Tag Archivio per: autodeterminazione dei popoli

L’Assemblea Nazionale dell’Artsakh (Nagorno Karabakh), nella sua sessione ordinaria di oggi, tra le altre questioni all’ordine del giorno, sta discutendo la bozza della dichiarazione sulle violazioni del cessate il fuoco da parte dell’Azerbaigian.

Prima di ciò, tuttavia, il Presidente del parlamento, Artur Tovmasyan, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Il blocco dell’Artsakh da parte dell’Azerbaigian dal 12 dicembre 2022 ha preso una svolta tragica il 5 marzo e il 28 giugno. Il 28 giugno, dall’1:30, le unità delle forze armate azere hanno aperto il fuoco, di artiglieria e UAV, nel direzione delle posizioni armene di Martakert e Martuni [regioni]. A seguito di un’altra provocazione azerbaigiana, la parte armena ha quattro vittime. Gloria eterna agli armeni che hanno sacrificato le loro vite mentre difendevano i confini dell’Armenia e dell’Artsakh!

L’Azerbaigian non solo sta deliberatamente affamando la popolazione dell’Artsakh, ma l’ha portata sull’orlo dell’annientamento. L’Artsakh non è mai stato e non farà mai parte dell’Azerbaigian indipendente, e qualsiasi discussione al riguardo è inaccettabile per noi. È la nostra linea rossa che nessuno ha il diritto di violare.

I copresidenti dell’OSCE e i leader di questi Paesi devono comprendere che l’annessione del nostro paese all’Azerbaigian porterà alla de-armeianizzazione e alla distruzione dell’Artsakh. Non possiamo cambiare l’ordine del mondo; il piccolo Artsakh non rappresenta una minaccia , ma è a rischio il diritto del nostro popolo a vivere in modo sicuro e pieno ed è un peccato che tutto ciò avvenga con il tacito consenso della comunità internazionale.

Apprezzo molto la risoluzione dell’APCE intitolata “Garantire un accesso libero e sicuro attraverso il Corridoio Lachin”, le dichiarazioni del Congresso degli Stati Uniti sui diritti e la sicurezza del popolo del Nagorno-Karabakh, la dichiarazione del Circolo dell’amicizia Francia-Artsakh: “Dobbiamo passare dalle parole all’azione.

Credo che il mondo civilizzato abbia tutta la leva per applicare sanzioni corrispondenti contro il regime azero, poiché l’Azerbaigian non solo ignora, ma calpesta anche le decisioni delle Corti internazionali di giustizia della CEDU“.

Il ministero degli Affari esteri dell’Artsakh (Nagorno Karabakh) ha rilasciato il seguente comunicato:

“Richiamiamo l’attenzione della comunità internazionale sul fatto che per il 9° giorno consecutivo l’Azerbaigian continua il blocco illegale totale del Corridoio Lachin, il cui controllo, come previsto dal paragrafo 6 della Dichiarazione Trilaterale del 9 novembre 2020, è stato assegnato al contingente di mantenimento della pace della Federazione Russa.

Ricordiamo che a causa delle azioni provocatorie della parte azera e del successivo blocco totale della strada attraverso il Corridoio Lachin, a partire dal 15 giugno, tutti i trasporti di merci umanitarie da parte del contingente russo di mantenimento della pace, in particolare cibo e altre forniture essenziali necessarie per la sopravvivenza dei 120.000 abitanti della Repubblica dell’Artsakh sono stati fermati. Il Comitato internazionale della Croce Rossa non è in grado di effettuare l’evacuazione di pazienti gravemente malati dall’Artsakh alle istituzioni mediche dell’Armenia, né di consegnare medicinali vitali alla repubblica. Di conseguenza, le piccole scorte interne di cibo e medicine si stanno rapidamente esaurendo, il che minaccia di trasformare la situazione nella repubblica in una catastrofe umanitaria.

Inoltre, il 22 giugno, la parte azera ha installato blocchi di cemento sul ponte Hakari, bloccando completamente il transito dell’unico collegamento vitale che unisce l’Artsakh con l’Armenia, rendendo tecnicamente impossibile la circolazione dei veicoli lungo la strada. Così, in appena un mese, l’Azerbaigian ha trasformato il suo posto di blocco illegalmente installato e pubblicizzato sulla strada all’interno del Corridoio Lachin in una roccaforte militare con veicoli blindati, barriere ingegneristiche e personale armato. Dimostra ancora una volta che tutte le azioni della parte azera, compresa la protesta orchestrata di pseudo-attivisti, il blocco della strada Stepanakert-Goris, l’interruzione delle forniture di gas ed elettricità dall’Armenia all’Artsakh, l’attacco ai civili e l’ostruzione dei lavori agricoli in i campi, sono stati deliberati e pre-pianificati e mirano a rendere impossibile la vita degli armeni in Artsakh.

Le autorità della Repubblica dell’Artsakh hanno ripetutamente messo in guardia sulle conseguenze negative dell’istituzione illegale di un posto di blocco azero per il movimento sicuro e senza ostacoli lungo il Corridoio Lachin, che ora è di fatto completamente bloccato, e 120.000 persone in Artsakh, tra cui 30.000 bambini sono tenuti in ostaggio nelle loro stesse case. In queste circostanze, trascurare o ignorare il reale stato delle cose sul campo, dichiarazioni e appelli non mirati, nonché la mancanza di misure specifiche e adeguate da parte della comunità internazionale non fanno che incoraggiare le autorità azere a continuare e intensificare le loro azioni illegali e azioni aggressive.

Chiediamo ai firmatari della Dichiarazione trilaterale del 9 novembre 2020, in primo luogo la Federazione Russa, di adottare tutte le misure necessarie per garantire la rigorosa e piena attuazione dei loro obblighi internazionali.
Facciamo appello al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che ha la responsabilità primaria del mantenimento della pace e della sicurezza internazionale, nonché a tutti i membri responsabili della comunità internazionale, compresa la leadership dei singoli paesi e delle organizzazioni internazionali, affinché passino dalle parole ai fatti e, nell’ambito della Responsabilità universale di proteggere, intraprendere tutte le misure necessarie per fermare i crimini di guerra, la pulizia etnica ei crimini contro l’umanità commessi dall’Azerbaigian contro l’Artsakh e il suo popolo”.

Il ministero degli Esteri della repubblica di Artsakh (Nagorno Karabakh) ha rilasciato la seguente nota:

“Il 15 giugno, dopo aver commesso una deliberata provocazione nei pressi del ponte Hakari, la parte azera ha completamente bloccato tutti i trasporti umanitari di persone e merci lungo il corridoio Lachin in entrambe le direzioni. Verso l’Armenia non ha avuto luogo ed è stato annullato un previsto trasporto di persone per urgenti necessità umanitarie attraverso la mediazione del Contingente di mantenimento della pace russo lungo la rotta Stepanakert-Goris-Stepanakert. Il movimento di veicoli delle forze di pace russe, diretti a Goris per consegnare carichi umanitari in Artsakh, è stato anche fermato.

La completa chiusura del Corridoio Lachin, già utilizzato in regime limitato ed esclusivamente per scopi umanitari a causa del blocco illegale dell’Artsakh in corso da più di 6 mesi, è un’altra dimostrazione pratica della flagrante violazione da parte dell’Azerbaigian dei suoi obblighi internazionali, inosservanza per le norme fondamentali del diritto internazionale, compresa l’ordinanza giuridicamente vincolante della Corte internazionale di giustizia.

Infatti, il posto di blocco istituito illegalmente nel Lachin Corridor è utilizzato dall’Azerbaigian esclusivamente come strumento per continuare la politica di pulizia etnica contro il popolo dell’Artsakh.

Ovviamente, come continuazione della loro politica di pulizia etnica dell’Artsakh e di espulsione della sua gente dalle loro terre d’origine creando condizioni di vita insopportabili, anche attraverso il prolungato blocco dell’Artsakh avviato dai cosiddetti eco-attivisti, instaurazione del controllo azero in il Lachin Corridor e altre azioni illegali, le autorità azere hanno scelto di ricorrere a nuove provocazioni volte a inasprire il blocco e isolare la popolazione dell’Artsakh dal mondo esterno, privandola della possibilità anche limitata di movimento e consegna di aiuti umanitari con il sostegno del CICR e delle forze di pace russe.

In condizioni di totale permissività e assenza di misure decisive da parte della comunità internazionale contro la politica di pulizia etnica dell’Artsakh, l’azione dell’Azerbaigian si fa sempre più minacciosa. Pertanto, per evitare nuove atrocità e crimini contro il popolo dell’Artsakh, tali azioni illegali e aggressive dell’Azerbaigian devono ricevere un’adeguata valutazione politica e condanna da parte della comunità internazionale e, soprattutto, delle parti coinvolte nel processo.

‼️ Sottolineiamo ancora una volta che tutti i membri della comunità internazionale hanno la responsabilità di prevenire massicce violazioni dei diritti umani, compresa la pulizia etnica e il genocidio.”

____________________________________________________________________________________________________

Il ministro di Stato dell’Artsakh, Gurgen Nersisyan, nel corso di una dioretta su Facebook ha confermato che da ieri, il trasporto di merci umanitarie effettuato dalle forze di mantenimento della pace russe, così come il processo di trasporto dei pazienti in Armenia attraverso l’Organizzazione della Croce Rossa Internazionale al fine di fornire cure mediche adeguate, è stato interrotto. Da ieri, l’intero sistema statale dell’Artsakh è entrato in modalità di austerità, i servizi che forniscono il servizio pubblico hanno ricevuto incarichi appropriati e vengono applicate restrizioni.

“Tenendo presente che la situazione è cambiata radicalmente, abbiamo apportato rapidamente alcune revisioni agli approcci esistenti.
Chiedo ai vertici del sistema dell’amministrazione statale di affrontare il problema del carburante e altre questioni simili solo in caso di estrema necessità, di interrompere o ridurre al minimo l’uso di veicoli ufficiali.
La gestione del territorio e gli enti di autogoverno locale forniranno le forniture necessarie per organizzare il processo di fornitura di cibo e pane alla popolazione.
Forniremo al Ministero della Salute le condizioni necessarie per organizzare l’assistenza medica di emergenza.
Cercheremo il più possibile di assistere l’attuazione del lavoro agricolo al fine di mantenerne la continuità. Tale processo sarà svolto sotto il diretto coordinamento e la gestione del ministro dell’Agricoltura.
I trasporti pubblici continueranno a funzionare, saranno organizzati percorsi interdistrettuali”, ha dichiarato il ministro di Stato dell’Artsakh.

Inoltre, si è rivolto ai cittadini dell’Artsakh, affermando in particolare quanto segue: “Chiedo, esorto, anche di agire il più parsimoniosamente possibile. In questo momento, il processo di fornitura di carburante alle persone è stato interrotto”.

Dopo 180 giorni del criminale e illegale blocco azero dell’Artsakh (Nagorno Karabakh), queste le statistiche diffuse oggi dall’Info Center di Stepanakert:

