Articoli

Dieci anni dopo, giustizia per Manuel

Sono passati quasi dieci anni ma Manuel Saribekyan ha avuto giustizia. La Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) ha condannato all’unanimità l’Azerbaigian per la morte del ventenne del villaggio di Ttujur (Armenia nord orientale).

La corte ha dichiarato all’unanimità che ci sono state violazioni dell’articolo 2 (diritto alla vita) e dell’articolo 3 (divieto di tortura e maltrattamenti) della Convenzione europea sui diritti umani.
 
La corte ha riscontrato in particolare che i richiedenti Mamikon Saribekyan e Siranush Balyan (genitori del ragazzo) avevano sporto una istanza denunciando il fatto che il loro figlio, Manvel Saribekyan, era morto a seguito delle azioni violente di altri, in particolare del personale del dipartimento di polizia militare di Baku, dove si trovava in custodia. Gli esponenti rifiutavano di accettare come veritiera la versione degli eventi delle autorità azere secondo le quali il giovane si era tolto la vita da solo impiccandosi.
 
La CEDU ha obbligato l’Azerbaigian a pagare congiuntamente ai ricorrenti 60.000 euro per danni non patrimoniali e 2.200 euro per costi e spese.
 
Manvel Saribekyan, 20 anni, residente nel villaggio armeno di Ttujur (prossimo al confine con l’Azerbaigian), si era inavvertitamente smarrito nel territorio azero a causa delle cattive condizioni meteorologiche (fitta nebbia) l’11 settembre 2010. Fu catturato dagli azeri e tradotto a Baku. E’ morto in una cella della polizia militare il 5 ottobre 2010, venti giorni dopo la cattura.

Fu torturato e ucciso.

(nella foto il giovane fotografato “in posa” dalle autorità azere con il volto tumefatto, forse già senza vita; poco dopo sarà trovato “suicidato”)

A proposito di formati negoziali

Il 9 marzo, i co-presidenti del gruppo di Minsk dell’OSCE hanno rilasciato una dichiarazione che esorta le parti ad astenersi dall’esigere modifiche unilaterali al formato dei negoziati senza il consenso dell’altra parte.

In precedenza, il 6 marzo, il ministero degli Esteri dell’Azerbaigian aveva formulato un commento sull’impossibilità di modificare il formato del negoziato approvato dalla decisione di Helsinki del Consiglio ministeriale dell’OSCE del 1992, senza raggiungere il consenso degli Stati partecipanti all’OSCE. Inoltre, secondo il governo di Baku, “la decisione prevede che l’Armenia e l’Azerbaigian agiscano come parti del conflitto, mentre le comunità armene e azerbaigiane del Nagorno Karabakh lo fanno come parti interessate“.

Non è la prima volta che il ministero degli Affari Esteri dell’Azerbaigian dimostra una mancanza di memoria istituzionale e completa ignoranza del processo di risoluzione pacifica del conflitto Azerbaigian-Karabakh, così come i documenti adottati all’interno di questo quadro.

Innanzitutto, la decisione del 24 marzo 1992 della Riunione aggiuntiva di Helsinki della CSCE non menziona alcuna comunità. Il documento elenca le parti interessate “elette e altri rappresentanti del Nagorno Karabakh“.

In secondo luogo, la questione del formato e dello status delle parti in negoziazione è stata oggetto di lunghe discussioni che hanno attraversato un certo percorso di sviluppo. Già nel 1993, nei documenti discussi nell’ambito del processo di Minsk, il Nagorno Karabakh era indicato come una parte piena del conflitto. La chiarezza finale su questo tema è stata introdotta al vertice CSCE / OSCE a Budapest nel 1994. Secondo il documento conclusivo del Vertice, le parti in conflitto sono quelle che hanno confermato il cessate il fuoco concordato il 12 maggio 1994. L’accordo sul pieno il cessate il fuoco e la cessazione delle ostilità sono state concluse tra il Nagorno Karabakh, l’Azerbaigian e l’Armenia. Il 26-27 luglio 1994, il Nagorno Karabakh, l’Azerbaigian e l’Armenia hanno firmato un accordo aggiuntivo, in cui hanno confermato “i loro impegni per il cessate il fuoco fino alla conclusione di un ampio accordo politico“.

