Novembre 2022

(30 nov) CADUTI ARMENI DI SETTEMBRE – Il numero di soldati dell’Armenia vittime dell’aggressione azera del 13 settembre potrebbe aver raggiunto quota 233. La scorsa settimana sono stati consegnati (due mesi e mezzo dopo!) dalla parte azera i corpi di tredici armeni. In precedenza, 16 risultavano scomparsi quindi ci sarebbero tre soldati di cui non si hanno notizie.

(30 nov) ANCORA VIOLAZIONI AZERE – Anche oggi le forze armate dell’Azerbaigian hanno violato, utilizzando armi da fuoco, il cessate il fuoco nella direzione orientale e nord-orientale della linea di contatto con l’Artsakh (Nagorno Karabakh).La parte armena non ha perdite secondo quanto informa il Ministero della Difesa dell’Artsakh.

(29 nov) FERITO ALTRO SOLDATO ARMENO – In conseguenza di colpi sparati dagli azeri un soldato armeno è stato ferito nella zona orientale di frontiera tra Armenia e Azerbaigian.

(28 nov) FERITI DUE SOLDATI ARMENI – Due soldati dell’esercito di difesa dell’Artsakh sono stati feriti dal lancio di granate azere mentre si trovavano nella loro postazione ubicata nella regione di Shushi. I due sono stati trasportati in ospedale ma non sono in gravi condizioni. Il ministero della Difesa russo ha confermato la violazione azera.

(25 nov) ANCORA COLPI AZERI CONTRO I CIVILI – Continuano le provocazioni azere contro i civili armeni impiegati nei campi. Ieri è stato registrato un caso nei pressi del villaggio di Tagavard mentre questa mattina è toccato ad agricoltori impegnati vicino al villaggio di Chankatagh. Non si registrano feriti ma in entrambi i casi i lavori agricoli sono stati interrotti.

(25 nov) TOPONOMASTICA DELL’ARTSAKH – Il Ministero della Difesa dell’Azerbaigian ha rilasciato una dichiarazione con la quale invita la Russia a utilizzare i toponimi azeri nel Nagorno Karabakh in luogo di quelli armeni. La motivazione di tale richiesta è che “gli armeni del Karabakh sono cittadini dell’Azerbaigian”.

(25 nov) ALIYEV ANNULLA VERTICE – Il presidente dell’Azerbaigian, Ilham Aliyev, ha comunicato la sua non partecipazione al programmato vertice di Bruxelles del prossimo 7 dicembre. Pare che il motivo di questo annullamento risieda nella presenza al tavolo negoziale oltre al Presidente del Consiglio europeo Charles Michel anche del presidente francese Emmanuel Macron. L’Azerbaigian ha aspramente criticato la Francia per la risoluzione approvata dal senato francese due settimane fa con la quale si condanna l’aggressione azera all’Armenia e si chiede il riconoscimento dell’Artsakh.

(24 nov) RISCHIO AZIONE AZERA A LACHIN – L’Azerbaigian continua costantemente a preparare una “base informativa” per l’invasione del corridoio Lachin. A tal fine, due ministeri – il Ministero della Difesa e il Ministero degli Affari Esteri di questo Paese – hanno rilasciato dichiarazioni contemporaneamente. In una lunga dichiarazione, il Ministero degli Esteri dell’Azerbaigian ha lanciato un’altra inverosimile accusa alla parte armena di aver piantato mine. Diffondendo deliberatamente informazioni false e falsificate, le autorità azere stanno cercando di creare i presupposti appropriati per giustificare una nuova aggressione. Molti osservatori ritengono che il prossimo obiettivo potrebbe essere proprio il corridoio di Lachin dove gli azeri vogliono impiantare check point e rendere così ancora più difficile il transito da e per l’Artsakh. Lo confermano le parole del ministero degli esteri dell’Azerbaigian Bayramov che ha dichiarato: “Il corridoio viene utilizzato per altri scopi e questo dovrebbe essere fermato. L’Azerbaijan prenderà le misure necessarie per questo”.

