Giugno 2024

(23) UNIONE EUROPEA – Toivo Klaar, rappresentante speciale dell’UE per la crisi nel Caucaso meridionale e in Georgia, ha molto apprezzato l’offerta dell’Armenia all’Azerbaigian di creare un meccanismo bilaterale per indagare sulle violazioni del cessate il fuoco. “Per ridurre la tensione, la proposta dell’Armenia di creare un meccanismo bilaterale per combattere le presunte violazioni del cessate il fuoco al confine armeno-azerbaigiano dovrebbe essere accolta con favore. Da 15 anni l’Unione europea aiuta ad organizzare incontri simili in Georgia attraverso la missione dell’UE in Georgia ed è pronta a offrire la sua esperienza“, ha scritto Klaar nel suo microblog X. In precedenza, l’ufficio del Primo Ministro della Repubblica d’Armenia aveva proposto all’Azerbaigian di avviare l’attuazione di un meccanismo bilaterale per l’indagine sui casi di violazione del cessate il fuoco.

(23) AZERBAIGIAN E BIELORUSSIA – Il 13 giugno “Politico” ha scritto che il partner dell’Armenia nella CSTO, la Bielorussia, ha venduto segretamente armi all’Azerbaigian. Sono state messe a disposizione dei media americani più di una dozzina di lettere, note diplomatiche, fatture di vendita, documenti di esportazione, che lo dimostrano nel 2018-2022. La Bielorussia ha aiutato attivamente le forze armate dell’Azerbaigian. “I servizi offerti includevano l’ammodernamento del vecchio equipaggiamento di artiglieria e la consegna di nuovo equipaggiamento utilizzato nella guerra radioelettronica (ERA) e nell’ATS”, ha riferito Politico. Inoltre, i documenti contengono lettere dell’Agenzia statale bielorussa per l’esportazione di armi alle proprie società industriali militari riguardanti ordini di artiglieria moderna dall’Azerbaigian. È trapelata anche la corrispondenza tra gli organi statali della Bielorussia e dell’Azerbaigian riguardante l’accordo per l’acquisto del sistema mobile anti-drone “Groza-S”. In una corrispondenza diplomatica si afferma anche che le imprese bielorusse hanno svolto un ruolo attivo nella “restaurazione dei territori non occupati dell’Azerbaigian, nonché nell’esportazione di beni e servizi bielorussi [in Azerbaigian].

(22) DENUNCE AZERE – La dichiarazione del Ministero della Difesa dell’Azerbaigian, secondo cui il 21 giugno, tra le 12:25 e le 15:35, unità delle Forze Armate RA hanno aperto il fuoco in direzione delle posizioni azere situate nella parte orientale della zona di confine, non corrisponde alla realtà. Lo sottolinea in una nota il Ministero della Difesa dell’Armenia. Peraltro le postazioni azere che sarebbero state colpite si trovano nel territorio sovrano della repubblica di Armenia occupato dall’Azerbaigian nel maggio 2021.

(21) ARMENIA E PALESTINA – L’Armenia ha riconosciuto ufficialmente lo Stato della Palestina. Lo precisa una nota del ministero degli Esteri di Yerevan che si dice favorevole alla soluzione dei due Stati. La decisione dell’Armenia è stata accolta con soddisfazione dalla Turchia. L’ufficio del presidente palestinese Mahmoud Abbas ha elogiato la decisione dell’Armenia di riconoscere ufficialmente lo Stato di Palestina. In un comunicato stampa, il suddetto ufficio ha espresso profondo apprezzamento per “questa decisione coraggiosa e significativa“, considerandola un “passo fondamentale verso il rafforzamento delle relazioni bilaterali e la promozione della pace e della stabilità nella regione“. “La saggia decisione dell’Armenia è in linea con i principi della soluzione dei due Stati, una scelta strategica che sostiene la volontà e la legittimità internazionale“, ha aggiunto in particolare l’ufficio del presidente palestinese.