Dopo il Vertice di Budapest, in risposta ai tentativi della parte azerbaigiana di speculare ancora sul tema delle parti in conflitto, il Presidente in esercizio dell’OSCE, il ministro degli Esteri ungherese László Kovács ha rilasciato una dichiarazione speciale alla riunione del Senior Council dell’OSCE a Praga il 31 marzo 1995, in cui ha “confermato le precedenti decisioni dell’OSCE sullo status delle parti, ossia la partecipazione delle due parti dello Stato al conflitto e dell’altra parte in conflitto (Nagorno Karabakh) nell’intero processo di negoziazione, compreso nella conferenza di Minsk “.

Il riepilogo del Presidente in esercizio dell’OSCE di Praga è molto chiaro e non lascia spazio a interpretazioni arbitrarie e tendenziose da parte dell’Azerbaigian sulle decisioni dell’OSCE in merito al formato del negoziato.

 Le autorità sia della Repubblica di Artsakh che della Repubblica di Armenia non sollevano la questione della creazione di un nuovo formato di negoziazioni non concordato.

Si tratta infatti di ripristinare il vero e proprio formato negoziale come stabilito nella decisione del Vertice di Budapest dell’OSCE del 1994. Tale decisione è stata approvata per consenso dai capi di Stato e di governo degli Stati partecipanti all’OSCE, tra cui l’Azerbaigian e i Paesi co-presidenti del gruppo di Minsk .

Abbiamo ripetutamente sottolineato che la questione del ripristino del formato trilaterale dei negoziati è una sorta di cartina di tornasole, a dimostrazione del grado di preparazione per i reali progressi nella soluzione pacifica del conflitto azerbaigiano-karabakho. L’opposizione al ripristino del formato negoziale più efficace può essere interpretata come un impegno a favore del mantenimento dello status quo.

È deplorevole che i copresidenti del gruppo di Minsk dell’OSCE non mostrino il dovuto principio di ripristino del formato del negoziato trilaterale coerente con la decisione dell’organo più alto dell’OSCE.

Dello stesso avviso anche il ministro degli Esteri dell’Armenia il quale ha confermato che « non faremo nulla che possa portare a uno stallo [delle trattative, NdR] perché rimaniamo impegnati nella soluzione pacifica del processo. Questa è una questione molto importante e passeremo decisamente in questa direzione. Questa è una questione di principio per accettare che il Nagorno Karabakh abbia una voce e un impegno decisivi. Questo non è qualcosa di nuovo, ma in linea con questo, per lavorare efficacemente alla promozione del processo negoziale, dobbiamo accettare praticamente che sia necessaria l’espressione di questa voce e impegno decisivo. Oggi stiamo negoziando sia con il Nagorno Karabakh che con l’Azerbaigian all’interno dei gruppi del Gruppo di Minsk dell’OSCE. Questa non è una condizione preliminare e vogliamo continuare a discutere e trovare le soluzioni ai problemi».

IL COMUNICATO STAMPA DEL GRUPPO DI MINSK DELL’OSCE

MOSCA / PARIGI / WASHINGTON DC, 9 marzo 2019 – Nella loro dichiarazione del 1 marzo, i Co-presidenti del Gruppo OSCE di Minsk (Igor Popov della Federazione russa, Stephane Visconti di Francia e Andrew Schofer degli Stati Uniti d’America) hanno accolto favorevolmente il l’impegno del Presidente azero Ilham Aliyev e del Primo ministro armeno Nikol Pashinyan a riunirsi presto sotto l’egida dei Co-presidenti. I co-presidenti, lavorando a stretto contatto con i due ministri degli esteri, stanno organizzando i preparativi per questo importante incontro dei leader, che rappresenterà il primo contatto diretto tra i due leader sotto gli auspici dei co-presidenti.

