I PROFUGHI ARMENI DALL’AZERBAIGIAN ABBANDONATI DALLA COMUNITA’ INTERNAZIONALE

In un’intervista al quotidiano “Free Artsakh” il ministro degli Affari esteri Masis Mayilian fa il punto sull’attuale situazione dei 400.000 profughi armeni scappati dall’Azerbaigian negli anni del conflitto e abbandonati dalla comunità internazionale.

Signor Mayilian, l’Azerbaigian ha sempre usato la questione dei rifugiati come strumento di pressione politica. Baku continua a esagerare con ostinazione la questione dei territori “occupati” da armeni e  dei “milioni” di rifugiati. Nel corso degli anni ci sono state tendopoli a Imishli e Barda. Quali misure intraprendono le autorità dell’ Artsakh per risolvere il problema dei profughi armeni?

La questione dei rifugiati e degli sfollati interni (IDP) è uno dei problemi chiave nel processo di risoluzione del conflitto in Azerbaigian-Karabakh. Va notato che questo problema si è verificato in conseguenza della politica distruttiva dell’Azerbaigian diretta alla soppressione forzata della realizzazione del diritto all’autodeterminazione da parte della popolazione armena dell’Artsakh. Ciò è molto importante in considerazione sia della responsabilità per la situazione attuale sia della metodologia di risoluzione della questione dei rifugiati e degli sfollati. È ovvio che, in primo luogo, è necessario eliminare l’origine del conflitto e solo dopo questo per iniziare ad eliminare le sue conseguenze.

Le autorità di Artsakh e Azerbaigian hanno approcci radicalmente opposti alla questione dei rifugiati e degli sfollati. Mentre Baku considerava la questione dei rifugiati e degli sfollati principalmente come uno strumento per ottenere dividendi politici o di propaganda, l’Artsakh percepiva il problema dei rifugiati come umanitario e tentava di alleviare la situazione dei rifugiati e degli sfollati durante tutto il conflitto. A differenza dell’Azerbaigian ricco di petrolio, l’Artsakh non ha creato ostentate tendopoli per i rifugiati e non ha politicizzato la questione. L’Artsakh ha aiutato questa categoria di vittime del conflitto con condizioni di vita minime sotto un tetto. Ad oggi, il nostro Stato, senza alcun sostegno internazionale, continua a costruire case per i rifugiati e gli sfollati che sono tornati nei loro ex luoghi di residenza liberati dall’occupazione. In particolare, una delle questioni prioritarie nel programma del Presidente della Repubblica dell’Artsakh Bako Sahakyan per il periodo 2017-2020 sta risolvendo i problemi sociali dei rifugiati armeni dall’Azerbaigian che hanno trovato rifugio in Artsakh.

La questione dei profughi armeni dall’Azerbaigian è costantemente al centro dell’attenzione delle autorità della Repubblica di Artsakh. Inoltre, la protezione dei loro diritti e interessi è sancita nei programmi annuali del governo della Repubblica di Artsakh come una delle direzioni importanti della politica estera della Repubblica.

Ha sottolineato esattamente “senza alcun sostegno internazionale”. I profughi armeni dell’Azerbaigian non hanno uno status internazionale e non beneficiano di alcun programma internazionale, a differenza dei rifugiati azerbaigiani. I diritti dei rifugiati armeni dall’Azerbaigian sono completamente ignorati dalle strutture internazionali. Ciò è motivato a causa dello status non riconosciuto della Repubblica di Artsakh. Ma qual è la differenza per i rifugiati di vivere in un Paese riconosciuto o non riconosciuto? Il fatto è che esistono, e il fatto è che i loro diritti sono stati gravemente violati dall’Azerbaigian: sono stati perseguitati per motivi etnici e religiosi e le loro vite erano a rischio …

Sicuramente, la situazione in cui i profughi e gli sfollati che vivono in Artsakh sono completamente dimenticati dalle organizzazioni internazionali specializzate è estremamente anormale e oltraggiosa. Crediamo che privare queste persone di protezione e supporto internazionali sia una violazione dei loro diritti fondamentali. Abbiamo ripetutamente portato questa posizione all’attenzione dei rappresentanti di organizzazioni internazionali.

Nel recente incontro con il Presidente in carica dell’OSCE, il ministro degli Esteri slovacco Miroslav Lajcak, ho notato che, nel caso dell’Artsakh, l’OSCE non dovrebbe limitarsi unicamente al processo di risoluzione, lasciando la dimensione umana senza un’adeguata attenzione. In particolare, durante la riunione ho sottolineato che il processo di risoluzione del conflitto dell’Azerbaigian-Karabakh dura da oltre 27 anni e questo fatto impone all’OSCE alcuni obblighi giacché, a causa del conflitto instabile e dei tentativi in ​​corso da parte di Baku di isolare l’Artsakh, le persone che vivono nella Repubblica, compresi rifugiati e sfollati interni, sono limitate nell’esercizio dei loro diritti e delle loro libertà fondamentali.

Ultimamente, sono stati compiuti alcuni progressi sulla questione dei rifugiati in Artsakh. Ad esempio, recentemente a Yerevan, il capo dell’Artsakh Union of Armenian Refugees dall’Azerbaigian ha avuto l’opportunità di informare il Presidente in carica dell’OSCE sui problemi di questa categoria di persone. So che questa è la Sua iniziativa. Può raccontarci brevemente l’essenza dell’incontro.