(21) ALIYEV E BLINKEN – In una conversazione telefonica con il Segretario di Stato USA Blinken, il presidente azero Aliyev si è lamentato che nella costituzione armena ci siano riferimenti a pretese territoriali verso l’Azerbaigian e ha chiesto la fine delle operazioni del Gruppo di Minsk dell’Osce. Il dittatore azero ha affermato che la pace è stata assicurata nella regione, e chela promotrice dei principi che costituiscono la base del trattato di pace con l’Armenia e del suo testo è la parte azera (sic!).

(21) CADUTI ARMENI – La parte azera ha trasferito venerdì alla parte armena i resti di due militari armeni che apparentemente sono morti durante le operazioni di combattimento di due giorni nel settembre 2022.

(20) PRIGIONIERI ARMENI E UE – L’Alto Commissario UE per gli Affari esteri, Borrell, ha così risposto a una interrogazione scritta sui prigionieri armeni in Azerbaigian: “L’UE continua a sostenere gli sforzi tesi alla normalizzazione delle relazioni tra Armenia e Azerbaigian su tutte le questioni in sospeso. Per quanto riguarda la situazione dei detenuti del Nagorno-Karabakh, l’UE invita l’Azerbaigian a rispettare il giusto processo e i principi fondamentali per la protezione dei detenuti, oltre che a garantire la trasparenza. L’UE è fermamente convinta che le misure volte a rafforzare la fiducia, tra cui il rilascio e il rimpatrio dei detenuti armeni in Azerbaigian, possano apportare benefici al processo globale di pace e spianare la strada a una maggiore fiducia tra le parti. A tale riguardo, l’UE ha accolto con favore la dichiarazione congiunta dell’Armenia e dell’Azerbaigian del 7 dicembre 2023 sulle misure volte a rafforzare la fiducia, tra cui lo scambio di prigionieri, e continua a sollecitare ulteriori interventi. L’UE continua a intrattenere rapporti con l’Azerbaigian nell’ambito del dialogo regolare sui diritti umani e nei contatti bilaterali. La delegazione dell’UE a Baku segue da vicino la situazione in loco ed è in stretto contatto con il Comitato internazionale della Croce Rossa, che può regolarmente visitare i detenuti armeni. Inoltre l’UE continua a esortare l’Azerbaigian a garantire che i diritti degli armeni del Karabakh vengano rispettati, compreso il diritto di ritornare alle loro case senza intimidazioni e discriminazioni, e a fornire sostegno agli armeni del Karabakh sfollati nel settembre 2023 e in precedenza. Da allora ha stanziato oltre 33 milioni di EUR in aiuti umanitari diretti e sotto forma di sostegno di bilancio al governo armeno al fine di aiutarli a far fronte alle loro esigenze.”

(19) RUSSIA SU DETENZIONE VARDANYAN – Ruben Vardanyan ha rinunciato alla cittadinanza russa, e lo ha fatto apertamente. Lo ha affermato Maria Zakharova, portavoce del Ministero degli Affari Esteri russo durante l’odierna conferenza stampa settimanale, rispondendo alla domanda se la Russia stia discutendo la questione della liberazione di Ruben Vardanyan dal carcere in Azerbaigian. “Sapete, non ho visto se la questione della detenzione di Ruben Vardanyan, che non è cittadino armeno, in una prigione azerbaigiana, sia stata sollevata durante i contatti armeno-azerbaigiani. Ora, se mi fornite queste informazioni, sarà molto interessante e utile per me saperlo. Vorrei ricordare ancora una volta che Ruben Vardanyan ha rinunciato alla cittadinanza russa e lo ha fatto apertamente. Pertanto, tali domande dovrebbero essere rivolte a Baku e Yerevan“, ha detto Zakharova. Lei ha sottolineato che, in generale, la Russia ha sempre sostenuto l’attuazione degli accordi tripartiti, il cui elemento chiave è il rilascio di tutte le persone detenute.

