Luglio 2021

(23 lug 21) RITROVATI ALTRI RESTI – I resti di quattro soldati armeni sono stati ritrovati nella zona di Varanda (Fizuli), ora sotto occupazione azera, nel corso delle odierne operazioni di ricerca. Il totale dei ritrovamenti ammonta a 1615 dalla fine della guerra.

(23 lug 21) AGGIORNAMENTO COVID – Ieri su 33 test condotti non è stato rilevato alcun caso di positività al Covid 19 in Artsakh.

(23 lug 21) IN AUMENTO I MATRIMONI – Nella prima metà del 2021, ad Artsakh sono stati registrati 715 matrimoni e 94 divorzi. Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, il numero dei matrimoni è aumentato di 607

(23 lug 21) ALTRI PRIGIONIERI CONDANNATI – Al termine di un altro processo farsa, altri tredici soldati armeni sono stati condannati a sei anni di reclusione. Ieri un altro procedimento giudiziario sempre con tredici imputati era terminato con analoga condanna. I tredici condannati oggi sono Rafik Karapetyan, Gurgen Goloyan, Hrayr Tadevosyan, Vagharshak Maloyan, Sasun Yeghiazaryan, Arsen Vardanyan, Vahag Bahrikyan, Sedrak Soghomonyan, Armen Dilanyan, Manuk Martonyan, Mels Anbardanyan, Andranik Mikayelyan e Feliks Grigoryan.

(22 lug 21) CONDANNATI PRIGIONIERI ARMENI – Al termine di un progetto farsa tredici prigionieri di guerra armeni sono stati condannati dal tribunale di Baku a sei anni di prigione. I militari condannati alla reclusione sono Haykaz Hovhannisyan, Varazdat Manukyan, Davit Stepanyan, Levon Tosunyan, Artur Baghdasaryan, Serob Avagyan, Varazdat Harutyunyan, Zhora Manukyan, Hrayr Gerabyan, Narek Gasparyan, Grigor Kyurerargyan e Martin Ashot. Scontata la reclusione saranno espulsi dall’Azerbaigian

(22 lug 21) AZERI FERITI PER MINA – Due lavoratori azeri impegnati in opere di costruzione sono rimasti leggermente feriti per lo scoppio di una mina in una area della regione di Askeran sotto occupazione dell’Azerbaigian. Sono stati portati in ospedale.

(22 lug 21) SACERDOTI ARMENI FUORI DA DADIVANK – Già da tre mesi l’Azerbaigian vieta ai sacerdoti armeni di entrare nel monastero di Dadivank. Gli azeri non li lasciano nemmeno entrare nei locali del complesso monastico. Il monastero di Dadivank è il luogo designato per il servizio permanente per sei sacerdoti armeni. Nonostante i problemi con le condizioni di vita nel monastero, i sacerdoti armeni hanno continuato il loro servizio, ma da maggio non possono entrare o uscire dal monastero. “Il monastero di Dadivank è in condizioni che non sono come le condizioni di qualsiasi altro monastero della Santa Chiesa Apostolica Armena. C’è un divieto di ingresso o uscita. Gli azeri stanno deliberatamente creando una situazione per non consentire l’ingresso dei sacerdoti armeni”, ha affermato padre Nerses Harutyunyan. . Ora i sacerdoti del monastero di Dadivank sono al monastero di Gandzasar. La parte russa sta negoziando con gli azeri per far entrare i sacerdoti nel monastero di Dadivank.

(21 lug 21) COMMENTO RUSSO A MEDIAZIONE FRANCIA – Il portavoce del presidente russo Vladimir Putin, Dmitry Peskov, ha affermato che la Russia è pronta ad accogliere gli sforzi di mediazione della Francia nei colloqui del Nagorno-Karabakh [(Artsakh)] se questi sforzi contribuiscono all’attuazione degli accordi raggiunti. “Se gli sforzi di mediazione portano stabilità, pace, prevedibilità, aiutano ad attuare gli accordi esistenti, allora [essi] possono solo essere accolti”, ha detto Peskov, quando gli è stato chiesto come reagisce la Russia al fatto che la Francia avrebbe espresso la sua intenzione di entrare nel formato di Colloqui Russia-Armenia-Azerbaigian, anche in qualità di mediatore. La Francia, insieme alla Russia e agli Stati Uniti, è un paese co-presidente del Gruppo OSCE di Minsk che lavora per trovare una soluzione al conflitto di Artsakh.

