Tag Archivio per: autodeterminazione dei popoli

Da alcuni anni la diplomazia azera è particolarmente attiva nella sua propanda su Khojaly. Come abbiamo già evidenziato (LEGGI QUI) la grancassa mediatica (alla quale si prestano anche italici servi sciocchi o marchettari di basso lignaggio…) è servita e serve solo a coprire l’orrore del pogrom anti armeno di Sumgait.

I pogrom di armeni a Sumgait nel febbraio del 1988 hanno il dubbio onore di essere stati la prima pulizia etnica attuata in quello che era ancora spazio sovietico.

A una serie di dimostrazioni pacifiche di armeni che desideravano decidere le loro proprie vite, il proprio futuro, non nell’ambito della giurisdizione dell’Azerbaigian, il governo azero rispose con la violenza e la repressione

L’esempio più violento e più manifestatamente politico di questa risposta sono proprio i massacri che ebbero luogo per tre giorni nel febbraio del 1988 nella città di Sumgait, a molti chilometri di distanza dal territorio del Nagorno Karabakh.
La violenza contro gli armeni a Sumgait ha invero cambiato la natura del conflitto del Karabakh militarizzandolo.

Non c’era alcun rifugiato ed alcuna questione territoriale quando il popolo del Nagorno Karabakh intraprese tutte le necessarie azioni legali al fine di optare per l’auto-determinazione in conformità con la legislazione del tempo. La risposta fu un’aggressione militare. E’ molto significativo che un governo sovrano abbia risposto ad azioni democratiche dei propri cittadini con l’uso delle armi. Inoltre, la violenta risposta militare non fu nemmeno diretta contro la popolazione del Nagorno Karabakh, (almeno in un primo momento), ma contro gli armeni di Baku e Sumgait, chilometri lontano dal territorio e dalla popolazione del Nagorno Karabakh.

I massacri di armeni a Sumgait (una città situata a mezz’ora di auto dalla capitale dell’Azerbaigian, Baku) si svolsero in pieno giorno, testimoniati da numerosi attoniti passanti. Il picco delle atrocità commesse da azeri fu raggiunto il 27-29 febbraio 1988. Gli eventi furono preceduti da una ondata di dichiarazioni anti-armene e manifestazioni che attraversarono l’intero’Azerbaigian nel febbraio del 1988.

Il quotidiano “Izvestia Daily” (20 agosto 1988) cita il vice procuratore sovietico Katusev che ha detto che quasi tutta l’area di Sumgait, una città con popolazione di 250.000 abitanti, era diventato un luogo di libero pogrom di massa. Gli autori materiali che fecero irruzione nelle case degli armeni erano stati aiutati da liste preparate con i nomi dei residenti. Erano armati con sbarre di ferro, pietre, asce, coltelli, bottiglie e taniche piene di benzina. Secondo testimoni, alcuni appartamenti sono stati perquisiti da gruppi da 50 a 80 persone. Simili folle (fino a 100 persone) hanno preso d’assalto le strade.

Ci furono dozzine di incidenti e 53 assassinati – la maggior parte di quelli bruciati vivi dopo essere stato aggrediti e torturati. Centinaia di persone innocenti furono ferite e rese invalide. Molte donne, tra le ragazze adolescenti, furono violentate. Più di duecento appartamenti furono perquisiti, decine di auto bruciate, numerosi negozi e botteghe saccheggiate. I manifestanti scagliarono mobili, frigoriferi, televisori, letti dai balconi e poi li bruciarono. Il risultato diretto e indiretto di questi orrori furono decine di migliaia di profughi.

Queste furono le perdite umane. Politicamente, è stato più orribile e significativo che né la polizia né gli addetti alla pubblica emergenza interferirono. Il testimone S. Guliev descrisse gli eventi: “La polizia ha lasciato la città in balia della folla. Non era in nessun posto. Non ho visto alcun poliziotto in giro...” 
In tribunale, il testimone Arsen Arakelian raccontò la malizia dei medici dell’ambulanza che non vennero per aiutare la madre sofferente di una commozione cerebrale, con le ossa rotte, emorragie e bruciature, né lasciarono che venisse portata in ospedale.

L’esercito arrivò a Sumgait il 29 febbraio. Tuttavia, si è limitò a fare scudo contro i manifestanti che devastavano e lanciavano pietre contro i soldati e fece poco per proteggere gli Armeni.”Noi non abbiamo istruzioni per andare dentro”, fu ‘risposta dei soldati alle richieste di aiuto delle vittime, secondo la testimonianza di S. Guliev.

Quanto accaduto a Sumgait (e poi a Baku e Kirovabad) fa parte della storia e non può essere negato. Il regime azero cerca però di nascondere questo crimine e, negli anni, ma in particolare negli ultimi, ha montato controstorie che, grazie a generose prebende, riescono ad avere anche una qualche risonanza mediatica.

Ma l’orrore del febbraio 1988 non potrà certamente essere dimenticato!

PER SAPERNE DI PIU’:

S. Shahmuradian, “La tragedia di Sumgait” (Guerini e associti)

Sito in lingua italiana sul massacro di Sumgait

Il ministero degli Affari esteri della repubblica di Artsakh (Nagorno Karabakh) ha rilasciato un comunicato in occasione del 35° anniversario dell’inizio della lotta di liberazione. Questo il testo:

La Repubblica dell’Artsakh (Repubblica del Nagorno Karabakh) celebra oggi il 35° anniversario dell’attuale fase della lotta di liberazione nazionale degli armeni dell’Artsakh – Movimento del Karabakh, una lotta che incarnava l’aspirazione collettiva del popolo a ripristinare la giustizia storica, preservare l’identità nazionale e dignità, e realizzano pienamente il loro inalienabile diritto di vivere liberamente e svilupparsi nella loro patria. In risposta alle decennali politiche discriminatorie dell’Azerbaigian, il popolo dell’Artsakh ha raccolto tutta la sua volontà e si è mobilitato per l’idea della rinascita dell’Artsakh e della riunificazione con l’Armenia.

35 anni fa, il 20 febbraio 1988, si tenne una sessione straordinaria del Consiglio dei deputati del popolo dell’NKAO, che decise di presentare una petizione ai Soviet Supremi della SSR dell’Azerbaigian e della SSR armena per trasferire la regione autonoma dall’Azerbaigian all’Armenia. La questione del trasferimento del Nagorno Karabakh all’Armenia è stata sollevata in modo democratico, parlamentare, sulla base della volontà del popolo, in stretta conformità con la legislazione sovietica allora in vigore e con le norme generalmente riconosciute del diritto internazionale.

La decisione della sessione, che ha confermato il diritto del popolo dell’Artsakh a decidere del proprio destino, ha segnato la fase attuale del Movimento del Karabakh e ha predeterminato le prospettive di sviluppo socio-politico del Nagorno Karabakh. Essa, infatti, è diventata l’antesignana della Dichiarazione di Indipendenza della Repubblica del Nagorno Karabakh, adottata il 2 settembre 1991, sotto le nuove realtà storiche e politiche create dal crollo dell’Unione Sovietica, e ha segnato l’inizio del percorso verso la indipendenza statale dell’Artsakh.

Questo atto di espressione di volontà a livello nazionale da parte del popolo dell’Artsakh è stato giustamente considerato una garanzia affidabile contro la politica di discriminazione della popolazione etnica armena perseguita per decenni dall’Azerbaigian, che alla fine avrebbe dovuto portare alla sua completa distruzione. Gli eventi successivi hanno confermato la legittimità e la correttezza della scelta storica del popolo dell’Artsakh. Solo una settimana dopo la sessione del Consiglio regionale, le autorità azere hanno organizzato brutali pogrom e omicidi di armeni a Sumgait e in altre città dell’Azerbaigian e, con il crollo dell’Unione Sovietica, hanno scatenato una guerra su vasta scala contro l’Artsakh. La politica criminale delle autorità di Baku, finalizzata alla distruzione del popolo dell’Artsakh, non è cambiata nemmeno decenni dopo. Ciò è dimostrato dalle aggressioni militari del 2016 e del 2020, dal terrorismo di stato in corso contro il popolo dell’Artsakh, nonché dal blocco dei trasporti e dell’energia della Repubblica che dura già da tre mesi.

Nonostante le incredibili difficoltà e prove, il popolo dell’Artsakh continua la lotta per la propria esistenza libera e indipendente nella patria storica, realizzando così il diritto dei popoli all’autodeterminazione, sancito dal diritto internazionale, inclusa la Carta delle Nazioni Unite. Gli ultimi 35 anni hanno chiaramente dimostrato che il prerequisito più importante per risolvere i problemi nazionali è l’unità nazionale, il consolidamento delle forze morali e spirituali dell’Armenia, dell’Artsakh e della Diaspora, che rende possibile affrontare le sfide più gravi del tempo.

Attraverso molti anni di lotta per la dignità nazionale e il diritto di decidere liberamente il proprio destino nella propria patria storica, nonché la creazione di uno stato democratico e vitale, il popolo dell’Artsakh ha dimostrato di meritare il riconoscimento della propria indipendenza da parte della comunità internazionale .

In questo giorno memorabile, onoriamo la memoria di tutti coloro che hanno dato la vita per la libertà e l’indipendenza dell’Artsakh e per ideali e valori universali.

[traduzione e grassetto redazionale]

Da due mesi l’Azerbaigian, ricorrendo ad azioni criminali e terroristiche, tiene sotto blocco circa 120.000 persone dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh), con l’obiettivo di attuare la pulizia etnica nell’Artsakh. Il presidente di quest’ultimo, Arayik Harutyunyan, ha rilasciato un commento al riguardo.

“Questo blocco illegale contraddice tutte le norme del diritto internazionale e gli obblighi assunti dall’Azerbaigian, compresi quelli nell’ambito della dichiarazione tripartita del 9 novembre 2020.

Il blocco, basato sulla politica statale azera di odio razziale contro gli armeni, è onnicomprensivo: priva 120.000 cittadini dell’Artsakh dell’accesso naturale a cibo, energia, assistenza sanitaria e altri beni e servizi vitali, ed è, quindi, un grave, attacco deliberato e massiccio al diritto alla vita e ad altri diritti dei nostri compatrioti.

Dal 20 gennaio, per risolvere la grave carenza di cibo causata dal blocco, il governo dell’Artsakh è stato costretto a limitare l’accesso al cibo introducendo buoni: un chilogrammo di riso, grano saraceno, pasta, zucchero e olio vegetale a persona al mese, la cui portata sarà ampliata nel prossimo futuro.

L’Azerbaigian ha esacerbato la crisi umanitaria nell’Artsakh interrompendo le forniture di elettricità e gas in condizioni invernali rigide.
A causa di problemi con il riscaldamento e l’alimentazione, tutti gli asili, le scuole primarie e secondarie del Paese sono stati chiusi, privando circa 20.000 bambini e adolescenti del Paese dell’opportunità di ricevere un’istruzione. Anche il lavoro di molte imprese economiche è stato sospeso, lasciando disoccupati migliaia di cittadini.
La costruzione di circa 3.700 appartamenti e case destinati a persone sfollate con la forza dai territori occupati dall’Azerbaigian, così come altri lavori di costruzione, è stata interrotta.
Gli interventi chirurgici programmati nelle istituzioni mediche sono stati annullati, mettendo a repentaglio la salute e la vita di circa 600 cittadini.

Siamo grati al Comitato internazionale della Croce Rossa e alla missione di mantenimento della pace della Federazione Russa per i loro sforzi per garantire il trasferimento di circa 90 persone in condizioni di salute critiche in Armenia, per riunire decine di famiglie separate e per trasportare la quantità minima di cibo in Artsakh che ci permette di prevenire la carestia nel paese. Tuttavia, la situazione rimane insopportabile tra la grave carenza di cibo, medicine e altri beni di prima necessità, la continua interruzione delle forniture di gas ed elettricità, la separazione di migliaia di famiglie, il collasso dell’economia e altre condizioni di crisi.

Accogliamo con favore i chiari appelli delle autorità esecutive e legislative di molti Paesi, nonché delle organizzazioni internazionali, all’Azerbaigian affinché revochi immediatamente e incondizionatamente il blocco. Tali richieste e posizioni, tuttavia, sono inefficaci nelle condizioni di fanatica e odiosa intransigenza dell’Azerbaigian.

Questo è il motivo per cui la comunità internazionale deve agire, come ha fatto in altre regioni quando ci sono segnali premonitori di genocidio.

Facciamo appello principalmente alla Russia, agli Stati Uniti e alla Francia, che co-presiedono il Gruppo di Minsk dell’OSCE, nonché a tutti i membri della comunità internazionale, affinché adottino congiuntamente o individualmente misure efficaci per aprire la strada della vita dell’Artsakh e prevenire nuovi crimini.

In tale contesto, li esortiamo a imporre sanzioni contro tutti gli autori e sostenitori di crimini contro il popolo dell’Artsakh e lo stato dell’Azerbaigian, tra le altre sanzioni, vietando loro di entrare nei loro territori e congelando i loro beni mobili e immobili nelle loro Paesi.

Il tentativo di pulizia etnica da parte dell’Azerbaigian del popolo dell’Artsakh è conforme al concetto legale di crimini contro l’umanità (erga omnes). La sua prevenzione è un obbligo morale, legale e politico vincolante per tutti i firmatari della Carta delle Nazioni Unite.

Pertanto, è dovere di ogni membro della comunità internazionale fare del proprio meglio per proteggere il popolo dell’Artsakh e la sua vita dignitosa nella propria patria“.

Per Andranik Khachatryan, direttore della società “ArtsakhEnergo” che distribuisce energia elettrica in Artsakh (Nagorno Karabakh), sono settimane ancor più frenetiche del solito.
Ogni giorno deve cercare di far quadrare i conti, ovvero rifornire di elettricità i 120.000 armeni che popolanbo la regione.

Sono trascorsi infatti più di 20 giorni dal guasto (o più probabilmente, sabotaggio) dell’unica linea elettrica aerea ad alta tensione (110 kV) che alimenta l’Artsakh (Nagorno-Karabakh) dall’Armenia. E gli azeri impediscono qualsiasi intervento di riparazione.

L’incidente dell’elettrodotto in ingresso ad Artsakh dall’Armenia è avvenuto il 9 gennaio, nella seconda metà della giornata, secondo i dati registrati dalle relative apparecchiature di ArtsakhEnergo, nella tratta Berdzor-Aghavno, al 30° km del linea aerea. Quella sezione è completamente sotto il controllo degli azeri; cioè, anche se il corridoio di Lachin venisse riaperto, gli specialisti armeni non possono avvicinarsi al luogo dell’incidente senza il permesso degli azeri.

Se gli azeri consentono agli specialisti armeni di avvicinarsi all’area, è possibile riparare i danni in poche ore.

Si capisce ora per quale motivo nello scorso agosto l’Azerbaigian impose – in violazione dell’accordo di tregua del novembre 2020 – lo slittamento più a sud del corridoio di Lachin: non solo per occupare Berdzor, Aghavno e Sos ma anche per avere pieno controllo sulla linea elettrica che arriva dall’Armenia. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti.

È difficile dire inequivocabilmente se l’incidente sia tecnico o il risultato di un intervento collaterale. Tenendo conto che gli azeri non ci hanno dato l’opportunità di eseguire lavori di riparazione dell’incidente per quasi un mese, ciò fa sospettare che ci è stato un intervento artificiale. Inoltre, l’incidente non ha avuto gravi conseguenze e può essere ripristinato in poche ore“, dice Andranik Khachatryan alla stampa.