(19) MINACCE AZERE – La reazione della cooperazione tecnico-militare tra Armenia e Francia da parte della Baku ufficiale crea confusione. È diritto sovrano di ogni Stato mantenere forze armate capaci di combattere e dotate di mezzi militari moderni. Lo ha sottolineato il Ministero degli Affari Esteri armeno in una dichiarazione.
La Repubblica d’Armenia riconosce l’integrità territoriale e l’inviolabilità dei confini di tutti i suoi vicini. Armenia e Azerbaigian, al più alto livello, hanno convenuto di riconoscere reciprocamente l’integrità territoriale e la sovranità reciproca sulla base della Dichiarazione di Alma-Ata del 1991. La Repubblica d’Armenia è fedele a questo principio e non ha alcuna ambizione oltre i suoi 29mila 743 chilometri quadrati riconosciuti a livello internazionale. La Repubblica d’Armenia ha praticamente dimostrato questo approccio con l’iniziativa di effettuare la delimitazione in quattro villaggi della Regione Gazakh della Repubblica dell’Azerbaigian e della Regione Tavush della Repubblica d’Armenia. Chiediamo all’Azerbaigian di cessare l’occupazione dei territori vitali di oltre 30 villaggi della Repubblica d’Armenia. La pratica dell’Azerbaigian di prevedere escalation regionali in ogni occasione è allarmante e dimostra, secondo le analisi di diversi centri, che l’Azerbaigian farà di tutto per interrompere il processo di conclusione dell’accordo di pace con l’Armenia al fine di lanciare una nuova aggressione contro la Repubblica di Armenia dopo il vertice COP29 di Baku nel novembre 2024. Attiriamo l’attenzione della comunità internazionale su questo, così come sul fatto che la proposta ufficiale di Yerevan di concludere un accordo di pace entro un mese è rimasta senza risposta da parte delle autorità di Baku ”.

(18) FRANCIA E ARMENIA – Erevan e Parigi hanno firmato un accordo per la consegna di obici francesi CAESAR all’Armenia. Lo scrive su X il ministro delle Forze Armate francesi, Sebastien Lecornu. “Continuiamo a rafforzare le nostre relazioni di difesa con l’Armenia. Una conversazione calorosa e produttiva [ha avuto luogo] con il mio collega [armeno] Suren Papikyan, a margine di Eurosatory [mostra internazionale]. Nuova importante pietra miliare con la firma di un contratto per la acquisizione dei cannoni CAESAR”, scrive Lecornu.

(14) APPELLO PER VARDANYAN – Il team legale internazionale per Ruben Vardanyan, prigioniero politico detenuto illegalmente in Azerbaigian, giovedì ha presentato un appello urgente alla dottoressa Alice Edwards, relatrice speciale delle Nazioni Unite sulla tortura, implorandola di condannare la tortura e i maltrattamenti che il governo dell’Azerbaigian ha perpetrato contro lui. La famiglia di Ruben e l’avvocato internazionale hanno appreso che durante il suo sciopero della fame nell’aprile 2024, Ruben è stato messo in una cella di punizione, gli è stato negato l’accesso all’acqua potabile, privato del sonno, costretto a mantenere posizioni stressanti, gli è stato negato l’accesso al suo avvocato e trattenuto in prigione. detenzione in incommunicabilità. Non siamo ancora consapevoli della portata del trauma psicologico e fisico derivante da questo trattamento. Dal 5 al 25 aprile 2024, Ruben ha intrapreso uno sciopero della fame per protestare contro la sua accusa politicamente motivata e quella degli altri prigionieri armeni. Per ritorsione, le autorità del centro di custodia cautelare del Servizio di Sicurezza dello Stato – dove è attualmente detenuto – lo hanno trasferito in una cella di punizione, dalla quale non gli è mai stato permesso di uscire per tutta la durata dello sciopero della fame. Le luci nella cella venivano tenute accese 24 ore su 24, il che portava a grave privazione del sonno e esaurimento. Inoltre, è stato costretto a stare in piedi per lunghi periodi di tempo ed è stato privato dell’acqua potabile per oltre due giorni interi. Inoltre non gli era permesso lavarsi o cambiarsi d’abito; non gli è stata data la carta igienica; non gli era permesso avere libri o carta; e non c’erano lenzuola (quindi ha dovuto dormire su un materasso sporco). Particolarmente preoccupante è il fatto che né all’avvocato di Ruben né a nessun altro (compreso il difensore civico locale) è stato permesso di fargli visita durante lo sciopero della fame e la sua comunicazione con il mondo esterno (ad esempio, tramite telefonate con la famiglia) è stata interrotta.

