Tag Archivio per: Caucaso

Il titolo dell’articolo riporta al link originale

Nagorno-Karabakh, 2 soldati armeni uccisi e 2 azeri feriti in scontro a fuoco, PM Pashinyan: “Nuova guerra possibile” (Il giornale d’Italia, 1 set)

264° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Malgrado protesti e appelli, in assenza di azioni, niente indica che possa esserci un cambio di rotta (Korazym, 1 set)

L’Azerbaijan ha attaccato l’Armenia e la EUMA tace (Assadakah, 2 set)

NAGORNO KARABAKH. Sale la tensione armeno-azerbaigiana (AGC, 2 set)

265° giorno del #ArtsakhBlockade – Parte 1. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Aliyev non era e non sarà in grado di garantire sicurezza e diritti degli Armeni dell’Artsakh (Korazym, 2 set)

265° giorno del #ArtsakhBlockade – Parte 2. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Riconoscimento della Repubblica di Artsakh garanzia per prevenire il genocidio (Korazym, 2 set)

Dichiarazione di Stepanakert in occasione del 32° anniversario della proclamazione della Repubblica dell’Artsakh (Notizie da est, 2 set)

Si dimette il presidente filo-armeno (Il manifesto, 3 set)

Il premier armeno Pashinyan: “La nostra dipendenza dalla Russia per la sicurezza è stata un errore strategico. In Nagorno Karabakh è in corso una pulizia etnica” (Repubblica, 3 set, per abb.)

266° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. E Azerbajgian sarebbe “il Paese della buona volontà, delle buone intenzioni e della misericordia” (Korazym, 3 set)

Armenia. Nikol Pashinyan: “Dipendere esclusivamente dalla Russia per la sicurezza è stato un errore” (Agenpress, 3 set)

Il premier armeno: “Dipendere dalla Russia per la nostra sicurezza è un errore strategico” (Euractiv, 4 set)

267° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Il Primo Ministro armeno: la dipendenza per la sicurezza dalla Russia un errore strategico (Korazym, 4 set)

La Russia protesta dopo l’intervista a “Repubblica” del premier armeno Nikol Pashinyan: “Non diventi strumento dell’Occidente” (Repubblica, 4 set)

Il Cremlino risponde all’Armenia: la Russia resterà nel Caucaso meridionale (Notizie da est, 5 set)

Intervista a Richard Giragosian,direttore del Centro studi regionali (RSC) (Radio radicale, 5 set, audio)

Nagorno Karabakh: su una guerra infinita l’ombra di un nuovo genocidio (Prima parte) (Storia verità, 5 set)

268° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. «Non sono nato in Armenia, ma l’Armenia è nata in me» (Korazym, 5 set)

Cari parlamentari, anche in Artsakh la fame uccide. Proprio come in Ucraina 90 anni fa (Tempi, 6 set, per abb.)

269° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Quanti altri Armeni dovranno ancora morire prima che il mondo se ne accorga? (Korazym, 6 set)

Truppe Usa alle porte della Russia: cosa succede in Armenia (Il Giornale, 6 set)

Le manovre militari USA-Armenia e il “cambio di tono” di Repubblica (L’Antidiplomatico, 6 set)

Nagorno-Karabakh, Azerbaigian pronto a una nuova guerra: la risposta dell’Armenia (Tutto notizie, 6 set)

L’Armenia si allontana da Mosca, esercitazioni al fianco degli Usa (Avvenire, 7 set)

Preparativi di guerra in Azerbaigian per il Nagorno Karabakh (Huffington post, 7 set, per abb.)

Armenia: esercitazioni militari con gli Usa. Si temono ripercussioni in Nagorno-Karabakh (Asia news, 7 set)

Il Nagorno Karabakh sull’orlo della fame (Internazionale, 7 set, per abb.)

L’Armenia volta le spalle alla Russia e annuncia esercitazioni con gli Usa: rischio di escalation nel Caucaso (Il fatto quotidiano, 7 set)

270° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Appello alla preghiera per il popolo armeno (Korazym, 7 set)

Primo ministro Armeno: “molto probabile” una nuova guerra con l’Azerbaigian (Corriere Puglie e Lucania, 7 set)

Consiglio Comunale di Abbiategrasso approva mozione di solidarietà al popolo armeno dell’Artsakh (Gazzetta di Milano, 7 set)

Card. Burke: Appello alla preghiera per gli armeni del Nagorno/Artsakh (Marcotosatti.com, 7 set)

L’Azerbaigian mobilita l’esercito al confine con l’Armenia (Tempi, 8 set)

271° giorno del #ArtsakhBlockade – Parte 1. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Il trattamento riservato all’Armenia e all’Artsakh è motivo di vergogna a livello internazionale (Korazym, 8 set)

271° giorno del #ArtsakhBlockade – Parte 2. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Grande pericolo che Azerbajgian inizi presto una terribile guerra contro Artsakh e Armenia (Korazym, 8 set)

L’Armenia, vaso di coccio del Caucaso (Contropiano, 8 set)

Caucaso inquieto, l’Armenia delusa da Mosca manovra con gli Usa (Remocontro, 8 set)

Armenia-Azerbaijan tra disinformazione e influenze estere (AGC news, 9 set)

Mosca convoca l’ambasciatore armeno e critica i ‘passi ostili’ di Erevan (Globalist, 9 set)

272° giorno del #ArtsakhBlockade – Parte 1. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Mentre Aliyev è intento a sterminare gli Armeni, il mondo guarda altrove e permette il genocidio (Korazym, 9 set)

272° giorno del #ArtsakhBlockade – Parte 2. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Aggressore che si comporta come vittima. Capo di nomadi Tartari, che pensano che il Caucaso sia la loro terra (Korazym, 9 set)

Armenia-Azerbaigian: Pashinyan apre a un “colloquio urgente” con Aliyev per allentare le tensioni (Agenzia Nova, 9 set)

L’appello di Kim Kardashian a Joe Biden: “Ferma un altro genocidio armeno” (Tutto notizie, 9 set)

“L’Armenia di oggi è la nostra terra”: Aliyev ha annunciato una guerra tra Azerbaigian e Armenia? (Avia, 9 set)

AZERBAIJAN vs ARMENIA/ “Guerra imminente, la Russia ci ha tradito e ora guardiamo agli Usa” (Il Sussidiario, 10 set)

273° giorno del #ArtsakhBlockade – Parte 1. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. La voce della gente: “Siamo ancora in gabbia come animali dello zoo e hanno appena deciso di darci da mangiare” (Korazym, 10 set)

273° giorno del #ArtsakhBlockade – Parte 2. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Gli eventi si stanno sviluppando molto rapidamente (Korazym, 10 set)

La variabile armena: gas e petrolio al centro delle tensioni (mondiali) sul Nagorno-Karabakh (L’Antidiplomatico, 10 set)

Quali destini nella polveriera caucasica? Risponde Di Liddo (CeSI) (Formiche, 10 set)

Le elezioni nel Nagorno Karabakh minacciano le relazioni fra Armenia e Russia (Scenari economici, 10 set)

274° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Per gli Armeni dell’Artsakh vale la saggezza di vedere per credere (Korazym, 11 set)

Castaldo, Ue prevenga catastrofe umanitaria in Nagorno Karabakh (Ansa, 11 set)

Artsakh – Tradito e abbandonato da tutti si rivolge all’America (Assadakah, 12 set)

275° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Vedere per credere (Korazym, 12 set)

I grandi della Terra e il Nagorno Karabakh (Asia news, 12 set)

Armenia, c’è l’accordo sulla riapertura del corridoio umanitario (Avvenire, 12 set)

Nuove scintille tra Armenia e Azerbaigian: sullo sfondo Iran e Turchia (Quotidiano sociale, 12 set)

Un convoglio umanitario è arrivato in Nagorno-Karabakh passando dall’Azerbaijan (Il Post, 12 set)

Il presidente de facto del Karabakh si dimette, nominato un sostituto (Osservatorio Balcani Caucaso, 12 set)

#ArtsakhBlockade Holodomor di serie B. Cari senatori, in Artsakh la fame uccide come in Ucraina novant’anni fa (Korazym, 12 set)

Nagorno-Karabakh, le esercitazioni militari per ridurre la tensione? (Formiche, 12 set)

Armenia, la guerra e il futuro (La difesa del popolo, 13 set, per abb.)

Azerbaigian-Armenia: Ue, “garantire la fornitura di prodotti essenziali agli armeni del Karabakh” (Agenzia SIR, 13 set)

Tensioni tra Armenia e Azerbaigian, Michel incontra Pashinyan e Aliyev (Sardegnagol, 13 set)

276° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Il blocco in corso da 9 mesi continua. La realtà è superiore all’inganno (Korazym, 13 set)

Nagorno Karabakh: su una guerra infinita l’ombra di un nuovo genocidio (parte 2) (Storia Verità, 13 set)

277° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. L’Azerbajgian prosegue l’assedio (Korazym, 14 set)

Un nuovo genocidio del popolo armeno (L’ortica, 14 set)

“Aderiamo alla Corte Penale Internazionale”: schiaffo dell’Armenia alla Russia (Il Giornale, 14 set)

#ArtsakhBlockade Pro memoria (Korazym, 14 set)

Armenia: la genesi del nuovo fronte della NATO contro la Russia (L’Antidiplomatico, 14 set)

Portavoce del Cremlino: la Russia rimane un affidabile garante della sicurezza nel Nagorno-Karabakh (Top war, 14 set)

L’Ue guarda con speranza ai primi convogli umanitari arrivati in Nagorno-Karabakh: “Sia riaperto il corridoio di Lachin” (Eunews, 15 set)

278° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Rinnega firma e accordi, respinge appelli e ordini, non revoca chiusura Corridoio di Lachin (Korazym, 15 set)

L’Armenia snobba di nuovo la Russia con le prime esercitazioni militari con gli Stati Uniti (Startmag, 16 set)

Intervista con Uzay Bulut: “E’ in gioco il futuro dell’Europa e della cristianità nel mondo” (La voce del patriota, 16 set)

279° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Gli USA non tollereranno alcuna azione volta alla pulizia etnica della popolazione armena (Korazym, 16 set)

NAGORNO KARABAKH. Artsakh alla fame. Gli Azeri dicono no all’apertura di Lachin (AGC news, 17 set)

Russia e Iran sono sulla stessa lunghezza d’onda per quanto riguarda l’Armenia (Controinformazione, 17 set)

280° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Sottomettere gli Armeni con l’arma della fame in modo che, se e quando il Corridoio di Lachin riaprirà, se ne vadano (Korazym, 17 set)

281° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Artsakh è armeno. Lo è stato sempre… e non rinuncia ad essere armeno (Korazym, 18 set)

Le forniture di aiuti umanitari nel Nagorno-Karabakh sono finalmente riprese. L’Ue esorta a “regolarizzare il passaggio” (Eunews, 18 set)

Il doppio gioco azero sugli aiuti umanitari agli armeni del Nagorno-Karabakh (Tempi, 19 set)

282° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh – Parte 1. Il Corridoio di Berdzor (Lachin) rimane chiuso. L’Artsakh rimane sotto assedio azero (Korazym, 19 set)

282° giorno del #ArtsakhBlockade – Parte 2. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Azerbajgian attacca su larga scala l’Artsakh ++++ IN AGGIORNAMENTO ++++ (Korazym, 19 set)

L’Azerbaigian ha iniziato a bombardare gli armeni del Nagorno-Karabakh (Tempi, 19 set)

Nagorno Karabakh, Azerbaigian lancia offensiva nella regione contesa (ADN Kronos, 19 set)

L’Azerbaigian finisce il lavoro in Artsakh? (Difesa online, 19 set)

Bombe azere sul Nagorno-Karabakh, nuovo conflitto nell’area contesa con l’Armenia (Rai news, 19 set)

Offensiva dell’Azerbaijan in Nagorno Karabakh: droni e colpi di artiglieria sulla popolazione. “Dopo nove mesi di isolamento totale, il genocidio è realtà” (La Stampa, 19 set)

Si accende il “secondo fronte” del Caucaso: cosa può succedere ora (L’Antidiplomatico, 19 set)

Armenia – Dichiarazione dell’ambasciatrice Hambardzumyan (Assadakah, 19 set)

L’Azerbaigian bombarda il Nagorno-Karabakh  (Limes, 19 set)

Nagorno Karabakh. Offensiva militare azera: quando le armi sostituiscono la diplomazia (Notizie geopolitiche, 19 set)

Nagorno-Karabakh. «Gli azeri sparano sui civili. La pulizia etnica è iniziata» (Tempi, 20 set)

283° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. La guerra giorno 2. L’Artsakh si è arreso. La comunità internazionale non ha salvato, ha tradito l’Artsakh (Korazym, 20 set)

Il futuro sospeso dell’Armenia (Insideover, 20 set)

Il Karabakh accetta i colloqui di integrazione con l’Azerbaijan (Osservatorio Balcani Caucaso, 20 set)

Nagorno-Karabakh: gli eurodeputati chedono sanzioni contro l’Azerbaigian (Eunews, 20 set)

Spunta la tregua nel Nagorno-Karabakh. L’Armenia pronta a esplodere (Avvenire, 20 set)

Bombardata Stepanakert, tra disastro umanitario e una guerra alle porte (East journal, 20 set)

Cessate il fuoco dopo 24 ore di bombardamenti in Nagorno-Karabakh. L’Ue valuta la resa dei separatisti all’esercito azero (Eunews, 20 set)

“Non siate spettatori di un altro genocidio” (Riforma, 20 set)

Nagorno-Karabakh, separatisti armeni depongono le armi. Proteste e scontri a Erevan (Sky tg24, 20 set)

Scontro tra Azerbaigian e Nagorno-Karabakh, l’analista Boltuc: “L’Armenia sempre più vicina agli Usa rischia di abbandonare i separatisti” (Il fatto quotidiano, 20 set)

Nagorno-Karabakh, cessate il fuoco dopo 32 morti e 2mila evacuati. L’opposizione armena chiede l’impeachment del premier Pashinian (Il fatto quotidiano, 20 set)

Russia e Armenia, rapporti sempre più incrinati (Osservatorio Balcani Caucaso, 20 set)

Armenia, Azerbaijan, Nagorno-Karabakh: la forza della ragione e le ragioni della forza (Osservatorio globalizzazione, 20 set)

In Artsakh ha vinto la prepotenza azera e l’indifferenza occidentale (Assadakah, 20 set)

Nagorno-Karabakh, migliaia di civili lasciano l’enclave. Si tratta la resa (Avvenire, 21 set)

Nel Nagorno-Karabakh la ‘pace ibrida’ non ha più garanti (Affari internazionali, 21 set)

Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. 2° giorno della resa dopo l’attacco terroristico azero – Parte 1. Parlamentari europei: sostegno per l’Armenia e sanzioni per l’Azerbajgian (Korazym, 21 set)

Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. 2° giorno della resa dopo l’attacco terroristico azero – Parte 2. EU chiede completa apertura Corridoio di Lachin (Korazym, 21 set)

Abbiamo lasciato soli gli armeni (Tempi, 21 set)

L’Azerbaijan sfrutta il gas per le sue mire sull’Armenia (Wired, 21 set)

Conflitto Armenia-Azerbaijan: la fine del Nagorno Karabakh (Osservatorio Balcani Caucaso, 21 set)

Erdogan sbaglia, il Nagorno-Karabakh non appartiene all’Azerbaigian (Tempi, 21 set)

In Nagorno-Karabakh la resa dei separatisti armeni chiude i giochi (manifesto, 21 set)

Gli azeri si riprendono il Nagorno Karabakh. Ora chi difenderà gli armeni? (NicolaPorro, 21 set)

Perché si parla di un nuovo genocidio armeno (Today, 21 set)

L’Azerbaijan chiede altre armi al governo italiano (Assadakah, 21 set)

Il destino dell’Artsakh era segnato da più di un anno (Tempi, 22 set)

L’Azerbaigian piega gli armeni, abbandonati da Russia e Nato (Pagine esteri, 22 set)

Nagorno-Karabakh, la tregua regge e gli armeni scappano (Avvenire, 22 set)

Karabakh, l’Armenia chiede al Consiglio di sicurezza dell’Onu di inviare delle forze di pace nella regione (Agenzia Nova, 22 set)

285° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. 3° giorno della resa dopo l’attacco terroristico azero. Urge missione militare del Consiglio di Sicurezza ONU (Korazym, 22 set)

«L’Ue doveva aiutare gli armeni. Ora sanzioniamo il regime azero di Aliyev» (Tempi, 22 set)

In Francia piovono critiche sulla risposta debole di Borrell al nuovo scontro sul Nagorno-Karabakh (Euractiv, 22 set)

Nagorno-Karabakh, ferme le armi (per ora). Ecco gli scenari (Formiche, 22 set)

Nagorno Karabakh: Caritas Internationalis e Armena, 200 morti e più di 400 feriti. 10.000 persone bloccate all’aeroporto di Stepanakert senza acqua e cibo (Agenzia SIR, 22 set)

In Nagorno Karabakh la Russia non si è mossa (Il post, 22 set)

Nagorno-Karabakh, l’attivista azero: “Baku vuole la sostituzione etnica degli armeni. Proteste a Erevan? Sono opera della Russia” (Il Fatto quotidiano, 22 set)

NAGORNO KARABAKH/ “Ora si rischia un genocidio, l’Ue non può evitarlo, il Papa sì” (Il sussidiario, 22 set)

Gli azeri massacrano gli armeni delle zone della resa (Assadakah, 23 set)

286° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. 4° giorno della resa dopo l’attacco terroristico azero. Urge aprire corridoio umanitario per l’Artsakh (Korazym, 23 set)

I profughi armeni si ammassano a Stepanekert (Il manifesto, 23 set)

La fine del Nagorno Karabakh porterà alla pace? (East journal, 23 set)

Cessate il fuoco traballante in Nagorno Karabakh. Arrivano gli aiuti /Euronews, 23 set)

287° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. 5° giorno della resa dopo l’attacco terroristico azero. Stiamo con l’Artsakh. Stiamo, anche da soli (Korazym, 24 set)

Piccoli grandi uomini. “Finché il Signore vuole, noi ci saremo sempre” (Korazym, 24 set)

Non solo Leonardo, ecco come l’Italia punta all’export in Azerbaigian (Startmag, 25 mag)

Nagorno Karabakh: una crisi dai risvolti oscuri (L’Opinione, 25 set)

Nagorno Karabakh: come la Russia rischia di perdere il suo piccolo ma fondamentale alleato armeno (Report difesa, 25 set)

La pulizia etnica dell’Azerbajgian in Artsakh è un altro fallimento di prevenzione del genocidio delle Nazioni Unite (Korazym, 25 set)

288° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. 6° giorno della resa dopo l’attacco terroristico azero. Destino dell’Artsakh vergogna per l’intero mondo civilizzato (Korazym, 25 set)

A migliaia in fuga dal Nagorno-Karabakh verso l’Armenia (Agenzia DIRE, 25 set)

Mosca: in Armenia Usa evitino atteggiamenti anti-russi (Ansa, 25 set)

Nagorno Karabakh: come la Russia rischia di perdere il suo piccolo ma fondamentale alleato armeno (Report difesa, 25 set)

Fuga dal Nagorno Karabakh, l’ennesimo esodo degli armeni (Corriere della sera, 25 set)

«Se l’Armenia non si difende, farà la fine del Nagorno-Karabakh» (Tempi, 25 set)

Non solo Leonardo, ecco come l’Italia punta all’export in Azerbaigian (Startmag, 25 set)

Il “tradimento” dello Zar e il trionfo del Sultano. Il risiko del Caucaso (ora diventato più turco) (Il Giornale, 25 set)

Il massacro degli armeni nell’indifferenza occidentale (Gariwo, 25 set)

In migliaia in fuga dal Nagorno Karabakh. Erdogan “orgoglioso” di Baku (Euronews, 25 set)

Le mani di Erdogan sul Caucaso: un «corridoio» nelle aree armene (Avvenire, 26 set)

Nagorno Karabakh: una crisi dai risvolti oscuri (L’Opinione, 26 set)

Artsakh – Armeni in fuga tra terribili esplosioni (Assadakah, 26 set)

Nagorno-Karabakh, i profughi di una tregua fragile e violenta (Manifesto, 26 set)

289° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. 7° giorno della resa dopo l’attacco terroristico azero. Esodo di massa dall’Artsakh verso l’Armenia (Korazym, 26 set)

«Se l’Armenia non si difende, farà la fine del Nagorno-Karabakh» (Tempi, 26 set)

Nagorno Karabakh: Erdogan arriva, gli armeni se ne vanno (La nuova bussola quotidiana, 26 set)

Crisi umanitaria in Nagorno-Karabakh: in 19mila lasciano la regione. E l’Armenia chiede all’Ue sanzioni per il governo di Baku (Il fatto quotidiano, 26 set)

AZERBAIGIAN, PELLEGRINI (M5S): CROSETTO SPIEGHI FORNITURE MILITARI (Notizie geopolitiche, 26 set)

Esplode un deposito di carburante in Nagorno-Karabakh, almeno 68 morti (AGI, 26 set)

Addio al Karabakh, la fuga è una lunga attesa (manifesto, 26 set)

Una marea umana verso l’Armenia. E la Russia accusa il presidente Nikol Pashinian di aver fallito (Spondasud, 26 set)

Esodo dal Nagorno-Karabakh: la fuga degli armeni e i dubbi sul futuro del Caucaso (Il riformista, 27 set)

La fuga dei cristiani armeni dall’Artsakh invaso dagli Azeri (ACI stampa, 27 set)

290° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. 8° giorno della resa dopo l’attacco terroristico azero. “Dobbiamo andarcene, perché qui per noi con gli Azeri non c’è vita” (Korazym, 27 set)

Nagorno-Karabakh, arrestato l’ex premier dell’enclave separatista Ruben Vardanyan. Oltre 50mila gli sfollati (l fatto quotidiano, 27 set)

Nagorno-Karabakh: il preludio di un conflitto ancora più grande senza l’intervento dell’Occidente (Eastwest, 27 set)

Popoli sacrificabili. Come la regina negli scacchi (Korazym, 27 set)

Karabakh: dopo il cessate il fuoco, Armenia e Azerbaijan si preparano ai colloqui (Osservatorio Balcani Caucaso, 27 set)

Il Nagorno Karabakh e la fuga degli armeni: cosa sta succedendo e gli scenari possibili (Corriere della sera, 27 set)

L’Italia e l’Azerbaijan, la pace e i condizionatori accesi (Città nuova, 27 set)

Armi (droni) e intelligence: lo “scambio” tra Israele e Azerbaijan (Il sussidiario, 27 set)

Armi italiane all’autocrate azero Aliyev per la repressione degli armeni, il Pd attacca il governo: “Crosetto chiarisca in Parlamento” (La stampa, 27 set)

Nagorno-Karabakh, arrestato l’ex premier dell’enclave separatista Ruben Vardanyan. Oltre 50mila gli sfollati (Il fatto quotidiano, 27 set)

Armenia: in fuga da Nagorno Karabakh dopo l’attacco dell’Azerbaigian (MSF, 27 set)

Gas, petrolio, armi. Quanto basta a Roma (e Bruxelles) per tacere sulle angherie dell’Azerbaigian (Huffpost, 27 set)

Crisi umanitaria nel Nagorno-Karabakh: come aiutare la popolazione armena (Valigia blu, 27 set)

Perché sentiremo ancora parlare del Nagorno Karabakh (Lettera 43, 27 set)

NAGORNO KARABAKH/ “Il piano di Turchia e Azerbaijan è impadronirsi anche dell’Armenia” (Il sussidiario, 28 set)

Baku arresta Vardanyan, ex premier dell’Artsakh (il manifesto, 28 set)

Nagorno Karakah – Gli azeri arrestano l’ex Ministro armeno Ruben Vardanyan (Assadakah, 28 set)

Il tragico esodo degli armeni, cacciati dalla loro terra dall’Azerbaigian (Tempi, 28 set)

«Perché il mondo non si indigna per ciò che accade in Armenia?» (Tempi, 28 set)

Armenia, dal Nagorno-Karabakh oltre 65mila rifugiati | L’Artsakh cesserà di esistere dal primo gennaio 2024 (Il Riformista, 28 set)

«Perché il mondo non si indigna per ciò che accade in Armenia?» (Tempi, 28 set)

La Repubblica del Nagorno Karabakh smantellata dal 2024. Oltre 60mila scappati in Armenia (Il Fatto quotidiano, 28 set)

Nagorno Karabakh, lo choccante annuncio: dal 1 gennaio 2024 sarà la fine (TGLa7, 28 set)

Il Nagorno-Karabakh non esiste più. L’esodo di 88mila armeni (Avvenire, 28 set)

Nagorno-Karabakh. Ansia tra gli armeni a Gerusalemme (il manifesto, 28 set)

Dopo il Nagorno Karabakh occhi puntati sul Nakhchivan (Atlante guerre, 28 set)

291° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. 9° giorno della resa dopo l’attacco terroristico azero. Una comunità millenaria è terminata con la brutta forza (Korazym, 28 set)

La repubblica del Nagorno-Karabakh è stata dissolta. Più di metà della popolazione ha abbandonato la regione (Domani, 28 set)

Gas e armi, tutti gli affari italiani con l’Azerbaigian di Aliyev (Il manifesto, 29 set)

Tra i profughi fuggiti dall’Artsakh. «Non torneremo mai più nelle nostre case» (Tempi, 29 set)

Pulizia etnica in Nagorno-Karabakh: «Via tutti» (il manifesto, 29 set)

Nagorno Karabakh, l’esodo dei profughi armeni: “Abbiamo paura, ma siamo forti” (Il Giornale, 29 set)

Il Nagorno-Karabakh non esiste più. I suoi profughi sì (Rai news 24, 29 set, video)

In fuga dal Nagorno Karabakh (Osservatorio Balcani Caucaso, 29 set)

Gli armeni vittime della “realpolitik”. Altro Esodo nel silenzio (Avvenire, 29 set)

292° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. 10° giorno della resa dopo l’attacco terroristico azero. Proseguo l’esodo degli sfollati sforzati (Korazym, 29 set)

Armenia. L’UNHCR chiede un sostegno urgente per l’emergenza sanitaria (Notizie geopolitiche, 29 set)

Dite addio al Nagorno Karabakh (ISPI on line, 29 set)

«L’Azerbaigian ha ucciso i miei figli di otto e dieci anni» (Tempi, 30 set)

Nagorno-Karabakh, fine ingloriosa della Repubblica dell’Artsakh (Kulturjam, 30 set)

293° giorno dal #ArtsakhBlockade. 11° giorno della resa dopo la soluzione finale di Aliyev in Artsakh. ONU e EU hanno tradito l’Artsakh e i propri principi (Korazym, 30 set)

Continua l’esodo di massa dal Karabakh, fuggiti oltre 100mila armeni (Rai news, 30 set)

In fuga da Nagorno Karabakh (Articolo 21, 30 set)

Oltre centomila profughi sono giunti in Armenia dal Nagorno-Karabakh. L’Italia attiva la Protezione civile (Agenzia Nova, 30 set)

Hakobyan (Armenia): “In Nagorno-Karabakh un tentativo di genocidio culturale”/ “Ue indifferente” (Il sussidiario, 30 set)

“L’Occidente dei diritti ignora armeni del Nagorno Karabakh”/ Quirico “Lotta contro Putin ma perdona Aliyev” (Il sussidiario, 30 set)

(30) MANIFESTAZIONE A YEREVAN – Migliaia di persone si sono radunate a Yerevan in piazza della repubblica chiedendola liberazione delle autorità dell’Artsakh fatte prigioniere dagli azeri.

(30) DATI SFOLLATI – Alle 14 ora locale il numero degli sfollati era di 100.417. Artak Beglaryan, ex ministro di stato dell’Artsakh, ha dichiarato che in Nagorno Karabakh non è rimasto quasi più nessuno. “Le mie informazioni non ufficiali: gli ultimi gruppi di Artsakh sono attualmente in viaggio verso l’Armenia. Nell’Artsakh rimangono al massimo qualche centinaio di persone, la maggior parte delle quali sono funzionari, addetti ai servizi di emergenza, volontari e alcune persone con bisogni speciali. Anche loro si stanno preparando a partire”, ha scritto su Telegram.

(30) AMBULANZE A STEPANAKERT – Per far fronte alle urgenti necessità mediche a Stepanakert, 15 ambulanze sono state impiegate per trasportare persone con problemi muscoloscheletrici e altri problemi di salute in Armenia. Questa importante iniziativa è stata confermata durante una conferenza stampa da Nazeli Baghdasaryan, l’addetto stampa del capo del governo armeno. Il ministro della Sanità armeno Anahit Avanesyan ha fornito ulteriori dettagli, sottolineando l’attenzione verso le persone costrette a letto o alle prese con disturbi muscolo-scheletrici (ci sono 15 persone con questi problemi al momento a Stepanakert ). Queste ambulanze sono dedicate a facilitare il trasporto sicuro e rapido di questi pazienti verso le strutture mediche in Armenia.

(30) ARRESTATO BABAYAN –  I media azeri hanno riferito della detenzione dell’ex ministro degli Esteri dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh), David Babayan. Secondo questi rapporti, contro di lui è stato avviato un procedimento penale. In un post su Facebook pubblicato il 28 settembre, David Babayan ha annunciato la sua decisione di viaggiare da Stepanakert a Shushi. Ha spiegato che era incluso nella “lista nera” dell’Azerbaigian e che le autorità azere avevano richiesto la sua presenza a Baku per un’indagine. Babayan ha espresso la sua comprensione per l’ansia e lo stress che questa decisione causerebbe ai suoi cari, ma ha sottolineato il suo impegno ad essere una persona onesta, gran lavoratore, patriota e cristiano che non può permettere che venga fatto del male al suo popolo.

(29) DATI SFOLLATI – Alle 10 ora locale il numero degli sfollati era di 88.780

(28) JALAVYAN E’ A GORIS – l leggendario comandante dell’Artsakh, eroe dell’Artsakh, il colonnello Karen Jalavyan, Kyoch, è a Goris. Nei giorni scorsi era circolata la notizia di una sua possibile morte in battaglia.

(28) DATI SFOLLATI – Alle 14ora locale il numero degli sfollati dall’Artsakh è salito a 70.500. Nel frattempo le autorità dell’Azerbaigian hanno comunicato l’inizio delle operazioni amministrative di registrazione degli armeni dell’Artsakh per determinare il loro status legale.

(28) BABAYAN E BELGLARYAN – L’ex ministro degli Esteri nonché portavoce della presidenza della repubblica ha detto che si consegnerà agli azeri a Shushi. L’ex consigliere presidenziale Belglaryan ha informato ch è vivo e in un luogo segreto.

(28) ACCUSE A VARDANYAN – L’Azerbaigian accusa l’ex ministro di Stato di ingresso illegale nello Stato, attività cirminali e finanziamento del terrorismo. Per il politico (con cittadinanza armena) si profila una condanna non inferiore a 14 anni di reclusione. Nel frattempo è stato già condannato a quattro mesi di reclusione. Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Matthew Miller ha risposto oggi in un briefing alla domanda sull’arresto dell’ex ministro di Stato dell’Artsakh Ruben Vardanyan da parte dell’Azerbaigian dopo aver attraversato il corridoio Lachin. “Siamo a conoscenza dell’arresto. Stiamo monitorando da vicino la situazione. Non ho altri commenti oggi”, ha detto. 