(23 nov) FERITO SOLDATO ARMENO – Un militare dell’esercito dell’Armenia è stato ferito oggi nel primo pomeriggio da un colpo sparato da postazioni azere. Le condizioni non sono gravi.

(23 nov) SUFFICIENZA ENERGETICA – Sono in corso lavori per la costruzione della centrale idroelettrica di Getavan (regione di Martakert) da 17 megawatt. Oggi, durante la sessione ordinaria dell’Assemblea nazionale dell’Artsakh, il presidente della Repubblica dell’Artsakh, Arayik Harutyunyan, ha dichiarato che la costruzione della centrale idroelettrica è in corso con fondi statali. “Se le risorse finanziarie sono sufficienti, si prevede di terminare la costruzione nel prossimo anno, in caso contrario, sarà sicuramente terminata nel 2024“, ha affermato il presidente Harutyunyan, aggiungendo che Getavan HPP garantirà la piena autosufficienza energetica dell’Artsakh. 

(23 nov) PERICOLO NUOVA AZIONE AZERA – Le autorità dell’Azerbaigian hanno annunciato, tramite i mass media filogovernativi, che effettueranno una “operazione speciale” in Nagorno Karabakh (Artsakh). Questi piani sono discussi apertamente in un articolo intitolato “Chi disarmerà i gruppi armati illegali in Karabakh? Azerbaigian o Russia?” pubblicato da Haqqin.az. Così le autorità azere annunciano, con un testo aperto, i loro piani di pulizia etnica degli armeni.

(23 nov) CAMBIO MINISTRI – Il presidente dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh) Arayik Harutyunyan ha firmato una serie di decreti sulla rimozione dalle cariche. Ai sensi dei decreti, Mikael Hayriyan è stato destituito dalla carica di ministro della Sanità e le sue responsabilità sono state temporaneamente assegnate al viceministro Arthur Ohanjanyan. Norayr Musayelyan è stato licenziato dalla carica di ministro dell’agricoltura (responsabilità temporaneamente assegnate al primo viceministro Tigran Arstamyan). Anahit Hakobyan è stata destituita dalla carica di Ministro dell’Istruzione, della Scienza, della Cultura e dello Sport (subentra temporaneamente il viceministro Hasmik Minasyan). Armine Petrosyan è stato licenziato dalla carica di ministro dello sviluppo sociale e della migrazione e le sue responsabilità sono state temporaneamente assegnate al primo viceministro Vahram Arakelyan. Hayk Khanumyan è stato licenziato dalla carica di ministro dell’amministrazione territoriale e delle infrastrutture (responsabilità temporaneamente assegnate al primo viceministro Vardan Beglaryan). Zhirayr Mirzoyan è stato destituito dalla carica di ministro della giustizia ed è stato nominato ministro ad interim della giustizia della Repubblica dell’Artsakh. David Babayan è stato destituito dalla carica di Ministro degli Affari Esteri ed è stato nominato Ministro ad interim degli Affari Esteri della Repubblica dell’Artsakh. Aram Sargsyan è stato destituito dalla carica di ministro dello sviluppo urbano ed è stato nominato ministro ad interim dello sviluppo urbano della Repubblica dell’Artsakh. Vahram Baghdasaryan è stato destituito dalla carica di ministro delle finanze e dell’economia ed è stato nominato ministro ad interim delle finanze e dell’economia della Repubblica dell’Artsakh.

(22 nov) ANCORA SPARI VERSO GLI AGRICOLTORI – Nel primo pomeriggio alcuni agricoltori intenti al lavoro nei campi vicini al villaggio di Surashen (regione di Martuni) sono stati fatti oggetto di colpi di arma da fuoco. I lavori agricoli sono stati interrotti, non si registrano feriti. Episodio analogo era avvenuto nel medesimo luogo la mattina precedente.