(14) RIVELAZIONI SU BIELORUSSIA – La Bielorussia ha fornito armi avanzate all’arcinemico dell’Armenia, l’Azerbaigian, anche se Minsk e Yerevan sono presumibilmente alleate nella CSTO guidata dalla Russia, secondo documenti trapelati sulle forniture di armi, riferisce “Politico”. Il deposito di file getta nuova luce sulla decisione dell’Armenia di questa settimana di annunciare che lascerà l’alleanza militare CSTO. Ora, un deposito di oltre una dozzina di lettere, note diplomatiche, atti di vendita e passaporti di esportazione visti da Politico mostra che la Bielorussia ha aiutato attivamente le forze armate dell’Azerbaigian tra il 2018 e il 2022, quando le tensioni con l’Armenia hanno raggiunto il picco. I servizi offerti includevano la modernizzazione delle vecchie attrezzature di artiglieria e la fornitura di nuove attrezzature utilizzate per la guerra elettronica e i sistemi di droni.

(14) VIOLAZIONI CESSATE IL FUOCO – Da tre giorni l’Azerbaigian accusa l’Armenia di violazioni lungo la linea di contatto con armi leggere. Queste accuse sono stateb puntualmente respinte al mittente dal ministero della Difesa di Yerevan. Anche la missione europea (EUMA) non ha segnalato attività di rilievo.

(13) ARMENIA E BIELORUSSIA – L’ambasciatore dell’Armenia in Bielorussia, Razmik Khumaryan, è stato richiamato a Yerevan per consultazioni. Lo ha annunciato su Facebook la portavoce del Ministero degli Affari Esteri armeno, Ani Badalyan. Dal canto suo, la Bielorussia valuta con calma le “dichiarazioni impulsive” del primo ministro armeno Nikol Pashinyan su Minsk. Lo ha annunciato Alexander Shpakovsky, ministro consigliere dell’ambasciata bielorussa in Russia. Ieri, in parlamento, il premier armeno Pashinyan aveva dichiarato che mai lui o altro funzionario armeno si recherà in Bielorussai fin tanto che al potere rimarrà Lukashenko accusato di aver appoggiato l’Azerbaigian nelle sue azioni di guerra contro l’Artsakh e l’Armenia.

(12) TENSIONE A YEREVAN – In viale Baghramyan, nei pressi del parlamento, tafferugli tra manifestatnti e forze dell’ordine. A gine serata si contano 98 feriti tra le parti. Sessantasei persone sono state dimesse dopo aver ricevuto le cure mediche necessarie. Trentadue pazienti continuano a ricevere cure per lesioni leggere e moderate. La polizia ha fatto esplodere alcune granate assordanti. 86 persone risultano in stato di fermo.

(12) ARMENIA E CSTO – Il Primo Ministro della Repubblica d’Armenia non ha detto che lasceremo la CSTO. Lo ha annunciato il ministro degli Affari esteri, Ararat Mirzoyan, davanti all’Assemblea nazionale. “Ha detto che decideremo quando partiremo, ma non torneremo indietro. Questo è quello che ha detto: niente di meno, niente di più. Se qualcuno sostiene che il primo ministro armeno ha detto che l’Armenia sta lasciando la CSTO, si sbaglia, e [questo] è molto facile da dimostrare“, ha aggiunto Mirzoyan. In precedenza, in parlamento Pashinyan aveva dichiarato: “Noi [cioè l’Armenia] ce ne andremo. Ci state spaventando con questo? Ben fatto. Decideremo quando partiremo. Bene, quale pensi sarà il prossimo passo Ebbene, possiamo tornare indietro? Non c’è altra via. Stiamo andando verso la vera Armenia, e siamo quasi arrivati. Verso uno stato sovrano, pacifico, con confini delimitati“.

(12) STATI UNITI SU KARABAKH – Fino al completamento dell’indagine indipendente, Washington non avrà una valutazione chiara se ciò che è accaduto in Karabakh sia immigrazione o pulizia etnica. Lo ha affermato James O’Brien, sottosegretario di Stato americano per l’Europa e l’Eurasia, in un’intervista. Gli Stati Uniti hanno annunciato che condurranno un’indagine indipendente su quanto accaduto in Nagorno-Karabakh nel settembre 2023 e anche successivamente; gli Stati Uniti sono impegnati in questo adesso. Le rispettive organizzazioni internazionali hanno accesso a questi luoghi e possono fornire agli Stati Uniti le informazioni necessarie, ha aggiunto il funzionario statunitense. Inoltre ha invitato l’Armenia e l’Azerbaigian a rispondere alla domanda se sia necessario sciogliere il Gruppo di Minsk dell’OSCE.

(11) USA E ARMENIA – Oggi a yerevan incontro tra il Sottosegretario USA per gli Affari europei, James O’Brien, e il ministro degli Esteri Mirzoyan. Si tratta dell’ultimo passaggio del cosidetto dialogo strategico Armenia-USA. L’incontro è stato seguito da un altro aperto alle due delegazioni. In seguito O’Brien ha incontrato il premier Pashinyan che ha sottolineato l’importanza del vertice odierno ed ha espresso la convinzione che ciò darà un nuovo impulso all’ulteriore sviluppo e rafforzamento della cooperazione multisettoriale tra Armenia e Stati Uniti. Inoltre, Pashinyan ha sottolineato il costante sostegno degli Stati Uniti alle riforme democratiche attuate in Armenia. Il Primo Ministro ha sottolineato che è importante attuare efficacemente gli accordi raggiunti durante l’incontro ad alto livello Armenia-UE-USA tenutosi a Bruxelles il 5 maggio.
James O’Brien, da parte sua, ha sottolineato con soddisfazione che l’incontro chiave del dialogo strategico Armenia-USA a Yerevan si è svolto in modo efficace, aggiungendo che l’amministrazione americana continuerà ad assistere il governo armeno per promuovere riforme in vari settori.

(11) NEGOZIATI DI PACE – La costituzione dell’Armenia, i suoi emendamenti o non emendamenti sono affari interni dell’Armenia e non possono costituire un programma di negoziazione. Ruben Rubinyan, vicepresidente dell’Assemblea nazionale dell’Armenia, lo ha detto ai giornalisti parlando riguardo alle dichiarazioni dell’Azerbaigian sulla necessità di modificare la costituzione dell’Armenia per firmare un trattato di pace con l’Azerbaigian. “In generale, la nostra posizione sullo sblocco delle infrastrutture è questa. Le parti armena e azera hanno un accordo su il riconoscimento della [loro] integrità territoriale. E questo accordo è stato registrato nel contesto dell’accordo registrato nel 2022 a Praga, poi a Sochi, poi a Bruxelles, e poi recentemente durante le riunioni delle rispettive commissioni di delimitazione delle frontiere sotto la guida dei vice primi ministri [dei due Paesi]. Se tutti questi accordi saranno espressi nel trattato di pace, il trattato potrà essere firmato molto rapidamente”, ha aggiunto Rubinyan.

(10) AZERO SCOMPARSO – Il Servizio di sicurezza nazionale (NSS) dell’Armenia non ha fatti riguardanti il ​​possibile attraversamento della frontiera da parte di un militare azerbaigiano. Così informa il centro stampa Servizio di sicurezza nazionale dell’Armenia. Questa mattina presto, l’Azerbaigian ha riferito che un soldato azerbaigiano era scomparso domenica, dal villaggio di Gunnut, nella regione di Sadarak, nel Nakhichevan.