  • Circa 1.405 persone sono state private dell’opportunità di ricevere le cure mediche necessarie a causa della sospensione degli interventi chirurgici programmati in tutte le strutture mediche dell’Artsakh, aumentando di circa 15 casi negli ultimi 3 giorni.
  • Ad oggi, 441 pazienti sono stati trasferiti dall’Artsakh in Armenia per ricevere adeguate cure mediche con la mediazione e l’accompagnamento del Comitato Internazionale della Croce Rossa. A causa degli ulteriori ostacoli azeri, le attività del CICR erano state sospese per quasi un mese, i trasferimenti sono stati ripristinati l’altro giorno. Poiché la Croce Rossa non dispone di un’ambulanza ed è in grado di trasportare i pazienti solo con un veicolo ordinario, non è possibile trasportare i pazienti che devono sdraiarsi perché l’Azerbaigian ha ostacolato il movimento delle ambulanze dell’Artsakh.
  • Circa 3.900 persone, tra cui 550 bambini, sono state separate dalle loro case a causa del blocco, ma alcune sono già tornate a casa con l’assistenza della Croce Rossa e delle forze di pace russe.
  • Nessun cittadino ha viaggiato liberamente lungo la strada Stepanakert-Goris (corridoio Lachin (Kashatagh)), e i casi di movimento bidirezionale di persone sono diminuiti di circa 207 volte, e solo con il supporto della Croce Rossa e delle forze di pace russe (invece di 441.000 persone in 180 giorni, ingressi e uscite 2.135. Negli ultimi 3 giorni si sono registrati solo 134 casi di ingresso e uscita di cittadini rientrati nelle proprie abitazioni accompagnati da operatori di pace o partiti per la Repubblica d’Armenia per urgenti necessità umanitarie).
  • Non un solo veicolo di cittadini dell’Artsakh è passato attraverso la strada bloccata e il movimento dei veicoli è stato quasi 59 volte inferiore a quello che avrebbe dovuto essere senza il blocco (invece di 165.600, 2.842 veicoli entrati e usciti in 180 giorni, e solo dalla Croce Rossa e forze di pace russe). Ciò significa che negli ultimi 3 giorni sono stati registrati solo 38 ingressi e uscite di veicoli.
  • Circa 13 volte meno beni vitali sono stati importati dalla Croce Rossa e dalle forze di pace russe di quanto avrebbero dovuto essere senza il blocco (5.466 tonnellate invece di circa 72.000 tonnellate in 180 giorni, di cui solo 143 tonnellate negli ultimi 3 giorni).
  • Durante il blocco, l’Azerbaigian ha interrotto completamente o parzialmente l’unica fornitura di gas all’Artsakh per un totale di 114 giorni e la fornitura di elettricità è stata completamente interrotta per 151 giorni. Ciò ha portato a blackout giornalieri e ulteriori arresti di emergenza, con la conseguente chiusura o riduzione delle operazioni di molte strutture.
  • 860 soggetti imprenditoriali (il 20,1% del totale) hanno sospeso la propria attività a causa delle impossibili condizioni operative dovute al blocco, mentre i restanti operano parzialmente o con il sostegno dello Stato.
  • Si stima che circa 10.900 persone (compresi i collocamenti temporanei sostenuti dallo stato e oltre il 50% dei lavoratori del settore privato) abbiano perso posti di lavoro e fonti di reddito a causa dell’impatto sull’economia del blocco e delle interruzioni di infrastrutture vitali.
  • Sono stati interrotti i lavori di costruzione di 32,6 chilometri di strade, decine di chilometri di acquedotti, impianti di irrigazione per migliaia di ettari di terreno, 3.717 appartamenti e più di 40 infrastrutture sociali e industriali.
  • Durante il blocco, l’economia della Repubblica dell’Artsakh ha subito una perdita di circa 342 milioni di dollari USA, portando a un calo dell’indice del PIL annuo previsto (903 milioni di dollari) di oltre il 38%.

(30) TRASFERIMENTO MALATI – Quattordici pazienti sono stati trasferiti dall’ospedale di Stepanakert a strutture specializzate dell’Armenia con un convoglio della Croce Rossa Internazionale. In giornata altri 7, terminate le cure in Armenia, ritorneranno in Artsakh. Al momento ci sono 34 bambini ricoverati all’ospedale pediatrico con tre nell’unità di terapia intensiva e neonatale. Invece, all’ospedale repubblicano sono ricoverati 85 pazienti di cui nove in terapia intensiva (sette gravi).

(30) FUNERALI ANCORA NEGATI – Nella giornata odierna si sono tenuti i funerali di due dei quattro soldati colpiti dall’attacco terroristico azero del 28 giugno. Le esequie hanno riguardato Armen Abgaryan e Gagik Balayan, residenti del villaggio di Gishi nella regione di Martuni dell’Artsakh. I parenti degli altri due soldati hanno richiesto il funerali in Armenia in quanto sono lì sfollati dalla fine della guerra del 2020; tuttavia le autorità azere non hanno ancora dato il permesso di trasferire i corpi. Il ministro di Stato, Nersisyan, ha dichiarato che “il governo [dell’Artsakh] continua i negoziati con l’ufficio di Stepanakert del CICR per trasferire i corpi di Samvel Torosyan e Yervand Tadevosyan, vittime della aggressione azerbaigiana, alla Repubblica di Armenia, su richiesta dei loro parenti.

(30) VERTICE MINISTRI ESTERI – Al termine del vertice, il ministero armeno ha rilasciato il seguente comunicato: “Il Ministro degli Affari Esteri dell’Armenia Ararat Mirzoyan e il Ministro degli Affari Esteri dell’Azerbaigian Jeyhun Bayramov hanno tenuto negoziati bilaterali dal 27 al 29 giugno presso il Centro Nazionale di Formazione per gli Affari Esteri George Schultz ad Arlington, Virginia. Mentre erano a Washington hanno incontrato il Segretario di Stato Antony Blinken e l’Assistente del Presidente e Consigliere per la Sicurezza Nazionale Jake Sullivan. Relazioni del Ministero degli Affari Esteri. I ministri e le loro squadre hanno proseguito i progressi sul progetto bilaterale di “Accordo sulla pace e l’instaurazione di relazioni interstatali”. Hanno raggiunto un accordo su articoli aggiuntivi e hanno avanzato la comprensione reciproca del progetto di accordo, riconoscendo nel contempo che le posizioni su alcune questioni chiave richiedono ulteriore lavoro. Entrambi i ministri hanno espresso il loro apprezzamento alla parte statunitense per aver ospitato i negoziati tra Armenia e Azerbaigian e il loro impegno a proseguire i negoziati“.

(29) SPARI CONTRO TRATTORE – Poco prima delle 17 (ora locale), le forze armate dell’Azerbaigian hanno violato il cessate il fuoco sparando, con armi leggere, in direzione di una mietitrebbia che svolgeva lavori agricoli in un campo del villaggio Machkalashen. Non ci sono persone colpite dalla parte armena, informa il servizio stampa del Ministero della Difesa. Questa violazione del cessate il fuoco è stata segnalata al comando del contingente di mantenimento della pace russo in Artsakh.

(29) AMNESTY INTERNATIONAL – L’organizzazione internazionale per i diritti umani Amnesty International si è interessata al blocco del corridoio di Lachin da parte dell’Azerbaigian, esortando le autorità di quest’ultimo a “revocare il blocco del Nagorno-Karabakh e porre fine alla crisi umanitaria in corso”. “Il 15 giugno, l’Azerbaigian ha interrotto tutti i movimenti sul Corridoio Lachin, l’unica strada che collega la sua regione separatista del Nagorno-Karabakh all’Armenia. La regione è sotto blocco dal dicembre 2022. Da allora i residenti del Nagorno-Karabakh hanno fatto affidamento sugli aiuti umanitari delle forze di pace russe e della Croce Rossa. I soldati azeri ora stanno bloccando l’ingresso e l’uscita dei convogli di aiuti e la crisi umanitaria sta peggiorando. Il 26 giugno, il CICR è stato autorizzato a riprendere l’evacuazione dei pazienti in condizioni critiche. Tuttavia, gli ospedali hanno una grave carenza di farmaci e forniture mediche. Le autorità azere devono revocare il blocco del Nagorno-Karabakh e porre fine alla crisi umanitaria in corso“, ha scritto Amnesty International su Twitter.

(29) GIONATA DEI CADUTI E DEI DISPERSI – Il presidente della Repubblica dell’Artsakh Arayik Harutyunyan in occasione della Giornata dei caduti per la patria e dei dispersi in azione ha visitato il Complesso commemorativo di Stepanakert e ha preso parte al servizio commemorativo dedicato alla Giornata.

(29) TRASFERIMENTO MALATI – Dodici pazienti sono stati trasferiti dall’ospedale di Stepanakert a strutture specializzate dell’Armenia con un convoglio della Croce Rossa Internazionale. In giornata altri 15, terminate le cure in Armenia, ritorneranno in Artsakh. Al momento ci sono 29 bambini ricoverati all’ospedale pediatrico con due nell’unità di terapia intensiva e neonatale. Invece, all’ospedale repubblicano sono ricoverati 79 pazienti di cui sette in terapia intensiva (cinque gravi).

(28) RIUNIONE PRESIDENTE – Il presidente dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh) Arayik Harutyunyan ha convocato una riunione operativa per discutere l’attuale situazione militare e politica. Harutyunyan ha sottolineato che l’aggressione e la repressione dell’Azerbaigian in corso contro l’Artsakh e il suo popolo contraddicono gli appelli della comunità internazionale a risolvere i problemi attraverso colloqui di pace e le disposizioni delineate nella dichiarazione tripartita del 9 novembre 2020. Ha evidenziato che tali azioni non contribuire all’instaurazione di una pace duratura nella regione e ha ribadito l’incrollabile impegno dell’Artsakh a risolvere pacificamente i problemi e ha esortato alla moderazione in questa fragile situazione. Quindi, il ministro della difesa Kamo Vardanyan ha fornito un rapporto completo sulla situazione operativa lungo la linea di contatto con l’Azerbaigian. Separatamente, il presidente ha dato diverse istruzioni ai capi delle agenzie competenti per garantire la sicurezza del popolo dell’Artsakh.

(28) PREOCCUPAZIONE RUSSA – La Russia, per bocca della portavoce del Cremlino, Maria Zakharova, è preoccupata per l’incidente armato e per la violazione del regime di cessate il fuoco che si è verificata. “Chiediamo alle parti di esercitare moderazione e risolvere tutte le questioni controverse in modo pacifico, politico, diplomatico e di collaborare con il comando del contingente russo di mantenimento della pace [in Nagorno-Karabakh]“, ha affermato Zakharova. “Riteniamo che l’allentamento della situazione contribuirà al rapido sblocco del corridoio Lachin e alla creazione di condizioni normali per la vita della popolazione civile“, ha aggiunto.

(28) NESSUN FERITO – Sono state smentite dal ministero della Difesa le voci relativa al ferimento di otto soldati armeni nel corso dell’attacco azero di questa notte. In realtà il bilnacio segna quattro vittime e nessun ferito.

(28) APPROVVIGIONAMENTO IDRICO – A causa della scarsità di risorse idriche in alcune comunità del Nagorno Karabakh, l’approvvigionamento viene effettuato secondo un programma stabilito dalla Commissione Acqua che prevede due turni: 6-12 e 18-23.

(28) SCOMPARSI IN GUERRA – Alla vigilia del giorno del ricordo delle persone scomparse, si è svolta una riunione ordinaria della commissione dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh) che si occupa delle questioni dei prigionieri, degli ostaggi e delle persone scomparse, presieduta dal presidente di questa commissione, il ministro dell’Interno dell’Artsakh Affari Karen Sargsyan. A seguito della guerra del 2020, il destino di 49 cittadini dell’Artsakh, di cui 30 militari e 19 civili, rimane sconosciuto. Durante le discussioni, i membri della suddetta commissione hanno sollevato una serie di questioni che sono particolarmente legate al processo di identificazione del test del DNA dei corpi e dei resti trovati nei territori dell’Artsakh occupati dall’Azerbaigian dopo la guerra del 2020. A tal proposito, il presidente della suddetta commissione dell’Artsakh ha fissato una nuova data per un altro incontro, al quale parteciperanno anche i parenti delle persone scomparse.

(28) IL PARLAMENTO IN SEDUTA – L’Assemblea nazionale dell’Artsakh, riunita in seduta, ha rilasciato una dichiarazione nella quale chiede, tra l’altro, all’Armenia di ritirare la delegazione al momento a Washington per colloqui di pace con la controparte azera. QUI IL TESTO
In precedenza il presidente dell’Assemblea nazionale, Tovmasyan, aveva rilasciato a sua volta un’altra dichiarazione (QUI IL TESTO)

(28) DICHIARAZIONE DI PASHINYAN – A seguito dell’attacco di questa notte il Primo ministro dell’Armenia ha rilasciato il seguente twitt: “Sollecitare la comunità internazionale ad adottare misure pratiche per garantire i diritti e la sicurezza del popolo del Nagorno Karabakh . Nel frattempo, il corridoio di Lachin rimane illegalmente bloccato, stanotte a seguito dell’attacco azero con uso di UAV ci sono 4 vittime. Alto rischio di destabilizzazione nel Caucaso del sud.”

(28) NUOVO ATTACCO AZERO, 4 ARMENI UCCISI – Intorno all’1,30 di questa notte una o più postazioni difensive dell’Esercito di Difesa dell’Artsakh sono state attaccate anche con droni dalle forze armate dell’Azerbaigian nei settori di Martakert e Martuni Quattro soldati armeni sono rimasti uccisi. Si tratta di Armo Abgaryan, Samvel Torosyan, Yervand Tadevosyan e Gagik Balayan i cui nomi sono stati resi noti dal ministero della Difesa.

(27) MINISTRI A WASHINGTON – I ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian hanno iniziato una serie di incontri a Washington, ospiti del Segretario di Stato USA Blinken che ha avuto incontri bilaterali separati con i due colleghi prima di dare il via a un vertice trilaterale.

(27) NUOVI SPARI A YERASKH – Gli azeri hanno nuovamente preso di mira la costruenda fabbrica metallurgica di Yeraskh in Armenia. Colpi di arma da fuoco sono stati sparati contro mezzi e operai presenti sul posto.