Al momento l’elettricità viene fornita in Artsakh dalla centrale idroelettrica di Sarsang, ma la sua capacità è limitata, e se questa situazione persiste, sorgeranno seri problemi perchè il bacino idrico si svuoterà rapidamente e non vi sarà acqua per irrigare i campi in primavera (compresi quelli azeri…)

Per sopperire alla mancanza di corrente è stato fatto un programma di interruzioni di corrente: prima due ore al giorno, poi 4 ore, poi 6 ore salvo ulteriori incrementi se necessario.

E’ stata interrotta l’erogazione alle grandi aziende energivore e questo ha inevitabilmente una ricaduta sull’economia di tutto il Paese sia in termini economici che sociali; anche per le contemporanee interruzioni – sempre per sabotaggio azero – della fornitura del gas.

Ma questo è esattemente quello che il dittatore azero Aliyev vuole.

ARTSAKH RESISTI!

(2) – ALTRI PAZIENTI TRASFERITI – Altri sei malati gravi sono stati trasferiti con un convoglio della Croce Rossa Internazionale in Armenia. Complessivamente sono 63 i pazienti trasferiti dall’ospedale di Stepanakert a strutture specializzate in Armenia dall’inizio del blocco lo scorso 12 dicembre.

(3) MINISTRO DEGLI ESTERI – Il ministro degli Affari esteri della Repubblica dell’Artsakh Sergey Ghazaryan ha inviato lettere agli ambasciatori di numerosi paesi accreditati in Armenia
Nella sua lettera, il ministro degli Esteri ha presentato i problemi umanitari nell’Artsakh causati dalla chiusura del corridoio Lachin da parte dell’Azerbaigian, nonché l’impatto negativo delle interruzioni della fornitura di gas naturale ed elettricità sulla vita quotidiana delle persone e sull’economia della repubblica.
Nella sua lettera, il Ministro degli Esteri Sergey Ghazaryan ha esortato gli Ambasciatori esteri accreditati in Armenia a presentare ai rispettivi Governi il quadro reale di quanto accade sul campo. In particolare, la lettera diceva: “Vi esortiamo a trasmettere al vostro governo il nostro appello affinché adotti misure efficaci, inclusa l’imposizione di sanzioni o l’utilizzo di altri strumenti di pressione, volte a revocare il blocco dell’Artsakh e prevenire le intenzioni criminali dell’Azerbaigian”.

(3) DIMINUISCONO ENTRATE FISCALI – Il Comitato statale delle entrate della Repubblica dell’Artsakh ha presentato gli indicatori delle entrate fiscali e dei dazi per il mese di gennaio 2023.
Secondo i dati preliminari, nel gennaio 2023 è stato versato al bilancio statale della Repubblica dell’Artsakh il 67,9% di quanto pianificato in precedenza. Tale dato al ribasso è stato determinato dalla situazione dell’economia a causa del blocco della Repubblica dell’Artsakh da parte dell’Azerbaigian dal 12 dicembre 2022, in particolare, la sospensione delle attività di un certo numero di contribuenti, a seguito della quale fatturato e corrispondenti debiti tributari non sono sorti e di conseguenza non sono stati versati al bilancio dello Stato.

(4) ALTRI SEI TRASFERIMENTI – Altri sei malati sono stati trasferiti tramite Croce Rossa Internazionale a strutture specializzate in Armenia. Complessivamente il numero dei pazienti trasportati è di 70 dall’inizio del blocco.

(6) NUOVO TAGLIO DEL GAS – Ancora una volta gli azeri hanno interrotto la fornitura di gas all’Artsakh chiudendo una valvola del gasdotto che viene dall’Armenia e passa in territori ora occupati dalle forze dell’Azerbaigian. Nuovamente la popolazione è privata del diritto al riscaldamento, a un pasto caldo o a lavarsi con acqua calda. All’interruzione della fornitura di gas si aggiunge il blocco totale della rete elettrica dall’Armenia, sempre per interruzione nel territorio sotto controllo azero.

(6) RIUNIONE SU ORDINE PUBBLICO E LEGALITA‘ – Il presidente della Repubblica dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha convocato una consultazione di lavoro con i responsabili dei corpi di pubblica sicurezza dello Stato, presenti anche il segretario del Consiglio di sicurezza Samvel Shahramanyan, il capo dell’ufficio del presidente Karen Shahramanyan e altri funzionari. Durante la consultazione, il presidente Harutyunyan ha stabilito una serie di compiti per le forze dell’ordine sulla base delle denunce e delle preoccupazioni ricevute dal pubblico. In particolare, il Presidente ha dato mandato alle strutture competenti affinché adottino tutte le misure operativo-investigative per rilevare eventuali illeciti penali nel processo di erogazione di risorse finanziarie per il rimborso di obbligazioni creditizie alle banche di quei soggetti economici che avevano programmi di business nei territori che andavano sotto il controllo dell’Azerbaigian all’indomani della guerra dei 44 giorni del 2020

(7) PARZIALE RIPRISTINO DEL GAS – Nel pomeriggio è stato ripristinato un parziale afflusso di gas all’Artsakh che gli azeri avevano interrotto nuovamente nella giornata di ieri. Poichè la fornitura è limitata, saranno privilegiate le utenze residenziali.

(7) TRASPORTO PAZIENTI – A causa del blocco da parte dell’Azerbaijan dell’unica strada che collega l’Artsakh con l’Armenia, sei pazienti del Republican Medical Center della Repubblica dell’Artsakh con gravi malattie dell’oncologia e del sistema cardiovascolare sono stati trasportati oggi in centri medici specializzati di la Repubblica d’Armenia con la mediazione e la scorta del Comitato Internazionale della Croce Rossa. 10 bambini rimangono nelle unità di terapia intensiva e neonatale del centro medico di Arevik. 9 pazienti rimangono nel reparto di terapia intensiva del Republican Medical Center, 3 dei quali in condizioni critiche. Un totale di 76 pazienti sono stati trasportati finora dall’Artsakh all’Armenia.

(7) CONVERSAZIONE HARUTYNYAN CON ARAM I – Il Capo dello Stato ha avuto una conversazione telefonica e ha presentato al Catholicos della Grande Casa di Cilicia la crisi umanitaria e socio-economica sviluppatasi nella repubblica a seguito del blocco, durato quasi due mesi, del Corridoio Lachin (Berdzor) da parte dell’Azerbaigian, e ha precisato i passi che si stanno compiendo essere preso dalle autorità dell’Artsakh per superare la situazione. Il presidente Harutyunyan ha parlato con grande dolore e rammarico del terremoto avvenuto in Siria e ha trasmesso il sostegno degli armeni dell’Artsakh alle famiglie armene colpite dalla calamità naturale. Sua Santità ha espresso il suo sostegno al popolo dell’Artsakh, sottolineando che oltre alle preghiere quotidiane, il Catholicosato continua a compiere sforzi per sostenere gli armeni dell’Artsakh.

(8) BLOCCO GAS – Di nuovo bloccata dagli azeri la fornitura di gas che due giorni fa era stata tagliata e ieri parzialmente ripristinata.

(8) TRASFERIMENTO CITTADINI – Diciassette persone sono state trasferite oggi dalla Croce Rossa in Armenia per consentire loro di riunirsi alle proprie famiglie

(9) AMNESTY INTERNATIONAL – L’organizzazione “Amnesty international” ha pubblicato sul proprio sito un articolo nel quale si afferma che il blocco in corso del corridoio di Lachin sta mettendo in pericolo la vita di migliaia di persone nella regione del Nagorno Karabakh. Inoltre, la suddetta organizzazione per i diritti umani ha invitato le autorità dell’Azerbaigian e le forze di pace russe a sbloccare immediatamente il percorso e porre fine alla crisi umanitaria in corso.

(9) ALTRI PAZIENTI IN ARMENIA – Altri sette pazienti sono stati trasferiti da Stepnakert in Armenia per tramite della Croce Rossa Internazionale. Complessivamente sono ad oggi 83 i malati che hanno lasciato le strutture ospedaliere dell’Artsakh per essere curati in centri specialistici dell’Armenia.

(10) PRODOTTI ALIMENTARI – L’elenco dei beni forniti alla popolazione dell’Artsakh tramite coupon è stato ampliato per tenere conto della carenza di prodotti e della necessità di una distribuzione uniforme. Dal 21 febbraio si aggiungeranno anche frutta, verdura e uova della riserva statale.

(10) TERREMOTO – Nonostante la grave crisi che sta vivendo per il blocco azero, il governo dell’Artsakh ha deciso di organizzare una raccolta fondi per la comunità armena di Siria colpita dal terremoto. Un conto speciale è stato aperto presso la Artsakh Bank di Stepanakert.

(11) TRASFERIMENTI – Altri sette pazienti dell’Artsakh sono stati trasferiti in Armenia per cure specialistiche grazie a un convoglio della Croce Rossa Internazionale. Un altro paziente con accompagnatore è invece tornato dall’Armenia in Artsakh.

(13 feb) USCITE ED ENTRATE – Con la mediazione della Croce Rossa Internazionale, venti persone sono state trasportate dall’Armenia all’Artsakh e ventitrè hanno viaggiato in senso inverso.

(13) EMENDAMENTI COSTITUZIONE – Ai sensi del paragrafo 2 dell’articolo 162 della Costituzione della Repubblica dell’Artsakh, il presidente della Repubblica dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha firmato un decreto con il quale avvia un processo di emendamento costituzionale. Le modifiche si applicheranno all’elezione del Presidente della Repubblica da parte dell’Assemblea Nazionale nel caso in cui la carica del Presidente della Repubblica rimanga vacante durante la legge marziale. In data odierna il progetto di emendamento costituzionale è stato presentato all’Assemblea nazionale per la discussione.

(14) TRASFERIMENTI MALATI – Altri sette pazienti sono stati trasferiti con la mediazione della Croce Rossa in Armenia. Tre, invece, hanno fatto ritorno in Artsakh dopo le cure ricevute in Armenia.

(15) PARZIALE RIATTIVAZIONE GAS – Dopo una settimana di interruzione a causa del sabotaggio azero il gas sta di nuovo parzialmente affluendo in Artsakh attraverso il gasdotto che proviene dall’Armenia.

(15) EVACUAZIONE CIVILI RUSSI – 47 persone (fra i quali 8 bambini) con cittadinanza russa sono stati trasferiti dall’Artsakh a bordo di un convoglio speciale della forza di pace russa. Complessivamente, a oggi, sono 150 i russi che hanno lasciato la regione.

(16) TRANSITO PAZIENTI – Otto malati, prevalentemente con patologie oncologiche, sono stati trasferiti dall’Artsakh all’Armenia con un convoglio organizzato dalla Croce Rossa Internazionale. Contemporaneamente quattro pazienti, dopo aver ricevuto cure in Armenia, sono ritornati in Artsakh. Con i trasferimenti di oggi, sono 105 i malati trasportati in Armenia dall’inizio del blocco azero.

(16) ACCORDO DI PACE – Nella odierna riunione di gabinetto del governo armeno, il premier Pashinyan ha informato che nella giornata di ieri l’Armenia ha inoltrato alla controparte azera una bozza di documento di pace con le proposte di Yerevan. Il premier ha altrsì dichiarato che il documento è stato inoltrato anche ai Paesi copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE. Pashinyan ha detto che “stiamo lavorando alla bozza con la seguente logica: ottenere un documento che siamo pronti a firmare in qualsiasi momento. È chiaro, ovviamente, che questo documento dovrebbe essere accettabile anche per l’Azerbaigian. Ci auguriamo che sia possibile sviluppare i progressi certi osservati a seguito di tre fasi di negoziati“.

(18) INCONTRO TRILATERALE – Nella cornice della conferenza sulla sicurezza di Monaco, si è svolto un vertice trilaterale tra il Segretario di Stato USA Blinken, il premier armeno Pashinyan e il presidente azero Aliyev. L’ultima volta che Pashinyan e Aliyev sono contrarono fu a Sochi lo scorso 31 ottobre. Secondo quanto trapelato, Aliyev ha proposto la creazione di checkpoint (azeri) lungo la strada del corridoio di Lachin. Pashinyan avrebbe sottolineato l’illegalità del blocco della strada. A seguire i due leader hanno preso parte a una tavola rotonda sulla sicurezza nel Caucaso meridionale, alla quale parteciperanno anche il primo ministro georgiano Irakli Garibashvili e il segretario generale dell’OSCE Helga Schmid.

(18) BLINKEN SU VERTICE – Il Segretario di Stato USA, Blinken, ha dichiarato all’inizio del vertice di Monaco che “riteniamo che l’Armenia e l’Azerbaigian abbiano un’autentica opportunità storica per garantire una pace duratura dopo oltre 30 anni di conflitto. Le parti stesse hanno rinnovato la loro attenzione su un processo di pace, anche attraverso il dialogo diretto, nonché con l’UE e noi stessi. Gli Stati Uniti si impegnano a fare tutto il possibile per sostenere questi sforzi, sia direttamente con i nostri amici, sia in un formato trilaterale come questo, o con altri partner internazionali.” In una nota del portavoce del Dipartimento, Ned Price, si riferisce che Blinken “ha preso atto dei progressi significativi compiuti dalle due parti negli ultimi mesi verso un accordo di pace e dell’offerta del presidente dell’UE Charles Michel di ospitare le parti a Bruxelles. Durante la loro discussione, il Segretario ha sottolineato la necessità di un transito commerciale e privato libero e aperto attraverso il corridoio Lachin. Ha anche invitato le parti ad aprire altre vie di trasporto“.

(18) VISITA PARLAMENTARI PACE – Kimmo Kiljunen (Finlandia) e Boriana Aberg (Svezia) – Correlatori dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa per il monitoraggio degli obblighi e degli impegni dell’Armenia – sono arrivati nel Syunik per una missione conoscitiva. Accompagnati dal governatore della regione, Robert Ghukasyan, i correlatori hanno incontrato i residenti dell’Artsakh che si sono rifugiati nel Syunik a causa della chiusura della strada Berdzor (Lachin) da parte dell’Azerbaigian.

(18) VARDANYAN DOPO 100 GIORNI – Ruben Vardanyan ha riassunto i 100 giorni del suo mandato come Ministro di Stato dell’Artsakh. “C’è la tradizione di parlare dei primi 100 giorni in carica, per riassumere cosa sei riuscito a fare, quali problemi hai registrato, quali cose da fare hai delineato, come immagini le direzioni e la visione di sviluppo. Su 100 giorni del mio mandato, 67 sono stati sotto blocco [da parte dell’Azerbaigian], cioè noi [cioè l’Artsakh] siamo sotto blocco per 1.600 ore. In queste realtà, considero un risultato che la Sede Operativa sia stata in grado di adempiere ai compiti che le erano stati assegnati, trovare soluzioni alle nuove sfide che si presentano ogni giorno e, soprattutto, prevenire possibili crolli in vari ambiti in ogni modo possibile.

(20) 35° ANNIVERSARIO – La Repubblica dell’Artsakh (Repubblica del Nagorno Karabakh) celebra oggi il 35° anniversario dell’attuale fase della lotta di liberazione nazionale degli armeni dell’Artsakh – Movimento del Karabakh. Infatti, il 20 febbraio 1988 il Soviet supremo del Nagrono Karabakh votò una risoluzione che chiedeva il passaggio della regione autonoma dalla RSS Azera a quella Armena. Il presidnete della repubblica Harutyunyan si è recato al memoriale di Stepanakert e ha deposto una corona di fiori alla memoria dei caduti per la libertà.

(20) MINISTRO ESTERI – Nonostante il blocco, il ministro degli Esteri, Sergey Ghazaryan, ha condotto una visita in Russia dal 12 al 16 febbraio. La notizia è stata diramata oggi dal ministero.