I co-presidenti sottolineano l’importanza di mantenere un ambiente favorevole a discussioni produttive e continuano a valutare positivamente la recente mancanza di vittime in prima linea. I co-presidenti accolgono inoltre alcuni primi passi nella regione per preparare le popolazioni alla pace e incoraggiare le parti a intensificare tali sforzi. Allo stesso tempo, i co-presidenti ribadiscono l’importanza fondamentale di ridurre le tensioni e ridurre al minimo la retorica infiammatoria. In questo contesto, i co-presidenti sollecitano le parti ad astenersi da dichiarazioni e azioni che suggeriscano cambiamenti significativi della situazione sul terreno, pregiudichino il risultato o stabiliscano le condizioni per futuri colloqui, richiedendo modifiche unilaterali al formato senza l’accordo dell’altra parte, o indicando la disponibilità a rinnovare le ostilità attive.

Con riferimento ad alcune recenti dichiarazioni pubbliche contraddittorie sulla sostanza del processo del gruppo di Minsk, i co-presidenti ribadiscono che una soluzione equa e duratura deve essere basata sui principi fondamentali dell’Atto finale di Helsinki, in particolare il non uso o la minaccia di forza, integrità territoriale e pari diritti e autodeterminazione dei popoli. Dovrebbe inoltre includere elementi aggiuntivi come proposto dai presidenti dei Paesi co-presidenti nel 2009-2012, tra cui: il ritorno dei territori circostanti il ​​Nagorno Karabakh al controllo azerbaigiano; uno status provvisorio per il Nagorno Karabakh che fornisce garanzie per la sicurezza e l’autogoverno; un corridoio che collega l’Armenia al Nagorno Karabakh; futura determinazione dello status giuridico finale del Nagorno Karabakh attraverso un’espressione di volontà legalmente vincolante; il diritto di tutti gli sfollati e rifugiati di tornare nei loro precedenti luoghi di residenza; e garanzie di sicurezza internazionale che includano un’operazione di mantenimento della pace.

I copresidenti sottolineano il loro punto di vista secondo cui questi principi e questi elementi devono essere il fondamento di qualsiasi soluzione equa e duratura al conflitto e dovrebbero essere concepiti come un insieme integrato. Qualsiasi tentativo di mettere alcuni principi o elementi su altri renderebbe impossibile raggiungere una soluzione equilibrata.

I copresidenti sono pronti a incontrare i leader e i ministri degli esteri dell’Armenia e dell’Azerbaigian in qualsiasi momento e invitano i leader a riprendere i negoziati in buona fede il prima possibile. Il dialogo continuo e diretto tra Baku e Yerevan, condotto sotto l’egida dei copresidenti, rimane un elemento essenziale per rafforzare la fiducia e promuovere il processo di pace. I copresidenti continueranno inoltre a discutere, se del caso, le questioni pertinenti con le parti interessate direttamente interessate dal conflitto, riconoscendo che le loro opinioni e preoccupazioni devono essere prese in considerazione per il successo di qualsiasi soluzione negoziata.

I copresidenti sottolineano che rimangono pienamente impegnati, conformemente al loro mandato, ad aiutare le parti a trovare una soluzione pacifica al conflitto. I copresidenti esprimono inoltre il loro pieno sostegno al lavoro di monitoraggio imparziale e critico intrapreso dal rappresentante personale del Presidente in esercizio dell’OSCE e dal suo gruppo.

UN NOSTRO COMMENTO

Abbiamo più volte ribadito che un accordo di pace non potrà che essere una soluzione di compromesso. Se tale deve essere, è condizione sine qua non la sicurezza dell’Artsakh non venga in alcun modo messa in discussione al pari del suo pieno diritto all’autodeterminazione. Un Nagorno Karabakh (Artsakh) quasi interamente circondato dagli azeri non può soddisfare tale condizione.

Marzo 2019

(30 mar 19) PASHINYAN INFORMA SAHAKYAN -All’indomani del vertice armeno-azero il Primo Ministro dell’Armenia ha telefonato al presidente della repubblica di Artsakh per aggiornarlo sull’esito dell’incontro con Aliyev.

(30 mar 19) GUTERRES SU COLLOQUI – Il Segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha accolto con favore l’enfasi posta dai leader armeno e azero sulla creazione di un ambiente favorevole alla pace e sull’adozione di ulteriori passi verso negoziati di successo. Ha accolto altresì con favore il loro impegno a rafforzare il cessate il fuoco e ad affrontare le questioni umanitarie, nonché a proseguire il dialogo per trovare una soluzione pacifica al conflitto. Il Segretario Generale ha elogiato i co-presidenti del gruppo di Minsk dell’OSCE per il loro importante ruolo di mediazione e ribadisce il pieno sostegno delle Nazioni Unite per i loro continui sforzi.

