colpi mirati alle posizioni militari azere. Giunta la notizia che è stato catturato un altro mercenario siriano.

Ottobre 2020

(31 ott 20) SUBITO VIOLATO ACCORDO DI GINEVRA – A pochissime ore dal recente accordo di Ginevra che tra l’altro invitava le parti a non colpire obiettivi civili, questa mattina intorno alle ore 7 (ora locale) è stato colpito il mercato centrale di Stepanakert. I bombardamenti sono proseguiti nel corso della giornata sulla capitale e nelle altre città dell’Artsakh. Un civile morto nel villaggio di Herher.

(31 ott 20) TRENTACINQUESIMO GIORNO DI GUERRA – L’esercito di difesa ha condotto nella notte battaglie difensive con successo nelle direzioni Nord-est e sud-sud-ovest. Un carro armato, un veicolo da combattimento di fanteria e 5 droni azeri sono stati colpiti dalle unità dell’esercito. Al mattino, le ostilità sono riprese nelle stesse direzioni. Il nemico continua a bombardare insediamenti civili nonostante l’ultimo accordo di Ginevra e utilizza armi proibite dalle convenzioni internazionali (da ultimo al fosforo bianco impiegato sopra le foreste)

(30 ott 20) COMUNICATO GRUPPO DI MINSK DELL’OSCE – Ginevra, 30 ottobre 2020 – I copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE (Igor Popov della Federazione Russa, Stephane Visconti della Francia e Andrew Schofer degli Stati Uniti d’America) hanno rilasciato oggi la seguente dichiarazione: “I Copresidenti si sono incontrati separatamente e insieme al Ministro degli esteri armeno Zohrab Mnatsakanyan e al Ministro degli esteri azero Jeyhun Bayramov a Ginevra il 30 ottobre. Il Rappresentante personale del Presidente in carica dell’OSCE (PRCiO) Andrzej Kasprzyk ha partecipato alle riunioni. Hanno inoltre tenuto consultazioni con l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati Filippo Grandi e il presidente del CICR [Comitato Croce Rossa Internazionale, NdT] Peter Maurer. I copresidenti hanno nuovamente invitato le parti ad attuare pienamente i loro impegni, compresa l’istituzione immediata di un cessate il fuoco umanitario, in conformità con la dichiarazione congiunta di Mosca del 10 ottobre, che le parti hanno riaffermato a Parigi il 17 ottobre ea Washington il 25 ottobre. Fatta salva l’attuazione del cessate il fuoco o altri impegni, le parti hanno convenuto di adottare una serie di misure con urgenza, tra cui: – Le parti non prenderanno di mira deliberatamente popolazioni civili o oggetti non militari in conformità con il diritto internazionale umanitario; – Le parti si impegneranno attivamente nell’attuazione del recupero e dello scambio dei resti sul campo di battaglia fornendo al CICR e alla PRCiO le necessarie garanzie di sicurezza per facilitarne il compito; – Le parti consegneranno all’ICRC e alla PRCiO, entro una settimana, un elenco dei prigionieri di guerra attualmente detenuti allo scopo di fornire l’accesso e l’eventuale scambio; – Le parti forniranno per iscritto commenti e domande relative ai possibili meccanismi di verifica del cessate il fuoco in conformità con il punto 2 della dichiarazione congiunta del 10 ottobre. – Le parti si sono impegnate in uno scambio di opinioni aperto e sostanziale volto a chiarire le loro posizioni negoziali sugli elementi centrali di una soluzione globale, conformemente al punto 3 della dichiarazione congiunta del 10 ottobre. I copresidenti continueranno a lavorare intensamente con le parti per trovare una soluzione pacifica del conflitto.”

(30 ott 20) A GINEVRA INCONTRO MINISTRI ESTERI – L’incontro del ministro degli Esteri armeno Zohrab Mnatsakanyan con il ministro degli Esteri azero Jeyhun Bayramov è iniziato a Ginevra. Oggi Mnatsakanyan ha anche incontrato i copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE e il Rappresentante personale del Presidente in carica dell’OSCE. L’incontro con Bayramov era originariamente previsto per il 29 ottobre ma è stato ritardato.

(30 ott 20) AGGIORNAMENTI – Un gruppo di truppe nemiche “modernamente armate” ha tentato di attaccare in direzione di Shushi durante la notte. Il nemico ha subito 100-200 vittime. L’Esercito dell’Artsakh ha inflitto al nemico pesanti perdite, sia di manodopera che di equipaggiamento militare. L’artiglieria ha lavorato in modo molto efficace per tutta la notte. Questa mattina gli azeri hanno lanciato un attacco nella direzione nord prima del solito, ma è stato respinto, lasciando dozzine di cadaveri sul campo di battaglia. Violenti combattimenti sono in corso nel fronte sud. Da registrare infine la morte dell’84enne Misha Melkumyan, un civile catturato dall’Azerbaijan.

(30 ott 20) TRANTAQUATTRESIMO GIORNO DI GUERRA – Operazioni di ricognizione e combattimento a fuoco sono state condotte nella notte verso le posizioni dispiegate dagli azeri con una grande quantità di munizioni nemiche e manodopera distrutta. Un grande deposito di munizioni e armi, stoccate in zona occupata dell’Artsakh, è stato fatto saltare. Il nemico ha tentato di lanciare un nuovo attacco in direzione SE contrastato dalle unità dell’esercito di difesa. Il nemico ha fatto anche un inutile tentativo nella parte N della linea del fronte, subendo pesanti perdite anche qui. Le forze azere hanno continuato a bombardare le città dell’Artsakh. Sono in corso operazioni di “ricerca e distruzione” contro i gruppi ostili.

(29 ott 20) APPELLO DEL PRESIDENTE PER SHUSHI – “L’Azerbaijan, sostenuto dalla Turchia e reclutando terroristi stranieri, perseguendo la pulizia etnica degli armeni di Artsakh, ha dispiegato ingenti risorse militari per attaccare Shushi, la seconda città più grande del Karabakh, epitome di vittorie. Chiedo a tutti di unirsi e difendere il nostro stato e la nostra dignità.”

(29 ott 20) CONSEGNA CORPI ARMENI CADUTI – Con la mediazione della Russia e con la partecipazione della squadra sul campo del Gruppo Minsk Osce e della Comitato della >Croce Rossa Internazionale, i corpi di 29 militari armeni sono stati consegnati alla parte armena. Con gli sforzi della CRI un civile è stato rimpatriato in Armenia.

(29 ott 20) TRENTATREESIMO GIORNO DI GUERRA – Intensi bombardamenti nella notte e dall’alba su Stepanakert, Shushi e altri insediamenti con lanciarazzi Smerch. Numerose battaglie lungo la linea del fronte. Riferite gravi perdite di armamento del nemico. Abbattuto altro drone Bayraktar. Il Comando difesa armeno invita i cittadini azerbaigiani che risiedono nei pressi di installazioni militari a lasciare le proprie case al fine di evitare perdite civili

(28 ott 20) SOLDATI ARMENI CADUTI – Il numero dei caduti in battaglia è salito a 1068. Il comando armeno ha smentito la dichiarazione di Aliyev secondo il quale i morti armeni sarebbero 5000 mentre i caduti azeri sarebbero di meno; probabilmente sta preparando la popolazione azera alla notizia che alcune migliaia di soldati azeri non ritornano a casa

(28 ott 20) COLPITE STEPANAKERT E SHUSHI – Shushi è stata bombardata da Smerch MLRS. Il servizio statale per le situazioni di emergenza dell’Artsakh riferisce di un civile ucciso e due feriti. Le forze armate azere hanno preso di mira infrastrutture civili a Stepanakert e Shushi colpendo deliberatamente un ospedale per la maternità nella capitale e un centro sanitario a Shushi attraverso attacchi aerei.

(28 ott 20) TRENTADUESIMO GIORNO DI GUERRA – La situazione di tensione è rimasta invariata nella zona di conflitto durante la notte. Martuni e la subregione superiore di Askeran erano sotto bombardamenti azeri. Ora continuano gli scontri locali in alcune direzioni. Neutralizzazioni di gruppi sovversivi azeri sono in corso.

(27 ott 20) COLPI CONTRO ARMENIA – Da questa mattina le forze armate dell’Azerbaigian, oltre alle continuate violazioni del (presunto) cessate il fuoco, hanno cominciato a prendere di mira, con colpi di artiglieria e razzi, postazioni di guardia della repubblica di Armenia. I gravi attacchi avvengono nell’estremo sud vicino al confine con l’Iran. Riferiti feriti. Il governo armeno ha annunciato una risposta militare.

(27 ott 20) TRENTUNESIMO GIORNO DI GUERRA – La situazione tesa relativamente stabile è rimasta invariata durante la notte. I combattimenti con l’artiglieria sono continuati in alcune zone. L’Azerbaigian ha utilizzato droni; alcuni di loro sono stati colpiti dalle unità di difesa aerea dell’Esercito di difesa dell’Artsakh.Martakert, Martuni e alcune parti della regione di Asketan sono sotto tiro nemico. Il presidente dell’Artsakh, Arayik Harutyunyan, ha firmato un decreto che solleva il generale Jalal Haroutyunyan dalla carica di Comandante dell’Esercito della Difesa dell’Artsakh a causa di lesioni che ha avuto in una posizione militare. Il generale Michael Arzoumanyan, suo vice, è stato nominato Comandante dell’Esercito nonché ministro della DifesA

(26 ot 20) RITIRO CADUTI NON INIZIATO – Il ritiro dei corpi lasciati nella zona di conflitto non è ancora iniziato. Lo riferisce la portavoce del Comitato internazionale della Croce Rossa in Armenia Zara Amatuni. “La Croce Rossa avvierà le sue operazioni in caso di accordo bilaterale. Sono state prese in considerazione varie opzioni, ma le operazioni principali non sono state avviate.”

(26 ott 20) CONTINUANO LE VIOLAZIONI AZERE – A seguito del bombardamento del villaggio Avetaranots della regione di Martuni, il 37enne Gevorg Hambardzumyan è stato ucciso, Henrikh Adamyan e Andrey Hambardzumyan sono rimasti feriti. Razzi anche su altri insediamentiLe forze azere usano lancia razzi Smerch MLRS in direzione del villaggio Zardarashen di Martuni di Artsakh. Il presidente Aliyev ha twittato la conquista di alcuni insediamenti proprio mentre era in vigore il regime di cessate-il-fuoco

(26 ott 20) TRENTESIMO GIORNO DI GUERRA – Dopo aver raggiunto un accordo negli Stati Uniti su un cessate il fuoco umanitario, che sarebbe dovuto entrare in vigore il 26 ottobre alle 08:00 (ora locale) il ministero della difesa azerbaigiano si è affrettato ad accusare la parte armena di violare il cessate il fuoco prima che entrasse ufficialmente in vigore. La parte azera ha poi cancellato il post su Twitter. Il ministero della Difesa dell’Artsakh afferma che l’esercito di difesa sta seguendo rigorosamente gli accordi raggiunti e le accuse del nemico non hanno nulla a che fare con la realtà ma sono state fatte nel contesto della preparazione del terreno per le sue ulteriori provocazioni. Violando gravemente l’accordo di cessate il fuoco raggiunto negli Stati Uniti, a partire dalle 8,45 di oggi le forze armate azere hanno aperto il fuoco di artiglieria sulle posizioni dell’Esercito di difesa dell’Artsakh in direzione nord-est. La violazione del cessate il fuoco è stata registrata intorno alle 9.10.La parte azera ha preso di mira le posizioni situate in direzione sud-est, sparando cinque proiettili di artiglieria in quella direzione. Il premier armeno Pashinyan ha dichiarato che la parte armena continua ad aderire strettamente al cessate il fuoco.

(25 ott 20) COMUNICATO STAMPA GRUPPO DI MINSK – Washington D.C., 25 ottobre 2020 – I copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE (Igor Popov della Federazione Russa, Stephane Visconti della Francia e Andrew Schofer degli Stati Uniti d’America) hanno rilasciato oggi la seguente dichiarazione: “I copresidenti si sono incontrati a Washington D.C. il 24 ottobre con il ministro degli Esteri armeno Zohrab Mnatsakanyan e il ministro degli Esteri azero Jeyhun Bayramov, e hanno anche partecipato a una riunione congiunta con i ministri degli Esteri e il viceministro degli Esteri degli Stati Uniti Stephen Biegun. Alle riunioni ha partecipato anche il Rappresentante personale del Presidente in carica dell’OSCE, Andrzej Kasprzyk. I copresidenti hanno esortato le parti a prendere provvedimenti immediati per attuare tutti gli aspetti della dichiarazione congiunta di Mosca del 10 ottobre in conformità con i loro impegni, rilevando che avevano riaffermato questi impegni con Parigi il 18 ottobre. I copresidenti hanno inoltre ricordato alle parti di la dichiarazione congiunta del 1 ottobre 2020 del presidente degli Stati Uniti Donald J. Trump, del presidente francese Emmanuel Macron e del presidente russo Vladimir Putin, nonché la dichiarazione congiunta del 5 ottobre del Segretario di Stato Segretario di Stato degli Stati Uniti d’America Michael R Pompeo, Ministro per l’Europa e gli Affari Esteri della Francia Jean-Yves Le Drian, e il Ministro degli Affari Esteri della Federazione Russa Sergey Lavrov, invitando le parti a cessare immediatamente le ostilità e a riprendere negoziati sostanziali per risolvere il conflitto del Nagorno-Karabakh sotto gli auspici dei copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE. Durante le loro intense discussioni, i copresidenti e i ministri degli Esteri hanno discusso l’attuazione di un cessate il fuoco umanitario immediato, i possibili parametri per il monitoraggio del cessate il fuoco e l’avvio della discussione degli elementi sostanziali fondamentali di una soluzione globale, in conformità con la dichiarazione congiunta del 10 ottobre. I copresidenti e i ministri degli Esteri hanno convenuto di incontrarsi nuovamente a Ginevra il 29 ottobre per discutere, raggiungere un accordo e iniziare l’attuazione, secondo una tempistica da concordare, di tutte le misure necessarie per raggiungere una soluzione pacifica del Nagorno- Conflitto del Karabakh in conformità con i principi di base accettati dai leader di Azerbaigian e Armenia.”

(25 ott 20) ANNUNCIATA TREGUA – Alle 21 ora italiana il Segretario di Stato degli Stati Uniti, Michael Pompeo, ha twittato il seguente annuncio:‪ “Oggi gli USA hanno facilitato un’intensa negoziazione con i ministri degli Esteri di Armenia, Azerbaigian e i copresidenti del gruppo di Minsk dell’Osce per avvicinarsi a una risoluzione pacifica del conflitto. I ministri Mnatsakanyan e Bayramov si sono impegnati ad attuare e rispettare il cessate il fuoco a mezzanotte.‬” La tregua entrerà in vigore alle ore 08:00 locali di domani 26 ottobre

(25 ott 20) AGGIORNAMENTI – Nel primo pomeriggio nuovo allarme aereo su Stepanakert, riferite almeno due esplosioni. Il presidente Harutyunyan si è recato in visita nella parte meridionale del Paese per un briefing militare in zona.

(25 ott 20) VENTINOVESIMO GIORNO DI GUERRA – Durante la notte la situazione di tensione è rimasta invariata nella zona di conflitto. Gli azeri hanno bombardato i villaggi di Karmir Shuka, Taghavard, Gishi, Spitakashen (regione di Martuni) e Avetaranots (regione di Askeran) Continuano gli scontri su tutto il fronte. In mattinata, scontri locali in tutte le direzioni del fronte. Le unità di difesa continuano le operazioni per trovare e distruggere i gruppi di diversione di ricognizione nemici.

(24 ott 20) PERDITE AZERE – Il bilancio delle vittime dell’esercito azero è salito a 6614 dall’inizio degli attacchi contro l’Artsakh, hanno detto le autorità armene. Secondo le informazioni aggiornate sulle perdite, l’esercito azero ha perso un totale di 217 droni, 16 elicotteri, 24 aerei da guerra, 600 attrezzature corazzate e 4 lanciarazzi TOS. Solo nell’ultimo giorno l’esercito azero ha perso 11 droni, 12 mezzi corazzati e 75 soldati. Sono invece 963 i militari armeni caduti in battaglia

(24 ott 20) VENTOTTESIMO GIORNO DI GUERRA – Situazione tesa per tutta la notte con anche bombardamenti su insediamenti inclusa Stepanakert. In mattinata combattimenti diffusi su tutta la linea di contatto. Tentativi di penetrazione nemica respinti con perdite azere. Martuni ancora colpita diverse volte da bombe e razzi azeri ma non si lamentano vittime o distruzioni importanti. Secondo fonti terze la Turchia avrebbe inviato 1200 incursori specialisti in Artsakh dal momento che le truppe azere non sono in grado di combattere fra le montagne

(23 ott 20) AGGIORNAMENTO – Intorno alle 14:20 (ora locale), l’Azerbaigian ha bombardato – da un sistema lanciamissili Grad – il territorio della comunità di Karegah della regione di Kashatagh a poca distanza da Berdzor, poi la sezione stradale Karegah-Berdzor. Non ci sono strutture militari in quest’area. A parte i danni materiali, non ci sono vittime tra la popolazione civile – * Dal primo pomeriggio (intorno alle 15 ora locale) Martakert è oggetto di bombardamento anche con aviazione. Non abbiamo al momento ulteriori notizie – * Il presidente della repubblica Harutyunyan ha inviato una lettera aperta al presidente russo Putin nella quale ricorda i profondi legami fra i due popoli e chiede “di compiere tutti gli sforzi possibili per fermare la guerra nella zona di conflitto azerbaigiano-Karabakho e riprendere i processi politici” * Il numero di militari armeni caduti in battaglia ha toccato quota 927; secondo fonti armene, gli azeri morti superano le seimila unità

(23 ott 20) HRW CONDANNA L’AZERBAIGIAN – Human Rights Watch conferma ufficialmente e condanna l’uso da parte azera di bombe a grappolo (cluster bomb) vietate dalle convenzioni internazionali.

(23 ott 20) VENTISETTESIMO GIORNO DI GUERRA – Battaglie locali continuano in tutte le direzioni, l’esercito di difesa del Karabakh scopre ed elimina i gruppi di sabotaggio. Le forze azere hanno preso di mira Askeran in serata, bombardato Martuni a mezzanotte. Nella mattinata si registrano insistenti battaglie nella direzione orientale del Nagorno Karabakh. Le forze armate di difesa dell’Artsakh respingono i gruppi sovversivi avversari.

(22 ott 20) HARUTYUNYAN IN PRIMA LINEA – Il presidente dell’Artsakh si è recato in visita a una postazione lungo la linea di contatto e ha postato un messaggio di incoraggiamento alla popolazione: “Sono appena tornato dalla prima linea. L’impegno e la determinazione dei nostri coraggiosi uomini in uniforme non sono esclusi. Hanno rinunciato alla sicurezza personale in difesa della nostra patria, della libertà dei nostri cittadini. E invito tutti a prendere le armi e forgiare la vittoria in questa guerra che ci è stata imposta.”

(22 ott 20) VENTISEIESIMO GIORNO DI GUERRA – Durante la notte la situazione nella zona di conflitto Artsakh-Azerbaigian è stata relativamente stabile ma tesa. Nei settori separati sono proseguiti i combattimenti di artiglieria, come riporta l’esercito di difesa dell’Artsakh. Al momento sono in corso combattimenti di rilevanza locale in tutte le direzioni del fronte. Oltre ai combattimenti locali, nella direzione centrale il nemico ha effettuato tentativi di penetrazione di sabotaggio che sono stati prevenuti con successo dalle unità dell’Esercito di Difesa. Il Comando difesa dell’Armenia comunica che l’annuncio della parte azera sul presunto lancio di missili balistici in direzione di Gabala e Kurdamir da parte dell’Armenia è una sciocchezza assoluta e una cinica menzogna. Nessun missile è stato lanciato dal territorio della Repubblica di Armenia in direzione dell’Azerbaigian.

(21 ott 20) SALA DI EMERGENZA IN ARMENIA – Il presidente Harutyunyan ha informato che a Yerevan è stata creata una sala di emergenza per coordinare con i governatori regionali la sistemazione delle famiglie che per la guerra sono state costrette ad abbandonare temporaneamente l’Artsakh

(21 ott 20) VENTICINQUESIMO GIORNO DI GUERRA – Oggi, intorno alle 8:30 (ora locale, 6:30 in Italia) le unità di difesa aerea dell’Artsakh hanno abbattuto un jet militare azero in direzione sud. La situazione è relativamente stabile, sempre tesa. L’Azerbaigian continua a prendere di mira gli insediamenti pacifici in Artsakh. Martakert e suoi villaggi vicini sono stati nuovamente colpiti dagli avversari all’alba usando l’aviazione.

(20 ott 20) OFFENSIVA AZERA A NORD – Riferito un attacco azero con 700/800 uomini a nord per conquistare una posizione armena. Attacco respinto, nemico in ritirata con circa 300 cadaveri rimasti sul campo

(20 ott 20) AGGIORNAMENTO – “Le operazioni militari continuano sulla linea di contatto tra l’Artsakh e l’Azerbaigian, la situazione è tesa“, così riferisce S in una conferenza stampa un portavoce del Ministero della Difesa dell’Armenia Artsrun Hovhannisyan. ”Oggi di prima mattina le forze armate azere hanno nuovamente lanciato offensive sia nel nord che nel sud. Scontri particolarmente violenti si sono verificati nel sud. Durante quegli scontri le nostre forze hanno fermato con successo una serie di attacchi e li hanno respinti nelle loro posizioni iniziali. In questo momento la situazione rimane tesa, le operazioni militari continuano, ma non così intensamente come durante il giorno “, ha aggiunto Hovhannisyan.

(20 ott 20) VENTIQUATTRESIMO GIORNO DI GUERRA – Situazione stazionaria nella notte con scambi di artiglieria sia nel settore nord che al sud. Dalla mattina violenti combattimenti nella parte meridionale dove gli azeri tentano di avanzare ma vengono respinti. Nel nord gli azeri usano artiglieria e aviazione. Secondo fonti siriane <(pro opposizione, SOHR) solo nelle ultime 48 ore sarebbero stati uccisi 27 mercenari siriani

(19 ott 20) MINISTRI ESTERI IN USA – I ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian saranno venerdì negli Stati Uniti per un colloquio – separato – con il Segretario di Stato Pompeo

(19 ott 20) INCONTRO A MOSCA? – Circolano voci di un possibile incontro a Mosca tra il Premier Pashinyan e il presidente azero Aliyev il quale ha dichiarato che “siamo sempre pronti a incontrarci a Mosca e in qualsiasi altro luogo per porre fine allo scontro e trovare soluzioni per una soluzione“. Dal canto suo Pashinyan ha dichiarato che è pronto a recarsi a Mosca e a un compromesso ma lo status del Nagorno Karabakh è un punto di partenza. “Il diritto all’autodeterminazione del Nagorno-Karabakh, cioè lo status del Nagorno-Karabakh, ha per noi un ruolo strategicamente importante“.

(19 ott 20) MORTI PER LA GUERRA – Il ministero della Difesa dell’Armenia ha comunicato che il numero delle vittime armene militari ha raggiunto quota 729. Secondo il ministero gli azeri hanno perso 6259 uomini. Baku continua a non fornire alcuna lista dei suoi caduti e mantiene la popolazione all’oscuro

(19 ott 20) CONSIGLIO SICUREZZA STRAORDINARIO – Convocata una sessione straordinaria del Consiglio di sicurezza dell’Armenia. Oltre ai membri del Consiglio di sicurezza erano presenti il presidente Armen Sarkissian, il Catholicos Karekin II, il capo della fazione parlamentare “Mio passo” Lilit Makunts, il capo del partito “Armenia luminosa” Edmon Marukyan, il presidente del Comitato permanente dell’Assemblea nazionale sugli esteri Relazioni Ruben Rubinyan, il presidente del Comitato permanente per la difesa e la sicurezza dell’Assemblea nazionale Andranik Kocharyan, il rappresentante della fazione “Armenia prospera”, il deputato Arman Abovyan. Discusse contro misure all’attacco azero.