(21) TRASPORTO MALATI – 8 pazienti del Republican Medical Center della Repubblica dell’Artsakh con gravi malattie dell’oncologia e patologie che richiedono interventi chirurgici d’urgenza sono stati trasportati oggi presso un centro medico specializzato della Repubblica di Armenia con la mediazione e la scorta del Comitato Internazionale della Croce Rossa. 5 pazienti, che erano stati trasferiti in Armenia per cure mediche, sono tornati in Artsakh insieme ad un accompagnatore.
Gli interventi chirurgici programmati continuano ad essere sospesi nei centri medici della Repubblica dell’Artsakh.
5 bambini rimangono nelle unità di terapia intensiva e neonatale del centro medico di Arevik.
7 pazienti rimangono nel reparto di terapia intensiva del Republican Medical Center, 3 dei quali in condizioni critiche.
Un totale di 113 pazienti sono stati finora trasportati dall’Artsakh all’Armenia con la mediazione e il sostegno del Comitato Internazionale della Croce Rossa.

(21) VARDANYAN – Voci, rumors, sui social, di un possibile passo indietro del ministro di Stato Ruben Vardanyan particolarmente inviso all’Azerbaigian per i suoi forti legami con Mosca e con l’Europa.

(22) SENTENZA CORTE GIUSTIZIA – La corte di giustizia internazionale, organo delle Nazioni Unite, ha emesso due sentenze relative ai procedimenti Armenia contro Azerbaigian e Azerbiaigian contro Armenia. Nel primo, ha ordinato all’Azerbaigian di mettere fine al blocco del corridoio di Lachin, l’unico asse stradale che collega l’Armenia al Nagorno Karabakh. La Corte ha invece respinto all’unanimità le richiesta azera nel secondo procedimento in quanto le accuse mosse non risultano in alcun modo provate.

(22) VIOLAZIONI CESSATE IL FUOCO – Il ministero della Difesa russo informa che sono state registrate nel pomeriggio e in serata tre violazioni del regime di cessate-il-fuoco nei distretti di Martakert e Shushi. Non risultano feriti.

(23) SARCASTICO COMMENTO AZERO – Il capo ufficio stampa del ministero Esteri di Baku ha così commentato la sentenza della Corte di giustizia internaizonale: “Dal momento che l’Azerbaigian non ha mai bloccato o ostacolato la strada Lachin, e ha adottato tutte le misure in suo potere per garantire un movimento sicuro lungo la strada, continuerà a farlo anche dopo l’ordinanza del tribunale pertinente.”

(23) VARDANIAYN DESTITUITO – Il presidente della Repubblica dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha presieduto una riunione del Gabinetto dei ministri. Il Capo dello Stato ha presentato la situazione politico-militare e socio-economica sviluppatasi nella repubblica a seguito del blocco dell’Artsakh da parte dell’Azerbaigian, nonché le misure adottate dalle autorità volte alla soluzione delle questioni emergenti. Durante l’incontro, il presidente Harutyunyan ha anche reso noto il decreto di destituzione di Ruben Vardanyan dalla carica di ministro di Stato. Ha molto apprezzato gli sforzi di Vardanyan sia per aumentare la consapevolezza internazionale dell’Artsakh sia per risolvere numerosi problemi interni durante il blocco.

(23) TRANSITI – Il personale del Comitato Internazionale della Croce Rossa ha trasportato 24 persone dal Nagorno Karabakh in Armenia e 19 nella direzione opposta. Complessivamente, un totale di 296 persone sono state trasferite dal Nagorno Karabakh all’Armenia e ritorno.

(23) ASSEMBLEA NAZIONALE – Il presidente della Repubblica dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha partecipato all’ora del governo nell’ambito della sessione plenaria dell’Assemblea nazionale della Repubblica dell’Artsakh in conformità con le disposizioni della Costituzione. Il Capo dello Stato ei membri del Gabinetto hanno risposto alle domande sollevate dai deputati e chiarito i passi volti a risolvere i problemi sviluppatisi all’indomani del blocco dell’Artsakh da parte dell’Azerbaigian.

(24) INCONTRO ARTSAKH-AZERBAIGIAN – I rappresentanti del Nagorno Karabakh e dell’Azerbaigian si sono incontrati con la partecipazione delle forze di pace russe. Sono stati raggiunti accordi sulla ripresa della fornitura di elettricità e gas ai consumatori del Nagorno Karabakh. Il comando prosegue i negoziati sulla ripresa del traffico veicolare senza ostacoli attraverso il corridoio Lachin.

(24) NUOVO MINISTRO DI STATO – Al procuratore generale della repubblica, Gurgen Nersisyan, è stato proposto dal presidente della repubblica l’incarico di ministro di Stato.

(25) NAZIONI UNITE SU BLOCCO LACHIN – Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres prende atto delle sentenze della Corte internazionale di giustizia (ICJ) emesse il 22 febbraio sui procedimenti tra la Repubblica di Armenia e la Repubblica dell’Azerbaigian. Lo ha detto in un comunicato il portavoce Onu Stephane Dujarric. Il Segretario Generale accoglie con favore la fiducia che i governi di Armenia e Azerbaigian hanno riposto nella Corte Internazionale di Giustizia chiedendole di risolvere le loro divergenze. Ricorda che le decisioni della Corte internazionale di giustizia sono vincolanti e auspica che le parti rispettino le sue sentenze, comprese quelle relative alle misure per garantire la circolazione senza ostacoli di persone, veicoli e merci attraverso il corridoio Lachin in entrambe le direzioni. Il segretario generale spera che l’Armenia e l’Azerbaigian continuino a lavorare per migliorare le relazioni bilaterali e sollecita un dialogo costruttivo, ha affermato il portavoce delle Nazioni Unite in una nota.

(26) TRASFERIMENTI RUSSI – Con un convoglio speciale 49 cittadini russi (compresi sei bambini) hanno lasciato l’Artsakh alla volta dell’Armenia.

(27) NUOVI NATI – Nel 78° giorno di blocco il ministero della Salute comunica che sono trecento i nuovi nati in Artsakh durante questo periodo di isolamento. I neonati e le loro madri affrontano gravi preoccupazioni quotidiane relative alla carenza di alimenti per bambini, pannolini, medicinali e altri beni di prima necessità.

(28) RICORDO DI SUMGAIT – In occasione della Giornata commemorativa delle vittime dei massacri perpetrati dall’Azerbaigian e della Giornata di protezione dei diritti dei rifugiati armeni, il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha visitato oggi il complesso commemorativo di Stepanakert. Ha reso omaggio e ha deposto una corona di fiori sulla lapide commemorativa perpetuando la memoria degli armeni caduti vittime dei massacri organizzati dalle autorità azere. Harutyunyan era accompagnato dal presidente dell’Assemblea nazionale Artur Tovmasyan, dal primate della diocesi dell’Artsakh della Chiesa apostolica armena, il vescovo Vrtanes Abrahamyan, dai rappresentanti degli organi legislativo ed esecutivo e dai membri del Consiglio di sicurezza.

(28) LAVROV SU LACHIN – Nel corso di una conferenza stampa successiva a un incontro a Baku con il collega Jeyhun Bayramov, il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, ha dichirato che il corridoio di Lachin dovrebbe operare in conformità con la dichiarazione trilaterale dei leader russo, armeno e azero datata 9 novembre 2020, che non prevede alcun posto di blocco.

(28) TRASFERIMENTO PAZIENTI – Un convoglio della Croce Rossa Internazionale ha provveduto al trasfrimento in Armenia di otto pazienti che hanno necessità di cure specialistiche. Sono in totale 135 quelli trasportati dall’Artsakh per ragioni mediche. Ad oggi sette risultano ricoverati nell’ospedale repubblicano di Stepanakert in terapia intensive, tre in condizioni critiche.

Artsakh, il conflitto invisibile. «Anche fare una zuppa è impossibile» (Tempi, 1 feb)

Missione Ue in Armenia: opportunità o rischio? (Huffington post, 1 feb)

Nagorno Karabakh, vivere bloccati (Osservatorio Balcani Caucaso, 1 feb)

Vardanyan: l’Azerbajgian è politicamente motivato a distruggere la capacità dell’Artsakh di continuare a essere un’entità separata e autonoma (Korazym, 1 feb)

L’ambasciatore armeno interviene su Lachin (Terrasanta, 2 feb)

Cinquantatreesimo giorno del #ArtsakhBlockade. L’Azerbajgian intende prendere molto di più oltre l’Artsakh/Nagorno-Karabakh (Korazym, 2 feb)

Artsakh dimenticato (Ardisco, 3 feb)

Nagorno Karabakh, un’altra aggressione nei territori dell’ex Unione Sovietica (Meridiano Italia, 3 feb)

Nagorno-Karabakh, l’ambasciatore armeno Nazarian: «La crisi umanitaria peggiora di giorno in giorno» (Il Messaggero, 3 feb)

Artsakh/Nagorno. Imminente la Decisione della Corte di Giustizia Europea (MarcoTosatti.com, 3 feb)

#ArtsakhBlockade. Allarme bandiera rossa per genocidio – Azerbajgian dell’Istituto Lemkin (Korazym, 3 feb)

Cinquantaquattresimo giorno del #ArtsakhBlockade. Alla cima delle menti dei burocrati dell’Unione Europea non ci sono la democrazia e i diritti umani, ma il gas azero-russo (Korazym, 3 feb)

#ArtsakhBlockade e Caucaso meridionale. Analisi di Amberin Zaman: Turchia sale, Russia svanisce mentre Iran e Azerbajgian si scontrano per Armenia (Korazym, 3 feb)

NAGORNO KARABAKH/ “Armeni isolati, l’Azerbaijan vuole la pulizia etnica” (Il sussidiario, 4 feb)

Cinquantacinquesimo giorno del #ArtsakhBlockade. Il Ministro degli Esteri dell’Artsakh chiede misure efficaci con maggiore pressione e sanzioni contro l’Azerbajgian (Korazym, 4 feb)

Parla il premier dell’Artsakh assediato. “Non potete ignorarci” (La nuova bussola quotidiana, 4 feb)

Cinquantaseiesimo giorno del #ArtsakhBlockade. Dalle miniere alle mine, il passaggio ortografico è breve ma il risultato è sempre lo stesso: fake (Korazym, 5 feb)

Cinquantasettesimo giorno del #ArtsakhBlockade. Gli Armeni dell’Artsakh sotto assedio sono resilienti. La vita continua, nonostante tutto (Korazym, 6 feb)

Berlino chiede revoca immediata del blocco nel Nagorno Karabakh (Aska news, 7 feb)

Cinquantottesimo giorno del #ArtsakhBlockade. Volendo, le superpotenze mondiali possono forre fine l’assedio dell’Artsakh all’istante. Volendo… (Korazym, 7 feb)

Tangentopoli europea: ora spuntano anche i lobbisti dall’Azerbaigian (L’Indipendente, 7 feb)

Cinquantanovesimo giorno del #ArtsakhBlockade. Urge l’azione chiara da parte della comunità internazionale a prevenire la pulizia etnica contro gli Armeni dell’Artsakh (Korazym, 8 feb)

Amnesty International: l’Azerbajgian deve revocare senza indugi il #ArtsakhBlockade per porre fine alla crisi umanitaria (Korazym, 9 feb)

Sessantesimo giorno del #ArtsakhBlockade. La vita nonostante tutto. L’Azerbajgian e la Russia ascoltino Amnesty International (Korazym, 9 feb)

Azerbaigian: il blocco del corridoio di Lachin che mette a rischio migliaia di vite deve essere immediatamente revocato (ESG Data, 9 feb)

Sessantunesimo giorno del #ArtsakhBlockade. Siamo stanchi di (solo) condanne, senza azioni energiche e risolutive. Artsakh e l’Armenia sono in pericolo (Korazym, 10 feb)

L’Azerbaigian blocca il corridoio di Lachin: migliaia di vite a rischio nel Nagorno-Karabakh (Amnesty, 10 feb)

Sessantaduesimo giorno del #ArtsakhBlockade. Non abbiamo il diritto di lasciare solo il popolo armeno di fronte a una nuova minaccia di pulizia etnica (Korazym, 11 feb)

Sessantatreesimo giorno del #ArtsakhBlockade. Pulizia etnica degli Armeni dell’Artsakh. Questo non è accettabile in alcun modo (Korazym, 12 feb)

La tragedia dimenticata del Nagorno Karabakh (Corriere del Ticino, 12 feb)

Il grido di Amnesty International. Si aggrava la crisi umanitaria (Assadakah, 13 feb)

Sessantaquattresimo giorno del #ArtsakhBlockade. «Il mondo è minacciato più da coloro che tollerano o incoraggiano il male, che dagli stessi malfattori» – Parte 1 (Korazym, 13 feb)

Sessantaquattresimo giorno del #ArtsakhBlockade. Quali sviluppi tra Baku e Yerevan nei prossimi mesi? Gli Azeri armano l’energia – Parte 2 (Korazym, 13 feb)

Sessantacinquesimo giorno del #ArtsakhBlockade. «L’indifferenza del mondo permette l’Azerbajgian e la Turchia di “finire il lavoro” lontano dai sguardi» (Korazym, 14 feb)

Roma finanzia l’offensiva dell’Azerbaigian contro l’Armenia (Today, 14 feb)

Il corridoio di Lachin e il groviglio caucasico (Osservatorio Balcani Caucaso, 15 feb)

Le contraddizioni di Erevan tra Mosca e l’Occidente (World magazine, 15 feb)

Nagorno Karabakh: pulizia etnica in corso? (Machiavelli, 15 feb)

Sessantaseiesimo giorno del #ArtsakhBlockade. L’importante è che nessuno possa dire: “Non lo sapevo” (Korazym, 15 feb)

Il Caucaso rischia di diventare l’epicentro di una nuova crisi geopolitica (Domani, 16 feb, per abbonati)

Nagorno Karabagh: il dramma di Lachin. “Ai posteri l’ardua sentenza?” (International news, 16 feb)

Sessantasettesimo giorno del #ArtsakhBlockade. La minaccia di pulizia etnica degli Armeni dall’Artsakh è un terribile avvertimento di genocidio (Korazym, 16 feb)

Io, armena, chiedo a Meloni di intervenire sulla crisi nell’Artsakh/Nagorno Karabakh (Startmag, 17 feb)

Il Molokano su Tempi. Appello per l’Artsakh. Come possono Italia e Israele tradire la loro sorella Armenia? (Korazym, 17 feb)

Sessantottesimo giorno del #ArtsakhBlockade. Il silenzio uccide (Korazym, 17 feb)

Nagorno-Karabakh: l’Armenia presenta un piano di pace all’Azerbaigian (Sicurezza internazionale, 17 feb, per abbonati)

L’Armenia propone la pace per evitare la crisi del Caucaso (Domani, 17 feb, per abbonati)

Artsakh – Una risoluzione del Pd e M5S sulla grave crisi umanitaria (Assadakah, 17 feb)

Sessantanovesimo giorno del #ArtsakhBlockade. La pace con un popolo che ha odio è impossibile e inimmaginabile (Korazym, 18 feb)

Settantesimo giorno del #ArtsakhBlockade. Non dobbiamo permettere ad un dittatore di dettare la narrazione (Korazym, 19 feb)

Al via la missione civile in Armenia per la stabilità nelle zone di confine (Ansa, 20 feb)

Settantunesimo giorno del #ArtsakhBlockade. André Manoukian: immaginate l’indignazione mondiale per 120.000 cani isolati su un’isola, ma per gli Armeni niente (Korazym, 20 feb)

In Nagorno-Karabakh, 120.000 persone sono messe in quarantena (Tecnosuper, 21 feb, per abbonati)