(20 lug 21) SCONTRO A FUOCO – Un prolungato scontro a fuoco è avvenuto nella serata di ieri alla frontiera tra Armenia e Azerbaigian (Nakhchivan) all’altezza del villaggio di Yeraskh (provincia di Ararat) a seguito di un tentativo dei soldati azeri di avanzare le proprie posizioni lungo la linea di confine. I soldati dell’Azerbaigian hanno anche sparato colpi di mortaio. Il sindaco del villaggio è rimasto ferito ed è stato trasportato in ospedale a Yerevan dove è stato operato. Nella stessa zona, in data 14 luglio, un soldato armeno era rimasto mortalmente colpito dal fuoco nemico.

(19 lug 21) RITROVATO UN CORPO A STEPANAKERT – Il cadavere di un cittadino di Stepanakert è stato rinvenuto questo pomeriggio in un’area vicino a una chiesa situata in una delle strade locali. E’ stato attivato il Servizio di emergenza. A un primo esame l’uomo presenta lividi e sanguinamenti in varie parti.

(17 lug 21) AGGIORNAMENTO COVID – Dall’inizio della pandemia sono stati registrati 2925 casi su un totale di 27632 test. Al momento figurano sette pazienti in trattamento. Ieri su 130 test sono risultati cinque casi positivi.

(17 lug 21) SFOLLATI DELL’ARTSAKH – Al 1° luglio 2021, risultano 21.615 persone o 5.448 famiglie che risiedevano in Artsakh e sono state sfollate come conseguenza della guerra e della perdita dei territori conquistati dagli azeri. Delle 21.615 persone, il 68,7% vive nelle province dell’Armenia mentre il 31,3% vive nella capitale Yerevan. Lo riferisce la sede operativa del governo dell’Artsakh in Armenia che da mesi organizza incontri con le famiglie per cercare di organizzare il rientro in patria.

(17 lug 21) ONORIFICENZA POSTUMA – Con una decisione del presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan, il capitano Artur Aghasyan dell’Esercito di difesa dell’Artsakh è stato insignito del più alto titolo di “Eroe dell’Artsakh” per i suoi eccezionali servizi resi all’Artsakh, e per il suo coraggio nella difesa e la sicurezza della Patria. Oltre ad Artur, la famiglia Aghasyan che vive nella città di Artsakh di Martuni ha perso anche un altro figlio, Arsen, nell’ultima guerra.

(16 lug 21) NUOVE UNITA’ AZERE – Il Ministero della Difesa dell’Azerbaigian ha annunciato la creazione di una nuova unità militare nella regione di Aghdam, ora occupata a seguito dell’aggressione militare azera contro Artsakh (Nagorno-Karabakh). Si noti che la costruzione di nuove unità militari azere continua come previsto anche in altri territori occupati. All’inizio di giugno sono state aperte ad Aghdam due nuove unità militari dell’esercito azero.

(16 lug 21) NUOVE COSTRUZIONI RESIDENZIALI – Il presidente della repubblica Harutyunyan ha confermato di aver firmato il provvedimento del governo che dà avvio a un intenso programma di ricostruzione residenziale. Il progetto prevede 1200 nuovi appartamenti a Stepanakert più un altro migliaio da acquistare sul libero mercato immobiliare della capitale, venti nuovi insediamenti abitativi in zone rurali con quasi 2300 abitazioni a servizio di 36 comunità sfollate oltre a un altro migliaio di case da ristrutturare in zone rurali. Diversi lavori sono già partiti da alcune settimane.

(16 lug 21) SPARI AZERI DA SHUSHI – Residenti nel distretto di Armenavan (Stepanakert) hanno confermato che oggi intorno alle 17 la parte azera ha sparato brevemente 4-5 colpi di fucile senza procurare danni o feriti. Le autorità dell’Artsakh hanno confermato la notizia e allertato le forze di pace russe. Continuano le provocazioni azere mirate a terrorizzare i residenti armeni lungo la linea di contatto.

(16 lug 21) STRADA PER SHUSHI – I media azeri informano che procedono spediti i lavori per la costruzione dell superstrada per la località occupata dell’Artsakh e sono iniziate opere di ingegneria riguardanti ponti e tunnel con lavori di scavo già avanzati. Il percorso sarà lungo 84,600 km partendo da Ahmadbeyli (in Azerbaigian) via Fizuli (Varanda).

(14 lug 21) PRIGIONIERI ARMENI – Funzionari della Croce Rossa Internazionale hanno visitato a Baku un numero imprecisato (non sono state fornite specifiche informazioni al riguardo) di prigionieri armeni catturati dall’Azerbaigian. Secondo *il governo azero sono 45 gli armeni detenuti (e sotto processo) ma si sospetta che possano essere di più.

(14 lug 21) SMENTITE DICHIARAZIONI AZERE – L’Esercito di difesa dell’Artsakh ha rilasciato una nota con la quale smentisce la dichiarazione rilasciata dal Ministero della Difesa dell’Azerbaigian secondo il quale le unità dell’Esercito di difesa dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh) avrebbero aperto il fuoco, con mitragliatrici e fucili, sulle postazioni azere alla periferia della città di Shushi martedì. Il comunicato aggiunge che le unità d’avanguardia difensive dell’Artsakh aderendo agli accordi raggiunti, continuano ad aderire al cessate il fuoco, e non ricorrono ad azioni destabilizzanti della situazione.

(14 lug 21) RITROVATI ALTRI RESTI – Continua a crescere il numero dei resti umani rinvenuti nelle zone dell’Artsakh ora sotto controllo azero. Nelle ultime ore alla lista si sono aggiunti sette ritrovamenti. Tre nella zona di Mataghis e quattro in quella di Martuni. Alcuni effetti personali hanno permesso di accertare che uno dei corpi ritrovati nella zona di Mataghis appartiene all’eroe della Guerra dei quattro giorni Artur Aghasyan riconosciuto proprio dalla sua onorificenza della Croce di combattimento. Nei mesi scorsi, nella stessa zona, era stato ritrovato anche il fratello. La contabilità dei ritrovamenti ha raggiunto quota 1.611.

(14 lug 21) CADUTI AZERI– L’Azerbaigian ha aggiornato la lista dei suoi caduti in guerra portando il numero totale a 2.907 con sette scomparsi.

(13 lug 21) STEPANAKERT CONDANNA TOUR AZERO A SHUSHI – Il ministero degli Esteri dell’Artsakh ha rilasciato un comunicato con il quale condanna duramente l’iniziativa azera di organizzare a Shushi un tour per delegazioni diplomatiche accreditate in Azerbaigian. Qui la nota tradotta in italiano.

(12 lug 21) PROCESSO FARSA RINVIATO – Uno dei processi farsa allestiti dal regime azero contro i prigionieri di guerra è proseguito con un’udienza odierna conclusasi con un rinvio al 26 luglio. I soldati armeni a processo sono: Rafik Karapetyan, Gurgen Golayan, Hrayr Tadevosyan, Vagharshak Maloyan, Sasun Yeghiazaryan, Arsen Vardanyan, Vachagan Bahrikyan, Sedrak Soghomonyan, Armen Dilanyan, Manuk Martoyan, Mels Anbardanyan, Andranik Mikayelyan e Feliks Grigoryan

(11 lug 21) ANCORA RITROVAMENTI – Altri tre resti umani sono stati rinvenuti nei territorio occupato di Hadrut. Il bilancio dei ritrovamenti sale a 1604.

(9 lug 21) INCONTRO PASHINYAN E HARUTYUNYAN – Il presidente della repubblica dell’Artsakh ha incontrato il Primo ministro armeno a Yerevan. Pashinyan ha sottolineato che il riconoscimento dello status dell’Artsakh è una priorità.

(9 lug 21) ALTRI RESTI RINVENUTI – Le ricerche condotte nella zona di Hdrut hanno portato al rinvenimento dei resti di altri tre combattenti armeni la cui identità dovrà essere accertata tramite esame autoptico. Il totale dei corpi trovati sale a 1601.

(9 lug 21) TOUR DI DIPLOMATICI IN ARTSAKH – Le autorità dell’Azerbaigian hanno portato delegazioni di diplomatici stranieri in una visita nei territori occupati dell’Artsakh che si concluderà domani a Shushi. Intanto è stato annunciata l’apertura di due nuove unità militari nella regione di Karvachar e a Sanasar (Kashatagh).

(8 lug 21) NUOVI RESTI RINVENUTI – Le ricerche condotte nella zona di Varanda e Jrakan (regione occupata di Hadrut) hanno portato al rinvenimento dei resti di altri due combattenti armeni la cui identità dovrà essere accertata tramite esame autoptico. Il totale dei corpi trovati sale a 1598.

(8 lug 21) DIGITALIZZAZIONE IN ARTSAKH – Il presidente di Artsakh Arayik Harutyunyan ha firmato un decreto in base al quale è stato istituito un Consiglio per la digitalizzazione per promuovere la digitalizzazione e la valorizzazione delle competenze digitali della pubblica amministrazione e dei sistemi di autogoverno locale e dell’economia ad Artsakh. Come riportato dall’ufficio stampa del presidente dell’Artsakh, il decreto presidenziale ha approvato anche il regolamento interno ei membri del Consiglio per la digitalizzazione, che sarà guidato dal ministro di Stato Artak Beglaryan. Con un altro decreto presidenziale è stata creata un’unità separata “Agenzia per la digitalizzazione” dello Staff del Presidente dell’Artsakh.