(10) ASSEMBLEA NAZIONALE – L’opposizione aveva presentato una proposta per una sessione straordinaria che doveva essere convocata il 17 del mese per discutere le dimissioni del premier Pashinyan. Il Consiglio dell’Assemblea nazionale non ha accettato tale proposta. Dopo la manifestazione di ieri in piazza della Repubblica alcune centinaia di persone si erano accampate nei pressi del parlamento in viale Bagramyan che è stato chiuso al traffico.

(10) CORRIDOIO DI ZANGEZUR – L’Iran sostiene la normalizzazione delle relazioni armeno-azerbaigian, ma non accetterà cambiamenti nei confini regionali. Lo ha detto Ali Bagheri Kani, ministro degli Esteri ad interim dell’Iran, in un’intervista alla CNN Turk, rispondendo alla domanda sul “corridoio Zangezur” nel contesto dell’accordo armeno-azerbaigiano.

(10) CSTO – L’addetto stampa del MAE armeno Ani Badalyan ha annunciato che Yerevan si asterrà dal aderire alla decisione del Consiglio di sicurezza collettiva della CSTO del 23 novembre 2023 “Sul bilancio della CSTO 2024” e dal partecipare al finanziamento delle attività di questa organizzazione ivi previste. Commentando questa situazione, il Ministero degli Affari Esteri russo ha osservato che “questa non è la prima dichiarazione di Yerevan che ‘congela’ la sua partecipazione e interrompe i finanziamenti alla CSTO”.

(9) CORTEO A YEREVAN – Al termine della manifestazione a piazza della repubblica è partito un corteo con a capo l’arcivescovo Galstanyan. I partecipanti al movimento marciano lungo le strade Amiryan, Mashtots e Baghramyan. “Annuncerò il resto strada facendo. Nel corso della manifestazione l’arcivescovo ha ricordato i tre prossimi passaggi politici che dovrebbero essere compiuti: il 10 giugno, alle 16.30, i deputati dell’opposizione dell’Assemblea nazionale apriranno una sessione con l’ordine del giorno delle dimissioni del governo. In secondo luogo, l’11 giugno, il Consiglio dell’Assemblea Nazionale è obbligato ad adottare una decisione sullo svolgimento di una sessione straordinaria su decisione del popolo. Fase tre: sulla base della richiesta popolare, il Parlamento approva in sessione straordinaria le dimissioni dell’attuale governo e la decisione di formare un nuovo governo.

(9) MANIFESTAZIONE A YEREVAN – In piazza della Repubblica di Yerevan ha avuto luogo una nuova manifestazione indetta dll’arcivescovo Bagrat Galstanyan. Ieri il prelato aveva annunciato che la lotta sta entrando nella fase finale e che ci saranno azioni decisive, che saranno annunciate durante la manifestazione. Ha lanciato un appello anche al popolo, esortandolo a partecipare alla manifestazione, interrompendo così il corso della storia. Bagrat Galstanyan si è rivolto oggi alla comunità internazionale in inglese e russo, annunciando che l’attuale governo armeno ha perso la sua legittimità, violando le sue promesse preelettorali e il piano del governo. Ha inoltre affermato che non è necessario recidere i legami di alleanza, ma sviluppare regolarmente le relazioni di alleanza esistenti attraverso il dialogo e la riconciliazione degli interessi e allo stesso tempo approfondire le relazioni in tutte le direzioni, aumentando il numero di alleati, partner e amici. Ha anche detto che l’Armenia ha bisogno della vera democrazia e non della sua imitazione. Sugli edifici governativi e postali, gli organizzatori della manifestazione hanno raffigurato l’aspetto del Monte Ararat, che le autorità vogliono sostituire sullo stemma con Aragats. I partecipanti al movimento illuminano anche Piazza della Repubblica con le luci dei loro telefoni.Quella di oggi è la terza grande manifestazione dopo quelle del 9 e 26 maggio. In quest’ultima, Galstanyan aveva annunciato il governo di transizione, il cui candidato primo ministro era stato nominato proprio l’arcivescovo. 

(8) ALIYEV SODDISFATTO – L’Azerbaigian e l’Armenia hanno ora ottenuto alcuni successi nello stabilire i propri confini statali, è stata concordata una sezione del confine statale lunga quasi 12,7 chilometri, ha dichiarato il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev in una dichiarazione alla stampa con il presidente egiziano Abdel-Fattah al-Sisi al Cairo. “Attraverso i negoziati sono stati restituiti 4 villaggi del distretto Gazakh dell’Azerbaigian, che erano sotto occupazione da 30 anni, e noi valutiamo questo come un fatto positivo“, ha detto Aliyev. L’altroieri il dittatore azero aveva invece dichiarato che nessun accordo di pace sarà mai firmato fin tanto che l’Armenia non modificherà la propria Costituzione. 

(6) ALIYEV E LA COSTITUZIONE ARMENA – La conclusione del trattato di pace senza cambiare la costituzione dell’Armenia è impossibile,  ha dichiarato il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev , ricevendo i capi dei parlamenti dei paesi membri dell’Assemblea parlamentare degli Stati turchi (TURKPA). Aliyev ha osservato che l’Azerbaigian non ha mai avuto e non ha rivendicazioni territoriali su nessun paese, inclusa l’Armenia. “Sono stati loro [l’Armenia] ad avere rivendicazioni territoriali contro di noi. È nella loro dichiarazione di indipendenza, che in seguito divenne parte della loro costituzione, che ci sono rivendicazioni territoriali contro l’Azerbaigian”, ha aggiunto. In realtà, nella dichiarazione di indipendenza dell’Armenia viene fatto solo un riferimento nel preambolo: “Sulla base della decisione congiunta del 1° dicembre 1989 del Consiglio supremo della RSS armena e del Consiglio nazionale dell’Artsakh sulla “riunificazione della RSS armena e della regione montuosa del Karabakh“” ma manca qualsiasi accenno esplicito a una rivendicazione territoriale. La Costituzione dell’Armenia, poi, non ne fa alcun cenno ma solo recita: “Il popolo armeno – prendendo come base i principi fondamentali dello Stato armeno e gli obiettivi nazionali sanciti nella Dichiarazione sull’indipendenza dell’Armenia…

(5) NEGOZIATI DI PACE – Il ministro degli Esteri dell’Azerbaigian Jeyhun Bayramov in un briefing congiunto con il suo omologo ungherese ha dichiarato che Baku ha ricevuto il nono pacchetto di proposte corrette per il piano di pace. Bayramov ha detto che il numero delle questioni aperte nel progetto di accordo sta diminuendo. “In diversi paragrafi si osserva uno sviluppo positivo. In altre parole, qui osserviamo una dinamica positiva“, ha osservato il ministro azero. “Tra gli altri elementi del processo di normalizzazione, c’è la delimitazione e la demarcazione di una parte del confine di stato armeno-azerbaigiano“, ha aggiunto osservado inoltre che l’Azerbaigian è impegnato nel processo di pace: “Siamo pronti a compiere i prossimi passi necessari da parte nostra”.

(5) DICHIARAZIONE RUSSA – La Russia conferma la sua disponibilità a dare il suo sostegno alla riconciliazione tra Armenia e Azerbaigian, ha detto oggi alla TASS il vice ministro degli Esteri russo Mikhail Galuzin. Secondo Galuzin, la parte russa valuta positivamente l’incontro del 10 e 11 maggio dei ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian, Ararat Mirzoyan e Jeyhun Bayramov, in Kazakistan sulla promozione di un trattato di pace. “È importante che tali incontri siano in linea con gli accordi tripartiti al massimo livello nel 2020-2022, che, oltre alla conclusione del trattato di pace, prevedono lo sblocco dei trasporti e dei collegamenti economici tra Azerbaigian e Armenia, il la delimitazione della frontiera comune e lo sviluppo dei contatti attraverso le società civili“, ha aggiunto Galuzin.