Settantatreesimo giorno del #ArtsakhBlockade. Bloccare l’Artsakh – patria degli Armeni – accompagnato dalla minaccia della forza è inaccettabile (Korazym, 22 feb)

“Il corridoio di Lachin deve essere transitabile” (RSI, 22 feb)

#ArtsakhBlockade. La Corte Internazionale di Giustizia ordina l’Azerbajgian a garantire il libero movimento attraverso il Corridoio di Lachin in entrambe le direzioni (Korazym, 22 feb)

Il tribunale delle Nazioni Unite ordina all’Azerbaigian di porre fine alla barriera del Nagorno-Karabakh (La nuova gazzetta molisana, 23 feb)

Armenia-Azerbaijan, una pace difficile (Osservatorio Balcani Caucaso, 23 feb)

L’Onu chiede lo sblocco del Corridoio di Lachin (Osservatore romano, 23 feb, per abbonati)

Settantaquattresimo giorno del #ArtsakhBlockade. Dopo la condanna dell’Azerbajgian alla Corte Mondiale siamo daccapo alle solite (Korazym, 23 feb)

Nagorno Karabakh. La ICJ ha ordinato agli azeri di rimuovere lo sbarramento nel corridoio di Lachin (Notizie geopolitiche, 23 feb)

La condanna dell’Azerbaigian sia foriera di pace nel Nagorno Karabakh (Politicamente corretto, 23 feb)

Settantacinquesimo giorno del #ArtsakhBlockade. Se gli Armeni perdono l’Artsakh, gireranno l’ultima pagina della loro storia. Non dire dopo: “Non lo sapevo” (Korazym, 24 feb)

La corte dell’Onu condanna l’Azerbaigian: «Riapra il Corridoio di Lachin» (Tempi, 24 feb)

Guerra e crimini ambientali (ISPI, 24 feb)

L’Armenia: In Nagorno Karabakh intervenga la comunità internazionale (Exaudi, 25 feb)

Settantaseiesimo giorno del #ArtsakhBlockade. Il riconoscimento internazionale dell’Artsakh significa prevenire massicce violazioni dei diritti del popolo dell’Artsakh (Korazym, 25 feb)

Settantasettesimo giorno del #ArtsakhBlockade. I dittatori vanno buttati nella pattumiera della storia, se tutti vogliamo vivere in pace (Korazym, 26 feb)

28 febbraio, giorno della memoria delle vittime del pogrom di Sumgait. Il 35° anniversario dell’orrore (Korazym, 26 feb)

Armenia inquieta (Osservatorio repressione, 27 feb)

“La  guerra contro gli armeni è finita nel punto cieco della comunicazione” (Il Foglio, 27 set)

Settantottesimo giorno del #ArtsakhBlockade. La dittatura armenofoba di Aliyev non demorde, ma il popolo armeno dell’Artsakh è resiliente (Korazym, 27 feb)

Sumgait – Domani il 35° anniversario del massacro degli armeni (Assadakah, 27 feb)

La storia sconosciuta del pogrom di armeni (Libero, 28 feb, cartaceo)

Missione UE in Armenia: partito il monitoraggio (Osservatorio Balcani Caucaso, 28 feb)

Settantanovesimo giorno del #ArtsakhBlockade. Una missione ONU nel Corridoio di Lachin e in Artsakh è il minimo indispensabile che la comunità internazionale possa fare (Korazym, 28 feb)

INTRODUZIONE

“Lo sterminio include l’inflizione intenzionale di condizioni di vita, tra l’altro la privazione di l’accesso al cibo e alle medicine, calcolato per provocare la distruzione di una parte della popolazione”.
(Statuto della Corte penale internazionale, articolo 7)

A partire dal 12 dicembre 2022, intorno alle 10:30, agenti del governo azero in borghese che si spacciavano per attori indipendenti, bloccavano l’unica strada che collega l’Artsakh (Nagorno Karabakh) all’Armenia e al mondo esterno – la statale Goris-Stepanakert – che attraversa il “corridoio di Lachin (Berdzor)” citato nella Dichiarazione trilaterale di cessate il fuoco del 9 novembre 2020.

Con questo atto, l’Azerbaigian ha violato una delle disposizioni della citata dichiarazione firmata dai leader di Armenia, Azerbaigian e Russia, vale a dire il Punto 6: (…) “Il corridoio di Lachin (5 km di larghezza) che assicurerà la comunicazione tra il Nagorno-Karabakh (NK)/Artsakh e Armenia e allo stesso tempo aggirerà la città di Shushi, rimarrà sotto il controllo del contingente di mantenimento della pace della Federazione Russa

Sostenendo il blocco del corridoio Lachin, l’Azerbaigian continua a violare i propri obblighi internazionali assunti ai sensi della Dichiarazione del 9 novembre 2020, che prevedono inoltre, senza mezzi termini, che “l’Azerbaigian deve garantire la sicurezza di persone, veicoli e merci che si muovono lungo il corridoio di Lachin in entrambe le direzioni”.

Come risultato dell’ostruzione fisica dell’unica strada, insieme all’interruzione deliberata da parte dell’Azerbaigian della connessione Internet e delle forniture di gas ed elettricità dall’Armenia all’Artsakh 120.000 persone sono state effettivamente poste sotto un blocco completo senza accesso a beni e servizi essenziali, compresi farmaci, cibo, carburante e prodotti per l’igiene, da più di 40 giorni. Inoltre, quattro comunità della regione di Shushi – Lisagor, Mets Shen, Hin Shen e Eghtsahogh – si sono ritrovate in completo isolamento sia dall’Artsakh che dall’Armenia. In questo contesto, colpire e attaccare intenzionalmente l’infrastruttura critica dell’Artsakh da parte dell’Azerbaigian non fa che aggravare la già terribile situazione umanitaria che colpisce la popolazione civile dell’Artsakh sotto blocco.

Questa è la seconda volta che l’Azerbaigian ha bloccato il corridoio di Lachin nel periodo post-bellico del 2020. In precedenza, il 3 dicembre 2022, un gruppo di azeri aveva bloccato la strada per false preoccupazioni ecologiche sull’estrazione di risorse naturali dell’Artsakh. A seguito di trattative di tre ore, sotto la mediazione del Contingente di pace russo, la strada fu riaperta.

Aggravando ulteriormente la situazione, e con l’intenzione di provocare una catastrofe umanitaria, le autorità azere hanno tagliato la fornitura di gas naturale all’Artsakh pochi giorni dopo. Dal 13 al 16 dicembre 2022, nelle rigide condizioni invernali, le autorità azere hanno interrotto la fornitura di gas naturale dall’Armenia all’Artsakh, privando la popolazione civile dell’Artsakh delle necessità di base indispensabili per salvaguardarne il sostentamento. La fornitura di gas all’intero territorio dell’Artsakh è stata interrotta nuovamente dall’Azerbaigian il 18 gennaio 2023, intorno alle 13:00, lasciando la maggioranza delle famiglie dell’Artsakh ancora senza accesso al riscaldamento e all’acqua calda in pieno inverno.

La natura deliberata di queste interruzioni è chiaramente evidenziata. Nel marzo 2022, l’Azerbaigian ha interrotto la fornitura di gas naturale attraverso l’unico gasdotto dall’Armenia all’Artsakh (attualmente attraversa i territori occupati dall’Azerbaigian durante la guerra dei 44 giorni del 2020) per più di 20 giorni sabotandolo in un punto critico. Dopo aver fatto saltare l’oleodotto, l’Azerbaigian ha installato una valvola sull’oleodotto stesso, permettendogli così di stabilire un controllo arbitrario sulla fornitura di gas all’Artsakh. Le conseguenze umanitarie di questo atto criminale dell’Azerbaigian sono state discusse in dettaglio nel rapporto “Sulle violazioni dei diritti del popolo Artsakh da parte dell’Azerbaigian a febbraio-marzo 2022” del Difensore civico della Repubblica dell’Artsakh.

Inoltre, il 9 gennaio 2023, l’unica linea ad alta tensione che fornisce elettricità all’Artsakh dall’Armenia, è stato danneggiata nella sezione Aghavno-Berdzor (corridoio di Lachin) sotto il controllo azero. Le autorità azere non hanno permesso che venissero condotti dagli specialisti dell’Artsakh i lavori di riparazione sulla sezione danneggiata e, di conseguenza, l’elettricità è ora fornita esclusivamente da centrali idroelettriche locali. Così, il governo dell’Artsakh è stato obbligato a programmare blackout continui e altre restrizioni in tutto l’Artsakh per risparmiare le risorse idriche nel bacino idrico di Sarsang nel tentativo di garantire ed estendere la produzione di elettricità per la popolazione civile. Tuttavia, i bacini essenziali per generare energia idroelettrica dispongono di risorse molto limitate.

Il 12 gennaio 2023, l’unico cavo in fibra ottica che fornisce la connessione Internet all’Artsakh dall’Armenia è stato danneggiato nel tratto della strada Stepanakert-Goris dove gli azeri hanno istituito il blocco dal 12 dicembre 2022. In conseguenza di ciò, l’intero Artsakh è stato privato dei servizi Internet per due giorni, con conseguente isolamento totale delle informazioni. Il 14 gennaio 2023 la connessione è stata ripristinata, ma persistono ricorrenti interruzioni della connessione Internet. Dopo lo stabilimento del cessate-il-fuoco del 2020, la parte azera ha costantemente interrotto le comunicazioni mobili e accesso a Internet in tutto l’Artsakh, utilizzando vari tipi di disturbatori e silenziatori.

Nel mezzo di questa crisi umanitaria in rapida evoluzione nell’Artsakh, l’Azerbaigian usa la vulnerabilità delle infrastrutture critiche per terrorizzare e intimidire la pacifica popolazione civile dell’Artsakh, infliggendo ulteriori sofferenze al popolo dell’Artsakh sotto blocco, con l’obiettivo della loro totale distruzione ed espulsione dalla loro terra nativa – obiettivo finale della decennale politica sistematica e coerente di armenofobia, pulizia etnica e genocidio guidati dall’Azerbaigian.

Lo scopo di questo rapporto è quello di illustrare le violazioni in corso dei più diritti fondamentali del popolo dell’Artsakh causati dall’interruzione del funzionamento delle infrastrutture critiche dell’Artsakh durante il blocco di oltre un mese da parte dell’Azerbaigian.

1 – CONSEGUENZE UMANITARIE DELLA ROTTURA DELLE INFRASTRUTTURE CRITICHE

Gli attacchi deliberati all’infrastruttura critica dell’Artsakh sono un metodo di guerra e una pulizia etnica che l’Azerbaigian ha ripetutamente attuato contro la pacifica popolazione civile dell’Artsakh dalla guerra del 2020. Lo scopo principale di queste azioni criminali è terrorizzare la pacifica popolazione dell’Artsakh e creare così condizioni di vita disumana affinché la popolazione sia costretta a lasciare la propria terra natale.

  1. – Interruzione della fornitura di gas

La crisi umanitaria in corso è stata gravemente aggravata da parte dell’Azerbaigian dalla interruzione della fornitura di gas naturale dall’Armenia all’Artsakh attraverso l’unico gasdotto che attraversa i territori attualmente sotto il controllo dell’Azerbaigian. Dall’inizio del blocco il 12 dicembre, la parte azera ha deliberatamente interrotto la fornitura di gas quattro volte: il 13 dicembre (per 3 giorni), il 17 gennaio (per 1 giorno), il 18 gennaio (per 3 giorni), di nuovo il 21 gennaio. Dal 21 gennaio, intorno alle 21:00, la fornitura di gas metano a tutto il territorio dell’Artsakh attraverso l’unico gasdotto proveniente dall’Armenia all’Artsakh è stata tagliata ancora una volta dall’Azerbaigian. L’interruzione ha interessato la maggior parte delle famiglie dell’Artsakh, oltre a istituzioni che prestano cure mediche, sociali ed educative rimaste prive di accesso al riscaldamento e all’acqua calda durante il rigido inverno. L’attacco all’infrastruttura del gas dell’Artsakh da parte dell’Azerbaigian ha causato molteplici violazioni dei diritti umani fondamentali della popolazione dell’Artsakh.

Circa l’80% delle circa 120.000 persone che attualmente vivono in Artsakh ha le proprie abitazioni rifornite di gas. Il gas è ampiamente utilizzato dalla gente dell’Artsakh: per il riscaldamento di abitazioni, da parte di enti pubbliche e private, organizzazioni educative, sociali e sanitarie; per la fornitura di acqua calda; per la produzione alimentare; e per una moltitudine di altre attività economiche. Pertanto, a causa dell’interruzione della fornitura di gas, le ricadute sul piano umanitario si sono solo intensificate in modo critico nell’Artsakh bloccato.

Durante la precedente interruzione della fornitura di gas da parte dell’Azerbaigian nel marzo 2022, le persone hanno superato le difficoltà umanitarie utilizzando l’elettricità. Tuttavia, ora, anche la sola linea elettrica dall’Armenia all’Artsakh è stata interrotta dall’Azerbaigian, lasciando 120.000 persone in completo isolamento energetico. Dal governo dell’Artsakh è stata adottata una misura tampone programmando blackout continui per prevenire il sovraccarico e il guasto totale del sistema interno di approvvigionamento elettrico, mitigare la crisi energetica e risparmiare energia. Pertanto, l’intera popolazione dell’Artsakh è attualmente priva di elettricità per 6 ore al giorno, che, insieme all’interruzione della fornitura di gas, significa che le persone hanno risorse palesemente insufficienti per sostenere i propri mezzi di sussistenza.

  1. – Interruzione della fornitura di elettricità

Il 9 gennaio 2023, l’unica linea ad alta tensione che fornisce elettricità dall’Armenia all’Artsakh è stata danneggiata nella sezione Aghavno-Berdzor (Lachin), che è sotto controllo azero. Le autorità azere si rifiutano di consentire i lavori di riparazione della rete sul luogo dell’incidente. Di conseguenza, il governo dell’Artsakh è stato obbligato a organizzare la fornitura di energia elettrica attraverso le centrali idroelettriche locali con restrizioni sempre maggiori. A partire dal 10 gennaio è iniziata la fornitura di elettricità alla popolazione di Artsakh a determinati intervalli, con interruzioni intermittenti.

Poiché Artsakh produce solo il 57% del suo consumo di elettricità, un programmato blackout continuo di 4 ore è stato introdotto dal governo dell’Artsakh per diversi giorni per gestire la crisi elettrica in Artsakh. Le autorità azere continuano a non consentire lavori di riparazione dagli specialisti dell’Artsakh sulla linea elettrica principale dell’Artsakh, danneggiata dal 9 gennaio 2023. Di conseguenza, e a partire dal 21 gennaio 2023, è stato introdotto un programma di blackout continui di 6 ore stato implementato. In particolare, la produzione locale di energia elettrica viene effettuata principalmente attraverso la centrale idroelettrica di Sarsang, dove viene utilizzata l’acqua del bacino di Sarsang in grandi volumi per generare elettricità. Proseguire l’utilizzo della risorsa idrica in questi volumi esaurirà rapidamente la capacità e dovranno essere imposti blackout più lunghi.

Questa circostanza determina un problema particolarmente critico per coloro che riscaldano le proprie

case con elettricità in inverno e per chi usa l’elettricità come impianto di energia alternativa per il riscaldamento in assenza di forniture di gas. In condizioni invernali fredde e con forti nevicate, l’Artsakh sta affrontando un’allarmante crisi energetica, che aggrava la situazione della già terribile crisi umanitaria, poiché le persone sono ora private di qualsiasi tipo di riscaldamento per almeno 6 ore al giorno.

  1. – Interruzione della connessione internet

Il 12 gennaio 2023, la connessione Internet in Artsakh è stata interrotta a causa di un danneggiamento all’unico cavo in fibra ottica che fornisce servizi Internet all’Artsakh dall’Armenia. Secondo il provider Internet locale in Artsakh, il danno del cavo ha avuto luogo esattamente nel punto in cui gli azeri hanno bloccato la strada.

Secondo le attività conoscitive dell’Ufficio del difensore civico per i diritti umani dell’Artsakh, l’Azerbaigian ha danneggiato intenzionalmente l’unico cavo che fornisce Internet collegamento con Artsakh dall’Armenia per causare ulteriori sofferenze alla popolazione dell’Artsakh, oltre a creare un’atmosfera di intimidazione, paura e incertezza. Al momento della stesura del Rapporto, l’accesso a Internet è stato ripristinato, ma – tenendo conto del fatto che la parte azera ha costantemente interrotto l’accesso alle telecomunicazioni nel

intero territorio dell’Artsakh dall’istituzione del cessate il fuoco nel novembre 2020 – il difensore dei diritti umani si aspetta che l’Azerbaigian intraprenda misure simili in futuro.

2 – VIOLAZIONE DEI DIRITTI UMANI ALLA LUCE DELLA ROTTURA DELLE INFRASTRUTTURTE CRITICHE

In tempi di crisi umanitarie, in particolare quelle guidate da una pericolosa e simultanea convergenza di molteplici cause, come nel caso dell’Artsakh i diritti umani sono sempre in gioco, soprattutto nei gruppi più vulnerabili della società quali bambini, anziani, donne e persone con disabilità. Quindi, questi diritti e gruppi

richiedono attenzione e protezione specifiche.

  • Diritto a mezzi di sussistenza adeguati (riscaldamento, acqua calda, produzione alimentare)

In pieno inverno, la temperatura media nel territorio dell’Artsakh oscilla intorno a -2 e +2 gradi Celsius e spesso può precipitare fino a -5 gradi Celsius. Nevica e gela per giorni. In queste pericolose condizioni invernali, case residenziali, residenze temporanee di sfollati, una miriade di istituzioni di istruzione e salute, aziende private e le istituzioni statali restano prive di uno stabile e sufficiente riscaldamento a causa dell’attacco intenzionale dell’Azerbaigian alle infrastrutture dell’Artsakh.

Circa l’80% delle circa 120.000 persone che attualmente vivono in Artsakh ha le proprie abitazioni rifornite di gas. La principale fonte di riscaldamento per la stragrande maggioranza della popolazione dell’Artsakh è ostacolata.

Il gas viene utilizzato anche nelle famiglie dell’Artsakh per preparare il cibo; quindi, la sua assenza direttamente influisce sulla normale organizzazione della nutrizione della popolazione. Il pericolo è composto qui, dove sia il gas che l’elettricità non vengono forniti ad Artsakh; le persone sono private delle necessità vitali ovvero il riscaldamento per il caldo fisico, acqua calda per lavarsi e per cucinare il cibo, senza alcuna fonte alternativa di energia.

  • Diritto all’educazione

A causa del blocco dell’Artsakh e dell’interruzione delle sue infrastrutture vitali da parte dell’Azerbaigian, i diritti dei bambini sono stati violati, in primo luogo il diritto all’istruzione. Il problema del riscaldamento ha sostanzialmente sconvolto il normale funzionamento del processo educativo in Artsakh, poiché un gran numero di istituzioni educative sono riscaldate a gas, inclusi asili, scuole, istituti di istruzione secondaria professionale e superiore. Così, il diritto all’istruzione dei bambini dell’Artsakh è stato chiaramente interrotto dal 14 al 16 dicembre 2022, quando l’Azerbaigian ha interrotto per la prima volta la fornitura di gas durante il blocco dell’Artsakh.Dal 18 gennaio 2023, con la seconda serie di interruzioni azere alla fornitura di gas dall’Armenia all’Artsakh, il diritto all’istruzione dei bambini dell’Artsakh è stato calpestato, ancora una volta.

Nella situazione attuale, è impossibile gestire efficacemente l’istruzione in Artsakh. Il 65% delle scuole del Paese sono riscaldate solo a gas; importante, il 60% degli studenti dell’Artsakh riceve un’istruzione in tali scuole riscaldate a gas. A causa dell’impossibilità di fornire un adeguato riscaldamento, il governo dell’Artsakh è stato obbligato a sospendere le lezioni scolastiche fino a nuovo avviso.

Oltre al problema del riscaldamento, il blocco ha ostacolato il processo di approvvigionamento, organizzazione e consegna del cibo alle istituzioni educative frequentate dai gruppi di bambini più vulnerabili (dai 2 ai 6 anni), quali asili, scuole materne, gruppi di- scuole primarie e scuole che lavorano con orario prolungato. Così, 117 scuole (41 asili nido, 56 scuole materne e 20 istituti di istruzione a tempo pieno) sono stati costretti a chiudere a causa della combinazione del problema del riscaldamento e della crisi alimentare che si è verificata per il blocco. Di conseguenza, più di 20.000 bambini sono attualmente privati della possibilità di ricevere assistenza e istruzione. Dal momento che queste istituzioni operavano senza scorte di cibo e ora è diventato impossibile fornire cibo ai bambini, queste istituzioni educative hanno sospeso le attività a partire dal 9 gennaio 2023. Negli ultimi giorni di dicembre 2022, le attività di 31 pubbliche, 7 benefiche e 3 private, gli asili e 56 gruppi prescolari di 30 scuole pubbliche erano già completamente sospese.

Per quanto riguarda gli istituti di istruzione superiore, il 100% delle università pubbliche e private sono riscaldate a gas. Sebbene alcune lezioni possano essere condotte a distanza, il generale processo educativo è ostacolato in Artsakh a causa delle azioni criminali in corso da parte dell’Azerbaigian.

Il 90% delle altre istituzioni educative, come scuole professionali secondarie, scuole d’arte, anche i collegi di medicina e musica e i centri creativi per giovani sono riscaldati a gas. A causa di mancanza di fornitura di gas, anche queste hanno dovuto cessare completamente la loro attività.

  • Diritto alla salute

L’interruzione repentina da parte dell’Azerbaigian del funzionamento delle infrastrutture critiche nell’Artsakh incide sul normale funzionamento del sistema sanitario, generando complessi e

persistenti problemi per la salute pubblica. L’interruzione dei rifornimenti di gas ed elettricità in Artsakh da parte dell’Azerbaigian, in particolare durante gli oltre 40 giorni di blocco dell’unica strada che collega l’Artsakh con l’Armenia e il mondo esterno, ha ostacolato la realizzazione del diritto all’assistenza sanitaria del popolo dell’Artsakh. Le persone sono ora private del corretto accesso a servizi salvavita, come trattamenti urgenti, interventi chirurgici programmati e operazioni, esami di laboratorio, esami periodici e regolari controlli sanitari, a causa della mancanza di riscaldamento adeguato, assenza di medicamenti, attrezzature e materiali medici necessari presso le istituzioni sanitarie.

Al 20 gennaio 2023, 113 persone sono in cura nelle istituzioni mediche della Repubblica dell’Artsakh, di cui 35 bambini. 8 bambini e 12 adulti sono in unità di terapia intensiva, mentre 4 di questi ultimi sono in condizioni critiche. Inoltre, 7 nuovi nati e 23 donne incinte sono attualmente in cura nell’ospedale di maternità.

Il 70% degli ospedali dell’Artsakh è riscaldato a gas. Durante la precedente interruzione nella fornitura del gas, alcune delle istituzioni mediche hanno avuto l’opportunità di passare ad alternativi impianti di riscaldamento a benzina, gasolio o elettricità. Tuttavia, nelle condizioni di interruzioni programmate e assenza di rifornimenti di gasolio, anche questi metodi alternativi di riscaldamento sono diventati inaccessibili e inaffidabili. Inoltre, il monitoraggio delle attività da parte dell’Artsakh Human Rights Defender hanno dimostrato che la richiesta temperatura (14-15 gradi Celsius) nei reparti non viene raggiunta, anche dove vengono utilizzate le fonti alternative. Inoltre, nota la direzione delle istituzioni sanitarie che a causa del passaggio all’energia alternativa, i costi operativi sono aumentati immediatamente, imponendo ulteriori pressioni sul normale funzionamento di tali istituzioni.

  • Impatto sull’attività economica e diritto al lavoro

A causa dell’interruzione dell’infrastruttura critica dell’Artsakh da parte delle azioni malvagie dell’Azerbaigian, sono sorti anche problemi in diversi settori dell’economia della Repubblica.

In particolare, l’approvvigionamento di gas nella capitale Stepanakert è necessario per la cottura del pane, per non parlare di altri alimenti. A causa dell’assenza sia di gas che di elettricità stabile, la produzione e la fornitura di pane ne ha risentito. A Stepanakert si sta già osservando una penuria di pane, un fondamentale segno di sopravvivenza.

In particolare, più del 50% della popolazione è concentrata a Stepanakert, compresa la maggior parte della popolazione sfollata con la forza a seguito del conflitto conseguente l’aggressione azera-turca del 2020 contro l’Artsakh.

L’interruzione della fornitura di gas all’Artsakh ha influito negativamente sul settore dei trasporti pubblici in tutto l’Artsakh. Tanti veicoli per uso personale, aziendale e pubblico funzionano  a gas.

Tuttavia, in assenza di gas, benzina e gasolio contemporaneamente, la popolazione dell’Artsakh è rimasta praticamente senza mezzi di trasporto, il che ha causato enormi problemi logistici e di costo per l’intera popolazione. Il collegamento tra Stepanakert e le regioni dell’Artsakh è ora molto limitato, cosicchè le persone non possono più fare il pendolare tra le loro destinazioni abituali per lavoro, affari o istruzione come prima.

Il settore dei servizi affronta la stessa situazione. Ad esempio, l’attività dei servizi di taxi nell’Artsakh è ora completamente interrotta, poiché non sono disponibili gas o benzina per rifornire le auto.

Tutte le stazioni di servizio e di benzina dell’Artsakh hanno cessato l’attività essenzialmente dall’inizio del blocco. Di conseguenza, i proprietari delle stazioni hanno subito, e continuano a subire, gravi perdite economiche, mentre centinaia di loro dipendenti sono ormai inattivi, privi del loro diritto fondamentale a un lavoro dignitoso.

Anche centinaia di imprenditori economici dell’Artsakh subiscono enormi perdite economiche e finanziarie a causa dell’interruzione della fornitura di gas. I magazzini, dove avviene la produzione e lo stoccaggio del cibo, sono tra i più colpiti perché funzionano a gas. Tuttavia, con il sistema di blackout continuo messo in atto, non possono nemmeno fare affidamento sui sistemi di alimentazione alternativa. Di conseguenza, le condizioni necessarie per la produzione e la conservazione degli alimenti non possono essere mantenute in modo coerente.

Infine, dal 19 gennaio 2023, le istituzioni statali della Repubblica dell’Artsakh hanno dovuto passare a una modalità operativa speciale, che richiede l’imposizione di alcune restrizioni e modifiche. Nella situazione di una crisi energetica in atto e nel tentativo di garantire il funzionamento ininterrotto di strutture e servizi vitali, nonché soddisfare il fabbisogno energetico di base della popolazione il più a lungo possibile, solo i dipendenti il cui lavoro richiede la loro presenza fisica sul posto di lavoro possono recarsi al lavoro; altri dovranno svolgere le proprie mansioni lavorative da remoto. È stata implementata una serie di altre modifiche, tra cui il raggruppamento dei dipendenti in una sola stanza e altre misure ancora, per utilizzare l’elettricità nel modo più efficiente possibile.

  • Impatto sull’ambiente e sulla raccolta dei rifiuti

In assenza di fornitura di gas, c’è un forte aumento dell’uso del legno da parte della popolazione per fornire riscaldamento e altre condizioni di vita alle case. Di conseguenza, la deforestazione è un rischio reale in quanto il ricorso al legno come fonte di riscaldamento probabilmente causerà un significativo impoverimento delle foreste, che avrà sicuramente un impatto sull’ambiente.

Secondo le informazioni ricevute dal comune di Stepanakert e dalle amministrazioni di tutte le regioni, ci sono problemi con la raccolta dei rifiuti nelle comunità. Le macchine e le attrezzature utilizzate per la raccolta dei rifiuti funzionano prevalentemente a gas e non è possibile passare ad altri combustibili.

Infine, sorgeranno gravi problemi ambientali dovuti al fatto che, in assenza di approvvigionamento di gas e di altre fonti energetiche, l’acqua del bacino di Sarsang viene necessariamente utilizzata oltre i suoi limiti naturali. Ciò significa che in primavera e in estate, quando l’acqua dell’invaso di Sarsang viene utilizzata per l’irrigazione, l’invaso si esaurirà pericolosamente e ci sarà un problema di approvvigionamento idrico. È interessante notare che l’acqua del bacino idrico di Sarsang viene utilizzata principalmente per l’irrigazione dei territori sotto il controllo dell’Azerbaigian e, con il blocco e l’interruzione delle infrastrutture per cacciare gli armeni indigeni dell’Artsakh, l’Azerbaigian non solo infligge danni agli armeni dell’Artsakh, ma rischia anche di danneggiare i propri cittadini.

OSSERVAZIONI E RACCOMANDAZIONI CONCLUSIVE

Alla luce del blocco di 42 giorni [al 23 gennaio, NdT] dell’Artsakh da parte dell’Azerbaigian – e come risultato dell’attacco alle infrastrutture vitali dell’Artsakh, come le sue forniture di gas ed elettricità e la sua connessione Internet – la Repubblica dell’Artsakh si è trovata in una situazione senza precedenti e in una crisi energetica pericolosa per la vita. Come risultato del taglio da parte dell’Azerbaigian dell’unico naturale gasdotto dall’Armenia all’Artsakh e dell’unica linea elettrica dall’Armenia all’Artsakh , le istituzioni mediche nell’Artsakh non sono in grado di fornire cure mediche di base, le attività delle istituzioni educative sono sospese e il lavoro degli enti e delle agenzie statali è interrotto. La mancanza di carburante ed energia per persone, istituzioni e veicoli sconvolge la vita della popolazione ed è progettata per generare un completo collasso del sostentamento, della sicurezza alimentare ed energetica e di tutta la logistica nel Paese.

La strada Stepanakert-Goris, l’unica strada che collega l’Artsakh con l’Armenia e il mondo esterno, è di grande importanza umanitaria. Il suo blocco sta causando, e causerà ulteriormente, gravi conseguenze umanitarie per l’intera popolazione dell’Artsakh. Inoltre, ostacola direttamente qualsiasi colloquio di pace e iniziativa pacificatrice nella regione e mina fondamentalmente la fiducia internazionale e regionale.

Sfortunatamente, il blocco dell’Artsakh non è un atto isolato; costituisce una parte di una politica pluridecennale, diffusa e sistematica dell’Azerbaigian volta alla pulizia etnica degli armeni dell’Artsakh e alla loro completa espulsione dalla loro terra natale. Dall’istituzione del cessate il fuoco garantito dalla Dichiarazione trilaterale del 9 novembre 2020, l’Ombudsman dell’Artsakh ha ripetutamente riferito del ripetersi di simili minacce e provocazioni da parte azera. Negli ultimi due anni, l’Azerbaigian, tra l’altro, ha:

(a) fatto ricorso all’aggressione militare, violando il cessate il fuoco stabilito dalla Dichiarazione trilaterale, ha ucciso 18 persone, di cui 3 civili, e ha sottoposto centinaia di persone a tentato omicidio;

(b) attaccato deliberatamente e in massa le infrastrutture dell’Artsakh allo scopo di terrorizzare e intimidire la popolazione dell’Artsakh;

(c) lasciato l’intera popolazione dell’Artsakh senza rifornimenti di acqua e gas per settimane;

(d) interrotto il lavoro agricolo stagionale prendendo di mira i pacifici abitanti dei villaggi;

(e) costantemente sottoposto le comunità armene nelle immediate vicinanze delle loro postazioni militari a pressioni psicologiche da parte di altoparlanti;

(f) diffuso disinformazione e panico tra le persone effettuando attacchi informatici ai media statali dell’Artsakh.

Data l’attuale situazione umanitaria nell’Artsakh, il Difensore civico della Repubblica dell’Artsakh invita la comunità internazionale e tutti i suoi attori che difendono i diritti umani ad agire con urgenza, in particolare:

(1) esortare l’Azerbaigian a rispettare e adempiere ai suoi obblighi internazionali assunti, oltre alle convenzioni internazionali, dalla Dichiarazione trilaterale del 9 novembre 2020, che implica la fornitura di garanzie di sicurezza alla popolazione dell’Artsakh e la salvaguardia dei loro mezzi di sussistenza;

(2) fare pressione sull’Azerbaigian con l’uso di tutti gli strumenti pratici per aprire immediatamente l’unica strada senza alcuna condizione preliminare, consentire la libera circolazione delle persone e l’accesso ininterrotto a beni e servizi essenziali attraverso il Corridoio, riconoscendone la natura principalmente umanitaria;

(3) avviare una missione conoscitiva internazionale nell’Artsakh per valutare la situazione umanitaria sul campo;

(4) concedere l’accesso senza ostacoli alle organizzazioni e alle missioni internazionali per i diritti umani per entrare nell’Artsakh, valutare la situazione e fornire i necessari aiuti umanitari in base ai bisogni della popolazione civile;

(5) esortare l’Azerbaigian ad astenersi dall’attaccare in futuro le infrastrutture critiche dell’Artsakh, nonché i suoi collegamenti di trasporto, energia e comunicazione con l’Armenia;

(6) condannare la retorica armenofoba e infiammatoria sponsorizzata dallo Stato dell’Azerbaigian tra la sua popolazione che chiede discriminazione e aggressione nei confronti degli armeni dell’Artsakh.

Pur accogliendo con favore tutte le dichiarazioni e le reazioni ricevute dalle organizzazioni internazionali e dalle controparti che si battono sinceramente per i diritti umani fondamentali del popolo dell’Artsakh, il Difensore civico della Repubblica dell’Artsakh ritiene che i governi e gli attori internazionali coinvolti nella risoluzione del conflitto dovrebbero utilizzare tutte le misure diplomatiche a loro disposizione per fermare il blocco dell’Artsakh, ripristinare la sua fornitura di beni di prima necessità, invitare le autorità azere a smettere di prendere di mira infrastrutture critiche (gas, elettricità, Internet, comunicazioni mobili, acqua), fermare l’imminente catastrofe umanitaria e proteggere i diritti umani fondamentali delle persone che vivono in Artsakh.

La comunità internazionale dovrebbe assumere urgentemente una posizione unanime e inequivocabile e intraprendere azioni mirate per condannare, punire e impedire che l’Azerbaigian continui ad agire con un senso di assoluta impunità.

La comunità internazionale deve impedire all’Azerbaigian di realizzare il suo ultimo obiettivo di genocidio: la pulizia etnica della popolazione indigena armena dell’Artsakh.

[Traduzione del rapporto in formato ridotto e senza note esplicative]

Il difensore dei diritti umani dell’Artsakh (Nagorno Karabakh) ha pubblicato un rapporto provvisorio “Sulle violazioni dei diritti umani del popolo dell’Artsakh a seguito della deliberata interruzione delle infrastrutture critiche nel mezzo del blocco dell’Artsakh da parte dell’Azerbaigian dal 12 dicembre 2022“.

Il rapporto ha presentato fatti relativi alle violazioni diffuse e su larga scala dei diritti del popolo dell’Artsakh a causa di interruzioni deliberate delle infrastrutture vitali dell’Artsakh da parte dell’Azerbaigian: gasdotto, linee elettriche, telecomunicazioni e cavi Internet, che nelle condizioni del blocco in corso mettono la popolazione civile sull’orlo di una catastrofe umanitaria.

In condizioni climatiche fredde, quando la temperatura media nel territorio dell’Artsakh oscilla tra -2 e +2 gradi Celsius, raggiungendo talvolta -5 gradi di freddo, case, luoghi di residenza temporanea di sfollati, tutti i tipi di istituzioni educative e sanitarie e le imprese private, le istituzioni statali usano il gas come principale mezzo di riscaldamento. Interruzioni deliberate nella fornitura di gas privano la popolazione della possibilità di riscaldamento a gas e acqua calda.

A seguito del danneggiamento delle linee ad alta tensione provenienti dall’Armenia verso l’Artsakh e del blocco dei loro lavori di ripristino da parte dell’Azerbaigian, dal 9 gennaio l’importazione di elettricità è stata sospesa.
I residenti ricevono elettricità prodotta localmente. A causa dei volumi insufficienti, la popolazione riceve elettricità con un programma di blackout continuativo di 6 ore, il che rende quasi impossibile sostituire il riscaldamento a gas con il riscaldamento elettrico.

Anche le interruzioni dell’approvvigionamento di gas e l’uso limitato di energia elettrica incidono direttamente sulla normale organizzazione del cibo nelle famiglie.

Per risparmiare elettricità, le istituzioni statali sono passate a un regime di lavoro breve dal 19 gennaio, il che ha un impatto negativo sul processo di fornitura dei servizi necessari al pubblico e sull’organizzazione della vita pubblica.

La situazione attuale ha fortemente influito sulla normale organizzazione del processo educativo in Artsakh, tutte le istituzioni educative della Repubblica sono chiuse a causa della mancanza di riscaldamento, che ha portato alla violazione del diritto all’istruzione di oltre 20.000 bambini.

La grave situazione umanitaria ha inciso anche sul normale funzionamento del sistema sanitario.
Il 70% delle strutture sanitarie e degli ospedali, riscaldati a gas, deve affrontare seri problemi di riscaldamento. Al momento, 156 pazienti, di cui 45 bambini, stanno ricevendo cure mediche ospedaliere.

Centinaia di imprese subiscono anche ingenti perdite a causa delle interruzioni della fornitura di gas.

Nelle condizioni di interruzione dell’approvvigionamento di gas e di limitata possibilità di elettricità, per fornire il riscaldamento delle case e altre condizioni di vita, c’è un aumento del volume di legno utilizzato dalla popolazione, il che significa che il già limitato fondo forestale subirà gravi perdite.

Nelle comunità si sono verificati problemi legati al buon funzionamento del trasporto pubblico e all’organizzazione della raccolta dei rifiuti, dovuti al fatto che le macchine e le attrezzature utilizzate per il trasporto pubblico e la raccolta dei rifiuti funzionano con l’utilizzo di gas, benzina e gasolio, e c’è anche una carenza di vettori energetici nelle condizioni del blocco.

“L’Azerbaigian progetta una nuova invasione per eliminare noi armeni” (Tempi, 1 gen)

Ventunesimo giorno del #ArtsakhBlockade (Korazym, 1 gen)

Caucaso. Repubblica dell’Artsakh sotto assedio (La stampa, 2 gen)

Ventiduesimo giorno del #ArtsakhBlockade (Korazym, 2 gen)

Il Nagorno Karabakh isolato dall’Armenia e dal resto del mondo (Il foglio, 2 gen)

Nagorno Karabakh sotto assedio, Armenia senza aiuto… (Remocontro, 3 gen)

Ventitreesimo giorno del #ArtsakhBlockade (Korazym, 3 gen)

Ventiquattresimo giorno del #ArtsakhBlockade (Korazym, 4 gen)

Artsakh blockade. L’Armenia chiede l’intervento della Corte di giustizia internazionale (Stilum curiae, 4 gen)

Venticinquesimo giorno del #ArtsakhBlockade (Korazym, 5 gen)

Caucaso, il Nagorno Karabakh sotto assedio (La stampa, 6 gen)

Ventiseiesimo giorno del #ArtsakhBlockade (Korazym, 6 gen)

Artsakh, prosegue il blocco azero e Pashinyan chiede aiuto alla comunità internazionale (Assadakah, 7 gen)

Ventisettesimo giorno del #ArtsakhBlockade (Korazym, 7 gen)

Qatargate, 247 votazioni europee sospette. La galassia con lobbisti-Azerbaijan (Affari italiani, 8 gen)

Ventottesimo giorno del #ArtsakhBlockade (Korazym, 8 gen)

Nagorno-Karabakh: gli armeni chiedono la riapertura del corridoio di Lachin (Asianews, 9 gen)

“L’Armenia e l’Artsakh stanno affrontando una minaccia esistenziale” (Il foglio, 9 gen)

Nagorno Karabakh, la comunità armena scrive a von der Leyen (Notizie geopolitiche, 9 gen)

Ventinovesimo giorno del #ArtsakhBlockade (Korazym, 9 gen)

Il Nagorno-Karabakh sequestrato da “ecologisti” azeri. Pure le Ong politicamente corrette danno una mano a strozzare l’Armenia (Korazym, 10 gen)

“L’Ue non può più ignorare gli armeni del Nagorno Karabakh” (Tempi, 10 gen)

L’Armenia ha vietato alla CSTO di condurre esercitazioni dell’organizzazione sul suo territorio (Aviapro, 10 gen)

L’Armenia ha bisogno di alternative alla Russia e all’Iran (L’Indro, 10 gen)

Perché tutti tacciono sull’epurazione degli armeni nel Nagorno Karabakh (Il sussidiario, 11 gen)

Trentesimo giorno del #ArtsakhBlockade (Korazym, 11 gen)

Drammaticamente vicina una terza guerra del Karabakh (Asia news, 12 gen)

Erevan, sotto blocco azero, mette in discussione l’alleanza con Mosca (Il manifesto, 12 gen)

Trentunesimo giorno del #ArtsakhBlockade (Korazym, 12 gen)

Quanto il conflitto tra grandi Potenze sta influenzando l’incombente crisi del Caucaso (L’Indro, 12 gen)

L’Armenia ora diffida della Russia: paura per il “patto caucasico” tra Putin e Erdogan (Globalist,  12 gen)

Trentaduesimo giorno del #ArtsakhBlockade (Korazym, 12 gen)

Artsakh, dopo un mese di isolamento la crisi umanitaria è gravissima (Tempi, 13 gen)

Trentatreesimo giorno del #ArtsakhBlockade (Korazym, 13 gen)

L’ossessione azera di costruirsi un passato che non ha (Korazym, 13 gen)

Nagorno Karabakh, gli armeni aggrappati alla loro terra (La nuova bussola quotidiana, 14 gen)

Azerbaigian, UE: “Preoccupazione per detenzione difensori diritti umani” (Sardegnagol, 14 gen)

L’Italia si schiera a favore dello sterminio degli armeni ( Il riformista, 14 gen)

Trentaquattreesimo giorno del #ArtsakhBlockade (Korazym, 14 gen)

Quegli accordi dell’Italia con chi fa pulizia etnica degli armeni (Il sussidiario, 15 gen)

Caro Crosetto, attento ad armare gli azeri  (Libero, 15 gen)

Bloccato nel limbo: perché l’Artsakh/Nagorno-Karabakh ha più che mai bisogno di uno status legale (Korazym, 15 gen)

Trentacinquesimo giorno del #ArtsakhBlockade (Korazym, 15 gen)

Trentaseiesimo giorno del #ArtsakhBlockade (Korazym, 16 gen)

Nagorno Karabakh: guerra tra Armenia e Azerbaijan a un passo dallo sterminio degli armeni (Osservatorio diritti, 17 gen)

Alto Karabakh: 120 mila armeni sempre più isolati  (Vatican news, 17 gen)

Nagorno Karabakh: l’anomalo assedio (Osservatorio Balcani Caucaso, 17 gen)

Trentasettesimo giorno del #ArtsakhBlockade (Korazym, 17 gen)

Karabakh: l’oligarca russo-armeno Vardanyan difende il ruolo ‘pacificatore’ di Mosca (Asia news, 17 gen)

Trentottesimo giorno del #ArtsakhBlockade (Korazym, 18 gen)

La nuova strategia dell’Azerbaigian: far morire di freddo gli armeni (Tempi, 19 gen)

Trentanovesimo giorno del #ArtsakhBlockade (Korazym, 19 gen)

La crisi del Nagorno-Karabakh evidenzia il declino dell’influenza globale della Russia (Rights reporter, 19 gen)

Artsakh – Aia, Onu e Parlamento Europeo dalla parte degli armeni (Assadakah,  19 gen)

Armenia. Il Parlamento europeo condanna il blocco azero. «Von der Leyen prenda atto» (Tempi, 20 gen)

Corridoio di Lachin, l’Eurocamera condanna Baku (Sardegnagol, 20 gen)

Genocidio armeno atto finale. Europa e Italia chinano il capo a Turchi e Azeri. La Santa Sede rimane in silenzio (Korazym, 20 gen)

Quarantesimo giorno del #ArtsakhBlockade  (Korazym, 20 gen)

In Armenia la politica di sicurezza delegata alla Russia non è più un tabù (e l’Ue può approfittarne) (Linkiesta, 21 gen)

#ArtsakhBlockade. L’enigma Vardanyan e la profezia del Molokano (Korazym, 21 gen)

Quarantunesimo giorno del #ArtsakhBlockade. Una diplomazia credibile richiede azione, non vuota retorica (Korazym, 21 gen)

La Russia sta perdendo terreno nel Caucaso (Startmag, 22 gen)

NAGORNO KHARABAK. Battaglia verbale tra Baku e Erevan sul corridoio di Lachin (AGC News, 22 gen)

Quarantaduesimo giorno del #ArtsakhBlockade. Per l’Azerbajgian è una questione di ambizione, per l’Artsakh di vita o di morte (Korazym, 22 gen)

Armenia, 30 mila bambini senza luce, al freddo e con cibi razionati: la devastante crisi in Nagorno-Karabakh per il blocco azero (Il messaggero, 23 gen)

Ombre oscure sul futuro del Caucaso (Difesa online, 23 gen)

Quarantatreesimo giorno del #ArtsakhBlockade. L’Azerbajgian non si fermerà all’Artsakh. Dopo proseguirà con l’Armenia (Korazym, 23 gen)

120mila armeni nella sacca dell’Artsakh (Terrasanta, 23 gen)

Nagorno Karabach, migliaia di armeni vivono una grave crisi umanitaria per il blocco del corridoio di Lachin (La Repubblica, 24 gen)

La Federazione dell’Azerbaijan ha chiesto all’ITF sanzioni contro Khachanov, schierato con il popolo dell’Artsakh (Livetennis, 24 gen)

Quarantaquattresimo giorno del #ArtsakhBlockade. «Possiamo essere vicini dell’Azerbajgian, ma mai parte dell’Azerbajgian» (Korazym, 24 gen)

L’autogol dell’Azerbaigian in Armenia (Tempi, 25 gen)

Armenia, via alla missione UE di monitoraggio a lungo termine (Osservatorio Balcani Caucaso, 25 gen)

#ArtsakhBlockade. La popolazione del Nagorno-Karabakh continua a subire da 45 giorni un assedio disumano. Il momento di agire è adesso (Korazym, 25 gen)

#ArtsakhBlockade. È in corso la pulizia etnica contro gli Armeni di Nagorno-Karabakh. Che domani nessuno possa dire “non lo sapevo” (Korazym, 25 gen)