(7 lug 21) AGGIORNAMENTO COVID – Dall’inizio della pandemia sono stati registrati 2910 casi su un totale di 27197 test. Al moemnto figurano sette pazienti in trattamento.

(7 lug 21) AMMINISTRAZIONE TERRITORIALE AZERA – La distribuzione amministrativo-territoriale in Azerbaigian è cambiata in base alle regioni economiche dopo che il Presidente dell’Azerbaigian ha firmato oggi un decreto. Questo è ciò che il turcologo Varuzhan Geghamyan ha scritto oggi sulla sua pagina Facebook, aggiungendo quanto segue: “Con la nuova decisione, le regioni di Artsakh (ad eccezione di Kashatagh e Karvachar) faranno parte di una regione separata. Per quanto riguarda le regioni di Kashatagh e Karvachar, sono state incorporate nella regione economica “Eastern Zangezur”. Il nome “Eastern Zangezur” è molto eloquente, e credo si possa intuire che se c’è “Eastern Zangezur”, allora c’è anche “Western Zangezur”, con cui i nostri vicini immaginano la provincia di Syunik (a livello politico e sociale). L’Azerbaigian e la Turchia stanno lavorando costantemente per conquistare la provincia di Syunik

(7 lug 21) BILANCIO DI GUERRA – Secondo i dati ottenuti a seguito del lavoro di accertamento dei fatti avviato dall’Ombudsman per i diritti umani dell’Artsakh (Gegham Stepanyan), 750 cittadini della Repubblica di Artsakh sono stati uccisi a seguito dell’aggressione azerbaigiana, 81 dei quali sono civili, 42 sono stati uccisi a seguito di attacchi a lungo raggio da parte delle forze armate azere, e 39 sono stati uccisi durante la prigionia azera, o almeno sotto controllo. “163 civili sono rimasti feriti. Non abbiamo al momento il numero esatto dei militari feriti. Secondo i dati confermati, 83 persone della Repubblica di Artsakh sono considerate disperse, 23 delle quali sono civili. 23 persone su 103 catturate e rimpatriate dalla prigionia [dell’Azerbaigian] sono cittadini della Repubblica dell’Artsakh”, ha aggiunto in particolare l’Ombudsman per i diritti umani dell’Artsakh.

(6 lug 21) SOSTEGNI PER DANNI DI GUERRA – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha convocato un’ampia consultazione di lavoro, durante la quale è stata approvata la procedura per il sostegno finanziario statale a persone fisiche e giuridiche che hanno subito danni materiali a causa delle ostilità. Harutyunyan ha chiarito, tuttavia, che coloro che non hanno partecipato alla mobilitazione non possono beneficiare di questo programma statale. Inoltre, ha riflettuto sui funzionari dell’Artsakh e sui loro figli che hanno evitato di prendere parte alla difesa della patria e ha affermato che il governo non considera opportuno il loro ulteriore incarico nelle istituzioni pubbliche.

(6 lug 21) SCONTRO A FUOCO TRA ARMENI E AZERI – Secondo fonti armene si è abuto uno scontro a fuoco lungo la linea di contatto tr armeni e azeri all’altezza del villaggio di Verin Shorza (provincia di Gegharkunik in Armenia), Si registrano due feriti tra gli azeri e uno tra gli armeni che accusano l’Azerbaigian di aver aperto il fuoco.

(3 lug 21) SCAMBIO PRIGIONIERI CON MAPPE – L’Azerbaigian ha rilasciato quindici prigionieri armeni che sono atterrati ieri sera a Yerevan. L’Armenia ha consegnato le mappe dei campoi minati difensivi delle aree di Varanda (Fuzuli) e Zangilan. L’iniziativa è stata portata a termine con la mediazione russa.

(3 lug 21) CONDANNATI PRIGIONIERI ARMENI A BAKU – Si è concluso uno dei processi farsa a Baku contro quattordici prigionieri armeni. Due di loro, Gegham Serbian e Hrach Avagyan, sono stati condannati a quattro anni di reclusione mentre gli altri dodici si sono visti infliggere una pena di sei mesi per la ridicola accusa di “ingresso illegale in Azerbaigian”. Inizialmente erano stati tutti accusati di “terrorismo”. Teoricamente, considerato che sono già stati nelle galere di Baku per almeno otto mesi, i dodici dovrebbero essere rilasciati tutti. Altri due processi sono parallelamente in corso.

(3 lug 21) NUOVI RESTI RINVENUTI – Le ricerche condotte nella zona di Varanda e Jrakan (regione occupata di Hadrut) hanno portato al rinvenimento dei resti di altri quattro combattenti armeni la cui identità dovrà essere accertata tramite esame autoptico. Il totale dei corpi trovati sale a 1595.

( 3 lug 21) ARAM I E PAPA FRANCESCO – Il Catholicos della Grande Casa di Cilicia, Sua Santità Aram I ha discusso con Papa Francesco durante il recente incontro dei leader religiosi cristiani del Libano in Vaticano, delle conseguenze della guerra di Artsakh del 2020 e della questione dei prigionieri di guerra armeni, ancora detenuti illegalmente in Azerbaigian. Il Catholicos Aram I ha ricordato che l’atteggiamento illegale dell’Azerbaigian nei confronti dei prigionieri di guerra armeni è contrario al diritto internazionale, ha ringraziato Papa Francesco per aver toccato la questione dei prigionieri di guerra armeni e ha chiesto di fare nuovamente riferimento a questo problema, se possibile, contribuendo così al ritorno dei prigionieri stessi.

(2 lug 21) APPELLO OMBUDSMAN ALLA POPOLAZIONE – Per impedire la diffusione dei nuovi atti delle autorità azere per provocare il panico, il difensore dei diritti umani dell’Armenia Arman Tatoyan ha scritto sulla sua pagina Facebook invitando gli armeni dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh) a rimuovere o bloccare numeri di telefono, indirizzi e altri dati personali sui social network. “Esorto gli armeni di Artsakh a non rispondere a nessuna telefonata sospetta tramite i social network. Le autorità azere hanno iniziato a commettere nuovi atti per terrorizzare la pacifica popolazione di Artsakh e provocare il panico“. Da alcune settimane molti residenti dell’Artsakh ricevono telefonate sospette da turchi e azeri che li minacciano o li invitano a vendere subito le loro proprietà.

(1 lug 21) ALTRI RITROVAMENTI – I resti di altri due corpi di soldati armeni caduti in battglia sono stati ritrovati dalle squadre di ricerca impegnate nella regione di Hadrut ora sotto controllo azero. Il numero totale dei ritrovamenti sale a 1590.

(1 lug 21) RISERVE IDRICHE – L’Artsakh sta progettando di costruire alcuni serbatoi e bacini idrici secondo quanto riferisce il ministro di Stato dell’Artsakh Artak Beglaryan, che ha inoltre precisato saranno prese decisioni relative ai problemi dell’acqua potabile in tutte le comunità della repubblicaper migliorare la qualità dell’acqua anche a Stepanakert. Secondo Beglaryan, l’infrastruttura distrutta dal nemico è stata quasi completamente restaurata durante i mesi successivi alla guerra così come anche l’alimentazione è stata ripristinata. Intanto oggi il segretario del Consiglio di sicurezza dell’Artsakh Vitaly Balasanyan ha tenuto un incontro di lavoro con i rappresentanti degli organi statali competenti e ha discusso questioni relative all’approvvigionamento idrico ed elettrico negli insediamenti di Artsakh. Balasanyan ha dato incarico di esplorare le opportunità per migliorare la situazione attuale nei settori menzionati e adottare misure appropriate in brevi periodi.

(1 lug 21) PROCESSI AI PRIGIONIERI – Mentre continuano i processi farsa ai prigionieri armeni a Baku, dall’Azerbaigian fanno sapere che la proposta della Camera penale dell’Armenia di difendere i connazionali in Azerbaigian non può essere accettata in quanto non sussiste alcun protocollo al riguardo firmato dai due Stati.

(1 lug 21) PASSAGGI AZERI – Tra pochi mesi, la parte azera non utilizzerà affatto la strada Karmir Shuka-Shushi. Lo ha detto oggi il ministro di Stato dell’Artsakh, Artak Beglaryan, secondo il quale sono in corso ulteriori lavori in questo senso. “Si sta lavorando anche per aumentare la sicurezza stradale; si installa l’illuminazione, si rafforza il controllo“, ha affermato. Il funzionario dell’Artsakh ha informato che gli azeri si comportano in modo rude, insultando spesso gli armeni. “Ci sono state molte segnalazioni al riguardo, anche da parte delle forze di pace russe. Anche le nostre forze armate attuano misure precauzionali di cui non si dice nulla; questo è di grande importanza“, ha aggiunto Beglaryan.