(30 mar 19) COMUNICATO STAMPA GRUPPO DI MINSK – Vienna, 29 marzo 2019 – Il Presidente della Repubblica dell’Azerbaigian Ilham Aliyev e il Primo Ministro della Repubblica di Armenia Nikol Pashinyan si sono incontrati oggi a Vienna per la prima volta sotto l’egida dei Co-presidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE (Igor Popov della Federazione Russa, Stéphane Visconti di Francia, e Andrew Schofer degli Stati Uniti d’America). All’incontro hanno partecipato anche i ministri degli Esteri Zohrab Mnatsakanyan e Elmar Mammadyarov. Anche Andrzej Kasprzyk, il rappresentante personale del Presidente in esercizio dell’OSCE, ha partecipato all’incontro. L’incontro si è svolto in un’atmosfera positiva e costruttiva e ha offerto ai due leader l’opportunità di chiarire le rispettive posizioni. Si sono scambiati opinioni su diverse questioni chiave del processo di risoluzione e idee di sostanza. I due leader hanno sottolineato l’importanza di costruire un ambiente favorevole alla pace e di intraprendere ulteriori passi concreti e concreti nel processo negoziale per trovare una soluzione pacifica al conflitto. Ricordando la loro conversazione a Dushanbe, i leader hanno raccomandato di rafforzare il cessate il fuoco e migliorare il meccanismo di comunicazione diretta. Hanno anche concordato di sviluppare una serie di misure nel campo umanitario. Il primo ministro e il presidente hanno incaricato i loro ministri di incontrarsi nuovamente con i co-presidenti nel prossimo futuro. Hanno anche accettato di continuare il loro dialogo diretto.

(29 MAR 19) ALIYEV: FORMATO NEGOZIALE INVARIATO – Il presidente azero ha dichiarato che il processo negoziale con l’Armenia rimane invariato [ovvero l’Artsakh non potrà parteciparvi, NdR], ha commentato positivamente il colloquio con Pashinyan e ha confermato che ci sono stati progressi nelle trattative. «Valutiamo positivamente i colloqui, si sono svolti in un’atmosfera costruttiva. Questo è il primo incontro ufficiale della leadership dell’Azerbaigian e dell’Armenia dopo una lunga pausa, gli incontri precedenti sono stati più introduttivi e si sono svolti nell’ambito di eventi internazionali – ha affermato. – I ministri degli esteri hanno tenuto diversi cicli di colloqui. L’incontro è importante perché è stato dato un nuovo inizio al processo negoziale sulla sostanza del problema. Abbiamo discusso delle questioni relative al potenziamento delle misure di rafforzamento della fiducia nel quadro dei contatti tra le persone – ha continuato Aliyev. È troppo presto per parlare di misure umanitarie

(29 mar 19) INCONTRO PASHINYAN-ALIYEV – A Vienna si sono incontrati il Primo ministro armeno e il Presidente azero. (approfondimenti in breaking news odierna)

(28 mar 19) TELEFONATA PASHINYAN-SAHAKYAN – Il Primo ministro dell’Armenia, Nikol Pashinyan, e il Presidente della repubblica del Nagorno Karabakh (Artsakh), Bako Sahakyan, hanno avuto oggi una conversazione telefonica alla vigilia dell’incontro tra il Primo ministro dell’Armenia e il Presidente dell’Azerbaigian. In giornata il ministro degli Affari esteri dell’Armenia, Zohrab Mnatsakanyan, ha incontrato a Vienna i co-presidenti del gruppo di Minsk.

(28 mar 19) MONITORAGGIO OSCE – Una missione di osservazione è stata portata a termine nella mattina lungo la linea di contatto a nord ovest dell’insediamento di Seysulan. Nessuna violazione è stata registrata.

