Articoli

Harutyunyan, credo in un prospero futuro dell’Artsakh

Arayik Harutyunyan, il neoeletto presidente della Repubblica Artsakh e presidente del partito “Libera patria”, sulla sua pagina Facebook ha scritto sullo sviluppo dell’orticoltura, che è considerato uno dei principi del suo programma pre-elettorale.

Oggi parlerò dello sviluppo dell’orticoltura, che è considerato uno dei principi del nostro programma pre-elettorale. Come sapete, abbiamo annunciato la messa a dimora di 10.000 ettari di nuovi frutteti (melograno, kiwi, noce, pera, ecc.). Svilupperemo questo settore agricolo (che considero un settore significativo e non ancora pienamente realizzato della nostra economia) per portarlo a un nuovo livello.

Il numero totale di frutteti piantati in Artsakh è attualmente inferiore a 6.800 ettari (1.700 ettari dei quali sono uva, 2.150 ettari sono melograni), la maggior parte dei quali sono stati piantati nel periodo 2008-2019.

La semina è stata effettuata principalmente nelle aree che sono state irrigate con il sostegno statale o con mezzi di beneficenza. La maggior parte degli alberelli sono stati forniti dallo Stato su base libera. E al fine di evitare un’altra possibilità di speculazione, vorrei informarvi che i beneficiari di questo programma sono più di 300 nostri compatrioti ”, ha osservato Harutyunyan.

Questa politica, come abbiamo già accennato, sarà non solo continua, ma a spese delle assegnazioni statali, i volumi, le aree irrigate e la più importante responsabilità pubblica e trasparenza delle condizioni per l’utilizzo del programma saranno aumentate. Credo nel futuro prospero di Artsakh. Insieme lo renderemo visibile.”

Arayik Harutyunyan è il nuovo presidente dell’Artsakh

Come da previsioni, il leader del partito “Libera patria” si è imposto al ballottaggio delle presidenziali sul ministro degli Esteri uscente Masis Mayilyan. I primi dati ufficiali della Commissione Elettorale Centrale lo danno sopra l’84% dei voti in un turno di ballottaggio che, vuoi per il risultato scontato vuoi per la paura del Covid 19, ha visto un’affluenza alle urne di gran lunga inferiore al primo turno del 31 marzo dove Harutyunyan aveva sfiorato con oltre il 49% l’elezione diretta. Succede all’uscente Bako Sahakyan.

Nato a Stepanakert 46 anni fa (14 dicembre 1973), Harutyunyan ha ricoperto la carica di Primo ministro dal settembre 2007 al settembre 2017. Quindi per alcuni mesi ha assunto il ruolo di Ministro di Stato. In precedenza tra il 1995 e il 1997 è stato ministro delle Finanze.

Laureato in economia, ha partecipato alla guerra di liberazione unendosi all’esercito di difesa a soli 19 anni. Nel 2005 ha fondato il partito “Libera patria” (orientamento di centro-destra) che oggi è di gran lunga la principale forza politica del Paese. E’ sposato e ha due figli.

RISULTATO TURNO DI BALLOTTAGGIO

  • Harutyunyan voti 39.860 (84,5%)
  • Mayilyan voti 5.428 (12,1%)
  • bianche/nulle 1.877 (3,4%)