(28) DECRETO SU STATO ARTSAKH – Il presidente della repubblica, Samvel Shahramanyan, ha firmato oggi un decreto che prevede lo sciogliemento di tutte le istituzioni statali alla data del primo gennaio 2024.

(27) PERDITE AZERE – Secondo il ministero della Difesa dell’Azerbaigian nell’attacco all’Artsakh sono rimasti uccisi 180 soldati azeri e 12 dipendenti del Ministero degli Interni, mentre 511 soldati sono rimasti feriti.

(27) DATI SFOLLATI – Alle 18 ora locale il numero degli sfollati dall’Artsakh è salito a 53.629. Quasi metà della popolazione ha abbandonato la repubblica.

(27) ARRESTATO VARDANYAN – L’ex ministro di Stato Ruben Vardanyan è stato arrestato dalle autorità azere al checkpoint all’ingresso del corridoio di Lachin mentre stava per raggiungere l’Armenia. Il politico armeno è la prima alta figura dello Stato ad essere catturata dal nemico. Secondo fonti azere sarebbe stato già trasfrito a Baku.

(27) SOCCORSO AZERO? – I media azeri riferiscono che una brigata del servizio di emergenza formata da 50 persone è stata inviata in Artsakh a seguito dell’esplosione del deposito di carburante e che una colonna di 53 veicoli è diretta a Ivanian per allestire un ospedale da campo.

(27) ESPLOSIONE – Dopo l’esplosione di un deposito di carburante vicino alla capitale del Nagorno-Karabakh Stepanakert, 58 persone con ustioni di vario grado sono state evacuate dalle strutture mediche del Nagorno-Karabakh con voli dell’aviazione sanitaria delle forze aerospaziali russe per cure mediche specialistiche in Armenia. Lo ha riferito il servizio stampa del Ministero della Difesa russo segnalando altresì che si trovano ancora 522 civili, tra cui 293 bambini, nel quartier generale delle truppe russe di mantenimento della pace nel Nagorno Karabakh, e che attualmente non possono tornare alle loro case. Per loro sono stati organizzati alloggio, cibo e assistenza medica. nGli elicotteri della forza di pace russa hanno trasportato in Armenia 142 feriti.

(27) COLLOQUIO LAVROV-BAYRAMOV – Oggi ha avuto luogo una conversazione telefonica tra il Ministro degli Affari Esteri della Federazione Russa Sergey Lavrov e il Ministro degli Affari Esteri dell’Azerbaigian Jeihun Bayramov. Lo ha riferito il servizio stampa del ministero degli Esteri russo. “È stata discussa la situazione in Karabakh, comprese le questioni relative agli aiuti umanitari, ai diritti e alla sicurezza della popolazione armena locale. Sono state discusse le modalità per attuare un pacchetto di accordi tripartiti al massimo livello nel 2020-2022, riguardanti lo sviluppo di un trattato di pace tra Baku e Yerevan, la delimitazione del confine armeno-azerbaigiano e lo sblocco delle comunicazioni di trasporto. Verranno inoltre toccati alcuni temi dell’agenda bilaterale e regionale. È stato raggiunto un accordo su ulteriori contatti a diversi livelli”,

(27) KARABAKH TELECOM – Il lavoro dell’operatore mobile “Karabakh Telecom” è stato interrotto nell’Artsakh. Lo riferiscono i media azeri. Si nota che d’ora in poi le chiamate verranno effettuate solo tramite gli operatori di telecomunicazioni dell’Azerbaigian.

(27) INIZIATIVA FRANCESE – La Francia aprirà presto un ufficio consolare nella provincia meridionale armena di Syunik, vicino al confine, e stanzierà ulteriori 7 milioni di euro in aiuti all’Armenia e al Nagorno Karabakh secondo quanto detto dal ministro degli Esteri francese Catherine Colonna durante una sessione di domande e risposte in parlamento. L’apertura di un consolato nell’Armenia meridionale è molto significativa dal punto di vista politico e un chiaro messaggio ad Aliyev.

(27) ALIYEV E ONU – Le autorità azere sono pronte ad organizzare un viaggio in Karabakh per i rappresentanti delle Nazioni Unite. Lo ha detto il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev in una conversazione telefonica con il segretario di Stato americano Antony Blinken. Aliyev ha sottolineato che si sta lavorando per garantire i diritti della popolazione armena del Karabakh in conformità con la legislazione azera e gli obblighi internazionali del paese.

(27) ANNIVERSARIO – Tre anni fa l’Azerbaigian attaccava la repubblica di Artsakh. Un’altra guerra. E non era l’ultima.

(26) ESODO – 20.270 persone hanno già lasciato l’Artsakh. 2850 di queste persone hanno ricevuto un alloggio dallo Stato secondo quanto riferito dal portavoce del Primo ministro dell’Armenia, Nazeli Baghdasaryan, nel corso di una conferenza stampa. “20.270 persone hanno già ricevuto la registrazione e la loro assegnazione è in corso. Lo Stato si è occupato dell’alloggio di 2.850 sfollati forzati. In particolare, la questione abitativa di 615 persone è stata risolta a Goris, 169 a Sisian, 171 a Tatev, 324 a Kapan e 19 a Meghri”, ha detto. “In generale, 1.298 sfollati sono stati collocati nella regione di Syunik, 532 a Vayots Dzor, 752 a Gegharkunik, 268 a Tavush”, ha aggiunto Nazeli Baghdasaryan. Si è appreso che oggi un uomo di 60 anni, originario di Shushi, è morto durante il viaggio verso l’Armenia per cause ancora sconosciute.

(26) BILANCIO ESPLOSIONE – Sono al momento 125 le vittime dell’esplosione al deposito di carburante vicino Stepanakert. 63 gli ustionati ricoverati in città mentre altri 23 sono stati trasferiti con ambulanze in Armenia.

(26) RIUNIONE BRUXELLES – Oggi è in programma una riunione tra i consiglieri nazionali della sicurezza di Armenia, Azerbaigian, Francia, Germania con il rappresentante speciale Ue per il Caucaso Meridionale, Toivo Klaar. Ad ospitare il vertice il consigliere nazionale per la sicurezza del Consiglio Ue, Simon Mordue. Scopo dell’incontro sarà fare il punto della situazione attuale e preparare un possibile incontro dei leader a Granada, dove il 5 ottobre si terrà il vertice della Comunità Politica Europea. 

(26) IN FUGA DALL’ARTSAKH – Alle ore 10 locali erano più di 13.000 i cittadini che hanno lasciato l’Artsakh. una fila ininterrotta di auto crea un serpentone da Stepanakert al confine con l’Armenia. Le autorità dell’Artsakh inutilmente hanno lanciato un appello per non intasare il corridoio di Lachin.

(26) BILANCIO GRAVISSIMO PER ESPLOSIONE – A questa mattina il bilnacio dell’esplosione di ieri al deposito di carburante è di venti morti (13 ancora da ricnoscere) e 290 feriti. Molti dispersi. un centinaio di persone avrebbero ustioni quasi tottali. Da Yerevan sono giunti in elicottero alcuni medici che hano portato anche farmaci e medicazioni. l’opsedale centrale di Stepanakert è al collasso senza cibo, medicine e apparecchiature. Con gli elicotteri si trasportano in Armenia i malati più gravi.

(25) ESPLOSIONE CARBURANTI – Una violenta esplosione è occorsa a un deposito di carburante che si trova tra Stepanakert e Askeran. Intorno alla struttura si trovavano centinaia di persone che stavano cercando di ottenere il rifornimento per le proprie auto onde poter lasciare l’Artsakh. Il primo bilancio provvisorio parla di vittime e circa duecento feriti. Ignote le cause dello scoppio, nulla può essere escluso.

(25) INVITO DELLE AUTORITA’ – Il presidente della repubblica Shahramanyan ha tenuto una riunione di lavoro con il ministro dell’Interno e altri funzionari di Stato. Sono state date istruzioni per organizzare la circolazione sicura dei cittadini, nonché la sicurezza interna, il traffico stradale e l’ordine pubblico. In particolare, in conseguenza del gran numero di veicoli che stanno lasciando l’Artsakh, le autorità di Stepanakert invitano a non farsi prendere dal panico e non avere fretta per non sovraccaricare il corridoio che collega l’Artsakh all’Armenia. Il trasferimento della popolazione avviene per fasi, per le quali non sono previste scadenze prestabilite. Il processo continuerà fino a quando non sarà pienamente garantito il trasporto dei cittadini che desiderano recarsi in Armenia. Il Servizio statale per le situazioni di emergenza del Ministero degli affari interni continua la sua missione, effettuando operazioni di ricerca e salvataggio dei resti di militari e civili morti, nonché dei nostri connazionali ancora sconosciuti.

(25) SECONDO INCONTRO ARMENO-AZERO – Si è tenuto un nuovo incontro tra una delegazione armena e una dell’Azerbaigian a Ivanian presso la base militare russa. La presidenza della repubblica dell’Azerbaigian ha rilasciato una nota nella quale si informa che è stato espresso accordo sulle misure adottate per risolvere le questioni discusse il 21 settembre nella città di Yevlakh, in particolare, sulla fornitura di assistenza umanitaria il più presto possibile, sulla ripresa delle forniture di carburante ed elettricità.  E’ stato proposto di creare le condizioni affinché i rappresentanti del Comitato internazionale della Croce Rossa possano incontrare aziani rimasti soli nei villaggi e trasferirli ai familiari o alle istituzioni mediche appropriate. È stato raggiunto un accordo per organizzare un incontro dei membri del gruppo di lavoro per risolvere le questioni sociali, umanitarie, economiche e infrastrutturali. È stato proposto di organizzare congiuntamente i servizi medici di operatori sanitari di origine azera e armena in un ospedale da campo, che si propone di creare vicino alla città Stepanakert o in direzione di Ivanian. Inoltre, è stato proposto di creare un servizio mobile di fornitura alimentare da parte del personale di servizio azero e armeno. Al momento non è stata rilasciata alcuna nota da parte armena.

(25) ARMENI IN FUGA – Alle 12 ora locale (le 10 in Italia) erano 4850 gli armeni scappati dall’Artsakh alla volta dell’Armenia. Molti residenti di Martakert e Martuni sono stati prelevati dalla forza di pace russa e scortati fino al confine dove sono stati presi in carico dai centri di raccolta dei profughi. Alle 17 (le 15 in Italia) il numero era di 6650 pari a circa il 5% della popolazione.

(25) SANZIONI UE ALL’AZERBAIGIAN – Il capo della delegazione per le relazioni con il Caucaso meridionale del Parlamento europeo, Marina Kalyurand, ha reso pubblica una dichiarazione congiunta sua e di altri 3 funzionari del Parlamento europeo (il presidente della commissione per le relazioni estere, David McAllister, il relatore permanente sull’Armenia, Andrei Kovachev, e il relatore permanente sull’Azerbaigian, Zhelyana Zovko) secondo cui questi ultimi invitano il Consiglio a rivedere attentamente le relazioni dell’UE con l’Azerbaigian e a considerare la questione di imporre sanzioni alle autorità azere.

(25) DICHIARAZIONI RUSSE – “Non ci sono chiarimenti riguardo al possibile incontro tra il presidente russo Vladimir Putin, il primo ministro armeno Nikol Pashinyan e il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev“. Lo ha detto il portavoce del presidente russo, Dmitry Peskov. “Per quanto riguarda la soluzione della situazione nel Karabakh, la cosa principale è evitare i tentativi di terzi senza potenziale di mantenimento della pace di rafforzare la loro presenza nel Caucaso“, ha aggiunto il portavoce. “L’Armenia rimane nostro alleato, uno stato vicino. Sapete che nel nostro Paese vivono più armeni che nella stessa Armenia, molto di più. Continueremo a svolgere le nostre funzioni, continueremo il dialogo con la parte armena, compreso Pashinyan, e continueremo a lavorare per preservare tutti i diritti degli armeni residenti nel Karabakh“, ha affermato Peskov. Il Cremlino spera che l’incontro tra i presidenti di Turchia e Azerbaigian a Nakhichevan contribuirà alla “sicurezza in Karabakh e alla normalizzazione della vita nella regione”.

(25) ERDOGAN IN NAKICHEVAN – Il presidente turco Recep Erdogan è partito per Nakhichevan. Erdogan è accompagnato dal Ministro degli Affari Esteri Hakan Fidan, dal Ministro della Difesa Nazionale Yasar Güler, dal Ministro dell’Energia e delle Risorse Naturali Alparslan Bayraktar, dal Ministro dell’Ambiente, dello Sviluppo Urbano e dei Cambiamenti Climatici Mehmet Ozaseki, dal Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Abdulkadir Uraloglu, dal Ministro del Commercio Omer Bolat. A Nakhijevan Erdogan incontrerà Ilham Aliyev, parteciperà alla cerimonia di posa della prima pietra del gasdotto Igdir-Nakhijevan e, dopo la conferenza stampa congiunta, parteciperà alla cerimonia di apertura del complesso di produzione militare. complesso produttivo militare.

(25) SITUAZIONE RAPITI – Le autorità dell’Artsakh non conoscono i nomi di coloro che sono stati rapiti dagli azeri nel corso dell’attacco del 19 settembre

(24) SITUAZIONE SFOLLATI – Alle 22 ora locale sono stati 1050 i cittadini dell’Artsakh trasportati in Armenia. 770 già registrati, per gli altri 280 in corso il relativo procedimento di identificazione.

(24) RITORNA L’ELETTRICITA’ – Intorno alle 21 ora locale (le 19 in Italia) è stata ripristinata la corrente elettrica a Stepanakert.

(24) PROSSIMI VERITICI ARMENO-AZERI – I leader di Armenia e Azerbaigian si incontreranno il prossimo 5 ottobre nella città spagnola di Granada (dove è previsto un vertice della Comunità politica europea) per negoziati in merito alla situazione nel Nagorno Karabakh. Lo ha riferito il Consiglio di sicurezza armeno. In una nota viene spiegato che per preparare i negoziati “il segretario del Consiglio di sicurezza dell’Armenia, Armen Grigoryan, e l’assistente del presidente dell’Azerbaigian, Hikmet Hajiyev, terranno un incontro a Bruxelles il 26 settembre”.

(24) PRIMI SFOLLATI ARRIVATI IN ARMENIA – Alle 18 ora loacale, sono 377 cittadini sfollati che sono entrati in Armenia provenienti dal Nagorno Karabakh. Lo annuncia il governo della Repubblica Armena. Di questi, i dati censiti per 216 sono stati riepilogati e i bisogni di 161 sono ancora in fase di identificazione. Dei 216 registrati, 118 volevano recarsi nelle residenze designate e 98 attualmente dispongono di un alloggio fornito dal governo.

(24) LA SITUAZIONE – * Il villaggio di Sarnaghbyur, nella regione di Askeran, contava 76 abitanti prima dell’attacco dell’Azerbaigian del 19 settembre.Cinque di loro sono stati uccisi, 15 feriti, 4 catturati dall’Azerbaigian. Lo riferisce l’ombudsman dell’Artsakh.
* I residenti del villaggio di Yegtsaokh nel distretto di Shushi sono stati evacuati e portati a Kornidzor. A seguito delle recenti ostilità, sono rimasti senza casa e hanno espresso il desiderio di trasferirsi dai loro parenti in Armenia. Lo riferisce il quartier generale dell’informazione dell’Artsakh.
* In conformità con l’accordo raggiunto il 20 settembre, sarà assicurata l’uscita del personale dell’Esercito della Difesa dal Nagorno Karabakh in direzione di Lachin-Stepanakert e Karvachar-Vardenis. Lo afferma una dichiarazione del Ministero degli affari interni dell’Azerbaigian, come riportato dai media azeri. Per garantire il viaggio verranno utilizzati autobus e trasporti personali.
* Il Ministero della Difesa della Repubblica d’Armenia ha ribadito la sua posizione in risposta al comunicato del Ministero degli Affari Interni dell’Azerbaigian del 24 settembre, nonché ad altre dichiarazioni ufficiali dell’Azerbaigian, che continuano a diffondere false affermazioni sulla presenza di forze armate armene Unità delle forze armate nel Nagorno-Karabakh. Il Ministero della Difesa della Repubblica d’Armenia sottolinea ancora una volta che non ci sono unità delle Forze Armate RA nel Nagorno-Karabakh.
* L’Azerbaigian ha creato uno speciale gruppo di lavoro governativo che discuterà gli aspetti umanitari, economici e sociali dell’integrazione del Nagorno Karabakh. Lo ha detto in un’intervista a Politico Hikmet Hajiyev, consigliere del presidente dell’Azerbaigian.

(24) PROPOSTA TURCA – Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha intenzione di discutere il proposto incontro tra i leader di Federazione Russa, Turchia, Azerbaigian e Armenia con il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev durante la sua visita di domani nel Nakhichevan, secondo una fonte nell’amministrazione del leader turco. Erdogan aveva precedentemente dichiarato di aver proposto di tenere un incontro quadrilatero dei leader di Federazione Russa, Turchia, Azerbaigian e Armenia. Tuttavia, Ankara non ha ancora ricevuto risposta a questa proposta. Il presidente turco ha espresso l’intenzione di discutere la questione 

(23) ACCORDI RAGGIUNTI CON GLI AZERI – L’InfoCenter Artsakh ha riferito sugli accordi raggiunti con l’Azerbaigian: “Secondo l’accordo sulla cessazione delle ostilità raggiunto con l’Azerbaigian il 20 settembre attraverso la mediazione della parte russa, attualmente si stanno portando avanti le seguenti azioni:
* ritiro delle unità dell’Esercito di Difesa dalle posizioni di combattimento e loro trasferimento in luoghi di schieramento permanente parallelamente al processo di scioglimento dell’Esercito
* attività di ricerca di persone morte e scomparse
* trasporto dei feriti in condizioni gravi ed estremamente gravi, nonché dei pazienti, alle istituzioni mediche in Armenia, accompagnati dal Comitato internazionale della Croce Rossa e dalle forze di pace russe
* importazione di forniture umanitarie, medicinali, beni essenziali e carburante nell’Artsakh attraverso la strada Goris-Stepanakert attraverso la mediazione della missione di mantenimento della pace russa
* l’inizio dei lavori per il ripristino dell’energia elettrica il 24 settembre
* organizzazione di consultazioni politiche sul futuro dell’Artsakh e della sua popolazione
Chiediamo ai nostri connazionali di mantenere la calma e di non cedere al panico e alle provocazioni.In questo momento fatidico, le autorità della Repubblica informeranno regolarmente il pubblico su tutte le decisioni e gli sviluppi della situazione
”, si legge nel messaggio.

(23) AGGIORNAMENTI SITUAZIONE – * Nell’Artsakh, i corpi di circa 100 vittime uccise dai militari azeri si trovano in comunità isolate da Stepanakert (Martuni, Martakert, ecc.). Ci sono casi in cui vengono uccise diverse vittime civili pacifiche di una stessa famiglia, ha detto su Facebook Arman Tatoyan, ex difensore dei diritti umani dell’Armenia.
* Oggi, il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) ha inviato circa 70 tonnellate di aiuti umanitari alla popolazione del [Artsakh] Nagorno-Karabakh attraverso il corridoio [Berdzor] Lachin. Si tratta per lo più di farina  e dagli ingredienti essenziali necessari per cuocere il pane.
* Toivo Klaar, il rappresentante speciale dell’Unione europea per il Caucaso meridionale, è stato ricevuto dal presidente azero Aliyev. In precedenza a Yerevan aveva incontrato il premier Pashinyan. In Armenia, l’ambasciatore USA si è recato nel Syunik e ha verificato la situazione all’ingresso del corridoio di Lachin.
* Le truppe russe di mantenimento della pace sono impegnate nella fornitura di assistenza umanitaria alla popolazione civile dell’Artsakh. Secondo le informazioni del Ministero della Difesa russo, attualmente ci sono 826 civili, tra cui 440 bambini, sotto la cura e la protezione delle forze di pace russe
* Il Servizio di sicurezza nazionale armeno (NSS) ha segnalato un aumento significativo degli attacchi informatici contro il dominio Internet armeno durante la prima decade di settembre
* La notte scorsa in Artsakh si è svolta senza scontri militari e non ci sono state segnalazioni di esplosioni o proiettili.

(22) AIUTI UMANITARI – Le forze di pace russe hanno assicurato la consegna di 50 tonnellate di aiuti umanitari alla popolazione del Nagorno Karabakh attraverso il corridoio Lachin e la strada Aghdam. Lo ha riferito il Ministero della Difesa della Federazione Russa. In precedenza, media hanno riferito che un convoglio di circa 15 camion di forze di pace russe era transitato sulla strada Goris (ARM)-Stepanakert.

(22) AGGIORNAMENTI SITUAZIONE (ore 20) – *Il ministro della Sanità dell’Artsakh, Vardan Tadevosyan, riferisce che ci sono difficoltà a traspoprtare da martakert a Stepanakert i corpi dei caduti. Ci sono diverse decine di vittime e tra loro ci sono civili e un bambino. 
* Smentita la morte del comandante Jaren Jalavyan (Kyokh) che pare avesse annunciato di non voler deporre le armi e continuare a combattere. Al momento non se ne conosce la sorte.
* Negli ultimi due giorni, l’Ufficio per i difensori dei diritti umani e altri organi statali correlati dell’Artsakh/Nagorno-Karabakh hanno ricevuto più di 600 chiamate e richieste da cittadini che cercano i loro familiari e parenti scomparsi.
* Secondo quanto riferito dal congliere presidenziale Babayan, oggi sette automezzi della forza di pace russa sono entrati in Artsakh da Lachin consegnando aiuti umanitari. Giornalisti in zona confermano il passaggio.
* Continuano le proteste in Armenia. Quattro cortei stanno convergendo verso piazza della repubblica a Yerevan. Manifestazioni anche a Gymri, bloccate alcune strade statali.
* Il Comando delle forze di pace russe ha registrato due violazioni del cessate-il-fuoco nella regione di Askeran

(22) ESERCITO DI DIFESA – Non è stato raggiunto alcun accordo con l’Azerbaigian sulle garanzie di sicurezza o sull’amnistia che saranno concesse ai soldati e agli ufficiali dell’Esercito di difesa del Nagorno Karabakh in caso di loro scioglimento, ha detto all’agenzia Reuters Davit Babayan, consigliere del presidente del Nagorno-Karabakh. “Queste questioni devono ancora essere risolte. Non ci sono ancora risultati concreti”, ha detto.

(22) AGGIORNAMENTI SITUAZIONE (ore 18) – * Sono in corso negoziati con la parte azera, attraverso la mediazione delle forze di pace russe, per effettuare il ritiro delle truppe e garantire il ritorno alle loro case delle persone evacuate a seguito dell’aggressione militare. Allo stesso tempo, viene discussa anche la procedura per le persone che entrano ed escono dall’Artsakh.
* Ieri è stato possibile stabilire un contatto con 7-8 dozzine di residenti dell’Artsakh che fino a quel momento erano considerati dispersi e portarli sani e salvi fuori dal blocco. “Come risultato delle ultime operazioni [militari] [dell’Azerbaigian nell’Artsakh], ci sono state posizioni [militari dell’Artsakh] sotto assedio, da dove i nostri militari sono stati portati fuori attraverso i negoziati”, ha dichiarato il deputato Tigran Abrahamyan.
* La presenza delle potenti forze armate iraniane nella regione impedirà qualsiasi cambiamento nella geopolitica e nei confini regionali. Lo ha affermato il presidente iraniano Ebrahim Raisi, intervenendo alla parata militare dedicata all’anniversario della guerra del 1980-88 con l’Iraq. Il presidente Raisi ha aggiunto che i diritti degli armeni devono essere rispettati quindi è necessario garantire la sicurezza e i diritti degli armeni nella regione e gli attuali confini non possono essere modificati.
* A Stepanakert, le persone rimuovono le foto dei loro parenti morti dal tabellone commemorativo degli eroi, in modo che gli azeri non le profanino. Sui social network circolano le foto di Stepanakert, dove si vede che le persone hanno rimosso le foto dei loro parenti morti nella guerra dei 44 giorni dal tabellone commemorativo collocato nella piazza Rinascimentale della città. La gente ha paura che gli azeri profanino quelle foto se entrano in città.
* In risposta alle urgenti necessità mediche della città assediata di Martuni, furono inviati veicoli della Croce Rossa. Un residente della città, parlando a Radio Azatutyun, ha rivelato che questi veicoli trasportavano 9 feriti che non potevano essere portati a Stepanakert nei giorni scorsi. I media azeri hanno anche pubblicato filmati che mostrano il movimento dei veicoli del CICR (Comitato Internazionale della Croce Rossa).

(22) CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO – La Corte europea dei diritti dell’uomo ha pienamente soddisfatto la richiesta presentata dall’Armenia e ha applicato misure provvisorie contro l’Azerbaigian, riferisce il Rappresentante dell’AR per le questioni legali internazionali. “Il 22 settembre 2023, la Corte europea dei diritti dell’uomo, ritenendo che l’attuale situazione nel Nagorno-Karabakh comporta un rischio di gravi violazioni della Convenzione, ha applicato l’articolo 39 secondo il Regolamento della Corte. La Corte ha deciso, nonostante l’accordo di cessate il fuoco raggiunto il 20 settembre 2023, di indicare al governo dell’Azerbaigian di astenersi dall’adottare qualsiasi misura che possa comportare la violazione degli obblighi derivanti dalla Convenzione, in particolare dell’articolo 2 (diritto alla vita) e dell’articolo 3 ( divieto della tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti). La Corte ha inoltre deciso di dare immediata comunicazione della suddetta misura provvisoria al Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa in conformità con l’articolo 39 § 2“, si legge nella nota.

(22) DICHIARAZIONI TURCHE – La Turchia ha accusato l’Armenia dell’aggressione militare dell’Azerbaijan contro l’Artsakh (Nagorno-Karabakh), affermando che questa è stata “una conseguenza del fatto che l’Armenia non ha adempiuto ai propri obblighi derivanti dagli accordi precedentemente raggiunti”. Lo ha dichiarato il ministro della difesa nazionale turco Yasar Guler in un’intervista al quotidiano Milliyet.

(22) BABAYAN COMMENTA LA SITUAZIONE – I media azeri annunciano che il Ministero per le situazioni di emergenza del Paese ha deciso di inviare un carico di cibo nell’Artsakh per scopi umanitari. Secondo le stesse informazioni, 2 camion da 20 tonnellate sono stati inviati ad Artsakh con vari prodotti alimentari e articoli per l’igiene e 2 auto con il pane. Davit Babayan, consigliere del presidente della Repubblica dell’Artsakh, rappresentante per incarichi speciali, ex ministro degli Affari esteri, ha dichiarato: “L’Azerbaigian non ha fornito alcun aiuto umanitario all’Artsakh, l’Artsakh si aspetta che gli aiuti umanitari arrivino dall’Armenia attraverso il corridoio Berdzor“. Davit Babayan ha anche informato che al momento la situazione nell’Artsakh è stabile, ma complicata. “Ora, ovviamente, alcune cose si stanno ripristinando, ci aspettiamo che i beni umanitari arrivino dall’Armenia attraverso il corridoio Berdzor. Stiamo aspettando che il primo carico umanitario entri nell’Artsakh assediato da Goris e raggiunga Stepanakert attraverso il corridoio Berdzor“, ha sottolineato Davit Babayan. Lui ha anche sottolineato che, oltre a tutto questo, nell’Artsakh dovrebbero essere effettuate le operazioni di ricerca per trovare le vittime e le persone scomparse a seguito dell’aggressione azera. Per quanto riguarda la dichiarazione resa ieri in diretta da Nikol Pashinyan secondo cui “non esiste alcuna minaccia diretta da parte dell’Azerbaigian alla popolazione dell’Artsakh”, Davit Babayan ha detto: “Non voglio davvero commentare queste affermazioni, cosa dovrei dire: abbiamo sfollati, persone morte, persone scomparse, persone sotto assedio, compresi bambini morti, qualunque cosa dica, non voglio commentare“, ha concluso Davit Babayan.

(22) AGGIORNAMENTI SITUAZIONE (ore 12) – * Nella odierna riunione di governo, l’Armenia ha deciso di allestire una stazione umanitaria a Kornidzor, in prossimità dell’uscita del corridoio di Lachin. Nella motivazione della decisione si menziona che lo scopo della stazione è quello di unire gli sforzi delle organizzazioni internazionali e dei gruppi stranieri, presentare oggettivamente la crisi umanitaria alle strutture internazionali e straniere, sostenere il lavoro delle organizzazioni per i diritti umani e delle organizzazioni internazionali media volti ad aprire il Corridoio Lachin e a superare la crisi umanitaria. La stazione umanitaria fungerà da piattaforma attraverso la quale sarà possibile presentare tutta la verità sulla crisi umanitaria nel Nagorno-Karabakh alle organizzazioni per i diritti umani e alla comunità mondiale, organizzare le loro visite e fornire informazioni sullo svolgimento degli eventi direttamente dal ambiente in cui l’onere umanitario viene accumulato allo scopo di fornire aiuti.
* La Commissione europea sta mobilitando aiuti umanitari per un valore di 500.000 euro a sostegno delle persone colpite dall’escalation dei combattimenti nel Nagorno Karabakh. “In fuga dalla violenza, migliaia di persone sono ora costrette ad abbandonare le proprie case e hanno bisogno di assistenza. Gli aiuti umanitari dell’UE aiuteranno le vittime a soddisfare i loro bisogni primari attraverso aiuti finanziari, oltre a fornire loro alloggio e sostegno psicologico e sociale. Questo finanziamento di emergenza si aggiunge agli 1,17 milioni di euro in aiuti umanitari che l’UE ha stanziato all’inizio di quest’anno per far fronte alla crisi nel Nagorno-Karabakh.
* Gli azeri hanno smantellato il monumento al carro armato armeno nella zona occupata di Shushi. I media azeri pubblicano filmati dello smantellamento.

(21) NAZIONI UNITE – Alle 21 ora italiana è iniziata la riunione del Consiglio di sicurezza dell’ONU alla quale partecipano anche Armenia e Azerbaigian.

(21) LA SITUAZIONE IN ARTSAKH – *Attualmente, dopo la completa cessazione delle ostilità ottenuta durante il processo negoziale mediato dal comando del contingente russo di mantenimento della pace, 704 persone, tra cui 440 bambini, rimangono nella sede delle forze di pace sulle circa 5000 che erano state portate durante l’attacco.
* Smentita la consegna di aiuti umanitari alla popolazione. In giornata due camion russi erano passati dal checkpoint sul fiume Hakari.
* L’ex ministro di Stato Ruben Vardanyan ha chiesto che le Nazioni Unite inviino una missione di soccorso per la popolazione armena.

(21) DICHIARAZIONE PESKOV – È improbabile che qualcuno si prenda il compito di delineare i tempi per la conclusione di un trattato di pace tra Armenia e Azerbaigian, ha detto il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov. “Ora difficilmente qualcuno si assumerà il compito di delineare i tempi, ma dato che la questione principale dell’appartenenza del Karabakh in quanto tale è stata ora risolta – è stata risolta e risolta dalla decisione dell’Armenia di riconoscere l’appartenenza del Karabakh – allora possiamo diciamo che sono stati ottenuti progressi sostanziali” ha dichiarato Peskov.

