Articoli

Incontro trilaterale di Bruxelles: la dichiarazione di Michel

A conclusione dell’incontro trilaterale, durato oltre quattro ore, il Presidente del Consiglio europeo ha rilasciato la seguente nota:

Il Presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha ospitato il Presidente della Repubblica dell’Azerbaigian, Ilham Aliyev, e il Primo Ministro della Repubblica di Armenia, Nikol Pashinyan, per il proseguimento dei loro dibattiti sulla situazione nella regione del Caucaso meridionale e lo sviluppo delle relazioni dell’UE con entrambi i paesi.

Il presidente Michel ha ribadito l’impegno dell’UE ad approfondire la sua cooperazione con l’Armenia e l’Azerbaigian per lavorare a stretto contatto per superare le tensioni e promuovere un Caucaso meridionale che sia sicuro, stabile, pacifico e prospero a beneficio di tutte le persone che vivono nella regione.

I leader hanno fatto il punto sugli sviluppi dall’ultimo incontro a Bruxelles nel dicembre 2021 e dalla loro videoconferenza, insieme al presidente Macron, nel febbraio 2022. Hanno esaminato i progressi nell’attuazione degli impegni assunti. Hanno discusso delle recenti tensioni segnalate e hanno ribadito la necessità di aderire pienamente alle disposizioni della dichiarazione trilaterale del 9/10 novembre 2020. Hanno accolto con favore l’incontro degli alti rappresentanti dell’Armenia e dell’Azerbaigian il 30 marzo 2022 sotto gli auspici dell’UE a Bruxelles e hanno convenuto sulla necessità di continuare questo impegno per garantire un seguito adeguato agli accordi raggiunti a livello di leader.

Il presidente Michel ha sottolineato l’importanza dei gesti umanitari di entrambe le parti per promuovere la fiducia e la convivenza pacifica. Ha sottolineato la necessità di una risoluzione completa e rapida di tutte le questioni umanitarie in sospeso, compreso il rilascio dei detenuti rimasti e l’esame esauriente della questione delle persone scomparse, e ha affermato che l’UE è pronta a sostenere tale sforzo. L’UE continuerà altresì a sostenere le misure di rafforzamento della fiducia tra l’Azerbaigian e l’Armenia nonché gli sforzi umanitari di sminamento, anche continuando a fornire consulenza di esperti e rafforzando l’assistenza finanziaria e l’assistenza alle popolazioni colpite dal conflitto, la riabilitazione e la ricostruzione.

Il presidente Michel ha preso atto del desiderio dichiarato sia del presidente Aliyev che del primo ministro Pashinyan di muoversi rapidamente verso un accordo di pace tra i loro Paesi. A tal fine, è stato deciso di incaricare i ministri degli Affari esteri di lavorare alla preparazione di un futuro trattato di pace, che affronterebbe tutte le questioni necessarie.

La delimitazione e la delimitazione del loro confine bilaterale sarà essenziale; a tal fine, in linea con la dichiarazione di Sochi del 26 novembre 2021, è stato anche convenuto di convocare una commissione mista di frontiera entro la fine di aprile. Il mandato della Joint Border Commission sarà di:

1) delimitare il confine bilaterale tra Armenia e Azerbaigian, e
2) garantire una situazione di sicurezza stabile lungo e in prossimità del confine.

Il presidente Michel ha anche sottolineato che garantire l’appropriato distanziamento delle forze è un elemento essenziale per la prevenzione degli incidenti e la riduzione delle tensioni. Il presidente Michel ha riaffermato la disponibilità dell’UE a fornire consulenza e sostegno.

I leader hanno anche discusso del ripristino delle infrastrutture di comunicazione/connettività tra Armenia e Azerbaigian in particolare e più in generale nel Caucaso meridionale. Il presidente Michel ha accolto favorevolmente i passi verso il ripristino delle linee ferroviarie, incoraggiando nel contempo l’Armenia e l’Azerbaigian a trovare soluzioni efficaci anche per il ripristino dei collegamenti stradali. L’UE è pronta a sostenere lo sviluppo di collegamenti di connettività, anche in linea con il suo piano economico e di investimento e utilizzando il forum consultivo economico proposto per identificare progetti comuni.

I leader hanno deciso di dare seguito ai risultati del loro incontro e di rimanere coinvolti.

[traduzione e grassetto redazionale]