Articoli

Se vince l’indifferenza…

L’indifferenza della comunità internazionale nei confronti di Artsakh mette seriamente a repentaglio il significato pratico dell’agenda sui diritti umani. Il Difensore civico dell’Artsakh, Gegham Stepanyan, ha rilasciato una nota in merito all’attacco azero contro una postazione armena la sera del 14 ottobre che ha provocato sei feriti (uno dei quali ancora in serie condizioni ma non in pericolo di vita).


“Gli incidenti registrati dimostrano ancora una volta il comportamento aggressivo e impudente della parte azera, la sua intenzione di usare la forza, con tutti i mezzi, per interrompere la vita normale in Artsakh, sfrattare gli armeni e pulire etnicamente gli armeni dell’Artsakh.
È interessante notare che le forze armate azere hanno preso di mira direttamente quelle posizioni dell’Esercito di Difesa di Artsakh che si trovano a pochi metri dagli insediamenti civili di Nor Shen.
Ciò dimostra che i militari armeni svolgono esclusivamente la funzione di proteggere il diritto alla vita e alla salute della popolazione civile, mentre le postazioni militari azere situate vicino ai nostri insediamenti pacifici rappresentano una minaccia diretta a causa del loro comportamento aggressivo. La loro rimozione immediata è indispensabile per tutelare i diritti della popolazione civile, in particolare il diritto alla vita.

Allo stesso tempo, le forze di pace russe dispiegate in Artsakh e i mediatori internazionali non dovrebbero avere la funzione di registrare post factum gli incidenti, ma dovrebbero svolgere l’autorità e la responsabilità di investigare adeguatamente sugli incidenti e prevenire il loro ripetersi.
Per questo motivo, dal punto di vista del vero mantenimento della pace, è fondamentale la presenza permanente dei peacekeeper russi in tutte le comunità confinanti di Artsakh.

Gli incidenti registrati sono un’altra prova del fatto che le tesi azere sulla convivenza pacifica sono false, mancano di obiettivi reali in quella direzione, volti a gettare fumo negli occhi della comunità internazionale e delle parti interessate alla soluzione del conflitto azero-Karabakh .
Le dichiarazioni dell’Azerbaigian sulla coesistenza pacifica non sono altro che parole vuote che coprono l’agenda anti-armena e fascista dell’Azerbaigian.

Le organizzazioni internazionali, i singoli stati dovrebbero guardare con gli occhi aperti alla situazione attuale, ai veri obiettivi e alle azioni delle parti che non si arrenderanno alle manipolazioni dell’Azerbaigian.
La loro indifferenza alla fine manda in frantumi l’agenda internazionale della protezione dei diritti umani, ne mette a repentaglio il significato pratico, trasformandola in un bel mucchio di parole senza un reale desiderio e determinazione a proteggerla”.

(traduzione e grassetto redazionale. Nella foto, il Ministro di Stato dell’Artsakh visita i feriti in ospedale)

Un anno senza Hadrut

       

Ieri, 10 ottobre, era il primo triste anniversario della presa di Hadrut da parte delle forze di occupazione azera.

Il dittatore Aliyev in un discorso ha giustificato la conquista della cittadina (che faceva parte della regione autonoma del Nagorno Karabakh in epoca sovietica) affermando che gli armeni lì erano arrivati solo nel 19° secolo. Il solito motivetto per giustificare la politica guerrafondaia e le (infondate) pretese azere. Prima o poi si scoprirà da quale parte dell’universo gli armeni sono arrivati…

La perdita di Hadrut fa molto male al popolo dell’Artsakh, agli armeni di ogni parte del mondo e a tutti coloro che sono vicini a questa piccola repubblica. Hadrut era un centro vitale, la sua provincia era ricca di risorse culturali, storiche ed economiche.

Siamo andati a ripercorrere le tristi pagine di un anno fa (le trovate nel notiziario del nostro sito). Lo stesso 10 ottobre il presidente Harutyunyan, per smentire le voci della cattura della città, si era recato ad Hadrut in visita ai soldati della difesa. Poche ore prima, un drappello di azeri era riuscito a entrare nel capoluogo e mostrare un video di pochi secondi per giustificare la presa della città. In occasione della scorribanda non avevano esitato ad ammazzare una anziana donna e il suo figlio disabile.

Dunque, il presidente dell’Artsakh quella mattina del 10 ottobre (era un sabato), si recò sul posto anche per smentire la propaganda azera. Ma poi la forza d’urto del nemico ha fatto capitolare la città. Era il quattordicesimo giorno di guerra: era stata dichiarata una tregua fra le parti alle ore 12 di quel sabato 10 ottobre. Ma le forze dell’Azerbaigian, proprio a ridosso della scadenza, avevano intensificato ancor di più l’azione per cercare di guadagnare ulteriore terreno. E probabilmente (visto che le tregue nella guerra dei 44 giorni sono durate il tempo di un battito di ciglia) hanno immediatamente approfittato dopo mezzogiorno di un attimo di pausa da parte dei soldati armeni per sferrare il colpo decisivo alla cittadina.

Ora Hadrut è in mano loro, sotto occupazione nemica. Nonostante le panzanate di Aliyev, Hadrut era e rimarrà sempre armena. E, prima o poi, la ritroveremo sotto la bandiera dell’Artsakh!
ONORE AD HADRUT, ONORE AI SUOI EROI

*************************

LA DICHIARAZIONE DELL’OMBUDSMAN DELL’ARTSAKH

Gegham Stepanyan, il difensore civico per i diritti umani dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh), ha rilasciato una dichiarazione a un anno dall’occupazione della città di Hadrut da parte delle forze armate azere.

Gli insediamenti della regione di Hadrut della Repubblica di Artsakh durante gli anni sovietici costituivano la regione di Hadrut della Regione Autonoma del Nagorno Karabakh, dove più del 90% dei 15.000 abitanti, secondo il censimento del 1979, erano armeni.
A seguito dell’aggressione azero-turca contro la popolazione dell’Artsakh del 27 settembre 2020, la popolazione armena della città di Hadrut e della regione omonima è stata completamente sottoposta a pulizia etnica. Fin dal primo giorno dell’aggressione, la popolazione civile, le infrastrutture civili e le strutture di importanza umanitaria di Hadrut sono state deliberatamente e indiscriminatamente prese di mira dalle forze armate azere.
Trentadue civili della regione di Hadrut sono stati uccisi a causa degli attacchi missilistici, della tortura e del tormento delle forze armate azerbaigiane, tra cui Benik Hakobyan di 73 anni e Yuri Adamyan di 25 anni, uccisi in modo dimostrativo in piazza in Hadrut dopo essere stati catturati dalle forze armate azere. A causa dell’occupazione in corso, 14.000 residenti della regione sono sfollati dalle loro case, hanno perso i loro beni mobili e immobili, il lavoro e tutto il resto. 48 insediamenti armeni sono stati “ripuliti” etnicamente dalla presenza armena e le case e le proprietà degli armeni sono state vandalizzate e saccheggiate.
Prima dell’occupazione azera, nella regione c’erano 6 asili nido e 26 scuole, con 2.030 studenti ora privati ​​del diritto all’istruzione a causa dello sfollamento. A causa della pulizia etnica della popolazione armena di Hadrut, i valori culturali materiali e immateriali creati dagli armeni sono in pericolo.
Più di 500 importanti monumenti storici e culturali – chiese, monasteri, khatchkar, santuari, sono a rischio di estinzione. Le autorità azere stanno dissacrando ai massimi livelli i valori spirituali e culturali creati dalla popolazione armena indigena della regione, come dimostra il video ampiamente diffuso sui social network in cui il presidente dell’Azerbaigian comanda in modo dimostrativo di rimuovere le iscrizioni armene dalla chiesa in villaggio di Tsakuri.

Le ricerche di organizzazioni armene e internazionali per la protezione dei valori culturali dimostrano che tutti i cimiteri armeni in tutti gli insediamenti di Hadrut vengono demoliti e distrutti e le lapidi vengono utilizzate come materiale da costruzione per le strade. A causa della pulizia etnica della popolazione armena, la vita e le tradizioni della comunità sono state sconvolte in tutti gli insediamenti della regione e, a causa della dispersione della popolazione sfollata, il dialetto Hadrut, che è unico tra i dialetti armeni, è in pericolo.
Purtroppo, anche a un anno dall’occupazione, i rapporti e i numerosi appelli su violazioni su vasta scala dei diritti della popolazione armena di Hadrut e di altre comunità occupate dell’Artsakh, non hanno ancora ricevuto la dovuta attenzione e valutazione da parte delle strutture internazionali, dei singoli Stati e organizzazioni per i diritti umani.
La comunità internazionale ha l’obbligo e la responsabilità diretti di assicurare la tutela dei diritti della popolazione armena e di garantirne il ritorno nelle terre d’origine.”

Dura condanna per la nuova provocazione azera

Il Ministero degli Affari Esteri della repubblica di Artsakh (Nagorno Karabakh) ha rilasciato un comunicato a seguito della nuova provocazione azera a danno della popolazione armena. Questo il testo:

“Il 9 ottobre, un civile della Repubblica di Artsakh è stato ferito a morte da un cecchino azero in un’area agricola vicino alla città di Martakert.

Il Ministero degli Affari Esteri di Artsakh condanna fermamente tale comportamento aggressivo e le azioni provocatorie dell’Azerbaigian volte a creare un’atmosfera di paura tra la pacifica popolazione della Repubblica di Artsakh e l’emigrazione degli armeni dal paese. L’Azerbaigian persegue anche obiettivi di vasta portata, ovvero interrompere l’attuazione della missione di mantenimento della pace della Federazione Russa e mettere in discussione l’efficacia delle attività delle forze di pace.

Questo e tutti gli incidenti precedenti, che hanno provocato vittime tra i civili o danni alle loro proprietà, sono manifestazioni della politica coordinata anti-armena dell’Azerbaigian e un’altra prova che gli appelli pacifici delle autorità azere al popolo di Artsakh e le richieste di coesistenza pacifica non sono nulla ma un tentativo di fuorviare il mondo civilizzato e di indebolire la vigilanza delle parti armene.

Chiediamo agli Stati co-presidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE di adottare misure attive per ritenere responsabile il partito azero ed escludere tali incidenti in futuro.

Un anno dopo il bombardamento della cattedrale di Shushi

Il portavoce del Ministero degli Affari Esteri dell’Armenia, Vahan Hunanyan, ha commentato il primo anniversario del doppio attacco da parte delle forze armate azere sulla cattedrale del Santo Salvatore (Ghazanchetsots) a Shushi, Artsakh (Nagorno-Karabakh). Il commento recita quanto segue:

L’8 ottobre 2020, durante l’aggressione militare scatenata contro Artsakh e il suo popolo, le forze armate azere hanno lanciato doppi attacchi aerei sulla cattedrale del Santo Salvatore (Ghazanchetsots) a Shushi con armi ad alta precisione, causando danni significativi a quest’ultima. Pochi giorni dopo la Dichiarazione Trilaterale del 9 novembre, la stessa chiesa è stata vandalizzata e profanata. Insieme al danno fisico della cattedrale di Shushi, l’Azerbaigian continua i tentativi di distorcere l’identità armena della chiesa, effettuati modificando l’aspetto architettonico della chiesa con il pretesto di un restauro.

Il ripetuto e deliberato bombardamento di un luogo di culto non è solo un crimine condannabile secondo il diritto internazionale, in particolare la Convenzione per la protezione dei beni culturali in caso di conflitto armato (1954) e il suo Secondo Protocollo (1999), ma anche come dimostrazione simbolica dell’intento; è una chiara manifestazione della politica dell’Azerbaigian volta ad annientare ogni traccia della presenza armena nell’Artsakh.

A un anno dall’aggressione scatenata dall’Azerbaigian contro l’Artsakh, il destino di circa 1.500 siti e luoghi di culto del patrimonio storico e culturale, nonché di migliaia di esemplari museali nei territori dell’Artsakh caduti sotto il controllo dell’Azerbaigian, rimane incerto e in pericolo.

Ci sono molti casi documentati di distruzione deliberata e vandalismo di chiese armene, altri monumenti culturali e religiosi da parte delle forze armate azere. Inoltre, insieme alla loro distruzione fisica, stiamo osservando la falsificazione dei fatti storici e la distorsione dell’identità dei monumenti armeni da parte dell’Azerbaigian.

In questo contesto, a quanto pare, non è un caso che l’Azerbaigian continui a bloccare o, per quanto possibile, a limitare l’accesso della missione di esperti dell’UNESCO ai siti del patrimonio culturale armeno in via di estinzione, cercando di nascondere i suoi crimini di guerra.

Gli atti vandalici contro i monumenti storico-culturali e i luoghi di culto che rappresentano il patrimonio culturale e spirituale delle persone, sono violazioni flagranti del diritto internazionale, contraddicono i valori universali e sono fortemente condannabili.

La Cattedrale di Shushi è uno dei centri più importanti della Chiesa Apostolica Armena in Artsakh, e i servitori ei seguaci della Chiesa Armena dovrebbero avere un libero accesso a questo santuario.

Rassegna stampa (1-31 ottobre)

Sale la tensione tra Tehran e Baku nell’anniversario della guerra con l’Armenia (Nena news, 1 ott)

Iran. Esercitazioni e tensione al confine con l’Azerbaijan (AGC Communication, 1 ott)

Forze turche-azere invadono l’Alto-Karabakh (L’eco del sud, 2 ott)

Iran, la tensione con Baku manda ammonimenti a Israele e Turchia (il manifesto, 3 ott)

Perchè Iran, Azerbaijan e Turchia litigano ( Formiche, 4 ott)

Le tre cause delle tensioni ai confini fra Azerbaigian e Iran (Nova news, 4 ott)

Incontro Sant’Egidio: appello di Karekin II per la liberazione di tutti i prigionieri della guerra in Artsakh (SIR, 7 ott)

Nagorno Karabakh: le conseguenze della guerra (Osservatorio Balcani Caucaso, 13 ott)

Droni azeri continuano ad attaccare postazioni armene: feriti sei soldati (Assadakah, 15 ott)

Se vince l’indifferenza per la Montagna del Giardino Nero del Caucaso del sud… (Korazym, 15 ott)

Iran e Azerbaijan, la crisi dei camion (Osservatorio Balcani Caucaso, 20 ott)

Ottobre 2021

(21 ott 21) RILASCIATI AUTISTI IRANIANI – L’Azerbaigian ha rilasciato i due camionisti iraniani arrestati in quanto “colpevoli” di aver trasportato merci in Artsakh senza autorizzazione azera. Erano detenuti da alcune settimane a Baku dove sono stati consegnati all’ambasciata iraniana.