(21) VITTIME AZERE – Secondo media azeri l’azione di guerra dell’Azerbaigian sarebbe costata la vita ad almeno una ottantina di soldati.

(21) PROGRAMMATO ALTRO INCONTRO – “È stato raggiunto un accordo per tenere il prossimo incontro nel prossimo futuro”, riferiscono i media azeri, citando l’ufficio presidenziale azerbaigiano riguardo alla riunione che si è avuta oggi nella citta di Yevlak in Azerbaigian. Come già riportato, il Nagorno Karabakh era rappresentato all’incontro di oggi dal deputato Davit Melkumyan e dal segretario ad interim del Consiglio di Sicurezza, Sergey Martirosyan. Il deputato Ramin Mammadov ha rappresentato l’Azerbaigian. “Credo che i negoziati di oggi a Yevlakh siano il primo di molti incontri. Non ci si dovrebbe aspettare che tutti i problemi tra gli armeni del Karabakh e l’Azerbaigian vengano risolti durante un incontro” ha dichiarato Elchin Amirbekov, rappresentante del presidente dell’Azerbaigian con incarichi speciali.

(21) DICHIARAZIONE BORRELL – L’Unione europea ha attribuito all’Azerbaigian la responsabilità del rispetto dei diritti e della sicurezza degli armeni del Nagorno-Karabakh e ha detto che prenderà provvedimenti contro l’Azerbaigian se ricorre all’oppressione, ha detto il capo della diplomazia dell’UE Josep Borrell. “L’Azerbaigian è responsabile del rispetto dei diritti e della garanzia della sicurezza degli armeni del Karabakh, compreso il diritto di vivere nelle proprie case senza essere soggetti a minacce e discriminazioni. Lo spostamento forzato di civili, mediante l’uso di mezzi militari o di altro tipo, incontrerà una forte risposta da parte dell’UE. L’UE è pronta ad adottare misure adeguate se la situazione dovesse peggiorare ulteriormente”, ha affermato Borrell in una nota.

(21) ALIYEV SI SCUSA CON PUTIN – Aliyev ha telefonato a Putin e si è scusato per i cinque soldati russi della forza di pace (compresi due vicecomandanti) colpiti nel corso dell’attacco. Ha inviato condoglianze alle famiglie e dando la disponibilità a provvedere all’ssistenza materiale per le famiglie. Il presidente azero ha dichiarato che sarà aperta un’inchiesta. Tre anni fa la guerra dei 44 giorni terminò quando gli azeri dal Nakhjivan abbatterono un elicottero che voleva sul cielo dell’Armenia pensando che fosse armeno (e invece era russo…).

(21) AGGIORNAMENTO (ore 13) – * Il vertice di Yevlakh si è concluso. Il rappresentante degli armeni dell’Artsakh ha dichiarato dopo l’incontro a Yevlakh che non esiste un accordo definitivo con Baku, è necessario concordare i dettagli. Allo stesso tempo, il rappresentante di Aliyev ha dichiarato che i negoziati tra gli armeni dell’Artsakh e l’Azerbaigian possono portare alla conclusione di un trattato di pace, che metterà fine al conflitto. La delegazione armena (video) sta rientrando a Stepanakert.
* Il ministero della Difesa russo ha dichiarato che durante l’attacco azero di ieri sono morti due vicecomandanti e tre soldati della forza di pace.
* Più di sessanta deputati europei hanno chiesto al Commissario agli Affari Esteri della UE che l’Unione applichi sanzioni all’Azerbaigian.

(21) AGGIORNAMENTO (ore 12) – *Gli azeri, che stanno circondando Stepanakert, sono entrati nel villaggio di Haterk e hanno ucciso un civile. Giungono da altri villaggi notizie di esecuzioni sommarie di civili.
* questa mattina i soldati nemici di sono avvicinati alla capitale provenendo da Shushi e ne è scaturito uno scontro a fuoco con là forze di difesa armene.
* tutti i giornalisti e operatori ti sono stati allontanati dal luogo a Yevlakh dove si sta svolgendo l’incontro tra la delegazione armena è quella azera. Al meeting partecipa anche il vice comandante delle forze di pace russa Kovgan

(21) AGGIORNAMENTO (ore 11) – Circa trenta minuti fa udite a Stepanakert tre forti esplosioni (provenienti da fuori città probabilmente) nonché colpi di arma da fuoco. Nella capitale non c’è gas e manca la corrente. Il segnale telefonico e internet è molto debole a causa della distruzione degli impianti da parte degli azeri.

(21) AGGIORNAMENTO (ore 9) – Oggi, nella cittadina dell’Azerbaigian si incontrano una delegazione dell’Artsakh e una azera. Sia i rappresentanti dell’Artsakh che quelli dell’Azerbaigian si trovano già nel luogo d’incontro per i negoziati sul futuro dell’Artsakh. L’Artsakh è rappresentato dal deputato del “Partito Democratico dell’Artsakh” Davit Melkumyan. La delegazione armena è giunta a Yevlakh. La parte azera è rappresentata dal deputato Mammadov.
* Gli azeri sono arrivati praticamente alle porte di Stepanakert e hanno installato checkpoint. Molti sobborghi sono isolati e non c’è modo di contattare la popolazione li residente.
* La polizia armena sta svolgendo un controllo rafforzato in città per salvaguardare la sicurezza degli abitanti.

(20) AGGIORNAMENTI SULL’ATTACCO AZERO (ore 23) – * Sarebbero otto i soldati russi della forza di pace morti nel corso dell’attacco azero.
* L’ufficio dell’ombudsman dell’Artsakh riferisce che si sono migliaia di “dispersi”, persone di cui non si hanno più notizie. Molti villaggi sono rimasti isolati, completamente circondati dai soldati azeri e non c’è la possibilità di contatto. Ignota la sorte di queste persone.
* Violazoni azere verso le 22,50 ora locale lungo il confine con l’Armenia nella regione di Gegharkunik. Sparati colpi con armi di piccolo calibro.
* Il premier Pashinyan ha dichiarato che le forze di pace russe devono garantire la sicurezza della popolazione armena dell’Artsakh e assumersene la responsabilità anche in quanto mediatrici dell’accordo tra Baku e Stepanakert.
* Nel corso della notte la popolazione di Stepanakert (senza corrente elettrica) è rimasta nei rifugi.
* A causa del terrorismo in Azerbaigian, le infrastrutture vitali sono state interrotte da 35 ore, privando l’intera popolazione dell’accesso all’elettricità, a Internet e alle comunicazioni mobili.
* È stata aperta una sede operativa annessa al Servizio statale per le situazioni di emergenza, dove vengono raccolti i dati dei partecipanti alle operazioni militari e dei civili, di cui non si sa ancora dove si trovino. Lo rende noto l’Istituto nazionale degli affari interni e delle comunicazioni dell’Artsakh.

(20) COLLOQUIO PUTIN-PASHINYAN – “Su iniziativa della parte armena, ha avuto luogo una telefonata tra il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin e il primo ministro della Repubblica armena Nikol Pashinyan. Sono stati discussi gli ultimi sviluppi della situazione nel Nagorno-Karabakh“, afferma una nota del Cremlino. I due leader hanno discusso delle ulteriori operazioni delle forze di pace russe nel Nagorno-Karabakh, compresa l’assistenza alla popolazione civile. “Nonostante le difficili condizioni, le forze di pace continuano a svolgere i loro compiti in modo accurato e a fornire un’assistenza completa alla popolazione civile e ai rifugiati, comprese le forze dei medici militari“, continua la nota.
In precedenza ègiunta notizia che un veicolo che trasportava forze di pace russe è finito sotto il fuoco uccidendo diversi soldati russi.

(20) EVACUAZIONI – Più di 10.000 persone sono attualmente evacuate dalle loro comunità native, costrette a trovare rifugio in altri insediamenti dell’Artsakh, dove può essere garantita una relativa sicurezza. Lo riferisce l’ufficio dell’Ombudsman dell’Artsakh

(20) BILANCIO VITTIME – Secondo l’ufficio dell’Ombudsman dell’Artsakh il bilancio delle vittime armene è di almeno 200 morti e oltre 400 feriti.

(20) AGGIORNAMENTI SULL’ATTACCO AZERO (ore 18) – * Il presidente della repubblica, Samvel Shahramanyan, si è recato all’ospedale repubblicano per incontrare i feriti.
* Un veicolo delle forze di pace russe è stato colpito dagli azeri e il conducente è morto come ammesso dal ministero della Difesa di Mosca.
* Il villaggio di Metz shen (distretto di Shushi) è circondato e non può essere evacuata la popolazione. Gli azeri continuano a sparare in direzione dell’insediamento.
* Charles Michel ha twittato informando di aver parlato con Aliyev e di aver chiesto oltre al cessate-il-fuoco che venga garantito un “trattamento sicuro e dignitoso” agli armeni del Karabakh. “I loro diritti e la loro sicurezza devono essere garantiti in modo credibile. Accesso necessario per l’assistenza umanitaria immediata” ha scritto

(20) AGGIORNAMENTI SULL’ATTACCO AZERO (ore 15) – * Nonostante il (presunto) accordo di cessate-il-fuoco gli azeri continuano a bombardare in direzione di Martuni probabilmente per occupare la città (se già non fatto).
* L’organizzazione dell’aviazione civile ha provveduto, per la sicurezza dei passeggeri cancellare tutti i voli da e per Armenia, Azerbaigian e Iran.
* Giungono notizie che gli azeri avrebbero catturato dei residenti nel villaggio di Taghavard e in altre comunità.
* I residenti di Martakert non vogliono arrendersi.
* Presso l’aeroporto di Ivanian, dove c’è la base russa, ci sono al momento oltre 2600 persone di cui un migliaio bambini.

(20) IPOTESI DI ACCORDO – Fonti armene e azere confermano che è stato raggiunto un accordo fra Stepanakert e Baku per la fine dei combattimenti. Al momento l’azione azera sarebbe tuttavia ancora in corso. L’accordo – concordato con il Comando russo – prevede:
* il ritiro di tutti i soldati armeni dall’area sotto controllo dei peace keeping (ulteriormente ridottasi dopo questo attacco)
* scioglimento e sul completo disarmo delle forze armate armene del Nagorno Karabakh (Artsakh)
* ritiro degli equipaggiamenti pesanti e di tutte le armi dal territorio del Nagorno Karabakh.
È stato concordato per domani a Yeklav un incontro tra rappresentanti di Stepanakert e Baku avente per oggetto la questione della reintegrazione della popolazione armena dentro l’Azerbaigian.

(20) FORSE TREGUA – L’Info center Artsakh comunica che le autorità della Repubblica hanno accettato la proposta del Comando russo delle forze di pace per un cessate il fuoco alle ore 13 (locali, 11 in Italia). Vedremo se gli azeri si comporteranno analogamente o continueranno a combattere.

(20) AGGIORNAMENTI SULL’ATTACCO AZERO (ore 10) – * Il bilancio delle vittime accertate ha raggiunto il numero di 32 con oltre 200 feriti alcuni in gravi condizioni. Secondo l’ex ministro di Stato Ruben Vartanyan il numero delle vittime supererebbe il centinaio.
* Diverse fonti confermano che gli azeri indirizzano i loro colpi verso i veicoli della forza di pace russa che sta cercando di evacuare civili attraverso il corridoio di Lachin e il ponte sul fiume Hakari. Questo è un particolare strano perchè Aliyev vuole ripulire l’Artsakh e quindi più gente va via e meglio è; evidentemente, per ora, ci sono altri piani cioè continuare ad affamare la popolazione, terrorizzarla con le bombe e poi…
* Le forze di pace russe hanno comunque evacuato dai villaggi circa 2000 civili portati in basi militari o in luoghi più sicuri (compreso un migliaio di bambini) e ai quali è stato fornito un pasto caldo.
* Le autorità di Stepanakert avrebbero accettato di negoziare con gli azeri a Yevlakh ma solo a condizione che l’attività bellica cessi. Cosa che non sta avvenendo.
* Ieri il Segretario di Stato USA Blinken ha chiamato Aliyev per invitarlo a cessare l’azione militare ma il presidente azero non demorde dalla sua azione.
* Annunciata per questa sera alle 19 (ora locale, le 17 in Italia) una manifestazione a Yerevan.

(20) AGGIORNAMENTI SULL’ATTACCO AZERO (ore 8) – * pesanti combattimenti lungo la linea di contatto e ancora bombardamenti su Stepanakert e altre aree residenziali.
* Martakert sotto attacco. Si parla di possibile evacuazione della popolazione.
* si conferma l’occupazione azera del monastero di Amaras.
* al momento sono otto i civili caduti (compresi due bambini) ma non ci sono i dati fuori Stepanakert. Un’ambulanza che stava andando a Martakert a prendere dei cadaveri in obitorio è stata bersagliata dai colpi azeri e il guidatore è rimasto ferito.
* alcuni villaggi della regione di Shushi sono completamente circondati. I russi volevano evacuare la popolazione attraverso il video cibo corridoio di Lachin ma sono stati bersagliati dagli azeri.

(19) AGGIORNAMENTI SULL’ATTACCO AZERO (ore 23) – * Il numero delle vittime è salito a 27 con oltre 200 feriti. Mancano ancora i dati dai distretti di Askeran e Martuni.
* Alcuni peacekeeper russi sarebbero stati colpiti da fuoco azero mentre evacuavano la popolazione da Karmir Shuka.
* Disordini a Yerevan di fronte al palazzo del governo in piazza della Repubblica. 34 feriti di cui 16 agenti di polizia. Anche l’ambasciata russa continua a essere bloccata da altri manifestanti.

(19) AGGIORNAMENTI SULL’ATTACCO AZERO (ore 22) – * Secondo le informazioni ricevute dall’obitorio di Stepanakert da parte dell’Ufficio del Difensore dei Diritti Umani, alle ore 20 (le 18 in Italia) ci sono 25 vittime a seguito dell’attacco terroristico su vasta scala da parte dell’Azerbaigian, tra cui 2 civili.A causa della mancanza di carburante e di comunicazioni il trasferimento delle vittime e dei feriti a Stepanakert è ostacolato.
* Continua l’attività bellica azera. Riferiti violenti combattimenti tra le parti. Gli azeri avrebbero guadagnato alcune posizioni ma a costo di pesanti perdite.
* Continuano i raid aerei su Stepanakert e gli allarmi delle sirene in una città che al momento è senza elettricità.
* Il Ministero degli Esteri russo ha chiesto al governo armeno di prendere misure contro i dimostranti che stanno bloccando l’ambasciata a Yerevan impedendo l’entrata e l’uscita.
* Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite programmato per il 21 settembre.
*Al momento risultano 138 feriti fra i quali 29 civili ma non si hanno notizie da Askeran e Martuni.
* Le popolazioni di sei comunità (Khramort, Khnapat, Sarnakhpyur, Nakhijevanik, Machkalashen, Chankatah) sono state evacuate. Secondo l’ombudsman dell’Artsakh circa 7000 persone sono state evacuate dalle loro case nei distretti di Askeran, Martuni, Shushi e Martakert.
* Erdogan all’Assemblea generale delle Nazioni Unite: “L’Armenia deve aprire il corridoio di Zangezur e il Nagorno Karabakh è Azerbaigian. Non c’è alcun compromesso su questo.”
* Il nemico – stando alle indagini condotte anche sui social – dovrebbe aver subito molte perdite.

(19) AGGIORNAMENTI SULL’ATTACCO AZERO (ore 18) – * I combattimenti continuano lungo tutta la linea di contatto. Le forze armate azere utilizzano artiglieria e sistemi missilistici, droni da combattimento e aviazione militare.
* Circa 20 minuti fa, l’aeronautica militare azera ha lanciato un attacco aereo sulle zone residenziali della città di Martakert e sui villaggi del distretto di Askeran.
* Ci sono molte vittime civili a seguito dell’attacco dell’Azerbaigian all’Artsakh (Nagorno Karabakh), molte donne, anziani e bambini, morti o feriti. Così riferisce la presidenza della Repubblica dell’Artsakh.
* Il ministero della Salute riferisce un bilancio parziale di cinque vittime e ottanta feriti.
* Attualmente, l’unità medica pediatrica “Arevik” di Stepanakert ha ricoverato 9 bambini con ferite da schegge in varie parti del corpo. Di questi, 6 sono in condizioni moderate, mentre 3 sono in condizioni gravi. Un bambino è stato sottoposto a un intervento chirurgico per emorragia interna, un altro ha già subito un intervento chirurgico al torace per danni penetranti da schegge e un terzo bambino ha una grave lesione cerebrale traumatica.
* La comunità di Yeghtsahogh nel distretto di Shushi, con una popolazione di 150 persone, è stata colpita direttamente dalle forze armate azere hanno distrutto la scuola della comunità. Non vi è alcuna possibilità di evacuare i residenti poiché sono completamente circondati dalle truppe azere.
* Stepanakert è nuovamente sotto i colpi degli azeri, allarme antiaereo in funzione.

(19) AGGIORNAMENTI SULL’ATTACCO AZERO (ore 17) – * Baku si è dichiarata pronta a incontrare i rappresentanti di Stepanakert che nelle ore passate avevano chiesto lo stop dell’azione militare e l’avvio di negoziati. Gli azeri hanno dato disponibilità per un incontro a Evlakh, villaggio che si trova in territorio dell’Azerbaigian non lontano dalla linea di contatto.Tuttavia, questo incontro si potrà fare solo se gli armeni alzeranno bandiera bianca e aboliranno “il regime illegale” in Karabakh. Cioè: arrendetevi tutti e consegnatevi altrimenti continuiamo a bombardare.
* Al momento il bombardamento su Stepanakert (colpiti anche diversi edifici civili, foto) è cessato. Colpi di arma da fuoco provengono dalla linea di contatto tra la capitale e Shushi (occupata dagli azeri).
* Nessuna informazione sul bilancio delle vittime militari da una parte e dall’altra.

(19) AGGIORNAMENTI SULL’ATTACCO AZERO (ore 16) – * Il numero dei feriti (civili) è salito a 23. Al momento sempre due le vittime accertate.
* Gli azeri hanno sparato con razzi e mortai lungo la linea di contatto e hanno fatto tentativi per avanzare. Pare che queste azioni siano state respinte dalla difesa armena. Nell’ultima mezz’ora segnalata una diminuzione dell’intensità dei combattimenti.
* La Francia ha condannato l’attacco azero e ha chiesto la convocazione di una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.
* Il premier armeno Pashinyan ha dichiarato che l’Azerbaigian sta cercando di coinvolgere l’Armenia in guerra ma l’Armenia non farà guerra all’Azerbaigian per il Nagorno Karabakh. Proteste a Yerevan, chiusa piazza della Repubblica, manifestanti gridano “Traditore!”.Il premier armeno ha avuto una conversazione telefonica con il Segretario di Stato USA Blinken e il presidente francese Macron.
* Il ministero della Difesa dell’Azerbaigian ha rilasciato un comunicato nel quale tra l’altro si legge che. “Per garantire l’evacuazione della popolazione dalla zona di pericolo, sono stati creati corridoi umanitari e punti di accoglienza sulla strada Lachin e in altre direzioni. Donne, bambini, anziani, persone con disabilità e malati riceveranno l’assistenza medica necessaria, acqua potabile e cibo.” (Prima ti affamo e ti asseto, poi bombardo le tue case, alla fine ti faccio fuggire e ti do anche da mangiare…)
* Secondo fonti da verificare, gli azeri nel loro attacco avrebbero colpito anche la base russa che sitriva nei pressi dell’aeroporto di Ivanian. Secondo altre fonti alcune postazioni russe si troverebbero sotto fuoco incrociato.
* Il consigliere del presidente Aliyev, Hikmet Hajiyev, ha dichiarato che “l’Azerbaigian ha raggiunto i suoi obiettivi in Karabakh” e ha invitato l’esercito di difesa armeno a disarmarsi e sciogliersi.

(19) AGGIORNAMENTI SULL’ATTACCO AZERO (ore 15) – * Arriva la notizia dei primi morti tra i civili causati dall’operazione “antiterrorismo” delle froze armate azere. Una delle vittime è un bambino. Anche undici feriti (otto bambini). Colpite dalle bombe aree residenziali di Stepanakert.
* Iran allerta le forze armate nel settore nord occidentale del Paese.
* Si è riunito il Consiglio di sicurezza dell’Armenia presieduto dal premier Pashinyan.
* I russi hanno smentito la versione azera di essere stati preavvertiti dell’attacco e riferiscono di averne avuto notizia solo poco prima dell’inizio delle operazioni militari.
* Il sindaco di Martuni riferisce “questa è una guerra, abbiamo feriti!”.
* Convocato urgentemente il Consiglio di sicurezza dell’Artsakh dal presidente Shahramanyan.
* “Le azioni militari dell’Azerbaigian devono essere immediatamente fermate, creando l’opportunità di un dialogo sincero tra Baku e Karabakh”. Così il presidente del Consiglio europeo, Charlese Michel, che per la prima volta indirizza a un destinatario preciso il suo messaggio.

(19) DICHIARAZIONE DEL MINISTERO DEGLI ESTERI DELL’ARMENIA – “Il 19 settembre l’Azerbaigian ha scatenato un’altra aggressione su larga scala contro la popolazione del Nagorno-Karabakh, volta a completare la sua politica di pulizia etnica.Guidato da un senso di impunità, l’Azerbaigian si è assunto apertamente la responsabilità dell’aggressione. Il Ministero della Difesa dell’Azerbaigian ha dichiarato che nell’area di responsabilità del contingente russo di mantenimento della pace nel Nagorno-Karabakh vengono lanciate “misure antiterrorismo”, riguardo alle quali, secondo la dichiarazione ufficiale della parte azera, il comando delle forze armate russe Il contingente di mantenimento della pace e il centro di monitoraggio russo-turco sono stati informati.
Condanniamo fermamente l’aggressione dell’Azerbaigian contro il Nagorno-Karabakh e le atrocità di massa che rappresentano la continuazione dell’uso su larga scala della forza scatenato dall’Azerbaigian contro il Nagorno-Karabakh esattamente tre anni fa, nel settembre 2020. Con il pretesto di “distruggere i militari oggetti”, l’Azerbaigian sta bombardando gli insediamenti civili, la città di Stepanakert e altre città e villaggi.
La parte armena ha ripetutamente avvertito che le continue azioni aggressive dell’Azerbaigian contro il Nagorno-Karabakh, la non nascosta retorica guerrafondaia, la propaganda assolutamente falsa e riprovevole di chiamare la popolazione del Nagorno-Karabakh “terrorista” perseguono un obiettivo: sottomettere la popolazione del Nagorno -Karabakh alla pulizia etnica attraverso l’uso della forza e privare la popolazione del Nagorno-Karabakh del diritto di vivere liberamente e con dignità nella propria patria. Il blocco illegale del corridoio Lachin, l’unica strada che collega il Nagorno-Karabakh con l’Armenia, dal dicembre 2022, e il blocco totale del Nagorno-Karabakh perseguono lo stesso obiettivo.
Tra l’altro, l’attacco è stato preceduto dalla diffusione di false informazioni, anche da parte del Ministero degli Affari Esteri dell’Azerbaigian, sulle attività minerarie e di sabotaggio, che indicano la pianificazione dell’attacco e la preparazione del campo informativo. Ribadiamo ancora una volta che le forze armate e l’equipaggiamento militare della Repubblica d’Armenia non sono dispiegati nel Nagorno-Karabakh, tutte le notizie sulle operazioni minerarie e di sabotaggio sono false e inventate.
Chiediamo ai partner internazionali, ai membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che ha la responsabilità primaria del mantenimento della pace e della sicurezza internazionale, al contingente russo di mantenimento della pace dispiegato nel Nagorno-Karabakh sulla base della Dichiarazione trilaterale del 9 novembre 2020 firmata dai leader di Armenia, Azerbaigian e la Russia, ad intraprendere passi chiari e inequivocabili per porre fine all’aggressione dell’Azerbaigian.”

(19) DICHIARAZIONE BORRELL – Josep Borrell, Alto Rappresentante dell’UE per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza ha rilasciato la seguente dichiarazione sull’escalation militare nell’Artsakh: “L’Unione Europea condanna l’escalation militare lungo la linea di contatto e in altre località del Karabakh. L’UE deplora la perdita di vite umane causata da questa escalation. Chiediamo la cessazione immediata delle ostilità e che l’Azerbaigian interrompa le attuali attività militari. “C’è un urgente bisogno di riprendere il dialogo tra gli armeni del Karabakh e Bak. Questa escalation militare non deve essere usata come pretesto per forzare l’esodo della popolazione locale. “La violenza deve finire per creare un ambiente favorevole ai colloqui di pace e di normalizzazione. È necessario un impegno genuino da parte di tutte le parti per lavorare verso risultati negoziati. L’UE resta pienamente impegnata a facilitare il dialogo”.

(19) VITTIME TRA LA POPOLAZIONE – Primi morti tra la popolazione civile: l’ombudsman dell’Artsakh comunica due vittime (un bambino) e diversi feriti. 6-7 dei quali sarebbero bambini. Colpite dai missili aree residenziali di Stepanakert.

(19) ATTACCO AZERO – Le prime violazioni azere con colpi di mortaio si sono trasformate in un vero e proprio attacco alla repubblica di Artsakh con impiego di razzi, mortai e droni da bombardamento. Sirene antiaeree suonano a Stepanakert colpita in più punti. Così anche Askeran e Shosh (sotto a Shushi). L’Azerbaigian parla di “operazione antiterrorismo”.

(19) VIOLAZIONI AZERE – Intorno alle 11:10 ora locale, le forze armate azere hanno violato il cessate il fuoco nella regione di Askeran utilizzando un mortaio. Non ci sono state vittime da parte armena a causa della violazione del cessate il fuoco.

(19) TRASFERIMENTO PAZIENTI – 7 pazienti del “Centro Medico Repubblicano”, insieme ai loro accompagnatori, sono stati trasferiti in centri medici specializzati della Repubblica di Armenia con la mediazione e l’accompagnamento dei medici del Comitato Internazionale della Croce Rossa. In giornata è previsto il rientro di sei pazienti precedentemente in cura in Armenia.

(18) RICHIESTE AZERE – Il Ministero degli Affari Esteri dell’Azerbaigian ha rilasciato una nota nella quale tra l’altro si legge: “Chiediamo all’Armenia di smettere di aumentare il proprio potenziale militare, di astenersi da piani revanscisti, di non violare e non mettere in discussione l’integrità territoriale e la sovranità dell’Azerbaigian, di smettere di sponsorizzare il separatismo e il terrorismo nella regione del Karabakh dell’Azerbaigian. Chiediamo inoltre il ritiro immediato dell’esercito armeno, lo scioglimento delle strutture militari e delle cosiddette strutture “governative” del regime fantoccio subordinato all’Armenia, il disarmo di tutte le forze armate armene illegalmente di stanza nel territorio dell’Azerbaigian”, ha dichiarato ufficiale di Baku, aggiungendo che “in tal caso, in regime illegale, si può applicare l’amnistia ai cosiddetti ‘rappresentanti’”.

(18) NUOVO MINISTRO DI STATO – Il presidente della repubblica Samvel Shahramanyan ha nominato oggi Artur Harutyunyan alla carica di Ministro di Stato. Il presidente ha convocato un lungo incontro di lavoro nel quale ha presentato il nuovo ministro di Stato Artur Harutyunyan ai membri del governo e ai funzionari del sistema giudiziario. Il capo del Paese ha sottolineato che nel prendere la decisione ha tenuto conto dell’elevata professionalità, conoscenza ed esperienza di Artur Harutyunyan nel sistema statale, nonché come del fatto che egli è il capo della fazione più numerosa del parlamento (“Libera patria”) e deve assumersi la sua parte di responsabilità nella risoluzione dei problemi che lo Stato deve affrontare.

(18) TRASFERIMENTI – Il quartier generale dell’informazione dell’Artsakh informa che oggi, con il supporto e l’accompagnamento delle truppe russe di mantenimento della pace, 28 persone sono state trasferite dall’Artsakh all’Armenia e 27 dall’Armenia all’Artsakh. “Sono tutte persone con bisogni umanitari urgenti, tra cui la salute, l’assistenza familiare, il ricongiungimento familiare. Centinaia di altre persone nell’Artsakh e in Armenia con urgenti necessità di trasporto stanno aspettando la loro occasione, per non parlare delle migliaia di persone che hanno bisogno di viaggiare in entrambe le direzioni per scopi meno urgenti” si legge in una nota dell’Info Center Artsakh.

(18) ARRIVATI AIUTI A STEPANAKERT – Contemporaneamente, su due direttrici, sono arrivati i primi aiuti per l’Artsakh. I camion inviati dalla Croce Rossa lungo la strada Akna-Askera e il corridoio Lachin sono già arrivati ​​a Stepanakert. Eteri Musayelan, responsabile delle pubbliche relazioni dell’ufficio del Comitato Internazionale della Croce Rossa di Stepanakert, ha dichiarato: “I carichi sono arrivati ​​attraverso il corridoio Lachin e la strada Akna-Askera allo stesso tempo. Uno dei camion ha portato medicine e pannolini per bambini, il camion che è arrivato attraverso il corridoio Lachin ha portato farina”. Si tratta, come si vede, di modesti quantitativi che certo non risolvono la crisi umanitaria in Artsakh. Dall’Armenia, via Lachin, sono arrivate oggi 23 tonnellate di farina mentre dall’altra strada sono giunte forniture mediche e igieniche di produzione russa e svizzera che dopo l’esame tecnico verranno assegnate ai dipartimenti competenti e utilizzate secondo necessità. Secondo quanto comunicato dal centro informazioni dell’Artsakh, tra pochi giorni sarà nuovamente pianificato il trasporto di merci dalla città russa di Rostov nelle stesse direzioni con veicoli del CICR.

(17) VIOLAZIONI AZERE, FERITO ARMENO – L’ennesima violazione azera del cessate-il-fuoco ha determinato il ferimento di un soldato armeno nella regione di Martakert. Fortunatamente la sua vita non è in pericolo.

(17) POSIZIONE IRAN – Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir Abdollahian in un’intervista al quotidiano in lingua araba “Al-Wefaq” pubblicato a Teheran ha dichiarato che “Teheran non permetterà di chiudere la frontiera o di bloccare la storica via che collega l’Iran con l’Armenia“. Nella stessa intervista, il capo della diplomazia iraniana ha affermato ancora una volta che Teheran non fornisce alla Russia droni d’attacco.

(17) RIUNIONE PRESIDENTE – Il presidente della Repubblica dell’Artsakh, Samvel Shahramanyan, ha convocato una riunione di lavoro alla quale hanno partecipato i membri del Consiglio di Sicurezza. Lo ha riferito il Dipartimento principale delle informazioni dell’Ufficio del Presidente della Repubblica dell’Artsakh.”Il Ministro della Difesa-Comandante dell’Esercito della Difesa Kamo Vardanyan ha fornito un rapporto sulla situazione operativa lungo la linea di contatto.Sono stati discussi la situazione e le sfide alla sicurezza in prima linea e cosa fare per affrontarle. Il Presidente ha molto apprezzato il lavoro svolto dalle strutture di potere e ha dato istruzioni. Si è fatto riferimento anche alla difficile situazione umanitaria del paese e alle misure adottate per alleviarla“, si legge nel messaggio.