(27) NAZIONI UNITE – Nelle condizioni di minaccia esistenziale creata per il popolo del Nagorno-Karabakh, la comunità internazionale ha il dovere di agire e prevenire i crimini. Mher Margaryan, Rappresentante Permanente dell’Armenia presso le Nazioni Unite (ONU), lo ha sottolineato nel suo intervento all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite tenutisi ieri sul punto all’ordine del giorno sulla responsabilità di proteggere e prevenire il genocidio, i crimini di guerra, la pulizia etnica e i crimini contro l’umanità. I dibattiti hanno toccato il blocco in corso del corridoio di Lachin da parte dell’Azerbaigian in violazione dei suoi obblighi legali e della sentenza della Corte internazionale di giustizia, e che mette in pericolo la vita di persone innocenti contrariamente al diritto umanitario internazionale. È stato sottolineato che l’Armenia ha chiesto alle Nazioni Unite di inviare una missione in Nagorno Karabakh per valutare la situazione umanitaria, della sicurezza e dei diritti umani della popolazione locale.

(27) ELICOTTERI RUSSI – Da alcuni giorni sono stati notati elicotteri russi che entrano ed escono dallo spazio aereo dell’Artsakh. Secondo alcuni si tratta semplicemente di “cambio turno” fra soldati (senza passare dal corridoio di Lachin che è bloccato dagli azeri), per altri invece si tratta di rifornimenti di beni di prima necessità (per il Comando russo o per la popolazione locale).

(26) VILLAGGI ISOLATI – Oggi, i residenti delle comunità di Yeghtsahogh e Lisagor della regione di Shushi della Repubblica dell’Artsakh, accompagnati dalle forze di pace russe, hanno visitato Stepanakert e sono tornati ai loro villaggi (rimasti completamente isolati dal blocco azero) in minibus. Venerdì, era toccato ai residenti delle comunità vicine di Hin Shen e Mets Shen di essere accompagnati dalle forze di pace russe fino alla capitale Stepanakert dove hanno potuto acquistare i (pochi) beni di prima necessità disponibili.

(26) SPARI VERSO AGRICOLTORE – Un colpo è stato sparato da una postazione di combattimento azera contro Mikael Mejlumyan, un 22enne residente nel villaggio di Myurishen nel distretto di Martuni, impegnato in lavori agricoli.

(26) MINISTRI DEGLI ESTERI – Da domani, a Washington, comincerà un nuovo round di colloqui fra i ministri degli Esteri di Armenia (Mirzoyan) e Azerbaigian (Bayramov). Sono anche previsti incontri bilaterali con il Segretario di Stato americano Antony Blinken. Secondo Aykhan Hajizada, capo del servizio stampa del Ministero degli Affari Esteri dell’Azerbaigian, i colloqui potrebbero svolgersi in più giorni.

(26) SITUAZIONE SANITARIA – Diciassette pazienti del Centro medico repubblicano dell’Artsakh sono stati trasportati oggi in istituzioni mediche specializzate dell’Armenia, con undici accompagnatori, nonché la mediazione e la scorta del Comitato internazionale della Croce Rossa. E diciassette pazienti, che erano stati trasferiti in Armenia per cure mediche nell’ambito del finanziamento statale, dovrebbero tornare ad Artsakh durante il giorno con veicoli del CICR e insieme a otto accompagnatori. Trentuno bambini stanno ricevendo cure ospedaliere presso l’Arevik Medical Center di Artsakh, e cinque di loro sono presso le unità di terapia intensiva e neonatale. E 83 pazienti stanno ricevendo cure ospedaliere presso il Republican Medical Center, sei di loro sono in terapia intensiva e tre di loro sono in condizioni critiche.

(26) RAZIONAMENTO CARBURANTI – In conseguenza del blocco azero rafforzato, il governo dell’Artsakh ha introtto nuovamente norme più stringenti per l’utilizzo di carburanti. Di conseguenza, la benzina e il gasolio sono forniti nei casi più necessari: per organizzare il lavoro agricolo, per portare i pazienti alle strutture mediche, per trasportare i prodotti agricoli dalle regioni in modo centralizzato ai centri regionali dell’Artsakh e alla capitale Stepanakert, e per organizzare il lavoro del trasporto pubblico e le attività urgenti di alcuni enti statali.

(26) VIOLAZIONI AZERE – Tra le 12:40 di domenica e l’1 di oggi, le forze armate dell’Azerbaigian hanno violato il cessate il fuoco in direzione delle regioni Martuni, Askeran, Shushi e Martakert utilizzando armi leggere. In precedenza, nel pomeriggio di domenica, le unità dell’esercito azero hanno aperto il fuoco, con i fucili, contro un trattore che svolgeva lavori agricoli nei campi del villaggio Avdur. La parte armena non ha perdite. Questa violazione del cessate il fuoco è stata segnalata al comando del contingente di mantenimento della pace russo in Artsakh.

(25) TRASFERIMENTO MALATI – Dopo nove giorni di blocco azero la Croce Rossa ha oggi ripreso il trasferimento di pazienti gravi dall’ospedale di Stepanakert alle strutture specializzate dell’Armenia. Quindici malati e nove accompagnatori sono stati portati con un convoglio speciale. Ieri, un bambino di un anno, in pericolo di vita, era stato trasportato in Armenia con un elicottero del Comando russo.

(24) COMUNICATO MINISTERO ESTERI STEPANAKERT – Il ministero degli Esteri dell’Artsakh ha rilasciato un comunicato relativo alla votazione del 22 giugno all’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa. Nella nota si evidenzia tra l’altro che “Riconoscendo il fatto dell’uso della forza da parte dell’Azerbaigian nel 2020, le azioni unilaterali di questo paese per bloccare il corridoio di Lachin, che hanno portato alla violazione dei diritti sanciti dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo, per la prima volta, la PACE ha registrato la violazione da parte dell’Azerbaigian dei suoi obblighi statutari e convenzionali nei confronti del Consiglio d’Europa, nonché l’impegno assunto al momento dell’adesione all’organizzazione di risolvere il conflitto del Nagorno-Karabakh esclusivamente con mezzi pacifici.” Il documento considera importante la determinazione dell’Assemblea e il fatto che nella sua risoluzione PACE ha chiaramente affermato la situazione creata nella Repubblica dell’Artsakh a seguito del blocco illegale imposto dall’Azerbaigian e della crisi energetica deliberatamente provocata, nonché delle loro catastrofiche conseguenze umanitarie, e ha invitato l’Azerbaigian a ripristinare immediatamente le forniture di gas ed elettricità dall’Armenia all’Artsakh. Il comunicato si conclude invitando “il Segretario Generale del Consiglio d’Europa e il Comitato dei Ministri a rispondere immediatamente ai fatti innegabili del blocco illegale del Corridoio Lachin e avviare con urgenza i meccanismi dell’organizzazione per ritenere l’Azerbaigian responsabile e prevenire ulteriori violazioni dei diritti individuali e collettivi del popolo del Nagorno-Karabakh“.

(24) PONTE DI HAKARI – Le autorità azere hanno portato circa 60 diplomatici e addetti militari di 33 paesi e 10 organizzazioni al ponte Hakari e hanno cercato di fuorviare i diplomatici stranieri, assicurando che il corridoio funziona regolarmente. L’Azerbaigian ha allestito un posto di blocco illegale sul ponte e il 22 giugno lo ha completamente chiuso posizionando barriere di cemento. Prima della visita dei diplomatici, alcune barriere sono state parzialmente rimosse.

(23) COMUNICATO MINISTERO ESTERI STEPANAKERT – Il ministero degli Esteri dell’Artsakh ha rilasciato un comunicato relativo alla situazione del blocco azero. QUI LA TRADUZIONE ITALIANA

(23) DICHIARAZIONE RUSSA SU BLOCCO LACHIN – “In relazione alla chiusura dell’ingresso al Corridoio Lachin da parte dell’Azerbaigian, richiamiamo l’attenzione sul fatto che tali azioni costituiscono una violazione delle disposizioni della dichiarazione del 9 novembre 2020 dei leader di Russia, Azerbaigian e Armenia. Tali misure portare all’escalation della tensione e non contribuire a mantenere un’atmosfera normale nel processo di normalizzazione delle relazioni tra l’Azerbaigian e l’Armenia con il sostegno della Russia“, ha affermato la portavoce del ministero degli Esteri della Federazione Russa, Maria Zakharova. La Russia invita Baku a sbloccare completamente il traffico attraverso il corridoio Lachin e sottolinea anche l’importanza dell’attuazione coerente degli accordi tripartiti.

(23) BLOCCO AZERO – Quasi in risposta alla votazione dell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa l’Azerbaigian ha rafforzato il blocco all’ingresso del corridoio di Lachin posizionando prima del ponte (lato orientale) dei blocchi di cemento tipo New jersey per impedire il transito ai veicoli. L’operazione, condotta con una gru, si è svolta alla presenza dei soldati russi della forza di pace.

(22) FERITO SOLDATO ARMENO – In conseguenza dell’ennesima violazione azera un soldato armeno dell’esercito di difesa dell’Artsakh, Mher Hakobyan, è stato ferito dal colpo di un cecchino azero. Il fatto è avvenuto nella regione di Martakert.

(22) SPARI CONTRO ABITAZIONE – Il Ministero degli affari interni dell’Artsakh ha riferito che una casa residenziale nel villaggio di Chankatag, situato nella regione di Martakert dell’Artsakh, è stata presa di mira da colpi di arma da fuoco delle forze militari azere. Un abitante del villaggio, Zori Arakelyan, ha allertato la polizia dopo che la sua casa è stata colpita da colpi di arma da fuoco indiscriminati dalle vicine postazioni azere. Dopo le indagini, la polizia ha confermato che il tetto della casa di Arakelyan era stato danneggiato da colpi di arma da fuoco sparati da postazioni azere vicino al villaggio intorno alle 13:30. Attualmente, l’entità del danno è in fase di determinazione. L’incidente è stato segnalato al contingente di mantenimento della pace russo.

(22) ASSEMBLEA PARLAMENTARE CONSIGLIO D’EUROPA – La PACE ha adottato la risoluzione intitolata “Garantire un accesso libero e sicuro attraverso il corridoio di Berdzor (Lachin)”. Secondo Ruben Rubinyan, capo della delegazione armena, la delegazione azera ha fatto vari tentativi per modificare o impedire l’adozione della risoluzione, ma i suoi sforzi si sono rivelati infruttuosi. Circa 60 emendamenti proposti dall’Azerbaigian sono stati respinti e la risoluzione è stata infine adottata. La risoluzione sollecita specificamente l’Azerbaigian ad attuare prontamente le decisioni prese dalla CEDU e dalla Corte internazionale di giustizia. Inoltre, chiede il ripristino delle forniture di elettricità e gas all’Artsakh (Nagorno Karabakh) e sottolinea l’importanza di astenersi da retoriche ostili e minacciose nei confronti degli armeni.

(21) CONDANNATO OMICIDA AZERO – Il militare azero Huseyn Akhundov è stato condannato dalla corte armena a 20 anni di reclusione. Akhundov è stato condannato per l’omicidio di Hayrapet Meliksetyan, un agente di sicurezza di 56 anni presso lo Zangezur Caopper-Molybdenum Combine. La famiglia di Meliksetyan considera questo verdetto inaccettabile e chiede l’ergastolo. All’inizio di aprile, Akhundov e un altro militare azero di nome Agshin Babirov hanno attraversato illegalmente il confine con l’Armenia. Successivamente sono stati catturati grazie ai residenti dei villaggi di confine di Syunik.

(21) PARLAMENTO EUROPEO – La delegazione della sottocommissione per la Sicurezza e la difesa del Parlamento europeo guidata dalla presidente Nathalie Loiseau si è unita alla missione dell’UE in Armenia per una pattuglia pianificata al corridoio di Lachin.

(21) CONSIGLIO DI SICUREZZA – Il Presidente della Repubblica dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha convocato una riunione del Consiglio di Sicurezza per discutere l’attuale situazione politico-militare che circonda l’Artsakh, le sfide affrontate e le azioni necessarie da intraprendere

(21) VIOLAZIONI AZERE – Intorno alle 4 del mattino (ora locale), le forze armate dell’Azerbaigian hanno violato il cessate il fuoco in direzione della regione di Martakert della Repubblica dell’Artsakh utilizzando armi leggere. Non risultano feriti.

(20) VIOLAZIONI AZERE – Nella tarda mattinata odierna gli azeri hanno sparato cona rmi di vario calibro verso le postazioni difensive armene in località Kakhakn (Gegharkunik). Nella tarda serata di ieri e nel primo mattino di oggi, violazioni azere sono state registrate anche in Artsakh nelle regioni di Martakert, Martuni e Shushi. Nel pomeriggio violazioni lungo la forntiera del Syunik (ARM) nei pressi di Nerkin Hand e Srashen, ancora colpi contro la costruenda fabbrica di Yeraskh nonostante la proprietà abbia fatto innalzare le bandiere dell’Armenia e degli Stati Uniti.
In tutti i casi non ci sono state perdite tra le fila armene.

