Marzo 2020

(31 mar 20) COMUNICATO CON GAFFE DEL GRUPPO MINSK – A un’ora dalla chiusura dei seggi il Gruppo di Minsk dell’Osce ha rilasciato il consueto comunicato stampa che accompagna tutte le elezioni in Artsakh. Topica la gaffe sul “primo turno” delle elezioni che invece si sono tenuta nella sola giornata odierna. Nel comunicato si legge tra l’altro che «i co-presidenti [del GM] riconoscono il ruolo della popolazione del Nagorno Karabakh nel decidere il proprio futuro in conformità con i principi e gli elementi ribaditi nella dichiarazione dei co-presidenti del 9 marzo 2019. I co-presidenti notano, tuttavia, che il Nagorno Karabakh non è riconosciuto come uno stato indipendente e sovrano da nessuno dei paesi co-presidenti o di qualsiasi altro paese. Di conseguenza, i co-presidenti non accettano i risultati di queste “elezioni” che incidono sullo status giuridico del Nagorno Karabakh e sottolineano che i risultati non pregiudicano in alcun modo lo status finale del Nagorno Karabakh o l’esito dei negoziati in corso per portare una soluzione duratura e pacifica al conflitto del Nagorno Karabakh

(31 mar 20) ELEZIONI, AFFLUENZA DEFINITIVA– La Commissione Elettorale Centrale informa che alle ore ore venti (locali), a chiusura dei seggi, hanno votato 76.471 elettori pari al 72,7% degli aventi diritto.

(31 mar 20) ELEZIONI, AFFLUENZA ORE 17– La Commissione Elettorale Centrale informa che alle ore ore diciassette (locali) hanno votato 66.731 elettori pari al 63,8% degli aventi diritto.

(31 mar 20) SITUAZIONE SOTTO CONTROLLO SU LINEA CONTATTO – Il Comandante dell’Esercito di Difesa, nonchè ministro, Jalal Harutyunyan, informa che la situazione lungo la linea di contatto è sotto controllo. In concomitanza con le elezioni è stata rafforzata la vigilanza per prevenire provocazioni azere.

(31 mar 20) ELEZIONI, AFFLUENZA ORE 14 – La Commissione Elettorale Centrale informa che alle ore ore quattordici (locali) hanno votato 50.534 elettori pari al 48,3% degli aventi diritto.

(31 mar 20) ELEZIONI, AFFLUENZA ORE 11 – La Commissione Elettorale Centrale informa che alle ore ore undici (locali) hanno votato 26.037 elettori pari al 24,9% degli aventi diritto.

(31 mar 20) ELEZIONI, APERTI I SEGGI – Si sono aperti alle ore 7 locali i seggi elettorali. Secondo la Commissione Elettorale Centrale sono 103.663 gli aventi diritto al voto. Si vota in 229 comunità urbane e rurali con 282 seggi elettorali formati. Fra questi, uno è dislocato presso la rappresentanza diplomatica dell’Artsakh in Armenia a Yerevan e un altro presso il penitenziario di Sushi (dove le votazioni si svolgeranno alle ore 11). Tutti i seggi sono stati oggetto di trattamento di sanificazione.

(30 mar 20) ELEZIONI, APERTO IL CENTRO STAMPA – Il centro stampa della Commissione Elettorale Centrale è stato aperto presso il palazzo della Cultura e della gioventù a Stepanakert in via Tumanyan.

(29 mar 20) CHIUSA LA CAMPAGNA ELETTORALE – Con un dibattito televisivo ad Artsakh TV al quale hanno partecipato i rappresentanti dei partiti in lizza si è ufficialmente chiusa la campagna elettorale.

(28 mar 20) SAHAKYAN VISITA SEDE POLIZIA – Il presidente Bako Sahakyan ha visitato la sede centrale della Polizia di Stato e ha convocato una riunione di lavoro. Le questioni relative alle complesse misure adottate per combattere la diffusione del nuovo coronavirus, nonché le imminenti elezioni statali sono state all’ordine del giorno del dibattito.

(28 mar 20) CONVERSAZIONE SAHAKYAN E SARKISSIAN – Il presidente della repubblica Bako Sahakyan ha avuto oggi una conversazione telefonica con il presidente dell’Armenia Armena Sarkissian. Nel corso del colloquio i due leader hanno discusso delle prossime elezioni in Artsakh e della situazione determinata dal coronavirus.

(28 mar 20) VIOLAZIONI AZERE – Il ministero della Difesa comunica che nella settimana dal 22 al 28 marzo sono state segnalate circa 150 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 1200 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. La situazione lungo la linea di contatto rimane comunque relativamente calma.

(27 mar 20) ELEZIONI, CANCELLATI ALCUNI COMIZI – Nel timore di possibile diffusione del virus alcune forze politiche hanno annullato gli ultimi appuntamenti della campagna elettorale. oggi ne hanno dato annuncio il candidato alla presidenza Mayilyan (indipendente) e l’Alleanza Nuovo Artsakh

(26 mar 20) ELEZIONI, RIUNIONE FORZE POLITICHE – Il Presidente di Artsakh Bako Sahakyan ha tenuto oggi una riunione con rappresentanti dei partiti politici del Parlamento dell’Artsakh avente per oggetto lo svolgimento delle elezioni del 31 marzo. Il Capo dello Stato ha sottolineato ancora una volta la necessità di attuare tutte le attività di prevenzione e organizzazione e di mantenere le norme sanitarie e igieniche per evitare la diffusione del nuovo coronavirus nella repubblica. L’incontro ha anche affrontato le modalità per risolvere i compiti relativi all’adozione di eventuali misure aggiuntive in caso di insorgenza di nuove circostanze nella lotta contro il coronavirus.

(26 mar 20) ELEZIONI RINVIATE? – Corre voce che, nell’ambito delle misure di contenimento alla diffusione del coronavirus, potrebbe esserci un rinvio delle elezioni generali. Uno dei candidati, l’attuale ministro degli Esteri Mayilyan, ha dichiarato che avrebbe nulla in contrario a posticipare la consultazione elettorale.

(24 mar 20) SMENTITI MEDIA AZERI SU INCIDENTE – Il ministero della Difesa dell’Artsakh ha smentito categoricamente quanto riportato da media azeri circa una presunta “azione provocatoria degli armeni in direzione Goramboy che avrebbero lasciato un caduto nella terra di nessuno”. «Le forze dell’Esercito di Difesa dell’Artsakh si attengono al regime del cessate il fuoco. Inoltre, la situazione relativamente stabile nella linea di contatto Artsakh-Azerbaigian continua a essere mantenuta. Pertanto, esortiamo la parte azera ad astenersi dalle tattiche insignificanti di intensificare artificialmente la situazione e di non creare ulteriore tensione» afferma la nota ministeriale.

(21 mar 20) SARKISSIAN IN ARTSAKH – Il presidente dell’Armenia è in Artsakh. Oggi a Stepanakert ha incontrato il presidente Sahakyan con il quale ha discusso della situazione generale e della situazione ai confini in questi giorni. Riguardo al Coronavirus, Sarkissian ha condiviso l’esperienza e le conoscenze acquisite di recente comunicando con i leader di diversi paesi, i ministri della sanità e gli scienziati. «Spero che Armenia e Artsakh emergano da questa grande sfida come vincitori con perdite minime» ha dichiarato ai giornalisti il presidente dell’Armenia.

(21 mar 20) USA ABOLISCONO AIUTI ALL’ARTSAKH – Nonostante gli sforzi attivi negli ultimi mesi di associazioni armene e membri del Congresso, gli aiuti diretti statunitensi ad Artsakh sono stati aboliti. L’amministrazione Trump ha deciso di ridurre il programma di sminamento in Artsakh portato avanti principalmente dalla ong “Halo Trust”. Gli Stati Uniti erano l’unico Paese oltre all’Armenia a fornire un aiuto diretto all’Artsakh ancorché limitato alla sola attività di assistenza allo sminamento delle aree ancora da bonificare dopo la guerra.

(21 mar 20) VIOLAZIONI AZERE – Il ministero della Difesa comunica che nella settimana dal 15 al 21 marzo sono state segnalate circa 250 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 1900 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. La situazione lungo la linea di contatto rimane comunque relativamente calma.

(20 mar 20) CORONAVIRUS – Il governo rende noto che ad oggi non è stato rilevato alcun caso in Artsakh. Ieri diramato divieto di entrata per gli stranieri e limitazioni all’espatrio. Il candidato alle presidenziali, Vitaly Balasanyan, ha chiesto alle autorità di dichiarare lo “stato di emergenza”.

(20 mar 20) SOSPESI MONITORAGGI OSCE – L’Osce ha sospeso le operazioni di monitoraggio lungo la linea di contatto a causa della situazione pandemica. Un appello è stato rivolto alle parti affinchè si astengano in questo momento da azioni che possano aumentare la tensione. (v. articolo in “breaking news”)

(20 mar 20) DIVIETO DI INGRESSO IN ARTSAKH – Al fine di evitare la diffusione del Covid-19 in Artsakh, fino al 14 aprile l’ingresso di cittadini stranieri è severamente limitato. Altresì i cittadini della repubblica sono invitati a non recarsi all’estero.

(19 mar 20) ELEZIONI GENERALI – Un sondaggio dà Harutyunyan in testa alle preferenze con il 46% seguito dall’attuale ministro degli Esteri con il 22%. L’indipendente Balasanyan si attesta all’8%, l’attuale presidente dell’Assemblea nazionale Ghoulyan è dato al 4% dei consensi. La restante percentuale è ripartita fra gli altri dieci candidati alla presidenza della repubblica. Secondo il sondaggio circa tre quarti della popolazione dell’Artsakh sta seguendo la campagna elettorale.

(19 mar 20) ESERCITO DI DIFESA – Il generale Kamo Vardanyan è stato nominato primo vice comandante dell’Esercito di difesa dell’Artsakh.

(18 mar 20) CORONAVIRUS – Nuove riunioni si sono svolte a livello governativo per predisporre tutte le misure necessarie al contenimento dell’epidemia. Una nota ufficiale informa che a oggi non risulta alcun caso di contagio in Artsakh e che 13 tamponi sono risultati negativi. La chiusura di quasi tutte le frontiere aiuta all’isolamento del Paese e lo tiene lontano, per ora, dal virus.

(14 mar 20) FAKE AZERE SUL VIRUS – Una pagina Facebook con un falso profilo del presidente dell’Artsakh Sahakyan ha diffuso la notizia che ci sarebbero diversi contagiati tra civili e militari armeni nella repubblica. La presidenza della repubblica ha dovuto smentire il contenuto di questa pagina i cui amministratori sono in Azerbaigian.

(14 mar 20) VIOLAZIONI AZERE – Il ministero della Difesa comunica che nella settimana dall’8 al 14 marzo sono state segnalate circa 230 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 2000 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. La situazione lungo la linea di contatto rimane comunque relativamente calma.

(13 mar 20) CORONAVIRUS – Il ministero della Salute rende noto che ad oggi non risulta alcun caso positivo al virus nella repubblica di Artsakh nè si registrano casi di sospetta infezione. Il governo sta predisponendo tutte le misure per prevenire la diffusione del virus entro i confini nazionali. Una riunione presieduta da Sahakyan è stata dedicata specificatamente al tema.

(11 mar 20) CORONAVIRUS – «Invitiamo i nostri cittadini in Italia a contattare il Dipartimento Consolare del Ministero degli Esteri della Repubblica Artsakh e l’Ambasciata armena in Italia» ha dichiarato il ministero degli Esteri in una nota odierna. Nel tentativo di prevenire la diffusione dell’infezione da coronavirus in Artsakh, il Ministero degli Esteri esorta i cittadini e le compagnie turistiche che operano in Artsakh a evitare temporaneamente viaggi nella Repubblica islamica dell’Iran, nei paesi dell’UE, in particolare Germania, Francia e Spagna, Repubblica popolare di Cina, Giappone e Repubblica della Corea del Sud, salvo casi urgenti. Si consiglia a tutti i cittadini di Artsakh che si trovano attualmente in quei paesi di contattare il Dipartimento Consolare del Ministero degli Esteri di Artsakh o le ambasciate dell’Armenia nei paesi per registrare le loro informazioni di contatto e il periodo del loro soggiorno.

(11 mar 20) MONITORAGGIO OSCE – Una missione di osservazione è stata condotta oggi da funzionari Osce lungo la linea di contatto a sud-est di Akna (Aghdam). Non sono state rilevate violazioni del cessate-il-fuoco

(11 mar 20) ESERCITO DI DIFESA – Dal 9 all’11 marzo, il ministro della Difesa della Repubblica Artsakh nonché comandante dell’esercito della difesa Jalal Harutyunyan ha monitorato il lavoro sul campo militare volto ad adeguare le azioni da intraprendere in caso di combattimento e possibili sviluppi della situazione.

(10 mar 20) RIUNIONE AD HADRUT – Bako Sahakyan ha presieduto una riunione operativa ad Hadrut alla presenza delle autorità regionali e dei capi comunità riguardante temi sociali ed economici. Era presente il ministro di Stato Grigory Martirosyan.

(7 mar 20) VIOLAZIONI AZERE – Il ministero della Difesa comunica che nella settimana dall’1 al 7 marzo sono state segnalate circa 160 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 1700 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. La situazione lungo la linea di contatto rimane comunque relativamente calma.

(6 mar 20) ANCORA TENSIONE TRA ARMENIA E AZERBAIGIAN – Scambio di reciproche accuse tra Armenia e Azerbaigian. Questa mattina, intorno alle 5,30 locali, un drappello di soldati azeri sarebbe penetrato in territorio armeno all’altezza della regione di Tavush. Secondo media azeri, gli armeni avrebbero subito due perdite. Il ministero della Difesa di Yerevan nega e assume perdite nemiche postando le foto dei colpi sparati dagli azeri contro abitazioni e katchkar e di un apparecchio rilevatore di mine usato dai sabotatori.

(5 mar 20) CORONA VIRUS – Il governo della Repubblica di Artsakh informa che diverse agenzie governative stanno implementando misure complesse per prevenire la diffusione di virus respiratori acuti e il nuovo Corona virus. Complessivamente, per specificare la diagnosi, più di tre dozzine di campioni sono stati inviati alla Repubblica di Armenia e, sulla base dei dati forniti dal Ministero della sanità, fino ad oggi tutte le risposte sono state negative.

(5 mar 20) ESERCITAZIONI AZERE – Le forze armate azere sono oggetto di un importante riposizionamento di riparti attuato nell’ambito di esercitazioni militari in corso dall’inizio della settimana.

(4 mar 20) MONITORAGGIO OSCE – Una missione di osservazione è stata condotta oggi da funzionari Osce lungo la linea di contatto all’altezza della regione di Hadrut. Non sono state rilevate violazioni del cessate-il-fuoco ma ancora una volta le autorità azere hanno impedito agli osservatori di recarsi sulla prima linea.

(2 mar 20) ARMENIA ACQUISTA RADAR – Secondo indiscrezioni provenienti da media indiani l’Armenia avrebbe acquistato da Nuova Delhi quattro impianti radar al costo complessivo di circa quaranta milioni di dollari. Si tratta di radar mobili, denominati Swathi, progettati per rilevare e tracciare l’artiglieria in arrivo e il lancio di razzi al fine di determinare il punto di origine del fuoco e indirizzare la conseguente risposta.

Febbraio 2020

(28 feb 20) RICORDATO IL POGROM DI SUMGAIT – Cerimonia al memoriale di Stepanakert nel 32° anniversario dei pogrom di Sumgait presenti le più alte cariche civili e religiose dello Stato.

(27 feb 20) CORONA VIRUS – Il presidente della repubblica ha presieduto una riunione di lavoro focalizzata sulle misure da prendere per evitare la diffusione del virus in Artsakh.

(26 feb 20) RIUNIONE CON NUOVO MINISTRO DIFESA – Il presidente Sahakyan ha introdotto il nuovo ministro della Difesa in una riunione con gli alti comandi dell’Esercito.

(24 feb 20) CAMBIA MINISTRO DELLA DIFESA – Jalal Haroutyunyan  è stato nominato dal presidente Sahakyan ministro della Difesa (nonchè comandante dell’esercito di difesa dell’Artsakh). Già vice ministro, sostituisce nell’incarico il gen. Karen Abrahamyan dimissionato in data odierna.

(24 feb 209 SAHAKYAN AD ASKERAN – Il presidente della repubblica Bako Sahakyan ha convocato una consultazione di lavoro con i membri dell’amministrazione regionale e i capi delle comunità per discutere le questioni relative all’attuazione di una serie di progetti socioeconomici.

(23 feb 20) TENSIONE ARMENIA-AZERBAIGIAN – Incidenti al confine tra Armenia e Azerbaigian all’altezza della regione nord orientale di Tavush. Le forze armate azere hanno aperto il fuoco contro le postazioni armene ferendo un soldato. Nella risposta risulterebbe caduto un soldato azero. Per Baku invece sarebbero stati uccisi due soldati armeni ammettendo la propria perdita. Il ministro degli Esteri armeno Mnatsakanyan ha smentito categoricamente le perdite armene bollandole come ‘fake’.

(22 feb 20) CONSIGLIO SICUREZZA CONGIUNTO – Il presidente della repubblica Sahakyan e il Primo ministro dell’Armenia Pashinyan hanno presieduto oggi un Consiglio di sicurezza congiunto. Nel suo discorso il presidente Sahakyan ha toccato una serie di questioni relative alla politica interna ed estera, in particolare i recenti sviluppi della politica estera, il rafforzamento degli eserciti, la realizzazione di una serie di progetti socioeconomici strategicamente importanti nelle regioni meridionali della repubblica definiti da Bako Sahakyan ambiziosi ma abbastanza realistici e realizzabili con sforzi comuni e un approccio sistematico e coerente all’implementazione delle attività.

(22 feb 20) VIOLAZIONI AZERE – Nel corso dell’ultima settimana (dal 16 al 22 febbraio) sono state rilevate circa 190 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 1800 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene.

(21 feb 20) OMBUDSMAN IN UNITA’ MILITARE – Gli ombudsman di Armenia e Artsakh hanno visitato oggi alcune unità militari al fine di verificare le condizioni di vita negli alloggiamenti e valutare se i diritti dei militari siano tutelati o meno.

(20 feb 20) OMBUDSMAN ARMENIA IN ARTSAKH – L’Ombudsman dell’Armenia, Arman Tatoyan, è in Artsakh per una visita di lavoro. Nel corso del suo soggiorno incontrerà il collega Artak Beglaryan e autorità dello Stato. Previsto un incontro con il ministro della Difesa per una verifica della situazione nelle unità militari.

(20 feb 20) 32° ANNIVERSARIO RINASCITA – In occasione della Giornata della Rinascita (votazione nel 1988 del soviet del Nagorno Karabakh per annessione all’Armenia), il presidente della repubblica Sahakyan ha rivolto un messaggio alla nazione. Così anche il premier armeno Pashinyan.

(19 feb 20) PROCURATORE GENERALE – Il Procuratore generale dell’Artsakh, Aramayis Avagyan, ha ricevuto il collega dell’Armenia Artur Davtyan in visita a Stepanakert. Davtyan è stato anche ricevuto dal presidente della repubblica. Nella giornata di domani è previsto incontro con il ministro della Difesa.

(19 feb 20) MINISTRO DELLA DIFESA – Secondo un quotidiano armeno l’attuale ministro della Difesa dell’Artsakh, Karen Abrahamyan, è in predicato di essere sostituito dal suo vice Jalal Harutyunyan. La decisione sarebbe stata già presa ma per ragioni tecniche non ancora attuata. Il cambio al vertice delle forze armate dell’Artsakh va imputato ai recenti fatti di sangue che hanno visto coinvolti soldati dell’Esercito.

(18 feb 20) ALTA TECNOLOGIA – Una delegazione del ministero dell’Alta tecnologia industriale, guidata dal ministro Hakob Arshakyan , è in Artsakh per colloqui con le massime autorità dello Stato finalizzati a ricercare le opportunità per la miglior collaborazione in diversi settori.

(17 feb 20) IL PUNTO SU DRAMMATICI CASI – Dall’inizio dell’anno sono tredici i militari deceduti nelle fila delle forze armate di Armenia e Artsakh. Ha fatto il punto della situazione lo Stato maggiore delle forze armate della Repubblica di Armenia che ha rilasciato una dichiarazione sui decessi registrati quest’anno precisando che 4 sono stati causati da incidenti, 4 da problematiche non legate al servizio (malattie, problemi personali) mentre su 5 sono in corso indagini per chiarire la dinamica dell’accaduto.

(15 feb 20) ELEZIONI GENERALI – La Commissione elettorale centrale informa che ad oggi sono state presentate 14 candidature per le elezioni presidenziali del 31 marzo. Per le elezioni politiche in pari data sono state presentate dieci liste e due blocchi di lista. Dal 18 febbraio tutte le liste saranno disponibili sul sito della CEC.

(15 feb 20) VIOLAZIONI AZERE – Nel corso dell’ultima settimana (dal 9 al 15 febbraio) sono state rilevate circa 120 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 1100 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene.

(15 feb 20) INCONTRO PASHINYAN/ALIYEV – Il Primo Ministro dell’Armenia ha avuto un incontro questo pomeriggio con il presidente dell’Azerbaigian della durata di circa 45 minuti. In seguito i due hanno partecipato a un pubblico dibattito con una moderatrice che ha alternato le domande.

(14 feb 20) UN ALTRO SOLDATO PERDE LA VITA – Ancora un caduto per un colpo di arma da fuoco lungo la linea di contatto. Si tratta di Hayk Asryan (1997) che si trovava in una postazione difensiva sul settore orientale. Avviata un’indagine da parte del ministero della Difesa. Il tragico evento è occorso intorno alle 19 ora locale.

(14 feb 20) PREANNUNCIATO INCONTRO PASHINYAN-ALIYEV – Il Primo ministro dell’Armenia e il presidente dell’Azerbaigian avranno un breve incontro nel pomeriggio di sabato 15 febbraio a margine dei lavori della Conferenza sulla sicurezza in programma a Monaco di Baviera. L’incontro è programmato tra le 17,30 e le 16,15.

(14 feb 20) PASHINYAN SULL’ARTSAKH – Il premier armeno Nikol Pashinyan, nel corso di una conferenza tenuta al Friedrich Ebert Foundation (Friedrich-Ebert-Stiftung) di Berlino ha affrontato il tema del conflitto. Al riguardo ha ribadito che il formato negoziale del Gruppo di Minsk dell’Osce è l’unico accettabile e che si tratta di un «formato eccezionale in cui cooperano Russia, Stati Uniti e Francia. È grazie a questa cooperazione che la stabilità relativa della regione è stata mantenuta per oltre 25 anni». Pashinyan ha anche risposto a un giornalista azero che si duoleva di non poter più recarsi al suo villaggio natale di Jibrayil ricordando come gli armeni che vivevano nella regione di Shahumian (sottoposta a pulizia etnica con l’Operazione Anello) non hanno uguale diritto. Inoltre il Primo ministro dell’Armenia ha dichiarato che «l’Armenia ha dichiarato che vedrà l’attacco dell’Azerbaigian al Karabakh come un attacco alla Repubblica di Armenia. La Repubblica di Armenia è il garante della sicurezza del Karabakh».

(12 feb 20) DECEDUTI DUE SOLDATI – Il ministero della Difesa dell’Artsakh informa che due soldati di leva, Tigran Manvelyan e Tigran Mkhoyan sono stati mortalmente attinti da colpi di arma da fuoco mentre si trovavano nella loro postazione di difesa. Il fatto è avvenuto intorno alle ore 11,30 in località non precisata. E’ stata avviata un’indagine per capire le circostanze.

(12 feb 20) ELEZIONI GENERALI DI MARZO – Altri candidati alla carica di presidente: Davit Ishkhanyan  per ARF, il portavoce presidenziale Davit Babayan per il Partito Conservatore e l’attuale ministro degli Esteri Masis Mayilyan, l’attuale presidente dell’Assemblea nazionale Ashot Ghoulyan (partito democratico) e l’ex Ministro di Stato Arayik Harutyunyan (partito Patria unita).

(10 feb 20) ELEZIONI GENERALI DI MARZO – Ad oggi risultano regolarmente presentate due candidature per le prossime elezioni generali del 31 marzo: quella di Ruslan Israyelyan (indicato dal partito “Generazione indipendente”) e quella del gen. Vitaly Balasanyan, membro uscente dell’Assemblea nazionale.

(9 feb 20) TROVATO MORTO SOLDATO – Un soldato, Valery Petrosyan (nato nel 2001) , è stato trovato senza conoscenza in una postazione difensiva. Portato all’ospedale militare ne è stata purtroppo constatata la morte. E’ stata aperta un’indagine al riguardo. Nessuna ulteriore informazione è stata rilasciata dal ministero della Difesa.

(8 feb 20) VIOLAZIONI AZERE – Nel corso dell’ultima settimana (dal 2 all’8 febbraio) sono state rilevate circa 190 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 1200 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene.

(7 feb 20) PREMIATO CORO DA CAMERA – Il presidente della repubblica Sahakyan per il contributo alla sfera dell’arte musicale e in occasione del 20° anniversario della fondazione del Coro da Camera dello Stato “Mrakats” ha conferito riconoscimenti a un gruppo di illustri rappresentanti della corale.

(6 feb 20) IN AUMENTO LE ENTRATE FISCALI – Nel mese di gennaio il gettito fiscale e le imposte sul bilancio dello stato della Repubblica di Artsakh (tre miliardi di dram pari a circa 570.000 euro) hanno superato il 3,6% rispetto a quanto preventivato in bilancio.

(6 feb 20) MONITORAGGIO OSCE – Una missione di monitoraggio è stata portata a termine oggi da funzionari dell’Osce lungo la linea di contatto a est del villaggio di Talish (regione di Martakert). Nel corso dell’osservazione non sono state rilevate violazioni del cessate-il-fuoco. Ancora una volta l’Azerbaigian si è rifiutato di condurre i diplomatici sulle posizioni di prima linea.

(5 feb 20) SAHHAKYAN RICEVE CAPO SICUREZZA ARMENIA – Il presidente della repubblica Bako Sahakyan ha ricevuto il capo del Consiglio di sicurezza dell’Armenia, Armen Grigoryan.

(3 feb 20) FERITO SOLDATO ARMENO – Il ministero della Difesa ha comunicato che nella giornata odierna un soldato di leva dell’Armenia in servizio in Artsakh è rimasto ferito per un colpo di arma da fuoco. Non sono stati forniti al momento ulteriori dettagli.

(2 feb 20) ARRESTI PER MORTE DI UN SOLDATO – Tre persone sono state arrestate in seguito alle prime indagini relative alla morte del giovane soldato di leva Vahram Avakyan, perito il 30 gennaio scorso a seguito di un colpo di arma da fuoco. Sembrerebbe esclusa la tesi del suicidio mentre si fa strada l’ipotesi di una lite fra giovani commilitoni al termine della quale un colpo di arma da fuoco (volontario o involontario) ha tolto la vita al giovane.

(1 feb 20) VIOLAZIONI AZERE – Nel corso dell’ultima settimana (dal 26 gennaio al primo febbraio) sono state rilevate circa 200 violazioni azere del cessate il fuoco con circa 1150 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene.

Gennaio 2020

(31 gen 20) COMMENTI SUI COLLOQUI DI GINEVRA – Secondo fonti azere, i colloqui di Ginevra tra i ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian sono stati «i più partecipati di sempre» in quanto le parti hanno discusso dettagliatamente numerose questioni in agenda lavori.

(30 gen 20) COMUNICATO GRUPPO DI MINSK – «I copresidenti del Gruppo OSCE di Minsk (Igor Popov della Federazione Russa, Stéphane Visconti della Francia e Andrew Schofer degli Stati Uniti d’America) si sono incontrati separatamente e congiuntamente con il Ministro degli Esteri armeno Zohrab Mnatsakanyan e il Ministro degli Esteri azero Elmar Mammadyarov a Ginevra il 28-30 gennaio. Alle loro riunioni si sono uniti il ​​rappresentante personale del Presidente in esercizio dell’OSCE, Andrzej Kasprzyk. Nel corso di tre giorni di intense discussioni, i co-presidenti e i ministri hanno discusso i seguenti punti all’ordine del giorno: attuazione di accordi e proposte discussi nel 2019 e possibili passi successivi per preparare le popolazioni alla pace; principi ed elementi che costituiscono la base di una soluzione futura; e tempistica e agenda per far avanzare il processo di regolamento. I co-presidenti hanno ribadito il loro pieno impegno nell’aiutare le parti a trovare una soluzione pacifica al conflitto e al principio di riservatezza nel processo di risoluzione, nonché la necessità di creatività e spirito di compromesso per raggiungere una pace equa e duratura. I ministri hanno convenuto di incontrarsi di nuovo nel prossimo futuro sotto gli auspici dei co-presidenti

(30 gen 20) CONTINUA INCONTRO MINISTRI ESTERI – Nuovo round di consultazioni a Ginevra tra i ministri degli Affari esteri di Armenia e Azerbaigian.

(30 gen 20) MORTO GIOVANE SOLDATOVahram Avakyan , venti anni, è deceduto per un colpo di arma da fuoco. Il ministero della Difesa comunica la notizia indicando alle ore 13,15 (locali) l’ora del tragico evento. Non sono state fornite informazioni sulle circostanze.

(29 gen 20) APERTO CIRCOLO IPPICO – Nel villaggio di Mkhitarashen  (regione di Askeran), nei pressi della gola di Hunot, è stato inaugurato oggi un circolo ippico.

(29 gen 20) INCIDENTE A MILITARE – Un soldato dell’Esercito di difesa è rimasto ferito a causa di un colpo accidentale partito dalla propria arma. Non sono state fornite indicazioni riguardo al luogo, al nominativo e alle condizioni del coscritto.

(29 gen 20) INCONTRO MINISTRI ESTERI – A Ginevra si sono incontrati oggi i ministri degli Esteri di Armenia (Mnatsakanyan) e Azerbaigian (Mammadyarov). Precedentemente vi erano stati colloqui separati con i rappresentanti dei paesi co-presidenti del Gruppo di Minsk ( Igor Popov (Russia), Stéphane Visconti (Francia), Andrew Schofer (USA) e con Andrzej Kasprzyk, rappresentante personale del presidente dell’Osce in carica

(28 gen 20) PASHINYAN IN ARTSAKH – Il Primo ministro dell’Armenia è giunto in Artsakh. Nella giornata odierna, tra l’altro, ha visitato insieme al presidente Sahakyan un’unità difensiva nel settore nord occidentale e partecipato alla cerimonia di consegna di nuovi alloggi costruiti per il personale militare.

(28 gen 20) GIORNATA DELL’ESERCITO – Celebrata in tutto il Paese la giornata delle Forze armate armene che si costituirono in questo giorno del 1992. Una solenne cerimonia si è tenuto al memoriale di Stepanakert alla presenza delle massime autorità civili e religiose. Il presidente Sahakyan ha inoltre rivolto un messaggio di felicitazioni.

(27 gen 20) PREANNUNCIATO INCONTRO MINISTRI ESTERI – E’ stato annunciato che i ministri degli esteri di Armenia (Mnatsakanyan) e Azerbaigian (Mammadyarov) si incontreranno a Ginevra fra il 29 e il 30 gennaio. Agli incontri parteciperanno i rappresentanti dei Paesi co-presidenti del Gruppo di Minsk.

(25 gen 20) VIOLAZIONI AZERE – Nella settimana dal 19 al 25 gennaio sono state rilevate circa 130 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 700 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. La situazione lungo la linea di contatto rimane relativamente calma.

(24 gen 20) MAGGIORI DETTAGLI SU INCIDENTE – Il ferimento dei due soldati è avvenuto questa mattina alle 6,55 in un’unità difensiva sul confine settentrionale. Sono rimasti coinvolti Henri-Hayk Zakaryan (2001) e Armen Mesropyan (2000). Il primo è stato operato in emergenza ed è in condizioni gravi ma stabili, è stato sottoposto a un intervento operatorio all’ospedale di Stepanakert. Ancora sconosciuta la dinamica dell’incidente.

(24 gen 20 DUE SOLDATI FERITI – Due soldati sono rimasti feriti a seguito di un incidente avvenuto questa mattina in una base militare. Non è stata data notizia nè della località nè della dinamica del fatto. Risulta aperta un’indagine.

(23 gen 20) DEMOGRAFIA IN ARTSAKH – Nel corso del 2019 sono nati nella repubblica 2131 bambini. Il dato fa registrare un calo di circa il 10% rispetto ai 2336 dell’anno precedente. Dodici sono stati i casi di morte prematura. Anche quest’anno il saldo demografico è in positivo e la popolazione dell’Artsakh lentamente cresce. I nomi più gettonati sono stati Davit, Aleks, Mark, Ashot, e per le femmine Anna, Nare, Mariam e Maria. Sono stati celebrati 836 matrimoni contro gli 899 del’anno precedente, salgono i divorzi da 204 a 207. Calano i decessi, passati da 1185 del 2018 a 1155 del 2019.

(22 gen 20) TURISMO IN ARTSAKH – Nel corso di una conferenza stampa il ministro dello sport e turismo, Lernik Hovhannisyan , ha comunicato che nel 2019 sono stati 41963 gli stranieri che hanno visitato l’Artsakh con un incremento del 46,7% rispetto ai 28500 dell’anno precedente. hanno contribuito a questo boom di visitatori anche alcuni eventi come i campionati di calcio Conifa e i giochi panarmeni. I più importanti Paesi di provenienza sono stati la Russia (19160), gli Usa (7527), la Francia (1661), Germania (765), Libano (699), Polonia (685), Cina (671), Argentina (594) e Canada (575)

(21 gen 20) CONSIGLIO DELLA DIFESA – Bako Sahakyan ha presieduto oggi il Consiglio della Difesa. nel corso del suo intervento si è dichiarato soddisfatto per i risultati raggiunti nel corso del 2019. Il Presidente ha sottolineato che l’Esercito di Difesa è sempre stato e rimarrà la principale garanzia di indipendenza, sicurezza e sviluppo naturale della Repubblica di Artsakh.

(20 gen 20) STABILITA LA DATA DELLE ELEZIONI – La Commissione Elettorale Centrale ha comunicato che le prossime elezioni generali in Artsakh per la carica alla presidenza della repubblica e il rinnovo dell’Assemblea nazionale si terranno martedì 31 marzo.

(20 gen 20) CELEBRATA OGGI LA GIORNATA DELLA GIUSTIZIA – In occasione della giornata dedicata ai lavoratori del sistema giudiziario, il presidente della repubblica ha rivolto un messaggio di felicitazioni.

(18 gen 20) VIOLAZIONI AZERE – Nella settimana dal 12 al 18 gennaio sono state rilevate circa 80 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 650 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. La situazione lungo la linea di contatto rimane relativamente calma.

(18 gen 20) POGROM DI BAKU – In occasione del trentesimo anniversario dei pogrom di Baku (13-18 gen 1990) membri del parlamento di Yerevan e di Stepanakert hanno rilasciato una dichiarazione congiunta.

(17 gen 20) LAVROV SU NEGOZIATO – Il ministero degli Affari esteri russo ha annunciato “alcuni progressi” nella risoluzione del conflitto del Nagorno Karabakh e in particolare nell’attuazione dei” piccoli passi “che i ministri degli Esteri hanno concordato in una riunione a Mosca nell’aprile 2019 per realizzare gli accordi raggiunti tra il Presidente dell’Azerbaigian e il Primo Ministro dell’Armenia a Vienna a marzo 2019 . «La situazione al confine e sulla linea di contatto è relativamente calma e la linea telefonica speciale tra Yerevan e Baku funziona», ha osservato il ministero russo. «Riteniamo che tutto ciò testimoni l’intenzione delle parti di adottare misure concrete volte a preparare la popolazione alla pace. Tuttavia, non sono stati ancora compiuti progressi per quanto riguarda l’essenza della risoluzione», ha aggiunto il ministero degli Esteri che esprime la speranza per la ripresa di una conversazione sostanziale tra i paesi.

(16 gen 20) MONITORAGGIO OSCE – Una missione di osservazione organizzata dall’Osce è stata portata a termine oggi lungo la linea di contatto tra Artsakh e Azerbaigian a nord est di Akna (Agdam). NOn sono state rilevate violazioni del cessate-il-fuoco ma la parte azera ha impedito ai diplomatici dell’Osce di raggiungere le postazioni più avanzate.

(15 gen 20) VISITATORI NEL 2019 – Grazie anche agli eventi organizzati (Campionati europei Conifa e Giochi pan armeni) il numero di visitatori in Artsakh nel 2019 è cresciuto del 47% rispetto al 2018. Lo ha comunicato il ministero degli Affari esteri.

(12 gen 20) SAHAKYAN VISITA UNITA’ MILITARI – Il presidente della repubblica ha oggi visitato alcune unità militari e ha partecipato all’inaugurazione di diverse nuove infrastrutture a servizio del personale militare.

(11 gen 20) VIOLAZIONI AZERE – Nella settimana dal 5 all’11 gennaio sono state rilevate circa 125 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 700 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. La situazione lungo la linea di contatto rimane relativamente calma. Si segnala invece un aumento della tensione lungo la frontiera tra Armenia e Azerbaigian all’altezza della regione di Tavush.

(10 gen 20) MINISTRO DELLA DIFESA – Il ministro della Difesa, Karen Abrahamyan, ha visitato oggi un’unità militare di pronto combattimento e ha inaugurato nuovi alloggiamenti militari destinati alla brigata artiglieria.

(9 gen 20) NUOVA PRESIDENZA OSCE – «La risoluzione del conflitto del Karabakh sarà in cima all’agenda della Presidenza» ha affermato Edi Rama, subentrante Presidente in carica dell’OSCE, che presenterà le priorità dell’Albania 2020 al Consiglio permanente.

(6 gen 20) NATALE ARMENO – Il presidente della repubblica Bako Sahakyan ha partecipato alla messa di Natale officiata nella cattedrale di Stepanakert dal primate della diocesi di Artsakh Pargev Martirosyan.

(5 gen 20) INCIDENTE AUTO A DUE MILITARI – Due soldati, originari dell’Armenia, sono rimasti feriti, allorchè la loro auto è uscita di strada precipitando in un dirupo. Le lesioni a carico di uno di loro, Paylak Asatryan , sono risultate gravi al punto che dopo il ricovero presso l’ospedale militare di Stepanakert è stato trasferito a Yerevan.

(5 gen 20) SAHAKYAN CONVOCA RIUNIONE DI LAVORO – Il presidente dell’Artsakh Bako Sahakyan ha convocato una consultazione di lavoro con i rappresentanti dei rami esecutivo e legislativo per discutere una serie di questioni di politica interna ed estera. Il Capo dello Stato ha sottolineato la necessità di garantire l’attività vitale della repubblica anche durante le vacanze. Come sottolineato dal Presidente, la situazione lungo i confini è sotto controllo e l’Esercito della Difesa ha portato avanti con sicurezza la sua missione. Per quanto riguarda gli sviluppi in Medio Oriente, Bako Sahakyan ha sottolineato l’interesse del governo di Stepanakert a mantenere la pace e la stabilità nella regione e la risoluzione pacifica di tutte le questioni controverse. Alla riunione erano presenti il presidente dell’Assemblea nazionale Ashot Ghoulyan, il ministro di Stato Grigory Martirosyan e altri funzionari governativi.

(4 gen 20) COMUNICATO MINISTERO AFFARI ESTERI – Il ministero degli AA.EE. della repubblica di Artsakh ha rilasciato il seguente comunicato: «Le autorità di Stepanakert sono preoccupate per i recenti sviluppi in Medio Oriente, in particolare per gli eventi che hanno avuto luogo a Baghdad. Speriamo in una riduzione della tensione e della risoluzione della situazione esclusivamente con mezzi pacifici, garantendo stabilità e sicurezza regionali. Il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica di Artsakh segue la situazione ed è in costante contatto con le strutture partner della Repubblica di Armenia».

(4 gen 20) – VIOLAZIONI AZERE – Nella settimana tra il 29 dicembre e il 4 gennaio sono state registrate circa 130 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa seicento colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. La situazione sulla linea di contatto rimane relativamente calma.

(1 gen 20) DECEDUTO GIOVANE SOLDATO – Il diciannovenne Artyom Ghazaryan, in servizio di leva nell’Esercito di Difesa dell’Artsakh, è deceduto in conseguenza di una malattia che lo ha colpito. Il ministero non ha fornito dettagli sulla patologia,

(1 gen 20) MESSAGGIO DI FINE ANNO DEL PRESIDENTE – Il presidente della repubblica, Bako Sahakyan, ha rivolto alla nazione il consueto messaggio di fine anno: «Cari compatrioti, cari amici, l’anno 2019 è giunto al termine e tutti noi pieni di nuove speranze, bei desideri e aspettative, ci stiamo preparando a vedere il prossimo anno. Naturalmente, la nostra gente prima di tutto desidera la pace, vuole creare, sviluppare e rafforzare il paese natio. Ognuno di noi vuole vedere i nostri parenti e amici felici e in salute. La garanzia fondamentale per dare vita a tutto ciò è il nostro vittorioso Esercito di Difesa, i cui coraggiosi soldati e comandanti sono in qualsiasi momento, anche in questo momento, in postazioni e trincee, garantendo la sicurezza e l’indipendenza del nostro stato e della nostra Patria, l’inviolabilità dei confini delle sue frontiere.
In questo giorno di festa desidero innanzitutto congratularmi con i nostri militari, dai soldati semplici ​​ai generali, augurando loro un buon servizio, una buona salute e successo.
Voglio commemorare tutti coloro che sono stati martirizzati per la difesa della Patria, che non sono fisicamente presenti nelle loro famiglie e nei loro focolari. Possa Dio illuminare le anime di tutti i nostri martiri!
Cari amici, l’anno che passa ha avuto nel complesso successo dal punto di vista dello sviluppo socioeconomico del nostro Paese. Le dinamiche positive registrate negli ultimi anni sono state mantenute in quasi tutte le sfere.
Naturalmente, c’è ancora molto da fare. Un certo numero di importanti progetti volti ad aumentare il benessere del nostro popolo saranno implementati nel prossimo anno nei settori dell’edilizia residenziale, dell’agricoltura, della sanità, dell’istruzione e della scienza, della cultura, delle infrastrutture e molti altri.
Per Artsakh anche l’anno 2020 sarà ricco di processi politici. Avranno luogo eventi di importanza nazionale, in particolare le elezioni presidenziali e parlamentari, saranno eletti un nuovo presidente e un’Assemblea nazionale.

Sono più che sicuro che il nostro popolo dimostrerà, come sempre, un’alta responsabilità civile e che le elezioni si terranno in un ambiente equo e trasparente, in linea con i principi democratici. Allo stesso tempo, dovrebbero essere garantiti lo sviluppo naturale e dinamico dello Stato, l’effettiva attuazione dei programmi delineati e la soluzione dei compiti previsti. Sono sicuro, così sarà.
Cari compatrioti, estendo le mie più cordiali congratulazioni a tutti voi, ai nostri fratelli e sorelle in Artsakh, Armenia e nella Diaspora durante le vacanze di Capodanno e Natale. Possa l’anno 2020 essere pieno di successi per il nostro popolo e la nostra Patria! Possano tutti i nostri cari desideri e volontà diventare realtà! Possa l’amore e il calore regnare nelle nostre famiglie! Vi auguro buona salute, felicità, nuovo successo e tutto il meglio.
Felice anno nuovo e buon Natale!»

(1.01.20) BUON ANNO ARTSAKH DA “INIZIATIVA ITALIANA PER IL KARABAKH”!

Dicembre 2019

(29 dic 19) CONSEGNATI APPARTAMENTI – 44 nuovi appartamenti sono stati consegnati ad altrettanti militari dell’Esercito di difesa che ne hanno preso possesso con le loro famiglie. La cerimonia ufficiale si è tenuta a Martuni. Anche questo lotto di nuove abitazioni fa parte del programma di miglioramento delle condizioni di vita del personale militare dell’Artsakh.

(28 dic 19) DIFESA: 2019 POSITIVO – Nel 2019, l’Esercito di difesa dell’Artsakh ha svolto la sua missione con onore assicurando la protezione dei confini del nostro paese e il diritto del nostro popolo di creare pacificamente nella propria terra natale. Lo afferma il messaggio del nuovo anno del ministro della Difesa dell’Artsakh e comandante dell’esercito della difesa Karen Abrahamyan. «Riassumendo il 2019, possiamo affermare con certezza che l’anno è stato segnato da una preparazione al combattimento tesa e scrupolosa» recita anche il messaggio, in particolare. «È proseguito il potenziamento e la modernizzazione dell’armamento e dell’attrezzatura militare dell’esercito. È stato svolto un lavoro serio per migliorare le condizioni sociali e di vita dei militari. La legalità, la legge e l’ordine sono stati rafforzati e gli incidenti straordinari sono stati significativamente ridotti. La priorità del lavoro in tutte le aree dell’esercito continuerà a essere la stessa: garantire una protezione affidabile dei confini della patria. Sono fiducioso che il 2020 sarà un anno di nuovi traguardi, nuovi successi, nuovi traguardi».

(27 dic 19) SAHAKYAN VISITA BASE METAL – Il presidente della repubblica si è recato in visita nell’impianto minerario della società Base Metal di Kashen e, tra l’altro, ha partecipato alla tradizionale festa di fine anno organizzata dall’azienda.

(23 dic 19) CONSIGLIO DI SICUREZZA – Si è tenuto a Yerevan un Consiglio di sicurezza congiunto Armenia-Artsakh. Presiedevano il tavolo dei lavori il Presidente dell’Armenia Sarkissian, il Primo ministro dell’Armenia Pashinyan e il Presidente della repubblica dell’Artsakh Sahakyan. Presenti anche i presidenti delle rispettive Assemblee nazionali Mirzoyan e Ghulyan.

(21 dic 19) MAYILYAN IN EGITTO – Il ministro degli Affari Esteri della repubblica è in Egitto per una visita di lavoro. Nel corso della sua permanenza ha incontrato il governatore della regione del Sinai meridionale e l’ambasciatore della repubblica di Armenia nonchè esponenti della comunità armena locale.

(21dic 19) VIOLAZIONI AZERE – Nel corso dell’ultima settimana sono state registrate circa 180 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa milleduecento colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene.

(19 dic 19) APPROVATO BILANCIO ESERCIZIO 2020 – L’Assemblea nazionale ha approvato il bilancio preventivo dello Stato per l’esercizio 2020. Ai lavori parlamentari era presente anche il presidente della repubblica Sahakyan.

(16 dic 19) NUOVO CENTRO MEDICO REGIONALE – Inaugurato a Berdzor, alla presenza del Capo dello Stato, il nuovo centro medico della regione di Kashatagh intitolato a Artsakh Bouniatyan. Nel cortile dell’ospedale è stato anche svelato un busto dedicato al medico.

(14 dic 19) VIOLAZIONI AZERE – Nel corso dell’ultima settimana sono state registrate circa 140 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa millecinquecento colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene.

(13 dic 19) KASPRZYK IN ARTSAKH – Il Rappresentante personale del Presidente dell’Osce in carica è in visita in Artsakh. Nella giornata odierna ha incontrato il ministro degli Esteri Mayilyan e il presidente Sahakyan con i quali ha affrontato il tema della situazione lungo la linea di contatto anche alla luce delle ultime violazioni azere.

(13 dic 19) SAHAKYAN A TALISH E MATAGHIS – Il presidente della repubblica si è recato oggi in visita a Talish e Mataghis dove ha visitato alcune scuole e postazioni difensive dell’esercito.

(12 dic 19) DISCUSSO BILANCIO STATO – Il presidente della repubblica ha convocato una riunione alla quale hanno partecipato i rappresentanti delle forze politiche Libera patria, Partito democratico, ARF avente per oggetto il bilancio dello stato per l’esercizio 2020.

(10 dic 19) GIORNATA DELLA COSTITUZIONE – Celebrata in tutto il Paese la Giornata della Costituzione. Il 10 dicembre 1991 venne tenuto il referendum che confermò il diritto all’autodeterminazione del Nagorno Karabakh. Nello stesso giorno del 2006 un altro referendum convalidò il nuovo impianto costituzionale dello Stato. Il Presidente Sahakyan ha inviato un messaggio alla Nazione.

(8 dic 19) DELEGAZIONE GUATEMALTECA – Il presidente della Assemblea nazionale Ashot Gulyan ha ricevuto oggi  il vice presidente del parlamento del Guatemala Felipe Alejos Lorenzana e il segretario del Congresso Juan Ramón Lau.

(7 dic 19) COMMEMORATE VITTIME TERREMOTO – In occasione del 31° anniversario del terremoto di Spitak, cerimonie laiche e religiose si sono svolte anche al memoriale di Stepanakert.

(7 dic 19) VIOLAZIONI AZERE – Nel corso dell’ultima settimana sono state registrate circa 130 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa mille colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene.

(6 dic 19) SITUAZIONE SULLA LINEA DI CONTATTO – «La situazione in prima linea è relativamente calma. Il numero di sparatorie della scorsa settimana è stato nei suoi limiti; né in diminuzione né in aumento. Nessun altro incidente insolito è stato registrato se non contiamo l’incidente della scorsa settimana in cui un soldato è morto e un altro è rimasto ferito nella regione nord-orientale della Repubblica Artsakh, alla quale le forze armate della Repubblica Artsakh hanno risposto molto duramente». Così ha dichiarato Gabriel Balayan, vice ministro della Difesa dell’Armenia. Sulla base di tale dichiarazione si conferma che la morte del ventenne Arthur Ajamyan e il ferimento del ventunenne Dabbit Melikbekyan in data 2 dicembre sono conseguenza di colpi sparati dalle postazioni azere.

(5 dic 19) COMUNICATO STAMPA GRUPPO DI MINSK – «In occasione della riunione del Consiglio dei ministri dell’OSCE a Bratislava, noi capi della delegazione dei Paesi copresidenti del Gruppo Minsk dell’OSCE (Ministro degli Affari esteri della Federazione Russa Sergei Lavrov, Segretario di Stato presso il Ministro degli affari europei e esteri della Francia Jean-Baptiste Lemoyne e il vice segretario di Stato ad interim per gli Affari europei ed eurasiatici Phil Reeker) rimaniamo fortemente impegnati a mediare una soluzione pacifica del conflitto nel Nagorno-Karabakh. I copresidenti capi delegazione prendono atto in modo positivo del livello relativamente basso di violenza lungo la linea di contatto e il confine internazionale e riconoscono le parti per l’utilizzo completo dei collegamenti di comunicazione diretta tra loro per ridurre il rischio di escalation, come i ministri degli Esteri concordarono durante le consultazioni a Washington a giugno. Accogliamo con favore i passi concreti intrapresi nell’ultimo anno per ridurre le tensioni e preparare le popolazioni alla pace, come hanno chiesto i Paesi dei copresidenti nella dichiarazione di Milano nel dicembre 2018 e come i ministri hanno convenuto di fare a Parigi nel gennaio 2019. Lodiamo gli sforzi attuare le misure umanitarie discusse dai leader durante il loro incontro a Vienna in marzo ed elaborate dai ministri degli Esteri a Mosca in aprile, in particolare lo scambio di giornalisti recentemente concluso e il rilascio simultaneo di prigionieri il 28 giugno. Notando che tali sforzi svolgono un ruolo importante nel favorire un’atmosfera favorevole a negoziati sostanziali per raggiungere una soluzione pacifica, i tre capi delegazione chiedono ulteriori misure umanitarie e di sicurezza concrete. I copresidenti capi delegazione esortano le parti a prendere immediatamente provvedimenti concreti per attuare accordi precedenti sulle misure umanitarie e di sicurezza. Tenendo presente la terribile sofferenza umana dei defunti, chiediamo alle parti di raddoppiare gli sforzi per aiutare il Comitato internazionale per la Croce rossa a scambiare dati sulle persone scomparse, come i due leader si sono impegnati a fare durante il vertice di Parigi dell’ottobre 2014. Riconoscendo il contributo essenziale del Rappresentante personale del Presidente in carica (PRCIO) nel mantenimento del cessate il fuoco, notiamo la necessità di riprendere le discussioni sull’espansione della missione di monitoraggio del PRCIO, che le parti hanno concordato nel 2016 di fare. Accogliamo con favore l’intenzione dei ministri degli Affari esteri dell’Azerbaigian e dell’Armenia di incontrarsi nuovamente all’inizio del 2020 sotto l’egida dei copresidenti per intensificare i negoziati sulle questioni fondamentali di una soluzione pacifica e facilitare ulteriori colloqui al più alto livello. I copresidenti capi delegazione ribadiscono che una soluzione equa e duratura deve basarsi, in particolare, sui principi dell’Atto finale di Helsinki di non utilizzo della forza o minaccia di forza, integrità territoriale e pari diritti e determinazione dei popoli, ricordando la dichiarazione congiunta dei Capi delegazione dei Paesi copresidenti  e dei ministri degli Esteri azero e armeno al Consiglio dei ministri dell’OSCE tenutosi ad Atene nel 2009, che è stata successivamente approvata dal Consiglio dei ministri dell’OSCE. Dovrebbe inoltre comprendere ulteriori elementi proposti dai presidenti dei copresidenti tra il 2009 e il 2012. I copresidenti capi delegazione sottolineano ancora una volta che lo status quo è inaccettabile e che non può esserci una soluzione militare al conflitto. Chiediamo pertanto alle parti di impegnarsi in buona fede in trattative sostanziali senza ritardi o condizioni artificiali. I copresidenti capi delegazione esprimono la convinzione che il formato del Gruppo Minsk dell’OSCE rimanga il punto focale indispensabile per gli sforzi volti a raggiungere una soluzione sostenibile. Chiediamo alle parti di cooperare tra loro e con i copresidenti del gruppo di Minsk, ai quali incaricheremo di proseguire i loro sforzi di mediazione».

(5 dic 19) DISCUSSIONE BILANCIO STATO – L’Assemblea nazionale ha terminato la discussione preliminare sul bilancio dello Stato per l’esercizio finanziario 2020.

(5 dic 19) MAMMADYAROV SU COLLOQUIO CON COLLEGA – «Il primo passo per risolvere il conflitto nel Karabakh dovrebbe essere l’eliminazione delle sue principali conseguenze» ha affermato il ministro degli Esteri azero Elmar Mammadyarov, parlando del suo incontro, durato circa tre ore e mezza, con il ministro degli esteri armeno Zohrab Mnatsakanyan. L’azero ha dichiarato che sono state trattative piuttosto difficili aggiungendo che ci sono problemi irrisolti. Hanno discusso con il Gruppo di Minsk dell’OSCE un approccio graduale alla risoluzione del conflitto e, secondo Mammadyarov, il primo passo dovrebbe essere l’eliminazione delle principali conseguenze del conflitto, ovvero garantire il ritiro immediato, assoluto e incondizionato degli armati armeni forze della regione del Karabakh e altri territori occupati dell’Azerbaigian, come riportato in quattro risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU.

(4 dic 19) VERTICE OSCE (2) – In previsione del Consiglio dei ministri del’Osce l’Azerbaigian ha diffuso un documento alle delegazioni dei Paesi partecipanti nel quale riassume la posizione azera sul conflitto. In sostanza si richiede il ritiro di tutte le forze armene, il rientro della popolazione azera nei territori e l’avvio di un processo per definire uno status di autogoverno della regione che consenta la coesistenza pacifica tra armeni e azeri in seno alla repubblica dell’Azerbaigian. Il documento non ha sorpreso la diplomazia armena dal momento che si tratta di una posizione da sempre sostenuta da Baku e chiaramente irricevibile dalla parte armena.

(4 dic 19) VERTICE OSCE (1) – Singolarmente i ministri degli Esteri di Armenia (Mnatsakanyan) e Azerbaigian (Mammadyarov) hanno incontrato i co-presidenti del Gruppo di Minsk. 

(4 dic 19) MONITORAGGIO OSCE – Una missione di osservazione lungo la linea di contatto all’altezza di Hadrout è stata portata a termine oggi da funzionari dell’Osce. Il monitoraggio è stato portato a termine come concordato, nessuna violazione registrata.

(3 dic 19) INCONTRO MINISTRI ARMENIA-ARTSAKH – I ministri degli Esteri di Armenia (Mnatsakanyan) e Artsakh (Mayilyan) si sono incontrati oggi a Yerevan per uno scambio di vedute in previsione dei colloqui di Bratislava. In seguito entrambi hanno avuto un incontro con il premier Pashinyan.

(2 dic 19) INCONTRO MINISTERO DEGLI ESTERI – E’ stato confermato ufficialmente il prossimo incontro tra i ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian. Il meeting avverrà il prossimo 4 dicembre a Bratislava dove dal giorno seguente si riunirà il consiglio dell’Osce.

(2 dic 19) UN MORTO E UN FERITO – Il soldato Arthur Ajamyan (21 anni, originario del villaggio di Artashar  in Armenia) è rimasto ucciso per un colpo di arma da fuoco mentre Dabbit Melikbekyan  (20 anni) è rimasto ferito in circostanze non ancora chiarite e per le quali il Ministero della Difesa ha aperto un’indagine. Il fatto è accaduto in un avamposto difensivo lungo la linea di contatto nel settore nord orientale.

(1 dic 19) INCONTRO SAHAKYAN E PASHINYAN – Il presidente della repubblica Bako Sahakyan ha incontrato oggi a Stepanakert il Primo Ministro dell’Armenia Nikol Pashinyan.

(1 dic 19) INCONTRO CON CANDIDATI PRESIDENZIALI – Sahakyan e Pashinyan hanno incontrato oggi i candidati alle prossime elezioni presidenziali del 2020: l’attuale presidente dell’Assemblea nazionale Ashot Goulyan, l’attuale ministro degli Esteri Masis Mayilyan, il leader del partito ‘Libera Patria’ Arayik Harutyunyan e il deputato David Ishkhanyan del partito ARF.

Novembre 2019

(29 nov 19) GRAVE SOLDATO FERITO DA AZERI – Sono serie le condizioni di Rafael Azizyan (22 anni), raggiunto da un colpo di un cecchino azero mentre si trovava in una postazione lungo la linea di contatto nel settore nord orientale. La grave violazione è avvenuta introno alle ore 15 locali

(27 nov 19) CONVERSAZIONE SAHAKYAN CON ARAM I – Il presidente della repubblica Bako Sahakyan ha avuto oggi una conversazione telefonica con S.S. Aram I, Catholikos degli Armeni di Cilicia.

(27 nov 19) SAHAKYAN VISITA UNITA’ DIFESA – Il presidente della repubblica Bako Sahakyan ha visitato alcune unità difensive collocate nella parte centrale e orientale dello Stato.

(26 nov 19) MIN. DIFESA ARMENIA NON COMMENTA – Il portavoce del ministero della Difesa dell’Armenia, Artsrun Hovhannisyan , non commenta le notizie riguardo il tentativo di incursione azera. «Le notizie sul sabotaggio non corrispondono alla realtà. questo è tutto» ha dichiarato Hovhannisyan che non nega e non conferma la vicenda.

(26 nov 19) RESPINTO TENTATIVO DI INCURSIONE AZERA – Nella notte, in direzione Martakert, 34 soldati azeri divisi in due gruppi hanno tentato di penetrare in territorio armeno. L’Esercito di difesa dell’Artsakh ha respinto l’incursione nemica. Un soldato azero avrebbe riportato gravi ferite e sarebbe stato trascinato via dai suoi compagni.

(25 nov 19) CONFERMATA VISITA GIORNALISTI AZERI – Il ministero degli Esteri conferma che tre giornalisti azeri hanno visitato l’Artsakh recandosi oltre che a Stepanakert a Shushi e al monastero di Gandzasar. Nel corso del loro tour i giornalisti hanno visitato alcuni musei e alcune aziende.

(23 nov 19) SCAMBIO DI GIORNALISTI ARMENI E AZERI – Il ministero degli Esteri dell’Armenia ha confermato che tra il 17 e il 21 novembre giornalisti azeri hanno visitato l’Armenia e l’Artsakh e colleghi armeni si sono recati in Azerbaigian. L’iniziativa è stata promossa dall’Osce.

(23 nov 19) VIOLAZIONI AZERE – Nel corso dell’ultima settimana sono state registrate 140 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 1300 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. La situazione si mantiene relativamente calma.

(22 nov 19) BILANCIO IN PARLAMENTO – L’Assemblea nazionale della Repubblica di Artsakh ha discusso nella seduta odierna il disegno di legge sul bilancio statale del 2020. Presentando il documento, il ministro delle finanze Artur Harutyunyan ha osservato che la politica di bilancio del 2020 sarà volta a stimolare la crescita economica e il graduale aumento del potenziale di crescita economica in Artsakh. Ma in primo luogo, il Ministro ha osservato che gli indicatori macroeconomici per il 2019 consentono quest’anno di prevedere un tasso di crescita economica più elevato rispetto a quanto previsto dal progetto di bilancio statale per il 2019. Per il 2020 è previsto un aumento del PIL pari all’8%.

(22 nov 19) MEMORANDUM ARTSAKH ALL’ONU – E’ stato diffuso alle Nazioni Unite un memorandum curato dal ministero degli esteri dell’Artsakh relativo alla detenzione di Shahbaz Guliyev e Dilham Askerov, i due criminali azeri condannati per essersi infiltrati nel territorio armeno e aver ucciso civili e soldati. Il memorandum è una risposta alle iniziative azere presso organizzazioni internazionali.

(21 nov 19) PASHINYAN A MILANO SU ARTSAKH – Nel corso di una conferenza tenuta nella sede dell’ISPI (Istituto studi politici internazionali) a Milano il premier dell’Armenia in visita istituzionale in Italia ha parlato anche del Nagorno Karabakh. «Chiunque sia interessato al conflitto del Nagorno Karabakh dovrebbe conoscere le origini del conflitto. Questo conflitto non è una disputa territoriale, in quanto alcuni hanno cercato di presentarlo in modo semplificato. Riguarda il diritto all’ autodeterminazione, i diritti umani e la sicurezza fisica delle persone che vivono lì» ha detto il Presidente del Consiglio.

(21 nov 19) DECRETO LEVA 2020 – Il presidente ha firmato il decreto per la smobilitazione leva 2019 e mobilitazione leva 2020.

(19 nov 19) AVVIATI CONTATTI CON IL SOMALILAND – La repubblica di Artsakh ha avviato contatti con esponenti politici del Somaliland, Stato indipendente dell’Africa orientale anche esso privo di riconoscimento diplomatico. Lo ha riferito in un post su FB il consigliere presidenziale e Capo ufficio informazione Davit Babayan.

(18 nov 19) INCIDENTE STRADALE A STEPANAKERT – Intorno alle ore 22,30 un automobilista residente ad Askeran ha investito un passante a Stepanakert. L’uomo di 56 anni a causa delle ferite riportate è spirato in ospedale.

(18 nov 19) FERITO MILITARE DA MINA – Il milite Abraham Sadyan è stato ferito dall’esplosione di una mina. Ne ha dato notizia il ministero della Difesa che non ha specificato la dinamica dell’incidente. L’uomo è stato sottoposto a intervento chirurgico con parziale amputazione di una gamba.

(16 nov 19) VIOLAZIONI AZERE – Nel corso dell’ultima settimana sono state registrate 210 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 2300 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene.

(15 nov 19) SAHAKYAN A VANK – il presidente della Repubblica Artsakh Bako Sahakyan ha presenziato alla cerimonia di apertura della sala di lettura delle biblioteche del Centro scientifico-culturale “Matenadaran-Gandzasar” nel villaggio di Vank nella regione di Martakert.

(14 nov 19) CONSIGLIO DEI MINISTRI – Il presidente Sahakyan ha presieduto oggi la sessione del Consiglio dei ministri che tra l’altro ha approvato il bilancio preventivo di Stato per l’esercizio 2020,

(13 nov 19) MONITORAGGIO OSCE – Una missione di osservazione è stata portata a termine oggi da funzionari dell’Osce lungo la linea di contatto all’altezza del villaggio di Talish nel nord est dell’Artsakh. Nessuna violazione è stata registrata.

(13 nov 19) PASHINYAN SULL’ARTSAKH – Le percezioni di Artsakh e Armenia sulla risoluzione della questione Artsakh sono identiche: al cento per cento. Questo non è mai stato un problema. Lo ha detto il Primo ministro armeno Nikol Pashinyan in una riunione del 12 novembre con i capi delle strutture franco-armene a Parigi. Per Pashinyan si sta formando una nuova narrazione nella questione Karabakh, che è molto direttamente correlata ai contenuti reali della questione Karabakh. I copresidenti del Gruppo Minsk dell’OSCE stanno già comprendendo e accettando più profondamente la posizione dell’Armenia sulla soluzione del conflitto nel Karabakh. «Ora la comunità internazionale capisce e capisce quello che diciamo», ha aggiunto il premier armeno.

(11 nov 19) LAVROV SUL NAGORNO KARABAKH – «Nessun accordo può essere raggiunto senza il consenso della popolazione del Nagorno Karabakh» ha dichiarato il ministro degli Esteri della Russia, Sergey Lavrov , in visita in Armenia. Alla domanda sulla partecipazione del Karabakh ai colloqui, ha osservato che le parti devono determinare il formato dei colloqui. Ha ricordato che il Karabakh era un partecipante ai colloqui in una fase iniziale quando le ostilità erano appena finite, tuttavia, uno dei precedenti presidenti armeni decise che sarebbe stata Yerevan a rappresentare gli interessi del Karabakh. Ha aggiunto che durante l’incontro di oggi il Primo Ministro armeno ha ribadito la sua dichiarazione pubblica, vale a dire che l’accordo finale deve essere preso in considerazione con gli interessi del popolo dell’Armenia, del Karabakh e dell’Azerbaigian. I principi di integrità territoriale, il diritto dei popoli all’autodeterminazione e la soluzione pacifica sono previsti in tutte le opzioni in discussione tra le parti. L’accordo finale deve tener conto di tutti i principi, il resto è oggetto di trattative. «I compromessi sono l’arte della diplomazia. In qualità di co-presidenti [del Gruppo di Minsk dell’Osce, NdR], cerchiamo di garantire che i compromessi riflettano il reale equilibrio di interessi» ha aggiunto Lavrov.

(9 nov 19) SAHAKYAN IN BELGIO – Il presidente prosegue la sua visita in Belgio dove ha incontrato deputati del gruppo della francofonia belga e il Catholicos degli Armeni di Cilicia Aram I. Nella serata di ieri ha partecipato a un evento di gala organizzato da ANCA.

(9 nov 19) PASHINYAN IN ARTSAKH – Il Primo ministro dell’Armenia è giunto in Artsakh per un visita privata. Parteciperà nella cattedrale di Shushi alla cerimonia per il matrimonio di Armen Grigoryan, segretario del Consiglio di sicurezza nazionale dell’Armenia.

(8 nov 19) PROSEGUE VISITA IN BELGIO – Il presidente Sahakyan ha incontrato oggi alcuni deputati del Parlamento fiammingo

(7 nov 19) SAHAKYAN IN BELGIO – Il presidente della repubblica, Bako Sahakyan, è in Belgio per una visita di lavoro nel corso della quale incontrerà esponenti politici e rappresentanti della comunità armena.

(5 nov 19) OMBUDSMAN ARTSAKH IN AUSTRIA – Artak Baglaryan, il Difensore dei diritti umani dell’Artsakh, ha partecipato a un incontro presso l’European Ombudsman Institute di Innsbruk dedicato al ruolo dei Difensori per il rafforzamento della democrazia e della società civile.

(5 nov 19) MUORE SOLDATO IN POSTAZIONE – Il diciannovenne Eric Harutyunyan è deceduto in conseguenza di un colpo di arma da fuoco. Non sono chiare le modalità dell’accaduto ed è stata avviata un’indagine da parte dell’Esercito.

(2 nov 19) MESSAGGIO DI SAHAKYAN A KAREKIN II – Il presidente della repubblica ha inviato un messaggio di congratulazioni a S.S. Karekin II in occasione del ventesimo anniversario della sua intronizzazione: «A nome del popolo Artsakh, delle autorità e mio personale Le rivolgo le mie più sentite congratulazioni in occasione del 20° anniversario della Sua intronizzazione. Svolge una missione patriottica volta a servire disinteressatamente i nativi, rendendo la Chiesa Madre più prospera e potente, rafforzando la fede cristiana. Durante tutti questi anni abbiamo sempre sentito il Suo premuroso e speciale atteggiamento nei confronti dell’Artsakh, la Sua assistenza e supporto nel risolvere i suoi problemi, per i quali Le siamo grati. Ancora una volta mi congratulo con Lei, Santità, per questo memorabile giubileo e auguro pace, salute robusta e longevità. Possa Dio proteggere Lei e la Sede Madre della Santa Etchmiadzin per il benessere e la prosperità della nostra Patria

(1 nov 19) MNATSAKANYAN SUI NEGOZIATI – Il ministro degli Affari esteri dell’Armenia, Zohrab Mnatsakanyan, nel corso di una conferenza stampa ha dichiarato che «stiamo lavorando in modo mirato nel processo negoziale. Non abbiamo mai rallentato o protratto il processo, l’ultima riunione ha avuto luogo a settembre, la prossima riunione a livello ministeriale avrà luogo molto presto. Non stiamo pianificando un incontro a livello di leader dei paesi in questo momento, ma tutto può succedere in qualsiasi momento. Non vediamo alcun punto morto nei negoziati, continuiamo a lavorare».

(1 nov 19) VICE SINDACO STEPANAKERT – Il sindaco di Stepanakert, Davit Sargsyan, ha nominato Samvel Ghulyan vice sindaco. Ghulyan negli ultimi dieci anni è stato responsabile del dipartimento Urbanistica della capitale.

Ottobre 2019

(30 ott 19) GIORNATA DELLA PROTEZIONE CIVILE – Celebrata nel Paese la Giornata della protezione civile. Il presidente della repubblica si è recato al quartier generale del ministero delle situazioni di emergenza dove è stato organizzato un evento celebrativo.

(29 ott 19) PROTESTE AZERE CON LA FRANCIA – L’Azerbaigian ha elevato una protesta ufficiale con la Francia a seguito della visita in Artsakh di una delegazione politica francese guidata da Laurent Wauquiez, Presidente del Consiglio della Regione Auvergne-Rhône-Alpes.

(28 ott 19) PRESIDENTE IN VISITA A KHERKHAN – Il presidente della repubblica Sahakyan si è recato oggi a Kherkhan (regione di Martuni) dove ha incontrato le autorità locali e la popolazione.

(28 ott 19) DELEGAZIONE ARTSAKH IN USA – Una delegazione guidata dal ministro degli Esteri Mayilyan è arrivata negli Stati Uniti dove sono in programma numerosi incontri con politici locali e membri della comunità armena.

(26 ott 19) VIOLAZIONI AZERE – Il ministero della Difesa dell’Artsakh informa che nel corso dell’ultima settimana sono state registrate circa 170 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 1500 colpi sparati contro le postazioni armene.

(26 ott 19) PRESIDENTE IN VISITA A VANK – Il presidente della repubblica Sahakyan si è recato oggi a Vank (Martakert) dove ha visitato la locale fabbrica di lavorazione del miele.

(24 ott 19) DELEGAZIONE FRANCESE – Una delegazione francese guidata da Laurent Wauquiez, Presidente del Consiglio della Regione Auvergne-Rhône-Alpes è da ieri in Artsakh dove sono in programma incontri con le autorità locali. Wauquiez in una dichiarazione alla stampa ha tra l’altro affermato che «noi non possiamo rimanere indifferenti al fatto che il popolo dell’Artsakh è sotto costante minaccia».

(24 ott 19) INCONTRO MINISTRI ESTERI – Preannunciato un futuro incontro tra i ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian a Bratislavia (Slovacchia). Ne ha dato notizia il ministro degli Affari esteri slovacco ma non è stata ancora indicata la data esatta dell’incontro.

(23 ott 19) NUOVO MONITORAGGIO OSCE – Un’altra missione di osservazione è stata portata a termine oggi lungo la linea di contatto all’altezza dell’insediamento di Berdashen (Martuni)

(22 ott 19) MONITORAGGIO OSCE – Delegazioni dell’Osce hanno portato a termine questa mattina una missione di osservazione lungo la linea di contatto a sud est di Akna (Aghdam). Non sono state registrate violazioni del regime di cessate-il-fuoco.

(19 ott 19) FESTA DELLA MELAGRANA – Il presidente della repubblica ha visitato oggi gli stand dell’annuale edizione della “Festa della melagrana” che si tiene a Martuni.

(19 ott 19) INCONTRO TRA SINDACI – I Primi cittadini di Yerevan ( Hayk Marutyan) e Stepanakert (David Sargsyan) si sono incontrati oggi nella capitale dell’Armenia. Per Sargsyan, eletto a settembre sindaco della capitale dell’Artsakh, si tratta del primo incontro con il collega armeno. Al centro della discussione i progetti di collaborazione tra le due amministrazioni.

(17 ott 19) COMUNICATO STAMPA GRUPPO DI MINSK DELL’OSCE – «I co-presidenti del gruppo OSCE di Minsk (Igor Popov della Federazione Russa, Stéphane Visconti di Francia e Andrew Schofer degli Stati Uniti d’America), insieme al rappresentante personale del Presidente in esercizio dell’OSCE Andrzej Kasprzyk, hanno visitato la regione dal 14 al 17 ottobre. I co-presidenti hanno incontrato il primo ministro Nikol Pashinyan a Yerevan il 15 ottobre e il presidente Ilham Aliyev a Baku il 17 ottobre e si sono consultati con i rispettivi ministri degli Esteri e ministri della Difesa in entrambe le capitali. Durante la loro visita, i co-presidenti hanno anche incontrato le autorità di fatto nel Nagorno Karabakh. A Baku, i co-presidenti hanno incontrato il presidente della comunità azera del Nagorno Karabakh. Mentre nel Nagorno Karabakh, i mediatori sono stati informati sulle questioni umanitarie dal rappresentante locale del Comitato Internazionale della Croce Rossa. I due leader hanno informato i co-presidenti della loro recente conversazione durante il vertice della CSI ad Ashgabat e hanno presentato le loro idee su come portare avanti il ​​processo di risoluzione. I co-presidenti hanno accolto con favore la prospettiva di attuare misure umanitarie e di sicurezza specifiche per preparare le popolazioni alla pace e ridurre le tensioni. I co-presidenti sottolineano ancora una volta l’importanza critica del monitoraggio delle missioni guidate dal Consiglio permanente dell’Osce, conformemente al suo mandato e alla sua pratica di lunga data. I co-presidenti hanno invitato le parti a continuare a sostenere pienamente le attività del Consiglio permanente dell’Osce e del suo team e ad assicurare che qualsiasi ostacolo potenzialmente interferente con le missioni di monitoraggio venga rimosso immediatamente. I ministri degli affari esteri hanno confermato l’intenzione di incontrarsi nuovamente sotto gli auspici dei co-presidenti entro la fine dell’anno. I co-presidenti viaggeranno presto a Vienna per informare il Consiglio permanente dell’OSCE e i membri del gruppo di Minsk.»

(16 ott 19) GRUPPO DI MINSK – I co-presidenti del Gruppo di Minsk dell’Osce (Igor Popov (Federazione Russa), Stephane Visconti (Francia) e Andrew Schofer (USA) ) sono in Artsakh. Oggi a Stepanakert hanno avuto un incontro con il presidente della repubblica Sahakyan il quale ha sottolineato la necessità che la repubblica di Artsakh faccia parte del tavolo delle trattative.

(15 ott 19) SAHAKYAN IN ARMENIA – Il presidente della repubblica Bako Sahakyan è in Armenia. Nella giornata odierna ha incontrato il Primo ministro Nikol Pashinyan.

(14 ott 19) RESTAURO MOSCHEA SHUSHI – Una solenne cerimonia ha sancito la conclusione dell’intervento di restauro della moschea superiore di Shushi. I lavori furono avviati nel 2014 per iniziativa del governo statale con il contributo di organizzazioni private. All’evento hanno partecipato tra gli altri il presidente Sahakyan e l’arcivescovo Martirosyan.

(13 ott 19) CENTRO FRANCOFONIA – L’inaugurazione di un centro per la francofonia è stato oggetto oggi a Stepanakert di un memorandum di intesa siglato dal ministro dell’Educazione e da una delegazione del circolo di amicizia Francia-Artsakh.

(11 ott 19) DELEGAZIONE ESTERE – Il presidente della repubblica ha ricevuto oggi una delegazione di parlamentari e politici provenienti dal Belgio, da Cipro e dalla repubblica ceca.

(11 ott 19) CONFERENZA INTERNAZIONALE AL VIA – Prende avvio oggi a Stepanakert una conferenza internazionale dal titolo “Cooperazione per la giustizia e la pace”. Presenti 150 delegati provenienti da trenta diverse nazioni. Le massime autorità dello Stato hanno indirizzato ai partecipanti un messaggio di benvenuto.

(8 ott 19) NUOVO PM AZERO – Ali Asadov, già consigliere economico del presidente Aliyev, è il nuovo Primo ministro dell’Azerbaigian. Il parlamento lo ha votato oggi all’unanimità.

(8 ott 19) MAYILIAN ANNUNCIA CANDIDATURA – Il Ministro degli Affari esteri, Masis Mayilian, ha annunciato oggi su FB la sua intenzione di partecipare alle prossime elezioni presidenziali del 2020.

(8 ott 19) DEPUTATE USA IN ARTSAKH – Le deputate del Congresso USA Jackie Speier e Judy Chu sono in Artsakh dove nella giornata doierna hanno incontrato il presidente della repubblica e il ministro degli Affari esteri.

(7 ott 19) SAHAKYAN INCONTRA ARMENI D’AMERICA – Il presidente della repubblica Sahakyan ha incontrato oggi Bryan Ardouny, direttore esecutivo di Armenian Assembly of America (AAA) accompagnato da una delegazione dell’associazione con la quale ha discusso dei futuri porgetti regionali.

(5 ott 19) VIOLAZIONI AZERE – Nel corso dell’ultima settimana sono state segnalate un centinaio di violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 800 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene.

(4 ott 19) GIORNATA DEGLI INSEGNANTI – Una cerimonia di premiazione si è svolta oggi al palazzo presidenziale in occasione della Giornata degli insegnanti.

(3 ott 19) UCCISO SOLDATO DELL’ARMENIA – Un soldato dell’esercito dell’Armenia, Mushegh Zhirairovich, è stato mortalmente colpito alla testa da fuoco azero mentre si trovava in una postazione lungo la linea di confine tra Armenia e Azerbaigian. Il tratto di frontiera, all’altezza della regione di Tavush, è da alcuni giorni teatro di un aumento di tensione fra le parti.

(3 ott 19) CONSIGLIO DELL’ACQUA – Si è tenuta oggi la prima riunione del Consiglio nazionale dell’acqua, un organismo di recente costituzione che ha lo scopo di coordinare gli interventi nella gestione dell’acqua pubblica. I lavori sono stati presieduti dal Ministro di Stato Grigory Martirosyan. Aleksandr Gasparyan, vice ministro dell’Ambiente, è stato eletto Segretario generale. Buona parte dei lavori ha riguardato lo scambio di informazioni sulle centrali elettriche esistenti e sui processi decisionali per quelle in progetto.

(2 ott 19) FERITO SOLDATO DELL’ARMENIA – Cresce la tensione lungo il confine tra Armenia (altezza regione di Tavush) e Azerbaigian. Un soldato armeno è stato ferito da fuoco azero. nei giorni scorsi, colpi di arma da fuoco sono stati sparati dal territorio dell’Azerbaigian verso automobilisti armeni che percorrevano la strada che è ubicata non lontano dal confine.

(2 ott 19) LAVROV SU SITUAZIONE – Il ministro degli Esteri della Russia, Sergey Lavrov, ha commentato la situazione lungo la linea di contatto dichiarando che il periodo è molto più calmo rispetto a un anno fa e non ci sono incidenti. Così ha commentato in risposta a chi paventava il rischio di un acuirsi della tensione fra le parti.

(1 ott 19) FRANK PALLONE IN ARTSAKH – Il deputato statunitense Frank Pallone, vice presidente del Caucus armeno, è arrivato oggi in Artsakh accompagnato dal rappresentante della repubblica negli Stati Uniti Robert Avetisyan. Nei giorni scorsi, unitamente ad altri colleghi del Congresso USA, aveva chiesto al governo di bloccare gli aiuti militari all’Azerbaigian.

(1 ott 19) ONORIFICENZE A MILITARI – Il presidente della repubblica ha conferito l’onorificenza “Per servizio, in battaglia” a due soldati, Armen Babayan ed Emil Nersisyan, che si sono distinti nella difesa del confine durante il tentativo di penetrazione azera di alcuni giorni or sono. analoga onorificenza è stata conferita a Parouyr Amirkhanyan e Rafik Ordoyan che hanno abbattuto la scorsa settimana il drone azero in sorvolo sopra Akna.

Settembre 2019

(30 set 19) OMBUDSMAN ARTSAKH ALLA PACE – Artak Beglaryan, difensore dei diritti umani in Artsakh, ha pronunciato un discorso nel corso di un evento organizzato a margine dei lavori dell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa (PACE). è la prima volta che un rappresentante istituzionale della repubblica di Artsakh interviene ufficialmente.

(29 set 19) MAMMADYAROV, NESSUN PROGRESSO – Il ministro degli Esteri dell’Azerbaigian, Mammadyarov, ha dichiarato in un suo intervento alle Nazioni Unite che nessun progresso è stato fatto negli ultimi due anni nella trattativa per la risoluzione del conflitto e ha accusato l’Armenia di mancanza di interesse a un accordo pacifico.

(28 set 19) MUORE GIOVANE SOLDATO – Il ministero della Difesa rende noto che il ventenne Arman Levonyan è deceduto questa mattina, intorno alle 6,50 (ora locale) a seguito di un colpo di arma da fuoco che lo ha raggiunto mente si trovava nella sua postazione lungo la linea di contatto nel settore settentrionale. Il giovane era originario del villaggio di Ohanavan nella provincia dell’Armenia di Aragatsotn. Un’indagine è stata avviata sul caso.

(27 set 19) DELEGAZIONE CIPRIOTA – Un a delegazione proveniente dalla municipalità di Strovolos (distretto di Nicosia, 70.000 abitanti) è in visita in Artsakh dove ha in programma incontri con le autorità locali. oggi è stata ricevuta dal presidente Sahakyan.

(27 set 19) SAHAKYAN VISITA REGIONE DI HADRUT – Il presiedente della repubblica si è recato oggi in visita nella regione di Hadrut dove tra l’altro ha presenziato alla cerimonia di inaugurazione del reparto maternità del locale distretto ospedaliero e di un nuovo centro zootecnico realizzato nei pressi del villaggio di Mets Tagher.

(25 set 19) ABBATTUTO DRONE AZERO – Un velivolo azero senza pilota a bordo (UAV) è stato abbattuto questa mattina, verso le ore 10,15 locali mentre sorvolava la zona di Akna (Aghdam). Si tratta di un modello Orbiter 2 utilizzato dalle forze azere per ricognizione aerea.

(24 set 19) ESERCITAZIONI ESERCITO – Il ministero della Difesa dell’Artsakh comunica che a partire da oggi hanno preso il via esercitazioni militari. Da notare che importanti esercitazioni sono in corso anche in Armenia.

(24 set 19) RIMOSSO CORPO SOLDATO CADUTO – Il corpo del soldato azero rimasto ucciso in un tentativo di incursione è stato prelevato oggi dai suoi commilitoni e riportato nel territorio dell’Azerbaigian. Il soldato era stato colpito mentre si trovava nella terra di nessuno tra le due linee e assieme ad altri soldati stava cercando di penetrare in territorio armeno. Le operazioni di recupero sono state possibili con la mediazione della Croce Rossa Internazionale.

(23 set 19) INCONTRO MINISTRI DEGLI ESTERI – I ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian si sono incontrati oggi a New York a margine dei lavori della 74^ sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Erano presenti i co-presidenti del gruppo di Minsk dell’Osce.

(23 set 19) INFO SUL SOLDATO AZERO – Secondo Tigran Abrahamyan, consigliere del presidente della repubblica, il soldato azero caduto faceva parte di una brigata speciale delle forze armate dell’Azerbaigian. Fonti del ministero della Difesa azera riferiscono che il soldato si trovava in territorio neutrale perchè “si era perduto”.

(23 set 19) AZERI AMMETTONO PERDITA – IL ministero della Difesa dell’Azerbaigian ha respinto le accuse armene circa un tentativo di penetrazione ma ha ammesso la perdita di un soldato, Ramin Abdulrahmanov. Questi si troverebbe in effetti nella terra di nessuno tra le opposte postazioni difensive al punto che gli azeri avrebbero chiesto l’intervento della Croce Rossa Internazionale per rimuovere il corpo. Nei suoi comunicati ufficiali Baku non ha fornito alcuna spiegazione riguardo la presenza del soldato in quella porzione di territorio neutrale.

(22 set 19) SVENTATO TENTATIVO DI INCURSIONE AZERA – L’Esercito di Difesa dell’Artsakh ha respinto un tentativo di penetrazione in territorio armeno di soldati azeri. Ne dà notizia il ministero della Difesa che indica in un punto non precisato del settore sud orientale il luogo di azione nemica. Il fatto, peraltro sembrerebbe documentato da telecamere di sorveglianza, è accaduto intorno alle 16,15 ora locale. Le forze azere sono state respinte indietro alle loro postazioni ma hanno lasciato in zona neutrale un caduto.

(21 set 19) INDIPENDENZA ARMENIA – Il presidente della repubblica Bako Sahakyan ha inviato un messaggio di felicitazioni al collega Armen Sarkissian in occasione del 28° anniversario dell’indipendenza della repubblica di Armenia. Un messaggio di felicitazioni è stato inviato anche al Primo ministro Nikol Pashinyan.

(20 set 19) DICHIARAZIONE DI AMICIZIA – Una dichiarazione di amicizia è stata firmata tra la regione francese dell’Isere e la regione di Hadrut. La cerimonia della firma è stata ospitata dal municipio di Grenoble con la firma di Kamo Petrosyan (presidente della regione di Hadrut) e del collega francese Jean-Pierre Barbier. Il protocollo d’intesa precede cooperazione nel campo culturale, educativo e sociale. Alla cerimonia ha presenziato il rappresentante ufficiale della repubblica di Artsakh in Francia, Hvohannes Gevorgyan.

(20 set 19) CONFERMATO INCONTRO MINISTRI – I ministri degli Affari esteri di Armenia e Azerbaigian si incontreranno il prossimo 23 settembre a New York a margine dei lavori della 74 sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. La data dell’incontro è stata ufficializzata oggi.

(18 set 19) MONITORAGGIO OSCE – Un’osservazione lungo la linea di contatto all’altezza della regione di Martuni (sezione sud orientale) è stata portata a termine oggi da funzionari Osce. Non sono state registrate violazioni del regime di cessate-il-fuoco.

(18 set 19) PIANO TRIENNALE ECONOMICO – Il governo ha approvato oggi il piano triennale di spesa (2020-22) che sarà prossimamente inviato all’Assemblea nazionale per le valutazioni del caso e la sua approvazione.

(17 set 19) RAPPORTO CIA SUL NAGORNO KARABAKH – L’ANCA (armeni del nord America) ha diffuso un rapporto declassificato della CIA sulla regione del Nagorno Karabakh negli anni Venti. Nel documento si legge tra l’altro che «la risoluzione degli anni Venti che subordinava il Nagorno Karabakh – IL CENTRO CULTURALE E RELIGIOSO DELL’ARMENIA – alla Repubblica dell’Azerbaigian è stato una fonte continua di frustrazione e preoccupazione armena, sebbene a lungo muta».

(14 set 19) FESTIVAL DEL MIELE – Prima edizione del festival del miele nella cittadina di Karvachar (regione di Shahumyan). Anche il presidente della repubblica ha visitato gli stand degli espositori.

(13 set 19) RIUNIONE DI BILANCIO – Il presidente della repubblica ha convocato una riunione incentrata sul programma di spesa per il triennio 2020-22.

(10 set 19) DELEGAZIONE FRANCESE – Una delegazione di parlamentari francesi è in Artsakh. Nel corso del soggiorno incontreranno le principali autorità della repubblica e parteciperanno a pubbliche cerimonie.

(9 set 19) NUOVO SINDACO DI STEPANAKERT – David Sargsyan, indipendente ma indicato dal partito “Identità e unità”, è il nuovo sindaco di Stepanakert. Secondo i primi dati provvisori ha ottenuto 7787 voti sui 21000 votanti (39000 aventi diritto).

(8 set 19) ELEZIONI, AGGIORNAMENTO – Alle 14 (locali) avevano votato 41.735 elettori di cui 11.596 a Stepanakert (29,7%). Nel resto del Paese la percentuale di votanti oscilla tra il 40 e il 55%.

(8 set 19) ELEZIONI AMMINISTRATIVE – Oggi si vota in tutta la repubblica per eleggere 228 sindaci (415 candidati) e i Consigli degli anziani.
Elezioni anche a Stepanakert per la carica di sindaco: cinque i candidati in lizza. Quattro sono indipendenti (David Sargsyan, Armen Hakobyan, Grigory Sahakyan, Areg Avakyan) e uno è stato indicato dal “Partito identità e unione” (Arayik Avanesyan).

(7 set 19) LINEA DI CONTATTO – Situazione relativamente calma sulla linea di contatto dove nell’ultima settimana il ministero della Difesa ha registrato 110 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 700 colpi sparati verso le postazioni armene.

(6 set 19) CONCLUSA CAMPAGNA ELETTORALE – Si conclude oggi la campagna elettorale per le elezioni amministrative in programma domenica 8 settembre e che riguarderanno, tra l’altro, la scelta del prossimo sindaco della capitale.

(2 set 19) MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA -Il presidente della repubblica Bako Sahakyan ha rivolto un messaggio alla Nazione in occasione dell’anniversario della dichiarazione di indipendenza. Nel testo si legge tra l’altro che «Il 2 settembre 1991, la nostra gente tradusse in realtà il suo sogno tanto amato; vale a dire, determinare il proprio futuro, vivere liberamente e indipendentemente nella propria terra d’origine, preservare e coltivare i valori e le tradizioni nazionali, conservare la propria fede e il proprio linguaggio. Il percorso che abbiamo seguito mano nella mano con le nostre sorelle e i nostri fratelli di Madre Armenia e della Diaspora, trionfando su tutte le sfide e le difficoltà, ottenendo vittorie clamorose, è stato davvero arduo; tuttavia, siamo stati onorati e privilegiati. Oggi eliminiamo tutti gli ostacoli lungo il percorso in cui ci siamo impegnati 28 anni fa, difendendo e facendo progredire la Repubblica di Artsakh, migliorando costantemente il nostro Stato indipendente e democratico, assicurando un terreno solido per il futuro sostenibile delle generazioni a venire».

(2 set 19) ANNIVERSARIO DICHIARAZIONE INDIPENDENZA – La repubblica di Artsakh festeggia oggi il 28° anniversario della dichiarazione di indipendenza. A tale atto, che segnò il destino politico della regione, seguì il 10 dicembre del 1991 il referendum popolare che confermò la decisione. cerimonie ufficiali si sono svolte in molte località dell’Artsakh.

(1 set 19) DIPLOMATICI IN VISITA – Un gruppo di ambasciatori e capi missione della repubblica di Armenia (nella cui capitale è in corso l’annuale forum della rete diplomatica) si è recato oggi in visita in alcune postazioni difensive lungo la linea di contatto nel settore settentrionale.

Agosto 2019

(31 ago 19) CERIMONIE ANNIVERSARIO INDIPENDENZA – In occasione del 28° anniversario della dichiarazione di indipendenza (2 settembre) numerose cerimonie di sono svolte in tutto il Paese. A Stepnakert si è tenuta una parata militare. Il ministro della Difesa dell’Armenia si è recato in visita nelle postazioni militari lungo la linea di contatto.

(30 ago 19) MINISTRO DIFESA ARMENIA – Il presidente della repubblica Bako Sahakyan ha ricevuto oggi il ministro della Difesa dell’Armenia Karen Abrahamyan

(30 ago 19) VISITA A SORPRESA OMBUDSMAN – L’Ombudsman dell’Artsakh, Artakh Beglaryan, ha compiuto oggi una visita a sorpresa nel dipartimento penitenziario e investigativo della Polizia di Stato al fine di verificare le condizioni di detenzione dei detenuti e il rispetto della legislazione in materia.

(27 ago 19) DELEGAZIONE TEDESCA – Una delegazione tedesca guidata dall’europarlamentare Martin Sonnerbon è in Artsakh dove ha incontrato il ministro degli Esteri e il presidente della repubblica.

(25 ago 19) ARTSAKH AIR FESTIVAL – L’aeroporto di Stepanakert ha ospitato la tradizionale rassegna. Centinaia di curiosi hanno invaso la pista dello scalo in una bella giornata di sole.

(24 ago 19) APPROVVIGIONAMENTO IDRICO – Il presidente della repubblica ha visitato oggi numerosi impianti di approvvigionamento idrico della capitale al fine di sincerarsi della situazione legata alla carente fornitura di acqua di questi ultimi giorni.

(24 ago 19) VIOLAZIONI AZERE – Il ministero della Difesa comunica che nel corso dell’ultima settimana sono state monitorate 130 violazioni azere del cessate-il-fuoco con circa 1500 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene.

(22 ago 19) FORNITURA ACQUA A STEPANAKERT – Il Capo dello Stato, Bako Sahakyan, ha convocato una riunione incentrata sui problemi al servizio idrico che affliggono da alcuni giorni alcune zone della capitale Stepanakert. Sahakyan ha definito la situazione ‘inaccettabile’ e ha dato disposizioni affinchè il problema sia rapidamente risolto.

(22 ago 19) LEGGERO TERREMOTO IN ARTSAKH – Una scossa sismica di 3,4 scala Richter è stata avvertita oggi in quasi tutto l’Artsakh nord occidentale. Epicentro a circa dieci chilometri di profondità; non si registrano danni.

(21 ago 19) MONITORAGGIO OSCE – Una missione di osservazione Osce lungo la linea di contatto si è svolta oggi nel settore settentrionale all’altezza del passo Omar. Non sono state registrate violazioni del regime di cessate-il-fuoco.

(20 ago 19) KASPRZYK IN ARTSAKH – L’ambasciatore Andrzej Kasprzyk è in Artsakh dove nella giornata odierna ha incontrato il presidente della Repubblica, il ministro degli Esteri e quello della Difesa. Domani l’Osce ha in programma un monitoraggio lungo la linea di contatto.

(19 ago 19) COLLOQUIO MAYILIAN CON CRI – Il ministro degli Esteri Masis Mayilian ha incontrato Pierre-Emmanuel Ducruet, responsabile ufficio armeno Croce Rossa Internazionale, in merito alla vicenda del soldato armeno Ghazaryan.

(17 ago 19) INIZIATA LA CAMPAGNA ELETTORALE – E’ ufficialmente iniziata oggi la campagna elettorale per le prossime elezioni amministrative che si terranno il giorno 8 settembre. Per la carica di sindaco di Stepanakert sono in lizza cinque candidati. Complessivamente le elezioni interesseranno 415 comunità in tutta la repubblica con 2573 posti da consigliere.

(16 ago 19) CRI SU SOLDATO ARMENO IN AZERBAIGIAN – L’ufficio armeno del Comitato della Croce Rossa Internazionale comunica che non è stato ancora visitato il soldato armeno Ghazaryan che si trova in Azerbaigian e che ha però ricevuto la visita dell’ombudsman azero.

(14 ago 19) ANCORA NON CHIARO IL CASO GHAZARYAN – Secondo le prime iniziali notizie, il giovane dopo un diverbio con i commilitoni avrebbe abbandonato la sua postazione in preda a una crisi di nervi e si sarebbe consegnato al nemico. Ma il ministero della Difesa dell’Armenia smentisce tale ricostruzione che considera frutto di propaganda azera e parla di una perdita di orientamento del giovane. Dal canto loro le autorità dell’Artsakh hanno interessato la Croce Rossa Internazionale perchè spinga l’Azerbaigian a riconsegnare Ghazaryan.

(13 ago 19) AUMENTA FATTURATO COSTRUZIONI – Il settore delle costruzioni ha fatto registrare nel primo semestre del 2019 un aumento del fatturato di oltre il 23% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

(12 ago 19) SOLDATO ARMENO IN MANI AZERE – Il ministero della Difesa dell’Artsakh comunica che oggi intorno a mezzogiorno un giovane soldato armeno, Arayik Ghazaryan, diciannove anni, ha lasciato la propria postazione difensiva lungo la linea di contatto nel settore sud orientale (zona Fizuli) ed è stato catturato dalle forze azere. Il ministero della Difesa dell’Armenia conferma la circostanza. Non è chiaro se il giovane si sia volontariamente diretto verso il territorio nemico né dove sia stato catturato dagli azeri. Media dell’Azerbaigian parlano di un ‘sabotatore’ e confermano che il cittadino armeno si trova nel territorio azero.

(11 ago 19) GIOCHI PAN ARMENI – Il presidente della repubblica ha incontrato oggi i volontari che collaborano allo svolgimento dei Giochi pan-armeni.

(10 ago 19) SAHAKYAN SU LINEA CONTATTO – Il presidente della repubblica, Bako Sahakyan, accompagnato dal ministro della Difesa Karen Abrahamyan, ha compiuto un sopralluogo lungo la linea di contatto del settore orientale. La situazione è relativamente calma: nell’ultima settimana sono state registrate 65 violazioni azere con circa 500 colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene.

(9 ago 19) ZAKHAROVA SU TRATTATIVE – La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha dichiarato che lo status finale del Nagorno Karabakh dovrebbe essere determinato dalle consultazioni tra Armenia e Azerbaigian. Oltre all’invito alle parti per un approccio esclusivamente negoziale, la dichiarazione sembra escludere la possibilità che a breve rappresentanti dell’Artsakh possano sedere al tavolo delle trattative.

(8 ago 19) TARIFFE TELEFONICHE – Il premier dell’Armenia, Pashinyan, ha annunciato che le tariffe di roaming telefonico e dati con il Karabakh saranno progressivamente ridotte dal primo gennaio 2020. L’obiettivo è avere un sistema tariffario con prezzo unico fra Armenia e Artsakh.

(8 ago 19) GIOVENTU’ ARMENA – Shushi ospiterà dal 20 al 26 agosto un forum internazionale della gioventù armena dal titolo “Victorius 2019”. Previsti circa 200 giovani partecipanti provenienti da diversi Paesi.

(8 ago 19) DEPUTATI BULGARI – Un gruppo di deputati bulgari è in visita in Artsakh ed è stato oggi ricevuto dal presidente Sahakyan.

(6 ago 19) MONITORAGGIO OSCE – Una missione di osservazione è stata portata a termine oggi lungo la linea di contatto all’altezza della regione di Hadrut. Non sono state rilevate violazioni del cessate-il-fuoco

(6 ago 19) 89 DEPUTATI USA SCRIVONO A USAID– Ottantanove membri del Congresso hanno inviato una missiva al presidente di USAID, Mark Green, chiedendogli di non interrompere i contributi a favore delle missioni umanitarie in Artsakh e in particolare delle campagne di sminamento.

(5 ago 19) IMPONENTE MANIFESTAZIONE – Piazza della rinascita a Stepanakert ha accolto circa diecimila persone riunitesi per ascoltare il premier armeno Pashinyan giunto in Artsakh per la settima edizione dei giochi pan armeni. Presente anche il presidente Sahakyan e l’arcivescovo Martorosyan. Pashinyan ha parlato degli obiettivi di sviluppo dell’Armenia e dei traguardi da raggiungere entro il 2050. A chi gli domandava perchè non avesse parlato dell’Artsakh ha risposto «perchè l’Artasakh è Armenia».

(5 ago 19) PASHINYAN IN ARTSAKH – Il Primo ministro dell’Armenia, Nikol Pashinyan, è in Artsakh per assistere all’apertura della settima edizione dei giochi pan-armeni. La cerimonia inaugurale avrà luogo allo stadio repubblicano di Stepanakert. Pashinyan è stato accolto all’aeroporto dal presidente Sahakyan con il quale si è poi intrattenuto a colloquio nel palazzo presidenziale.

(3 ago 19) VIOLAZIONI AZERE – Nel corso dell’ultima settimana si è registrata una relativa calma lungo la linea di contatto. Il ministero della Difesa dell’Artsakh segnala solo 90 violazioni azere con circa 600 colpi sparati dalle loro postazioni verso il territorio armeno.

(1 ago 19) ARTSAKH E AUSTRALIA – Mentre è in corso la visita del ministro Maiylian è stato lanciato un gruppo di amicizia per l’Artsakh composto da una quarantina di esponenti del mondo della politica, della cultura e dell’arte.

(1 ago 19) CONSIGLIO DI SICUREZZA NAZIONALE – Il presidente Sahakyan ha visitato oggi la sede del Consiglio di sicurezza nazionale e ha presieduto una riunione di lavoro nel corso della quale è stato anche stilato un bilancio delle attività portate avanti nel corso del primo semestre dell’anno.

Luglio 2019

(31 lug 19) ESERCITAZIONI CARRISTI – Esercitazioni operative della brigata carristi dell’Esercito di difesa dell’Artsakh sono state tenute oggi alla presenza del ministro della Difesa Abrahamyan.

(31 lug 19) CONSULTAZIONE DEL PRESIDENTE – Il presidente della repubbbliuca Sahakyan ha tenuto oggi una riunione allargata alla quale hanno partecipato tra gli altri l’arcivescovo Martirosyan, esponenti politici e molte autorità civili. Numerosi gli argomenti all’ordine del giorno, con particolare attenzione ai prossimi Giochi Pan-Armeni che avranno inizio il 5 agosto.

(30 lug 19) MAYILIAN IN AUSTRALIA – Il ministro ha incontrato oggi a Camberra il leader del partito dei Verdi sen. Richard Di Natale.

(30 lug 19) POLIZIA DI STATO – il Capo della polizia di Stato dell’Artsakh ha tenuto oggi una conferenza stampa riassumendo il bilancio dell’attività nei primi sei mesi dell’anno. Era presente anche il presidente della repubblica.

(29 lug 19) CONCERTO – L’Accademia filarmonica di Amburgo ha tenuto questa sera un concerto a Stepanakert. Presenti il presidente della repubblica Sahakyan e l’arcivescovo Martirosyan.

(29 lug 19) MAYILIAN IN AUSTRALIA – Il ministro degli Affari esteri è arrivato in Australia per una visita di lavoro nel corso della quale incontrerà esponenti politici e delle istituzioni australiane nonché le comunità armene locali. In giornata ha incontrato a Sidney il primate apostolico di Australia e Nuova Zelanda Haykazun Najarian.

(26 lug 19) TRAGICO INCIDENTE STRADALE – E’ di cinque morti il bilancio di un incidente stradale avvenuto questo pomeriggio intorno alle 16 locali sulla strada statale Stepanakert – Goris all’altezza di Shushi. A causa di un colpo di sonno del conducente un veicolo è uscito di strada e precipitato in un burrone per circa ottanta metri. Sia il guidatore che i quattro trasportati – tutti originari del villaggio di Tegh in Armenia (Syunik) sono morti sul colpo.

(25 lug 19) MONITORAGGIO OSCE – Una missione di osservazione è stata portata a termine oggi lungo la linea di contatto all’altezza del villaggio di Gyulistan nella regione di Shahumian. Non sono state rilevate violazioni del cessate-il-fuoco ma ancora una volta l’Azerbaigian ha impedito agli osservatori dell’Osce di raggiungere le postazioni in prima linea.

(25 lug 19) GIOCHI PAN ARMENI – Il presidente Sahakyan ha presieduto oggi una riunione di lavoro dedicata all’organizzazione dei giochi panarmeni la cui settima edizione si svolgerà in parte anche in Artsakh con la cerimonia inaugurale che si terrà a Stepanakert il 6 agosto.

(24 lug 19) AMB. KASPERZYK IN ARTSAKH – L’amb. Andrzej Kasprzyk, rappresentante speciale del Presidente dell’Osce in carica, è in Artsakh dove nella giornata odierna ha incontrato il ministro degli Esteri Mayilian e il presidente della repubblica Sahakyan.

(24 lug 19) SUICIDIO IN PRIMA LINEA – Nella tarda serata di ieri, intorno alle ore 23 locali, il giovane Volodya Galoyan, in servizio presso una postazione difensiva in prima linea e proveniente dalla provincia armena di Aragatsotn,  ha aperto il fuoco contro un ufficiale superiore nel tentativo di colpire un altro commilitone. Non riuscito nel suo intento ha posto tragicamente fine alla propria vita. Il suo corpo è stato trovato intorno alle 4 a una cinquantina di metri dalla postazione. E’ stata aperta un’investigazione sul caso.

(23 lug 19) CONSIGLIO MILITARE DELLA DIFESA – Il ministro della Difesa nonché comandante dell’Esercito ha presieduto oggi il Consiglio militare della Difesa dedicato principalmente ai risultati conseguiti nel primo semestre dell’anno. Presente alla riunione anche il vice ministro della Difesa dell’Armenia Gabriel Balayan.

(23 lug 19) AMICIZIA RYDE-STEPANAKERT – Il Consiglio municipale della città australiana di Ryde (circa centomila abitanti nel Nuovo Galles del sud) ha votato all’unanimità una mozione di amicizia con Stepanakert. Viva soddisfazione è stata espressa dal ministero degli Esteri dell’Artsakh.

(23 lug 19) INCIDENTE STRDALE – Un’auto è uscita di strada all’80° km della statale che collega Vardanis (Armenia) a Martakert. Il conducente e un passeggero sono rimasti feriti e sono stati elitrasportati a Yerevan.

(20 lug 19) VIOLAZIONI AZERE – il ministero della Difesa dell’Artsakh comunica che nella settimana dal 14 al 20 luglio sono state segnalate violazioni azere con circa 900 colpi sparati.

(19 lug 19) SAHAKYAN A TIGRANAKERT – Il presidente della repubblica si è recato oggi nel villaggio di Tigranakert dove ha incontrato la comunità locale discutendo con la stessa varie tematiche in particolar modo quelle connesse al settore agricolo.

(17 lug 19) MINISTRO DIFESA – Il ministro della Difesa Karen Abrahamyan si è recato oggi a visitare diverse postazioni lungo la linea di contatto nel settore nord orientale.

(16 lug 19) CONSIGLIO DEI MINISTRI – Si è tenuto oggi il Consiglio dei ministri presieduto da Sahakyan.

(11 lug 19) MONITORAGGIO OSCE – Una missione di osservazione lungo la linea di contatto è stata portata a termine senza indicenti all’altezza di Akna. Ancora una volta le autorità azere si sono rifiutate di condurre i delegati Osce sulla prima linea.

(11 lug 19) CONGRESSO USA APPROVA MOZIONE SU ARTSAKH – Il Congresso degli Stati Uniti ha adottato in modo schiacciante l’emendamento del deputato Chu appoggiando la proposta di pace bipartisan di Royce-Engel per l’Artsakh. L’emendamento di Judy Chu si basa sulle proposte ponderate dell’ex presidente della commissione Affari esteri della Camera (Ed Royce) e sull’attuale presidente della Commissione (Eliot Engel) per rafforzare il cessate il fuoco in Artsakh – ritirare indietro i cecchini, schierare più osservatori dell’OSCE e piazzare i localizzatori di armi da fuoco sulla linea di contatto – per mostrare, inequivocabilmente, chi sta infrangendo la pace. Armenia e Artsakh sostengono la proposta. L’Azerbaigian si è espresso contro a alcuni deputati della lobby azera hanno cercato invano di ostacolare l’approvazione della mozione.

(10 lug) SAHAKYAN VISITA STADIO – Il presidente della repubblica ha compiuto oggi un sopralluogo al Central stadium di Stepanakert per verificare lo stato dei preparativi in vista della cerimonia inaugurale ad agosto della settima edizione dei giochi Pan-Armeni.

(9 lug 19) NUOVO CODICE ELETTORALE – L’Assemblea nazionale sta esaminando la riforma del codice elettorale già varato in prima lettura nel corso della sessione del 27 giugno. Oggi il presidente del parlamento (Ghulyan), ha incontrato i rappresentanti di dieci forze politiche non presenti in Assemblea nazionale con i quali si è confrontato sulla riforma recependo commenti e suggerimenti sul testo.

(9 lug 19) OSCE – I delegati dell’Assemblea Parlamentare dell’OSCE hanno incoraggiato i leader dell’Armenia e dell’Azerbaigian a intensificare il dialogo. La dichiarazione finale adottata in Lussemburgo ha riconosciuto gli sforzi della copresidenza del gruppo di Minsk dell’OSCE volti a raggiungere una soluzione pacifica e duratura del conflitto del Nagorno Karabakh e si compiace del recente dialogo costruttivo tra i leader dell’Armenia e dell’Azerbaigian inteso a creare un ambiente favorire la pace e intraprendere misure nel campo umanitario.

(8 lug 19) MATENADARAN – Il presidente della repubblica Sahakyan ha ricevuto oggi Vahan Ter-Ghevondyan, direttore del celebre Istituto di antichi manoscritti Matenadaran di Yerevan.

(6 lug 19) LINEA DI CONTATTO – Situazione relativamente calma lungo la linea di contatto che registra un ridotto numero di violazioni.

(4 lug 19) GHULYAN SI CONGRATULA CON SASSOLI – Il presidente dell’Assemblea nazionale dell’Artsakh, Ashot Ghulyan, ha inviato un messaggio di congratulazioni al neo eletto presidente del parlamento europeo David Sassoli. «A nome dell’Assemblea nazionale della Repubblica di Artsakh e mio personale, mi congratulo con Lei per essere stato eletto Presidente del Parlamento europeo. La missione del Parlamento europeo per la protezione della libertà, dei diritti umani e dei valori democratici è importante non solo nel territorio dell’Unione europea, ma anche oltre i suoi confini. L’Artsakh crede anche nei valori democratici; il nostro popolo è anche coerente con la propria aspirazione a costruire un Paese democratico e rafforzare lo stato di diritto. In questo senso, l’Artsakh apprezza molto le proprie relazioni con i membri del Parlamento europeo che sono una risorsa inestimabile per lo scambio di esperienze. Spero che durante la Sua presidenza il Parlamento europeo diventi più integrativo per le istituzioni e le nazioni che condividono i suoi valori. Ancora una volta, mi congratulo con Lei e Le auguro successo per la casa democratica dell’Europa e un’Europa a porte aperte».

(4 lug 19) MNATSAKANYAN IN ARTSAKH – Il ministro degli Esteri dell’Armenia, Zohrab Mnatsakanyan, è in visita in Artsakh. In giornata ha incontrato il presidente della repubblica Sahakyan. «Il Nagorno Karabakh è un’entità politica con le sue autorità elette dal popolo. Il rafforzamento del senso di appartenenza nel contesto dei negoziati pacifici è una questione importante per tutti noi armeni, ed è in questo contesto che sono ad Artsakh oggi. Il dialogo deve continuare con le autorità del Nagorno Karabakh. I negoziati pacifici continuano e, in questo senso, la Repubblica di Armenia, in quanto partecipante a tale processo, non ha mai esitato o interrotto il processo negoziale. La questione del Nagorno Karabakh è stata e rimane la questione più importante. La questione dello status del Nagorno Karabakh deriva dalla sicurezza esistenziale della popolazione del Nagorno Karabakh. I 150.000 residenti di Artsakh sono i guardiani dell’identità di tutti gli armeni di tutto il mondo» ha dichiarato Mnatsakanyan.

(3 lug 19) NESSUNA CONCESSIONE UNILATERALE – «L’Armenia non farà concessioni unilaterali che minaccino la sicurezza di Artsakh. È esclusa l’opzione delle concessioni unilaterali» ha dichiarato alla stampa Anna Naghdalyan, portavoce del ministero degli Affari esteri dell’Armenia.

(3 lug 19) FORZE ARMATE ARMENE – Il capo dello staff generale delle Forze armate della repubblica di Armenia, Artak Davtyan , si è recato oggi in visita in alcune postazioni difensive lungo la linea di contatto. Alla visita era presente il Comandante dell’Esercito dell’Artsakh, Karen Abrahamyan. In giornata Davtyan è stato anche ricevuto dal presidente Sahakyan.

(3 lug 19) REGIONE DI MARTUNI – Ararat Melkumyan è il nuovo capo amministrativo della regione di Martuni. Succede a Mher Ohanyan . Il presidente Sahakyan ha firmato oggi i relativi decreti.

(2 lug 19) ARRUOLAMENTO ESTIVO – Un evento solenne dedicato alla chiamata militare estiva si è tenuto oggi presso la stazione centrale di reclutamento dell’Esercito di difesa della Repubblica di Artsakh. Ufficiali di alto rango, sotto la guida del comandante dell’Esercito della Difesa del Ministero della Difesa della Repubblica di Artsakh, il Maggiore Generale Karen Abrahamyan, così come i veterani della guerra di Artsakh e rappresentanti di organizzazioni non governative si sono congratulati CON I coscritti.

(1 lug 19) SAHAKYAN INCONTRA MEDICI – Il presidente della repubblica ha ricevuto un gruppo di partecipanti al 5° Congresso internazionale di medicina in corso di svolgimento in Armenia. Presente all’incontro il ministro della Salute Arayik Baghryan.

Giugno 2019

(27 giu 19) DICHIARAZIONI BELLICHE DI ALIYEV – Il presidente dell’Azerbaigian, Ilham Aliyev, nel corso di un suo intervento presso una scuola militare ha dichiarato che la guerra contro l’Armenia non è terminata e che l’Azerbaigian incrementerà il suo arsenale militare. Così riporta l’agenzia Interfax Azerbaigian.

(25 giu 19) MONITORAGGIO OSCE – Funzionari dell’Osce hanno portato a termine oggi un monitoraggio lungo la linea di contatto all’altezza di Akna (Aghdam). Da parte azerbaigiana è stato impedito alla delegazione di raggiungere le postazioni in prima linea. Nessun incidente è stato segnalato durante il periodo di osservazione.

(24 giu 19) NUOVO VICE COMANDANTE ESERCITO – Il generale Michael Arzumanyan  è stato nominato oggi vice comandante dell’Esercito di difesa dell’Artsakh.

(22 giu 19) ACCESA LA TORCIA DEI GIOCHI PAN ARMENI – La terza torcia dei giochi pan armeni (la cui settima edizione sarà ospitata in Artsakh) è stata accesa oggi nel sito di Tigranakert. Alla cerimonia hanno assistito il presidente Sahakyan, l’arcivescovo Martirosyan nonché i dirigenti dei Giochi pan armeni.

(21 giu 19) FISSATA DATA ELEZIONI AMMINISTRATIVE – Il presidente della repubblica ha firmato il decreto che fissa a domenica 8 settembre la data per le prossime elezioni amministrative che riguarderanno città e comunità di tutta la repubblica per il rinnovo dei sindaci e dei Consigli.

(21 giu 19) COMUNICATO GRUPPO DI MINSK – «I co-presidenti del gruppo OSCE di Minsk (Igor Popov della Federazione russa, Stéphane Visconti di Francia e Andrew Schofer degli Stati Uniti d’America) hanno ospitato le consultazioni tra il ministro degli Esteri azerbaigiano Elmar Mammadyarov e il ministro degli Esteri armeno Zohrab Mnatsakanyan il 20 giugno a Washington. I co-presidenti si sono riuniti separatamente e poi congiuntamente con i ministri. Hanno anche informato il Vice Segretario di Stato per gli affari europei e eurasiatici di Acting, Philip Reeker, sulla situazione in loco e lo stato dei colloqui sugli insediamenti. Anche il rappresentante personale del Presidente in esercizio dell’OSCE, Andrzej Kasprzyk, ha preso parte a questi incontri. Durante le loro discussioni, i partecipanti hanno avuto uno scambio di opinioni sui recenti sviluppi sul terreno e sulle questioni centrali del processo di risoluzione. I ministri degli Esteri hanno chiarito le loro posizioni e aspettative riguardo all’attuazione delle misure umanitarie e di sicurezza proposte dai mediatori durante il loro ultimo viaggio nella regione. Notando con rammarico le recenti vittime, i co-presidenti hanno esortato le parti a prendere misure immediate per ripristinare un’atmosfera favorevole alla pace e favorevole a discorsi concreti. Hanno invitato le parti a ribadire il loro impegno a rispettare rigorosamente il cessate il fuoco e ad astenersi da qualsiasi azione provocatoria, compreso l’uso di cecchini e lavori di ingegneria lungo la linea di contatto e il confine internazionale. Durante la loro conversazione con i co-presidenti, i ministri degli esteri hanno concordato sull’importanza di sfruttare appieno i collegamenti di comunicazione diretta esistenti al fine di reagire rapidamente per ridurre il rischio di un’escalation. I ministri degli Esteri hanno convenuto di incontrarsi di nuovo nel prossimo futuro sotto l’egida dei co-presidenti

(20 giu 19) INCONTRO MINISTRI ESTERI – A Washington si sono incontrati oggi i ministri degli Esteri di Armenia (Mnatsakanyan) e Azerbaigian (Mammadyarov) alla presenza dei co-presidenti del Gruppo di Minsk dell’Osce. Al momento no sono stati rilasciati comunicati stampa.

(19 giu 19) FONDI USA ALL’ARTSAKH – Il Congresso degli Stati Uniti ha approvato un emendamento alla legge di bilancio per l’anno fiscale 2020 che destina un milione e mezzo di dollari all’Artsakh per attività di sminamento (condotte da Halo Trust) e per progetti di riabilitazione per le vittime delle mine.

(18 giu 19) PROSEGUONO ESERCITAZIONI – Nella giornata odierna le esercitazioni hanno riguardato sopratutto la difesa antiaerea

(17 giu 19) AL VIA ESERCITAZIONI MILITARI – Hanno preso avvio nella notte esercitazioni militari di pronto intervento dell’Esercito di difesa dell’Artsakh e dell’esercito dell’Armenia che interessano diecimila soldati, 150 mezzi corazzati, circa 400 veicoli e oltre 50 sistemi di batteria anti aerea.

(15 giu 19) PRESIDENTE SAHAKYAN IN VISITA – Il presidente della repubblica si è recato oggi in visita nelle regioni di Askeran e Martakert dove ha incontrato le autorità locali e verificato lo stato di avanzamento di alcuni progetti in corso.

(14 giu 19) INCONTRO MINISTRI DEGLI ESTERI – Il preannunciato nuovo incontro tra i ministri degli Esteri di Armenia (Mnatsakanyan) e Azerbaigian (Mammadyarov) è stato fissato per il prossimo 20 giugno a Washington. Dopo Parigi a gennaio e Mosca in aprile si tratta del terzo vertice del ministri nel corso dell’anno.

(14 giu 19) IMPORT EXPORT A MAGGIO – Nel mese di maggio sono state importate in Artsakh merci per un valore di 12,9 miliardi di dram con un aumento del 15% rispetto allo stesso mese del 2018. L’esportazione di beni ha visto invece una crescita del 13,4%. La quasi totalità dei beni esportati è passata dal valico di Sotk da Vardenis a Martakert (95,1%) mentre per quanto riguarda l’importazione questo collegamento è stato utilizzato per il 73,6%.

(14 giu 19) SINDACO DI YEREVAN IN ARTSAKH – Hayk Marutyan , sindaco della capitale dell’Armenia, è in visita ufficiale in Artsakh dove ha incontrato autorità locali e il suo collega Suren Grigoryan sindaco di Stepanakert. Con lui oggi ha deposto una corona di fiori al memoriale dei caduti per la guerra di liberazione.

(13 giu 19) UCCISO ALTRO SOLDATO ARMENO – Il ventenne Artyom Khachatryan è stato mortalmente colpito intorno alle 17 (ora locale) mentre si trovava in una postazione dell’Esercito di difesa dell’Artsakh lungo la linea di contatto. Dall’inizio del mese è il secondo soldato armeno vittima del fuoco azero. Khachatryan, originario dell’Armenia (Vayots Dzor) avrebbe terminato il servizio militare fra venti giorni.

(13 giu 19) BARONESSA COX IN ARTSAKH – La baronessa Cox è nuovamente in Artsakh dove ha incontrato il presidente Sahakyan.

(12 giu 19) MINISTERO DIFESA INVITA AZERBAIGIAN AD ASTENERSI DA PROVOCAZIONI – In un comunicato il ministero della Difesa dell’Artsakh sottolinea l’intensificarsi di violazioni azere lungo la linea di contatto anche con colpi di mortaio da 60 mm e invita la controparte ad astenersi da nuove provocazioni che esasperano la tensione lungo la linea di contatto il cui numero è cresciuto tra la giornata di ieri e la notte.

(11 giu 19) INCARICHI ISTITUZIONALI – Igor Grigoryan  è stato nominato oggi rappresentante con ampio mandato del presidente della repubblica. Vitaly Balasanyan è stato rimosso dal suo incarico di Segretario del Consiglio di sicurezza dello Stato. Levon Mnatsakanyan è stato rimosso dal suo incarico di direttore del Servizio di protezione civile e al suo posto è stato nominato Vladik Khachatryan.

(10 giu 19) DIMISSIONI CONSIGLIERE PRESIDENZIALE – Il presidente della repubblica ha firmato oggi il decreto conseguente alle dimissioni del suo consigliere presidenziale Artur Aghabekyan.

(10 giu 19) DELEGAZIONE DELL’ARTSAKH IN SUD OSSEZIA – Una delegazione istituzionale della repubblica dell’Artsakh, nel Paese per monitoraggio delle elezioni presidenziali, è stata ricevuta oggi dal presidente Anatoly Bibilov che peraltro è stato a sua volta in Artsakh per seguire la Coppa Conifa di calcio vinta proprio dalla sua selezione nazionale.

(9 giu 19) CONCLUSA COPPA EUROPEA CONIFA – Con la vittoria della Ossezia del sud per uno a zero sulla selezione dell’Armenia occidentale, davanti a oltre diecimila spettatori, si è conclusa la coppa europea di calcio Conifa ospitata in Artsakh. Una spettacolare cerimonia di saluto ha chiuso l’evento sportivo. La dirigenza Conifa ha espresso gratitudine all’Artsakh e apprezzamento per l’impeccabile organizzazione dell’evento.

(7 giu 19) SAHAKYAN INCONTRA VERTICI CONIFA – il Presidente della repubblica ha ricevuto oggi la delegazione CONIFA (Confederation of Independent Football Associations) che sta organizzando il campionato europeo in Artsakh. Sahakyan ha ringraziato il presidente Per-Anders Blind per l’organizzazione del torneo e si è intrattenuto con gli ospiti discutendo degli strumenti per rendere ancora più popolare il gioco del calcio nel Paese.

(6 giu 19) COPPA CONIFA VERSO LE FINALI – Dopo le semifinali di oggi, la finale in programma il 9 giugno sarà Ossezia del Sud (che ai rigori ha battuto la Ciamuria) contro l’Armenia occidentale (impostasi ai rigori contro l’Abcasia). La selezione dell’Artsakh (che oggi ha battuto per due a uno Terra dei Siculi) gareggerà domani per il quinto posto contro la Padania (4 a 0 su Lapponia).

(6 giu 19) PROSSIMO INCONTRO MINISTRI ESTERI – A breve sarà diramato un comunicato ufficiale con i dettagli del prossimo incontro tra i ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian con l’indicazione della località e della data.

(6 giu 19) SAHAKYAN RISPONDE A PASHINYAN – Il presidente della repubblica, chiamato in causa ieri dalle parole del Primo ministro armeno, ha rilasciato un’intervista nel corso della quale ha precisato che «quando Nikol Pashinyan ha assunto l’incarico di Primo Ministro della Repubblica di Armenia, il processo di negoziazione è stato uno dei primi temi di cui abbiamo discusso. (…) In generale, nel passato e ora, le autorità della Repubblica di Armenia avrebbero mantenuto la leadership di Artsakh consapevole delle questioni discusse e degli ultimi sviluppi prima e dopo i negoziati con l’Azerbaigian.» Sahakyan ha altresì aggiunto che «il ripristino del pieno formato dei negoziati, cioè con la partecipazione diretta di Artsakh, è la migliore e forse l’unica opportunità per non accettare le speculazioni.» Alla richiesta di un commento sui riferiti “cospiratori” il presidente ha detto che «se ci sono cospiratori, saranno puniti, e se qualcuno conosce persone specifiche e ha fatti probatori di cospirazione, dovrebbero farcelo sapere e prenderemo le misure appropriate. L’unità è uno dei maggiori successi degli armeni e considero inammissibile qualsiasi passo volto a distruggere quell’unità, che si tratti di Artsakh, Armenia o Diaspora. Se qualcuno ha dubbi o mancanza di fiducia in questo o quel fenomeno, persona o ufficiale, penso che sia importante discuterli e venire a patti in un’atmosfera di rispetto reciproco. Abbiamo una patria, ed è dovere di ogni armeno mantenere l’unità nazionale

(5 giu 19) DURO INTERVENTO DI PASHINYAN – Il Primo Ministro dell’Armenia, Nikol Pashinyan, ha pronunciato dure parole nel corso di un intervento all’Assemblea nazionale: «Ho avuto diversi incontri con i vertici politico-militari del Nagorno Karabakh e dell’Armenia e ho presentato la mia opinione sulla composizione del conflitto Artsakh e mi sono interessato a stabilire se erano d’accordo con la visione da me proposta o erano contrari. Si è scoperto che tutti erano d’accordo. E quando poi le persone che hanno partecipato a quell’incontro provocano affermando che questo governo sta vendendo terre, sorge una domanda: mi siedo e ho parlato con questa persona in condizioni di riservatezza in quali termini dovremmo andare avanti, se questa persona esce, dice al suo assistente scrivere su Facebook che Pashinyan sta vendendo terre, quindi perché lo fa? Ho trasmesso i documenti sulla procedura di negoziazione per il conflitto NK alle autorità di Artsakh. Prima di allora non erano a conoscenza di ciò che è stato negoziato prima di me» ha detto Pashinyan riferendosi indirettamente alla leadership dell’Artsakh

(4 giu 19) TERZO TURNO COPPA CONIFA – L’Artsakh manca la qualificazioni alle finali e si dovrà accontentare di disputare gli incontri per la classifica dal quinto all’ottavo posto. Per il gruppo A è finito in fatti in pareggio (1-1) l’incontro con l’Abcasia che si è qualificata come prima. Nel girone si qualifica anche Ciamuria che ha battuto 4 a 0 la Lapponia. Per il girone B fuori la Padania (1 a 1 con Armenia occidentale, qualificata), primo posto per la Ossezia del Sud che ha pareggiato 2 a 2 con terra dei siculi.

(4 giu 19) SAHAKYAN INCONTRA GEORGE EURNEKIAN – Il presidente della repubblica ha incontrato il direttore della branca armena del gruppo Eurnekian, George del Aguila Eurnekian. Sull’agenda della riunione i molti progetti del gruppo in Artsakh.

(4 giu 19) MONITORAGGIO OSCE – Delegazioni dell’Osce hanno compiuto oggi un monitoraggio lungo la linea di contatto nel settore sud orientale in direzione di Martuni. Non è stata registrata alcuna violazione ma ancora una volta le forze armate azere hanno impedito ai diplomatici di visitare la prima linea.

(3 giu 19) SECONDO TURNO COPPA CONIFA – Questi i risultati: girone A Ciamuria-Artsakh 4-1, Lapponia – Abcasia 0-1; girone B: Terra dei Siculi – Armenia occidentale 0-5, Ossezia del sud – Padania 2-1.

(2 giu 19) AL VIA I PRIMI INCONTRI – Prima giornata del torneo CONIFA con i seguenti risultati: ARTSAKH- Lapponia 3-2, Abcasia – Ciamuria 3-1 per il girone A. Per il girone B Padania – Terra dei Siculi 4-0, Armenia Occidentale – Ossezia del sud 1-2

(2 giu 19) DECORAZIONE POSTUMA PER IL GIOVANE CADUTO – Il presidente della repubblica bako Sahakyan ha conferito onorificenza postuma “Per servizio, in battaglia” al giovane Sipan Melkonyan mortalmente colpito ieri mattina da un cecchino azero.

(1 giu 19) CERIMONIA INAUGURALE CAMPIONATO CONIFA – Lo stadio di Stepanakert ha ospitato la cerimonia inaugurale dei campionati europei CONIFA. Alla presenza di diecimila spettatori hanno sfilato le otto rappresentative che partecipano al torneo. Un concerto musicale di artisti armeni e internazionali e uno spettacolo di fuochi d’artificio hanno concluso la cerimonia.