(22 nov) RIFORMA ARTICOLI CODICE PENALE – In data odierna è stata convocata una riunione ordinaria del Comitato permanente per gli affari statali e legali dell’Assemblea nazionale dell’Artsakh per discutere il disegno di legge sugli emendamenti al codice penale. Secondo l’oratore principale, il ministro della Giustizia dell’Artsakh, Zhirayr Mirzoyan, l’estremo pericolo di alto tradimento e spionaggio per un Paese impegnato in operazioni di guerra, in particolare, nelle condizioni di legge marziale, ha reso necessario rivedere le norme vigenti e imporre la punizione più severa.

(21 nov) AZERI SPARANO A POSTAZIONI ARMENE – Colpi di arma da fuoco sono stati indirizzati dagli azeri verso alcune postazioni armene di difesa. In giornata è stato preso di mira un trattore nell’area di Machkalashen. Non si segnalano feriti. Gli episodi sono stati riferiti al comando delle forze di pace russe.

(20 nov) PAESI FRANCOFONI CON L’ARMENIA – A seguito del 18° vertice dell’Organizzazione internazionale della Francofonia (OIF) tenutosi a Djerba, in Tunisia, sono stati adottati numerosi documenti, tra cui la risoluzione “Sulle situazioni di crisi nell’area della Francofonia, il loro superamento e il rafforzamento della pace, ” con cui i Paesi membri esprimono il loro sostegno e la loro solidarietà all’Armenia. In particolare, la risoluzione esprime solidarietà all’Armenia, membro dell’OIF e, in tale contesto, esprime profonda preoccupazione per la recente escalation militare, ovvero l’aggressione dell’Azerbaigian contro l’integrità territoriale e la sovranità dell’Armenia, in particolare per le conseguenti violazioni del diritto internazionale, dell’integrità territoriale, e diritto internazionale umanitario. L’OIF incoraggia le parti, insieme ai partner internazionali, a fare del loro meglio per una soluzione negoziata, pacifica e duratura dei problemi, nel rispetto dei principi del diritto internazionale, compresa l’integrità territoriale e l’inviolabilità dei confini internazionali, in conformità con l’ONU Carta, e chiede il rigoroso rispetto del cessate il fuoco.

(19 nov) RIUNIONE CON IL PRESIDENTE – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha tenuto un incontro di lavoro allargato con i rappresentanti delle forze politiche dell’Assemblea nazionale della repubblica con le quali ha discusso gli ultimi sviluppi nel conflitto del Karabakh e il continuo comportamento aggressivo della parte azera nei confronti della popolazione pacifica del paese. I partecipanti all’incontro hanno espresso la loro preoccupazione per l’attuale situazione politico-militare e si sono scambiati i loro pensieri sui futuri passi delle autorità. All’incontro hanno preso parte anche il presidente dell’Assemblea nazionale dell’Artsakh Artur Tovmasyan, il ministro di Stato Ruben Vardanyan, il capo dell’amministrazione presidenziale Karen Shahramanyan, il segretario del Consiglio di sicurezza Vitaly Balasanyan, il ministro degli Esteri David Babayan e altri funzionari.

(18 nov) SPARI AZERI CONTRO TRATTORE – Ancora colpi di arma da fuoco provenienti dalle postazioni azere contro un mezzo agricolo impegnato nei lavori nei campi. L’ultimo episodio è accaduto questa mattina allorchè è stato preso di mira un trattore nei pressi del villaggio di Hatsi nella regione di Martuni. Fortunatamente non si registrano feriti.

(17 nov) FERITO ALTRO SOLDATO ARMENO – Ennesima violazione azera del cessate il fuoco lungo il confine tra Armenia e Azerbaigian. Un soldato della difesa di Yerevan è rimasto ferito. Il ministero riferisce che si trova in condizioni di media gravità.