(19) CONTINUANO LE VIOLAZIONI AZERE – Ieri registrate violazioni azere in direzione di Martakert e Martuni (Artsakh) oltre che in alcuni punti della frontiera con l’Armenia in particolare Verin Shorza. Questa notte, colpi con armi di vario calibro verso Yeraskh e Sotk (ARM). In mattinata ancora colpi contro la fabbrica in costruzione di Yeraskh.

(19) QUINTO GIORNO DI BLOCCO TOTALE – Dal 15 giugno tutti i transiti di persone emerci da e per l’Artsakh sono bloccati dagli azeri. Nel blocco sono ricompresi anche i pazienti ghravi che in precedenza erano trasportati dalla Croce Rossa in strutture più attrezzate dell’Armenia.

(16) BLOCCATO TRASPORTO MALATI – In questo momento è diventato impossibile trasportare anche i malati gravi dall’Artsakh (Nagorno Karabakh) alla capitale dell’Armenia Yerevan. Lo ha dichiarato il ministro della salute dell’Armenia Anahit Avanesyan ai giornalisti dopo la odierna sessione di gabinetto del governo.

(15) FERITO SOLDATO ARMENO – Un militare armeno, Artur Azroyan, facente parte del Servizio nazionale di frontiera, è stato ferito da colpi sparati da postazioni azere nei pressi del villaggio di Tegh (ARM).

(15) PROVOCAZIONE AZERA – Intorno alle 8:40 (ora locale), un gruppo di soldati del servizio di guardia di frontiera dell’Azerbaigian ha tentato di avanzare in direzione del ponte Hakari per collocare una bandiera azera sul territorio dell’Armenia. A seguito delle misure adottate dalla parte armena, il tentativo dei militari azeri di far avanzare e installare una bandiera nel territorio dell’Armenia è stato sventato. Gli azeri hanno comunque bloccato il passaggio sul ponte e una intera colonna del CRI che trasportava pazienti gravi in Armenia è dovuta rientare a Stepanakert.

(14) VIOLAZIONI AZERE – Le truppe azere hanno aperto il fuoco di armi leggere nelle direzioni settentrionale, orientale e nord-occidentale della linea di contatto con l’Artsakh. Tra le 9:15 e le 11:14, la parte azera ha aperto il fuoco, con armi leggere, contro i civili che svolgevano lavori agricoli nei villaggi di Machkalashen e Chartar. La parte armena non ha perdite. Questa violazione del cessate il fuoco è stata segnalata al comando del contingente di mantenimento della pace russo in Artsakh.

(14) ANCORA VIOLAZIONI, DUE FERITI – Due stranieri, di cittadinanza indiana, sono stati feriti oggi, intorno alle 11,30 ora locale, dai cecchini azeri che hanno sparato colpi verso la costruenda (con investimenti stranieri) fabbrica metallurgica di Yeraskh, al confine tra Armenia e Nakhijevan. Ieri, nella stessa località era stata presa di mira l’auto di un civile e un mezzo di servizio. I due feriti sono sottoposti a intervento chirurgico

(13) VIOLAZIONI AZERE IN ARMENIA – Il ministero della Difesa dell’Armenia ha riferito che tra le 11:30 e le 11:45, le unità delle forze armate azere hanno aperto il fuoco con fucili di diverso calibro in direzione delle posizioni armene situate nei settori Tretuk e Sotk. Le forze armate azere hanno anche utilizzato un mortaio nella regione di Sotk.

(13) CONSOLATO TURCO – Nel corso della sua visita in Azerbaigian, il rieletto presidente turco Erdogan ha dichiarato che la Turchia è pronta ad aprire un consolato nella città armena occupata di Shushi. Tale apertura “sarà indirizzata al mondo intero e in particolare all’Armenia” ha dichiarato Erdogan.

(12) TRASFERIMENTO PAZIENTI – Oggi, 16 pazienti, con medici e accompagnatori, sono stati trasferiti in Armenia sotto scorta della Croce Rossa Internazionale mentre 19, terminate le cure, hanno fatto il percorso all’inverso.

(12) VIOLAZIONI AZERE IN ARMENIA – Il ministero della Difesa dell’Armenia ha riferito che gli azeri hanno bombardato posizioni armene nell’area di Sotk nella regione di Gegharkunik. La parte armena non ha subito perdite.

(12) BLOCCO LACHIN – Da sei mesi l’Artsakh è isolato a causa del blocco del corridoio di Lachin. Il ministero degli Esteri dell’Armenia scrive su “6 mesi di blocco illegale del Corridoio di Lachin: continue gravi restrizioni dei diritti e delle libertà fondamentali di 120.000 persone nel Nagorno-Karabakh, incluso l’effetto dannoso su 30.000 bambini. Il tutto nonostante la sentenza legalmente vincolante dell’ICJ e le numerose chiamate delle istituzioni internazionali”.

(10) COLPI DI MORTAIO AZERI – Le forze armate azere hanno nuovamente violato il cessate il fuoco nella direzione sud-occidentale della linea di contatto con armi leggere e mortai. Verso le 12:20 (ora locale) la parte azera ha sparato tre colpi di mortaio da 60 mm contro una delle postazioni dell’Esercito di Difesa dell’Artsakh. Lo ha riferito il Ministero della Difesa dell’Artsakh.

(10) ESERCITAZIONI AZERE – L’Azerbaigian sta conducendo esercitazioni militari nei territori occupati dell’Artsakh. “Le formazioni e le unità coinvolte nelle esercitazioni sono state portate a vari livelli di prontezza al combattimento e dispiegate nelle aree di destinazione. È stato assicurato il dispiegamento di organi di comando e controllo sul territorio, sono state prese misure in collaborazione con unità di altre forze militari. Il ministro della Difesa dell’Azerbaigian, il colonnello generale Zakir Hasanov, e la leadership del ministero hanno osservato il corso delle esercitazioni del personale di comando” si legge in una nota del ministero della Difesa di Baku.

(9) TRASFERIMENTO PAZIENTI – Oggi, 15 pazienti sono stati trasferiti in Armenia sotto scorta della Croce Rossa Internazionale mentre 16, terminate le cure, hanno fatto il percorso all’inverso. Undici bambini rimangono nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale pediatrico Arevik, mentre nove adulti (due in gravi condizioni) sono ricoverati in terapia intensiva dell’ospedale repubblicano di Stepanakert.

(8) SPARI CONTRO TRATTORE – Intorno alle 18:20, la parte azera ha aperto il fuoco, con un fucile, contro un trattore che svolgeva lavori agricoli nel villaggio di Karvin secondo quanto riferisce il Ministero della Difesa dell’Artsakh. La parte armena non ha perdite. Questa violazione del cessate il fuoco è stata segnalata al comando del contingente di mantenimento della pace russo in Artsakh.

(7) PRESSIONE UE E USA SU AZERBAIGIAN – L’UE e gli USA sollecitano quasi contemporaneamente l’Azerbaigian ad adottare misure per garantire i diritti e la sicurezza degli armeni nel Nagorno Karabakh. Nella nota dirmata dall’Unione europea si legge che “Accogliamo con favore la partecipazione di Baku al prossimo incontro trilaterale del 21 luglio sotto gli auspici dell’UE, dove dovrebbero essere compiuti ulteriori progressi. Esortiamo l’Azerbaigian a sviluppare un’agenda positiva che protegga i diritti e la sicurezza della popolazione armena del Nagorno-Karabakh. La situazione attuale è preoccupante e lascia conseguenze umanitarie negative, poiché la popolazione di etnia armena ha ripetutamente subito interruzioni nella fornitura di servizi energetici e di comunicazione di base.Chiediamo a Baku di adottare misure concrete per revocare le restrizioni alla popolazione di etnia armena, garantendo una stabilità l’approvvigionamento energetico e consentire alla rete energetica di rimanere intatta.Inoltre, chiediamo a tutte le parti di astenersi da retoriche ostili e promuovere invece un dialogo che costruisca fiducia e crei condizioni favorevoli ai colloqui di pace“.
Contemporaneamente anche l’ambasciatore Usa presso l’OSCE Michael Carpenter ha dichiarato che “Chiediamo all’Azerbaigian di prendere provvedimenti per garantire una fornitura permanente di gas ed elettricità al Nagorno-Karabakh, nonché il libero flusso e movimento di merci e persone, anche attraverso il corridoio di Lachin“.
La dichiarazione quasi simultanea di Unione Europea e Stati Uniti indica che esiste un forte consenso sui diritti e sulla sicurezza del popolo del Nagorno-Karabakh, nonché sulle misure attese per eliminare le conseguenze umanitarie del blocco.

(7) MILITARI RAPITI – Oggi sono arrivate dalla Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) informazioni riguardanti i due militari armeni presentate dall’Azerbaigian alla Corte europea, compresi documenti medici e dettagli sulle condizioni di detenzione. L’Armenia presenterà la propria posizione in merito alle informazioni e ai documenti forniti dall’Azerbaigian entro il termine fissato dalla Corte Europea, cioè il 16 giugno.

(7) MISSIONE EUROPEA – La missione civile dell’Unione europea in Armenia (EUMA) prevede di istituire tre hub operativi aggiuntivi a Jermuk, Ijevan e Yeghegnadzor nei prossimi mesi, raggiungendo gradualmente la piena capacità operativa nel prossimo futuro. Lo ha detto il capo missione, Markus Ritter, ospitando a Martuni in Armenia la delegazione Ue del gruppo di lavoro Europa dell’Est e Asia Centrale con l’Ambasciatore Ue Andrea Victorin. Ritter li ha introdotti al concetto e alle attività della missione civile. Secondo lui, nel primo trimestre della sua attività, la missione ha effettuato più di 300 pattugliamenti nei suoi hub di Goris, Jermuk e Martuni. Le pattuglie coprono più di 3.800 km ogni settimana.”Il nostro obiettivo è, tra l’altro, contribuire alla stabilizzazione della sicurezza delle regioni di confine. E, secondo molti funzionari armeni, la missione civile dell’Unione Europea ha contribuito a una certa stabilizzazione della situazione. Tuttavia, la situazione rimane instabile“, ha aggiunto Ritter.

(6) RIPETUTE VIOLAZIONI AZERE – Nella mattinata, a partire dalle 11 sono state rilevate violazni azere multiple nei settori centrale, orientale e sud orientale della linea di contatto. Altre violazioni nella serata intorno alle ore 20 (ora locale).

(5) MINISTRI DEGLI ESTERI – Come ha riferito il portavoce del Ministero degli Affari Esteri dell’Armenia Ani Badalyan, il prossimo ciclo di discussioni fra i ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian dovrebbe tenersi nella capitale degli Stati Uniti, Washington. Le discussioni con la partecipazione del Ministro degli Affari Esteri dell’Armenia Ararat Mirzoyan e del Ministro degli Affari Esteri dell’Azerbaigian Jeihun Bayramov inizieranno il 12 giugno.

(5) ALTRE VIOLAZIONI AZERE – Tra le 10:45 e le 11:00 (ora locale) , le forze armate azere hanno violato il cessate il fuoco nelle direzioni est e sud-ovest della linea di contatto utilizzando armi leggere. Non si registrano feriti.

(5) CORRIDOIO DI ZANGEZUR – Le autorità dell’Azerbaigian stanno preparando intensamente Nakhichevan per “l’apertura del corridoio Zangezur” nonostante non vi sia ancora nulla di stabilito. Secondo quanto riportano i media azeri, sarebbero in corso lavori di adeguamento della rete ferroviaria ed è allo studio un sistema fiscale speciale con particolari esenzioni doganali.