(19 ott 20) VENTITREESIMO GIORNO DI GUERRA – Durante la notte la situazione è rimasta tesa nella zona di conflitto. In alcune zone sono proseguiti i combattimenti di artiglieria. Al mattino le forze armate azere hanno ripreso i bombardamenti di artiglieria a nord e sud. L’Esercito di Difesa continua a controllare la situazione operativa. Segnalato un arretramento di qualche chilometro (presumibilmente a sud) dei nemici grazie all’azione di contrattacco armena.

(18 ott 20) AGGIORNAMENTO SU TREGUA – “Si è cercato di raggiungere un accordo per ritirare i soldati feriti dal campo di battaglia, attraverso la mediazione della Croce Rossa Internazionale, accordo che è stato respinto da Baku. La ragione apparente era l’offensiva già pianificata dell’Azerbaigian” (Fonte ministero della Difesa dell’Armenia). Nel tardo pomeriggio abbattuti due droni azeri

(18 ott 20) VENTIDUESIMO GIORNO DI GUERRA – Questa volta la tregua, contrariamente alle prime notizie diramate, ha retto solo quattro minuti. Ancora una volta, violando il cessate il fuoco umanitario, il nemico ha sparato proiettili di artiglieria in direzione nord dalle 00:04 alle 02:45, e ha lanciato razzi in direzione sud dalle 02:20 alle 02:45.Alle 07:20 dopo un fuoco di artiglieria attivo, il nemico ha lanciato un attacco in direzione sud al fine di occupare posizioni favorevoli. Ci sono vittime e feriti da entrambe le parti. Le unità dell’Esercito di Difesa hanno distrutto 4 carri armati d’assalto nemici in direzione sud. Nel fianco meridionale della zona di conflitto il nemico sta impiegando un gran numero di droni e sistemi di artiglieria.

(17 ott 20) AGGIORNAMENTO – Al momento la situazione sembra calma su tutta la linea di contatto. La tregua umanitaria è in vigore da 45 minuti. Il portavoce del presidente dell’Artsakh, Vahram Poghosyan, ha dichiarato che se l’Azerbaigian osserva il cessate il fuoco umanitario, l’Esercito di difesa dell’Artsakh è pronto a fornire un corridoio umanitario alle truppe azerbaigiane assediate,

(17 ott 20) CONCORDATA TREGUA UMANITARIA – Armenia e Azerbaijan hanno concordato una tregua umanitaria a partire dal 18 ottobre, alle ore 00:00 (ora locale). Questa decisione è stata presa in seguito alla dichiarazione del 1° ottobre dei presidenti dei paesi co-presindenti del Gruppo di Minsk dwll’Oace (Francia, Russia e USA), alla dichiarazione del 5 ottobre dei copresidenti e in linea con la dichiarazione del 10ottobre di Mosca.

(17 ott 20) VENTUNESIMO GIORNO DI GUERRA – Durante la notte, la situazione nella zona di conflitto è stata relativamente stabile ma tesa. Situazione tattico-operativa immutata. Nella tarda serata di ieri violenti bombardamenti su Stepanakert e altre località. All’alba, le forze azere hanno nuovamente violato il cessate il fuoco umanitario riprendendo i bombardamenti su insediamenti pacifici. Abbattuti tre droni azeri sul cielo dell’Armenia e uno sopra l’Artsakh

(16 ott 20) CADUTI ARMENI – Il numero di soldati armeni che hanno perso la vita è arrivato a 633. Lo comunica il ministero della difesa aggiornando con ulteriori 29 caduti la lista. Baku, come noto, non ha ancora fornito alcun dato sui soldati (e mercenari) persi in battaglia

(16 ott 20) TRUPPE AZERE LUNGO IL CONFINE IRANIANO – L’Armenia e l’Artsakh denunciano ancora un volta che le forze armate azere si ammassano con uomini e armamenti a stretto ridosso del confine con l’Iran facendosi quindi scudo con esso. La parte armena ha ammonito che se la situazione non verrà modificata ogni conseguenza ricadrà unicamente sul nemico. In parole povere, l’esercito di difesa bombarderà il nemico con il rischio che alcuni proiettili o missili finiscano in territorio iraniano

(16 ott 20) VENTESIMO GIORNO DI GUERRA – Durante la notte situazione relativamente tesa osservata nella zona di conflitto. I combattimenti di artiglieria sono continuati in alcune aree. Al mattino, le forze armate azere hanno ripreso l’offensiva in direzione nord, violando la tregua umanitaria. Il numero delle vittime civili in Artsakh ha raggiunto quota 34 oltre ai due prigionieri di guerra giustiziati in piazza dagli azeri

(15 ott 20) AGGIORNAMENTO – Abbattuto un altro Su-25 dalla contraerea armena, non è stata precisata la località. Dal primo pomeriggio ripresi colpi di missile su Stepanakert dopo due giorni di relativa calma. Su un canale Telegram azero circola video che riprende l’esecuzione di due prigionieri di guerra armeni. La Turchia ha negato il proprio spazio aereo a un cargo Qatar Airways proveniente da Los Angeles con aiuti umanitari per la popolazione dell’Artsakh: l’aereo al momento non ha potuto raggiungere Yerevan

(15 ott 20) DICIANNOVESIMO GIORNO DI GUERRA – Durante la notte la tensione relativamente stabile è rimasta invariata nella zona di conflitto. Al mattino, le forze armate azere hanno ripreso il fuoco di artiglieria attivo nelle direzioni nord e sud-est. Le Unità dell’Esercito di Difesa continuano a controllare la situazione operativa. Notte tranquilla a Stepanakert

(14 ott 20) ANCORA BOMBARDAMENTI SU CIVILI – Continuano le violazioni azere del cessate il fuoco e la popolazione civile specie nelle regioni di Martakert, Martuni e Hadrut è bersagliata. Un tecnico della società elettrica che stava lavorando a Martakert è stato ucciso dai colpi azeri. A oggi sono 32 le vitme civili accertate dall’Ombudsman dell’Artsakh

(14 ott 20) OSSERVATORI MILITARI RUSSI – Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha dichiarato che osservatori militari russi dovrebbero essere schierati nella zona di conflitto del Nagorno Karabakh al fine di garantire il cessate il fuoco. Lavrov ha sottolineato che la decisione finale sul potenziale dispiegamento spetta alle parti del conflitto. Lavrov ha detto di essere stato in contatto sulla questione con le sue controparti armena e azera e che anche il ministro della Difesa russo Sergey Shoygu ha contattato le sue controparti a Yerevan e Baku. Secondo Lavrov è possibile arrivare a una soluzione politica al conflitto del Nagorno Karabakh, ma ciò richiede il mantenimento degli accordi sul campo.

(14 ott 20) ATTACCO AZERO IN TERRITORIO ARMENIA – Il ministero difesa dell’Armenia ha rilasciato il seguente comunicato: “Il 14 ottobre le forze armate azere hanno preso di mira l’equipaggiamento militare in allerta combattimento nel territorio della Repubblica di Armenia adiacente al confine con Karvachar. L’attacco è stato condotto sulla base del mero presupposto che l’attrezzatura in questione avrebbe dovuto colpire gli insediamenti civili dell’Azerbaigian. Non c’è dubbio che questa affermazione sia priva di qualsiasi fondamento. In realtà, la leadership politico-militare di quel paese si avvale del diritto di prendere di mira l’equipaggiamento militare in servizio di combattimento nel territorio dell’Armenia solo per pura supposizione. Ribadendo ancora una volta che finora non un singolo missile, proiettile o proiettile è stato sparato in direzione dell’Azerbaigian, allo stesso tempo affermiamo che all’interno della stessa logica le Forze armate armene d’ora in poi si riservano il diritto di prendere di mira qualsiasi installazione militare e movimento di combattimento nel territorio dell’Azerbaigian. L’intera responsabilità per modificare la zona e la logica delle operazioni militari ricade sulla leadership politico-militare dell’Azerbaigian. Fortunatamente non vengono segnalati morti o feriti“.

(14 ott 20) ABBATTUTO SU-25 AZERO – L’Azerbaigian ha utilizzato l’Air Force questa mattina nella direzione nord-orientale. Le unità di difesa aerea dell’Esercito di difesa dell’Artsakh hanno abbattuto un jet d’attacco Azerbaigiano Su-25.

(14 ott 20) DICIOTTESIMO GIORNO DI GUERRA – Durante la notte la tensione relativamente stabile nella zona di conflitto è rimasta invariata. In mattinata, le forze armate azere hanno ripreso i bombardamenti di artiglieria nelle direzioni meridionale, settentrionale, nord-orientale e orientale, violando la tregua. A metà mattina gli azeri hanno attaccato un equipaggiamento militare nel territorio della repubblica di Armenia vicino al confine con la regione di Karvachar in Artsakh: duro comunicato del comando armeno

(13 ot 20) HARUTYUNYAN AD ASKERAN – Il presidente dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh) Arayik Haroutyunyan ha pubblicato sulla sua pagina Facebook quanto segue: “Cari compatrioti, oggi ho visitato il centro della regione di Askeran e ho discusso con l’amministrazione della regione della partecipazione di miliziani alla guerra. Il capo dell’amministrazione ha riferito che le persone hanno un alto senso di responsabilità e che i distacchi volontari si stanno formando adeguatamente”.

(13 ott 20) CATTEDRALE DI SHUSHI – L’Arcivescovo Pargev Martirosyan ha visitato oggi la Cattedrale del Santo Salvatore Ghazanchetsots a Shushi (la cattedrale è stata bombardata pochi giorni fa) e ha recitato una preghiera per la pace, la vittoria e l’unità in Armenia e Artsakh .

(13 ott 20) CONFERENZA STAMPA – Il portavoce del ministero della Difesa dell’Armenia, Artsrun Hovhannisyan, ha dichiarato in conferenza stampa che nella prima mattinata di oggi le forze armate azere hanno lanciato un’offensiva su larga scala lungo quasi l’intera linea di contatto in 3-4 direzioni, scontri particolarmente aspri si sono verificati nella direzione nord. A seguito di un bombardamento su larga scala, l’avversario ha lanciato un’offensiva con l’uso di veicoli blindati. Scontri così feroci sono stati rari durante questa guerra, forse oggi ha avuto luogo la battaglia più feroce della guerra. Le nostre forze sono state in grado di respingere l’avversario, infliggendo pesanti perdite.

(13 ott 20) DICIASSETTESIMO GIORNO DI GUERRA – Durante la notte la tensione relativamente stabile nella zona di conflitto è rimasta invariata. In mattinata, il nemico ha ripreso le operazioni supportato dal fuoco di artiglieria attivo nelle direzioni meridionale, settentrionale, nord-orientale e orientale. In mattinata particolarmente tesa la situazione nel settore nord orientale

(12 ott 20) ABBATTUTO SU-25 AZERO – Le forze aeree azere stanno operando con jet da combattimento Su-25 lungo il confine con il supporto aereo di jet da combattimento F-16 delle forze aeree turche. La difesa aerea dell’Esercito di difesa dell’’Artsakh comunicano di aver abbattuto circa un’ora fa un aereo d’attacco Su-25 in direzione nord-est. Notizia confermata da osservatori in zona

(12 ott 20) SEDICESIMO GIORNO DI GUERRA – Durante la notte la situazione è stata relativamente stabile e tesa nella zona di conflitto. Notte tranquilla a Stepanakert. In mattinata le forze armate azere hanno ripreso attacchi intensamente la linea del fronte meridionale e poi sul confine nord. Abbattuto AN-2 azero nel settore sud

(11 ott 20) RIPRESE AZIONI AZERE – Intorno alle 19 (locali), in violazione della tregua concordata, forze armate azere hanno iniziato due azioni offensive, una al nord e una al sud.

(11 ott 20) AGGGIORNAMENTO – Abbattuto un altro drone azero nel cielo dell’Artsakh. Diffuso un video di jahadisti combattenti nelle file azere che mostrano cadaveri di soldati armeni caduti in battaglia e che vengono apostrofati in arabo come “maiali”. Comando armeno smentisce notizie su bombardamento di Ganja in Azerbaigian

(11 ott 20) QUINDICESIMO GIORNO DI GUERRA – Salvo scaramucce con armi di piccolo calibro sembra ora reggere la tregua umanitaria determinata dai lunghi colloqui di Mosca. Dopo i pesanti bombardamenti di ieri su Stepanakert e altre città (che hanno provocato una violenta risposta armena su Ganja) ora la situazione è tranquilla. Il ministero della difesa armeno denuncia che dalla Turchia con un cargo “di aiuti umanitari” sono stati inviati altri droni all’Azerbaigian. In mattinata il presidente dell’Artsakh Harutyunyan ha tenuto una conferenza stampa

(10 ott 20) STEPANAKERT SOTTO ATTACCO – A dispetto del regime di cessate il fuoco la capitale dell’Artsakh è nuovamente bersaglio dei missili azeri. Suona l’allarme antiaereo, cittadini nei rifugi

(10 ott 20) HARUTYUNYAN A HADRUT – Il presidente della repubblica Arayik Harutyunyan si è recato ad Hadrut per ringraziare i soldati armeni che hanno difeso la città dall’assalto azero di questa mattina. Ulteriori particolari emergono con il passare delle ore: gli azeri per dare seguito al tweet di Aliyev che annunciava la conquista della città avrebbero inviato un gruppo di incursori nel tentativo di esporre la bandiera dell’Azerbaigian di fronte al palazzo comunale. Molti sono caduti negli scontri, molti (si parla di 18) catturati dagli armeni. Nel corso dell’incursione gli azeri avrebbero ucciso nella loro casa una donna e il figlio disabile

(10 ott 20) AZERI VIOLANO LA TREGUA – Ignorando il cessate il fuoco gli azeri stanno attaccando nella regione di Hadrut dove sono in corso violenti combattimenti. L’azione è conseguenza della dichiarazione (falsa) di ieri di Aliyev che aveva annunciato la cattura della cittadina.

(10 ott 20) ACCORDO DI CESSATE IL FUOCO – A seguito dei colloqui di Mosca è stato raggiunto il seguente accordo: 1. Un cessate il fuoco umanitario dichiarato entrerà in vigore alle 12 locali (le 10 in Italia) 2. Condizioni specifiche di cessate il fuoco saranno concordate in una data successiva. 3. Armenia e Azerbaigian avvieranno negoziati sostanziali 4. Le parti ribadiscono la natura immutabile del processo di negoziato

(10 ott 20) QUATTORDICESIMO GIORNO DI GUERRA – A seguito dell’annuncio del cessate il fuoco, l’Azerbaigian ha aumentato l’uso dei droni nella direzione meridionale. “L’Azerbaigian sta insidiosamente cercando di cambiare la situazione sul campo prima del cessate il fuoco alle 12 del 10 ottobre ” così dichiara il ministero della difesa armeno. L’Azerbaigian ha inoltre lanciato un attacco con i droni in direzione della comunità rurale di Yeritsvank, nonché nell’insediamento di Artsvanik vicino a Kapan della regione di Syunik, nel territorio della Repubblica di Armenia. Non ci sono vittime denunciate

(9 ott 20) POSSIBILI COLLOQUI A MOSCA – Mentre il Primo ministro russo Mishustin è a Yerevan per partecipare a una riunione dell’Unione economica euroasiatica, arriva la conferma della disponibilità da parte di Armenia e Azerbaigian di colloqui a Mosca per concordare quanto meno una tregua. Il ministero degli Affari esteri armeno conferma che il ministro Mnatsakanyan è in partenza per Mosca

(9 ott 20) TREDICESIMO GIORNO DI GUERRA – La situazione notturna è rimasta stabile e tesa. In varie sezioni ci sono state battaglie di artiglieria e scambi a fuoco. L’Azerbaigian ha anche bombardato insediamenti pacifici con l’artiglieria. L’Esercito della Difesa continua ad avere il controllo della situazione operativa e tattica. Notte tranquilla a Stepanakert ma a metà mattinata (ora locale) sono ripresi intensi bombardamenti

(8 ott 20) INCONTRO A MOSCA? – Secondo fonti provenienti dalla Russia il Cremlino avrebbe invitato per domani 9 ottobre i ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian per concordare una tregua finalizzata a scambio dei prigionieri e restituzione dei corpi dei caduti. Non giungono comunicazioni ufficiali né da Armenia né da Azerbaigian. Si ritiene tuttavia che domani potrebbe esserci un rallentamento delle operazioni militari e uno stop ai bombardamenti

(8 ott 20) DRONI AZERI SU ARMENIA – Tra le 19,30 e le 21,20 ora locale sette droni azeri sono stati abbattuti sul cielo di Vardenis in Armenia

(8 ott 20) BILANCIO BOMBARDAMENTI – Secondo una prima stima il bilancio dei bombardamenti tra ieri e oggi su Stepanakert e Shushi ha provocato 20 vittime e 90 feriti alcuni dei quali molto gravi. 4600 immobili risultano danneggiati così come 430 auto e circa 750 infrastrutture.

(8 ott 20) NUOVAMENTE COLPITA LA CATTEDRALE – Nel pomeriggio è stata nuovamente colpita la cattedrale di Shushi proprio mentre un gruppo di giornalisti stava ispezionando l’interno. Risulta un ferito

(8 ott 20) COLPITA LA CATTEDRALE DI SHUSHI – I barbari azeri colpiscono con un missile la cattedrale di Ghazanchetsots (San Salvatore) a Shushi. Alcuni crolli. Proteste in tutto il mondo per questo atto criminale. Ancora razzi su Stepanakert.

(8 ott 20) DODICESIMO GIORNO DI GUERRA – Pesanti bombardamenti per tutta la notte su Stepanakert e altre città. Nel settore meridionale (Fizuli-Jibraijl) nuovo tentativo di sfondamento azero questa mattina respinto con perdite (almeno 20) e arretramento del nemico

(7 ott 20) CONTRATTACCO ARMENO – Un’azione di contrattacco dell’esercito di difesa ha portato alla liberazione di 119 soldati che erano rimasti intrappolati nella loro posizione e ha lasciato sul campo un centinaio di nemici. Nel settore meridionale la maggior parte delle forze nemiche è stata respinta. Intorno a mezzogiorno una potente controffensiva ha lasciato sul campo tra i 260 e i 280 nemici e tra i 60 e gli 80 veicoli corazzati. A questa sera, secondo fonte ministero difesa, il numero dei soldati armeni caduti ha raggiunto 300.

(7 ott 20) IRAN – Il governo dell’Armenia ha chiesto all’Iran di non consentire l’attraversamento del fiume Araks (che segna il confine con l’Artsakh a sud) alle forze militari azere

(7 ott 20) GRECIA E AZERBAIGIAN – La Grecia ha richiamato il proprio ambasciatore a Baku dopo quelle che il ministero degli Esteri di Atene ha definito “accuse infondate e offensive” dl governo dell’Azerbaigian

(7 ott 20) DEPOSITO CARBURANTE – Un deposito azero di carburante a servizio dei mezzi corazzati che stanno operando nel settore sud della linea di contatto è stato colpito dall’esercito armeno e reso inutilizzabile. Una densa colonna di fumo nero si è alzata. Dalle immagini diffuse sembra che l’impianto si trovasse in territorio azero poco oltre il confine

(7 ott 20) UNDICESIMO GIORNO DI GUERRA – Durante la notte il nemico ha tentato di avanzare e consolidarsi nella direzione sud-est ma le unità azere sono state sconfitte da fuoco di artiglieria delle forze armate armene. Verso le 6,30 le tre brigate azere rimaste sono fuggite lasciando decine di morti (almeno una sessantina) sul campo e molte armi. Risulta altresì distrutto nella stessa zona un grande deposito militare azero. Sulla scorta dei successi della notte le forze armate armene stanno operando controffensive in diverse direzioni

(6 ott 20) AMNESTY INTERNATIONAL – La sezione italiana di Amnesty international ha diramato un comunicato nel quale denuncia l’uso da parte azera delle bombe a grappolo (cluster bomb) utilizzate dalle forze armate azere sulle città di Stepanakert e Shushi. Il Canada annuncia la sospensione della vendita di armi alla Turchia

(6 ott 20) PARLAMENTO OLANDESE – Il parlamento olandese ha approvato una risoluzione a stragrande maggioranza, chiedendo al governo di agire contro l’Azerbaigian e la Turchia e di porre immediatamente fine alla guerra del Nagorno Karabakh.

(6 ott 20) ANCHE SHUSHI COLPITA – Pesanti bombardamenti anche su Shushi che si trova a pochi chilometri dalla capitale. Molte distruzioni compreso il teatro della casa della cultura

(6 ott 20) NUOVI BOMBARDAMENTI SU STEPANAKERT -Nel primo pomeriggio sono ripresi i bombardamenti azeri sulla capitale. Bombe a grappolo e missili Smerch anche nel centro città. In mattina il ministro degli Esteri turco Cavusoglu era stato a Baku e aveva esortato gli azeri a riprendere gli attacchi.

(6 ott 20) DECIMO GIORNO DI GUERRA – La notte è stata relativamente calma lungo la linea di contatto. Il ministero della difesa armeno riferisce che ogni ripresa delle attività sarà responsabilità della sola parte azera. Dagli account social dei ministeri difesa delle parti coinvolte non giungono notizie particolari. Segnalata situazione tranquilla a Stepanakert

(5 ott 20) AZERI IN TRAPPOLA – L’Esercito di difesa dell’Artsakh ha simulato un ritiro da alcune posizioni. Il nemico le ha immediatamente occupate ma è caduto in trappola. Un pesante fuoco di artiglieria ha costretto gli azeri alla ritirata lasciando circa 200 caduti sul campo.

(5 ott 20) TRAGICO BILANCIO – L’ombudsman dell’Artsakh riferisce che il pesante bombardamento su Stepanakert (colpita anche Shushi) ha causato 19 vittime civili, 80 feriti e circa 2700 case danneggiate.

(5 ott 20) POPOLAZIONE AZERA IN FUGA – Portavoce presidenza Artsakh riferisce che diverse centinaia di migliaia di azeri stanno fuggendo da diverse città e sono diretti a Baku.

(5 ott 20) NONO GIORNO DI GUERRA – Ancora combattimenti di varia intensità lungo tutta la linea di contatto. Stepanakert (ma anche Shushi) pesantemente bombardata dagli azeri anche con bombe a grappolo vietate dalle convenzioni internazionali. Si registrano morti e feriti, molte distruzioni di edifici, colpita anche una scuola

(4 ott 20) ANCORA BOMBARDAMENTI AZERI – La capitale Stepanakert è stata raggiunta da lanci di missili che hanno provocato nuove distruzioni in edifici residenziali. Colpita anche Shushi, si segnalano vittime civili

(4 ott 20) DISTRUTTA BASE AEREA DI GANJA – La base aerea militare di Ganja, seconda città dell’Azerbaigian, è stata distrutta. Da lì partivano raid di aerei anche turchi contro il territorio armeno. Segnalate scene di panico della popolazione della città

(4 ott 20) OTTAVO GIORNO DI GUERRA – Continua intenso Bombardamento su Stepanakert rimasta senza corrente elettrica ieri sera a causa razzi azeri su centrale elettrica. L’Esercito di difesa dell’Artsakh sta colpendo ripetutamente l’aeroporto della città azera di Ganja. Riferito panico della popolazione, molti in fuga. Il presidente dell’Artsakh ha invitato la popolazione azera a lasciare le città per evitare inevitabili perdite civili Respinte offensive azere e recuperate alcune posizioni che il nemico aveva conquistato ieri.