(17) ACCORDO PER AIUTI UMANITARI – L’Artsakh ha accettato il trasporto simultaneo di beni umanitari attraverso il corridoio Berdzor e la strada Akna-Stepanakert. “Tenendo conto dell’aggravarsi del disastro e della situazione della sicurezza nel paese, le autorità della Repubblica dell’Artsakh hanno deciso di accettare la proposta congiunta dell’ufficio Stepanakert del Comitato internazionale della Croce Rossa e del comando del gruppo militare russo che stanno effettuando un’operazione missione di mantenimento della pace per trasferire simultaneamente carichi umanitari a Karmir attraverso il corridoio Berdzor, l’autostrada Goris-Stepanakert e la strada Akna-Stepanakert con veicoli del Comitato Internazionale della Croce (carichi di origine straniera)” si legge nel comunicato dell’Info Center Artsakh.
Da prime indiscrezioni arriveranno in Artsakh attraverso la strada Akna-Stepanakert prodotti svizzeri, russi, spagnoli e indiani. La farina di produzione armena entrerà attraverso la strada Goris-Stepanakert. Il trasporto delle merci sarà effettuato esclusivamente dai mezzi dell’Ufficio della Croce Rossa Internazionale. Le auto della Mezzaluna Rossa non entreranno nella strada Akna-Stepanakert.

(16) PROPOSTE TURCHE – La Turchia ha proposto di tenere un incontro quadrilatero sulla questione Artsakh a livello dei leader di Turchia, Russia, Azerbaigian e Armenia. “Abbiamo avanzato la proposta di tenere un incontro tripartito, anche quadrilatero, con Putin, Aliyev e Pashinyan, con la mia partecipazione sulla situazione in Karabakh“, ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan durante un briefing all’Assemblea generale delle Nazioni Unite prima di partire. per gli Stati Uniti.Il presidente turco Recep Erdogan ha annunciato che Russia, Azerbaigian e Armenia non hanno ancora ricevuto risposta alla proposta. Al momento, 18 bambini sono ricoverati nel centro medico pediatrico “Arevik”, tre di loro sono nel reparto di terapia intensiva e neonatale. 72 pazienti stanno ricevendo cure ospedaliere presso il “Republican Medical Center” CJSC, 6 pazienti sono nel reparto di terapia intensiva, 4 di loro sono in condizioni critiche.

(16) TRASFERIMENTO PAZIENTI –  8 pazienti del “Centro Medico Repubblicano”, insieme ai loro accompagnatori, sono stati trasferiti in centri medici specializzati della Repubblica di Armenia con la mediazione e l’accompagnamento dei medici del Comitato Internazionale della Croce Rossa

(16) DENUNCE AZERE – L’Azerbaigian ha avviato un processo arbitrale contro l’Armenia per “distruzione su larga scala dell’ambiente”. Lo ha detto Chingiz Asgarov, vicepresidente della Corte Suprema dell’Azerbaigian, alla conferenza internazionale dei giudici su “L’accesso alla giustizia nel campo dell’ecologia”. 

(15) MINACCE AZERE – Dopo l’istituzione del posto di blocco, le procedure per l’arresto e il trasferimento di circa 400 persone ricercate (armeni dell’Artsakh) sono state accelerate secondo quanto riferisce il procuratore generale dell’Azerbaigian. Secondo il procuratore generale, “diversi armeni che hanno commesso crimini di guerra in Karabakh sono stati arrestati”. La popolazione armena della regione deve dunque aspettarsi il pugno pesante delle autorità azere nella disgraziata ipotesi dovesse finire sotto controllo dell’Azerbaigian.

(15) PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA – Il presidente della Repubblica dell’Artsakh, Samvel Shahramanyan, ha convocato una riunione di lavoro il cui ordine del giorno comprendeva la situazione creatasi nella repubblica a seguito del blocco totale dell’Artsakh da parte dell’Azerbaigian e i meccanismi per superarla. Sono state discusse anche altre questioni urgenti legate alla soluzione dei problemi alimentari della popolazione, al prezzo dei prodotti agricoli, alla distribuzione dei prodotti vitali e altro.

(15) SEPOLTURA NEGATA – I resti della ventunenne Helene Dedeyan, morta in uno spaventoso incidente stradale in Armenia a fine luglio costato la vita a undici persone, sono ancora nell’obitorio di Goris in quanto l’Azerbaigian impedisce il trasferimento della salma al villaggio natale della ragazza, Chartar (regione di Martakert). Lo zio di Helen, Mushegh Safaryan, ha dichiarato che tre giorni fa sono stati compiuti alcuni progressi nel trasferimento del corpo della ragazza all’Artsakh, la parte azera aveva permesso di organizzare il trasferimento del corpo di Helen all’Artsakh, ma alla fine lo ha impedito. “Con il nuovo comandante delle forze di pace e gli sforzi delle nuove autorità dell’Artsakh, abbiamo portato il corpo di Helen al posto di blocco con un’ambulanza, ma la parte azera ha detto che potevamo effettuare il trasferimento solo attraverso la Croce Rossa. Di conseguenza, le emissioni di documentari sono ricominciate. La parte azera chiede che nei documenti venga indicata come destinazione finale del trasferimento della Croce Rossa non la Repubblica dell’Artsakh, ma la Repubblica dell’Azerbaigian, e la parte armena si oppone a questa formulazione. Non ho alcuna speranza nemmeno dalla Croce Rossa, il trasporto attraverso di loro è impossibile“, ha detto lo zio della ragazza deceduta.
Questa sera è giunta la notizia che la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha respinto la richiesta di trasferire i resti di Helen Dadayan in Artsakh

(15) IRAN E TURCHIA – L’editorialista e analista dei giornali turchi Anadolu Gazete e Istiklal, Ahmed Sandal, ha fatto riferimento agli ultimi sviluppi legati alla questione del “Corridoio Zangezur” da parte dell’Azerbaigian e della Turchia. Presentando la situazione attuale, l’analista turco scrive che per la Turchia è molto importante il “corridoio Zangezur”, che creerà un collegamento diretto con l’Azerbaigian, attraverso il quale la Turchia si collegherà con le repubbliche turche dell’Asia centrale. Secondo Ahmed Sandal è quest’ultima circostanza che spinge l’Iran a opporsi al “corridoio Zangezur”. “Il più grande rivale della Turchia nella regione è l’Iran. E lo stesso Iran che crea problemi alla Turchia in Iraq e Siria, farà lo stesso nel caso del “corridoio Zangezur”, – ha scritto l’analista turco, sottolineando che in questo caso, come ha sottolineato prima, l’Iran può impedire il “Corridoio Zangezur” per entrare in guerra.

(14) TRASFERIMENTI – Artak Beglaryan, ex ministro di Stato dell’Azerbaigian, su Telegram ha scritto riguardo al trasferimento di persone dall’Artsakh all’Armenia sottolineando come la macchina della propaganda azera abbia iniziato ancora una volta a speculare sul trasferimento di persone dall’Artsakh all’Armenia da parte delle forze di pace russe, presentando quest’ultimo gruppo come l’evacuazione dei militari armeni dall’Artsakh. Beglaryan ha precisato che:
Non un solo soldato armeno è nell’Artsakh da molto tempo, come hanno ripetutamente annunciato le autorità dell’Artsakh e dell’Armenia.Dal 15 giugno al 21 agosto, l’Azerbaigian ha vietato completamente la circolazione di persone, veicoli e merci attraverso il corridoio Lachin, ad eccezione del trasporto di un numero molto limitato di pazienti medici effettuato dalla Croce Rossa. Dal 21 al 28 agosto, diverse centinaia di studenti e cittadini russi e i loro familiari sono stati trasferiti dall’Artsakh all’Armenia dalle forze di pace russe. Tuttavia, dopo il rapimento terroristico di tre studenti dell’Artsakh dal posto di blocco illegale dell’Azerbaigian il 28 del mese, i trasferimenti si sono interrotti. Secondo le mie informazioni, gli studenti in fila, i cittadini russi e i cittadini della RA che un tempo lavoravano nell’edilizia, nell’estrazione mineraria e in altri settori dell’Artsakh e sono diventati disoccupati sono stati trasferiti in Armenia a seguito del ripristino dei trasporti negli ultimi giorni. Probabilmente è proprio quest’ultimo gruppo che gli azeri cercano di presentare come soldati.
È importante sottolineare che sia quello di agosto che gli ultimi trasferimenti sono stati effettuati unilateralmente, perché la parte azera non consente alle forze di pace di riportare molti cittadini dell’Artsakh in fila dall’Armenia all’Artsakh. Questo è uno dei vividi esempi della politica di pulizia etnica e di sfollamento forzato dell’Azerbaigian, quando i residenti dell’Artsakh possono effettivamente lasciare la loro terra natale, ma non possono tornarvi dalle loro famiglie
.”

(14) HARUTYUNYAN – L’ex presidente della Repubblica dell’Artsakh, Arayik Harutyunyan, è stato inserito nella lista dei complici dell'”aggressione russa” della base ucraina “Peacemaker”. Come motivo è stato menzionato che Arayik Harutyunyan ha accolto con favore la decisione di autoproclamarsi delle repubbliche di Donetsk e Lugansk.

(14) TRASFERIMENTO MALATI – 9 pazienti del “Centro Medico Repubblicano” insieme ai loro accompagnatori sono stati trasferiti in centri medici specializzati della Repubblica di Armenia con la mediazione e l’accompagnamento dei medici del Comitato Internazionale della Croce Rossa. Durante la giornata è previsto il ritorno nell’Artsakh di un paziente.

(13) APERTURA LACHIN – L’ingresso al corridoio di Lachin rimane ancora chiuso in quanto gli azeri impediscono il transito ai mezzi carichi di aiuti umanitari. I negoziati sino ad ora non hanno consentito di sbloccare la situazione. Intanto, la Francia chiederà all’OSCE di realizzare l’apertura del corridoio Lachine secondo quanto annunciato dall’ambasciatore francese presso l’organizzazione.

(13) AIUTI RUSSI – Il Ministero dello Sviluppo Sociale e della Migrazione della Repubblica dell’Artsakh ha pubblicato un messaggio in cui informa a quali famiglie verranno distribuiti gli aiuti umanitari russi che hanno raggiunto l’Artsakh. “Si prevede che nei prossimi giorni i generi alimentari essenziali trasportati in Artsakh attraverso la Croce Rossa russa saranno distribuiti alle famiglie con il seguente status: alle famiglie dei militari caduti con figli minorenni, alle famiglie con figli disabili, alle famiglie con 5 o più figli minorenni“,  si legge nel messaggio.

(13) PRIGIONIERO ARMENO – Vagif Khachatryan, 68 anni, rapito dall’Azerbaigian il 29 luglio, ha inviato una lettera alla sua famiglia il 30 agosto. Tsovinar Khachatryan, una delle sue figlie, ne ha parlato con la stampa:
“Ha scritto: vi penso, sono ancora vivo, state bene, salutate tutti. Adesso sappiamo che prende le medicine mattina e sera. Dicono che la sua salute è normale. La Croce Rossa viene una volta al mese, il momento per la seconda visita non è ancora arrivato”, ha detto Tsovinar Khachatryan.

(13) TRATTATIVE DI PACE – Sargis Khandanyan, presidente della Commissione per le relazioni estere della RA, ha detto oggi ai giornalisti che l’Azerbaigian non ha ancora risposto alle proposte della RA riguardo alla pace. Anche il ministro degli Esteri dell’Azerbaigian Jeyhun Bayramov ha annunciato che i negoziati per la firma del trattato di pace tra Armenia e Azerbaigian si sono interrotti per il momento. Oggi nel corso di un botta e risposta con il governo nell’Assemblea nazionale, il ministro degli Esteri della RA Ararat Mirzoyan ha dichiarato che “la parte armena ha consegnato la quinta edizione dell’accordo sulla regolamentazione delle relazioni e l’instaurazione di relazioni pacifiche alla parte azera, toccava a noi farlo, e lo abbiamo fatto. E proprio ieri abbiamo ricevuto nuove proposte dalla parte azera“.

(13) IRAN ESCLUDE GUERRA – Il ministro della Difesa iraniano, generale di brigata Mohammad Reza Ashtiani, ha dichiarato che nella regione caucasica non inizierà una guerra e che la posizione della Repubblica islamica rispetto alla geopolitica regionale è chiara. Dopo gli ultimi incontri presso il quartier generale delle Forze armate iraniane, la Repubblica islamica ha annunciato la sua ferma posizione: il Paese non accetterà alcun cambiamento geopolitico regionale, ha sottolineato il ministro.

(13) FERITO ARMENO – Intorno alle 12:15, le forze armate azere hanno violato il cessate il fuoco in direzione di Nor Shen utilizzando armi leggere. Il Ministero della Difesa della Repubblica dell’Artsakh riferisce che a seguito della violazione del cessate il fuoco vi è un ferito da parte armena. La sua vita non è in pericolo. L’incidente è stato segnalato al comando delle truppe di mantenimento della pace della Federazione Russa.

(13) UNIONE EUROPEA – L’Unione Europea si sta impegnando per risolvere la situazione umanitaria degli armeni del Nagorno Karabakh e ritiene che il passaggio del carico umanitario russo attraverso la strada Aghdam-Askeran sia un passo importante che dovrebbe contribuire alla riapertura del corridoio Lachin secondo quanto riporta una dichiarazione del presidente Charles Michel.
In linea con gli elementi e le proposte delineati pubblicamente nella nostra dichiarazione del 1° settembre 2023, il presidente Michel ha continuato a impegnarsi attivamente nel portare avanti questi e altri approcci, concentrandosi principalmente sulla riduzione delle tensioni e sulla situazione umanitaria degli armeni del Karabakh. In particolare, negli ultimi giorni il presidente Michel ha avuto intensi contatti, sia con il primo ministro armeno Nikol Pashinyan che con il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev durante le conversazioni telefoniche del 9 settembre 2023, ma anche con il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdoğan ai margini del vertice del G20 di Nuova Delhi del 10 settembre 2023.Questi sforzi, sostenuti dall’interazione quotidiana del suo ufficio e dell’RSUE Toivo Klaar con Baku, Yerevan e i rappresentanti degli armeni del Karabakh, sono stati mirati ad allentare le tensioni e a elaborare una soluzione per sbloccare l’accesso umanitario agli armeni del Karabakh. In questo contesto, notiamo il passaggio oggi di una consegna umanitaria russa attraverso la rotta Ağdam-Askeran. Comprendiamo tutte le sensibilità associate a questo sviluppo; ci aspettiamo che crei uno slancio per la ripresa delle regolari consegne umanitarie alla popolazione locale.
La situazione sul campo si sta deteriorando rapidamente. È fondamentale garantire la fornitura di prodotti essenziali agli armeni del Karabakh. L’apertura oggi della rotta Agdam-Askeran è un passo importante che dovrebbe facilitare la riapertura anche del corridoio Lachin. Chiediamo a tutte le parti interessate di mostrare responsabilità e flessibilità nel garantire che vengano utilizzate sia la rotta Lachin che quella Agdam-Askeran. Questa difficile situazione sul campo dura da troppo tempo; è ora importante trovare soluzioni sostenibili e reciprocamente accettabili per garantire l’accesso umanitario, anche prima della stagione autunnale e invernale.
Ribadiamo la nostra forte convinzione che il corridoio Lachin debba essere sbloccato, in linea con gli accordi passati e con l’Ordinanza della Corte Internazionale di Giustizia, e sottolineiamo la nostra convinzione nell’utilità anche di altre vie di rifornimento, a beneficio della popolazione locale. L’UE si aspetta che gli sviluppi odierni siano seguiti da passi più concreti nei prossimi giorni e settimane, anche per quanto riguarda il dialogo tra gli armeni di Baku e del Karabakh sui loro diritti e la loro sicurezza, gli sforzi di riconciliazione e il processo di pace globale tra Armenia e Azerbaigian
“.

(13) MANCATA RISPOSTA AZERA – La parte azera non ha ancora risposto alle nuove proposte della parte armena riguardo al trattato di pace tra Armenia e Azerbaigian. Lo ha detto Sargis Khandanyan, presidente della commissione per le relazioni estere dell’Assemblea nazionale armena, in una conversazione con i giornalisti. Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan aveva annunciato durante la sessione governativa del 25 agosto che la parte armena aveva trasmesso alla parte azera le nuove proposte riguardo al trattato di pace tra Armenia e Azerbaigian. 

(13) DICHIARAZIONI INTERNAZIONALI – Matthew Miller, portavoce del Dipartimento di Stato americano, ha sottolineato che il Segretario di Stato americano è personalmente coinvolto nella soluzione della situazione tra Armenia e Azerbaigian e nell’ultima settimana ha avuto molte conversazioni su questo argomento.”Nelle ultime 24 ore, una spedizione di aiuti umanitari è entrata nel Nagorno-Karabakh attraverso la rotta di Aghdam, e quindi ribadiremo il nostro appello sulla questione specifica dell’importanza dell’apertura dei due corridoi verso il Paese (ndr. sull’importanza di raggiungere un accordo come obiettivo a lungo termine”, ha detto Miller.
Maria Zakharova, rappresentante ufficiale del Ministero degli Esteri russo, in un’intervista a “RIA-Novosti” ha detto che la ragione della dura reazione di Mosca ad alcune espressioni di Yerevan è che erano basate su inesattezze, non avevano nulla a che fare con la realtà.”Questo è il motivo della nostra reazione. Per questo motivo l’ambasciatore è stato chiamato al Ministero degli Esteri“, ha detto sottolineando che “la Russia non è nemica dell’Armenia e non lo sarà mai“.

(12) P.A.C.E. – La Commissione PACE ha deciso di chiedere all’Ufficio di presidenza di organizzare una discussione sulla crisi umanitaria nell’Artsakh con una procedura d’urgenza. La commissione ha proposto di organizzare un dibattito sulla crisi umanitaria nel Nagorno-Karabakh con una procedura urgente  nella sessione di ottobre e di organizzare urgenti udienze congiunte sulla crisi umanitaria nel Nagorno-Karabakh da parte degli Stati membri del Consiglio d’Europa sull’attuazione degli obblighi (monitoraggio) e dei Comitati sulla migrazione, sui rifugiati e sugli sfollati.

(12) C.E.D.U. – Siranush Sahakyan, presidente del Centro per il diritto internazionale e comparato, ha inviato una richiesta alla Corte europea in merito al trasferimento dei resti della nativa dell’Artsakh Helen Dadayan, morta in un tragico incidente stradale sull’autostrada Yerevan-Gyumri, vicino al villaggio di Lanjik, ad Artsakh il 14 agosto. “Entro 7 giorni lavorativi la Corte europea pubblicherà la decisione. Ora stiamo aspettando”, ha detto Sahakyan. A quasi un mese di distanza dal decesso l’Azerbaigian si oppone alla richiesta di portare i resti della ragazza per la sepoltura nel villaggio natale di Chartar. Il corpo è ancora all’obitorio di Stepanakert.

(12) DICHIARAZIONE PUTIN – Il presidente russo Vladimir Putin durante il suo discorso alla sessione plenaria del Forum economico orientale ha toccato anche il tema dell situazione del Nagorno Karabakh dichiarando che nel caso in cui le attuali autorità della Repubblica Armena riconoscano il Nagorno Karabakh come parte dell’Azerbaigian, sorgono questioni relative agli aspetti umanitari e al mandato di dispiegamento delle forze di pace russe. “Sì, il mandato è ancora valido, e le questioni di carattere umanitario, di non consentire la pulizia etnica, ovviamente, non sono scomparse da nessuna parte, e su tutto questo sono completamente d’accordo. Spero che la leadership dell’Azerbaigian, come ci ha sempre detto e ci dice ancora, non sia interessata ad alcuna pulizia etnica, al contrario, è interessata che il processo si svolga senza intoppi“, ha detto Putin

(12) DICHIARAZIONE ZAKHAROVA – Maria Zakharova, rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo, commentando la fornitura di aiuti umanitari russi agli armeni dell’Artsakh ha dichiarato che la Russia sta adottando misure coerenti per risolvere la difficile situazione umanitaria nel Nagorno-Karabakh.
Su iniziativa del Ministro degli Affari Esteri della Federazione Russa, Sergey Lavrov, il 25 luglio, durante un incontro tripartito con i capi dei ministeri degli Esteri dell’Azerbaigian e dell’Armenia a Mosca, è stato avviato un piano parallelo di sblocco di Lachin e Aghdam (Akna ) ed è stato sviluppato in collaborazione con tutte le parti interessate. Considerata la significativa differenza di posizioni e l’alto livello di sfiducia reciproca, questo lavoro non è stato facile. Come primo passo, il 12 settembre, una partita di aiuti umanitari è stata consegnata alla regione attraverso l’organizzazione non governativa tutta russa “Croce Rossa russa”. Circa 15 tonnellate di cibo, articoli per l’igiene personale e biancheria da letto sono state donate ai residenti del Nagorno Karabakh che necessitano di aiuto.Ci aspettiamo che, tenendo conto dell’intesa raggiunta in precedenza, nel prossimo futuro, parallelamente alla rotta Aghdam (Akna), venga sbloccato anche il corridoio di Lachin, dopodiché gli aiuti umanitari arriveranno regolarmente nella regione in entrambe le direzioni. Ci auguriamo che in questo modo la situazione umanitaria nel Nagorno-Karabakh si stabilizzi e venga ripristinata la vita normale della popolazione locale. Ciò, a sua volta, creerà le condizioni per avviare un dialogo tra Baku e Stepanakert e per riprendere il lavoro ritmico di attuazione dell’intero complesso di accordi tripartiti sulla regolamentazione delle relazioni armeno-azerbaigian al più alto livello nel 2020-2022“, ha osservato Zakharova.

(12) STRADA AKNA CHIUSA AGLI AZERI – La strada Akna-Askeran continua ad essere chiusa dalla popolazione dell’Artsakh per impedire l’ingresso del carico “umanitario” inviato dall’Azerbaigian alla popolazione dell’Artsakh dai camion della Mezzaluna Rossa. I partecipanti all’azione hanno assicurato che la resistenza continua. Stanno lottando affinché nessun aiuto umanitario inviato dall’Azerbaigian entri nell’Artsakh.”Al momento stiamo facendo la fila al panificio a turno per comprare il pane secco della giornata. E verremo di nuovo qui la sera. Sopportiamo condizioni meteorologiche avverse. l’importante è che nessuno degli aiuti o dei beni inviati dal nostro nemico entri nell’Artsakh, altrimenti si scoprirà che abbiamo tradito i nostri fratelli martiri“, ha detto uno dei partecipanti all’azione.

(12) TRASFERIMENTO PAZIENTI – 13 pazienti medici del “Centro Medico Repubblicano”, insieme ai loro accompagnatori, sono stati trasferiti in centri medici specializzati della Repubblica di Armenia con la mediazione e l’accompagnamento di il Comitato Internazionale della Croce Rossa per ricevere assistenza medica specialistica urgente. Durante la giornata è previsto il ritorno all’Artsakh con veicoli del CICR di 5 pazienti medici che sono stati inviati in Armenia per cure nell’ambito dell’ordine statale. Attualmente, 26 bambini sono ricoverati nell’unità medica “Arevik”, 7 di loro si trovano nel reparto neonatale e di rianimazione. 91 pazienti stanno ricevendo cure ospedaliere presso il “Republican Medical Center” CJSC, 5 pazienti sono nel reparto di terapia intensiva, 3 di loro sono in condizioni critiche.

(12) CAMION RUSSO A STEPANAKERT – Un camion della Croce Rossa russa, carico di beni umanitari di fabbricazione russa, è entrato nella Repubblica dell’Artsakh attraverso la città di Askeran. Il veicolo trasporta mille scatoloni di prodotti alimentari (circa 11 kg a pezzo), 270 set di biancheria e coperte (richieste dall’ospedale), 200 kit igienici (sapone, dentifricio), 192 set per l’infanzia.

(11) ESERCITAZIONE USA-ARMENIA – Nell’ambito dei preparativi per la partecipazione alle missioni internazionali di mantenimento della pace, l’11 settembre è stato annunciato l’inizio dell’esercitazione militare armeno-americana “Partner Eagle-2023” presso il centro di addestramento “Zar” della brigata di mantenimento della pace del Ministero della Difesa dell’Armenia. Alla cerimonia di apertura dell’esercitazione militare congiunta era presente il capo di stato maggiore delle forze armate della RA, il primo viceministro della difesa, il tenente generale Edward Asryan.

(10) AIUTI RUSSI – L’ex consigliere presidenziale Beglaryan ha dichiarato che nessun automezzo russo con aiuti umanitari è entrato in Artsakh a causa di ulteriori ostacoli e condizioni da parte dell’Azerbaigian che non erano stati precedentemente concordati.

(10) USA E CORRIDOI – Gli Stati Uniti hanno chiesto di aprire contemporaneamente il corridoio Lachin e la strada che attraversa Aghdam, in modo che sia possibile trasportare merci verso l’Artsakh. Gli Stati Uniti sono preoccupati per il rapido deterioramento della situazione umanitaria nel Nagorno-Karabakh. “Notiamo che i carichi umanitari sono vicino a Lachin e Aghdam e ribadiamo il nostro appello ad aprire immediatamente entrambi i corridoi in modo che i carichi umanitari tanto necessari raggiungano gli uomini, le donne e i bambini del Nagorno-Karabakh”, si legge nella nota.Il Dipartimento di Stato ha inoltre invitato i leader dei due Paesi a non intraprendere alcuna azione che aumenti la tensione. Gli Stati Uniti ritengono inammissibile l’uso della forza per risolvere le controversie.

(10) GIURAMENTO PRESIDENTE – Oggi, è stata convocata una sessione speciale presso l’Assemblea nazionale della Repubblica dell’Artsakh, dedicata alla cerimonia di insediamento del neoeletto Presidente della Repubblica dell’Artsakh, Samvel Shahramanyan. Il neoeletto presidente ha prestato giuramento con la mano sulla Costituzione e sul Vangelo del XVII secolo. È stato suonato l’inno nazionale della Repubblica dell’Artsakh.
Il precedente presidente, Arayik Harutyunyan, si è congratulato con il neoeletto Presidente della Repubblica dell’Artsakh, Samvel Shahramanyan, esprimendo a quest’ultimo il suo sostegno incondizionato. Arayik Harutyunyan si è congratulato con il neoeletto Presidente della Repubblica dell’Artsakh, Samvel Shahramanyan, esprimendo a quest’ultimo il suo sostegno incondizionato.
Messaggi di congratulazioni sono pervenuti anche da ec presidenti dell’ARtsakh e dal Catholicos KarekinII

(9) AIUTI DALLA RUSSIA – Le autorità della Repubblica dell’Artsakh hanno deciso di consentire l’ingresso di merci russe attraverso la città di Askeran. Il Governo della Federazione Russa ha preso un’iniziativa per fornire aiuti umanitari alla Repubblica dell’Artsakh, tenendo conto della crisi umanitaria creatasi. “Gli aiuti, che contengono prodotti vitali della produzione russa, sono stati inviati ad Artsakh l’altro giorno dalla Croce Rossa russa, con i veicoli di tale organizzazione. Le autorità della Repubblica dell’Artsakh, sulla base della necessità di mitigare i gravi problemi umanitari causati dal blocco totale attuato dall’Azerbaigian, hanno deciso di consentire l’ingresso delle merci russe nella nostra repubblica attraverso la città di Askeran.Allo stesso tempo è stato raggiunto un accordo secondo il quale il trasporto di merci umanitarie sarà ripristinato attraverso il corridoio Lachin da parte delle forze di pace russe e del Comitato internazionale della Croce Rossa”, si legge nel messaggio del Centro informazione.

(9) COLLOQUI PASHINYAN – Il premier armeno ha avuto oggi colloqui telefonici con il presidente francese Macron, il presidente iraniano Raisi, il cancelliere tedesco Sholz e il Segretario di Stato statunitense Blinken, il Primo ministro georgiano Gharibashvili. Le conversazioni hanno avuto per oggetto la situazione nella regione con le minacce azere e la crisi umanitaria in Artsakh.

(9) DICHIARAZIONE UE – L’Unione Europea ha rilasciato una dichiarazione in merito all’elezione del Presidente della Repubblica dell’Artsakh. Lo scrive Nabira Masrali, portavoce per gli affari esteri e la politica di sicurezza dell’Ue.”Per quanto riguarda le cosiddette “elezioni presidenziali” del 9 settembre 2023 a Stepanakert, l’Unione europea riafferma di non riconoscere il quadro costituzionale e giuridico per lo svolgimento delle elezioni.Allo stesso tempo, l’UE ritiene importante che gli armeni del Karabakh si uniscano attorno a una leadership di fatto che abbia la capacità e la volontà di impegnarsi in discussioni efficaci con Baku. L’UE è impegnata a sostenere questo processo”.

(9) REAZIONE TURCA – La Turchia ha considerato l’elezione del presidente dell’Artsakh come un passo volto a minare i “negoziati pacifici”. Nel testo della dichiarazione la Repubblica dell’Artsakh viene presentata come “parte dell’Azerbaigian”. Ankara ha inoltre invitato l’ONU e le organizzazioni internazionali a non riconoscere le elezioni del presidente della Repubblica dell’Artsakh.

(9) NUOVO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA – Samvel Shahramanyan è stato eletto presidente della Repubblica d’Artsakh. Alle ore 11 (locali), è iniziata la sessione straordinaria dell’Assemblea nazionale della Repubblica dell’Artsakh. Alla votazione segreta e riservata hanno partecipato 23 deputati, 22 dei quali hanno votato a favore e 1 contro. A seguito della votazione, l’Assemblea nazionale armena ha deciso di eleggere Samvel Sergeyi Shahramanian presidente dell’Assemblea nazionale armena.

(8) ALTRI TRASFERIMENTI DI PAZIENTI – Un convoglio della Croce Rossa ha trasferito oggi in Armenia dieci pazienti che necessitano di cure specialistiche. Tre sono previsti in rientro in giornata dall’Armenia.

(8) NUOVO PRESIDENTE DOMENICA – L’elezione del presidente dell’Artsakh avrà luogo il 9 settembre. Gagik Baghunts, presidente ad interim dell’Assemblea nazionale della Repubblica dell’Artsakh, ha rilasciato una dichiarazione sulla convocazione di una sessione speciale dell’Assemblea nazionale per l’elezione del presidente. “Guidati dalla prima parte dell’articolo 168.1 della Costituzione e dalle parti 2a e 3a dell’articolo 149.1 della Legge sul “Regolamento dell’Assemblea Nazionale”, i partiti “Patria Libera – KMD”, “Giustizia”, “Federazione Rivoluzionaria Armena” e “Partito Democratico dell’Artsakh” hanno nominato Samvel Sergey Shahramanian come candidato alla presidenza della Repubblica, mentre la fazione “Patria Unita” ha nominato Samvel Andraniki Babayan.
La richiesta della fazione “Patria Unita” di nominare Samvel Andranik Babayan come candidato alla presidenza della Repubblica e i documenti allegati sono stati restituiti a causa della mancata presentazione del certificato di cittadinanza della Repubblica dell’Artsakh negli ultimi dieci anni e residenza stabile nella Repubblica dell’Artsakh negli ultimi dieci anni. Secondo le parti 3 e 4 dell’articolo 149.1 della legge “Regolamento dell’Assemblea nazionale”, il 9 settembre 2023, alle ore 11:00, sarà convocata con forza di legge una sessione straordinaria dell’Assemblea nazionale sulla questione della l’elezione del Presidente della Repubblica
“.
Nel marzo 2023, l’Assemblea nazionale dell’Artsakh ha adottato un progetto di emendamento alla Costituzione, secondo il quale al parlamento veniva concesso il diritto di eleggere il presidente del paese in caso di legge marziale.