Sarasar Saryan ha informato il Presidente in carica dell’OSCE Miroslav Lajchak sulla situazione dei rifugiati armeni in Artsakh. Ha notato che fino a 30mila rifugiati armeni vivono nella Repubblica di Artsakh, che essi sono privati ​​del sostegno e dell’assistenza internazionale anche a causa della posizione delle autorità dell’Azerbaigian che ostacolano la visita delle organizzazioni internazionali specializzate in Artsakh. Sarasar Saryan ha invitato il Presidente dell’OSCE in carica a visitare l’Artsakh per conoscere immediatamente la situazione dei profughi armeni in Artsakh.

Pensa che cambierà l’approccio delle strutture internazionali alla questione dei profughi armeni dall’Azerbaigian che vivono in Artsakh? Possiamo sperare che i nostri rifugiati acquisiscano uno status internazionale, potranno beneficiare di alcuni programmi umanitari internazionali e così via?

Non credo che ciò accadrà presto, ma il nostro Ministero sta facendo tutto per questo, e una vivida conferma di ciò è stato l’incontro avviato da noi tra il capo dell’Artsakh dell’Unione dei rifugiati armeni dell’Azerbaigian e il presidente dell’Osce in carica. Spero che la voce del rappresentante dei profughi armeni dall’Azerbaigian sia stata ascoltata.  Inoltre, abbiamo stabilito contatti con organizzazioni analoghe dell’Armenia.

Per quanto riguarda il processo di negoziazione sulla soluzione del conflitto Azerbaigian-Karabakh. Sappiamo che il Primo Ministro dell’Armenia Nikol Pashinyan ha proposto di riportare il Nagorno Karabakh al tavolo dei negoziati, che il Presidente dell’Azerbaigian categoricamente respinge o stabilisce le condizioni come quella che in questo caso anche la cosiddetta comunità azera del Nagorno-Karabakh dovrebbe partecipare …

Innanzi tutto, va notato che la questione del ripristino del formato trilaterale dei negoziati è l’indicatore più accurato del grado di preparazione del governo di Baku ai reali progressi nel processo di risoluzione pacifica del conflitto azerbaigiano-karabakhiano. Questa convinzione si basa sul fatto indiscutibile che il formato di negoziazione trilaterale era il più produttivo. Di conseguenza, l’opposizione al ripristino del formato più efficace dei negoziati, riteniamo, significa ritardare artificialmente il processo di risoluzione.

Sembra che le autorità di Baku cerchino di trasformare i negoziati in un processo senza fine, sperando che possa aiutare a rinviare l’inevitabile riconoscimento della Repubblica di Artsakh come Stato indipendente della comunità internazionale. A tal fine, le autorità azerbaigiane cercano di distorcere l’essenza del conflitto in ogni modo possibile e di presentarlo come territoriale o intercomunale. Di fatto, i rifugiati azerbaigiani dell’Artsakh sono diventati uno strumento per l’Azerbaigian per raggiungere i propri obiettivi di politica estera.

Il 16 dicembre 2005, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato i Principi di base e le linee guida sul diritto alla protezione legale e al rimborso delle vittime di gravi violazioni delle norme internazionali sui diritti umani e gravi violazioni del diritto internazionale umanitario.

La questione dei rifugiati e degli sfollati interni non avrà un contenuto specifico fino alla risposta alla domanda principale – sulla responsabilità delle parti di coloro che, a seguito del conflitto, hanno perso il diritto di vivere e svilupparsi liberamente nella loro patria – viene data.

La RSS azerbaigiana, in quanto promotrice dell’esodo forzato di massa dei suoi cittadini armeni, ha chiaramente dimostrato la sua posizione in relazione a questa categoria di persone. Né l’ex repubblica sovietica azera né l’attuale Repubblica azerbaigiana hanno preso provvedimenti per il riconoscimento dei loro obblighi politici e legali nei confronti dei loro ex cittadini o hanno assunto qualsiasi responsabilità morale o finanziaria per le loro azioni. Nessuno degli oltre 400mila profughi armeni dell’Azerbaigian, avendo lasciato questo paese sotto la minaccia diretta della propria vita, ha ricevuto un rimborso per le proprie perdite materiali, patrimoniali e morali.

Secondo i Principi e le linee guida di base sul diritto alla protezione legale e al rimborso delle vittime di gravi violazioni delle norme internazionali sui diritti umani e gravi violazioni del diritto internazionale umanitario, le vittime di tali violazioni dovrebbero ricevere un rimborso completo ed efficace, compresa la restituzione, il risarcimento , riabilitazione, soddisfazione e garanzie di non ripetizione di quanto accaduto. Il rimborso dovrebbe essere fornito per ogni danno economicamente valutabile nei modi prescritti e adeguatamente alla gravità della violazione.

[traduzione redazionale dall’inglese]

Incontro a Vienna tra Pashinyan e Aliyev

Il Primo ministro dell’Armenia, Nikol Pashinyan, e il Presidente dell’Azerbaigian, Ilham Aliyev, si sono incontrati a Vienna per iniziativa del gruppo di Minsk dell’Osce.