(3 ott 20) NUOVI RAZZI SU STEPANAKERT – Nel pomeriggio nuovo allarme aereo sulla capitale raggiunta da alcuni razzi azeri

(3 ott 20) SETTIMO GIORNO DI GUERRA – Continuano dure battaglie nelle direzioni settentrionale e meridionale dell’Artsakh. L’avversario, concentrando grandi forze in quelle zone, ha lanciato un attacco. Le unità armene bloccano l’avanzata del nemico, causando grandi perdite. Il presidente della repubblica Araiyk Harutyunyan si è recato sul fronte di guerra voler dare sostegno morale si nostri soldati e verificare la situazione sul campo Tra la notte e le prime ore del mattino altri tre aerei sono stati abbattuti

(2 ott 20) ANCORA BOMBE SU STEPANAKERT – In serata la capitale è stata nuovamente colpita da missili azeri. Diversi edifici danneggiati

(2 ott 20) COLPITI AEREI NEMICI – Il ministero della Difesa informa che sono stati colpiti dalla contraerea armena cinque aerei e tre elicotteri MI-24 dell’aviazione azera. Una precisazione giunta in serata informa che i velivoli non erano in volo ma a terra e sono stati distrutti da colpi di artiglieria che hanno raggiunto la base

(2 ott 20) ERDOGAN SU GERUSALEMME – Il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan ha rilasciato un’altra dichiarazione clamorosa. Secondo Anadolu, nel suo discorso alla Grande assemblea nazionale turca, Erdogan ha dichiarato che “Gerusalemme è la nostra città“. “Ci sono ancora tracce ottomane a Gerusalemme, il che significa che Gerusalemme è la nostra città, una città da noi”, ha detto Erdogan. A questo punto c’è da chiedersi perché Israele continui a vendere armi all’Azerbaigian… Nella giornata di ieri l’Armenia ha ritirato il proprio ambasciatore da Israele proprio per protesta  contro la vendita di armi al regime azero: la fornitura, secondo il Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI) tra il 2006 e il 2019 ammonta a circa 825 milioni di dollari.

(2 ott 20) UNIONE EUROPEA – L’UE annuncia l’assegnazione di aiuti umanitari di emergenza a tutta la popolazione civile colpita dal conflitto, su entrambi i lati della linea di contatto. Il finanziamento iniziale di 500.000 euro aiuterà i partner umanitari dell’UE, come il Comitato internazionale della Croce Rossa, a fornire un soccorso immediato alle persone colpite dai combattimenti. Tutti i finanziamenti umanitari dell’UE sono forniti in linea con i principi umanitari di umanità, neutralità, imparzialità e indipendenza e sono convogliati attraverso organizzazioni internazionali, agenzie delle Nazioni Unite e ONG.

(2 ott 20) PESANTE BOMBARDAMENTO SU STEPANAKERT – Molti razzi caduti sulla capitale. riportati danni a infrastrutture. Almeno dieci feriti fra impiegati Dipartimento della Protezione civile il cui edificio è stato colpito. – “Ci sarà un’adeguata risposta” ha dichiarato il portavoce del ministero della Difesa dell’Artsakh dopo il bombardamento aereo di Stepanakert

(2 ott 20) PERDITE NEMICHE -Nelle ultime ore gli azeri hanno perso 39 veicoli armati, 4 aerei SU-25, 3 elicotteri MI-24, 17 droni e circa 850 uomini. Una divisione di artiglieria è stata annientata. Il ministero della difesa dell’Artsakh comunica che sono caduti 53 soldati armeni.

(2 ott 20) SESTO GIORNO DI GUERRA – La situazione nella zona di conflitto Artsakh -Azerbaigian è stata relativamente stabile e tesa durante la notte. L’Esercito di difesa dell’Artsakh informa che lo scambio di fuoco – di artiglieria e armi da fuoco – è continuato in direzioni separate, ma non sono stati registrati cambiamenti significativi nella situazione operativa e tattica. In questo momento, le ostilità sono riprese in tutte le direzioni del fronte. Le unità dell’Esercito di Difesa continuano a fermare tutti gli attacchi dell’avversario, facendo subire a quest’ultimo perdite di manodopera ed equipaggiamenti militari.

(1 ott 20) AGGIORNAMENTO NOTIZIE DEL GIORNO – Il ministero della difesa comunica che nel sud est dell’Artsakh questa mattina sono stati abbattuti un aereo e un elicottero azero. I resti dell’aereo si trovano in territorio armeno. Nello stesso settore poche ore dopo è stato abbattuto altro aereo +++ Anche la città di Hadrut è sotto bombardamento azero che continua a indirizzare colpi su obiettivi civili +++ Questa mattina l’Azerbaigian ha bombardato il villaggio di Ivanyan, lanciando 4 missili sul villaggio, uno dei quali è esploso e ha danneggiato una casa. A giudicare dalle foto, è sicuro dire che questi missili sono i missili lanciati dai lanciarazzi multipli Smerch o Uragan. Il calibro del missile Smerch è di 300 mm e quello di Uragan è di 220 mm. A seconda del tipo, il missile Smerch può essere lanciato a 20-90 km in aria e il missile Uragan – 5-35 km. +++ Cinque missili Grad sparato dalle forze azere sono finiti in territorio iraniano danneggiando alcune abitazioni del villaggio di Khoda Afarin che si trova a circa 10 km dal confine; feriti alcuni civili fra i quali un bambino di sei anni +++ Le forze armate azere hanno bombardato la strada che collega la città di Vardenis (Armenia) all’Artsakh attraverso il passo Sotk. Si tratta del collegamento settentrionale fra i due Paesi che si è aggiunto a quello di Goris più a sud

(1 ott 20) ANCHE GLI USA CONFERMANO PRESENZA MERCENARI – Un funzionario del governo statunitense conferma la presenza di mercenari jihadisti tra le fila delle forze armate azere. “I rapporti e le informazioni che parlavano di dozzine di viaggi tra Turchia e Azerbaigian nei giorni scorsi per trasportare centinaia di mercenari siriani sono provati e corretti ” ha dichiarato

(1 ott 20) FERITI GIORNALISTI FRANCESI – Due giornalisti francesi del quotidiano Le monde risultano feriti nel corso di bombardamenti azeri sulla città di Martuni. Ferito anche un cameraman di “Armenia Tv”. La Francia sta inviando aereo per trasportare in patria i due giornalisti feriti

(1 ott 20) QUINTO GIORNO DI GUERRA – Questa mattina nuove le battaglie sono divampate ma tutti i tentativi offensivi nemici, indipendentemente dalle dimensioni e dalle tattiche, sono falliti. L’avversario è stato respinto. Le perdite dei militari avversari sono comprese tra 350-360, con quasi 600 feriti. 3 elicotteri sono stati abbattuti, circa 15 diversi tipi di equipaggiamento corazzato, inclusi veicoli da combattimento di fanteria, sono stati distrutti, così come 1 sistema Smerch, 6 UAV. Si registrano prevalentemente attacchi di artiglieria. Circa 1280 soldati delle forze azere sono state uccisi in azione e 2700 feriti dall’inizio dell’attacco azero il 27 settembre. Le forze armate dell’Azerbaigian hanno perso 90 UAV, 11 elicotteri, 181 carri armati e attrezzature corazzate, 1 aereo da guerra e 2 sistemi Smerch. Secondo le ultime informazioni, l’esercito dell’Artsakh ha subito 103 soldati uccisi e oltre 120 feriti dall’inizio dei combattimenti il ​​27 settembre

Settembre 2020

(30 set 20) PRINCIPALI NOTIZIE DELLA GIORNATA – Il premier armeno Pashinyan ha dichiarato all’agenzia russa Tass che l’Armenia sta considerando la possibilità di riconoscere ufficialmente la repubblica di Artsakh fino a oggi tenuta in sospeso per non danneggiare le trattative negoziali ++++ Il nemico ha utilizzato aerei multifunzionali turchi F-16 nelle direzioni nord-est e poi meridionali dell’Esercito di difesa dell’Artsakh. L’Esercito di Difesa informa che al momento continuano intense battaglie lungo l’intera linea di contatto con l’Azerbaigian, e l’Esercito di Difesa sta riportando notevoli successi in diverse direzioni  ++++ Il ministero della difesa ha comunicato il nominativo di altre ventitrè soldati caduti nella difesa dell’Artsakh ++++ Il ministero della difesa comunica che nella giornata odierna le forze armene hanno inflitto gravi perdite al nemico distruggendo sistemi lanciamissili Smerch, Uragan e TOS, 11 carri armati e sei veicoli militari ++++ L’Ombudsman dell’Artsakh, Artak Beglaryan, ha diffuso la lista dei civili armeni caduti a causa dei bombardamenti azeri. Sette sono le persone perite: tre a Martakert oggi, due a Martuni, una ad Hadrut e Mets Shen (Martakert)

(30 set 20) TRE EX PRESIDENTI SI INCONTRANO – Robert Kocharyan, Arkady Ghukasyan e Bako Sahakyan, tre ex presidenti della repubblica dell’Artsakh, si sono oggi incontrati a Stepanakert

(30 set 20) BOMBARDATA MARTAKERT – Forze aeree azere hanno bombardato la città di Martakert come riferisce ministero difesa Artsakh. Si registrano al momento tre vittime civili e numerosi feriti

(30 set 20) CACCIA TURCHI IN AZIONE – Il nemico ha utilizzato aerei multifunzionali turchi F-16 nelle direzioni nord-est e poi meridionali dell’Esercito di difesa dell’Artsakh. L’Esercito di Difesa informa che al momento continuano intense battaglie lungo l’intera linea di contatto con l’Azerbaigian, e l’Esercito di Difesa sta riportando notevoli successi in diverse direzioni.  Inoltre, le perdite di attrezzature umane e militari dell’avversario sono in aumento.

(30 set 20) QUARTO GIORNO DI GUERRA – Durante la notte intensa attività di artiglieria lungo tutta la line di contatto. Registrate diverse incursioni di droni azeri sopra Stepanakert, due abbattuti. In atto importante attacco nel settore nord con azioni aeree e battaglia sul campo. Coinvolti droni turchi. Lanciati missili aria-terra da aerei da combattimento. Un drone turco/azero è stato abbattuto sopra Berdzor (Lachin)

(30 set 20) RICONOSCIMENTO ARTSAKH – Il premier armeno Pashinyan ha dichiarato all’agenzia russa Tass che l’Armenia sta considerando la possibilità di riconoscere ufficialmente la repubblica di Artsakh fino a oggi tenuta in sospeso per non danneggiare le trattative negoziali.

(29 set 20) TERZO GIORNO DI GUERRA – Continuano combattimenti con diversa intensità lungo tutta la linea di contatto. L’Azerbaigian sta preparando un nuovo attacco dopo che le forze di difesa armene hanno respinto il nemico e recuperato parte delle posizioni perdute domenica. Gravi perdite inflitte agli azeri. La situazione rimane comunque difficile. L’Esercito di difesa armeno ha perso 89 soldati caduti in due giorni di combattimento. (qui tutti gli aggiornamenti della giornata)

(28 set 20) DICHIARAZIONE MINISTERO AA.EE. ARMENIA – “Dal 28 settembre è in corso l’aggressione su vasta scala dell’Azerbaigian contro l’Artsakh. Le dichiarazioni della comunità internazionale, inclusi i copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE e dei loro Stati sull’escalation della situazione lungo la linea di contatto tra l’Artsakh e l’Azerbaigian dimostrano definitivamente che la comunità internazionale condanna l’uso della forza e la compromissione della pace regionale e sicurezza. Mentre affronta questa posizione unita della comunità internazionale, la parte azera ricorre a diffondere bugie evidenti accusando la parte armena di istigare le ostilità. Ci sono fatti innegabili che sia stato l’Azerbaigian a dare il via a questa aggressione. Per anni l’Azerbaigian ha costantemente violato gli accordi trilaterali 1994-1995 sull’istituzione del regime di cessate il fuoco, che non hanno limiti di tempo, ha respinto le proposte della Copresidenza del Gruppo di Minsk dell’OSCE sull’introduzione di meccanismi di indagine sulle violazioni del cessate il fuoco e il rafforzamento del monitoraggio del cessate il fuoco, mantenendo così le possibilità dell’uso della forza e istigando un “gioco di colpa”. Il fatto che il 25 settembre l’Azerbaigian abbia respinto la richiesta del Rappresentante personale del Presidente in esercizio dell’OSCE di monitorare la linea di contatto è un esempio calzante, che rivela chiaramente gli obiettivi dell’Azerbaigian di coprire i suoi piani per scatenare una guerra. L’attuale aggressione dell’Azerbaigian contro l’Artsakh ha due caratteristiche. L’Azerbaigian ha denunciato pubblicamente il processo di pace a livello del presidente Aliyev e ha formulato un obiettivo per risolvere il conflitto del Nagorno-Karabakh avviando una guerra a tutti gli effetti. In secondo luogo, a tal fine, l’Azerbaigian riceve un sostegno politico-militare su larga scala dalla Turchia. In particolare, la Turchia sostiene l’Azerbaigian nel contesto del conflitto del Nagorno-Karabakh sin dagli anni ’90, quando impose il blocco della terra alla Repubblica di Armenia. Tuttavia, il sostegno della Turchia a questa aggressione e la sua preparazione a questa aggressione e la sua preparazione hanno subito cambiamenti qualitativi ed è caratterizzato dalla sua presenza diretta sul terreno. Gli esperti militari turchi stanno combattendo fianco a fianco con l’Azerbaigian, che sta utilizzando le armi turche, compresi UAV e aerei da guerra. Secondo fonti credibili, la Turchia recluta e trasporta combattenti terroristi stranieri in Azerbaigian. Nel frattempo, la Turchia fornisce pieno sostegno politico e propagandistico all’Azerbaigian al più alto livello della sua leadership. La situazione sul campo indica chiaramente che il popolo dell’Artsakh sta combattendo contro l’alleanza turco-azera. La Turchia, che un secolo fa ha annientato il popolo armeno nella sua patria storica e fino ad ora giustifica quel crimine, ora sostiene l’Azerbaigian con tutti i mezzi possibili per compiere gli stessi atti genocidi nel Caucaso meridionale. Questa alleanza genocida turco-azera è una seria minaccia per i popoli della regione. L’Armenia e l’Artsakh sono fortemente determinati a respingere con tutte le loro capacità e neutralizzare l’intento di tale alleanza. E quella forte determinazione delle parti armene non ha alternative, poiché incarna la volontà incrollabile del popolo armeno di vivere nella loro patria storica. L’Armenia è assolutamente fiduciosa che l’avventurismo militare dell’Azerbaigian fallirà, e l’Azerbaigian sarà costretto a rinunciare alla sua intenzione di risolvere il conflitto con mezzi militari ea parlare con il popolo dell’Artsakh non attraverso raffiche di artiglieria, ma al tavolo dei negoziati.”

(28 set 29) CONTINUA L’ATTACCO AZERO – Le forze di difesa armene hanno recuperato la maggior parte delle posizioni che erano state perdute nel corso della prima offensiva azera. Gli aggressori hanno lasciato sul terreno decine di cadaveri. Tuttavia da questa mattina gli azeri hanno lanciato una nuova massiccia offensiva contro tutta la linea di difesa dell’Artsakh a conferma della premeditazione dell’attacco. (qui tutti gli aggiornamenti della giornata)

(27 set 20) ABBATTUTI VEICOLI AZERI – “Armenpress” riporta che l’Esercito di difesa dell’Artsakh ha abbattuto quattro elicotteri azeri, quindici droni da combattimento e distrutto dieci carri armati.

(27 set 20) COMUNICATO GRUPPO MINSK OSCE – “I copresidenti guardano con preoccupazione alle notizie di azioni militari su vasta scala lungo la linea di contatto nella zona di conflitto del Nagorno Karabakh. Condanniamo fermamente l’uso della forza e ci rammarichiamo per l’insensata perdita di vite umane, compresi i civili. I copresidenti fanno appello alle parti affinché cessino immediatamente le ostilità e riprendano i negoziati per trovare una soluzione sostenibile del conflitto. I copresidenti invitano le parti ad adottare tutte le misure necessarie per stabilizzare la situazione sul terreno e ribadiscono che non vi è alternativa a una soluzione pacifica negoziata del conflitto

(27 set 20) ATTACCO AZERO ALL’ARTSAKHDa questa mattina è in corso un pesante attacco missilistico azero contro la repubblica del Nagorno Karabakh (Artsakh). Colpiti insediamenti civili compresa la capitale Stepanakert. Molti cittadini stanno trovando riparo nei rifugi. Le forze armate armene hanno abbattuto due elicotteri e tre droni; distrutti anche alcuni carri armati. Tutte le milizie armene sono strenuamente impegnate nella difesa dei confini in questo che risulta essere un attacco ancor più grave di quello del 2016. (tutte le notizie qui)

(25 set 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 404 i casi di Covid 19 dall’inizio della pandemia. 337 persone risultano già guarite, 65 sono in trattamento (con due pazienti in condizioni critiche e altri otto in condizioni moderate) e 86 in isolamento cautelativo. Ad oggi sono stati condotti 14.043 test. In questi giorni si registra un aumento dei casi così come in Armenia e in buona parte del mondo

(25 set 20) RAPPRESENTANTE UE A BAKU – L’Alto rappresentante dell’Unione europea per il Caucaso meridionale è a Baku per una serie di colloqui. Toivo Klaar ha annunciato su Twitter che si tratterrà nella capitale azera per due giorni. “L‘UE ha un forte interesse per la pace e la stabilità nel Caucaso meridionale. È importante ridurre le tensioni e tornare al processo di negoziati sostanziali senza precondizioni guidati dai co-presidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE ”, ha osservato.

(24 set 20) ANDAMENTO ECONOMIA PRIMO TRIMESTRE – Il Ministero dell’Economia ha comunicato i dati relativi all’import-export della repubblica nel primo trimestre 2020. La maggior parte delle esportazioni per AMD 11.800.000.000 (circa 21 milioni di euro), pari al 69,9% delle esportazioni totali, hanno interessato prodotti minerali, seguiti da pietre preziose e metalli per AMD 3.100.000.000 (5,5 milioni di euro) pari al 18,6%, alimenti confezionati per il 3,4%, animali e prodotti di origine animale (2,5%). Nel primo trimestre del 2020, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, le esportazioni di prodotti dall’Artsakh sono diminuite di quasi il 20%. Le importazioni sono diminuite del 7,5%.

(24 set 20) CIMITERO DI STEPANAKERT – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyounyan ha visitato oggi l’area di un cimitero situato nel settore orientale di Stepanakert insieme al sindaco di Stepanakert Davit Sargsyan e al ministro dello sviluppo urbano Aram Sargsyan. La strada di accesso al campo santo sarà asfaltata entro fine anno e sarà realizzata una nuova area per le seppelliture.

(21 set 20) INDIPENDENZA ARMENIA – Il presidente della repubblica Harutyunyan è a Yerevan per partecipare alle manifestazioni celebrative del 29° anniversario dell’indipendenza dell’Armenia. Nella giornata odierna ha avuto un colloquio ufficiale con il premier Pashinyan. Nella giornata di domani è in programma un incontro con il ministro della Difesa.

(19 set 20) PARLAMENTO – Il presidente Harutyunyan ha annunciato che la sede del parlamento sarà spostata nel 2022 dalla capitale Stepanakert alla città di Shushi. Il Capo dello Stato ha dichiarato che nel corso della sua ultima visita a Shushi ha esaminato la possibile ubicazione della nuova sede.

(19 set 20) VIOLAZIONI AZERE – Nel corso dell’ultima settimana sono state registrate circa 295 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 2300 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene.

(18 set 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 352 i casi di Covid 19 dall’inizio della pandemia. 311 persone risultano già guarite, 39 sono in trattamento (con due pazienti in condizioni critiche e altri otto in condizioni moderate) e 79 in isolamento cautelativo. Ad oggi sono stati condotti 13.326 test. Intanto il presidente della repubblica ha esteso per un altro mese lo stato di emergenza Covid.

(17 set 20) PRESIDENTE – Il presidente della repubblica Harutyunyan si è recato oggi in visita in numerose postazioni difensive lungo la linea di contatto.

(17 set 20) REGIONE DI ASKERAN – Sasun Barseghyan è il nuovo governatore della regione di Askeran. Il presidente Harutyunyan ha firmato il relativo decreto di nomina. Barseghyan subentra a Ashot Dadayan.

(16 set 20) AUMENTA TENSIONE CONFINE ARMENIA – Sale la tensione lungo il confine nord orientale dell’Armenia con l’Azerbaigian. Un soldato armeno, il sergente Hovik Tamazyan, è stato mortalmente colpito come informa il ministero della Difesa di Yerevan.

(14 set 20) CONSIGLIO DI SICUREZZA – Il presidente della repubblica ha approvato la composizione del nuovo Consiglio di Sicurezza che prevede oltre al Capo dello Stato il presidente dell’Assembla nazionale, il ministro di Stato, il Segretario del Consiglio, il capo dello staff presidenziale, i ministri di Difesa ed Esteri, il capo della Polizia, il direttore del Servizio di sicurezza nazionale e alcuni consiglieri governativi.

(11 set 20) VIOLAZIONI AZERE – Nel corso dell’ultima settimana sono state registrate circa 310 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 3200 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene.

(11 set 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 328 i casi di Covid 19 dall’inizio della pandemia. 283 persone risultano già guarite, 43 sono in trattamento (con due pazienti in condizioni critiche e altri otto in condizioni moderate) e 64 in isolamento cautelativo. Ad oggi sono stati condotti 12.680 test. Intanto il presidente della repubblica ha esteso per un altro mese lo stato di emergenza Covid.

(10 set 20) FAMIGLIA DA BEIRUT – Una prima famiglia armena proveniente da Beirut è giunta in Artsakh e si è stabilità a Shushi. Sono attese altre famiglie armene che hanno abbandonato la capitale libanese sconvolta dalla terribile esplosione di alcune settimane or sono che ha pesantemente danneggiato anche il quartiere armeno.

(10 set 20 DONAZIONE AMBULANZE – l’Armenia ha donato all’Artsakh tre nuove ambulanze e sette veicoli di assistenza sanitaria equipaggiati di tutte le attrezzature mediche.

(9 set 20) NUOVA MILIZIA – Nel corso di un incontro con i parlamentari il Segretario del Consiglio di sicurezza dell’Artsakh, Samvel Babayan, si è soffermato sul progetto di prossima esecuzione relativo alla creazione di una milizia che sarà un’unità militare separata dall’Esercito di difesa. Alla domanda se si ritenga che anche gli armeni della diaspora avranno l’opportunità di essere inclusi in questa milizia, Samvel Babayan ha affermato che la circostanza, almeno nei primi mesi, sarà esclusa per vari motivi logistici.

(8 set 20) EMERGENZA COVID – Le restrizioni all’ingresso e all’uscita da Artsakh (Nagorno-Karabakh) sono state revocate. Il Comandante dell’attuale situazione di emergenza correlata al coronavirus in Artsakh ha firmato oggi la rispettiva decisione, che entra in vigore al momento dell’emissione.

(7 set 20) MORAT GIORNALISTA CECA – All’età di 66 anniè morta la giornalista ceca Dana Mazalova. Corrispondente di guerra durante il conflitto degli anni Novanta, la Mazalova (in seguito anche avvocato) aveva fornito informazioni oggettive sulla situazione sul campo smontando talune argomentazioni fantasiose di parte azera. Il presidente Harutyunyan ha twittato un messaggio di

(7 set 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 315 i casi di Covid 19 dall’inizio della pandemia. 270 persone risultano già guarite, 43 sono in trattamento (con due pazienti in condizioni critiche e altri otto in condizioni moderate) e 64 in isolamento cautelativo. Ad oggi sono stati condotti 12.181 test.

(3 set 20) VIOLAZIONI AZERE – Nel corso dell’ultima settimana sono state registrate circa 300 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 3000 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene.