(7) LIBERATI I TRE RAGAZZI RAPITI – Il regime azero di Aliyev ha rilasciato i tre studenti armeni dell’Artsakh che erano stati rapiti dieci giorni fa al checkpoint illegale all’ingresso del corridoio di Lachin. Sono stati consegnati all’Armenia dopo dieci giorni di detenzione e non potranno più fare rientro a casa e riabbracciare le proprie famiglie. Erano stati accusati di “disprezzo per la bandiera dell’Azerbaigian” perché, a quanto pare, nel 2021 avevano calpestato una bandiera azera mentre con tutta la loro squadra del Martuni Avo uscivano dallo spogliatoio dello stadio. Inizialmente il procuratore generale azero aveva concesso loro il perdono ma in ogni caso si sono fatti dieci giorni di carcere.

(7) VIOLAZIONI AZERE – Registrate oggi nella regione di Shushi due violazioni del cessate-il-fuoco. Ancora spari contro una mietitrebbia nella zona di Sarashen per impedire il lavoro agricolo nei campi.

(7) MONITORAGGIO EUROPEO – La missione di monitoraggio dell’UE ha aumentato le sue attività di pattugliamento nelle zone di confine delle regioni di Gegharkunik e Syunik per registrare eventuali sviluppi militari.

(7) OCAMPO: GENOCIDIO – Ci sono ragionevoli motivi per ritenere che nel 2023 sarà commesso un genocidio contro gli armeni che vivono nel Nagorno-Karabakh. Lo ha annunciato l’ex procuratore della Corte penale internazionale, Luis Moreno Ocampo, nel corso di un’udienza convocata al Congresso degli Stati Uniti, riferisce 1lurer.”Questo è un genocidio in corso, in corso. Molte persone non devono morire. Esistono diversi formati su come può essere il genocidio. In un caso, il bilancio delle vittime potrebbe essere pari a zero. In altre parole, è possibile creare le condizioni che portano alla distruzione delle persone. Il blocco del corridoio Lachin crea esattamente tali condizioni per la distruzione“, ha affermato, sottolineando che il genocidio di 120.000 persone che vivono nel Nagorno-Karabakh dovrebbe essere evitato.”Gli armeni nel Nagorno-Karabakh hanno bisogno che voi facciate sì che il ‘mai più’ diventi una realtà’“, ha detto, rivolgendosi al pubblico, ricordando loro il genocidio del 1915.

(7) TRASFERIMENTO MALATI – 10 pazienti medici del “Centro Medico Repubblicano” del Ministero della Salute della Repubblica di Artsakh, insieme ai loro accompagnatori, sono stati trasferiti nei centri medici specializzati della Repubblica di Armenia con la mediazione e l’accompagnamento del Comitato Internazionale della Croce Rossa per ricevere cure mediche specialistiche urgenti. Al momento, 28 bambini sono ricoverati nel centro medico “Arevik”, 5 di loro sono nel reparto di terapia intensiva e neonatale. 91 pazienti sono ricoverati presso il “Republican Medical Center” CJSC, 4 pazienti sono nel reparto di terapia intensiva, 2 dei quali sono in condizioni critiche.

(6) RIUNIONE DI GOVERNO – Il presidente ad interim della Repubblica dell’Artsakh, Davit Ishkhanyan, ha convocato una riunione di lavoro, il cui ordine del giorno era la situazione nella Repubblica dell’Artsakh. All’incontro hanno partecipato il presidente ad interim dell’Assemblea nazionale Gagik Baghunts, il ministro di Stato Samvel Shahramanyan, il capo dell’ufficio del presidente Karen Shahramanyan, i capi del potere strutture e fazioni parlamentari, il sindaco di Stepanakert.Il ministro della Difesa, comandante dell’Esercito di Difesa Kamo Vardanyan, ha riferito sulla situazione sulla linea di contatto con l’Azerbaigian e sulle misure adottate per garantire la sicurezza e la difesa della Repubblica dell’Artsakh. Il ministro di Stato Samvel Shahramanian ha presentato ai partecipanti alla consultazione le misure adottate per superare il disastro umanitario e ha parlato dei passi necessari per affrontare le nuove sfide.

(6) MACRON NEL CAUCASO – Secondo fonti non ufficiali, il presidente francese Emmanuel Macron visiterà Yerevan e Baku il 9 e 10 settembre probabilmente con nuove proposte per risolvere la crisi regionale. In precedenza Macron aveva visitato l’Armenia nel 2018 per il festival della francofonia.

(6) ESERCITAZIONE ARMENIA-USA – l Ministero della Difesa della Repubblica di Armenia informa che, nel quadro della preparazione per la partecipazione alle missioni internazionali di mantenimento della pace, l’esercitazione congiunta armeno-americana “Eagle Partner-2023” si terrà dall’11 al 20 settembre in Armenia presso il Centro di addestramento “Zar” di la Brigata di mantenimento della pace del Ministero della Difesa e il Centro di addestramento N del Ministero della Difesa. ‘esercizio prevede operazioni di stabilizzazione tra le parti in conflitto durante le missioni di mantenimento della pace. Lo scopo dell’esercitazione è quello di aumentare il livello di interoperabilità delle unità che partecipano a missioni internazionali di mantenimento della pace nel quadro delle operazioni di mantenimento della pace, di scambiare le migliori pratiche nella gestione e nella comunicazione tattica, nonché di aumentare la prontezza dell’unità armena per il previsto valutazione del “Concetto di Capacità Operativa” NATO/GSC. 85 militari americani e 175 armeni parteciperanno alle esercitazioni. 
Il portavoce del Cremlino, Peskov, ha definito “inquietanti” le notizie sull’esercitazione congiunta armeno-statunitense.

(6) PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA – Le tre fazioni di opposizione del Parlamento della Repubblica dell’Artsakh – “ARF”, “Ardarutyun” e “Partito democratico dell’Artsakh” – hanno indicato Samvel Shahramanyan, attuale Ministro di Stato dell’Artsakh, per la carica di Presidente della Repubblica dell’Artsakh. Secondo la Costituzione della Repubblica d’Armenia, il presidente è eletto con 2/3 voti dei deputati in Parlamento. Se il presidente non viene eletto al primo turno, i due candidati con più voti andranno al secondo turno. in questo caso l’elezione avviene già a maggioranza semplice dei voti. Arayik Harutyunyan aveva presentato le sue dimissioni dalla carica di Presidente della Repubblica d’Armenia il 1° settembre. Anche Gurgen Nersisyan, Ministro di Stato dell’Armenia, era stato sollevato dal suo incarico, e Samvel Shahramanyan era stato nominato a quella posizione, sollevato dalla carica di Segretario del Consiglio di Sicurezza.

(6) ECONOMIA – Finore, durante il blocco (ancora in corso), l’economia dell’Artsakh ha subito danni per circa 509 milioni di dollari.

(5) DICHIARAZIONI RUSSE – “La Russia continua a svolgere un ruolo coerente e molto importante nella stabilizzazione e nella deconflittualità della situazione in questa regione. Continueremo a svolgere questo ruolo”, ha affermato il ​​portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov. Secondo lui in questo caso “è molto importante che tutti i paesi interessati di questa regione aderiscano agli accordi tripartiti firmati due anni fa. “Rispettare questi accordi è la chiave del successo“, ha aggiunto Peskov. Peskov, inoltre, ha dichiarato, in risposta alle affermazioni del premier Pashinyan, che la Russia non lascerà il Caucaso.
In un briefing Maria Zakharova, rappresentante ufficiale del Ministero degli Esteri russo, rispondendo alla domanda su cosa sta facendo la parte russa per allentare la tensione nel Nagorno Karabakh e porre fine alla crisi umanitaria ha dichiarato che la parte russa è in costante contatto con tutti i partner interessati attraverso il Ministero degli Affari Esteri, il Ministero della Difesa e altri dipartimenti competenti e sta adottando misure per risolvere la crisi umanitaria.
Agiamo in conformità con gli accordi tripartiti globali firmati tra i leader della Federazione Russa, dell’Azerbaigian e dell’Armenia nel 2020-2022. Siamo a favore dell’accesso senza ostacoli agli aiuti umanitari attraverso le rotte di Lachin e Aghdam, e allo stesso tempo chiediamo di evitare un’inutile politicizzazione di questo problema”, ha affermato Zakharova aggiungendo che l’Unione Europea “come prima, anche in questo caso prende spudoratamente in prestito le iniziative della parte russa, mentre, in generale, i risultati delle azioni dell’Unione Europea non portano alla soluzione della situazione“. Zakharova ha anche definito “inaccettabili” i “tentativi di Yerevan di incolpare la Russia”.
La portavoce ha altresì dichiarato che la Russia esprime le sue condoglianze per la morte dei militari armeni a seguito di un’altra aggressione azera contro le posizioni armene a Sotk e sostiene lo spiegamento della missione CSTO nella zona di confine armeno-azerbaigiano: “Esprimiamo le nostre condoglianze per la morte dei militari armeni nel villaggio di Sotk e invitiamo le parti ad astenersi da azioni che portino all’escalation, alla tensione e, soprattutto, alle vittime umane. Questo tragico incidente ha confermato ancora una volta la scarsa efficienza della missione dell’Unione Europea in Armenia“.

(5) NUOVA BIBLIOTECA A STEPANAKERT – Nonostante la grave crisi in atto in Artsakh la cultura rimane sempre importante. Oggi a Stepanakert presso l’Università Accreditata Statale Grigor Narekatsi è stata aperta una biblioteca intitolata al professor Vardan Hakobyan. Il rettore dell’università Sevak Hakobyan ha sottolineato che la biblioteca è stata aperta a spese del fondo e dei fondi personali dei libri di Vardan Hakobyan. l patrimonio librario della Biblioteca ammonta a più di diecimila libri.

(5) MISSIONE EUROPEA – La missione dell’UE ha riferito a Bruxelles sulla tensione al confine armeno-azerbaigiano. In una dichiarazione la missione riferisce che “abbiamo annunciato che il 1 settembre, a partire dalle 07:50, le forze armate azere hanno aperto un intenso fuoco in direzione delle posizioni armene situate nelle comunità Sotk e Norabak di Gegharkunik Marz. L’Azerbaigian ha utilizzato anche mortai e droni. La parte armena conta 3 vittime e 2 feriti. Le nostre pattuglie monitorano le aree di confine e le zone di conflitto per riferire sulle operazioni militari e sulla sicurezza“. missione.

(5) TRASFERIMENTO MALATI – 9 pazienti del “Centro Medico Repubblicano” del Ministero della Salute della Repubblica di Artsakh, insieme ai loro accompagnatori, sono stati trasferiti nei centri medici specializzati della Repubblica di Armenia con la mediazione e l’accompagnamento del Comitato Internazionale della Croce Rossa per ricevere cure mediche specialistiche urgenti. Durante la giornata è previsto il ritorno all’Artsakh con i veicoli del CICR di 2 pazienti, che erano stati indirizzati in Armenia per cure. Al momento, 24 bambini sono ricoverati nel centro medico pediatrico “Arevik”, 7 di loro sono nel reparto neonatale e di rianimazione. 90 pazienti sono ricoverati presso il “Republican Medical Center”, 3 pazienti sono nel reparto di terapia intensiva, 1 di loro è in condizioni estremamente gravi.

(4) ANCORA COLPI VERSO I CAMPI – Nella mattinata dalle postazioni azere sono nuovamente partiti colpi all’indirizzo della mietitrebbia che opera nei campi intorno a Sarushen. E ancora una volta gli agricoltori hanno dovuto sospendere il lavoro nei campi.

(4) FERME ALCUNE SCUOLE – In diverse scuole di Stepanakert oggi e domani non si svolgeranno le lezioni perchè gli edifici saranno destinati a centro di smistamento dei buoni per acquistare il pane (in vigore da domani).

(3) VIOLAZIONI AZERE – Secondo quanto comunicato dal ministero della Difesa di Stepanakert, oggi, intorno alle 14:20 (ora locale), le forze armate azere hanno violato il regime di cessate il fuoco in direzione di Chankatagh nella regione di Martakert nell’Artsakh, utilizzando armi leggere e lanciagranate AGS-17. L’esercito azerbaigiano ha sparato contro un camion cisterna che portava acqua per i villaggi della zona. In seguito alla violazione del cessate il fuoco da parte armena una persona è rimasta ferita. La sua vita non è in pericolo, come riferito dal Ministero della Difesa dell’Artsakh.

(2) ANNIVERSARIO INDIPENDENZA – Una cerimonia si è svolta al memoriale di Stepanakert per ricordare il 32° anniversario dell’indipendenza della repubblica di Artsakh.

(1) GRAVE IL BILANCIO DELL’ATTACCO – Sono tre i militari armeni deceduti a seguito dell’attacco azero nella regione di Gegharkunik in Armenia. I quattro caduti sono Andranik Arshaki Antonyan, Arsen Alexander Mkrtichyan, Vachagan Saroi Vardanyan; Narek Kareni Poghosyan, inizialmente dato per deceduto, è invece ancora vivo sia pure in gravi condizioni. La parte armena ha anche un altro ferito. L’Azerbaigian non ha reso noto il dato ma secondo fonti non ufficiali dovrebbe aver riportato cinque morti e tre feriti.

(1) STUDENTI RAPITI – I rappresentanti del Comitato Internazionale della Croce Rossa hanno visitato i tre studenti-calciatori detenuti in Azerbaigian, che sono stati arrestati dalla parte azera il 28 agosto mentre si trasferivano dal Nagorno Karabakh all’Armenia accompagnati dalle truppe di mantenimento della pace.

(1) ATTACCO AZERO – Intorno alle 7,50 ora locale (5,550 in Italia) le forze armate dell’Azerbaigian hanno attaccato postazioni difensive in direzione del villaggio di Sotk (Armenia) utilizzando copi di mortaio e droni. Due soldati armeni sono rimasti uccisi e uno ferito. Verso le 12,30 nuovi colpi azeri verso postazioni armene in direzione del villaggio di Norabak.

Il ministero degli Esteri della repubblica di Artsakh (Nagorno Karabakh) ha rilasciato il seguente comunicato:

“Attribuiamo grande importanza agli appelli fatti al più alto livello dalle Nazioni Unite, dall’Unione Europea, dal Consiglio d’Europa e da altri rispettati attori internazionali per l’immediata revoca da parte dell’Azerbaigian del blocco illegale del Corridoio Lachin. Allo stesso tempo, è evidente che tali appelli non hanno alcun impatto sulla leadership dell’Azerbaigian, che, in un clima di impunità e completa mancanza di responsabilità, continua la sua politica di genocidio e sottopone alla fame 120mila persone dell’Artsakh, creando insopportabili condizioni di vita per loro.

Nei loro comunicati e negli appelli effettuati periodicamente da strutture internazionali, organizzazioni e singoli Stati, tutti nessuno escluso hanno preso atto del blocco illegittimo del Corridoio Lachin e hanno sottolineato la necessità di ripristinare la libertà di movimento lungo il corridoio. Tuttavia, non vengono prese misure specifiche ed efficaci in questa direzione. Nel frattempo, la catastrofe umanitaria e la crisi dei diritti umani nella Repubblica dell’Artsakh peggiorano ogni giorno che passa.

Le recenti dichiarazioni provenienti dall’Azerbaigian sulla possibilità di utilizzare percorsi alternativi per la presunta consegna di aiuti umanitari all’Artsakh dimostrano ancora una volta che Baku sta usando il blocco come arma e mezzo per esercitare pressioni sulla popolazione dell’Artsakh. Le autorità azere sfruttano la sofferenza delle persone e la catastrofe umanitaria che hanno creato per raggiungere i loro obiettivi politici. Tali azioni e comportamenti dell’Azerbaigian devono essere fermamente respinti dalla comunità internazionale come disumani.

A questo proposito, ancora una volta, esortiamo con forza tutti gli stati interessati, le organizzazioni internazionali e gli altri attori a passare dalle parole ai fatti per porre fine ai crimini internazionali commessi dall’Azerbaigian contro l’Artsakh e il suo popolo. Ricordiamo che la prevenzione del genocidio è un obbligo erga omnes, che richiede ad ogni Stato uno sforzo attivo e continuo per prevenire la commissione di tali crimini.

La fine della catastrofe umanitaria in corso e della crisi dei diritti umani nella Repubblica dell’Artsakh è una vera sfida per l’efficacia degli attori internazionali coinvolti. Siamo convinti che, in conformità con i loro impegni, siano in grado di affrontare una violazione così evidente ed eclatante dell’ordine internazionale da parte dell’Azerbaigian e prevenire il crimine di genocidio. Altrimenti ogni appello alla pace e alla normalizzazione sarà slegato dalla realtà e privo di ogni sostanza e prospettiva”.

Stepnakert, 5 agosto 2023

Davanti alla giornalista che lo intervista per ‘Euronews’ (un’intervista in parallelo con il premier armeno Pashinyan, stesse domande), l’autocrate presidente dell’Azerbaigian non si tira indietro. Non prova a camuffare quella irresistibile voglia di menare le mani che ha da quando è asceso al potere succedendo al padre.
Ilham Aliyev, forte dei successi militari grazie alla montagna di miliardi di dollari spesa in armamenti negli ultimi anni e grazie all’indispensabile aiuto del compare turco Erdogan, non si nasconde dietro inutili giri di parole anche quando logica e diplomazia imporrebbero di addolcire certe dichiarazioni.

Si contraddice in più di un’occasione ma da bravo padre-padrone del suo Paese non se ne cura, tanto le critiche in patria non arriveranno mai e all’estero il suo gas è troppo prezioso per ridare dignità alla politica internazionale.

Esordisce affermando che l’accordo tripartito del 9 novembre 2020 non è un trattato di pace (e in questo ha ragione) ma un “atto di capitolazione” dell’Armenia alla quale imporre poi le condizioni (ovviamente le sue) per una soluzione definitiva del contezioso.
Dietro ogni sua frase si nasconde un’ostilità latente, una voglia repressa di schiacciare definitivamente il nemico, prendersi tutto e risolvere una volta per tutte il problema. In fondo è quel che volevano i Giovani turchi nel 1915…

Non usa quasi mai l’espressione “Nagorno Karabakh” (che nel linguaggio azero è stata abolita) ma solo “Karabakh” nonostante il predetto accordo di tre anni fa la riportasse integralmente. Non dà valore a quella firma post-guerra ma poi rivendica che “l’Armenia ha l’obbligo sottoscritto dopo la seconda guerra del Nagorno Karabakh di consentirci l’accesso alla nostra exclave del Nakhchivan” (in realtà c’è solo una previsione di sblocco delle comunicazioni regionali non un diritto di occupare altra terra armena o di transito…).

Se vedremo un approccio costruttivo da parte degli armeni e soprattutto se questi ultimi metteranno da parte tutte le loro aspirazioni a contestare la nostra integrità territoriale allora potremo trovare una soluzione di pace molto preso forse anche entro la fine dell’anno” afferma: ma gli armeni lo hanno (imprudentemente, forse ora Pashinyan se ne sta pentendo) già fatto chiedendo solo la tutela e la sicurezza dei diritti della popolazione dell’Artsakh. Nel frattempo Aliyev continua a occupare pezzi di Armenia e ad avanzare rivendicazioni sulle “storiche terre azerbaigiane” che già detta così fa ridere per uno Stato nato nel 1918.

Nel suo traporto di certezze il patetico Aliyev si incarta parlando del blocco – a suo dire inesistente – del corridoio di Lachin: prima dice che sono passati 2000 armeni dal 23 aprile, poi parla di provocazione di Yerevan per il ferimento di un soldato (che, per la cronaca, aveva oltrepassato il ponte Hakari e piantato una bandiera dell’Azerbaigian in territorio dell’Armenia, evidente provocazione) e conferma che Baku ha chiuso la strada, poi ammette che i convogli della Croce Rossa sono stati fermati per “contrabbando” di sigarette, iphone e benzina: ma se il corridoio è aperto quale sarebbe il problema di far arrivare delle merci a Stepanakert?

Ma il meglio del dittatore azero arriva nel finale: alla domanda “Quale pensa sia la sua missione? Portare una pace duratura o vincere una guerra?” Aliyev non ha alcuna esitazione. “Vincere la guerra era la mia missione politica”. Un bravo consigliere gli avrebbe suggerito una risposta più diplomatica, meno diretta; ma nessuno si azzarda a contraddire il presidente che non è abituato a domande strane come quella conclusiva quando l’intervistatrice gli chiede cosa vorrebbe dire all’opinione pubblica armena: il sunto della sua risposta è che gli armeni dell’Armenia si devono fidare di lui e delle sue proposte, anzi condizioni, di pace mentre quelli dell’Artsakh dovrebbero essere contenti di diventare bravi cittadini dell’Azerbaigian (177° su 190 Stati per tutela dei diritti politici e civili…) oppure andarsene.

L’intervista si svolge nella città armena occupata di Shushi e il segnale è inequivocabile: qui ci sono e non me ne vado…

Qui il reportage di Euronews (in italiano)

(31) PREOCCUPAZIONE USA – Gli Stati Uniti sono profondamente preoccupati per il peggioramento della situazione umanitaria nel Nagorno-Karabakh a causa del continuo blocco di cibo, medicine e altri beni necessari per un’esistenza dignitosa. Lo ha affermato nella dichiarazione di Matthew Miller, portavoce del Dipartimento di Stato americano.

(31) UNIONE EUROPEA – Durante l’incontro dei ministri degli Esteri dell’Unione Europea svoltosi in Spagna si è discusso, tra i tanti temi, anche della situazione nel Nagorno Karabakh e della crisi umanitaria causata dal blocco del Corridoio Lachin da parte dell’Azerbaigian. Durante la conferenza stampa tenutasi dopo l’incontro dei ministri degli Esteri, l’Alto Rappresentante dell’UE per gli Affari Esteri e la Sicurezza, Josep Borel, ha invitato le autorità azere a garantire la libera e sicura circolazione attraverso il corridoio Lachin.

(31) CEDU – La CEDU (Corte Europea dei Diritti dell’Uomo) ha deciso di concedere all’Azerbaigian tempo fino al 7 settembre di quest’anno. sulla fornitura di informazioni riguardanti i tre civili rapiti dal Lachine Corridor il 28 agosto. Lo ha riferito l’ufficio del rappresentante della Repubblica d’Armenia per gli affari giuridici internazionali. L’Azerbaigian è obbligato a informare la corte sul luogo in cui si trovano, le condizioni di detenzione, lo stato di salute, le cure mediche ricevute e le misure adottate per il ritorno di queste persone.

(31) TRASFERIMENTO MALATI – 10 pazienti del “Republican Medical Center” CJSC del Ministero della Salute della Repubblica dell’Artsakh, insieme ai loro accompagnatori, sono stati trasferiti nei centri medici specializzati della RA con la mediazione e l’accompagnamento del Comitato Internazionale della Croce Rossa ricevere cure mediche specialistiche urgenti. Il Ministero della Salute informa che è previsto il rientro in Artsakh, accompagnato dalla Croce Rossa, durante la giornata di un paziente, che una volta era stato portato in Armenia per cure. Al momento, 34 bambini sono ricoverati nel Centro medico “Arevik”, 8 di loro sono nel reparto neonatale e di rianimazione. 94 pazienti sono ricoverati presso il “Republican Medical Center” CJSC, 7 sono nel reparto di terapia intensiva, 3 di loro sono in condizioni critiche.

(31) NUOVO MINISTRO DI STATO – Samvel Shahramanyan è stato nominato ministro di Stato dell’Artsakh. Secondo il decreto del Presidente della Repubblica dell’Artsakh, Arayik Harutyunyan, il Ministro di Stato della Repubblica dell’Artsakh, Gurgen Nersisyan, è stato sollevato dall’incarico e il Segretario del Consiglio di Sicurezza, Samvel Sergey Shahramanyan, a cui sono stati conferiti ampi poteri, è stato sollevato dall’incarico precedentemente conferito e nominato Ministro dello Stato.

(31) DIMISSIONI HARUTYUNYAN – Arayik Harutyunyan ha annunciato le sue dimissioni. Qui il testo del suo messaggio.

(31) NUOVO COMANDO RUSSO – Il maggiore generale Kirill Kulakov è stato nominato nuovo comandante delle truppe russe di mantenimento della pace nel Nagorno-Karabakh. Kulakov è nato il 20 luglio 1969. Da marzo 2017 è stato comandante della Scuola superiore di comando militare di Kazan. Kulakov sostituisce il colonnello generale Alexander Lentsov, in servizio dall’aprile 2023.

(30) AIUTI DALLA FRANCIA – L’Azerbaigian ha bloccato l’ingresso dei beni umanitari inviati nell’Artsakh da diverse regioni della Francia. Dieci autotreni carichi di aiuti alimentari e non si sono incolonnati a Kornidzor dove ne sono presenti altre 21. L’Azerbaigian, tuttavia, blocca ancora il transito nel corridoio di Lachin. Nello stesso tempo, due autotreni della Mezzaluna Rossa hanno invano cercato di entrare in Artsakh da Aghdam ma sono stati fermati dai cittadini armeni che non vogliono aiuti dall’Azerbaigian.

(30) SINDACO DI PARIGI IN ARMENIA – Il Ministro degli Affari Esteri della Repubblica dell’Artsakh, Sergey Ghazaryan, ha incontrato a Kornidzor il sindaco di Parigi Anne Hidalgo e la delegazione da lui guidata, arrivata in Armenia per accompagnare un carico umanitario inviato dalla Francia all’Artsakh e valutare la situazione sul campo. Il capo del dipartimento degli esteri della Repubblica dell’Artsakh ha presentato la situazione disastrosa che si è creata in vari settori dell’Artsakh a causa del blocco e il lavoro volto a risolverla.

(29) SOSTEGNO ALIMENTARE – Da domani inizierà il programma di sostegno sociale sotto forma di cibo ad alcune categorie di persone che vivono nella città di Stepanakert. Lo comunica il Ministero dello Sviluppo Sociale e della Migrazione della Repubblica dell’Azerbaigian, precisando che a partire dal 28 agosto 2023, i beneficiari del programma saranno persone di età inferiore a 18 anni,  persone di età superiore a 63 anni e persone con disabilità. Il sostegno per ciascun beneficiario comprenderà 1 kg di carne, 1 kg di patate e 1 kg di cereali. Per ricevere il sostegno, il beneficiario o un membro adulto della sua famiglia può presentare domanda fino al 21 settembre 2023 al Comitato di gestione delle ispezioni statali o Comitato per gli affari abitativi della Repubblica di Armenia, presentando il documento d’identità originale del beneficiario, il numero di servizio pubblico e, nel caso di una persona con disabilità, anche il certificato della decisione di prova.

(28) GLI AZERI “PERDONANO” I RAGAZZI RAPITI – Baku ha annunciato la chiusura del procedimento penale contro i tre giovani (Alen Sargsyan, Vahe Hovsepyan e Levon Grigoryan) rapiti dai soldati azeri al posto di blocco illegale di Lachin. Erano accusati di atti di disprezzo verso la bandiera dell’Azerbaigian. L’Ufficio del Procuratore Generale dell’Azerbaigian ha emesso un messaggio al riguardo. “Tenendo conto dell’età degli imputati, del loro sincero rimorso e del rispetto dei requisiti della legislazione procedurale, è stato applicato il principio di umanità e il procedimento penale contro di loro è stato fermato” si legge nel comunicato stampa dell’Azerbaigian.

(28) MANIFESTAZIONE SPONTANEA – Dopo il rapimento dei cittadini della Repubblica dell’Artsakh al posto di blocco illegale dell’Azerbaigian, a Stepanakert si è svolta in serata una grande manifestazione spontanea. La folla si è radunata in piazza della Rinascita davanti al palazzo presidenziale e a quello dell’Assemblea nazionale che si è riunita in seduta straordinaria alle 21 (ora locale) dibattendo per oltre cinque ore sugli sviluppi della crisi. All’evento hanno partecipato anche il secondo e il terzo presidente della Repubblica dell’Artsakh, Bako Sahakyan e Arkadi Ghukasyan. Al termine, il presidente Arayik Harutyunyan è uscito per rispondere alle domande delle persone radunate davanti al parlamento, comunicando innanzitutto di avere buone notizie sulla sorte dei ragazzi rapiti al checkpoint illegale in quanto convinto che presto verranno rilasciati. Ha altresì dato appuntamento per la mattina seguente alle famiglie dei ragazzi rapiti. Il capo del Paese ha assicurato che è in discussione la questione dell’apertura di una sola strada, ovvero quella del  corridoio di Lachin. Harutynunyan ha informato che sono state discusse tre questioni: il destino dei tre giovani dell’Artsakh che sono stati rapiti al checkpoint illegale azerbaigiano, la questione del pane, la necessità di riaprire il corridoio Lachin. Ha inoltre parlato riguardo le sue possibili dimissioni nei prossimi giorni che saranno oggetto di un valutazione a breve.

(28) CONSIGLIO DI SICUREZZA – Il presidente Harutyunyan ha convocato una riunione urgente del Consiglio di Sicurezza per discutere del rapimento dei tre ragazzi al checkpoint di Lachin.

(28) SONO TRE I RAGAZZI RAPITI – Sarebbero tre i ragazzi armeni dell’Artsakh fermati e sequestrati dagli azeri al checkpoint illegale di Lachin. Secondo i media azeri, gli armeni arrestati sono giocatori di calcio del club Martuni Avo ricercati dalle forze dell’ordine azere dal 2021 per aver presumibilmente “disonorato” la bandiera azera. Rischiano una pena detentiva di 10 giorni. In precedenza, l’Artsakh InfoCenter aveva denunciato il  rapimento  da parte dell’Azerbaigian di una sola persona, uno studente di 22 anni che si stava recando in Armenia per proseguire gli studi. Un altro studente era stato interrogato dalle guardie di frontiera azere quando è arrivata la notizia del rapimento, secondo Tigran Petrosyan, capo del consiglio anticrisi sotto il presidente dell’Artsakh.

(28) RAPITO STUDENTE ARMENO – La parte azera ha rapito al posto di controllo illegale nel corridoio di Lachin Alen Nelson Sargsyan, nato nel 2001, che si stava recando in Armenia dall’Artsakh accompagnato dalle forze di pace russe. Lo riferisce il quartier generale dell’informazione dell’Artsakh. Non si hanno ancora informazioni attendibili sui motivi del rapimento. Alen Sargsyan è uno studente che stava andando a Yerevan per continuare i suoi studi.

(28) TRASFERIMENTO MALATI – 6 pazienti medici del “Centro Medico Repubblicano” CJSC del Ministero della Salute della Repubblica di Armenia, insieme ai loro accompagnatori, sono stati trasferiti nei centri medici specializzati della Repubblica di Armenia con la mediazione e l’accompagnamento del Comitato Internazionale della Croce Rossa per ricevere assistenza medica specialistica urgente. In giornata è previsto il ritorno in Artsakh con i veicoli del CICR di 3 pazienti medici, insieme ai loro accompagnatori. Attualmente, 37 bambini sono ricoverati nel centro medico “Arevik”, 4 di loro sono nel reparto neonatale e di rianimazione mentre 87 pazienti stanno ricevendo cure ospedaliere presso il “Republican Medical Center” con 6 pazienti sono nel reparto di terapia intensiva (3 di loro sono in condizioni critiche).

(28) VIOLAZIONI AZERE SU YERASKH– Dal 25 al 27 agosto, l’Azerbaigian ha sparato più di 60 colpi contro la costruenda acciaieria (a capitale armeno-statunitense) di Yeraskh. Si tratta di un numero senza precedenti di colpi ad alta intensità in direzione della fabbrica in costruzione

(27) FARINA CONSEGNATA A STEPANAKERT – Entro la fine della giornata a Stepanakert verrà fornita farina in misura pari al 70% della domanda di pane di oggi e di domani. Lo riferisce il Fondo di sostegno agricolo e rurale della Repubblica dell’Azerbaigian.”Giornalmente vengono raccolte le scorte di grano e la farina risultante viene inviata direttamente ai panificati, secondo le possibilità.Questa mattina è già stata consegnata una notevole quantità di farina ai laboratori Stepanakert ed entro la fine della giornata sarà consegnato circa il 70% della domanda di pane di oggi e di domani.Anche nei distretti si sta lavorando adeguatamente in questa direzione“, si legge nella nota.

(26) CAMION FERMI – I camion che trasportano cibo e medicinali essenziali dall’Armenia all’Artsakh sono a Kornidzor da un mese. Secondo l’accordo iniziale, il carico di oltre 400 tonnellate doveva essere inviato attraverso le forze di pace russe nell’Artsakh assediato, dove la crisi umanitaria si intensifica di giorno in giorno. Ad oggi l’Azerbaigian impedisce il loro ingresso in Artsakh.

(26) INCONTRO CON I MEDIA – Il presidente dell’Assemblea nazionale della Repubblica dell’Artsakh Davit Ishkhanyan ha incontrato i rappresentanti dei media della repubblica. Come riferito dal dipartimento stampa e pubbliche relazioni dell’Assemblea nazionale della Repubblica dell’Artsakh, il capo del parlamento ha presentato le attività di 20 giorni dell’ufficio, con riferimento alle sfide esterne e interne.Parallelamente agli sforzi volti ad alleviare la difficile situazione nel Paese, sono stati compiuti sforzi per attivare la diplomazia parlamentare, riavviare le relazioni interparlamentari con l’Armenia e ripristinare contatti attivi con gruppi e circoli amichevoli.

(26) CIBO DA CHARTAR A STEPANAKERT – I residenti della città di Chartar, nell’Artsakh, hanno inviato il terzo lotto di sciroppo di gelso e grano korkot a Stepanakaret. I destinatari questa volta sono state le 200 famiglie di via Sasuntsi Davit nella capitale, ciascuna delle quali ha ricevuto 1 kg di korkot e 0,5 l di doshab.L’iniziativa è realizzata con il sostegno di un gruppo di patrioti di Chartar residenti in Russia, con l’aiuto degli operai e dei volontari del comune di Chartar.

(26) DISTRIBUZIONE CIBO – Da lunedì verrà organizzata la fornitura di prodotti a base di carne, patate e cereali per alcuni gruppi sociali di Stepanakert. Il ministro di Stato, Gurgen Nersisyan, ha dichiarato: “Negli ultimi giorni il governo ha svolto alcuni lavori preparatori per organizzare la distribuzione di prodotti a base di carne, patate e cereali ai rappresentanti di diversi gruppi sociali di Stepanakert (pensionati, disabili, sfollati, madri sole, famiglie con molti bambini, ecc.) dalla prossima settimana. Un ulteriore comunicato chiarificatore verrà rilasciato dagli organi competenti in merito alla procedura”.

(26) DISTRIBUZIONE FARINA – Nei prossimi giorni la farina verrà fornita ai panificati in un certo volume stabile, senza ridurre i volumi di produzione dei giorni precedenti. Il Fondo di sostegno ai villaggi e all’agricoltura ha informato di ciò, assicurando che le voci diffuse secondo cui la farina non verrà affatto fornita nei prossimi tre giorni sono false. La fondazione ha informato che nonostante vi siano diversi problemi legati all’organizzazione del raccolto, al volume di grano necessario, al funzionamento dei mulini e alla disponibilità di combustibile, nei prossimi giorni sarà possibile mantenere stabile il livello di approvvigionamento di farina e volume di produzione del pane, almeno il livello degli ultimi giorni.

(25) AIUTI DALLA FRANCIA – Su richiesta del Consiglio di coordinamento delle organizzazioni franco-armene (CCAF), il sindaco di Parigi Anne Hidalgo ha lanciato un’iniziativa invitando le comunità regionali della Francia a organizzare un convoglio umanitario nel Nagorno-Karabakh assediato dal 12 dicembre. 2022. Il programma è finanziato dalle regioni Ile-de-France, Auvergne-Rhône-Alpes, Hauts-de-France, Occitanie, Pays de la Loire e Provenza-Alpi-Costa Azzurra della Francia e da molte città del Paese. Anne Hidalgo, Xavier Bertrand, Bruno Retailleau, Jeanne Barseghian, nonché Patrick Karam e Michele Rubirola hanno deciso di accompagnare fisicamente questo convoglio che dovrebbe raggiungere il corridoio Lachin nel pomeriggio del 30 agosto. Inoltre, la CCAF chiede alle autorità francesi ed europee di utilizzare misure diplomatiche speciali affinché questo convoglio di 10 camion con beni essenziali attraversi il checkpoint stabilito dall’Azerbaigian e raggiunga la loro destinazione. L’idea di inviare un convoglio umanitario francese era stata annunciata per la prima volta da Laurent Wauquiez, presidente del consiglio regionale dell’Alvernia-Rodano-Alpi francese, a Yerevan a marzo.

(25) CONSIGLIO DI SICUREZZA ONU – La Francia presenterà un progetto di risoluzione al Consiglio di Sicurezza dell’ONU per fornire aiuti ai 120.000 abitanti dell’Artsakh (Nagorno Karabakh) che rischiano di morire di fame a causa del blocco illegale del corridoio Lachin da parte dell’Azerbaigian. Per l’approvazione del documento saranno necessari almeno nove voti e nessun veto da parte di Cina, Russia, Stati Uniti o Regno Unito.

(25) TRASFERIMENTO PAZIENTI – 10 pazienti dell’Artsakh sono stati trasferiti in centri medici specializzati della Repubblica di Armenia con la mediazione e l’accompagnamento del Comitato Internazionale della Croce Rossa. Durante la giornata è previsto il ritorno ad Artsakh con i veicoli del CICR di 8 pazienti medici, insieme ai loro accompagnatori, che una volta erano stati inviati in Armenia per cure.

(25) MISSIONE OSCE – Andrzej Kasprzyk, rappresentante personale del Presidente in esercizio dell’OSCE, è in Armenia per visitare il Corridoio Lacin e riferire sulla situazione attuale, su istruzioni del Presidente in esercizio dell’OSCE. Recentemente ha visitato la zona di confine di Kornidzor, dove da più di un mese i veicoli carichi di aiuti umanitari inviati dall’Armenia per alleviare la crisi umanitaria aspettano di entrare nel Nagorno Karabakh.

(25) NAZIONI UNITE – Il professor Juan Mendes ha presentato alle Nazioni Unite un rapporto sulle conseguenze giuridiche del blocco del Nagorno Karabakh. È stato pubblicato anche sul sito web della Rappresentanza permanente dell’Armenia presso le Nazioni Unite.
Il 23 agosto la rappresentanza permanente dell’Armenia ha organizzato un dibattito presso la sede delle Nazioni Unite, durante la quale è stato presentato il parere esperto di Juan Mendes, ex consigliere speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per la prevenzione del genocidio, professore di diritti umani presso l’Università americana di Washington riguardo al blocco in corso nel Nagorno Karabakh e all’ONU le possibilità di utilizzare strumenti di prevenzione. Alla discussione hanno preso parte i diplomatici degli Stati membri del Consiglio di Sicurezza dell’ONU e di numerosi altri Paesi. Nel suo discorso di apertura, il rappresentante permanente della RA presso le Nazioni Unite Mher Margaryan ha presentato la situazione nel Nagorno Karabakh, sottolineando che la crisi umanitaria continua a peggiorare. Riferendosi alla riunione urgente del Consiglio di sicurezza dell’ONU, convocata il 16 agosto su richiesta della Repubblica di Armenia, il rappresentante permanente armeno ha sottolineato che l’ONU non può permettere che venga commesso un altro crimine e deve adottare misure chiare per impedirlo. Il professor Mendes, in particolare, ha sottolineato che nel contesto dell’attuale situazione nel Nagorno-Karabakh, il rifiuto di conformarsi alla sentenza obbligatoria della Corte internazionale di giustizia è un segnale per lanciare lo strumento di prevenzione precoce per prevenire il genocidio. Secondo il parere esperto del professor Mendes, la situazione nel Nagorno Karabakh costituisce una base sufficiente affinché la comunità internazionale possa attivare meccanismi di allerta precoce e il principio della responsabilità di proteggere.

(25) PRIGIONIERO ARMENO – Secondo quanto riferiscono i media azeri, rappresentanti dell’ufficio del difensore dei diritti umani hanno visitato il prigioniero armeno Gagik Voskanyan il quale avrebbe “espresso la sua soddisfazione per le condizioni di detenzione”. Voskanyan, un soldato dell’esercito di riserva, partecipante a un campo di addestramento, era stato catturato dagli azeri il 16 agosto e incriminato per “attraversamento illegale del confine di stato”.

(24) DICHIARAZIONI DI PASHINYAN – Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha annunciato che Baku sta continuamente silurando con vari mezzi il dialogo con Stepanakert, cercando di attribuire la responsabilità al Nagorno Karabakh. Il Primo Ministro ritiene essenziale attuare il punto 7 della dichiarazione tripartita del 9 novembre 2020, che prevede il ritorno dei rifugiati e degli sfollati interni non solo nel territorio del Nagorno Karabakh, ma anche nelle regioni adiacenti .”Ciò significa che gli armeni non solo di Martakert, di alcuni villaggi di Hadrut, di alcuni villaggi di Martuni, ma anche di Getashen, Martunashen, Shahumyan e di altre regioni dovrebbero avere l’opportunità di tornare alle loro case con dignità e sicurezza“, ha affermato Pashinyan. Il premier armeno ha inoltre annunciato di aver ricevuto informazioni che si stanno sviluppando piani per aprire unilateralmente il corridoio Lachin, cioè per consentire solo l’uscita dal Nagorno Karabakh. Ha anche ricordato che molti residenti del Nagorno Karabakh si trovano attualmente nella Repubblica d’Armenia e non possono tornare nel Nagorno Karabakh. Di questi, circa 5.000 sono dovuti alla chiusura illegale del corridoio Lachin dal dicembre dello scorso anno e circa 30.000 sono dovuti al mancato rispetto del punto 7 della dichiarazione tripartita del 9 novembre 2020.

(24) VIOLAZIONI AZERE – Nella notte tra il 23 e il 24 agosto, le forze armate azere hanno violato il cessate il fuoco nella regione di Martuni, nella Repubblica dell’Azerbaigian, utilizzando armi leggere. Non ci sono perdite da parte armena.La violazione del cessate il fuoco è stata segnalata al comando delle truppe russe di mantenimento della pace. 

(24) DICHIARAZIONI MINISTERO ESTERI STEPANAKERT – Il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica dell’Artsakh ha risposto all’informazione diffusa dal servizio azerbaigiano della BBC secondo cui le autorità del Nagorno Karabakh sarebbero propense ad accettare l’apertura della strada per Aghdam e che si terrà un incontro tra le parti su questo tema. che si terrà a Barda nei prossimi giorni. “Vorremmo sottolineare che la parte dell’Artsakh ha sempre agito in modo pacifico, partendo dalla posizione di una soluzione globale del conflitto azerbaigiano-karabakh attraverso i negoziati. Allo stesso tempo, tali negoziati dovrebbero svolgersi nel quadro del formato internazionale concordato tra le parti, che consentirà di garantire che i negoziati siano condotti in conformità con le norme e i requisiti del diritto internazionale. La parte dell’Artsakh ha più volte, attraverso i mediatori, preso iniziative riguardo agli incontri, ma la parte azera le ha respinte. Aggiungiamo che qualsiasi incontro sul territorio dell’Azerbaigian, soprattutto senza la presenza di mediatori internazionali, comporta rischi piuttosto grandi, soprattutto se si considera il fatto del rapimento di Vagif Khachatryan, che è sotto il mandato del CICR, in presenza delle forze di pace russe. Per quanto riguarda la strada di Aghdam, oggi il portavoce del Presidente della Repubblica dell’Azerbaigian ha parlato di questo argomento,” si legge nella risposta del ministero.

(23) VIOLAZIONI AZERE – Quattro violazioni del regime di cessate il fuoco sono state registrate nelle regioni di Martuni e Shushi secondo quanto riferito dal ministero della Difesa russo che precisa che non risultano feriti.

(23) BUONI PER IL PANE – Da oggi, i residenti delle città di Martuni e Chartar, delle grandi comunità di Sosi, Karmir Pazar, Berdashen e Gishi, acquistano il pane con buoni sconto. Lo ha detto Hunan Hayrumyan, capo dell’amministrazione distrettuale di Martuni. “Tenendo conto del numero della popolazione e delle piccole scorte del raccolto di grano ottenuto, siamo giunti alla conclusione che dovremmo usarlo con parsimonia”, ha spiegato Hayrumyan. Egli ha osservato che il modulo del buono è già stato sviluppato e fornito ai residenti, il buono campione è stato inviato alle comunità. “Il buono riporta il nome del capofamiglia, il numero dei componenti della famiglia e la quantità di pane da fornire. Abbiamo preso in considerazione la massa del pane. diamo due pani ciascuno a una famiglia fino a tre membri, sei pani a una famiglia di sette persone e sette pani a una famiglia di otto persone. Abbiamo tenuto conto delle scorte di farina, della capacità dei mulini e non credo che ci saranno ostacoli in tali questioni. Sui tagliandi verranno segnate le date, dopo che i dipendenti dei panifici o dei negozi avranno consegnato il pane, indicheranno nel tagliando consegnato che è stato ricevuto il pane disponibile per ventiquattr’ore,” ha precisato Hayrumyan.

(22) ASSEMBLEA NAZIONALE – Il Presidente dell’Assemblea Nazionale della Repubblica dell’Artsakh, Davit Ishkhanyan, ha ricevuto oggi il Ministro degli Affari Interni della Repubblica d’Armenia, Karen Sargsyan. Durante l’incontro è stato evidenziato il ruolo e l’importanza del Ministero degli Affari Interni nel garantire il normale lavoro delle istituzioni statali nel Paese e nel mantenere la sicurezza interna e la solidarietà. Karen Sargsyan ha espresso la volontà di collaborare con l’Assemblea nazionale e i comitati competenti. Il Ministro degli Interni ha assicurato che il sistema degli Affari Interni, in particolare la Polizia, farà ogni sforzo per garantire la sicurezza pubblica e frenare le illegalità e gli oltraggi. Oggetto di discussione speciale sono state alcune questioni relative alla protezione civile della Repubblica dell’Azerbaigian. All’incontro era presente Marcel Petrosyan, presidente del Comitato permanente per la difesa, la sicurezza e l’applicazione della legge dell’Assemblea nazionale.

(22) ANCORA VIOLAZIONI AZERE – Intorno alle 12:30, le forze armate azere hanno aperto il fuoco contro una mietitrebbia che lavorava nei campi di Sarushen utilizzando armi leggere. Da diversi giorni gli azeri sparano in questa zona per ostacolare la raccolta del grano. L’incidente è stato segnalato al comando delle truppe russe di mantenimento della pace. In precedenza, tra le 6 e le 7 altre violazioni azere sono state registrate nelle regioni di Martakert e Martuni.

(22) TRASFERIMENTO MALATI – 7 pazienti medici del “Centro Medico Repubblicano” di Stepanakert, insieme ai loro accompagnatori, sono stati trasferiti in centri medici specializzati della Repubblica di Armenia con la mediazione e l’accompagnamento di il Comitato Internazionale della Croce Rossa per ricevere assistenza medica specialistica urgente. La parte azera continua a vietare la consegna di medicinali e forniture mediche tanto necessarie all’Artsakh da parte dei veicoli della Croce Rossa. Attualmente, 28 bambini sono ricoverati nell’unità medica “Arevik”, 4 di loro sono nel reparto neonatale e di rianimazione. Al “Republican Medical Center” 85 pazienti ricevono cure ospedaliere, 3 pazienti sono nel reparto di terapia intensiva con 2 in condizioni critiche.

(21) UCCISO SOLDATO ARMENO – Intorno alle 15:30, unità delle forze armate azere hanno aperto il fuoco sulla posizione armena situata nel settore di Akhpradzor (Armenia), a seguito della quale il militare Vanik Arami Ghazaryan è stato ferito mortalmente da arma da fuoco. Lo ha riferito il Dipartimento di informazione e pubbliche relazioni del Ministero della Difesa di Yerevan.

(21) TRASFERIMENTI – 41 cittadini della Russia e dell’Artsakh sono stati trasferiti in Armenia attraverso la mediazione delle forze di pace russe. I cittadini della Federazione Russa attendono da tempo il loro trasferimento e i cittadini dell’Artsakh sono studenti ammessi a università dell’Armenia o straniere. Secondo l’accordo preliminare raggiunto con le forze di pace, nei prossimi giorni proseguiranno i trasferimenti di studenti e cittadini russi. Tuttavia, la parte azera continua a ostacolare il movimento nei due sensi di molte persone. Ad oggi, centinaia di cittadini in Armenia sono in attesa di tornare in Artsakh, 333 persone sono in attesa di essere trasferite in Armenia attraverso la Croce Rossa per motivi sanitari di emergenza e pianificati, senza contare la necessità di movimento nei due sensi di migliaia di persone per scopi umanitari, di lavoro e altri. La parte azera continua a creare condizioni umilianti al posto di blocco illegale situato vicino al ponte Hakari, oltre a sorveglianza illegale e ostacoli per i cittadini dell’Artsakh. In particolare, contro la volontà delle persone, gli azeri ei giornalisti da loro invitati hanno filmato ancora una volta i loro volti e li hanno utilizzati a fini propagandistici. Inoltre, la parte azera non ha permesso ai veicoli delle truppe di pace russe di attraversare il ponte Hakari, costringendo i passeggeri ad attraversare il ponte con i loro bagagli a piedi, dopodiché hanno proseguito il loro cammino con i veicoli che sono venuti loro incontro. da Goris.

(21) VIOLAZIONI AZERE – Oggi, tra le 05:50 e le 06:30, le forze armate azere hanno violato il cessate il fuoco nelle regioni di Martakert, Askeran, Martun e Shushi utilizzando armi leggere. Segnalate anche ripetute violazioni verso l’Armenia all’altezza di Verin Shorza.

(20) AIUTI ALIMENTARI – Grazie al lavoro organizzativo intrapreso nei giorni scorsi, da domani verrà rilasciato un ulteriore volume di prodotti a base di carne al mercato centrale di Stepanakert con il prezzo massimo di 1 chilogrammo di carne bovina e suina fissato in 4.000 AMD (meno di 10 euro). Lo riferisce il quartier generale dell’informazione dell’Artsakh. “La vendita sarà effettuata nei punti vendita di prodotti a base di carne di Stepanakert, dove saranno presenti i dipendenti della polizia, del comitato delle entrate statali e del comitato di gestione dell’ispezione statale per escludere acquisti speculativi. Si stanno inoltre adottando misure per aumentare il più possibile il volume del pane” dichiara Info Center Artsakh

(19) INCONTRO HARUTYUNYAN – Il presidente della Repubblica dell’Artsakh, Arayik Harutyunyan, ha incontrato un gruppo di membri dell’Unione dei parenti dei soldati uccisi e dispersi nella terza guerra dell’Artsakh. Harutyunyan ha presentato i passi compiuti dalle autorità nella direzione della revoca del blocco dell’Artsakh, ha parlato dei possibili sviluppi.

(19) VIOLAZIONI AZERE A SARUSHEN – Le Forze Armate dell’Azerbaigian stanno tenendo sotto tiro da molti giorni l’unico campo di grano della comunità di Sarushen, privando gli abitanti della possibilità di avere il pane. Da diversi giorni gli abitanti della comunità Sarushen della regione di Askeran della Repubblica dell’Artsakh stanno cercando di raccogliere il raccolto dell’unico campo di grano del villaggio per risolvere il problema del pane, ma le persone e i macchinari agricoli che si avvicinano al campo sono regolarmente presi di mira dalle posizioni azere situate nelle vicinanze.Sebbene ogni volta in Artsakh le forze di pace russe coordinino la data e l’ora del raccolto con la parte azera e si organizzino sul posto alla presenza delle forze di pace, tuttavia, non appena iniziano i lavori, il fuoco senza sosta da vari iniziano le armi da fucile, dopodiché vengono immediatamente fermate, e i civili vengono trasportati in salvo con l’aiuto delle forze di pace.

(19) CROCE ROSSA – Il Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) ha rilasciato una dichiarazione in merito alla situazione intorno al corridoio Lachin. Il CICR rimane l’unica organizzazione umanitaria che opera nel Corridio di Lachin r per soddisfare le crescenti esigenze umanitarie, afferma la dichiarazione. “L’ultima fornitura di medicinali è avvenuta il 7 luglio e l’ultima fornitura di cibo è avvenuta il 14 giugno. Il CICR invita i responsabili delle decisioni a trovare un compromesso e rendere possibile la ripresa delle forniture umanitarie urgentemente necessarie“, afferma la dichiarazione.

(19) AIUTO ALLA POPOLAZIONE – Durante l’assedio di Artsakh, il Ministero dello sviluppo sociale e della migrazione della Repubblica di Armenia ha fornito sostegno a più di 50.000 persone (diversi gruppi sociali) sotto forma di forniture alimentari e igieniche secondo quanto dichiarato dal ministro di Stato Nersesyan. “Nelle ultime settimane, nella sola città di Stepanakert sono state sostenute più di 2.500 famiglie. Nei prossimi giorni verranno completate le restanti 4.500 domande, circa 700 donne incinte riceveranno cibo e articoli per l’igiene e il processo di accettare nuove domande inizierà il 22 agosto 2023.Nei distretti si sta tentando di fornire farina ai residenti delle comunità rurali, per indirizzare l’opportunità dei panifici a soddisfare i bisogni dei residenti delle comunità urbane“, ha affermato il Ministro di Stato.

(19) SEPOLTURA NEGATA – I parenti di Helen Dadayan, residente nella città di Chartar, Artsakh, vittima di un incidente stradale sull’autostrada Gyumri-Yerevan, si sono riuniti oggi davanti all’ufficio del CICR a Stepanakert, chiedendo che i resti della ragazza siano trasportati al patria. Il corpo si trova da una settimana all’obitorio di Goris (ARM) ma gli azeri non ne autorizzano il trasporto in Artsakh. I parenti si sono anche incontrati con il comandante delle forze di pace russe Lentsov.

(18) TRASFERIMENTO PAZIENTI – Undici pazienti del Centro medico repubblicano dell’Artsakh sono stati trasportati presso istituzioni mediche specializzate dell’Armenia per cure mediche specialistiche urgenti, con accompagnatori, nonché la mediazione e la scorta del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR). Nove pazienti, che erano stati trasferiti in Armenia per cure mediche nell’ambito del finanziamento statale, dovrebbero tornare ad Artsakh durante il giorno con i veicoli del CICR e insieme ai loro accompagnatori. Un totale di 27 bambini stanno attualmente ricevendo cure ospedaliere presso l’Arevik Medical Center di Artsakh, e otto di loro sono presso l’unità di terapia intensiva e neonatale. E 82 pazienti stanno ricevendo cure ospedaliere presso il Republican Medical Center, quattro di loro sono nell’unità di terapia intensiva e due di questi quattro sono in condizioni critiche.

(18) PROCESSO IN VISTA PER KHACHATRYAN – L’Azerbaigian intende processare il cittadino dell’Artsakh, Vagif Khachatryan, rapito a fine luglio al checkpoint di Lachin mentre era sul convoglio della Croce Rossa. Khachatryan “sarà davanti alla corte nel prossimo futuro”, ha detto ai media Emil Taghiyev, capo del dipartimento per le indagini speciali presso l’ufficio del procuratore militare dell’Azerbaigian. Vagif Khachatryan è accusato ai sensi degli articoli del codice penale azero di “genocidio” e “deportazione o reinsediamento forzato della popolazione” durante la prima guerra dell’Artsakh, che l’Azerbaigian stesso aveva scatenato contro l’Artsakh all’inizio degli anni ’90. Khachatryan è stato letteralmente portato via dagli azeri dalle mani dei dipendenti della Croce Rossa di recente.

(18) COMMENTO A CONSIGLIO SICUREZZA – Il ministero degli Esteri di Stepanakert ha rilasciato una nota a commento della riunione del Consiglio di sicurezza dell’Onu: “”Esprimiamo la nostra gratitudine a quei Paesi che sono rimasti fedeli ai principi del diritto internazionale e dell’umanesimo e hanno sottolineato nei loro discorsi la necessità dell’urgente sblocco del Corridoio Lachin e della fornitura di beni vitali alla popolazione bisognosa dell’Artsakh. Allo stesso tempo, è deludente che le singole delegazioni abbiano cercato di trovare un equilibrio immaginario ed estremamente pericoloso tra il desiderio del popolo dell’Artsakh di vivere liberamente, in sicurezza e con dignità nella propria patria e le ambizioni dell’Azerbaigian di sottometterlo e distruggerlo con la forza. Non può esserci compromesso tra, da un lato, i valori universali di libertà, dignità umana, pace e giustizia, e, dall’altro, manifestazioni estreme di violazioni sistematiche e su larga scala dei diritti umani compiute con la scopo della distruzione fisica delle persone. Ci aspettiamo che gli Stati membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite dimostrino coerenza e una posizione di principio nel prevenire ulteriori atti criminali contro il popolo dell’Artsakh e rafforzino la loro posizione adottando una risoluzione che obbligherà l’Azerbaigian a revocare il blocco illegale del Corridoio di Lachin senza alcuna precondizione e interconnessione con percorsi alternativi in stretta conformità con la Dichiarazione Tripartita del 9 novembre 2020 e con le decisioni della Corte Internazionale di Giustizia. Dato il chiaro intento genocida dell’Azerbaigian, qualsiasi tentativo di ostacolare gli sforzi del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per porre fine all’assedio disumano e al disastro umanitario dell’Artsakh equivarrebbe a una tacita approvazione, se non complicità, dei crimini di Baku”.

(18) VIOLAZIONI AZERE – Intorno alle 9:20, le forze armate azere hanno violato il cessate il fuoco nella regione di Martuni di Artsakh aprendo il fuoco, con armi leggere, contro un trattore che lavorava in un campo del villaggio di Myurishen. 

(18) SMENTITE DIMISSIONI HARUTYUNYAN – Il presidente della Repubblica dell’Artsakh Arayik Harutyunyan non ha intenzione di dimettersi. Lo comunica l’addetta stampa del presidente armeno, Lusine Avanesyan, commentando la notizia che da ieri circola in rete da ieri.

(18) INTERROTTO INTERNET – Gli azeri hanno sabotato ieri sera il cavo di fibra ottica che dall’Armenia arriva in Artsakh. L’interruzione risulta all’altezza di Berdzor (vecchio corridoio di Lachin). In giornata, dopo mediazione delle forze di pace russe, il “guasto” è stato riparato.

(17) FUOCO SU AGRICOLTORI – Nei campi intorno al villaggio di Sarushen (regione di Askeran) sono stati sparti dagli azeri colpi all’indirizzo di una mietitrebbia. Le violazioni sono state registrate sia al mattino che nel pomeriggio.

(16) CONSIGLIO DI SICUREZZA ONU – Si è tenuta una sessione del Consiglio di sicurezza dedicata al blocco di Lachin. Dagli interventi di quasi tutti gli ambasciatori (in primo luogo, Usa, Russia, Ue, Francia, Regno Unito) è emersa la necessità di riaprire il passaggio lungo il corridoio di Lachin. Prospettata anche la possibilià di una ulteriore, aggiuntiva, via di aiuti da Aghdam. Evidenziata l’utilità di un colloquio diretto tra Stepanakert e Baku.

(16) AZERI SPARANO SU POSIZIONI ARMENE – L’Azerbaigian ha sparato contro postazioni armene, riferisce il servizio stampa del Ministero della Difesa dell’Armenia. Di conseguenza, intorno alle 17:30 (ora locale), le unità dell’esercito azero hanno aperto il fuoco – con armi leggere – in direzione delle posizioni armene situate nel settore del villaggio di Norabak nella provincia di Gegharkunik. 

(16) PRESIDENTE DELL’OSCE – Facendo seguito alle mie conversazioni telefoniche della scorsa settimana, in qualità di Presidente in esercizio dell’OSCE ho chiesto al mio Rappresentante personale Andrzej Kasprzyk di visitare l’area di Lachin e di riferirmi sull’attuale situazione in loco. Così si è espresso Bujar Osmani, presidente in esercizio dell’OSCE e ministro degli affari esteri della Macedonia del Nord. “Ribadisco il mio invito a concedere il libero passaggio attraverso il corridoio Lachin. Altre rotte dovrebbero aprirsi in parallelo. Gli aspetti umanitari devono sempre prevalere. Il dialogo sulle questioni politiche continuerà e l’OSCE è pronta a facilitare“, ha aggiunto Osmani. 

(16) CATTURATO SOLDATO ARMENO – La foto del riservista armeno GV, arrestato dalle forze armate dell’Azerbaigian, è apparsa nel dominio azero dei social media. All’inizio della giornata, il Ministero della Difesa dell’Armenia ha annunciato che, secondo i dati preliminari, il riservista GV, un partecipante al campo di addestramento militare, aveva abbandonato la sua posizione di combattimento ed erano in corso operazioni di ricerca per localizzarlo. Poco dopo quella dichiarazione, la parte azera aveva riferito che una persona armena è stata catturata. Dopo questo annuncio da parte azera, il Ministero della Difesa armeno ha rilasciato un filmato che mostra come un gruppo di militari delle forze armate azere si avvicina al riservista armeno GV, che è finito dalla parte azera in circostanze ancora indeterminate, prima parla con, poi arresta lui e prende in macchina in una direzione sconosciuta.

(15) ANNUNCIATO NUOVO VERTICE – A settembre si terranno i nuovi incontri armeno-azeri sul trattato di pace. Edmon Marukyan, l’Ambasciatore Generale dell’Armenia; lo ha annunciato in onda sulla compagnia televisiva pubblica dell’Armenia. “Le azioni dell’Azerbaigian interrompono il processo di pace. L’Armenia non abbandona il processo, rimanendo fedele al processo, ma è necessaria una parte opposta. L’Azerbaigian è obbligato a ritirare le sue truppe dal territorio sovrano dell’Armenia”, ha aggiunto Marukyan.

(15) PRIMO MORTO PER FAME IN ARTSAKH – L’ufficio del Difensore dei diritti umani ha oggi informato che un cittadino di Stepanakert – K. Hovhannisyan – di 43 anni è morto in conseguenza della malnutrizione dovuta alla penuria di cibo. “Cronica malnutrizione, carenza di proteine e calorie”: questa la diagnosi. Il blocco azero del Nagono Karabakh-Artsakh ha fatto dunque la sua prima vittima ufficiale.

(15) SPARI AZERI CONTRO MISSIONE EUMA – L’esercito azero ha aperto il fuoco contro gli osservatori dell’UE e il loro veicolo in direzione di Verin Shorzha, nella provincia di Gegharkunik secondo quanto ha dichiarato in una nota il ministero della Difesa dell’Armenia. La missione europea ha confermato la sparatoria. Nella medesima località, ieri, era stato gravemente ferito un soldato armeno.

(15) PROVOCAZIONI AZERE – Un certo numero di media online che operano sotto il coordinamento del Ministero della Difesa e dei servizi speciali dell’Azerbaigian martedì hanno continuato a pubblicare video falsi che presumibilmente raffigurano le nuove postazioni di combattimento dell’Esercito di difesa dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh) e il trasferimento di armi e militari equipaggiamento alla linea di contatto, ha osservato l’Esercito di difesa dell’Artsakh in una dichiarazione.La parte azera, violando continuamente i propri obblighi derivanti dal documento tripartito del 9 novembre 2020, a seguito del quale l’Artsakh si trova in uno stato di disastro umanitario, tenta – attraverso la diffusione attiva di false informazioni – di addossare la colpa del degrado della situazione da parte dell’Artsakh e delle forze di pace russe, cerca di distogliere l’attenzione internazionale dalle sue azioni aggressive volte a portare a termine la pulizia etnica nell’Artsakh e svolge la preparazione delle informazioni per le successive provocazioni, ha aggiunto l’Esercito di difesa dell’Artsakh.

(14) TRASFERIMENTO MALATI – Il ministero della Salute comunica che con l’ausilio della Croce Rossa prosegue il trasferimento di malati gravi alla repubblica di Armenia per cure specialistiche. Tuttavia, una dozzina di pazienti hanno rifiutato il trasfrimento per timore di essere sequestrati dai soldati azeri al blocco di Lachin.

(11) LAVORI SU RETE ELETTRICA – Le frequenti interruzioni di corrente registrate durante la giornata sono dovute all’attuazione di interventi di ripristino d’urgenza del sistema produttivo attuati dalla società “Artsakh HPP”. Secondo la stessa, a causa del blocco di otto mesi dell’Artsakh da parte dell’Azerbaigian e della interruzione delle linee elettriche fornite dall’Armenia (nel territorio sotto controllo azero), l’azienda è costretta a lavorare con un programma sovraccarico, a causa dei quali problemi di localizzazione nell’apparecchiatura poiché la produzione e la fornitura di corrente elettrica sono diventate frequenti. E a causa del blocco completo, è diventato impossibile importare nuove apparecchiature per una rapida risoluzione dei problemi. Nel pomeriggio, l’incidente nel sistema di produzione è stato eliminato dal gruppo di specialisti di “Artsakh HPP” e quindi la fornitura di energia elettrica riprende secondo il programma stabilito da “Artsakhenergy”

(11) OPERAZIONI DI SMINAMENTO – Oggi, in diverse ore della giornata, i gruppi di sminamento del Servizio statale di AI, Fondazione “Centro di sminamento umanitario” e “The Halo Trust” effettueranno lavori di detonazione di munizioni nell’area delle comunità di Aygestan e Ivanyan di Regione di Askeran. Si tratta di ordigni azeri lanciati nel corso della guerra del 2020 e recuperati nei territori della repubblica di Artsakh.

(10) COLLOQUI CON I CATHOLICOS – Il Presidente dell’Assemblea Nazionale della Repubblica dell’Artsakh, Ishkhanyan, ha effettuato una telefonata con il Catholicos di tutti gli armeni Karekin II e il Catholicos della Grande Casa di Cilicia Aram I. Davit Ishkhanyan ha ringraziato per la “benedizione patriottica e gli auguri”. Entrambi i Catholicos hanno espresso il loro “pieno sostegno ai lavori in corso nella direzione di sbloccare la Repubblica dell’Artsakh e ristabilire il diritto all’autodeterminazione del nostro popolo”. “I Venerabili Padri hanno assicurato che la Chiesa Apostolica Armena sarà sempre accanto all’Artsakh e al popolo dell’Artsakh, e hanno espresso la loro disponibilità a una stretta collaborazione”, si legge nel messaggio.

(10) BABAYAN RISPONDE AGLI AZERI – L’Azerbaigian vuole presentare i negoziati Stepanakert-Baku come un dialogo intra-azerbaigiano; cioè, alcuni “criminali” – cioè noi – dovrebbero andare [a Baku] e dire: “perdonaci, stiamo diventando tuoi cittadini”. Lo ha dichiarato David Babayan, consigliere del presidente dell’Artsakh (Nagorno Karabakh) ed ex ministro degli esteri dell’Artsakh, riferendosi alla dichiarazione dell’Azerbaigian di essere pronto a “tenere incontri regolari con gli armeni del Nagorno-Karabakh “. “Baku vuole discutere la questione dell’integrazione. Hanno stabilito una precondizione che rende impossibile qualsiasi incontro. Sincero interesse per la risoluzione del conflitto, quindi gli incontri dovrebbero essere tenuti in un formato diverso. E questo è semplicemente fare pressione su di noi, morire di fame noi, e poi raggiungere il loro obiettivo. Vediamo [che] il mondo è apatico e non fa alcun passo per migliorare questa situazione vergognosa”, ha detto Babayan.

(10) CARENZA DI ACQUA – A causa del clima secco e umido, si sta verificando una carenza d’acqua nei bacini idrici che alimentavano la città di Stepanakert. Lo comunica la direzione di “Jrmugh-sewer” CJSC. L’azienda è costretta a fornire acqua con pompe artigianali. A causa delle interruzioni di corrente della ventola e della mancanza di carburante, le pompe funzionano a metà capacità, in modalità ventola. Il dipartimento chiede al pubblico di utilizzare l’acqua il più parsimoniosamente possibile per evitare interruzioni idriche e di essere a conoscenza di occasionali interruzioni idriche.

(9) NEGOZIATI – L’Azerbaigian si dice pronto a tenere incontri regolari con gli armeni del Nagorno-Karabakh, e senza interferenze esterne. Mahur Gasimov, Capo del Dipartimento di Analisi e Studi Strategici presso il Ministero degli Affari Esteri (MFA) dell’Azerbaigian, ha assicurato che Baku ha un chiaro piano d’azione per l’attuazione del processo di reintegrazione degli armeni del Karabakh secondo quanto hanno riferito i media azeri. “Le misure economiche, sociali, culturali, educative, religiose e altri settori che saranno presi nell’ambito di questo processo offriranno l’opportunità di garantire i diritti della popolazione dell’Azerbaigian di origine armena. La parte azera è pronta per un dialogo a questo proposito con quei residenti armeni che sono veramente interessati a un tale dialogo, non con coloro che sono interessati solo alle manipolazioni. A questo proposito, siamo pronti a tenere regolarmente incontri con i residenti di nazionalità armena, senza interferenze esterne“, ha affermato. Apparentemente, il rappresentante dell’MFA azero ha dimenticato di menzionare che Baku considera il blocco del popolo dell’Artsakh (Nagorno Karabakh) il metodo principale per stabilire un contatto con l’Artsakh.

(9) NUOVI AIUTI IN ATTESA – Un altro camion è appena arrivato a Kornidzor e si è accodato alla fila di autotreni, carichi di aiuti alimentari (19 dall’Armenia e due da un’azienda che produce dolciumi) in attesa di avere libero transito attraverso il blocco del checkpoint azero di Lachin. Questo nuovo automezzo è frutto dell’iniziativa di alcune città e regioni francesi in solidarietà e sostegno alla popolazione del Nagorno Karabakh che è sotto assedio da quasi 8 mesi e porta più di 20 tonnellate di carico umanitario (cibo e pasta) che è stato inviato alla città di Parigi da un certo numero di regioni francesi.

(9) TRASFERIMENTO MALATI – 10 pazienti del “Republican Medical Center” CJSC del Ministero della Salute della Repubblica di Armenia insieme ai loro accompagnatori sono stati trasferiti nei centri medici specializzati della Repubblica di Armenia con la mediazione e l’accompagnamento del Comitato Internazionale della Croce Rossa. I suddetti 10 pazienti stanno ricevendo l’emodialisi programmata, ma a causa della scarsità di medicinali e forniture mediche, non sono in grado di ricevere le cure mediche necessarie e rischiano la morte. Durante la giornata, è previsto il ritorno ad Artsakh di 9 pazienti, insieme ai loro accompagnatori, con veicoli del CICR, che una volta erano stati inviati in Armenia per cure nell’ambito dell’ordine statale. Al momento, 30 bambini stanno ricevendo cure ospedaliere nell’unità medica “Arevik”, 7 di loro sono nel reparto neonatale e di rianimazione. 85 pazienti ricevono cure ospedaliere presso il “Republican Medical Center” CJSC, 10 pazienti sono nell’unità di terapia intensiva, 4 di loro sono in condizioni critiche.

(9) ESPERTO: GENOCIDIO IN ATTO – Il blocco dell’Azerbaigian del Corridoio Lachin, che impedisce a cibo, medicine e altri rifornimenti essenziali di entrare nel Nagorno-Karabakh, è un’arma invisibile di genocidio. Lo afferma il rapporto di Luis Moreno Ocampo, uno dei massimi specialisti di diritto internazionale, ex procuratore capo della Corte penale internazionale.”Il mio contributo è spiegare perché questo dovrebbe essere considerato un genocidio contro gli armeni etnici del Nagorno-Karabakh ai sensi dell’articolo 2 (c) della Convenzione sul genocidio: “Creare deliberatamente condizioni di vita per un gruppo progettato per la sua distruzione fisica”.Non ci sono forni crematori qui, né attacchi di machete. La fame è l’arma invisibile del genocidio. Senza cambiamenti radicali immediati, questo gruppo di armeni morirà in poche settimane.Per molti versi, la fame degli armeni etnici del Nagorno-Karabakh è un prototipo di genocidio, attraverso l’imposizione di condizioni di vita finalizzate allo sterminio del gruppo. Questo chiude il tragico cerchio, poiché “il trattamento degli armeni da parte dei governanti turchi nel 1915 fornisce un paradigma per la clausola del genocidio, che si riferisce all’imposizione di condizioni di vita”.Come persona con una certa esperienza in questo campo, sono stato onorato di contribuire fornendo un rapporto imparziale e sono pronto ad aiutare qualsiasi parte che cerchi di impedire la distruzione degli armeni nel Nagorno-Karabakh“, ha detto Ocampo.

(8) APPELLO DEL PRESIDENTE – Il Presidente della Repubblica di Artsakh, Arayik Harutyunyan, ha rivolto un urgente video-appello alla comunità internazionale affinché adotti misure urgenti per prevenire il genocidio del popolo dell’Artsakh e per revocare l’assedio imposto dal blocco attuato dall’Azerbaigian. QUI IL TESTO IN ITALIANO.

(7) UNICEF – L’UNICEF aderisce all’appello del Segretario Generale delle Nazioni Unite. In linea con i principi sanciti dal diritto umanitario internazionale e i diritti del bambino, l’UNICEF invita tutte le parti a garantire l’accesso umanitario alla distribuzione dei beni di prima necessità ai bambini e alle loro famiglie. “Esortiamo vivamente tutte le parti coinvolte e coloro che le influenzano a mettere la sicurezza e la sopravvivenza dei bambini al di sopra di ogni altra considerazione“, ha affermato l’UNICEF.

(7) NAZIONI UNITE – Nel loro rapporto, i relatori speciali delle Nazioni Unite hanno invitato l’Azerbaigian a ripristinare immediatamente il movimento libero e sicuro attraverso il Corridoio Lachin. “Gli esperti (ONU ndr) hanno invitato le autorità dell’Azerbaigian, in conformità con l’accordo di cessate il fuoco firmato nel novembre 2020, a ripristinare immediatamente la libera e sicura circolazione di persone, veicoli e camion in entrambe le direzioni del Corridoio Lachin. Hanno anche invitato le forze di pace russe di stanza nella regione a proteggere il corridoio in conformità con i termini dell’accordo di cessate il fuoco“, si legge nella dichiarazione dei relatori speciali, distribuita dall’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani. Notano che il blocco dell’unica strada che collega il Nagorno Karabakh con l’Armenia negli ultimi sette mesi ha portato la popolazione ad affrontare gravi carenze di prodotti alimentari, medicinali e igienici di base, ha influito sul lavoro delle istituzioni mediche ed educative e mette a rischio la vita delle persone. “Chiediamo al governo dell’Azerbaigian di adempiere ai suoi obblighi internazionali di rispettare e proteggere i diritti umani, compreso il diritto all’alimentazione, all’assistenza sanitaria, all’istruzione e alla vita. Sottolineiamo inoltre l’importanza della cooperazione e del dialogo tra tutte le parti coinvolte per la soluzione pacifica e stabile del conflitto del Nagorno Karabakh“, si legge nella nota.Il documento è stato firmato anche dal relatore speciale sul diritto all’alimentazione, Michael Fahri, e dal relatore sul diritto all’istruzione, Farid Shahid.

(7) PENURIA DI CONTANTI – Poiché l’Artsakh è stato bloccato dall’Azerbaigian dal 12 dicembre 2022 e il trasporto di merci umanitarie verso l’Artsakh è stato completamente interrotto dal 15 giugno di quest’anno, è sorto un problema di cassa nell’Artsakh secondo quanto ha informato il Ministero delle finanze e dell’economia della Repubblica dell’Artsakh. “Al fine di attuare i programmi di sostegno sociale definiti dalla decisione del governo della Repubblica dell’Artsakh, per pagare stipendi e pensioni e per garantire il flusso interno della circolazione del contante, si prega di incassare i fondi tenuti nei conti bancari secondo necessità e mantenere i fondi in contanti gratuiti nei conti bancari. Esortiamo ad assistere lo stato in modo da poter superare con sforzi congiunti le difficili sfide che devono affrontare il popolo dell’Artsakh“, ha aggiunto il ministero.

(7) NUOVO PRESIDENTE PARLAMENTO – Davit Ishkhanyan della fazione di opposizione della Federazione Rivoluzionaria Armena (ARF) è stato eletto nuovo presidente dell’Assemblea Nazionale della Repubblica dell’Artsakh. Secondo i risultati del rispettivo scrutinio segreto, Ishkhanyan ha ricevuto 22 voti a favore e 9 contrari. Succede ad Artur Tovmasyan dimessosi il 29 luglio scorso.

(6) HARUTYUNYAN SU CORRIDOIO – Il presidente della repubblica ha affermato che il disastro umanitario è il risultato della politica dell’Azerbaigian e ha fatto riferimento alla proposta di inviare aiuti via Agdam. Secondo lui, è necessario tener conto dell’importanza del Corridoio Lachin da parte della comunità internazionale.”Di conseguenza, molte decisioni sono state adottate ad esempio presso la Corte internazionale dell’Aia, ecc. È la testimonianza che il disastro umanitario è una conseguenza del fatto che l’Azerbaigian non rispetta le norme e i requisiti internazionali, non rispettando uno dei punti principali dell’Accordo tripartito“. In caso di qualsiasi proposta o decisione di vitale importanza, dobbiamo avere un consenso che dovrebbe esprimere i sentimenti del nostro popolo”, ha affermato il presidente Harutyunyan.

(6) HARUTYUNYAN SU TRATTATIVE – In un’intervvista ad Artsakh TV il presidente della repubblica ha dichiarato che l’Occidente ha compiuto uno sforzo per organizzare un incontro Baku-Stepanakert in un paese terzo. Naturalmente, c’è stata una risposta positiva da parte nostra, soprattutto perché era vicina al formato internazionale, ma l’Azerbaigian ha rifiutato quel formato. Harutyunyan ha altresì assicurato che qualsiasi decisione che riguardi il futuro dell’Artsakh, gli interessi vitali, la logica del nostro Movimento, il diritto all’autodeterminazione, sarà presa per consenso. ”Di conseguenza, si tengono incontri con le forze politiche: parlamentari, extraparlamentari, attori politici, ex alti funzionari: presidenti, leader del parlamento, nonché attivisti. “Fondamentalmente tutti hanno lo stesso punto di vista e visione riguardo al futuro dell’Artsakh. Voglio assicurare ancora una volta che qualsiasi decisione dello stato, del presidente, dovrebbe essere basata sugli interessi del popolo dell’Artsakh, e d’altra parte , dovrebbe essere comprensibile e accettabile per la nostra gente“, ha riassunto il presidente Harutyunyan.

(6) CROCE ROSSA VISITA PRIGIONIERO – Rappresentanti della Croce Rossa hanno fatto visita a Vagif Khachatryan, 68 anni, rapito dall’Azerbaigian il 29 luglio. Informata la figlia di Vagif Khachatryan, Vera Khachatryan. Ha anche riferito di aver ricevuto un biglietto della Croce Rossa, che dice: “Sto bene, ti penso, se tutto va bene, torno“.

(4) RUSSIA CRITICA SU ACCORDO BAKU-YEREVAN – Il capo del quarto dipartimento della CSI del ministero degli Esteri russo, Denis Gonchar, ha dichiarato all’agenzia Tass che un tentativo di concludere frettolosamente un trattato di pace tra Armenia e Azerbaigian a scapito di un’attenta preparazione e pianificazione porterà solo a ulteriori conflitti in futuro. “Un trattato di pace elaborato in fretta e furia non sarà in grado di portare una pace duratura nella regione. Al contrario, creerà potenziali motivi per nuovi conflitti e tragedie future. Non è la velocità che dovrebbe essere visto come una priorità, ma, invece, un’attenta preparazione di soluzioni equilibrate e reciprocamente accettabili“, ha detto il diplomatico osservando che un certo numero di Paesi occidentali afferma che Baku e Yerevan potrebbero firmare un trattato di pace quasi già nelle prossime settimane o mesi. Secondo il diplomatico russo, i tempi per la firma dovrebbero essere determinati dalle parti stesse.

(4) SPARI CONTRO AGRICOLTORE – Il 4 agosto, il dipartimento di polizia del distretto di Askeran ha ricevuto un rapporto secondo cui, verso le 15, dalle postazioni di combattimento azere adiacenti all’area “Dravun Spring” del distretto amministrativo del villaggio di Nerkin Shnek, sono stati sparati colpi con fucili di diverso calibro contro un residente di 40 anni del villaggio di Khnapat che stava lavorando con una mietitrebbia in un campo di grano. Fortunatamente, nessuno è rimasto ferito ma i lavori agricoli sono stati interrotti a causa della violazione del regime di cessate il fuoco. La violazione è stata segnalata al comando delle forze di pace russe.

(4) IPOTESI MARCIA PACIFICA – Un gruppo di residenti dell’Artsakh (Nagorno Karabakh) ha in programma di organizzare una marcia pacifica verso il ponte Hakari dove l’Azerbaijan ha installato un posto di blocco illegale e sta tenendo sotto blocco il corridoio di Lachin. Hanno formato un’organizzazione chiamata Movimento Popolare per lo Sblocco del Corridoio per organizzare la suddetta marcia. Artur Osipyan, membro del gruppo di iniziativa di questo movimento, ha detto alla stampa di vedere una soluzione alla situazione attraverso la lotta pacifica. “In base alla situazione in cui ci troviamo, un gran numero di residenti pacifici e disarmati può recarsi ad Hakari e risolvere i problemi sul campo; cioè negoziare. Ciò non significa che stiamo rinunciando agli organi statali dell’Artsakh, contrariamente alle opinioni che sostengono che con questo passo faremmo ciò che ha detto [il presidente azero Ilham] Aliyev. Non è così. Con questo movimento popolare stiamo ancora una volta sollevando le questioni che abbiamo sollevato prima, per dimostrare che non ci sono criminali in Artsakh che hanno usurpato il potere e stanno dettando la loro volontà, ma che le persone e le autorità sono effettivamente d’accordo in tutte le questioni riguardanti l’autodeterminazione e lo status dell’Artsakh. Questo movimento è un movimento popolare indipendente. Questa è una nuova idea di movimento pannazionale che andremo a sbloccare noi stessi il corridoio“, ha detto Osipyan.

(3) I DUBBI DI PASHINYAN SU ALIYEV – Anche il primo ministro dell’Armenia comincia ad avere dei dubbi sulle reali intenzioni dell’Azerbaigian. “Il presidente dell’Azerbaigian afferma che i confini tra Armenia e Azerbaigian non sono stati determinati. I confini tra Armenia e Azerbaigian sono stati determinati dalla dichiarazione di Almaty del 1991, e ciò è stato ribadito da i risultati dell’incontro quadrilatero di Praga del 6 ottobre 2022, dove la dichiarazione di Almaty è stata accettata come base per la delimitazione e la demarcazione dei confini tra i due Paesi“, ha affermato il premier armeno. “Si ha l’impressione che il piano dell’Azerbaigian sia il seguente: firmare un trattato di pace tra Armenia e Azerbaigian con disposizioni che lascino spazio per contestare il confine specificato dalla dichiarazione di Almaty, e successivamente presentare rivendicazioni territoriali all’Armenia nel processo di delimitazione del confine e demarcazione“, ha aggiunto Pashinyan.
Quanto alla chiusura del ponte sul fiume Hakari, Pashinyan ha affermato che “l’Azerbaigian continua ostinatamente a sostenere che uno dei motivi della chiusura del corridoio di Lachin il 15 giugno di quest’anno, come afferma, è la provocazione militare della parte armena. Permettetemi di ricordare: quel giorno, l’Azerbaigian aveva provato di mettere una bandiera sul bordo del ponte Hakari, attraverso il territorio dell’Armenia, ottenendo l’opposizione legale delle truppe di guardia di frontiera dell’Armenia. La suddetta azione dell’Azerbaigian è una provocazione, soprattutto nelle condizioni in cui il lavoro di delimitazione e demarcazione dei confini tra i due Paesi è ancora nella fase iniziale. La pratica dell’Azerbaigian di issare bandiere in vari luoghi volontariamente, e spesso con l’uso della forza, è simile a un atto di interruzione della delimitazione dei confini e del processo di pace in generale“, ha detto Pashinyan, aggiungendo che questo è stato visto anche nell’intervista del presidente dell’Azerbaigian a Euronews il giorno precedente.

(3) DICHIARAZIONE PASHINYAN – Il primo ministro dell’Armenia Nikol Pashinyan ha affermato che esiste una possibilità di raggiungere una pace duratura e sostenibile con l’Azerbaigian e ha invitato Baku ad astenersi da misure volte a ridurre queste possibilità. “Nonostante tutte le difficoltà, abbiamo davvero la possibilità di raggiungere una pace a lungo termine, sostenibile e duratura. E invito l’Azerbaigian ad astenersi da misure volte a diminuire questa possibilità, ad esempio il continuo siluramento del dialogo Stepanakert-Baku nell’ambito di un meccanismo internazionale, il blocco illegale del Corridoio Lachin e il rapimento di Vagif Khachatryan, che veniva trasportato dal CICR a Yerevan, dal Lachin Corridor all’inizio di questa settimana. Il rilascio di Vagif Khachatryan, di altri prigionieri, prigionieri di guerra e detenuti sarebbe un segnale impressionante di impegno per l’agenda di pace“, ha detto Pashinyan.

(3) RUOLO FORZA DI PACE RUSSA – Dopo la dichiarazione rilasciata dal presidente dell’Azerbaigian in un’intervista a Euronews secondo cui il corridoio Lachin non è bloccato, è necessario ascoltare la spiegazione delle truppe di pace russe in Nagorno Karabakh. Lo ha dichiarato oggi il primo ministro dell’Armenia Nikol Pashinyan alla riunione di gabinetto del governo armeno. “Perché non garantiscono l’ingresso degli aiuti umanitari inviati dal governo dell’Armenia in Karabakh se l’Azerbaigian afferma di non aver bloccato il corridoio di Lachin? Credo che il chiarimento di questa questione sia importante e i nostri organismi competenti dovrebbero lavorare per ottenere chiarimenti in merito“, ha sottolineato il premier armeno.
Dal canto suo, la portavoce del Cremlino, Maria Zhakarova, aveva dichiarato ieri che “le nostre forze di pace svolgono funzioni importanti, tra cui lo scambio di prigionieri, lo sminamento, gli aiuti umanitari e la gestione degli incidenti. Dal punto di vista del governo armeno, queste azioni non sono utili. Non è la prima volta che si presenta l’ambiguità della situazione. Dopo il conflitto armeno le autorità hanno riconosciuto il Nagorno Karabakh come azero, qualsiasi accusa secondo cui i loro sforzi (di mantenimento della pace) sono insufficienti è inappropriata“.

(3) NAZIONI UNITE SU BLOCCO LACHIN – “Il Segretario Generale delle Nazioni Unite è profondamente preoccupato per le segnalazioni di continue sfide legate alla libertà di movimento lungo il Corridoio Lachin. Ricorda la sua precedente dichiarazione sulla necessità per le Parti di attuare gli ordini della Corte internazionale di giustizia (IC), compresi gli ordini emessi il 22 febbraio 2023 e riaffermati il 6 luglio 2023, relativi alle misure per garantire la libera circolazione delle persone, veicoli e merci lungo il Corridoio Lachin in entrambe le direzioni.” Così una nota delle Nazioni Unite. Intanto oggi funzionari dell’Onu sono in visita nei pressi di Kornidzor (Armenia) dove stazionano da una settimana 19 autotreni con 360 tonnellate di aiuti umanitari per l’Artsakh (e anche due autotreni con 9 tonnellate di caramelle e dolci per i bambini della regione).

(2) AVVIATO CASO PENALE PER IL SEQUESTRO DI IERI – In relazione al sequestro avvenuto ieri, intorno alle 17:00, di un residente del villaggio Khndzristan della regione Askeran in Artsakh, Rashid Beglaryan, emergono ulteriori particolari. L’uomo, 62 anni, ha camminato dal villaggio Hin Shen della regione Shushi verso il ponte Hakari del Corridoio Lachin che collega la Repubblica del Nagorno Karabakh (Artsakh) e la Repubblica di Armenia. Nei pressi del (o non lontano dal) checkpoint illegale, militari sconosciuti dell’esercito azero, per motivi etnici, contro la volontà di Rashid Beglaryan, utilizzando forza, lo ha rapito. Il caso è stato preso in carico dal procuratore generale dell’Artsakh ed è stato avviato un procedimento penale ai sensi dell’articolo 418 (Crimini contro la sicurezza umana) del codice penale della Repubblica dell’Artsakh. La supervisione sulla legalità dei procedimenti penali preliminari del caso e la gestione giudiziaria sono svolte dall’ufficio del procuratore delle province di Shushi e Kashatagh.

(1) SEQUESTRATO ALTRO ARMENO – Secondo fonti azere, Rashid Beglaryan, cittadino della Repubblica dell’Artsakh (Nagorno Karabakh), nato nel 1962, è stato arrestato oggi dal servizio di frontiera azero vicino al villaggio di Aghavno passato sotto controllo dell’Azerbaigian un anno fa. L’uomo è stato sfollato dalla città di Shushi a seguito della guerra del 2020 e negli ultimi giorni risiedeva nel villaggio di Hin Shen nella provincia di Shushi. Secondo le prime informazioni, sarebbe finito accidentalmente in una zona sotto il controllo dell’Azerbaigian a causa dello smarrimento della strada. Le circostanze sono al vaglio degli organi preposti. Le autorità dell’Artsakh hanno informato le forze di mantenimento della pace russe dell’incidente.

(1) CONCILIO ECUMENICO – Il Consiglio ecumenico delle chiese (CEC) chiede all’Azerbaigian l’immediata revoca del blocco dell’Artsakh, poiché più di 120.000 persone, tra cui 30.000 bambini, stanno soffrendo a causa di una crisi umanitaria sempre più grave. “Mentre la crisi umanitaria nell’enclave bloccata del Nagorno-Karabagh (Artsakh) raggiunge un livello tragico, il Consiglio ecumenico delle Chiese ribadisce le sue dichiarazioni e posizioni sulla necessità di un’azione urgente e immediata da parte della comunità internazionale”, ha affermato il segretario generale del WCC, Rev. Prof. Dr. Jerry Pillay.

(1) DICHIARAZIONI USA – Il Dipartimento di Stato americano, in risposta a una richiesta del servizio armeno di Voice dell’America, ha affermato che gli Stati Uniti sono a conoscenza della detenzione di Vagif Khachatryan al checkpoint del corridoio di Lachin, che veniva trasportato in Armenia per cure sotto la scorta di un’organizzazione umanitaria internazionale. Il Dipartimento di Stato ha aggiunto che, nel complesso, “gli Stati Uniti rimangono profondamente preoccupati per la continua chiusura del corridoio di Lachine da parte dell’Azerbaigian ai veicoli commerciali, umanitari e privati“. Secondo il Dipartimento di Stato americano, l’arresto del trasporto umanitario peggiora ulteriormente la situazione umanitaria e mina gli sforzi per rafforzare la fiducia nel processo di pace. “La libera circolazione di veicoli commerciali, umanitari e privati ​​attraverso il corridoio di Lachine deve essere ripristinata immediatamente“, si legge nella risposta del Dipartimento di Stato. “Affermiamo costantemente che la pace nella regione deve includere la protezione dei diritti e la sicurezza del popolo del Nagorno Karabakh. Accogliamo con favore il dialogo guidato da questo obiettivo“, ha sottolineato il Dipartimento di Stato americano nella sua risposta.
Dal canto suo, Samantha Power, amministratore dell’Agenzia per lo sviluppo internazionale degli Stati Uniti, ha dichiarato che l’insicurezza alimentare e la carenza di forniture mediche nel Nagorno Karabakh sono molto preoccupanti. “Mi unisco all’appello del segretario Blinken per il libero transito di forniture commerciali e umanitari attraverso il corridoio“, ha aggiunto.
In precedenza, Matthew Miller, rappresentante ufficiale del Dipartimento di Stato americano, aveva affermato nel briefing del 31 luglio che gli Stati Uniti continuano a credere nella possibilità di un trattato di pace e perché ciò avvenga Armenia e Azerbaigian dovranno scendere a compromessi difficili. Ha anche informato che Anthony Blinken è personalmente coinvolto nel processo di negoziazione per incoraggiare i leader a raggiungere la firma dell’accordo di pace.

(1) ANCORA BLOCCATI GLI AIUTI – Ancora per il sesto giorno, 360 tonnellate di aiuti umanitari inviati dall’Armenia al Nagorno Karabakh sono ferme nella zona di confine di Kornidzor. La parte armena sta aspettando il trasferimento delle merci alle truppe russe di mantenimento della pace, che a loro volta devono consegnarle al NagornoKarabakh. Ma la parte azera ancora non ha dato una risposta positiva.