(21 ott 21) SMENTITO SCIOGLIMENTO ESERCITO – La dichiarazione di Ashot Harutyunyan, membro del consiglio di amministrazione della ONG “Popolazione armena sfollata con la forza da Shushi”, che su richiesta della parte azera, Artsakh Il presidente starebbe per sciogliere l’esercito non corrisponde alla realtà. La portavoce del Presidente della Repubblica di Artsakh, Lusine Avanesyan, ha dichiarato che “l’Esercito di difesa dell’Artsakh è stato e rimane uno dei principali garanti della sicurezza della Repubblica di Artsakh. La questione dello scioglimento dell’Esercito di Difesa non è nell’agenda del governo di Artsakh. Tutte le discussioni relative all’Esercito di Difesa riguardano la riorganizzazione, il riarmo, la modernizzazione e altre questioni. Abbiamo molto da fare per costruire il nostro futuro e l’esercito gioca un ruolo chiave per i nostri piani futuri”, ha affermato Lusine Avanesyan.

(21 ott 21) TRANSITI VIA LACHIN – Le forze di pace russe hanno assicurato il viaggio sicuro di oltre 200 veicoli di transito e circa 1.000 persone da e per il Nagorno-Karabakh (Artsakh) nel corso dell’ultima settimana secondo quanto riferisce il servizio stampa del ministero della Difesa russo.

(20 ott 21) PRESIDENTE A TAGHAVARD – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha visitato oggi il villaggio di Taghavard nella regione di Martuni, dove gli sono stati presentati i programmi realizzati quest’anno grazie ai finanziamenti del governo e agli enti di beneficenza. Come riferito dallo staff presidenziale, il Capo dello stato ha convocato una consultazione di lavoro sul posto e ha discusso le questioni del villaggio che richiedono soluzioni urgenti, nonché i programmi di sviluppo e la questione della fornitura di appartamenti agli sfollati.

(20 ott 21) AIUTI DAGLI USA – Il Comitato per gli stanziamenti del Senato degli Stati Uniti ha pubblicato oggi i suoi disegni di legge sugli stanziamenti per l’anno fiscale 2022, che includono una raccomandazione di $ 2 milioni in aiuti ad Artsakh. I fondi saranno principalmente destinati a interventi di sminamento postbellico.

(20 ott 21) SMILITARIZZAZIONE CONFINI ARMENIA – L’ex ambasciatore degli Stati Uniti in Armenia John Evans appoggia la proposta del difensore dei diritti umani (difensore civico) dell’Armenia Arman Tatoyan, che chiede la creazione di una zona di sicurezza smilitarizzata al confine del paese con l’Azerbaigian e l’immediato allontanamento delle forze azere dalle vicinanze dei villaggi e delle strade che collegano le città armene.

(20 ott 21) L’AZERBAIGIAN IMPONE CONDIZIONI ALLA CRI – Il capo del Servizio di sicurezza dello Stato dell’Azerbaigian e presidente della Commissione statale per militari, prigionieri di guerra e persone scomparse, Ali Nagiyev, ha ricevuto una delegazione guidata dal vicepresidente Gilles Carbonnier del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR). “È stato sottolineato che, tenendo conto delle nuove realtà nella regione, le visite dei rappresentanti del CICR nei territori dell’Azerbaigian che sono temporaneamente sotto il controllo delle forze di pace russe, sono possibili solo attraverso il territorio dell’Azerbaigian e non dell’Armenia” riferiscono i media azeri. La frase “territori dell’Azerbaigian che sono temporaneamente sotto il controllo delle forze di pace russe” si riferisce presumibilmente all’Artsakh e “attraverso il territorio dell’Azerbaigian” al corridoio di Lachin che in realtà collega l’Armenia e l’Artsakh.

(19 ott 21) 5 PRIGIONIERI RITORNANO – Un nuovo gruppo di cinque prigionieri di guerra armeni è stato trasferito da Baku a Yerevan via aerea. Si tratta di Mels Ambardanyan, Rafik Karapetyan, Zhora Manukyan, Sedrak Soghomonyan e Hovsep Manukyan, che sono stati condannati a sei anni di reclusione in Azerbaigian. L’ex comandante della missione di pace russa in Artsakh, il generale dell’esercito Rustam Muradov, ha viaggiato con i prigionieri di guerra armeni. L’ultima volta che i prigionieri di guerra sono stati restituiti è stato il 7 settembre, e si trattava di Artur Nalbandyan e Aramayis Torozyan, catturati il ​​14 luglio 2021 nel territorio del lago Sev della provincia di Syunik; in cambio, il soldato azero Jamil Babayev, che è stato trovato e detenuto in una delle case nella città di Martakert di Artsakh, era stato trasferito dalla parte azera.

(19 ott 21) EROE DI ARTSAKH – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha assegnato il più alto riconoscimento statale postumo “Eroe dell’Artsakh” al sergente minore Albert Hovhannisyan, il mitragliere diciannovenne dell’esercito di difesa che è diventato un nome familiare quando una foto di lui che sparava con un obice durante l’ultima guerra divenne rapidamente un’immagine iconica che simboleggiava lo spirito combattivo e il morale degli armeni.

(19 ott 21) TRASFERITI I RESTI DI ALTRO CADUTO – L’Azerbaigian ha trasferito i resti di un altro militare dalla parte armena dopo i negoziati avvenuti oggi a Shushi secondo quanto riferisce un comunicato stampa del Servizio di sicurezza nazionale dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh). Il comunicato afferma inoltre quanto segue: “L’identità del militare sarà confermata dopo una perizia di medicina legale. Dal 13 novembre 2020, sono stati confermati un totale di 1.686 resti, compresi i resti di civili, a seguito di operazioni di ricerca e scambio di corpi”.

(19 ott 21) SITUAZIONE COVID IN ARTSAKH – Un totale di 142 test COVID-19 sono stati condotti ieri in Artsakh e da e sono stati individuati 31 nuovi casi, tra cui due bambini, di coronavirus, secondo quanto riferisce il Ministero della Salute dell’Artsakh. Al momento, 90 persone stanno ricevendo cure ospedaliere in Artsakh per COVID-19 e i medici affermano che 12 pazienti sono in condizioni critiche mentre altri 42 sono in condizioni moderate.

(18 ott 21) AIUTI UMANITARI DALLA RUSSIA – La Russia ha consegnato 10 tonnellate di aiuti umanitari, raccolti da organizzazioni di beneficienza, per i residenti di Artsakh secondo quanto riferisce una nota del ministero della Difesa russo in una nota. Il carico, comprendente cibo, giocattoli per bambini, cancelleria e attrezzature per le istituzioni educative delle comunità di confine di Artsakh, è stato trasportato con un cargo atterrato a Yerevan e dalla capitale armena istradato con un convoglio verso Stepanakert. I beni saranno forniti agli asili nido, alle scuole, alle famiglie numerose, a coloro che hanno perso i propri cari, alle persone bisognose e alle famiglie degli sfollati interni.

(17 ott 21) MONDIALI SAMBO – L’atleta dell’Artsakh, Azat Andryan, ha vinto la medaglia di bronzo (categoria 58 kg) ai camoionati del mondo di sambo disputati in Grecia dal 15 al 17 settembre. Andryan è stato costretto ovviamente a gareggiare sotto le insegne dell’Armenia.

(16 ott 21) SMENTITE FALSE INFORMAZIONI – L’Esercito di difesa dell’Artsakh smentisce i rapporti secondo cui alcune delle sue posizioni e un posto di comando sono assediati. “Le informazioni diffuse da alcuni utenti di Facebook su posizioni “assediate” e un posto di comando sono false“, ha affermato l’Esercito della Difesa in una dichiarazione, aggiungendo che questi falsi rapporti “manipolativi” cercano di fuorviare il pubblico.

(15 ott 21) PASHINYAN: ARMENIA PRONTA A SCAMBIO CAMPI MINE CON PRIGIONIERI – L’Armenia è pronta a consegnare le mappe dei campi minati all’Azerbaigian in cambio dei prigionieri. Lo ha affermato il primo ministro armeno Nikol Pashinyan durante la odierna riunione online del Consiglio dei capi di Stato dei paesi membri della CSI. Il Primo Ministro ha aggiunto con rammarico che, contrariamente all’ottavo punto della dichiarazione trilaterale del 9 novembre 2020, l’Azerbaigian non ha ancora restituito tutti i prigionieri armeni, sia quelli di guerra che i civili detenuti illegalmente in Azerbaigian Pashinyan ha ribadito la disponibilità di Yerevan a fornire a Baku le mappe dei campi minati che non danneggiano gli interessi di sicurezza dell’Armenia.

(15 ott 21) VISITA AI SOLDATI FERITI – Questa mattina, insieme al ministro della Salute dell’Artsakh Mikayel Hayriyan e al difensore dei diritti umani Gegham Stepanyan, il Ministro di Stato Artak Beglaryan ha visitato tutti e sei i soldati feriti nell’aggressione azerbaigiana di ieri. Il personale medico ha illustrato le condizioni di salute dei feriti, riferendo che a seguito degli interventi chirurgici, le condizioni di uno solo di loro sono ancora valutate gravi, ma la sua vita non è in pericolo.

(15 ott 21) NOTA DI STEPANAKERT SU ATTACCO AZERO – Il ministero degli Esteri dell’Artsakh ha rilasciato una nota di protesta in merito all’attacco azero di ieri sera. “L’Azerbaigian mira a ottenere l’esodo degli armeni dall’Artsakh attraverso azioni aggressive e intimidazioni. Questa politica è anche un duro colpo per la Russia e per la missione di pace russa. Il ministero degli Esteri dell’Artsakh qualifica la politica dell’Azerbaigian come terrorismo e manifestazione di un atteggiamento distruttivo. Ribadiamo ancora una volta che Artsakh non sarà minacciato da tali misure. Gli armeni di Artsakh sono determinati a vivere nella loro patria storica e a difendere la loro sovranità e dignità“, recita tra l’altro la dichiarazione.

(15 ott 21) SITUAZIONE STABILE – Una nota del ministero della Difesa dell’Artsakh riferisce di una situazione stabile lungo tutta la linea di contatto. Risulta confermato che i militari armeni feriti nell’attacco azero di ieri sera sono stati colpiti da un drone.

(14 ott 21) RIFERITI COLPI CONTRO VILLAGGI ARMENI – Colpi di arma da fuoco, anche con armi di grande calibro, sono stati sparati dalle postazioni azere contro alcuni insediamenti in Artsakh. In particolare vengono riferiti incidenti nei villaggi di Nor Shen (regione di Martuni) e Harav (regione di Askeran). Colpita ambulanza dell’esercito di difesa.

(14 ott 21) ATTACCATA POSTAZIONE DIFESA ARMENA – Nella serata le forze armate azere hanno aperto il fuoco contro una base militare dell’esercito di difesa nella zona di confine orientale di Artsakh, a seguito della quale sei militari hanno ricevuto ferite da arma da fuoco. Il comando del contingente di mantenimento della pace russo ad Artsakh è stato immediatamente informato sull’incidente, si legge in un comunicato stampa diffuso dall’Esercito di Difesa di Artsakh. “Il ministero della Difesa della Repubblica di Artsakh dichiara di continuare a mantenere l’impegno a mantenere il regime di cessate il fuoco e invita anche la parte azera ad astenersi dall’intraprendere azioni che possano destabilizzare la situazione“, si legge anche nel comunicato stampa.

(14 ott 21) SMENTITA MORTE SOLDATO AZERO – Le “informazioni” diffuse dal Ministero della Difesa dell’Azerbaigian secondo cui un militare delle Forze Armate dell’Azerbaigian è stato ucciso a seguito di un colpo di pistola sparato dalle unità dell’Esercito di Difesa [del Nagorno-Karabakh] il 14 ottobre intorno alle 6:15 pm è falso e non corrisponde alla realtà. Lo afferma il comunicato stampa diffuso dal ministero della Difesa dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh).

(14 ott 21) ALTRI RITROVAMENTI – Due nuovi ritrovamenti nella regione occupata di Hadrut portano il bilancio totale dalla fine della guerra a 1.685

(14 ott 21) PELLEGRINAGGIO A DADIVANK – il ministro dell’Istruzione, della scienza, della cultura e dello sport dell’Artsakh, Lusine Karakhanyan, durante una discussione di lavoro all’Assemblea nazionale dell’Armenia ha preannunciato la possibile ripresa dei pellegrinaggi a Dadivank da parte dei fedeli armeni che dal maggio scorso non hanno più possibilità di accedere al sito. “La parte armena ha a che fare con un vicino estremamente aggressivo con il quale è estremamente difficile comunicare e condurre negoziati. Ma grazie alle forze di pace russe, Dadivank, ad esempio, rimane con noi. Ci sono sei sacerdoti lì. Ma, secondo l’accordo raggiunto durante l’incontro moscovita del Catholicos di tutti gli armeni Karekin II e del patriarca Kirill di Mosca e di tutta la Russia, riprenderà il pellegrinaggio a Dadivank“, ha sottolineato Karakhanyan. Ha aggiunto che il pellegrinaggio al monastero di Amaras ad Artsakh continua.

(13 ott 21) RESTI RITROVATI – Iresti di altri due soldati armeni caduti in guerra sono stati ritrovati nella regione occupata di Hadrut dalle squadre di emergenza. Il totale dei ritrovamenti ha raggiunto quota 1683 dalla fine della guerra.

(13 ott 21) ALIYEV DELUSO DALL’IRAN – Il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev ha smentito le dichiarazioni iraniane sull’impegno di Israele nel Nagorno-Karabakh (Artsakh), al confine con l’Iran. Le autorità iraniane sospettano che l’Azerbaigian stia collaborando strettamente con Israele. Teheran ha accusato Israele di aver tentato di raggiungere il confine iraniano attraverso l’Azerbaigian cercando di sfruttare l’attuale situazione nel Nagorno- Karabakh, oltre a provocare un conflitto nelle relazioni Baku-Teheran. La situazione si è aggravata con la detenzione di due camionisti iraniani “colpevoli” di aver trasportato merci nel territorio dell’Artsakh rimasto sotto controllo armeno; i due camionisti peraltro secondo alcune voci sarebbero stati rilasciati oggi dopo svariati giorni di prigionia ma il governo di Baku ha ufficialmente smentito la loro liberazione.

(13 ott 21) ALIYEV NON VUOLE VISITE IN ARTSAKH – Il presidente azero Ilham Aliyev chiede alle forze di pace russe di “impedire l’ingresso illegale di cittadini stranieri nel Karabakh”. Lo ha detto in un’intervista al quotidiano italiano la Repubblica. Aliyev si è dichiarato soddisfatto per le attività della forza di pace russa nel Nagorno Karabakh (Artsakh) ma allo stesso tempo ha espresso la speranza che la parte russa impedisca “l’ingresso illegale” di cittadini stranieri in Karabakh. “In particolare, c’è una domanda sugli stranieri che devono ottenere il permesso dall’Azerbaigian per visitare i territori azeri che sono sotto la zona di responsabilità delle forze di pace russe”, ha detto Ilham Aliyev.”Abbiamo informato le autorità russe e il ministero della Difesa russo di questo al fine di porre fine a tali incidenti.

(12 ott 21) CONVOGLI AZERI – I militari dell’unità di polizia militare del contingente di mantenimento della pace russo hanno scortato in sicurezza i convogli azeri attraverso il Nagorno Karabakh (Artsakh) secondo quanto riferisce il servizio stampa del ministero della Difesa russo. L’unità della polizia militare russa ha accompagnato due convogli azeri di 40 veicoli, che trasportavano attrezzature da costruzione, materiali e cibo, sulla rotta Shushi-Karmir Shuka-Kajar e ritorno. Il mese scorso, le forze di pace russe hanno assicurato il passaggio sicuro di 78 convogli azeri attraverso il corridoio di Lachin, così come le rotte Shushi-Karmir Shuka-Kajar e Mataghis-Getavan-Vank e ritorno.

(12 ott 21) ASSEMBLEA PARLAMENTARE CONSIGLIO D’EUROPA – Ruben Rubinyan, il capo della delegazione armena presso la P.A.C.E., ha illustrato in conferenza stampa oggi due rapporti che riguardano da vicino l’Armenia e che sono stati disucssi nel corso dell’ultima sessione plenaria. Il primo si riferisce alle elezioni parlamentari dello scorso giugno e il secondo riguarda la situazione umanitaria in Artsakh. Parlando di questo secondo rapporto il capo della delegazione ha osservato che tutti i punti di interesse per la parte armena sono stati pienamente presi in considerazione in quel rapporto. “Il rapporto era in preparazione da mesi. In effetti, rifletteva tutte le questioni che volevamo documentare per iscritto. In particolare, dice che la [anzidetta] guerra è una violazione degli impegni assunti dalle parti in conflitto, e la P.A.C.E. dovrebbe studiare questo problema. Viene registrato anche il trasferimento di mercenari siriani in Karabakh con l’assistenza della Turchia, così come la loro partecipazione diretta alla guerra. Inoltre, l’Azerbaigian è chiaramente chiamato a chiedere che Baku restituisca [tutti] i Prigionieri di guerra armeni immediatamente”, ha aggiunto Rubinyan. Ha osservato che il rapporto parla anche dei pericoli che minacciano il patrimonio culturale armeno e condanna l’esistenza di una falsa nozione “albanese” [la cosidetta Albania caucasica] in Azerbaigian. Il deputato armeno ha dato una risposta negativa quando gli è stato chiesto se i membri della delegazione armena alla P.A.C.E. avessero comunicato con i membri della delegazione turca o azera al di fuori della sessione.

(10 ott 21) ELEZIONI AMMINISTRATIVE – Quattro comunità dell’Artsakh hanno votato oggi per eleggere i rispettivi sindaci e consigli locali. Precisamente, si è votato nei villaggi di Herher (Martuni), Khachmach e Cashashat (Askeran) e nel villaggio di Nor Khazanchi. Le votazioni sono terminate alle 20 e tutti e 4 i seggi elettorali sono stati chiusi. Secondo i dati ricevuti dalle Commissioni elettorali territoriali Askeran, Martakert e Martuni della Repubblica di Artsakh, dopo la votazione hanno preso parte alle elezioni 440 cittadini (59,2%).

(9 ott 21) UCCISO CIVILE DA CECCHINO AZERO – Un civile è stato ucciso questa mattina in Artsakh (Nagorno-Karabakh) da un cecchino dell’esercito azero. La notizia è stata diramata da Hunan Tadevosyan, portavoce del Servizio statale della Protezione civile dell’Artsakh. Intorno alle 13:15 (ora locale), il dipartimento di polizia regionale di Martakert ha riferito che Aram Tepnants (nato nel 1966) residente nella città di Martakert, è stato ferito a morte mentre si trovava nel frutteto di melograni vicino alla città, raggiunto da un colpo sparato da un cecchino delle forze armate azere. L’informazione su quanto accaduto è stata trasmessa al Comando delle forze di pace russe in Artsakh.

(9 ott 21) FERITO DA AZERI SOLDATO ARMENO – Misak Khachatryan, un soldato a contratto di un’unità del Ministero della Difesa dell’Armenia, è stato ferito da un colpo sparato delle forze armate azere in direzione delle posizioni armene nella regione dell’Ararat al confine armeno-azero , precisamente nella sezione di Yeraskh. L’incidente è avvenuto il 9 ottobre intorno alle 12:50. Il ministero della Difesa ha informato che la vita del militare non è in pericolo.

(8 ott 21) SI DISCUTE UN FORMATO NEGOZIALE – L’ipotesi che venga creato un nuovo formato negoziale 3+3 (Armenia, Azerbaigian, Georgia, Iran, Turchia e Russia) è allo studio dei governi interessati (ne ha parlato di recente anche il ministro degli Esteri russo Lavorv con il suo collega) e non è stato escluso a priori dall’Armenia. Il format si focalizzerebbe soprattutto sul problema dei trasporti regionali.

(8 ott 21) ANNIVERSARIO SHUSHI – Ricorre oggi il primo anniversario del bombardamento della cattedrale di Shushi da parte delle forze azere. Nella medesima gionata la chiesa del S. Salvatore fu colpita due volte. A un anno di distanza le autorità azere hanno organizzato un’altra visita alla città armena occupata, Questa volta un viaggio del genere è stato organizzato per gli addetti stampa delle ambasciate in Azerbaigian secondo quanto riportano i media azeri. L’ultima volta è stata organizzata una visita del genere per gli ambasciatori accreditati in Azerbaigian.

(6 ott 21) OMBUDSMAN ARMENIA AL PARLAMENTO ITALIANO – Alla Commissione Parlamentare per i Diritti Umani della Camera dei Deputati del Parlamento Italiano, il Difensore dei Diritti Umani (Ombudsman) dell’Armenia, Arman Tatoyan, ha presentato i rapporti e le solide prove sulle torture e i maltrattamenti azerbaigiani dei prigionieri armeni dopo la guerra di settembre-novembre 2020. Tatoyan ha sottolineato l’urgenza di restituire tutti i prigionieri armeni ancora detenuti in Azerbaigian, sottolineando che i rispettivi requisiti internazionali sono stati gravemente violati e che sono considerati merce di scambio militare e politica. Tatoyan si è soffermato anche sul dispiegamento illegale di militari azeri sulle strade tra le comunità dell’Armenia dopo la guerra, e le loro incursioni nel territorio sovrano dell’Armenia nelle province di Gegharkunik e Syunik e le loro conseguenze.

(6 ott 21) ALTRO RITROVAMENTO – I resti di un altro caduto armeno sono stati scoperti nella zona occupata di Jrakan (Jabrayil) dalle squadre di ricerca. Il totale dei ritrovamenti dalla fine della guerra sale 1681.

(6 ott 21) PRIGIONIERO TORNA IN ARMENIA – Il trentaduenne Artur Davidyan che si trovava prigioniero in Azerbaigian, catturato dagli azeri dopo essere malauguratamente finito il 22 agosto dall’Artsakh nel territorio ora occupato dal nemico, è stato rilasciato.Un aereo lo ha riportato questa sera in Armenia. Lo ha annunciato il vice ministro di Yerevan, Suren Papikyan. Verso le 21 di quella domenica, il tenente senior delle forze armate armene Artur Borisovich Davidyan aveva lasciato il luogo di dispiegamento permanente senza a quanto pare il permesso del comando superiore e si era perso nella nebbia.

(6 ott 21) PRESIDENTE MATTARELLA SU NAGORNO KARABAKH – Il Gruppo di Minsk dell’Osce è il formato in cui sarà possibile trovare una soluzione sostenibile e pacifica. E’ quanto ha affermato oggi a Roma il presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella in una dichiarazione congiunta con il presidente dell’Armenia Armen Sarkissian che è in visita di Stato in Italia insieme alla moglie Noune Sarkissian. “Abbiamo parlato di trovare una soluzione sostenibile e a lungo termine al conflitto del Nagorno Karabakh. Abbiamo ovviamente ribadito il fatto che il Gruppo di Minsk è il formato in cui sarà possibile trovare una soluzione sostenibile e pacifica”, ha detto, aggiungendo di esprimere il suo sostegno ai parenti di coloro che sono morti durante il conflitto e a coloro che morto durante la recente guerra. “L’Italia incoraggia i due Paesi a trovare il giusto dialogo e a contribuire allo sviluppo della regione”, ha sottolineato Mattarella.

(6 ott 21) UNIONE EUROPEA PRONTA AD AIUTARE – L’Unione europea è pronta a condividere la sua esperienza con l’Azerbaigian e l’Armenia nel settore della demarcazione e delimitazione delle frontiere. Questo è quanto ha affermato il nuovo capo della delegazione dell’Unione europea (UE) in Azerbaigian Peter Michalko durante un incontro con il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev.

(6 ott 21) DICHIARAZIONI ALIYEV SU CONFINI E COMUNICAZIONI – Il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev ha dichiarato che il processo di apertura delle comunicazioni con l’Armenia è “parzialmente avviato”. Aliyev ha ricevuto a Baku il nuovo capo della delegazione dell’Unione europea (UE) in Azerbaigian, Peter Michalko. Il presidente dell’Azerbaigian ha dichiarato che il suo Paese vuole voltare pagina e migliorare le relazioni con la vicina Armenia. “Siamo pronti ad avviare negoziati su un accordo di pace, delimitazione [del confine], apertura delle comunicazioni; questo processo è parzialmente iniziato. Ma credo che se l’Unione europea partecipa attivamente – vedo che c’è un tale desiderio -, può aiutarci in molti settori. In generale, la situazione nel Caucaso meridionale potrebbe raggiungere una scala completamente nuova, cosa che non accadeva da 30 anni. Può anche essere un fattore molto importante per la stabilità, la prevedibilità e la pace“, ha dichiarato il presidente azero.

(5 ott 21) ALTRI RITROVAMENTI – I resti di altri due caduti armeni sono stati recuperati dalle squadre di ricerca nella zona occupata di Varanda (Fuzuli). Il totale dalla fine della guerra raggiunge il numero di 1680.

(5 ott 21) CORRIDOIO DI LACHIN – Il presidente Harutyunyan ha voluto fornire precisazioni riguardo la possibile istituzione di un checkpoint nel corridoio di Lachin (Berdzor). “È escluso che ci sarà un checkpoint azero nel corridoio. Il corridoio è formato e se c’è un checkpoint, non è un corridoio, è una strada monitorata. Non esiste una cosa del genere.”

(5 ott 21) GIORNATA DEGLI INSEGNANTI – In occasione della Giornata dedicata agli insegnati il presidente della repubblica ha ricevuto una delegazione di familiari di insegnati che sono morti per la guerra dello scorso anno.

(5 ott 21) HARUTYUNYAN SU RUSSIA – In un incontro con alcuni studenti il presidente dell’Artsakh si è soffermato sul ruolo della Russia. A lungo termine, in una certa misura, indefinitamente, dobbiamo avere un partner con cui difendere la nostra sicurezza, ha dichiarato il presidente. “Voi comprendete i rischi nella regione. È la Russia; non vediamo un sistema di sicurezza condiviso con nessun altro Paese. Allo stesso tempo, dobbiamo trasformare, ricostruire il nostro Esercito di Difesa, renderlo pronto al combattimento per garantire congiuntamente la nostra sicurezza, se necessario“, ha detto. “Dobbiamo fare dell’istruzione la nostra principale ‘arma’. La nostra sicurezza, i nostri dati demografici, la nostra economia socioeconomica; l’istruzione deve essere al centro di tutto. Dobbiamo essere in grado di avviare e attuare una chiara politica di riforme“, ha affermato il presidente di Artsakh.

(4 ott 21) SPARI AZERI CONTRO CAMION ARMENO – Un camion logistico delle forze armate armene è stato danneggiato dal fuoco azero nella sezione di Yeraskh del confine armeno-azero intorno alle 23:30. Il ministero della Difesa ha informato che non ci sono vittime tra il personale.

(4 ott 21) PASHINYAN ANNUNCIA CONDIZIONI PER TRATTATIVE – “Abbiamo espresso la nostra disponibilità ad avviare il processo di delimitazione e demarcazione dei confini tra Armenia e Azerbaigian. A mio parere, dovremmo iniziare creando le condizioni necessarie per farlo. Il rapido ritorno di [tutti gli armeni] prigionieri, ostaggi e altri detenuti [in Azerbaigian] è una questione molto importante“. Lo ha affermato il primo ministro dell’Armenia, Nikol Pashinyan, durante il briefing congiunto in Lituania con la sua collega lituana, Ingrida Simonyte. “In vista di un possibile incontro con il presidente dell’Azerbaigian, sono pronto a portare con me tutte le mappe [del campo minato] che rappresentano una minaccia umanitaria, non hanno alcuna funzione di sicurezza per l’Armenia, esprimendo la speranza che il presidente dell’Azerbaigian porti con sé il Prigionieri di guerra [armeni], ostaggi e altri detenuti. Inoltre, dovremmo prendere in considerazione non solo coloro la cui cattura è stata ufficialmente confermata, ma anche i nostri cittadini che, secondo le nostre informazioni, si trovano in Azerbaigian, ma il fatto della cattura non è stato confermato. Dobbiamo essere coerenti nell’agenda che adottiamo, così come dobbiamo dettagliare le nostre idee sulla soluzione di tutte le questioni. A questo proposito, l’apertura delle comunicazioni regionali è molto importante. È necessario accettare scenari di sblocco delle comunicazioni, che non approfondiscano l’isolamento dei paesi e dei popoli della regione gli uni dagli altri, ma, al contrario, creino le condizioni per la loro pacifica convivenza. Sono lieto di notare che i Copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE hanno, di fatto, iniziato a intensificare le proprie attività. In questo contesto, valuto positivamente l’incontro dei ministri degli esteri di Armenia e Azerbaigian a New York. L’attuazione del programma di apertura di un’era di sviluppo pacifico non è facile. D’altra parte, credo che non ci sia alternativa alla pace. Questa agenda deve essere implementata passo dopo passo”, ha aggiunto Pashinyan.

(2 ott 21) ALIYEV VUOLE LE MAPPE – Il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev chiede che l’Armenia consegni mappe chiare che mostrino completamente tutti i campi minati. “Se loro [cioè l’Armenia] mostrano buona volontà, noi [cioè l’Azerbaigian] risponderemo in modo appropriato“, ha aggiunto. “Poiché l’Armenia non ci ha consegnato quelle mappe, 150 soldati e civili sono stati uccisi o feriti in quasi un anno dopo la fine della guerra [del Nagorno-Karabakh]”.

(1 ott 21) ACCUSE AZERE CONTRO GLI ARMENI – L’Azerbaigian ha dichiarato alcuni armeni ricercati con l’accusa di aver commesso crimini durante la propria aggressione militare su larga scala contro l’Artsakh e l’Armenia. Il procuratore generale dell’Azerbaigian, Kamran Aliyev, ha annunciato che sono ricercati 24 armeni, secondo quanto riportato dai media azeri. Inoltre, sono stati avviati 79 procedimenti penali. Il procuratore generale dell’Azerbaigian ha aggiunto che circa 300 persone che “hanno commesso crimini contro i militari azeri durante la prima guerra del Karabakh e il regime di cessate il fuoco” sono state dichiarate ricercate.

(1 ott 21) UN DECESSO PER COVID – Una donna 74 anni è morta a causa del Covid con complicazioni polmonari. Nella giornata di ieri sono stati condotti 69 test sette dei quali hanno dato riscontro positivo. Al momento ci sono 21 pazienti stanno ricecendo cure ospedaliere e cinque di loro sono in condizioni gravi.

(1 ott 21) BABAYAN RISPONDE AD ALIYEV – Qualsiasi status all’interno dell’Azerbaigian è inaccettabile per Artsakh. Lo ha affermato il ministro degli Esteri dell’Artsakh, David Babayan, commentando la recente dichiarazione del presidente dell’Azerbaigian lham Aliyev che ha recentemente affermato che gli armeni del Nagorno Karabakh si battevano per l’indipendenza, ma ora parlano di autonomia all’interno dell’Azerbaigian, che per lui è inaccettabile. In questo contesto, secondo Aliyev starebbero anche cercando attivamente di mettere in circolazione i termini “cooperazione tra le comunità armena e azerbaigiana del Karabakh” e “stabilire legami tra loro”. Babayan ha dichiarato che “qualsiasi status all’interno dell’Azerbaigian è inaccettabile per Artsakh. Questa è la ferma opinione dell’intera popolazione di Artsakh, che è stata e rimarrà invariata. In questo contesto, va notato che non riconosciamo la cosiddetta “comunità azerbaigiana del Karabakh“, che altro non è che una struttura artificiale creata dalla Baku ufficiale per minare lo status di stato di Artsakh. La Repubblica di Artsakh è pronta a negoziare con l’Azerbaigian su un piano di parità, a discutere di tutto, anche delle questioni più difficili, e dei modi per risolverle.

(1 ott 21) NUOVO CONSIGLIERE PRESIDENZIALE – Il presidente Arayik Harutyunyan ha firmato un decreto che nomina Mikayel Arzumanyan consigliere capo del presidente dell’Artsakh. Arzumanyan è stato recentemente sollevato dal suo incarico di Ministro della Difesa dell’Artsakh e Comandante dell’Esercito della Difesa.

Comunicato del ministero degli Esteri in occasione del 27 settembre

Il ministero degli esteri di Artsakh (Nagorno-Karabakh) ha rilasciato una dichiarazione in occasione dell’anniversario della guerra scatenata il 27 settembre 2020 sull’Artsakh dall’Azerbaigian. Il comunicato riporta quanto segue:

Un anno fa, il 27 settembre, l’Azerbaigian, con la partecipazione diretta e il sostegno della Turchia e di gruppi terroristici internazionali, ha scatenato una guerra su vasta scala contro la Repubblica di Artsakh. Durante i 44 giorni di aggressione, l’Azerbaigian ha impiegato armi indiscriminate vietate dalle convenzioni internazionali contro la popolazione di Artsakh, danneggiando gravemente le infrastrutture economiche e civili, nonché l’ambiente.

La Repubblica di Artsakh ha subito migliaia di perdite umane a causa della guerra e la maggior parte del suo territorio è stata occupata. Solo grazie al dispiegamento della missione di pace russa nella regione è stata fermata l’aggressione della triplice alleanza criminale.
Tuttavia, anche dopo la cessazione delle ostilità, l’Azerbaigian continua la sua politica palesemente aggressiva, anti-armena ed espansionistica a livello statale, violando grossolanamente tutti gli accordi, le norme del diritto internazionale ei principi di umanità.
Fino ad oggi un gran numero di prigionieri di guerra sono tenuti in condizioni disumane in Azerbaigian, sottoposti a tortura e umiliati.L’Azerbaigian attua sistematicamente un genocidio culturale e distrugge il patrimonio storico armeno nei territori occupati di Artsakh.
Il cessate il fuoco viene regolarmente violato dall’Azerbaigian, con l’obiettivo di scacciare gli armeni dall’Artsakh attraverso pressioni psicologiche e intimidazioni.

Oggi, più che mai, siamo determinati a rafforzare e sviluppare il nostro stato indipendente e sovrano e a decidere il nostro futuro politico, escludendo qualsiasi tipo di status all’interno dell’Azerbaigian.
Le priorità di politica estera dell’Artsakh continuano ad essere il riconoscimento internazionale dell’indipendenza della Repubblica di Artsakh, la conservazione del suo status di soggetto geopolitico, la deoccupazione dei territori dell’Artsakh, la prosecuzione del processo negoziale con la piena piena partecipazione dell’Artsakh nell’ambito del Gruppo OSCE di Minsk, sviluppo delle relazioni con vari Paesi e strutture.

La chiave per l’effettiva attuazione di tutti questi obiettivi è il rafforzamento della trinità Armenia-Artsakh-Diaspora, conducendo una politica estera realistica guidata da interessi statali.In questo triste giorno, siamo giustamente orgogliosi del coraggio e dell’eroismo dei difensori della Patria.

Rendiamo omaggio a coloro che hanno sacrificato la propria vita per il bene della libertà e dell’indipendenza di Artsakh. Viva la Repubblica di Artsakh!

Rassegna stampa (1-30 set)

Gli ultimi sviluppi del conflitto tra Armenia e Azerbaijan (Notizie geopolitiche, 4 set)

L’Artsakh si prepara a ricordare il suo “11 settembre” tra tante difficoltà (Assadakah, 11 set)

Pace e rispetto dei diritti in Nagorno Karabakh (Riforma, 14 set)

Nagorno Karabakh, l’altra guerra perdutissima che sbagliamo a ignorare (Tempi, 15 set, in abbonamento)

Perché il nuovo dialogo tra Turchia e Armenia può irritare Mosca (Formiche, 16 set)

La guerra in Nagorno Karabakh negli occhi di una pacifista azera (Osservatorio diritti, 17 set)

Armenia: nuovi confini, nuovi problemi (East journal, 18 set).

Armenia, intentata una causa all’Azerbaigian (Notizie geopolitiche, 18 set)

Armenia, trenta anni di indipendenza e sentirli tutti (East journal, 21 set)

Primo anniversario della guerra nel Nagorno Karabakh (Politicamente corretto, 24 set)

La guerra scatenata dall’Azerbajgian (con il sostegno determinante della Turchia) contro la Repubblica di Artsakh non va dimenticata (Korazym, 24 set)

Armenia-Azerbaigian: Consiglio sicurezza Erevan, in corso negoziati su autostrada Goris-Kapan (Agenzia Nova, 24 set)

Baku e Teheran sul piede di guerra (Asia news, 24 set)

Un anno dopo. La guerra in Nagorno Karabakh è l’11 settembre degli armeni (Politicamente corretto, 26 set)

Armenia, il trentennale delle difficoltà (Osservatorio Balcani Caucaso, 29 set)

Erevan ricorda le vittime del Nagorno Karabakh (Asia news, 29 set)

Corpi spezzati e burocrazia: i soldati armeni dopo la guerra (Osservatorio Balcani Caucaso, 30 set)

La lotta di un popolo non muore mai

Oggi, 2 settembre 2021, ricorre il 30° anniversario della dichiarazione di indipendenza dell’Artsakh, precedentemente nota come Repubblica del Nagorno-Karabakh.

In questo giorno del 1991, una seduta congiunta di legislatori del consiglio provinciale del Nagorno Karabakh e del consiglio regionale di Shahumyan ha proclamato la Repubblica del Nagorno Karabakh (NKR) entro i confini dell’ex Oblast’ autonoma del Nagorno-Karabakh (NKAO) e la regione di Shahumyan. La decisione era in linea con la legislazione allora in vigore, in particolare la legge del 3 aprile 1990 che autorizzava le autonomie nazionali a determinare il proprio status in caso di uscita dall’URSS di una repubblica.

Il 10 dicembre 1991, pochi giorni prima del crollo ufficiale dell’Unione Sovietica, il Nagorno Karabakh tenne un referendum in cui il 99,89 per cento della popolazione votò a favore della completa indipendenza dall’Azerbaigian. Dopo questo, l’Azerbaigian bloccò totalmente la repubblica del NK e lanciò aggressioni militari.

La Guerra di Liberazione dell’Artsakh iniziò quando per la prima volta nel settembre del 1991 l’Azerbaigian bombardò la capitale Stepanakert con razzi Alazan dalla città di Shushi. L’esercito armeno si è formato nel vortice di questa guerra ed è stato in grado di garantire la sicurezza del popolo del Nagorno Karabakh. Nel 1994, e su richiesta dell’Azerbaigian, il 12 maggio è stato firmato un accordo di cessate il fuoco trilaterale – Azerbaigian, NKR, Armenia.

Quindici anni dopo l’indipendenza, nel 2006, il popolo di Artsakh ha adottato la Costituzione del Paese attraverso un referendum, sempre il 2 settembre.

Il 27 settembre 2020, le forze armate azere, con l’assistenza della Turchia e l’impegno di terroristi mercenari, hanno lanciato una guerra su larga scala contro Artsakh. La guerra durò fino al 9 novembre quando fu firmata una dichiarazione trilaterale – Armenia, Russia, Azerbaigian – alla mediazione della Russia per fermare le operazioni militari.

Secondo questa dichiarazione sul cessate il fuoco, la regione di Hadrut e Shushi, così come l’intera zona di sicurezza di Artsakh, è passata sotto il controllo dell’Azerbaigian. E le truppe di pace russe sono state schierate lungo l’intera linea di contatto di Artsakh e nel corridoio di Lachin.

La sconfitta militare non cancella tuttavia l’aspirazione del popolo armeno dell’Artsakh a vivere libero nella propria terra. Ogni ulteriore tentativo del nemico azero di costringere gli armeni dell’Artsakh a sottomettersi alla dittatura Aliyev o a scappare dalla loro terra natale sarà duramente contrastato.

Il riconoscimento internazionale, la salvaguardia del territorio con uno status di libero e indipendente Paese, la protezione del proprio patrimonio culturale e religioso, la sicurezza dei suoi abitanti sono e saranno sempre un obiettivo per l’Artsakh e per tutti coloro che sono vicini alle sorti di questo piccolo Stato.

VIVA L’ARTSAKH LIBERO E INDIPENDENTE!

Settembre 2021

(30 set 21) ALTRO RITROVAMENTO – I resti di un caduto armeno sono stati ritrovati dalle squadre di ricerca nel territorio di Varanda (Fizuli) ora occupato dagli azeri. il totale dei ritrovamenti sale 1678.

(30 set 21) NUOVI AIUTI ECONOMICI – Nella odierna sessione di gabinetto, il governo armeno ha deciso di fornire ulteriori 13,5 miliardi di dram (circa 24 milioni di euro) all’Artsakh. Presentando la rispettiva bozza di decisione alla riunione del gabinetto, il ministro delle finanze Tigran Khachatryan ha osservato che 1,2 miliardi di tale importo saranno destinati al programma di rimborso dei costi delle utenze di ottobre dei residenti di Artsakh e 12,2 miliardi di dram saranno stanziati come prestito interstatale per il pagamento degli stipendi di ottobre, benefici, pensioni, spese sanitarie, nonché al fine di rimborsare le obbligazioni. Khachatryan ha aggiunto che questa è la quarta decisione del genere e, in generale, quasi 100 miliardi di dram (circa 180 milioni di euro) di assistenza finanziaria sono stati trasferiti all’Artsakh dal 2020.

(30 set 21) ATTIVITA’ DI SMINAMENTO – Dallo scorso novembre le forze di pace russe hanno provveduto alla rimozione e distruzione di 26.033 oggetti esplosivi dal territorio dell’Artsakh sotto controllo armeno. In totale, dal 23 novembre 2020, i genieri russi hanno controllato 1.937 edifici, ripulito più di 683 km di strade e oltre 2.300 ettari di territorio.

(29 set 21) ALTRI RESTI RITROVATI – Una squadra di soccorso ha condotto oggi le ricerche dei resti dei militari a Jrakan (Jabrayil) e rinvenuto i poveri resti di altri quattro militari armeni uccisi durante le ostilità o ancora dispersi.L’identità dei militari sarà confermata dopo un esame di medicina legale.
Dalla tregua, i resti di un totale di 1.677 militari sono stati trovati e rimossi dai territori occupati dagli azeri in Artsakh.

(29 set 21) UN DECESSO PER COVID – Un uomo di 81 anni, a cui è stata diagnosticata una doppia polmonite e un’insufficienza multiorgano, è morto in Artsakh a causa del coronavirus. Un totale di 80 test COVID-19 sono stati condotti ieri in Artsakh con tre nuovi casi di coronavirus. Al momento, 26 persone stanno ricevendo cure ospedaliere ad Artsakh per COVID-19 e i medici affermano che quattro pazienti sono in gravi condizioni. Finora quest’anno ad Artsakh sono stati condotti in totale 13.124 test per il coronavirus e i risultati di 1.144 di questi sono risultati positivi.

(29 set 21) BILANCIO VITTIME CIVILI IN GUERRA – Gli azeri hanno ucciso 80 civili di Artsakh durante la guerra dei 44 giorni lo scorso autunno. Lo ha affermato il rappresentante dell’Artsakh in Armenia, Sergey Ghazaryan, durante un incontro di lavoro presso l’Assemblea nazionale dell’Armenia. Ha aggiunto che 45 militari armeni sono ancora considerati dispersi. “Ottanta civili sono stati uccisi, di cui 42, a seguito di attacchi mirati. Altre 38 persone sono morte in prigionia [in Azerbaigian]. Inoltre, 42.000 persone sono state costrette a fuggire dalle loro case, 38.154 persone sono state private delle loro case. Attualmente, ci sono 15.000 sfollati nella [capitale dell’Artsakh] Stepanakert, altri 5.000 in varie regioni dell’Artsakh”, ha detto. Inoltre, Ghazaryan ha notato che sono già stati firmati 3.000 contratti di affitto, ma 1.960 persone continuano a soggiornare negli hotel.

(29 set 21) CONSEGUENZE DELLA GUERRA PER L’ARTSAKH – Un totale di 1.226 imprese in Artsakh hanno sofferto a causa della guerra dello scorso autunno. Sergey Ghazaryan, il rappresentante permanente di Artsakh in Armenia, lo ha dichiarato durante la riunione di lavoro di oggi all’Assemblea nazionale dell’Armenia. Inoltre, come ha osservato Ghazaryan, il 75% delle terre arabili di Artsakh è ora passato sotto il controllo dell’Azerbaigian. “Anche il patrimonio storico e culturale che si trova nei territori passati all’Azerbaigian, a causa della guerra, è minacciato. Si tratta di circa 2.000 monumenti. Tredici di questi sono complessi monastici, 122 chiese, 52 —fortezze, 523—pietre trasversali. 127 biblioteche scolastiche e 12 musei—con più di 20.000 reperti—[anche] sono finiti sotto il controllo dell’Azerbaigian“, ha aggiunto Ghazaryan.

(28 set 21) NUOVO RAPPORTO SU VITTIME CIVILI – L’Ombudsman per i diritti umani dell’Artsakh ha pubblicato una versione aggiornata del Rapporto sui casi di uccisione di civili ad Artsakh da parte delle forze armate dell’Azerbaigian. Il rapporto riassume i dati raccolti a seguito del lavoro di accertamento dei fatti del personale dell’Ombudsman per i diritti umani di Artsakh dal 27 settembre 2020 al 27 settembre 2021 sulle uccisioni di civili da parte delle forze armate azerbaigiane mediante attacchi mirati o dopo la loro invasione dei civili insediamenti di Artsakh. Vengono presentati solo i casi provati su basi incontestabili. Il rapporto fornisce una breve descrizione delle circostanze dell’uccisione di ciascun civile. Secondo i dati raccolti fino al 27 settembre 2021, sono state rivelate le identità di 80 civili uccisi dalle forze armate azere. 42 civili sono stati uccisi da attacchi a lungo raggio delle forze armate azere, tra cui granate con propulsione a razzo, bombardamenti, bombardamenti e sabotaggi da parte di gruppi sovversivi. 38 civili sono stati uccisi in cattività o almeno sotto il controllo dell’Azerbaigian a causa di violenze fisiche, accoltellamenti, decapitazioni, sparatorie a distanza ravvicinata e altri mezzi diretti. Su 80 vittime civili, 68 sono uomini e 12 sono donne. 52 civili sono stati uccisi nel luogo di residenza, 15 nel luogo pubblico, 11 nel luogo di lavoro, 1 persona nel carcere azero. La maggior parte delle vittime civili sono persone di età superiore ai 63 anni. L’Ombudsman per i diritti umani ha anche registrato i casi di 163 feriti tra i civili, la maggior parte dei quali a seguito di colpi che hanno provocato la morte di altre persone. Il destino di due dozzine di civili dei territori occupati dall’Azerbaigian rimane sconosciuto. Il rapporto è stato redatto in una versione chiusa e pubblica. Il rapporto chiuso aggiunge molte foto delle vittime prima e dopo la loro morte ed è stato inviato alle organizzazioni internazionali. Il rapporto pubblico è stato preparato senza foto, tenendo conto delle immagini crudeli e sensibili in esse contenute.

(28 set 21) NUOVO COMANDANTE FORZE RUSSE – Come anticipato ha preso servizio il nuovo comandante delle forze di pace russe, il generale Gennady Anashkin che ha rimpiazzato il generale Mikhail Kosobo kov che a sua volta da pochi giorni aveva preso il posto del generale Rustam Muradov. Oggi il nuovo comandante a Baku ha incontrato il ministro della Difesa dell’Azerbaigian. Presente anche Muradov.

(27 set 21) GRUPPO DI MINSK E USA – Il vice segretario aggiunto USA per gli affari europei ed eurasiatici Dereck Hogan e la direttrice principale per l’Europa del Consiglio di sicurezza nazionale Amanda Sloat, si sono incontrati il ​​27 settembre con i copresidenti del gruppo di Minsk dell’OSCE Stephane Visconti della Francia, Andrew Schofer degli Stati Uniti e Igor Khovaev del Federazione Russa, nonché il Rappresentante personale del Presidente dell’OSCE in carica Andrzej Kasprzyk. Il vicesegretario principale Hogan e il direttore senior Sloat hanno accolto con favore gli sforzi dei copresidenti e la determinazione di Armenia e Azerbaigian a impegnarsi nuovamente nel processo di pace attraverso un dialogo diretto volto a contribuire alla sicurezza, alla stabilità e alla prosperità nella regione. Hanno espresso l’impegno degli Stati Uniti a continuare a lavorare con i paesi colleghi copresidenti per aiutare l’Armenia e l’Azerbaigian a risolvere tutte le questioni in sospeso relative o derivanti dal conflitto del Nagorno-Karabakh, anche per quanto riguarda i detenuti, le persone scomparse e lo sminamento umanitario sforzi.

(27 set 21) ALIYEV ACCUSA IL GRUPPO DI MINSK – Il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev ha accusato, nel corso di una intervista all’agenzia Anadolu, il Gruppo OSCE di Minsk di creare le condizioni per l’aggressione militare del suo paese contro l’Artsakh. Notando che il Gruppo di Minsk dell’OSCE è inattivo e non vuole esercitare gravi pressioni sull’Armenia, Aliyev ha affermato che i Paesi che co-presiedono il Gruppo di Minsk, Stati Uniti, Russia e Francia preferiscono la politica “né guerra né pace”. Il presidente dell’Azerbaigian ha sostenuto che la nuova leadership salita al potere in Armenia nel 2018 ha anche inferto un duro colpo al processo negoziale del Karabakh. “Le loro dichiarazioni inopportune e irresponsabili hanno di fatto paralizzato il processo negoziale. In una situazione del genere, il gruppo di Minsk avrebbe dovuto compiere passi più positivi e coraggiosi; ma stavano solo guardando. Hanno semplicemente preso la posizione del pubblico. L’Armenia, ovviamente, è i più responsabili dello scoppio della seconda guerra del Karabakh“, ha detto. “Oggi, nonostante sia passato un anno, non ci sono proposte da parte loro [vale a dire, i Copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE]. Voglio ribadire che dopo la seconda guerra del Karabakh non abbiamo ricevuto alcuna proposta dal gruppo di Minsk. E poiché non ci sono iniziative, è inopportuno parlare delle attività del Gruppo di Minsk. È passato un anno. Cosa proponi? Dici che il problema deve essere risolto. Dichiaro a nome dell’Azerbaigian che il conflitto è risolto”, ha aggiunto Aliyev.
Nella stessa intervista il presidente azero ha parlato della situazione dei confini con l’Armenia: “se l’Armenia dice che il confine passa di lì, perché non c’è nessuno lì? Se quello è un confine, perché nessuno lo proteggeva? Noi [Azerbaigiani] siamo venuti e ci siamo stabiliti in quelle montagne e, secondo le nostre mappe, ci stiamo stabilendo sulle nostre terre. Se l’Armenia la pensa diversamente, deve sedersi al tavolo dei negoziati e ne discuteremo. Questo potrebbe richiedere cinque o 30 anni. L’Armenia ha bisogno di rendersi conto della realtà attuale riguardo ai confini“, ha detto Aliyev, aggiungendo che è necessario istituire una task force a livello di vice primi ministri che si occuperà di questo problema.

(27 set 21) L’OMBUDSMAN DELL’ARMENIA RICORDA LE VITTIME – La guerra su larga scala che l’Azerbaigian ha scatenato contro Artsakh (Nagorno-Karabakh) il 27 settembre 2020 è stata accompagnata dai crimini di guerra e crimini contro l’umanità senza precedenti dell’Azerbaigian. Lo afferma il messaggio del difensore civico dell’Armenia Arman Tatoyan. Tra la’ltro si legge: “Il primo giorno, Victoria Gevorgyan, 9 anni, è stata uccisa nel cortile di casa sua dopo che la città di Martuni di Artsakh è stata bombardata.I civili pacifici di Artsakh Genady Petrosyan, 69 anni, e Yuri Asryan, 82, sono stati brutalmente decapitati; i soldati azeri hanno registrato l’intero processo delle decapitazioni in modo che possano diffondere il loro eccezionale cinismo e godersi la “gloria”. Civili e militari sono stati torturati e sottoposti a crudeltà con la partecipazione attiva di jihadisti e terroristi durante e dopo la guerra. Gli insediamenti civili e le chiese armene furono distrutti. Tutto questo è stato accompagnato da video che mostrano comportamenti cinici. Gli assalti dell’Azerbaigian durante il COVID-19 sono stati crimini contro l’umanità che hanno notevolmente aumentato il numero di morti, paralizzando i sistemi sanitari di Artsakh e Armenia.

(27 set 21) BABAYAN D’ACCORDO CON BAKU – L’Artsakh non può far parte dell’Azerbaigian. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh) David Babayan commentando la recente dichiarazione del presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev. “La posizione dell’Azerbaigian nei confronti degli armeni è immutata. E l’Azerbaigian continua a manifestarsi come il nemico più onesto, poiché non nasconde mai le sue reali intenzioni. Ma in alcune valutazioni, paradossalmente, noi [cioè l’Artsakh] siamo completamente d’accordo con Ilham Aliyev. Ad esempio, in Azerbaigian non esiste il concetto di “Artsakh”. Siamo completamente d’accordo, poiché Artsakh non può e non farà mai parte dell’Azerbaigian; qui siamo completamente d’accordo con lui. E se c’è un così piccolo passo di comprensione reciproca, forse questa è la chiave per una soluzione definitiva del conflitto. In effetti, Artsakh non può far parte dell’Azerbaigian. Questa opinione è espressa dallo stesso Azerbaigian. Questo è già un progresso“, ha detto Babayan. “È, ovviamente, inaccettabile per noi [cioè, Artsakh] far parte dell’Azerbaigian in qualsiasi condizione. È come vivere con riserve. Se qualcuno nella comunità internazionale pensa che ciò sia possibile, si sbaglia. È impossibile. Questo approccio presuppone due processi logici: o una nuova guerra o semplicemente un esodo di massa della popolazione da Artsakh“, ha aggiunto David Babayan.

(27 set 21) HARUTYUNYAN A REQUIEM CADUTI – Il presidente dell’Artsakh, Arayik Harutyunyan, insieme a rappresentanti militari e politici, ha partecipato a un servizio di requiem nella cattedrale della capitale Stepanakert, e in memoria dei martiri della guerra scatenata contro l’Artsakh nel 2020. Successivamente, il presidente ha marciato verso il memoriale della città di Stepanakert, ha reso omaggio al monumento a coloro che sono caduti per la difesa della Patria e ha deposto fiori sulle loro tombe nel Pantheon militare.

(27 set 21) DELIRANTI DICHIARAZIONI AZERE – Aliyev ha fatto un’altra minaccia all’Armenia proprio nel primo anniversario dell’aggressione militare su larga scala del suo Paese contro l’Artsakh. “Il fascismo armeno è stato distrutto, ma le sue manifestazioni sono visibili. Questa è una tendenza molto pericolosa, prima di tutto per lo Stato armeno“, ha detto nel suo discorso al popolo azero in occasione della “Giornata della commemorazione” in Azerbaigian. “(…) Se vediamo che il fascismo armeno sta alzando la testa, se vediamo che c’è un nuovo pericolo per il nostro popolo e il nostro stato, spezzeremo la testa del fascismo armeno senza esitazione. Fatelo sapere a tutti. Nessuno dimentichi che l'”Iron Fist”, il simbolo della guerra e della vittoria, è al suo posto“, ha aggiunto, in particolare. E nella sua dichiarazione “Giornata della commemorazione”, il ministero degli Esteri azero ha definito questa aggressione militare una prevenzione di “un’altra provocazione militare da parte delle forze armate della Repubblica di Armenia“. L’ultima parte della dichiarazione del ministero degli Esteri dell’Azerbaigian recita: “L’Azerbaigian è pronto a normalizzare le relazioni con l’Armenia, sulla base della stretta osservanza dei principi del diritto internazionale, in particolare della sovranità, dell’integrità territoriale e dell’inviolabilità dei confini internazionali. Chiediamo all’Armenia di rispettare questi principi fondamentali per garantire pace, sicurezza e prosperità nella regione e rispettare i suoi obblighi internazionali“. È interessante notare che un paese che ha occupato non solo una parte dell’Artsakh, ma ha anche invaso il territorio sovrano dell’Armenia, parla di rispetto della sovranità.

(27 set 21) BILANCIO GUERRA – Il Comitato Investigativo dell’Armenia continua le sue indagini sul procedimento penale relativo allo scatenamento e alla conduzione di una guerra da parte della leadership politica e militare azera contro l’Artsakh (Nagorno-Karabakh) lo scorso autunno. Nell’ambito di questo procedimento penale, è stato evidenziato che un totale di 3.781 militari e civili sono stati uccisi, sia in Artsakh che in Armenia, a causa di questa guerra. E al 27 settembre 2021, non si sa dove si trovino 231 militari e 22 civili. Ad oggi, 108 militari e civili catturati dall’Azerbaigian sono stati restituiti in Armenia.

(27 set 21) MESSAGGIO DI KAREKIN II – Il Catholicos di tutti gli armeni, Karekin II, ha rilasciato un messaggio in occasione del primo anniversario dell’inizio di un’aggressione militare su larga scala da parte dell’Azerbaigian. Il messaggio recita tra l’altro: “La guerra è stata una grande prova, e la calamità che ha causato e le gravi sfide che il nostro popolo deve affrontare, non possono essere risolte in condizioni di tensione interna e divisione. Il nostro cammino verso il risveglio richiede un alto senso di responsabilità e spirito di patriottismo da parte di ciascuno di noi, consolidamento e sforzi congiunti per proteggere il diritto del nostro popolo di Artsakh a vivere liberamente, i confini dell’Armenia, per superare i problemi sociali intensificati a causa la guerra. Con questa visione, sforziamoci per unire la nazione, per superare l’intolleranza e la solidarietà. Essendo fedeli ai nostri valori cristiani, rafforziamo la nostra statualità, la nostra vita nazionale-sociale, tenendo saldi i sentieri della speranza, della fede, dell’amore e della giustizia“.

(27 set 21) ANNIVERSARIO INIZIO GUERRA – Un anno fa, alle 7 e 10 del mattino ora locale, le forze armate dell’Azerbaigian con il supporto della Turchia e utilizzando mercenari jihadisti attaccava la repubblica dell’Artsakh. La guerra si consludeva dopo 44 giorni con un armistizio firmato il 9 novembre tra Armenia, Azerbaigian e mediazione Russia. La tragica ricorrenza è stata ricordata in tutta la repubblica e in Armenia. A Yerevan, si sono recati al pantheon di Yerablur il Primo ministro, autorità statali civili e militari e anche diplomatici stranieri quali l’ambasciatore degli Stati Uniti. Il presidente dell’Armenia ha rilasciato un messaggio nel quale tra l’altro afferma che “la seconda guerra dell’Artsakh, la più brutale della nostra storia moderna, è iniziata un anno fa in questo giorno. Una guerra che ci ha portato via giovani vite e destini. Un anno dopo la guerra, oltre alle migliaia di vittime e feriti, abbiamo ancora bambini in cattività [in Azerbaigian] e sconosciuti. Oggi più che mai dobbiamo investire i nostri sforzi per il ritorno dei prigionieri, per la guarigione dei feriti, per il ritrovamento dei dispersi. Dobbiamo essere in grado di uscire dalla situazione a testa alta e con la schiena dritta, e andare avanti, anche se a passi lenti“.

(27 set 21) MINUTO DI SILENZIO – Oggi alle 11 (ora locale) in Armenia e in Artsakh è stato osservato un minuto di silenzio in memoria di coloro che sono caduti nella guerra di 44 giorni scatenata dall’Azerbaigian un anno fa oggi. Inoltre, alle 10:30 sono stati offerti servizi di requiem in tutte le chiese funzionanti di Artsakh e per la pace delle anime dei martiri che hanno difeso la Patria.

(25 set 21) INAUGURATO KATCHKAR – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha visitato il villaggio di Berkadzor nella regione di Askeran e ha assistito all’inaugurazione di una croce in pietra costruita in memoria dei residenti di Berkadzor uccisi nella terza guerra dell’Artsakh. Nelle sue osservazioni all’evento, il presidente ha osservato che il modo migliore per mantenere vivo il ricordo luminoso di tutti gli eroi morti per la difesa della Patria è impegnarsi nel compito di rafforzare Artsakh e con la determinazione di continuare la loro lotta.

(25 set 21) NUOVO CAMBIO COMANDO RUSSO – Filtra la notizia che il nuovo comandante delle forze di pace russe, Mikail Kosobokov, che da poco aveva sotituito il comandante Rustam Muradov, sarà rimpiazzato dal generale Gennady Anashkin.

(25 set 21) GIORNATA DI STEPANAKERT – Celebrata oggi la giornata dedicata alla capitale. Il sindaco di Stepanakert Davit Sargsyan ha dichiarato che “Il cuore di Artsakh batte in questo accogliente angolo del grande mondo. I tempi e le civiltà si intersecano qui, gli umori e i sogni si incontrano. Stepanakert ha avuto un passato turbolento. Negli ultimi due o tre decenni, sembra che ci siamo buttati fuori dai giorni brutali degli anni ’90. La capitale era sulla strada dello sviluppo sostenibile. Ma la guerra del 2020 è iniziata. Per la prima volta dalla Guerra di Liberazione, Stepanakert è stata preso di mira. Abbiamo avuto perdite irreparabili, migliaia di connazionali sfollati. La guerra ha posto nuove sfide alla nostra città. Ma i residenti di Stepanakert non sono abituati a arrendersi, sicuramente raddrizzeranno la schiena e costruiranno il loro grande focolare”, ha detto in particolare David Sargsyan

(25 set 21) GIORNATE DEL PATRIMONIO CULTURALE EUROPEO – Da oggi e fino al 27 si tengono in Artsakh le giornate della cultura europea. Al riguardo, il ministro dell’istruzione, della scienza, della cultura e dello sport di Artsakh, Lusine Gharakhanyan, ha emesso un messaggio che recita:“In questi giorni difficili della perdita e dei pericoli afflitti per la nostra cultura e il nostro patrimonio culturale, le Giornate del patrimonio europeo continuano a essere celebrate nella Repubblica di Artsakh per sottolineare e lanciare l’allarme per la salvezza dei centri storico-culturali e storico-architettonici occupati cultura dell’Artsakh. Ci avvicineremo nuovamente alla nostra ricca cultura e civiltà secolare attraverso vari eventi, non avendo la possibilità di seguire fisicamente la condizione e il destino dei nostri monumenti nei territori occupati. Voglio sperare che le Giornate della Cultura Europea siano un’altra occasione per l’Europa creativa di compiere passi concreti per salvare il patrimonio storico e culturale dei territori occupati di Artsakh da un pericolo imminente“.ù

(24 set 21) NUOVA IMPRESA MINERARIA – La “Narane Gold” LLC è la prima azienda che realizza progetti di investimento su larga scala ad Artsakh dopo la guerra. Sta eseguendo lavori di costruzione su larga scala nella regione di Martakert della Repubblica dell’Artsakh; in particolare, ha avviato la creazione di un’impresa mineraria nella gola di Khachen e ha già avviato la costruzione di un edificio per l’impresa mineraria da circa 4 mesi.Avrà due edifici. I lavori del primo edificio (destinatao alla prima lavorazione del metallo) dovrebbero essere completati in 3 mesi. Tra circa 6 mesi entrerà in funzione un secondo edificio ,che riceverà i prodotti minerari semilavorati.

(24 set 21) INCONTRO TRA MINISTERI ESTERI – Nella cornice della 76a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York il ministro degli Esteri dell’Armenia, Mirzoyan, ha incontrato il suo omologo azero con la mediazione e la partecipazione dei Copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE. Durante questa riunione a cinque, il ministro armeno ha espresso la disponibilità della parte armena a riprendere il processo di pace in Karabakh nel formato della co-presidenza del Gruppo di Minsk dell’OSCE. Ararat Mirzoyan ha riaffermato la sua posizione espressa durante l’incontro con i copresidenti del gruppo di Minsk sulla necessità di ridurre l’escalation e risolvere le questioni umanitarie. I copresidenti hanno riaffermato il loro impegno a continuare a lavorare, in conformità con il loro mandato, con le parti per trovare soluzioni globali alle questioni esistenti relative al conflitto del Nagorno Karabakh e causate da quest’ultimo.

(24 set 21) ANNIVERSARIO 27 SETTEMBRE – Secondo la decisione della commissione statale competente dell’Artsakh , il 27 settembre alle 11 di mattina in Artsakh sarà osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime della guerra di 44 giorni scatenata dall’Azerbaigian lo scorso autunno. E alle 10:30 dello stesso giorno, saranno offerti servizi di requiem in tutte le chiese funzionanti in Artsakh, e per la pace delle anime degli eroi che sono morti per la difesa della Patria.

(24 set 21) DICHIARAZIONI ALIYEV SU ACCORDO NOVEMBRE – In un’intervista il presidente azero ha dichiarato che il presidente russo Vladimir Putin ha svolto un ruolo attivo nella risoluzione del conflitto armato in Nagorno-Karabakh [(Artsakh)] nell’autunno del 2020. “Era la sera dell’8 novembre. E il 9 novembre, abbiamo concordato di avere di nuovo una conversazione telefonica, poiché Vladimir Vladimirovich [Putin] ha svolto un ruolo molto attivo negli eventi; stava trasmettendo i miei messaggi al [primo ministro armeno Nikol] Pashinyan , e stava trasmettendo i messaggi da lui a me. L’accordo è durato fino a tarda notte ed è durato fino a dopo mezzanotte. Era il 10 novembre all’ora di Baku, quindi lo chiamiamo la “dichiarazione del 10 novembre”, mentre era [ancora] novembre 9 a Mosca“, ha detto Aliyev. “Naturalmente, doveva essere firmato, ma Vladimir Vladimirovich mi ha chiesto di non insistere affinché Pashinyan lo firmasse in nostra presenza. Il presidente della Russia è una persona molto delicata, molto gentile, tratta tutti con molto rispetto. E ho detto che io non insisterò, non ho bisogno di ulteriori momenti legati all’umiliazione di Pashinyan, poiché non è un’umiliazione di una persona, ma di un Paese, mentre non possiamo permettercelo“, ha affermato il presidente azero che ha altresì dichiarato di aver parlato per la prima volta a Putin della guerra in Karabakh il 7 ottobre.

(23 set 21) INCONTRO CON GRUPPO DI MINSK – Il Ministro degli esteri dell’Armenia, Ararat Mirzoyan, partecipando alla 76a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, ha incontrato i copresidenti del Gruppo OSCE di Minsk Stephane Visconti (Francia), Andrew Schofer (USA) e Igor Khovaev (Russia). Alla riunione ha preso parte anche il Rappresentante personale del Presidente in esercizio dell’OSCE (PRCiO), Andrzej Kasprzyk, segnalato dal Ministero degli Affari esteri dell’Armenia. Gli interlocutori hanno discusso un’ampia gamma di questioni relative alla soluzione del conflitto del Nagorno-Karabakh (Artsakh), sottolineando l’importanza di riprendere il processo di pace sotto gli auspici dei Copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE, e che contribuiranno alla creazione di stabilità e sicurezza nella regione. Il ministro Mirzoyan ha espresso il sostegno dell’Armenia alle dichiarazioni congiunte dei copresidenti del Gruppo OSCE di Minsk dopo la guerra di Artsakh di 44 giorni dello scorso autunno, e che sottolineano la necessità di una soluzione duratura e stabile del conflitto del Nagorno-Karabakh basata sui ben noti principi e elementi.Durante l’incontro, le parti hanno considerato prioritario l’attuazione di misure chiare volte a ridurre l’escalation della situazione nella regione. Il Ministro degli esteri armeno ei Copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE hanno scambiato opinioni su come affrontare urgenti questioni umanitarie. In tale contesto, Ararat Mirzoyan ha sottolineato la necessità del rimpatrio immediato e incondizionato dei prigionieri di guerra armeni e dei civili detenuti in Azerbaigian.

(23 set 21) TRASFERITO IL CORPO DI ALTRO CADUTO – Le autorità azere hanno consegnato alla parte armena i resti di un altro caduto nella guerra dello scorso anno. L’operazione è avvenuta nella città occupata di Shushi. Il totale dei ritrovamenti tocca quota 1670.

(23 set 21) ALTRO RITROVAMENTO – I resti di un altro soldato armeno caduto nella guerra dello scorso anno sono stati ritrovati oggi nella zona di Varanda. Il totale dei ritorvamenti raggiunge la cifra di 1669 dalla fine della guerra nei territori ora occupati dagli azeri

(22 set 21) VOTAZIONE CONGRESSO USA – La Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato l’emendamento Tony Cardenas (D-CA)-Adam Schiff (D-CA)-Brad Sherman (D-CA), chiedendo l’immediato rilascio dell’Azerbaigian dei prigionieri di guerra armeni e chiedendo un rapporto sui crimini di guerra commessi dall’Azerbaigian, compreso l’uso di munizioni illegali e fosforo bianco contro i civili armeni. L’emendamento richiede anche un’indagine sull’uso della tecnologia statunitense nei droni turchi utilizzati per colpire i civili armeni durante la guerra in Artsakh del 2020.

(22 set 21) PROVOCAZIONI AZERE AD AMARAS – Secondo fonti armene nella giornata di ieri gli azeri avrebbero avanzato la loro posizione nella comunità di Machkalashen della regione di Martuni portandosi nella zona neutrale nella zona neutrale. A seguito dei provvedimenti presi dai residenti e dal capo della comunità, sul posto sono giunti i caschi blu russi che, dopo trattative con gli azeri, sono riusciti a rimandare questi ultimi alla posizione di partenza. Ma gli azeri hanno posto una condizione che la bandiera di Artsakh posta sul monastero di Amaras contiguo alla comunità fosse rimossa. Il comando russo ha proposto di issare quella armena in luogo di quella dell’Artsakh. Nella giornata odierna nessuna bandiera sventola sopra il monastero. Ancora una volta la prepotenza azera ha avuto la meglio.

(21 set 21) 30° INDIPENDENZA ARMENIA – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha diffuso un messaggio in occasione del 30° anniversario dell’indipendenza dell’Armenia. “Oggi, l’intero popolo armeno celebra una delle feste statali più importanti, il Giorno dell’Indipendenza, che ha aperto una nuova pagina nella storia di Madre Armenia, portando a compimento il sogno di lunga data degli armeni: avere uno Stato libero, indipendente e sovrano. Il 21 settembre 1991 è diventato l’inizio di un complicato e difficile processo di costruzione dello Stato, nonché la formazione di un nuovo sistema legale, economico e di sicurezza. La guerra di 44 giorni [in Artsakh lo scorso autunno] è diventata una prova importante per lo Stato armeno, causando molte perdite umane e territoriali. Ma sono convinto che supereremo anche questa prova e rafforzeremo, con sforzi mirati, le fondamenta dello stato. L’Armenia forte e in via di sviluppo non ha alternative” si legge tra l’altro nel pessaggio presidenziale.

(21 set 21) MESSAGGIO A PUTIN – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan si è congratulato con il presidente russo Vladimir Putin per la vittoria del Partito Russia Unita alle elezioni della Duma di Stato.”Sono fiducioso che la nuova legislatura parlamentare della Duma continuerà a contribuire all’espansione e all’approfondimento dei tradizionali legami amichevoli tra i popoli russo e armeno, nonché al rafforzamento dell’ambiente di sicurezza nella nostra regione e l’instaurazione di una pace duratura“, ha tra l’altro affermato Harutyunyan.

(18 set 21) RESIDENTI DI SHUSHI – La sede operativa del governo della Repubblica di Artsakh in Armenia ha ospitato oggi una consultazione con i rappresentanti di un’organizzazione non governativa di Shushi e ha discusso questioni urgenti riguardanti i residenti forzatamente sfollati della città compreso lo status del Repubblica di Artsakh, lo status dei residenti forzatamente sfollati, problemi abitativi, occupazione e programmi sociali.

(18 set 21) UNIVERSITA’ DI YEREVAN – Una delegazione dell’università di Yerevan, guidata dal rettore, è in Artsakh dove ha avuto incontri con le autorità locali e ha presentato il progetto di finanziamento di cento nuove case da costruire nel territorio.

(17 set 21) FERMATO BUS CON BAMBINI – Gli azeri hanno fermato un autista di un minibus armeno che trasportava bambini dell’Artsakh sulla strada Goris-Kapan nel tratto in cui questa si trova nel territorio occupato dall’Azerbaigian. I soldati nemici hanno strappato con un coltello l’immagine della bandiera di Artsakh affissa sull’autobus e hanno minacciato i bambini (che facevano parte di una rappresentativa giovanile di calcio) urlando che “Il Nagorno-Karabakh è l’Azerbaigian”. L’increscioso episodio ha avuto vasta eco nelle istituzioni armene e sui social.

(17 set 21) FERITO SOLDATO ARMENO – Verso le 12:30ora locale, le forze armate azere hanno nuovamente violato il cessate il fuoco nella parte occidentale dell’Artsakh. In conseguenza di ciò, il soldato semplice Vruyr Shahramanyan, un militare dell’Esercito di difesa dell’Artsakh, ha ricevuto una ferita da arma da fuoco. Al momento non si hanno maggiori informazioni nè sulla località del fatto nè sulle condizioni del militare. Dell’accaduto è stato informato il comando del contingente russo di mantenimento della pace.

(17 set 21) SHUSHI CAPITALE TURCA – L’Azerbaigian ha nominato la città armena occupata di Shushi come capitale culturale del mondo turco nel 2023. Il ministro della Cultura dell’Azerbaigian, Anar Kerimov, ha twittato di aver presentato la proposta durante la 38a riunione ministeriale dell’Organizzazione internazionale della cultura turca (TURKSOY) a Khiva, in Uzbekistan.

(17 set 21) VOCI DI UN POSSIBILE ACCORDO – Il quotidiano armeno Hraparak scrive che secondo sue fonti, a Mosca erano in corso trattative con la parte azera su un cosiddetto “accordo di pace”. Tali negoziati sarebbero finiti e la parte armena sarebbe molto soddisfatta dei risultati ottenuti. Sembra che sia stato raggiunto un accordo per avviare il processo di demarcazione e delimitazione del confine tra Armenia e Azerbaigian senza specificare però lo status dell’Artsakh. Tale intesa si sarebbe basata sulle mappe dell’Unione Sovietica. Sempre secondo il quotidiano armeno pare che la presenza della parte russa sia stata estesa per un utleriore periodo di tempo.

(16 set 21) ALTRO RITROVAMENTO – A quasi un anno dall’inizio dell’attacco azero all’Artsakh e a dieci mesi dalla fine della guerra il numero di resti di soldati armeni caduti ritrovati nei territori dell’Artsakh ora occupati ha raggiunto la cifra di 1667. Ieri nell’area di Hadrut rinvenuto altro caduto.

(16 set 21) SCUOLE DI MARTUNI – La fondazione “Tufenkian” ha donato attrezzature da laboratorio a 29 scuole della regione di Martuni.

(16 set 21) NUOVO INSEDIAMENTO ABITATIVO – Un nuovo quartiere residenziale è in costruzione nella comunità di Hovsepavan nella regione di Askeran della Repubblica dell’Artsakh. Il nuovo distretto avrà 92 case residenziali, ciascuna con 1200 metri quadrati di superficie compreso il terreno. Le case residenziali avranno 2, 3, 4 e 5 stanze. Il quartiere disporrà di aree ricreative con zona verde, parco giochi; un edificio amministrativo, una scuola. I lavori di costruzione sono eseguiti dalla LLC “Kapavor”. “Secondo i dati preliminari, la costruzione sarà completata entro dicembre 2022“, ha affermato Martha Danielyan, portavoce del ministero dell’Urbanistica della Repubblica di Artsakh.

(16 set 21) APERTO CENTRO FRANCOFONIA A STEPANAKERT – La cerimonia inaugurale ha avuto luogo ieri sera. Il centro è intitolato a Paul Eluard. Dopo l’alzabandiera si sono susseguiti i discorsi ufficiali e quindi si è avuta la simbolica piantumazione di un albero. Alla cerimonia erano presenti la mogli del presidente della repubblica Qristine Harutyunyan, il ministro di Stato Artak Beglaryan e membri del circolo di amicizia armeno-francese.

(15 set 21) FERMATI CAMIONISTI IRANIANI – Le autorità azere hanno confermato il fermo di due camionisti iraniani che secondo Baku avrebbero attraversato illegalmente il territorio dell’Azerbaigian. Da alcuni giorni gli azeri hanno istituito un posto di blocco lungo la strada che da Goris congiunge Kapan nella repubblica di Armenia ma che in alcuni tratti, a seguito della guerra, oltrepassa la linea di confine e corre in territorio azero. Secondo alcune fonti, tutti i mezzi commerciali dall’Iran verso l’Armenia (e che necessariamente devono passare di lì) sono sottoposti a una tassa di cento dollari: di fatto l’Azerbaigian sta cercando di strozzare l’economia armena rendendo difficoltoso l’interscambio con l’Iran. Quanto ai due camionisti fermati, non è dato sapere se stessero ritornando da un viaggio in Artsakh oppure no.

(15 set 21) COLPI AZERI VERSO TAGHAVARD – Nella giornata di ieri sono stati segnalati, in due riprese, colpi di arma da fuoco provenienti da postazioni azere e indirizzati verso il villaggio di Taghavard (Martuni) che già nei giorni passati era stato oggetto di tiri del nemico. Non si segnalano danni o lesioni. Secondo un portavoce presidenziale, le forze di pace russe sono oiuttosto lontane dalla zona che non possono dunque controllare direttamente.

(14 set 21) PROCEDIMENTO A CARICO DI UFFICIALE – Il comandante di un battaglione di un’unità militare del Ministero della Difesa dell’Armenia, il tenente colonnello A. Gh. (attualmente nella riserva di personale del Ministero della Difesa armeno) è stato denunciato ed è sotto inchiesta con l’accusa di aver lasciato volontariamente una posizione di combattimento situata nel villaggio di Khtsaberd di Artsakh il 13 dicembre 2020. Tale comportamento negligente avfebbe comportato anche la cattura di 62 soldati del battaglione poi detenuti e processati a Baku.

(14 set 21) ALTRI RESTI – I resti di un caduto armeno sono stati rinvenuti dalle squadre di ricerca nella zona di Varanda.

(13 set 21) ALTRI RESTI RITROVATI – A quasi un anno di distanza dall’attacco azero contro l’Artsakh le squadre di ricerca ritrovano altri resti di soldatia armeni nei territori ora occupati dagli azeri. Altri due resti sono stati rinvenuti nella regione di Hadrut per un totale complessivo di 1665 dalla fine del conflitto.

(13 set 21) LAVORI A STEPANAKERT – Da circa una settimana una delle strade principali della capitale Stepanakert, Mesrob Mashtots, è interessata da lavori di riqualificazione che interessano i marciapiedi e le aree di parcheggio. Analoghi interventi sono previsti in via Isakov.

(12 set 21) HARUTYUNYAN A MARTAKERT – Il presidente della repubblica si è recato in visita nella regione di Martakert. Il Capo dello Stato ha tenuto una consultazione con la partecipazione dei responsabili della regione, ha discusso l’andamento dei programmi educativi, strutturali e agricoli, si è informato sui problemi esistenti e ha dato alcune indicazioni sulla loro soluzione. Toccando le questioni abitative, Arayik Harutyunyan ha sottolineato che saranno costruiti nuovi condomini nella città di Martakert e che l’aumento della popolazione della regione è in una parte significativa dei piani visibili del governo. “Per quanto riguarda lo sviluppo delle infrastrutture, il prossimo anno sarà completata principalmente l’asfaltatura delle strade che collegano le comunità rurali della regione con le autostrade. completato”, ha osservato il presidente della repubblica. Saranno inoltre stanziati ingenti fondi per il ripristino e la costruzione della rete di irrigazione. In questo contesto, l’accento sarà posto sullo sviluppo dell’orticoltura, in particolare sulla creazione di vigneti e vigneti di melograni, che saranno promettenti per l’industria di trasformazione di Artsakh. “Nella regione sarà costruito un grande caseificio, che stimolerà l’allevamento e la coltivazione di erbe foraggere”, ha informato il presidente.

(11 set 21) NOMINATO IL NUOVO MINISTRO DELLA DIFESA – Come riportato da fonti di stampa nei giorni scorsi il Capo di stato maggiore dell’Esercito di difesa Kamo Vardanyan è stato nominato al comando della forza nonché ministro della Difesa della repubblica di Artsakh. Succede al dimissionario Arzumanyan.

(11 set 21) SI E’ DIMESSO IL MINISTRO DELLA DIFESA –  Il presidente Arayik Harutyunyan ha firmato il decreto che revoca Mikayel Arzumanyan dalla carica di ministro della Difesa e comandante dell’esercito di difesa dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh) in ottemperanza alla sua rispettiva richiesta formale. Arzumanyan aveva assunto l’incarico lo scorso 27 ottobre allorché il suo predecessore, Jalal Harutyunyan, era rimasto gravemente ferito da un attacco azero nel corso della guerra. Non sono noti i motivi per i quali Arzumanyan si sia dimesso dall’incarico.

(10 set 21) NUOVA EDILIZIA RESIDENZIALE – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha visitato oggi i villaggi di Aygestan e Noragyugh della regione di Askeran, dove sono in costruzione insediamenti separati per i residenti dei villaggi di Azokh e Drakhtik della regione di Hadrut, del villaggio di Karin Tak della regione di Shushi e del villaggio di Avetaranots di la regione di Askeran i cui abitanti sono stati sfollati a causa della guerra scatenata dall’Azerbaigian nel 2020. Questi insediamenti, per complessivi 550 edifici, vengono costruiti con i finanziamenti forniti al governo di Artsakh dal governo dell’Armenia e saranno pronti a partire dal 2022. Il presidente Harutyunyan ha sottolineato che fornire alloggi a tutte le famiglie sfollate a causa della terza guerra dell’Artsakh è un obiettivo speciale dello stato dell’Artsakh, e il governo non risparmierà alcuno sforzo per risolvere questo problema il prima possibile.

(10 set 21) BABAYAN E KAREKIN II – Il ministro degli Esteri della Repubblica di Artsakh David Babayan è stato ricevuto dal Patriarca Supremo e Catholicos di tutti gli armeni Sua Santità Karekin II nella sede madre della Santa Etchmiadzin. Durante l’incontro sono state discusse varie questioni relative all’attuale situazione in Artsakh e alle relazioni chiesa-società. David Babayan ha espresso la sua gratitudine al Catholicos di tutti gli armeni per aver mantenuto l’Artsakh al centro dell’attenzione, il suo contributo sostanziale al processo di sviluppo e rafforzamento dell’Artsakh, sottolineando il ruolo chiave della Chiesa apostolica armena nel preservare lo stato armeno indipendente e nazionale armeno identità. All’incontro ha partecipato anche il capo della diocesi di Artsakh della Chiesa apostolica armena, mons. Vrtanes Abrahamyan.

(10 set 21) SMINAMENTO TERRENI – Durante gli ultimi due mesi e mezzo, i genieri russi hanno ripulito più di 180 ettari di territori degli insediamenti di Machkalashen, Herhan, Herher e Kolkhozashen situati vicino alla linea di demarcazione delle parti. Lo sminamento dell’area è stato effettuato per i lavori agricoli e il pascolo del bestiame dai residenti del Nagorno Karabakh. In totale, dal 23 novembre 2020, i genieri russi hanno controllato 1.937 edifici (inclusi 33 siti socialmente significativi), hanno ripulito più di 683 chilometri di strade e più di 2.281 ettari di territorio, scoperto e distrutto 25.803 oggetti esplosivi.

(10 set 21) PARLA MURADOV – Rustam Muradov, l’ormai ex comandante del contingente delle forze di pace russe, ha dichiarato che in futuro, verrà presa una decisione sull’estensione della presenza del contingente nel Nagorno Karabakh. “Valuto solo positivamente le attività del contingente di pace russo. La popolazione civile ci dà un giudizio. Oggi la vita nel Nagorno Karabakh è in pieno svolgimento. Ci sono, ovviamente, questioni molto difficili, ma il processo va avanti: il ritorno delle persone, la soluzione di questioni problematiche. Credo che tutto sarà normale“, ha detto Muradov. Che ha altresì sottolineato che le forze di pace russe rimarranno in Artsakh per cinque anni. “I primi cinque anni, con l’accordo firmato dai leader dei tre paesi [vale a dire, Armenia, Russia e Azerbaigian]. In futuro, verrà presa la decisione di estendere la presenza del contingente di pace russo“. Rustam Muradov ha concluso lunedì la sua missione come comandante del contingente di pace russo ad Artsakh; Mikhail Kosobokov è ora il nuovo comandante di questo contingente.

(10 set 21) AGGIORNAMENTO COVID – Al momento risulta 22 persone positive al virus di cui quattro in gravi condizioni. Continuano i test: dall’inizio dell’anno ne sono stati condotti 12.114 (circa il 10% della popolazione nazionale) e 1.083 sono risultati positivi.

(9 set 21) FORZE DI PACE RUSSE – Il contingente russo di peace leeping in Artsakh ha avvicendato il suo Comandante. Come preannunciato un paio di giorni fa alla guida dei circa duemila soldati stanziati nella regione è stato chiamato Mikhail Kosobokov che ha sostituito Rusam Muradov. Nella giornata odierna il nuovo Comandante è stato ricevuto dal ministro della Difesa dell’Armenia. Intanto, si apprende da fonti armene che i rapporti tra i russi e gli azeri non siano proprio idilliaci nelle ultime settimane. Viene citato un episodio avvenuto lungo la strada che porta a Stepanakert all’altezza di Shushi allorchè gli azeri l’hanno bloccata e cominciato lavori di sterro; sono intervenuti i russi con carri armati che hanno fatto sgomberare la zona e ribaltato alcuni trattori azeri.

(9 set 21) ESERCITO DI DIFESA – Il Comandante dell’Esercito di difesa dell’Artsakh MIkayel Arzumanyan ha presentato la sua lettera di dimissioni, come riportato da fonti di stampa secondo le quali il capo di stato maggiore dell’esercito di difesa Kamo Vardanyan sarà nominato al comando della forza.

(9 set 21) PROCESSO A MILITARE – Il processo a carico del tenente colonnello Andranik Veranyan, vice comandante di un’unità militare, è stato spostato dal tribunale di Goris a quello di Yerevan. Il militare è accusato di aver impartito errati ordini di comando che sono costati la morte di 18 soldati nel corso dell’ultima guerra. Prima dell’inizio della guerra di 44 giorni, i suddetti soldati prestavano servizio nelle unità militari della città di Meghri e del villaggio di Agarak della provincia di Syunik in Armenia. Ma una volta iniziata la guerra, questi soldati furono portati in Artsakh, ma lungo la strada, sono stati uccisi in un attacco di droni dall’avversario. Secondo l’accusa, l’ianzione del colonello Veranyan è stata la causa della morte dei soldati.

(9 set 21) PROBLEMA ALLOGGI IN ARTSAKH – La questione degli alloggi rimane una delle più importanti in Artsakh. L’Ombudsman per i diritti umani dell’Artsakh, Gegham Stepanyan, lo ha sottolineato durante l’odierna discussione all’Assemblea nazionale dell’Armenia. Secondo il difensore dei diritti umani, numerose persone in Artsakh vivono ancora in scantinati dove mancano anche le condizioni di vita più elementari. “Sono privati ​​delle normali condizioni igienico-sanitarie. Questo è il problema più serio, in quanto le persone non trovano una casa. Comprese, circa 22.000 persone di Artsakh non sono ancora tornate in patria“, ha spiegato Stepanyan. Allo stesso tempo, ha osservato che l’importo dell’affitto pagato dallo Stato per queste persone non corrisponde ai prezzi di mercato effettivi. “Ho presentato una proposta al governo di Artsakh e so che sono state prese le misure appropriate“, ha aggiunto il difensore civico.

(7 set 21) SCAMBIO DI PRIGIONIERI – Due prigionieri di guerra armeni sono tornati a Yerevan da Baku a bordo di un aereo delle forze aeree russe che è atterrato all’aeroporto di Erebuni secondo quanto riferisce Sputnik Armenia. I militari rimpatriati sono Artur Nalbandyan e Aramayis Torozyan rientrati in patria accompagnati dal generale Muradov comandante del contingente di pace russo in Artsakh (Nagorno-Karabakh. In cambio dei prigionieri di guerra armeni, Yerevan ha trasferito a Baku il militare Jamil Babayev, che era stato arrestato in Artsakh il 25 agosto dopo aver oltrepassato il confine di stato ed essere entrato in una delle case nella regione di Martakert.

(7 set 21) ANCORA RITROVATI RESTI – I resti di altri due soldati armeni caduti in guerra sono stati ritrovati nella zona di Varanda (Fizuli) ora sotto occupazione azera. Il totale dei ritrovamenti dalla fine della guerra raggiunge la cifra di 1659.

(7 set 21) INCONTRO MINISTRI ESTERI – Il ministro degli Esteri dell’Artsakh, Davir Babayan, e quello dell’Armenia, Ararat Mirzoyan, si sono incontrati oggi a Stepanakert.

(7 set 21) CAMBIO AL VERTICE FORZE DI PACE RUSSE – Potrebbe essere Mikhail Kosobokov (già vicecomandante del 58esimo distretto militare meridionale delle forze armate russe e comandante di base militare in Abkhazia) il possibile candidato a nuovo comandante del contingente di pace russo in Artsakh al posto dell’attuale Rustam Muradov che sta per lasciare l’incarico per avvicendamento. A maggio, è stato riferito che Muradov sarebbe stato sostituito, a rotazione, da Aleksey Avdeyev, vice comandante del distretto militare meridionale che tuttavia, è rimasto al suo posto a causa della tensione al confine armeno-azero.

(6 set 21) COLPITI VILLAGGI ARMENI – Colpi di armi da fuoco sono stati sparati intorno alle 19,30 dalle postazioni azere verso case nei villaggi armeni di Karmin Shuka e Taghavard nella regione di Martuni. Lievi danni ad alcune abitazioni.

(6 set 21) VISITA PRESIDENTE – Il presidente della repubblica Harutyunyan ha visitato oggi i villaggi di Berdashen e Ashan nella regione di Martuni. Nel corso della visita il presidente ha anche incotrato alcuni familiari di soldati caduti nell’ultima guerra.

(6 set 21) NUOVO COPRESIDENTE RUSSO – Il ministro degli Esteri dell’Armenia Mizoyan ha incontrato oggi il nuovo co-presidente russo del Gruppo di Minsk dell’Osce, Igor Khokayev.

(4 set 21) ANCORA RITROVATI RESTI – I resti di un altro soldato armeno caduto in guerra sono stati ritrovati nella zona di Jrakan (Jibrayil) ora sotto occupazione azera. Il totale dei ritrovamenti dalla fine della guerra raggiunge la cifra di 1656.

(4 set 21) ONORIFICENZE PRESIDENZIALI – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha assegnato oggi il più alto titolo di Eroe dell’Artsakh a Vardan Avetisyan, consigliere del ministro della Difesa dell’Armenia, ad Artur Aleksanyan, una figura militare, e Samvel Gevorgyan, un medico militare dell’Esercito di difesa dell’Artsakh, conferendo loro la rispettiva medaglia dell’Aquila reale in riconoscimento dei servizi resi ad Artsakh.

(3 set 21) ONORIFICENZA POSTUMA – Il presidente dell’Armenia, Armen Sarkissian, ha firmato un decreto sul conferimento postumo al sergente minore Gegham Sahakyan, comandante di distaccamento di unità militare e soldato a contratto, della “Medaglia del servizio di combattimento” in riconoscimento del suo coraggio e dedizione nel difendere i confini della Patria. Sahakyan (nato nel 1982) era stato mortalmente colpito il primo settembre dal fuoco azero mentre si trovava in postazione difensiva sul confine tra Armenia e Nakhchivan nei pressi di Yeraskh.

(3 set 21) TARGA COMEMORATIVA – Presso il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica di Artsakh, ha avuto luogo la cerimonia di posa di una targa in ricordo del Capo del Dipartimento della Diaspora del Ministero degli Esteri Yervand Hajiyan, morto durante la terza guerra dell’Artsakh.

(3 set 21) ANCHE I RUSSI SMENTISCONO AZERI – Le forze di pace russe schierate nella zona di conflitto del Nagorno Karabakh non hanno registrato un incidente di violazione del cessate il fuoco nelle ultime 24 ore: così riferisce il Ministero della Difesa della Russia che di fatto smentisce la dichiarazione del Ministero della Difesa azero su una violazione del cessate il fuoco commessa dall’Esercito di Difesa di Artsakh nella direzione di Shushi nella notte che avrebbe provocato perdite tra i soldati azeri. Stepanakert aveva già negato l’acceduto.

(3 set 21) VISITA AL DETENUTO AZERO – Il comandante del contingente di mantenimento della pace russo in Nagorno Karabakh, Rustam Muradov, ha visitato il soldato azero Jamil Babayev arrestato il 25 agosto a Martakert dalle forze di sicurezza armene. Durante la visita, Muradov ha familiarizzato con la detenzione e le condizioni di salute di Babayev.Su richiesta del soldato azero, gli sarà data l’opportunità di contattare i suoi parenti e familiari. Babayev, che era entrato in un appartamento di Martakert dove c’erano solo due adolescenti e li aveva minacciati, è accusato di attraversamento illegale del confine dell’Artsakh, minacce e spionaggio.

(3 set 21) AGGIORNAMENTO COVID – Al momento, 21 persone stanno ricevendo cure ospedaliere in Artsakh per COVID-19 e i medici affermano che cinque pazienti sono in gravi condizioni. Finora quest’anno ad Artsakh sono stati condotti un totale di 11.695 test per il coronavirus e i risultati di 1.066 di questi sono risultati positivi.

(3 set 21) AZERI ARRABBIATI – C’è una grande isteria nei media azerbaigiani per una formulazione apparsa sul sito web degli appalti statali russi. Il Ministero della Difesa russo ha indetto lo scorso 13 agosto una gara d’appalto chiusa (scadenza 16 settembre) “per l’organizzazione e l’attuazione del servizio completo dei fondi per le caserme dei campi militari del Ministero della Difesa della Federazione Russa situati nel territorio della Repubblica del Nagorno-Karabakh“. L’utilizzo del termine “repubblica” ha suscitato la reazione azera.

(3 set 21) APPROVIGIONAMENTO IDRICO – I militari del contingente di mantenimento della pace russo hanno fornito acqua potabile a oltre 1.500 residenti nella capitale Stepanakert e nelle aree remote del Nagorno Karabakh (Artsakh) secondo quanto riferisce il ministero della Difesa russo. “Nel corso di due settimane, i militari del centro umanitario del contingente di pace hanno effettuato più di 30 viaggi e hanno fornito ai residenti del Nagorno Karabakh più di 200 tonnellate di acqua potabile“, informa una nota del ministero.

(2 set 21) ALTRI RITROVAMENTI – Le squadre di ricerca hanno rinvenuto nei pressi di Jrakan (Jibrayil) i resti di altri due caduti armeni. Il totale dei ritrovamenti arriva così a 1654.

(2 set 21) CONTRIBUTO INGLESE – Il governo del Regno Unito ha rilasciato un comunbicato stampa informando di aver fornito mezzo milione di sterline per aiutare a rimuovere le mine antiuomo nel Nagorno Karabakh, per rendere l’area sicura, prevenire lesioni e salvare vite umane dopo il conflitto dello scorso anno. I fondi dati al Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo aiuteranno con la formazione e il personale per sostenere lo sminamento e rendere i terreni contaminati sicuri per l’uso umano nel Nagorno Karabakh e nei dintorni.

(2 set 21) MESSAGGIO HARUTYUNYAN – Il presidente della repubblica ha rivolto un messaggio alla nazione in occasione della festa della repubblica: “‘Cari connazionali, Il 2 settembre è il giorno più importante della nostra vita. La Repubblica del Nagorno Karabakh è stata proclamata durante la sessione congiunta dei consigli regionali dei deputati del popolo del Nagorno Karabakh e Shahumyan convocata a Stepanakert trent’anni fa. Abbiamo avuto successi e perdite sulla strada per la costruzione dello stato. Chino il capo in memoria dei martiri caduti per il bene della patria. Le perdite umane sono irreversibili e vincolanti allo stesso tempo. Abbiamo l’obbligo storico di vivere e creare nella nostra patria, di costruire la Repubblica dell’Artsakh, guidati dai nostri valori nazionali, con diritti sanciti a livello internazionale. Congratulazioni per la Festa della Repubblica di Artsakh.”

(2 set 21) MESSAGGIO DI BABAYAN – Il ministro degli Esteri, Davit Babayan, ha inviato un messaggio nel quale tra l’altro si legge: “(…) Sullo sfondo dei continui tentativi dell’Azerbaigian di risolvere il conflitto tra Azerbaigian e Karabagh con l’uso o la minaccia della forza e privare gli armeni di Artsakh della loro patria attraverso il terrore, la pulizia etnica, i massacri e le massicce violazioni dei diritti umani, la creazione di uno Stato indipendente è stata non solo un importante passo politico, ma anche una necessità storica. I cambiamenti geopolitici globali all’inizio degli anni ’90 e le crescenti tensioni regionali hanno richiesto passi decisivi per l’auto-organizzazione della società e la formazione delle istituzioni statali necessarie per respingere l’imminente aggressione armata da parte dell’Azerbaigian e garantire il diritto del popolo di Artsakh alla pace e allo sviluppo.
(…) Siamo convinti che lo Stato armeno in Artsakh sia il principale garante della conservazione dell’identità nazionale, della dignità e dell’assicurazione di un futuro sicuro, nonché un mezzo per il popolo per esercitare il suo diritto inalienabile di determinare il proprio destino politico.
(…) Pur rimanendo fedeli agli ideali, agli obiettivi e ai principi del movimento di liberazione nazionale, il popolo e le autorità della Repubblica di Artsakh continueranno con ferma determinazione a cercare il riconoscimento internazionale dell’indipendenza del paese e il ripristino della sua integrità territoriale, per rafforzare e sviluppare stato sovrano
“.

(2 set 21) FESTA DELLA REPUBBLICA – Il presidente Arayik Harutyunyan ha visitato il memoriale di Stepanakert in occasione del 30° anniversario della Festa della Repubblica di Artsakh e ha deposto una corona in memoria delle vittime delle guerre di Artsakh e Patriottica. Era accompagnato dal secondo e terzo presidente di Artsakh, Arkadi Ghukasyan e Bako Sahakyan, nonché dal Primate della Diocesi di Artsakh della Chiesa Apostolica Armena, il Vescovo Vrtanes Abrahamyan. Il presidente Harutyunyan ha inoltre deposto fiori sulle tombe, vicino a questo memoriale, delle vittime della guerra di Artsakh. Alla cerimonia ufficiale erano presenti anche parlamentari delle due repubbliche armene, membri anziani del governo di Artsakh e rappresentanti del personale di comando dell’Esercito di difesa dell’Artsakh.

(2 set 21) PROTESTA RESIDENTI KASHATAGH – I residenti della regione di Kashatagh (Lachin) occupata dall’Azerbaigian a seguito della guerra stanno ancora una volta protestando davanti all’edificio principale del governo armeno di Yerevan chiedendo che vengano restituite loro le case o fornito un compenso per costruirle altrove.

(1 set 21) PARLAMENTO ARTSAKH – Si è tenuta una seduta speciale dedicata al 30° anniversario della proclamazione dell’indipendenza della Repubblica dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh), sotto la presidenza di Artur Tovmasyan. Il Primate della Diocesi di Artsakh della Chiesa Apostolica Armena, Mons. Vrtanes Abrahamyan, Ashot Ghulyan, ex presidente dell’Assemblea nazionale dell’Artsakh e una delegazione del parlamento dell’Armenia guidata dal vice-presidente Ruben Rubinyan erano presenti a questa sessione all’inizio della quale è stato osservato un minuto di silenzio in memoria dei martiri delle tre guerre dell’Artsakh.

(1 set 21) UCCISO SOLDATO ARMENO – Verso le 11:10 ora locale le forze armate azere sono ricorse ancora una volta alla provocazione, aprendo il fuoco sulle posizioni armene nella provincia di Ararat, in particolare nella sezione del villaggio di Yeraskh al confine tra Armenia e Azerbaigian, a seguito della quale un soldato armeno a contratto , il sergente minore Gegham Sahakyan (nato nel 1982), ha riportato una ferita mortale da arma da fuoco. Il Ministero della Difesa dell’Armenia ha dato notizia del gravissimo fatto e ha condannato fermamente queste azioni da parte dell’Azerbaigian avvertendo che non resteranno senza risposta. L’intera responsabilità per l’aggravarsi della situazione ricade sulla leadership militare e politica dell’Azerbaigian.

(1 set 21) PRIGIONIERI DI GUERRA – Ci sono prove inconfutabili riguardo a 80 prigionieri di guerra in più che sono stati catturati secondo quanto riferisce Siranush Sahakyan, un attivista per i diritti umani che rappresenta gli interessi dei prigionieri di guerra armeni in Azerbaigian presso la Corte europea dei diritti dell’uomo. “Quanto tempo sono rimasti in vita dopo la prigionia, o se sono vivi al momento è un’altra questione; non ci sono prove sufficienti al riguardo“, ha detto la Sahakyan, sottolineando che oltre ai 45 prigionieri di guerra armeni ufficialmente confermati, altri 80 avevano essere restituito all’Armenia. “Il motivo per cui l’Azerbaigian non conferma che ci sarà anche il rimpatrio può essere il risultato di due circostanze: primo, politico, che con ciò non si assume la responsabilità del destino di un nuovo numero di persone. Secondo, civili prigionieri o prigionieri di guerra sono stati semplicemente torturati a morte”, ha detto.

(1 set 21) NUOVO MINISTRO DEL LAVORO – Il presidente Arayik Harutyunyan ha firmato un decreto che revoca Mane Tandilyan (dimissionaria) dalla carica di ministro del lavoro, degli affari sociali e della migrazione di Artsakh (Nagorno-Karabakh). L’ufficio stampa del presidente dell’Artsakh ha informato che, con un altro decreto presidenziale, Armine Petrosyan è stato nominato ministro del lavoro, degli affari sociali e delle migrazioni.

(1 set 21) CONFERMATA DISTRUZIONE DI PICCOLO PONTE – Tra l’8 aprile e il 7 luglio, il ponte Makun a Mets Tagher, nel Nagorno-Karabakh, è stato distrutto durante l’ingegneria fluviale e la costruzione di strade da parte degli azeri. L’ennesimo vandalismo contro architetture armene è stato certificato da Caucasus Heritage Watch (CHW) attraverso immagini satellitari. Il ponte era stato costruito nel 1890 e recava una iscrizione in armeno “In memoria di Ghazar Harutiun Bejaniants”.