(16 nov) SPARI AZERI CONTRO AGRICOLTORI – Le forze armate azere hanno sparato contro i residenti del villaggio Sarushen, nella regione di Askeran in Artsakh, che erano impegnati in attività agricole. Un residente di 36 anni si è rivolto alla polizia e ha informato che alle 11:40 circa di gli abitanti del villaggio e i macchinari coinvolti nei lavori agricoli sono stati colpiti dalle postazioni azere. Il lavoro agricolo è stato interrotto a causa dei colpi. Non ci sono state vittime tra i civili.

(15 nov) SENATO FRANCIA VOTA IMPORTANTE RISOLUZIONE – Il senato francese, quasi all’unanimità (295 voti a favore, uno contrario) ha votato una risoluzione con la quale condanna l’azione aggressiva dell’Azerbaigian, chiede il suo ritiro dal territorio armeno e invita il governo di Parigi a sanzionare il regime di Baku. Allo stesso tempo i senatori chiedono che la repubblica del Nagorno Karabakh- Artsakh venga riconosciuta ufficialmente.

(14 nov) ARTSAKH E TRANSNISTRIA – Il Ministro degli Affari Esteri della Repubblica dell’Artsakh David Babayan e il Ministro degli Affari Esteri della Repubblica di Transnistria (Repubblica Moldava di Pridnestrov) Vitaly Ignatiev hanno tenuto un incontro online. Le parti si sono scambiate opinioni su argomenti relativi ai processi regionali, nonché sulle tendenze di risoluzione dei conflitti. Si è notato il mantenimento e l’allargamento dei legami tra i ministeri degli esteri dei due paesi. David Babayan ha espresso preoccupazione per la recente crisi energetica in Transnistria e ha affermato che Artsakh ha empatia per il popolo transnistriano.

(14 nov) RUSSI CONFERMANO VIOLAZIONE AZERA – Il ministero della Difesa russo ha confermato la violazione del cessate il fuoco ad Artsakh da parte delle forze armate azere. “Una violazione del cessate il fuoco è stata registrata nel distretto di Askeran. Alle 15:30 del 12 novembre è stato aperto il fuoco di armi leggere da una postazione azerbaigiana su un residente locale che stava effettuando lavori con attrezzature agricole nell’area 1,8 km a est di Khramort. A seguito di ciò, il residente locale è stato leggermente ferito e il suo equipaggiamento è stato leggermente danneggiato. Le forze di pace russe e la parte azerbaigiana stanno conducendo indagini sull’incidente“.

(14 nov) FAKE NEWS AZERE – Il Ministero della Difesa dell’Artsakh ha negato le accuse del Ministero della Difesa dell’Azerbaigian. “Il rapporto diffuso dal Ministero della Difesa dell’Azerbaigian secondo cui le unità dell’esercito di difesa nella notte del 14 novembre avrebbero aperto il fuoco contro posizioni azere nei territori occupati della regione di Martuni della Repubblica dell’Artsakh è un’altra disinformazione“, si legge nella dichiarazione.

(12 nov) COLPI AZERI CONTRO TRATTORE – Intorno alle 16:30, i residenti del villaggio di Khramort, S. Vanyan di 27 anni e A. Hayrapetyan di 45 anni, mentre stavano eseguendo lavori agricoli con un trattore “T-150 nell’ amministrativa del villaggio menzionato, sono stati fatti oggetto di colpi d’arma da fuoco partiti da una postazione di combattimento azerbaigiana situata nell’area vicina. Gli spari hanno rotto i parabrezza anteriore e posteriore del trattore. Pezzi del parabrezza rotto hanno colpito il viso di A. Hayrapetyan, provocando lesioni che lo hanno costretto a recarsi al Republican Medical Center di Stepanakert. Informazioni sulla violazione azera sono state trasmesse alla forza russa di mantenimento della pace.