Il 29 luglio, Vagif Khachatryan, 68 anni, che veniva trasportato dall’Artsakh (Nagorno Karabakh) in Armenia con gravi problemi di salute, accompagnato dal Comitato internazionale della Croce Rossa [CICR] per cure, è stato rapito da rappresentanti del servizio di frontiera azero al posto di blocco illegale nel Corridoio di Lachin e portato via in una direzione sconosciuta senza alcuna spiegazione. Qui di seguito il report sui fatti redatto dall’Ufficio del Difensore dei diritti umani della repubblica di Artsakh:

Fatti raccolti dall’ufficio del difensore civico sul rapimento di Vagif Khachatryan da parte dell’Azerbaigian
———————
Il 29 luglio, verso le 9:30, accompagnato dal CICR, previo accordo con la parte azera, il convoglio che trasportava pazienti dall’Artsakh all’Armenia ha raggiunto il “posto di blocco” illegale azero situato vicino al ponte Hakari.

Durante il controllo passaporti, Vagif Khachatryan, residente della comunità Patara della Repubblica dell’Artsakh, nato nel 1955, ha consegnato il suo passaporto ai rappresentanti del servizio di frontiera azero, che poi non lo hanno restituito. Quando è stato chiesto dalla figlia di Vagif Khachatryan e dal rappresentante del CICR perché non hanno restituito il passaporto, gli azeri hanno risposto che lo avrebbero restituito entro 5 minuti.
A quel punto, Vagif Khachatryan è stato scortato in uno studio medico situato presso il “posto di blocco” illegale dell’Azerbaigian, dove gli sono state poste domande relative alla salute, nonché sui motivi del suo trasferimento in Armenia.

Quindi Vagif Khachatryan è stato informato che doveva recarsi in una delle stanze situate vicino al “checkpoint” per 15 minuti per rispondere ad alcune domande. La figlia di Vagif e il rappresentante del CICR hanno insistito sul fatto che potevano porre le loro domande direttamente al posto di blocco e che non c’era bisogno di trasferirsi in un altro luogo. Successivamente, gli azeri hanno minacciato di farlo con l’uso della forza. Allo stesso tempo, secondo le testimonianze, molti militari azeri armati di mitra si sono radunati al posto di blocco.

Vagif Khachatryan e il rappresentante del CICR dell’Ufficio di Stepanakert (un cittadino straniero) sono stati caricati su un’auto Niva, che si è diretta verso la parte inferiore del ponte Hakari. Circa 10 minuti dopo, il rappresentante del CICR è tornato al posto di blocco su un’auto Chevrolet, mentre Vagif Khachatryan è stato portato via in una direzione sconosciuta. Secondo la testimonianza, il rappresentante del CICR è stato spinto fuori dall’auto dagli azeri.
Tutte queste azioni sono avvenute alla presenza della figlia di Vagif Khachatryan, che ha cercato di fare tutto il possibile per impedire il rapimento del padre, ma è stata minacciata con l’uso della forza.

Vagif Khachatryan, 68 anni, soffre di una malattia cardiovascolare ed era stato trasferito al Nork Marash Medical Center di Yerevan per essere operato.

Prima di trasferire i pazienti alle istituzioni mediche della Repubblica di Armenia, il CICR riceve il consenso di tutte le parti, inclusa la parte azera.
Pertanto, una volta raggiunto l’accordo, il CICR è responsabile del trasporto sicuro di queste persone.

Il procedimento penale avviato dall’ufficio del procuratore generale dell’Azerbaigian contro Vagif Khachatryan e il suo cosiddetto “arresto” all’interno del suo quadro è un pretesto falso e inverosimile per il suo rapimento. Secondo le informazioni ricevute e la ricerca condotta dall’Ufficio del difensore dei diritti umani della Repubblica di Armenia, è stato confermato che non ci sono dati su Vagif Khachatryan in nessun sistema di intelligence internazionale.
Di conseguenza, Vagif Khachatryan è una persona sotto protezione umanitaria internazionale, per la protezione dei cui diritti l’Ombudsman dell’Artsakh richiede quanto segue:

Una dichiarazione pubblica fatta dal CICR, che fa una valutazione legale di questo crimine dell’Azerbaigian, intraprende tutte le azioni derivanti dal mandato del CICR per riportare Vagif Khachatryan in Artsakh, per garantire la protezione dei diritti di Vagif Khachatryan prima del suo ritorno, per escludere la tortura e trattamento inumano nei suoi confronti.
Presentare alle organizzazioni internazionali e ai governi dei singoli Stati i fatti relativi al rapimento di un cittadino della Repubblica dell’Artsakh da parte dell’Azerbaigian e i crimini sistematicamente compiuti contro il popolo dell’Artsakh, perseguendo l’obiettivo innegabile della pulizia etnica e del genocidio, al fine di garantire la necessaria pressione internazionale sull’Azerbaigian.
Le organizzazioni internazionali dovrebbero prendere come base l’allarme espresso dal CICR e da una serie di organizzazioni internazionali per i diritti umani sulle violazioni su larga scala dei diritti del popolo dell’Artsakh da parte dell’Azerbaigian, applicare misure coercitive e punitive contro l’Azerbaigian per fargli adempiere ai suoi obblighi internazionali.

Il corridoio Lachin, che comprende anche il ponte Hakari, secondo la Dichiarazione trilaterale del 2020, è sotto il controllo delle forze di pace russe.
Il rapimento di Vagif Khachatryan è avvenuto a pochi metri dalla roccaforte del contingente di pace russo situata presso il ponte Hakari, che non ha fatto nulla per impedire il rapimento.
Tenendo conto del fatto che il corridoio di Lachin è considerato un territorio sotto il controllo delle forze di pace russe e la Federazione Russa è garante dell’attuazione delle disposizioni della Dichiarazione trilaterale, la Federazione Russa dovrebbe intraprendere tutte le azioni per restituire Vagif Khachatryan a Artsakh e ripristinare il pieno controllo del corridoio Lachin, prevenendo il ripetersi di casi di rapimento di cittadini Artsakh da parte dell’Azerbaigian.

[traduzione e grassetto redazionale]

Il ministero degli Esteri della Repubblica dell’Artsakh ha rilasciato un commento in merito al comunicato stampa rilasciato dal ministro degli Esteri russo a seguito dell’ultimo incontro tripartito di Mosca.

“In relazione al comunicato stampa rilasciato dal Ministro degli Esteri russo a seguito dei colloqui trilaterali con i Ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian, avvenuti il ​​25 luglio 2023, riteniamo necessario affermare quanto segue.

La Repubblica dell’Artsakh apprezza molto gli sforzi di mediazione di lunga data della Federazione Russa, sia a livello nazionale che come Copresidente del Gruppo di Minsk dell’OSCE. Siamo grati alla Russia per il suo eccezionale contributo nel porre fine all’aggressione di 44 giorni dell’Azerbaigian e per la sua missione di mantenimento della pace nell’Artsakh.

Abbiamo preso atto che durante l’incontro, la parte russa ha presentato la sua valutazione delle misure che devono essere prese prontamente e senza indugio per fornire alla popolazione dell’Artsakh cibo, medicinali e altri beni essenziali e garantire la fornitura ininterrotta di elettricità e gas.

Pur non mettendo in discussione l’impegno della Russia nell’aiutare le parti a trovare una soluzione a lungo termine al conflitto Azerbaigian-Karabakh e facilitare la normalizzazione delle relazioni tra Armenia e Azerbaigian, riteniamo necessario rilevare che la visione del dialogo tra Stepanakert e Baku proposta da la parte russa non è equilibrata. L’affermazione secondo cui è necessario un dialogo per concordare i diritti derivanti dagli obblighi internazionali, comprese le convenzioni sulla protezione dei diritti delle minoranze nazionali, riflette il punto di vista di una sola parte: l’Azerbaigian. Un tale approccio predetermina l’esito di ogni potenziale dialogo e quindi ne indebolisce e svaluta il significato.

L’affermazione che il conflitto Azerbaigian-Karabakh sia un problema di garantire i diritti di una minoranza nazionale è una falsa narrazione promossa dall’Azerbaigian con l’obiettivo di distorcere l’essenza del conflitto e giustificare la negazione del diritto del popolo dell’Artsakh all’autodeterminazione, determinazione principio fondamentale del diritto internazionale, più volte invocato dalla stessa Federazione Russa. 
I tentativi di trovare una soluzione al conflitto Azerbaigian-Karabakh basati sulla logica della salvaguardia dei diritti delle minoranze nazionali sono distaccati dalla realtà e non possono portare a una pace giusta, equilibrata e dignitosa. Sullo sfondo della palese inosservanza da parte dell’Azerbaigian delle disposizioni della Dichiarazione trilaterale del 9 novembre 2020, e il suo obbligo internazionale di attuare le decisioni legalmente vincolanti della Corte internazionale di giustizia, osservare le norme del diritto umanitario internazionale ed eliminare tutte le forme di discriminazione razziale, le affermazioni che suggeriscono che l’Azerbaigian aderirà volontariamente a qualsiasi meccanismo sono prive di qualsiasi fondamento. I tentativi di imporre una tale visione della risoluzione dei conflitti sono carichi di conseguenze catastrofiche.

Per quanto riguarda l’osservazione che la questione più delicata dei negoziati “resta il problema delle garanzie per i diritti e la sicurezza degli armeni del Nagorno-Karabakh nel contesto dell’assicurazione dell’integrità territoriale dell’Azerbaigian in piena conformità con la Dichiarazione del 1991 firmata dal leader delle ex repubbliche sovietiche ad Alma-Ata”, riteniamo opportuno ricordare ancora una volta che, al momento della firma del presente documento, la Repubblica dell’Artsakh aveva completato il processo di secessione dalla SSR dell’Azerbaigian in ottemperanza alla legislazione dell’Unione Sovietica Unione e le norme del diritto internazionale.

Inoltre, la Dichiarazione di Alma-Ata, come qualsiasi documento internazionale, dovrebbe essere guidata dagli scopi e dai principi della Carta delle Nazioni Unite e da altre norme e principi di diritto internazionale universalmente accettati. 
Pertanto, la Dichiarazione di Alma-Ata contiene gli stessi principi e norme della Carta delle Nazioni Unite, compreso il diritto all’autodeterminazione
Tuttavia, l’interpretazione del rapporto tra diverse norme giuridiche è soggetta alla logica generale dello sviluppo del diritto internazionale e della prassi internazionale. 
A questo proposito, riteniamo necessario sottolineare che il diritto alla secessione, fondato sul principio dell’autodeterminazione dei popoli, prevale sul principio dell’integrità territoriale degli Stati nei casi di massicce gravi violazioni dei diritti umani e di politiche discriminatorie
Questa formula, in particolare, è descritto nella Dichiarazione sui principi del diritto internazionale concernente le relazioni amichevoli e la cooperazione tra gli Stati, più volte invocata dal ministro degli Esteri russo. Esprimiamo il nostro consenso all’interpretazione più volte fornita dalla parte russa in merito al rapporto tra i principi del diritto all’autodeterminazione e l’integrità territoriale. Questo approccio si è affermato anche nelle pratiche giudiziarie di vari paesi.

Esortiamo con forza gli attori internazionali affinché nella risoluzione del conflitto Azerbaigian-Karabakh siano guidati esclusivamente dai principi del diritto internazionale e dagli interessi di persone che per quasi 8 mesi sono state sull’orlo di una catastrofe umanitaria, nonché sotto la crescente minaccia di pulizia etnica”.

[traduzione e grassetto redazionale]

Il presidente della Repubblica dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha dichiarato l’Artsakh una zona disastrata, affermando che l’Artsakh si trasformerà in un campo di concentramento se non ci saranno urgenti interventi internazionali di sostegno.

Tenendo conto dell’attuale grave situazione e delle crescenti minacce all’esistenza fisica del nostro popolo, oggi dichiaro Artsakh una zona disastrata, in attesa di una risposta internazionale urgente e di un sostegno politico e umanitario da parte della comunità internazionale in forma collettiva e individuale“, ha dichiarato Harutyunyan in una conferenza stampa tenutasi oggi.

Parlando delle sue aspettative da parte della comunità internazionale, il presidente Harutyunyan ha dichiarato: “Prima di tutto chiediamo alle parti della dichiarazione trilaterale del 9 novembre 2020, in particolare alla Russia, di attuare gli obblighi del garante della sicurezza, e chiediamo all’Armenia di rispettare il diritto all’autodeterminazione del popolo dell’Artsakh e di astenersi da qualsiasi dichiarazione o azione che riconosca l’Artsakh come parte dell’Azerbaigian“.

Ha aggiunto che Artsakh chiede al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di agire per prevenire la politica di genocidio portata avanti dall’Azerbaigian e garantire che quest’ultimo si conformi agli ordini della Corte internazionale di giustizia e della CEDU sull’apertura del corridoio Lachin.

Chiedo al Segretario generale delle Nazioni Unite di mostrare responsabilità e leadership morali e politiche per mettere in guardia la comunità internazionale sulla grave situazione in cui versa il popolo dell’Artsakh. Chiedo al signor Guterres di lanciare, senza esitazione e indugio, il sistema delle Nazioni Unite per risolvere questa situazione”, ha detto Harutyunyan, aggiungendo di essere pronto a contattare personalmente il Segretario generale online e presentare la situazione.

Il presidente della Repubblica dell’Artsakh si è rivolto alla nazione parlando della grave situazione, delle azioni imminenti in mezzo al deterioramento della sicurezza, della situazione umanitaria causata dal blocco dell’Azerbaigian ma anche della inattività della comunità internazionale che non è andata oltre a generici richiami all’Azerbaigian. “Se entro una settimana la situazione del popolo dell’Artsakh non tornerà a uno stato più o meno stabile e normale con l’intervento internazionale, allora ricorreremo ad azioni più dure sia nell’Artsakh che al di fuori di esso” dichiara Harutyunyan.

“Cari compatrioti,
sono più di sette mesi che il popolo dell’Artsakh combatte contro il nuovo crimine azero contro l’umanità, il blocco. Gli ostacoli alla circolazione di cittadini, veicoli e merci dell’Artsakh, il divieto totale di consegna anche di beni umanitari nell’ultimo mese, la continua interruzione della fornitura di gas ed elettricità, le periodiche aggressioni e provocazioni militari, il terrorismo psicologico mirano a reprimere e rompere il libero arbitrio e il diritto all’autodeterminazione del popolo dell’Artsakh, soggiogarlo con la forza e portare infine alla pulizia etnica.

Il popolo e le autorità della Repubblica dell’Artsakh hanno ripetutamente espresso le loro posizioni, di cui vorrei evidenziare quanto segue:

  1. Ci battiamo per la realizzazione, il riconoscimento e la protezione del nostro diritto inalienabile a una vita dignitosa e all’autodeterminazione nella nostra patria, e questo diritto è naturale e non soggetto a negoziazione e concessioni.
  2. Nelle condizioni della politica sistemica di odio etnico e discriminazione contro il popolo armeno prevalente in Azerbaigian, in particolare gli armeni dell’Artsakh stanno affrontando una reale minaccia di distruzione fisica, che è chiaramente evidenziata dai crimini contro l’umanità del 2020 manifestati dalla guerra e l’attuale blocco. In tali circostanze, riconoscere e tutelare il nostro diritto all’autodeterminazione esterna è un mezzo indispensabile non solo per gestire il nostro destino, ma anche per garantire l’esistenza fisica di un intero popolo indigeno.
  3. Considerando inaccettabile la guerra del 2020, le sue modalità criminali e le sue conseguenze, allo stesso tempo abbiamo dovuto tenere conto della nuova realtà formata dalla dichiarazione tripartita del 9 novembre, sperando che almeno fornisca un certo ambiente stabile per lungo tempo tempo per la nostra gente di vivere in sicurezza e dignità nella loro patria. Tuttavia, durante questo periodo, abbiamo avuto una serie di aggressioni militari da parte dell’Azerbaigian, e due anni dopo la fine della guerra, già un blocco, poi un assedio completo, violando non solo le ben note norme del diritto internazionale, ma anche molte disposizioni della Dichiarazione Tripartita, riguardanti il corridoio del Kashatagh (Lachin), le garanzie delle truppe russe di mantenimento della pace e altri aspetti.
  4. Allo stesso tempo, siamo sempre stati aperti a discutere con la parte azera tutte le componenti del conflitto azero-karabako e le preoccupazioni delle parti, ci siamo sempre mostrati una parte costruttiva, rendendoci conto della nostra situazione vulnerabile, ma cercando di preservare i nostri diritti e interessi vitali. Tuttavia, l’Azerbaigian non ha mai voluto avere un vero dialogo con noi, incoraggiato dall’impunità internazionale, scegliendo la via della crescente oppressione e sottomissione.

Durante tutto il blocco, abbiamo sperato che vari attori della comunità internazionale sollevassero il blocco, impedendone l’ulteriore approfondimento. Tuttavia, abbiamo sentito solo belle parole.
Non abbiamo visto l’attuazione pratica né della Dichiarazione Tripartita, né delle ordinanze della Corte Internazionale di Giustizia dell’ONU, né delle sentenze della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, né degli appelli delle organizzazioni internazionali, dei singoli stati e di altri attori.

La situazione della gente dell’Artsakh è diventata sempre più complicata.

Dopo l’estenuante blocco che dura da dicembre e il completo assedio dello scorso mese, ora in Artsakh abbiamo una grande carenza di cibo, carburante, medicine, igiene e altri beni di prima necessità; una sospensione quasi totale dei lavori agricoli, continue interruzioni delle infrastrutture idriche e di comunicazione, interruzioni nel lavoro di ospedali, panifici e altre strutture vitali per la mancanza di soluzioni alternative per l’approvvigionamento energetico; malnutrizione di bambini, donne incinte e altri gruppi vulnerabili; centinaia di famiglie separate, ecc., In pochi giorni, questa condizione diventerà molto più grave con tutte le sue conseguenze irreversibili.

Cari compatrioti,

Tenendo conto dell’attuale situazione disastrosa, ho deciso di ricorrere a una misura estrema, ovvero di unirmi al sit-in iniziato da molti cittadini in piazza della Rinascita a Stepanakert da questo momento. Questo è un ulteriore sforzo e allarme per attirare l’attenzione pratica internazionale, per sollecitare la comunità internazionale ad adempiere ai propri obblighi, per spingere il popolo armeno e tutti i nostri amici ad azioni attive e immediate.

Con questo sit-in, ci aspettiamo che Armenia, Russia, Stati Uniti, Francia, Unione Europea, Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e altri organismi autorizzati, così come tutti gli altri attori correlati, si astengano dall’incoraggiare l’Azerbaigian e ignorino le sue ulteriori azioni aggressive e criminali.

Aderire al sit-in che è iniziato è un passo estremo verso l’adempimento dei miei obblighi costituzionali, civili e nazionali, in questa situazione non ho trovato un’altra opzione più efficace.

Durante questi giorni, avrò l’opportunità di comunicare con tutti i principali attori e gruppi del movimento popolare, società in Piazza della Rinascita, per discutere insieme ciò che dobbiamo fare e per prendere insieme le decisioni appropriate e attuarle.
Se entro una settimana la situazione del popolo dell’Artsakh non tornerà a uno stato più o meno stabile e normale con l’intervento internazionale, allora ricorreremo ad azioni più dure sia nell’Artsakh che al di fuori di esso.

Possa Dio proteggere l’Artsakh e il popolo dell’Artsakh”

Arayik Hartyunyan, Stepanakert 17 luglio 2023

[Traduzione e grassetto redazionale]

Corridoio di Lachin sotto sorveglianza, popolazione soccorsa da elicotteri (AGC, 1 lug)

202° giorno del #ArtsakhBlockade. La verità è sopra tutto. Grazie ai giornalisti di e in Արցախ (Artsakh) (Korazym, 1 lug)

203° giorno del #ArtsakhBlockade. Narrazioni menzognere azere in preparazione ad una nuova “Operazione Vendetta” nella campagna azera di pulizia etnica (Korazym, 2 lug)

204° giorno del #ArtsakhBlockade. I media azeri annunciano l’operazione militare “Vendetta-3” contro gli Armeni dell’Artsakh (Korazym, 3 lug)

La difficile trattativa tra Erevan e Baku (Asia news, 4 lug)

205° giorno del #ArtsakhBlockade. È una questione di Giustizia violata e di Verità negata. E di aggressione impunita (Korazym, 4 lug)

Incontro tra Armenia e Azerbaijan: pochi progressi per il Nagorno Karabakh (Osservatorio Balcani Caucaso, 5 lug)

Armenia-Azerbaigian: piccoli passi per una pace ancora difficile (Il caffè geopolitico, 5 lug)

Scontri in Nagorno-Karabakh mentre USA ospitano colloqui di pace (Sicurezza internazionale, 5 lug, per abb.)

206° giorno del #ArtsakhBlockade. Il popolo della resilienza non si chiede nemmeno più se, ma quando e come scomparirà. Non è più l’affare degli Armeni, è la nostra! (Korazym, 5 lug)

207° giorno del #ArtsakhBlockade. Le conseguenze del blocco azero completo sono drammatiche per il popolo dell’Artsakh (Korazym, 6 lug)

208° giorno del #ArtsakhBlockade. L’aggressione azero contro l’Artsakh mira ad impedire la ripresa di un dialogo costruttivo e il processo pacifico di risoluzione del conflitto (Korazym, 7 lug)

209° giorno del #ArtsakhBlockade. È tutto chiaro: l’Azerbajgian vuole impedire il processo di pace, perché vuole l’Artsakh e l’Armenia. L’Italia riconosca la Repubblica di Artsakh! (Korazym, 8 lug)

Il DARVO applicato dall’Azerbajgian (aggressore) contro l’Artsakh (vittima) (Korazym, 9 lug)

210° giorno del #ArtsakhBlockade. Nei media azeri crescono gli appelli per un’offensiva “Vendetta-3” contro il Karabakh (Korazym, 9 lug)

211° giorno del #ArtsakhBlockade. La comunità internazionale deve riconoscere e proteggere il diritto all’autodeterminazione del popolo dell’Artsakh (Korazym, 10 lug)

Nagorno Karabakh, un’estate difficile (Osservatorio Balcani Caucaso, 11 lug)

212° giorno del #ArtsakhBlockade. Unica garanzia dei diritti e della sicurezza del popolo dell’Artsakh è il riconoscimento dell’indipendenza della Repubblica di Artsakh (Korazym, 11 lug)

Artasakh: L’Azerbaijan blocca anche i mezzi della Croce Rossa (Assadakah, 11 lug)

L’Azerbaijan ha bloccato il passaggio sull’unica strada che collega il territorio separatista del Nagorno-Karabakh con l’Armenia (Il Post, 12 lug)

213° giorno del #ArtsakhBlockade. Lo scopo dell’assedio azero è l’integrazione dell’Artsakh in Azerbajgian. La situazione in Artsakh è critica (Korazym, 12 lug)

Corridoio di Lacin, si aggrava la crisi umanitaria del Nagorno-Karabakh (Asia news, 13 lug)

214° giorno del #ArtsakhBlockade. È solo una questione di tempo: l’Azerbajgian si prende l’Artsakh o poi si occuperà dell’Armenia (Korazym, 13 lug)

Nagorno-Karabakh. Si aggrava la crisi umanitaria legata al Corridoio di Lacin (Faro di Roma, 13 lug)

Karabakh: in corso manifestazione a Stepanakert contro chiusura del Corridoio di Lachin – video (Agenzia Nova, 14 lug)

215° giorno del #ArtsakhBlockade. L’Artsakh parla: «Non ci arrendiamo». Il movimento popolare permanente per il futuro dell’Artsakh si raduna a Stepanakert (Korazym, 14 lug)

Caucaso, l’agonia del Nagorno Karabakh da sette mesi ostaggio dall’Azerbaijan (La Stampa, 15 lug)

216° giorno del #ArtsakhBlockade. Quanto forte devono gridare i bambini dell’Artsakh, affinché tu li senti nel frastuono del silenzio internazionale sul loro futuro? (Korazym, 15 lug)

Colloqui tra Azerbaigian e Armenia mediati dall’Ue (Osservatore romano, 15 lug, per abb.)

I separatisti del Karabakh chiedono alla Russia di aprire un corridoio verso l’Armenia (Euractiv, 15 lug)

Armenia-Azerbaigian: nuovo ciclo di negoziati, mediati dall’Unione europea (Euronews, 15 lug)

Artsakh – Rischio nuovo genocidio armeno (Assadakah, 15 lug)

Nagorno Karabakh, lungo il “corridoio” di Lacin, si aggrava la crisi umanitaria dopo 210 giorni di blocco dell’unico passaggio dall’Armenia: scarseggiano provviste e servizi (Repubblica, 16 lug)

217° giorno del #ArtsakhBlockade. Chi rimane neutrale in situazioni di ingiustizia e menzogna, ha scelto di stare dalla parte dell’oppressore (Korazym, 16 lug)

Nagorno Karabakh. L’Azerbaigian accusa Russia e Armenia di non rispettare il cessate-il-fuoco (Notizie geopolitiche, 16 lug)

218° giorno del #ArtsakhBlockade. Il popolo armeno nativo dell’Artsakh chiede nient’altro che poter vivere libero, sicuro e dignitoso nella propria patria (Korazym, 17 lug)

ARTSAKH. Sale la tensione a Stepanakert, i cittadini chiedono l’apertura del valico. La Francia promette armi per la difesa (AGC, 17 lug)

L’Ue cerca (ancora) di distendere la tensione tra Armenia e Azerbaigian. Ma è scambio di accuse sul Nagorno-Karabakh (Eunews, 17 lug)

219° giorno del #ArtsakhBlockade. Il Presidente dell’Artsakh: se entro una settimana la situazione non tornerà alla normalità, ricorreremo a misure più severe (Korazym, 18 lug)

Perchè l’Europa non può ignorare l’appello dell’istituto Lemkin sul Nagorno Karabakh (Gariwo, 18 lug)

L’Azerbaijan tiene sotto scacco il Nagorno Karabakh. “Chiuso unico accesso, si rischia genocidio” (Quotidiano nazionale, 18 lug)

NAGORNO KARABAKH/ “L’Ue è schiava del gas e gli azeri restano impuniti: allo stremo 120mila persone” (Il sussidiario, 19 lug)

220° giorno del #ArtsakhBlockade. Il diritto all’autodeterminazione degli Armeni dell’Artsakh non è in vendita (Korazym, 19 lug)

Armenia – Azerbaijan: progressi e sfide (Osservatorio Balcani Caucaso, 19 lug)

221° giorno del #ArtsakhBlockade. L’Artsakh ha il diritto di difendersi dal “pugno d’acciaio” turco-azero ed essere sostenuto dal mondo civilizzato– (Korazym, 20 lug)

Armenia-Azerbaigian, l’ambasciatore Nazarian: “Le accuse di Baku sulle mine celano gli effetti del blocco illegale del corridoio di Lachin” (Agenzia Nova, 20 lug)

Si prepara una nuova guerra tra Armenia e Azerbaigian (Domani, 21 lug)

Il premier armeno avverte: “Molto probabile una nuova guerra con l’Azerbaigian” (Agenzia Nova, 21 lug)

“Nuova guerra molto probabile”: alta tensione tra Armenia e Azerbaigian (Il Giornale, 21 lug)

222° giorno del #ArtsakhBlockade. Turchia e Azerbajgian contro Armenia e Artsakh con la dottrina genocida “una Nazione, due Stati”, mentre il mondo civilizzato osserva (Korazym, 21 lug)

Crisi umanitaria in Nagorno Karabakh (Artsakh) (Politicamente corretto, 22 lug)

La denuncia degli armeni: 120.000 persone in Nagorno Karabakh sono senza cibo (Corriere, 22 lug, video)

Nagorno-Karabakh, trattative in stallo con l’Azerbaigian. Il primo ministro armeno: “Senza un trattato di pace si rischia la guerra” (La Repubblica, 22 lug, per abb.)

223° giorno del #ArtsakhBlockade – Continuazione. Bisogna salvare gli Armeni. Oggi come ieri… Vox clamantis in deserto (Korazym, 22 lug)

224° giorno del #ArtsakhBlockade. Disastro umanitaria in Artsakh. Popolazione armena allo stremo. Non basta solidarietà a parole (Korazym, 23 lug)

224° giorno del #ArtsakhBlockade – Continuazione. Il Paese organizzatore del media forum a Shushi ha condannato 120.000 persone tra cui 30.000 bambini a una morte lenta (Korazym, 23 lug)

Il presidente armeno: «La guerra ha destabilizzato l’intero Caucaso. Ora l’Armenia vuole la pace» (Corriere della sera, 23 lug)

Presidente Armenia: “la guerra sconvolge il Caucaso”/ “Minacce Azerbaigian su Nagorno, l’ONU non fa nulla” (Il sussidiario, 23 lug)

225° giorno del #ArtsakhBlockade. 120.000 Armeni tra cui 30.000 bambini sotto assedio, per colpa dell’Azerbajgian, ma a causa dell’inerzia della comunità internazionale (Korazym, 24 lug)

«L’Azerbaigian trasforma l’Artsakh in un campo di concentramento» (Tempi, 25 lug)

226° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh – 1 (Korazym, 25 lug)

226° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh – 2 (Korazym, 25 lug)

Nagorno Karabah, chi esulta per il flop della mediazione europea? (Formiche, 25 lug)

Una rotta tra Nagorno Karabakh e Nakhchivan. Il progetto azero (e turco) che riaccende lo scontro con l’Armenia (Huffpost, 25 lug)

Sette mesi di «catastrofe umanitaria» in Artsakh (Tempi, 26 lug)

Armeni e azeri: negoziati in stallo. Nel Nagorno Karabakh si fa la fame (La nuova bussola quotidiana, 26 lug)

227° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Il “mai più” sta accadendo di nuovo (Korazym, 26 lug)

Azerbaijan, Baku dichiara guerra al suo economista di spicco (Osservatoio Balcani Caucaso, 26 lug)

Artsakh – Sta per compiersi un genocidio annunciato da tempo (Assadakah, 27 lug)

228° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Baku definisce l’invio di aiuti umanitari una “provocazione” (Korazym, 27 lug)

L’Azerbaigian blocca 19 tir carichi di aiuti: «Vuole far morire di fame gli armeni» (Tempi, 28 lug)

#StopArtsakhBlockade L’Azerbajgian sta per compiere in Artsakh un genocidio annunciato. Attiviamoci tutti #OpenLachinCorridor (Korazym, 28 lug)

229° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Per Azernews “Hitler è più umanista di qualsiasi leader armeno nella storia” (Korazym, 28 lug)

230° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Baku continua a bloccare gli aiuti umanitari da Yerevan a Stepanakert (Korazym, 29 lug)

231° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. “Cibo per la vita”. “O lo restituite. O siete complici” (Korazym, 30 lug)

232° giorno del #ArtsakhBlockade. Cronaca dal campo di concentramento della soluzione finale di Aliyev in Artsakh. Gli Armeni lottano per la libertà, gli Azeri per rimanere schiavi (Korazym, 31 lug)

Una crisi umanitaria senza precedenti minaccia i cristiani armeni del Nagorno Karabakh (Insideover, 31 lug)