(2 set 20) MESSAGGIO DEL PRESIDENTE – Il presidente della repubblica Harutyunyan ha indirizzato il seguente messaggio alla nazione in occasione del 29mo anniversario dell’indipendenza: “Abbiamo creato insieme questa importante festa di Stato, grazie alla combinazione degli sforzi di tutti gli armeni, il più grande dovere per la nostra patria, la memoria dei nostri antenati e il futuro delle generazioni, il nostro coraggio e la nostra resistenza. Abbiamo creato tenendo a mente il sogno di avere un paese libero, indipendente e felice. Oggi Il nostro popolo è sulla buona strada per realizzare quel caro sogno. Sono convinto che lo raggiungeremo con successo perché stiamo costruendo, migliorando e difendendo la nostra patria, creando le condizioni necessarie per una vita dignitosa per i nostri cittadini. Lo faremo per gli eroi caduti del nostro popolo. Questo è il sacro dovere di tutti noi. Gloria eterna a tutti i nostri eroi caduti grazie ai quali questa festa è diventata realtà.Lunga vita alla Repubblica dell’Artsakh. Lunga vita al popolo armeno! ” si legge nel messaggio di congratulazioni del Presidente.

(2 set 20) FESTA DELLA REPUBBLICA – In tutta la repubblica di Artsakh si sono tenente manifestazioni in occasione dell’anniversario della indipendenza. La cerimonia più importante si è tenuta al memoriale di Stepanakert dove hanno deposto una corona di fiori il presidente della repubblica Harutyunyan e il presidente del parlamento dell’Armenia Mirzoyan. Presente l’arcivescovo Martirosyan e le massime autorità civili e religiose dell’Artsakh.

(2 set) CONFERENZA PRESIDENTE – A cento giorni dall’assunzione dell’incarico il presidente della repubblica Harutyunyan ha tenuto una conferenza stampa nel corso della quale ha affermato che tutti dovrebbero fare del proprio meglio per risolvere tutti i problemi, spesso anche apparentemente irrisolvibili, che il paese deve affrontare. Tutti i programmi ambiziosi e su larga scala che sono stati progettati devono essere attuati. Per attuare tutti i programmi, “abbiamo il potenziale, la volontà e la determinazione necessari, la grande fiducia del popolo e il sostegno di tutti gli armeni“ ha detto il presidente. Quanto al lavoro svolto Harutyunyan Ha dichiarato che “Abbiamo adottato il principio di Strong Border, Firm Back e Protected Homeland nel campo della difesa. Si stanno intraprendendo azioni necessarie per rafforzare la preparazione al combattimento del paese, l’esercito mirava ad attuare questo principio. Non verranno risparmiati fondi per garantire la sicurezza e per l’esercito ”, ha detto il presidente.

(2 set 20) AGGIORNAMENTO COVID – Alla data odierna risultano segnalati dall’inizio della pandemia 295 casi con 265 già guariti e 30 in trattamento. Nessun decesso direttamente collegato al virus. 55 persone sono attualmente in isolamento cautelativo. 10897 i test eseguiti

(1 set 20) PRIMO GIORNO DI SCUOLA – É suonata la campanella per 2452 studenti delle 217 scuole della repubblica. Le lezioni si terranno nel rispetto delle norme di prevenzione al Covid 19.

Agosto 2020

(27 ago 20) EROE DELL’ARTSAKH – Il Ministero della Difesa dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh) ha presentato una petizione per conferire il titolo più alto di Artsakh (Eroe dell’Artsakh) al Capitano Armenak Urfanyan, morto eroicamente durante la Guerra dell’Artsakh dei quattro giorni nell’aprile 2016. Questo è ciò che il Presidente di Artsakh Arayik Haroutyunyan ha pubblicato sulla sua pagina FACEBOOK.

(26 ago 20) GRUPPO DI MINSK – “I tentativi di cambiare il formato del Gruppo di Minsk dell’Osce sono inaccettabili”. Così il ministro degli Esteri della federazione russa, Sergey Lavrov, nella conferenza stampa a margine dell’incontro con il collega azero Bayramov.

(24 ago 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 271 i positivi da inizio pandemia con 20 cittadini con patologia in atto, 249 già guariti e 39 persone in isolamento cautelativo. 9128 i test compiuti su una popolazione di 150.000 abitanti

(23 ago 20) MARTUNI – Il presidente Harutyunyan ha preso parte a una cerimonia in occasione del 95° anniversario della fondazione della città di Martuni. Dopo l’evento pubblico ha presieduto una riunione di lavoro dedicata principalmente al tema dell’edilizia residenziale e ha illustrato il progetto che prevede la realizzazione nel prossimo quinquennio di circa 500 appartamenti in città e nella provincia.

(23 ago 20) CATTURATO SOLDATO ARMENO – Secondo fonti azere un soldato armeno sarebbe stato catturato lungo la linea di contatto (che corre in quota lungo la catena dei monti Mrav) tra Artsakh (regione di Martakert) e Azerbaigian (regione di Goramboy). Si tratterebbe del tenente Gurgen Alaverdyan (o Albertyan) che viene ripreso in video sotto la neve, incappucciato. L’uomo si sarebbe perso causa cattivo tempo (nebbia e neve) e sarebbe finito nelle mani nemiche. Non sono state rilasciate al momento comunicazioni ufficiali da parte del ministero della Difesa dell’Artsakh.

(22 ago 20) VIOLAZIONI AZERE – Nella settimana dal 16 al 22 agosto sono state registrate circa 350 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 3500 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. La situazione rimane relativamente calma.

(21 ago 20) EDILIZIA RESIDENZIALE – Secondo il piano del governo, nel prossimo quinquennio dovrebbero essere realizzati un migliaio di appartamenti residenziali all’anno. Lo ha annunciato il ministro del lavoro, affari sociali e politiche abitative precisando che il programma partirà dal prossimo gennaio.

(18 ago 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 255 i positivi da inizio pandemia con 7 cittadini con patologia in atto, 248 già guariti e 11 persone in isolamento cautelativo. 8207 i test compiuti su una popolazione di 150.000 abitanti

(17 ago 20) POLITICA ESTERA – Il presidente della repubblica ha firmato un decreto che disciplina e coordina i diversi organi dello Stato in tema di politica estera delineando per ciascuno di essi le relative competenze. In tema di dichiarazioni ufficiali, solo il presidente e il ministro sono autorizzati mentre altri uffici possono intervenire solo su specifica indicazione. Parimenti, funzionari governativi possono rilasciare dichiarazioni solo se in linea con la posizione ufficiale della repubblica.

(15 ago 20) VIOLAZIONI AZERE – Nella settimana dal 9 al 15 agosto sono state registrate circa 300 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 6000 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. La situazione rimane relativamente calma anche se si registra un incremento dell’attività azera nel numero di colpi sparati.

(13 ago 20) PROROGATO STATO EMERGENZA – Lo stato di emergenza per la pandemia Covid è stato prorogato di un altro mese. Da qualche settimana si registra un sensibile rallentamento dei casi ma continuano a essere in vigore tutte le misure preventive.

(13 ago 20) HARUTYUNYAN RISPONDE ALLE PROVOCAZIONI AZERE – “Se l’avversario lancia un piccolo proiettile o una bomba su Stepanakert, riceverà la risposta a Kirovabad”. Così il presidente della repubblica ha risposto a una domanda durante un incontro organizzato con i giovani. Kirovabad è il vecchio nome dell’attuale Ganja (Gäncä), seconda città dell’Azerbaigian

(11 ago 20) LEGGE DI BILANCIO – Il parlamento in seconda lettura ha approvato la legge di bilancio per l’esercizio 2020. Ventisei i voti a favore e sei i contrari.

(8 ago 20) VIOLAZIONI AZERE – Nella settimana dal 2 al 8 agosto sono state registrate circa 300 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 1800 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. La situazione rimane relativamente calma.

(6 ago 20) SOLIDARIETA’ AL LIBANO – Il presidente della repubblica Harutyunyan ha espresso solidarietà e vicinanza al popolo libanese duramente colpito dall’esplosione di Beirut. Al tempo stesso ha reso nota la disponibilità alla sistemazione di 150 famiglie rimaste senza casa. Secondo le notizie che giungono dal Libano, sono al momento sei gli armeno-libanesi rimasti uccisi dallo scoppio e un quartiere armeno risulta danneggiato. Anche la sede del Catolicato della Grande Casa di Cilicia ha subito alcuni danni.

(6 ago 20) AGGIORNAMENTO COVID – Ad oggi risultano contagiate dall’inizio della pandemia 248 cittadini, 189 dei quali già guariti. Rimangono in trattamento 59 pazienti. 6343 test sono stati condotti sulla popolazione (150.000 abitanti).

(3 ago 20) CONSIGLIO DEI MINISTRI – Il presidente della repubblica ha presieduto il primo Gabinetto dei Ministri dedicato prevalentemente al bilancio statale 2020 e al programma di interventi per il prossimo quinquennio. Sono stati approvati alcuni disegni di legge che dovranno essere poi votati dall’Assemblea nazionale. Il presidente ha ribadito la necessità per l’Artsakh di sviluppare sicurezza e miglioramenti economici per la popolazione e ha invitato tutte le forze politiche a perseguire una strada condivisa.

(3 ago 20) EDIFICI RESIDENZIALI – Il presidente della repubblica ha tenuto una riunione di lavoro dedicata al tema degli edifici residenziali fatiscenti nella capitale Stepanakert

(1 ago 20) DOMANDE DI GRAZIA – Il presidente della Repubblica Artsakh, Arayik Harutyunyan, ha firmato un decreto sui risultati dell’esame delle domande di grazia.

(1 ago 20) VIOLAZIONI AZERE – Il ministero della Difesa dell’Artsakh comunica che nell’ultima settimana si sono registrate lungo la linea di contatto circa 170 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 1700 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene.

Luglio 2020

(29 lug 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 228 i positivi da inizio pandemia con 65 cittadini con patologia in atto, 168 già guariti e 121 persone in isolamento cautelativo. 5201 i test compiuti su una popolazione di 150.000 abitanti

(29 lug 20) ARMENIA E AZERBAIGIAN – Il ministero della Difesa dell’Armenia comunica che la situazione lungo la linea di contatto tra i due Paesi si mantiene relativamente calma. Ieri il premier Pashinyan aveva sottolineato come gli attacchi azeri di metà luglio si siano concentrati sopratutto nelle aree dove vi erano maggiori insediamenti civili armeni. Intanto la Diaspora nord americana ha annunciato un aiuto economico per la riparazione delle abitazioni danneggiate dai mortai azeri.

(28 lug 20) NUOVO DISTRETTO RESIDENZIALE – Il presidente della repubblica ha presenziato oggi alla cerimonia di inizio lavori per la costruzione di un nuovo distretto residenziale nella capitale Stepanakert. I lavori per la costruzione di 228 appartamenti termineranno nel 2022.

(27 lug 20) COMANDO EMERGENZA COVID – Cambio al vertice del Comando dedicato alla situazione di emergenza Covid19. Il ministro di Stato Grigori Martirosyan lascia l’incarico a favore del ministro per l’Amministrazione territoriale e lo sviluppo Zhirayr Mirzoyan. Il presidente Harutyunyan ha firmato oggi i relativi decreti.

(26 lug 20) FORSE PRIMO DECESSO PER COVID – Una paziente di 90 anni, già affetta da Covid 19, è deceduta per altra patologia. Complessivamente dall’inizio della pandemia risultano 212 casi, 149 già risolti. 63 persone sono in trattamento (cinque in condizioni serie), 125 in isolamento.

(25 lug 20) HARUTYUNYAN CENSURA ODIO AZERO – In un messaggio il presidente della repubblica ha censurato la campagna di odio mossa a livello internazionale dall’Azerbaigian contro gli azeri. “Trovo inaccettabile l’incitamento da parte dell’Azerbaigian di scontri etnici che indicano esplicitamente la mancanza di volontà politica e il reale impegno dell’Azerbaigian a raggiungere una soluzione duratura del conflitto. Chiedo un’azione immediata per valutare adeguatamente, sia politicamente che legalmente, la perpetrazione della violenza etnica da parte dell’Azerbaigian e sollecito la comunità internazionale a unire le forze per prevenire l’intolleranza etnica, la xenofobia e la violenza correlata promossa dal funzionario Baku. Allo stesso tempo, conto sulla moderazione dei nostri compatrioti nella Diaspora e li esorto a non soccombere alle provocazioni” ha scritto tra l’altro Harutyunyan.

(25 lug 129) COMUNICATO GRUPPO DI MINSK OSCE – I co-presidenti del Gruppo di Minsk dell’Osce hanno rilasciato oggi il seguente comunicato: “I co-presidenti e il Rappresentante personale del presidente dell’Osce in carica (PRCIO) accolgono con favore la relativa stabilità lungo il confine tra Azerbaigian e Armenia dal 16 luglio. I co-presidenti chiedono alle parti di trarre vantaggio dall’attuale riduzione delle ostilità attive per prepararsi a seri negoziati sostanziali per trovare una soluzione globale al conflitto. I co-presidenti sottolineano ancora una volta che astenersi da dichiarazioni e azioni provocatorie, comprese le minacce o le minacce così come percepite ai civili o alle infrastrutture critiche, è essenziale durante questo delicato periodo. I co-presidenti rilevano che le recenti dichiarazioni pubbliche che criticano gli sforzi congiunti dei paesi co-presidenti e / o cercano unilateralmente di stabilire nuove “condizioni” o modifiche al formato del processo di risoluzione non sono favorevoli a riprendere un dialogo costruttivo. I co-presidenti ribadiscono che la volontà politica di raggiungere una soluzione pacifica duratura è meglio dimostrata astenendosi da posizioni massimaliste, aderendo rigorosamente al cessate il fuoco e astenendosi da dichiarazioni e azioni provocatorie. I co-presidenti e il PRCIO esprimono apprezzamento per il forte impegno da parte di leader di organizzazioni internazionali tra cui le Nazioni Unite, l’OSCE e l’Unione europea, i cui appelli per una stretta adesione al cessate il fuoco e un rinnovato dialogo sotto gli auspici dei co-presidenti si sono allineati con e hanno sostenuto gli sforzi intensivi di mediazione dei co-presidenti. Consideriamo particolarmente positiva l’imparzialità di tali interventi, che hanno spinto le parti a concentrarsi sulla riduzione delle tensioni piuttosto che sull’assegnazione ad altri della sola responsabilità di provocare la recente escalation. I co-presidenti accolgono con favore il crescente consenso internazionale che richiede la riduzione della tensione e un rapido ritorno ai negoziati in buona fede senza condizioni. I co-presidenti ribadiscono che i principi e gli elementi enunciati nella loro dichiarazione del 9 marzo 2019 continuano a costituire la base dei loro sforzi di mediazione. I co-presidenti sono pronti a incontrarsi con i leader o i loro designati in qualsiasi momento. I co-presidenti sottolineano inoltre che i monitor OSCE dovrebbero ritornare nella regione il più presto possibile.”

(24 lug 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 193 i positivi da inizio pandemia con 46 cittadini con patologia in atto, 147 già guariti e 98 persone in isolamento cautelativo. 4346 i test compiuti su una popolazione di 150.000 abitanti

(23 lug 20) ARMENIA DONA AMBULANZE – Il ministero della Salute della repubblica di Armenia ha donato dieci nuove ambulanze all’Artsakh. I mezzi dovevano essere disponibili sin dallo scorso mese di marzo ma l’emergenza Covid 19 ha rallentato di fatto la consegna.

(23 lug 20) MINISTERO DEGLI ESTERI – IL ministro degli Esteri Mayilian ha indirizzato un messaggio in occasione del 23 anniversario della fondazione del dicastero

(23 lug 20) ARMENIA-AZERBAIGIAN – Situazione relativamente calma sulla frontiera fra i due Stati dopo gli scontri della scorsa settimana. L’Armenia deve purtroppo registrare una nuova vittima: è deceduto in ospedale il soldato Artur Muradyan che era rimasto gravemente ferito il giorno 14 durante un attacco azero.

(22 lug 20) NUOVO ATTACCO AZERO – Il ministero della Difesa dell’Armenia denuncia un nuovo attacco azero avvenuto intorno alle 22,30 di ieri. Gli azeri sarebbero stati respinti. Non confermate voci di prigionieri. Baku smentisce.

(20 lug 20) 50 ABITAZIONI DANNEGGIATE A TAVUSH – A seguito degli indiscriminati bombardamenti azeri contro insediamenti civili della regione di Tavush (Armenia) sono una cinquantina le abitazioni danneggiate. Per 12 sono già stati approntati lavori di risistemazione. Lo riferisce il governatore della regione.

(20 lug 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 171 i positivi da inizio pandemia con 27 cittadini con patologia in atto, 144 già guariti e 56 persone in isolamento cautelativo. 3796 i test compiuti su una popolazione di 150.000 abitanti

(18 lug 20) ABBATTUTO DRONE AZERO – L’esercito di difesa dell’Artsakh ha abbattuto questa mattina alle 6,38 ore locali un drone azero di sorveglianza modello Orbiter 3.

(17 lug 20) ARMENIA-AZERBAIGIAN – Cala la tensione lungo il confine tra i due Paesi dopo gli scontri dei giorni scorsi. La situazione secondo il ministero della Difesa di Yerevan è relativamente calma.

(15 lug 20) IL PRESIDENTE A TALISH E MATAGHIS – Il presidente della repubblica Harutyunyan si è recato oggi nella regione di Martakert e ha quindi postato il seguente messaggio: “Cari compatrioti, sono appena tornato dai villaggi di confine di Talish e Mataghis della regione di Martakert. Ho incontrato i residenti, ascoltato i loro problemi e assegnato incarichi pertinenti. Accompagnato dal Primo Vice Comandante del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito della Difesa Kamo Vardanyan, ho anche visitato il confine, appreso della situazione operativa e parlato con le guardie di frontiera. Vi assicuro che i confini armeni sono forti e inespugnabili. Solo un folle avversario può pensare di tentare di attaccare i nostri confini; in tal caso, l’impatto sarà molto doloroso e irreversibile”

(15 lug 20) AGGIORNAMENTO AM/AZ – Oggi situazione relativamente calma lungo la linea di frontiera tra Armenia e Azerbaigian. Il bilancio al momento riferisce di 12 soldati azeri e 4 armeni caduti negli scontri. Secondo il ministero della Difesa dell’Armenia sarebbero dieci i droni azeri abbattuti in tre giorni. Conquistata da Yerevan una postazione difensiva azera in altura. Gli azeri hanno sparato molti colpi su insediamenti civili armeni lungo il confine, colpita anche una fabbrica tessile che produce mascherine anti Covid. Sostanziale calma sulla linea di contatto Artsakh/Azerbaigian.

(15 lug 20) QUATTRO LE VITTIME ARMENE – Sono quattro i soldati armeni che hanno perso la vita a causa dell’attacco azero. Si tratta del maggiore Garush Hambardzumyan, del capitano Sos Elbakyan e dei sergenti Smbat Gabrielyan e Grisha Matevosyan. Il presidente dell’Armenia Sarkissian ha firmato il decreto di decorazione postuma per i quattro caduti.

(14 lug 20) SILURATO IL MINISTRO AZERO – Elmar Mammadyarov, storico ministro degli esteri dell’Azerbaigian, in carica dal 2004, è stato silurato dal presidente Aliyev. Al suo posto è stato nominato Jeyhun Bayramov già ministro dell’Educazione e considerato un “falco”nel regime di Baku.

(13 lug 20) L’ARMENIA RISPONDE ALLA TURCHIA – Il ministero degli esteri di Yerevan ha rilasciato il seguente comunicato: “Il 12 luglio, il Ministero degli Esteri della Turchia ha rilasciato una dichiarazione, in cui la parte turca non solo ha espresso il proprio sostegno incondizionato all’Azerbaigian, giustificando di fatto l’uso della forza da parte dell’Azerbaigian sul confine armeno-azero, ma ha anche diffuso una totalmente falso e fuorviante informazione. Questo atteggiamento provocatorio della Turchia e le sue infondate accuse nei confronti dell’Armenia attestano che questo Paese non ha agito come membro del Gruppo Minsk dell’OSCE, ma come parte coinvolta nel conflitto del Nagorno Karabakh. Questo fatto rende ancora più impossibile per la Turchia svolgere qualsiasi ruolo nelle questioni relative al conflitto nel Nagorno Karabakh, all’interno del quadro internazionale e in particolare nel quadro dell’OSCE. I tentativi della Turchia di intervenire nei conflitti nelle regioni limitrofe hanno già compromesso la sicurezza e la stabilità al riguardo. Condanniamo fermamente i tentativi della Turchia di istigare l’instabilità nella nostra regione e affermiamo che l’Armenia continuerà a lavorare costantemente per mantenere e rafforzare la sicurezza internazionale e regionale, collaborando strettamente con i partner internazionali a tal fine.”

(13 lug 20) COMUNICATO MINISTERO ESTERI ARTSAKH -“Condanniamo fermamente la grave violazione del regime di cessate il fuoco commessa dalla parte azera il 12 luglio sul confine armeno-azero nella regione di Tavush nella Repubblica di Armenia, seguita da un’escalation mirata della tensione. L’attacco alle posizioni armene da parte dell’esercito azero con l’impiego di attrezzature pesanti, nonché i colpi di mortaio nei villaggi di confine dell’Armenia rappresentano una minaccia diretta per la sicurezza e la stabilità regionali. Ribadiamo che il concetto distorto della supremazia della forza militare sul diritto internazionale esistente nel più alto stabilimento politico dell’Azerbaigian è una fonte di continue minacce e un serio fattore destabilizzante nel Caucaso meridionale. Respingiamo risolutamente qualsiasi tentativo di incoraggiare l’abbandono da parte di Baku dei suoi obblighi internazionali. A questo proposito, riteniamo inaccettabile la dichiarazione del ministero degli Esteri turco a sostegno delle provocazioni e delle violazioni del regime di cessate il fuoco da parte dell’Azerbaigian. Sottolineiamo ancora una volta che una tale posizione della Turchia rende insensata la sua adesione al Gruppo Minsk dell’OSCE. Esortiamo la comunità internazionale e i co-presidenti del gruppo di Minsk dell’OSCE a fornire una valutazione adeguata sia delle azioni dell’Azerbaigian sulla destabilizzazione della situazione sul confine armeno-azero sia dell’incoraggiamento di questi passi da parte di Ankara.”

(13 lug 20) COMUNICATO GRUPPO DI MINSK – “Secondo quanto riferito dai ministeri della Difesa dell’Armenia e dell’Azerbaigian, nonché da altre fonti, il 12-13 luglio si è verificata una grave violazione del cessate il fuoco sul confine armeno-azero, causando vittime. Secondo quanto riferito, l’artiglieria di vari calibri fu usata da entrambe le forze. I co-presidenti e il Rappresentante Personale del Presidente in esercizio dell’OSCE (PRCIO) Andrzej Kasprzyk si rammaricano per la perdita di vite umane e offrono le loro condoglianze alle famiglie di coloro che sono stati uccisi e feriti. I co-presidenti e il PRCiO sono stati in diretto contatto con i funzionari armeni e azeri sin dall’inizio dell’incidente. Le parti si sono accusate a vicenda di iniziare i combattimenti. I co-presidenti del gruppo di Minsk condannano le recenti violazioni del cessate il fuoco e invitano le parti a prendere tutte le misure necessarie per prevenire ulteriori escalation, anche mediante l’uso dei canali di comunicazione diretta esistenti tra di loro. I co-presidenti del gruppo di Minsk chiedono inoltre alle parti di riprendere al più presto negoziati sostanziali e sottolineare l’importanza di restituire i monitor OSCE nella regione non appena le circostanze lo consentano.”

(13 lug 20) HARUTYUNYAN SU ATTACCO AZERO – Il presidente della repubblica ha duramente condannato l’attacco azero contro l’Armenia: “Sono profondamente preoccupato per i tentativi di infiltrazione dell’Azerbaigian del 12-13 luglio e attacchi con armamenti pesanti sul confine di stato della Repubblica di Armenia in direzione della regione di Tavush. Condanniamo fermamente le azioni azere volte a innalzare deliberatamente la situazione e ad ampliare la geografia dell’escalation. Questi incidenti al confine con lo stato armeno e l’atmosfera carica generale alimentata da una retorica aggressiva accrescono la sfiducia e portano a minare la sicurezza e la stabilità nella regione del Caucaso meridionale. Siamo pronti a supportare i nostri compatrioti nelle loro attività per proteggere la nostra Patria condivisa. Mentre l’istituzione di meccanismi internazionali di riduzione del rischio è una necessità per l’avanzamento della soluzione del conflitto, l’Azerbaigian non solo la respinge, ma intensifica anche la situazione. L’Azerbaigian ha la piena responsabilità delle conseguenze di un’ulteriore escalation e destabilizzazione regionale“.

(12 lug 20) GRAVE VIOLAZIONE AZERA CONTRO L’ARMENIA – Al confine tra Armenia (regione di Tavush) e Azerbaigian si registrano violenti scambi di colpi. Intorno alle 12,30 un drappello di soldati azeri ha tentato di penetrare in territorio armeno e di occupare una posizione difensiva. E’ stato respinto e un fuoristrada UAZ è stato colpito ed è rimasto sul posto. Poco più di un’ora più tardi gli azeri hanno tentato una nuova sortita e sono stati respinti con perdite. Non si registrano vittime dalla parte armena. Gli azeri anche con colpi di mortaio da 82 mm hanno sparato verso gli insediamenti civili armeni lungo il confine (villaggio di Chinari). Un drone azero è stato abbattuto.

(11 lug 20) VIOLAZIONI AZERE – Sono state circa 150 con 1800 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene le violazioni azere del cessate-il-fuoco nella settimana tra il 5 e l’11 luglio. La situazione lungo la linea di contatto rimane relativamente calma.

(11 lug 20) PROROGATO STATO EMERGENZA – Lo stato di emergenza per la pandemia Covid è stato prorogato fino al 12 agosto. A ieri risultavano 146 contagiati dall’inizio della pandemia con 116 già guariti. 77 persone in isolamento, 2522 test eseguiti.

(8 lug 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 141 i positivi da inizio pandemia con 29 cittadini con patologia in atto, 112 già guariti e 91 persone in isolamento cautelativo. 2437 i test compiuti su una popolazione di 150.000 abitanti

(7 lug 20) ALIYEV VUOLE IL KARABAKH – In un’intervista televisiva il presidente dell’Azerbaigian reclama nuovamente il Karabakh e rilancia il principio dell’integrità territoriale dell’Azerbaigian. Contesta la possibilità di un secondo Stato armeno e si scaglia contro il Gruppo di Minsk dell’Osce che a suo dire non appoggia in pieno la posizione azera.

(6 lug 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 135 i positivi da inizio pandemia con 26 cittadini con patologia in atto, 109 già guariti e 85 persone in isolamento cautelativo. 2320 i test compiuti su una popolazione di 150.000 abitanti

(3 lug 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 129 i positivi da inizio pandemia con 101 già guariti e 58 persone in isolamento cautelativo. 2014 i test compiuti su una popolazione di 150.000 abitanti

(2 lug 20) NUOVO CONSULENTE PRESIDENZIALE – Ararat Danielyan è stato nominato nuovo consulente del presidente della repubblica Harutyunyan che ha firmato oggi il relativo decreto.

(1 lug 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 119 i positivi da inizio pandemia con 101 già guariti e 58 persone in isolamento cautelativo. 1961 i test compiuti su una popolazione di 150.000 abitanti

Giugno 2020

(30 giu 20) PRESENTATO PROGRAMMA DI GOVERNO – Il presidente Arayik Harutyunyan ha convocato una consultazione allargata con la partecipazione dei rappresentanti degli organi del governo legislativo ed esecutivo della repubblica, ha affermato il presidente.
Il Capo dello Stato ha osservato nel suo intervento che il programma include le principali priorità delle attività del Presidente e del potere esecutivo nonché le modalità di sviluppo della repubblica nei prossimi cinque anni. Previsti 5000 nuovi posti di lavoro, 1000 nuove case, crescita economica all’8% e scuole superiori gratuite.

(30 giu 20) VIDEO CONFERENZA MINISTRI ESTERI – Si è tenuta oggi una video conferenza del ministro degli esteri armeno Zohrab Mnatsakanyan e del ministro degli esteri dell’Azerbaigian Elmar Mammadyarov con la partecipazione dei co-presidenti del Gruppo Minsk dell’OSCE.

(29 giu 20) GIORNATA DEI CADUTI PER LA PATRIA – Il presidente dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh), Arayik Haroutyunyan, ha visitato il Memoriale di Stepanakert in occasione del Giorno della caduti per la patria e dei dispersi in azione, e ha deposto fiori nel monumento ai combattenti per la libertà “missing in action“.

(29 giu 20) DOCUMENTO ARTSAKH ALL’ONU – Una relazione sull’attuazione da parte della Repubblica di Artsakh dello status dei protocolli aggiuntivi alle convenzioni di Ginevra del 1949 e relativa alla protezione delle vittime di conflitti armati è stata diffusa nell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) come documento ufficiale e trasmessa anche al segretario generale delle Nazioni Unite. Il servizio stampa del Ministero degli affari esteri dell’Artsakh afferma che il Rapporto include informazioni sull’incorporazione delle disposizioni delle quattro Convenzioni di Ginevra del 1949 e dei Protocolli aggiuntivi (1977) alle Convenzioni nella legislazione nazionale della Repubblica di Artsakh, nonché sulla sensibilizzazione sul diritto internazionale umanitario da parte del personale militare per garantire l’allineamento delle regole di impegno con i principi del diritto internazionale umanitario. La Repubblica di Artsakh ha aderito alle Convenzioni e ai Protocolli nel 1993 con la decisione del Consiglio Supremo (Parlamento) della Repubblica.

(29 giu 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 118 i positivi da inizio pandemia con 87 già guariti e 56 persone in isolamento cautelativo. 1921 i test compiuti su una popolazione di 150.000 abitanti

(26 giu 20) ADDESTRAMENTO MILITARE – Il presidente di Artsakh Arayik Harutyunyan ha visitato oggi il campo di addestramento di Tigranakert per assistere alla fase di tattica di combattimento che coinvolge diverse unità militari dell’esercito della difesa.

(25 giu 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 113 i positivi da inizio pandemia con 77 già guariti e 65 persone in isolamento cautelativo. 1743 i test compiuti

(24 giu 20) FONDI USA PER L’ARTSAKH – Nel corso di una riunione online del Comitato degli stanziamenti della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti per l’anno fiscale 2021, il deputato Brad Sherman ha chiesto la assegnazione di 1,5 milioni di dollari all’Artsakh secondo quanto riferito dal Comitato nazionale armeno americano (ANCA). La somma dovrebbe essere destinata a progetti di sminamento e assistenza sociale.

(23 giu 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 103 i positivi da inizio pandemia con 65 già guariti e 74 persone in isolamento cautelativo.

(23 GIU 20) ATTIVITA’ AGRICOLTURA – Il competente ministero informa che a oggi 30261 ettari di seminativi sono stati raccolti nella Repubblica, di cui 2.849 ettari di grano e 27.412 ettari di orzo.

(23 giu 20) BENEFICENZA HARATYUNYAN – Il presidente dell’Artsakh Arayik Haroutyunyan donerà parte dei suoi stipendi per scopi di beneficenza. A questo proposito, Haroutyunyan ha scritto sulla sua pagina Facebook che “Quando ho ricoperto l’incarico di Primo Ministro e Ministro di Stato per Artsakh per più di un decennio, ho regolarmente donato i miei stipendi all’attuazione di vari progetti di beneficenza. Dato che la mia famiglia ha altre fonti di reddito, e ho affermato più volte, non ho mai ricevuto uno stipendio e non ho mai usato fondi statali durante viaggi di lavoro in diversi paesi. Oggi, ho deciso di trasferire 150.000 AMD (circa 280 euro, NdT) dai miei stipendi mensili alla Fondazione educativa Ivan Atayan per la concessione di borse di studio a studenti eccezionali di scienze naturali e orientare la parte rimanente dei fondi verso il Fondo dell’Unione dei combattenti per la libertà di Artsakh (sono un membro del consiglio di amministrazione del Fondo e ha piena fiducia nella trasparenza delle attività del Fondo) fino alla fine di quest’anno. I fondi verranno utilizzati per risolvere vari problemi sociali che affrontano i militari con disabilità di primo grado “.

(20 giu 20) HARATYUNYAN: SPAZIO AEREO PROTETTO – Il presidente della repubblica in un’intervista alla televisione dell’Armenia ha assicurato che lo spazio aereo dell’Artsakh è completamente protetto grazie anche all’acquisto di sistemi di controllo e di armamento anti aereo.

(20 giu 20) VIOLAZIONI AZERE – Nella settimana dal 14 al 20 giugno sono state rilevate circa 85 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 700 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. La situazione lungo la linea di contatto rimane comunque relativamente calma.

(20 giu 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 97 i positivi da inizio pandemia con 63 già guariti e 78 persone in isolamento cautelativo. 1571 i test compiuti

(19 giu 20) PASHINYAN SU ARTSAKH – Nel suo discorso al Consiglio di sicurezza congiunto, il premier dell’Armenia Pashinyan ha sottolineato che il popolo dell’Artsakh ha avuto l’opportunità di eleggere i propri rappresentanti, che questi sono stati democraticamente eletti e che essi e il popolo hanno il diritto di partecipare alle trattative nel corso delle quali si decide il futuro dell’Artsakh.

(19 giu 20) CONSIGLIO DI SICUREZZA CONGIUNTO – Una riunione congiunta del Consiglio di Sicurezza dell’Armenia e dell’Artsakh si è tenuta oggi a Yerevan presieduta da Harutyunyan e Pashinyan. Presenti anche i presidenti dei due parlamenti, Mirzoyan (Armenia) e Tovmasyan (Artsakh). Si tratta del quarto Consiglio congiunto, il primo sotto la presidenza Harutyunyan.

(17 giu 20) NESSUN BOMBARDAMENTO ARMENO – Anche fonti ufficiali dell’Azerbaigian hanno smentito la notizia data da alcuni media azeri secondo i quali gli armeni avrebbero colpito con un colpo di mortaio un autocarro civile che transitava su una strada sterrata non lontano dalla linea di contatto. Risulta invece assodato che il mezzo è stato colpito da una mina o proiettile inesploso risalente alle guerra degli anni Novanta e che si trovava circa un metro sotto la superficie.

(17 giu 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono saliti a 91 i positivi da inizio pandemia con 54 già guariti e 94 persone in isolamento cautelativo. 1467 i test compiuti pari a circa l’uno percento della popolazione dello Stato.

(14 giu 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 78 i positivi da inizio pandemia con 54 già guariti e 91 persone in isolamento cautelativo. 1284 i test compiuti

(14 giu 20) VIOLAZIONI AZERE – Nella settimana dal 7 al 14 giugno sono state rilevate circa 95 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 900 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. La situazione lungo la linea di contatto rimane comunque relativamente calma

(13 giu 20) SCOSSA DI TERREMOTO – Una leggera scossa di terremoto (magnitudine 2,6) è stata registrata con epicentro a dieci chilometri di profondità, 12 km a nord ovest del villaggio di Knaravan nella regione di Nuovo Shahumian. Nessun danno.

(11 giu 20) CONVERSAZIONE HARUTYUNIAN- KAREKIN II – Il presidente della repubblica, Arayik Harutyunyan, ha avuto oggi, per sua iniziativa, una conversazione telefonica con S.S. Karekin II Catholikos di Tutti gli Armeni. Nel corso del colloquio il presidente lo ha invitato in Artsakh

(11 giu 20) TURISMO IN CALO – Il numero di turisti che ha visitato l’Artsakh nei primi cinque mesi dell’anno è calato del 76% rispetto allo scorso anno. Lo ha riferito il ministro dello sport Artak Grigoryan che ha altresì previsto una riduzione fino al 90% entro fine anno a causa del virus.

(10 giu 20) AGGIORNAMENTO COVID – Lo stato di emergenza causa Covid 19 è stato prorogato di un mese fino all’11 luglio.

(9 giu 20) NUOVO PROCURATORE GENERALE – L’Assemblea nazionale ha eletto (30 voti a favore, 3 contrari) Mher Aghajanyan nuovo procuratore generale della repubblica

(9 giu 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 64 i positivi da inizio pandemia con 41 già guariti e 77 persone in isolamento cautelativo. 1192 i test condotti sulla popolazione.

(9 giu 20) NUOVE MISURE ANTI COVID – Il ministro di Stato, Grigory Martirosyan, Comandante della gestione emergenza Covid, ha comunicato ulteriori misure per prevenire la diffusione del virus stabilendo l’obbligo di uso di mascherina facciale negli spazi chiusi, nei punti di ristoro pubblici, durante i funerali e sui mezzi di trasporto pubblico.

(8 giu 20) TEST PER ENTRARE IN ARTSAKH – Il presidente Harutyunyan ha annunciato, al termine di una riunione convocata sul tema emergenza virus, che l’ingresso in Artsakh sarà garantito solo a coloro che, previo test a check point doganale, risulteranno negativi al Covid 19.

(6 giu 20) VIOLAZIONI AZERE – Nella settimana dal 31 maggio al 6 giugno sono state rilevate circa 100 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 1000 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. La situazione lungo la linea di contatto rimane comunque relativamente calma.

(6 giu 20) REVOCATE ZONE ROSSE – Sono state eliminate alcune restrizioni che erano state imposte in via cautelativa ad alcune comunità della regione di Shahumian. Intanto sono stati registrati altri due casi di contagio fra i quali un uomo di 71 anni che versa in condizioni critiche anche per altre patologie in atto.

(5 giu 20) AGGIORNAMENTO COVID – Rimangono 57 i positivi da inizio pandemia con 31 già guariti e 69 persone in isolamento cautelativo. 1131 i test condotti sulla popolazione

(5 giu 20) HARUTYUNYAN SU ALIYEV – “Non è lontano il giorno in cui il presidente dell’Azerbaigian, Aliyev, siederà al banco degli imputati per rispondere dei propri crimini”. Così oggi il presidente della repubblica di Artsakh, Harutyunyan

(3 giu 20) AGGIORNAMENTO COVID – Salito a 57 il numero dei positivi da inizio pandemia con 26 già guariti. 984 i test condotti sulla popolazione (che conta circa 150.000 abitanti)

( 3 giu 20) INCIDENTE STRADALE, MUORE SOLDATO – Il diciannovenne Sargis Ghulyan, in forza all’Esercito di difesa dell’Artsakh, è morto in conseguenza di un incidente stradale occorso nel primissimo pomeriggio di oggi. Era originario di un villaggio della regione di Armavir (Armenia).

(2 giu 20) MESSAGGIO A MAYILIAN – Il ministro degli Esteri dell’Armenia, Mnatsakanyan, ha inviato un messaggio di congratulazioni al collega Mayilian riconfermato al dicastero degli Affari Esteri della repubblica di Artsakh

(1 giu 20) PRESIDENTE NEGATIVO A COVID – Il presidente della repubblica si è sottoposto a test Covid dopo la sua visita in Armenia nel corso della quale ha tra gli altri incontrato il premier Pashinyan risultato positivo con tutta la sua famiglia

(1 giu 20) AGGIORNAMENTO COVID – Salito a 43 il numero dei positivi da inizio pandemia con 26 già guariti. Quasi mille i test condotti sulla popolazione (che conta circa 150.000 abitanti)

Maggio 2020

(30 mag 20 VIOLAZIONI AZERE – Il ministero della Difesa rende noto che nel corso dell’ultima settimana, dal 24 al 30 maggio, sono state segnalate circa 100 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 600 colpi sparati verso le postazioni armene. La situazione si mantiene relativamente calma dopo il tentativo di sabotaggio azero del 22.


(29 mag 20) CONSIGLIO SICUREZZA NAZIONALE – Il generale Samvel Babayan, leader del partito “Patria unita” è stato nominato Segretario del Consiglio di sicurezza nazionale.

(29 mag 20) MAYILIAN CONFERMATO MINISTRO – Masis Mayilian è stato riconfermato ministro degli Esteri.

(28 mag 20) HARUTYUNYAN A YEREVAN – Il presidente della repubblica, Arayik Harutyunyan è a Yerevan dove ha partecipato alle cerimonie per il 102° anniversario della nascita della prima repubblica armena. Il presidente dell’Artsakh ha incontrato anche il Primo ministro dell’Armenia Pashinyan che ha dichiarato come sia significativo che il primo incontro ufficiale fra i due leader sia avvenuto proprio nel giorno della vittoria di Sardarapat.

(26 mag 20) BABAYAN LASCIA – Dopo tredici anni di attività, Davit Babayan lascia l’incarico di portavoce alla presidenza della repubblica. Alle ultime elezioni generali, Babayan si era presentato alla guida del “Partito conservatore” raccogliendo pochi consensi.

(26 mag 20) NUOVO CAPO DELLA POLIZIA – Ashot Hakobjanyan è stato nominato nuovo Capo della polizia. Sostituisce Levon Mnatsakanyan.

(25 mag 20) PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA – Il presidente dell’Artsakh Arayik Haroutyunyan ha firmato un decreto sulla nomina di Karen Danielyan a capo dell’Ufficio della presidenza della repubblica.

(25 mag 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sono 34 dall’inizio della pandemia i casi registrati in Artsakh con 13 già guariti. 72 persone sono in isolamento, 725 i test condotti. I contagiati rappresentano lo 0,02% sulla popolazione totale della repubblica (in Italia 0,39%).

(23 mag 20) GRAVE INCIDENTE STRADALE – Due morti e due feriti è il bilancio di un grave incidente automobilistico avvenuto sulla strada Martuni-Nngi-Stepanakert che ha visto coinvolte tre vetture.

(22 mag 20) TENTATIVO DI SABOTAGGIO AZERO – L’Esercito di Difesa dell’Artsakh ha sventato un tentativo di penetrazione in territorio armeno di un gruppo di soldati azeri. Media azeri non riferiscono il fatto ma riportano la notizia di un militare caduto.

(22 mag 20) INCONTRO HARUTYUNYAN E PASHINYAN – Il Presidente della repubblica ha avuto il suo primo incontro ufficiale con Nikol Pashinyan, Primo ministro dell’Armenia giunto ieri in Artsakh per assistere alla cerimonia di giuramento del presidente.

(21 MAG 20) GIURA IL NUOVO PRESIDENTE – Arayik Harutyunyan ha giurato come presidente della repubblica di Artsakh. La cerimonia si è svolta a Shushi alla presenza del presidente uscente Bako Sahakyan, del Primo ministro dell’Armenia Nikol Pashinyan, del primate della diocesi dell’Artsakh Pargev Martirosyan.

(21 mag 20) ASSEMBLEA NAZIONALE – Si riunisce oggi la prima sessione della settima legislatura dell’Assemblea nazionale dell’Artsakh. Speaker del parlamento è stato nominato Artur Tovmasyan. Sono state formate sette Commissioni di lavoro e nominati i relativi presidenti.

(21 mag 20) AGGIORNAMENTO COVID – Sale a 33 il numero dei contagiati dal’inizio della pandemia.

(21 mag 20) MESSAGGIO DEL PRESIDENTE SARKISSIAN – Il presidente dell’Armenia, Armen Sarkissian, ha rivolto un messaggio all’Artsakh: “Cari compatrioti, oggi, la Repubblica di Artsakh ha inaugurato una nuova fase del suo edificio statale. Il neo eletto presidente Araik Harutyunian assumerà l’incarico. Inoltre, oggi anche l’Assemblea nazionale della Repubblica di Artsakh della 7a convocazione ha convocato la sua prima sessione. Prima di congratularmi ancora una volta con il nuovo presidente eletto e con i membri dell’Assemblea nazionale della Repubblica di Artsakh, vorrei congratularmi con i cittadini dellìArtsakh per la loro nuova vittoria democratica, una vittoria che è ancora un altro passo sulla strada verso il rafforzamento del sovrano statualità. La Repubblica di Artsakh è uno stato democratico maturo, e questo è un fatto irreversibile. Con la guerra ancora incompiuta, Artsakh dimostra ancora una volta di essere in grado di organizzare per la settima volta le elezioni parlamentari e per la sesta volta le elezioni presidenziali. Ognuna di queste elezioni consolida ulteriormente le istituzioni statali e democratiche in Artsakh. Insieme ai cittadini di Artsakh, il terzo presidente della Repubblica di Artsakh Bako Sahakian, che oggi stabilirà le sue autorità, ha dato un grande contributo alla maturazione di queste istituzioni. Vorrei esprimere i miei ringraziamenti speciali a lui. Dopo aver assunto la carica di Presidente del Artsakh nel 2007, ha guidato la Repubblica con onore, con la responsabilità di uno statista e la determinazione di un nativo di Artsakh. Spero che Sahakian continuerà a contribuire al potenziamento di Artsakh trasmettendo la sua esperienza e conoscenza alle nuove generazioni. Ringrazio anche tutti i rappresentanti delle istituzioni statali di Artsakh per il loro lavoro e i loro sforzi. Mando le mie congratulazioni al nuovo presidente di Artsakh Araik Harutyunian. Sono fiducioso che il presidente Harutyunian farà del suo meglio per l’ulteriore rafforzamento della sicurezza e del progresso economico di Artsakh. Non ho dubbi sul fatto che il nuovo governo da lui formato sarà un governo di solidarietà, le cui politiche consentiranno attraverso gli sforzi congiunti e insieme per rafforzare la Repubblica di Artsakh. Artsakh ha sempre bisogno del nostro supporto comune e individuale. Lavoreremo insieme per la prosperità di Artsakh.(…)”

(21 mag 20) AUTORITA’ ARMENIA IN ARTSAKH – Il Primo ministro dell’Armenia (Pashinyan), il ministro degli esteri (Mnatsakanyan), il presidente dell’Assemblea nazionale (Mirzoyan) e altre autorità dell’Armenia sono in Artsakh per la cerimonia di insediamento del nuovo presidente Harutyunyan.

(20 mag 20) MUORE GIOVANE SOLDATO – Il ventenne Henrik Aramyan, originario della regione di Lori in Armenia, è rimasto intorno alle 20,30 locali ucciso da un colpo di arma da fuoco in una postazione militare. sono state aperte delle indagini che hanno portato all’arresto di un commilitone accusato di aver ucciso il collega. Ignoto il movente.

(20 mag 20) NOTIFICHE MINISTERO ESTERI – Conformemente agli obblighi previsti dal Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici e dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo, il Ministero degli affari esteri della Repubblica di Artsakh ha inviato notifiche al Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres e al Segretario Generale del Consiglio d’Europa Marija Pejčinović Burić sull’adozione di misure legali temporanee da parte dell’Artsakh, previste da questi trattati internazionali, a seguito dell’introduzione della situazione di emergenza nel paese a causa della minaccia della diffusione del nuovo coronavirus COVID-19. Le notifiche indicano che una situazione di emergenza per un periodo di 30 giorni è stata introdotta in tutta la Repubblica il 12 aprile 2020 ed è stata prorogata fino all’11 giugno. La Repubblica di Artsakh si impegna a informare il Segretario Generale delle Nazioni Unite e il Segretario Generale del Consiglio d’Europa delle misure legali introdotte per il periodo di emergenza, nonché di informare sulla data di cessazione di tali misure. La Repubblica degli Artsakh ha aderito unilateralmente al Patto internazionale sui diritti civili e politici nel 1992 e alla Convenzione europea sui diritti umani nel 2015.