(11 nov) NUOVE MINACCE DI ALIYEV – Nel suo discorso al IX Vertice dell’Organizzazione degli Stati turchi a Samarcanda, in Uzbekistan, il presidente dell’Azerbaigian, Ilham Aliyev, ha rivolto ripetute accuse e minacce contro l’Armenia. Inoltre, ha completamente negato tutte le accuse di aggressione militare da parte del suo paese ribaltando le accuse sulla controparte armena: “Sebbene la seconda guerra del Karabakh sia terminata due anni fa, l’Armenia continua a portare avanti provocazioni militari al confine con l’Azerbaigian. L’ultima provocazione del genere è avvenuta nel settembre di quest’anno e le forze armate dell’Azerbaigian hanno dovuto intraprendere azioni di ritorsione per impedire che provocazione militare su larga scala dell’Armenia“, ha detto.

(10 nov) FERITO MILITARE ARMENO – Intorno alle 10:30, un militare delle forze armate armene ha ricevuto una ferita da arma da fuoco sparata dalle postazioni azere contro una posizione militare armena situata nella sezione orientale del confine armeno-azero secondo quanto ha affermato il ministero della Difesa. Le condizioni del militare ferito sono giudicate critiche.

(9 nov) DISABILITA’ POST-BELLICA – Il Ministero del lavoro e delle questioni sociali dell’Armenia ha comunicato che 1.034 partecipanti alla guerra del Nagorno-Karabakh di 44 giorni sono stati trovati disabili. “Dopo la guerra di 44 giorni, a 1.498 partecipanti alla guerra è stato assegnato un gruppo di disabilità. A seguito di 915 rivalutazioni, 1.034 partecipanti sono attualmente considerati disabili. 113 di loro hanno il primo, 153 il secondo e 768 il terzo gruppo di disabilità“, ha osservato il ministero.

(9 nov) ANNIVERSARIO FINE GUERRA – Il presidente dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh) Arayik Harutyunyan ha visitato il Pantheon militare della capitale Stepanakert e ha reso omaggio alla memoria dei martiri della terza guerra dell’Artsakh. Il Capo dello Stato era accompagnato dal Capo dell’Ufficio del Presidente Karen Shahramanyan, dal Ministro della Difesa Kamo Vardanyan e dal Ministro degli Affari Interni Karen Sargsyan.

(8 nov) ANCORA MINACCE DA ALIYEV – Il presidente dell’Azerbaigian si è recato in visita nella città armena occupata di Shushi dove ha pronunciato l’ennesimo discorso di minacce. Aliyev ha esordito annunciando che il budget dell’Azerbaigian per la difesa è ancora aumentato raggiungendo un livello record. Aliyev ha inoltre affermato che “l’Armenia non rispetta pienamente la dichiarazione del 10 novembre 2020, non ha ritirato completamente le sue forze armate dal Karabakh“, sebbene non solo la dichiarazione non lo suggerisca, ma le truppe armene non sono mai state nell’Artsakh. “L’Armenia non ci ha dato il corridoio Zangezur e periodicamente effettua provocazioni militari contro di noi. Certo, dobbiamo essere pronti, e lo siamo“, si è lamentato Aliyev che ha ripetuto la sua frase preferita che “la nostra pazienza non è illimitata e se l’Armenia non rispetta i suoi impegni, l’Azerbaigian prenderà le misure necessarie“. “Stiamo rispettando tutti gli impegni che abbiamo preso nella dichiarazione del 10 novembre 2020. Li abbiamo rispettati per due anni, ma l’Armenia li sta rispettando? No! Subito dopo la seconda guerra del Karabakh, lui (Pashinyan) era così spaventato che ha attuato queste disposizioni e ci ha restituito i territori occupati delle regioni di Agdam, Kelbajar e Lachin senza sparare un solo colpo“, ha detto Aliyev. Nel suo discorso ha ammonito che l’attuale posizionamento dei suoi soldati permette di vedere numerose città armene e il lago Sevan minacciando così nuovi interventi militari. Il presidente azero ha accusato anche altri Stati: “È vero che alcuni mecenati stranieri dell’Armenia vogliono accusarci di qualcosa. Ho risposto loro. Se dicono altro, risponderò comunque. Non mi fermeranno“, ha promesso Aliyev.

(7 nov) RIUNIONE DEL PRESIDENTE – Il presidente della Repubblica dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha tenuto un esteso incontro di lavoro con i leader delle fazioni e i presidenti dei comitati permanenti dell’Assemblea nazionale. Sono state discusse una serie di questioni relative alla politica interna ed estera del paese. Sono state discusse anche le modifiche strutturali della spesa del bilancio dello Stato 2023. Alla riunione hanno partecipato il presidente dell’Assemblea nazionale Artur Tovmasyan, il ministro di Stato Ruben Vardanyan e altri funzionari.

(5 nov) FERITO CITTADINO PER MINA – S. Azaryan, un residente di 32 anni della comunità di Berdashen nel distretto di Martuni, è stato ricoverato in ospedale a causa delle ferite riportate a seguito dello scoppio di una mina mentre si trovava in un campo da pascolo. Ha subito l’amputazione del piede sinistro.

(5 nov) SPARI AZERI CONTRO TRATTORE – Un veicolo agricolo nei pressi del villaggio di Khramort è stato oggetto di colpi di arma da fuoco sparati da soldati azeri. Non si registrano feriti.

(4 nov) VARDANYAN MINISTRO DI STATO – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha firmato un decreto sulla revoca di Artak Beglaryan dalla carica di ministro di Stato. Al suo posto è stato nominato, come da precedenti intese, Ruben Vardanyan che coordinerà le attività di tutti i ministeri eccezion fatta per Difesa, Interni e Servizio di Sicurezza nazionale. Inoltre, sono assegnate al ministro di Stato le funzioni di coordinamento delle attività dei capi delle agenzie Servizio di vigilanza dello Stato, Comitato di gestione del Catasto e del Demanio, Comitato per i danni materiali, Comitato delle entrate dello Stato, Comitato di gestione degli Ispettorati dello Stato, Comitato delle Acque. Nella sostanza Vardanyan diviene una sorta di Primo ministro della repubblica.

(4 nov) AIUTI AGLI SFOLLATI – Il governo dell’Armenia ha deciso di stanziare per il bilancio 2023 circa cinque milioni di dollari a sostegno degli sfollati dell’Artsakh a causa della guerra secondo quanto annunciato all’Assemblea nazionale da Narek Mkrtchyan, ministro del lavoro e degli affari sociali. Il programma di aiuti, in particolare, consentirà alle suddette famiglie di acquistare immobili residenziali o costruire una casa privata. Inoltre, il ministro ha ricordato che a ottobre il governo ha migliorato la decisione esistente, secondo la quale la famiglia di uno sfollato può ricevere un sostegno aggiuntivo se acquista o costruisce immobili in un villaggio di confine.

(4 nov) RIUNIONE DI GOVERNO – Gli ultimi sviluppi della politica estera intorno ad Artsakh e il piano d’azione delle autorità al riguardo sono stati all’ordine del giorno di discussione di una consultazione di lavoro allargata con la partecipazione di rappresentanti delle forze parlamentari, convocata dal presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan. Alcuni partecipanti alla consultazione hanno presentato il lavoro svolto al riguardo e hanno scambiato opinioni sulla formazione di posizioni comuni su questioni specifiche.

(2 nov) MANDATO FORZE DI PACE – Nel corso di un’audizione parlamentare il Primo ministro dell’Armenia, Pashinyan, ha dichiarato di aver proposto al vertice di Sochi il prolungamento della presenza delle forze di pace russe in Artsakh per un tempo indeterminato fino a venti anni ma che tale proposta è stata respinta. Il premier ha tuttavia precisato che è importante che tale opzione sia entrata nell’agenza delle trattative.

(1 nov) TURCHI AD AGHDAM – Il parlamento turco ha approvato la proroga per un altro anno del mandato dell’esercito turco ad Aghdam, che è stata occupata dalle forze armate azere durante la seconda guerra del Nagorno-Karabakh nel 2020, dove è stato creato un cenotro di monitoraggio congiunto con la Russia.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *