Articoli

L’Osce si appella alle parti in questa situazione eccezionale

«Prendendo atto dell’attuale sospensione delle operazioni di monitoraggio da parte del Rappresentante personale del Presidente in esercizio dell’OSCE a causa dell’eccezionale situazione creata dalla diffusione di COVID-19, i copresidenti del Gruppo Minsk dell’OSCE (Igor Popov della Federazione Russa, Stéphane Visconti della Francia e Andrew Schofer degli Stati Uniti d’America) fanno appello alle parti per riaffermare il loro impegno a osservare rigorosamente il cessate il fuoco e ad astenersi da qualsiasi azione provocatoria che possa aumentare ulteriormente le tensioni durante questo periodo»

Questo si legge in una nota diffusa dal Gruppo di Minsk dell’Organizzazione.

«Riconoscendo che le risorse mediche della regione dovrebbero essere dedicate esclusivamente alla lotta contro la diffusione del virus e al trattamento delle persone colpite, esortiamo le parti a esercitare la massima moderazione possibile per ridurre il rischio di escalation, anche sfruttando al massimo i collegamenti di comunicazione diretta esistenti . Nonostante le pesanti restrizioni ai viaggi internazionali, i co-presidenti continueranno i loro sforzi di mediazione senza interruzione, restando in stretto contatto tra loro e con le parti».

A proposito di formati negoziali

Il 9 marzo, i co-presidenti del gruppo di Minsk dell’OSCE hanno rilasciato una dichiarazione che esorta le parti ad astenersi dall’esigere modifiche unilaterali al formato dei negoziati senza il consenso dell’altra parte.

In precedenza, il 6 marzo, il ministero degli Esteri dell’Azerbaigian aveva formulato un commento sull’impossibilità di modificare il formato del negoziato approvato dalla decisione di Helsinki del Consiglio ministeriale dell’OSCE del 1992, senza raggiungere il consenso degli Stati partecipanti all’OSCE. Inoltre, secondo il governo di Baku, “la decisione prevede che l’Armenia e l’Azerbaigian agiscano come parti del conflitto, mentre le comunità armene e azerbaigiane del Nagorno Karabakh lo fanno come parti interessate“.

Non è la prima volta che il ministero degli Affari Esteri dell’Azerbaigian dimostra una mancanza di memoria istituzionale e completa ignoranza del processo di risoluzione pacifica del conflitto Azerbaigian-Karabakh, così come i documenti adottati all’interno di questo quadro.

Innanzitutto, la decisione del 24 marzo 1992 della Riunione aggiuntiva di Helsinki della CSCE non menziona alcuna comunità. Il documento elenca le parti interessate “elette e altri rappresentanti del Nagorno Karabakh“.

In secondo luogo, la questione del formato e dello status delle parti in negoziazione è stata oggetto di lunghe discussioni che hanno attraversato un certo percorso di sviluppo. Già nel 1993, nei documenti discussi nell’ambito del processo di Minsk, il Nagorno Karabakh era indicato come una parte piena del conflitto. La chiarezza finale su questo tema è stata introdotta al vertice CSCE / OSCE a Budapest nel 1994. Secondo il documento conclusivo del Vertice, le parti in conflitto sono quelle che hanno confermato il cessate il fuoco concordato il 12 maggio 1994. L’accordo sul pieno il cessate il fuoco e la cessazione delle ostilità sono state concluse tra il Nagorno Karabakh, l’Azerbaigian e l’Armenia. Il 26-27 luglio 1994, il Nagorno Karabakh, l’Azerbaigian e l’Armenia hanno firmato un accordo aggiuntivo, in cui hanno confermato “i loro impegni per il cessate il fuoco fino alla conclusione di un ampio accordo politico“.

Dopo il Vertice di Budapest, in risposta ai tentativi della parte azerbaigiana di speculare ancora sul tema delle parti in conflitto, il Presidente in esercizio dell’OSCE, il ministro degli Esteri ungherese László Kovács ha rilasciato una dichiarazione speciale alla riunione del Senior Council dell’OSCE a Praga il 31 marzo 1995, in cui ha “confermato le precedenti decisioni dell’OSCE sullo status delle parti, ossia la partecipazione delle due parti dello Stato al conflitto e dell’altra parte in conflitto (Nagorno Karabakh) nell’intero processo di negoziazione, compreso nella conferenza di Minsk “.

Il riepilogo del Presidente in esercizio dell’OSCE di Praga è molto chiaro e non lascia spazio a interpretazioni arbitrarie e tendenziose da parte dell’Azerbaigian sulle decisioni dell’OSCE in merito al formato del negoziato.

 Le autorità sia della Repubblica di Artsakh che della Repubblica di Armenia non sollevano la questione della creazione di un nuovo formato di negoziazioni non concordato.

Si tratta infatti di ripristinare il vero e proprio formato negoziale come stabilito nella decisione del Vertice di Budapest dell’OSCE del 1994. Tale decisione è stata approvata per consenso dai capi di Stato e di governo degli Stati partecipanti all’OSCE, tra cui l’Azerbaigian e i Paesi co-presidenti del gruppo di Minsk .

Abbiamo ripetutamente sottolineato che la questione del ripristino del formato trilaterale dei negoziati è una sorta di cartina di tornasole, a dimostrazione del grado di preparazione per i reali progressi nella soluzione pacifica del conflitto azerbaigiano-karabakho. L’opposizione al ripristino del formato negoziale più efficace può essere interpretata come un impegno a favore del mantenimento dello status quo.

È deplorevole che i copresidenti del gruppo di Minsk dell’OSCE non mostrino il dovuto principio di ripristino del formato del negoziato trilaterale coerente con la decisione dell’organo più alto dell’OSCE.

Dello stesso avviso anche il ministro degli Esteri dell’Armenia il quale ha confermato che « non faremo nulla che possa portare a uno stallo [delle trattative, NdR] perché rimaniamo impegnati nella soluzione pacifica del processo. Questa è una questione molto importante e passeremo decisamente in questa direzione. Questa è una questione di principio per accettare che il Nagorno Karabakh abbia una voce e un impegno decisivi. Questo non è qualcosa di nuovo, ma in linea con questo, per lavorare efficacemente alla promozione del processo negoziale, dobbiamo accettare praticamente che sia necessaria l’espressione di questa voce e impegno decisivo. Oggi stiamo negoziando sia con il Nagorno Karabakh che con l’Azerbaigian all’interno dei gruppi del Gruppo di Minsk dell’OSCE. Questa non è una condizione preliminare e vogliamo continuare a discutere e trovare le soluzioni ai problemi».

IL COMUNICATO STAMPA DEL GRUPPO DI MINSK DELL’OSCE

MOSCA / PARIGI / WASHINGTON DC, 9 marzo 2019 – Nella loro dichiarazione del 1 marzo, i Co-presidenti del Gruppo OSCE di Minsk (Igor Popov della Federazione russa, Stephane Visconti di Francia e Andrew Schofer degli Stati Uniti d’America) hanno accolto favorevolmente il l’impegno del Presidente azero Ilham Aliyev e del Primo ministro armeno Nikol Pashinyan a riunirsi presto sotto l’egida dei Co-presidenti. I co-presidenti, lavorando a stretto contatto con i due ministri degli esteri, stanno organizzando i preparativi per questo importante incontro dei leader, che rappresenterà il primo contatto diretto tra i due leader sotto gli auspici dei co-presidenti.

I co-presidenti sottolineano l’importanza di mantenere un ambiente favorevole a discussioni produttive e continuano a valutare positivamente la recente mancanza di vittime in prima linea. I co-presidenti accolgono inoltre alcuni primi passi nella regione per preparare le popolazioni alla pace e incoraggiare le parti a intensificare tali sforzi. Allo stesso tempo, i co-presidenti ribadiscono l’importanza fondamentale di ridurre le tensioni e ridurre al minimo la retorica infiammatoria. In questo contesto, i co-presidenti sollecitano le parti ad astenersi da dichiarazioni e azioni che suggeriscano cambiamenti significativi della situazione sul terreno, pregiudichino il risultato o stabiliscano le condizioni per futuri colloqui, richiedendo modifiche unilaterali al formato senza l’accordo dell’altra parte, o indicando la disponibilità a rinnovare le ostilità attive.

Con riferimento ad alcune recenti dichiarazioni pubbliche contraddittorie sulla sostanza del processo del gruppo di Minsk, i co-presidenti ribadiscono che una soluzione equa e duratura deve essere basata sui principi fondamentali dell’Atto finale di Helsinki, in particolare il non uso o la minaccia di forza, integrità territoriale e pari diritti e autodeterminazione dei popoli. Dovrebbe inoltre includere elementi aggiuntivi come proposto dai presidenti dei Paesi co-presidenti nel 2009-2012, tra cui: il ritorno dei territori circostanti il ​​Nagorno Karabakh al controllo azerbaigiano; uno status provvisorio per il Nagorno Karabakh che fornisce garanzie per la sicurezza e l’autogoverno; un corridoio che collega l’Armenia al Nagorno Karabakh; futura determinazione dello status giuridico finale del Nagorno Karabakh attraverso un’espressione di volontà legalmente vincolante; il diritto di tutti gli sfollati e rifugiati di tornare nei loro precedenti luoghi di residenza; e garanzie di sicurezza internazionale che includano un’operazione di mantenimento della pace.

I copresidenti sottolineano il loro punto di vista secondo cui questi principi e questi elementi devono essere il fondamento di qualsiasi soluzione equa e duratura al conflitto e dovrebbero essere concepiti come un insieme integrato. Qualsiasi tentativo di mettere alcuni principi o elementi su altri renderebbe impossibile raggiungere una soluzione equilibrata.

I copresidenti sono pronti a incontrare i leader e i ministri degli esteri dell’Armenia e dell’Azerbaigian in qualsiasi momento e invitano i leader a riprendere i negoziati in buona fede il prima possibile. Il dialogo continuo e diretto tra Baku e Yerevan, condotto sotto l’egida dei copresidenti, rimane un elemento essenziale per rafforzare la fiducia e promuovere il processo di pace. I copresidenti continueranno inoltre a discutere, se del caso, le questioni pertinenti con le parti interessate direttamente interessate dal conflitto, riconoscendo che le loro opinioni e preoccupazioni devono essere prese in considerazione per il successo di qualsiasi soluzione negoziata.

I copresidenti sottolineano che rimangono pienamente impegnati, conformemente al loro mandato, ad aiutare le parti a trovare una soluzione pacifica al conflitto. I copresidenti esprimono inoltre il loro pieno sostegno al lavoro di monitoraggio imparziale e critico intrapreso dal rappresentante personale del Presidente in esercizio dell’OSCE e dal suo gruppo.

UN NOSTRO COMMENTO

Abbiamo più volte ribadito che un accordo di pace non potrà che essere una soluzione di compromesso. Se tale deve essere, è condizione sine qua non la sicurezza dell’Artsakh non venga in alcun modo messa in discussione al pari del suo pieno diritto all’autodeterminazione. Un Nagorno Karabakh (Artsakh) quasi interamente circondato dagli azeri non può soddisfare tale condizione.