Iniziativa Italiana per il Karabakh

Normal 0 14 MicrosoftInternetExplorer4

28 FEB 14 GLI USA NON VOGLIONO UNA SOLUZIONE MILITARE Il portavoce del Dipartimento di Stato degli USA, Jen Psaki, ha dichiarato che “la tragica perdita di vite nella guerra tra Azerbaigian e Armenia ci deve far ricordare che non ci può essere una soluzione militare al conflitto del Nagorno Karabakh” e che “solo un duraturo e pacifico accordo può portare stabilità, prosperità e riconciliazione alla regione”.


28 FEB 14 SAHAKYAN RENDE OMAGGIO ALLE VITTIME DI SUMGAIT Il presidente della repubblica Bako Sahakyan si è recato al Memoriale dei caduti di Stepanakert ed ha deposto una corona di fiori a ricordo delle vittime armene dei pogrom di Sumgait del 1988. anche il ministro degli Esteri Mirzoyan ha reso omaggio alle vittime della carneficina di ventisei anni or sono. In un suo intervento ha sottolineato come i responsabili di quei crimini ad oggi non hanno ancora ricevuto la giusta punizione che meritano.


27 FEB 14 WARLICK RICORDA SUMGAIT Il co-presidente del gruppo di Minsk, James Warlick, ha postato un messaggio su Twitter nel quale ribadisce la necessità che i popoli armeno ed azero sviluppino tolleranza e reciproca fiducia. L’ambasciatore ha altresì affermato che ricorda Sumgait, la località azera dove ventisei anni or sono si consumò un terribile pogrom a danno degli armeni.


22 FEB 14 GEMELLAGGIO TRA HADRUT E LA FRANCESE VIENNE Un accordo di gemellaggio è stato siglato tra Hadrut e la cittadina francese Vienne ( trentamila abitanti, sul Rodano). Le firme in calce al documento sono quelle del sindaco della città e del ministro della cultura Aghabalyan. La dichiarazione accoglie con favore i concreti passi del popolo e della leadership del Nagorno Karabakh finalizzati alla creazione e allo sviluppo di una società libera e democratica e considera l'isolamento del popolo di Artsakh inaccettabile. L’accordo mira a sviluppare relazioni amichevoli tra le due città e rafforzare la cooperazione nello sport, nell’educazione e nella cultura. Nel 2013 un'altra cittadina francese, Les Pennes Mirabeau, aveva siglato un analogo accordo con Martuni.


22 FEB 14 VIOLAZIONI AZERE DEL CESSATE IL FUOCO Nell’ultima settimana (16 – 22 febbraio) sono state registrate oltre duecentocinquanta le violazioni azere del cessate il fuoco con circa millecinquecento colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene. Ne dà notizia il ministero della difesa della repubblica di Artsakh.


18 FEB 14 MONITORAGGIO OSCE LUNGO IL CONFINE Funzionari dell’Osce hanno compiuto oggi un monitoraggio lungo la linea di confine tra repubblica del Nagorno Karabakh ed Azerbaigian all’altezza della strada (interrotta) che collega la regione armena di Martakert a quella azera di Terter . Nessuna violazione del cessate il fuoco è stata registrata.


17 FEB 14 IL PRESIDENTE IN VISITA NEL NORD EST Il presidente Sahakyan si è recato oggi nel nord est della repubblica dove ha visitato alcune unità militari e la centrale idroelettrica di Medaghis-1.


15 FEB 14 GHULYAN IN SPAGNA Il presidente del parlamento Ashot Ghulyan si è recato in Spagna, a Santiago de Compostela, dove è in corso il congresso della EFA (European Free Alliance) che raggruppa partiti politici di diciassette paesi europei e conta sette deputati al parlamento di Strasburgo nel gruppo con i Verdi. Alleanza Libera Europea è un partito politico europeo che raggruppa diversi movimenti che sostengono la politica dell'indipendentismo o simili forme di federalismo o di autogoverno per la propria regione o per le cosiddette nazioni senza Stato.


8 FEB 14 APERTA SU FACEBOOK LA PAGINA UFFICIALE DEL GOVERNO Oggi è stata attivata la pagina ufficiale del governo della repubblica del Nagorno Karabakh su Facebook. Testi in armeno ed in inglese. Migliaia i contatti sin dal primo giorno.


7 FEB 14 IL PRESIDENTE INCONTRA GLI AMMINISTRATORI DELLA CAPITALE Il presidente Sahakyan ha avuto oggi una riunione con il sindaco ed i responsabili di dipartimento di Stepanakert. Nel corso della riunione è stato fatto il punto su quanto realizzato nel 2013 e verificato lo stato di avanzamento dei lavori programmati per l’anno in corso.


7 FEB 14 MONITORAGGIO OSCE LUNGO IL CONFINE Funzionari dell’Osce hanno compiuto oggi un monitoraggio lungo la linea di confine tra repubblica del Nagorno Karabakh ed Azerbaigian. Nessuna violazione del cessate il fuoco è stata registrata. Come già accaduto altre volte, le autorità azere hanno impedito alla delegazione europea di avvicinarsi alle postazioni lungo la linea di demarcazione.


7 FEB 14 SMENTITA DISINFORMAZIONE AZERA Sia il ministero della difesa dell’Armenia che quello del nagorno Karabakh hanno seccamente smentito la notizia diffusa da autorità azere della morte di un soldato che sarebbe stato colpito da un soldato armeno in una non meglio precisata “missione di combattimento” nella giornata di giovedì. Nessun riferimento è stato sulla località dell’accadimento. È alquanto probabile, invero, che la morte del soldato debba essere fatta risalire a molti giorni prima, ossia al tentativo di incursione azera nel territorio dell’Artsakh.


6 FEB 14 COMUNICATO STAMPA OSCE Al termine della visita nel Caucaso meridionale, il Gruppo di Minsk ha rilasciato un comunicato stampa nel quale, tra l’altro, si afferma che «con i Presidenti, i co-presidenti hanno discusso l'esito della recente riunione dei ministri degli Esteri a Parigi, e hanno sottolineato la necessità di compiere ulteriori progressi sulla sostanza dei negoziati sul conflitto del Nagorno Karabakh. Essi hanno sottolineato la necessità di continuare i negoziati al più alto livello, come è stato concordato a Vienna. Nei loro colloqui, i co-presidenti hanno ribadito la loro profonda preoccupazione per la recente escalation sulla linea di contatto e il confine, e hanno invitato le parti alla moderazione nelle loro azioni e nella retorica. Le parti hanno dichiarato la loro intenzione di rafforzare il rispetto del cessate il fuoco ed evitare un'ulteriore escalation, in particolare alla luce dei prossimi Giochi Olimpici di Sochi.»


6 FEB 14 IL PRESIDENTE INCONTRA L’AMB. KASPRZYK Il presidente Sahakyan ha ricevuto oggi a Stepanakert l’amb. Andrzej Kasprzyk, rappresentante speciale del presidente dell’Osce in carica. Oggetto dell’incontro è stato l’esame dell’attuale situazione lungo la linea di confine, le violazioni azere del cessate il fuoco e il processo negoziale. Durante la sua visita nella capitale Stepanakert, gruppi di giovani hanno dato vita ad una pacifica manifestazione di protesta chiedendo all’Osce maggiore incisività sulle violazioni azere del cessate il fuoco che hanno determinato morti e feriti nel mese di gennaio. Alcuni ragazzi hanno avvicinato lo stesso ambasciatore Kasprzyk al quale hanno consegnato un appello.


5 FEB 14 SAHAKYAN VISITA LABORATORI ED INDUSTRIE A STEPANAKERT Il presidente Bako Sahakyan ha dedicato buona parte della giornata odierna ad una visita a laboratori artigiani ed industrie leggere della capitale operanti prevalentemente nel settore tessile nonché il Centro sviluppo IT che sarà operante a breve.


5 FEB 14 MEDIATORI OSCE IN VISITA NELLA REGIONE I mediatori del Gruppo di Minsk sono in visita nel Caucaso meridionale per un giro di consultazioni con le autorità azere ed armene. Oggi hanno avuto un incontro con il presidente Sargsyan il quale ha ricordato i recenti gravi casi di violazione azera del cessate-il-fuoco. In precedenza il GM era stato in Azerbaigian dove pare abbiano avanzato la richiesta del ritiro dei cecchini dalla linea di contatto.


3 FEB 14 JOHN KERRY: STIAMO LAVORANDO SUL NK A margine dei lavori della Conferenza sulla Sicurezza in corso a Monaco di Baviera il Segretario di Stato USA, John Kerry, ha dichiarato alla stampa che gli Stati Uniti sono impegnati in modo profondamente proattivo in ogni area del mondo. Ed in particolare ha aggiunto che stanno lavorando sia sulla questione cipriota che sul Nagorno Karabakh.


1 FEB 14 UNA SETTIMANA CRITICA SULLA LINEA DI CONTATTO Emerge, giorno dopo giorno, sempre più chiaramente il bilancio delle ultime violazioni azere del cessate il fuoco.  Secondo il ministero della Difesa dell’Artsakh, i tentativi azeri di incursione nel territorio armeno sarebbero costati la vita ad otto soldati dell’Azerbaigian, il ferimento di almeno un paio di dozzine e la perdita di numerosi armamenti. L’Esercito di difesa dell’Artsakh ha subito, viceversa, la morte di due soldati. Nell’ultima settimana gli azeri hanno violato 1700 volte il cessate il fuoco con circa diecimila colpi sparati all’indirizzo delle postazioni armene (tremila violazioni negli ultimi dieci giorni). Artiglieria pesante sarebbe stata spostata dall’Azerbaigian in alcuni punti della linea di confine.