L’UE ha approvato una missione civile nelle zone di confine tra Armenia e Azerbaigian (L’Indipendente, 25 gen)

Camera, i colloqui riservati dell’ambasciatore azero: ricordatevi del nostro gas (L’Espresso, 25 gen)

Quarantaseiesimo giorno del #ArtsakhBlockade. L’Azerbajgian sta esacerbando una crisi umanitaria nell’Artsakh, rifiutando di creare le condizioni per la pace tra i due Paesi (Korazym, 26 gen)

Armenia accusa gli azeri di “pulizia etnica” in Nagorno Karabakh (Il Tempo, 27 gen)

Quarantasettesimo giorno del #ArtsakhBlockade. “Come nascono i lager? Facendo finta di nulla” (Primo Levi) (Korazym, 27 gen)

Addestramento e armi indiane per i Sukhoi Su-30SM armeni? (Analisi difesa, 28 gen)

Quarantottesimo giorno del #ArtsakhBlockade. Perché gli Armeni devono ancora combattere per il loro diritto di esistere? (Korazym, 28 gen)

Nagorno Karabakh, un’altra aggressione nei territori dell’ex Unione Sovietica (Resegone online, 29 gen)

ARMENIA. Erevan più vicina all’Occidente (AGC Communication, 29 gen)

Lettera aperta delle donne del Nagorno alla Von der Leyen: «ci aiuti siamo disperate». Il Papa all’Angelus: «condizioni disumane» (Il Messaggero, 29 gen)

Corridoio di Lachin, l’appello del Papa a trovare soluzioni pacifiche per il bene delle persone (Vatican news, 29 gen)

Quarantanovesimo giorno del #ArtsakhBlockade. L’unica soluzione corretta, giusta e pacifica è riconoscere la Repubblica di Artsakh. Nuovo appello del Papa (Korazym, 29 gen)

Nagorno Karabakh, prosegue l’aggressione dell’Azerbaigian (Monza in diretta, 29 gen)

Cinquantesimo giorno del #ArtsakhBlockade. L’Armenia afferma alla Corte Mondiale che lo scopo del blocco dell’Azerbajgian è pulizia etnica (Korazym, 30 gen)

#ArtsakhBlockade Non potete cancellarci (Korazym, 30 gen)

Conflitto Azerbaigian-Armenia, l’Europa in campo con una missione civile (The watcher post, 30 gen)

Esperti occidentali: sono passati più di 2 anni dalla seconda guerra in Karabakh e la terza potrebbe non essere lontana (Top war, 31 gen)

Cinquantunesimo giorno del #ArtsakhBlockade. L’Armenia vuole la pace. L’Azerbajgian vuole l’Artsakh e poi l’Armenia (Korazym, 31 gen)

L’insostenibile blocco del Nagorno Karabakh (Osservatorio Balcani Caucaso, 31 gen)


 

 

(30 gen) CITTADINI RUSSI LASCIANO L’ARTSAKH – Nell’ambito degli accordi raggiunti con la parte azera, ieri è stata effettuata l’evacuazione dei cittadini russi arrivati in Nagorno Karabakh per le vacanze di Capodanno secondo quanto ha riferito il canale Peacekeeper Telegram. Si tratta di 44 persone, tra cui sette figli, che avevano raggiunto il comando delle forze di pace russe di stanza a Ivanian per unirsi ai familiari in servizio.

(30 gen) PRIGIONIERI ARMENI – Rappresentanti dell’ufficio del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) hanno visitato i detenuti armeni in Azerbaigian a gennaio. Lo ha riferito Zara Amatuni, responsabile del programma di comunicazione e prevenzione dell’ufficio del CICR in Armenia, senza precisare le date delle visite. “Durante l’incontro, i detenuti hanno avuto una conversazione telefonica con i loro familiari, sono state anche trasferite lettere e video registrati”, ha aggiunto Amatuni.

(30 gen) TRANSITI VERSO ARMENIA – Con la mediazione della Croce Rossa Internazionale, 19 cittadini dell’Armenia hanno potuto oggi fare ritorno a casa. Altri passaggi, da e per l’Artsakh, sempre con la mediazione della CRI, erano avvenuti il 27 e il 20 gennaio.

(29 gen) RIATTIVATO IL GAS – Alle 10 di questa mattina (ora locale) è stata riattivata la fornitura di gas. Gli azeri hanno riaperto la valvola posizionato lungo il gasdotto nel territorio dell’Artsakh da loro occupato. Da domani, se non vi saranno ulteriori interruzioni nella fornitura, riaproino nidi, asili e scuole (superiori escluse).

(28 gen) PRIGIONIERI DI GUERRA – Sono sicuramente 33 i prigionieri di guerra armeni ancora illegalmente detenuti in Azerbaigian dalla fine del conflitto. A loro si aggiungerebbero altri 80 di cui non si hanno più notizie: potrebbero essere stati uccisi e i corpi non restituiti oppure potrebbero essere stati imprigionati ma fuori dai canali “ufficiali” di detenzione. Dunque, più di un centinaio di soldati armeni sarebbero ancora nelle mani azere a oltre due anni dalla fine del conflitto.

(28 gen) SITUAZIONE SANITARIA – Nove bambini si trovano nelle unità di terapia intensiva e neonatale dell’ospedale pediatrico in Artsakh, secondo il bollettino di sabato del governo dell’Artsakh sulle statistiche del 48° giorno del blocco da parte dell’Azerbaigian. Tredici pazienti adulti sono nel reparto di terapia intensiva e sei dei quali sono in condizioni critiche. Un totale di 174 bambini sono nati sotto il blocco. Un totale di 515 persone è stato privato dell’opportunità di ricevere le cure mediche necessarie a causa della sospensione degli interventi chirurgici programmati in tutte le strutture mediche dell’Artsakh. E 49 pazienti sono stati finora trasferiti dall’Artsakh in Armenia, con la mediazione e l’accompagnamento del Comitato Internazionale della Croce Rossa, per ricevere adeguate cure mediche.

(26 gen) RIATTIVATO IL GAS – Dopo cinque giorni di interruzione, gli azeri hanno riattivato la fornitura di gas all’Artsakh. Ieri sera è ripreso il flusso a ritmo ridotto, oggi la popolazione di Stepanakert beneficerà del gas a pieno regime.

(24 gen) FORNITURA GAS – A seguito dell’interruzione del flusso di gas dall’Armenia per il nuovo blocco operato dagli azeri dal 21 gennaio, il governo ha deciso che le scorte disponibili saranno utilizzate solo dalle strutture sanitarie e fabbriche di panificazione. Inoltre, a far data da oggi i carburanti saranno riservati ai soli veicoli di servizio.

(23 gen) MISSIONE EUROPEA IN ARMENIA – I ministri degli Affari Esteri dei Paesi membri Ue hanno stabilito oggi di istituire una missione civile dell’Unione Europea in Armenia, della durata di due anni, nell’ambito della politica di sicurezza e di difesa comune, con l’obiettivo di “contribuire alla stabilità nelle zone di confine, rafforzare la fiducia sul terreno e garantire un ambiente favorevole agli sforzi di normalizzazione” dei due Paesi caucasici.

(23 gen) ALTRI QUATTRO PAZIENTI TRASFERITI – Con la mediazione e l’accompagnamento del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR), altri quattro pazienti sono stati trasferiti dall’Artsakh all’Armenia. Durante i 43 giorni dell’attuale blocco azero dell’Artsakh, un totale di 46 pazienti medici sono stati trasferiti dall’Artsakh all’Armenia con la mediazione e l’accompagnamento del CICR.

(22 gen) NUOVA INTERRUZIONE DEL GAS – Da ieri sera l’Azerbaigian ha nuovamente bloccato l’afflusso di gas che arriva in Artsakh dall’Armenia attraverso una condotta che attraversa anche territori occupati dagli azeri.

(21 gen) LA NATO SU CORRIDOIO LACHIN – Il rappresentante speciale del Segretario generale della NATO per il Caucaso meridionale e l’Asia centrale, Javier Colomina, ha sottolineato l’importanza della libera circolazione attraverso il corridoio di Lachin, l’unica strada che collega il Nagorno Karabakh con l’Armenia, durante gli incontri a Yerevan e Baku. Ha altresì rilevato la necessità di risolvere le questioni umanitarie e riprendere i colloqui sulla normalizzazione delle relazioni.

(21 gen) SITUAZIONE SANITARIA – Otto bambini sono in terapia intensiva e quattro i neonati, si legge in un rapporto diffuso nel Bollettino ufficiale dell’Artsakh. Nel reparto di terapia intensiva sono ricoverati 12 pazienti adulti, di cui 4 in gravissime condizioni. Sotto il blocco sono già nati 154 bambini. A causa dell’annullamento delle operazioni programmate nelle istituzioni mediche sotto la giurisdizione del Ministero della Salute dell’Artsakh, 470 persone non possono ancora essere operate. Finora 36 pazienti sono stati trasportati dall’Artsakh in Armenia con la mediazione e il supporto del Comitato Internazionale della Croce Rossa per le cure appropriate.

(20 gen) PARZIALE RIATTIVAZIONE DEL GAS – Gli azeri hanno riaperto la valvola della condotta del gas ma a causa della debole pressione, la fornitura verrà ripristinata in Artsakh con alcune restrizioni. “Con lo scopo di garantire il funzionamento ininterrotto delle infrastrutture essenziali e soddisfare le esigenze minime della popolazione, il volume limitato di gas fornito sarà accessibile alle case residenziali nella città di Stepanakert, alle stazioni di servizio regionali, nonché ad alcune strutture di importanza strategica. Invitiamo la popolazione ad essere attenta e a mantenere le regole di sicurezza nell’uso del gas“, ha affermato la sede operativa di “Artsakhgas”.

(19 gen) CONDANNA DEL PARLAMENTO EUROPEO – Il parlamento europeo ha votato una risoluzione che condanna l’Azerbaigian per il blocco del corridoio di Lachin. In particolare, il documento votato deplora le tragiche conseguenze umanitarie del blocco del corridoio di Lachin ed  esorta l’Azerbaigian a rispettare e attuare la dichiarazione trilaterale del 9 novembre 2020 e a riaprire immediatamente il corridoio di Lachin per consentire la libertà di movimento e garantire l’accesso a beni e servizi essenziali, garantendo così la sicurezza nella regione e salvaguardando il sostentamento dei residenti. Inoltre, sottolinea la necessità di un accordo di pace globale, che deve garantire i diritti e la sicurezza della popolazione armena del Nagorno Karabakh e invita l’Azerbaigian a tutelare i diritti degli armeni che vivono nel Nagorno Karabakh e ad astenersi dalla sua odiosa retorica che invoca la discriminazione contro gli armeni e incoraggia gli armeni a lasciare il Nagorno-Karabakh.
La risoluzione, tra l’altro, chiede di negoziare una missione di forze internazionali di mantenimento della pace dell’OSCE, secondo un mandato delle Nazioni Unite,  esorta l’Azerbaigian a non indebolire in futuro il funzionamento dei trasporti, dell’energia e dei collegamenti di comunicazione tra l’Armenia e il Nagorno Karabakh; chiede che alle organizzazioni internazionali sia concesso un accesso senza ostacoli al Nagorno Karabakh per valutare la situazione e fornire la necessaria assistenza umanitaria- e, al tempo stesso, sollecita una missione d’inchiesta dell’ONU o dell’OSCE nel corridoio di Lachin per valutare la situazione umanitaria sul campo.

(19 gen) FERITO SOLDATO ARMENO – Un soldato della repubblica di Armenia è rimasto gravemente ferito per un colpo sparato da postazioni azere all’altezza di Yeraskh lungo il confine con il Nakhichevan

(19 gen) CONDOGLIANZE DAL PRESIDENTE – Il Presidente della Repubblica dell’Artsakh, Arayik Harutyunyan, ha espresso le sue più sentite condoglianze per la morte dei militari morti nell’incendio scoppiato nelle baracche di una compagnia di genieri delle Forze armate armene il 19 gennaio nel territorio del villaggio di Azat nella provincia di Gegharkunik. ”A nome del popolo dell’Artsakh, delle autorità e del sottoscritto, esprimo le mie condoglianze e il mio sostegno ai parenti e agli amici dei militari morti nell’incendio scoppiato nella caserma di una compagnia di ingegneri e zappatori dell’Armenian Armed Forze il 19 gennaio, nell’area del villaggio di Azat nella provincia di Gegharkunik. Auguro una pronta guarigione a tutti i feriti. In questo momento difficile, insieme ai nostri fratelli, condividiamo il dolore della perdita”, ha scritto Harutyunyan.

(19 gen) ALTRI DUE TRASFERIMENTI – Altri due pazienti sono stati trasferiti con la mediazione della Croce Rossa Internazionale in Armenia portando il numero complessivo a 36.

(18 gen) ALTRI TRASFERIMENTI – Il Comitato internazionale della Croce Rossa (ICRC) ha facilitato il trasferimento di 6 pazienti dall’Artsakh all’Armenia per cure urgenti. Al momento dieci bambini sono ricoverati in terapia intensiva e neonatale presso l’ospedale Arevik, e altri nove pazienti – di cui quattro in condizioni critiche – sono ricoverati presso il Republican Medical Center di Artsakh. Durante il blocco in corso, il CICR ha facilitato il trasferimento di un totale di 34 pazienti dall’Artsakh all’Armenia per le cure. Ieri, un malato che era stata trasferito in Armenia ha fatto rientro in Artsakh.

(17 gen) NUOVA INTERRUZIONE DEL GAS  – Gli azeri hanno nuovamente bloccato l’afflusso di gas dall’Armenia all’Artsakh chiudendo una valvola del gasdotto in un tratto sotto il loro controllo. Dalla tarda mattinata di oggi la popolazione non può più riscaldarsi, cucinare o lavarsi con acqua calda. Il ministro di Stato Vardanyan ha convocato una riunione per discutere della situazione determinata dal nuovo blocco del gas che si aggiunge a quello elettrico.

(17 gen) BABAYAN CONSIGLIERE – Davit Babayan, già ministro degli Esteri, è stato nominato consigliere del Presidente della repubblica e inviato speciale.

(16 gen) SITUAZIONE IMPRESE – Un totale di 726 imprese — il 17,7% del totale — in Artsakh ha sospeso l’attività a causa dell’impossibilità di lavorare sotto il blocco. A causa della difficile situazione economica, almeno 3.400 persone hanno inizialmente perso il lavoro e le fonti di reddito. Più di 14.000 tonnellate di beni vitali sarebbero arrivate in Artsakh se non fosse stato per il blocco; solo una piccola parte è stata consegnata dal CICR e dal contingente russo di mantenimento della pace.

(16 gen) SITUAZIONE SANITARIA – Quattordici bambini sono attualmente nelle unità di terapia intensiva e neonatale dell’ospedale pediatrico dell’Artsakh. Nove pazienti adulti sono nel reparto di terapia intensiva e cinque di loro sono in condizioni critiche. Un totale di 132 bambini è nato nelle condizioni del blocco azero dell’Artsakh in corso. A causa della sospensione degli interventi chirurgici pianificati in tutte le strutture mediche sotto il Ministero della Sanità dell’Artsakh, circa 400 residenti dell’Artsakh non possono sottoporsi a intervento chirurgico. Fino ad oggi, 28 pazienti sono stati trasferiti dall’Artsakh in Armenia, con la mediazione e l’accompagnamento del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR), per ricevere cure mediche.

(16 gen) CONSIGLIO DI SICUREZZA  – Ararat Melkumyan è stato nominato direttore del servizio di sicurezza dell’Artsakh di cui in precedenza ricopriva la carica di Segretario. Sostituisce Ashot Hakobjanyan che è andato in pensione. E Samvel Sahramanyan è stato nominato Segretario del Consiglio di sicurezza dell’Artsakh (in precedenza era vice Segretario del Consiglio di sicurezza).

(15 gen) ALTRI QUATTRO TRASFERIMENTI – Altri quattro pazienti, fra i quali una donna incinta, sono stati trasferiti dal centro medico repubblicano dell’Artsakh in vari centri specializzati dell’Armenia con la mediazione e accompagnamento del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR). Fino ad oggi, un totale di 28 pazienti sono stati trasferiti dall’Artsakh all’Armenia.

(14 gen) ALTRA CINQUE TRASFERIMENTI – Con la mediazione della Croce Rossa Internazionale altri cinque pazienti sono stati trasferiti in Armenia con un convoglio che ha oltrepassato il blocco azero.

(13 gen) PERSI 1000 POSTI DI LAVORO – A causa del blocco da parte dell’Azerbaigian del Corridoio Lachin, l’unica strada che collega l’Artsakh all’Armenia e al resto del mondo, nell’Artsakh sono stati soppressi più di 1000 posti di lavoro; le attività commerciali sono state temporaneamente chiuse. Lo ha dichiarato Mesrop Arakelyan, consigliere del ministro di Stato della Repubblica dell’Artsakh, durante una conferenza stampa. “Si prevede di fornire un certo sostegno ai settori dell’economia colpiti in modo significativo, nonché attività per riformare la struttura economica“, ha affermato.

(12 gen) INTERRUZIONE RETE INTERNET – L’operatore Karabakh Telekom informa che il cavo di connessione alla rete internet proveniente dall’Armenia è stato danneggiato dagli azeri e la connessione fissa e mobile ne risente. Vengono segnalati anche problemi nelle comunicazioni telefoniche da Artsakh verso operatori dell’Armenia.

(12 gen) ALTRA TRE TRASFERIMENTI – Con la mediazione della Croce Rossa Internazionale altri tre pazienti sono stati trasferiti in Armenia con un convoglio che ha oltrepassato il blocco azero. Undici bambini rimangono nelle unità di terapia intensiva e neonatale dell’Arevik Medical Center di Artsakh. Al Republican Medical Center, otto pazienti rimangono nell’unità di terapia intensiva e tre di loro sono in condizioni critiche. I medici stanno facendo del loro meglio per stabilizzare le loro condizioni.

(11 gen) NUOVI MINISTRI – Con rispettivi decreti del presidente della repubblica Srbuhi Arzumanyan è stato destituito dalla carica di Primo Vice Capo dell’Ufficio del Presidente della Repubblica dell’Artsakh ed è stato nominato Ministro della Giustizia della Repubblica dell’Artsakh. Aram Sargsyan è stato nominato ministro dello sviluppo urbano della Repubblica dell’Artsakh. David Babayan è stato licenziato dalla carica di ministro ad interim degli affari esteri della Repubblica dell’Artsakh e il suo posto è stato preso da Sergey Ghazaryan già rappresentante permanente della Repubblica dell’Artsakh nella Repubblica di Armenia. Armen Mangasaryan è stato nominato ministro dello sviluppo sociale e della migrazione della Repubblica dell’Artsakh. Le responsabilità del presidente del Comitato per gli affari abitativi della Repubblica dell’Artsakh (già affidate a Mangasaryan) sono state temporaneamente assegnate al vicepresidente del comitato Inna Ishkhanyan.

(11 gen) SITUAZIONE CRITICA NELLE FARMACIE – A causa della chiusura della strada interstatale Stepanakert-Goris da parte degli azeri, il bisogno di alcuni tipi di medicinali e alimenti per l’infanzia è più sentito nelle farmacie dell’Artsakh. Al momento c’è una grande richiesta di latte artificiale, pannolini per bambini e antibiotici che scarseggiano. I bambini fino a 6-7 anni hanno bisogno di antibiotici liquidi per prevenire l’emergere di processi infettivi e non ci sono affatto antibiotici liquidi. Non ci sono inoltre farmaci antipiretici per bambini della stessa fascia di età. Nella rete non ci sono né farmaci né siringhe da insulina per diabetici. E se questa situazione si protrarrà per un’altra settimana, le farmacie saranno completamente vuote.

 (10 gen) RIFORNIMENTO CIBO – A causa del blocco in atto in Azerbaigian, i negozi di alimentari che operano nella capitale dell’Artsakh, Stepanakert, e nelle regioni ricevono zucchero, olio vegetale, grano saraceno, riso e pasta provenienti dalla riserva statale. Secondo il ministro dell’Agricoltura Hrant Safaryan, questa fornitura è implementata per tutti secondo lo stesso principio e allo stesso prezzo. Le forniture avvengono per lotti di esercizi con il criterio dell’alternanza. A causa della situazione creata, è stato fissato un margine fino al 15% per tutti i prodotti ricevuti dalla riserva statale. Le imprese che hanno venduto a un prezzo più alto saranno private della fornitura di beni. Le autorità invitano la popolazione a non fare acquisti inutili e informano che per l’acquisto di determinati generi saranno distribuite tessere alla popolazione.

(10 gen) ALTRI TRE MALATI TRASFERITI – Altri tre pazienti sono stati trasferiti, sempre con convoglio della CRI, in Armenia nel trentesimo giorno di blocco della strada di Lachin.

(10 gen) SEGRETARIO NAZIONI UNITE – Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres rinnova l’appello a ridurre le tensioni e garantire libertà e sicurezza di movimento lungo il corridoio Lachin. “Il Segretario generale ha sottolineato le sue preoccupazioni per la situazione attuale nella sua dichiarazione del 14 dicembre 2022. Tali preoccupazioni sono state ribadite dal Segretariato durante la sessione del Consiglio di sicurezza di emergenza richiesta dall’Armenia il 20 dicembre 2022. Il Segretario generale ribadisce i suoi appelli a ridurre le tensioni e garantire libertà e sicurezza di movimento lungo il corridoio, in linea con gli accordi precedentemente raggiunti ed esprime il suo sostegno agli sforzi di mediazione in corso. Le squadre nazionali delle Nazioni Unite in Armenia e Azerbaigian continuano a mantenere canali aperti con le autorità e i partner internazionali sul campo e sono pronte a rispondere se richiesto e se le condizioni lo consentono”, ha detto alla stampa armena il portavoce del segretario generale Stéphane Dujarric quando gli è stato chiesto di commentare sul blocco azero in corso del corridoio Lachin.

(9 gen) EMERGENZA NEVE – A causa del blocco azero non è possibile effettuare lavori di spazzamento neve sulla statale Stepanakert-Goris dopo la abbondante nevicata delle ultime ore e pertanto il tratto dalla capitale a Lisagor è di difficile percorrenza. Interventi di spazzaneve sono stati eseguite sulle principali strade del Paese e la mobilità pubblica dovrebbe essere ripristinata da domani.

(9 gen) INTERRUZIONE ELETTRICA – Intorno alle 14:35, si è verificato un guasto (sabotaggio azero’) al 33° km dell’unica linea ad alta tensione 110 kV Goris-Stepanakert che alimenta l’Artsakh dall’Armenia. ”Secondo i dati registrati dall’apparecchiatura, l’incidente è avvenuto nel tratto Aghavno-Berdzor. A causa della posizione distruttiva della parte azera, è attualmente impossibile effettuare un sopralluogo e organizzare lavori di ripristino di emergenza nella suddetta sezione, quindi è stata presa la decisione di fornire elettricità alla repubblica attraverso centrali elettriche locali con le opportune restrizioni. In base alla situazione, a partire dal 10 gennaio nella repubblica è in corso di attuazione il blackout progressivo, di cui è possibile essere regolarmente informati sul sito Web “Artsakhenergo” CJSC (artsakhenergo.am) e sulla pagina Facebook (https://www.facebook.com/ profile.php?id= 100088251438925), nonché da annunci pubblici di TV e radio. Per evitare possibili ulteriori interruzioni, si prega di utilizzare l’elettricità il più parsimoniosamente possibile”, si legge nella dichiarazione dell’azienda elettrica.

(9 gen) SOLDATI INVECE DI ATTIVISTI – Con il brusco calo della temperatura (finita a meno 10) la quasi totalità degli “attivisti” che stanno bloccando il corridoio di Lachin se ne è tornata a casa a Baku. Al loro posto ci rimasti i soldati dell’Azerbaigian in palese violazione dell’accordo del novembre 2020.

(7 gen) CONSIGLIO DI SICUREZZA – Vitaly Balasanyan è stato destituito dalla carica di Segretario del Consiglio di Sicurezza Nazionale e al suo posto è stato nominato Ararat Melkumyan, già Primo vicedirettore del Servizio stesso.

(7 gen) TRASFERIMENTO MALATI  – Tre pazienti, fra i quali un bambino di due mesi, sono stati trasferiti con un convoglio della Croce Rossa Internazionale in strutture specializzate dell’Armenia. Secondo quanto diramato dal ministero della Salute, tredici bambini sono nelle unità di terapia intensiva e neonatale dell’ospedale di Arevik e altrettanti adulti sono nell’unità di terapia intensiva del Republican Medical Center (sei di loro sono in condizioni critiche). I medici stanno facendo del loro meglio per stabilizzare le loro condizioni. Tutte le operazioni chirurgiche programmate continuano a essere sospese.

(6 gen) SPARI CONTRO TRATTORE NEI CAMPI – Nel primo pomeriggio da una postazione azera sono stati sparati colpi contro un agricoltore che stava lavorando nei campi nei pressi del villaggio di Hatsi nella regione di Martuni. L’uomo non è stato ferito ma è stato colpito il trattore.

(6 gen) RICONOSCIMENTO ARTSAKH – L’ombudsman dell’Artsakh, Gegham Stepanyan, ha invitato tutti i Paesi che hanno riconosciuto il genocidio armeno a riconoscere formalmente la repubblica di Artsakh.

(6 gen) NATALE ARMENO – Il presidente della Repubblica dell’Artsakh Arayik Harutyunyan insieme al secondo e terzo presidente Arkadi Ghukasyan e Bako Sahakyan, funzionari delle strutture legislative ed esecutive della repubblica, hanno partecipato alla Divina Liturgia servita dal Primate della Diocesi dell’Artsakh della Chiesa Apostolica Armena Sua Grazia il Vescovo Vrtanes Abrahamyan dedicato alla Santa Natività e Teofania di Gesù Cristo tenutosi nella Cattedrale della Santa Madre di Dio a Stepanakert.

(5 gen) AIUTO INTERNAZIONALE – Fin dal primo giorno del blocco illegale del corridoio di Lachin da parte dell’Azerbaigian, il Ministero degli Affari Esteri dell’Armenia e le istituzioni statali competenti sono costantemente in contatto con varie organizzazioni internazionali per affrontare le questioni derivanti dalla crisi umanitaria nel Nagorno Karabakh (Artsakh). Lo ha annunciato il segretario stampa del ministero, Vahan Hunanyan, in risposta all’osservazione che negli ultimi giorni diversi rappresentanti della società civile stanno sollecitando il governo armeno a rivolgersi al Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite per fornire assistenza agli armeni dell’Artsakh.

(5 gen) APPELLO A COPRESIDENTI MINSK – I membri del parlamento dell’Artsakh (Nagorno Karabakh), guidati dal presidente del parlamento Arthur Tovmasyan, hanno fatto appello ai leader dei paesi copresidenti del gruppo di Minsk dell’OSCE: il presidente russo Vladimir Putin, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente francese Emmanuel Macron affinché prendano concretezza azioni in direzione dell’apertura del Corridoio Lachin o del lancio dell’aeroporto di Stepanakert.

(5 gen) NESSUNA TRATTATIVA – Il ministro di Stato dell’Artsakh, Vardanyan, in una conferenza stampa ha affermato che a oggi non sono in corso trattative per la riapertura della strada. “L’Azerbaigian ha avanzato richieste, abbiamo risposto e annunciato che siamo pronti a ricevere i migliori esperti mondiali nel campo della protezione ambientale, non vediamo un problema in questo; ma non c’è risposta. Ora ci troviamo in una situazione in cui i negoziati non sono condotti”, ha detto. Alla domanda se l’Azerbaigian ha altre richieste oltre al monitoraggio nelle miniere di Artsakh, Vardanyan ha risposto: “Vogliono sorvegliare la strada [Lachin], il che è inaccettabile per noi. Il documento del 9 novembre [, 2020] scrive molto chiaramente che noi deve avere una strada aperta sulla quale possiamo viaggiare liberamente senza chiedere a nessuno il diritto [di farlo].”

(4 gen) ALTRI DUE MALATI TRASFERITI – Due pazienti che erano sottoposti a trattamenti medici specialistici presso l’ospedale di Stepanakert sono stati trasferiti in Armenia con un convoglio della Croce Rossa Internazionale che ha superato il blocco azero.

(3 gen) INTERRUZIONI CORRENTE – In serata in molte regioni dell’Artsakh vi sono state interruzioni di corrente elettrica e conseguenti blackout.

(3 gen) RIUNIONE OPERATIVA – La centrale operativa per la crisi, sotto la presidenza del Ministro di Stato Vardanyan si è riunita per fare il punto sulla situazione dei beni di prima necessità che orami scarseggiano nei negozi. È stato deciso che in modo proporzionale si attingerà a riserve statali che verranno distribuite nei negozi per la vendita. Vardanyan ha sottolineato l’importanza di un contatto diretto con la popolazione e ha invitato tutti i parlamentari a tenere riunioni nei loro distretti elettorali per spigare la situazione.

(1 gen) MESSAGGIO DI FINE ANNO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA – “Cari connazionali, diamo il benvenuto all’anno 2023 in circostanze straordinarie. Oltre alle numerose aggressioni e provocazioni compiute dall’Azerbaigian nei confronti della popolazione civile dell’Artsakh durante tutto l’anno uscente, il 12 dicembre, l’Azerbaigian ha bloccato il corridoio Lachin, l’unica strada che collega l’Artsakh all’Armenia, creando nuove sfide per noi. Sulla strada per superare le varie difficoltà e prove, il nostro popolo è diventato più forte e resistente, riaffermando ancora una volta la sua incrollabile volontà e determinazione di vivere e creare liberamente e indipendentemente sul suolo nativo. Nel corso dei secoli e soprattutto negli ultimi decenni la nostra gente ha ripetutamente affrontato tali difficoltà, ma è riuscita a superare le sfide attraverso una lotta risoluta e consolidata. Pertanto, sono fiducioso che andremo incontro con onore anche a questa crisi.
Cari amici, In questo giorno di festa, voglio ringraziarvi per sostenervi a vicenda e aver accettato con dignità le sfide del momento. Molte delle nostre famiglie si sono separate in questo Capodanno. Voglio scusarmi soprattutto con quei bambini lontani dai genitori, per l’ancora inefficienza dei nostri sforzi per far aprire la strada della vita dell’Artsakh.
Ricordiamo e rendiamo omaggio alla memoria dei devoti della Patria. Il modo migliore per onorare la loro memoria è mantenere l’Artsakh armeno, vivere e lottare in Artsakh. Mi raccomando, vivendo in questo accogliente angolo della Patria e superando eroicamente le difficoltà emergenti, ognuno di noi sta compiendo una missione importante a modo suo per amore dell’esistenza del popolo armeno e del suo futuro.
Voglio esprimere la mia sentita gratitudine alle nostre sorelle e fratelli in Madre Armenia e nella Diaspora, a tutti coloro che sono con noi, al nostro fianco, offrendo sostegno e assistenza all’Artsakh in questi giorni difficili.Pace, prosperità, determinazione, fede e speranza a tutti noi! Felice anno nuovo e buon Natale!