Dopo gli incontri “informali” di Dushambe, San Pietroburgo e Davos avvenuti nei mesi scontri si tratta del primo meeting ufficiale tra il leader armeno e quello azero.

L’evento, tenutosi all’hotel Bristol della capitale austriaca e iniziato alle ore 11 locali, si è articolato in due parti: un primo incontro allargato ai ministri degli Esteri dei due Paesi (Mnatsakanyan e Mammadyarov) e ai co-presidenti del Gruppo di Minsk. Dopo una breve interruzione Pashinyan e Aliyev hanno avuto un incontro privato a porte chiuse durato quasi due ore al termine del quale sono rientrati nella sala anche i rispettivi ministri degli Affari esteri.

Complessivamente il meeting è durato tre ore e un quarto. Al momento l’Osce non ha ancora diramato un comunicato ufficiale né trapelano indiscrezioni sul contenuto dei colloqui.

Uscendo dalla sala al termine del colloquio, in risposta alla domanda di un giornalista, il premier armeno ha definito l’incontro “normale”.

«Lungo, saturo, efficace» questo è il modo in cui il co-presidente del gruppo di Minsk Stefan Visconti (Francia) ha descritto la riunione di Pashinyan-Aliyev durante un briefing con giornalisti che fanno parte della delegazione del primo ministro Nikol Pashinyan a Vienna.

COMUNICATO STAMPA GRUPPO DI MINSK DELL’OSCE

Vienna, 29 marzo 2019 – Il Presidente della Repubblica dell’Azerbaigian Ilham Aliyev e il Primo Ministro della Repubblica di Armenia Nikol Pashinyan si sono incontrati oggi a Vienna per la prima volta sotto l’egida dei Co-presidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE (Igor Popov della Federazione Russa, Stéphane Visconti di Francia, e Andrew Schofer degli Stati Uniti d’America). All’incontro hanno partecipato anche i ministri degli Esteri Zohrab Mnatsakanyan e Elmar Mammadyarov. Anche Andrzej Kasprzyk, il rappresentante personale del Presidente in esercizio dell’OSCE, ha partecipato all’incontro. L’incontro si è svolto in un’atmosfera positiva e costruttiva e ha offerto ai due leader l’opportunità di chiarire le rispettive posizioni. Si sono scambiati opinioni su diverse questioni chiave del processo di risoluzione e idee di sostanza. I due leader hanno sottolineato l’importanza di costruire un ambiente favorevole alla pace e di intraprendere ulteriori passi concreti e concreti nel processo negoziale per trovare una soluzione pacifica al conflitto. Ricordando la loro conversazione a Dushanbe, i leader hanno raccomandato di rafforzare il cessate il fuoco e migliorare il meccanismo di comunicazione diretta. Hanno anche concordato di sviluppare una serie di misure nel campo umanitario. Il primo ministro e il presidente hanno incaricato i loro ministri di incontrarsi nuovamente con i co-presidenti nel prossimo futuro. Hanno anche accettato di continuare il loro dialogo diretto.

Cedere territori è una via diretta alla distruzione del sistema di sicurezza non solo dell’Artsakh, ma anche dell’Armenia

Il ministro degli Affari esteri della repubblica di Artsakh (Nagorno Karabakh), Masis Mayilian, nel corso di una intervista all’agenzia di stampa russa ‘Regnum’ precisa la posizione riguardo a una ipotizzata cessione di territori all’Azerbaigian. Si tratta di interessanti puntualizzazioni che ben chiariscono i termini della questione negoziale.

Signor Ministro, dopo il cambio di potere a Yerevan, le consultazioni tra Armenia e Azerbaigian per una soluzione sul Karabakh si sono acuite intensamente (noi diciamo “consultazioni”, perché i veri negoziati, quando anche il Nagorno Karabakh ha partecipato ad essi, sono cessati nel 1997). Come spiegherebbe l’intensificazione di queste consultazioni?

Dopo che il nuovo governo è salito al potere nella Repubblica di Armenia, mantenere la dinamica degli incontri e delle consultazioni è stato di una certa importanza sia per la parte armena che per i co-presidenti del gruppo di Minsk dell’OSCE, anche dal punto di vista della dimostrazione del rispetto degli accordi concordati e del formato di mediazione. L’indubbia intensificazione degli incontri tra Yerevan e Baku è condizionata dal desiderio delle parti di familiarizzare con i rispettivi approcci riguardanti la soluzione pacifica del conflitto azerbaigiano-karabaco.

Le riunioni dei ministri degli Esteri si sono svolte sotto la mediazione dei co-presidenti del gruppo di Minsk dell’OSCE. I contatti al più alto livello si sono svolti senza la partecipazione di mediatori ai margini di vari forum internazionali e sono stati informali. Come è noto, si sta pianificando la prima riunione del Primo Ministro dell’Armenia e del Presidente dell’Azerbaigian sotto la mediazione dei Co-presidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE.

Credo che un’artificiosa intensificazione delle consultazioni a priori non possa essere fruttuosa. Apparentemente, anche le parti lo capiscono. Ad esempio, a febbraio, i ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian hanno partecipato alla Conferenza di sicurezza di Monaco, ma non hanno pianificato di tenere una nuova riunione in quel forum.

