28 FEB 11 – Tra il 21 ed il 26 febbraio sono state rilevate 170 violazioni del cessate il fuoco da parte azera lungo la linea di confine. Un monitoraggio Osce è stato compiuto nella giornata di ieri lungo la frontiera tra la regione armena di Tavush e l’Azerbaigian.

28 FEB 11 – Gli armeni di tutto il mondo hanno ricordato con cerimonie i pogroms di Sumgait. Manifestazioni si sono svolte in numerose città: negli Stati Uniti, a Mosca, a Berlino, in Spagna, in Francia oltre che ovviamente nella stessa Armenia e nella Repubblica del nagorno Karabakh. In Italia una breve cerimonia commemorativa si è tenuta a Roma.

27 FEB 11 - Robert Avetisyan, rappresentante permanente della repubblica del Nagorno Karabakh negli Stati Uniti, ha tenuto nei giorni scorsi, in occasione del 23° anniversario della nascita del movimento di liberazione, alcune conferenze in università ed istituti di politica internazionale. «Dalla sua proclamata indipendenza del 1991, la repubblica del NK continua a costruire una stabile, aperta e democratica società; uno stato che può proteggere la propria popolazione e fornire ad essa diritti e libertà. Karabakh ed Azerbaigian possono essere buoni vicini - ha aggiunto - ma la loro coesistenza in una entità amministrativa e politica comune è impossibile».

26 FEB 11 – L’incontro in programma il prossimo 5 marzo a Sochi tra i presidenti russo, armeno ed azero è finalizzato a ridurre la tensione attorno al Nagorno Karabakh ma ancora non vi è certezza assoluta che si terrà.. Nessun dettaglio è emerso nel frattempo riguardo l’incontro avuto a Mosca dal presidente armeno Sargsyan con il suo omologo Medvedev.

26 FEB 11 – «Sono stati Lenin e Stalin le cause del conflitto in Nagorno Karabakh. La loro politica di divisione territoriale del paese era completamente sbagliata ed alla fine determinò il collasso dell’Urss». Lo ha dichiarato in un’intervista l’ex presidente Gorbaciov.

24 FEB 11 – Xucla i Costa, recentemente designato presidente della contestata sotto commissione sul Nagorno Karabakh della PACE (Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa) ha testualmente dichiarato che «questa è una disputa tra due parti, nessuna di più… (un conflitto) riguardo al Nagorno Karabakh  che non è un attore indipendente nel processo, ma  è una parte del conflitto». Il diplomatico ha risposto affermativamente ai giornalisti che gli domandavano se il conflitto aveva natura territoriale fra due soggetti di diritto internazionale.

23 FEB 11 – Il ministro degli Esteri, Georghy Petrosyan, sta compiendo un giro diplomatico tra Canada e Stati Uniti dove ha in programma una serie di incontri con le autorità locali.

20 DIC 11 – Nella settimana tra il 6 ed il 12 febbraio sono state oltre duecento le violazioni del cessate il fuoco da parte azera lungo la linea di confine. Come confermato da fonti azere, l’esercito di Baku ha subito perdite.

18 FEB 11 – Il presidente Sahakyan ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione di una nuova ala del’ospedale nella cittadina di Vank (Martakert).

17 FEB 11 – Il Dipartimento Informazione del Ministero della Difesa comunica che nella mattinata odierna un gruppo di soldati azeri ha tentato un’azione di sabotaggio all’interno del territorio della Repubblica del Nagorno Karabakh. L’episodio è avvenuto nel settore nord orientale. Secondo fonti che hanno trovato conferma anche da sponda azera gli aggressori avrebbero subito perdite mentre nessuna vittima si registra fra i soldati della difesa karabakha.

13 FEB 11 - La Commissione Affari Esteri del Parlamento Europeo ha adottato lo scorso 10 febbraio il rapporto 2010 sui “progressi compiuti dalla Turchia”. Nella sua relazione annuale la signora Oomen Ruijten ha ancora una volta omesso di inserire la precondizione del riconoscimento del genocidio armeno nonostante numerosi emendamenti presentati da tutti i gruppi politici dell’assemblea. Tuttavia nel capitolo dedicato ai rapporti tra Turchia ed Armenia ha accettato di inserire l’espressione “senza condizioni” riferita all’approvazione dei protocolli di intesa fra i due stati e di non legare gli stessi alla risoluzione della questione del Nagorno Karabakh in particolare eliminando il passaggio nel quale si chiede alla Turchia di “aiutare a risolvere il conflitto congelato del NK”. La Federazione Europea Armena per la Giustizia e la Democrazia, pur manifestando il proprio disappunto in merito al rapporto, sottolinea l’importanza del paragrafo relativo al NK.

12 FEB 11 – L’Osce ha diramato il seguente comunicato ufficiale al termine della visita dei tre co- presidenti in Armenia ed Azerbaigian: «(…) Nei loro incontri, sia a Yerevan che a Baku, i co-presidenti hanno sottolineato che è arrivato il momento di un'azione decisiva in favore della pace per risolvere il conflitto del Nagorno-Karabakh. I co-presidenti credono che ci sia stato un movimento positivo come risultato del lavoro che è stato fatto dopo il vertice di ottobre 2010ad Astrakhan. In tale contesto, hanno sollecitato le parti a compiere ulteriori progressi per consentire al processo di pace, di procedere alla sua fase successiva. I co-presidenti assicurato il loro sostegno alle parti in causa affinché esse prendano le decisioni necessarie per raggiungere una soluzione pacifica. Per promuovere un clima favorevole alla pace, la co-presidenti hanno di nuovo sollecitato la parti a dar prova di moderazione sia sul territorio che e nelle loro dichiarazioni pubbliche.

10 FEB 11 – La delegazione Osce è giunta in Azerbaigian per colloqui con le massime autorità del paese. Nel viaggio di trasferimento dall’Armenia si sarebbe dovuta fermare in Nagorno Karabakh ma le avverse condizioni meteorologiche hanno impedito l’atterraggio dell’elicottero.

10 FEB 11 – I prezzi al consumo nella repubblica sono cresciuti dell’1,8% nel mese di gennaio rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente. I maggiori aumenti si sono registrati negli alimentari, negli alcolici e nei tabacchi. Mediamente nella capitale i prezzi sono saliti di più che nel resto del paese.

10 FEB 11 – “La sicurezza dei visitatori del Nagorno Karabakh è pienamente garantita”. Lo ha dichiarato il Primo Ministro Ara Harutyunyan in risposta ad un bollettino turistico diffuso dal Ministero degli Esteri britannico. Il premier ha ricordato come siano migliaia i turisti, provenienti da diversi paesi, che visitano ogni anno  in assoluta sicurezza la repubblica.

9 FEB 11 – La coltivazione del tabacco e la sua irrigazione nel territorio del Nagorno Karabakh sono stati gli argomenti al centro di colloqui tra Sahakyan ed il presidente della “Masis Tabacco” , Michael Vardanyan.

9 FEB 11 – Il presidente dell’Armenia, Sargsyan, ha ricevuto i co- presidenti del Gruppo di Minsk dell’Osce (Bradtke, Fassier e Popov) con i quali si è intrattenuto in merito alla questione karabakha. In precedenza avevano incontrato il ministro degli Esteri Nalbandian. Nella giornata di domani i tre diplomatici saranno a Baku. Nel corso di questo round di colloqui la delegazione ha previsto anche una visita a Stepanakert .

8 FEB 11 – Il parlamento della Lituania (che è presidente di turno dell’Osce) sta per discutere una speciale risoluzione sul conflitto del NK firmata da cinquanta deputati. Non sono state fatte anticipazioni sul contenuto della stessa.

8 FEB 11 – Il Ministero della Difesa comunica che in data 6 febbraio un giovane soldato, Gevorg Kotinyan (1992) è rimasto ucciso in un incidente occorso in una postazione lungo il confine meridionale. Non sono ancora stati resi noti i dettagli dell’accaduto.

7 FEB 11 – Firmato oggi un decreto presidenziale che prevede una compensazione economica per i risparmiatori i cui depositi in Artsakh Bank furono deprezzati dal 1993 a seguito delle vicende belliche ed economiche che hanno investito il paese. I primi a beneficiare di questi fondi saranno gli ex combattenti (e le famiglie di coloro che sono caduti in guerra) ed i più anziani.

6 FEB 11 – Tra il 30 gennaio ed il 5 febbraio si sono avute oltre duecento violazioni del cessate il fuoco da parte azera. L’OSCE annuncia che il giorno 8 febbraio verrà condotto un monitoraggio lungo la linea di confine, nella regione di Askeran.

4 FEB 11 - Il portavoce del Ministero della Difesa NKR ha smentito categoricamente le voci, diffuse da alcuni media azeri, riguardanti presunte esercitazioni militari su larga scala condotte dall’esercito armeno nella regione di Terter. Il presidente Sahakyan ha dichiarato che la capacità di combattimento della milizia karabakha rappresenta un fattore di stabilità nella regione in quanto dissuadente qualsiasi proposito di aggressione militare da parte azera.

4 FEB 11 - Dovrebbe essere inaugurata nella prossima primavera la Galleria Nazionale dell’Artsakh che al momento dispone, grazie anche a donazioni di benefattori, di circa trecento tele di pittori armeni.

3 FEB 11 - Una delegazione di imprenditori provenienti da Austria, Slovacchia e Repubblica Ceca si è recata  nei giorni scorsi in visita in Armenia ed Artsakh. Sono stati stipulati numerosi contratti riguardanti sopratutto la regione di Syunik.