(5) CONFINI – Non esiste un accordo definitivo su una mappa specifica per quanto riguarda la demarcazione tra Armenia e Azerbaigian. Lo ha detto oggi il ministro degli Esteri Ararat Mirzoyan all’Assemblea nazionale. “Ma c’è l’obbligo e l’impegno di realizzare questi lavori in conformità con la dichiarazione di Alma Ata. Il 6 ottobre dello scorso anno è stato raggiunto un accordo a Praga. Non c’è accordo su quale mappa“, ha detto il ministro degli Esteri. Ha aggiunto che, per quanto ne sa, durante l’incontro a cinque partiti a Chisinau, il presidente azero Ilham Aliyev non si è opposto alla mappa del 1975. “Stiamo parlando della mappa attorno alla quale c’è comprensione e volontà di continuare il lavoro da parte dell’intera comunità internazionale e della Repubblica di Armenia. Riteniamo che riconoscere l’integrità territoriale reciproca con la mappa del 1975 e avviare i lavori di delimitazione su tale base sia una soluzione accettabile per la Repubblica Armena”, ha affermato Mirzoyan. Ha detto che secondo la loro idea, la base della demarcazione non dovrebbero essere tali documenti e mappe che sono vantaggiosi per l’una o l’altra parte, ma quelli che sono legalmente i più invulnerabili.
Mirzoyan ha aggiunto che, secondo i risultati degli incontri a lui noti, Aliyev si è sempre opposto a prendere le mappe del 1975 come base per la demarcazione, ed è stato solo durante l’ultimo incontro a Chisinau che ha detto di non essere contrario.
Proprio ieri, il segretario del Consiglio di sicurezza dell’AR, Armen Grigoryan, ha dichiarato alla TV pubblica che ci sono dei progressi per quanto riguarda la demarcazione della mappa del 1975, ma non si può dire che la questione sia stata finalmente risolta. Il Ministero degli Affari Esteri dell’Azerbaigian ha annunciato oggi che Baku e Yerevan non hanno accordi sulla demarcazione dei confini basati su una mappa specifica.

(4) NUOVO MINISTRO ESTERI TURCO – Il rieletto presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha presentando la nuova lista del gabinetto dei ministri. Hakan Fidan, che in precedenza era stato a capo della National Intelligence Organization e ha preso parte attiva ai negoziati tra Ankara e Damasco, è stato nominato ministro degli Esteri. Succede a Mevlut Çavuşoğlu, ora eletto membro del parlamento, in carica dal 2014.

(3) ANCORA VIOLAZIONI – Un’altra violazione azera del cessate-il-fuocoi è stata rilevata oggi nella regione di Martakert. Anche ieri e nei giorni scorsi analoghi incidenti mentre l’Azerbaigian accusa gli armeni di “provocazioni”.

(3) RICONGIUNGIMENTO DI CITTADINI – Ieri, con il sostegno e l’accompagnamento delle truppe di pace russe, 28 persone sono state trasferite dall’Artsakh all’Armenia, e 27 dall’Armenia all’Artsakh. Sono tutte persone con bisogni umanitari urgenti, comprese esigenze sanitarie, di assistenza familiare e di ricongiungimento familiare. Centinaia di altre persone in Artsakh e Armenia con urgenti necessità di trasporto stanno aspettando la loro occasione, per non parlare delle migliaia di persone che hanno bisogno di viaggiare in entrambe le direzioni per scopi meno urgenti. 

(3) TURISMO IN ARTSAKH – Oggi è ripartito il programma di bus turistici per visitare l’Artsakh. I mezzi, con partenza da piazza della Rinascita a Stepanakert, si dipartono in tre direzioni. Il dipartimento del turismo del Ministero dell’Istruzione e della Cultura della Repubblica dell’Artsakh, ha informato che i percorsi turistici includono: Stepanakert-Nikol Duman House Museum-Hakobavank-Gandzasar -Stepanakert, Stepanakert-Bovurkhani-Monastero di Amaras-Stepanakert e Stepanakert-Patara con tour a piedi alla chiesa di Saint Amenprkich-villaggio di Astghashen. Già esauriti i posti per la prima giornata di itinerari turistici.  Fino al 2 settembre, ogni sabato e domenica, dal centro turistico di Stepanakert (Piazza del Rinascimento) partiranno autobus turistici accompagnati da una guida turistica in tre diverse direzioni.  Il prezzo del biglietto è di 500 dram, che include il trasporto passeggeri e il servizio di guida. I biglietti possono essere acquistati presso il centro turistico in Piazza del Rinascimento. Naturalmente, stante l’attuale situazione di blocco, a beneficiare del servizio turistico potranno essere solo i cittadini dell’Artsakh. 

(3) COLLEGAMENTI FERROVIARI – Alla riunione dei vice primi ministri dell’Armenia e dell’Azerbaigian, è stata raggiunta un’intesa comune sul collegamento ferroviario Yeraskh-Julfa-Meghri-Horadiz. Lo ha annunciato l’ufficio del vice primo ministro Mher Grigoryan con un comunicato:
Al fine di dare attuazione agli accordi raggiunti durante l’incontro tenutosi a Mosca il 25 maggio, il 2 giugno si è tenuta nella capitale russa la 12a sessione del gruppo di lavoro tripartito sotto la copresidenza del Vice Primo Ministro della Repubblica di Armenia Mher Grigoryan, il Vice Primo Ministro della Federazione Russa Alexey Overchuk e il Vice Primo Ministro della Repubblica dell’Azerbaigian Shahin Mustafaev.
La seduta si è svolta in un clima costruttivo. In modo soddisfacente, sono stati registrati progressi significativi nell’accordo sulle modalità di organizzazione dello sblocco delle comunicazioni di trasporto tra la Repubblica di Armenia e la Repubblica dell’Azerbaigian. In particolare, è stata raggiunta un’intesa comune in merito all’attuazione di passi concreti verso il ripristino e l’organizzazione della comunicazione ferroviaria sulla rotta Yeraskh-Julfa-Meghri-Horadiz.
I risultati dei negoziati saranno riferiti ai leader della Repubblica di Armenia, della Federazione Russa e della Repubblica dell’Azerbaigian. Le parti hanno concordato di proseguire i lavori nell’ambito del gruppo di lavoro tripartito
“, si legge nel messaggio.

(3) MALTEMPO – Recentemente, a causa di forti venti, pioggia e grandine, alberi da frutto, colture orticole e serre sono state danneggiate nelle comunità di Askeran, Noragigh, Sardarashen, Khramort, Khachen, Tsaghkashat e Khnapat. Il processo di valutazione dei danni è attualmente in corso. 

(2) PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA – Il presidente della Repubblica dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha incontrato i deputati dell’Assemblea nazionale ai quali ha presentato gli ultimi sviluppi politico-militari attorno all’Artsakh, ha fatto riferimento al processo negoziale Armenia-Azerbaigian, e ha parlato dei passi compiuti dal potere esecutivo nella situazione attuale. Il presidente Harutyunyan ha risposto a circa due dozzine di domande dei deputati su questioni interne ed esterne. C’è stato uno scambio di idee su cosa fare insieme.

(2) CORRIDOIO DI ZANGEZUR – In un’intervista l’ambasciatore dell’Azerbaigian in Turchia ha dichiarato che “il Corridoio Zangezur collegherà Turchia e Azerbaigian. Il lavoro di apertura di quel corridoio sta procedendo a ritmo sostenuto ed è in fase di completamento“. Continuando la politica delle ambizioni territoriali, l’ambasciatore azero ha affermato che “Zangezur è la terra conquistata nel 1920. Ci è stato tolto durante l’Unione Sovietica e consegnato all’Armenia. È stata eretta una barriera al confine dell’Azerbaigian con la Turchia, sono stati creati ostacoli“. Affermando che la distanza tra la Turchia e l’Azerbaigian sarà ridotta a 38 chilometri attraverso il corridoio Zangezur, l’ambasciatore Mamedov ha sottolineato che è importante anche per le relazioni commerciali della Turchia con l’Asia. “La Turchia stabilirà una connessione tra Oriente e Occidente“. Per “addolcire” le dichiarazioni insolenti, Mamedov ha aggiunto che “il progetto del Corridoio di Zangezur è importante per l’Armenia dal punto di vista della propria sicurezza“.

(2) AGRICOLTURA E ALLEVAMENTO – Nel periodo dal 10 maggio al 1° giugno, i funzionari del settore zootecnico del Ministero dell’Agricoltura della Repubblica di Artsakh, guidati dal Primo Vice Ministro dell’Agricoltura Tigran Arstamyan, hanno visitato una serie di comunità del paese al fine di verificare i progetti di “costruzione, ricostruzione e riparazione di mattatoi, prodotti animali e laboratori di lavorazione delle materie prime, stalle, allevamenti ittici (allevamenti di granchi), allevamenti di funghi nella Repubblica dell’Artsakh. E’ stato ricevuto un numero piuttosto elevato di domande per la costruzione, la ricostruzione e la riparazione di stalle e allevamenti ittici, e una positiva conclusione è stata data alla maggior parte dei progetti presentati. Gli interventi sono naturalmente finalizzati a fronteggiare la penuria di cibo conseguente il blocco azero del corridoio di Lachin.

(2) TRASFERIMENTO PAZIENTI – Oggi, 18 pazienti sono stati trasferiti in Armenia sotto scorta della Croce Rossa mentre 11, terminate le cure, hanno fatto il percorso all’inverso.

(1) VERTICE A CHISINAU – E’ iniziato intorno alle 16,30 il vertice tra Aliyev, Pashinyan, Macron e Scholtz a Chisinau (Moldavia). In un primo momento, l’incontro ha preso avvio con la partecipazione dei leader di Armenia e Azerbaigian, con la mediazione del capo del Consiglio europeo Charles Michel, ed è durato 10 minuti. Successivamente, il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Scholz si sono uniti a loro. In precedenza, in un briefing con i giornalisti alla cerimonia di apertura del vertice, il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel ha espresso la speranza che Armenia e Azerbaigian confermino la volontà politica comune di regolare le relazioni durante l’incontro a cinque. Il vertice si è concluso dopo circa un’ora e mezza.
Durante l’incontro sono state affrontate le questioni relative allo sblocco delle infrastrutture regionali di trasporto ed economiche, alla demarcazione e sicurezza dei confini tra i due paesi, all’accordo sulla regolamentazione delle relazioni tra Armenia e Azerbaigian, alla necessità di affrontare i diritti e la sicurezza del popolo dell’Artsakh (Nagorno Karabakh), dei prigionieri, delle persone scomparse e di altre questioni umanitarie.
Il 21 giugno è previsto a Bruxelles un nuovo incontro tra il primo ministro dell’Armenia, il presidente del Consiglio dell’Ue e il presidente dell’Azerbaigian secondo riportano fonti governative armene. Per il 12 invece è previsto a Washington un incontro fra i ministri degli Esteri.

(1) NUOVI ACQUISTI DI ARMI – Il ministro della Difesa dell’Azerbaigian Zakir Hasanov ha annunciato che l’Azerbaigian continuerà ad acquisire armi moderne e attrezzature militari sottolineando un nuovo stanziamento di ulteriori 650 milioni di dollari per nuove armi moderne e attrezzature militari. Il ministro ha dato istruzioni specifiche sulla “continuazione ininterrotta dell’osservazione delle attività armene, nonché sulla costante disponibilità a prevenire immediatamente e con decisione ogni possibile provocazione“.

(1) TRASFERIMENTO PAZIENTI – 14 pazienti del “Republican Medical Center” insieme ai loro accompagnatori, sono stati trasferiti in centri medici specializzati della Repubblica di Armenia con la mediazione e l’accompagnamento del Comitato Internazionale della Croce Rossa. 12 pazienti medici, inviati in Armenia per cure nell’ambito dell’ordine statale, sono tornati in Artsakh con i loro compagni. 14 bambini sono nel reparto neonatale e di rianimazione dell’unità medica “Arevik”. Al “Republican Medical Center” CJSC, 8 pazienti sono ricoverati nell’unità di terapia intensiva, 5 dei quali sono in condizioni critiche.

(1) ARTSAKH TV – Compie 35 anni la televisione di Stato dell’Artsakh. E’ stata infatti fondata il primo giugno 1988 nel quadro dei programmi di sviluppo della società televisive locali nelle ex repubbliche e regioni autonome dell’Unione Sovietica. Il progetto fu tuttavia ostacolato e ritardato dagli azeri e per tale ragione la sede iniziale dell’emittente non fu istituita nel capoluogo Stepanakert ma nella città di Shushi dove la popolazione azera era numericamente superiore a quella armena.Nel corso del primo conflitto degli anni Novanta, la sede dell’emittente fu ripetutamente colpita dalle forze armate dell’Azerbaigian. Nel 1998 venne costruita una nuova sede nella capitale e nel 2003 Artsakh Tv divenne ufficialmente la televisione di Stato della repubblica di Artsakh. 

(1) CONSULTAZIONE DI GOVERNO – Il presidente della Repubblica dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha tenuto un’ampia consultazione di lavoro nel governo nel corso della quale sono state discusse questioni relative alla situazione politico-militare e socio-economica intorno all’Artsakh. I capi dei dipartimenti settoriali hanno riferito sullo stato di avanzamento dell’attuazione delle istruzioni precedentemente impartite dal Presidente della Repubblica. Il Presidente della Repubblica, presentando gli ultimi sviluppi regionali ai partecipanti alla consultazione, ha osservato che i rischi per la sicurezza, la presenza a lungo termine del blocco, la crisi energetica e altre circostanze dovrebbero essere alla base di tutti i lavori e dei programmi sviluppati nel Paese. In tale contesto, il Presidente ha dato una serie di nuove istruzioni a breve e a lungo termine per affrontare i rischi per la sicurezza, bloccarli e superare i problemi causati dalla crisi energetica.

Armeni ancora sconfitti e in pericolo (Ultima voce, 1 giu)

L’Azerbaijan farà felice Leonardo (Start magazine, 1 giu)

Un’ora di vertice con “la pace” sul tavolo (Ticino online, 1 giu)

L’Armenia costretta a cedere il Nagorno-Karabakh (Remo contro, 1 giu)

172° giorno del #ArtsakhBlockade. L’Europa e gli USA ci chiedono adesso di sterminare un popolo? (Korazym, 1 giu)

173° giorno del #ArtsakhBlockade. Silenzio, non azione e collaborazione rendono complice in genocidio (Korazym, 2 giu)

174° giorno del #ArtsakhBlockade. Di fronte alle minacce esistenziali che incombono sui bambini dell’Artsakh, la comunità internazionale e l’UNICEF devono agire (Korazym, 3 giu)

175° giorno del #ArtsakhBlockade. Cara Giorgia Meloni, anche per gli Armeni valgono i “valori da cui dipendono idee come solidarietà, sussidiarietà, stato di diritto”? (Korazym, 4 giu)

Armenia e Azerbaijan, nuovi incontri a Mosca, Chişinău e Ankara (Osservatorio Balcani Caucaso, 6 giu)

«Noi, semplici cittadini armeni, ci addestriamo in montagna per prepararci alla prossima guerra» (L’Espresso, 7 giu)

180° giorno del #ArtsakhBlockade. Forte determinazione da parte del popolo dell’Artsakh nonostante la crisi umanitaria (Korazym, 9 giu)

181° giorno del #ArtsakhBlockade. Per il governo italiano, ridotto a zerbino di Aliyev, l’etica è morta da tempo (Korazym, 10 giu)

Fuoco azero contro veicolo armeno ma l’Italia firma per dare a Baku C-27J Spartan (Assadakah, 10 giu)

182° giorno del #ArtsakhBlockade. Il prezzo del silenzio. Nelle montagne del Nagorno-Karabakh, una delle comunità cristiane più antiche del mondo rischia il genocidio (Korazym, 11 giu)

L’Italia non tradisca l’Armenia (Tempi, 15 giu)

Gli Stati Uniti minacciano il Nagorno-Karabakh di un’operazione antiterrorismo a causa del rifiuto di negoziare con l’Azerbaigian (Avia.pro, 15 giu)

Armenia/Azerbaigian: una pace difficile (Eastwest, 15 giu)

Azerbaijan vs Armenia: soldati azeri sconfinano, guardie armene gli sparano. Con gli uomini di Baku anche militari russi – VIDEO (Il giornale d’Italia, 15 giu)

190° giorno del #ArtsakhBlockade. Dopo 6 mesi di continuazione del ciclo del genocidio, è sempre più grave il blocco azero dell’Artsakh (Korazym, 19 giu)

#ArtsakhBlockade. Baronessa Caroline Cox: l’esistenza dell’Armenia senza l’Artsakh armeno sarà più in pericolo di oggi (Korazym, 20 giu)

Acque contese (Osservatore romano, 21 giu)

192° giorno del #ArtsakhBlockade. Il blocco azero dell’Artsakh costituisce un crimine di guerra ai sensi del diritto internazionale (Korazym, 21 giu)

Altre armi al dittatore azero: quanto è debole la politica estera italiana (Politicamente corretto, 22 giu)

193° giorno del #ArtsakhBlockade. Altre armi all’autocrate azero: quanto è debole la politica estera italiana (Korazym, 22 giu)

“La situazione umanitaria in Artsakh è davvero difficile, è peggiorata molto” (It.Es, 22 giu)

Aerei militari venduti all’Azerbaigian, gli armeni in Italia contro il governo… (Crisis watch, 22 giu)

L’Europa condanna l’Azerbaijan: “Stop all’isolamento del Karabakh: Baku viola i diritti umani e incita all’odio contro gli armeni” (La stampa, 23 giu)

L’Italia sta con i dittatori e abbandona l’Armenia (Assadakah, 23 giu)

Armeni in Italia: “Armi all’Azerbaigian inaccettabili”/ “Roma condanni il regime” (Il sussidiario, 23 giu)

Russia e Bielorussia vogliono essere i tutori dell’Armenia (Asia news, 23 giu)

194° giorno del #ArtsakhBlockade. L’UE è complice della negazione da parte dell’Azerbajgian del diritto all’autodeterminazione degli Armeni dell’Artsakh (Korazym, 23 giu)

L’Armenia cerca di accusare la Russia di provocazioni e di prendere posizione a favore di Baku (Avia.pro, 23 giu)

Ascesa e declino del drone turco Bayraktar TB-2 in Ucraina (Analisi Difesa, 23 giu)

195° giorno del #ArtsakhBlockade. L’Azerbajgian installa una barriera di cemento sul Corridoio di Lachin, rafforzando la pulizia etnica in atto (Korazym, 24 giu)

Raphael Bedros XXI Minassian: “Non dimenticate gli armeni del Nagorno Karabakh” (Vatican news, 24 giu)

I diritti motori della pace (Repubblica, 24 giu)

Vaticano, nuovo Sos per il destino di 120 mila cristiani armeni, il vescovo Minassian parla di crisi umanitaria grave (Il messaggero, 25 giu)

196° giorno del #ArtsakhBlockade. “Non dimenticate gli Armeni del Nagorno-Karabakh”. “Se sei neutrale in situazioni di ingiustizia, hai scelto la parte dell’oppressore” (Korazym, 25 giu)

Le tante provocazioni azere, preludio all’invasione dell’Armenia (Tempi, 26 giu)

Il Nagorno Karabakh soffocato dal blocco attende una soluzione diplomatica (La bussola quotidiana, 26 giu)

197° giorno del #ArtsakhBlockade. L’ostilità e l’incitamento all’odio anti armeno mette in discussione la sincerità e la volontà di pace azera (Korazym, 26 giu)

198° giorno del #ArtsakhBlockade. Le aggressioni azere quotidiane contro l’Artsakh e l’Armenia sono il preludio dell’invasione alla prima occasione (Korazym, 27 giu)

199° giorno del #ArtsakhBlockade. La folle resilienza degli Armeni determinati a vivere nella loro terra ancestrale in Artsakh. Un altro modo di combattere (Korazym, 28 giu)

Altri soldati armeni uccisi. Fermate il criminale Aliyev (Politicamente corretto, 28 giu)

200° giorno del #ArtsakhBlockade. Con il tacito consenso del mondo civilizzato il regime autocratico azero-turco sta distruggendo il popolo cristiano armeno dell’Artsakh (Korazym, 29 giu)

Il Caucaso chiama, il Cremlino non risponde: la rivolta di Prigozhin e la ‘debolezza’ di Putin, “impero russo” a rischio (Il riformista, 29 giu)

201° giorno del #ArtsakhBlockade. Il popolo dell’Artsakh ha un innegabile diritto all’autodeterminazione e a vivere in pace e dignità nelle proprie terre ancestrali (Korazym, 30 giu)

Gas dall’Azerbaigian, aerei per Baku. Armeni risentiti con il governo (La verità, 30 giu, per abb.)

Cari compatrioti,
l’Artsakh vive da 163 giorni sotto l’intensificarsi del blocco criminale dell’Azerbaigian. Ci sono eventi in continua evoluzione intorno a noi, che influenzano direttamente o indirettamente la regione e, in particolare, la Repubblica dell’Artsakh e il nostro popolo. Nonostante la situazione creatasi e le sfide che aumentano di giorno in giorno, il popolo dell’Artsakh sta lottando per i propri diritti e libertà collettivi nella propria terra, continuando il sacro lavoro dei propri antenati.
Oltre ai rischi causati dal blocco e da altri fattori esterni, c’è anche l’aggravarsi dei problemi della vita interna dell’Artsakh e dell’instabilità politica interna. E qui nella regione più ampia e nel processo finalizzato alla regolamentazione delle relazioni interstatali Armenia-Azerbaigian, si stanno verificando nuovi sviluppi, che approfondiscono notevolmente le sfide e i pericoli ontologici dell’Artsakh. Questi fatidici sviluppi mi hanno spinto a parlare ai cittadini dell’Artsakh e all’intero popolo armeno sotto forma di messaggio.

Ora ci sono una serie di fattori nelle direzioni politiche e di sicurezza estere che influenzano direttamente il presente e il futuro del popolo dell’Artsakh. Vorrei evidenziare quanto segue:
Il blocco di oltre cinque mesi dell’Artsakh, con crescenti sfide umanitarie e politiche e minacce alla sicurezza.
Il deterioramento della situazione umanitaria e l’aumento dei rischi dovuti al continuo cedimento delle infrastrutture vitali dell’Artsakh.
Il continuo aumento del rischio di una nuova aggressione militare dell’Azerbaigian contro l’Artsakh e le non celate ambizioni di effettuare la pulizia etnica.
La grave violazione delle garanzie russe sulla sicurezza del popolo dell’Artsakh, fissata dalla dichiarazione tripartita del 9 novembre 2020.
L’aumento delle tensioni geopolitiche nella regione e dell’aggressività dell’Azerbaigian a causa del conflitto russo-ucraino.
Il continuo indebolimento del sistema legale internazionale e l’incapacità della comunità internazionale di garantire la sicurezza e i diritti fondamentali del popolo dell’Artsakh, nonché l’attuazione delle decisioni dei tribunali internazionali.
Il continuo indebolimento delle posizioni dell’Armenia nel processo di regolamentazione delle relazioni Armenia-Azerbaigian ei passi volti a riconoscere l’Artsakh come parte dell’Azerbaigian.