Il Primo Ministro dell’Armenia ha insistito sulla necessità di coinvolgere la Repubblica del Nagorno Karabakh nei negoziati con l’Azerbaigian. Come vede esattamente la procedura e il tema della partecipazione della NKR ai negoziati?

Prima di tutto, va notato che Yerevan e Stepanakert hanno lo stesso approccio al ripristino del formato trilaterale dei negoziati. Allo stesso tempo, parlando del ritorno della Repubblica di Artsakh al tavolo dei negoziati, partiamo dalla necessità di realizzare reali progressi nel processo di risoluzione del conflitto Azerbaigian-Karabakh. Ci sono tutti i prerequisiti necessari per il ripristino dei negoziati trilaterali. Innanzitutto, dopo una lunga discussione sul formato dei negoziati, ancora nel 1993, la CSCE / OSCE arrivò al convincimento della necessità della partecipazione del Nagorno Karabakh come terza parte in tutte le fasi del processo di pace. Successivamente, questa tesi è stata riflessa nel Sommario di Praga dal Presidente in esercizio dell’OSCE del 31 marzo 1995. Il formato trilaterale stesso è stato approvato in precedenza dalla decisione del Vertice di Budapest dell’OSCE del 1994, basato sul consenso. In secondo luogo, come il tempo mostrava, il formato trilaterale era stato il più efficiente e produttivo. Fu in questo formato che l’unico risultato tangibile fu raggiunto nel processo di definizione – la conclusione sotto la mediazione russa dell’accordo trilaterale del 12 maggio 1994 – del cessate il fuoco e la cessazione di tutte le ostilità.

La formula per il successo del formato di negoziazione trilaterale è piuttosto semplice: ciascuna delle parti ha direttamente rappresentato i propri interessi e discusso le questioni di sua competenza.

La procedura per la partecipazione della Repubblica di Artsakh ai negoziati può essere basata su questa formula. Come il Primo Ministro dell’Armenia Nikol Pashinyan ha ripetutamente affermato, Yerevan non intende impostare la partecipazione di Stepanakert al processo negoziale come una condizione preliminare, ma allo stesso tempo condurrà negoziati solo per proprio conto. Ciò significa che le questioni nell’ambito della competenza esclusiva e dei poteri delle autorità della Repubblica di Artsakh non possono essere discusse nel formato bilaterale Yerevan-Baku. Tale approccio è oggettivo e, crediamo, può fungere da meccanismo per il ritorno dell’Artsakh al tavolo negoziale.

La stragrande maggioranza dei progetti per la risoluzione del conflitto del Karabakh propone di ridurre il territorio della repubblica del Nagorno Karabakh al territorio dell’Oblast autonoma del Nagorno Karabakh. Cosa ne pensa di queste idee?

Poiché il conflitto Azerbaigian-Karabakh non è una disputa territoriale, la ricerca di possibili modi per risolvere il problema sulla base di concessioni territoriali è senza speranza e non riflette l’essenza del conflitto.

Il fatto che nel 1988, quando iniziò una nuova fase del conflitto, i territori attorno all’ex oblast (NKAO) e persino una delle regioni amministrative della regione autonoma fossero sotto il controllo di Baku, indica che questo conflitto non è una disputa territoriale. Cioè, il conflitto si è verificato nonostante il fatto che questi territori fossero controllati dalla parte azera. Pertanto, è illogico credere che le concessioni territoriali di Artsakh possano portare alla risoluzione del conflitto. Va inoltre considerato che tali proposte riguardano direttamente la questione della sicurezza, che è una delle “linee rosse” per l’Artsakh nel processo di risoluzione del conflitto con l’Azerbaigian.

Cedere i territori è una via diretta alla distruzione del sistema di sicurezza non solo dell’Artsakh, ma anche della Repubblica di Armenia, e minaccerà l’esistenza stessa della popolazione indigena nella sua patria storica. In altre parole, questo problema ha un significato esistenziale per noi. Le dichiarazioni del presidente dell’Azerbaigian dimostrano che l’obiettivo strategico ufficiale di Baku è quello di catturare non solo l’Artsakh, ma anche la regione di Syunik in Armenia e persino la capitale dell’Armenia, Yerevan. Dovremmo prendere sul serio le dichiarazioni del presidente e del comandante supremo delle forze armate dell’Azerbaigian e non facilitare il suo percorso verso il loro obiettivo strategico. Al contrario, è necessario continuare a prendere misure militari e politico-diplomatiche per scoraggiare le intenzioni aggressive ed espansionistiche della leadership del paese vicino.

Da rammentare che la leadership della Repubblica di Artsakh ha ripetutamente affermato l’impossibilità e l’inammissibilità di tornare al passato in termini di entrambi i temi: lo status e i territori.

Inoltre, il 15 luglio 2009, dopo che gli approcci dei mediatori all’accordo sul conflitto tra l’Azerbaigian e il Karabakh sono stati resi pubblici, il ministero degli Affari esteri della Repubblica di Artsakh ha rilasciato una dichiarazione sulla necessità di riavviare il processo negoziale falsato al fine di far tornare l’autorità di Stepanakert al tavolo dei negoziati come parte a pieno titolo e per trasformare i principi di base della risoluzione. Questa posizione della Repubblica di Artsakh rimane invariata.

Va inoltre notato che nella suddetta dichiarazione, il ministero degli Esteri dell’Artsakh ha sottolineato che i tentativi di riportare l’Artsakh al passato non sono solo controproducenti, ma sono anche carichi di una nuova escalation del conflitto.

(traduzione redazionale a cura di Karabakh.it)

A proposito di formati negoziali

Il 9 marzo, i co-presidenti del gruppo di Minsk dell’OSCE hanno rilasciato una dichiarazione che esorta le parti ad astenersi dall’esigere modifiche unilaterali al formato dei negoziati senza il consenso dell’altra parte.

In precedenza, il 6 marzo, il ministero degli Esteri dell’Azerbaigian aveva formulato un commento sull’impossibilità di modificare il formato del negoziato approvato dalla decisione di Helsinki del Consiglio ministeriale dell’OSCE del 1992, senza raggiungere il consenso degli Stati partecipanti all’OSCE. Inoltre, secondo il governo di Baku, “la decisione prevede che l’Armenia e l’Azerbaigian agiscano come parti del conflitto, mentre le comunità armene e azerbaigiane del Nagorno Karabakh lo fanno come parti interessate“.

Non è la prima volta che il ministero degli Affari Esteri dell’Azerbaigian dimostra una mancanza di memoria istituzionale e completa ignoranza del processo di risoluzione pacifica del conflitto Azerbaigian-Karabakh, così come i documenti adottati all’interno di questo quadro.

Innanzitutto, la decisione del 24 marzo 1992 della Riunione aggiuntiva di Helsinki della CSCE non menziona alcuna comunità. Il documento elenca le parti interessate “elette e altri rappresentanti del Nagorno Karabakh“.

In secondo luogo, la questione del formato e dello status delle parti in negoziazione è stata oggetto di lunghe discussioni che hanno attraversato un certo percorso di sviluppo. Già nel 1993, nei documenti discussi nell’ambito del processo di Minsk, il Nagorno Karabakh era indicato come una parte piena del conflitto. La chiarezza finale su questo tema è stata introdotta al vertice CSCE / OSCE a Budapest nel 1994. Secondo il documento conclusivo del Vertice, le parti in conflitto sono quelle che hanno confermato il cessate il fuoco concordato il 12 maggio 1994. L’accordo sul pieno il cessate il fuoco e la cessazione delle ostilità sono state concluse tra il Nagorno Karabakh, l’Azerbaigian e l’Armenia. Il 26-27 luglio 1994, il Nagorno Karabakh, l’Azerbaigian e l’Armenia hanno firmato un accordo aggiuntivo, in cui hanno confermato “i loro impegni per il cessate il fuoco fino alla conclusione di un ampio accordo politico“.

Dopo il Vertice di Budapest, in risposta ai tentativi della parte azerbaigiana di speculare ancora sul tema delle parti in conflitto, il Presidente in esercizio dell’OSCE, il ministro degli Esteri ungherese László Kovács ha rilasciato una dichiarazione speciale alla riunione del Senior Council dell’OSCE a Praga il 31 marzo 1995, in cui ha “confermato le precedenti decisioni dell’OSCE sullo status delle parti, ossia la partecipazione delle due parti dello Stato al conflitto e dell’altra parte in conflitto (Nagorno Karabakh) nell’intero processo di negoziazione, compreso nella conferenza di Minsk “.

Il riepilogo del Presidente in esercizio dell’OSCE di Praga è molto chiaro e non lascia spazio a interpretazioni arbitrarie e tendenziose da parte dell’Azerbaigian sulle decisioni dell’OSCE in merito al formato del negoziato.

 Le autorità sia della Repubblica di Artsakh che della Repubblica di Armenia non sollevano la questione della creazione di un nuovo formato di negoziazioni non concordato.

Si tratta infatti di ripristinare il vero e proprio formato negoziale come stabilito nella decisione del Vertice di Budapest dell’OSCE del 1994. Tale decisione è stata approvata per consenso dai capi di Stato e di governo degli Stati partecipanti all’OSCE, tra cui l’Azerbaigian e i Paesi co-presidenti del gruppo di Minsk .

Abbiamo ripetutamente sottolineato che la questione del ripristino del formato trilaterale dei negoziati è una sorta di cartina di tornasole, a dimostrazione del grado di preparazione per i reali progressi nella soluzione pacifica del conflitto azerbaigiano-karabakho. L’opposizione al ripristino del formato negoziale più efficace può essere interpretata come un impegno a favore del mantenimento dello status quo.

È deplorevole che i copresidenti del gruppo di Minsk dell’OSCE non mostrino il dovuto principio di ripristino del formato del negoziato trilaterale coerente con la decisione dell’organo più alto dell’OSCE.

Dello stesso avviso anche il ministro degli Esteri dell’Armenia il quale ha confermato che « non faremo nulla che possa portare a uno stallo [delle trattative, NdR] perché rimaniamo impegnati nella soluzione pacifica del processo. Questa è una questione molto importante e passeremo decisamente in questa direzione. Questa è una questione di principio per accettare che il Nagorno Karabakh abbia una voce e un impegno decisivi. Questo non è qualcosa di nuovo, ma in linea con questo, per lavorare efficacemente alla promozione del processo negoziale, dobbiamo accettare praticamente che sia necessaria l’espressione di questa voce e impegno decisivo. Oggi stiamo negoziando sia con il Nagorno Karabakh che con l’Azerbaigian all’interno dei gruppi del Gruppo di Minsk dell’OSCE. Questa non è una condizione preliminare e vogliamo continuare a discutere e trovare le soluzioni ai problemi».

IL COMUNICATO STAMPA DEL GRUPPO DI MINSK DELL’OSCE

MOSCA / PARIGI / WASHINGTON DC, 9 marzo 2019 – Nella loro dichiarazione del 1 marzo, i Co-presidenti del Gruppo OSCE di Minsk (Igor Popov della Federazione russa, Stephane Visconti di Francia e Andrew Schofer degli Stati Uniti d’America) hanno accolto favorevolmente il l’impegno del Presidente azero Ilham Aliyev e del Primo ministro armeno Nikol Pashinyan a riunirsi presto sotto l’egida dei Co-presidenti. I co-presidenti, lavorando a stretto contatto con i due ministri degli esteri, stanno organizzando i preparativi per questo importante incontro dei leader, che rappresenterà il primo contatto diretto tra i due leader sotto gli auspici dei co-presidenti.

I co-presidenti sottolineano l’importanza di mantenere un ambiente favorevole a discussioni produttive e continuano a valutare positivamente la recente mancanza di vittime in prima linea. I co-presidenti accolgono inoltre alcuni primi passi nella regione per preparare le popolazioni alla pace e incoraggiare le parti a intensificare tali sforzi. Allo stesso tempo, i co-presidenti ribadiscono l’importanza fondamentale di ridurre le tensioni e ridurre al minimo la retorica infiammatoria. In questo contesto, i co-presidenti sollecitano le parti ad astenersi da dichiarazioni e azioni che suggeriscano cambiamenti significativi della situazione sul terreno, pregiudichino il risultato o stabiliscano le condizioni per futuri colloqui, richiedendo modifiche unilaterali al formato senza l’accordo dell’altra parte, o indicando la disponibilità a rinnovare le ostilità attive.

Con riferimento ad alcune recenti dichiarazioni pubbliche contraddittorie sulla sostanza del processo del gruppo di Minsk, i co-presidenti ribadiscono che una soluzione equa e duratura deve essere basata sui principi fondamentali dell’Atto finale di Helsinki, in particolare il non uso o la minaccia di forza, integrità territoriale e pari diritti e autodeterminazione dei popoli. Dovrebbe inoltre includere elementi aggiuntivi come proposto dai presidenti dei Paesi co-presidenti nel 2009-2012, tra cui: il ritorno dei territori circostanti il ​​Nagorno Karabakh al controllo azerbaigiano; uno status provvisorio per il Nagorno Karabakh che fornisce garanzie per la sicurezza e l’autogoverno; un corridoio che collega l’Armenia al Nagorno Karabakh; futura determinazione dello status giuridico finale del Nagorno Karabakh attraverso un’espressione di volontà legalmente vincolante; il diritto di tutti gli sfollati e rifugiati di tornare nei loro precedenti luoghi di residenza; e garanzie di sicurezza internazionale che includano un’operazione di mantenimento della pace.

I copresidenti sottolineano il loro punto di vista secondo cui questi principi e questi elementi devono essere il fondamento di qualsiasi soluzione equa e duratura al conflitto e dovrebbero essere concepiti come un insieme integrato. Qualsiasi tentativo di mettere alcuni principi o elementi su altri renderebbe impossibile raggiungere una soluzione equilibrata.

I copresidenti sono pronti a incontrare i leader e i ministri degli esteri dell’Armenia e dell’Azerbaigian in qualsiasi momento e invitano i leader a riprendere i negoziati in buona fede il prima possibile. Il dialogo continuo e diretto tra Baku e Yerevan, condotto sotto l’egida dei copresidenti, rimane un elemento essenziale per rafforzare la fiducia e promuovere il processo di pace. I copresidenti continueranno inoltre a discutere, se del caso, le questioni pertinenti con le parti interessate direttamente interessate dal conflitto, riconoscendo che le loro opinioni e preoccupazioni devono essere prese in considerazione per il successo di qualsiasi soluzione negoziata.

I copresidenti sottolineano che rimangono pienamente impegnati, conformemente al loro mandato, ad aiutare le parti a trovare una soluzione pacifica al conflitto. I copresidenti esprimono inoltre il loro pieno sostegno al lavoro di monitoraggio imparziale e critico intrapreso dal rappresentante personale del Presidente in esercizio dell’OSCE e dal suo gruppo.

UN NOSTRO COMMENTO

Abbiamo più volte ribadito che un accordo di pace non potrà che essere una soluzione di compromesso. Se tale deve essere, è condizione sine qua non la sicurezza dell’Artsakh non venga in alcun modo messa in discussione al pari del suo pieno diritto all’autodeterminazione. Un Nagorno Karabakh (Artsakh) quasi interamente circondato dagli azeri non può soddisfare tale condizione.

Sempre più turisti stranieri in Artsakh

Il Ministero della Cultura, della Gioventù e del Turismo della Repubblica di Artsakh ha comunicato che nel corso del 2018 sono stati 28.588 i visitatori stranieri con un aumento del 23% rispetto all’anno precedente.

Vale la pena di sottolineare che i cittadini stranieri che hanno visitato l’Artsakh erano provenienti da 87 diversi Paesi del mondo (Italia compresa).
Fra questi, 112 turisti erano provenienti da Israele, registrando un indice senza precedenti.

«I turisti preferiscono principalmente le località di Stepanakert, Shushi, Tigranakert, Dadivank, Gandzasar e la grotta di Azokh» ha dichiarato il ministro Sargsyan e ha aggiunto che i cittadini stranieri ricevono informazioni su Artsakh dai centri di informazione turistica della capitale, Shushi, Tigranakert e Tsazkashat.

Contro l’odio l’unica arma è il ricordo

Quindici anni fa veniva brutalmente assassinato da un azero Gurgen Margaryan.

Era la notte del 19 febbraio 2004, a Budapest. L’ufficiale armeno stava dormendo nella sua stanza, divisa con un collega ungherese, dopo una giornata trascorsa a seguire i lavori di un seminario della Nato denominato “Partnership for peace”.

L’ufficiale azero Ramil Safarov quel giorno però aveva le idee ben chiare. Accecato dall’odio contro il ‘nemico’ armeno, dopo la cena si era recato in un negozio e aveva acquistato un’ascia. Con quell’arma era entrato nella stanza e aveva ripetutamente colpito Margaryan che stava dormendo. La brutalità e il numero di colpi inferti avevano di fatto decapitato il povero soldato armeno.

Poi ancora in preda al suo furore aveva tentato invano di entrare nell’alloggio di un altro ufficiale armeno e ripetere la macabra esecuzione ma, scattato l’allarme, altri soldati lo avevano bloccato.

Fu condannato all’ergastolo sia in primo grado che in appello. Ma nel 2012 un vergognoso patto di sangue tra il governo ungherese e quello azero aveva posto fine alla sua pena.

Il presidente dell’Azerbaigian, Aliyev, si era infatti  recato in visita ufficiale a Budapest. Pare che in cambio dell’acquisto di bond ungheresi per svariati miliardi abbia barattato l’estradizione del connazionale che infatti, poche settimane dopo, venne rispedito a Baku.

Lì avrebbe dovuto continuare a espiare la sua pena ma sbarcato dall’aereo fu accolto come un eroe nazionale: mazzo di fiori appena sceso dalla scaletta, promozione al grado superiore, anni di stipendio arretrati e una nuova casa. Il feroce assassino venne portato in trionfo per le strade della capitale azera.

Contro questa cultura dell’odio possiamo solo rispondere con un commosso ricordo del sacrificio di Gurgen Margaryan.

Che riposi in pace e che la sua orribile morte non sia stata vana.

Se la buona volontà è solo di una parte…

Le autorità dell’Artsakh hanno rilasciato un cittadino azero ma Baku non dimostra alcuna buona volontà.

Nei giorni scorsi il governo dell’Artsakh (Nagorno Karabakh) ha rilasciato un cittadino azero, tale Elnur Huseynzade, che era stato condannato a due anni di reclusione nel 2017 per ingresso illegale nel territorio dello Stato. Faceva parte di un drappello di soldati dell’Azerbaigian che aveva tentato una sortita all’altezza del villaggio di Talish approfittando di una fitta nebbia presente nella zona.

Già a dicembre, Stepanakert aveva dato disponibilità a rilasciare il condannato in anticipo rispetto alla scadenza dei termini ma non aveva ricevuto alcun risposta dalla controparte. Il 2 febbraio Huseynzade ha terminato la sua detenzione nelle celle di custodia della Polizia dell’Artsakh e ha manifestato la propria volontà di essere consegnato a un Paese terzo e non al suo.

L’Azerbaigian, lungi dal voler apprezzare il gesto di buona volontà, si è invece rivolto all’Armenia chiedendo il rilascio di altri due prigionieri.

Prima di tutto, va notato che l’appello dell’Azerbaigian alla Repubblica di Armenia è insostenibile. Per quanto riguarda la questione dei criminali azerbaigiani condannati ad Artsakh, il governo di Baku dovrebbe eventualmente appellarsi direttamente a quello di Stepanakert.

Allo stesso tempo, il Ministero degli Esteri della Repubblica di Artsakh ha invitato la controparte a fare un passo in avanti e liberare gli ostaggi armeni detenuti in Azerbaigian, in primo luogo quelli che evidentemente avevano problemi di salute. L’Azerbaigian ha respinto la proposta, dimostrando una totale mancanza di rispetto per il destino dei suoi cittadini e una totale ignoranza dei suoi impegni ai sensi del diritto umanitario internazionale.

In realtà, quello a cui mira il regime di Aliyev è la liberazione di Dilham Askerov e Shahbaz Guliyev, due criminali che sono stati giudicati colpevoli di rapimento e uccisione di un ragazzo minorenne, basato sull’odio nazionale, oltre a una serie di altri crimini commessi nel territorio della Repubblica di Artsakh.