(27 mar 19) BONUS BEBE’ – La fondazione Tashir ha consegnato, in una cerimonia tenutasi al Palazzo della cultura di Stepanakert, un assegno di 4000 dollari a 201 famiglie che nel corso del 2018 sono state allietate dalla nascita del quarto figlio.

(27 mar 19) INCONTRO PASHINYAN – ALIYEV – Annunciato ufficialmente l’incontro tra il Primo ministro armeno e il Presidente azero. Si terrà venerdì 29 a Vienna sotto la mediazione dei co-presidenti del Gruppo di Minsk. Pashinyan, nel corso di un intervento all’Assemblea nazionale dell’Armenia, ha annunciato che chiederà che le autorità della repubblica di Artsakh (Nagorno Karabakh) siedano al tavolo negoziale.

(27 mar 19) MUORE SOLDATO ARMENO – Un giovane militare (classe 1998), Ara Arakelyan, è rimasto mortalmente colpito da arma da fuoco nella giornata di ieri. Non sono stati resi noti i particolari dell’accaduto ma risulta che un commilitone del giovane caduto sia stato tratto in arresto.

(26 mar 19) MEDIA AZERI DENUNCIANO SCONTRI – Alcuni media azeri riferiscono che lungo la linea di contatto nei pressi di Fizuli vi sarebbe stato uno scambio di colpi fra le parti che avrebbe provocato la morte di un soldato azero. Contemporaneamente media armeni denunciano scambi di colpi al confine tra Armenia e Azerbaigian (altezza Berdavan) causati dal tentativo nemico di avanzare linee di fortificazione in zona neutrale.

(25 mar 19) RIUNIONE CAPI REGIONE – Il Presidente della repubblica, Bako Sahakyan, ha tenuto oggi una riunione con i capi delle regioni per discutere il miglioramento di diversi programmi socio economici. Presente all’incontro il Ministro di Stato Martirosyan. In giornata Sahakyan ha altresì riunito il Consiglio dei ministri.

(22 mar 19) ANCA RESPINGE I PRINCIPI DI MADRID – La Armenian National Committee of America (ANCA) ha diramato un comunicato stampa nel quale ribadisce pieno sostegno al processo negoziale del Gruppo di Minsk dell’Osce ma rigetta fermamente qualsiasi soluzione negoziale come prospettata dai cosiddetti “Principi di Madrid” che prevedono, tra l’altro, l’ipotesi di cessione di vasti territori della repubblica di Artsakh all’Azerbaigian.

(22 mar 19) ARTSAKH E CANADA – Un gruppo parlamentare di amicizia con l’Artsakh è stato creato in seno all’Assemblea parlamentare (House of Commons) del Canada. Il presidente dell’Assemblea nazionale dell’Artsakh, Ashot Goulyan, ha inviato una lettera di ringraziamento e felicitazioni alla deputata Rachel Harder che ha annunciato pubblicamente la costituzione del gruppo.

(18 MAR 19) MINISTRO DI STATO IN LIBANO – Il ministro di Stato Grigory Martirosyan è giunto in Libano per una visita nel corso della quale incontrerà esponenti politici nonché importanti membri della comunità armena locale e imprenditori. Domani prevista conferenza stampa e incontro con le autorità religiose armene.

(16 mar 19) CONSIGLIO MILITARE – Si è riunito oggi il Consiglio militare dell’Esercito di difesa dell’Artsakh, presieduto dal ministro della Difesa gen.
Karen Abrahamyan. All’ordine del giorno dei lavori diversi temi fra i quali principalmente quello dell’equipaggiamento e dell’armamento.

(15 mar 19) COLPI DI MORTAIO CONTRO POSTAZIONI ARMENE – Il portavoce del ministero della Difesa dell’Artsakh ha comunicato oggi che nella giornata di mercoledì 13 tra le ore 10,35 e le ore 11,15 locali dalla prima linea azera sono stati sparati nove colpi di mortaio da 60 mm. Si tratta di una grave violazione del cessate-il-fuoco, oltretutto registrata in un periodo di sostanziale calma lungo la linea di contatto.

(14 mar 19) ALIYEV SU FORMATI NEGOZIALI – Il presidente dell’Azerbaigian, Ilham Aliyev ha accusato l’Armenia di voler cambiare il formato dei negoziati inserendo quale soggetto parte in causa la repubblica del Nagorno Karabakh (Artsakh) i cui rappresentanti, peraltro, avevano firmato gli accordi di cessate il fuoco del 1994.