(20 mag 20) MINACCE AZERE ALLA VIGILIA DEL GIURAMENTO – Il ministero degli Esteri dell’Azerbaigian ha diramato un duro comunicato alla vigilia della cerimonia di insediamento del nuovo presidente dell’Artsakh. Nel testo si legge tra l’altro che “l’organizzazione di elezioni illegali e il cosiddetto spettacolo del giuramento nella regione occupata dell’Azerbaijan nel Nagorno Karabagh da parte dell’occupante Armenia è un’altra brillante manifestazione della politica di annessione dell’Armenia. (…)La guerra non è ancora finita e l’Azerbaigian ha il diritto di garantire il ripristino della sua integrità territoriale con tutti i mezzi possibili nell’ambito dei suoi confini internazionalmente riconosciuti. Le corrispondenti azioni provocatorie della leadership armena annullano praticamente tutti gli sforzi per una soluzione pacifica di il conflitto e servono a rafforzare l’ulteriore confronto militare e aumentare la tensione nella regione.”

(19 mag 20) INSEDIAMENTO NUOVO PRESIDENTE – La cerimonia di insediamento del presidente eletto Harutyunyan si terrà a Shushi giovedì 21 maggio alle ore 18 locali e sarà trasmessa in streaming. Per ragioni di sicurezza Covid-19 non sarà consentito l’accesso di estranei (giornalisti compresi) nella sala.

(19 mag 20) AVVICENDAMENTI ISTITUZIONALI – In vista della nuova stagione politica cominciano i cambiamenti nell’apparato statale. Ieri il consigliere presidenziale Tigran Abrahamyan ha lasciato l’incarico. Così anche Arshavir Gharamyan, Segretario del Consiglio di sicurezza dell’Artsakh.

(18 mag 20) AGGIORNAMENTO COVID – Nuovi campioni sono stati inviati in Armenia (in attesa che sia pronto il preannunciato laboratorio in Artsakh). Per un totale di 581 test fino ad oggi effettuati. Rimangono 28 i contagiati (8 già guariti) e 71 in isolamento precauzionale. I focolai si sono registrati nel parte nord occidentale della repubblica.

(18 mag 20) 28° ANNNIVERSARIO LIBERAZIONE BERDZOR – Il presidente eletto ha postato su FB un messaggio per ricordare il 28° anniversario della liberazione di Berdzor (Lachin) che consentì la riunificazione dell’Artsakh con l’Armenia eliminando il blocco imposto dagli azeri che stava affamando il Paese.

(16 mag 20) VIOLAZIONI AZERE – Nella settimana dal 10 al 16 maggio sono state conteggiate circa 120 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 1500 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. Ne dà notizia il ministero della Difesa dell’Artsakh. La situazione lungo la linea di contatto risulta comunque relativamente calma.

(16 mag 20) AGGIORNAMENTO COVID 19 – Il numero di contagiati è salito a ventotto a seguito anche di un maggior numero di test compiuti sopratutto nella parte nord occidentale dello Stato (regione di Shahumyan e nord Kashatagh). Intanto viene annunciata la prossima apertura di un laboratorio specialistico in Artsakh per analisi test virus (oggi inviati in Armenia)

(15 mag 20) SAHAKYAN RICEVE DELEGAZIONE HALO TRUST – Il presidente della repubblica Bako Sahakyan ha ricevuto oggi una delegazione della ONG Halo Trust che opera da anni in Artsakh per lo sminamento post bellico.

(15 mag 20) AIUTI A VILLAGGI – Forniture alimentari e di materiale igienico sono state consegnate in alcuni villaggi della regione di Nuovo Shahumyan per i quali vige il regime di “zona rossa” a causa del Covid 19.

(15 mag 20) ASSEMBLEA NAZIONALE – La prima sessione della settima legislatura dell’Assemblea nazionale si terrà il prossimo 21 maggio

(15 mag 20) AGGIORNAMENTO COVID 19 – 57 nuovi test sono stati eseguiti su residenti della regione di Shahumyan in alcuni villaggi della quale si sono sviluppati piccoli focolai di contagio. Le autorità hanno provveduto alla sanificazione di luoghi pubblici e appartamenti privati.

(14 mag 20) AGGIORNAMENTO COVID 19 – Trenta nuovi testati, tutti negativi (totale test: 434). Venticinque persone sono in isolamento precauzionale.

(14 mag 20) GHULYAN RINUNCIA – L’attuale presidente dell’Assemblea nazionale nonché leader del partito democratico, Ashot Ghulyan, rinuncia al seggio parlamentare ottenuto alle ultime elezioni politiche. Ne ha dato notizia su FB una sua portavoce.

(14 mag 20) MANOVRE MILITARI AZERE – Dal 18 al 22 maggio l’Azerbaigian condurrà manovre militari su larga scala. Il ministero della Difesa dell’Armenia ha diramato un comunicato evidenziando il carattere offensivo di queste esercitazioni così come trapelato da fonti della Difesa di Baku. Inoltre Yerevan sottolinea il fatto che, in spregio agli accordi di Vienna del 2011, l’Azerbaigian non ha comunicato anticipatamente al Gruppo di Minsk dell’Osce l’inizio delle operazioni.

(13 mag 20) INDICATO NUOVO SPEAKER PARLAMENTO – Una assemblea straordinaria dell’alleanza “Libera Patria”-UCA (del presidente eletto Harutyunyan) ha indicato il nome di Artur Tovmasyan come prossimo presidente dell’Assemblea nazionale.

(13 mag 20) AGGIORNAMENTO COVID 19 – Sei nuovi positivi portano a venti il numero di casi totali dall’inizio della pandemia in Artsakh. Nella giornata di ieri erano stati eseguiti 75 nuovi test.

(12 mag 20) AGGIORNAMENTO COVID 19 – Stabilito regime di “zona rossa” per la regione Nuovo Shahmian (nord ovest dell’Artsakh) dove sono stati registrati alcuni casi di contagio.

(12 mag 20) CONSIGLIO DI SICUREZZA – Il segretario del Consiglio di sicurezza dell’Artsakh ha rassegnato le dimissioni Arshavir Gharamyan.

(11 mag 20) TABLET PER LE SCUOLE – Il Comitato internazionale della Croce rossa ha fornito al ministero dell’Educazione 109 tablet per insegnanti e studenti di diverse comunità al fine di agevolare l’insegnamento nel periodo della pandemia.

(11 mag 20) PROLUNGATO STATO DI EMERGENZA – Lo stato di emergenza proclamato lo scorso 12 aprile a seguito della pandemia Covid 19 è stato prolungato di ulteriori 30 giorni fino al 12 giugno. Per il Ministro di Stato Grigory Martirosyan, a capo del dipartimento emergenza per l’epidemia, tutti i focolai dell’infezione COVID-19 in Artsakh sono estinti aggiungendo che è già stata firmata una decisione in Karabakh per limitare la libera circolazione dei cittadini in altri due insediamenti.

(10 mag 20) SUICIDA GIOVANE SOLDATO – Il diciannovenne Sasun Margaryan si è tolto la vita in una postazione dell’unità militare nella quale prestava servizio. Il ministero della Difesa, nel porgere le condoglianze alla famiglia, ha aperto un’inchiesta per verificare se vi siano stati comportamenti che abbiano istigato il giovane all’insano gesto.

(10 mag 20) COVID 19 – Quattro nuovi casi registrati in Artsakh. Il bilancio sale a quattordici contagiati dall’inizio della pandemia. Otto già guariti e diciassette in isolamento.

(9 mag 20) VIOLAZIONI AZERE – Nella settimana dal 3 al 9 maggio sono state conteggiate circa 100 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 700 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. Ne dà notizia il ministero della Difesa dell’Artsakh. La situazione lungo la linea di contatto risulta comunque relativamente calma.

(9 mag 20) PASHINYAN AL MEMORIALE DI STEPANAKERT – il Primo Ministro dell’Armenia, Nikol Pashinyan, è a Stepanakert dove ha partecipato a una cerimonia al Memoriale della città in occasione della triplice festa del 9 maggio

(9 mag 20) PASHINYAN E CONSORTE IN ARTSAKH – Il presidente della Repubblica di Artsakh Bako Sahakyan, insieme a sua moglie Anahit Sahakyan e al presidente eletto Arayik Harutyunyan con sua moglie Kristina Harutyunyan, hanno ricevuto questa mattina all’aereoporto di Stepanakert, il primo ministro Nikol Pashinyan e sua moglie Anna Hakobyan. Pashinyan e sua moglie sono arrivati in Artsakh in occasione della festa della vittoria, il 28° anniversario della nascita dell’esercito di difesa della Repubblica di Artsakh e della liberazione della città di Shushi.

(9 mag 20) IL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE SAHAKYAN – “Cari compatrioti, Cari veterani della Grande Guerra Patriottica e della Guerra di Liberazione Artsakh, Rispettati generali, ufficiali e soldati dell’esercito della difesa, A nome delle autorità della Repubblica di Artsakh e mio personale rivolgo le più sentite congratulazioni al giorno della Vittoria, al 28° anniversario dell’Esercito di difesa della Repubblica di Artsakh e alla Liberazione di Shushi. Ogni singola famiglia celebra questo giorno, una delle feste più care esaltate dal coraggio e dalla dedizione delle generazioni successive del popolo armeno. Per decenni, abbiamo celebrato il 9 maggio con il massimo entusiasmo e trionfo, onorando con profondo rispetto i nostri nonni e padri che hanno scolpito la Vittoria mano nella mano con i popoli dell’ex Unione Sovietica. Erano ideali per noi, paragoni di eroismo per seguire la loro guida, prendere le armi e forgiare la nostra parte di vittoria, scrivere il nostro capitolo della storia. E questo capitolo è eroico e glorioso. La formazione dell’Esercito di difesa della Repubblica di Artsakh e la liberazione di Shushi triplicarono il brivido della festa diventando la più grande vittoria degli armeni in tutto il mondo, la vittoria dello spirito, della mente e del braccio di migliaia di coraggiosi armeni. Abbiamo dimostrato a noi stessi e al mondo intero che possiamo lottare fino all’ultimo respiro e difendere il suolo nativo, risorgere da detriti e costruire uno stato in linea con le norme e gli standard internazionali, uno stato libero, indipendente e democratico. I nostri giovani – patriottici, colti, coraggiosi e dignitosi – porteranno avanti le tradizioni eroiche del nostro popolo. Sono pienamente consapevoli del prezzo della vittoria ottenuto dal sangue dei nostri antenati e lo apprezzano come la bocca dell’occhio. Cari amici, In questo giorno festivo commemoriamo innanzitutto tutti i nostri eroi che hanno dato la vita a difesa della Patria e ci inchiniamo alla loro memoria eterna. È nostra responsabilità tradurre i loro sogni e i loro obiettivi in ​​realtà e costruire un paese resiliente, sicuro e sviluppato. Lunga vita al nostro eroico esercito! Tanto di cappello ai devoti della nostra Patria! Onore e gloria al popolo armeno! “

(9 mag 20) TRIPLA FESTA, IL MESSAGGIO DI HARUTYUNYAN – Su FB il presidente eletto ha postato il seguente messaggio: “Cari compatrioti! Il messaggio della tripla festa ha un significato speciale nella vita del nostro popolo, in quanto riassume in sé il pagamento più prezioso per le nostre vittorie e la pace a livello nazionale, per la nostra dignitosa esistenza – migliaia di vite innocenti. Oggi chino la testa davanti all’innegabile contributo lasciato dai coraggiosi figli del nostro popolo, che hanno vinto una gloriosa vittoria nella Grande Guerra Patriottica e nella battaglia per la liberazione di Shushi. Sono orgoglioso di essere stato uno dei soldati della libertà, che ha finalmente trasformato la città fortezza armena di Shushi nella nostra, dove il migliore è caduto con la morte dell’eroe.
Salve a tutti i martiri! Mi congratulo vivamente con il custode dei confini della nostra patria unita inviolabile e il vero garante della pace nella regione: l’Esercito della Difesa e tutto il suo personale, in occasione del 28 ° anniversario dell’istituzione dell’esercito. Cari armeni che vivono nella patria e nella diaspora, In questo momento vincolante, dichiaro che, in commemorazione delle vittorie del popolo armeno, il 21 maggio, come testimonianza della fede in un futuro luminoso, rivolgerò al mio popolo il mio giuramento solenne in occasione dell’assunzione della carica di il presidente della Repubblica Artsakh dello storico Shushi. Gloria al popolo armeno!

(9 mag 20) AGGIORNAMENTO COVID 19 – Sono quindici le persone poste in isolamento dopo la scoperta di due nuovi contagiati (totale dieci, di cui sei già guariti). In totale sono stati 359 i cittadini sottoposti a test.

(7 mag 20) DUE NUOVI CONTAGIATI – Sono stati riscontrati due nuovi contagiati nel villaggio di Nor Verinshen nella regione di Nuovo Shahumian nel nord ovest del paese a pochi chilometri dal capoluogo regionale Karvachar. La cerchia dei loro contatti è già stata individuata. Dall’inizio dell’epidemia salgono dunque a dieci i contagiati in Artsakh

(7 mag 20) OMBUDSMAN ARTSAKH – Artak Beglaryan, difensore dei diritti civici, ha informato che nel 2019 sono pervenuti al suo ufficio 234 ricorsi il 30% dei quali ha ricevuto positivo accoglimento

(6 mag 20) CANCELLATE CELEBRAZIONI 9 MAGGIO – Nell’ambito della politica di contenimento della pandemia Covid 19, il governo ha comunicato che tutte le tradizionali manifestazioni celebrative del 9 maggio (corti, parata militare,…) sono state annullate.

(4 mag 20) MUORE SOLDATO PER MINA – Il soldato Taron R. Poghosyan (nato nel 1988) è rimasto mortalmente ferito nella tarda serata a causa dell’esplosione di una mina Sul tragico episodio, avvenuto in una postazione del settore meridionale della linea di contatto, il ministero della Difesa ha aperto un’indagine.

(4 mag 20) PRESIDENTE ELETTO INCONTRA SINDACO DELLA CAPITALE – Harayik Harutyunyan ha incontrato oggi il sindaco di Stepanakert Davit Sargsyan

(4 mag 20) MNATSAKANYAN SU ARTSAKH – Il ministro degli Esteri di Yerevan ha dichiarato che l’Armenia non farà concessioni unilaterali sul Karabakh. Secondo lui, l’Armenia ha sempre affermato che la soluzione del problema si basa sul principio delle concessioni reciproche. “Nessuno può aspettarsi alcun passo dall’Armenia, implicando concessioni, e ciò potrebbe danneggiare la nostra sicurezza nazionale”, ha detto Mnatsakanyan.

(2 mag 20) VIOLAZIONI AZERE – Nella settimana dal 26 aprile al 2 maggio sono state conteggiate circa 170 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 1200 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. Ne dà notizia il ministero della Difesa dell’Artsakh. La situazione lungo la linea di contatto risulta comunque relativamente calma.

(2 mag 20) MIN. DIFESA ARMENIA IN ARTSAKH – Il ministro della Difesa dell’Armenia, Davit Tonoyan, è in Artsakh. In giornata, con il collega Jalal Harutyunyan ha visitato alcune unità militari

(2 mag 20) AGGIORNAMENTO COVID 19 – Cancellate le restrizioni alla circolazione nella cittadina di Karvachar, capoluogo della regione di Shahumyan.

(2 mag 20) RIAPRE CHECKPOINT DI KOVSAKAN – Dalle ore 9 (locali) riapre il checkpoint di Kovsakah lungo la strada che conduce a Kapan, città dell’Armenia meridionale. Come in tutti gli altri checkpoint saranno in funzione termoscanner per la misurazione della temperatura dei cittadini in transito.

(1 mag 20) AGGIORNAMENTO COVID 19 – Rimangono a tutt’oggi otto i casi di positività al Covid 19 dall’inizio della pandemia. Oggi una sesta persona è stata dichiarata guarita, sei sono in isolamento precauzionale, 287 i test condotti nello Stato.

(1 mag 20) 1° MAGGIO, IL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE SAHAKYANCari compatrioti, a nome delle autorità della Repubblica Artsakh e mio personale mi congratulo di cuore per la giornata internazionale dei lavoratori del 1° maggio. La protezione dei diritti e degli interessi dei lavoratori è sempre stata al centro del nostro Stato. E nella situazione attuale, quando in tutto il mondo, incluso il nostro paese, vengono prese misure rigorose e restrizioni per prevenire la diffusione del nuovo coronavirus, acquisisce maggiore importanza. A questo punto, tutte le nostre azioni sono dirette a proteggere i nostri cittadini in ogni modo possibile, preservando la salute delle persone, garantendo loro condizioni di lavoro favorevoli e sicure. Uno dei principali obiettivi dello Paese è stato, e continuerà a esserlo, creare un’opportunità per tutti di lavorare sul proprio territorio, creando valori materiali, culturali e spirituali, contribuendo così alla prosperità e al benessere delle loro famiglie, nonché allo sviluppo e al rafforzamento della nostra patria. Cari compatrioti,
Mi congratulo ancora una volta con tutti voi e auguro un lavoro pacifico e creativo”
.

Aprile 2020

(30 apr 20) RICORDATA OPERAZIONE RING – Ricordato il 29° anniversario dell’inizio dell’Operazione Anello che diede avvio alla pulizia etnica contro gli armeni della regione di Shahumyan nel nord del Nagorno Karabakh.

(30 apr 20) INCONTRO HARUTYUNYAN E MAYILYAN – Il presidente eletto e il candidato sfidante al ballottaggio si sono incontrati oggi. “Mettendo l’unità e la solidarietà del pubblico e della politica al centro della governance nella repubblica, oggi ho avuto un incontro con il Ministro degli Affari Esteri della Repubblica di Artsakh e il candidato presidenziale alle recenti elezioni nazionali Masis Mayilyan. Abbiamo discusso diverse questioni relative alle sfide interne ed esterne che la nostra patria deve affrontare e ai recenti sviluppi nella regione. Abbiamo attribuito importanza alla creazione di un’atmosfera di rispetto e solidarietà nel paese per costruire il paese dei nostri sogni ” ha scritto Harutyunyan su Facebook

(30 apr 20) AGGIORNAMENTO CORONAVIRUS – Situazione invariata. Oggi altre 27 test tutti con esito negativo.

(30 apri 20) CONVOCATA ASSEMBLEA NAZIONALE – Oggi, l’Assemblea nazionale della Repubblica Artsakh della sesta convocazione ha convocato la seduta ordinaria dell’11a sessione. Il Parlamento svolgerà le funzioni assegnate al Parlamento fino alla fine del suo mandato il 21 maggio.

(29 apr 20) COLPI DI MORTAIO AZERI – Nel pomeriggio gli azeri hanno sparato alcuni colpi di mortaio da 60 mm contro le postazioni armene nel settore est della linea di contatto. E’ dal giugno 2019 che non si registrava una simile attività. La risposta armena ha silenziato l’azione nemica. Durante la giornata sono state registrate violazioni azere del regime del cessate il fuoco con utilizzo di armi leggere in diverse parti della linea di contatto. Attualmente, la situazione sulla linea di contatto è calma.

(28 apr 20) AGGIORNAMENTO CORONAVIRUS – Nel corso del Consiglio di Gabinetto, il ministro della Salute Arayik Baghryan ha preannunciato la creazione di un laboratorio multidisciplinare che consentirà di eseguire i test direttamente in Artsakh. Parlando della quantità di dispositivi di protezione disponibili nella repubblica, Bagryan ha osservato che oltre alle strutture mediche, che sono provviste di una fornitura mensile di disinfettanti, esiste una scorta di 240.000 maschere, 220.000 guanti e circa 200 tonnellate di disinfettanti per i territori. Intanto, la zona rossa istituita in tre villaggi della regione di Martuni è stata revocata.

(28 apr 20) – CONSIGLIO DI GABINETTO – Il presidente della repubblica, Bako Sahakyan, ha presieduto oggi il Consiglio di gabinetto.

(27 apr 20) COVID 19, DIMESSO ALTRO PAZIENTE – Un quinto paziente colpito dal virus è stato dimesso ad oggi. Rimangono tre ricoverati, nessun altro contagio segnalato al momento.

(26 apr 20) AGGIORNAMENTO CORONAVIRUS – Il ministero della Salute rende noto che a tutta la giornata di ieri risultano registrati 8 casi in Artsakh. Quattro pazienti sono stati già dimessi e non si segnalano nuovi focolai. 17 cittadini sono in isolamento, 191 sono i test effettuati.

(26 apr 20) HARUTYUNYAN SU FACEBOOK – Il presidente eletto ha postato il seguente messaggio sul popolare social: “Cari compatrioti, ho ricevuto diversi messaggi di congratulazioni, lettere e telefonate dopo aver ricevuto i voti di fiducia delle persone alle elezioni presidenziali tenute nella Repubblica di Artsakh. Devo ammettere che tutti i desideri gentili trasmettevano calore ed erano vincolanti. Vorrei assicurarvi che sarò il presidente di ogni cittadino dell’Artsakh e farò del mio meglio per soddisfare le aspettative di tutti gli elettori e di tutti gli armeni di tutto il mondo. Indubbiamente, saremo in grado di raggiungere questo obiettivo attraverso sforzi combinati e con responsabilità. Pertanto, ho anche aspettative da ciascuno di voi per aiutarci a registrare successi che non abbiamo nemmeno sognato. Vorrei anche scusarmi con tutti coloro a cui non potevo rispondere o rispondere a lettere o telefonate per mancanza di tempo. Ringrazio ognuno di voi e mi sento obbligato davanti a tutti voi. State in salute!” .

(25 apr 20) VIOLAZIONI AZERE – Nella settimana dal 19 al 25 aprile sono state rilevate circa 180 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 3500 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene lungo la linea di contatto. Si segnala il giorno 21 l’abbattimento di un drone azero di ricognizione sopra la linea difensiva dell’Artsakh

(24 apr 20) SAHAKYAN SUL GENOCIDIO ARMENO – Il presidente della repubblica, Bako Sahakyan, si è rivolto alla nazione in occasione del 105° anniversario del genocidio: “Oggi è il 105° anniversario del genocidio armeno. Oggi rendiamo omaggio alla memoria delle nostre vittime innocenti in condizioni speciali. Quest’anno, a causa della pandemia del coronavirus diffuso in tutto il mondo, i monumenti ai santi martiri del genocidio armeno non saranno così affollati come ogni anno. Tuttavia, sono più che fiducioso che ogni singolo armeno in ogni angolo del mondo stia vivendo mentalmente questa terribile tragedia accaduta più di un secolo fa, in lutto per i nostri fratelli e sorelle, milioni di destini mutilati, che sono stati sottoposti a indicibili violenza e tortura, fame e massacri, lasciati senza casa e riparo. Viviamo questo con profondo dolore e tristezza, allo stesso tempo pieni di fede che tali crimini crudeli e disumani non si ripeteranno mai, non solo con il nostro popolo, ma in tutto il mondo. E c’è solo un modo per raggiungere questo obiettivo: i genocidi dovrebbero essere riconosciuti e condannati incondizionatamente. Siamo grati a quei paesi, a tutte quelle persone che sono con noi in questa lotta. Tutti dobbiamo imparare lezioni dalla storia, dobbiamo imparare dalla realtà di oggi e fare tutto ciò che è in nostro potere per rendere lo stato armeno e la Madre Armenia più forti e più potenti giorno dopo giorno, per preservare la fermezza della nostra unità, l’inviolabilità e l’inevitabilità dell’eternità percorso del popolo armeno.”

(24 apr 20) CORONAVIRUS, DIMESSO ALTRO PAZIENTE – Il quarto dimesso (sugli otto a oggi contagiati) è residente nel villaggio di Mirik, focolaio del virus in Artsakh. Sta bene ed è tornato a casa.

(24 apr 20) COMMEMORATO ANNIVERSARIO GENOCIDIO ARMENO – L’emergenza Covid 19 ha impedito le tradizionali cerimonie di commemorazione del genocidio armeno, compreso il corteo che ogni anno si snoda per le vie della capitale. Al memoriale di Stepanakert le massime autorità civili e religiose dello Stato hanno posto mazzi di fiori.

(23 apr 20) NUOVO CASO DI COVID 19– Un nuovo caso di contagio da Covid19, l’ottavo in tutto lo Stato, è stato segnalato oggi. si tratta di un cittadino di uno dei villaggi della zona di Karavachar già interessati dai sette precedenti casi. Intanto oggi il presidente Sahakyan ha diretto una riunione di lavoro sull’emergenza Coronavirus.

(21 apr 20) VIDEO CONFERENZA ARMENO AZERA – I ministri degli Esteri di Armenia (Mnatsanakyan) e Azerbaigian (Mammadyarov) hanno avuto oggi una video conferenza condotta con la mediazione dei co-presidenti del Gruppo di Minsk dell’Osce. In collegamento era presente anche l’amb. Kasprzyk rappresentante personale del presidente dell’Osce in carica. I partecipanti hanno discusso della situazione creata nella regione a seguito della diffusione del nuovo coronavirus e hanno sottolineato che tutte le nazioni della regione stanno affrontando questa nuova sfida, indipendentemente dai confini politici. Hanno anche toccato gli ultimi sviluppi nella regione. Nel contesto della lotta globale contro il nuovo coronavirus, i partecipanti hanno sottolineato in particolare la necessità di adottare misure per il mantenimento incondizionato e il rafforzamento del regime del cessate il fuoco. Da questo punto di vista, i copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE hanno attribuito importanza al loro impegno e all’appello del Segretario generale delle Nazioni Unite in merito al cessate il fuoco globale. (QUI IL COMUNICATO STAMPA)

(21 apr 20) ABBATTUTO DRONE AZERO – L’Esercito di difesa dell’Artsakh informa che nella giornata odierna è stato abbattuto un drone azero che stava sorvolando in missione di ricognizione fotografica il territorio armeno prossimo alla linea di contatto nel settore sud orientale.

(21 apr 20) ELEZIONI PRESIDENZIALI – La Commissione Elettorale Centrale ha ufficialmente proclamato eletto Arayik Harutyunyan nuovo presidente dell’Artsakh.

(20 apr 20) DAL 22 DIVIETO DI ESPATRIO – Salvo casi di comprovata necessità, dal 22 sarà vietato lasciare l’Artsakh. Lo ha deciso il Comandante per l’emergenza (Grigory Martirosyan) d’intesa con le autorità della repubblica.

(20 apr 20) CORONAVIRUS, AGGIORNAMENTO – L’addetto stampa del dipartimento che si occupa dell’emergenza ha confermato che sono rimasti sette i casi di positività. due pazienti già dimesse (sabato), 25 in isolamento. In totale sono stati effettuati 141 test.

(18 apr 20) CORONAVIRUS, DIMESSE DUE PAZIENTI – Rimangono sette, a oggi, i casi registrati in Artsakh. Altri 28 tamponi hanno dato esito negativo. Due pazienti, madre e figlia del villaggio di Mirik sono state dimesse oggi dall’ospedale. Alla loro uscita il personale ha omaggiato loro di mazzi di fiori.

(18 apr 20) INCONTRO PASHINYAN-HARUTYUNYAN – A Yerevan il neo eletto presidente dell’Artsakh ha incontrato il Primo ministro dell’Armenia al quale ha illustrato il suo prossimo piano di governo.

(18 apr 20) VIOLAZIONI AZERE – Nella settimana dal 12 al 18 aprile sono state rilevate circa 190 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 1800 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene lungo la linea di contatto

(18 apr 20) DEPUTATI USA INVIO CONGRATULAZIONI – Quattro membri del Congresso statunitense (Frank Pallone, Gus Bilirakis, Jackie Speier e Adam Schiff) hanno inviato messaggi di felicitazioni al neo eletto Harutyunyan.

(17 apr 20) ZONA ROSSA IN TRE VILLAGGI – Le comunità di Mirikh, Moshatagh e Tsitsernavank nella regione di Kashatagh settentrionale sono state isolate per prevenire la diffusione del virus. A Mirik vive la prima contagiata dell’Artsakh

(17 apr 20) SETTE CASI DI CORONAVIRUS – Sono sette i casi accertati di coronavirus in Artsakh. L’ultimo positivo è un medico di Karvachar che aveva in cura uno dei pazienti. La sua famiglia è stata posta in isolamento. Altri dieci tamponi hanno dato esito negativo.

(16 apr 20) HARUTYUNYAN A YEREVAN – Il neo eletto presidente, ancora non in carica, è oggi a Yerevan per alcuni incontro informali con le autorità del Paese. Nella giornata ha incontrato il presidente dell’Assemblea nazionale di Armenia Mirzoyan e il presidente della repubblica Sarkissian

(15 apr 20) HARUTYUNYAN: PRONTO A COLLABORARE CON TUTTI – Nel corso di una conferenza stampa il neo eletto presidente ha dichiarato: «Sono pronto a collaborare con tutti. Ho citato l’agenda: un programma socio-economico generale, la questione del Karabakh, la sicurezza e un lavoro armonioso con il governo dell’Armenia. Sono pronto a collaborare con tutti attorno a questo programma. Presto inizierò gli incontri con i partiti politici parlamentari e sono aperto alla cooperazione anche con i partiti politici non parlamentari.»

(15 apr 20) MESSAGGIO DI PASHINYAN AL NEO ELETTO – «Illustre Mr. Harutyunyan, A nome del governo della Repubblica di Armenia e mio personalmente, mi congratulo con Lei per essere stato eletto presidente della Repubblica di Artskh. Durante le elezioni presidenziali e parlamentari, il popolo di Artsakh ha espresso la propria volontà politica esercitando il proprio inviolabile diritto di formare organi della pubblica amministrazione attraverso elezioni competitive. Ancora una volta, il popolo di Artsakh ha affermato la propria volontà e il diritto di vivere e lavorare sulla sua terra e ha dimostrato che l’Artsakh è uno Stato indipendente e democratico con le sue istituzioni ben consolidate. Illustre Presidente della Repubblica di Artsakh, ha ricevuto il mandato del popolo di Artsakh di rafforzare la sicurezza dell’Artsakh, migliorare l’economia e costruire una società basata su valori democratici, diritti umani e libertà fondamentali. Per raggiungere questo obiettivo, ha adottato un programma di riforme globale nelle sfere dell’amministrazione statale, dell’economia, della politica, della magistratura e di altre sfere della vita sociale e può fare affidamento sul sostegno del governo della Repubblica di Armenia e personalmente io in questo processi. Auguro a Lei e al popolo eroico dell’ Artsakh successo, numerosi traguardi che credo possano essere raggiunti unendo i nostri migliori sforzi

(15 apr 20) LE CONGRATULAZIONI DI SAHAKYAN – Il presidente uscente, Bako Sahakyan, ha inviato un messaggio di congratulazioni al neo eletto Arayik Harutyunyan.

(15 apr 20) RISULTATI UFFICIALI – La Commissione Elettorale Centrale ha diffuso i dati ufficiali (soggetti a futura ratifica) del turno di ballottaggio. Risulta eletto Harutyunyan con 39860 voti (84,5%), Mayilyan ha ottenuto 5428 voti (12,1%) mentre le schede bianche o nulle sono state 1577 (3,4%). Non è stata registrata alcuna denuncia relativa allo svolgimento delle votazioni.

(15 apr 20) PASHINYAN SI CONGRATULA – Il Primo ministro dell’Armenia ha postato su Twitter un messaggio di felicitazioni per il neo eletto presidente Harutyunyan: «Mi congratulo con il popolo di Artsakh indipendente e democratico per aver completato le elezioni. Ha incaricato le autorità di rafforzare ulteriormente la sicurezza dell’Artsakh e di rappresentarla nel processo di pace. Continuiamo la nostra stretta collaborazione con l’Artsakh per raggiungere i nostri obiettivi comuni

(14 apr 20) SARKISSIAN TELEFONA A HARUTYUNYAN – Il presidente della repubblica di Armenia, Armen Sarkissian, ha avuto una conversazione telefonica con il neo eletto presidente dell’Artsakh felicitandosi per il risultato e rinnovando il legame di amicizia e collaborazione fra i due Stati.

(14 apr 20) MESSAGGIO DI HARUTYUNYAN– Il neo eletto presidente ha postato il seguente messaggio su Facebook: «Cari compatrioti, mi congratulo con tutti noi per la fine delle elezioni nazionali e l’occasione è piuttosto pesante poiché siamo riusciti a tenere entrambi i turni delle elezioni senza turbolenze in mezzo alla pandemia. I miei sostenitori e i sostenitori degli altri candidati probabilmente pensavano che queste elezioni fossero predeterminate e la partecipazione non fosse obbligatoria. Accanto a questo, possiamo registrare la transizione della Repubblica di Artsakh al prossimo livello di democrazia. Nessuna elezione è perfetta, nemmeno in paesi molto più sviluppati. Quando i nostri colleghi internazionali visiteranno la nostra regione fra un po’, saranno in grado di valutare il nostro impegno a esercitare i diritti umani fondamentali e confrontarci con alcuni paesi riconosciuti. Stiamo andando avanti. È nostro dovere costruire un futuro prospero per il nostro popolo. Auguro a tutti il successo

(14 apr 20) HARUTYUNYAN NUOVO PRESIDENTE DELL’ARTSAKH – Secondo dati provvisori Arayik Harutyunyan, come da pronostico, è stato eletto nuovo presidente della repubblica di Artsakh. Avrebbe ottenuto più dell’87% dei voti.

(14 apr 20) NUOVE RESTRIZIONI PER VIRUS – Il Ministro di Stato Grigory Martirosyan, nominato a capo del dipartimento dell’emergenza Covid 19, ha disposto l’isolamento obbligatorio di tutti i cittadini che potranno uscire dalle proprie abitazioni solo per comprovati motivi e previa compilazione e sottoscrizione di un modulo.

(14 apr 20) AFFLUENZA IN CALO – Rispetto al primo turno si registra un forte calo dell’affluenza determinato sia dall’esito pressoché scontato del voto sia dal timore del virus. Alle ore 11 avevano votato 15.771 elettori pari al 15,2% (al primo turno 24,9%), alle ore 11 i votanti sono stati 29.443 ovvero il 28,4% (48,3% il 31 marzo) mentre alle 17 l’affluenza faceva registrare 38.839 elettori (il 37,5% contro il 63,8% di due settimane fa)

(14 apr 20) AL VIA BALLOTTAGGIO PRESIDENZIALI – Si vota sino alle venti (ora locale, le 18 in Italia) per il ballottaggio delle elezioni presidenziali. Al primo turno Arayik Harutyunyan aveva sfiorato la maggioranza assoluta di voti con il 49,26% dei voti mentre al secondo posto si era piazzato Masis Mayilyan con il 26,4% delle preferenze.

(13 apr 20) CONFERMATO BALLOTTAGGIO – Nonostante l’emergenza per il Covid 19, è stato confermato il turno di ballottaggio alle elezioni presidenziali di domani. Tutti i seggi sono stati sanificati e verranno adottate particolari procedure di accesso agli stessi al fine di contenere la diffusione del virus. Il ministero della Salute ha fornito 71500 mascherine, 14000 paia di guanti, 600 contenitori con gel disinfettante. La polizia ha ricevuto in dotazione 500 mascherine, 1000 paia di guanti e 60 flaconi di gel.

(12 apr 20) EMERGENZA CORONAVIRUS – Il presidente della repubblica Bako Sahakyan ha firmato il decreto con il quale dichiara lo stato di emergenza in Artsakh in relazione alla pandemia di Covid 19. Il presidente ha convocato una riunione allargata della Commissione interdipartimentale che coordina la prevenzione della diffusione del coronavirus con la partecipazione di rappresentanti dei rami legislativo, esecutivo e giudiziario dello Stato.

(12 apr 20) AGGIORNAMENTO CORONAVIRUS – Il Ministero della Salute dell’Artsakh informa che il numero dei soggetti risultati positivi al coronavirus è salito a sei. Quattro persone non in isolamento.

(11 apr 20) AGGIORNAMENTO CORONAVIRUS – Il Ministero della Salute dell’Artsakh informa che la condizione di salute di uno – un residente di Karvachar – dei cinque cittadini infettati dal nuovo coronavirus è valutata come moderata in ragione di altre patologie preesistenti. Gli altri quattro cittadini non presentano sintomi riconducibili al virus. Il presidente della repubblica ha convocato un’altra riunione di lavoro dedicata al tema.

(11 apr 20) VIOLAZIONI AZERE – Nella settimana dal 5 all’11 aprile sono state rilevate circa 120 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 1200 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene lungo la linea di contatto

(11 apr 20) ELEZIONI GENERALI – La Procura generale della repubblica ha reso noto che sono pervenute 72 segnalazioni di irregolarità durante lo svolgimento delle elezioni generali del 31 marzo. Esaminati gli atti, la Procura ha deciso di aprire una istruttoria per diciotto casi.

(10 apr 20) AGGIORNAMENTO CORONAVIRUS – Quattro poliziotti si sono messi in auto isolamento pur non presentando sintomi. Quattordici abitanti della regione di Askeran sono stati posti in isolamento a causa di contatti avuti con un trasportatore merci proveniente dall’Armenia che si era trattenuto in Artsakh solo per un paio d’ore ma era entrato in contatto con il personale di un magazzino. Sono stati eseguiti test su altre tredici persone e i risultati saranno conosciuti in serata.

(10 apr 20) 28° ANNIVERSARIO MASSACRO DI MARAGHA – Il ministero degli Affari esteri ha diffuso un comunicato stampa in occasione del 28° anniversario del massacro di armeni a Maragha. [Qui il testo]

(9 apr 20) ALTRI DUE CASI DI CORONAVIRUS – Il ministero della Salute informa che sono stati individuati altri due soggetti positivi al Covid 19. Una era la nuora della paziente 1, si era auto isolata dal 2 aprile. Il secondo è un cittadino dell’Armenia giunto in Artsakh nel villaggio di Moshatagh e ora posto in isolamento; sarà trasferito nel suo Paese natale.

(9 apr 20) RAFFORZATI CONTROLLI AI VALICHI – Il presidente della repubblica ha impartito l’ordine di rafforzare le misure di controllo ai valichi doganali di collegamento con l’Armenia al fine di prevenire la diffusione del virus in Artsakh.

( 8 apr 20) RIUNIONE PRESIDENTE SU CORONAVIRUS – Il presidente della repubblica ha convocato una riunione di lavoro per analizzare la situazione Coronavirus anche alla luce del primo infetto nella regione di Kashatagh . Analizzate anche le misure da prendere in occasione del turno di ballottaggio per le presidenziali previsto per il 14 aprile.

(8 apr 20) STABILI CONDIZIONI PAZIENTE – Sono stabili e al momento non destano preoccupazione le condizioni della prima paziente positiva in Artsakh al Covid 19. Tutti gli abitanti del piccolo villaggio di Mirik si sono messi in auto-quarantena così come nello specifico la ventina di persone che erano entrate in contatto con lei. Nessuno presenta sintomi riconducibili al virus.

(7 apr 20) PAZIENTE TRASPORTATO A YEREVAN – Il primo contagiato dell’Artsakh, una donna di sessanta anni, oggi è stata trasportata a Yerevan pur essendo asintomatica. Lo ha dichiarato il ministro della Salute Arayik Baghiryan.

(7 apr 20) CORONAVIRUS, PRIMO CASO IN ARTSAKH – Il ministero della Salute informa che è stato registrato il primo caso nella repubblica di Artsakh. Si tratta di una donna abitante del villaggio di Mirik (regione di Kashatagh). Su di lei e sul suo vicino di casa è stato eseguito un test che nel primo caso ha dato esito positivo. La donna era stato nei giorni scorsi in Armenia a trovare la sorella. Il villaggio di Mirik, poche decine di abitanti, si trova in una zona piuttosto isolata nella parte settentrionale della regione a 39 km da Berdzor e a 89 da Stepanakert. per sicurezza altri 17 abitanti entrati in contatto con la donna sono stati posti in quarantena e le loro case sanificate. Rafforzati i controlli ai checkpoint di frontiera.

(6 apr 20) CONFERMATO BALLOTTAGGIO IL 14 APRILE – Risulta confermato il secondo turno di ballottaggio per il giorno 14 aprile anche se uno dei contendenti (Masis Mayilyan, attuale ministro degli Esteri) ha invitato gli elettori a non recarsi ai seggi come misura cautelativa contro il virus Covid 19. Al primo turno Harutyunyan aveva sfiorato l’elezione con oltre il 49% dei consensi.

(6 apr 20) CORONAVIRUS, ISPEZIONI NEI NEGOZI – A Stepanakert sono in corso ispezioni amministrative al fine di verificare il corretto rispetto delle regole di contenimento del virus.

(6 apr 20) FERITO TRASFERITO A YEREVAN – Il soldato ferito ieri da un cecchino azero è in condizioni stabili e non sarebbe in pericolo di vita. Dopo il ricovero a Stepanakert è stato trasferito all’ospedale militare di Yerevan.

(5 apr 20) FERITO SOLDATO ARMENO – Il ventenne Arayik Shakhpazyan è stato colpito da fuoco azero intorno alle ore 17,30 locali in una zona non comunicata lungo la linea di contatto.

(4 apr 20) VIOLAZIONI AZERE – Nella settimana dal 27 marzo al 4 aprile sono state rilevate circa 170 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 1300 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene lungo la linea di contatto

(4 apr 20) MORTE SOLDATO, INDAGINI – Un militare di cui non è stato diffuso il nome sarebbe detenuto con l’accusa di aver intenzionalmente sparato e ucciso il commilitone Garegin Babakekhyan per nascondere un comportamento contrario alle regole militari. Non sono stati forniti ulteriori particolari.

(3 apr 20) SITUAZIONE LINEA DI CONTATTO – Il ministero della Difesa ha smentito voci diffuse da media azeri secondo i quali forze armate armene avrebbero aperto il fuoco contro villaggi, veicoli e mezzi agricoli al lavoro. La situazione rimane relativamente calma sulla linea di contatto. Nei giorni scorsi si è registrata invece instabilità lungo la frontiera tra Azerbaigian e Armenia (regione di Tavush) con militari azeri che hanno bersagliato i villaggi di confine ferendo anche alcuni civili e militari.

(3 apr 20) MAYILYAN RINUNCIA AL 2° TURNO? – Il giornale dell’Armenia “Hraparak” scrive che Mayilyan (attuale ministro degli Esteri, indipendente), risulta secondo nell’elezione presidenziale del 31 marzo potrebbe rinunciare al secondo turno di ballottaggio in quanto il partito “Patria Unita di Samvel Babayan (dal quale ha ricevuto la maggior parte dei voti) potrebbe aver raggiunto un accordo con Harutyunyan.

(3 apr 20) MUORE SOLDATO, FORSE SUICIDIO – Risulta aperta un’inchiesta per la morte del soldato ventenne (originario della cittadina Abovyan in Armenia) Garegin Babakekhyan deceduto alle 12,35 (locali) per un colpo di arma da fuoco al mento.

(2 apr 20) CORONAVIRUS, ANCORA NESSUN CONTAGIO – Il ministero della Salute comunica che a oggi non è stato ancora segnalato alcun caso positivo in Artsakh. Nella giornata di ieri sono stati eseguiti tamponi, risultati negativi al virus, su tre cittadini.

(2 apr 20) QUARTO ANNIVERSARIO AGGRESSIONE AZERA – Il ministero degli Affari esteri della repubblica di Artsakh ha rilasciato un comunicato in occasione del quarto anniversario della “guerra dei quattro giorni”. QUI IL TESTO DEL COMUNICATO

(1 apr 20) ELEZIONI, RISULTATI PROVVISORI – In attesa dei risultati definitivi, la Commissione Elettorale Centrale ha comunicato che per le elezione alla presidenza della repubblica nessun candidato ha ottenuto il 50% dei voti e pertanto sarà necessario un secondo turno in data 14 aprile. Arayk Harutyunyan ha ottenuto il 49,26% dei voti (36.076), seguito da Masis Mayilyan con il 26,4% (19.360). Saranno loro a sfidarsi al secondo turno di ballottaggio.

Marzo 2020

(31 mar 20) COMUNICATO CON GAFFE DEL GRUPPO MINSK – A un’ora dalla chiusura dei seggi il Gruppo di Minsk dell’Osce ha rilasciato il consueto comunicato stampa che accompagna tutte le elezioni in Artsakh. Topica la gaffe sul “primo turno” delle elezioni che invece si sono tenuta nella sola giornata odierna. Nel comunicato si legge tra l’altro che «i co-presidenti [del GM] riconoscono il ruolo della popolazione del Nagorno Karabakh nel decidere il proprio futuro in conformità con i principi e gli elementi ribaditi nella dichiarazione dei co-presidenti del 9 marzo 2019. I co-presidenti notano, tuttavia, che il Nagorno Karabakh non è riconosciuto come uno stato indipendente e sovrano da nessuno dei paesi co-presidenti o di qualsiasi altro paese. Di conseguenza, i co-presidenti non accettano i risultati di queste “elezioni” che incidono sullo status giuridico del Nagorno Karabakh e sottolineano che i risultati non pregiudicano in alcun modo lo status finale del Nagorno Karabakh o l’esito dei negoziati in corso per portare una soluzione duratura e pacifica al conflitto del Nagorno Karabakh

(31 mar 20) ELEZIONI, AFFLUENZA DEFINITIVA– La Commissione Elettorale Centrale informa che alle ore ore venti (locali), a chiusura dei seggi, hanno votato 76.471 elettori pari al 72,7% degli aventi diritto.

(31 mar 20) ELEZIONI, AFFLUENZA ORE 17– La Commissione Elettorale Centrale informa che alle ore ore diciassette (locali) hanno votato 66.731 elettori pari al 63,8% degli aventi diritto.

(31 mar 20) SITUAZIONE SOTTO CONTROLLO SU LINEA CONTATTO – Il Comandante dell’Esercito di Difesa, nonchè ministro, Jalal Harutyunyan, informa che la situazione lungo la linea di contatto è sotto controllo. In concomitanza con le elezioni è stata rafforzata la vigilanza per prevenire provocazioni azere.

(31 mar 20) ELEZIONI, AFFLUENZA ORE 14 – La Commissione Elettorale Centrale informa che alle ore ore quattordici (locali) hanno votato 50.534 elettori pari al 48,3% degli aventi diritto.

(31 mar 20) ELEZIONI, AFFLUENZA ORE 11 – La Commissione Elettorale Centrale informa che alle ore ore undici (locali) hanno votato 26.037 elettori pari al 24,9% degli aventi diritto.

(31 mar 20) ELEZIONI, APERTI I SEGGI – Si sono aperti alle ore 7 locali i seggi elettorali. Secondo la Commissione Elettorale Centrale sono 103.663 gli aventi diritto al voto. Si vota in 229 comunità urbane e rurali con 282 seggi elettorali formati. Fra questi, uno è dislocato presso la rappresentanza diplomatica dell’Artsakh in Armenia a Yerevan e un altro presso il penitenziario di Sushi (dove le votazioni si svolgeranno alle ore 11). Tutti i seggi sono stati oggetto di trattamento di sanificazione.

(30 mar 20) ELEZIONI, APERTO IL CENTRO STAMPA – Il centro stampa della Commissione Elettorale Centrale è stato aperto presso il palazzo della Cultura e della gioventù a Stepanakert in via Tumanyan.

(29 mar 20) CHIUSA LA CAMPAGNA ELETTORALE – Con un dibattito televisivo ad Artsakh TV al quale hanno partecipato i rappresentanti dei partiti in lizza si è ufficialmente chiusa la campagna elettorale.

(28 mar 20) SAHAKYAN VISITA SEDE POLIZIA – Il presidente Bako Sahakyan ha visitato la sede centrale della Polizia di Stato e ha convocato una riunione di lavoro. Le questioni relative alle complesse misure adottate per combattere la diffusione del nuovo coronavirus, nonché le imminenti elezioni statali sono state all’ordine del giorno del dibattito.

(28 mar 20) CONVERSAZIONE SAHAKYAN E SARKISSIAN – Il presidente della repubblica Bako Sahakyan ha avuto oggi una conversazione telefonica con il presidente dell’Armenia Armena Sarkissian. Nel corso del colloquio i due leader hanno discusso delle prossime elezioni in Artsakh e della situazione determinata dal coronavirus.

(28 mar 20) VIOLAZIONI AZERE – Il ministero della Difesa comunica che nella settimana dal 22 al 28 marzo sono state segnalate circa 150 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 1200 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. La situazione lungo la linea di contatto rimane comunque relativamente calma.

(27 mar 20) ELEZIONI, CANCELLATI ALCUNI COMIZI – Nel timore di possibile diffusione del virus alcune forze politiche hanno annullato gli ultimi appuntamenti della campagna elettorale. oggi ne hanno dato annuncio il candidato alla presidenza Mayilyan (indipendente) e l’Alleanza Nuovo Artsakh

(26 mar 20) ELEZIONI, RIUNIONE FORZE POLITICHE – Il Presidente di Artsakh Bako Sahakyan ha tenuto oggi una riunione con rappresentanti dei partiti politici del Parlamento dell’Artsakh avente per oggetto lo svolgimento delle elezioni del 31 marzo. Il Capo dello Stato ha sottolineato ancora una volta la necessità di attuare tutte le attività di prevenzione e organizzazione e di mantenere le norme sanitarie e igieniche per evitare la diffusione del nuovo coronavirus nella repubblica. L’incontro ha anche affrontato le modalità per risolvere i compiti relativi all’adozione di eventuali misure aggiuntive in caso di insorgenza di nuove circostanze nella lotta contro il coronavirus.

(26 mar 20) ELEZIONI RINVIATE? – Corre voce che, nell’ambito delle misure di contenimento alla diffusione del coronavirus, potrebbe esserci un rinvio delle elezioni generali. Uno dei candidati, l’attuale ministro degli Esteri Mayilyan, ha dichiarato che avrebbe nulla in contrario a posticipare la consultazione elettorale.

(24 mar 20) SMENTITI MEDIA AZERI SU INCIDENTE – Il ministero della Difesa dell’Artsakh ha smentito categoricamente quanto riportato da media azeri circa una presunta “azione provocatoria degli armeni in direzione Goramboy che avrebbero lasciato un caduto nella terra di nessuno”. «Le forze dell’Esercito di Difesa dell’Artsakh si attengono al regime del cessate il fuoco. Inoltre, la situazione relativamente stabile nella linea di contatto Artsakh-Azerbaigian continua a essere mantenuta. Pertanto, esortiamo la parte azera ad astenersi dalle tattiche insignificanti di intensificare artificialmente la situazione e di non creare ulteriore tensione» afferma la nota ministeriale.

(21 mar 20) SARKISSIAN IN ARTSAKH – Il presidente dell’Armenia è in Artsakh. Oggi a Stepanakert ha incontrato il presidente Sahakyan con il quale ha discusso della situazione generale e della situazione ai confini in questi giorni. Riguardo al Coronavirus, Sarkissian ha condiviso l’esperienza e le conoscenze acquisite di recente comunicando con i leader di diversi paesi, i ministri della sanità e gli scienziati. «Spero che Armenia e Artsakh emergano da questa grande sfida come vincitori con perdite minime» ha dichiarato ai giornalisti il presidente dell’Armenia.

(21 mar 20) USA ABOLISCONO AIUTI ALL’ARTSAKH – Nonostante gli sforzi attivi negli ultimi mesi di associazioni armene e membri del Congresso, gli aiuti diretti statunitensi ad Artsakh sono stati aboliti. L’amministrazione Trump ha deciso di ridurre il programma di sminamento in Artsakh portato avanti principalmente dalla ong “Halo Trust”. Gli Stati Uniti erano l’unico Paese oltre all’Armenia a fornire un aiuto diretto all’Artsakh ancorché limitato alla sola attività di assistenza allo sminamento delle aree ancora da bonificare dopo la guerra.

(21 mar 20) VIOLAZIONI AZERE – Il ministero della Difesa comunica che nella settimana dal 15 al 21 marzo sono state segnalate circa 250 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 1900 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. La situazione lungo la linea di contatto rimane comunque relativamente calma.

(20 mar 20) CORONAVIRUS – Il governo rende noto che ad oggi non è stato rilevato alcun caso in Artsakh. Ieri diramato divieto di entrata per gli stranieri e limitazioni all’espatrio. Il candidato alle presidenziali, Vitaly Balasanyan, ha chiesto alle autorità di dichiarare lo “stato di emergenza”.

(20 mar 20) SOSPESI MONITORAGGI OSCE – L’Osce ha sospeso le operazioni di monitoraggio lungo la linea di contatto a causa della situazione pandemica. Un appello è stato rivolto alle parti affinchè si astengano in questo momento da azioni che possano aumentare la tensione. (v. articolo in “breaking news”)

(20 mar 20) DIVIETO DI INGRESSO IN ARTSAKH – Al fine di evitare la diffusione del Covid-19 in Artsakh, fino al 14 aprile l’ingresso di cittadini stranieri è severamente limitato. Altresì i cittadini della repubblica sono invitati a non recarsi all’estero.

(19 mar 20) ELEZIONI GENERALI – Un sondaggio dà Harutyunyan in testa alle preferenze con il 46% seguito dall’attuale ministro degli Esteri con il 22%. L’indipendente Balasanyan si attesta all’8%, l’attuale presidente dell’Assemblea nazionale Ghoulyan è dato al 4% dei consensi. La restante percentuale è ripartita fra gli altri dieci candidati alla presidenza della repubblica. Secondo il sondaggio circa tre quarti della popolazione dell’Artsakh sta seguendo la campagna elettorale.

(19 mar 20) ESERCITO DI DIFESA – Il generale Kamo Vardanyan è stato nominato primo vice comandante dell’Esercito di difesa dell’Artsakh.

(18 mar 20) CORONAVIRUS – Nuove riunioni si sono svolte a livello governativo per predisporre tutte le misure necessarie al contenimento dell’epidemia. Una nota ufficiale informa che a oggi non risulta alcun caso di contagio in Artsakh e che 13 tamponi sono risultati negativi. La chiusura di quasi tutte le frontiere aiuta all’isolamento del Paese e lo tiene lontano, per ora, dal virus.

(14 mar 20) FAKE AZERE SUL VIRUS – Una pagina Facebook con un falso profilo del presidente dell’Artsakh Sahakyan ha diffuso la notizia che ci sarebbero diversi contagiati tra civili e militari armeni nella repubblica. La presidenza della repubblica ha dovuto smentire il contenuto di questa pagina i cui amministratori sono in Azerbaigian.

(14 mar 20) VIOLAZIONI AZERE – Il ministero della Difesa comunica che nella settimana dall’8 al 14 marzo sono state segnalate circa 230 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 2000 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. La situazione lungo la linea di contatto rimane comunque relativamente calma.

(13 mar 20) CORONAVIRUS – Il ministero della Salute rende noto che ad oggi non risulta alcun caso positivo al virus nella repubblica di Artsakh nè si registrano casi di sospetta infezione. Il governo sta predisponendo tutte le misure per prevenire la diffusione del virus entro i confini nazionali. Una riunione presieduta da Sahakyan è stata dedicata specificatamente al tema.

(11 mar 20) CORONAVIRUS – «Invitiamo i nostri cittadini in Italia a contattare il Dipartimento Consolare del Ministero degli Esteri della Repubblica Artsakh e l’Ambasciata armena in Italia» ha dichiarato il ministero degli Esteri in una nota odierna. Nel tentativo di prevenire la diffusione dell’infezione da coronavirus in Artsakh, il Ministero degli Esteri esorta i cittadini e le compagnie turistiche che operano in Artsakh a evitare temporaneamente viaggi nella Repubblica islamica dell’Iran, nei paesi dell’UE, in particolare Germania, Francia e Spagna, Repubblica popolare di Cina, Giappone e Repubblica della Corea del Sud, salvo casi urgenti. Si consiglia a tutti i cittadini di Artsakh che si trovano attualmente in quei paesi di contattare il Dipartimento Consolare del Ministero degli Esteri di Artsakh o le ambasciate dell’Armenia nei paesi per registrare le loro informazioni di contatto e il periodo del loro soggiorno.

(11 mar 20) MONITORAGGIO OSCE – Una missione di osservazione è stata condotta oggi da funzionari Osce lungo la linea di contatto a sud-est di Akna (Aghdam). Non sono state rilevate violazioni del cessate-il-fuoco

(11 mar 20) ESERCITO DI DIFESA – Dal 9 all’11 marzo, il ministro della Difesa della Repubblica Artsakh nonché comandante dell’esercito della difesa Jalal Harutyunyan ha monitorato il lavoro sul campo militare volto ad adeguare le azioni da intraprendere in caso di combattimento e possibili sviluppi della situazione.

(10 mar 20) RIUNIONE AD HADRUT – Bako Sahakyan ha presieduto una riunione operativa ad Hadrut alla presenza delle autorità regionali e dei capi comunità riguardante temi sociali ed economici. Era presente il ministro di Stato Grigory Martirosyan.

(7 mar 20) VIOLAZIONI AZERE – Il ministero della Difesa comunica che nella settimana dall’1 al 7 marzo sono state segnalate circa 160 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 1700 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. La situazione lungo la linea di contatto rimane comunque relativamente calma.

(6 mar 20) ANCORA TENSIONE TRA ARMENIA E AZERBAIGIAN – Scambio di reciproche accuse tra Armenia e Azerbaigian. Questa mattina, intorno alle 5,30 locali, un drappello di soldati azeri sarebbe penetrato in territorio armeno all’altezza della regione di Tavush. Secondo media azeri, gli armeni avrebbero subito due perdite. Il ministero della Difesa di Yerevan nega e assume perdite nemiche postando le foto dei colpi sparati dagli azeri contro abitazioni e katchkar e di un apparecchio rilevatore di mine usato dai sabotatori.

(5 mar 20) CORONA VIRUS – Il governo della Repubblica di Artsakh informa che diverse agenzie governative stanno implementando misure complesse per prevenire la diffusione di virus respiratori acuti e il nuovo Corona virus. Complessivamente, per specificare la diagnosi, più di tre dozzine di campioni sono stati inviati alla Repubblica di Armenia e, sulla base dei dati forniti dal Ministero della sanità, fino ad oggi tutte le risposte sono state negative.

(5 mar 20) ESERCITAZIONI AZERE – Le forze armate azere sono oggetto di un importante riposizionamento di riparti attuato nell’ambito di esercitazioni militari in corso dall’inizio della settimana.

(4 mar 20) MONITORAGGIO OSCE – Una missione di osservazione è stata condotta oggi da funzionari Osce lungo la linea di contatto all’altezza della regione di Hadrut. Non sono state rilevate violazioni del cessate-il-fuoco ma ancora una volta le autorità azere hanno impedito agli osservatori di recarsi sulla prima linea.

(2 mar 20) ARMENIA ACQUISTA RADAR – Secondo indiscrezioni provenienti da media indiani l’Armenia avrebbe acquistato da Nuova Delhi quattro impianti radar al costo complessivo di circa quaranta milioni di dollari. Si tratta di radar mobili, denominati Swathi, progettati per rilevare e tracciare l’artiglieria in arrivo e il lancio di razzi al fine di determinare il punto di origine del fuoco e indirizzare la conseguente risposta.

Febbraio 2020

(28 feb 20) RICORDATO IL POGROM DI SUMGAIT – Cerimonia al memoriale di Stepanakert nel 32° anniversario dei pogrom di Sumgait presenti le più alte cariche civili e religiose dello Stato.

(27 feb 20) CORONA VIRUS – Il presidente della repubblica ha presieduto una riunione di lavoro focalizzata sulle misure da prendere per evitare la diffusione del virus in Artsakh.

(26 feb 20) RIUNIONE CON NUOVO MINISTRO DIFESA – Il presidente Sahakyan ha introdotto il nuovo ministro della Difesa in una riunione con gli alti comandi dell’Esercito.

(24 feb 20) CAMBIA MINISTRO DELLA DIFESA – Jalal Haroutyunyan  è stato nominato dal presidente Sahakyan ministro della Difesa (nonchè comandante dell’esercito di difesa dell’Artsakh). Già vice ministro, sostituisce nell’incarico il gen. Karen Abrahamyan dimissionato in data odierna.

(24 feb 209 SAHAKYAN AD ASKERAN – Il presidente della repubblica Bako Sahakyan ha convocato una consultazione di lavoro con i membri dell’amministrazione regionale e i capi delle comunità per discutere le questioni relative all’attuazione di una serie di progetti socioeconomici.

(23 feb 20) TENSIONE ARMENIA-AZERBAIGIAN – Incidenti al confine tra Armenia e Azerbaigian all’altezza della regione nord orientale di Tavush. Le forze armate azere hanno aperto il fuoco contro le postazioni armene ferendo un soldato. Nella risposta risulterebbe caduto un soldato azero. Per Baku invece sarebbero stati uccisi due soldati armeni ammettendo la propria perdita. Il ministro degli Esteri armeno Mnatsakanyan ha smentito categoricamente le perdite armene bollandole come ‘fake’.

(22 feb 20) CONSIGLIO SICUREZZA CONGIUNTO – Il presidente della repubblica Sahakyan e il Primo ministro dell’Armenia Pashinyan hanno presieduto oggi un Consiglio di sicurezza congiunto. Nel suo discorso il presidente Sahakyan ha toccato una serie di questioni relative alla politica interna ed estera, in particolare i recenti sviluppi della politica estera, il rafforzamento degli eserciti, la realizzazione di una serie di progetti socioeconomici strategicamente importanti nelle regioni meridionali della repubblica definiti da Bako Sahakyan ambiziosi ma abbastanza realistici e realizzabili con sforzi comuni e un approccio sistematico e coerente all’implementazione delle attività.

(22 feb 20) VIOLAZIONI AZERE – Nel corso dell’ultima settimana (dal 16 al 22 febbraio) sono state rilevate circa 190 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 1800 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene.

(21 feb 20) OMBUDSMAN IN UNITA’ MILITARE – Gli ombudsman di Armenia e Artsakh hanno visitato oggi alcune unità militari al fine di verificare le condizioni di vita negli alloggiamenti e valutare se i diritti dei militari siano tutelati o meno.

(20 feb 20) OMBUDSMAN ARMENIA IN ARTSAKH – L’Ombudsman dell’Armenia, Arman Tatoyan, è in Artsakh per una visita di lavoro. Nel corso del suo soggiorno incontrerà il collega Artak Beglaryan e autorità dello Stato. Previsto un incontro con il ministro della Difesa per una verifica della situazione nelle unità militari.

(20 feb 20) 32° ANNIVERSARIO RINASCITA – In occasione della Giornata della Rinascita (votazione nel 1988 del soviet del Nagorno Karabakh per annessione all’Armenia), il presidente della repubblica Sahakyan ha rivolto un messaggio alla nazione. Così anche il premier armeno Pashinyan.

(19 feb 20) PROCURATORE GENERALE – Il Procuratore generale dell’Artsakh, Aramayis Avagyan, ha ricevuto il collega dell’Armenia Artur Davtyan in visita a Stepanakert. Davtyan è stato anche ricevuto dal presidente della repubblica. Nella giornata di domani è previsto incontro con il ministro della Difesa.

(19 feb 20) MINISTRO DELLA DIFESA – Secondo un quotidiano armeno l’attuale ministro della Difesa dell’Artsakh, Karen Abrahamyan, è in predicato di essere sostituito dal suo vice Jalal Harutyunyan. La decisione sarebbe stata già presa ma per ragioni tecniche non ancora attuata. Il cambio al vertice delle forze armate dell’Artsakh va imputato ai recenti fatti di sangue che hanno visto coinvolti soldati dell’Esercito.

(18 feb 20) ALTA TECNOLOGIA – Una delegazione del ministero dell’Alta tecnologia industriale, guidata dal ministro Hakob Arshakyan , è in Artsakh per colloqui con le massime autorità dello Stato finalizzati a ricercare le opportunità per la miglior collaborazione in diversi settori.

(17 feb 20) IL PUNTO SU DRAMMATICI CASI – Dall’inizio dell’anno sono tredici i militari deceduti nelle fila delle forze armate di Armenia e Artsakh. Ha fatto il punto della situazione lo Stato maggiore delle forze armate della Repubblica di Armenia che ha rilasciato una dichiarazione sui decessi registrati quest’anno precisando che 4 sono stati causati da incidenti, 4 da problematiche non legate al servizio (malattie, problemi personali) mentre su 5 sono in corso indagini per chiarire la dinamica dell’accaduto.

(15 feb 20) ELEZIONI GENERALI – La Commissione elettorale centrale informa che ad oggi sono state presentate 14 candidature per le elezioni presidenziali del 31 marzo. Per le elezioni politiche in pari data sono state presentate dieci liste e due blocchi di lista. Dal 18 febbraio tutte le liste saranno disponibili sul sito della CEC.

(15 feb 20) VIOLAZIONI AZERE – Nel corso dell’ultima settimana (dal 9 al 15 febbraio) sono state rilevate circa 120 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 1100 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene.

(15 feb 20) INCONTRO PASHINYAN/ALIYEV – Il Primo Ministro dell’Armenia ha avuto un incontro questo pomeriggio con il presidente dell’Azerbaigian della durata di circa 45 minuti. In seguito i due hanno partecipato a un pubblico dibattito con una moderatrice che ha alternato le domande.

(14 feb 20) UN ALTRO SOLDATO PERDE LA VITA – Ancora un caduto per un colpo di arma da fuoco lungo la linea di contatto. Si tratta di Hayk Asryan (1997) che si trovava in una postazione difensiva sul settore orientale. Avviata un’indagine da parte del ministero della Difesa. Il tragico evento è occorso intorno alle 19 ora locale.

(14 feb 20) PREANNUNCIATO INCONTRO PASHINYAN-ALIYEV – Il Primo ministro dell’Armenia e il presidente dell’Azerbaigian avranno un breve incontro nel pomeriggio di sabato 15 febbraio a margine dei lavori della Conferenza sulla sicurezza in programma a Monaco di Baviera. L’incontro è programmato tra le 17,30 e le 16,15.

(14 feb 20) PASHINYAN SULL’ARTSAKH – Il premier armeno Nikol Pashinyan, nel corso di una conferenza tenuta al Friedrich Ebert Foundation (Friedrich-Ebert-Stiftung) di Berlino ha affrontato il tema del conflitto. Al riguardo ha ribadito che il formato negoziale del Gruppo di Minsk dell’Osce è l’unico accettabile e che si tratta di un «formato eccezionale in cui cooperano Russia, Stati Uniti e Francia. È grazie a questa cooperazione che la stabilità relativa della regione è stata mantenuta per oltre 25 anni». Pashinyan ha anche risposto a un giornalista azero che si duoleva di non poter più recarsi al suo villaggio natale di Jibrayil ricordando come gli armeni che vivevano nella regione di Shahumian (sottoposta a pulizia etnica con l’Operazione Anello) non hanno uguale diritto. Inoltre il Primo ministro dell’Armenia ha dichiarato che «l’Armenia ha dichiarato che vedrà l’attacco dell’Azerbaigian al Karabakh come un attacco alla Repubblica di Armenia. La Repubblica di Armenia è il garante della sicurezza del Karabakh».

(12 feb 20) DECEDUTI DUE SOLDATI – Il ministero della Difesa dell’Artsakh informa che due soldati di leva, Tigran Manvelyan e Tigran Mkhoyan sono stati mortalmente attinti da colpi di arma da fuoco mentre si trovavano nella loro postazione di difesa. Il fatto è avvenuto intorno alle ore 11,30 in località non precisata. E’ stata avviata un’indagine per capire le circostanze.

(12 feb 20) ELEZIONI GENERALI DI MARZO – Altri candidati alla carica di presidente: Davit Ishkhanyan  per ARF, il portavoce presidenziale Davit Babayan per il Partito Conservatore e l’attuale ministro degli Esteri Masis Mayilyan, l’attuale presidente dell’Assemblea nazionale Ashot Ghoulyan (partito democratico) e l’ex Ministro di Stato Arayik Harutyunyan (partito Patria unita).

(10 feb 20) ELEZIONI GENERALI DI MARZO – Ad oggi risultano regolarmente presentate due candidature per le prossime elezioni generali del 31 marzo: quella di Ruslan Israyelyan (indicato dal partito “Generazione indipendente”) e quella del gen. Vitaly Balasanyan, membro uscente dell’Assemblea nazionale.

(9 feb 20) TROVATO MORTO SOLDATO – Un soldato, Valery Petrosyan (nato nel 2001) , è stato trovato senza conoscenza in una postazione difensiva. Portato all’ospedale militare ne è stata purtroppo constatata la morte. E’ stata aperta un’indagine al riguardo. Nessuna ulteriore informazione è stata rilasciata dal ministero della Difesa.

(8 feb 20) VIOLAZIONI AZERE – Nel corso dell’ultima settimana (dal 2 all’8 febbraio) sono state rilevate circa 190 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 1200 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene.

(7 feb 20) PREMIATO CORO DA CAMERA – Il presidente della repubblica Sahakyan per il contributo alla sfera dell’arte musicale e in occasione del 20° anniversario della fondazione del Coro da Camera dello Stato “Mrakats” ha conferito riconoscimenti a un gruppo di illustri rappresentanti della corale.

(6 feb 20) IN AUMENTO LE ENTRATE FISCALI – Nel mese di gennaio il gettito fiscale e le imposte sul bilancio dello stato della Repubblica di Artsakh (tre miliardi di dram pari a circa 570.000 euro) hanno superato il 3,6% rispetto a quanto preventivato in bilancio.

(6 feb 20) MONITORAGGIO OSCE – Una missione di monitoraggio è stata portata a termine oggi da funzionari dell’Osce lungo la linea di contatto a est del villaggio di Talish (regione di Martakert). Nel corso dell’osservazione non sono state rilevate violazioni del cessate-il-fuoco. Ancora una volta l’Azerbaigian si è rifiutato di condurre i diplomatici sulle posizioni di prima linea.

(5 feb 20) SAHHAKYAN RICEVE CAPO SICUREZZA ARMENIA – Il presidente della repubblica Bako Sahakyan ha ricevuto il capo del Consiglio di sicurezza dell’Armenia, Armen Grigoryan.

(3 feb 20) FERITO SOLDATO ARMENO – Il ministero della Difesa ha comunicato che nella giornata odierna un soldato di leva dell’Armenia in servizio in Artsakh è rimasto ferito per un colpo di arma da fuoco. Non sono stati forniti al momento ulteriori dettagli.

(2 feb 20) ARRESTI PER MORTE DI UN SOLDATO – Tre persone sono state arrestate in seguito alle prime indagini relative alla morte del giovane soldato di leva Vahram Avakyan, perito il 30 gennaio scorso a seguito di un colpo di arma da fuoco. Sembrerebbe esclusa la tesi del suicidio mentre si fa strada l’ipotesi di una lite fra giovani commilitoni al termine della quale un colpo di arma da fuoco (volontario o involontario) ha tolto la vita al giovane.

(1 feb 20) VIOLAZIONI AZERE – Nel corso dell’ultima settimana (dal 26 gennaio al primo febbraio) sono state rilevate circa 200 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 1150 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene.