Febbraio 2021

(26 gen 21) PRIGIONIERI DI GUERRA – Il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev ha dichiarato in un’intervista concessa a media stranieri che Baku ha rimpatriato tutti i prigionieri armeni e che solo “terroristi e sabotatori” sono ancora detenuti. “Abbiamo restituito tutti i prigionieri di guerra che avevamo. Inoltre, li abbiamo restituiti prima di loro. Queste persone [ancora detenute dall’Azerbaigian] non rientrano in quella categoria, sono terroristi e sabotatori, e qualsiasi speculazione da parte di L’Armenia è inappropriata “, ha detto Aliyev senza specificare il numero delle persone trattenute fra le quali ci sono anche civili e donne. Di fatto tutti coloro che sono stati scovati nei territori ora occupati dell’Artsakh sono dioventati “terroristi e provocatori” e quindi si sono trasformati in ostaggi del dittatore.

(26 feb 21) AEROPORTO DI FIZULI – Baku ha avviato la costruzione di un aeroporto internazionale nella regione di Fizuli del Nagorno-Karabakh e prevede di iniziare a gestirlo in autunno. La dichiarazione è arrivata oggi dal presidente azero Ilham Aliyev in un’intervista con i media stranieri.

(26 feb 21) ENERGIA ELETTRICA – Tutto l’Artsakh è rimasto senza elettricità il 25 febbraio secondo quanto riferito alla stampa da Vahram Poghosyan, capo del principale dipartimento di informazione dell’amministrazione del presidente dell’Artsakh. Secondo lui, non c’è ancora elettricità lì perché l’incidente è avvenuto in una centrale e ora sono in corso lavori di ripristino di emergenza.

(25 feb 21) MEMORANDUM SU SHUSHI – Il ministero degli Esteri dell’Artsakh ha inviato a diverse organizzazioni internazionali un memorandum su Shushi (QUI il link alla notizia completa)

(25 feb 21) MINISTRI DEGLI ESTERI – Il ministro degli Affari esteri dell’Armenia, Ara Aivazian, ha incontrato a Yerevan il ministro degli Affari esteri dell’Artsakh, David Babayan. L’incontro dei due ministri si è concentrato sulle questioni umanitarie – compreso il ritorno urgente dei prigionieri armeni – che devono affrontare l’Armenia e l’Artsakh – e che richiedono un intervento immediato – a seguito della recente aggressione turco-azera.

(25 feb 21) ENERGIA ELETTRICA – Nell’ambito dell’attuazione della dichiarazione trilaterale del presidente della Russia, del presidente dell’Azerbaigian e del primo ministro dell’Armenia il 9 novembre 2020, le forze di pace russe continuano ad assistere alla ripresa della vita pacifica in Nagorno Karabakh. A seguito degli accordi raggiunti in precedenza, la sala macchine della centrale idroelettrica di Lachin [(HPP)] è finita nell’area di responsabilità delle forze di pace russe, mentre la diga della centrale idroelettrica – nell’area che ha è passata sotto il controllo dell’Azerbaigian.
L’operatività della centrale è ripresa con l’assistenza del comando del contingente russo di peacekeeping. Le forze di pace russe stanno attualmente garantendo agli specialisti dell’energia l’accesso sicuro e senza ostacoli alla centrale elettrica per la manutenzione di unità e sistemi. Ciò consentirà di fornire elettricità agli insediamenti vicini, così come alla città di Stepanakert.

(25 feb 21) ENERGIA ELETTRICA – Nell’ambito dell’attuazione della dichiarazione trilaterale del presidente della Russia, del presidente dell’Azerbaigian e del primo ministro dell’Armenia il 9 novembre 2020, le forze di pace russe continuano ad assistere alla ripresa della vita pacifica in Nagorno Karabakh. A seguito degli accordi raggiunti in precedenza, la sala macchine della centrale idroelettrica di Lachin [(HPP)] è finita nell’area di responsabilità delle forze di pace russe, mentre la diga della centrale idroelettrica – nell’area che ha è passata sotto il controllo dell’Azerbaigian.
L’operatività della centrale è ripresa con l’assistenza del comando del contingente russo di peacekeeping. Le forze di pace russe stanno attualmente garantendo agli specialisti dell’energia l’accesso sicuro e senza ostacoli alla centrale elettrica per la manutenzione di unità e sistemi. Ciò consentirà di fornire elettricità agli insediamenti vicini, così come alla città di Stepanakert.

(25 feb 21) HARUTYUNYAN SU CRISI POLITICA – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan afferma che gli sviluppi politici interni in corso in Armenia sono strettamente preoccupanti. Ha esortato tutte le parti a mostrare sobrietà e buon senso. In una dichiarazione ha sottolineato che ora è il momento di uscire dalla crisi e passare attraverso un lungo percorso di sviluppo e rafforzamento. “Attualmente sono a Yerevan, sono pronto a portare la mia missione di mediazione per superare con onore questa crisi politica“, ha detto il presidente di Artsakh.

(24 feb 21) SARKISSIAN RICEVE MURADOV – Il presidente armeno Armen Sarkissian ha ricevuto il comandante del contingente russo di mantenimento della pace in Nagorno Karabakh, il tenente generale Rustam Muradov. L’incontro si è svolto con la partecipazione dell’addetto militare dell’ambasciata russa in Armenia, del colonnello Andrei Grishchuk e dell’inviato speciale del presidente dell’Artsakh Boris Avagyan.

(24 feb 21) AGGIORNAMENTO COVID – Ieri sono stati condotti in totale 50 test COVID-19 dai quali è stato confermato un nuovo caso di coronavirus in Artsakh. Al momento, due persone stanno ricevendo cure ospedaliere in Karabakh per il COVID-19. Finora quest’anno in Artsakh sono stati condotti un totale di 3.032 test sul coronavirus e i risultati di 501 di essi sono risultati positivi. La percentuale in rapporto al numero di tamponi è molto alta ma questi test sono generalmente fatti da persone che presentano una qualche sintomatologia.

(23 feb 21) SCOMPARSI – Secondo il direttore del Fondo di assicurazione dei soldati, Varuzhan Avetikyan, attualmente sono 1.600 le persone scomparse a causa della guerra. Ma questo numero sta diminuendo. Dal 10 febbraio le famiglie dei soldati scomparsi possono presentare domanda al tribunale con la richiesta di riconoscere i loro parenti come dispersi.

(23 feb 21) TERRENI AGRICOLI – Nel territorio dell’Artsakh rimangono circa 35.000 ettari di seminativo, di cui 2.500 ettari di frutteto. Il governo dell’Artsakh assicura che la gestione corretta e competente di 35.000 ettari di terreno coltivabile garantirà senza dubbio il fabbisogno alimentare delle persone.

(23 feb 21) RICERCHE CORPI – Il ministro degli Esteri dell’Armenia, Aivazian, ha dichiarto che le ricerche sono ferme da oltre una settimana per via delle condizioni metereologiche in quanto le precipitazioni nevose dei giorni scorsi rendono di fatto impossibile la individuazione dei resti

(23 feb 21) GRUPPI DI MINSK – L’ambasciatore russo in Armenia Sergei Kopyrkin ha dichiarato oggi alla stampa che il lavoro sulla risoluzione del conflitto del Karabakh all’interno del Gruppo di Minsk dell’OSCE è in corso. Secondo lui, i co-presidenti sono in contatto tra loro, tengono periodicamente riunioni e possono visitare la regione.

(23 feb 21) STATUS TERRITORI ARTSAKH – L’Assemblea nazionale dell’Artsakh discuterà nella prossima sessione plenaria una bozza di dichiarazione sullo status dei territori sotto il controllo azero. Dopo l’approvazione dell’ordine del giorno della seduta, il deputato della commissione permanente per le relazioni estere del parlamento, capo della fazione del Partito Democratico dell’Artsakh, David Melkumyan, ha redatto il rapporto principale in qualità di autore della bozza e ha presentato il testo ai colleghi. I deputati hanno proposto di introdurre alcune modifiche redazionali nel testo, che sono state accettate dall’autore. La Commissione ha votato all’unanimità a favore del progetto di dichiarazione presentato con una conclusione positiva.

(22 feb 21) SICUREZZA NAZIONALE – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha firmato il decreto che nomina Ashot Hakobjanyan capo del Servizio di sicurezza nazionale (NSS). Ararat Melkumyan è stato nominato primo vicedirettore di NSS.

(22 feb 21) UNIONE EUROPEA – Il Rappresentante speciale dell’UE per il Caucaso meridionale e la crisi in Georgia Toivo Klaar si è oggi incotrato a Yerevan con il ministro della Difesa armeno Vagharshak Harutyunyan e ha affermato che l’Unione europea sostiene gli sforzi dei copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE per la risoluzione del conflitto del Nagorno Karabakh ed è pronta a contribuire all’attivazione dei negoziati in questo formato. Il ministro della Difesa Harutyunyan ha informato la delegazione dell’UE sulla situazione postbellica nella regione e sul processo di attuazione dei termini di armistizio del 9 novembre 2020. Harutyunyan ha sottolineato che l’Azerbaigian non sta attuando la clausola 8 che prevede il ritorno dei prigionieri di guerra e di altri prigionieri e sta sfruttando il processo per i suoi obiettivi politici per esercitare ulteriori pressioni sull’Armenia.

(22 feb 21) AUTO DI STATO – Artak Beglaryan, capo dello staff presidenziale dell’Artsakh, ha annunciato che pochi giorni fa, per decisione del governo, nove auto ufficiali di alta classe – che appartenevano allo staff del presidente dell’Artsakh e dell’Assemblea nazionale, all’ufficio del Procuratore generale, al ministero degli Affari interni, e ad altri reparti sono state messe all’asta aperta. “I valori di mercato registrati da un perito indipendente saranno utilizzati come prezzo di partenza dell’asta, il cui importo totale è di circa 150 milioni di dram. (circa 235.000 euro). Nella seconda fase, si prevede di riformare radicalmente il sistema delle auto ufficiali [in Artsakh] “, ha dichiarato Beglaryan.

(22 feb 21) ANCORA RICERCHE BLOCCATE – Dal 15 febbraio le autorità azere impediscono alla squadre di ricerca di accedere ai territori dell’Artsakh ora occupati per individuare eventuali resti di soldati caduti. Non è stata data alcuna giustificazione a questo blocco. Nei mesi scorsi vi era state delle interruzioni nelle operazioni ma solo per breve tempo (al massimo un paio di giorni) per comprovate ragioni logistiche.

(22 feb 21) SCUOLA LUPI GRIGI – Il quotidiano turco ‘Hurriyet’ riferisce che i rappresentanti del Partito del Movimento nazionalista turco (MHP), l’ala politica dell’organizzazione ultranazionalista turca dei Lupi Grigi, hanno discusso i dettagli della loro scuola che sarà costruita a Shushi, Artsakh, con il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev , durante la loro recente visita a Baku.

(21 feb 21) HARUTYUNYAN AD AMARAS – Oggi il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan e la sua famiglia hanno partecipato alla Santa Messa celebrata dal Primate della diocesi di Artsakh, il vescovo Vrtanes Abrahamyan al monastero di Amaras. Il Capo dello stato ha sottolineato il ruolo fondamentale che la Chiesa apostolica armena gioca nella vita delle persone e ha assicurato che il governo, in collaborazione con la diocesi di Artsakh, stanzierà fondi per garantire il trasporto dalla capitale alle chiese nelle regioni della Repubblica di Artsakh ogni domenica.

(20 feb 21) 33° ANNIVERSARIO MOV. LIBERAZIONE – In Artsakh oggi si festeggia il 33° anniversario del movimento di liberazione del Karabakh e della storica votazione del 1988 con la quale il soviet del Nagorno Karabakh chiese ufficialmente l’annessione all’Armenia. Un manifestazione si è tenuta (sotto la neve) a Stepanakert. Ha presenziato il presidente della repubblica Harutyunyan e le massime autorità civili e religiose dello Stato.

(20 feb 21) COMPLETATA VACCINAZIONE RUSSI – I 1900 militari della forza di pace russa in Artsakh sono stati tutti vaccinati contro il Covid-19 con Sputnik-V

(19 feb 21) NUOVO CONSIGLIERE PRESIDENZIALE – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha firmato oggi un decreto con il quale Vahe Keushguerian è stato nominato su base volontaria Consigliere del Presidente dell’Artsakh per i Programmi di Sviluppo. Vahe Keushguerian è nato a Homs, in Siria, e ha iniziato la sua carriera fondando aziende vinicole in Toscana e Puglia.

(19 feb 21) RESPINTO RICORSO AZERO – Il 18 febbraio 2021, la Corte europea dei diritti dell’uomo ha annunciato la sua decisione sul reclamo n. 36606/08 “Samadov vs Armenia ”. In questo caso, il richiedente possedeva proprietà che presumibilmente gli apparteneva per diritto nel territorio di Kalbajar e l’aveva abbandonata nel 1993. Il ricorrente aveva presentato una denuncia alla Corte europea dei diritti dell’uomo nel 2008, vale a dire più di sei anni dopo che l’Armenia aveva ratificato la Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Inoltre, erano trascorsi più di 15 anni dallo spostamento forzato dalla casa che apparentemente apparteneva al ricorrente per diritto di proprietà. La Corte ha respinto il suo ricorso

(19 feb 21) MINASYAN ATTACCA PASHINYAN – La polemica poltica post-bellica non accenna a placarsi in Armenia. L’ex ambasciatore presso la Santra Sede, Mikayel Minasyan ha nuovamente duramente accusato il premier armeno. In particolare riferisce di un futuro incontro, tenuto segreto, tra “il direttore del servizio di sicurezza nazionale armeno Armen Abazyan, Arayik Harutyunyan, Rustam Muradov e del presidente del servizio di sicurezza statale dell’Azerbaigian Ali Nagiyev. L’incontro segreto concordato da Armen Abazyan durante la sua recente visita a Mosca avverrà nei prossimi giorni sulla linea di contatto, non lontano da Mataghis. Abazyan, Harutyunyan e Nagiyev stanno progettando di discutere “questioni relative alle infrastrutture” e, in sostanza, le azioni per integrare i resti di Artsakh in Azerbaigian” scrive su canale Telegram Minasyan.

(18 feb 21) AIUTI DALL’UNIONE EUROPEA – La Commissione europea ha annunciato la fornitura di assistenza umanitaria per un valore di 3 milioni di euro ai civili colpiti dalle recenti ostilità su vasta scala nel Nagorno Karabakh, compreso un numero significativo di sfollati. Grazie agli sforzi dell’Unione Europea, dal settembre 2020, dall’inizio delle ostilità, sono stati mobilitati 6,9 milioni di euro di aiuti umanitari. Dopo la cessazione delle ostilità, continua una grave crisi umanitaria nella regione, aggravata dal rigido inverno e dal COVID-19, ha osservato la delegazione dell’UE in Armenia.

(18 feb 21) ESAMI AUTOPTICI – I corpi di 3.577 vittime sono stati sottoposti a visita medica forense dal 27 settembre 2020 al 13 febbraio 2021, ha riferito Aysor.am riferendosi al ministero della salute. Al 13 febbraio, 428 campioni sono in fase di esame del DNA.

(18 feb 21) RIMPATRI – “Quasi tutti i residenti che in precedenza vivevano nei territori già occupati del Karabakh sono tornati dall’Armenia nel Nagorno Karabakh“, ha detto ai giornalisti il ministro del Lavoro e degli affari sociali Mesrop Arakelyan secondo il quale quasi 100mila persone sono tornate in Karabakh.

(18 feb 21) RICERCHE BLOCCATE – Il servizio statale di emergenza del ministero degli affari interni dell’Artsakh informa che le squadre di soccorso dell’Artsakh oggi non effettueranno lavori di ricerca a causa delle condizioni meteorologiche sfavorevoli.

(18 feb 21) INCONTRO LAVROV AIVAZIAN – A Mosca il ministro degli Esteri armeno Ara Aivazian e quello russo Sergei Lavrov hanno discusso dell’attuazione degli accordi sul Karabakh durante una breve visita di lavoro di Aivazian in Russia. Le parti hanno discusso lo scambio di prigionieri di guerra, l’assistenza umanitaria, lo sblocco dei collegamenti di trasporto nella regione, anche nel contesto degli sforzi attraverso un gruppo di lavoro trilaterale a livello di viceprimi ministri.

(17 feb 21) RINVIO ELEZIONI AMMINISTRATIVE – Il presidente dell’Artsakh ha firmato oggi un decreto in cui si afferma che le elezioni degli organi di autogoverno locale non si terranno nelle comunità del Paese fino al 1° marzo 2022 a causa della legge marziale. Il decreto prevede che la durata dei poteri degli organi di autogoverno locale esistenti sia prorogata fino alla prima sessione degli organi di autogoverno locale neoeletti, e in caso di cessazione anticipata dei poteri di capo di comunità o di membro di consiglio degli anziani, capo della comunità facente funzione e membri saranno nominati a quelle posizioni, nelle comunità rurali su decisione del capo dell’amministrazione del distretto pertinente. La disposizione riguarda eventuali rinnovi a scadenza anticipata o cessazione di incarichi in quanto le elezioni amministrative generali si sono svolte nel 2019 e la prossima tornata elettorale è prevista per il 2023.

(17 feb 21) TELEFONATA PUTIN PASHINYAN – Il primo ministro dell’Armenia Nikol Pashinyan ha tenuto una conversazione telefonica con il presidente russo Vladimir Putin. Le parti hanno discusso il processo di attuazione della dichiarazione trilaterale firmata il 9 novembre 2020. Il rapido ritorno dei prigionieri di guerra e di altri detenuti è stato particolarmente evidenziato. Il premier armeno ha espresso preoccupazione per il fatto che l’Azerbaigian non attua pienamente quel particolare punto della dichiarazione congiunta. In giornata una delegazione armena guidata dal ministro degli Esteri Aivazian è giunta a Mosca per colloqui con l’omologo Lavrov.

(17 feb 21) ACCUSA DI TRADIMENTO – Ci sarebbe un’accusa di alto tradimento presentata davanti al procuratore generale della repubblica a carico di alcuni cittadini dell’Artsakh accusati di intelligence con il nemico durante la guerra. E’ stato presentato un rapporto sul crimine e sono in corso indagini.

(17 feb 21) GRUPPO DI MINSK – I copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE (Igor Popov della Federazione Russa, Stephane Visconti della Francia e Andrew Schofer degli Stati Uniti d’America) hanno rilasciato oggi la seguente dichiarazione: ” I copresidenti hanno parlato separatamente in videoconferenza con il ministro degli Esteri armeno Ara Aivazian e il ministro degli esteri azero Jeyhun Bayramov il 16 febbraio. Alle chiamate ha partecipato anche il Rappresentante personale del Presidente in esercizio dell’OSCE (PRCiO) Andrzej Kasprzyk. I copresidenti si sono impegnati con ciascun ministro in un lungo e sostanziale scambio di opinioni su questioni relative alla promozione della stabilità nella regione, le modalità del processo di mediazione e il ruolo del rappresentante personale del presidente in esercizio“.

(17 feb 21) LINGUA RUSSA – Il progetto di legge sugli emendamenti alla legge sulla lingua che sta circolando nel parlamento dell’Artsakh propone di dare uno status ufficiale, non statale alla lingua russa secondo quanto riferisce alla stampa il vicepresidente del parlamento dell’Artsakh Gagik Baghunts. “Vorrei precisare che il disegno di legge prevede di dare uno status di lingua ufficiale alla lingua russa, non uno status di Stato che circola in alcuni media. Questa iniziativa è in particolare collegata alla presenza a lungo termine delle forze di pace russe in Artsakh, che rende necessario dare una soluzione legale ai problemi di comunicazione con le forze di pace e la Russia. Il progetto di legge sulle modifiche alla legge sulla lingua è attualmente in fase di dibattito parlamentare. Successivamente verrà messo in un dibattito pubblico e forse subirà alcuni cambiamenti sulla base delle proposte ”, ha detto Gagik Baghunts.

(17 feb 21) EMERGONO PARTICOLARI SU CONSEGNA CORPI – I corpi dei 106 caduti armeni sono stati consegnati dagli azeri alla camera mortuaria di Stepanakert. I corpi sono irriconoscibili in quanto erano stati originariamente sepolti e poi disseppelliti. Saranno necessari esami DNA per stabilire l’identità. Undici di loro sono provvisti di documenti e questo consetirà una più agevole identificazione. Secondo alcune fonti, anche la parte armena provvederà a consegnare i cadaveri di soldati azeri sepolti durante il conflitto.

(16 feb 21) CONSEGNATI 106 CORPI – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha pubblicato oggi sulla sua pagina Facebook quanto segue: “Sulla base di un accordo raggiunto attraverso la cooperazione per soluzioni alle questioni umanitarie e attraverso la mediazione del contingente russo di peacekeeping in Artsakh, oggi la parte azera ha consegnato i corpi di 106 persone uccise durante i 44 giorni di guerra.
Continua la ricerca dei corpi di coloro che sono morti durante la guerra e dei soldati eventualmente in vita. noltre, le parti hanno iniziato a compiere sforzi per cercare i corpi delle vittime armene e azerbaigiane della guerra che ha avuto luogo negli anni ’90 e scambiare i corpi
.” Non è dato sapere se i corpi oggi consegnati siano di civili o militari.

(16 feb 21) CONSIGLIO DI SICUREZZA – Il presidente dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh) Arayik Harutyunyan ha convocato oggi una sessione allargata del Consiglio di sicurezza. I partecipanti alla sessione hanno discusso delle attività in Artsakh e hanno toccato in particolare i problemi che devono affrontare i cittadini rimasti senza casa e le soluzioni a tali problemi.

(16 feb 21) LISTA CADUTI – L’Esercito di difesa dell’Artsakh ha condiviso un nuovo elenco di soldati caduti, pubblicando i dati su altri 132 soldati uccisi nella guerra del Nagorno Karabakh. Il bilancio delle vittime militari da parte armena ha raggiunto 2.336.

(16 feb 21) PRESIDENTE HARUTYUNYAN – Il Presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha ricevuto oggi il Presidente del Comitato del Catasto di Stato dell’Armenia Suren Tovmasyan e il suo vice Aram Petrosyan. Durante l’incontro è stata discussa la cooperazione tra le rispettive strutture dell’Armenia e dell’Artsakh. Il presidente dell’Artsakh ha informato che dopo la recente guerra sono in corso nella Repubblica progetti di sviluppo urbano su larga scala, sottolineando l’importanza di un lavoro armonioso con il governo dell’Armenia. Alla riunione ha partecipato anche il presidente del catasto dell’Artsakh e del comitato per la gestione della proprietà statale Karen Shahramanyan.

(16 feb 21) CONSEGNATO CORPO – Gli azeri hanno consegnato il corpo di un soldato armeno la cui identità dovrà essere desunta da esame dna. Ieri le squadre di ricerca non hanno rinvenuto altri resti, oggi le attività sono sospese.

(16 feb 21) AGGIORNAMENTO COVID – Ieri 140 cittadini dell’Artsakh sono stati testati per COVID-19 e sono stati confermati 9 nuovi casi. I pazienti sono contatti di focolai precedentemente confermati. Attualmente, un paziente sta ricevendo cure ospedaliere ei pazienti con forme lievi del virus stanno ricevendo cure ambulatoriali a casa.

(15 feb 21) 110.000 RIMPATRI – Quasi 110.000 cittadini sono tornati in Artsakh. Lo ha dichiarato oggi Artak Beglaryan, Capo staff del presidente dell’Artsakh ed ex ombudsman. Circa diecimila sono coloro che al momento soggiornano in hotel o appartamenti in affitto. Prima della guerra la popolazione della repubblica ammontava a 150.000 abitanti: questo significa che circa tre quarti della cittadinanza è ora presente in Artsakh.

(15 feb 21) DICHIARAZIONI DI ALIYEV – La dichiarazione trilaterale sul Nagorno Karabakh firmata il 10 novembre 2020 è diventata “il riconoscimento della capitolazione dell’Armenia” e ha permesso all’Azerbaigian “di recuperare le regioni di Lachin (Kashatagh) e Kalbajar (Karvachar)“. Questo è quanto ha detto il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev durante una visita in Kashatagh. “Durante i negoziati, non hanno mai voluto restituirci le regioni di Lachin e Kalbajar. Questa è stata la ragione principale della mancanza di un accordo durante i negoziati. Sfortunatamente, l’Armenia e i suoi numerosi sponsor stranieri aspiravano al ritorno di cinque regioni in Azerbaigian, l’Azerbaigian ne era soddisfatto, il Nagorno Karabakh avrebbe ricevuto l’indipendenza e le regioni di Kalbajar e Lachin sarebbero rimaste per sempre sotto il controllo dell’Armenia, ma ho rifiutato questa offerta “, ha detto.

(14 feb 21) HARUTYUNYAN RICEVE MIN. ECONOMIA – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha ricevuto il ministro dell’Economia armeno Vahan Kerobyan. Sottolineando il ruolo del governo dell’Armenia nell’eliminazione della devastazione causata all’economia dell’Artsakh a seguito della recente guerra, il Presidente ha evidenziato la necessità di proseguire gli sforzi congiunti e coordinati per ripristinare il livello di attività economica desiderata in Artsakh nel più breve tempo possibile tempo.

(14 feb 21) PELLEGRINAGGIO A DADIVANK – 15 pellegrini armeni hanno effettuato oggi un pellegrinaggio a Dadivank che hanno raggiunto scortati da soldati russi.

(14 feb 21) DISABILITA’ POST GUERRA – Dal 27 settembre 2020, un totale di 457 persone hanno presentato domanda e sono state esaminate per essere incluse in gruppi di disabilità, e 368 di loro sono state riconosciute come disabili. Lo ha dichiarato il ministero del Lavoro e degli affari sociali dell’Armenia in risposta a un’inchiesta dell’agenzia “NEWS.am”.

(13 feb 21) NUOVA EDILIA RESIDENZIALE – Il presidente Harutyunyan si è recato in visita nel villaggio di Astkhashen (regione di Askeran) per prendere confidenza con il progetto riguardante duecento nuove abitazioni destinate a coloro che hanno perso casa a causa della guerra.

(13 feb 21) SMINAMENTO – Le forze di pace russe riferiscono che è stato completato il lavoro di sminamento nella regione di Martuni.

(12 feb 21) INCONTRO SU PRIGIONIERI E DISPERSI – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan insieme al direttore del Servizio di sicurezza nazionale dell’Armenia, il colonnello Armen Abazyan e al comandante delle unità di mantenimento della pace russe in Artsakh, il tenente generale Rustam Muradov, ha incontrato oggi un rappresentante ufficiale azero nel territorio controllato dalle forze di pace russe. “Il ritorno dei prigionieri di guerra, le perquisizioni dei dispersi in azione e altre questioni umanitarie sono state discusse“, ha detto Lusine Avanesyan, portavoce presidenziale, aggiungendo che le parti hanno anche discusso il destino dei dispersi dalla guerra negli anni ’90.

(12 feb 21) RIUNIONE TRILATERALE – Oggi il viceministro degli Esteri dell’Armenia Mher Grigoryan, il suo omologo russo Alexei Overchuk e azero Shahin Mustafayev hanno tenuto in video conferenza la 3a sessione del gruppo di lavoro trilaterale attraverso una videoconferenza. Durante la sessione le parti hanno discusso il processo del lavoro congiunto basato sul punto 9 del 9 novembre 2020 dichiarazione trilaterale firmata dai leader di Armenia, Russia e Azerbaigian, nonché i punti 2,3 e 4 del 9 gennaio 2021 dichiarazione. (corridoi economici di transito).

(12 feb 21) SMINAMENTO TERRITORI – Gli specialisti del ministero della Difesa russo continuano i lavori di sminamento nel territorio del Nagorno Karabakh. Le unità ingegneristiche delle forze russe di mantenimento della pace hanno già bonificato quasi 1343,3 ettari di terreno, 420,8 km di strade. Sono stati trovati e neutralizzati 24.268 ordigni esplosivi.

(12 geb 21) OMBUDSMAN A SHOSH – Arsen Sarajyan, il difensore civico ad interim dell’Artsakhj, coadiuvato da personale dell’Ufficio ha visitato il villaggio di Shosh della regione di Askeran per conoscere il lavoro svolto per ripristinare la vita normale nella comunità e per valutare la situazione della tutela dei diritti dei cittadini. Secondo il capo della comunità, sono in corso i lavori necessari per riportare la popolazione della comunità nei luoghi di residenza; più della metà dei residenti è tornata.

(12 feb 21) NUOVO CASO COVID – Ieri sono stati condotti in totale 58 test COVID-19, dai quali è stato confermato un nuovo caso di coronavirus in Artsakh. Al momento ci sono cinque pazienti in trattamento ospedaliero.

(11 feb 21) PROFANAZIONE MONUMENTI – La portavoce del Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa Maria Zakharova ha commentato in risposta alla domanda di un giornalista armeno sugli azeri che profanano un monumento agli eroi della Grande Guerra Patriottica nel villaggio armeno di Avetaranots nella regione di Askeran del Nagorno- Karabakh: “La Russia parte dal fatto che la sua posizione di principio sulla profanazione dei monumenti è ben nota, vale a dire che qualsiasi profanazione di un monumento è inaccettabile. Quando si tratta della profanazione di monumenti agli eroi della Grande Guerra Patriottica, non può esserci nessun’altra posizione.”

(11 feb 21) INGRESSO IN ARTSAKH – Nessun cambiamento radicale è avvenuto nelle procedure di ingresso nella Repubblica dell’Artsakh come confermato oggi dal ministro degli Esteri dell’Artsakh Davit Babayan in seduta parlamentare, in risposta alla domanda del vicepresidente Gagik Baghunts. “Continuiamo a concedere visti d’ingresso ai cittadini di quei Paesi che necessitano di ottenere il rispettivo permesso. Inoltre, ci sono paesi i cui cittadini non sono tenuti a ottenere un visto di ingresso, tuttavia, devono visitare la rappresentanza permanente dell’Artsakh in Armenia e ottenere un rispettivo documento che consentirà il loro ingresso nell’Artsakh. La necessità di regolare ulteriormente questo processo è collegata alla preoccupazione delle forze di pace russe secondo le quali alcuni gruppi terroristici potrebbero entrare nell’Artsakh. Se riescono a compiere un’azione in Artsakh, la responsabilità è anche della missione russa di mantenimento della pace. Pertanto, la procedura di ingresso dovrebbe essere ulteriormente regolamentata ”, ha detto, aggiungendo che i documenti dei cittadini stranieri vengono inviati anche alle forze di pace russe. “Hanno più opportunità di sapere se quella persona in visita è coinvolta o meno in un gruppo terroristico“, ha aggiunto, sottolineando che tutti questi regolamenti aumenteranno il livello di sicurezza. Babayan ha affermato che l’ingresso degli armeni della diaspora nell’Artsakh non sarà limitato in alcun modo. “Dovranno solo aspettare un giorno, in modo che la lista venga presentata per evitare problemi“, ha detto il ministro.

(11 feb 21) PRESIDENTE INCONTRA FAMILIARI PRIGIONIERI E SCOMPARSI – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha ricevuto oggi un gruppo di parenti dei dispersi ai quali ha presentato le attività di ricerca di queste persone scomparse, i loro risultati ascoltando allo stesso tempo le rispettive osservazioni e preoccupazioni dei familiari. Harutyunyan ha osservato che le operazioni di ricerca in corso sono multiformi e che sono coinvolte sia la parte armena che quella russa, così come il Comitato internazionale della Croce Rossa e la parte azera. Parte del processo, ovviamente, non è pubblico, ma secondo il presidente, tutto è stato fatto e sarà fatto per scoprire la sorte dei militari e dei civili scomparsi e per far tornare i prigionieri. “Il lavoro sul ritorno dei prigionieri continuerà fino al ritorno dell’ultimo prigioniero, indipendentemente da tutte le difficoltà esistenti“, ha detto Arayik Harutyunyan.

(11 feb 21) RITORVAMENTO CORPI – Le squadre di ricerca hanno recuperato ieri altri quattro corpi nella zona di Varanda (Fizuli). Il totale dei ritrovamenti sale a 1.371.

(11 feb 21) LE RAGIONI DELLA SCONFITTA – La sconfitta nella guerra scatenata contro l’Artsakh (Nagorno-Karabakh) è dovuta alle attività che la nostra generazione ha svolto per trenta anni. Questo è quanto ha dichiarato oggi ai giornalisti il ​​ministro dell’Economia dell’Armenia Vahan Kerobyan. Kerobyan ha detto che i risultati sarebbero stati diversi, se ci fosse stato un esercito forte e territori popolati in Artsakh, ma ha aggiunto che non crede che gli altri siano pienamente responsabili e farà tutto il possibile per cambiare la situazione.

(10 feb 21) STRADA ALTERNATIVA NEL SYUNIK – Il governo armeno sta progettando di costruire una strada alternativa nella regione del Syunik. Quella attualmente esistente tra Goris, Kapan e Meghri a causa dell’accordo post bellico si trova in alcuni tratti addirittura dentro il territorio occupato dagli azeri o lo sfiora.

(10 feb 21) TASSE IN ARTSAKH – Il Comitato per la gestione finanziaria e di bilancio dell’Assemblea nazionale dell’Artsakh ha convocato una riunione per l’approvazione – in seconda lettura – del pacchetto di proposte di legge relative ai privilegi fiscali e la modifica dei progetti di legge.
La bozza di pacchetto propone tra l’altrouna disposizione nella Legge sulle Tasse, secondo la quale il 50% delle tasse pagate dalle organizzazioni e dai singoli imprenditori sarà utilizzato per rimborsare i prestiti da loro ricevuti fino al 1 ottobre 2020 e gli interessi pagati per il loro mantenimento.

(10 feb 21) RICERCHE CORPI – Sono riprese oggi le operazioni di ricerca dei corpi dei caduti nella zona di Varanda (Fizuli) dopo uno stop di due giorni reso necessario da avvicendamenti nelle forze armate russe e azere.

(9 feb 21) ITALIA E AZERBAIGIAN – L’Italia nega le notizie diffuse da media azeri secondo i quali l’Azerbaigian sarebbe stato invitato a partecipare al vertice del G20 di Roma del 2021. L’Ambasciata italiana in Armenia ha riferito che tali notizie sono “infondate”. “Le notizie secondo cui l’Italia ha invitato l’Azerbaigian a essere presente al vertice del G20 sono infondate e in nessun altro modo questa informazione è stata diffusa o approvata“, ha detto alla stampa l’incaricato d’affari Giovanni Nicola Dionisi in risposta a una richiesta scritta. Per la cronaca, al G20 dei Paesi industrializzati partecipa anche la Turchia.

(9 feb 21) MORTI QUATTRO AZERI – Quattro soldati azeri, fra i quali un alto ufficiale, sono rimasti uccisi a causa dello scoppio di una mina nel territorio di Mataghis finito sotto controllo dell’Azerbaigian dopo la guerra.

(9 feb 21) INCONTRO PASHINYAN HARUTYUNYAN – A Yerevan si è svolta una riunione alla quale hanno partecipato il primo ministro dell’Armenia e il presidente dell’Artsakh. I lavori sono stati incentrati sui progetti di infrastrutture da realizzare nella regione.

(9 feb 21) DADIVANK – A un gruppo di pellegrini armeni è stato impedito dalle forze azere, che ora controllano il territorio, l’accesso al monastero di Dadivank che è sotto sorveglianza russa. Le autorità dell’Azerbaigian pretendono ora di ricevere in anticipo la lista delle persone che si recheranno in pellegrinaggio nel monastero. Il prelato della diocesi di Artsakh della Chiesa apostolica armena, il vescovo Vrtanes Abrahamyan ha dichiarato che “ora ci chiedono di presentare in anticipo le liste nominali. Pertanto, domenica forniremo la lista dei pellegrini con le forze di pace per non avere altre difficoltà ad entrare a Dadivank ”. i pellegrini dall’Armenia visitano Dadivank accompagnati dalle forze di pace russe.

(9 feb 21) OPERAZIONI DI RICERCA – Le operazioni di ricerca di corpi di soldati armeni nei territori ora occupati dagli azeri sono oggi sospese a causa di cambio turno nelle file dell’esercito di Baku

(8 feb 21) SALTA IN ARIA AUTO AZERA – Un’auto guidata da un cittadino azero è saltata in aria per lo scoppio di una mina nel territorio di Jibrayil. Il conducente è morto sul colpo, non si sa se vi erano passeggeri a bordo ma secondo media azeri sul veicolo potevano trovarsi “alcune persone”

(8 feb 21) PROCEDURE INGRESSO IN ARTSAKH – Il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica dell’Artsakh ha rilasciato la nuova procedura per l’ingresso nel territorio della Repubblica dell’Artsakh. La nota afferma che, per motivi di sicurezza, i cittadini stranieri devono presentare una domanda in anticipo per ricevere il permesso di ingresso. La procedura si applica ai cittadini dei paesi per i quali esiste un regime di visti, nonché ai cittadini dei paesi senza visto. Le informazioni sulle richieste vengono trasmesse anche alle forze di pace russe, tenendo conto delle considerazioni di sicurezza.

(8 feb 21) RITROVAMENTI – Altri due corpi sono stati ritrovati ieri dalle squadre di ricerca nella zona di Varanda (Fizuli). Saranno trasferiti all’ufficio di medicina legale per l’esame del dna e il riconoscimento

(7 feb 21) SOLDATI SCOMPARSI – Il centro di accoglienza di Stepanakert, dove è stata organizzata una linea diretta per raccogliere informazioni sui soldati scomparsi nel conflitto del Nagorno Karabakh, continua a essere operativo. La ricerca degli scomparsi è effettuata dal contingente russo di mantenimento della pace in collaborazione con i rappresentanti del Comitato internazionale della Croce Rossa, dell’Azerbaigian e dell’Armenia. Tutte le richieste vengono registrate, inserite nel database e trasferite a gruppi di ricerca congiunti. In totale, più di 2.392 persone si sono rivolte al centro di accoglienza per chiedere aiuto, di cui 584, chiamando la hotline.

(7 feb 21) RICERCHE CORPI – Le quattro squadre di ricerca dei corpi dei caduti nella giornata di ieri non hanno rinvenuto alcun resto. Nel giorno precedente un solo corpo dopo i due giorni di blocco ricerche imposti dalle autorità azere.

(6 feb 21) SERVIZI PUBBLICA UTILITA’ – Ammontano a 12 miliardi di dram (oltre 19 milioni di euro) i sussidi previsti per rimborsare i servizi di pubblica utilità dei residenti dell’Artsakh. Una riunione congiunta dei Comitati permanenti per la produzione e le infrastrutture di produzione e per la gestione finanziaria, di bilancio e economica si è svolta oggi presso l’Assemblea nazionale dell’Artsakh. A questo incontro sono stati invitati anche membri del governo, guidati dal ministro delle finanze di Stato Grigori Martirosyan, nonché funzionari delle società Artsakhenergo e Artsakhgaz.

(6 feb 21) PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA – Il presidente dell’Artsakh Arayik Harutyunyan ha oggi firmato un decreto che nomina Lusine Avanesyan come Segretaria stampa presidenziale.

(5 feb 21) UNESCO – L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO) spera che il viaggio della sua missione preliminare in Nagorno Karabakh e nelle regioni adiacenti dell’Azerbaigian si svolga nel prossimo futuro. Un portavoce dell’organizzazione al riguardo ha osservato che le discussioni su questo argomento continuano.

(5 feb 21) RIPRESE RICERCHE – Il Servizio di Stato per le situazioni di emergenza dell’Artsakh informa che dopo una pausa di due giorni dovuta al divieto da parte delle autorità azere, le squadre di soccorso del Servizio hanno oggi ripreso le loro operazioni di ricerca e soccorso per trovare i corpi dei militari caduti e di coloro che sono scomparsi durante la recente guerra. La ricerca è attualmente in corso nelle regioni di Hadrut, Varanda (Fizuli) e Jrakan (Jabrayil).

(4 feb 21) RIENTRO RIFUGIATI – Altri 62 cittadini sono rientrati oggi in Artsakh portando il numero totale dei rientri a oltre 52.000 (52.158).

(4 feb 21) PRIGIONIERI DI GUERRA – Il capo dei programmi di comunicazione e prevenzione della delegazione del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) in Armenia Zara Amatuni ha informatonche i rappresentanti del CICR hanno visitato quattro prigionieri di guerra armeni in Azerbaigian. “L’1 e 2 febbraio, i rappresentanti del Comitato internazionale della Croce Rossa hanno visitato quattro civili e militari armeni che sono tenuti in Azerbaigian a seguito della recente escalation nel Paese. Durante le visite, abbiamo fornito loro l’opportunità di contattare i loro parenti ”, ha detto Amatuni, aggiungendo che ai rappresentanti sono state fornite informazioni sulle condizioni dei prigionieri di guerra e sulle loro condizioni di salute.

(4 feb 21) RAPPRESENTANZE ARTSAKH – La Rappresentanza Permanente della Repubblica dell’Artsakh in Russia non cesserà le operazioni; lo ha confermato il ministero degli Esteri dell’Artsakh, smentendo le notizie secondo cui sarebbe stata chiusa. “Tali informazioni sono false. Le Rappresentanze Permanenti della Repubblica dell’Artsakh che operano in Paesi stranieri continuano normalmente le loro attività, volte alla protezione degli interessi della Repubblica dell’Artsakh e dei suoi cittadini nei paesi ospitanti, allo sviluppo e all’avanzamento di legami reciprocamente vantaggiosi in vari settori e altri funzioni previste dalla legge ”, ha detto il ministero degli Esteri.

(4 feb 21) AGGIORNAMENTO COVID – Il ministero della Salute dell’Artsakh informa che mercoledì sono stati condotti 49 test COVID-19 dai quali sono stati confermati dieci nuovi casi di coronavirus in Artsakh. Al momento, 25 persone stanno ricevendo cure ospedaliere per il COVID-19.

(4 feb 21) JALAL HARUTYUNYAN – Jalal Harutyunyan, ex ministro della Difesa dell’Artsakh ed ex comandante dell’Esercito della Difesa, è stato nominato Capo del Servizio di Sorveglianza Militare del Ministero della Difesa dell’Armenia. Harutyunyan, durante la recente guerra, rimase gravemente ferito e fu dunque avvicendato nei suoi incarichi

(4 feb 21) BALASANYAN SMENTISCE VOCI – Il Segretario del Cosngilio di sicurezza nazionale ha smentito voci secondo le quali una bandiera dell’Azerbaigian sarebbe stata collocata in piazza della Rinascita a Stepanakert. Ha altresì escluso che l’Esercito di difesa dell’Artsakh possa essere smantellato ma ha confermato che sarà riorganizzato.

(3 feb 21) POLITICA IN ARTSAKH – Il quotidiano “Hraparak” dell’Armenia scrive che corre voce in Artsakh che le recenti frequenti visite del presidente Arayik Harutyunyan a Mosca abbiano per obiettivo quello di rafforzare il proprio potere e affrancarsi dal Primo Ministro dell’Armenia Nikol Pashinyan, poco gradito dalla leadership russa. Secondo persone ben informate, sempre a detta del giornale, Harutyunyan si renderebbe conto che la fine del governo di Pashinyan è vicina, e quindi vuole assicurarsi in anticipo una posizione autonoma per non essere anche lui vittima del cambio politico.

(3 feb 21) RIUNIONE VICE PRIMI MINISTRI – Il secondo incontro sui corridoi economici della regione (dopo quello del 30 gennaio), inizialmente programmato per il 2 febbraio, si terrà comunque nel mese in corso; la data deve essere ancora confermata.

(3 FEB 21) ALIYEV CHIAMA IMPRESE ITALIANE – Il presidente azero Ilham Aliyev ha invitato le aziende italiane ad operare nei territori occupati. Il presidente dell’Azerbaijan ha presentato questa prospettiva durante un incontro con la delegazione guidata dal presidente del Gruppo Maire Tecnimont (ingegneria e costruzione) Fabrizio Di Amato. Aliyev ha espresso la speranza che le aziende italiane siano molto attive nella realizzazione di progetti per il ripristino dei” territori liberati “. Alcune aziende italiane sono già state invitate a partecipare a lavori di restauro e costruzione.

(3 feb 21) AZERI BLOCCANO RICERCHE – Nella giornata odierna non sono state eseguite operazioni di ricerca nei territori occupati dell’Artsakh in quanto le autorità dell’Azerbaigian non lo hanno permesso. Probabilmente sono in corso alcuni interventi di ingegneria edile o spostamenti militari che gli azeri vogliono mantenere segreti.

(3 feb 21) RICONOSCIMENTO INTERNAZIONALE – Il South Australia è diventato il secondo stato in Australia a riconoscere i diritti all’autodeterminazione della Repubblica dell’Artsakh, condannando l’Azerbaigian e la Turchia per la loro invasione in una mozione approvata con un voto alla Camera dell’Assemblea. La mozione fa seguito a quella approvata dall’Assemblea legislativa del Parlamento del Nuovo Galles del sud nell’ottobre 2020, che allo stesso modo “chiede al governo federale di riconoscere anche la Repubblica di Artsakh come l’unica soluzione permanente al conflitto per evitare ulteriori tentativi di tale aggressione militare”.

(2 feb 21) NUOVI INTERVENTI EDILIZIA ABITATIVA – Il ministero dello Sviluppo urbano ha avviato una serie di progetti di edilizia abitativa in diverse località dell’Artsakh. E’ già pronto un progetto preliminare per la costruzione di un quartiere residenziale di 100 case nel villaggio di Varanda (Martuni), ed è allo studio un altro per la costruzione di 150 case in Astghashen (Askeran). Il governo prevede di costruire un comprensorio ad Askeran con 246 appartamenti, a Martuni con 130 oltre che nella capitale Stepanakert. Altre 100 case saranno costruite nel villaggio di Aknaberd (Shahumyan) per i cittadini sfollati dell’Artsakh.

(2 feb 21) PARTITO POPOLARE EUROPEO – “I membri dell’Assemblea politica del Partito popolare europeo (PPE) hanno invitato l’Azerbaigian ad accelerare lo scambio di prigionieri di guerra, detenuti e corpi dei morti e chiedono il loro rilascio immediato; ha esortato la Commissione europea a portare avanti questa questione umanitaria nelle relazioni attuali e future con l’Azerbaigian e ha invitato il Parlamento europeo a discutere con urgenza il processo di scambio di prigionieri di guerra e prigionieri del Nagorno Karabakh ”, si legge nel comunicato.

(2 feb 21) AIUTI DALL’ONU – L’ONU ha fornito due milioni di dollari di assistenza finanziaria alle persone sfollate dal Nagorno Karabakh e dintorni e alle comunità colpite in Armenia, come riferisce il sito web ufficiale dell’ONU Armenia. ”Le Nazioni Unite in Armenia hanno rapidamente mobilitato una risposta e dall’inizio di ottobre hanno iniziato a integrare il sostegno umanitario del governo fornito da dieci comuni prioritari e dal Ministero del lavoro e degli affari sociali agli sfollati. Il sistema delle Nazioni Unite ha messo in atto una struttura con cinque gruppi di lavoro tematici sotto la guida generale dell’Ufficio del coordinatore residente e con il supporto dell’UNHCR, per coordinare gli sforzi delle Nazioni Unite e dei partner umanitari, lavorando a stretto contatto con il governo e le autorità municipali” si legge tra l’altro.

(2 feb 21) COMUNICATO MINISTERO ESTERI ARTSAKH – “Recentemente, abbiamo assistito a una campagna di informazione dell’Azerbaigian, che, nel tentativo di dimostrare il presunto sostegno internazionale all’aggressione armata turco-azera contro l’Artsakh, diffonde messaggi di congratulazioni da parte di rappresentanti di alcune organizzazioni internazionali e circoli politici di un certo numero di paesi su la “liberazione” dei territori cosiddetti “occupati” da parte dell’Azerbaigian.” Lo ha rilevato in un commento il ministero degli Affari esteri dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh) che chiede a tutti i Paesi e alle organizzazioni di essere estremamente attenti e corretti nelle loro dichiarazioni sul conflitto Azerbaigian-Karabakh, per evitare dichiarazioni che potrebbero influire negativamente sugli sforzi internazionali per la soluzione globale del conflitto, il mantenimento della pace e della stabilità nella regione, oltre a ferire i sentimenti di migliaia di persone.

(2 feb 21) AZERI SALTANO SU MINA – Un azero morto e due feriti a seguito dell’esplosione di una mina nella zona di Fizuli ora sotto controllo dell’Azerbaigian. Lo riportano media dell’Azerbaigian.

(2 feb 21) CONSEGNATI DUE AZERI – Con la mediazione delle forze di pace russe, due azeri che erano detenuti dal Servizio di sicurezza nazionale armeno nel villaggio di Tegh (Syunik) sono stati riconsegnati all’Azerbaigian.

(2 feb 21) ASSEMBLEA PARLAMENTARE – Ruben Rubinyan – capo della delegazione dell’Armenia all’PACE (Assemblea Parlamentare del Cosiglio d’Europa), presidente della Commissione permanente per le relazioni estere dell’Assemblea nazionale (NA) e deputato del blocco dirigente My Step – nel corso di una conferenza stampa ha dichiarato che in questa fase la parte azera sta cercando di dimostrare che il conflitto nel Nagorno Karabakh (Artsakh) è risolto e finito; ma la delegazione armena, al contrario, ha mostrato che ci sono questioni irrisolte, e Baku sta violando la disposizione della dichiarazione trilaterale del 9 novembre. Secondo lui, più appelli vengono fatti in questo contesto all’Azerbaigian dalla comunità internazionale e meglio è. “Ha un certo effetto. I primi casi di pressione internazionale sull’Azerbaigian sulla questione dei prigionieri sono già stati notati”, ha aggiunto Rubinyan.

(2 feb 21) AGGIORNAMENTO COVID – Il ministero della Salute dell’Artsakh informa che ieri sono stati condotti 24 test COVID-19 dai quali è stato confermato un nuovo caso di coronavirus in Artsakh. Finora sono stati accertati 2.335 casi di COVID-19 e 31 di questi hanno provocato la morte. Al momento, 19 persone stanno ricevendo cure ospedaliere per il coronavirus.

(2 feb 21) RITROVAMENTI CORPI – Altri nove copri sono stati ritrovati ieri nel corso delle ricerche nella zona di Varanda (Fizuli). Sono stati disposti esami autoptici per risalire all’identità dei corpi. Il totale dei cadaveri ritrovati ammonta a 1354

(1 feb 21) NUOVO CAMPO RUSSO – Un altro campo modulare è stato installato in Artsakh per le forze di pace russe secondo quanto comunivcato dal ministero della Difesa russo. Il campo è stato costruito a Khachmach (regione di Askeran) per ospitare gli specialisti del ministero della Difesa russo. In precedenza, tre campi simili sono stati installati in Artsakh per il contingente russo di pace.

(1 feb 21) NAZIONI UNITE SU PRIGIONIERI E DISPERSI – Gli esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite hanno chiesto il rilascio immediato dei prigionieri di guerra e di altri prigionieri del conflitto del Nagorno Karabakh e la restituzione dei corpi dei morti per la sepoltura nel dovuto rispetto delle usanze culturali. Tutti coloro che sono stati privati della libertà per motivi legati al conflitto dovrebbero essere riportati alle loro case, e i parenti delle persone uccise dovrebbero essere in grado di recuperare i resti dei loro cari in conformità con l’accordo di cessate il fuoco firmato il 9 novembre 2020. La mancata divulgazione di informazioni sul destino e l’ubicazione delle persone scomparse e il rifiuto di consegnare i resti dei morti può equivalere a una sparizione forzata, che sia l’Azerbaigian che l’Armenia si sono impegnate a prevenire, hanno osservato.

(1 feb 21) LUPI GRIGI – Il ministero degli Affari esteri dell’Artsakh ha rilasciato un comunicato stampa nel quale condanna i ventilati progetti dell’organizzazione estremistica turca dei Lupi grigi nei territori occupati dell’Artsakh e in particolare a Shushi. [APPROFONDIMENTO QUI]

(1 feb 21) MEDVEDEV SU NAGORNO KARABAKH – La questione della risoluzione del conflitto in Karabakh dovrebbe essere discussa anche con la Turchia; queste sono le realtà della regione, ha affermato Dmitry Medvedev, vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo ed ex presidente e primo ministro russo. “La Turchia è un nostro vicino e un partner molto importante e un paese molto vicino per l’Azerbaigian; questo fattore non può essere ignorato”, ha detto in un’intervista ai giornalisti russi, rispondendo a una domanda sul ruolo della Turchia nel processo di pace nel Nagorno Karabakh.