Considerando quanto sopra e altri fattori importanti, mi rivolgo:
Ai miei compatrioti dell’Artsakh, che non si scoraggino e siano pronti a continuare la lotta, lasciando da parte le differenze interne al fine di servire risolutamente lo stesso obiettivo, rafforzando e sviluppando l’Artsakh. Sono lieto che in Artsakh ci sia un approccio completamente unificato a questo problema. In tal senso, accogliendo la dichiarazione di ieri dell’Assemblea nazionale della Repubblica dell’Artsakh in merito ai pensieri espressi dal Primo Ministro della Repubblica di Armenia, Nikol Pashinyan, sottolineo che qualsiasi dichiarazione e documento che ignori la sovranità della Repubblica dell’Artsakh, il diritto all’autodeterminazione della nostra gente e il fatto della sua realizzazione è per noi inaccettabile. L’Artsakh non faceva e non farà parte dell’Azerbaigian, perché questa è la volontà del nostro popolo, che ha abbastanza determinazione per lottare per i propri diritti e interessi. Sono sicuro che il combattente non è solo, e non solo tutti gli armeni continueranno a sostenere la nostra lotta, ma si troveranno anche preziosi sostenitori nell’arena internazionale. Sì, la situazione è difficile, ma non senza speranza, e le autorità dell’Artsakh stanno prendendo e prenderanno possibili passi concreti per affrontare le sfide esterne e interne.
Al popolo della Repubblica d’Armenia, affinché dimostri attivamente e con decisione che l’Artsakh non può essere riconosciuto come parte dell’Azerbaigian e continui a sostenere questo pezzo più importante della patria armena unita. Dopotutto, l’Artsakh è la patria di tutti gli armeni, con il suo significato unico sia per lo stato armeno che per la nazione armena. Il popolo armeno è il proprietario della Repubblica di Armenia e deve decidere tali questioni nazionali e più importanti.
Ai nostri connazionali della diaspora, che si scrollino di dosso il sentimento di delusione, impotenza e indifferenza e chiedano passi concreti da parte dei governi dei Paesi di cittadinanza e della Repubblica di Armenia nella direzione di garantire il diritto dell’Artsakh all’autodeterminazione e alla sicurezza. Ci aspettiamo che ogni individuo e organizzazione armena della diaspora adotti tutte le misure possibili per sostenere l’Artsakh e frenare le attività criminali azere. La diaspora ha un enorme potenziale non realizzato, che è in grado di garantire un serio successo in questioni fatali per la Patria.
Alle autorità della Repubblica d’Armenia di astenersi da qualsiasi azione e dichiarazione per riconoscere l’Artsakh come parte dell’Azerbaigian, aderendo agli obblighi assunti dai documenti nazionali e internazionali e dai desideri e interessi nazionali. Consapevoli della situazione vulnerabile della Repubblica d’Armenia nel dopoguerra, ci siamo avvicinati a vari sviluppi con comprensione e abbiamo coscientemente sofferto e continuiamo a soffrire molte difficoltà per neutralizzare tutti i tentativi di imporre concessioni alla Repubblica d’Armenia sopprimendoci. Tuttavia, esistono principi chiari e linee rosse, le cui violazioni consideriamo inaccettabili e inammissibili. 
E riconoscere l’Artsakh come parte dell’Azerbaigian è una di quelle linee rosse, che, ne siamo certi, rimane tale per la maggior parte di tutti gli armeni. Nelle azioni e posizioni relative all’Artsakh, il punto di riferimento principale per la Repubblica di Armenia dovrebbe essere l’espressione della volontà del popolo dell’Artsakh, che è stata inequivocabilmente dimostrata dall’indipendenza e dai referendum costituzionali, con il sostegno incondizionato della Repubblica di Armenia e tutto il popolo armeno. E la risoluzione delle relazioni interstatali Armenia-Azerbaigian non può avvenire con una logica completamente separata dal conflitto azerbaigiano-Karabakh e a scapito dei diritti e degli interessi vitali del popolo dell’Artsakh, che, tra l’altro, sono parte integrante e importante parte dei diritti e degli interessi vitali dell’intera nazione armena.
Alle autorità della Federazione Russa e allo stesso Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, affinché assicurino gli obblighi assunti dalla dichiarazione tripartita del 9 novembre, aprendo il corridoio di Lachin (Kashatagh), eliminando tutti gli ostacoli azeri, liberando le 120.000 persone dell’Artsakh da ostaggi terroristici e impediscano azioni aggressive dell’Azerbaigian contro il popolo dell’Artsakh. Indipendentemente dalle azioni delle altre parti della Dichiarazione tripartita, la Russia ha assunto obblighi chiari, che costituivano la base più seria per garantire il ritorno del popolo dell’Artsakh dopo la guerra. Pertanto, ci aspettiamo un adempimento costante e decisivo di questi obblighi per il bene del popolo dell’Artsakh e degli interessi della Federazione Russa, nonché per la secolare amicizia dei popoli armeno e russo.
Al popolo e alle autorità dell’Azerbaigian per porre fine all’odio e alla politica di genocidio nei confronti del popolo dell’Artsakh, per essere pronti ad accettare veramente il principio dell’uguaglianza dei popoli e il titolo e i diritti del popolo armeno nativo dell’Artsakh. Siamo pronti per il dialogo, la risoluzione dei conflitti e la pace in un formato internazionale, ma sulla base delle norme e dei principi del diritto internazionale, in particolare i diritti dei popoli all’uguaglianza e all’autodeterminazione, al non uso della forza e alla minaccia della forza, alla risoluzione pacifica delle controversie e principi di integrità territoriale. Non rappresentiamo alcuna minaccia per l’Azerbaigian, ma, d’altra parte, il popolo dell’Artsakh ha il diritto all’autodifesa e la Repubblica dell’Artsakh ha l’obbligo di proteggere il proprio popolo. Nonostante le continue minacce dall’Azerbaigian, ne sono certo
A tutti gli attori della comunità internazionale, e in particolare il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, affinché diano priorità alla Corte internazionale di giustizia delle Nazioni Unite del 2023 per la corretta attuazione della decisione del 22 febbraio da parte dell’Azerbaigian, nonché garantiscano la sicurezza del popolo dell’Artsakh utilizzando gli strumenti necessari, in conformità con i principi e gli obiettivi delle Nazioni Unite.

Cari compatrioti,
vorrei anche toccare alcune questioni relative alla vita interna
Dopo la guerra, l’Artsakh si trova occasionalmente nel vortice di conflitti interni, ma durante questo periodo siamo generalmente riusciti a garantire un certo livello di solidarietà interna e stabilità. Forze e attori politici diversi presentano richieste diverse, a volte giustificate, a volte no. Durante questo periodo, le mie attività sono state criticate da vari circoli, alcuni oggettivamente e sinceramente, altri soggettivamente e direttamente. È importante notare che a volte varie forze esterne cercano anche di promuovere sconvolgimenti interni nell’Artsakh, il che provoca ulteriore tensione.
Tuttavia, indipendentemente dal contenuto e dagli obiettivi delle critiche e delle richieste, nel quadro delle normative legali nazionali, ho fatto del mio meglio per garantire un ambiente politico di rispetto e dialogo reciproci e la tanto necessaria stabilità interna per noi. Sì, a volte l’ho fatto con un grado di tolleranza inaspettato per molti, ma di conseguenza siamo riusciti a proteggere la Repubblica da shock distruttivi e da una forte polarizzazione interna.
Negli ultimi giorni in Artsakh sono stati fatti tentativi per creare tensioni politiche interne. Varie forze politiche e individui, con le loro dichiarazioni e azioni, volenti o nolenti, creano condizioni aggiuntive di disunione interna e instabilità.
Sono state discusse questioni relative agli emendamenti costituzionali, all’organizzazione delle elezioni, il presidente dell’Assemblea nazionale ha espresso la proposta di indire un referendum sulla fiducia del presidente e di creare un nuovo organo dell’amministrazione statale.
Non sono affatto attaccato alla carica di Presidente, per il bene della sicurezza del popolo della Repubblica dell’Artsakh, sono pronto a collaborare con qualsiasi forza e individuo capace e durante la mia attività ho cercato di fare tutto così che tali fenomeni siano valutati come normali processi caratteristici dei paesi democratici. Ma, d’altra parte, l’ordine costituzionale stabile nell’Artsakh, la solidarietà intra-sociale e lo spirito di lotta universale sono valori non negoziabili, della cui protezione sono il primo responsabile.
È chiaro che sono anche il più informato sui processi che si svolgono intorno a noi, il che mi dà un vantaggio comparativo nel sottoporli a una valutazione multiforme e più completa. È questa circostanza che spesso, per amore della pace interna e della solidarietà del Paese, mi spinge a compiere tali passi di cooperazione che, ripeto, a molti sembrano incomprensibili. Tuttavia, in nessun caso permetterò al desiderio distruttivo interno di potere, tentativi di soddisfare le ambizioni personali. Ho adottato questo approccio, tenendo conto della situazione creatasi, delle consultazioni politiche, delle istanze da loro presentate durante gli incontri con molti rappresentanti della società nei giorni scorsi, delle sagge valutazioni e della particolare importanza della stabilità e della forza interne.

In relazione a tutto ciò, dichiaro quanto segue:

L’amministrazione nella Repubblica dell’Artsakh può essere svolta esclusivamente attraverso gli organi previsti dalla Costituzione della Repubblica dell’Artsakh.
• Sono disponibile alla collaborazione con tutte le forze parlamentari ed extraparlamentari che abbiano opinioni, idee e proposte in merito alla politica interna ed esterna dello Stato. La principale piattaforma istituzionale per tale cooperazione è il Consiglio di Sicurezza, dove, come in passato, come adesso, possono essere invitati da me rappresentanti di tutti i poteri, nessuno escluso.
• In tali difficili condizioni di crisi, interrompo ogni tipo di discussione sull’organizzazione di elezioni presidenziali e parlamentari straordinarie, nonché lo scambio di idee sull’organizzazione di un referendum di fiducia proposto dal Presidente dell’Assemblea nazionale nei giorni scorsi. Vi esorto a porre fine a tali processi politici interni, che possono mettere in pericolo la stabilità della vita interna del nostro Paese, per formare nuovamente dei campi, il che è inaccettabile nelle condizioni odierne. Allo stesso tempo, confermo nuovamente nel 2020. Non parteciperò alla mia promessa pubblica fatta a dicembre di dimettermi non appena ci saranno le condizioni favorevoli e di organizzare elezioni presidenziali e parlamentari anticipate.
Limiterò la libertà di riunione. Considero inaccettabile, soprattutto nelle condizioni di tali pericoli, senza bilanciamento politico, senza valutare appieno le conseguenze per il popolo dell’Artsakh e l’impatto sugli interessi del nostro Paese, azioni di questa o quella forza politica o gruppo diretto contro soggetti di grande importanza per la sicurezza dell’Artsakh. Gli organi statali agiscono liberamente, sono governati esclusivamente dagli interessi del popolo della Repubblica dell’Artsakh e, in caso di necessità di tali dichiarazioni e appelli, sono pronti ad assumersi tale responsabilità.
Incarico le forze dell’ordine della Repubblica dell’Artsakh, in particolare il Servizio di sicurezza nazionale e la polizia, di intensificare gli sforzi volti a proteggere la sicurezza pubblica e di mostrare una risposta adeguata in caso di violazione della legge, trattenendo i trasgressori responsabile. La disciplina interna dovrebbe essere parte integrante del comportamento di ciascuno di noi, che le forze dell’ordine sono responsabili di garantire.
Garantire le condizioni specificate nella procedura speciale per la pubblicazione di informazioni sotto la legge marziale. E assicurare alla giustizia coloro che commettono violazioni e pubblicano informazioni relative alla sicurezza del Paese e assicurano la necessaria pubblicità del processo in modo che diventi chiaro a tutti che tali azioni sono inaccettabili, illegali e riprovevoli.

Cari connazionali,
è noto ed innegabile che nel 2020 dopo la guerra dei 44 giorni, ho avuto la responsabilità maggiore, ma, nonostante ciò, non mi sono mai sottratto alla responsabilità e ho lavorato continuamente nella direzione della protezione dello stato. Anche oggi continuo ad assumermi la mia parte di responsabilità con il voto forte del popolo, non ho alcuna intenzione di evitarlo e sono aperto a tutte le forze e persone disposte a collaborare, che sono pronte e in grado di assumersi e sopportare la loro parte di responsabilità.
In queste difficili circostanze, dobbiamo tutti concentrare la nostra attenzione esclusivamente sugli sforzi per superare le sfide esterne e non contribuire alla realizzazione degli obiettivi dei nostri avversari attraverso alcun processo interno. Vi assicuro che dipendendo da noi, stiamo facendo tutto il possibile per revocare il blocco e mitigarne le conseguenze, e le autorità statali informano regolarmente il pubblico su questi sforzi il più possibile.
Sono certo che con l’unità, la solidarietà interna e il duro lavoro, con il sostegno della Repubblica d’Armenia e di tutti gli armeni alle nostre spalle, saremo in grado di prevenire sviluppi minacciosi esterni e interni e garantire all’Armenia un futuro libero, sicuro e dignitoso Artsakh.
La forza del popolo dell’Artsakh sta nella sua volontà, unità e saggezza.

Cerchiamo di essere degni dei nostri santi antenati.
Siamo responsabili verso le nostre prossime generazioni.
Forza e prudenza al nostro popolo.

ARAYIK HARUTYUNYAN
Stepanakert, 23 maggio 2023

[traduzione e grassetto redazionale]

Una dichiarazione è stata rilasciata da oltre 30 gruppi politici in Armenia e Artsakh, esprimendo le loro preoccupazioni riguardo ai risultati del recente incontro di Bruxelles e agli approcci articolati da Nikol Pashinyan a Reykjavik. Il comunicato evidenzia i seguenti punti:

  • Il popolo armeno è profondamente preoccupato per i risultati annunciati al termine dell’incontro di Bruxelles e per gli approcci articolati da Nikol Pashinyan.
  • Data l’attuale situazione geopolitica, l’accelerazione artificiale dei negoziati armeno-azerbaigiani, in particolare sotto pressione e minacce, non è nel migliore interesse del popolo armeno.

Quindi:

  1. Qualsiasi proposta negoziale che prescinda dal diritto all’autodeterminazione e implichi alle autorità armene l’accettazione dell’Artsakh come parte dell’Azerbaigian è priva di base giuridica. Tale proposta contraddice vari accordi internazionali, tra cui:
    – La Carta delle Nazioni Unite,
    – Atto finale di Helsinki, i documenti adottati dai copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE (l’unico formato riconosciuto a livello internazionale per i negoziati dell’Artsakh),
    – La Costituzione e la legislazione della Repubblica di Armenia,
    – La Costituzione della Repubblica dell’Artsakh.
  2. Nikol Pashinyan non è né autorizzato né autorizzato a raggiungere accordi o fare promesse in merito ai negoziati dell’Artsakh e al regolamento armeno-azerbaigiano. Le promesse che ha fatto durante le recenti elezioni parlamentari e il piano del governo riguardo al conflitto dell’Artsakh e al regolamento armeno-azerbaigiano differiscono in modo significativo dalle posizioni espresse nei forum internazionali o nelle dichiarazioni ufficiali.
  3. Dovrebbe essere esclusa qualsiasi comunicazione di natura extraterritoriale che attraversi il territorio della Repubblica d’Armenia.
  4. È imperativo il ritiro immediato delle truppe azere dai territori sovrani della Repubblica di Armenia e della Repubblica dell’Artsakh.
  5. La presenza di prigionieri di guerra armeni nei centri di detenzione azeri dal 9 novembre 2020 costituisce una palese violazione della dichiarazione tripartita. Il loro rilascio è obbligatorio e non dovrebbe essere soggetto a trattative.
  6. Qualsiasi potenziale dialogo tra Baku e Stepanakert dovrebbe essere condotto all’interno di un quadro riconosciuto a livello internazionale e con chiare garanzie, basato sull’uguaglianza tra le parti, non limitato da alcun ordine del giorno imposto. Qualsiasi altro formato è inaccettabile per la gente dell’Artsakh.
  7. I processi di delimitazione e demarcazione dovrebbero assicurare la reciproca de-enclavizzazione risultante dalla prima guerra dell’Artsakh e impedire il ritorno alle enclavi.
  8. La principale responsabilità e missione della comunità internazionale nel processo di regolamentazione armeno-azerbaigiano dovrebbe essere quella di garantire il mantenimento del cessate il fuoco, proibire l’uso o la minaccia della forza, avviare una piattaforma negoziale accettata a livello internazionale e proporre soluzioni in conformità con il diritto internazionale.
  9. Devono essere presi provvedimenti immediati per sbloccare e ripristinare completamente il Corridoio Berdzor/Lachin sulla base degli articoli delineati nella dichiarazione del 9 novembre 2020.
    Noi sottoscritti dichiariamo che qualsiasi esito negoziale in conflitto con questi principi è inaccettabile e non riflette gli interessi degli armeni in tutto il mondo. Nikol Pashinyan o qualsiasi altra figura politica non è autorizzata a fare promesse orali o scritte o ad assumere obblighi che si discostano da questo programma.

REPUBLICA DI ARMENIA

RA NA “Armenia” Alliance 

RA NA “I Have Honor” Alliance

“Freedom” Party

“National Consensus’’ Party

“National Security” Party

“National Democratic Union” Party

“Yerkir Tsirani” Party

“Heritage” Party

“Intellectual Armenia” Party

“Solidarity” Party

“Homeland” Party

“Armenian Revolutionary Federation” (ARF) Party

Republican Party of Armenia 

Democratic-Liberal Union of Armenia

Democratic Party of Armenia

“United Armenia” Party

“Constitutional Law Union” Party

“Reborn Armenia” Party

“5165 National Conservative Movement” Party

REPUBLICA DI ARTSAKH

Artsakh Justice Party

“Free Motherland” Party

Il ministero degli Esteri dell’Artsakh ha rilasciato una dichiarazione in merito alle osservazioni di Charles Michel a seguito della riunione tripartita tenutasi a Bruxelles il 14 maggio:

“Il 14 maggio, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha rilasciato una dichiarazione alla stampa a seguito di un incontro trilaterale con il primo ministro armeno Nikol Pashinyan e il presidente azero Ilham Aliyev. Il contenuto della dichiarazione nel suo insieme, così come una serie di punti ivi contenuti, indicano che la leadership dell’UE continua a ignorare i diritti e gli interessi legittimi del popolo dell’Artsakh ed è guidata esclusivamente dai propri interessi geopolitici e a breve termine in regione a scapito dei valori di democrazia e diritti umani dichiarati dall’Unione Europea.

Ciò è dimostrato in particolare dall’assenza nella dichiarazione di qualsiasi menzione del blocco di oltre 5 mesi del corridoio Lachin, l’istituzione di un checkpoint azero illegale all’ingresso del corridoio e l’assedio di fatto della popolazione di 120.000 dell’Artsakh con tutte le conseguenze umanitarie che ne derivano. Ciò è un’indicazione del fatto che il presidente del Consiglio europeo non solo non impedisce, ma di fatto asseconda l’Azerbaigian nell’usare la sofferenza del popolo dell’Artsakh come strumento politico.

Tuttavia, se le intenzioni e le azioni visibili dell’Azerbaigian per provocare una catastrofe umanitaria e portare avanti la pulizia etnica nell’Artsakh non sono motivo di preoccupazione per il presidente del Consiglio europeo, avevamo ancora il diritto di aspettarci che l’organizzazione [il Consiglio d’Europa, NdT] che rappresenta mostrasse interesse diretto al rigoroso rispetto da parte dell’Azerbaigian delle decisioni della Corte europea dei diritti dell’uomo e della Corte internazionale di giustizia, come uno dei pilastri dell’ordinamento giuridico internazionale contemporaneo. A questo proposito, il provocatorio disprezzo del Presidente del Consiglio europeo per la costante inosservanza da parte dell’Azerbaigian dell’Ordine giuridicamente vincolante del principale organo giudiziario delle Nazioni Unite e le sue sistematiche violazioni del diritto internazionale, in particolare il mancato uso o la minaccia della forza e il pacifico risoluzione delle controversie, è sconcertante.

Sono solo le misure efficaci da parte della comunità internazionale volte a costringere l’Azerbaigian ad adempiere immediatamente e incondizionatamente ai suoi obblighi ai sensi della Dichiarazione trilaterale del 9 novembre 2020 e dell’Ordine della Corte internazionale di giustizia del 22 febbraio 2023, che possono testimoniare che coloro che agiscono come mediatori sono sinceramente interessati a una pace e stabilità durature nella regione. Crediamo che quegli attori internazionali che con la loro azione o inazione stanno incoraggiando Baku nelle loro politiche aggressive ed espansionistiche e negli atti illeciti a livello internazionale, non solo si assumono la responsabilità delle loro gravi conseguenze, ma giustificano anche il ripetersi di tali politiche e violazioni in altre parti del il mondo.

Ricordiamo ancora una volta che nel 1991 il popolo dell’Artsakh, nel pieno rispetto del diritto internazionale e della legislazione interna in vigore a quel tempo, esercitò il suo diritto inalienabile all’autodeterminazione e stabilì la propria statualità sulla stessa base dell’Azerbaigian e dell’Armenia. Le autorità della Repubblica dell’Artsakh hanno costantemente difeso e continueranno a difendere la legittima scelta ed espressione del libero arbitrio del proprio popolo.

I rappresentanti dei singoli Paesi e delle organizzazioni internazionali non hanno il diritto di decidere il destino del popolo dell’Artsakh. Inoltre, qualsiasi tentativo di imporre al popolo dell’Artsakh un’agenda basata sulla legittimazione dell’uso illegale della forza e del terrore in corso equivale a complicità nell’attuazione dei piani criminali dell’Azerbaigian di pulizia etnica dell’Artsakh e al mantenimento di una fonte permanente di tensione nell’Artsakh regione, oltre a incoraggiare le ambizioni territoriali e le politiche aggressive di Baku.

A questo proposito, ribadiamo la determinazione del popolo e delle autorità della Repubblica dell’Artsakh a continuare la lotta per i propri diritti inalienabili in conformità con le norme e i principi del diritto internazionale. Siamo convinti che solo il riconoscimento del diritto all’autodeterminazione esercitato dal popolo dell’Artsakh possa diventare la base per una soluzione sostenibile del conflitto e l’instaurazione di una pace e di una stabilità giuste e durature nella regione.

Ricordiamo inoltre che le autorità della Repubblica dell’Artsakh hanno sempre sostenuto una soluzione globale del conflitto dell’Azerbaigian-Karabakh attraverso i negoziati. La Repubblica dell’Artsakh rimane aperta alla discussione di tutte le componenti del conflitto e di proposte ragionevoli finalizzate a una soluzione pacifica, in un formato negoziale concordato e riconosciuto a livello internazionale, basato sulla parità di diritti delle parti e in presenza di forti garanzie internazionali per l’adempimento dei loro obblighi”.

[traduzione e grassetto redazionale]

Il difensore dei diritti umani dell’Artsakh (NagornoKarabakh) ha pubblicato l’11 maggio una versione aggiornata del rapporto trilingue ad hoc sulle violazioni dei diritti umani individuali e collettivi a seguito del blocco di 150 giorni dell’Artsakh da parte dell’Azerbaigian.

Il rapporto presenta in modo completo e dettagliato i dati sulle violazioni di 7 diritti individuali, 5 diritti di gruppi vulnerabili e 4 diritti collettivi, che riflettono l’aggravarsi della crisi umanitaria e la politica di genocidio dell’Azerbaigian nei confronti del popolo dell’Artsakh.

Di seguito sono presentati alcuni dati di base riflessi nel Rapporto sulle violazioni dei diritti umani a seguito del blocco di 150 giorni:

• Il movimento delle persone in transito sulla strada Stepanakert-Goris (lungo il corridoio Lachin) è diminuito di circa 200 volte (1.839 ingressi e partenze invece di 367.500);

• Il traffico automobilistico su detta strada è stato quasi 54 volte inferiore rispetto a quello che avrebbe dovuto essere in assenza di blocco (2.558 entrate e partenze di auto, effettuate solo dalla Croce Rossa e dalle forze di pace russe, invece di 138.000);

• È stato importato circa 13 volte meno 7il carico di merci vitale rispetto a quello che avrebbe dovuto essere in assenza di blocco (4.623 tonnellate invece di 60.000 tonnellate);

• Un totale di circa 3.900 persone, tra cui 570 bambini, non è potuto rientrare nelle loro case a causa del blocco;

• A causa della sospensione degli interventi programmati, circa 1200 cittadini hanno perso la possibilità di risolvere i propri problemi di salute attraverso gli interventi;

• L’Azerbaigian ha interrotto in tutto o in parte la fornitura di gas dall’Armenia all’Artsakh per un totale di 85 giorni;

• La fornitura di energia elettrica dall’Armenia all’Artsakh è stata completamente interrotta per 121 giorni, il che ha portato all’introduzione di blackout continui seguiti da numerosi incidenti;

• Secondo stime preliminari, circa 10.900 persone hanno effettivamente perso il posto di lavoro e le fonti di reddito (compresi i casi di mantenimento del posto di lavoro), che rappresentano oltre il 50% del totale degli occupati del settore privato;

• L’economia del Paese ha subito perdite per circa USD 285 milioni;

• Un numero di violazioni dei diritti è più pronunciato nel caso di gruppi vulnerabili, in particolare 30.000 bambini, 9.000 persone con disabilità, 20.000 anziani, 60.000 donne (donne e ragazze) e 15.000 sfollati.

Oltre alle continue e molteplici violazioni delle disposizioni della Dichiarazione Tripartita del 9 novembre 2020, ormai da 80 giorni consecutivi, l’esecuzione obbligatoria della decisione della Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) delle Nazioni Unite (ONU) su garantire l’ingresso e la partenza senza ostacoli di persone, auto e merci lungo il corridoio di Lachin non è stato attuato dall’Azerbaigian, che ancora una volta calpesta i più alti valori e principi internazionali.
Inoltre, in seguito la parte azera ha fatto ricorso a nuove azioni aggressive che hanno provocato perdite umane e nuove sofferenze tra il popolo dell’Artsakh.

Dal 23 aprile, la parte azera ha installato un posto di blocco illegale vicino al ponte Hakari. Di conseguenza, la comunità internazionale ha non solo il diritto, ma anche l’obbligo indiscutibile di attuare la decisione della Corte Suprema Internazionale di Giustizia con mezzi pratici il prima possibile e di prevenire futuri crimini azerbaigiani, compreso il nuovo crimine pianificato e brutale contro l’umanità .

Tutte le violazioni dell’Azerbaigian contro il popolo dell’Artsakh sono effettuate nell’ambito della sua politica statale di discriminazione razziale (Armenofobia) e sono profondamente dirette contro il loro diritto all’autodeterminazione e il fatto della sua realizzazione, volto a risolvere definitivamente il conflitto a loro vantaggio attraverso la pulizia etnica basata sulla logica del “niente popolo, niente diritti”.

La sistematica e coerente politica di odio etnico perseguita dall’Azerbaigian, che si è manifestata sia durante l’aggressione contro il popolo dell’Artsakh nel 2020 sia dopo l’istituzione del regime di cessate il fuoco, dimostra indiscutibilmente che qualsiasi status di Artsakh all’interno dell’Azerbaigian equivale alla pulizia etnica di Artsakh e il genocidio degli armeni dell’Artsakh. Pertanto, nel contesto del conflitto dell’Artsakh, il diritto all’autodeterminazione equivale al diritto delle persone a vivere nella propria patria.

Il diritto fondamentale all’autodeterminazione del popolo dell’Artsakh, così come le invasioni e le minacce dell’Azerbaijan contro la sua esistenza fisica sulla base della discriminazione razziale sono motivi più che sufficienti per la protezione del popolo dell’Artsakh da parte della comunità internazionale, come nonché il riconoscimento internazionale della Repubblica dell’Artsakh basato sul principio del “riconoscimento correttivo”.

Il rapporto in inglese è visualizzabile QUI