(14 mar 19) IMPORT-EXPORT A FEBBRAIO – Secondo i dati diffusi dal ministero delle Finanze nel mese di febbraio l’ammontare delle merci importate in Artsakh ha fatto registrare un aumento del 18,5% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Quanto alle esportazioni, la crescita è del 2,3%. Per inciso, il 60% delle merci arrivate in Artsakh sono passate attraverso il passo di Sotk lungo il nuovo collegamento Vardenis-Martakert, più breve rispetto al transito da Goris.

(11 mar 19) PASHINYAN IN ARTSAKH – Il Primo ministro dell’Armenia è giunto oggi, accompagnato dalla moglie, in Artsakh. A riceverli all’aeroporto il Presidente Sahakyan. Il premier armeno ha tra l’altro partecipato ai lavori di una sessione straordinaria del Consiglio di sicurezza.

(11 mar 19) CONSIGLIO DEI MINISTRI – Il Presidente della repubblica, Sahakyan, ha presieduto oggi la riunione del Consiglio dei ministri.

(9 mar 19) BABAYAN CRITICA ESERCITAZIONI AZERE – Il portavoce presidenziale davit Babayan ha criticato le preannunciate operazioni militari azere su larga scala in programma dall’11 al 15 marzo prossimi. In un periodo di bassa intensità sulla linea di contatto , tali esercitazioni appaiono come una provocazione e un ostacolo al processo di pace.

(8 mar 19) AMB. KASPRZYK IN ARTSAKH – Il Rappresentante speciale del presidente dell’Osce in carica, amb. Andrzej Kasprzik, è in Artsakh per una serie di colloqui con le autorità della repubblica. Oggi si è incontrato con il ministro degli Esteri Mayilyan e con il presidente della repubblica Sahakyan.

(8 mar 19) SAHAKYAN A SHUSHI – Il presidente della repubblica Bako Sahakyan si è recato oggi nella città di Shushi dove ha avuto incontri con l’amministrazione locale.

(6 mar 19) L’ARTSAKH AL PARLAMENTO EUROPEO – Il presidente dell’Assemblea nazionale, Ashot Ghoulyan, ha incontrato oggi a Bruxelles la vice presidente del parlamento europeo Sylvie Guillaume alla quale ha fornito informazioni sulla repubblica e sulla attuale situazione politica. Nel corso della sua visita al parlamento europeo Ghoulyan ha incontrato anche altri parlamentari. L’ombudsman dell’Artsakh (Beglaryan) e dell’Armenia (Melikyan) hanno partecipato a una conferenza tenuta nel palazzo parlamentare dal titolo “Armenofobia: rinascita storica e attuale”.

(5 mar 19) CO-PRESIDENTI G.M. IN AZERBAIGIAN – La delegazione Osce dei co-presidenti del Gruppo di Minsk è giunta in Azerbaigian dove ha incontrato il presidente Aliyev con il quale si sono discussi i dettagli del prossimo incontro con il premier armeno Pashinyan. Il vertice tra i due leader dovrebbe basarsi sul formato dei negoziati in corso.

(4 mar 19) AZERI CRITICANO MONITORAGGI OSCE – In un’intervista al sito azero “Minval” l’esperto di questioni militari Abuzer Abilov ha criticato le missioni di monitoraggio dell’Osce lungo la linea di contatto giudicandole inutili e prive di benefici.

(1 mar 19) PRESTO INCONTRO TRA PASHINYAN E ALIYEV – I co-presidente del Gruppo di Minsk dell’Osce hanno viaggiato nella regione tra il 20 e il 21 febbraio e hanno poi riferito a Vienna. I due leader di Armenia e Azerbaigian concordano per un incontro a breve.

(1 mar 19) GIORNATA DELLA DIFESA CIVILE – Anche in Artsakh è stata data opportuna attenzione alla Giornata internazionale della difesa civile. In diverse scuole e istituzioni si sono tenuti incontri con personale qualificato sul tema della prevenzione e del primo soccorso.