Pretendere la liberazione di questi due delinquenti (che una volta in patria verrebbero glorificati come accaduto in passato con il boia Safarov) è una follia che va oltre ogni norma di diritto.

Reciproche comprensioni …

Le dichiarazioni del ministro degli Esteri azero a commento dell’incontro a Milano dell’Osce e i commenti di Armenia e Artsakh. Un bluff o una svolta nel negoziato?

Le parole di Elmar Mammadyarov concernenti l’incontro avuto con il collega armeno Mnatsakanyan a Milano lo scorso 6 dicembre nell’ambito della riunione del Gruppo di Minsk dell’Osce sono state riprese e analizzate in queste ultime ore con viva attenzione dalla stampa armena.

Commentando quell’appuntamento, secondo l’agenzia di stampa azera “Trend”, Mammadyarov avrebbe sottolineato la necessità di un impegno reciproco delle parti per il raggiungimento di un risultato finale, dichiarando altresì che «durante l’incontro con il mio omologo armeno a Milano abbiamo raggiunto una comprensione reciproca per la prima volta in assoluto, qualcosa che non siamo riusciti a gestire così per tanto tempo. Cercheremo modi per risolvere questo conflitto».

 Una dichiarazione che, ovviamente, non poteva lasciare indifferenti. Che cosa si cela dietro l’espressione “reciproca comprensione“, due parole che nel linguaggio diplomatico possono voler dire tutto e il contrario di tutto?

Il leader armeno Nikol Pashinyan si è affrettato a smentire sostanzialmente le parole del capo della diplomazia azera affermando che sul Nagorno Karabakh non vi sono novità particolari. Il ministero degli Esteri di Yerevan ha minimizzato la portata della dichiarazione: la portavoce Naghdalyan ha sottolineato l’importanza della dichiarazione a firma congiunta al termine dei lavori milanesi e ha dichiarato che «il mantenimento di toni non conflittuali e non ostili nelle dichiarazioni pubbliche riguardo a situazioni così complesse è già un buon risultato».

Dall’Artsakh, il portavoce presidenziale Davit Babayan ha ricordato come Stepanakert abbia sempre affermato di accogliere con favore gli incontri tra i rappresentanti dell’Armenia e dell’Azerbaigian nel quadro del processo di risoluzione del conflitto e sotto l’egida del Gruppo di Minsk dell’OSCE. Ed ha ipotizzato che forse gli azeri hanno realizzato la necessità della partecipazione del Karabakh ai colloqui di pace.

«Riteniamo che ogni incontro sia un contributo unico al processo – ha osservato Babayan. Per quanto riguarda la dichiarazione di Mammadyarov, possiamo presumere che, prima di tutto, si tratta del fatto che Baku ha finalmente compreso la necessità di sostenere il precetto di una soluzione pacifica al conflitto. In secondo luogo, l’Azerbaigian è sulla buona strada per accettare la necessità della partecipazione di Stepanakert al processo di negoziazione. Se esiste un accordo corrispondente e l’accettazione di tale necessità da parte dell’Azerbaigian, allora si può parlare di una nuova qualità del processo di negoziazione».

LA DICHIARAZIONE DEL GRUPPO DI MINSK DELL’OSCE

MILANO, Italia, 6 dicembre 2018 – In occasione della riunione del Consiglio dei ministri dell’OSCE a Milano, i Paesi copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE (Federazione Russa, Stati Uniti d’America e Francia) e il Ministro degli Esteri dell’Azerbaigian Elmar Mammadyarov e il ministro degli Esteri sostituto dell’Armenia, Zohrab Mnatsakanyan, hanno accettato di continuare a lavorare per una soluzione pacifica equa e duratura del conflitto del Nagorno Karabakh.

I Paesi copresidenti hanno accolto con favore la significativa diminuzione,  seguito della conversazione dei leader di Armenia e Azerbaigian a margine del vertice del Commonwealth degli Stati indipendenti a Dushanbe in settembre, delle violazioni del cessate il fuoco e delle vittime denunciate. Hanno fatto appello alle parti affinché continuino ad attuare le intese raggiunte e ad adottare misure concrete per preparare le loro popolazioni alla pace. I Paesi copresidenti hanno espresso la speranza che un intenso dialogo ad alto livello orientato ai risultati tra i leader dell’Azerbaigian e dell’Armenia finalizzato a promuovere una soluzione giusta e duratura del conflitto possa riprendere nel prossimo futuro.

Il ministro degli Esteri dell’Azerbaigian e il ministro degli esteri facente funzione dell’Armenia hanno riaffermato il loro impegno a lavorare intensamente per promuovere una risoluzione pacifica del conflitto e ridurre ulteriormente le tensioni. Hanno concordato di incontrarsi di nuovo all’inizio del 2019 sotto l’egida dei Copresidenti del gruppo di Minsk dell’OSCE a tale scopo e al fine di facilitare colloqui di alto livello. Hanno riconosciuto il forte impegno e gli sforzi di mediazione in buona fede resi dai Paesi copresidenti, nonché le attività del Rappresentante personale del Presidente in esercizio dell’OSCE.